Supplementi

Supplements to A Course in Miracles

PSYCHOTHERAPY




Purpose, Process and Practice




THE SONG OF PRAYER




Prayer, Forgiveness, Healing




FOUNDATION FOR INNER PEACE



The two supplements, Psychotherapy, Purpose, Process and Practice and The Song of Prayer were scribed by Dr. Helen Schucman, as was A Course in Miracles, and are extensions of its principles.

Psychotherapy, begun in 1973 and completed in 1975, offers a summary of the Course’s principles of healing: two people joined in sharing a common interest or goal. While ostensibly written for psychotherapists, all readers can benefit from its teachings.

The Song of Prayer was scribed in 1977, and its three chapters summarize the Course’s teachings on prayer, forgiveness and healing. It first presents the ego’s wrong-minded understanding of these terms, which is then contrasted with the Holy Spirit’s right-minded view. These supplements presuppose a basic understanding of the Course’s teachings, and are helpful adjuncts to a student’s study and practice of A Course in Miracles.

Psychotherapy

Purpose, Process and Practice


Index
Introduction

1. The purpose of psychotherapy

2. The process of Psychotherapy

         Introduction
         I. The Limits on Psychotherapy
         II. The Place of Religion in Psychotherapy
         III. The Role of the Psychotherapist
         IV. The Process of Illness
         V. The Process of Healing
         VI. The Definition of Healing
         VII. The Ideal Patient-Therapist Relationship

3. The practice of Psychotherapy

         I. The Selection of Patients
         II. Is Psychotherapy a Profession?
         III. The Question of Payment

Introduction
P-in.1. Psychotherapy is the only form of therapy there is. Since only the mind can be sick, only the mind can be healed. Only the mind is in need of healing. This does not appear to be the case, for the manifestations of this world seem real indeed. Psychotherapy is necessary so that an individual can begin to question their reality. Sometimes he is able to start to open his mind without formal help, but even then it is always some change in his perception of interpersonal relationships that enables him to do so. Sometimes he needs a more structured, extended relationship with an “official” therapist. Either way, the task is the same; the patient must be helped to change his mind about the “reality” of illusions.

1. The purpose of psychotherapy
P-1.1. Very simply, the purpose of psychotherapy is to remove the blocks to truth. Its aim is to aid the patient in abandoning his fixed delusional system, and to begin to reconsider the spurious cause and effect relationships on which it rests. No one in this world escapes fear, but everyone can reconsider its causes and learn to evaluate them correctly. God has given everyone a Teacher Whose wisdom and help far exceed whatever contributions an earthly therapist can provide. Yet there are times and situations in which an earthly patient-therapist relationship becomes the means through which He offers His greater gifts to both.

P-1.2. What better purpose could any relationship have than to invite the Holy Spirit to enter into it and give it His Own great gift of rejoicing? What higher goal could there be for anyone than to learn to call upon God and hear His Answer? And what more transcendent aim can there be than to recall the way, the truth and the life, and to remember God? To help in this is the proper purpose of psychotherapy. Could anything be holier? For psychotherapy, correctly understood, teaches forgiveness and helps the patient to recognize and accept it. And in his healing is the therapist forgiven with him.

P-1.3. Everyone who needs help, regardless of the form of his distress, is attacking himself, and his peace of mind is suffering in consequence. These tendencies are often described as “self-destructive,” and the patient often regards them in that way himself. What he does not realize and needs to learn is that this “self,” which can attack and be attacked as well, is a concept he made up. Further, he cherishes it, defends it, and is sometimes even willing to “sacrifice” his “life” on its behalf. For he regards it as himself. This self he sees as being acted on, reacting to external forces as they demand, and helpless midst the power of the world.

P-1.4. Psychotherapy, then, must restore to his awareness the ability to make his own decisions. He must become willing to reverse his thinking, and to understand that what he thought projected its effects on him were made by his projections on the world. The world he sees does therefore not exist. Until this is at least in part accepted, the patient cannot see himself as really capable of making decisions. And he will fight against his freedom because he thinks that it is slavery.

P-1.5. The patient need not think of truth as God in order to make progress in salvation. But he must begin to separate truth from illusion, recognizing that they are not the same, and becoming increasingly willing to see illusions as false and to accept the truth as true. His Teacher will take him on from there, as far as he is ready to go. Psychotherapy can only save him time. The Holy Spirit uses time as He thinks best, and He is never wrong. Psychotherapy under His direction is one of the means He uses to save time, and to prepare additional teachers for His work. There is no end to the help that He begins and He directs. By whatever routes He chooses, all psychotherapy leads to God in the end. But that is up to Him. We are all His psychotherapists, for He would have us all be healed in Him.

2. The process of Psychotherapy

Introduction
P-2.in.1. Psychotherapy is a process that changes the view of the self. At best this “new” self is a more beneficent self-concept, but psychotherapy can hardly be expected to establish reality. That is not its function. If it can make way for reality, it has achieved its ultimate success. Its whole function, in the end, is to help the patient deal with one fundamental error; the belief that anger brings him something he really wants, and that by justifying attack he is protecting himself. To whatever extent he comes to realize that this is an error, to that extent is he truly saved.

P-2.in.2. Patients do not enter the therapeutic relationship with this goal in mind. On the contrary, such concepts mean little to them, or they would not need help. Their aim is to be able to retain their self-concept exactly as it is, but without the suffering that it entails. Their whole equilibrium rests on the insane belief that this is possible. And because to the sane mind it is so clearly impossible, what they seek is magic. In illusions the impossible is easily accomplished, but only at the cost of making illusions true. The patient has already paid this price. Now he wants a “better” illusion.

P-2.in.3. At the beginning, then, the patient’s goal and the therapist’s are at variance. The therapist as well as the patient may cherish false self-concepts, but their respective perceptions of “improvement” still must differ. The patient hopes to learn how to get the changes he wants without changing his self-concept to any significant extent. He hopes, in fact, to stabilize it sufficiently to include within it the magical powers he seeks in psychotherapy. He wants to make the vulnerable invulnerable and the finite limitless. The self he sees is his god, and he seeks only to serve it better.

P-2.in.4. Regardless of how sincere the therapist himself may be, he must want to change the patient’s self-concept in some way that he believes is real. The task of therapy is one of reconciling these differences. Hopefully, both will learn to give up their original goals, for it is only in relationships that salvation can be found. At the beginning, it is inevitable that patients and therapists alike accept unrealistic goals not completely free of magical overtones. They are finally given up in the minds of both.

I. The Limits on Psychotherapy
P-2.I.1. Yet the ideal outcome is rarely achieved. Therapy begins with the realization that healing is of the mind, and in psychotherapy those have come together who already believe this. It may be they will not get much further, for no one learns beyond his own readiness. Yet levels of readiness change, and when therapist or patient has reached the next one, there will be a relationship held out to them that meets the changing need. Perhaps they will come together again and advance in the same relationship, making it holier. Or perhaps each of them will enter into another commitment. Be assured of this; each will progress. Retrogression is temporary. The overall direction is one of progress toward the truth.

P-2.I.2. Psychotherapy itself cannot be creative. This is one of the errors which the ego fosters; that it is capable of true change, and therefore of true creativity. When we speak of “the saving illusion” or “the final dream,” this is not what we mean, but here is the ego’s last defense. “Resistance” is its way of looking at things; its interpretation of progress and growth. These interpretations will be wrong of necessity, because they are delusional. The changes the ego seeks to make are not really changes. They are but deeper shadows, or perhaps different cloud patterns. Yet what is made of nothingness cannot be called new or different. Illusions are illusions; truth is truth.

P-2.I.3. Resistance as defined here can be characteristic of a therapist as well as of a patient. Either way, it sets a limit on psychotherapy because it restricts its aims. Nor can the Holy Spirit fight against the intrusions of the ego on the therapeutic process. But He will wait, and His patience is infinite. His goal is wholly undivided always. Whatever resolutions patient and therapist reach in connection with their own divergent goals, they cannot become completely reconciled as one until they join with His. Only then is all conflict over, for only then can there be certainty.

P-2.I.4. Ideally, psychotherapy is a series of holy encounters in which brothers meet to bless each other and to receive the peace of God. And this will one day come to pass for every “patient” on the face of this earth, for who except a patient could possibly have come here? The therapist is only a somewhat more specialized teacher of God. He learns through teaching, and the more advanced he is the more he teaches and the more he learns. But whatever stage he is in, there are patients who need him just that way. They cannot take more than he can give for now. Yet both will find sanity at last.

II. The Place of Religion in Psychotherapy
P-2.II.1. To be a teacher of God, it is not necessary to be religious or even to believe in God to any recognizable extent. It is necessary, however, to teach forgiveness rather than condemnation. Even in this, complete consistency is not required, for one who had achieved that point could teach salvation completely, within an instant and without a word. Yet he who has learned all things does not need a teacher, and the healed have no need for a therapist. Relationships are still the temple of the Holy Spirit, and they will be made perfect in time and restored to eternity.

P-2.II.2. Formal religion has no place in psychotherapy, but it also has no real place in religion. In this world, there is an astonishing tendency to join contradictory words into one term without perceiving the contradiction at all. The attempt to formalize religion is so obviously an ego attempt to reconcile the irreconcilable that it hardly requires elaboration here. Religion is experience; psychotherapy is experience. At the highest levels they become one. Neither is truth itself, but both can lead to truth. What can be necessary to find truth, which remains perfectly obvious, but to remove the seeming obstacles to true awareness?

P-2.II.3. No one who learns to forgive can fail to remember God. Forgiveness, then, is all that need be taught, because it is all that need be learned. All blocks to the remembrance of God are forms of unforgiveness, and nothing else. This is never apparent to the patient, and only rarely so to the therapist. The world has marshalled all its forces against this one awareness, for in it lies the ending of the world and all it stands for.

,P-2.II.4. Yet it is not the awareness of God that constitutes a reasonable goal for psychotherapy. This will come when psychotherapy is complete, for where there is forgiveness truth must come. It would be unfair indeed if belief in God were necessary to psychotherapeutic success. Nor is belief in God a really meaningful concept, for God can be but known. Belief implies that unbelief is possible, but knowledge of God has no true opposite. Not to know God is to have no knowledge, and it is to this that all unforgiveness leads. And without knowledge one can have only belief.

P-2.II.5. Different teaching aids appeal to different people. Some forms of religion have nothing to do with God, and some forms of psychotherapy have nothing to do with healing. Yet if pupil and teacher join in sharing one goal, God will enter into their relationship because He has been invited to come in. In the same way, a union of purpose between patient and therapist restores the place of God to ascendance, first through Christ’s vision and then through the memory of God Himself. The process of psychotherapy is the return to sanity. Teacher and pupil, therapist and patient, are all insane or they would not be here. Together they can find a pathway out, for no one will find sanity alone.

P-2.II.6. If healing is an invitation to God to enter into His Kingdom, what difference does it make how the invitation is written? Does the paper matter, or the ink, or the pen? Or is it he who writes that gives the invitation? God comes to those who would restore His world, for they have found the way to call to Him. If any two are joined, He must be there. It does not matter what their purpose is, but they must share it wholly to succeed. It is impossible to share a goal not blessed by Christ, for what is unseen through His eyes is too fragmented to be meaningful.

P-2.II.7. As true religion heals, so must true psychotherapy be religious. But both have many forms, because no good teacher uses one approach to every pupil. On the contrary, he listens patiently to each one, and lets him formulate his own curriculum; not the curriculum’s goal, but how he can best reach the aim it sets for him. Perhaps the teacher does not think of God as part of teaching. Perhaps the psychotherapist does not understand that healing comes from God. They can succeed where many who believe they have found God will fail.

P-2.II.8. What must the teacher do to ensure learning? What must the therapist do to bring healing about? Only one thing; the same requirement salvation asks of everyone. Each one must share one goal with someone else, and in so doing, lose all sense of separate interests. Only by doing this is it possible to transcend the narrow boundaries the ego would impose upon the self. Only by doing this can teacher and pupil, therapist and patient, you and I, accept Atonement and learn to give it as it was received.

P-2.II.9. Communion is impossible alone. No one who stands apart can receive Christ’s vision. It is held out to him, but he cannot hold out his hand to receive it. Let him be still and recognize his brother’s need is his own. And let him then meet his brother’s need as his and see that they are met as one, for such they are. What is religion but an aid in helping him to see that this is so? And what is psychotherapy except a help in just this same direction? It is the goal that makes these processes the same, for they are one in purpose and must thus be one in means.

III. The Role of the Psychotherapist
P-2.III.1. The psychotherapist is a leader in the sense that he walks slightly ahead of the patient, and helps him to avoid a few of the pitfalls along the road by seeing them first. Ideally, he is also a follower, for One should walk ahead of him to give him light to see. Without this One, both will merely stumble blindly on to nowhere. It is, however, impossible that this One be wholly absent if the goal is healing. He may, however, not be recognized. And so the little light that can be then accepted is all there is to light the way to truth.

P-2.III.2. Healing is limited by the limitations of the psychotherapist, as it is limited by those of the patient. The aim of the process, therefore, is to transcend these limits. Neither can do this alone, but when they join, the potentiality for transcending all limitations has been given them. Now the extent of their success depends on how much of this potentiality they are willing to use. The willingness may come from either one at the beginning, and as the other shares it, it will grow. Progress becomes a matter of decision; it can reach almost to Heaven or go no further than a step or two from hell.

P-2.III.3. It is quite possible for psychotherapy to seem to fail. It is even possible for the result to look like retrogression. But in the end there must be some success. One asks for help; another hears and tries to answer in the form of help. This is the formula for salvation, and must heal. Divided goals alone can interfere with perfect healing. One wholly egoless therapist could heal the world without a word, merely by being there. No one need see him or talk to him or even know of his existence. His simple Presence is enough to heal.

P-2.III.4. The ideal therapist is one with Christ. But healing is a process, not a fact. The therapist cannot progress without the patient, and the patient cannot be ready to receive the Christ or he could not be sick. In a sense, the egoless psychotherapist is an abstraction that stands at the end of the process of healing, too advanced to believe in sickness and too near to God to keep his feet on earth. Now he can help through those in need of help, for thus he carries out the plan established for salvation. The psychotherapist becomes his patient, working through other patients to express his thoughts as he receives them from the Mind of Christ.

IV. The Process of Illness
P-2.IV.1. As all therapy is psychotherapy, so all illness is mental illness. It is a judgment on the Son of God, and judgment is a mental activity. Judgment is a decision, made again and again, against creation and its Creator. It is a decision to perceive the universe as you would have created it. It is a decision that truth can lie and must be lies. What, then, can illness be except an expression of sorrow and of guilt? And who could weep but for his innocence?

P-2.IV.2. Once God’s Son is seen as guilty, illness becomes inevitable. It has been asked for and will be received. And all who ask for illness have now condemned themselves to seek for remedies that cannot help, because their faith is in the illness and not in salvation. There can be nothing that a change of mind cannot effect, for all external things are only shadows of a decision already made. Change the decision, and how can its shadow be unchanged? Illness can be but guilt’s shadow, grotesque and ugly since it mimics deformity. If a deformity is seen as real, what could its shadow be except deformed?

P-2.IV.3. The descent into hell follows step by step in an inevitable course, once the decision that guilt is real has been made. Sickness and death and misery now stalk the earth in unrelenting waves, sometimes together and sometimes in grim succession. Yet all these things, however real they seem, are but illusions. Who could have faith in them once this is realized? And who could not have faith in them until he realizes this? Healing is therapy or correction, and we have said already and will say again, all therapy is psychotherapy. To heal the sick is but to bring this realization to them.

P-2.IV.4. The word “cure” has come into disrepute among the more “respectable” therapists of the world, and justly so. For not one of them can cure, and not one of them understands healing. At worst, they but make the body real in their own minds, and having done so, seek for magic by which to heal the ills with which their minds endow it. How could such a process cure? It is ridiculous from start to finish. Yet having started, it must finish thus. It is as if God were the devil and must be found in evil. How could love be there? And how could sickness cure? Are not these both one question?

P-2.IV.5. At best, and the word is perhaps questionable here, the “healers” of the world may recognize the mind as the source of illness. But their error lies in the belief that it can cure itself. This has some merit in a world where “degrees of error” is a meaningful concept. Yet must their cures remain temporary, or another illness rise instead, for death has not been overcome until the meaning of love is understood. And who can understand this without the Word of God, given by Him to the Holy Spirit as His gift to you?

P-2.IV.6. Illness of any kind may be defined as the result of a view of the self as weak, vulnerable, evil and endangered, and thus in need of constant defense. Yet if such were really the self, defense would be impossible. Therefore, the defenses sought for must be magical. They must overcome all limits perceived in the self, at the same time making a new self-concept into which the old one cannot return. In a word, error is accepted as real and dealt with by illusions. Truth being brought to illusions, reality now becomes a threat and is perceived as evil. Love becomes feared because reality is love. Thus is the circle closed against the “inroads” of salvation.

P-2.IV.7. Illness is therefore a mistake and needs correction. And as we have already emphasized, correction cannot be achieved by first establishing the “rightness” of the mistake and then overlooking it. If illness is real it cannot be overlooked in truth, for to overlook reality is insanity. Yet that is magic’s purpose; to make illusions true through false perception. This cannot heal, for it opposes truth. Perhaps an illusion of health is substituted for a little while, but not for long. Fear cannot long be hidden by illusions, for it is part of them. It will escape and take another form, being the source of all illusions.

P-2.IV.8. Sickness is insanity because all sickness is mental illness, and in it there are no degrees. One of the illusions by which sickness is perceived as real is the belief that illness varies in intensity; that the degree of threat differs according to the form it takes. Herein lies the basis of all errors, for all of them are but attempts to compromise by seeing just a little bit of hell. This is a mockery so alien to God that it must be forever inconceivable. But the insane believe it because they are insane.

P-2.IV.9. A madman will defend his own illusions because in them he sees his own salvation. Thus, he will attack the one who tries to save him from them, believing that he is attacking him. This curious circle of attack-defense is one of the most difficult problems with which the psychotherapist must deal. In fact, this is his central task; the core of psychotherapy. The therapist is seen as one who is attacking the patient’s most cherished possession; his picture of himself. And since this picture has become the patient’s security as he perceives it, the therapist cannot but be seen as a real source of danger, to be attacked and even killed.

P-2.IV.10. The psychotherapist, then, has a tremendous responsibility. He must meet attack without attack, and therefore without defense. It is his task to demonstrate that defenses are not necessary, and that defenselessness is strength. This must be his teaching, if his lesson is to be that sanity is safe. It cannot be too strongly emphasized that the insane believe that sanity is threat. This is the corollary of the “original sin"; the belief that guilt is real and fully justified. It is therefore the psychotherapist’s function to teach that guilt, being unreal, cannot be justified. But neither is it safe. And thus it must remain unwanted as well as unreal.

P-2.IV.11. Salvation’s single doctrine is the goal of all therapy. Relieve the mind of the insane burden of guilt it carries so wearily, and healing is accomplished. The body is not cured. It is merely recognized as what it is. Seen rightly, its purpose can be understood. What is the need for sickness then? Given this single shift, all else will follow. There is no need for complicated change. There is no need for long analyses and wearying discussion and pursuits. The truth is simple, being one for all.

V. The Process of Healing
P-2.V.1. While truth is simple, it must still be taught to those who have already lost their way in endless mazes of complexity. This is the great illusion. In its wake comes the inevitable belief that, to be safe, one must control the unknown. This strange belief relies on certain steps which never reach to consciousness. First, it is ushered in by the belief that there are forces to be overcome to be alive at all. And next, it seems as if these forces can be held at bay only by an inflated sense of self that holds in darkness what is truly felt, and seeks to raise illusions to the light.

P-2.V.2. Let us remember that the ones who come to us for help are bitterly afraid. What they believe will help can only harm; what they believe will harm alone can help. Progress becomes impossible until the patient is persuaded to reverse his twisted way of looking at the world; his twisted way of looking at himself. The truth is simple. Yet it must be taught to those who think it will endanger them. It must be taught to those who will attack because they feel endangered, and to those who need the lesson of defenselessness above all else, to show them what is strength.

P-2.V.3. If this world were ideal, there could perhaps be ideal therapy. And yet it would be useless in an ideal state. We speak of ideal teaching in a world in which the perfect teacher could not long remain; the perfect psychotherapist is but a glimmer of a thought not yet conceived. But still we speak of what can yet be done in helping the insane within the bounds of the attainable. While they are sick, they can and must be helped. No more than that is asked of psychotherapy; no less than all he has to give is worthy of the therapist. For God Himself holds out his brother as his savior from the world.

P-2.V.4. Healing is holy. Nothing in the world is holier than helping one who asks for help. And two come very close to God in this attempt, however limited, however lacking in sincerity. Where two have joined for healing, God is there. And He has guaranteed that He will hear and answer them in truth. They can be sure that healing is a process He directs, because it is according to His Will. We have His Word to guide us, as we try to help our brothers. Let us not forget that we are helpless of ourselves, and lean upon a strength beyond our little scope for what to teach as well as what to learn.

P-2.V.5. A brother seeking aid can bring us gifts beyond the heights perceived in any dream. He offers us salvation, for he comes to us as Christ and Savior. What he asks is asked by God through him. And what we do for him becomes the gift we give to God. The sacred calling of God’s holy Son for help in his perceived distress can be but answered by his Father. Yet He needs a voice through which to speak His holy Word; a hand to reach His Son and touch his heart. In such a process, who could not be healed? This holy interaction is the plan of God Himself, by which His Son is saved.

P-2.V.6. For two have joined. And now God’s promises are kept by Him. The limits laid on both the patient and the therapist will count as nothing, for the healing has begun. What they must start their Father will complete. For He has never asked for more than just the smallest willingness, the least advance, the tiniest of whispers of His Name. To ask for help, whatever form it takes, is but to call on Him. And He will send His Answer through the therapist who best can serve His Son in all his present needs. Perhaps the answer does not seem to be a gift from Heaven. It may even seem to be a worsening and not a help. Yet let the outcome not be judged by us.

P-2.V.7. Somewhere all gifts of God must be received. In time no effort can be made in vain. It is not our perfection that is asked in our attempts to heal. We are deceived already, if we think there is a need of healing. And the truth will come to us only through one who seems to share our dream of sickness. Let us help him to forgive himself for all the trespasses with which he would condemn himself without a cause. His healing is our own. And as we see the sinlessness in him come shining through the veil of guilt that shrouds the Son of God, we will behold in him the face of Christ, and understand that it is but our own.

P-2.V.8. Let us stand silently before God’s Will, and do what it has chosen that we do. There is one way alone by which we come to where all dreams began. And it is there that we will lay them down, to come away in peace forever. Hear a brother call for help and answer him. It will be God to Whom you answer, for you called on Him. There is no other way to hear His Voice. There is no other way to seek His Son. There is no other way to find your Self. Holy is healing, for the Son of God returns to Heaven through its kind embrace. For healing tells him, in the Voice for God, that all his sins have been forgiven him.

VI. The Definition of Healing
P-2.VI.1. The process of psychotherapy, then, can be defined simply as forgiveness, for no healing can be anything else. The unforgiving are sick, believing they are unforgiven. The hanging-on to guilt, its hugging - close and sheltering, its loving protection and alert defense, – all this is but the grim refusal to forgive. “God may not enter here” the sick repeat, over and over, while they mourn their loss and yet rejoice in it. Healing occurs as a patient begins to hear the dirge he sings, and questions its validity. Until he hears it, he cannot understand that it is he who sings it to himself. To hear it is the first step in recovery. To question it must then become his choice.

P-2.VI.2. There is a tendency, and it is very strong, to hear this song of death only an instant, and then dismiss it uncorrected. These fleeting awarenesses represent the many opportunities given us literally “to change our tune.” The sound of healing can be heard instead. But first the willingness to question the “truth” of the song of condemnation must arise. The strange distortions woven inextricably into the self-concept, itself but a pseudo-creation, make this ugly sound seem truly beautiful. “The rhythm of the universe,” “the herald angel’s song,” all these and more are heard instead of loud discordant shrieks.

P-2.VI.3. The ear translates; it does not hear. The eye reproduces; it does not see. Their task is to make agreeable whatever is called on, however disagreeable it may be. They answer the decisions of the mind, reproducing its desires and translating them into acceptable and pleasant forms. Sometimes the thought behind the form breaks through, but only very briefly, and the mind grows fearful and begins to doubt its sanity. Yet it will not permit its slaves to change the forms they look upon; the sounds they hear. These are its “remedies"; its “safeguards” from insanity.

P-2.VI.4. These testimonies which the senses bring have but one purpose; to justify attack and thus keep unforgiveness unrecognized for what it is. Seen undisguised it is intolerable. Without protection it could not endure. Here is all sickness cherished, but without the recognition that this is so. For when an unforgiveness is not recognized, the form it takes seems to be something else. And now it is the “something else” that seems to terrify. But it is not the “something else” that can be healed. It is not sick, and needs no remedy. To concentrate your healing efforts here is but futility. Who can cure what cannot be sick and make it well?

P-2.VI.5. Sickness takes many forms, and so does unforgiveness. The forms of one but reproduce the forms of the other, for they are the same illusion. So closely is one translated into the other, that a careful study of the form a sickness takes will point quite clearly to the form of unforgiveness that it represents. Yet seeing this will not effect a cure. That is achieved by only one recognition; that only forgiveness heals an unforgiveness, and only an unforgiveness can possibly give rise to sickness of any kind.

P-2.VI.6. This realization is the final goal of psychotherapy. How is it reached? The therapist sees in the patient all that he has not forgiven in himself, and is thus given another chance to look at it, open it to re-evaluation and forgive it. When this occurs, he sees his sins as gone into a past that is no longer here. Until he does this, he must think of evil as besetting him here and now. The patient is his screen for the projection of his sins, enabling him to let them go. Let him retain one spot of sin in what he looks upon, and his release is partial and will not be sure.

P-2.VI.7. No one is healed alone. This is the joyous song salvation sings to all who hear its Voice. This statement cannot be too often remembered by all who see themselves as therapists. Their patients can but be seen as the bringers of forgiveness, for it is they who come to demonstrate their sinlessness to eyes that still believe that sin is there to look upon. Yet will the proof of sinlessness, seen in the patient and accepted in the therapist, offer the mind of both a covenant in which they meet and join and are as one.

VII. The Ideal Patient-Therapist Relationship
P-2.VII.1. Who, then, is the therapist, and who is the patient? In the end, everyone is both. He who needs healing must heal. Physician, heal thyself. Who else is there to heal? And who else is in need of healing? Each patient who comes to a therapist offers him a chance to heal himself. He is therefore his therapist. And every therapist must learn to heal from each patient who comes to him. He thus becomes his patient. God does not know of separation. What He knows is only that He has one Son. His knowledge is reflected in the ideal patient-therapist relationship. God comes to him who calls, and in Him he recognizes Himself.

P-2.VII.2. Think carefully, teacher and therapist, for whom you pray, and who is in need of healing. For therapy is prayer, and healing is its aim and its result. What is prayer except the joining of minds in a relationship which Christ can enter? This is His home, into which psychotherapy invites Him. What is symptom cure, when another is always there to choose? But once Christ enters in, what choice is there except to have Him stay? There is no need for more than this, for it is everything. Healing is here, and happiness and peace. These are the “symptoms” of the ideal patient-therapist relationship, replacing those with which the patient came to ask for help.

P-2.VII.3. The process that takes place in this relationship is actually one in which the therapist in his heart tells the patient that all his sins have been forgiven him, along with his own. What could be the difference between healing and forgiveness? Only Christ forgives, knowing His sinlessness. His vision heals perception and sickness disappears. Nor will it return again, once its cause has been removed. This, however, needs the help of a very advanced therapist, capable of joining with the patient in a holy relationship in which all sense of separation finally is overcome.

P-2.VII.4. For this, one thing and one thing only is required: The therapist in no way confuses himself with God. All “unhealed healers” make this fundamental confusion in one form or another, because they must regard themselves as self-created rather than God-created. This confusion is rarely if ever in awareness, or the unhealed healer would instantly become a teacher of God, devoting his life to the function of true healing. Before he reached this point, he thought he was in charge of the therapeutic process and was therefore responsible for its outcome. His patient’s errors thus became his own failures, and guilt became the cover, dark and strong, for what should be the Holiness of Christ. Guilt is inevitable in those who use their judgment in making their decisions. Guilt is impossible in those through whom the Holy Spirit speaks.

P-2.VII.5. The passing of guilt is the true aim of therapy and the obvious aim of forgiveness. In this their oneness can be clearly seen. Yet who could experience the end of guilt who feels responsible for his brother in the role of guide for him? Such a function presupposes a knowledge that no one here can have; a certainty of past, present and future, and of all the effects that may occur in them. Only from this omniscient point of view would such a role be possible. Yet no perception is omniscient, nor is the tiny self of one alone against the universe able to assume he has such wisdom except in madness. That many therapists are mad is obvious. No unhealed healer can be wholly sane.

P-2.VII.6. Yet it is as insane not to accept a function God has given you as to invent one He has not. The advanced therapist in no way can ever doubt the power that is in him. Nor does he doubt its Source. He understands all power in earth and Heaven belongs to him because of who he is. And he is this because of his Creator, Whose Love is in him and Who cannot fail. Think what this means; he has the gifts of God Himself to give away. His patients are God’s saints, who call upon his sanctity to make it theirs. And as he gives it to them, they behold Christ’s shining face as it looks back at them.

P-2.VII.7. The insane, thinking they are God, are not afraid to offer weakness to God’s Son. But what they see in him because of this they fear indeed. The unhealed healer cannot but be fearful of his patients, and suspect them of the treachery he sees in him. He tries to heal, and thus at times he may. But he will not succeed except to some extent and for a little while. He does not see the Christ in him who calls. What answer can he give to one who seems to be a stranger; alien to the truth and poor in wisdom, without the god who must be given him? Behold your God in him, for what you see will be your Answer.

P-2.VII.8. Think what the joining of two brothers really means. And then forget the world and all its little triumphs and its dreams of death. The same are one, and nothing now can be remembered of the world of guilt. The room becomes a temple, and the street a stream of stars that brushes lightly past all sickly dreams. Healing is done, for what is perfect needs no healing, and what remains to be forgiven where there is no sin?

P-2.VII.9. Be thankful, therapist, that you can see such things as this, if you but understand your proper role. But if you fail in this, you have denied that God created you, and so you will not know you are His Son. Who is your brother now? What saint can come to take you home with him? You lost the way. And can you now expect to see in him an answer that you have refused to give? Heal and be healed. There is no other choice of pathways that can ever lead to peace. O let your patient in, for he has come to you from God. Is not his holiness enough to wake your memory of Him?

3. The practice of psychotherapy

I. The Selection of Patients
P-3.I.1. Everyone who is sent to you is a patient of yours. This does not mean that you select him, nor that you choose the kind of treatment that is suitable. But it does mean that no one comes to you by mistake. There are no errors in God’s plan. It would be an error, however, to assume that you know what to offer everyone who comes. This is not up to you to decide. There is a tendency to assume that you are being called on constantly to make sacrifices of yourself for those who come. This could hardly be true. To demand sacrifice of yourself is to demand a sacrifice of God, and He knows nothing of sacrifice. Who could ask of Perfection that He be imperfect?

P-3.I.2. Who, then, decides what each brother needs? Surely not you, who do not yet recognize who he is who asks. There is Something in him that will tell you, if you listen. And that is the answer; listen. Do not demand, do not decide, do not sacrifice. Listen. What you hear is true. Would God send His Son to you and not be sure you recognize his needs? Think what God is telling you; He needs your voice to speak for Him. Could anything be holier? Or a greater gift to you? Would you rather choose who would be god, or hear the Voice of Him Who is God in you?

P-3.I.3. Your patients need not be physically present for you to serve them in the Name of God. This may be hard to remember, but God will not have His gifts to you limited to the few you actually see. You can see others as well, for seeing is not limited to the body’s eyes. Some do not need your physical presence. They need you as much, and perhaps even more, at the instant they are sent. You will recognize them in whatever way can be most helpful to both of you. It does not matter how they come. They will be sent in whatever form is most helpful; a name, a thought, a picture, an idea, or perhaps just a feeling of reaching out to someone somewhere. The joining is in the hands of the Holy Spirit. It cannot fail to be accomplished.

P-3.I.4. A holy therapist, an advanced teacher of God, never forgets one thing; he did not make the curriculum of salvation, nor did he establish his part in it. He understands that his part is necessary to the whole, and that through it he will recognize the whole when his part is complete. Meanwhile he must learn, and his patients are the means sent to him for his learning. What could he be but grateful for them and to them? They come bearing God. Would he refuse this Gift for a pebble, or would he close the door on the savior of the world to let in a ghost? Let him not betray the Son of God. Who calls on him is far beyond his understanding. Yet would he not rejoice that he can answer, when only thus will he be able to hear the call and understand that it is his?

II. Is Psychotherapy a Profession?
P-3.II.1. Strictly speaking the answer is no. How could a separate profession be one in which everyone is engaged? And how could any limits be laid on an interaction in which everyone is both patient and therapist in every relationship in which he enters? Yet practically speaking, it can still be said that there are those who devote themselves primarily to healing of one sort or another as their chief function. And it is to them that a large number of others turn for help. That, in effect, is the practice of therapy. These are therefore “officially” helpers. They are devoted to certain kinds of needs in their professional activities, although they may be far more able teachers outside of them. These people need no special rules, of course, but they may be called upon to use special applications of the general principles of healing.

P-3.II.2. First, the professional therapist is in an excellent position to demonstrate that there is no order of difficulty in healing. For this, however, he needs special training, because the curriculum by which he became a therapist probably taught him little or nothing about the real principles of healing. In fact, it probably taught him how to make healing impossible. Most of the world’s teaching follows a curriculum in judgment, with the aim of making the therapist a judge.

CVP-3.II.3. Even this the Holy Spirit can use, and will use, given the slightest invitation. The unhealed healer may be arrogant, selfish, unconcerned, and actually dishonest. He may be uninterested in healing as his major goal. Yet something happened to him, however slight it may have been, when he chose to be a healer, however misguided the direction he may have chosen. That “something” is enough. Sooner or later that something will rise and grow; a patient will touch his heart, and the therapist will silently ask him for help. He has himself found a therapist. He has asked the Holy Spirit to enter the relationship and heal it. He has accepted the Atonement for himself.

P-3.II.4. God is said to have looked on all He created and pronounced it good. No, He declared it perfect, and so it was. And since His creations do not change and last forever, so it is now. Yet neither a perfect therapist nor a perfect patient can possibly exist. Both must have denied their perfection, for their very need for each other implies a sense of lack. A one-to-one relationship is not one Relationship. Yet it is the means of return; the way God chose for the return of His Son. In that strange dream a strange correction must enter, for only that is the call to awake. And what else should therapy be? Awake and be glad, for all your sins have been forgiven you. This is the only message that any two should ever give each other.

P-3.II.5. Something good must come from every meeting of patient and therapist. And that good is saved for both, against the day when they can recognize that only that was real in their relationship. At that moment the good is returned to them, blessed by the Holy Spirit as a gift from their Creator as a sign of His Love. For the therapeutic relationship must become like the relationship of the Father and the Son. There is no other, for there is nothing else. The therapists of this world do not expect this outcome, and many of their patients would not be able to accept help from them if they did. Yet no therapist really sets the goal for the relationships of which he is a part. His understanding begins with recognizing this, and then goes on from there.

P-3.II.6. It is in the instant that the therapist forgets to judge the patient that healing occurs. In some relationships this point is never reached, although both patient and therapist may change their dreams in the process. Yet it will not be the same dream for both of them, and so it is not the dream of forgiveness in which both will someday wake. The good is saved; indeed is cherished. But only little time is saved. The new dreams will lose their temporary appeal and turn to dreams of fear, which is the content of all dreams. Yet no patient can accept more than he is ready to receive, and no therapist can offer more than he believes he has. And so there is a place for all relationships in this world, and they will bring as much good as each can accept and use.

P-3.II.7. Yet it is when judgment ceases that healing occurs, because only then it can be understood that there is no order of difficulty in healing. This is a necessary understanding for the healed healer. He has learned that it is no harder to wake a brother from one dream than from another. No professional therapist can hold this understanding consistently in his mind, offering it to all who come to him. There are some in this world who have come very close, but they have not accepted the gift entirely in order to stay and let their understanding remain on earth until the closing of time. They could hardly be called professional therapists. They are the Saints of God. They are the Saviors of the world. Their image remains, because they have chosen that it be so. They take the place of other images, and help with kindly dreams.

P-3.II.8. Once the professional therapist has realized that minds are joined, he can also recognize that order of difficulty in healing is meaningless. Yet well before he reaches this in time he can go towards it. Many holy instants can be his along the way. A goal marks the end of a journey, not the beginning, and as each goal is reached another can be dimly seen ahead. Most professional therapists are still at the very start of the beginning stage of the first journey. Even those who have begun to understand what they must do may still oppose the setting-out. Yet all the laws of healing can be theirs in just an instant. The journey is not long except in dreams.

P-3.II.9. The professional therapist has one advantage that can save enormous time if it is properly used. He has chosen a road in which there is great temptation to misuse his role. This enables him to pass by many obstacles to peace quite quickly, if he escapes the temptation to assume a function that has not been given him. To understand there is no order of difficulty in healing, he must also recognize the equality of himself and the patient. There is no halfway point in this. Either they are equal or not. The attempts of therapists to compromise in this respect are strange indeed. Some utilize the relationship merely to collect bodies to worship at their shrine, and this they regard as healing. Many patients, too, consider this strange procedure as salvation. Yet at each meeting there is One Who says, “My brother, choose again.”

P-3.II.10. Do not forget that any form of specialness must be defended, and will be. The defenseless therapist has the strength of God with him, but the defensive therapist has lost sight of the Source of his salvation. He does not see and he does not hear. How, then, can he teach? Because it is the Will of God that he take his place in the plan for salvation. Because it is the Will of God that his patient be helped to join with him there. Because his inability to see and hear does not limit the Holy Spirit in any way. Except in time. In time there can be a great lag between the offering and the acceptance of healing. This is the veil across the face of Christ. Yet it can be but an illusion, because time does not exist and the Will of God has always been exactly as it is.

III. The Question of Payment
P-3.III.1. No one can pay for therapy, for healing is of God and He asks for nothing. It is, however, part of His plan that everything in this world be used by the Holy Spirit to help in carrying out the plan. Even an advanced therapist has some earthly needs while he is here. Should he need money it will be given him, not in payment, but to help him better serve the plan. Money is not evil. It is nothing. But no one here can live with no illusions, for he must yet strive to have the last illusion be accepted by everyone everywhere. He has a mighty part in this one purpose, for which he came. He stays here but for this. And while he stays he will be given what he needs to stay.

P-3.III.2. Only an unhealed healer would try to heal for money, and he will not succeed to the extent to which he values it. Nor will he find his healing in the process. There will be those of whom the Holy Spirit asks some payment for His purpose. There will be those from whom He does not ask. It should not be the therapist who makes these decisions. There is a difference between payment and cost. To give money where God’s plan allots it has no cost. To withhold it from where it rightfully belongs has enormous cost. The therapist who would do this loses the name of healer, for he could never understand what healing is. He cannot give it, and so he does not have it.

P-3.III.3. The therapists of this world are indeed useless to the world’s salvation. They make demands, and so they cannot give. Patients can pay only for the exchange of illusions. This, indeed, must demand payment, and the cost is great. A “bought” relationship cannot offer the only gift whereby all healing is accomplished. Forgiveness, the Holy Spirit’s only dream, must have no cost. For if it does, it merely crucifies God’s Son again. Can this be how he is forgiven? Can this be how the dream of sin will end?

P-3.III.4. The right to live is something no one need fight for. It is promised him, and guaranteed by God. Therefore it is a right the therapist and patient share alike. If their relationship is to be holy, whatever one needs is given by the other; whatever one lacks the other supplies. Herein is the relationship made holy, for herein both are healed. The therapist repays the patient in gratitude, as does the patient repay him. There is no cost to either. But thanks are due to both, for the release from long imprisonment and doubt. Who would not be grateful for such a gift? Yet who could possibly imagine that it could be bought?

P-3.III.5. It has well been said that to him who hath shall be given. Because he has, he can give. And because he gives, he shall be given. This is the law of God, and not of the world. So it is with God’s healers. They give because they have heard His Word and understood it. All that they need will thus be given them. But they will lose this understanding unless they remember that all they have comes only from God. If they believe they need anything from a brother, they will recognize him as a brother no longer. And if they do this, a light goes out even in Heaven. Where God’s Son turns against himself, he can look only upon darkness. He has himself denied the light, and cannot see.

P-3.III.6. One rule should always be observed: No one should be turned away because he cannot pay. No one is sent by accident to anyone. Relationships are always purposeful. Whatever their purpose may have been before the Holy Spirit entered them, they are always His potential temple; the resting place of Christ and home of God Himself. Whoever comes has been sent. Perhaps he was sent to give his brother the money he needed. Both will be blessed thereby. Perhaps he was sent to teach the therapist how much he needs forgiveness, and how valueless is money in comparison. Again will both be blessed. Only in terms of cost could one have more. In sharing, everyone must gain a blessing without cost.

P-3.III.7. This view of payment may well seem impractical, and in the eyes of the world it would be so. Yet not one worldly thought is really practical. How much is gained by striving for illusions? How much is lost by throwing God away? And is it possible to do so? Surely it is impractical to strive for nothing, and to attempt to do what is impossible. Then stop a while, long enough to think of this: You have perhaps been seeking for salvation without recognizing where to look. Whoever asks your help can show you where. What greater gift than this could you be given? What greater gift is there that you would give?

CoP-3.III.8. Physician, healer, therapist, teacher, heal thyself. Many will come to you carrying the gift of healing, if you so elect. The Holy Spirit never refuses an invitation to enter and abide with you. He will give you endless opportunities to open the door to your salvation, for such is His function. He will also tell you exactly what your function is in every circumstance and at all times. Whoever He sends you will reach you, holding out his hand to his Friend. Let the Christ in you bid him welcome, for that same Christ is in him as well. Deny him entrance, and you have denied the Christ in you. Remember the sorrowful story of the world, and the glad tidings of salvation. Remember the plan of God for the restoration of joy and peace. And do not forget how very simple are the ways of God:

You were lost in the darkness of the world until you asked for light. And then God sent His Son to give it to you.

Song of prayer
Prayer, forgiveness, healing

Supplements to A Course in Miracles


FOUNDATION FOR INNER PEACE

Index
1. Prayer

Introduction
I. True Prayer
II. The Ladder of Prayer
III. Praying for Others
IV. Praying with Others
V. The Ladder Ends

2. Forgiveness

Introduction
I. Forgiveness of Yourself
II. Forgiveness-to-Destroy
III. Forgiveness-for-Salvation

3. Healing

Introduction
I. The Cause of Sickness
II. False versus True Healing
III. Separation versus Union
IV. The Holiness of Healing

1. Prayer

Introduction
S-1.in.1. Prayer is the greatest gift with which God blessed His Son at his creation. It was then what it is to become; the single voice Creator and creation share; the song the Son sings to the Father, Who returns the thanks it offers Him unto the Son. Endless the harmony, and endless, too, the joyous concord of the Love They give forever to Each Other. And in this, creation is extended. God gives thanks to His extension in His Son. His Son gives thanks for his creation, in the song of his creating in his Father’s Name. The Love They share is what all prayer will be throughout eternity, when time is done. For such it was before time seemed to be.

S-1.in.2. To you who are in time a little while, prayer takes the form that best will suit your need. You have but one. What God created one must recognize its oneness, and rejoice that what illusions seemed to separate is one forever in the Mind of God. Prayer now must be the means by which God’s Son leaves separate goals and separate interests by, and turns in holy gladness to the truth of union in his Father and himself.

S-1.in.3. Lay down your dreams, you holy Son of God, and rising up as God created you, dispense with idols and remember Him. Prayer will sustain you now, and bless you as you lift your heart to Him in rising song that reaches higher and then higher still, until both high and low have disappeared. Faith in your goal will grow and hold you up as you ascend the shining stairway to the lawns of Heaven and the gate of peace. For this is prayer, and here salvation is. This is the way. It is God’s gift to you.

I. True Prayer
S-1.I.1. Prayer is a way offered by the Holy Spirit to reach God. It is not merely a question or an entreaty. It cannot succeed until you realize that it asks for nothing. How else could it serve its purpose? It is impossible to pray for idols and hope to reach God. True prayer must avoid the pitfall of asking to entreat. Ask, rather, to receive what is already given; to accept what is already there.

S-1.I.2. You have been told to ask the Holy Spirit for the answer to any specific problem, and that you will receive a specific answer if such is your need. You have also been told that there is only one problem and one answer. In prayer this is not contradictory. There are decisions to make here, and they must be made whether they be illusions or not. You cannot be asked to accept answers which are beyond the level of need that you can recognize. Therefore, it is not the form of the question that matters, nor how it is asked. The form of the answer, if given by God, will suit your need as you see it. This is merely an echo of the reply of His Voice. The real sound is always a song of thanksgiving and of Love.

S-1.I.3. You cannot, then, ask for the echo. It is the song that is the gift. Along with it come the overtones, the harmonics, the echoes, but these are secondary. In true prayer you hear only the song. All the rest is merely added. You have sought first the Kingdom of Heaven, and all else has indeed been given you.

S-1.I.4. The secret of true prayer is to forget the things you think you need. To ask for the specific is much the same as to look on sin and then forgive it. Also in the same way, in prayer you overlook your specific needs as you see them, and let them go into God’s Hands. There they become your gifts to Him, for they tell Him that you would have no gods before Him; no love but His. What could His answer be but your remembrance of Him? Can this be traded for a bit of trifling advice about a problem of an instant’s duration? God answers only for eternity. But still all little answers are contained in this.

S-1.I.5. Prayer is a stepping aside; a letting go, a quiet time of listening and loving. It should not be confused with supplication of any kind, because it is a way of remembering your holiness. Why should holiness entreat, being fully entitled to everything Love has to offer? And it is to Love you go in prayer. Prayer is an offering; a giving up of yourself to be at one with Love. There is nothing to ask because there is nothing left to want. That nothingness becomes the altar of God. It disappears in Him.

S-1.I.6. This is not a level of prayer that everyone can attain as yet. Those who have not reached it still need your help in prayer because their asking is not yet based upon acceptance. Help in prayer does not mean that another mediates between you and God. But it does mean that another stands beside you and helps to raise you up to Him. One who has realized the goodness of God prays without fear. And one who prays without fear cannot but reach Him. He can therefore also reach His Son, wherever he may be and whatever form he may seem to take.

S-1.I.7. Praying to Christ in anyone is true prayer because it is a gift of thanks to His Father. To ask that Christ be but Himself is not an entreaty. It is a song of thanksgiving for what you are. Herein lies the power of prayer. It asks nothing and receives everything. This prayer can be shared because it receives for everyone. To pray with one who knows that this is true is to be answered. Perhaps the specific form of resolution for a specific problem will occur to either of you; it does not matter which. Perhaps it will reach both, if you are genuinely attuned to one another. It will come because you have realized that Christ is in both of you. That is its only truth.

II. The Ladder of Prayer
S-1.II.1. Prayer has no beginning and no end. It is a part of life. But it does change in form, and grow with learning until it reaches its formless state, and fuses into total communication with God. In its asking form it need not, and often does not, make appeal to God, or even involve belief in Him. At these levels prayer is merely wanting, out of a sense of scarcity and lack.

S-1.II.2. These forms of prayer, or asking-out-of-need, always involve feelings of weakness and inadequacy, and could never be made by a Son of God who knows Who he is. No one, then, who is sure of his Identity could pray in these forms. Yet it is also true that no one who is uncertain of his Identity can avoid praying in this way. And prayer is as continual as life. Everyone prays without ceasing. Ask and you have received, for you have established what it is you want.

S-1.II.3. It is also possible to reach a higher form of asking-out-of-need, for in this world prayer is reparative, and so it must entail levels of learning. Here, the asking may be addressed to God in honest belief, though not yet with understanding. A vague and usually unstable sense of identification has generally been reached, but tends to be blurred by a deep-rooted sense of sin. It is possible at this level to continue to ask for things of this world in various forms, and it is also possible to ask for gifts such as honesty or goodness, and particularly for forgiveness for the many sources of guilt that inevitably underlie any prayer of need. Without guilt there is no scarcity. The sinless have no needs.

S-1.II.4. At this level also comes that curious contradiction in terms known as “praying for one’s enemies.” The contradiction lies not in the actual words, but rather in the way in which they are usually interpreted. While you believe you have enemies, you have limited prayer to the laws of this world, and have also limited your ability to receive and to accept to the same narrow margins. And yet, if you have enemies you have need of prayer, and great need, too. What does the phrase really mean? Pray for yourself, that you may not seek to imprison Christ and thereby lose the recognition of your own Identity. Be traitor to no one, or you will be treacherous to yourself.

S-1.II.5. An enemy is the symbol of an imprisoned Christ. And who could He be except yourself? The prayer for enemies thus becomes a prayer for your own freedom. Now it is no longer a contradiction in terms. It has become a statement of the unity of Christ and a recognition of His sinlessness. And now it has become holy, for it acknowledges the Son of God as he was created.

S-1.II.6. Let it never be forgotten that prayer at any level is always for yourself. If you unite with anyone in prayer, you make him part of you. The enemy is you, as is the Christ. Before it can become holy, then, prayer becomes a choice. You do not choose for another. You can but choose for yourself. Pray truly for your enemies, for herein lies your own salvation. Forgive them for your sins, and you will be forgiven indeed.

S-1.II.7. Prayer is a ladder reaching up to Heaven. At the top there is a transformation much like your own, for prayer is part of you. The things of earth are left behind, all unremembered. There is no asking, for there is no lack. Identity in Christ is fully recognized as set forever, beyond all change and incorruptible. The light no longer flickers, and will never go out. Now, without needs of any kind, and clad forever in the pure sinlessness that is the gift of God to you, His Son, prayer can again become what it was meant to be. For now it rises as a song of thanks to your Creator, sung without words, or thoughts, or vain desires, unneedful now of anything at all. So it extends, as it was meant to do. And for this giving God Himself gives thanks.

S-1.II.8. God is the goal of every prayer, giving it timelessness instead of end. Nor has it a beginning, because the goal has never changed. Prayer in its earlier forms is an illusion, because there is no need for a ladder to reach what one has never left. Yet prayer is part of forgiveness as long as forgiveness, itself an illusion, remains unattained. Prayer is tied up with learning until the goal of learning has been reached. And then all things will be transformed together, and returned unblemished into the Mind of God. Being beyond learning, this state cannot be described. The stages necessary to its attainment, however, need to be understood, if peace is to be restored to God’s Son, who lives now with the illusion of death and the fear of God.

III. Praying for Others
S-1.III.1. We said that prayer is always for yourself, and this is so. Why, then, should you pray for others at all? And if you should, how should you do it? Praying for others, if rightly understood, becomes a means for lifting your projections of guilt from your brother, and enabling you to recognize it is not he who is hurting you. The poisonous thought that he is your enemy, your evil counterpart, your nemesis, must be relinquished before you can be saved from guilt. For this the means is prayer, of rising power and with ascending goals, until it reaches even up to God.

S-1.III.2. The earlier forms of prayer, at the bottom of the ladder, will not be free from envy and malice. They call for vengeance, not for love. Nor do they come from one who understands that they are calls for death, made out of fear by those who cherish guilt. They call upon a vengeful god, and it is he who seems to answer them. Hell cannot be asked for another, and then escaped by him who asks for it. Only those who are in hell can ask for hell. Those who have been forgiven, and who accepted their forgiveness, could never make a prayer like that.

S-1.III.3. At these levels, then, the learning goal must be to recognize that prayer will bring an answer only in the form in which the prayer was made. This is enough. From here it will be an easy step to the next levels. The next ascent begins with this:

What I have asked for for my brother is not what I would have.

Thus have I made of him my enemy. It is apparent that this step cannot be reached by anyone who sees no value or advantage to himself in setting others free. This may be long delayed, because it may seem to be dangerous instead of merciful. To the guilty there seems indeed to be a real advantage in having enemies, and this imagined gain must go, if enemies are to be set free.

S-1.III.4. Guilt must be given up, and not concealed. Nor can this be done without some pain, and a glimpse of the merciful nature of this step may for some time be followed by a deep retreat into fear. For fear’s defenses are fearful in themselves, and when they are recognized they bring their fear with them. Yet what advantage has an illusion of escape ever brought a prisoner? His real escape from guilt can lie only in the recognition that the guilt has gone. And how can this be recognized as long as he hides it in another, and does not see it as his own? Fear of escape makes it difficult to welcome freedom, and to make a jailer of an enemy seems to be safety. How, then, can he be released without an insane fear for yourself? You have made of him your salvation and your escape from guilt. Your investment in this escape is heavy, and your fear of letting it go is strong.

S-1.III.5. Stand still an instant, now, and think what you have done. Do not forget that it is you who did it, and who can therefore let it go. Hold out your hand. This enemy has come to bless you. Take his blessing, and feel how your heart is lifted and your fear released. Do not hold on to it, nor onto him. He is a Son of God, along with you. He is no jailer, but a messenger of Christ. Be this to him, that you may see him thus.

S-1.III.6. It is not easy to realize that prayers for things, for status, for human love, for external “gifts” of any kind, are always made to set up jailers and to hide from guilt. These things are used for goals that substitute for God, and therefore distort the purpose of prayer. The desire for them is the prayer. One need not ask explicitly. The goal of God is lost in the quest for lesser goals of any kind, and prayer becomes requests for enemies. The power of prayer can be quite clearly recognized even in this. No one who wants an enemy will fail to find one. But just as surely will he lose the only true goal that is given him. Think of the cost, and understand it well. All other goals are at the cost of God.

IV. Praying with Others
S-1.IV.1. Until the second level at least begins, one cannot share in prayer. For until that point, each one must ask for different things. But once the need to hold the other as an enemy has been questioned, and the reason for doing so has been recognized if only for an instant, it becomes possible to join in prayer. Enemies do not share a goal. It is in this their enmity is kept. Their separate wishes are their arsenals; their fortresses in hate. The key to rising further still in prayer lies in this simple thought; this change of mind:

We go together, you and I.

S-1.IV.2. Now it is possible to help in prayer, and so reach up yourself. This step begins the quicker ascent, but there are still many lessons to learn. The way is open, and hope is justified. Yet it is likely at first that what is asked for even by those who join in prayer is not the goal that prayer should truly seek. Even together you may ask for things, and thus set up but an illusion of a goal you share. You may ask together for specifics, and not realize that you are asking for effects without the cause. And this you cannot have. For no one can receive effects alone, asking a cause from which they do not come to offer them to him.

S-1.IV.3. Even the joining, then, is not enough, if those who pray together do not ask, before all else, what is the Will of God. From this Cause only can the answer come in which are all specifics satisfied; all separate wishes unified in one. Prayer for specifics always asks to have the past repeated in some way. What was enjoyed before, or seemed to be; what was another’s and he seemed to love, – all these are but illusions from the past. The aim of prayer is to release the present from its chains of past illusions; to let it be a freely chosen remedy from every choice that stood for a mistake. What prayer can offer now so far exceeds all that you asked before that it is pitiful to be content with less.

S-1.IV.4. You have chosen a newborn chance each time you pray. And would you stifle and imprison it in ancient prisons, when the chance has come to free yourself from all of them at once? Do not restrict your asking. Prayer can bring the peace of God. What time-bound thing can give you more than this, in just the little space that lasts until it crumbles into dust?

V. The Ladder Ends
S-1.V.1. Prayer is a way to true humility. And here again it rises slowly up, and grows in strength and love and holiness. Let it but leave the ground where it begins to rise to God, and true humility will come at last to grace the mind that thought it was alone and stood against the world. Humility brings peace because it does not claim that you must rule the universe, nor judge all things as you would have them be. All little gods it gladly lays aside, not in resentment, but in honesty and recognition that they do not serve.

S-1.V.2. Illusions and humility have goals so far apart they cannot coexist, nor share a dwelling place where they can meet. Where one has come the other disappears. The truly humble have no goal but God because they need no idols, and defense no longer serves a purpose. Enemies are useless now, because humility does not oppose. It does not hide in shame because it is content with what it is, knowing creation is the Will of God. Its selflessness is Self, and this it sees in every meeting, where it gladly joins with every Son of God, whose purity it recognizes that it shares with him.


S-1.V.3. Now prayer is lifted from the world of things, of bodies, and of gods of every kind, and you can rest in holiness at last. Humility has come to teach you how to understand your glory as God’s Son, and recognize the arrogance of sin. A dream has veiled the face of Christ from you. Now can you look upon His sinlessness. High has the ladder risen. You have come almost to Heaven. There is little more to learn before the journey is complete. Now can you say to everyone who comes to join in prayer with you:

I cannot go without you, for you are a part of me.

And so he is in truth. Now can you pray only for what you truly share with him. For you have understood he never left, and you, who seemed alone, are one with him.

S-1.V.4. The ladder ends with this, for learning is no longer needed. Now you stand before the gate of Heaven, and your brother stands beside you there. The lawns are deep and still, for here the place appointed for the time when you should come has waited long for you. Here will time end forever. At this gate eternity itself will join with you. Prayer has become what it was meant to be, for you have recognized the Christ in you.

2. Forgiveness

Introduction
S-2.in.1. Forgiveness offers wings to prayer, to make its rising easy and its progress swift. Without its strong support it would be vain to try to rise above prayer’s bottom step, or even to attempt to climb at all. Forgiveness is prayer’s ally; sister in the plan for your salvation. Both must come to hold you up and keep your feet secure; your purpose steadfast and unchangeable. Behold the greatest help that God ordained to be with you until you reach to Him. Illusion’s end will come with this. Unlike the timeless nature of its sister, prayer, forgiveness has an end. For it becomes unneeded when the rising up is done. Yet now it has a purpose beyond which you cannot go, nor have you need to go.
Accomplish this and you have been redeemed.
Accomplish this and you have been transformed.
Accomplish this and you will save the world.

I. Forgiveness of Yourself
S-2.I.1. No gift of Heaven has been more misunderstood than has forgiveness. It has, in fact, become a scourge; a curse where it was meant to bless, a cruel mockery of grace, a parody upon the holy peace of God. Yet those who have not yet chosen to begin the steps of prayer cannot but use it thus. Forgiveness’ kindness is obscure at first, because salvation is not understood, nor truly sought for. What was meant to heal is used to hurt because forgiveness is not wanted. Guilt becomes salvation, and the remedy appears to be a terrible alternative to life.

S-2.I.2. Forgiveness-to-destroy will therefore suit the purpose of the world far better than its true objective, and the honest means by which this goal is reached. Forgiveness-to-destroy will overlook no sin, no crime, no guilt that it can seek and find and “love.” Dear to its heart is error, and mistakes loom large and grow and swell within its sight. It carefully picks out all evil things, and overlooks the loving as a plague; a hateful thing of danger and of death. Forgiveness-to-destroy is death, and this it sees in all it looks upon and hates. God’s mercy has become a twisted knife that would destroy the holy Son He loves.

S-2.I.3. Would you forgive yourself for doing this? Then learn that God has given you the means by which you can return to Him in peace. Do not see error. Do not make it real. Select the loving and forgive the sin by choosing in its place the face of Christ. How otherwise can prayer return to God? He loves His Son. Can you remember Him and hate what He created? You will hate his Father if you hate the Son He loves. For as you see the Son you see yourself, and as you see yourself is God to you.

S-2.I.4. As prayer is always for yourself, so is forgiveness always given you. It is impossible to forgive another, for it is only your sins you see in him. You want to see them there, and not in you. That is why forgiveness of another is an illusion. Yet it is the only happy dream in all the world; the only one that does not lead to death. Only in someone else can you forgive yourself, for you have called him guilty of your sins, and in him must your innocence now be found. Who but the sinful need to be forgiven? And do not ever think you can see sin in anyone except yourself.

S-2.I.5. This is the great deception of the world, and you the great deceiver of yourself. It always seems to be another who is evil, and in his sin you are the injured one. How could freedom be possible if this were so? You would be slave to everyone, for what he does entails your fate, your feelings, your despair or hope, your misery or joy. You have no freedom unless he gives it to you. And being evil, he can only give of what he is. You cannot see his sins and not your own. But you can free him and yourself as well.

S-2.I.6. Forgiveness, truly given, is the way in which your only hope of freedom lies. Others will make mistakes and so will you, as long as this illusion of a world appears to be your home. Yet God Himself has given all His Sons a remedy for all illusions that they think they see. Christ’s vision does not use your eyes, but you can look through His and learn to see like Him. Mistakes are tiny shadows, quickly gone, that for an instant only seem to hide the face of Christ, which still remains unchanged behind them all. His constancy remains in tranquil silence and in perfect peace. He does not know of shadows. His the eyes that look past error to the Christ in you.

S-2.I.7. Ask, then, His help, and ask Him how to learn forgiveness as His vision lets it be. You are in need of what He gives, and your salvation rests on learning this of Him. Prayer cannot be released to Heaven while forgiveness-to-destroy remains with you. God’s mercy would remove this withering and poisoned thinking from your holy mind. Christ has forgiven you, and in His sight the world becomes as holy as Himself. Who sees no evil in it sees like Him. For what He has forgiven has not sinned, and guilt can be no more. Salvation’s plan is made complete, and sanity has come.

S-2.I.8. Forgiveness is the call to sanity, for who but the insane would look on sin when he could see the face of Christ instead? This is the choice you make; the simplest one, and yet the only one that you can make. God calls on you to save His Son from death by offering Christ’s Love to him. This is your need, and God holds out this gift to you. As He would give, so must you give as well. And thus is prayer restored to formlessness, beyond all limits into timelessness, with nothing of the past to hold it back from reuniting with the ceaseless song that all creation sings unto its God.

S-2.I.9. But to achieve this end you first must learn, before you reach where learning cannot go. Forgiveness is the key, but who can use a key when he has lost the door for which the key was made, and where alone it fits? Therefore we make distinctions, so that prayer can be released from darkness into light. Forgiveness’ role must be reversed, and cleansed from evil usages and hateful goals. Forgiveness-to-destroy must be unveiled in all its treachery, and then let go forever and forever. There can be no trace of it remaining, if the plan that God established for returning be achieved at last, and learning be complete.

S-2.I.10. This is the world of opposites. And you must choose between them every instant while this world retains reality for you. Yet you must learn alternatives for choice, or you will not be able to attain your freedom. Let it then be clear to you exactly what forgiveness means to you, and learn what it should be to set you free. The level of your prayer depends on this, for here it waits its freedom to ascend above the world of chaos into peace.

II. Forgiveness-to-Destroy
S-2.II.1. Forgiveness-to-destroy has many forms, being a weapon of the world of form. Not all of them are obvious, and some are carefully concealed beneath what seems like charity. Yet all the forms that it may seem to take have but this single goal; their purpose is to separate and make what God created equal, different. The difference is clear in several forms where the designed comparison cannot be missed, nor is it really meant to be.

S-2.II.2. In this group, first, there are the forms in which a “better” person deigns to stoop to save a “baser” one from what he truly is. Forgiveness here rests on an attitude of gracious lordliness so far from love that arrogance could never be dislodged. Who can forgive and yet despise? And who can tell another he is steeped in sin, and yet perceive him as the Son of God? Who makes a slave to teach what freedom is? There is no union here, but only grief. This is not really mercy. This is death.

S-2.II.3. Another form, still very like the first if it is understood, does not appear in quite such blatant arrogance. The one who would forgive the other does not claim to be the better. Now he says instead that here is one whose sinfulness he shares, since both have been unworthy and deserve the retribution of the wrath of God. This can appear to be a humble thought, and may indeed induce a rivalry in sinfulness and guilt. It is not love for God’s creation and the holiness that is His gift forever. Can His Son condemn himself and still remember Him?

S-2.II.4. Here the goal is to separate from God the Son He loves, and keep him from his Source. This goal is also sought by those who seek the role of martyr at another’s hand. Here must the aim be clearly seen, for this may pass as meekness and as charity instead of cruelty. Is it not kind to be accepting of another’s spite, and not respond except with silence and a gentle smile? Behold, how good are you who bear with patience and with saintliness the anger and the hurt another gives, and do not show the bitter pain you feel.

S-2.II.5. Forgiveness-to-destroy will often hide behind a cloak like this. It shows the face of suffering and pain, in silent proof of guilt and of the ravages of sin. Such is the witness that it offers one who could be savior, not an enemy. But having been made enemy, he must accept the guilt and heavy-laid reproach that thus is put upon him. Is this love? Or is it rather treachery to one who needs salvation from the pain of guilt? What could the purpose be, except to keep the witnesses of guilt away from love?

S-2.II.6. Forgiveness-to-destroy can also take the form of bargaining and compromise. “I will forgive you if you meet my needs, for in your slavery is my release.” Say this to anyone and you are slave. And you will seek to rid yourself of guilt in further bargains which can give no hope, but only greater pain and misery. How fearful has forgiveness now become, and how distorted is the end it seeks. Have mercy on yourself who bargains thus. God gives and does not ask for recompense. There is no giving but to give like Him. All else is mockery. For who would try to strike a bargain with the Son of God, and thank his Father for his holiness?

S-2.II.7. What would you show your brother? Would you try to reinforce his guilt and thus your own? Forgiveness is the means for your escape. How pitiful it is to make of it the means for further slavery and pain. Within the world of opposites there is a way to use forgiveness for the goal of God, and find the peace He offers you. Take nothing else, or you have sought your death, and prayed for separation from your Self. Christ is for all because He is in all. It is His face forgiveness lets you see. It is His face in which you see your own.

S-2.II.8. All forms forgiveness takes that do not lead away from anger, condemnation and comparisons of every kind are death. For that is what their purposes have set. Be not deceived by them, but lay them by as worthless in their tragic offerings. You do not want to stay in slavery. You do not want to be afraid of God. You want to see the sunlight and the glow of Heaven shining on the face of earth, redeemed from sin and in the Love of God. From here is prayer released, along with you. Your wings are free, and prayer will lift you up and bring you home where God would have you be.

III. Forgiveness-for-Salvation
S-2.III.1. Forgiveness-for-Salvation has one form, and only one. It does not ask for proof of innocence, nor pay of any kind. It does not argue, nor evaluate the errors that it wants to overlook. It does not offer gifts in treachery, nor promise freedom while it asks for death. Would God deceive you? He but asks for trust and willingness to learn how to be free. He gives His Teacher to whoever asks, and seeks to understand the Will of God. His readiness to give lies far beyond your understanding and your simple grasp. Yet He has willed you learn the way to Him, and in His willing there is certainty.

S-2.III.2. You child of God, the gifts of God are yours, not by your plans but by His holy Will. His Voice will teach you what forgiveness is, and how to give it as He wills it be. Do not, then, seek to understand what is beyond you yet, but let it be a way to draw you up to where the eyes of Christ become the sight you choose. Give up all else, for there is nothing else. When someone calls for help in any form, He is the One to answer for you. All that you need do is to step back and not to interfere. Forgiveness-for-Salvation is His task, and it is He Who will respond for you.

S-2.III.3. Do not establish what the form should be that Christ’s forgiveness takes. He knows the way to make of every call a help to you, as you arise in haste to go at last unto your Father’s house. Now can He make your footsteps sure, your words sincere; not with your own sincerity, but with His Own. Let Him take charge of how you would forgive, and each occasion then will be to you another step to Heaven and to peace.

S-2.III.4. Are you not weary of imprisonment? God did not choose this sorry path for you. What you have chosen still can be undone, for prayer is merciful and God is just. His is a justice He can understand, but you cannot as yet. Still will He give the means to you to learn of Him, and know at last that condemnation is not real and makes illusions in its evil name. And yet it matters not the form that dreams may seem to take. Illusions are untrue. God’s Will is truth, and you are one with Him in Will and purpose. Here all dreams are done.

S-2.III.5. “What should I do for him, Your holy Son?” should be the only thing you ever ask when help is needed and forgiveness sought. The form the seeking takes you need not judge. And let it not be you who sets the form in which forgiveness comes to save God’s Son. The light of Christ in him is his release, and it is this that answers to his call. Forgive him as the Christ decides you should, and be His eyes through which you look on him, and speak for Him as well. He knows the need; the question and the answer. He will say exactly what to do, in words that you can understand and you can also use. Do not confuse His function with your own. He is the Answer. You the one who hears.

S-2.III.6. And what is it He speaks to you about? About salvation and the gift of peace. About the end of sin and guilt and death. About the role forgiveness has in Him. Do you but listen. For He will be heard by anyone who calls upon His Name, and places his forgiveness in His hands. Forgiveness has been given Him to teach, to save it from destruction and to make the means for separation, sin and death become again the holy gift of God. Prayer is His Own right Hand, made free to save as true forgiveness is allowed to come from His eternal vigilance and Love. Listen and learn, and do not judge. It is to God you turn to hear what you should do. His answer will be clear as morning, nor is His forgiveness what you think it is.

S-2.III.7. Still does He know, and that should be enough. Forgiveness has a Teacher Who will fail in nothing. Rest a while in this; do not attempt to judge forgiveness, nor to set it in an earthly frame. Let it arise to Christ, Who welcomes it as gift to Him. He will not leave you comfortless, nor fail to send His angels down to answer you in His Own Name. He stands beside the door to which forgiveness is the only key. Give it to Him to use instead of you, and you will see the door swing silently open upon the shining face of Christ. Behold your brother there beyond the door; the Son of God as He created him.

3. Healing

Introduction
S-3.in.1. Prayer has both aids and witnesses which make the steep ascent more gentle and more sure, easing the pain of fear and offering the comfort and the promises of hope. Forgiveness’ witness and an aid to prayer, a giver of assurance of success in ultimate attainment of the goal, is healing. Its importance should not be too strongly emphasized, for healing is a sign or symbol of forgiveness’ strength, and only an effect or shadow of a change of mind about the goal of prayer.

I. The Cause of Sickness
S-3.I.1. Do not mistake effect for cause, nor think that sickness is apart and separate from what its cause must be. It is a sign, a shadow of an evil thought that seems to have reality and to be just, according to the usage of the world. It is external proof of inner “sins,” and witnesses to unforgiving thoughts that injure and would hurt the Son of God. Healing the body is impossible, and this is shown by the brief nature of the “cure.” The body yet must die, and so its healing but delays its turning back to dust, where it was born and will return.

S-3.I.2. The body’s cause is unforgiveness of the Son of God. It has not left its source, and in its pain and aging and the mark of death upon it this is clearly shown. Fearful and frail it seems to be to those who think their life is tied to its command and linked to its unstable, tiny breath. Death stares at them as every moment goes irrevocably past their grasping hands, which cannot hold them back. And they feel fear as bodies change and sicken. For they sense the heavy scent of death upon their hearts.

S-3.I.3. The body can be healed as an effect of true forgiveness. Only that can give rememberance of immortality, which is the gift of holiness and love. Forgiveness must be given by a mind which understands that it must overlook all shadows on the holy face of Christ, among which sickness should be seen as one. Nothing but that; the sign of judgment made by brother upon brother, and the Son of God upon himself. For he has damned his body as his prison, and forgot that it is he who gave this role to it.

S-3.I.4. What he has done now must God’s Son undo. But not alone. For he has thrown away the prison’s key; his holy sinlessness and the remembrance of his Father’s Love. Yet help is given to him in the Voice his Father placed in him. The power to heal is now his Father’s gift, for through His Voice He still can reach His Son, reminding him the body may become his chosen home, but it will never be his home in truth.

S-3.I.5. Distinctions therefore must be made between true healing and its faulty counterpart. The world of opposites is healing’s place, for what in Heaven could there be to heal? As prayer within the world can ask amiss and seeming charity forgive to kill, so healing can be false as well as true; a witness to the power of the world or to the everlasting Love of God.

II. False versus True Healing
S-3.II.1. False healing merely makes a poor exchange of one illusion for a “nicer” one; a dream of sickness for a dream of health. This can occur at lower forms of prayer, combining with forgiveness kindly meant but not completely understood as yet. Only false healing can give way to fear, so sickness will be free to strike again. False healing can indeed remove a form of pain and sickness. But the cause remains, and will not lack effects. The cause is still the wish to die and overcome the Christ. And with this wish is death a certainty, for prayer is answered. Yet there is a kind of seeming death that has a different source. It does not come because of hurtful thoughts and raging anger at the universe. It merely signifies the end has come for usefulness of body functioning. And so it is discarded as a choice, as one lays by a garment now outworn.

S-3.II.2. This is what death should be; a quiet choice, made joyfully and with a sense of peace, because the body has been kindly used to help the Son of God along the way he goes to God. We thank the body, then, for all the service it has given us. But we are thankful, too, the need is done to walk the world of limits, and to reach the Christ in hidden forms and clearly seen at most in lovely flashes. Now we can behold Him without blinders, in the light that we have learned to look upon again.

S-3.II.3. We call it death, but it is liberty. It does not come in forms that seem to be thrust down in pain upon unwilling flesh, but as a gentle welcome to release. If there has been true healing, this can be the form in which death comes when it is time to rest a while from labor gladly done and gladly ended. Now we go in peace to freer air and gentler climate, where it is not hard to see the gifts we gave were saved for us. For Christ is clearer now; His vision more sustained in us; His Voice, the Word of God, more certainly our own.


S-3.II.4. This gentle passage to a higher prayer, a kind forgiveness of the ways of earth, can only be received with thankfulness. Yet first true healing must have come to bless the mind with loving pardon for the sins it dreamed about and laid upon the world. Now are its dreams dispelled in quiet rest. Now its forgiveness comes to heal the world and it is ready to depart in peace, the journey over and the lessons learned.

S-3.II.5. This is not death according to the world, for death is cruel in its frightened eyes and takes the form of punishment for sin. How could it be a blessing, then? And how could it be welcome when it must be feared? What healing has occurred in such a view of what is merely opening the gate to higher prayer and kindly justice done? Death is reward and not a punishment. But such a viewpoint must be fostered by the healing that the world cannot conceive. There is no partial healing. What but shifts illusions has done nothing. What is false cannot be partly true. If you are healed your healing is complete. Forgiveness is the only gift you give and would receive.

S-3.II.6. False healing rests upon the body’s cure, leaving the cause of illness still unchanged, ready to strike again until it brings a cruel death in seeming victory. It can be held at bay a little while, and there can be brief respite as it waits to take its vengeance on the Son of God. Yet it cannot be overcome until all faith in it has been laid by, and placed upon God’s substitute for evil dreams; a world in which there is no veil of sin to keep it dark and comfortless. At last the gate of Heaven opens and God’s Son is free to enter in the home that stands ready to welcome him, and was prepared before time was and still but waits for him.

III. Separation versus Union
S-3.III.1. False healing heals the body in a part, but never as a whole. Its separate goals become quite clear in this, for it has not removed the curse of sin that lies on it. Therefore it still deceives. Nor is it made by one who understands the other is exactly like himself. For it is this that makes true healing possible. When false, there is some power that another has, not equally bestowed on both as one. Here is the separation shown. And here the meaning of true healing has been lost, and idols have arisen to obscure the unity that is the Son of God.

S-3.III.2. Healing-to-separate may seem to be a strange idea. And yet it can be said of any form of healing that is based on inequality of any kind. These forms may heal the body, and indeed are generally limited to this. Someone knows better, has been better trained, or is perhaps more talented and wise. Therefore, he can give healing to the one who stands beneath him in his patronage. The healing of the body can be done by this because, in dreams, equality cannot be permanent. The shifts and change are what the dream is made of. To be healed appears to be to find a wiser one who, by his arts and learning, will succeed.

S-3.III.3. Someone knows better; this the magic phrase by which the body seems to be the aim of healing as the world conceives of it. And to this wiser one another goes to profit by his learning and his skill; to find in him the remedy for pain. How can that be? True healing cannot come from inequality assumed and then accepted as the truth, and used to help restore the wounded and to calm the mind that suffers from the agony of doubt.

S-3.III.4. Is there a role for healing, then, that one can use to offer help for someone else? In arrogance the answer must be “no.” But in humility there is indeed a place for helpers. It is like the role that helps in prayer, and lets forgiveness be what it is meant to be. You do not make yourself the bearer of the special gift that brings the healing. You but recognize your oneness with the one who calls for help. For in this oneness is his separate sense dispelled, and it is this that made him sick. There is no point in giving remedy apart from where the source of sickness is, for never thus can it be truly healed.

S-3.III.5. Healers there are, for they are Sons of God who recognize their Source, and understand that all their Source creates is one with them. This is the remedy that brings relief which cannot fail. It will remain to bless for all eternity. It heals no part, but wholly and forever. Now the cause of every malady has been revealed exactly as it is. And in that place is written now the holy Word of God. Sickness and separation must be healed by love and union. Nothing else can heal as God established healing. Without Him there is no healing, for there is no love.

S-3.III.6. God’s Voice alone can tell you how to heal. Listen, and you will never fail to bring His kindly remedy to those He sends to you, to let Him heal them, and to bless all those who serve with Him in healing’s name. The body’s healing will occur because its cause has gone. And now without a cause, it cannot come again in different form. Nor will death any more be feared because it has been understood. There is no fear in one who has been truly healed, for love has entered now where idols used to stand, and fear has given way at last to God.

IV. The Holiness of Healing
S-3.IV.1. How holy are the healed! For in their sight their brothers share their healing and their love. Bringers of peace, – the Holy Spirit’s voice, through whom He speaks for God, Whose Voice He is, – such are God’s healers. They but speak for Him and never for themselves. They have no gifts but those they have from God. And these they share because they know that this is what He wills. They are not special. They are holy. They have chosen holiness, and given up all separate dreams of special attributes through which they can bestow unequal gifts on those less fortunate. Their healing has restored their wholeness so they can forgive, and join the song of prayer in which the healed sing of their union and their thanks to God.

S-3.IV.2. As witness to forgiveness, aid to prayer, and the effect of mercy truly taught, healing is blessing. And the world responds in quickened chorus through the voice of prayer. Forgiveness shines its merciful reprieve upon each blade of grass and feathered wing and all the living things upon the earth. Fear has no haven here, for love has come in all its holy oneness. Time remains only to let the last embrace of prayer rest on the earth an instant, as the world is shined away. This instant is the goal of all true healers, whom the Christ has taught to see His likeness and to teach like Him.

S-3.IV.3. Think what it means to help the Christ to heal! Can anything be holier than this? God thanks His healers, for He knows the Cause of healing is Himself, His Love, His Son, restored as His completion and returned to share with Him creation’s holy joy. Do not ask partial healing, nor accept an idol for rememberance of Him Whose Love has never changed and never will. You are as dear to Him as is the whole of His creation, for it lies in you as His eternal gift. What need have you for shifting dreams within a sorry world? Do not forget the gratitude of God. Do not forget the holy grace of prayer. Do not forget forgiveness of God’s Son.

S-3.IV.4. You first forgive, then pray, and you are healed. Your prayer has risen up and called to God, Who hears and answers. You have understood that you forgive and pray but for yourself. And in this understanding you are healed. In prayer you have united with your Source, and understood that you have never left. This level cannot be attained until there is no hatred in your heart, and no desire to attack the Son of God.

S-3.IV.5. Never forget this; it is you who are God’s Son, and as you choose to be to him so are you to yourself, and God to you. Nor will your judgment fail to reach to God, for you will give the role to Him you see in His creation. Do not choose amiss, or you will think that it is you who are creator in His place, and He is then no longer Cause but only an effect. Now healing is impossible, for He is blamed for your deception and your guilt. He Who is Love becomes the source of fear, for only fear can now be justified. Vengeance is His. His great destroyer, death. And sickness, suffering and grievous loss become the lot of everyone on earth, which He abandoned to the devil’s care, swearing He will deliver it no more.

S-3.IV.6. Come unto Me, My children, once again, without such twisted thoughts upon your hearts. You still are holy with the Holiness which fathered you in perfect sinlessness, and still surrounds you with the Arms of peace. Dream now of healing. Then arise and lay all dreaming down forever. You are he your Father loves, who never left his home, nor wandered in a savage world with feet that bleed, and with a heavy heart made hard against the love that is the truth in you. Give all your dreams to Christ and let Him be your Guide to healing, leading you in prayer beyond the sorry reaches of the world.

S-3.IV.7. He comes for Me and speaks My Word to you. I would recall My weary Son to Me from dreams of malice to the sweet embrace of everlasting Love and perfect peace. My Arms are open to the Son I love, who does not understand that he is healed, and that his prayers have never ceased to sing his joyful thanks in unison with all creation, in the holiness of Love. Be still an instant. Underneath the sounds of harsh and bitter striving and defeat there is a Voice that speaks to you of Me. Hear this an instant and you will be healed. Hear this an instant and you have been saved.

S-3.IV.8. Help Me to wake My children from the dream of retribution and a little life beset with fear, that ends so soon it might as well have never been. Let Me instead remind you of eternity, in which your joy grows greater as your love extends along with Mine beyond infinity, where time and distance have no meaning. While you wait in sorrow Heaven’s melody is incomplete, because your song is part of the eternal harmony of love. Without you is creation unfulfilled. Return to Me Who never left My Son. Listen, My child, your Father calls to you. Do not refuse to hear the Call for Love. Do not deny to Christ what is His Own. Heaven is here and Heaven is your home.

S-3.IV.9. Creation leans across the bars of time to lift the heavy burden from the world. Lift up your hearts to greet its advent. See the shadows fade away in gentleness; the thorns fall softly from the bleeding brow of him who is the holy Son of God. How lovely are you, child of Holiness! How like to Me! How lovingly I hold you in My Heart and in My Arms. How dear is every gift to Me that you have made, who healed My Son and took him from the cross. Arise and let My thanks be given you. And with My gratitude will come the gift first of forgiveness, then eternal peace.

S-3.IV.10. So now return your holy voice to Me. The song of prayer is silent without you. The universe is waiting your release because it is its own. Be kind to it and to yourself, and then be kind to Me. I ask but this; that you be comforted and live no more in terror and in pain. Do not abandon Love. Remember this; whatever you may think about yourself, whatever you may think about the world, your Father needs you and will call to you until you come to Him in peace at last.


Supplementi di un Corso in miracoli.

PSICOTERAPIA




Scopo, Processo e Pratica




IL CANTO DELLA PREGHIERA




Preghiera, Perdono, Guarigione




FOUNDATION FOR INNER PEACE



I due supplementi Psicoterapia: Scopo, Processo, Pratica e Il canto della preghiera furono trascritti da Helen Schucman come lo fu Un corso in miracoli, e sono estensioni dei suoi principi.

Psicoterapia, iniziato nel 1973 e completato nel 1975, offre un riassunto dei principi del Corso in merito alla guarigione: due persone unite nel condividere un interesse o obiettivo comune. Sebbene apparentemente scritto per psicoterapeuti, tutti i lettori possono trarre beneficio dai suoi insegnamenti.

Il canto della preghiera fu scritto nel 1977 e i suoi tre capitoli riassumono gli insegnamenti del Corso su preghiera, perdono e guarigione. Dapprima presenta la comprensione di questi termini secondo la mente sbagliata dell’ego, che viene poi messa a contrasto con il modo di vedere della mente corretta dello Spirito Santo. Questi supplementi presuppongono una comprensione di base degli insegnamenti del Corso e sono utili aggiunte per lo studio e la pratica di Un corso in miracoli da parte degli studenti.

Psicoterapia

PSICOTERAPIA: Scopo, Processo e Pratica





Estensione dei principi di Un corso in miracoli






FOUNDATION FOR INNER PEACE



Indice
Introduzione

1. Lo scopo della psicoterapia

2. IL PROCESSO DELLA PSICOTERAPIA

         Introduzione
         I. I limiti della psicoterapia
         II. Il posto della religione nella psicoterapia
         III. Il ruolo dello psicoterapeuta
         IV. Il processo della malattia
         V. Il processo di guarigione
         VI. Definizione di guarigione
         VII. La relazione ideale tra paziente e terapeuta

3. LA PRATICA DELLA PSICOTERAPIA

         I. La selezione dei pazienti
         II. La psicoterapia è una professione?
         III. La questione del pagamento

Introduzione
1. La psicoterapia è la sola forma di terapia che c’è. 2Dal momento che solo la mente può essere malata, solo la mente può essere guarita. 3Solo la mente ha bisogno di guarigione. 4Non sembra essere così, perché le manifestazioni di questo mondo sembrano reali davvero. 5La psicoterapia è necessaria affinché un individuo possa incominciare a metterne in dubbio la realtà. 6Talvolta è in grado di incominciare ad aprire la propria mente senza un aiuto formale, ma anche in questo caso ciò che gli permette di farlo è sempre qualche cambiamento nella sua percezione delle relazioni interpersonali. 7Talvolta ha bisogno di una relazione più strutturata ed allargata con un terapeuta “ufficiale”. 8In entrambi i casi il compito è lo stesso: il paziente deve essere aiutato a cambiare la propria mente in merito alla “realtà” delle illusioni.

1. Lo scopo della psicoterapia
P-1.1. Molto semplicemente, lo scopo della psicoterapia è di eliminare i blocchi alla verità. 2Il suo compito è quello di aiutare il paziente ad abbandonare il suo sistema illusorio fisso ed iniziare a riconsiderare le false relazioni di causa ed effetto su cui si basa. 3Nessuno in questo mondo sfugge alla paura, ma tutti possono riconsiderarne le cause ed imparare a valutarle correttamente. 4Dio ha dato a tutti un Insegnante la Cui saggezza ed il Cui aiuto vanno ben oltre qualsiasi contributo possa essere fornito da un terapeuta terreno. 5Tuttavia ci sono momenti e situazioni in cui una relazione terrena paziente-terapeuta diventa il mezzo attraverso il quale Egli offre i Suoi doni più grandi ad entrambi.

P-1.2. Quale migliore scopo potrebbe avere una qualunque relazione se non invitare lo Spirito Santo ad entrare in essa e a darle il Suo grande dono di gioia? 2Quale obiettivo più grande potrebbe esserci per chiunque dell’imparare a rivolgersi a Dio e udire la Sua Risposta? 3E quale scopo più trascendente potrebbe esserci del richiamare alla memoria la Via, la Verità e la Vita e ricordare Dio? 4Lo scopo appropriato della psicoterapia è essere di aiuto in questo. 5C’è forse qualcosa che possa essere più santo? 6Perché la psicoterapia, correttamente compresa, insegna il perdono ed aiuta il paziente a riconoscerlo e ad accettarlo. 7E nella sua guarigione il terapeuta è perdonato con lui.

P-1.3. Chiunque abbia bisogno di aiuto, indipendentemente dalla forma della sua angoscia, sta attaccando se stesso, e la sua pace mentale sta soffrendo di conseguenza. 2Queste tendenze sono spesso descritte come “auto distruttive”*, ed il paziente stesso le vede spesso in questo modo. 3Ciò di cui egli non si rende conto e che ha bisogno di imparare è che questo “sé”*, che può attaccare ed anche essere attaccato, è un concetto che egli stesso ha inventato. 4Per di più egli lo coltiva, lo difende, e talvolta è persino disposto a “sacrificare” la propria “vita” in suo favore. 5Perché lo considera come se stesso. 6Questo sé egli lo vede come qualcosa su cui si agisce, che reagisce a forze esterne in base alle loro esigenze, e indifeso di fronte al potere del mondo.

P-1 4. La psicoterapia, allora, deve ripristinare la sua consapevolezza alla capacità di prendere le sue decisioni. 2Egli deve diventare disposto a capovolgere il suo modo di pensare e comprendere che ciò che egli pensava proiettasse i suoi effetti su di lui era fatto dalle sue proiezioni sul mondo. 3Il mondo che egli vede quindi non esiste. 4Fino a quando questo non sarà accettato almeno in parte, il paziente non sarà in grado di vedersi come veramente capace di prendere decisioni. 5E combatterà contro la sua libertà perché penserà che sia schiavitù.

P-1.5. Per fare dei progressi verso la salvezza il paziente non deve pensare alla verità come Dio. 2Ma deve incominciare a separare verità e illusione, riconoscendo che non sono la stessa cosa, e diventando sempre più disposto a vedere le illusioni come false e ad accettare la verità come vera. 3Il suo Insegnante lo porterà da questo punto fino a dove è pronto ad andare. 4La psicoterapia può solo fargli risparmiare del tempo. 5Lo Spirito Santo usa il tempo come pensa sia meglio, e non sbaglia mai. 6La psicoterapia sotto la Sua direzione è uno dei mezzi che Egli usa per risparmiare del tempo e per preparare ulteriori insegnanti al Suo lavoro. 7Non c’è fine all’aiuto che Egli inizia e che dirige. 8Qualunque sia la rotta che Egli sceglie, alla fine tutta la psicoterapia porta a Dio. 9Ma questo dipende da Lui. 10Noi siamo tutti Suoi psicoterapeuti, perché Egli vuole che siamo tutti guariti in Lui.

[NdT: il termine inglese self viene utilizzato sia per esprimere il sé che per indicare situazioni in cui ci si mette da sé ed in questo caso viene tradotto con “auto…”]

2. Il processo della psicoterapia

Introduzione
P-2.in.1. La psicoterapia è un processo che cambia il modo di vedere il sé. 2Nel migliore dei casi questo “nuovo” sé è un concetto di sé più benefico, ma difficilmente ci si può aspettare che la psicoterapia stabilisca la realtà. 3Questa non è la sua funzione. 4Se può preparare la strada alla realtà, ha raggiunto il suo successo finale. 5La sua intera funzione, alla fine, è di aiutare il paziente ad affrontare un errore basilare: il credere che la rabbia gli porti qualcosa che vuole davvero, e che giustificando l’attacco egli si stia proteggendo. 6Qualunque sia la misura in cui egli si rende conto che questo è un errore, quella sarà la misura in cui sarà davvero salvato.

P-2.in.2. I pazienti non entrano nella relazione terapeutica con questo obiettivo in mente. 2Al contrario, tali concetti significano poco per loro, o non avrebbero bisogno di aiuto. 3Il loro scopo è di essere in grado di mantenere il loro concetto di sé esattamente com’è, ma senza la sofferenza che esso implica. 4Tutto il loro equilibrio poggia sulla folle credenza che questo sia possibile. 5E siccome per la mente sana questo è chiaramente impossibile, ciò di cui sono alla ricerca è la magia. 6Nelle illusioni l’impossibile si ottiene facilmente, ma solo al costo di rendere vere le illusioni. 7Il paziente ha già pagato questo prezzo. 8Ora vuole un’illusione “migliore”.

P-2.in.3. All’inizio, quindi, l’obiettivo del paziente e quello del terapeuta sono in disaccordo. 2Sia il terapeuta che il paziente possono coltivare falsi concetti di sé, ma è inevitabile che le loro rispettive percezioni di “miglioramento” differiscano ancora. 3Il paziente spera di imparare ad ottenere i cambiamenti che vuole senza cambiare il proprio concetto di sé in una qualche misura che sia significativa. 4Di fatto egli spera di stabilizzarlo a sufficienza da includervi i poteri magici che cerca nella psicoterapia. 5Egli vuole rendere invulnerabile ciò che è vulnerabile ed illimitato ciò che è limitato. 6Il sé che vede è il suo dio, e cerca solo di servirlo al meglio.

P-2.in.4. Indipendentemente da quanto il terapeuta stesso possa essere sincero, egli deve voler cambiare il concetto di sé del paziente in qualche modo che egli creda sia reale. 2Il compito della terapia è di riconciliare queste differenze. 3C’è da sperare che entrambi impareranno a rinunciare ai loro obiettivi originali, perché è solo nelle relazioni che si può trovare la salvezza. 4All’inizio è inevitabile che tanto i pazienti quanto i terapeuti accettino obiettivi non realistici senza essere completamente liberi da implicazioni magiche. 5Alla fine nella mente di entrambi verrà rinunciato ad essi.

I. I limiti della psicoterapia
P-2.I.1. Tuttavia il risultato ideale viene raggiunto raramente. 2La terapia incomincia con la realizzazione che la guarigione pertiene alla mente, e nella psicoterapia si ritrovano insieme coloro che già credono in questo. 3Può darsi che essi non andranno molto più lontano, perché nessuno impara più di quanto è pronto a fare. 4Tuttavia i livelli di prontezza cambiano, e quando il terapeuta o il paziente hanno raggiunto il livello successivo, verrà loro offerta una relazione che soddisferà il cambiare del bisogno. 5Forse si ritroveranno ancora insieme ed avanzeranno nella stessa relazione, rendendola più santa. 6O forse ciascuno di essi entrerà in un altro impegno. 7Sii certo di questo: ciascuno di essi progredirà. 8La regressione è temporanea. 9La direzione generale è di progresso verso la verità.

P-2.I.2. La psicoterapia di per sé non può essere creativa. 2Questo è uno degli errori coltivati dall’ego: che essa sia capace di vero cambiamento e quindi di vera creatività. 3Quando parliamo di “illusione salvifica” o di “sogno finale”, non è questo che intendiamo, ma qui sta l’ultima difesa dell’ego. 4La “resistenza” è il suo modo di guardare le cose: la sua interpretazione di progresso e crescita. 5Queste interpretazioni saranno necessariamente sbagliate perché sono illusorie. 6I cambiamenti che l’ego cerca di fare non sono in realtà dei cambiamenti. 7Sono solo ombre più profonde, o forse schemi di nubi differenti. 8Tuttavia ciò che è fatto di niente non può essere chiamato nuovo o differente. 9Le illusioni sono illusioni; la verità è verità.

P-2.I.3. La resistenza, per come viene definita qui, può essere la caratteristica tanto di un terapeuta quanto di un paziente. 2In entrambi i casi, essa pone un limite alla psicoterapia perché ne restringe gli scopi. 3Né lo Spirito Santo può lottare contro le intrusioni dell’ego in un processo terapeutico. 4Ma Lui aspetterà, e la Sua pazienza è infinita. 5Il Suo obiettivo è sempre interamente indiviso. 6Qualsiasi soluzione il paziente ed il terapeuta raggiungano in connessione con i loro obiettivi divergenti, essi non possono essere completamente riconciliati come uno solo fino a quando non si uniranno al Suo. 7Solo allora ogni conflitto sarà finito, perché solo allora ci potrà essere certezza.

P-2.I.4. Idealmente la psicoterapia è una serie di incontri santi nei quali dei fratelli si incontrano per benedirsi reciprocamente e per ricevere la pace di Dio. 2E questo un giorno passerà per ogni “paziente” sulla faccia di questa terra, perché chi se non un paziente potrà mai essere arrivato qui? 3Il terapeuta è solo un insegnante di Dio in qualche modo più specializzato. 4Egli impara attraverso l’insegnamento, e più è avanzato, più insegna e più impara. 5Ma in qualunque stadio si trovi, ci sono pazienti che hanno bisogno di lui proprio in quel modo. 6Essi non possono prendere più di quello che egli può dare per ora. 7Tuttavia entrambi alla fine troveranno la sanità mentale.

II. Il posto della religione nella psicoterapia
IP-2.II.1. Per essere un insegnante di Dio non è necessario essere religiosi o persino credere in Dio in una qualche misura riconoscibile. 2È necessario, tuttavia, insegnare il perdono invece della condanna. 3Anche in questo non è richiesta una coerenza totale, perché colui che avesse raggiunto quel punto potrebbe insegnare la salvezza completamente, in un istante e senza una parola. 4Tuttavia colui che ha imparato ogni cosa non ha bisogno di un insegnante, e chi è guarito non ha bisogno di un terapeuta. 5Le relazioni sono tuttora il tempio dello Spirito Santo, e saranno rese perfette nel tempo e ripristinate all’eternità.

P-2.II.2. La religione formale non ha posto nella psicoterapia, ma non ha neanche un posto reale nella religione. 2In questo mondo c’è una sorprendente tendenza ad unire parole contraddittorie in un unico termine senza percepire affatto la contraddizione. 3È talmente ovvio che il tentativo di formalizzare la religione è un tentativo dell’ego di riconciliare ciò che non è riconciliabile, che non c’è bisogno di approfondimento qui. 4La religione è esperienza; la psicoterapia è esperienza. 5Ai livelli più elevati esse diventano una cosa sola. 6Nessuna di esse è di per sé verità, ma entrambe possono portare alla verità. 7Per trovare la verità, che rimane perfettamente ovvia, che cosa può essere necessario, se non eliminare gli ostacoli apparenti alla vera consapevolezza?

P-2.II.3. Chiunque impari a perdonare non può non riuscire a ricordare Dio. 2Il perdono allora è tutto ciò che è necessario insegnare, perché è tutto ciò che è necessario imparare. 3Tutti i blocchi al ricordo di Dio sono forme di non perdono, e nient’altro. 4Questo non è mai evidente per il paziente, e solo raramente lo è per il terapeuta. 5Il mondo ha schierato tutte le sue forze contro questa sola consapevolezza, perché in essa giace la fine del mondo e di tutto ciò che esso rappresenta.

P-2.II.4. Tuttavia non è la consapevolezza di Dio che costituisce un obiettivo ragionevole per la psicoterapia. 2Questa giungerà quando la psicoterapia sarà completa, perché dove c’è il perdono è inevitabile che giunga la verità. 3Sarebbe davvero ingiusto se fosse necessario credere in Dio perché la psicoterapia possa avere successo. 4Né il credere in Dio è un concetto veramente significativo, perché Dio può essere solo conosciuto. 5Credere implica che sia possibile non credere, ma la conoscenza di Dio non ha un vero opposto. 6Non conoscere Dio è non avere conoscenza, ed è a questo che porta tutto il non perdono. 7E senza conoscenza si può solo avere credenza.

P-2.II.5. Persone diverse sono attratte da strumenti d’apprendimento diversi. 2Alcune forme di religione non hanno niente a che fare con Dio, ed alcune forme di psicoterapia non hanno nulla a che fare con la guarigione. 3Tuttavia se l’allievo e l’insegnante si uniscono nel condividere un unico obiettivo, Dio entrerà nella loro relazione perché Egli è stato invitato ad entrarci. 4Allo stesso modo, un’unione di scopo tra paziente e terapeuta ripristina la supremazia di Dio prima attraverso la visione di Cristo e poi tramite il ricordo di Dio Stesso. 5Il processo di psicoterapia è il ritorno alla sanità mentale. 6Insegnante ed allievo, terapeuta e paziente, sono tutti folli o non sarebbero qui. 7Insieme possono trovare una via d’uscita, perché nessuno troverà la sanità mentale da solo.

P-2.II.6. Se la guarigione è un invito a Dio per entrare nel Suo Regno, che differenza fa il modo in cui l’invito viene scritto? 2Hanno forse importanza la carta, l’inchiostro, o la penna? 3Oppure è colui che scrive che fa l’invito? 4Dio giunge a coloro che vogliono ripristinare il Suo mondo, perché essi hanno trovato il modo di invocarLo. 5Se due persone qualsiasi si uniscono, Egli deve essere lì. 6Non importa quale sia il loro scopo, ma essi devono condividerlo completamente per avere successo. 7È impossibile condividere un obiettivo non benedetto da Cristo, perché ciò che non viene visto con i Suoi occhi è troppo frammentato per essere significativo.

P-2.II.7. Come la vera religione guarisce, così la vera psicoterapia deve essere religiosa. 2Ma entrambe hanno molte forme, perché nessun buon insegnante usa un solo approccio per ogni allievo. 3Al contrario, egli ascolta pazientemente ciascuno e lascia che sia lui a formulare il suo programma di studi: non l’obiettivo del programma di studi, ma come può meglio raggiungere lo scopo che il programma stabilisce per lui. 4Forse l’insegnante non pensa a Dio come parte dell’insegnamento. 5Forse lo psicoterapeuta non comprende che la guarigione viene da Dio. 6Essi possono avere successo dove molti che credono di aver trovato Dio falliranno.

P-2.II.8. Cosa deve fare l’insegnante per assicurare l’apprendimento? 2Cosa deve fare il terapeuta per produrre la guarigione? 3Solo un’unica sola: lo stesso requisito che la salvezza richiede a tutti. 4Ciascuno deve condividere un unico obiettivo con qualcun altro e, così facendo, perdere ogni senso che vi siano interessi separati. 5Solo così facendo è possibile trascendere gli stretti confini che l’ego vuole imporre sul sé. 6Solo così facendo possono l’insegnante e l’allievo, il terapeuta ed il paziente, e tu ed io, accettare la Riconciliazione ed imparare a darla come è stata ricevuta.

P-2.II.9. Da soli la comunione è impossibile. 2Nessuno che stia separato può ricevere la visione di Cristo. 3Gli viene porta, ma egli non è in grado di stendere la mano per riceverla. 4Che egli stia quieto e riconosca che il bisogno di suo fratello è il suo. 5E soddisfi, allora, i bisogni di suo fratello come fossero i suoi e veda che sono soddisfatti come fossero uno, perché tali sono. 6Cos’è la religione se non uno strumento per aiutarlo a vedere che è così? 7E cos’è la psicoterapia se non un aiuto proprio in questa stessa direzione? 8È l’obiettivo che fa di questi processi la stessa cosa, perché essi sono uno nello scopo e devono essere uno nei mezzi.

III. Il ruolo dello psicoterapeuta
P-2.III.1. Lo psicoterapeuta è un conduttore, nel senso che cammina leggermente avanti rispetto al paziente e lo aiuta ad evitare alcune delle trappole sul cammino poiché le vede prima. 2Idealmente egli è anche un seguace, perché Qualcuno dovrebbe camminare davanti a lui per dargli la luce per vedere. 3Senza questo Qualcuno, entrambi incespicheranno, proseguendo semplicemente alla cieca senza andare da nessuna parte. 4È tuttavia impossibile che questo Qualcuno sia completamente assente se l’obiettivo è la guarigione. 5Egli può tuttavia non essere riconosciuto. 6E così la piccola luce che può essere allora accettata è tutto ciò che c’è per illuminare il cammino verso la verità.

P-2.III.2. La guarigione è limitata dalle limitazioni dello psicoterapeuta, così come è limitata da quelle del paziente. 2Lo scopo del processo, quindi, è trascendere questi limiti. 3Nessuno dei due può farlo da solo, ma quando si uniscono viene data loro la potenzialità di trascendere ogni limitazione. 4Ora la misura del loro successo dipende da quanto di questa potenzialità sono disposti ad usare. 5La disponibilità può venire da uno qualsiasi dei due all’inizio, e crescerà man mano che l’altro la condivide. 6Il progresso diventa una questione di decisione: può raggiungere quasi il Cielo o non avanzare più di un passo o due dall’inferno.

P-2.III.3. È assolutamente possibile che la psicoterapia sembri fallire. 2È persino possibile che il risultato sembri essere simile ad una regressione. 3Ma alla fine deve esserci un qualche successo. 4Uno chiede aiuto: un altro ascolta e cerca di rispondere sotto forma di aiuto. 5Questa è la formula della salvezza, e deve guarire. 6Solo obiettivi divisi possono interferire con una perfetta guarigione. 7Un solo terapeuta completamente senza ego può guarire il mondo senza una parola, semplicemente col suo esserci. 8Non c’è bisogno che qualcuno lo veda, che gli parli o persino che sappia della sua esistenza. 9La sua semplice Presenza è sufficiente a guarire.

P-2.III.4. Il terapeuta ideale è uno con Cristo. 2Ma la guarigione è un processo, non un fatto. 3Il terapeuta non può progredire senza il paziente, ed il paziente non può essere pronto a ricevere il Cristo o non potrebbe essere malato. 4In un certo senso, lo psicoterapeuta senza ego è un’astrazione che sta alla fine del processo di guarigione, troppo avanzato per credere nella malattia e troppo vicino a Dio per tenere i piedi sulla terra. 5Ora egli può aiutare tramite coloro che hanno bisogno d’aiuto, perché in questo modo egli porta avanti il piano stabilito per la salvezza. 6Lo psicoterapeuta diventa il suo paziente, lavorando attraverso altri pazienti per esprimere i suoi pensieri man mano che li riceve dalla Mente di Cristo.

IV. Il processo della malattia
P-2.IV.1. Dal momento che ogni terapia è psicoterapia, ogni malattia è una malattia mentale. 2È un giudizio sul Figlio di Dio, ed il giudizio è un’attività mentale. 3Il giudizio è una decisione, fatta in continuazione, contro la creazione ed il suo Creatore. 4È la decisione di percepire l’universo come avresti voluto crearlo tu. 5È la decisione che la verità possa mentire e debba essere menzogne. 6Cosa, dunque, può essere la malattia se non un’espressione di tristezza e di colpa? 7E chi può piangere se non per la propria innocenza?

P-2.IV.2. Una volta che il Figlio di Dio viene visto come colpevole, la malattia diventa inevitabile. 2È stata chiesta e sarà ricevuta. 3E tutti coloro che chiedono la malattia si sono ora condannati a cercare rimedi che non possono essere d’aiuto, perché la loro fede è nella malattia e non nella salvezza. 4Non ci può essere nulla su cui un cambiamento di mente non possa incidere, perché tutte le cose esterne sono solo ombre di una decisione già presa. 5Cambia la decisione, e come può restarne immutata l’ombra? 6La malattia può essere solo l’ombra della colpa, grottesca e brutta poiché mima la deformità. 7Se una deformità viene vista come reale, come può essere la sua ombra se non deformata?

P-2.IV.3. Una volta che è stata presa la decisione che la colpa è reale, la discesa all’inferno prosegue passo dopo passo con un corso inevitabile. 2Malattia, morte e miserevolezza ora vanno furtivamente a caccia sulla terra con ondate implacabili, talvolta insieme e talvolta in torva successione. 3Tuttavia tutte queste cose, per quanto possano sembrare reali, sono solo illusioni. 4Chi può aver fede in esse una volta che si è reso conto di ciò? 5E chi può non aver fede in esse finché non si è reso conto di ciò? 6La guarigione è terapia o correzione e, lo abbiamo già detto e lo diremo ancora, ogni terapia è psicoterapia. 7Guarire i malati non è che portare ad essi la questa comprensione.

P-2.IV.4. La parola “cura” ha acquisito cattiva reputazione tra i più “rispettabili” terapeuti del mondo, e giustamente. 2Perché nessuno di essi può curare, e nessuno di essi comprende la guarigione. 3Nel peggiore dei casi, essi non fanno che rendere il corpo reale nella propria mente, e avendo fatto ciò, cercano la magia con cui curare i mali con cui le loro menti lo dotano. 4Come può curare un simile processo? 5È ridicolo dall’inizio alla fine. 6Tuttavia, essendo iniziato, deve finire così. 7È come se Dio fosse il diavolo e debba essere trovato nel male. 8Come potrebbe essere lì l’amore? 9E come può curare la malattia? 10Entrambe queste domande non sono una sola domanda?

P-2.IV.5. Nel migliore dei casi, e il termine qui può forse essere discutibile, i “guaritori” del mondo possono riconoscere che la mente è la fonte della malattia. 2Ma il loro errore sta nel credere che essa possa curare se stessa. 3Questo ha qualche merito in un mondo dove il concetto “gradi di errore” ha significato. 4Tuttavia è inevitabile che le loro cure siano temporanee, ovvero che al loro posto sorga un’altra malattia, poiché la morte non sarà superata fino a quando non verrà capito il significato dell’amore. 5E chi può comprendere ciò senza la Parola di Dio, data da Lui allo Spirito Santo come Suo dono per te?

P-2.IV.6. Ogni tipo di malattia può essere definito come il risultato di un modo di vedere il sé debole, vulnerabile, malvagio e in pericolo e così bisognoso di difesa costante. 2Tuttavia se il sé fosse realmente così, la difesa sarebbe impossibile. 3Pertanto le difese che si cercano devono essere magiche. 4Devono superare ogni limite percepito nel sé, facendo allo stesso tempo un nuovo concetto di sé al quale il vecchio non può tornare. 5In una parola, l’errore viene accettato come reale e trattato solo con illusioni. 6Avendo portato la verità nelle illusioni, la realtà ora diventa una minaccia e viene percepita come malvagia. 7L’amore diventa qualcosa di cui avere paura perché la realtà è amore. 8Così si chiude il cerchio contro le “incursioni” della salvezza.

P-2.IV.7. La malattia è dunque un errore ed ha bisogno di correzione. 2E come abbiamo già sottolineato, la correzione non può essere raggiunta stabilendo prima la “giustezza” dell’errore per poi guardare oltre. 3Se la malattia fosse reale in verità non sarebbe possibile guardarvi oltre, perché guardare oltre la realtà è follia. 4Tuttavia questo è lo scopo della magia: rendere vere le illusioni attraverso la falsa percezione. 5Ciò non può guarire, poiché si oppone alla verità. 6Forse un’illusione di salute ne prende il posto per un po’, ma non a lungo. 7La paura non può essere tenuta a lungo nascosta dalle illusioni, poiché è parte di esse. 8Sfuggirà ed assumerà un’altra forma, dal momento che è la fonte di tutte le illusioni.

P-2.IV.8. La malattia è follia perché ogni malattia è una malattia mentale, ed in essa non ci sono gradi. 2Una delle illusioni con cui la malattia viene percepita come reale è che la malattia vari d’intensità: che il grado di minaccia differisca a seconda della forma che assume. 3In questo sta la base di ogni errore, poiché tutti non sono che tentativi di compromesso vedendo solo un pezzettino d’inferno. 4Questo è un inganno talmente alieno a Dio che deve essere per sempre inconcepibile. 5Ma i folli ci credono perché sono folli.

P-2.IV.9. Un pazzo difenderà le proprie illusioni perché in esse vede la propria salvezza. 2Così attaccherà colui che cerca di salvarlo da esse, credendo che lo stia attaccando. 3Questo circolo curioso di attacco-difesa è uno dei problemi più difficili che lo psicoterapeuta deve affrontare. 4Di fatto questo è il suo compito centrale: il nucleo della psicoterapia. 5Il terapeuta viene visto come qualcuno che sta attaccando la cosa più cara che il paziente possiede: la sua immagine di se stesso. 6E siccome questa immagine è diventata la sicurezza del paziente per come questi la percepisce, il terapeuta non può che essere visto come una vera fonte di pericolo, da attaccare e persino uccidere.

P-2.IV.10. Lo psicoterapeuta, quindi, ha una responsabilità tremenda. 2Deve andare incontro all’attacco senza attaccare, e quindi senza difese. 3È compito suo dimostrare che le difese non sono necessarie e che l’assenza di difese è forza. 4Questo dev’essere il suo insegnamento, se la sua lezione è che si è al sicuro nell’essere sani di mente. 5Non si potrà mai ribadire abbastanza che il folle crede che essere sani di mente sia una minaccia. 6Questo è il corollario del “peccato originale”: il credere che la colpa sia reale e pienamente giustificata. 7È quindi funzione dello psicoterapeuta insegnare che la colpa, essendo irreale, non può essere giustificata. 8Ma non è nemmeno sicura. 9E così deve rimanere non voluta oltre che irreale.

P-2.IV.11. La sola dottrina della salvezza è l’obiettivo di ogni terapia. 2Solleva la mente dal folle fardello della colpa che porta in maniera così logorante, e la guarigione è raggiunta. 3Il corpo non viene curato. 4Viene semplicemente riconosciuto per quello che è. 5Visto nel modo corretto, se ne può comprendere lo scopo. 6Allora che bisogno c’è della malattia? 7Fatto questo singolo cambiamento, tutto il resto seguirà. 8Non c’è bisogno di un cambiamento complicato. 9Non c’è bisogno di lunghe analisi, discussioni e ricerche logoranti. 10La verità è semplice, essendo una per tutto.

V. Il processo di guarigione
P-2.V.1. Pur essendo semplice, la verità deve essere insegnata a coloro che hanno già perso la strada negli infiniti labirinti della complessità. 2Questa è la grande illusione. 3Come conseguenza viene la credenza inevitabile che, per essere al sicuro, si debba controllare l’ignoto. 4Questa strana credenza fa affidamento su certi passi che non raggiungono mai la coscienza. 5In primo luogo, viene introdotta dal credere che ci siano forze da superare per essere vivi del tutto. 6E poi sembra che queste forze possano essere tenute a bada solo da un tronfio senso di sé, che mantenga nell’oscurità ciò che si sente davvero e cerchi di innalzare alla luce le illusioni.

P-2.V.2. Ricordiamoci che coloro che vengono da noi in cerca d’aiuto hanno una paura piena di amarezza. 2Ciò che essi credono possa essere d’aiuto può solo far del male: solo ciò che loro credono possa far del male può essere d’aiuto. 3Il progresso diventa impossibile fintanto che il paziente non venga persuaso a capovolgere il suo modo distorto di guardare il mondo: il suo modo distorto di guardare se stesso. 4La verità è semplice. 5Tuttavia deve essere insegnata a coloro che pensano li possa mettere in pericolo. 6E deve essere insegnata a coloro che attaccheranno perché si sentono in pericolo, ed a coloro che hanno bisogno, sopra ogni altra cosa, della lezione di assenza di difese, per mostrare loro cosa sia la forza.

P-2.V.3. Se questo mondo fosse ideale, ci potrebbe forse essere una terapia ideale. 2E tuttavia sarebbe inutile in uno stato ideale. 3Parliamo di insegnamento ideale in un mondo in cui il perfetto insegnante non potrebbe rimanere a lungo: lo psicoterapeuta perfetto non è che il barlume di un pensiero non ancora concepito. 4Ma tuttavia parliamo di ciò che può ancora essere fatto per aiutare i folli entro i confini di ciò che può essere raggiunto. 5Finché sono malati, essi possono e devono essere aiutati. 6Alla psicoterapia non viene chiesto niente più di questo: niente di meno di ciò che ha da dare è degno di un terapeuta. 7Perché Dio Stesso porge suo fratello come suo Salvatore dal mondo.

P-2.V.4. La guarigione è santa. 2Niente al mondo è più santo dell’aiutare qualcuno che chiede aiuto. 3E due si avvicinano moltissimo a Dio con questo tentativo, per quanto limitato, per quanto privo di sincerità. 4Dove due si sono uniti per la guarigione c’è Dio. 5Ed Egli ha garantito che li udrà e risponderà loro in verità. 6Possono essere certi che la guarigione è un processo diretto da Lui, perché è in accordo con la Sua Volontà. 7Abbiamo la Sua Parola a guidarci, mentre cerchiamo di aiutare i nostri fratelli. 8Non dimentichiamo che da soli siamo inermi e dipendiamo da una Forza che è al di là della nostra piccola portata in merito a cosa insegnare tanto quanto a cosa imparare.

P-2.V.5. Un fratello in cerca d’aiuto può portarci doni che vanno oltre le vette percepite in qualsiasi sogno. 2Ci offre la salvezza, perché viene a noi come Cristo e Salvatore. 3Ciò che chiede è chiesto da Dio per mezzo suo. 4E ciò che facciamo per lui diventa il dono che offriamo a Dio. 5La sacra richiesta di aiuto del santo Figlio di Dio nella sua percepita angoscia può avere risposta solo da suo Padre. 6Tuttavia Egli ha bisogno di una voce tramite la quale pronunciare la Sua santa Parola: una mano per raggiungere Suo Figlio e toccare il suo cuore. 7In tale processo, chi non può essere guarito? 8Questa santa interazione è il piano di Dio Stesso, tramite il quale Suo Figlio viene salvato.

P-2.V.6. Perché due si sono uniti. 2Ed ora le promesse di Dio vengono da Lui mantenute. 3I limiti posti sia sul paziente che sul terapeuta conteranno come nulla, perché ha avuto inizio la guarigione. 4Il loro Padre completerà ciò che loro devono incominciare. 5Perché Egli non ha mai chiesto niente più della più piccola disponibilità, del minimo passo avanti, del più minuscolo sussurro del Suo Nome. 6Chiedere aiuto, qualunque forma assuma, non è che invocare Lui. 7Ed Egli manderà la Sua Risposta attraverso il terapeuta che potrà meglio servire Suo Figlio in tutti i suoi attuali bisogni. 8Forse la risposta non sembra essere un dono del Cielo. 9Può persino sembrare un peggioramento e non un aiuto. 10Tuttavia il risultato non deve essere giudicato da noi.

P-2.V.7. Da qualche parte tutti i doni di Dio devono essere ricevuti. 2Col tempo nessuno sforzo può essere fatto invano. 3Non è la nostra perfezione che viene chiesta con i nostri tentativi di guarire. 4Siamo già ingannati se pensiamo che ci sia un bisogno di guarigione. 5E la verità giungerà a noi solo attraverso colui che sembra condividere il nostro sogno di malattia. 6Aiutiamolo a perdonarsi per tutte le trasgressioni per cui vorrebbe condannarsi senza una causa. 7La sua guarigione è la nostra. 8E nel momento in cui vedremo risplendere in lui l’assenza di peccato attraverso il velo della colpa che avvolge il Figlio di Dio, vedremo in lui il volto di Cristo, e comprenderemo che non è che il nostro.

P-2.V.8. Stiamo in silenzio davanti alla Volontà di Dio, e facciamo ciò che essa ha scelto che facciamo. 2C’è una sola strada attraverso la quale giungiamo nel luogo ove ebbero inizio tutti i sogni. 3Ed è lì che li deporremo, per allontanarci in pace per sempre. 4Odi un fratello chiedere aiuto e rispondigli. 5Sarà a Dio Che risponderai, perché ti sei rivolto a Lui. 6Non c’è altro modo per udire la Sua Voce. 7Non c’è altro modo per cercare Suo Figlio. 8Non c’è altro modo per trovare il tuo Sé. 9Santa è la guarigione, perché il Figlio di Dio ritorna al Cielo attraverso il suo abbraccio gentile. 10Perché la guarigione gli dice, con la Voce che parla per Dio, che tutti i suoi peccati gli sono stati perdonati.

VI. Definizione di guarigione
P-2.VI.1. Il processo della psicoterapia, allora, può essere semplicemente definito come perdono, perché nessuna guarigione può essere qualcos’altro. 2Coloro che non perdonano sono malati, poiché credono di non essere perdonati. 3Il restare attaccati alla colpa, al suo stretto abbraccio e al suo riparo, alla sua amorevole protezione e vigile difesa: tutto ciò non è che un torvo rifiuto di perdonare. 4“Dio non può entrare qui” ripetono di continuo i malati, mentre piangono la loro perdita e tuttavia gioiscono in essa. 5La guarigione avviene quando un paziente incomincia a udire la nenia funebre che canta e ne mette in dubbio la validità. 6Fino a quando non la ode non può comprendere che è lui che la canta a se stesso. 7Ascoltarla è il primo passo verso la guarigione. 8Metterla in dubbio deve dunque essere la sua scelta.

P-2.VI.2. C’è la tendenza, ed è molto forte, ad udire questo canto di morte solo un istante, per poi scartarlo senza che sia corretto. 2Queste fuggevoli consapevolezze rappresentano le molte opportunità dateci per “cambiare” letteralmente “ la nostra intonazione”. 3Al suo posto può essere udito il suono della guarigione. 4Ma prima deve sorgere la disponibilità a mettere in dubbio la “verità” del canto di condanna. 5Le strane distorsioni intessute in maniera inestricabile nel concetto di sé, che di per sé non è che una pseudo creazione, fanno sembrare davvero bello questo brutto suono. 6Al posto degli strilli forti e discordanti possono essere uditi “il ritmo dell’universo”, “il canto dell’angelo messaggero” ed altro ancora.

P-2.VI.3. L’orecchio traduce: non sente. 2L’occhio riproduce: non vede. 3Il loro compito è rendere gradevole qualunque cosa venga richiamata, per quanto sgradevole possa essere. 4Essi rispondono alle decisioni della mente, riproducendone i desideri e traducendoli in forme accettabili e piacevoli. 5Talvolta il pensiero che sta dietro la forma irrompe, ma solo molto brevemente, e la mente si impaurisce ed incomincia a dubitare della propria sanità. 6Tuttavia non permetterà ai suoi schiavi di cambiare le forme che vedono, i suoni che odono. 7Questi sono i suoi “rimedi”; le sue “protezioni” dalla follia.

P-2.VI.4. Queste testimonianze portate dai sensi non hanno che un unico scopo: giustificare l’attacco e così mantenere il non perdono non riconosciuto per quello che è. 2Visto senza maschere è intollerabile. 3Senza protezione non potrebbe sopravvivere. 4Qui viene coltivata ogni malattia, ma senza riconoscere che è così. 5Perché quando un non perdono non viene riconosciuto, la forma che assume sembra essere qualcos’altro. 6Ed ora è il “qualcos’altro” che sembra spaventare. 7Ma non è il “qualcos’altro” che può essere guarito. 8Non è malato e non ha bisogno di alcun rimedio. 9È futile concentrare qui i tuoi sforzi di guarigione. 10Chi può curare ciò che non può essere malato e farlo stare bene?

P-2.VI.5. La malattia assume molte forme, e così fa il non perdono. 2Le forme dell’uno non fanno che riprodurre le forme dell’altro, perché sono la stessa illusione. 3Uno si traduce nell’altro in modo così stretto, che l’attento studio della forma che una malattia assume indicherà molto chiaramente la forma di non perdono che essa rappresenta. 4Tuttavia il vedere ciò non avrà come effetto una cura. 5Questa viene raggiunta solo con un unico riconoscimento: che solo il perdono guarisce un non perdono, e solo un non perdono può dare origine a qualsiasi tipo di malattia.

P-2.VI.6. Questa realizzazione è l’obiettivo finale della psicoterapia. 2Come la si raggiunge? 3Il terapeuta vede nel paziente tutto ciò che non ha perdonato in se stesso, e gli viene così offerta un’altra opportunità di guardarlo, aprirsi ad una rivalutazione di esso e perdonarlo. 4Quando accade ciò, egli vede che i suoi peccati sono andati in un passato che qui non c’è più. 5Fino a quando non fa ciò deve pensare che il male incomba su di lui qui ed ora. 6Il paziente è il suo schermo su cui proiettare i suoi peccati, permettendogli di lasciarli andare. 7Trattenga una sola macchia di peccato in ciò che vede, e la sua liberazione è parziale e non sarà sicura.

P-2.VI.7. Nessuno è guarito da solo. 2Questo è il canto gioioso che la salvezza canta a tutti coloro che odono la sua Voce. 3Questa affermazione non può essere ricordata troppo spesso da tutti coloro che si vedono come terapeuti. 4I loro pazienti possono solo essere visti come i portatori di perdono, perché sono loro che vengono a dimostrare la loro assenza di peccato ad occhi che ancora credono che vi sia del peccato da vedere. 5Tuttavia la prova dell’assenza di peccato, vista nel paziente ed accettata nel terapeuta, offrirà alla mente di entrambi un patto nel quale essi si incontrano, si uniscono e sono una cosa sola.

VII. La relazione ideale paziente-terapista
P-2.VII.1. Chi, dunque, è il terapeuta e chi il paziente? 2Alla fine ciascuno è entrambi. 3Chi ha bisogno di guarigione deve guarire. 4Medico, guarisci te stesso. 5Chi altri c’è da guarire? 6E chi altro ha bisogno di guarigione? 7Ogni paziente che va da un terapeuta offre a quest’ultimo un’opportunità di guarirsi. 8Egli è dunque il suo terapeuta. 9E ogni terapeuta deve imparare a guarire da ogni paziente che va da lui. 10Egli così diventa il suo paziente. 11Dio non conosce la separazione. 12Ciò che Egli sa è solo che ha un unico Figlio. 13La Sua conoscenza si riflette nella relazione ideale tra paziente e terapeuta. 14Dio va da colui che chiama, ed in Lui egli riconosce Sé Stesso.

P-2.VII.2. Pensa attentamente, insegnante e terapeuta, per chi preghi e chi ha bisogno di guarigione. 2Perché la terapia è preghiera, e la guarigione è il suo scopo ed il suo risultato. 3Cos’è la preghiera se non l’unirsi delle menti in una relazione nella quale Cristo può entrare? 4Questa è la Sua casa, nella quale la psicoterapia Lo invita. 5Cos’è la cura del sintomo quando ce n’è sempre un altro da scegliere? 6Ma una volta che Cristo vi entra, quale scelta c’è se non farLo restare? 7Non c’è bisogno di più di questo, perché questo è tutto. 8La guarigione è qui, con la felicità e la pace. 9Questi sono i “sintomi” della relazione ideale tra paziente e terapeuta, in sostituzione di quelli con cui il paziente arriva per chiedere aiuto.

P-2.VII.3. Il processo che avviene in questa relazione è effettivamente quello in cui il terapeuta in cuor suo dice al paziente che tutti i suoi peccati gli sono stati perdonati, insieme ai suoi. 2Quale potrebbe essere la differenza tra guarigione e perdono? 3Solo Cristo perdona, poiché conosce la Propria assenza di peccato. 4La Sua visione guarisce la percezione e la malattia scompare. 5Né ritornerà più, una volta che ne sarà stata eliminata la causa. 6Questo, tuttavia, richiede l’aiuto di un terapeuta molto avanzato, capace di unirsi con il paziente in una relazione santa in cui ogni senso di separazione è alla fine superato.

P-2.VII.4. Per questo è richiesta un’unica cosa, e un’unica cosa soltanto: che il terapeuta non confonda in alcun modo se stesso con Dio. 2Tutti i “guaritori non guariti” fanno questa confusione fondamentale in una forma o nell’altra, perché è inevitabile che si vedano come creati da sé anziché creati da Dio. 3Questa confusione è raramente, se non mai, nella consapevolezza, o il guaritore non guarito diventerebbe istantaneamente un insegnante di Dio, dedicando la propria vita alla funzione della vera guarigione. 4Prima di raggiungere questo punto, pensava che il processo terapeutico dipendesse da lui e che lui fosse quindi responsabile del suo risultato. 5Gli errori del suo paziente diventavano così i suoi fallimenti, e la colpa diventava il coperchio, oscuro e forte, di ciò che dovrebbe essere la santità di Cristo. 6La colpa è inevitabile in coloro che usano il loro giudizio nel prendere le decisioni. 7La colpa è impossibile in coloro tramite i quali parla lo Spirito Santo.

P-2.VII.5. Il superamento della colpa è il vero scopo della terapia e l’evidente scopo del perdono. 2In questo può essere vista chiaramente che sono una cosa sola. 3Tuttavia chi può fare esperienza della fine della colpa se, nel ruolo di sua guida, si sente responsabile per suo fratello? 4Tale funzione presuppone una conoscenza che nessuno qui può avere: la certezza di passato, presente e futuro e di tutti gli effetti che possono accadere in essi. 5Solo da questo punto di vista onnisciente tale ruolo sarebbe possibile. 6Tuttavia nessuna percezione è onnisciente, né il minuscolo sé di uno solo, da solo contro l’universo, è in grado di dare per scontato di avere tale saggezza se non nella follia. 7Che molti terapeuti sono matti è evidente. 8Nessun guaritore non guarito può essere totalmente sano di mente.

P-2.VII.6. Tuttavia è tanto folle non accettare una funzione che Dio ti ha dato quanto inventarne una che Egli non ti ha dato. 2Il terapeuta avanzato non può in alcun modo dubitare del potere che c’è in lui. 3Né dubita della Fonte di tale potere. 4Egli comprende che tutto il potere in Cielo e in terra gli appartiene grazie a ciò che è. 5Ed è ciò grazie al suo Creatore, il Cui Amore è in lui e Che non può fallire. 6Pensa a cosa significa ciò: egli ha da donare i doni di Dio Stesso. 7I suoi pazienti sono i santi di Dio, i quali ricorrono alla sua santità per renderla loro. 8E non appena egli la dona loro, essi vedono il volto risplendente di Cristo che li guarda a sua volta.

P-2.VII.7. I folli, pensando di essere Dio, non hanno paura a offrire debolezza al Figlio di Dio. 2Ma hanno davvero paura di ciò che vedono in lui a causa di ciò. 3Il guaritore non guarito non può che aver paura dei suoi pazienti, e li sospetta per il tradimento che vede in lui. 4Egli cerca di guarire, e così talvolta può. 5Ma non avrà successo, se non in una certa misura e per un po’. 6Egli non vede il Cristo in colui che chiama. 7Che risposta può dare a chi sembra essere uno straniero: alieno alla verità e povero di saggezza, senza il dio che deve essergli dato? 8Vedi il tuo Dio in lui, perché ciò che vedi sarà la tua Risposta.

P-2.VII.8. Pensa a cosa significa veramente l’unione di due fratelli. 2E poi dimentica il mondo e tutti i suoi piccoli trionfi ed i suoi sogni di morte. 3Coloro che sono uguali sono uno, e nulla ora può essere ricordato del mondo della colpa. 4La stanza diventa un tempio, e la strada un fiume di stelle che con leggerezza spazza via tutti i sogni malaticci. 5La guarigione è avvenuta, perché ciò che è perfetto non ha bisogno di guarigione, e cosa resta da perdonare dove non c’è peccato?

P-2.VII.9. Sii grato, terapeuta, di poter vedere cose come questa, se solo comprendi il tuo giusto ruolo. 2Ma se mancherai in ciò, avrai negato che Dio ti ha creato e così non saprai di essere Suo Figlio. 3Chi è tuo fratello ora? 4Quale santo può venire a condurti a casa con lui? 5Hai perso la strada. 6E puoi forse aspettarti ora di vedere in lui una risposta che hai rifiutato di dare? 7Guarisci e sii guarito. 8Non c’è altra scelta di percorsi che possa mai condurre alla pace. 9Oh, permetti al tuo paziente di entrare, poiché è venuto a te da Dio. 10La sua santità non è forse sufficiente a risvegliare in te il ricordo di Lui?

3. La pratica della psicoterapia

1. La selezione dei pazienti
CmP-3.I.1. Chiunque ti venga mandato è un tuo paziente. 2Ciò non significa che tu lo scelga, né che tu scelga il tipo di trattamento adatto. 3Ma significa che nessuno viene a te per errore. 4Non ci sono errori nel piano di Dio. 5Sarebbe un errore, tuttavia, dare per scontato che sai cosa offrire a chiunque venga. 6Questo non sta a te deciderlo. 7C’è la tendenza a dare per scontato che tu sia costantemente invitato a sacrificarti per quelli che vengono. 8Questo non può essere vero. 9Esigere il sacrificio di te stesso significa esigere il sacrificio di Dio, ed Egli non conosce sacrificio. 10Chi può chiedere alla Perfezione di essere imperfetta?

P-3.I.2. Chi, dunque, decide cos’abbia bisogno ogni fratello? 2Sicuramente non tu, che non riconosci ancora chi è colui che chiede. 3C’è Qualcosa in lui che te lo dirà, se ascolti. 4E quella è la risposta: ascolta. 5Non esigere, non decidere, non sacrificarti. 6Ascolta. 7Ciò che senti è vero. 8Dio potrebbe forse mandarti Suo Figlio e non essere sicuro che tu riconosca i suoi bisogni? 9Pensa a cosa Dio ti sta dicendo: Egli ha bisogno che la tua voce parli per Lui. 10Potrebbe esserci qualcosa di più santo? 11O un dono più grande per te? 12Preferiresti scegliere chi dovrebbe essere dio, o udire la Voce di Colui Che è Dio in te?

P-3.I.3. Non c’è bisogno che i tuoi pazienti siano fisicamente presenti perché tu li serva nel Nome di Dio. 2Questo può essere difficile da ricordare, ma Dio non vuole che i Suoi doni per te siano limitati ai pochi che vedi effettivamente. 3Puoi anche vedere altri, perché il vedere non è limitato agli occhi del corpo. 4Alcuni non hanno bisogno della tua presenza fisica. 5Hanno altrettanto bisogno di te, e forse anche di più, nell’istante in cui vengono mandati. 6Li riconoscerai in qualunque modo sia più utile ad entrambi. 7Non importa come arrivano. 8Saranno inviati in qualunque forma sia più utile: un nome, un pensiero, un’immagine, un’idea, o forse solo la sensazione di protendersi verso qualcuno da qualche parte. 9L’unione è nelle mani dello Spirito Santo. 10Non può non essere portata a termine.

P-3.I.4. Un terapeuta santo, un insegnante di Dio avanzato, non dimentica mai una cosa: non è stato lui a fare il programma di studi della salvezza, né ha stabilito la sua parte in esso. 2Egli comprende che la sua parte è necessaria al tutto, e che attraverso essa egli riconoscerà il tutto quando la sua parte sarà completa. 3Nel frattempo egli deve imparare, ed i suoi pazienti sono il mezzo inviatogli per il suo apprendimento. 4Cosa potrebbe essere se non grato per loro e nei loro confronti? 5Essi giungono portando Dio. 6Rifiuterebbe forse questo Dono per un sassolino, o chiuderebbe forse la porta in faccia al Salvatore del mondo per far entrare un fantasma? 7Non permettergli di tradire il Figlio di Dio. 8Chi si rivolge a lui è molto al di là della sua comprensione. 9Tuttavia non sarebbe forse felice di poter rispondere, quando solo così sarà in grado di sentire il richiamo e comprendere che è suo?

II. La psicoterapia è una professione?
P-3.II.1. Strettamente parlando la risposta è no. 2Come può, quella in cui ognuno è impegnato, essere una professione separata? 3E come potrebbe essere posto alcun limite su un’interazione nella quale ciascuno è sia paziente che terapeuta in ogni relazione in cui entra? 4Tuttavia, parlando in termini pratici, si può ancora dire che c’è chi si dedica primariamente ad un tipo di guarigione o ad un altro come sua funzione principale. 5Ed è a questi che si rivolge per chiedere aiuto un grande numero di altre persone. 6Questa, di fatto, è la pratica della terapia. 7Questi sono dunque gli aiutanti “ufficiali”. 8Essi si dedicano a certi tipi di bisogno nella loro attività professionale, sebbene possano essere insegnanti più capaci al di fuori di essa. 9Queste persone non hanno bisogno di regole speciali, naturalmente, ma possono essere chiamate ad utilizzare speciali applicazioni dei principi generali della guarigione.

P-3.II.2. Per prima cosa il terapeuta professionale è in una posizione eccellente per dimostrare che non c’è ordine di difficoltà nella guarigione. 2Per questo, tuttavia, ha bisogno di un addestramento speciale, perché il programma di studi attraverso il quale è diventato terapeuta probabilmente gli ha insegnato poco o niente dei reali principi della guarigione. 3Di fatto probabilmente gli ha insegnato come rendere impossibile la guarigione. 4La maggior parte degli insegnamenti del mondo seguono un programma di studi basato sul giudizio, allo scopo di fare del terapeuta un giudice.

P-3.II.3. Lo Spirito Santo può usare persino questo, e lo userà, con il più piccolo invito. 2Il guaritore non guarito può essere arrogante, egoista, indifferente e di fatto disonesto. 3Può non essere interessato alla guarigione come suo obiettivo principale. 4Tuttavia gli è successo qualcosa, per quanto piccolo, quando ha scelto di essere un guaritore, per quanto mal guidata possa essere la direzione che può aver scelto. 5Quel “qualcosa”è sufficiente. 6Prima o poi quel qualcosa emergerà e crescerà: un paziente toccherà il suo cuore ed il terapeuta gli chiederà silenziosamente aiuto. 7Ha lui stesso trovato un terapeuta. 8Ha chiesto allo Spirito Santo di entrare nella relazione e di guarirla. 9Ha accettato la Riconciliazione per se stesso.

P-3.II.4. Si dice che Dio abbia guardato tutto ciò che ha creato ed abbia detto che era buono. 2No, Egli dichiarò che era perfetta, ed era così. 3E siccome le Sue creazioni non cambiano e durano per sempre, è così anche ora. 4Tuttavia non possono esistere né un terapeuta perfetto né un paziente perfetto. 5Entrambi devono aver negato la loro perfezione, perché proprio il loro bisogno reciproco implica un senso di mancanza. 6Una relazione uno-a-uno non è Una Relazione. 7Tuttavia è il mezzo per ritornare: la strada che Dio ha scelto per il ritorno di Suo Figlio. 8In quello strano sogno deve entrare una strana correzione, perché solo quello è il richiamo al risveglio. 9E cos’altro dovrebbe essere la terapia? 10Svegliati e sii felice, poiché tutti i tuoi peccati ti sono stati perdonati. 11Questo è il solo messaggio che due dovrebbero sempre darsi reciprocamente.

P-3.II.5. Deve venire qualcosa di buono da ogni incontro tra paziente e terapeuta. 2E quel buono viene salvato per entrambi, per il giorno in cui essi potranno riconoscere che solo questo era reale nella loro relazione. 3In quel momento il buono sarà loro restituito, benedetto dallo Spirito Santo come dono da parte del loro Creatore come segno del Suo Amore. 4Perché la relazione terapeutica deve diventare come la relazione tra il Padre e il Figlio. 5Non ce n’è altra, perché non c’è nient’altro. 6I terapeuti di questo mondo non si aspettano questo risultato e molti dei loro pazienti non sarebbero in grado di accettare aiuto da loro se se lo aspettassero. 7Tuttavia nessun terapeuta in realtà stabilisce l’obiettivo delle relazioni di cui fa parte. 8La sua comprensione inizia con il riconoscere ciò, e poi procede da qui.

P-3.II.6. È nell’istante in cui il terapeuta dimentica di giudicare il paziente che avviene la guarigione. 2In alcune relazioni questo punto non si raggiunge mai, sebbene sia il paziente che il terapeuta possano, nel processo, cambiare i propri sogni. 3Tuttavia non sarà lo stesso sogno per entrambi, e così non è il sogno di perdono nel quale entrambi un giorno si risveglieranno. 4Ciò che c’è di buono è salvato: anzi amato. 5Ma si è risparmiato solo poco tempo. 6I nuovi sogni perderanno il loro richiamo temporaneo e si trasformeranno in sogni di paura, che è il contenuto di tutti i sogni. 7Tuttavia nessun paziente può accettare più di quanto è pronto a ricevere, e nessun terapeuta può offrire più di quello che crede di avere. 8E così c’è un posto per tutte le relazioni di questo mondo, ed esse porteranno tanto bene quanto ciascuno può accettare ed utilizzare.

P-3.II.7. Tuttavia è quando cessa il giudizio che avviene la guarigione, perché solo allora è possibile comprendere che non c’è ordine di difficoltà nella guarigione. 2Questa è una comprensione necessaria per il guaritore guarito. 3Egli ha imparato che non è più difficile svegliare un fratello da un sogno piuttosto che da un altro. 4Nessun terapeuta professionale può mantenere costantemente questa comprensione nella propria mente, offrendola a tutti coloro che vanno a lui. 5Ce ne sono alcuni in questo mondo che ci sono arrivati molto vicino, ma non hanno accettato interamente il dono per poter restare e permettere alla loro comprensione di rimanere sulla terra fino alla fine del tempo. 6Essi non possono essere definiti terapeuti professionali. 7Essi sono i Santi di Dio. 8Sono i Salvatori del mondo. 9La loro immagine rimane, perché hanno scelto che fosse così. 10Essi prendono il posto di altre immagini ed aiutano con sogni benevoli.

P-3.II.8. Una volta che il terapeuta professionale si è reso conto che le menti sono unite, egli può anche riconoscere che l’ordine di difficoltà nella guarigione è senza significato. 2Tuttavia molto prima di raggiungere questo nel tempo può andarvi incontro. 3Lungo il cammino può avere molti istanti santi. 4Un obiettivo segna la fine di un viaggio, non l’inizio, e quando si raggiunge un obiettivo se ne può vedere vagamente un altro più avanti. 5La maggior parte dei terapeuti professionali è ancora proprio al punto di partenza della fase iniziale del primo viaggio. 6Persino coloro che hanno incominciato a comprendere cosa devono fare possono ancora opporsi alla impostazione iniziale. 7Tuttavia tutte le leggi della guarigione possono essere loro proprio in un istante. 8Il viaggio non è lungo se non nei sogni.

P-3.II.9. Il terapeuta professionale ha un vantaggio che può far risparmiare un tempo enorme se usato appropriatamente. 2Egli ha scelto una strada in cui c’è una grande tentazione di usare male il suo ruolo. 3Questo lo mette in grado di superare molto rapidamente molti ostacoli alla pace, se sfugge alla tentazione di dare per scontata una funzione che non gli è stata data. 4Per comprendere che non c’è ordine di difficoltà nella guarigione egli deve anche riconoscere l’eguaglianza che c’è tra lui ed il paziente. 5Non ci sono vie di mezzo. 6O sono uguali o non lo sono. 7I tentativi dei terapeuti di fare dei compromessi a questo riguardo sono strani davvero. 8Alcuni utilizzano la relazione semplicemente per radunare al loro altarino dei corpi da adorare, e considerano questa guarigione. 9Anche molti pazienti considerano come salvezza questa strana procedura. 10Tuttavia a ogni incontro c’è Colui Che dice “Fratello mio, scegli di nuovo”.

P-3.II.10. Non dimenticare che qualsiasi forma di specialezza deve essere difesa, e lo sarà. 2Il terapeuta senza difese ha con sé la forza di Dio, ma il terapeuta sulla difensiva ha perso di vista la Fonte della sua salvezza. 3Egli non vede e non ode. 4Come può, dunque, insegnare? 5Perché è la Volontà di Dio che egli prenda il suo posto nel piano per la salvezza. 6Perché è Volontà di Dio che il suo paziente sia aiutato ad unirsi a lui lì. 7Perché la sua incapacità di vedere e di udire non limita in alcun modo lo Spirito Santo. 8Eccetto che nel tempo. 9Nel tempo può esserci un grande intervallo tra l’offerta e l’accettazione della guarigione. 10Questo è il velo sul volto di Cristo. 11Tuttavia non può essere che un’illusione, perché il tempo non esiste e la Volontà di Dio è sempre stata esattamente com’è.

III. La questione del pagamento
P-3.III.1. Nessuno può pagare per la terapia, poiché la guarigione è di Dio ed Egli non chiede nulla. 2È tuttavia parte del Suo piano che tutto in questo mondo venga usato dallo Spirito Santo come aiuto per portare avanti il piano. 3Persino un terapeuta avanzato ha dei bisogni terreni mentre si trova qui. 4Se avrà bisogno di soldi gli saranno dati, non come pagamento, ma per aiutarlo a servire meglio il piano. 5Il denaro non è malvagio. 6Non è nulla. 7Ma nessuno qui può vivere senza illusioni, poiché deve ancora fare degli sforzi per far sì che l’ultima illusione sia accettata da tutti e ovunque. 8Egli ha una parte potentissima in quest’unico scopo, per il quale è venuto. 9Sta qui solo per questo. 10E mentre ci resta gli sarà dato tutto ciò di cui ha bisogno per restare.

P-3.III.2. Solo un guaritore non guarito cercherebbe di guarire per denaro, e non avrà successo nella misura in cui gli darà valore. 2Né troverà la sua guarigione nel processo. 3Ci saranno coloro ai quali lo Spirito Santo chiederà un qualche pagamento per il Suo scopo. 4Ci saranno coloro ai quali non lo chiederà. 5Non dovrebbe essere il terapeuta a prendere queste decisioni. 6C’è differenza tra pagamento e costo. 7Dare soldi dove li assegna il piano di Dio non ha costo. 8Trattenerli da dove spettano a pieno diritto ha un costo enorme. 9Il terapeuta che fa ciò perde il nome di guaritore, perché non potrà mai comprendere cos’è la guarigione. 10Non la può dare e quindi non ce l’ha.

P-3.III.3. I terapeuti di questo mondo sono davvero inutili alla salvezza del mondo. 2Pretendono e quindi non possono dare. 3I pazienti possono pagare solo per uno scambio di illusioni. 4Questo, davvero, deve esigere un pagamento ed il costo è grande. 5Una relazione “comperata” non può offrire il solo dono per mezzo del quale viene portata a compimento ogni guarigione. 6Il perdono, l’unico sogno dello Spirito Santo, non deve avere alcun costo. 7Perché se lo ha crocifigge semplicemente di nuovo il Figlio di Dio. 8Può essere questo il modo in cui egli viene perdonato? 9Può essere questo il modo in cui finirà il sogno di peccato?

P-3.III.4. Il diritto di vivere è qualcosa per cui nessuno deve combattere. 2Gli è promesso e garantito da Dio. 3Pertanto è un diritto che il terapeuta ed il paziente condividono allo stesso modo. 4Perché la loro relazione sia santa, qualunque cosa di cui uno ha bisogno viene data dall’altro; qualunque cosa manchi all’uno viene fornita dall’altro. 5In questo la relazione è resa santa, perché in questo sono guariti entrambi. 6Il terapeuta ripaga il paziente con la gratitudine, così come il paziente ripaga lui. 7Non c’è costo per nessuno dei due. 8Ma ad entrambi sono dovuti dei ringraziamenti per la liberazione dalla lunga prigionia e dal dubbio. 9Chi non sarebbe grato per un simile dono? 10Tuttavia chi può verosimilmente immaginare che possa essere comperato?

P-3.III.5. È stato ben detto che a colui che ha sarà dato. 2Poiché ha, può dare. 3E siccome dà, gli sarà dato. 4Questa è la legge di Dio e non del mondo. 5La stessa cosa vale per i guaritori di Dio. 6Essi danno perché hanno udito la Sua Parola e l’hanno compresa. 7Tutto ciò di cui hanno bisogno sarà così dato loro. 8Ma perderanno questa comprensione a meno che non ricordino che tutto ciò che hanno viene solo da Dio. 9Se credono di aver bisogno di qualcosa da un fratello, non lo riconosceranno più come un fratello. 10E se fanno ciò si spegne una luce persino in Cielo. 11Dove il Figlio di Dio si rivolta contro se stesso egli può solo vedere l’oscurità. 12Ha negato a se stesso la luce e non può vedere.

P-3.III.6. Dovrebbe essere sempre osservata una sola regola: nessuno dovrebbe essere respinto perché non può pagare. 2Nessuno viene mandato per caso a qualcuno. 3Le relazioni hanno sempre uno scopo. 4Qualunque possa essere stato lo scopo prima che lo Spirito Santo vi entrasse, esse sono sempre il Suo tempio potenziale: il luogo ove riposa Cristo e la dimora di Dio Stesso. 5Chiunque arrivi è stato mandato. 6Forse è stato mandato per dare a suo fratello il denaro di cui aveva bisogno. 7Entrambi saranno benedetti per questo. 8Forse è stato inviato per insegnare al terapeuta quando egli abbia bisogno di perdono e come il denaro non abbia valore al confronto. 9Ancora saranno entrambi benedetti. 10Solo in termini di costo uno potrebbe avere di più. 11Nella condivisione tutti devono guadagnare una benedizione senza alcun costo.

P-3.III.7. Questo modo di vedere il pagamento può ben sembrare poco pratico, e agli occhi del mondo sarebbe così. 2Tuttavia nessun pensiero del mondo è in realtà pratico. 3Quanto si guadagna a lottare per le illusioni? 4Quanto si perde nel gettare via Dio? 5Ed è possibile farlo? 6Di certo non è pratico lottare per il nulla e cercare di fare l’impossibile. 7Fermati dunque un momento, abbastanza a lungo per pensare a ciò: forse hai cercato la salvezza senza riconoscere dove guardare. 8Chiunque chieda il tuo aiuto può mostrarti dove. 9Quale dono maggiore di questo potrebbe esserti dato? 10Quale dono più grande di questo c’è che tu voglia dare?

P-3.III.8. Medico, guaritore, terapeuta, insegnante, guarisci te stesso. 2Molti verranno a te portando il dono della guarigione, se così sceglierai. 3Lo Spirito Santo non rifiuta mai un invito a entrare e dimorare con te. 4Egli ti darà opportunità infinite di aprire la porta alla tua salvezza, perché tale è la Sua funzione. 5Egli ti dirà anche qual è esattamente la tua funzione in ogni circostanza ed in ogni momento. 6Chiunque Egli ti invia ti raggiungerà, tendendo la sua mano al suo Amico. 7Permetti al Cristo in te di dargli il benvenuto, perché quello stesso Cristo è anche in lui. 8Negagli l’accesso ed avrai negato il Cristo in te. 9Ricorda la triste storia del mondo e la lieta novella della salvezza. 10Ricorda il piano di Dio per il ripristino della gioia e della pace. 11E non dimenticare come sono assai semplici le vie di Dio:

12Eri perso nell’oscurità del mondo finché hai chiesto la luce. 13E allora Dio ha mandato Suo Figlio per darla a te.

Il canto della preghiera
Preghiera, perdono, guarigione

Estensione dei principi di Un corso in miracoli

FOUNDATION FOR INNER PEACE

Indice
1. Preghiera

Introduzione
I. La vera preghiera
II. La scala della preghiera
III. Pregare per gli altri
IV. Pregare con gli altri
V. La scala finisce

2. Perdono

Introduzione
I. Il perdono di te stesso
II. Il perdono-per-distruggere
III. Il perdono-per-la salvezza

3. Guarigione

Introduzione
I. La causa della malattia
II. Falsa guarigione contrapposta a vera guarigione
III. Separazione contrapposta a unione
IV. La santità della guarigione

1. Preghiera

Introduzione
S-1.in.1. La preghiera è il più grande dono con cui Dio ha benedetto Suo Figlio quando lo ha creato. 2Era allora ciò che deve diventare: l’unica voce che il Creatore e la creazione condividono, il canto che il Figlio canta al Padre, Che rende al Figlio i ringraziamenti che esso Gli offre. 3Infinita l’armonia e infinita, anche, la gioiosa concordia dell’Amore Che Si donano per sempre l’Un l’Altro. 4E con questo la creazione si estende. 5Dio rende grazie alla Sua estensione in Suo Figlio. 6Suo Figlio rende grazie per la sua creazione, col canto del suo creare nel Nome di suo Padre. 7L’Amore che Essi condividono è tutto ciò che la preghiera sarà per l’eternità, quando il tempo sarà finito. 8Perché tale era prima che sembrasse ci fosse il tempo.

S-1.in.2. Per te che sei nel tempo per un po’, la preghiera prende la forma che meglio soddisfa il tuo bisogno. 2Non ne hai che uno solo. 3Ciò che Dio ha creato uno deve riconoscere la propria unità, e gioire del fatto che ciò che l’illusione sembrava separare è per sempre uno nella Mente di Dio. 4La preghiera ora deve essere il mezzo col quale il Figlio di Dio lascia obiettivi separati e interessi separati, e si rivolge in santa allegria alla verità dell’unione in suo Padre e in se stesso.

S-1.in.3. Deponi i tuoi sogni, santo Figlio di Dio, e risorgendo a come Dio ti ha creato, sbarazzati degli idoli e ricordaLo. 2La preghiera ti sosterrà ora, e ti benedirà mentre elevi il tuo cuore a Lui in un canto che si innalza e sale sempre più in alto, finché sia l’alto sia il basso sono scomparsi. 3La fede nel tuo obiettivo crescerà e ti sosterrà mentre sali la splendente scalinata verso i pascoli del Cielo e il cancello della pace. 4Perché questa è preghiera, e qui è la salvezza. 5Questa è la via. 6È il dono di Dio per te.

I. La vera preghiera
S-1.1. La preghiera è una via offerta dallo Spirito Santo per raggiungere Dio. 2Non è semplicemente una richiesta o una supplica. 3Non può avere successo finché non ti rendi conto che non chiede nulla. 4In quale altro modo potrebbe servire il suo scopo? 5È impossibile pregare per degli idoli e sperare di raggiungere Dio. 6La vera preghiera deve evitare la trappola di chiedere per supplicare. 7Chiedi, invece, di ricevere ciò che è già dato: di accettare ciò che c’è già.

S-1.2. Ti è stato detto di chiedere allo Spirito Santo la risposta a qualsiasi problema specifico, e che riceverai una risposta specifica se tale è il tuo bisogno. 2Ti è stato anche detto che c’è solo un problema ed una sola risposta. 3Nella preghiera questo non è contraddittorio. 4Ci sono decisioni da prendere qui, e devono essere prese, sia che siano illusioni o no. 5Non ti si può chiedere di accettare risposte che sono al di là del livello di bisogno che tu sei in grado di riconoscere. 6Quindi, non è la forma della richiesta che importa, né come viene posta. 7La forma della risposta, se data da Dio, sarà adatta al tuo bisogno per come lo vedi tu. 8Questo è semplicemente un’eco della risposta della Sua Voce. 9Il suono reale è sempre un canto di ringraziamento e di Amore.

S-1.3. Non puoi, quindi, chiedere l’eco. 2È il canto ad essere il dono. 3Con esso vengono gli ipertoni, le armoniche, gli echi, ma questi sono secondari. 4Nella vera preghiera odi solo il canto. 5Tutto il resto è semplicemente aggiunto. 6Hai cercato prima il Regno dei Cieli, e tutto il resto ti è effettivamente stato dato.

S-1.4. Il segreto della vera preghiera è dimenticare le cose di cui pensi di avere bisogno. 2Chiedere delle cose specifiche è proprio come guardare il peccato e poi perdonarlo. 3Allo stesso modo, anche nella preghiera guardi al di là dei tuoi bisogni specifici per come li vedi tu, e li lasci andare nelle Mani di Dio. 4Lì diventano i tuoi doni per Lui, perché Gli assicurano che non vuoi avere altri dèi all’infuori di Lui, nessun Amore se non il Suo. 5Cosa potrebbe essere la Sua risposta se non che tu Lo ricordi? 6Può questo essere scambiato con un trascurabile consiglio riguardante un problema della durata di un istante? 7Dio risponde solo per l’eternità. 8E tuttavia tutte le piccole risposte sono contenute in questa.

S-1.5. La preghiera è farsi da parte: lasciare andare, un quieto momento di ascolto e di amore. 2Non dovrebbe essere confusa con alcun tipo di supplica, perché è un modo per ricordare la tua santità. 3Perché mai la santità dovrebbe supplicare, se ha già pienamente diritto a tutto ciò che l’Amore ha da offrire? 4Ed è all’Amore che ti rivolgi in preghiera. 5La preghiera è un’offerta: un rinunciare a te stesso per essere uno con l’Amore. 6Non c’è niente da chiedere, perché non rimane niente da volere. 7Questo niente diventa l’altare di Dio. 8Esso scompare in Lui.

S-1.6. Questo non è un livello di preghiera che tutti sono già in grado di raggiungere. 2Coloro che non l’hanno raggiunto hanno ancora bisogno del tuo aiuto nella preghiera perché il loro chiedere non è ancora basato sull’accettazione. 3L’aiuto, nella preghiera, non significa che qualcun altro media tra te e Dio. 4Ma significa che un altro sta al tuo fianco e ti aiuta ad elevarti a Lui. 5Chi si è reso conto della bontà di Dio prega senza paura. 6E chi prega senza paura non può che raggiungerLo. 7Egli può quindi raggiungere Suo Figlio, ovunque possa essere e qualunque forma possa sembrare assumere.

S-1.7. Pregare il Cristo in chiunque è vera preghiera, perché è un dono di ringraziamento a Suo Padre. 2Chiedere che Cristo non sia altri che Se stesso non è una supplica. 3È un canto di ringraziamento per ciò che sei. 4In questo sta il potere della preghiera. 5Essa non chiede nulla e riceve tutto. 6Questa preghiera può essere condivisa perché riceve per tutti. 7Pregare con qualcuno che sa che questo è vero è ottenere risposta. 8Forse la forma specifica di soluzione per un problema specifico si presenterà per uno di voi due: non importa a chi. 9Forse raggiungerà entrambi, se vi siete sintonizzati genuinamente uno con l’altro. 10Verrà perché vi sarete resi conto che Cristo è in entrambi. 11Questa è la sua sola verità.

II. La scala della preghiera
S-2.1. La preghiera non ha inizio e non ha fine. 2È una parte della vita. 3Ma cambia nella forma, e cresce con l’apprendimento finché raggiunge il suo stato senza forma e si fonde nella comunicazione totale con Dio. 4Nella sua forma di richiesta non ha bisogno di fare appello a Dio, e spesso non lo fa, e non implica nemmeno il credere in Lui. 5A questi livelli la preghiera è semplice volere, derivante da un senso di scarsità e mancanza.

S-2.2. Queste forme di preghiera, o di richiesta per soddisfare un bisogno, implicano sempre sensazioni di debolezza e inadeguatezza, e non potrebbero mai essere fatte da un Figlio di Dio che sa Chi è. 2Nessuno, quindi, che sia sicuro della propria Identità, potrebbe pregare in queste forme. 3Tuttavia è anche vero che nessuno che sia incerto della propria Identità può evitare di pregare in questo modo. 4E la preghiera è tanto continua quanto la vita. 5Tutti pregano incessantemente. 6Chiedi e avrai ricevuto, perché avrai stabilito cos’è che vuoi.

S-2.3. È anche possibile raggiungere una forma più alta di richiesta per soddisfare un bisogno, perché in questo mondo la preghiera è riparatrice, e perciò deve implicare livelli di apprendimento. 2Qui la richiesta potrebbe essere rivolta a Dio credendo onestamente, anche se non ancora con comprensione. 3In genere è stato raggiunto un senso di identificazione vago e solitamente instabile, ma tende ad essere oscurato da un senso di peccato profondamente radicato. 4A questo livello è possibile continuare a chiedere cose di questo mondo in varie forme, ed è anche possibile chiedere doni come l’onestà o la bontà, e in particolare il perdono per le molte fonti di colpa che inevitabilmente sottostanno a ogni preghiera che nasce dal bisogno. 5Senza colpa non c’è scarsità. 6Chi è senza peccato non ha bisogni.

S-2.4. A questo livello viene anche quella curiosa contraddizione in termini conosciuta come “pregare per i propri nemici”. 2La contraddizione non sta tanto nelle parole in sé, ma piuttosto nel modo in cui esse sono solitamente interpretate. 3Fintanto che crederai di avere nemici, avrai limitato la preghiera alle leggi di questo mondo, ed avrai anche limitato a questi stessi margini ristretti la tua capacità di ricevere e di accettare. 4E tuttavia se hai dei nemici hai bisogno di preghiera, e ne hai anche un gran bisogno. 5Cosa vuol dire veramente la frase? 6Prega per te stesso, che tu possa non cercare di imprigionare Cristo e quindi perdere il riconoscimento della tua stessa Identità. 7Non essere traditore nei confronti di nessuno, o sarai traditore di te stesso.

S-2.5. Un nemico è il simbolo di un Cristo imprigionato. 2E chi potrebbe essere Lui se non te stesso? 3La preghiera per i nemici diventa così una preghiera per la tua stessa libertà. 4Ora non è più una contraddizione in termini. 5È diventata un’affermazione dell’unità di Cristo e un riconoscimento della Sua assenza di peccato. 6E ora è diventata santa, perché riconosce il Figlio di Dio come è stato creato.

S-2.6. Non dimenticare mai che la preghiera a ogni livello è sempre per te stesso. 2Se ti unisci con chiunque in preghiera, lo rendi parte di te. 3Tu sei il nemico, così come tu sei il Cristo. 4Prima che possa diventare santa, quindi, la preghiera diventa una scelta. 5Tu non scegli per un altro. 6Non puoi che scegliere per te stesso. 7Prega veramente per i tuoi nemici, perché lì si trova la tua stessa salvezza. 8Perdonali per i tuoi peccati, e sarai davvero perdonato.

S-2.7. La preghiera è una scala che arriva al Cielo. 2In cima c’è una trasformazione molto simile alla tua, perché la preghiera è parte di te. 3Le cose terrene sono lasciate indietro, tutte non ricordate. 4Non c’è alcun chiedere, perché non c’è mancanza. 5Viene pienamente riconosciuto che l’Identità in Cristo è stabilita per sempre, al di là di ogni cambiamento e incorruttibile. 6La luce non tremola più e non si spegnerà mai. 7Ora, senza bisogni di alcun genere, e rivestita per sempre della pura assenza di peccato che è il dono di Dio per te, Suo Figlio, la preghiera può diventare di nuovo ciò che era inteso che fosse. 8Perché ora si eleva come un canto di ringraziamento al tuo Creatore, cantato senza parole, o pensieri, o vani desideri, del tutto priva ora del bisogno di qualsiasi cosa. 9Così si estende, come era inteso che facesse. 10E per questo dare Dio Stesso rende grazie.

S-2.8. Dio è l’obiettivo di ogni preghiera, poiché le dà l’assenza di tempo invece di una fine. 2Né essa ha un inizio, perché l’obiettivo non è mai cambiato. 3La preghiera nelle sue forme iniziali è un’illusione, perché non c’è bisogno di una scala per raggiungere ciò che non si è mai lasciato. 4Tuttavia la preghiera è parte del perdono fintanto che il perdono, esso stesso un’illusione, non verrà raggiunto. 5La preghiera è legata all’apprendimento finché l’obiettivo dell’apprendimento non sarà stato raggiunto. 6E allora tutte le cose saranno trasformate insieme e riportate senza macchia nella Mente di Dio. 7Essendo al di là dell’apprendimento, questo stato non può essere descritto. 8I passaggi necessari per raggiungerlo, in ogni modo, devono essere compresi se si vuole ripristinare la pace nel Figlio di Dio, che vive ora nell’illusione della morte e con la paura di Dio.

III. Pregare per gli altri
S-III.1. Abbiamo affermato che la preghiera è sempre per te stesso, ed è così. 2Perché, quindi, dovresti pregare per gli altri? 3E se dovessi farlo, in che modo dovresti farlo? 4Pregare per gli altri, se correttamente compreso, diventa un mezzo per levare le tue proiezioni di colpa da tuo fratello, permettendoti di riconoscere che non è lui che ti sta facendo del male. 5Il pensiero velenoso che egli sia tuo nemico, la tua controparte malvagia, la tua nemesi, deve essere abbandonato prima che tu possa essere salvato dalla colpa. 6Per questo il mezzo è la preghiera, di potere crescente e con obiettivi in ascesa, finché essa giungerà fino a Dio.

S-III.2. Le prime forme di preghiera, ai piedi della scala, non saranno scevre da invidia e malvagità. 2Chiamano alla vendetta, non all’amore. 3Né vengono da chi comprende che esse sono appelli alla morte, fatti per paura da coloro ai quali è cara la colpa. 4Fanno appello a un dio vendicativo, ed è lui che sembra rispondere loro. 5Colui che invoca l’inferno per un altro non può poi sfuggirgli egli stesso. 6Solo coloro che sono all’inferno possono chiedere l’inferno. 7Coloro che sono stati perdonati, e che hanno accettato il loro perdono, non potrebbero mai pregare così.

S-III.3. A questi livelli, quindi, l’obiettivo dell’apprendimento deve essere riconoscere che la preghiera porterà una risposta solo nella forma in cui è stata fatta la preghiera. 2Questo è abbastanza. 3Da qui sarà facile salire il gradino che porta ai livelli successivi. 4La prossima ascesa comincia così:

“Ciò che ho chiesto per mio fratello non è ciò che vorrei avere. 6Così ho fatto di lui il mio nemico.”

È evidente che questo gradino non può essere raggiunto da nessuno che non veda alcun valore o vantaggio per sé nel liberare gli altri. 8Questo può essere ritardato a lungo, perché può sembrare che sia pericoloso anziché misericordioso. 9Per chi si sente in colpa sembra davvero esserci un vantaggio reale nell’avere nemici, e questo guadagno immaginario deve svanire se si vogliono liberare i nemici.

S-III.4. Bisogna rinunciare alla colpa, non nasconderla. 2Né questo può essere fatto senza un qualche dolore, e un barlume della natura misericordiosa di questo gradino può per qualche tempo essere seguito da un profondo ritrarsi nella paura. 3Perché le difese della paura fanno esse stesse paura, e quando riconosciute portano con sé la loro paura. 4Tuttavia, che vantaggio ha mai portato al prigioniero un’illusione di fuga? 5La sua reale fuga dalla colpa si può trovare solo nel riconoscimento che la colpa è svanita. 6E come si può riconoscere ciò fintanto che la nasconde in un altro, e non la vede come propria? 7La paura della fuga rende difficile dare il benvenuto alla libertà, e sembra che la sicurezza stia nel fare di un nemico un carceriere. 8Quindi, come può essere liberato senza provare una paura folle? 9Hai fatto di lui la tua salvezza e la tua via di fuga dalla colpa. 10Il tuo investimento in questa fuga è pesante, e la tua paura a lasciarla andare è forte.

S-III.5. Stai tranquillo un istante, ora, e pensa a ciò che hai fatto. 2Non dimenticare che sei tu che l’hai fatto, e quindi sei colui che può lasciarlo andare. 3Porgi la tua mano. 4Questo nemico è venuto a benedirti. 5Prendi la sua benedizione, e senti com’è sollevato il tuo cuore e la tua paura lasciata andare. 6Non restare attaccato ad essa, né a lui. 7È un Figlio di Dio, proprio come te. 8Non è un carceriere, ma un messaggero di Cristo. 9Sii questo per lui, così che tu possa vederlo così.

S-III.6. Non è facile rendersi conto che le preghiere per cose, per condizione sociale, per amore umano, per “doni” esterni di qualsiasi genere, sono fatte sempre per fare dei carcerieri e per nascondersi dalla colpa. 2Queste cose sono usate per obiettivi che sostituiscono Dio, e pertanto distorcono lo scopo della preghiera. 3Il desiderio di queste cose è la preghiera. 4Non c’è bisogno di chiedere esplicitamente. 5L’obiettivo di Dio va perduto nella ricerca di obiettivi minori di ogni genere, e la preghiera diventa una richiesta di nemici. 6Il potere della preghiera può essere riconosciuto piuttosto chiaramente anche in ciò. 7Nessuno che voglia un nemico mancherà di trovarne uno. 8Ma è altrettanto sicuro che perderà l’unico vero obiettivo che gli è dato. 9Pensa al costo, e comprendilo bene. 10Tutti gli altri obiettivi sono al costo di Dio.

IV. Pregare con gli altri
S-IV.1. Finché almeno il secondo livello non comincia, non è possibile condividere la preghiera. 2Perché fino a quel punto ciascuno deve chiedere cose diverse. 3Ma una volta che il bisogno di mantenere l’altro come nemico sia stato messo in discussione, e la ragione per farlo sia stata riconosciuta anche solo per un istante, diventa possibile unirsi in preghiera. 4I nemici non condividono un obiettivo. 5È in questo che la loro inimicizia è mantenuta. 6I loro desideri separati sono i loro arsenali: le loro fortezze nell’odio. 7La chiave per salire ulteriormente nella preghiera sta in questo semplice pensiero, questo cambiamento di mente:

Andiamo insieme, tu ed io.

S-IV.2. Ora è possibile aiutare con la preghiera, e così salire tu stesso. 2Con questo gradino inizia l’ascesa più rapida, ma ci sono ancora molte lezioni da imparare. 3La strada è aperta, e la speranza è giustificata. 4Tuttavia è probabile in un primo momento che ciò che viene chiesto persino da coloro che si uniscono in preghiera non sia l’obiettivo che la preghiera dovrebbe veramente cercare. 5Persino insieme potete chiedere delle cose, e così stabilire solo l’illusione di un obiettivo condiviso. 6Potreste chiedere insieme delle cose specifiche, e non rendervi conto che state chiedendo degli effetti senza la causa. 7E questo non potete averlo. 8Perché nessuno può ricevere solo degli effetti, chiedendo a una causa, da cui essi non provengono, di offrirglieli.

S-IV.3. Perfino l’unirsi, quindi, non è abbastanza se coloro che pregano insieme non chiedono, prima di tutto il resto, qual è la Volontà di Dio. 2Solo da questa Causa può venire la risposta nella quale ogni cosa specifica è soddisfatta, tutti i desideri separati sono unificati in uno. 3La preghiera per cose specifiche chiede sempre che il passato in qualche modo si ripeta. 4Ciò che si è goduto prima, o che ci è sembrato di godere; ciò che era di un altro e che sembrava fosse da lui amato – tutte queste cose non sono che illusioni del passato. 5Lo scopo della preghiera è di liberare il presente dalle sue catene di illusioni passate: permetterle di essere un rimedio liberamente scelto per ogni scelta che rappresentava un errore. 6Ciò che la preghiera può offrire ora supera talmente tutto ciò che hai chiesto prima che è deplorevole accontentarsi di meno.

S-IV.4. Ogni volta che preghi, tu scegli una nuova opportunità. 2E vorresti forse soffocarla e rinchiuderla in antiche prigioni, quando è giunta l’opportunità di liberarti da tutte le prigioni in una volta sola? 3Non restringere la tua richiesta. 4La preghiera può portare la pace di Dio. 5Quale cosa legata al tempo può darti più di questo, nel piccolo spazio della sua durata prima di ridursi in polvere?

V. La scala finisce
S-V.1. La preghiera è una via verso la vera umiltà. 2E qui di nuovo sale lentamente, e cresce in forza, amore e santità. 3Lascia solo che abbandoni il suolo dove comincia ad elevarsi verso Dio, e la vera umiltà verrà alla fine a graziare la mente che pensava di essere sola e si contrapponeva al mondo. 4L’umiltà porta la pace perché non pretende che tu debba governare l’universo, né giudicare ogni cosa secondo come vorresti che fosse. 5Essa mette felicemente da parte tutti i piccoli dèi, non con risentimento, ma con onestà e riconoscendo che non servono.

S-V.2. Illusioni e umiltà hanno obiettivi così distanti che non possono coesistere, né condividere una dimora dove si possano incontrare. 2Quando giunge l’una, l’altra scompare. 3Coloro che sono veramente umili non hanno obiettivi se non Dio, perché non hanno bisogno di idoli, e le difese non servono più uno scopo. 4I nemici sono inutili ora, perché l’umiltà non si oppone. 5Non si nasconde nella vergogna perché è contenta di ciò che è, sapendo che la creazione è la Volontà di Dio. 6La sua mancanza di sé è il Sé, e questo è ciò che vede in ogni incontro, dove felicemente si unisce ad ogni Figlio di Dio, del quale riconosce la purezza che condivide con lui.

S-V.3. Adesso la preghiera si eleva dal mondo delle cose, dei corpi e degli dèi di ogni tipo, e finalmente ti puoi riposare nella santità. 2L’umiltà è venuta ad insegnarti a comprendere la tua gloria come Figlio di Dio e a riconoscere l’arroganza del peccato. 3Un sogno ti ha velato il volto di Cristo. 4Ora puoi guardare la Sua assenza di peccato. 5La scala è salita in alto. 6Sei giunto quasi al Cielo. 7C’è ancora poco da imparare prima che il viaggio sia completo. 8Ora puoi dire a chiunque venga a unirsi a te nella preghiera:

“Non posso andare senza di te, perché tu sei parte di me”.

10E così è in verità. 11Ora puoi pregare solo per ciò che veramente condividi con lui. 12Perché hai compreso che non è mai andato via, e tu, che sembravi solo, sei uno con lui.

S-V.4. La scala finisce con questo, perché non c’è più bisogno di apprendimento. 2Ora sei di fronte al cancello del Cielo, e tuo fratello sta lì al tuo fianco. 3I pascoli sono vasti e tranquilli, perché qui ti ha aspettato a lungo il luogo designato per il tempo in cui saresti venuto. 4Qui il tempo finirà per sempre. 5A questo cancello l’eternità stessa si unirà a te. 6La preghiera è diventata ciò che era intesa che fosse, perché hai riconosciuto il Cristo in te.

2. Perdono

Introduzione
S-2.in.1. Il perdono offre ali alla preghiera, per rendere facile la sua salita e veloce il suo progresso. 2Senza il suo forte sostegno sarebbe vano cercare di elevarsi al di sopra del gradino più basso della preghiera, o persino tentare del tutto di salire. 3Il perdono è alleato della preghiera , sorella nel piano per la tua salvezza. 4Entrambi devono venire a sorreggerti e a mantenere saldi i tuoi piedi: il tuo scopo risoluto e immutabile. 5Guarda il grandissimo aiuto che Dio ha decretato fosse con te finché non Lo raggiungerai . 6Con ciò verrà la fine delle illusioni. 7A differenza della natura atemporale di sua sorella, la preghiera, il perdono ha una fine. 8Perché non ce ne sarà più bisogno quando la salita sarà terminata. 9Tuttavia ora ha uno scopo oltre il quale non puoi andare, né hai bisogno di andare.
Realizza questo e sarai redento.
Realizza questo e sarai trasformato.
Realizza questo e salverai il mondo.

I. Il perdono di te stesso
S-2.I.1. Nessun dono del Cielo è stato più frainteso del perdono. 2Di fatto è diventato un flagello: una maledizione dove era inteso per benedire, una crudele beffa della grazia, una parodia della santa pace di Dio. 3Tuttavia coloro che non hanno ancora scelto di cominciare i gradini della preghiera non possono che usarlo così. 4In un primo momento, la dolcezza del perdono è oscura, perché non si comprende la salvezza, né la si cerca veramente. 5Ciò che era inteso per guarire è usato per ferire perché il perdono non è voluto. 6La colpa diventa la salvezza, e il rimedio appare essere una terribile alternativa alla vita.

S-2.I.2. Il perdono-per-distruggere soddisferà quindi lo scopo del mondo molto meglio del suo vero obiettivo e dei mezzi onesti con cui questo fine viene raggiunto. 2Il perdono-per-distruggere non guarderà oltre alcun peccato, alcun crimine, alcuna colpa che possa cercare, trovare e “amare”. 3L’errore è caro al suo cuore, e gli errori si profilano enormi, e crescono e si gonfiano ai suoi occhi. 4Mette attentamente in risalto tutte le cose malvagie, e scarta quelle amorevoli come fossero la peste: una cosa odiosa, pericolosa e mortale. 5Il perdono-per-distruggere è morte, ed è questa che vede in ogni cosa che guarda e odia. 6La misericordia di Dio è diventata una lama contorta che distrugge il santo Figlio che Egli ama.

S-2.I.3. Vuoi perdonarti per quello che stai facendo? 2Allora impara che Dio ti ha dato i mezzi coi quali puoi tornare a Lui in pace. 3Non vedere l’errore. 4Non renderlo reale. 5Seleziona ciò che è amorevole e perdona il peccato scegliendo al suo posto il volto di Cristo. 6In che altro modo la preghiera può riportare a Dio? 7Egli ama Suo Figlio. 8Puoi forse ricordare Lui e odiare ciò che Egli ha creato? 9Se odi il Figlio che ama, ne odierai il Padre. 10Perché come vedi il Figlio, così vedi te stesso, e come vedi te stesso, così è Dio per te.

S-2.I.4. Come la preghiera è sempre per te stesso, così il perdono è sempre dato a te. 2È impossibile perdonare un altro, perché sono solo i tuoi peccati che vedi in lui. 3Tu li vuoi vedere là, e non in te. 4Ecco perché il perdono di un altro è un’illusione. 5Tuttavia è il solo sogno felice in tutto il mondo: l’unico che non porta alla morte. 6Solo in qualcun altro puoi perdonare te stesso, perché lo hai proclamato colpevole dei tuoi peccati, ed è in lui che ora deve essere trovata la tua innocenza. 7Chi se non il peccatore ha bisogno di essere perdonato? 8E non pensare mai di poter vedere il peccato in chiunque eccetto che in te stesso.

S-2.I.5. Questo è il grande inganno del mondo, e tu sei il grande ingannatore di te stesso. 2Sembra sempre che sia un altro ad essere malvagio, e nel suo peccato tu sei quello che viene ferito. 3Se fosse così, come potrebbe essere possibile la libertà? 4Saresti schiavo di chiunque, poiché ciò che uno fa implica il tuo destino, i tuoi sentimenti, la tua disperazione o la tua speranza, la tua miserevolezza o la tua gioia. 5Non hai libertà a meno che lui non te la dia. 6Ed essendo malvagio, ti può solo dare ciò che è. 7Non puoi vedere i suoi peccati e non vedere i tuoi. 8Ma puoi liberare lui come pure te stesso.

S-2.I.6. Il perdono, dato veramente, è il modo in cui trovare la tua sola speranza di libertà. 2Altri faranno degli errori, e così tu, fintanto che la tua casa sembra essere questa illusione di mondo. 3Tuttavia Dio Stesso ha dato a tutti i Suoi Figli un rimedio per tutte le illusioni che pensano di vedere. 4La visione di Cristo non usa i tuoi occhi, ma tu puoi guardare con i Suoi e imparare a vedere come Lui. 5Gli errori sono ombre minuscole, svanite in fretta, che solo per un istante sembrano nascondere il volto di Cristo, che continua a rimanere immutato dietro di esse. 6La Sua costanza rimane in tranquillo silenzio e in perfetta pace. 7Lui non sa nulla di ombre. 8Suoi sono gli occhi che guardano oltre l’errore, al Cristo in te.

S-2.I.7. Chiedi, dunque, il Suo aiuto, e chiediGli di imparare il perdono come la sua visione permette che sia. 2Hai bisogno di ciò che Egli dà, e la tua salvezza sta nell’imparare questo da Lui. 3La preghiera non può essere liberata al Cielo finché il perdono-per-distruggere rimane con te. 4La misericordia di Dio eliminerà dalla tua mente santa questo pensiero avvelenato e sprezzante. 5Cristo ti ha perdonato, e al suo sguardo il mondo diventa santo come Lui. 6Chi non vede alcun male in esso vede come Lui. 7Perché ciò che Egli ha perdonato non ha peccato, e la colpa non può più esistere. 8Il piano della salvezza è completato, e la sanità mentale è giunta.

S-2.I.8. Il perdono è il richiamo alla sanità mentale, perché chi, se non il folle, vedrebbe il peccato quando potrebbe vedere invece il volto di Cristo? 2Questa è la scelta che fai: la più semplice e tuttavia la sola che puoi fare. 3Dio ti chiama a salvare Suo Figlio dalla morte offrendogli l’amore di Cristo. 4Questo è ciò di cui hai bisogno, e Dio ti porge questo dono. 5Come Lui dà, così devi dare anche tu. 6E così la preghiera è ripristinata all’assenza di forma, al di là di ogni limite, nell’assenza di tempo, senza nulla del passato che la trattenga dal riunirsi al canto incessante che tutta la creazione canta al suo Dio.

S-2.I.9. Ma per raggiungere questa fine devi innanzitutto imparare, prima di poter arrivare dove l’apprendimento non può andare. 2Il perdono è la chiave, ma chi può usare una chiave quando ha perso la porta per la quale la chiave è stata fatta, e che è la sola per cui va bene? 3Quindi facciamo distinzioni, così che la preghiera possa essere liberata dall’oscurità alla luce. 4Il ruolo del perdono deve essere capovolto, e ripulito da usi malvagi e da obiettivi odiosi. 5Il perdono-perdistruggere deve essere svelato in in tutto il suo tradimento e lasciato andare per sempre. 6Non ne può rimanere nemmeno una traccia, se si vuole infine portare a termine il piano di ritorno stabilito da Dio e completare l’apprendimento.

S-2.I.10. Questo è il mondo degli opposti. 2E tu devi scegliere tra di essi in ogni istante fintanto che questo mondo mantiene realtà per te. 3Tuttavia devi imparare quali sono le alternative tra cui scegliere, o non sarai in grado di raggiungere la tua libertà. 4Fa quindi che ti sia chiaro cosa significa esattamente per te il perdono, e impara che cosa dovrebbe essere per renderti libero. 5Il livello della tua preghiera dipende da questo, perché qui aspetta la sua libertà per ascendere al di sopra del mondo del caos, nella pace.

II. Il perdono-per-distruggere
S-2.II.1. Il perdono-per-distruggere ha molte forme, essendo un’arma del mondo della forma. 2Non tutte sono ovvie, e alcune sono attentamente nascoste dietro a ciò che sembra essere carità. 3Tuttavia tutte le forme che può sembrare assumere non hanno che questo unico obiettivo: il loro scopo è separare e rendere differente ciò che Dio ha creato uguale. 4La differenza è chiara in parecchie forme in cui non può sfuggire un confronto designato, né c’è, in realtà, l’intenzione di farlo.

S-2.II.2. In questo gruppo, per prime vengono le forme in cui una persona “migliore” si degna di abbassarsi a salvare un “indegno” da ciò che realmente è. 2Il perdono qui poggia su un atteggiamento di graziosa alterigia così lontana dall’amore che l’arroganza non potrà mai essere sloggiata. 3Chi può perdonare e tuttavia disprezzare? 4E chi può dire a un altro che è caduto nel peccato, e tuttavia percepirlo come il Figlio di Dio? 5Chi rende schiavo per insegnare che cos’è la libertà? 6Non c’è unione qui, ma solo dolore. 7Questa non è davvero misericordia. 8Questa è morte.

S-2.II.3. Un’altra forma, ancora molto simile alla prima se compresa, non appare in cotanta sfacciata arroganza. 2Colui che vorrebbe perdonare l’altro non pretende di essere il migliore. 3Ora dice invece che qui c’è qualcuno di cui condivide la peccaminosità, dato che entrambi sono stati indegni e meritano il castigo dell’ira di Dio. 4Questo può sembrare un pensiero umile, e può di fatto indurre una rivalità in peccaminosità e colpa. 5Non è amore per la creazione di Dio e per la santità che è il Suo dono eterno. 6Può forse Suo Figlio condannare se stesso e tuttavia ricordarLo?

S-2.II.4. Qui l’obiettivo è separare da Dio il Figlio che Egli ama, e tenerlo nascosto dalla sua Fonte. 2Questo obiettivo è perseguito anche da coloro che cercano il ruolo del martire per mano altrui. 3Qui lo scopo deve essere visto chiaramente, perché potrebbe passare per mansuetudine e per carità invece che per crudeltà. 4Non è gentile accettare la cattiveria altrui, e non rispondere se non col silenzio e un sorriso cortese? 5Guarda quanto sei buono, tu che sopporti con pazienza e santità la rabbia e l’offesa che ti arreca un altro, e non mostri l’amaro dolore che provi.

S-2.II.5. Il perdono-per-distruggere si nasconderà spesso dietro a un manto come questo. 2Mostra il volto della sofferenza e del dolore, in silente prova della colpa e delle devastazioni del peccato. 3Tale è la testimonianza che offre uno che potrebbe essere un salvatore, non un nemico. 4Ma, avendo fatto di lui un nemico, deve accettare la colpa e i pesanti rimproveri che in tal modo sono gettati su di lui. 5È amore questo? 6O è piuttosto tradimento nei confronti di chi ha bisogno di salvezza dal dolore della colpa? 7Quale potrebbe essere lo scopo, se non tenere i testimoni della colpa lontani dall’amore?

S-2.II.6. Il perdono-per-distruggere può anche assumere la forma della contrattazione e del compromesso. 2“Ti perdonerò se soddisferai i miei bisogni, perché nella tua schiavitù c’è la mia liberazione”. 3Dì questo a chicchessia e sarai uno schiavo. 4E cercherai di liberarti dalla colpa con ulteriori contrattazioni che non possono dare alcuna speranza, ma solo dolore e miseria più grandi. 5Quanto deve far paura ora il perdono, e quant’è distorto il fine che persegue. 6Abbi misericordia di te stesso che contratti in questo modo. 7Dio dà e non chiede ricompensa. 8Non c’è dare se non dare come Lui. 9Tutto il resto è un inganno. 10Perché chi vorrebbe cercare di mercanteggiare col Figlio di Dio, e ringraziare il Padre per la sua santità?

S-2.II.7. Cosa vorresti mostrare a tuo fratello? 2Cercherai di rinforzare la sua colpa, e così anche la tua? 3Il perdono è il mezzo per la tua fuga. 4Com’è penoso fare di esso uno strumento di ulteriore schiavitù e dolore. 5Nel mondo degli opposti c’è un modo di usare il perdono per l’obiettivo di Dio, e trovare la pace che Egli ti offre. 6Non prendere nient’altro, o avrai cercato la tua morte e pregato per la separazione dal tuo Sé. 7Cristo è per tutti perché è in tutti. 8È il Suo volto che il perdono ti fa vedere. 9È nel Suo volto che tu vedi il tuo.

S-2.II.8. Tutte le forme che il perdono assume, che non conducono via dal ogni tipo di rabbia, condanna e confronto sono la morte. 2Perché questo è ciò che i loro scopi hanno stabilito. 3Non farti ingannare da esse, ma scartale come prive di valore nelle loro tragiche profferte. 4Tu non vuoi restare in schiavitù. 5Non vuoi avere paura di Dio. 6Tu vuoi vedere la luce del sole e lo splendore del Cielo risplendere sulla faccia della terra, redenta dal peccato e nell’Amore di Dio. 7Da qui la preghiera è liberata, insieme con te. 8Le tue ali sono libere, e la preghiera ti eleverà e ti porterà a casa dove Dio vuole che tu sia.

III. Il perdono-per-la salvezza
S-2.III.1. Il perdono-per-la salvezza ha una sola forma, e solo una. 2Non chiede prove dell’innocenza, né alcun genere di retribuzione. 3Non discute, né valuta gli errori al di là dei quali vuole guardare. 4Non offre doni con intento traditore, né promette libertà mentre chiede la morte. 5È forse possibile che Dio ti inganni? 6Egli non chiede che fiducia e disponibilità a imparare come essere libero. 7Dà il Suo Insegnante a chiunque chieda e cerchi d@i comprendere la Volontà di Dio. 8La Sua prontezza a dare si trova molto al di là della tua comprensione e della tua semplice portata. 9Tuttavia Egli ha voluto che tu imparassi la via che porta a Lui, e nella Sua Volontà c’è certezza.

S-2.III.2. Bambino di Dio, i doni di Dio sono tuoi, non grazie ai tuoi piani, ma grazie alla Sua santa Volontà. 2La Sua Voce ti insegnerà che cos’è il perdono, e come darlo nel modo in cui Lui vuole. 3Quindi, non cercare di comprendere ciò che è ancora al di là di te, ma lascia che sia un modo per attrarti dove gli occhi di Cristo diventano la vista che scegli. 4Rinuncia a tutto il resto, perché non c’è niente altro. 5Quando qualcuno chiede una qualsiasi forma di aiuto, Egli è Colui Che risponde per te. 6Tutto ciò che hai bisogno di fare è farti da parte e non interferire. 7Il perdono-per-la salvezza è compito Suo, e sarà Lui Che risponderà per te.

S-2.III.3. Non stabilire quale dovrebbe essere la forma che il perdono di Cristo assumerà. 2Egli conosce la via per fare di ogni chiamata un aiuto per te, non appena ti alzi rapidamente per andare infine alla casa di tuo Padre. 3Ora Egli può rendere sicuri i tuoi passi, le tue parole sincere: non con la tua sincerità, ma con la Sua. 4Lascia che sia Lui a farsi carico di come dovresti perdonare, ed ogni occasione sarà allora per te un altro passo verso il Cielo e la pace.

S-2.III.4. Non ti sei stancato della prigionia? 2Dio non ha scelto per te questo cammino pietoso. 3Ciò che hai scelto tu può ancora essere disfatto, perché la preghiera è misericordiosa e Dio è giusto. 4La Sua è una giustizia che Egli può comprendere, ma tu non puoi ancora. 5Tuttavia Egli ti darà i mezzi perché tu possa imparare di Lui e sapere alla fine che la condanna non è reale e che fa illusioni nel suo nome malvagio. 6E tuttavia non importa la forma che i sogni possano sembrare assumere. 7Le illusioni non sono vere. 8La Volontà di Dio è la verità, e tu sei uno con Lui nella Volontà e nello scopo. 9Qui terminano tutti i sogni.

S-2.III.5. L’unica cosa che potresti mai chiedere, quando c’è bisogno di aiuto e si cerca il perdono, dovrebbe essere: “Cosa dovrei fare per lui, il Tuo santo Figlio?” 2Non hai bisogno di giudicare la forma che la ricerca assume. 3E non lasciare che sia tu a stabilire la forma nella quale il perdono viene a salvare il Figlio di Dio. 4La luce di Cristo in lui è la sua liberazione, ed è questa che risponde alla sua chiamata. 5Perdonalo nel modo in cui il Cristo decide che dovresti, e siano i Suoi occhi quelli attraverso i quali lo guardi, e allo stesso modo parla per Lui. 6Egli conosce il bisogno: la domanda e la risposta. 7Dirà esattamente cosa fare, con parole che potrai comprendere e che potrai anche usare. 8Non confondere la Sua funzione con la tua. 9Egli è la Risposta. 10Tu colui che ascolta.

S-2.III.6. E di che cosa ti parla? 2Della salvezza e del dono della pace. 3Della fine del peccato, della colpa e della morte. 4Del ruolo che il perdono ha in Lui. 5Ascolta soltanto. 6Perché Egli sarà udito da chiunque invochi il Suo Nome e metta il proprio perdono nelle Sue mani. 7Il perdono Gli è stato dato per insegnarlo, per salvarlo dalla distruzione e per far sì che il mezzo della separazione, del peccato e della morte ridiventi il santo dono di Dio. 8La preghiera è il Suo Braccio destro, resa libera di salvare non appena si permette al vero perdono di giungere dalla Sua eterna vigilanza e dal Suo amore. 9Ascolta e impara, e non giudicare. 10È a Dio che ti rivolgi per udire ciò che dovresti fare. 11La Sua risposta sarà chiara come il mattino, né il Suo perdono sarà ciò che pensi.

S-2.III.7. Tuttavia Egli sa, e questo deve bastare. 2Il perdono ha un Insegnante Che non sbaglia in nulla. 3Riposa un po’ in questo: non cercare di giudicare il perdono, né di dargli una struttura terrena. 4Lascia che si elevi a Cristo, Che lo accoglie come un dono per Lui. 5Non ti lascerà senza conforto, né mancherà di far discendere i Suoi angeli per risponderti nel Suo Stesso Nome. 6Egli sta di fianco alla porta della quale il perdono è l’unica chiave. 7Dalla a Lui perché la usi in vece tua, e vedrai la porta aprirsi silenziosamente sul volto splendente di Cristo. 8Guarda tuo fratello là, oltre la porta: il Figlio di Dio come Lui lo ha creato.

3. Guarigione

Introduzione
S-3.I.1. La preghiera ha sia aiuti che testimoni che rendono la ripida ascesa più dolce e più sicura, alleviando il dolore della paura e offrendo il conforto e le promesse di speranza. 2La guarigione è il testimone del perdono ed un aiuto della preghiera, e dà certezza di successo nel raggiungimento finale dell’obiettivo. 3La sua importanza non dovrebbe essere enfatizzata con troppa forza, poiché la guarigione è un segno o un simbolo della forza del perdono, e solo un effetto o un’ombra del cambiamento di mente riguardo all’obiettivo della preghiera.

I. La causa della malattia
S-3.I.1. Non confondere l’effetto con la causa, e non pensare che la malattia sia a parte e separata da ciò che deve essere la sua causa. 2È un segno, l’ombra di un pensiero malvagio che sembra avere realtà e sembra essere giusto, secondo la consuetudine del mondo. 3È la prova esteriore di “peccati” interiori, e testimonia pensieri di non perdono che fanno male e feriscono il Figlio di Dio. 4Guarire il corpo è impossibile, e questo è mostrato dalla natura breve della “cura”. 5Il corpo deve morire comunque, e così la sua guarigione non fa che ritardare il suo ritrasformarsi nella polvere da dove è nato e dove ritornerà.

S-3.I.2. La causa del corpo è il non perdono del Figlio di Dio. 2Esso non ha lasciato la sua fonte, e questo si vede chiaramente nel suo dolore, nell’invecchiamento e nel marchio della morte su di esso. 3Sembra fragile e pieno di paura a coloro che pensano che la loro vita sia legata ai suoi comandi e collegata al suo instabile, minuscolo respiro. 4La morte li guarda fissamente mentre ogni momento va irrevocabilmente oltre le loro mani, che vorrebbero aggrapparvisi e che non possono trattenerlo. 5E provano paura man mano che i corpi cambiano e si ammalano. 6Perché avvertono il pesante odore della morte sui loro cuori.

S-3.I.3. Il corpo può essere guarito come effetto del vero perdono. 2Solo quello può dare un ricordo dell’immortalità, che è il dono della santità e dell’amore. 3Il perdono deve essere dato da una mente che comprende che esso deve guardare oltre tutte le ombre sul santo volto di Cristo, tra le quali la malattia deve essere vista come una sola. 4Nient’altro che quello: il segno del giudizio fatto dal fratello sul fratello, e dal Figlio di Dio su se stesso. 5Perché egli ha dannato il suo corpo come sua prigione, e ha dimenticato che è stato lui a dargli questo ruolo.

S-3.I.4. Ora il Figlio di Dio deve disfare ciò che ha fatto. 2Ma non da solo. 3Perché ha gettato via la chiave della prigione: la sua santa assenza di peccato e il ricordo dell’Amore di suo Padre. 4Tuttavia gli viene dato aiuto dalla Voce che suo Padre ha posto in lui. 5Il potere di guarire è ora il dono di suo Padre, perché attraverso la Sua Voce Egli può ancora raggiungere Suo Figlio, ricordandogli che il corpo può diventare la casa che ha scelto, ma in verità non sarà mai la sua casa.

S-3.I.5. Quindi devono essere fatte distinzioni tra la vera guarigione e la sua controparte difettosa. 2Il mondo degli opposti è il luogo della guarigione, perché cosa potrebbe esserci da guarire in Cielo? 3Come la preghiera, all’interno del mondo, può chiedere inappropriatamente, e un’apparente carità può perdonare per uccidere, così la guarigione può essere falsa tanto quanto vera: un testimone del potere del mondo o dell’eterno Amore di Dio.

II. Falsa guarigione contrapposta a vera guarigione
S-3.II.1. La falsa guarigione fa semplicemente un misero scambio tra un’illusione e un’altra “più gradevole”: un sogno di malattia in cambio di un sogno di salute. 2Questo può accadere con forme inferiori di preghiera, in combinazione con un perdono benintenzionato, ma ancora non completamente compreso. 3Solo la falsa guarigione può fare strada alla paura, così che la malattia sarà libera di colpire ancora. 4La falsa guarigione in effetti può togliere una forma di dolore e di malattia. 5Ma la causa rimane, e non mancheranno gli effetti. 6La causa è ancora il desiderio di morire e sconfiggere il Cristo. 7E con questo desiderio la morte è una certezza, perché la preghiera viene esaudita. 8Tuttavia c’è un tipo di morte apparente che ha una fonte differente. 9Non viene a causa di pensieri crudeli e di rabbia furiosa contro l’universo. 10Significa semplicemente che è giunta la fine dell’utilità del funzionamento del corpo. 11E così viene messo da parte per scelta, come si scarta un abito ormai consunto.

S-3.II.2. Questo è ciò che la morte dovrebbe essere: una scelta quieta, fatta gioiosamente e con un senso di pace, perché il corpo è stato gentilmente usato per aiutare il Figlio di Dio lungo la strada che percorre verso Dio. 2Ringraziamo il corpo, dunque, per tutti i servigi che ci ha dato. 3Ma siamo grati, anche, del fatto che è finito il bisogno di percorrere il mondo dei limiti, e di raggiungere il Cristo in forme nascoste e vederlo chiaramente per lo più in sprazzi amorevoli. 4Ora possiamo vederlo senza paraocchi, nella luce che abbiamo imparato di nuovo a guardare.

S-3.II.3. La chiamiamo morte, ma è libertà. 2Non viene in forme che sembrano gettate dolorosamente su carne riluttante, ma come un dolce benvenuto alla liberazione. 3Se c’è stata vera guarigione, questa può essere la forma nella quale la morte giunge quando è il momento di riposare un po’ dal lavoro felicemente fatto e felicemente finito. 4Adesso andiamo in pace verso aria più libera e verso un clima più dolce, dove non è difficile vedere che i doni che abbiamo dato sono stati conservati per noi. 5Perché Cristo è più chiaro ora: la Sua visione più sostenuta in noi, la Sua Voce, la Parola di Dio, più certamente la nostra stessa voce.

S-3.II.4. Questo dolce passaggio a una preghiera più elevata, un dolce perdono dei modi terreni, può essere ricevuto solo con gratitudine. 2Tuttavia prima deve essere giunta la vera guarigione a benedire la mente con amorevole perdono per i peccati che sognava e che riversava sul mondo. 3Ora i suoi sogni sono dissolti in quieto riposo. 4Ora il suo perdono giunge a guarire il mondo ed è pronto a partire in pace, concluso il viaggio e apprese le lezioni.

S-3.II.5. Questa non è morte secondo il mondo, perché la morte è crudele ai suoi occhi spaventati e prende la forma della punizione per il peccato. 2E allora, come potrebbe essere una benedizione? 3Come potrebbe essere benvenuta quando temerla è inevitabile? 4Che guarigione è avvenuta in un simile modo di vedere ciò che è semplicemente l’apertura di un cancello verso una preghiera più elevata e il dolce compimento della giustizia? 5La morte è una ricompensa e non una punizione. 6Ma tale punto di vista deve essere incoraggiato da una guarigione che il mondo non può concepire. 7Non esiste guarigione parziale. 8Ciò che non fa che cambiare illusioni non ha fatto nulla. 9Ciò che è falso non può essere parzialmente vero. 10Se sei guarito la tua guarigione è completa. 11Il perdono è l’unico dono che dai e che vuoi ricevere.

S-3.II.6. La falsa guarigione si basa sulla cura del corpo, continuando a lasciare immutata la causa della malattia, pronta a colpire ancora finché porta a una morte crudele in apparente vittoria. 2Può essere tenuta a bada per un po’, e ci può essere una breve proroga mentre aspetta di prendersi la vendetta sul Figlio di Dio. 3Tuttavia non può essere superata finché tutta la fede in essa non venga messa da parte e posta su ciò con cui Dio sostituisce i sogni malvagi: un mondo in cui non c’è alcun velo di peccato che lo mantenga nell’oscurità e nello sconforto. 4Alla fine il cancello del Cielo si apre e il Figlio di Dio è libero di entrare nella casa che è pronta ad accoglierlo, e che fu preparata prima che il tempo fosse e ancora non fa che aspettarlo.

III. Separazione contrapposta a unione
S-3.III.1. La falsa guarigione guarisce il corpo in una parte, ma mai nella sua interezza. 2I suoi obiettivi separati diventano in questo del tutto evidenti, poiché non ha eliminato la maledizione del peccato che incombe su di esso. 3Quindi continua ad ingannare. 4Né è fatta da chi comprende che l’altro è esattamente come lui. 5Perché è questo che rende possibile la vera guarigione. 6Quando è falsa, c’è un certo potere che un altro ha, non egualmente concesso a entrambi come se fossero uno. 7Qui viene mostrata la separazione. 8E qui il significato della vera guarigione è perduto, e gli idoli sono sorti a oscurare l’unità che è il Figlio di Dio.

S-3.III 2. Guarire-per-separare può sembrare una strana idea. 2E tuttavia si può dire di ogni forma di guarigione che è basata su qualsiasi tipo di disuguaglianza. 3Queste forme possono guarire il corpo, e di fatto sono generalmente limitate a questo. 4Qualcuno ne sa di più, è stato addestrato meglio, o forse ha più talento o è più saggio. 5Quindi, può guarire colui che sta sotto il suo patrocinio 6La guarigione del corpo può essere ottenuta tramite questo perché nei sogni l’eguaglianza non può essere permanente. 7Mutamenti e cambiamenti sono ciò di cui è fatto il sogno. 8Sembra che essere guariti sia trovare uno più saggio che, grazie alle sue arti e ai suoi studi, avrà successo.

S-3.III.3. Qualcuno ne sa di più: questa è la frase magica per mezzo della quale il corpo sembra essere lo scopo della guarigione per come il mondo la concepisce. 2E da questo qualcuno più saggio l’altro va per trarre vantaggio da ciò che ha imparato e dalla sua abilità: per trovare in lui il rimedio al dolore. 3Come può essere? 4La vera guarigione non può venire da una presunta ineguaglianza e poi accettata come verità e usata per aiutare a ripristinare il ferito e per calmare la mente che soffre per l’agonia del dubbio.

S-3.III.4. C’è, quindi, un ruolo per la guarigione che possa essere usato per offrire aiuto per qualcun altro? 2Con l’arroganza la risposta deve essere “no”. 3Ma con l’umiltà c’è davvero un posto per chi aiuta. 4È come il ruolo che aiuta nella preghiera, e che permette al perdono di essere ciò che era inteso che fosse. 5Tu non fai di te il portatore del dono speciale che porta la guarigione. 6Ti limiti a riconoscere la tua unità con colui che chiede aiuto. 7Perché in questa unità il suo senso di separazione è dissolto, ed è questo che lo ha fatto ammalare. 8Non ha senso dare rimedio dove non si trova l’origine della malattia, perché così non potrà mai essere guarita veramente.

S-3.III.5. Ci sono dei guaritori, perché essi sono dei Figli di Dio che riconoscono la loro Fonte, e comprendono che tutto ciò che la loro Fonte crea è una sola cosa con loro. 2Questo è il rimedio che porta un sollievo che non può fallire. 3Esso rimarrà a benedire per tutta l’eternità. 4Non guarisce alcuna parte, ma interamente e per sempre. 5Ora la causa di ogni malattia è stata rivelata esattamente per quello che è. 6E ora in quel posto sta scritta la santa Parola di Dio. 7La malattia e la separazione devono essere guarite dall’amore e dall’unione. 8Niente altro può guarire come Dio ha stabilito la guarigione. 9Senza di Lui non c’è guarigione, perché non c’è amore.

S-3.III.6. Solo la Voce di Dio può dirti come guarire. 2Ascolta, e non mancherai mai di portare il Suo gentile rimedio a coloro che Lui ti manda per permetterGli di guarirli, e per benedire tutti coloro che servono con Lui nel nome della guarigione. 3La guarigione del corpo avverrà perché la sua causa se ne è andata. 4E ora, senza una causa, non può tornare di nuovo in una forma diversa. 5Né la morte sarà più temuta, perché sarà stata compresa. 6Non c’è paura in colui che è stato veramente guarito, perché ora l’amore è entrato dove di solito c’erano gli idoli, e la paura ha infine ceduto il posto a Dio.

IV. La santità della guarigione
S-3.IV.1. Come sono santi coloro che sono guariti! 2Perché alla loro vista i loro fratelli condividono la loro guarigione e il loro amore. 3Portatori di pace – la voce dello Spirito Santo, attraverso i quali Lui parla per Dio, del Quale è la Voce – tali sono i guaritori di Dio. 4Essi parlano solo per Lui e mai per se stessi. 5Non hanno doni se non quelli che hanno da Dio. 6E questi condividono, perché sanno che questo è ciò che Lui vuole. 7Essi non sono speciali. 8Sono santi. 9Hanno scelto la santità e rinunciato a tutti i sogni separati di attributi speciali attraverso i quali poter concedere doni ineguali a coloro che sono meno fortunati. 10La loro guarigione ha ripristinato la loro interezza così possono perdonare e unirsi al canto di preghiera nel quale i guariti cantano della loro unione e della loro gratitudine a Dio.

S-3.IV.2. In quanto testimone del perdono, aiuto alla preghiera ed effetto della misericordia insegnata veramente, la guarigione è benedizione. 2E il mondo risponde con un coro in crescendo tramite la voce della preghiera. 3Il perdono fa splendere la sua misericordiosa indulgenza su ogni filo d’erba e ala piumata e su tutte le cose viventi sulla terra. 4La paura non trova rifugio qui, perché l’amore è giunto in tutta la sua santa unità. 5Il tempo rimane solo per permettere all’ultimo abbraccio della preghiera di riposare sulla terra un istante, mentre il mondo svanisce nella luce. 6Questo istante è l’obiettivo di tutti i veri guaritori, ai quali il Cristo ha insegnato a vedere a Sua somiglianza e a insegnare come Lui.

S-3.IV.3. Pensa a cosa significa aiutare il Cristo a guarire! 2Ci può essere qualcosa più santo di ciò? 3Dio ringrazia i Suoi guaritori, perché sa che Lui stesso è la Causa della guarigione, il Suo Amore, Suo Figlio, ripristinato come Suo completamento e ritornato a condividere con Lui la santa gioia della creazione. 4Non chiedere una guarigione parziale, né accetta un idolo come ricordo di Colui il Cui Amore non è mai cambiato e mai lo sarà. 5Tu sei tanto caro a Lui come lo è l’intera Sua creazione, perché essa risiede in te come Suo dono eterno. 6Che bisogno hai di sogni mutevoli in un mondo desolato? 7Non dimenticare la gratitudine di Dio. 8Non dimenticare la santa grazia della preghiera. 9Non dimenticare il perdono del Figlio di Dio.

S-3.IV.4. Prima perdoni, poi preghi, e sei guarito. 2La tua preghiera si è elevata e ha chiamato Dio, Che ascolta e risponde. 3Hai compreso che perdoni e preghi solo per te stesso. 4E in questa comprensione sei guarito. 5Nella preghiera ti sei unito con la tua Fonte, e hai compreso che non l’hai mai lasciata. 6Questo livello può essere raggiunto solo quando non ci sarà più alcun odio nel tuo cuore ed alcun desiderio di attaccare il Figlio di Dio.

S-3.IV.5. Non dimenticare mai questo: sei tu che sei il Figlio di Dio e come scegli di essere per lui, così sei per te stesso, e Dio per te. 2Né il tuo giudizio mancherà di raggiungere Dio, perché darai a Lui il ruolo che vedi nella Sua creazione. 3Non scegliere in modo sbagliato, o penserai di essere tu il creatore al Suo posto, e allora Lui non sarà più la Causa ma solo un effetto. 4Ora la guarigione è impossibile, perché Lo si incolpa del tuo inganno e della tua colpa. 5Colui Che è Amore diventa la fonte della paura, perché solo la paura ora può essere giustificata. 6Sua è la Vendetta. 7Sua la grande distruttrice, la morte. 8E malattia, sofferenza e perdita crudele diventano la sorte di tutti sulla terra, che Egli ha abbandonato alle cure del diavolo, giurando di non liberarla più.

S-3.IV.6. Venite a Me, bambini Miei, ancora una volta, senza tali pensieri distorti nei vostri cuori. 2Siete tuttora santi della Santità Che vi ha generati in perfetta assenza di peccato, e che continua a circondarvi con le Braccia della pace. 3Sognate ora la guarigione. 4Poi sorgete e deponete per sempre ogni sogno. 5Voi siete colui che vostro Padre ama, che non ha mai lasciato la sua casa, né ha vagato in un mondo selvaggio coi piedi sanguinanti e con un cuore pesante, indurito contro l’Amore che è la verità in voi. 6Date tutti i vostri sogni a Cristo e lasciate che Egli sia la vostra Guida alla guarigione, e vi conduca in preghiera oltre i desolati limiti del mondo.

S-3.IV.7. Egli viene nel Mio nome e profferisce la Mia Parola. 2Richiamerò a Me il Mio Figlio esausto dai sogni di cattiveria al dolce abbraccio dell’Amore eterno e della pace perfetta. 3Le mie Braccia sono aperte al Figlio che amo, che non comprende di essere guarito, e che le sue preghiere non hanno mai smesso di cantare i suoi gioiosi ringraziamenti all’unisono con tutta la creazione, nella santità dell’Amore. 4Stai quieto un istante. 5Sotto i suoni della lotta aspra e amara e della sconfitta c’è una Voce Che ti parla di Me. 6AscoltaLa un istante e sarai guarito. 7AscoltaLa un istante e sarai stato salvato.

S-3.IV.8. AiutaMi a svegliare i Miei bambini dal sogno di punizione e di una piccola vita assediata dalla paura, che finisce così presto che potrebbe anche non esserci mai stata. 2Lascia invece che Io ti ricordi dell’eternità, nella quale la tua gioia diventa sempre più grande man mano che il tuo amore si estende col Mio oltre l’infinito, dove il tempo e la distanza non hanno alcun significato. 3Mentre aspetti nel dolore la melodia del Cielo è incompleta, perché il tuo canto è parte dell’eterna armonia dell’amore. 4Senza di te la creazione è incompiuta. 5Ritorna a Me Che non ho mai lasciato Mio Figlio. 6Ascolta, bambino Mio, tuo Padre ti chiama. 7Non rifiutarti di sentire il richiamo dell’Amore. 8Non negare a Cristo ciò che è Suo. 9Il Cielo è qui e il Cielo è la tua casa.

S-3.IV.9. La creazione si estende oltre le linee del tempo per sollevare dal mondo il pesante fardello. 2Innalza il tuo cuore per salutare il suo avvento. 3Vedi le ombre svanire dolcemente: le spine cadere morbidamente dalla fronte sanguinante di colui che è il santo Figlio di Dio. 4Come sei amabile, bambino della Santità! 5Come Mi sei simile! 6Come ti tengo amorevolmente nel Mio Cuore e tra le Mie Braccia. 7Quanto Mi è caro ogni dono che hai fatto, che ha guarito Mio Figlio e lo ha tolto dalla croce. 8Risorgi, e permettiMi di renderti grazie. 9E con la Mia gratitudine giungerà il dono prima del perdono, poi della pace eterna.

S-3.IV.10. Quindi ora riporta a Me la tua santa voce. 2Il canto della preghiera è silente senza di te. 3L’universo attende la tua liberazione perché è la sua. 4Sii gentile con esso e con te stesso, e poi sii gentile con Me. 5Non chiedo che questo: che tu sia confortato e che non viva più nel terrore e nel dolore. 6Non abbandonare l’Amore. 7Ricorda questo: qualsiasi cosa tu possa pensare di te stesso, qualsiasi cosa tu possa pensare del mondo, tuo Padre ha bisogno di te e ti chiamerà finché alla fine verrai a Lui in pace.


Note dei traduttori
Nel nostro lavoro di traduzione abbiamo cercato di rimanere il più fedeli possibile allo stile dell’originale inglese. Tuttavia, sebbene il nostro scopo fosse quello di mantenere un certo ritmo anche in italiano, il Corso è stato trattato come un vero e proprio manuale, dando la precedenza alla fedeltà del contenuto piuttosto che alla forma.

Così è stato mantenuto lo stile piuttosto farraginoso dei primi capitoli, mentre non è stato possibile mantenere la bellezza poetica dei capitoli successivi, che nell’originale sono scritti in pentametro giambico, la metrica shakespeariana.

Il Corso fa un abbondante uso di pronomi, costringendo intenzionalmente il lettore a procedere lentamente e con ponderazione: questo è stato mantenuto salvo in quei casi in cui la non esistenza in italiano di un pronome neutro corrispondente all’inglese “it”ci ha visti costretti ad esplicitare il sostantivo, anche se non espresso nell’inglese, per evitare una possibile confusione al lettore italiano.

Lo specifico linguaggio del Corso, i termini teologici e psicologici, le parole chiave ricorrenti, sono stati trattati con particolare attenzione, poiché è questo materiale linguistico, così com’è, insieme alle numerose metafore, che dà al Corso il suo sapore particolare. Per tutti questi vocaboli, così come per espressioni particolari ricorrenti, si è cercato di mantenere una traduzione rigorosamente coerente, così come si è cercato di mantenere la peculiarità del Corso di continuare ad usare ripetutamente gli stessi vocaboli, per quanto possibile nello specifico contesto. Quando questo è stato impossibile, la traduzione italiana di questi termini è stata ristretta a due o tre sinonimi.

Un’altra particolarità è la stretta connessione tra intenzione e linguaggio. Il corso mira a portare alla luce vecchie abitudini di pensiero per metterle in dubbio e questo fa sì che il linguaggio del corso non si presti ad essere letto velocemente, facilmente e senza problemi. L’intenzione di far riflettere il lettore viene esplicitata in frasi complicate strutturalmente (con costrutti complicati), e spesso con l’utilizzo di doppie negazioni. Queste frasi sono state intenzionalmente mantenute non semplificate nella traduzione. Secondo lo stesso principio, frasi incomplete nell’originale sono state mantenute incomplete nella traduzione.

Ci preme sottolineare la presenza di un certo numero di neologismi (sonship, authorship, right-mindedness, wrong-mindedness, one-mindedness, specialness) che sono stati resi in italiano rispettando l’originale nel modo più stretto possibile. La tendenza ad un uso innovativo del linguaggio –per motivi di buon contenuto –appare nell’uso insolito di preposizioni (“in the altar”, “accept into His Mind”, “restore the mind to its wholeness) o con insolite combinazioni (“bitter idols”, “author of reality”).

Qualora il lettore rilevasse brani insoliti dal punto di vista linguistico, ricordi che il linguaggio è sempre stato usato deliberatamente in modo tale da restare il più fedeli possibile all’originale.

Commentario
Dove i termini principali e le espressioni idiomatiche potrebbero dare adito a controversie, è necessaria una spiegazione riguardo al come si è pervenuti alla decisione di usarli. Va sottolineato che nell’originale viene utilizzata una serie di termini contrastanti per differenziare gli opposti sistemi di pensiero di non dualità e dualità presenti nel Corso (definiti conoscenza e percezione) così come mente corretta e mente sbagliata all’interno della dualità. Per motivi di chiarezza e rispetto del contenuto nella traduzione ci siamo dovuti attenere a rendere tali coppie di termini possibilmente senza eccezioni con gli stessi termini italiani ovunque. Tra tali coppie e termini singoli ci sono:

a) Make/ create = fare/creare
“Make” si riferisce alla dualità ed a ciò che l’ego produce entro la dualità; “create”si riferisce alle creazioni non dualistiche di Dio. Per mantenere questa differenziazione in italiano, dopo debita considerazione “make” è stato tradotto con “fare”, anche quando in italiano viene usato in modo diverso.

b) Know/ perceive = conoscere/percepire
“Conoscere” molto spesso (con l’eccezione dell’uso quotidiano come in “to know about something” – sapere qualcosa o “to know somebody” – conoscere qualcuno) si riferisce al livello di non dualità, mentre “percepire” pertiene al livello di dualità.

c) Wish/ will = desiderare/ volere
“To wish” si riferisce al livello della dualità, mentre “to will” si riferisce esclusivamente alla non dualità. Quando sostantivo “will” è stato tradotto con “volontà”.

d) To change one’s mind = cambiare idea/cambiare mente
In inglese questa espressione di uso quotidiano significa “cambiare idea”. L’insolita traduzione italiana “cambiare mente” è stata scelta per mettere in evidenza il concetto che la mente è divisa letteralmente in due parti, la mente corretta (right mind) e la mente sbagliata (wrong mind), con le quali ci si può via via identificare. Il corso infatti si riferisce al cambiamento dell’intero sistema di pensiero: quello della mente sbagliata governato dall’ego, e quello della mente corretta governato dallo Spirito Santo. Solo quando riferito a Dio questa espressione è stata tradotta con “cambiare idea”, poiché la Mente di Dio è Una.

e) Right/wrong mindedness = essere nella mente corretta/sbagliata
Coerentemente con la scelta espressa nel precedente punto d), ci è sembrato che il termine “essere nella mente corretta/sbagliata” meglio esprimesse il “cambiamento di mente” invocato dal Corso.

f) Attraction = attrazione/attrattiva
A seconda del significato attribuito nel Corso, abbiamo scelto “attrattiva” per indicare facoltà, capacità di attrarre, fascino, seduzione, qualità che attraggono, allettano; “attrazione” per indicare l’atto, l’effetto dell’attrarre, la facoltà di richiamare o risvegliare l’interesse di qualcuno.

g) Delusion/delusional
Termine tecnico psicologico, tradotto con “allucinazione/allucinante” quando si riferisce al percepire qualcosa che non esiste (es. un miraggio), e con “delirio/delirante” quando si riferisce al credere di essere qualcosa di diverso da ciò che si è (es. credere di essere Napoleone).

h) Sane, opposto di insane (folle) è stato tradotto a volte semplicemente come “sano” con l’avvertenza che si intende “sano di mente”.

i) Gap = spazio vuoto
Parola comune in inglese e inesistente in italiano. Tra le tante possibili traduzioni abbiamo scelto questa espressione perché si adatta molto bene alla metafora riportata nel capitolo 28 del Testo:

“Tuttavia la separazione non è che spazio vuoto, che non racchiude nulla, che non fa nulla ed è tanto inconsistente quanto lo spazio vuoto tra le onde che una nave ha lasciato passando. E viene riempito con la stessa rapidità con cui l’acqua si precipita a colmare lo spazio vuoto e con cui le onde lo ricoprono, riunendosi” (T. 28. III. 5: 2-3).

l) Sonship –Tradotto con “Figliolanza”, sta semplicemente ad indicare l’insieme dei figli.

m) Whole/Wholeness
Caratteristica essenziale di Dio e della Sua creazione, è stato tradotto rigorosamente con “Intero” e “Interezza” nel suo significato teologico. È stato invece tradotto in modo vario quando semplice parte del discorso e senza riferimenti teologici.

n) Willingness = a disponibilità
Dopo attenta valutazione, tra i possibili termini con cui si poteva tradurre la parola si è scelto “disponibilità”, che meglio si adattava ad essere ripetuta consistentemente. Facciamo tuttavia presente che, come l’espressione inglese “I am willing” significa “sono disposto”, implicando il consenso a fare, “willingness” rappresenta la stessa condizione di consenso.

Un corso in miracoli segue una serie di regole complicate per quanto concerne l’utilizzo delle maiuscole. Tali regole sono state principalmente introdotte da Helen Schucman. Il più importante di questi principi riguarda il fatto che tutti i pronomi relativi a Gesù non vengono riportati con la lettera maiuscola, mentre tutti quelli relativi a Dio, a Cristo o allo Spirito Santo sono riportati con la lettera maiuscola. Inoltre sono riportati con la lettera maiuscola i nomi direttamente collegati a Dio, mentre non lo sono i pronomi relativi a tali nomi.

Note
Capitolo 3: LA PERCEZIONE INNOCENTE

1. Il verbo inglese to question significa sia dubitare che fare domande.

Capitolo 4: LE ILLUSIONI DELL’EGO

1. NdT: gioco di parole intraducibile in italiano. In inglese dis-spiriting significa disperazione, ma il trattino mette in rilievo come questo provenga dalla separazione dallo spirito.

Capitolo 5: GUARIGIONE E INTEREZZA

1. Il termine burden significa messaggio in inglese arcaico, mentre nel linguaggio attuale significa carico, fardello, soma. 2. N.d.T. gioco di parole: in inglese il termine foolproof significa infallibile, chiarissimo, semplicissimo, e si riferisce in particolare a congegni che sono fatti in maniera tale da rendere impossibile un loro utilizzo in modo errato, anche se maneggiate da una persona incompetente o sciocca.

Capitolo 9: L’ACCETTAZIONE DELL’ESPIAZIONE

1. N.d.T. Il termine inglese to be right significa sia avere ragione che essere giusto.

Capitolo 13: IL MONDO SENZA COLPA

1. Espressione intraducibile. The out of mind is out of sight (letteralmente: ciò che è lontano dalla mente è fuori dalla portata della vista) fa riferimento all’espressione idiomatica inglese “out of sight is out of mind” che significa “Lontan dagli occhi, lontan dal cuore”.

Capitolo 19: IL RAGGIUNGIMENTO DELLA PACE

1. N.d.T.: Il termine inglese feather significa sia inezia che piuma – Vedi più avanti 9.1

Capitolo 22: LA SALVEZZA E LA RELAZIONE SANTA

1. N.d.T.: Il gioco di parole consiste nel fatto che la frase precedente in inglese è “Can you see reason”il cui significato è “Puoi comprendere la ragione”.

PARTE I: I RIPASSO

1. N.d.T.: il termine inglese argument significa sia argomentazione che diverbio.

PARTE I: II RIPASSO

1. Il termine inglese “to rest in God” significa sia “riposare in Dio” sia “confidare in Dio”.

1. LO SCOPO DELLA PSICOTERAPIA

* [NdT: il termine inglese self viene utilizzato sia per esprimere il sé che per indicare situazioni in cui ci si mette da sé ed in questo caso viene tradotto con “auto…”]