Acim-Testo

What It Says
Nothing real can be threatened. Nothing unreal exists. Herein lies the peace of God. This is how A Course in Miracles begins. It makes a fundamental distinction between the real and the unreal; between knowledge and perception. Knowledge is truth, under one law, the law of love or God. Truth is unalterable, eternal and unambiguous. It can be unrecognized, but it cannot be changed. It applies to everything that God created, and only what He created is real. It is beyond learning because it is beyond time and process. It has no opposite; no beginning and no end. It merely is. The world of perception, on the other hand, is the world of time, of change, of beginnings and endings. It is based on interpretation, not on facts. It is the world of birth and death, founded on the belief in scarcity, loss, separation and death. It is learned rather than given, selective in its perceptual emphases, unstable in its functioning, and inaccurate in its interpretations. From knowledge and perception respectively, two distinct thought systems arise which are opposite in every respect. In the realm of knowledge no thoughts exist apart from God, because God and His Creation share one Will. The world of perception, however, is made by the belief in opposites and separate wills, in perpetual conflict with each other and with God. What perception sees and hears appears to be real because it permits into awareness only what conforms to the wishes of the perceiver. This leads to a world of illusions, a world which needs constant defense precisely because it is not real. When you have been caught in the world of perception you are caught in a dream. You cannot escape without help, because everything your senses show merely witnesses to the reality of the dream. God has provided the Answer, the only Way out, the true Helper. It is the function of His Voice, His Holy Spirit, to mediate between the two worlds. He can do this because, while on the one hand He knows the truth, on the other He also recognizes our illusions, but without believing in them. It is the Holy Spirit’s goal to help us escape from the dream world by teaching us how to reverse our thinking and unlearn our mistakes. Forgiveness is the Holy Spirit’s great learning aid in bringing this thought reversal about. However, the Course has its own definition of what forgiveness really is just as it defines the world in its own way. The world we see merely reflects our own internal frame of reference–the dominant ideas, wishes and emotions in our minds. “Projection makes perception”(Text, p. 445). We look inside first, decide the kind of world we want to see and then project that world outside, making it the truth as we see it. We make it true by our interpretations of what it is we are seeing. If we are using perception to justify our own mistakes–our anger, our impulses to attack, our lack of love in whatever form it may take–we will see a world of evil, destruction, malice, envy and despair. All this we must learn to forgive, not because we are being “good”and “charitable,”but because what we are seeing is not true. We have distorted the world by our twisted defenses, and are therefore seeing what is not there. As we learn to recognize our perceptual errors, we also learn to look past them or “forgive.”At the same time we are forgiving ourselves, looking past our distorted self-concepts to the Self That God created in us and as us. Sin is defined as “lack of love”(Text, p. 11). Since love is all there is, sin in the sight of the Holy Spirit is a mistake to be corrected, rather than an evil to be punished. Our sense of inadequacy, weakness and incompletion comes from the strong investment in the “scarcity principle”that governs the whole world of illusions. From that point of view, we seek in others what we feel is wanting in ourselves. We “love”another in order to get something ourselves. That, in fact, is what passes for love in the dream world. There can be no greater mistake than that, for love is incapable of asking for anything. Only minds can really join, and whom God has joined no man can put asunder (Text, p. 356). It is, however, only at the level of Christ Mind that true union is possible, and has, in fact, never been lost. The “little I”seeks to enhance itself by external approval, external possessions and external “love.”The Self That God created needs nothing. It is forever complete, safe, loved and loving. It seeks to share rather than to get; to extend rather than project. It has no needs and wants to join with others out of their mutual awareness of abundance. The special relationships of the world are destructive, selfish and childishly egocentric. Yet, if given to the Holy Spirit, these relationships can become the holiest things on earth–the miracles that point the way to the return to Heaven. The world uses its special relationships as a final weapon of exclusion and a demonstration of separateness. The Holy Spirit transforms them into perfect lessons in forgiveness and in awakening from the dream. Each one is an opportunity to let perceptions be healed and errors corrected. Each one is another chance to forgive oneself by forgiving the other. And each one becomes still another invitation to the Holy Spirit and to the remembrance of God. Perception is a function of the body, and therefore represents a limit on awareness. Perception sees through the body’s eyes and hears through the body’s ears. It evokes the limited responses which the body makes. The body appears to be largely self-motivated and independent, yet it actually responds only to the intentions of the mind. If the mind wants to use it for attack in any form, it becomes prey to sickness, age and decay. If the mind accepts the Holy Spirit’s purpose for it instead, it becomes a useful way of communicating with others, invulnerable as long as it is needed, and to be gently laid by when its use is over. Of itself it is neutral, as is everything in the world of perception. Whether it is used for the goals of the ego or the Holy Spirit depends entirely on what the mind wants. The opposite of seeing through the body’s eyes is the vision of Christ, which reflects strength rather than weakness, unity rather than separation, and love rather than fear. The opposite of hearing through the body’s ears is communication through the Voice for God, the Holy Spirit, which abides in each of us. His Voice seems distant and difficult to hear because the ego, which speaks for the little, separated self, seems to be much louder. This is actually reversed. The Holy Spirit speaks with unmistakable clarity and overwhelming appeal. No one who does not choose to identify with the body could possibly be deaf to His messages of release and hope, nor could he fail to accept joyously the vision of Christ in glad exchange for his miserable picture of himself. Christ’s vision is the Holy Spirit’s gift, God’s alternative to the illusion of separation and to the belief in the reality of sin, guilt and death. It is the one correction for all errors of perception; the reconciliation of the seeming opposites on which this world is based. Its kindly light shows all things from another point of view, reflecting the thought system that arises from knowledge and making return to God not only possible but inevitable. What was regarded as injustice done to one by someone else now becomes a call for help and for union. Sin, sickness and attack are seen as misperceptions calling for remedy through gentleness and love. Defenses are laid down because where there is no attack there is no need for them. Our brothers’needs become our own, because they are taking the journey with us as we go to God. Without us they would lose their way. Without them we could never find our own. Forgiveness is unknown in Heaven, where the need for it would be inconceivable. However, in this world, forgiveness is a necessary correction for all the mistakes that we have made. To offer forgiveness is the only way for us to have it, for it reflects the law of Heaven that giving and receiving are the same. Heaven is the natural state of all the Sons of God as He created them. Such is their reality forever. It has not changed because it has been forgotten. Forgiveness is the means by which we will remember. Through forgiveness the thinking of the world is reversed. The forgiven world becomes the gate of Heaven, because by its mercy we can at last forgive ourselves. Holding no one prisoner to guilt, we become free. Acknowledging Christ in all our brothers, we recognize His Presence in ourselves. Forgetting all our misperceptions, and with nothing from the past to hold us back, we can remember God. Beyond this, learning cannot go. When we are ready, God Himself will take the final step in our return to Him.

Introduction
T-in.1. This is a course in miracles. It is a required course. Only the time you take it is voluntary. Free will does not mean that you can establish the curriculum. It means only that you can elect what you want to take at a given time. The course does not aim at teaching the meaning of love, for that is beyond what can be taught. It does aim, however, at removing the blocks to the awareness of love’s presence, which is your natural inheritance. The opposite of love is fear, but what is all-encompassing can have no opposite.

T-in.2. This course can therefore be summed up very simply in this way:

Nothing real can be threatened.
Nothing unreal exists.
Herein lies the peace of God.


Introduzione
1. Questo è un corso in miracoli. 2È un corso richiesto. 3Solo il tempo che ti ci vuole per farlo è volontario. 4Libero arbitrio non significa che puoi stabilire il programma di studi. 5Significa solo che puoi scegliere cosa vuoi imparare in un determinato momento. 6Il corso non si prefigge di insegnare il significato dell’amore, poiché esso trascende ciò che può essere insegnato. 7Si prefigge, tuttavia, di eliminare i blocchi alla consapevolezza della presenza dell’amore, che è la tua eredità naturale. 8L’opposto dell’amore è la paura, ma ciò che tutto abbraccia non può avere opposti.

2. Questo corso si può quindi riassumere molto semplicemente così:

"Nulla di ciò che è reale può essere minacciato.
Nulla di irreale esiste.
In questo si trova la pace di Dio."


Chapter 1. The meaning of miracles - Capitolo 1. Il significato dei miracoli

I. Principles of Miracles
T-1.I.1. There is no order of difficulty in miracles. One is not “harder” or “bigger” than another. They are all the same. All expressions of love are maximal.

T-1.I.2. Miracles as such do not matter. The only thing that matters is their Source, which is far beyond evaluation.

T-1.I.3. Miracles occur naturally as expressions of love. The real miracle is the love that inspires them. In this sense everything that comes from love is a miracle.

T-1.I.4. All miracles mean life, and God is the Giver of life. His Voice will direct you very specifically. You will be told all you need to know.

T-1.I.5. Miracles are habits, and should be involuntary. They should not be under conscious control. Consciously selected miracles can be misguided.

T-1.I.6. Miracles are natural. When they do not occur something has gone wrong.

T-1.I.7. Miracles are everyone’s right, but purification is necessary first.

T-1.I.8. Miracles are healing because they supply a lack; they are performed by those who temporarily have more for those who temporarily have less.

T-1.I.9. Miracles are a kind of exchange. Like all expressions of love, which are always miraculous in the true sense, the exchange reverses the physical laws. They bring more love both to the giver and the receiver.

T-1.I.10. The use of miracles as spectacles to induce belief is a misunderstanding of their purpose.

T-1.I.11. Prayer is the medium of miracles. It is a means of communication of the created with the Creator. Through prayer love is received, and through miracles love is expressed.

T-1.I.12. Miracles are thoughts. Thoughts can represent the lower or bodily level of experience, or the higher or spiritual level of experience. One makes the physical, and the other creates the spiritual.

T-1.I.13. Miracles are both beginnings and endings, and so they alter the temporal order. They are always affirmations of rebirth, which seem to go back but really go forward. They undo the past in the present, and thus release the future.

T-1.I.14. Miracles bear witness to truth. They are convincing because they arise from conviction. Without conviction they deteriorate into magic, which is mindless and therefore destructive; or rather, the uncreative use of mind.

T-1.I.15. Each day should be devoted to miracles. The purpose of time is to enable you to learn how to use time constructively. It is thus a teaching device and a means to an end. Time will cease when it is no longer useful in facilitating learning.

T-1.I.16. Miracles are teaching devices for demonstrating it is as blessed to give as to receive. They simultaneously increase the strength of the giver and supply strength to the receiver.

T-1.I.17. Miracles transcend the body. They are sudden shifts into invisibility, away from the bodily level. That is why they heal.

T-1.I.18. A miracle is a service. It is the maximal service you can render to another. It is a way of loving your neighbor as yourself. You recognize your own and your neighbor’s worth simultaneously.

T-1.I.19. Miracles make minds one in God. They depend on cooperation because the Sonship is the sum of all that God created. Miracles therefore reflect the laws of eternity, not of time.

T-1.I.20. Miracles reawaken the awareness that the spirit, not the body, is the altar of truth. This is the recognition that leads to the healing power of the miracle.

T-1.I.21. Miracles are natural signs of forgiveness. Through miracles you accept God’s forgiveness by extending it to others.

T-1.I.22. Miracles are associated with fear only because of the belief that darkness can hide. You believe that what your physical eyes cannot see does not exist. This leads to a denial of spiritual sight.

T-1.I.23. Miracles rearrange perception and place all levels in true perspective. This is healing because sickness comes from confusing the levels.

T-1.I.24. Miracles enable you to heal the sick and raise the dead because you made sickness and death yourself, and can therefore abolish both. You are a miracle, capable of creating in the likeness of your Creator. Everything else is your own nightmare, and does not exist. Only the creations of light are real.

T-1.I.25. Miracles are part of an interlocking chain of forgiveness which, when completed, is the Atonement. Atonement works all the time and in all the dimensions of time.

T-1.I.26. Miracles represent freedom from fear. “Atoning” means “undoing.” The undoing of fear is an essential part of the Atonement value of miracles.

T-1.I.27. A miracle is a universal blessing from God through me to all my brothers. It is the privilege of the forgiven to forgive.

T-1.I.28. Miracles are a way of earning release from fear. Revelation induces a state in which fear has already been abolished. Miracles are thus a means and revelation is an end.

T-1.I.29. Miracles praise God through you. They praise Him by honoring His creations, affirming their perfection. They heal because they deny body-identification and affirm spirit-identification.

T-1.I.30. By recognizing spirit, miracles adjust the levels of perception and show them in proper alignment. This places spirit at the center, where it can communicate directly.

T-1.I.31. Miracles should inspire gratitude, not awe. You should thank God for what you really are. The children of God are holy and the miracle honors their holiness, which can be hidden but never lost.

T-1.I.32. I inspire all miracles, which are really intercessions. They intercede for your holiness and make your perceptions holy. By placing you beyond the physical laws they raise you into the sphere of celestial order. In this order you are perfect.

T-1.I.33. Miracles honor you because you are lovable. They dispel illusions about yourself and perceive the light in you. They thus atone for your errors by freeing you from your nightmares. By releasing your mind from the imprisonment of your illusions, they restore your sanity.

T-1.I.34. Miracles restore the mind to its fullness. By atoning for lack they establish perfect protection. The spirit’s strength leaves no room for intrusions.

T-1.I.35. Miracles are expressions of love, but they may not always have observable effects.

T-1.I.36. Miracles are examples of right thinking, aligning your perceptions with truth as God created it.

T-1.I.37. A miracle is a correction introduced into false thinking by me. It acts as a catalyst, breaking up erroneous perception and reorganizing it properly. This places you under the Atonement principle, where perception is healed. Until this has occurred, knowledge of the Divine Order is impossible.

T-1.I.38. The Holy Spirit is the mechanism of miracles. He recognizes both God’s creations and your illusions. He separates the true from the false by His ability to perceive totally rather than selectively.

T-1.I.39. The miracle dissolves error because the Holy Spirit identifies error as false or unreal. This is the same as saying that by perceiving light, darkness automatically disappears.

T-1.I.40. The miracle acknowledges everyone as your brother and mine. It is a way of perceiving the universal mark of God.

T-1.I.41. Wholeness is the perceptual content of miracles. They thus correct, or atone for, the faulty perception of lack.

T-1.I.42. A major contribution of miracles is their strength in releasing you from your false sense of isolation, deprivation and lack.

T-1.I.43. Miracles arise from a miraculous state of mind, or a state of miracle-readiness.

T-1.I.44. The miracle is an expression of an inner awareness of Christ and the acceptance of His Atonement.

T-1.I.45. A miracle is never lost. It may touch many people you have not even met, and produce undreamed of changes in situations of which you are not even aware.

T-1.I.46. The Holy Spirit is the highest communication medium. Miracles do not involve this type of communication, because they are temporary communication devices. When you return to your original form of communication with God by direct revelation, the need for miracles is over.

T-1.I.47. The miracle is a learning device that lessens the need for time. It establishes an out-of-pattern time interval not under the usual laws of time. In this sense it is timeless.

T-1.I.48. The miracle is the only device at your immediate disposal for controlling time. Only revelation transcends it, having nothing to do with time at all.

T-1.I.49. The miracle makes no distinction among degrees of misperception. It is a device for perception correction, effective quite apart from either the degree or the direction of the error. This is its true indiscriminateness.

T-1.I.50. The miracle compares what you have made with creation, accepting what is in accord with it as true, and rejecting what is out of accord as false.

I. Principi dei Miracoli
1. Non c’è ordine di difficoltà nei miracoli. 2Uno non è “più difficile” o “più grande” di un altro. 3Sono tutti uguali. 4Tutte le espressioni d’amore sono massimali.

2. I miracoli in quanto tali non hanno importanza. 2L’unica cosa che importa è la loro Fonte, Che è ben al di là di ogni valutazione.

3. I miracoli avvengono naturalmente come espressioni d’amore. 2Il vero miracolo è l’amore che li ispira. 3In questo senso tutto ciò che viene dall’amore è un miracolo.

4. Tutti i miracoli significano vita, e Dio è Colui Che dà la vita. 2La Sua Voce ti guiderà in modo molto specifico. 3Ti verrà detto tutto ciò che hai bisogno di sapere.

5. I miracoli sono abitudini e dovrebbero essere involontari. 2Non dovrebbero essere sotto controllo cosciente. 3I miracoli scelti coscientemente possono essere mal guidati.

6. I miracoli sono naturali. 2Quando non avvengono qualcosa non ha funzionato.

7. I miracoli sono un diritto di tutti, ma prima è necessaria la purificazione. 8. I miracoli sono guarigione perché suppliscono a una mancanza: vengono compiuti da coloro che temporaneamente hanno di più in favore di coloro che temporaneamente hanno di meno.

9. I miracoli sono una sorta di scambio. 2Come tutte le espressioni dell’amore, che sono sempre miracolose nel vero senso della parola, lo scambio inverte le leggi fisiche. 3Essi portano più amore a colui che dà come a colui che riceve.

10. L’uso dei miracoli come spettacoli per indurre a credere è un fraintendimento del loro scopo.

11. La preghiera è lo strumento dei miracoli. 2È un mezzo di comunicazione del creato con il Creatore. 3L’amore si riceve con la preghiera e si esprime con i miracoli.

12. I miracoli sono pensieri. 2I pensieri possono rappresentare il livello d’esperienza inferiore o corporeo, oppure il livello d’esperienza superiore o spirituale. 3Uno fa il livello fisico, l’altro crea quello spirituale.

13. I miracoli sono sia inizio che fine e quindi alterano l’ordine temporale. 2Sono sempre affermazioni di rinascita, che sembrano tornare indietro, ma in realtà vanno avanti. 3Disfano il passato nel presente e così liberano il futuro.

14. I miracoli rendono testimonianza alla verità. 2Sono convincenti perché scaturiscono dalla convinzione. 3Senza convinzione degenerano nella magia, che non ha mente e pertanto è distruttiva, o meglio è l’uso non creativo della mente.

15. Ogni giorno dovrebbe essere dedicato ai miracoli. 2Lo scopo del tempo è metterti in grado di imparare ad usare il tempo in modo costruttivo. 3È dunque uno strumento di insegnamento e un mezzo per un fine. 4Il tempo cesserà quando non sarà più utile per facilitare l’apprendimento.

16. I miracoli sono strumenti di insegnamento per dimostrare che è tanto benedetto il dare quanto il ricevere. 2Aumentano la forza di colui che dà e contemporaneamente forniscono forza a colui che riceve.

17. I miracoli trascendono il corpo. 2Sono spostamenti improvvisi nell’invisibile, lontano dal livello corporeo. 3Ecco perché guariscono.

18. Un miracolo è un servizio. 2È il massimo servizio che puoi rendere a qualcun altro. 3È un modo di amare il prossimo tuo come te stesso. 4Riconosci contemporaneamente il tuo valore e quello del tuo prossimo.

19. I miracoli rendono le menti una in Dio. 2Si basano sulla cooperazione perché la Figliolanza è la somma di tutto ciò che Dio ha creato. 3I miracoli dunque riflettono le leggi dell'Eternità, non del tempo.

20. I miracoli risvegliano la consapevolezza che lo spirito, e non il corpo, è l’altare della verità. 2Questo è il riconoscimento che conduce al potere guaritore del miracolo.

21. I miracoli sono segni naturali di perdono. 2Attraverso i miracoli accetti il perdono di Dio estendendolo agli altri.

22. I miracoli sono associati alla paura solo poiché si crede che l’oscurità possa nascondere. 2Tu credi che ciò che i tuoi occhi fisici non possono vedere non esista. 3Questo porta a negare la vista spirituale.

23. I miracoli rimettono in ordine la percezione e collocano tutti i livelli nella vera prospettiva. 2Questa è la guarigione poiché la malattia viene dal confondere i livelli.

24. I miracoli ti permettono di guarire gli infermi e risuscitare i morti perché sei stato proprio tu a fare la malattia e la morte, e dunque puoi abolirle entrambe. 2Tu sei un miracolo, capace di creare a somiglianza del tuo Creatore. 3Qualunque altra cosa è un tuo incubo, e non esiste. 4Solo le creazioni di luce sono reali.

25. I miracoli sono parte di una catena interdipendente di perdono, che, una volta completata, è la Riconciliazione. 2La Riconciliazione funziona in ogni momento e in tutte le dimensioni del tempo.

26. I miracoli rappresentano la libertà dalla paura. 2“Riconciliare” significa “disfare”. 3Disfare la paura è parte essenziale del valore di Riconciliazione dei miracoli.

27. Un miracolo è una benedizione universale da parte di Dio, attraverso me, per tutti i miei fratelli. 2È il privilegio del perdonato di perdonare.

28. I miracoli sono un modo per guadagnarsi la liberazione dalla paura. 2La rivelazione induce uno stato in cui la paura è già stata abolita. 3I miracoli sono così un mezzo e la rivelazione è un fine.

29. I miracoli lodano Dio attraverso di te. 2Lo lodano onorando le Sue creazioni, in quanto ne affermano la perfezione. 3Guariscono perché negano l’identificazione con il corpo ed affermano l’identificazione con lo spirito.

30. Riconoscendo lo spirito, i miracoli regolano i livelli di percezione e li fanno vedere nel giusto allineamento. 2Questo pone lo spirito al centro, dove può comunicare direttamente.

31. I miracoli dovrebbero ispirare gratitudine, non soggezione. 2Dovresti ringraziare Dio per ciò che realmente sei. 3I bambini di Dio sono santi e il miracolo onora la loro santità, che può essere nascosta, ma mai perduta.

32. Io ispiro tutti i miracoli, che in realtà sono intercessioni. 2Intercedono per la tua santità e rendono sante le tue percezioni. 3Mettendoti al di là delle leggi fisiche ti elevano nella sfera dell’ordine celeste. In questo ordine tu sei perfetto.

33. I miracoli ti onorano perché sei degno di essere amato. 2Disperdono le illusioni su te stesso e percepiscono la luce in te. 3Così Riconciliano i tuoi errori liberandoti dai tuoi incubi. 4Liberando la tua mente dalla prigione delle tue illusioni, ripristinano la tua sanità mentale.

34. I miracoli ripristinano la mente alla sua pienezza. 2Riconciliano la mancanza, stabiliscono la protezione perfetta. 3La forza dello Spirito non lascia spazio alle intrusioni.

35. I miracoli sono espressioni d’amore, ma possono non avere sempre effetti osservabili.

36. I miracoli sono esempi del pensare corretto, poiché allineano le tue percezioni con la verità come Dio l’ha creata.

37. Un miracolo è una correzione introdotta da me nel falso modo di pensare. 2Agisce come catalizzatore, poiché smantella la percezione errata e la riorganizza opportunamente. 3Questo ti sottopone al principio della Riconciliazione, dove la percezione viene guarita. 4Fino a che ciò non sarà avvenuto, la conoscenza dell’Ordine Divino sarà impossibile.

38. Lo Spirito Santo è il meccanismo dei miracoli. 2Riconosce sia le creazioni di Dio che le tue illusioni. 3Separa il vero dal falso con la Sua capacità di percepire totalmente invece che selettivamente.

39. Il miracolo dissolve l’errore perché lo Spirito Santo identifica l’errore come falso o irreale. 2È come dire che, percependo la luce, l’oscurità scompare automaticamente.

40. Il miracolo riconosce ciascuno come fratello tuo e mio. 2È un modo di percepire il segno universale di Dio.

41. L’interezza è il contenuto della percezione dei miracoli. 2Così essi correggono, o riparano, l’errata percezione di mancanza.

42. Uno dei principali contributi dei miracoli è la loro forza nel liberarti dal falso senso di isolamento, privazione e mancanza.

43. I miracoli scaturiscono da uno stato miracoloso della mente, ovvero uno stato in cui si è pronti al miracolo.

44. Il miracolo è espressione della consapevolezza interiore di Cristo e l’accettazione della Sua Riconciliazione.

45. Un miracolo non è mai perduto. 2Può toccare molte persone che non hai neppure incontrato e produrre cambiamenti inimmaginabili, in situazioni di cui non sei neanche consapevole.

46. Lo Spirito Santo è il più elevato mezzo di comunicazione. 2I miracoli non implicano questo tipo di comunicazione, perché sono strumenti di comunicazione temporanei. 3Quando ritornerai alla tua forma originale di comunicazione con Dio tramite rivelazione diretta, il bisogno dei miracoli sarà superato.

47. Il miracolo è uno strumento di apprendimento che riduce il bisogno di tempo. 2Stabilisce un intervallo di tempo fuori dagli schemi, che non è soggetto alle solite leggi del tempo. 3In questo senso è senza tempo.

48. Il miracolo è l’unico strumento a tua immediata disposizione per controllare il tempo. 2Solo la rivelazione lo trascende, non avendo assolutamente niente a che fare con il tempo.

49. Il miracolo non fa alcuna distinzione fra i gradi di mal-percezione. 2È uno strumento di correzione della percezione, efficace in modo del tutto indipendente sia dal grado che dalla direzione dell’errore. 3Questa è la sua vera indiscriminatezza.

50. Il miracolo raffronta ciò che tu hai fatto con la creazione, accettando come vero ciò che è in accordo con essa, e rifiutando come falso ciò che non lo è.

II. Revelation, Time and Miracles
T-1.II.1. Revelation induces complete but temporary suspension of doubt and fear. It reflects the original form of communication between God and His creations, involving the extremely personal sense of creation sometimes sought in physical relationships. Physical closeness cannot achieve it. Miracles, however, are genuinely interpersonal, and result in true closeness to others. Revelation unites you directly with God. Miracles unite you directly with your brother. Neither emanates from consciousness, but both are experienced there. Consciousness is the state that induces action, though it does not inspire it. You are free to believe what you choose, and what you do attests to what you believe.

T-1.II.2. Revelation is intensely personal and cannot be meaningfully translated. That is why any attempt to describe it in words is impossible. Revelation induces only experience. Miracles, on the other hand, induce action. They are more useful now because of their interpersonal nature. In this phase of learning, working miracles is important because freedom from fear cannot be thrust upon you. Revelation is literally unspeakable because it is an experience of unspeakable love.

T-1.II.3. Awe should be reserved for revelation, to which it is perfectly and correctly applicable. It is not appropriate for miracles because a state of awe is worshipful, implying that one of a lesser order stands before his Creator. You are a perfect creation, and should experience awe only in the Presence of the Creator of perfection. The miracle is therefore a sign of love among equals. Equals should not be in awe of one another because awe implies inequality. It is therefore an inappropriate reaction to me. An elder brother is entitled to respect for his greater experience, and obedience for his greater wisdom. He is also entitled to love because he is a brother, and to devotion if he is devoted. It is only my devotion that entitles me to yours. There is nothing about me that you cannot attain. I have nothing that does not come from God. The difference between us now is that I have nothing else. This leaves me in a state which is only potential in you.

T-1.II.4. “No man cometh unto the Father but by me”does not mean that I am in any way separate or different from you except in time, and time does not really exist. The statement is more meaningful in terms of a vertical rather than a horizontal axis. You stand below me and I stand below God. In the process of “rising up,”I am higher because without me the distance between God and man would be too great for you to encompass. I bridge the distance as an elder brother to you on the one hand, and as a Son of God on the other. My devotion to my brothers has placed me in charge of the Sonship, which I render complete because I share it. This may appear to contradict the statement “I and my Father are one,”but there are two parts to the statement in recognition that the Father is greater.

T-1.II.5. Revelations are indirectly inspired by me because I am close to the Holy Spirit, and alert to the revelation-readiness of my brothers. I can thus bring down to them more than they can draw down to themselves. The Holy Spirit mediates higher to lower communication, keeping the direct channel from God to you open for revelation. Revelation is not reciprocal. It proceeds from God to you, but not from you to God.

T-1.II.6. The miracle minimizes the need for time. In the longitudinal or horizontal plane the recognition of the equality of the members of the Sonship appears to involve almost endless time. However, the miracle entails a sudden shift from horizontal to vertical perception. This introduces an interval from which the giver and receiver both emerge farther along in time than they would otherwise have been. The miracle thus has the unique property of abolishing time to the extent that it renders the interval of time it spans unnecessary. There is no relationship between the time a miracle takes and the time it covers. The miracle substitutes for learning that might have taken thousands of years. It does so by the underlying recognition of perfect equality of giver and receiver on which the miracle rests. The miracle shortens time by collapsing it, thus eliminating certain intervals within it. It does this, however, within the larger temporal sequence.

II. Rivelazione, tempo e miracoli
1. La rivelazione induce a una completa ma temporanea sospensione del dubbio e della paura. 2Essa riflette la forma originale di comunicazione fra Dio e le Sue creazioni, che implica un senso della creazione estremamente personale, che talvolta viene ricercato nelle relazioni fisiche. 3La vicinanza fisica non può ottenerlo. 4I miracoli, tuttavia, sono genuinamente interpersonali, ed hanno come risultato la vera vicinanza agli altri. 5La rivelazione ti unisce direttamente a Dio. 6I miracoli ti uniscono direttamente a tuo fratello. 7Nessuno dei due emana dalla coscienza, ma entrambi vengono sperimentati in essa. 8La coscienza è quello stato che induce l’azione, anche se non la ispira. 9Tu sei libero di credere in ciò che vuoi, e ciò che fai attesta ciò in cui credi.

2. La rivelazione è intensamente personale e non può essere tradotta significativamente. 2Questo è il motivo per cui qualsiasi tentativo di descriverla a parole è impossibile. 3La rivelazione induce solo esperienza. 4I miracoli, d’altro canto, inducono azione. 5Essi sono più utili ora a causa della loro natura interpersonale. 6In questa fase di apprendimento, operare miracoli è importante, perché la libertà dalla paura non può esserti imposta. 7La rivelazione è letteralmente inesprimibile perché è un’esperienza di amore inesprimibile.

3. La soggezione deve essere riservata alla rivelazione, alla quale è perfettamente e correttamente applicabile. 2Non è appropriata ai miracoli, in quanto uno stato di soggezione è colmo di venerazione, poiché implica che un essere di ordine inferiore stia davanti al suo Creatore. 3Tu sei una creazione perfetta e dovresti provare soggezione solo alla Presenza del Creatore della perfezione. 4Il miracolo è quindi un segno d’amore fra eguali. 5Tra uguali non dovrebbe esserci soggezione, perché la soggezione implica ineguaglianza. 6Ed è pertanto una reazione inappropriata nei miei confronti. 7Il primogenito tra i fratelli ha diritto al rispetto per la sua maggiore esperienza e all’obbedienza per la sua maggiore saggezza. 8Ha anche diritto all’amore perché è un fratello ed alla devozione se egli è devoto. 9È solo la mia devozione che mi dà diritto alla tua. 10Non c’è niente di me stesso che tu non possa raggiungere. 11Io non ho niente che non venga da Dio. 12La differenza fra di noi ora è che io non ho nient’altro. 13Questo mi lascia in uno stato che in te è solo potenziale.

4. “Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me” non significa che io sono in alcun modo separato o diverso da te eccetto che nel tempo, e il tempo in realtà non esiste. 2L’affermazione ha più significato in termini di asse verticale che non orizzontale. 3Tu ti trovi al di sotto di me e io sono al di sotto di Dio. 4Nel processo di “ascesa”, io mi trovo più in alto perché senza di me la distanza fra Dio e l’uomo sarebbe troppo grande perché tu la possa colmare. 5Io colmo la distanza come tuo fratello primogenito da un lato, e come Figlio di Dio dall’altro. 6La devozione che ho verso i miei fratelli mi ha dato la responsabilità della Figliolanza, che io rendo completa perché la condivido. 7Questo può sembrare contraddire l’affermazione “Io e il Padre siamo uno”, ma ci sono due parti dell’affermazione a riconoscimento che il Padre è più grande.

5. Le rivelazioni sono indirettamente ispirate da me perché io sono vicino allo Spirito Santo e attento al momento in cui i miei fratelli sono pronti alla rivelazione. 2Posso così far discendere su di loro più di quanto essi possono far discendere da soli. 3Lo Spirito Santo fa da mediatore tra la comunicazione superiore e quella inferiore, mantenendo aperto il canale diretto da Dio a te così che avvenga la rivelazione. 4La rivelazione non è reciproca. 5Essa procede da Dio a te, ma non da te a Dio.

6. Il miracolo minimizza il bisogno del tempo. 2Nel piano longitudinale od orizzontale il riconoscere l’uguaglianza di coloro che appartengono alla Figliolanza sembra implicare un tempo quasi interminabile. 3Tuttavia, il miracolo comporta un improvviso salto della percezione da orizzontale a verticale. 4Questo introduce un intervallo dal quale entrambi, chi dà e chi riceve, emergono molto più in là nel tempo di dove altrimenti si sarebbero trovati. 5Il miracolo così ha la proprietà unica di abolire il tempo nella misura in cui rende non necessario l’intervallo di tempo che attraversa. 6Non c’è rapporto tra il tempo che ci vuole per fare un miracolo e il tempo che esso ricopre. 7Il miracolo sostituisce un apprendimento che avrebbe potuto richiedere migliaia di anni. 8Lo fa mediante il riconoscimento implicito della perfetta uguaglianza di chi dà e di chi riceve sui quali si basa il miracolo. 9Il miracolo accorcia il tempo collassandolo, eliminando così alcuni intervalli al suo interno. 10Tuttavia, lo fa all’interno della sequenza temporale più ampia.

III. Atonement and Miracles
T-1.III.1. I am in charge of the process of Atonement, which I undertook to begin. When you offer a miracle to any of my brothers, you do it to yourself and me. The reason you come before me is that I do not need miracles for my own Atonement, but I stand at the end in case you fail temporarily. My part in the Atonement is the cancelling out of all errors that you could not otherwise correct. When you have been restored to the recognition of your original state, you naturally become part of the Atonement yourself. As you share my unwillingness to accept error in yourself and others, you must join the great crusade to correct it; listen to my voice, learn to undo error and act to correct it. The power to work miracles belongs to you. I will provide the opportunities to do them, but you must be ready and willing. Doing them will bring conviction in the ability, because conviction comes through accomplishment. The ability is the potential, the achievement is its expression, and the Atonement, which is the natural profession of the children of God, is the purpose.

T-1.III.2. “Heaven and earth shall pass away” means that they will not continue to exist as separate states. My word, which is the resurrection and the life, shall not pass away because life is eternal. You are the work of God, and His work is wholly lovable and wholly loving. This is how a man must think of himself in his heart, because this is what he is.

T-1.III.3. The forgiven are the means of the Atonement. Being filled with spirit, they forgive in return. Those who are released must join in releasing their brothers, for this is the plan of the Atonement. Miracles are the way in which minds that serve the Holy Spirit unite with me for the salvation or release of all of God’s creations.

T-1.III.4. I am the only one who can perform miracles indiscriminately, because I am the Atonement. You have a role in the Atonement which I will dictate to you. Ask me which miracles you should perform. This spares you needless effort, because you will be acting under direct communication. The impersonal nature of the miracle is an essential ingredient, because it enables me to direct its application, and under my guidance miracles lead to the highly personal experience of revelation. A guide does not control but he does direct, leaving it up to you to follow. “Lead us not into temptation” means “Recognize your errors and choose to abandon them by following my guidance.”

T-1.III.5. Error cannot really threaten truth, which can always withstand it. Only the error is actually vulnerable. You are free to establish your kingdom where you see fit, but the right choice is inevitable if you remember this:

Spirit is in a state of grace forever.
Your reality is only spirit.
Therefore you are in a state of grace forever.


Atonement undoes all errors in this respect, and thus uproots the source of fear. Whenever you experience God’s reassurances as threat, it is always because you are defending misplaced or misdirected loyalty. When you project this to others you imprison them, but only to the extent to which you reinforce errors they have already made. This makes them vulnerable to the distortions of others, since their own perception of themselves is distorted. The miracle worker can only bless them, and this undoes their distortions and frees them from prison.

T-1.III.6. You respond to what you perceive, and as you perceive so shall you behave. The Golden Rule asks you to do unto others as you would have them do unto you. This means that the perception of both must be accurate. The Golden Rule is the rule for appropriate behavior. You cannot behave appropriately unless you perceive correctly. Since you and your neighbor are equal members of one family, as you perceive both so you will do to both. You should look out from the perception of your own holiness to the holiness of others.

T-1.III.7. Miracles arise from a mind that is ready for them. By being united this mind goes out to everyone, even without the awareness of the miracle worker himself. The impersonal nature of miracles is because the Atonement itself is one, uniting all creations with their Creator. As an expression of what you truly are, the miracle places the mind in a state of grace. The mind then naturally welcomes the Host within and the stranger without. When you bring in the stranger, he becomes your brother.

T-1.III.8. That the miracle may have effects on your brothers that you may not recognize is not your concern. The miracle will always bless you. Miracles you are not asked to perform have not lost their value. They are still expressions of your own state of grace, but the action aspect of the miracle should be controlled by me because of my complete awareness of the whole plan. The impersonal nature of miracle-mindedness ensures your grace, but only I am in a position to know where they can be bestowed.

T-1.III.9. Miracles are selective only in the sense that they are directed towards those who can use them for themselves. Since this makes it inevitable that they will extend them to others, a strong chain of Atonement is welded. However, this selectivity takes no account of the magnitude of the miracle itself, because the concept of size exists on a plane that is itself unreal. Since the miracle aims at restoring the awareness of reality, it would not be useful if it were bound by laws that govern the error it aims to correct.

III. Riconciliazione e miracoli
1. Io sono responsabile del processo di Riconciliazione che mi sono impegnato a cominciare. 2Quando offri un miracolo ad uno qualsiasi dei miei fratelli, lo fai a te stesso e a me. 3La ragione per cui vieni prima di me è che io non ho bisogno di miracoli per la mia Riconciliazione, ma sto alla fine, nel caso tu fallisca temporaneamente. 4La mia parte nella Riconciliazione è quella di cancellare tutti gli errori che tu altrimenti non potresti correggere. 5Quando ti sarà stato ripristinato il riconoscimento del tuo stato originale, tu stesso diventerai automaticamente parte della Riconciliazione. 6Non appena condividerai la mia non disponibilità ad accettare l’errore in te stesso e negli altri, ti unirai alla grande crociata per correggerlo: ascolta la mia voce, impara a disfare l’errore ed agisci per correggerlo. 7Il potere di fare miracoli ti appartiene. 8Io ti fornirò le opportunità per farli, ma tu devi essere pronto e disponibile. 9Il farli porterà la convinzione nella capacità, poiché la convinzione viene con i risultati. 10La capacità è il potenziale, il risultato è la sua espressione, e la Riconciliazione, che è la professione naturale dei bambini di Dio, è lo scopo.

2. “Il Cielo e la terra passeranno” significa che essi non continueranno ad esistere come stati separati. 2La mia parola, che è la resurrezione e la vita, non passerà perché la vita è eterna. 3Tu sei l’opera di Dio, e la Sua opera è interamente degna d’amore e interamente amorevole. 4Ecco come un uomo deve pensare di se stesso nel suo cuore, perché questo è ciò che è.

3. I perdonati sono gli strumenti della Riconciliazione. 2Essendo infusi di spirito, perdonano a loro volta. 3Coloro che sono liberati devono unirsi nel liberare i loro fratelli, perché questo è il piano della Riconciliazione. 4I miracoli sono il modo in cui le menti che servono lo Spirito Santo si uniscono a me per la salvezza o la liberazione di tutte le creazioni di Dio.

4. Io sono l’unico che può compiere miracoli indiscriminatamente perché io sono la Riconciliazione. 2Tu hai un ruolo nella Riconciliazione che io ti detterò. 3Chiedimi quali miracoli devi compiere. 4Questo ti farà risparmiare uno sforzo non necessario, perché agirai sotto comunicazione diretta. 5La natura impersonale del miracolo è un ingrediente essenziale, perché mi mette in grado di dirigere la sua applicazione, e sotto la mia guida i miracoli portano all’esperienza altamente personale della rivelazione. 6Una guida non controlla ma dirige, lasciando a te se seguire o no. 7“Non ci indurre in tentazione” significa “riconosci i tuoi errori e scegli di abbandonarli seguendo la mia guida”

5. L’errore non può realmente minacciare la verità, che è sempre in grado di resistergli. 2Solo l’errore è realmente vulnerabile. 3Sei libero di fondare il tuo regno dove lo ritieni opportuno, ma la scelta giusta è inevitabile se ricordi questo:

4Lo Spirito è eternamente in uno stato di grazia.
5La tua realtà è solo spirito.
6Perciò tu sei eternamente in uno stato di grazia.


7La Riconciliazione disfa tutti gli errori a questo riguardo, e così sradica l’origine della paura. 8Ogniqualvolta senti le rassicurazioni di Dio come minaccia, è sempre perché stai difendendo una lealtà mal riposta o mal diretta. 9Quando proietti questo sugli altri li imprigioni, ma solamente nella misura in cui rinforzi gli errori che loro hanno già fatto. 10Questo li rende vulnerabili alle distorsioni di altri, dato che la loro percezione di se stessi è distorta. 11Colui che opera il miracolo può solo benedirli, e questo scioglie le loro distorsioni e li libera dalla prigione.

6. Tu rispondi a ciò che percepisci, e ti comporterai a seconda di come percepisci. 2La Regola d’Oro ti chiede di comportarti verso gli altri come vorresti che loro si comportassero con te. 3Questo significa che la percezione di entrambi deve essere accurata. 4La Regola d’Oro è la regola per un comportamento appropriato. 5Tu non puoi comportarti in modo appropriato se non percepisci correttamente. 6Dato che tu e il tuo prossimo siete membri uguali di un’unica famiglia, a seconda di come percepirai entrambi ti comporterai con tutti e due. 7Dovresti guardare alla santità degli altri dalla percezione della tua santità.

7. I miracoli scaturiscono da una mente che è pronta per essi. 2Essendo unita, questa mente si estende a tutti, anche senza la consapevolezza di colui che opera il miracolo. 3La natura impersonale dei miracoli è dovuta al fatto che la Riconciliazione stessa è una, poiché unisce le creazioni al loro Creatore. 4Come espressione di ciò che sei veramente, il miracolo pone la mente in uno stato di grazia. 5La mente quindi dà naturalmente il benvenuto all’Ospite interiore e allo straniero esterno. 6Quando accogli lo straniero, questi diventa tuo fratello.

8. Che il miracolo possa avere, sui tuoi fratelli, effetti che tu puoi non riconoscere è una cosa che non ti riguarda. 2Il miracolo ti benedirà sempre. 3I miracoli che non ti è stato richiesto di fare non hanno perso il loro valore. 4Essi sono sempre espressioni del tuo stato di grazia, ma l’aspetto attivo del miracolo deve essere controllato da me a causa della mia totale consapevolezza dell’intero piano. 5La natura impersonale della mente rivolta ai miracoli assicura la tua grazia, ma solo io sono nella posizione di sapere dove essi possono essere concessi.

9. I miracoli sono selettivi solo nel senso che essi sono diretti verso coloro che li possono usare per se stessi. 2Dato che ciò rende inevitabile che essi li estendano ad altri, viene rinsaldata una forte catena di Riconciliazione. 3Tuttavia questa selettività non tiene conto della grandezza del miracolo stesso poiché il concetto di dimensione esiste su un piano che è esso stesso irreale. 4Dato che il miracolo si propone di ripristinare la consapevolezza della realtà, non sarebbe utile se fosse legato da leggi che governano l’errore che esso si propone di correggere.

IV. The Escape from Darkness
T-1.IV.1. The escape from darkness involves two stages: First, the recognition that darkness cannot hide. This step usually entails fear. Second, the recognition that there is nothing you want to hide even if you could. This step brings escape from fear. When you have become willing to hide nothing, you will not only be willing to enter into communion but will also understand peace and joy.

T-1.IV.2. Holiness can never be really hidden in darkness, but you can deceive yourself about it. This deception makes you fearful because you realize in your heart it is a deception, and you exert enormous efforts to establish its reality. The miracle sets reality where it belongs. Reality belongs only to spirit, and the miracle acknowledges only truth. It thus dispels illusions about yourself, and puts you in communion with yourself and God. The miracle joins in the Atonement by placing the mind in the service of the Holy Spirit. This establishes the proper function of the mind and corrects its errors, which are merely lacks of love. Your mind can be possessed by illusions, but spirit is eternally free. If a mind perceives without love, it perceives an empty shell and is unaware of the spirit within. But the Atonement restores spirit to its proper place. The mind that serves spirit is invulnerable.

T-1.IV.3. Darkness is lack of light as sin is lack of love. It has no unique properties of its own. It is an example of the “scarcity”belief, from which only error can proceed. Truth is always abundant. Those who perceive and acknowledge that they have everything have no needs of any kind. The purpose of the Atonement is to restore everything to you; or rather, to restore it to your awareness. You were given everything when you were created, just as everyone was.

T-1.IV.4. The emptiness engendered by fear must be replaced by forgiveness. That is what the Bible means by “There is no death,” and why I could demonstrate that death does not exist. I came to fulfill the law by reinterpreting it. The law itself, if properly understood, offers only protection. It is those who have not yet changed their minds who brought the “hell-fire” concept into it. I assure you that I will witness for anyone who lets me, and to whatever extent he permits it. Your witnessing demonstrates your belief, and thus strengthens it. Those who witness for me are expressing, through their miracles, that they have abandoned the belief in deprivation in favor of the abundance they have learned belongs to them.

IV. La fuga dall’oscurità
1. La fuga dall’oscurità implica due tappe: primo, il riconoscere che l’oscurità non può nascondere. 2Di solito questo passo implica paura. 3Secondo, il riconoscere che non c’è nulla che vuoi nascondere anche se potessi. 4Questo passo porta a sfuggire alla paura. 5Quando sarai disposto a non nascondere nulla, non solo sarai disposto ad entrare in comunione, ma comprenderai anche la pace e la gioia.

2. La Santità non può essere mai veramente nascosta nell’oscurità, ma tu puoi ingannarti al riguardo. 2Questo inganno ti fa paura, perché in cuor tuo ti rendi conto che è un inganno, e fai degli sforzi enormi per dimostrarne la realtà. 3Il miracolo ricolloca la realtà nel luogo a cui appartiene. 4La realtà appartiene solo allo spirito, e il miracolo riconosce solo la verità. 5Esso così fa svanire le illusioni riguardo a te stesso e ti mette in comunione con te stesso e con Dio. 6Il miracolo unisce nella Riconciliazione mettendo la mente al servizio dello Spirito Santo. 7Questo stabilisce la vera funzione della mente e corregge i suoi errori, che sono semplicemente mancanze d’amore. 8La tua mente può essere posseduta dalle illusioni ma lo spirito è eternamente libero. 9Se una mente percepisce senza amore, percepisce un guscio vuoto e non è consapevole dello spirito interiore. 10Ma la Riconciliazione ripristina lo spirito al suo giusto posto. 11La mente che serve lo spirito è invulnerabile.

3. L’oscurità è mancanza di luce, così come il peccato è mancanza di amore. 2Di per sé, non ha alcuna proprietà specifica. 3È un esempio della credenza nella “scarsità”, dalla quale può derivare solo l’errore. 4La verità è sempre abbondante. 5Coloro che percepiscono e riconoscono di avere tutto non hanno alcun tipo di necessità. 6Lo scopo della Riconciliazione è di ripristinarti tutto: o meglio, ripristinarlo alla tua consapevolezza. 7Ti è stato dato tutto quando sei stato creato, proprio come a tutti gli altri

4. Il vuoto generato dalla paura deve essere sostituito dal perdono. 2Questo è ciò che la Bibbia intende con “la morte non sarà più”, e la ragione per cui ho potuto dimostrare che la morte non esiste. 3Sono venuto per portare compimento alla legge reinterpretandola. 4La legge stessa, se capita correttamente, offre solo protezione. 5Sono coloro che non hanno ancora cambiato la loro mente che hanno portato in essa il concetto di “fiamme dell’inferno”. 6Io ti assicuro che testimonierò per chiunque me lo permetterà e nella misura in cui me lo permetterà. 7Ciò di cui sei testimone dimostra ciò in cui credi, e così lo rafforza. 8Coloro che saranno miei testimoni esprimeranno, attraverso i loro miracoli, di aver smesso di credere nella deprivazione a favore dell’abbondanza, poiché hanno imparato che questa gli appartiene.

V. Wholeness and Spirit
T-1.V.1. The miracle is much like the body in that both are learning aids for facilitating a state in which they become unnecessary. When spirit’s original state of direct communication is reached, neither the body nor the miracle serves any purpose. While you believe you are in a body, however, you can choose between loveless and miraculous channels of expression. You can make an empty shell, but you cannot express nothing at all. You can wait, delay, paralyze yourself, or reduce your creativity almost to nothing. But you cannot abolish it. You can destroy your medium of communication, but not your potential. You did not create yourself.

T-1.V.2. The basic decision of the miracle-minded is not to wait on time any longer than is necessary. Time can waste as well as be wasted. The miracle worker, therefore, accepts the time-control factor gladly. He recognizes that every collapse of time brings everyone closer to the ultimate release from time, in which the Son and the Father are One. Equality does not imply equality now. When everyone recognizes that he has everything, individual contributions to the Sonship will no longer be necessary.

T-1.V.3. When the Atonement has been completed, all talents will be shared by all the Sons of God. God is not partial. All His children have His total Love, and all His gifts are freely given to everyone alike. “Except ye become as little children”means that unless you fully recognize your complete dependence on God, you cannot know the real power of the Son in his true relationship with the Father. The specialness of God’s Sons does not stem from exclusion but from inclusion. All my brothers are special. If they believe they are deprived of anything, their perception becomes distorted. When this occurs the whole family of God, or the Sonship, is impaired in its relationships.

T-1.V.4. Ultimately, every member of the family of God must return. The miracle calls him to return because it blesses and honors him, even though he may be absent in spirit. “God is not mocked”is not a warning but a reassurance. God would be mocked if any of His creations lacked holiness. The creation is whole, and the mark of wholeness is holiness. Miracles are affirmations of Sonship, which is a state of completion and abundance.

T-1.V.5. Whatever is true is eternal, and cannot change or be changed. Spirit is therefore unalterable because it is already perfect, but the mind can elect what it chooses to serve. The only limit put on its choice is that it cannot serve two masters. If it elects to do so, the mind can become the medium by which spirit creates along the line of its own creation. If it does not freely elect to do so, it retains its creative potential but places itself under tyrannous rather than Authoritative control. As a result it imprisons, because such are the dictates of tyrants. To change your mind means to place it at the disposal of true Authority.

T-1.V.6. The miracle is a sign that the mind has chosen to be led by me in Christ’s service. The abundance of Christ is the natural result of choosing to follow Him. All shallow roots must be uprooted, because they are not deep enough to sustain you. The illusion that shallow roots can be deepened, and thus made to hold, is one of the distortions on which the reverse of the Golden Rule rests. As these false underpinnings are given up, the equilibrium is temporarily experienced as unstable. However, nothing is less stable than an upside-down orientation. Nor can anything that holds it upside down be conducive to increased stability.

V. Interezza e spirito
1. Il miracolo è molto simile al corpo, nel senso che entrambi sono strumenti di apprendimento per facilitare uno stato nel quale diventano inutili. 2Quando viene raggiunto lo stato originale di diretta comunicazione dello spirito, né il corpo né il miracolo servono ad alcuno scopo. 3Fintanto che credi di stare in un corpo, comunque, puoi scegliere fra canali di espressione senza amore o miracolosi. 4Puoi costruire un guscio vuoto, ma non puoi esprimere assolutamente niente. 5Puoi aspettare, ritardare, paralizzarti, oppure ridurre la tua creatività quasi a niente. 6Ma non puoi abolirla. 7Puoi distruggere il tuo mezzo di comunicazione, ma non il tuo potenziale. 8Tu non hai creato te stesso.

2. La decisione fondamentale di chi ha la mente disposta al miracolo è di non aspettare nel tempo più a lungo di quanto sia necessario. 2Il tempo può sciupare come pure essere sciupato. 3Colui che opera il miracolo, pertanto, accetta lietamente il fattore di controllo del tempo. 4Egli riconosce che ogni collasso del tempo porta ciascuno più vicino alla liberazione totale dal tempo, nella quale il Figlio e il Padre sono Uno. 5L’uguaglianza non implica uguaglianza ora. 6Quando ciascuno riconoscerà di avere tutto, i contributi individuali alla Figliolanza non saranno più necessari.

3. Quando la Riconciliazione sarà stata completata, tutti i talenti saranno condivisi da tutti i Figli di Dio. 2Dio non è parziale. 3Tutti i Suoi bambini hanno il Suo Amore totale e tutti i Suoi doni sono dati liberamente a ciascuno nello stesso modo. 4“Se non diventerete come bambini piccoli” significa che se non riconoscerai pienamente la tua totale dipendenza da Dio, non potrai conoscere il reale potere del Figlio nella sua vera relazione con il Padre. 5La specialezza dei Figli di Dio non proviene dall’esclusione ma dall’inclusione. 6Tutti i miei fratelli sono speciali. 7Se credono di essere privati di qualcosa, la loro percezione diventa distorta. 8Quando questo si verifica l’intera famiglia di Dio, ovvero la Figliolanza, viene danneggiata nelle sue relazioni.

4. Alla fine, ogni membro della famiglia di Dio deve ritornare. 2Il miracolo gli chiede di ritornare perché lo benedice e lo onora anche se può essere assente nello spirito. 3“Non ci si può prendere gioco di Dio” non è un avvertimento, ma una rassicurazione. 4Dio sarebbe stato beffato se una qualsiasi delle Sue creazioni mancasse di santità. 5La creazione è intera, e il segno dell’interezza è la santità. 6I miracoli sono affermazioni di appartenenza alla Figliolanza, che è uno stato di completamento e abbondanza.

5. Qualsiasi cosa vera è eterna, e non può cambiare o essere cambiata. 2Lo spirito è quindi inalterabile perché è già perfetto, ma la mente può eleggere ciò che sceglie di servire. 3Il solo limite posto sulla sua scelta è che essa non può servire a due padroni. 4Se sceglie di fare ciò, la mente può diventare il mezzo attraverso il quale lo spirito crea in linea con la sua stessa creazione. 5Se non sceglie liberamente di fare così, mantiene il suo potenziale creativo ma si sottomette ad un controllo tirannico anziché Autorevole. 6Di conseguenza imprigiona, perché tali sono i dettami dei tiranni. 7Cambiare la tua mente significa mettere la tua mente a disposizione della vera Autorità.

6. Il miracolo è un segno che la mente ha scelto di essere condotta da me al servizio di Cristo. 2L’abbondanza di Cristo è il risultato naturale della scelta di seguirLo. 3Tutte le radici poco profonde devono essere sradicate, perché non sono sufficientemente profonde da sostenerti. 4L’illusione che le radici superficiali possano diventare profonde, e così diventare un sostegno, è una delle distorsioni su cui si basa l’opposto della Regola d’Oro. 5Quando questi falsi puntelli vengono abbandonati, l’equilibrio viene temporaneamente sentito come instabile. 6Tuttavia, niente è meno stabile di un orientamento capovolto. 7E neppure tutto ciò che lo tiene capovolto può condurre a una maggiore stabilità.

VI. The Illusion of Needs
T-1.VI.1. You who want peace can find it only by complete forgiveness. No learning is acquired by anyone unless he wants to learn it and believes in some way that he needs it. While lack does not exist in the creation of God, it is very apparent in what you have made. It is, in fact, the essential difference between them. Lack implies that you would be better off in a state somehow different from the one you are in. Until the “separation,”which is the meaning of the “fall,”nothing was lacking. There were no needs at all. Needs arise only when you deprive yourself. You act according to the particular order of needs you establish. This, in turn, depends on your perception of what you are.

T-1.VI.2. A sense of separation from God is the only lack you really need correct. This sense of separation would never have arisen if you had not distorted your perception of truth, and had thus perceived yourself as lacking. The idea of order of needs arose because, having made this fundamental error, you had already fragmented yourself into levels with different needs. As you integrate you become one, and your needs become one accordingly. Unified needs lead to unified action, because this produces a lack of conflict.

T-1.VI.3. The idea of orders of need, which follows from the original error that one can be separated from God, requires correction at its own level before the error of perceiving levels at all can be corrected. You cannot behave effectively while you function on different levels. However, while you do, correction must be introduced vertically from the bottom up. This is because you think you live in space, where concepts such as “up”and “down”are meaningful. Ultimately, space is as meaningless as time. Both are merely beliefs.

T-1.VI.4. The real purpose of this world is to use it to correct your unbelief. You can never control the effects of fear yourself, because you made fear, and you believe in what you made. In attitude, then, though not in content, you resemble your Creator, Who has perfect faith in His creations because He created them. Belief produces the acceptance of existence. That is why you can believe what no one else thinks is true. It is true for you because it was made by you.

T-1.VI.5. All aspects of fear are untrue because they do not exist at the creative level, and therefore do not exist at all. To whatever extent you are willing to submit your beliefs to this test, to that extent are your perceptions corrected. In sorting out the false from the true, the miracle proceeds along these lines:

Perfect love casts out fear.
If fear exists,
Then there is not perfect love.

But:

Only perfect love exists.
If there is fear,
It produces a state that does not exist.

Believe this and you will be free. Only God can establish this solution, and this faith is His gift.

VI. L’Illusione dei bisogni
1. Tu che vuoi la pace, la puoi trovare soltanto con il perdono totale. 2Nessuno può imparare alcunché, a meno che non voglia apprenderlo e creda in qualche modo di averne bisogno. 3Mentre la mancanza non esiste nella creazione di Dio, essa è assai evidente in ciò che hai fatto tu. 4È, di fatto, la differenza fondamentale fra di esse. 5La mancanza implica che tu staresti meglio in uno stato in qualche maniera differente da quello in cui sei. 6Prima della “separazione”, che è il significato della “caduta”, non mancava niente. 7I bisogni non esistevano affatto. 8I bisogni scaturiscono solo quando deprivi te stesso. 9Tu agisci in base all’ordine particolare di bisogni che stabilisci. 10Questo, a sua volta, dipende dalla tua percezione di ciò che sei.

2. Il senso di separazione da Dio è l’unica mancanza che hai realmente bisogno di correggere. 2Questo senso di separazione non sarebbe mai sorto se tu non avessi distorto la tua percezione della verità, e non avessi così percepito delle mancanze in te stesso. 3L’idea dell’ordine di bisogni è scaturita perché, avendo fatto questo errore fondamentale, tu avevi già frammentato te stesso in livelli con bisogni differenti. 4Man mano che integri, diventi uno ed i tuoi bisogni, di conseguenza, diventano uno solo. 5Bisogni unificati portano ad una azione unificata, poiché questa produce assenza di conflitti.

3. L’idea di ordini di bisogni, che deriva dall’errore originale che si possa essere separati da Dio, richiede una correzione al suo stesso livello prima che possa essere corretto l’errore di percepire dei livelli. 2Tu non ti puoi comportare efficacemente mentre funzioni su livelli diversi. 3Tuttavia, mentre lo fai, la correzione deve essere introdotta verticalmente, dal basso in alto. 4Questo avviene a causa del fatto che pensi di vivere nello spazio, dove concetti come “su” e “giù” hanno significato. 5Alla fine, lo spazio sarà senza significato, proprio come il tempo. 6Entrambi sono solo credenze.

4. Lo scopo reale di questo mondo è di essere usato per correggere la tua incredulità. 2Tu non puoi mai controllare da solo gli effetti della paura, perché sei tu che l’hai fatta, e credi in ciò che hai fatto. 3Nell’atteggiamento, quindi, anche se non nel contenuto, assomigli al tuo Creatore, il Quale ha una fede perfetta nelle Sue creazioni perché è Lui che le ha create. 4Credere produce l’accettazione dell’esistenza. 5Questo è il motivo per cui puoi credere ciò che nessun altro pensa sia vero. 6È vero per te perché è stato fatto da te.

5. Tutti gli aspetti della paura sono non veri perché non esistono a livello creativo e perciò non esistono affatto. 2Le tue percezioni verranno corrette nella stessa misura in cui sarai disposto ad assoggettare le tue credenze a questa prova. 3Distinguendo il falso dal vero, il miracolo procede lungo queste linee:

4L’amore perfetto caccia via la paura
5Se esiste paura, allora non c’è perfetto amore
6Ma,
7Esiste solo l’amore perfetto.
8Se c’è paura, Essa produce uno stato che non esiste.

9Credi in ciò e sarai libero. 10Solo Dio può stabilire questa soluzione, e questa fede è il Suo dono.

VII. Distortions of Miracle Impulses.
T-1.VII.1. Your distorted perceptions produce a dense cover over miracle impulses, making it hard for them to reach your own awareness. The confusion of miracle impulses with physical impulses is a major perceptual distortion. Physical impulses are misdirected miracle impulses. All real pleasure comes from doing God’s Will. This is because not doing it is a denial of Self. Denial of Self results in illusions, while correction of the error brings release from it. Do not deceive yourself into believing that you can relate in peace to God or to your brothers with anything external.

T-1.VII.2. Child of God, you were created to create the good, the beautiful and the holy. Do not forget this. The Love of God, for a little while, must still be expressed through one body to another, because vision is still so dim. You can use your body best to help you enlarge your perception so you can achieve real vision, of which the physical eye is incapable. Learning to do this is the body’s only true usefulness.

T-1.VII.3. Fantasy is a distorted form of vision. Fantasies of any kind are distortions, because they always involve twisting perception into unreality. Actions that stem from distortions are literally the reactions of those who know not what they do. Fantasy is an attempt to control reality according to false needs. Twist reality in any way and you are perceiving destructively. Fantasies are a means of making false associations and attempting to obtain pleasure from them. But although you can perceive false associations, you can never make them real except to yourself. You believe in what you make. If you offer miracles, you will be equally strong in your belief in them. The strength of your conviction will then sustain the belief of the miracle receiver. Fantasies become totally unnecessary as the wholly satisfying nature of reality becomes apparent to both giver and receiver. Reality is “lost”through usurpation, which produces tyranny. As long as a single “slave”remains to walk the earth, your release is not complete. Complete restoration of the Sonship is the only goal of the miracle-minded.

T-1.VII.4. This is a course in mind training. All learning involves attention and study at some level. Some of the later parts of the course rest too heavily on these earlier sections not to require their careful study. You will also need them for preparation. Without this, you may become much too fearful of what is to come to make constructive use of it. However, as you study these earlier sections, you will begin to see some of the implications that will be amplified later on.

T-1.VII.5. A solid foundation is necessary because of the confusion between fear and awe to which I have already referred, and which is often made. I have said that awe is inappropriate in connection with the Sons of God, because you should not experience awe in the presence of your equals. However, it was also emphasized that awe is proper in the Presence of your Creator. I have been careful to clarify my role in the Atonement without either over- or understating it. I am also trying to do the same with yours. I have stressed that awe is not an appropriate reaction to me because of our inherent equality. Some of the later steps in this course, however, involve a more direct approach to God Himself. It would be unwise to start on these steps without careful preparation, or awe will be confused with fear, and the experience will be more traumatic than beatific. Healing is of God in the end. The means are being carefully explained to you. Revelation may occasionally reveal the end to you, but to reach it the means are needed.

VII. Le distorsioni degli impulsi al miracolo
1. Le tue percezioni distorte producono una densa coltre sugli impulsi al miracolo, rendendo loro difficile raggiungere la tua consapevolezza. 2La confusione degli impulsi al miracolo con gli impulsi fisici è una delle maggiori distorsioni della percezione. 3Gli impulsi fisici sono impulsi al miracolo mal diretti. 4Tutto il vero piacere viene solo dal compiere la Volontà di Dio. 5Questo perché il non farla è una negazione del Sé. 6La negazione del Sé si traduce in illusioni, mentre la correzione dell’errore porta liberazione da esso. 7Non ingannare te stesso credendo di poter stabilire un rapporto di pace con Dio o con i tuoi fratelli mediante qualcosa di esterno.

2. Bambino di Dio, sei stato creato per creare ciò che è buono, bello e santo. 2Non dimenticarlo. 3L’Amore di Dio, per un po’, deve essere ancora espresso da un corpo ad un altro, perché la visione è ancora molto fioca. 4Puoi usare il tuo corpo al meglio per aiutarti ad ampliare la tua percezione in modo da poter raggiungere la visione reale, di cui l’occhio fisico è incapace. 5Imparare a far questo è l’unica vera utilità del corpo.

3. La fantasia è una forma di visione distorta. 2Qualunque tipo di fantasia è una distorsione, poiché implica sempre il convertire la percezione in irrealtà. 3Le azioni che derivano dalle distorsioni sono letteralmente le reazioni di coloro che non sanno quello che fanno. 4La fantasia è un tentativo di controllare la realtà in base a falsi bisogni. 5Distorci la realtà in qualsiasi modo e la percepirai in modo distruttivo. 6Le fantasie sono un mezzo per fare delle false associazioni e per cercare di ottenere piacere da esse. 7Ma sebbene tu possa percepire false associazioni, non puoi mai renderle reali se non per te stesso. 8Tu credi in ciò che fai. 9Se offri miracoli, sarai ugualmente forte nel credere in essi. 10La forza della tua convinzione sosterrà quindi la credenza di colui che riceve il miracolo. 11Le fantasie divengono assolutamente inutili non appena la natura del tutto soddisfacente della realtà diventa evidente sia a colui che dà sia a colui che riceve. 12Con l’usurpazione, che produce tirannia, la realtà è “perduta”. 13Fino a che resterà sulla terra un singolo “schiavo”, la tua liberazione non sarà completa. 14Il completo ripristino della Figliolanza è l’unico obiettivo di chi ha la mente disposta ai miracoli.

4. Questo è un corso di addestramento della mente. 2Ogni apprendimento implica attenzione e studio a qualche livello. 3Alcune delle ultime parti del corso si basano troppo profondamente su queste sezioni iniziali per non richiedere un loro studio approfondito. 4Ne avrai anche bisogno come preparazione. 5Senza di questo, ciò che segue potrebbe infonderti troppa paura per farne un uso costruttivo. 6Tuttavia, man mano che studi queste sezioni iniziali, inizierai a vedere alcune delle implicazioni che verranno ampliate più avanti.

5. A causa della confusione tra paura e soggezione, a cui ho già fatto riferimento e che viene spesso fatta, sono necessarie delle solide basi. 2Ho già detto che la soggezione è inappropriata in relazione ai Figli di Dio, poiché non dovresti provare soggezione in presenza di tuoi eguali. 3Tuttavia, è stato anche sottolineato che la soggezione è appropriata in Presenza del tuo Creatore. 4Sono stato molto attento a chiarire il mio ruolo nella Riconciliazione senza sopravvalutarlo o sottovalutarlo. 5Sto cercando anche di fare la stessa cosa con il tuo. 6Ho ribadito che la soggezione non è una reazione appropriata nei miei confronti a causa della nostra uguaglianza intrinseca. 7Alcuni dei passi successivi di questo corso, tuttavia, implicano un approccio più diretto a Dio Stesso. 8Sarebbe poco saggio iniziare questi passi senza un’attenta preparazione, altrimenti la soggezione sarà confusa con la paura e l’esperienza sarebbe più traumatica che beatificante. 9La guarigione, alla fine, è di Dio. 10I mezzi ti verranno attentamente spiegati. 11La rivelazione può occasionalmente rivelarti il fine, ma per raggiungerlo sono necessari i mezzi.

Chapter 2. The separation and the Atonement - Capitolo 2. La separazione e la Riconciliazione

I. The Origins of Separation
T-2.I.1. To extend is a fundamental aspect of God which He gave to His Son. In the creation, God extended Himself to His creations and imbued them with the same loving Will to create. You have not only been fully created, but have also been created perfect. There is no emptiness in you. Because of your likeness to your Creator you are creative. No child of God can lose this ability because it is inherent in what he is, but he can use it inappropriately by projecting. The inappropriate use of extension, or projection, occurs when you believe that some emptiness or lack exists in you, and that you can fill it with your own ideas instead of truth. This process involves the following steps:

First, you believe that what God created can be changed by your own mind.
Second, you believe that what is perfect can be rendered imperfect or lacking.
Third, you believe that you can distort the creations of God, including yourself.
Fourth, you believe that you can create yourself, and that the direction of your own creation is up to you.


T-2.I.2. These related distortions represent a picture of what actually occurred in the separation, or the “detour into fear.”None of this existed before the separation, nor does it actually exist now. Everything God created is like Him. Extension, as undertaken by God, is similar to the inner radiance that the children of the Father inherit from Him. Its real source is internal. This is as true of the Son as of the Father. In this sense the creation includes both the creation of the Son by God, and the Son’s creations when his mind is healed. This requires God’s endowment of the Son with free will, because all loving creation is freely given in one continuous line, in which all aspects are of the same order.

T-2.I.3. The Garden of Eden, or the pre-separation condition, was a state of mind in which nothing was needed. When Adam listened to the “lies of the serpent,”all he heard was untruth. You do not have to continue to believe what is not true unless you choose to do so. All that can literally disappear in the twinkling of an eye because it is merely a misperception. What is seen in dreams seems to be very real. Yet the Bible says that a deep sleep fell upon Adam, and nowhere is there reference to his waking up. The world has not yet experienced any comprehensive reawakening or rebirth. Such a rebirth is impossible as long as you continue to project or miscreate. It still remains within you, however, to extend as God extended His Spirit to you. In reality this is your only choice, because your free will was given you for your joy in creating the perfect.

T-2.I.4. All fear is ultimately reducible to the basic misperception that you have the ability to usurp the power of God. Of course, you neither can nor have been able to do this. Here is the real basis for your escape from fear. The escape is brought about by your acceptance of the Atonement, which enables you to realize that your errors never really occurred. Only after the deep sleep fell upon Adam could he experience nightmares. If a light is suddenly turned on while someone is dreaming a fearful dream, he may initially interpret the light itself as part of his dream and be afraid of it. However, when he awakens, the light is correctly perceived as the release from the dream, which is then no longer accorded reality. This release does not depend on illusions. The knowledge that illuminates not only sets you free, but also shows you clearly that you are free.

T-2.I.5. Whatever lies you may believe are of no concern to the miracle, which can heal any of them with equal ease. It makes no distinctions among misperceptions. Its sole concern is to distinguish between truth on the one hand, and error on the other. Some miracles may seem to be of greater magnitude than others. But remember the first principle in this course; there is no order of difficulty in miracles. In reality you are perfectly unaffected by all expressions of lack of love. These can be from yourself and others, from yourself to others, or from others to you. Peace is an attribute in you. You cannot find it outside. Illness is some form of external searching. Health is inner peace. It enables you to remain unshaken by lack of love from without and capable, through your acceptance of miracles, of correcting the conditions proceeding from lack of love in others.

I. Le origini della separazione
1. Estendere è un aspetto fondamentale di Dio che Egli diede a Suo Figlio. 2Nella creazione, Dio estese Se Stesso alle Sue creazioni ed infuse loro la stessa amorevole volontà di creare. 3Tu non solo sei stato creato completo, ma sei anche stato creato perfetto. 4Non c’è vuoto in te. 5A causa del fatto che sei a immagine e somiglianza del tuo Creatore, tu sei creativo. 6Nessun bambino di Dio può perdere questa capacità, poiché è inerente a ciò che egli è, ma la può usare in maniera inappropriata, proiettando. 7L’uso inappropriato dell’estensione, ovvero la proiezione, avviene quando tu credi che esista in te del vuoto o qualche mancanza, e che puoi colmarlo con le tue idee invece che con la verità. 8Questo processo comporta i seguenti passi:

9Primo, credi che ciò che Dio ha creato possa essere cambiato dalla tua mente.
10Secondo, credi che ciò che è perfetto possa essere reso imperfetto o carente.
11Terzo, credi di poter distorcere le creazioni di Dio, incluso te stesso.

12Quarto, credi di poter creare te stesso, e che spetti a te dirigere la tua creazione.

2. Queste distorsioni interconnesse rappresentano un quadro di ciò che è effettivamente successo nella separazione, ovvero la “deviazione nella paura”. 2Niente di questo esisteva prima della separazione, né esiste realmente ora. 3Ogni cosa che Dio ha creato è come Lui. 4L’estensione, così come intrapresa da Dio, è simile alla radiosità interiore che i bambini del Padre ereditano da Lui. 5La sua fonte reale è interiore. 6Questo è altrettanto vero per il Figlio quanto per il Padre. 7In questo senso la creazione include sia la creazione del Figlio da parte del Padre, sia le creazioni del Figlio quando la sua mente sarà guarita. 8Questo richiede che Dio doti il Figlio di libero arbitrio, poiché ogni creazione amorevole viene data liberamente in una linea continua, nella quale tutti gli aspetti sono dello stesso ordine.

3. Il Giardino dell’Eden, ovvero la condizione precedente alla separazione, era uno stato della mente in cui non c’era bisogno di nulla. 2Quando Adamo diede ascolto alle “bugie del serpente”, tutto ciò che udì non era vero. 3Non devi continuare a credere in ciò che non è vero a meno che tu non scelga di fare così. 4Tutto può letteralmente scomparire in un batter d’occhio poiché è semplicemente un’errata percezione. 5Ciò che viene visto nei sogni sembra molto reale. 6Ma la Bibbia dice che un profondo sonno cadde su Adamo e da nessuna parte si fa riferimento al suo risveglio. 7Il mondo non ha ancora fatto esperienza di alcun risveglio completo o rinascita. 8Tale rinascita sarà impossibile fintanto che continuerai a proiettare o a mal creare. 9Tuttavia, la capacità di estendere come Dio estese il Suo Spirito a te è ancora dentro di te. 10In realtà questa è la tua unica scelta poiché il tuo libero arbitrio ti è stato dato per la gioia di creare ciò che è perfetto.

4. Tutte le paure sono alla fine riconducibili all’errata percezione di base secondo la quale hai la capacità di usurpare il potere di Dio. 2Naturalmente non puoi, né sei stato capace di farlo. 3Ecco la base reale perché tu possa fuggire dalla paura. 4Questa fuga ti è portata dall’accettazione da parte tua della Riconciliazione, che ti mette in grado di renderti conto che i tuoi errori non sono mai realmente avvenuti. 5Solo dopo che il sonno profondo cadde su Adamo egli poté avere degli incubi. 6Se una luce viene accesa di colpo mentre qualcuno sta avendo un incubo, questi può inizialmente interpretare la luce stessa come parte del suo sogno ed averne paura. 7Tuttavia, quando si sveglia, la luce viene correttamente percepita come liberazione dal sogno, al quale non viene più attribuita realtà. 8Questa liberazione non dipende da illusioni. 9La conoscenza che ti illumina non solo ti rende libero, ma anche ti mostra chiaramente che sei libero.

5. Qualunque bugia tu possa credere non riguarda assolutamente il miracolo, che può guarire qualsiasi bugia con la medesima facilità. 2Esso non fa alcuna distinzione tra le percezioni errate. 3La sua unica preoccupazione è distinguere fra la verità da una parte, e l’errore dall’altra. 4Alcuni miracoli sembrano essere più grandi di altri. 5Ma ricorda il primo principio di questo corso: non c’è ordine di difficoltà nei miracoli. 6In realtà ogni espressione di mancanza di amore non ha alcuna influenza su di te. 7Le espressioni di mancanza di amore possono derivare da te stesso e dagli altri, da te stesso verso gli altri, o dagli altri verso di te. 8La pace è un attributo in te. 9Non la puoi trovare all’esterno. 10La malattia è una qualche forma di ricerca esterna. 11La salute è pace interiore. 12Ti permette di rimanere non scosso dalla mancanza di amore dall’esterno e capace, attraverso la tua accettazione dei miracoli, di correggere le condizioni che derivano dalla mancanza di amore negli altri.

II. The Atonement as Defense
T-2.II.1. You can do anything I ask. I have asked you to perform miracles, and have made it clear that miracles are natural, corrective, healing and universal. There is nothing they cannot do, but they cannot be performed in the spirit of doubt or fear. When you are afraid of anything, you are acknowledging its power to hurt you. Remember that where your heart is, there is your treasure also. You believe in what you value. If you are afraid, you are valuing wrongly. Your understanding will then inevitably value wrongly, and by endowing all thoughts with equal power will inevitably destroy peace. That is why the Bible speaks of “the peace of God which passeth understanding.”This peace is totally incapable of being shaken by errors of any kind. It denies the ability of anything not of God to affect you. This is the proper use of denial. It is not used to hide anything, but to correct error. It brings all error into the light, and since error and darkness are the same, it corrects error automatically.

T-2.II.2. True denial is a powerful protective device. You can and should deny any belief that error can hurt you. This kind of denial is not a concealment but a correction. Your right mind depends on it. Denial of error is a strong defense of truth, but denial of truth results in miscreation, the projections of the ego. In the service of the right mind the denial of error frees the mind, and re-establishes the freedom of the will. When the will is really free it cannot miscreate, because it recognizes only truth.

T-2.II.3. You can defend truth as well as error. The means are easier to understand after the value of the goal is firmly established. It is a question of what it is for. Everyone defends his treasure, and will do so automatically. The real questions are, what do you treasure, and how much do you treasure it? Once you have learned to consider these questions and to bring them into all your actions, you will have little difficulty in clarifying the means. The means are available whenever you ask. You can, however, save time if you do not protract this step unduly. The correct focus will shorten it immeasurably.

T-2.II.4. The Atonement is the only defense that cannot be used destructively because it is not a device you made. The Atonement principle was in effect long before the Atonement began. The principle was love and the Atonement was an act of love. Acts were not necessary before the separation, because belief in space and time did not exist. It was only after the separation that the Atonement and the conditions necessary for its fulfillment were planned. Then a defense so splendid was needed that it could not be misused, although it could be refused. Refusal could not, however, turn it into a weapon of attack, which is the inherent characteristic of other defenses. The Atonement thus becomes the only defense that is not a two-edged sword. It can only heal.

T-2.II.5. The Atonement was built into the space-time belief to set a limit on the need for the belief itself, and ultimately to make learning complete. The Atonement is the final lesson. Learning itself, like the classrooms in which it occurs, is temporary. The ability to learn has no value when change is no longer necessary. The eternally creative have nothing to learn. You can learn to improve your perceptions, and can become a better and better learner. This will bring you into closer and closer accord with the Sonship; but the Sonship itself is a perfect creation and perfection is not a matter of degree. Only while there is a belief in differences is learning meaningful.

T-2.II.6. Evolution is a process in which you seem to proceed from one degree to the next. You correct your previous missteps by stepping forward. This process is actually incomprehensible in temporal terms, because you return as you go forward. The Atonement is the device by which you can free yourself from the past as you go ahead. It undoes your past errors, thus making it unnecessary for you to keep retracing your steps without advancing to your return. In this sense the Atonement saves time, but like the miracle it serves, does not abolish it. As long as there is need for Atonement, there is need for time. But the Atonement as a completed plan has a unique relationship to time. Until the Atonement is complete, its various phases will proceed in time, but the whole Atonement stands at time’s end. At that point the bridge of return has been built.

T-2.II.7. The Atonement is a total commitment. You may still think this is associated with loss, a mistake all the separated Sons of God make in one way or another. It is hard to believe a defense that cannot attack is the best defense. This is what is meant by “the meek shall inherit the earth.”They will literally take it over because of their strength. A two-way defense is inherently weak precisely because it has two edges, and can be turned against you very unexpectedly. This possibility cannot be controlled except by miracles. The miracle turns the defense of Atonement to your real protection, and as you become more and more secure you assume your natural talent of protecting others, knowing yourself as both a brother and a Son.

II. La Riconciliazione come difesa
1. Puoi fare tutto ciò che chiedo. 2Ti ho chiesto di compiere miracoli, e ho chiarito che i miracoli sono naturali, che correggono, che guariscono e sono universali. 3Non c’è nulla che non possano fare, ma non possono essere fatti nello spirito del dubbio o della paura. 4Quando hai paura di qualcosa, riconosci il suo potere di farti del male. 5Ricorda che là dove è il tuo cuore, sarà. anche il tuo tesoro. 6Tu credi in ciò a cui dai valore. 7Se avrai paura, è perché stai valutando in modo errato. 8La tua comprensione allora valuterà inevitabilmente in modo sbagliato e, dotando tutti i pensieri di uguale potere, distruggerà inevitabilmente la pace. 9Questa è la ragione per cui nella Bibbia si parla della “pace di Dio che sorpassa ogni intelligenza”. 10Questa pace è assolutamente incapace di venire scossa da qualunque tipo di errore. 11Essa nega la capacità di qualsiasi cosa che non sia di Dio di avere effetto su di te. 12Questo è l’uso corretto della negazione. 13Non è usata per nascondere qualcosa, ma per correggere l’errore. 14Porta tutti gli errori alla luce e, dato che l’errore e l’oscurità sono la stessa cosa, corregge automaticamente l’errore.

2. La vera negazione è un potente strumento protettivo. 2Tu puoi e devi negare qualsiasi credenza che l’errore ti possa far del male. 3Questo tipo di negazione non è un nascondere ma una correzione. 4La tua mente corretta dipende da ciò. 5La negazione dell’errore è una forte difesa della verità, ma la negazione della verità dà luogo alla malcreazione, alle proiezioni dell’ego. 6Al servizio della mente corretta, la negazione dell’errore libera la mente e ristabilisce la libertà della volontà. 7Quando la volontà è realmente libera non può malcreare, perché riconosce solamente la verità.

3. Puoi difendere la verità tanto quanto l’errore. 2I mezzi saranno più facili da capire dopo che sarà stato stabilito fermamente il valore dell’obiettivo. 3Si tratta di chiedersi quale ne è lo scopo. 4Ciascuno difende il proprio tesoro e lo fa automaticamente. 5Le vere domande sono: di cosa fai tesoro e quanto ne fai tesoro. 6Una volta che avrai imparato a considerare queste domande e a portarle in tutte le tue azioni, avrai poca difficoltà a chiarirne i mezzi. 7I mezzi sono a disposizione tutte le volte che chiedi. 8Puoi, tuttavia, risparmiare tempo se non protrai indebitamente questo passo. 9Una corretta messa a fuoco lo abbrevierà incommensurabilmente.

4. La Riconciliazione è l’unica difesa che non può essere usata in modo distruttivo perché non è uno strumento che hai fatto tu. 2Il principio della Riconciliazione in effetti esisteva molto prima che iniziasse la Riconciliazione. 3Il principio era amore e la Riconciliazione era un atto di amore. 4Gli atti non erano necessari prima della separazione, perché non esisteva la credenza nello spazio e nel tempo. 5Fu solo dopo la separazione che furono pianificate la Riconciliazione e le condizioni necessarie per il suo raggiungimento. 6Allora fu necessaria una difesa così splendida che non potesse essere usata male, sebbene potesse essere rifiutata. 7Il rifiuto, tuttavia, non poteva convertirla in un’arma d’attacco, che è la caratteristica intrinseca delle altre difese. La Riconciliazione così diventa l’unica difesa che non è una spada a due tagli. 9Può solo guarire.

5. La Riconciliazione fu costruita all’interno della credenza nel tempo e nello spazio per stabilire un limite al bisogno della credenza stessa, e in definitiva per rendere l’apprendimento completo. La Riconciliazione è la lezione finale. 3L’apprendimento stesso, come le classi nelle quali avviene, è temporaneo. 4La capacità di imparare non ha valore quando il cambiamento non è più necessario. 5Chi è eternamente creativo non ha nulla da imparare. 6Puoi imparare a migliorare le tue percezioni, e puoi diventare un allievo sempre migliore. 7Questo ti porterà in accordo sempre più stretto con la Figliolanza, ma la Figliolanza stessa è una creazione perfetta e la perfezione non è una questione di grado. 8L’apprendimento ha significato solo fintanto che si crede nelle differenze.

6. L’evoluzione è un processo nel quale sembra che tu proceda da un livello a quello successivo. 2Correggi i tuoi precedenti passi errati facendo dei passi avanti. 3Questo processo è in realtà incomprensibile in termini temporali, perché ritorni man mano che vai avanti. 4La Riconciliazione è lo strumento attraverso il quale puoi liberarti dal passato man mano che vai avanti. 5Disfa i tuoi errori passati rendendo così non necessario per te continuare a ritornare sui tuoi passi senza avanzare verso il tuo ritorno. 6In questo senso la Riconciliazione risparmia tempo, ma come il miracolo al quale serve, non lo abolisce. 7Fintanto che c’è bisogno di Riconciliazione, c’è bisogno del tempo. 8Ma la Riconciliazione, in quanto piano completato, ha una relazione unica con il tempo. 9Fino a che la Riconciliazione non è completa, le sue varie fasi procederanno nel tempo, ma l’intera Riconciliazione si trova alla fine del tempo. 10A quel punto il ponte del ritorno sarà stato costruito.

7. La Riconciliazione è un impegno totale. 2Puoi ancora pensare che questo sia associato con la perdita, un errore che tutti i Figli di Dio separati fanno, in un modo o nell’altro. 3È difficile credere che una difesa che non possa attaccare sia la migliore difesa. 4Questo è il significato di “i miti erediteranno la terra”. 5Essi la rileveranno letteralmente grazie alla loro forza. 6Una difesa a doppio taglio è intrinsecamente debole proprio perché ha due lame, e può essere rivolta contro di te del tutto inaspettatamente. 7Questa possibilità non può essere controllata se non dai miracoli. 8Il miracolo converte la difesa della Riconciliazione nella tua reale protezione e, man mano che diventerai sempre più sicuro, assumerai il tuo talento naturale di proteggere gli altri, e saprai di essere sia fratello che Figlio.

III. The Altar of God
T-2.III.1. The Atonement can only be accepted within you by releasing the inner light. Since the separation, defenses have been used almost entirely to defend against the Atonement, and thus maintain the separation. This is generally seen as a need to protect the body. The many body fantasies in which minds engage arise from the distorted belief that the body can be used as a means for attaining “atonement.”Perceiving the body as a temple is only the first step in correcting this distortion, because it alters only part of it. It does recognize that Atonement in physical terms is impossible. The next step, however, is to realize that a temple is not a structure at all. Its true holiness lies at the inner altar around which the structure is built. The emphasis on beautiful structures is a sign of the fear of Atonement, and an unwillingness to reach the altar itself. The real beauty of the temple cannot be seen with the physical eye. Spiritual sight, on the other hand, cannot see the structure at all because it is perfect vision. It can, however, see the altar with perfect clarity.

T-2.III.2. For perfect effectiveness the Atonement belongs at the center of the inner altar, where it undoes the separation and restores the wholeness of the mind. Before the separation the mind was invulnerable to fear, because fear did not exist. Both the separation and the fear are miscreations that must be undone for the restoration of the temple, and for the opening of the altar to receive the Atonement. This heals the separation by placing within you the one effective defense against all separation thoughts and making you perfectly invulnerable.

T-2.III.3. The acceptance of the Atonement by everyone is only a matter of time. This may appear to contradict free will because of the inevitability of the final decision, but this is not so. You can temporize and you are capable of enormous procrastination, but you cannot depart entirely from your Creator, Who set the limits on your ability to miscreate. An imprisoned will engenders a situation which, in the extreme, becomes altogether intolerable. Tolerance for pain may be high, but it is not without limit. Eventually everyone begins to recognize, however dimly, that there must be a better way. As this recognition becomes more firmly established, it becomes a turning point. This ultimately reawakens spiritual vision, simultaneously weakening the investment in physical sight. The alternating investment in the two levels of perception is usually experienced as conflict, which can become very acute. But the outcome is as certain as God.

T-2.III.4. Spiritual vision literally cannot see error, and merely looks for Atonement. All solutions the physical eye seeks dissolve. Spiritual vision looks within and recognizes immediately that the altar has been defiled and needs to be repaired and protected. Perfectly aware of the right defense it passes over all others, looking past error to truth. Because of the strength of its vision, it brings the mind into its service. This re-establishes the power of the mind and makes it increasingly unable to tolerate delay, realizing that it only adds unnecessary pain. As a result, the mind becomes increasingly sensitive to what it would once have regarded as very minor intrusions of discomfort.

T-2.III.5. The children of God are entitled to the perfect comfort that comes from perfect trust. Until they achieve this, they waste themselves and their true creative powers on useless attempts to make themselves more comfortable by inappropriate means. But the real means are already provided, and do not involve any effort at all on their part. The Atonement is the only gift that is worthy of being offered at the altar of God, because of the value of the altar itself. It was created perfect and is entirely worthy of receiving perfection. God and His creations are completely dependent on Each Other. He depends on them because He created them perfect. He gave them His peace so they could not be shaken and could not be deceived. Whenever you are afraid you are deceived, and your mind cannot serve the Holy Spirit. This starves you by denying you your daily bread. God is lonely without His Sons, and they are lonely without Him. They must learn to look upon the world as a means of healing the separation. The Atonement is the guarantee that they will ultimately succeed.

III. L’altare di Dio
1. La Riconciliazione può essere accettata dentro di te soltanto liberando la luce interiore. 2Dal momento della separazione, le difese sono state usate quasi interamente come difesa contro la Riconciliazione, e così mantengono la separazione. 3Questo viene generalmente visto come un bisogno di proteggere il corpo. 4Le molte fantasie sul corpo in cui la mente si impegna emergono dalla credenza distorta che il corpo possa essere usato come un mezzo per raggiungere “la riconciliazione”. 5Percepire il corpo come un tempio è solo il primo passo nella correzione di questa distorsione, perché ne altera solo una parte. 6Riconosce veramente che la Riconciliazione in termini fisici è impossibile. 7Il passo successivo, tuttavia, è rendersi conto che un tempio non è affatto una struttura. 8La sua vera santità risiede nell’altare interiore attorno al quale la struttura è costruita. 9L’enfasi su belle strutture è un segno della paura della Riconciliazione, e del non essere disposti a raggiungere l’altare stesso. 10La bellezza reale del tempio non può essere vista con l’occhio fisico. 11La vista spirituale, d’altro canto, non può vedere affatto la struttura perché è perfetta visione. 12Essa può, tuttavia, vedere l’altare con perfetta chiarezza.

2. Per avere perfetta efficacia la Riconciliazione deve appartenere al centro dell’altare interiore, dove disfa la separazione e ripristina l’interezza della mente. 2Prima della separazione la mente era invulnerabile alla paura, perché la paura non esisteva. 3Sia la separazione che la paura sono malcreazioni che devono essere disfatte per ripristinare il tempio e per aprire l’altare a ricevere la Riconciliazione. 4Ciò guarisce la separazione ponendo dentro di te l’unica difesa efficace contro tutti i pensieri di separazione e rendendoti perfettamente invulnerabile.

3. L’accettazione della Riconciliazione da parte di tutti è solo questione di tempo. 2Può sembrare che questo contraddica il libero arbitrio a causa dell’inevitabilità della decisione finale, ma non è così. 3Puoi temporeggiare e sei capace di procrastinare enormemente, ma non puoi allontanarti completamente dal tuo Creatore, Che ha fissato dei limiti alla tua capacità di malcreare. 4Una volontà imprigionata genera una situazione che, all’estremo, diventa totalmente intollerabile. 5La tolleranza al dolore può essere elevata, ma non è senza limite. 6Alla fine tutti incominciano a riconoscere, per quanto debolmente, che ci deve essere un modo migliore. 7Non appena questo riconoscimento si stabilizza più fermamente, diventa un punto di svolta. 8Questo alla fine risveglia la visione spirituale, indebolendo simultaneamente l’investimento nella vista fisica. 9L’investimento alternato nei due livelli di percezione viene usualmente sperimentato come un conflitto, che può diventare molto acuto. 10Ma la riuscita è certa così come lo è Dio.

4. Letteralmente la visione spirituale non può vedere errore e cerca semplicemente la Riconciliazione. 2Tutte le soluzioni che l’occhio fisico cerca, si dissolvono. 3La visione spirituale guarda all’interno e riconosce immediatamente che l’altare è stato profanato ed ha bisogno di essere riparato e protetto. 4Perfettamente consapevole della giusta difesa essa va oltre tutte le altre guardando la verità, oltre l’errore. 5A causa della forza della sua visione, porta la mente al suo servizio. 6Ciò ristabilisce il potere della mente e la rende sempre più incapace di tollerare l’indugio, poiché si rende conto che esso aggiunge solo del dolore non necessario. 7Come risultato, la mente diventa sempre di più sensibile a ciò che una volta avrebbe considerato come trascurabili intrusioni di disagio.

5. I bambini di Dio hanno il diritto al benessere perfetto che proviene dalla fiducia perfetta. 2Fino a che non lo raggiungeranno, sprecheranno se stessi ed i loro veri poteri creativi in tentativi inutili per ottenere maggior benessere con mezzi inappropriati. 3Ma il mezzo reale è già stato dato, e non implica affatto alcuno sforzo da parte loro. 4La Riconciliazione è l’unico dono degno di essere offerto all’altare di Dio grazie al valore dell’altare stesso. 5Esso fu creato perfetto ed interamente degno di ricevere perfezione. 6Dio e le Sue creazioni sono completamente dipendenti l’Uno dall’Altra e viceversa. 7Egli dipende da loro perché le ha create perfette. 8Ha dato loro la Sua pace affinché non potessero essere scosse e non potessero essere ingannate. 9Ogniqualvolta hai paura sei ingannato, e la tua mente non può servire lo Spirito Santo. 10Questo ti fa morire di fame perché ti nega il tuo pane quotidiano. 11Dio si sente solo senza i Suoi Figli, ed essi si sentono soli senza di Lui. 12Essi devono imparare a vedere il mondo come un mezzo per guarire la separazione. 13La Riconciliazione è la garanzia che alla fine riusciranno.

IV. Healing as Release from Fear
T-2.IV.1. Our emphasis is now on healing. The miracle is the means, the Atonement is the principle, and healing is the result. To speak of “a miracle of healing”is to combine two orders of reality inappropriately. Healing is not a miracle. The Atonement, or the final miracle, is a remedy and any type of healing is a result. The kind of error to which Atonement is applied is irrelevant. All healing is essentially the release from fear. To undertake this you cannot be fearful yourself. You do not understand healing because of your own fear.

T-2.IV.2. A major step in the Atonement plan is to undo error at all levels. Sickness or “not-right-mindedness”is the result of level confusion, because it always entails the belief that what is amiss on one level can adversely affect another. We have referred to miracles as the means of correcting level confusion, for all mistakes must be corrected at the level on which they occur. Only the mind is capable of error. The body can act wrongly only when it is responding to misthought. The body cannot create, and the belief that it can, a fundamental error, produces all physical symptoms. Physical illness represents a belief in magic. The whole distortion that made magic rests on the belief that there is a creative ability in matter which the mind cannot control. This error can take two forms; it can be believed that the mind can miscreate in the body, or that the body can miscreate in the mind. When it is understood that the mind, the only level of creation, cannot create beyond itself, neither type of confusion need occur.

T-2.IV.3. Only the mind can create because spirit has already been created, and the body is a learning device for the mind. Learning devices are not lessons in themselves. Their purpose is merely to facilitate learning. The worst a faulty use of a learning device can do is to fail to facilitate learning. It has no power in itself to introduce actual learning errors. The body, if properly understood, shares the invulnerability of the Atonement to two-edged application. This is not because the body is a miracle, but because it is not inherently open to misinterpretation. The body is merely part of your experience in the physical world. Its abilities can be and frequently are overevaluated. However, it is almost impossible to deny its existence in this world. Those who do so are engaging in a particularly unworthy form of denial. The term “unworthy”here implies only that it is not necessary to protect the mind by denying the unmindful. If one denies this unfortunate aspect of the mind’s power, one is also denying the power itself.

T-2.IV.4. All material means that you accept as remedies for bodily ills are restatements of magic principles. This is the first step in believing that the body makes its own illness. It is a second misstep to attempt to heal it through non-creative agents. It does not follow, however, that the use of such agents for corrective purposes is evil. Sometimes the illness has a sufficiently strong hold over the mind to render a person temporarily inaccessible to the Atonement. In this case it may be wise to utilize a compromise approach to mind and body, in which something from the outside is temporarily given healing belief. This is because the last thing that can help the non-right-minded, or the sick, is an increase in fear. They are already in a fear-weakened state. If they are prematurely exposed to a miracle, they may be precipitated into panic. This is likely to occur when upside-down perception has induced the belief that miracles are frightening.

T-2.IV.5. The value of the Atonement does not lie in the manner in which it is expressed. In fact, if it is used truly, it will inevitably be expressed in whatever way is most helpful to the receiver. This means that a miracle, to attain its full efficacy, must be expressed in a language that the recipient can understand without fear. This does not necessarily mean that this is the highest level of communication of which he is capable. It does mean, however, that it is the highest level of communication of which he is capable now. The whole aim of the miracle is to raise the level of communication, not to lower it by increasing fear.

IV. Guarigione come liberazione dalla paura
T-2.IV.1. La nostra attenzione si sposta ora sulla guarigione. 2Il miracolo è il mezzo, la Riconciliazione è il principio, e la guarigione è il risultato. 3Parlare di “miracolo della guarigione” è combinare due ordini di realtà in modo non appropriato. 4La guarigione non è un miracolo. 5La Riconciliazione, ovvero il miracolo finale, è un rimedio e qualsiasi tipo di guarigione è un risultato. 6Il tipo di errore al quale viene applicata la Riconciliazione è irrilevante. 7Ogni guarigione è essenzialmente liberazione dalla paura. 8Per intraprendere ciò non puoi avere paura tu stesso. 9Tu non comprendi la guarigione a causa della tua stessa paura.

2. Un passo importante nel piano della Riconciliazione consiste nel disfare l’errore a tutti i livelli. 2La malattia, ovvero essere “nella mente non corretta”, è il risultato della confusione di livello, poiché comporta sempre il credere che ciò che è sbagliato a un livello possa influenzarne sfavorevolmente un altro. 3Ci siamo riferiti ai miracoli come al mezzo per correggere la confusione di livello, poiché ogni errore deve essere corretto al livello in cui si verifica. 4Solo la mente è capace di errore. 5Il corpo può agire in modo sbagliato solo quando risponde a pensieri sbagliati. 6Il corpo non può creare, e il credere che esso lo possa fare, errore fondamentale, produce tutti i sintomi fisici. 7La malattia fisica rappresenta il credere nella magia. 8La distorsione che ha fatto la magia si fonda sul credere che esista una capacità creativa nella materia che la mente non può controllare. 9Questo errore può assumere due forme: si può credere che la mente possa malcreare nel corpo, oppure che il corpo possa malcreare nella mente. 10Quando si è compreso che la mente, unico livello di creazione, non può creare al di là di se stessa, non c’è bisogno che si verifichi nessuna delle due forme di confusione.

3. Solo la mente può creare poiché lo spirito è già stato creato, ed il corpo è uno strumento di apprendimento per la mente. 2Gli strumenti di apprendimento non sono lezioni essi stessi. 3Il loro scopo è semplicemente di facilitare l’apprendimento. 4La cosa peggiore che l’uso sbagliato di uno strumento di apprendimento possa fare è fallire nel facilitare l’apprendimento. 5Di per sé non ha alcun potere di introdurre effettivi errori di apprendimento. 6Il corpo, se correttamente capito, condivide l’invulnerabilità della Riconciliazione ad una applicazione a due tagli. 7Ciò non perché il corpo sia un miracolo, ma perché non è intrinsecamente aperto a errate interpretazioni. 8Il corpo è semplicemente parte della tua esperienza nel mondo fisico. 9Le sue capacità possono essere, e spesso sono, sopravvalutate. 10Tuttavia, è quasi impossibile negarne l’esistenza in questo mondo. 11Coloro che lo fanno sono impegnati in una forma di negazione particolarmente indegna. 12Il termine “indegna” qui implica solo che non è necessario proteggere la mente negando ciò che non è mente. 13Se si nega questo sfortunato aspetto del potere della mente, si sta anche negando il potere stesso.

4. Tutti i mezzi materiali che accetti come rimedi per i mali fisici sono riformulazioni di principi della magia. 2Questo è il primo passo nel credere che il corpo faccia le proprie malattie. 3Tentare di guarirlo tramite agenti non creativi è un secondo passo falso. 4Tuttavia non ne consegue che l’uso di tali agenti per scopi correttivi sia male. 5Talvolta la malattia ha una presa sulla mente sufficientemente forte da rendere la persona temporaneamente inaccessibile alla Riconciliazione. 6In questo caso può essere saggio utilizzare un approccio di compromesso tra la mente ed il corpo, nel quale si crede temporaneamente che qualcosa di esterno possa guarire. 7Questo avviene perché un aumento di paura è l’ultima cosa che può aiutare coloro che non sono nella mente corretta, ovvero i malati. 8Essi sono già in uno stato indebolito dalla paura. 9Se vengono esposti prematuramente ad un miracolo, possono precipitare nel panico. 10Questo è probabile che succeda quando la percezione capovolta ha indotto a credere che i miracoli facciano paura.

5. Il valore della Riconciliazione non risiede nel modo in cui viene espresso. 2In effetti, se è usato veramente, verrà inevitabilmente espresso in qualunque modo rappresenti il massimo aiuto per colui che lo riceve. 3Questo significa che un miracolo, per raggiungere la sua piena efficacia, deve essere espresso in un linguaggio che chi lo riceve possa capire senza paura. 4Ciò non significa necessariamente che questo sia il più alto livello di comunicazione del quale egli è capace. 5Significa, tuttavia, che questo è il più alto livello di comunicazione del quale egli è capace ora. 6Il miracolo ha come unica meta quella di elevare il livello di comunicazione, non di abbassarlo facendo aumentare la paura.

V. The Function of the Miracle Worker
T-2.V.1. Before miracle workers are ready to undertake their function in this world, it is essential that they fully understand the fear of release. Otherwise they may unwittingly foster the belief that release is imprisonment, a belief that is already very prevalent. This misperception arises in turn from the belief that harm can be limited to the body. That is because of the underlying fear that the mind can hurt itself. None of these errors is meaningful, because the miscreations of the mind do not really exist. This recognition is a far better protective device than any form of level confusion, because it introduces correction at the level of the error. It is essential to remember that only the mind can create, and that correction belongs at the thought level. To amplify an earlier statement, spirit is already perfect and therefore does not require correction. The body does not exist except as a learning device for the mind. This learning device is not subject to errors of its own, because it cannot create. It is obvious, then, that inducing the mind to give up its miscreations is the only application of creative ability that is truly meaningful.

T-2.V.2. Magic is the mindless or the miscreative use of mind. Physical medications are forms of “spells,”but if you are afraid to use the mind to heal, you should not attempt to do so. The very fact that you are afraid makes your mind vulnerable to miscreation. You are therefore likely to misunderstand any healing that might occur, and because egocentricity and fear usually occur together, you may be unable to accept the real Source of the healing. Under these conditions, it is safer for you to rely temporarily on physical healing devices, because you cannot misperceive them as your own creations. As long as your sense of vulnerability persists, you should not attempt to perform miracles.

T-2.V.3. I have already said that miracles are expressions of miracle-mindedness, and miracle-mindedness means right-mindedness. The right-minded neither exalt nor depreciate the mind of the miracle worker or the miracle receiver. However, as a correction, the miracle need not await the right-mindedness of the receiver. In fact, its purpose is to restore him to his right mind. It is essential, however, that the miracle worker be in his right mind, however briefly, or he will be unable to re-establish right-mindedness in someone else.

T-2.V.4. The healer who relies on his own readiness is endangering his understanding. You are perfectly safe as long as you are completely unconcerned about your readiness, but maintain a consistent trust in mine. If your miracle working inclinations are not functioning properly, it is always because fear has intruded on your right-mindedness and has turned it upside down. All forms of not-right-mindedness are the result of refusal to accept the Atonement for yourself. If you do accept it, you are in a position to recognize that those who need healing are simply those who have not realized that right-mindedness is healing.

T-2.V.5. The sole responsibility of the miracle worker is to accept the Atonement for himself. This means you recognize that mind is the only creative level, and that its errors are healed by the Atonement. Once you accept this, your mind can only heal. By denying your mind any destructive potential and reinstating its purely constructive powers, you place yourself in a position to undo the level confusion of others. The message you then give to them is the truth that their minds are similarly constructive, and their miscreations cannot hurt them. By affirming this you release the mind from overevaluating its own learning device, and restore the mind to its true position as the learner.

T-2.V.6. It should be emphasized again that the body does not learn any more than it creates. As a learning device it merely follows the learner, but if it is falsely endowed with self-initiative, it becomes a serious obstruction to the very learning it should facilitate. Only the mind is capable of illumination. Spirit is already illuminated and the body in itself is too dense. The mind, however, can bring its illumination to the body by recognizing that it is not the learner, and is therefore unamenable to learning. The body is, however, easily brought into alignment with a mind that has learned to look beyond it toward the light.

T-2.V.7. Corrective learning always begins with the awakening of spirit, and the turning away from the belief in physical sight. This often entails fear, because you are afraid of what your spiritual sight will show you. I said before that the Holy Spirit cannot see error, and is capable only of looking beyond it to the defense of Atonement. There is no doubt that this may produce discomfort, yet the discomfort is not the final outcome of the perception. When the Holy Spirit is permitted to look upon the defilement of the altar, He also looks immediately toward the Atonement. Nothing He perceives can induce fear. Everything that results from spiritual awareness is merely channelized toward correction. Discomfort is aroused only to bring the need for correction into awareness.

T-2.V.8. The fear of healing arises in the end from an unwillingness to accept unequivocally that healing is necessary. What the physical eye sees is not corrective, nor can error be corrected by any device that can be seen physically. As long as you believe in what your physical sight tells you, your attempts at correction will be misdirected. The real vision is obscured, because you cannot endure to see your own defiled altar. But since the altar has been defiled, your state becomes doubly dangerous unless it is perceived.

T-2.V.9. Healing is an ability that developed after the separation, before which it was unnecessary. Like all aspects of the belief in space and time, it is temporary. However, as long as time persists, healing is needed as a means of protection. This is because healing rests on charity, and charity is a way of perceiving the perfection of another even if you cannot perceive it in yourself. Most of the loftier concepts of which you are capable now are time-dependent. Charity is really a weaker reflection of a much more powerful love-encompassment that is far beyond any form of charity you can conceive of as yet. Charity is essential to right-mindedness in the limited sense in which it can now be attained.

T-2.V.10. Charity is a way of looking at another as if he had already gone far beyond his actual accomplishments in time. Since his own thinking is faulty he cannot see the Atonement for himself, or he would have no need of charity. The charity that is accorded him is both an acknowledgment that he needs help, and a recognition that he will accept it. Both of these perceptions clearly imply their dependence on time, making it apparent that charity still lies within the limitations of this world. I said before that only revelation transcends time. The miracle, as an expression of charity, can only shorten it. It must be understood, however, that whenever you offer a miracle to another, you are shortening the suffering of both of you. This corrects retroactively as well as progressively.

A. Special Principles of Miracle Workers
T-2.V.A.11. (1) The miracle abolishes the need for lower-order concerns. Since it is an out-of-pattern time interval, the ordinary considerations of time and space do not apply. When you perform a miracle, I will arrange both time and space to adjust to it.

T-2.V.A.12. (2) A clear distinction between what is created and what is made is essential. All forms of healing rest on this fundamental correction in level perception.

T-2.V.A.13. (3) Never confuse right- and wrong-mindedness. Responding to any form of error with anything except a desire to heal is an expression of this confusion.

T-2.V.A.14. (4) The miracle is always a denial of this error and an affirmation of the truth. Only right-mindedness can correct in a way that has any real effect. Pragmatically, what has no real effect has no real existence. Its effect, then, is emptiness. Being without substantial content, it lends itself to projection.

T-2.V.A.15. (5) The level-adjustment power of the miracle induces the right perception for healing. Until this has occurred healing cannot be understood. Forgiveness is an empty gesture unless it entails correction. Without this it is essentially judgmental, rather than healing.

T-2.V.A.16. (6) Miracle-minded forgiveness is only correction. It has no element of judgment at all. The statement “Father forgive them for they know not what they do”in no way evaluates what they do. It is an appeal to God to heal their minds. There is no reference to the outcome of the error. That does not matter.

T-2.V.A.17. (7) The injunction “Be of one mind”is the statement for revelation-readiness. My request “Do this in remembrance of me”is the appeal for cooperation from miracle workers. The two statements are not in the same order of reality. Only the latter involves an awareness of time, since to remember is to recall the past in the present. Time is under my direction, but timelessness belongs to God. In time we exist for and with each other. In timelessness we coexist with God.

T-2.V.A.18. (8) You can do much on behalf of your own healing and that of others if, in a situation calling for help, you think of it this way:

I am here only to be truly helpful.
I am here to represent Him Who sent me.
I do not have to worry about what to say or what to do, because He Who sent me will direct me.
I am content to be wherever He wishes, knowing He goes there with me.
I will be healed as I let Him teach me to heal.


V. La funzione di colui che opera il miracolo
1. Prima che coloro che operano il miracolo siano pronti ad intraprendere la loro funzione in questo mondo, è essenziale che comprendano appieno la paura della liberazione. 2Altrimenti possono inavvertitamente coltivare la credenza che la liberazione sia prigionia, credenza già molto predominante. 3Questa percezione erronea deriva a sua volta dal credere che il danno possa essere limitato al corpo. 4Ciò è dato dalla paura di base che la mente possa far male a se stessa. 5Nessuno di questi errori è significativo, poiché le malcreazioni della mente in realtà non esistono. 6Questo riconoscimento è uno strumento di protezione ben più efficace di qualsiasi forma di confusione di livello, poiché introduce la correzione al livello dell’errore. 7È essenziale ricordare che solo la mente può creare, e che la correzione appartiene al livello del pensiero. 8Per ampliare una precedente affermazione, lo spirito è già perfetto e quindi non richiede correzione. 9Il corpo non esiste se non come strumento di apprendimento per la mente. 10Questo strumento di apprendimento, di per sé non è soggetto a errori, poiché non può creare. 11È ovvio, quindi, che indurre la mente ad abbandonare le sue malcreazioni è l’unica applicazione della capacità creativa che abbia veramente significato.

2. La magia è l’uso irragionevole o malcreativo della mente. 2Le cure fisiche sono forme di incantesimo, ma se tu hai paura di usare la mente per guarire, non devi tentare di farlo. 3Il fatto stesso che tu abbia paura rende la tua mente vulnerabile alla malcreazione. 4È dunque probabile che tu fraintenda qualsiasi guarigione che possa verificarsi, e poiché egocentrismo e paura normalmente si verificano insieme, puoi non essere in grado di accettare la reale Fonte della guarigione. 5In queste condizioni, è più sicuro per te affidarti temporaneamente a strumenti fisici di guarigione, in quanto non puoi percepirli erroneamente come tue stesse creazioni. 6Fino a che il tuo senso di vulnerabilità persiste, tu non devi tentare di fare miracoli.

3. Ho già detto che i miracoli sono espressioni della mente disposta ai miracoli, e per mente disposta ai miracoli si intende mente corretta. 2Chi ha una mente corretta non esalta né disprezza la mente di chi opera il miracolo o di colui che lo riceve. 3Tuttavia, come correzione, il miracolo non ha bisogno di aspettare che chi lo riceve sia nella mente corretta. 4Infatti, il suo scopo è di ripristinarlo alla sua mente corretta. 5È essenziale tuttavia, che colui che opera il miracolo sia nella propria mente corretta, anche se per breve tempo, o non sarà in grado di riportare gli altri alla loro mente corretta.

4. Il guaritore che si affida al fatto di sentirsi pronto mette in pericolo la sua comprensione. 2Tu sei perfettamente al sicuro fintanto che non ti preoccupi affatto di sentirti pronto, ma mantieni una fiducia costante nel fatto che io lo sia. 3Se le tue inclinazioni a fare miracoli non funzionano bene, è sempre perché la paura si è insinuata nel tuo essere nella mente corretta e l’ha capovolta. 4Ogni forma di non essere nella mente corretta è il risultato del rifiuto di accettare la Riconciliazione per te stesso. 5Se tu la accettassi veramente, saresti in grado di riconoscere che coloro che necessitano la guarigione sono semplicemente coloro che non si sono resi conto che essere nella mente corretta è guarigione.

5. L’unica responsabilità di colui che opera il miracolo è accettare la Riconciliazione per se stesso. 2Questo significa riconoscere che la mente è l’unico livello creativo, e che i suoi errori sono guariti dalla Riconciliazione. 3Quando lo avrai accettato la tua mente potrà solo guarire. 4Negando alla tua mente qualsiasi potenziale distruttivo e restituendole i suoi poteri puramente costruttivi, ti metti nella posizione di disfare la confusione di livelli degli altri. 5Il messaggio che quindi dai loro è la verità che la loro mente è ugualmente costruttiva, e che le loro malcreazioni non possono far loro del male. 6Affermando ciò, liberi la mente dalla sopravvalutazione del suo stesso strumento di apprendimento, e ripristini la mente alla sua vera posizione di studente.

6. Bisogna di nuovo sottolineare che il corpo non impara né tanto meno crea. 2Come strumento di apprendimento segue semplicemente lo studente, ma se è falsamente dotato di iniziativa propria, diventa un serio ostacolo a quello stesso apprendimento che dovrebbe facilitare. 3Solo la mente è capace di illuminazione. 4Lo Spirito è già illuminato ed il corpo in se stesso è troppo denso. 5La mente, tuttavia, può portare la sua illuminazione al corpo riconoscendo che il corpo non è lo studente e per questo è refrattario all’apprendimento. 6Il corpo, tuttavia, può essere facilmente rimesso in linea con una mente che ha imparato a guardare oltre ad esso, verso la luce.

7. L’apprendimento che corregge inizia sempre con il risveglio dello spirito e il distogliersi dal credere nella vista fisica. 2Questo spesso implica paura, poiché tu hai paura di ciò che la tua vista spirituale ti mostrerà. 3Ho detto in precedenza che lo Spirito Santo non può vedere l’errore, ed è capace solamente di guardare la difesa della Riconciliazione, al di là di esso. 4Non c’è dubbio che ciò possa produrre disagio, ma il disagio non è il risultato finale della percezione. 5Quando allo Spirito Santo viene permesso di vedere la profanazione dell’altare, Egli guarda immediatamente anche verso la Riconciliazione. 6Niente di ciò che Egli percepisce può indurre paura. 7Tutto ciò che deriva dalla consapevolezza spirituale è semplicemente incanalato verso la correzione. 8Il disagio emerge soltanto per portare alla consapevolezza il bisogno di correzione.

8. La paura della guarigione sorge alla fine dal non essere disposti ad accettare inequivocabilmente che è necessaria la guarigione. 2Ciò che l’occhio fisico vede, non è correttivo, né l’errore può essere corretto da qualsiasi strumento che possa essere visto fisicamente. 3Fintanto che crederai in ciò che la tua vista fisica ti dice, i tuoi tentativi di correzione saranno maldiretti. 4La visione reale è oscurata, poiché tu non puoi sopportare di vedere il tuo stesso altare profanato. 5Ma dato che l’altare è stato profanato, il tuo stato diventa doppiamente pericoloso a meno che esso non venga percepito.

9. La guarigione è una capacità che si è sviluppata dopo la separazione, prima della quale non era necessaria. 2Come tutti gli aspetti del credere nello spazio e nel tempo, è temporanea. 3Tuttavia, fintanto che persiste il tempo, la guarigione è necessaria come mezzo di protezione. 4Ciò in quanto la guarigione si basa sulla carità e la carità è un modo di percepire la perfezione di un altro perfino se tu non la puoi percepire in te stesso. 5La maggior parte dei concetti più elevati di cui tu sei capace ora dipendono dal tempo. 6La carità è realmente un riflesso più debole di un ben più potente amore che tutto avvolge e che è molto al di là di qualsiasi forma di carità che tu fino a questo momento puoi concepire. 7La carità, nel senso limitato in cui tu ora puoi ottenerla, è essenziale per essere nella mente corretta.

10. La carità è un modo di vedere l’altro come se fosse già andato ben al di là di ciò che ha effettivamente realizzato nel tempo. 2Poiché il suo pensiero è fallace egli non può vedere la Riconciliazione per se stesso, altrimenti non avrebbe bisogno di carità. 3La carità che gli viene data è sia la conferma che egli ha bisogno di aiuto, sia il riconoscimento che lo accetterà. 4Entrambe queste percezioni implicano chiaramente la loro dipendenza dal tempo, rendendo evidente che la carità opera ancora all’interno dei limiti di questo mondo. 5Ho detto precedentemente che solo la rivelazione trascende il tempo. 6Il miracolo, come espressione di carità, può solo abbreviarlo. 7Si deve capire, tuttavia, che ogni qualvolta offri un miracolo a un altro, abbrevi la sofferenza ad entrambi. 8Questo corregge sia retroattivamente sia progressivamente.

A. Principi speciali di coloro che operano miracoli.
11. (1) Il miracolo abolisce il bisogno di preoccupazioni di ordine inferiore. 2Dato che è un intervallo di tempo fuori dagli schemi, non sono applicabili considerazioni ordinarie di tempo e spazio. 3Quando compi un miracolo, io disporrò perché sia il tempo che lo spazio si adattino ad esso.

12. (2) È essenziale una chiara distinzione tra ciò che è creato e ciò che è fatto. 2Ogni forma di guarigione si basa su questa fondamentale correzione della percezione dei livelli.

13. (3) Non confondere mai l’essere nella mente corretta con l’essere nella mente sbagliata. 2Il rispondere a qualsiasi forma di errore con qualsiasi cosa che non sia il desiderio di guarire è un’espressione di questa confusione.

14. (4) Il miracolo è sempre una negazione di questo errore ed una affermazione della verità. 2Solo l’essere nella mente corretta può correggere in modo da avere un effetto reale. 3Pragmaticamente, ciò che non ha effetto reale in realtà non esiste affatto. 4Il suo effetto, dunque, è il vuoto. 5Essendo senza contenuto sostanziale, si presta alla proiezione.

15. (5) Il potere del miracolo di regolare i livelli porta alla giusta percezione per la guarigione. 2Fintanto che ciò non sarà accaduto, la guarigione non potrà essere compresa. 3Il perdono è un atto vuoto se non comporta correzione. 4Senza di essa, si tratta essenzialmente di giudizio, invece che di guarigione.

16. (6) Il perdono di una mente disposta al miracolo è solo una correzione. 2Non ha assolutamente alcun elemento di giudizio. 3L’affermazione “Padre perdonali perché non sanno quello che fanno” in nessun modo valuta quello che fanno. 4È un appello a Dio per guarire le loro menti. 5Non c’è alcun riferimento al risultato dell’errore. 6Questo è irrilevante.

17. (7) Il precetto “Abbiate una sola mente” è l’affermazione che porta ad essere pronti per la rivelazione. 2La mia richiesta “fate questo in memoria di me” è l’appello alla cooperazione da parte di coloro che operano miracoli. 3Le due affermazioni non sono nello stesso ordine di realtà. 4Solo l’ultima coinvolge una consapevolezza del tempo dato che ricordare è richiamare il passato nel presente. 5Il tempo è sotto la mia guida, ma ciò che è senza tempo appartiene a Dio. 6Nel tempo noi esistiamo l’uno per l’altro e l’uno con l’altro. 7Nel senza tempo coesistiamo con Dio.

18. (8) Puoi fare molto in favore della tua guarigione e di quella degli altri se, in una situazione che richiede aiuto, pensi ad essa in questo modo:

Io sono qui solo per essere veramente d’aiuto.
Io sono qui per rappresentare Colui Che mi ha mandato
Io non devo preoccuparmi di cosa dire o cosa fare perché Colui Che mi ha mandato mi guiderà.
Io sono soddisfatto di essere ovunque Egli voglia, sapendo che Egli viene con me.
Io sarò guarito non appena Gli permetterò di insegnarmi a guarire.


VI. Fear and Conflict
T-2.VI.1. Being afraid seems to be involuntary; something beyond your own control. Yet I have said already that only constructive acts should be involuntary. My control can take over everything that does not matter, while my guidance can direct everything that does, if you so choose. Fear cannot be controlled by me, but it can be self-controlled. Fear prevents me from giving you my control. The presence of fear shows that you have raised body thoughts to the level of the mind. This removes them from my control, and makes you feel personally responsible for them. This is an obvious confusion of levels.

T-2.VI.2. I do not foster level confusion, but you must choose to correct it. You would not excuse insane behavior on your part by saying you could not help it. Why should you condone insane thinking? There is a confusion here that you would do well to look at clearly. You may believe that you are responsible for what you do, but not for what you think. The truth is that you are responsible for what you think, because it is only at this level that you can exercise choice. What you do comes from what you think. You cannot separate yourself from the truth by “giving” autonomy to behavior. This is controlled by me automatically as soon as you place what you think under my guidance. Whenever you are afraid, it is a sure sign that you have allowed your mind to miscreate and have not allowed me to guide it.

T-2.VI.3. It is pointless to believe that controlling the outcome of misthought can result in healing. When you are fearful, you have chosen wrongly. That is why you feel responsible for it. You must change your mind, not your behavior, and this is a matter of willingness. You do not need guidance except at the mind level. Correction belongs only at the level where change is possible. Change does not mean anything at the symptom level, where it cannot work.

T-2.VI.4. The correction of fear is your responsibility. When you ask for release from fear, you are implying that it is not. You should ask, instead, for help in the conditions that have brought the fear about. These conditions always entail a willingness to be separate. At that level you can help it. You are much too tolerant of mind wandering, and are passively condoning your mind’s miscreations. The particular result does not matter, but the fundamental error does. The correction is always the same. Before you choose to do anything, ask me if your choice is in accord with mine. If you are sure that it is, there will be no fear.

T-2.VI.5. Fear is always a sign of strain, arising whenever what you want conflicts with what you do. This situation arises in two ways:

First, you can choose to do conflicting things, either simultaneously or successively. This produces conflicted behavior, which is intolerable to you because the part of the mind that wants to do something else is outraged. Second, you can behave as you think you should, but without entirely wanting to do so. This produces consistent behavior, but entails great strain. In both cases, the mind and the behavior are out of accord, resulting in a situation in which you are doing what you do not wholly want to do. This arouses a sense of coercion that usually produces rage, and projection is likely to follow. Whenever there is fear, it is because you have not made up your mind. Your mind is therefore split, and your behavior inevitably becomes erratic. Correcting at the behavioral level can shift the error from the first to the second type, but will not obliterate the fear.

T-2.VI.6. It is possible to reach a state in which you bring your mind under my guidance without conscious effort, but this implies a willingness that you have not developed as yet. The Holy Spirit cannot ask more than you are willing to do. The strength to do comes from your undivided decision. There is no strain in doing God’s Will as soon as you recognize that it is also your own. The lesson here is quite simple, but particularly apt to be overlooked. I will therefore repeat it, urging you to listen. Only your mind can produce fear. It does so whenever it is conflicted in what it wants, producing inevitable strain because wanting and doing are discordant. This can be corrected only by accepting a unified goal.

T-2.VI.7. The first corrective step in undoing the error is to know first that the conflict is an expression of fear. Say to yourself that you must somehow have chosen not to love, or the fear could not have arisen. Then the whole process of correction becomes nothing more than a series of pragmatic steps in the larger process of accepting the Atonement as the remedy. These steps may be summarized in this way:

Know first that this is fear.
Fear arises from lack of love.
The only remedy for lack of love is perfect love.
Perfect love is the Atonement.


T-2.VI.8. I have emphasized that the miracle, or the expression of Atonement, is always a sign of respect from the worthy to the worthy. The recognition of this worth is re-established by the Atonement. It is obvious, then, that when you are afraid, you have placed yourself in a position where you need Atonement. You have done something loveless, having chosen without love. This is precisely the situation for which the Atonement was offered. The need for the remedy inspired its establishment. As long as you recognize only the need for the remedy, you will remain fearful. However, as soon as you accept the remedy, you have abolished the fear. This is how true healing occurs.

T-2.VI.9. Everyone experiences fear. Yet it would take very little right thinking to realize why fear occurs. Few appreciate the real power of the mind, and no one remains fully aware of it all the time. However, if you hope to spare yourself from fear there are some things you must realize, and realize fully. The mind is very powerful, and never loses its creative force. It never sleeps. Every instant it is creating. It is hard to recognize that thought and belief combine into a power surge that can literally move mountains. It appears at first glance that to believe such power about yourself is arrogant, but that is not the real reason you do not believe it. You prefer to believe that your thoughts cannot exert real influence because you are actually afraid of them. This may allay awareness of the guilt, but at the cost of perceiving the mind as impotent. If you believe that what you think is ineffectual you may cease to be afraid of it, but you are hardly likely to respect it. There are no idle thoughts. All thinking produces form at some level.

VI. Paura e conflitto
1. L’aver paura sembra essere qualcosa di involontario, qualcosa al di là del tuo stesso controllo. 2Ma io ho già detto che solo gli atti costruttivi dovrebbero essere involontari. 3Il mio controllo può farsi carico di tutto ciò che non importa, mentre la mia guida può dirigere qualsiasi cosa che importa, se tu lo scegli. 4La paura non può essere controllata da me, ma può essere autocontrollata. 5La paura mi impedisce di darti la mia capacità di controllo. 6La presenza della paura mostra che hai innalzato i pensieri del corpo al livello della mente. 7Questo li toglie dal mio controllo, e ti fa sentire personalmente responsabile di essi. 8Questa è un’evidente confusione di livelli.

2. Io non incoraggio la confusione di livelli, sei tu che devi scegliere di correggerla. 2Non dovresti scusare un comportamento folle da parte tua dicendo che non puoi farci niente. 3Perché dovresti lasciar correre pensieri folli? 4C’è qui una confusione che faresti bene a guardare chiaramente. 5Puoi credere di essere responsabile di ciò che fai, ma non di ciò che pensi. 6La verità è che sei responsabile di ciò che pensi, perché è solo a questo livello che puoi operare una scelta. 7Ciò che fai deriva da ciò che pensi. 8Non puoi separare te stesso dalla verità “dando” autonomia al comportamento. 9Questo è automaticamente controllato da me non appena metti ciò che pensi sotto la mia guida. 10Ogni volta che hai paura, è un segno sicuro che hai permesso alla tua mente di malcreare e che non mi hai permesso di guidarla.

3. Non ha senso credere che controllare il risultato di un pensiero errato possa produrre guarigione. 2Quando hai paura, hai scelto in modo errato. 3Questa è la ragione per cui te ne senti responsabile. 4Devi cambiare la tua mente, non il comportamento, e il farlo è una questione di disponibilità. 5Non hai bisogno di guida se non a livello mentale. 6La correzione appartiene solo al livello dove è possibile il cambiamento. 7Cambiamento non significa nulla al livello dei sintomi, dove non può funzionare.

4. La correzione della paura è una tua responsabilità. 2Quando chiedi la liberazione dalla paura, stai implicitamente dicendo che non è così. 3Dovresti chiedere, invece, aiuto in merito alle condizioni che hanno generato la paura. 4Queste condizioni implicano sempre la disponibilità ad essere separato. 5A quel livello puoi fare qualcosa. 6Sei troppo tollerante nel lasciar vagare la tua mente e condoni passivamente le malcreazioni della tua mente. 7Il risultato specifico non importa, ma l’errore di base sì. 8La correzione è sempre la stessa. 9Prima di scegliere di fare qualsiasi cosa, chiedimi se la tua scelta è in accordo con la mia. 10Se sei sicuro che lo è, non ci sarà paura.

5. La paura è sempre un segno di tensione, che sorge ogniqualvolta ciò che vuoi è in conflitto con ciò che fai. 2Questa situazione nasce in due modi: primo, puoi scegliere di fare cose in conflitto, sia simultaneamente che in successione. 3Questo produce comportamenti conflittuali, cosa che è intollerabile per te, perché la parte della mente che vuole fare qualcos’altro viene oltraggiata. 4Secondo, puoi comportarti come pensi di dovere, ma senza volerlo fare completamente. 5Questo produce un comportamento coerente, ma implica grande tensione. 6In entrambi i casi, la mente ed il comportamento non sono in accordo, e ne risulta una situazione nella quale stai facendo ciò che non vuoi fare completamente. 7Questo fa crescere un senso di coercizione, che normalmente produce rabbia ed è probabile che ne segua una proiezione. 8Ogni qualvolta c’è paura, è perché non hai ancora deciso. 9La tua mente è perciò divisa ed il tuo comportamento, inevitabilmente, diventa erratico. 10Correggere al livello comportamentale può spostare l’errore dal primo al secondo tipo, ma non cancellerà la paura.

6. È possibile raggiungere uno stato nel quale metti la tua mente sotto la mia guida senza sforzo cosciente, ma questo implica una disponibilità che non hai ancora sviluppato. 2Lo Spirito Santo non può chiedere più di quanto tu sia disposto a fare. 3La forza di fare viene dalla tua decisione indivisa. 4Non c’è tensione nel fare la volontà di Dio quando riconosci che essa è anche la tua. 5La lezione qui è molto semplice, ma particolarmente atta a non essere vista. 6Io pertanto la ripeterò, spronandoti ad ascoltare. 7Solo la tua mente può produrre paura. 8Lo fa ogni qualvolta è in conflitto con ciò che vuole, producendo una tensione inevitabile, perché volere e fare sono in disaccordo. 9Questo può essere corretto solo accettando un obiettivo unificato.

7. Il primo passo correttivo nel disfare l’errore è sapere innanzitutto che il conflitto è un’espressione di paura. 2Dì a te stesso che devi in qualche modo aver scelto di non amare, altrimenti la paura non avrebbe potuto emergere. 3Quindi l’intero processo di correzione diventa niente altro che una serie di passi pragmatici nel più ampio processo di accettazione della Riconciliazione come rimedio. 4Questi passi possono essere riassunti in questo modo:

Sappi prima di tutto che questa è paura.
La paura nasce dalla mancanza d’amore.
L’unico rimedio per la mancanza d’amore è l’amore perfetto.
L’amore perfetto è la Riconciliazione.


8. Ho sottolineato che il miracolo, ovvero l’espressione della Riconciliazione, è sempre un segno di rispetto da chi è degno verso chi è degno. 2Il riconoscimento di questo valore viene ristabilito dalla Riconciliazione. 3È ovvio, quindi, che quando hai paura, ti sei messo nella posizione in cui hai bisogno della Riconciliazione. 4Hai fatto qualcosa privo di amore, avendo scelto senza amore. 5Questa è precisamente la situazione per la quale è stata offerta la Riconciliazione. 6Il bisogno di rimedio ha ispirato il suo instaurarsi. 7Fintanto che riconoscerai solo il bisogno del rimedio, rimarrai con la paura. 8Tuttavia, non appena avrai accettato il rimedio, avrai abolito la paura. 9Questo è il modo in cui avviene la vera guarigione.

9. Tutti provano paura. 2Tuttavia basterebbe un modo di pensare minimamente corretto per rendersi conto del perché si verifichi la paura. 3Pochi apprezzano il reale potere della mente, e nessuno rimane sempre pienamente consapevole di ciò. 4Tuttavia, se speri di evitarti la paura, ci sono alcune cose delle quali devi renderti conto e farlo pienamente. 5La mente è molto potente e non perde mai la sua forza creativa. 6Non dorme mai. 7Crea in ogni istante. 8È difficile rendersi conto che pensiero e credenza si combinino in una potente ondata che può letteralmente spostare le montagne. 9Sembra, a prima vista, che credere che tu abbia un tale potere sia arrogante, ma questo non è il motivo reale per cui non ci credi. 10Preferisci credere che i tuoi pensieri non possano esercitare una reale influenza, perché in realtà hai paura di essi. 11Questo può lenire la consapevolezza della colpa, ma al costo di percepire la mente come impotente. 12Se credi che ciò che pensi non abbia effetto puoi cessare di averne paura, ma è altamente improbabile che tu lo rispetti. 13Non ci sono pensieri futili. 14Qualsiasi pensiero produce una forma a qualche livello.

VII. Cause and Effect
T-2.VII.1. You may still complain about fear, but you nevertheless persist in making yourself fearful. I have already indicated that you cannot ask me to release you from fear. I know it does not exist, but you do not. If I intervened between your thoughts and their results, I would be tampering with a basic law of cause and effect; the most fundamental law there is. I would hardly help you if I depreciated the power of your own thinking. This would be in direct opposition to the purpose of this course. It is much more helpful to remind you that you do not guard your thoughts carefully enough. You may feel that at this point it would take a miracle to enable you to do this, which is perfectly true. You are not used to miracle-minded thinking, but you can be trained to think that way. All miracle workers need that kind of training.

T-2.VII.2. I cannot let you leave your mind unguarded, or you will not be able to help me. Miracle working entails a full realization of the power of thought in order to avoid miscreation. Otherwise a miracle will be necessary to set the mind itself straight, a circular process that would not foster the time collapse for which the miracle was intended. The miracle worker must have genuine respect for true cause and effect as a necessary condition for the miracle to occur.

T-2.VII.3. Both miracles and fear come from thoughts. If you are not free to choose one, you would also not be free to choose the other. By choosing the miracle you have rejected fear, if only temporarily. You have been fearful of everyone and everything. You are afraid of God, of me and of yourself. You have misperceived or miscreated Us, and believe in what you have made. You would not have done this if you were not afraid of your own thoughts. The fearful must miscreate, because they misperceive creation. When you miscreate you are in pain. The cause and effect principle now becomes a real expediter, though only temporarily. Actually, “Cause” is a term properly belonging to God, and His “Effect” is His Son. This entails a set of Cause and Effect relationships totally different from those you introduce into miscreation. The fundamental conflict in this world, then, is between creation and miscreation. All fear is implicit in the second, and all love in the first. The conflict is therefore one between love and fear.

T-2.VII.4. It has already been said that you believe you cannot control fear because you yourself made it, and your belief in it seems to render it out of your control. Yet any attempt to resolve the error through attempting the mastery of fear is useless. In fact, it asserts the power of fear by the very assumption that it need be mastered. The true resolution rests entirely on mastery through love. In the interim, however, the sense of conflict is inevitable, since you have placed yourself in a position where you believe in the power of what does not exist.

T-2.VII.5. Nothing and everything cannot coexist. To believe in one is to deny the other. Fear is really nothing and love is everything. Whenever light enters darkness, the darkness is abolished. What you believe is true for you. In this sense the separation has occurred, and to deny it is merely to use denial inappropriately. However, to concentrate on error is only a further error. The initial corrective procedure is to recognize temporarily that there is a problem, but only as an indication that immediate correction is needed. This establishes a state of mind in which the Atonement can be accepted without delay. It should be emphasized, however, that ultimately no compromise is possible between everything and nothing. Time is essentially a device by which all compromise in this respect can be given up. It only seems to be abolished by degrees, because time itself involves intervals that do not exist. Miscreation made this necessary as a corrective device. The statement “For God so loved the world that he gave his only begotten Son, that whosoever believeth in him should not perish but have everlasting life” needs only one slight correction to be meaningful in this context; “He gave it to His only begotten Son.”

T-2.VII.6. It should especially be noted that God has only one Son. If all His creations are His Sons, every one must be an integral part of the whole Sonship. The Sonship in its Oneness transcends the sum of its parts. However, this is obscured as long as any of its parts is missing. That is why the conflict cannot ultimately be resolved until all the parts of the Sonship have returned. Only then can the meaning of wholeness in the true sense be understood. Any part of the Sonship can believe in error or incompleteness if he so chooses. However, if he does so, he is believing in the existence of nothingness. The correction of this error is the Atonement.

T-2.VII.7. I have already briefly spoken about readiness, but some additional points might be helpful here. Readiness is only the prerequisite for accomplishment. The two should not be confused. As soon as a state of readiness occurs, there is usually some degree of desire to accomplish, but it is by no means necessarily undivided. The state does not imply more than a potential for a change of mind. Confidence cannot develop fully until mastery has been accomplished. We have already attempted to correct the fundamental error that fear can be mastered, and have emphasized that the only real mastery is through love. Readiness is only the beginning of confidence. You may think this implies that an enormous amount of time is necessary between readiness and mastery, but let me remind you that time and space are under my control.

VII. Causa ed effetto
1. Puoi ancora lamentarti della paura, ma ciononostante persisti nel renderti pieno di paura. 2Ho già chiarito che non puoi chiedermi di liberarti dalla paura. 3Io so che non esiste, ma tu no. 4Se intervenissi fra i tuoi pensieri ed i loro risultati, interferirei con la legge fondamentale di causa ed effetto: la legge più fondamentale che ci sia. 5Non ti aiuterei affatto se sminuissi il potere dei tuoi pensieri. 6Questo sarebbe in diretto contrasto con lo scopo di questo corso. 7È molto più utile ricordarti che non vigili con sufficiente attenzione sui tuoi pensieri. 8Potresti sentire, a questo punto, che ci vorrebbe un miracolo per renderti capace di fare ciò, il che è perfettamente vero. 9Tu non sei abituato al modo di pensare della mente disposta ai miracoli, ma puoi essere addestrato a pensare in questa maniera. 10Tutti coloro che operano miracoli hanno bisogno di questo tipo di addestramento.

2. Io non posso lasciare la tua mente incustodita, altrimenti non sarai in grado di aiutarmi. 2Operare miracoli implica un completo riconoscimento del potere del pensiero in modo da evitare la malcreazione. 3Altrimenti sarebbe necessario un miracolo per rettificare la mente, un girare a vuoto, che non favorirebbe il collasso del tempo per il quale il miracolo era inteso. 4Colui che opera miracoli deve avere un rispetto genuino per la vera causa ed effetto come condizione necessaria perché il miracolo avvenga.

3. Sia i miracoli, che la paura provengono dai pensieri. 2Se non sei libero di scegliere l’uno, non sarai neanche libero di scegliere l’altra. 3Scegliendo il miracolo hai rifiutato la paura, anche se solo temporaneamente. 4Hai avuto paura di tutti e di tutto. 5Hai paura di Dio, di me e di te stesso. 6Ci hai malpercepito o malcreato, e credi in quello che hai fatto. 7Non lo avresti fatto se non avessi avuto paura dei tuoi stessi pensieri. 8È implicito che coloro che hanno paura debbano malcreare, dal momento che percepiscono la creazione in maniera errata. 9Quando malcrei soffri. 10Il principio di causa ed effetto ora diventa un vero acceleratore, anche se solo temporaneamente. 11In effetti “Causa” è un termine che appartiene propriamente a Dio, e Suo Figlio è il Suo “Effetto”. 12Questo implica una serie di relazioni di Causa ed Effetto completamente differenti da quelle che introduci nella malcreazione. 13Il conflitto fondamentale di questo mondo, quindi, è fra creazione e malcreazione. 14Tutta la paura è implicita nella seconda, e tutto l’amore nella prima. 15Il conflitto è quindi tra amore e ogni forma di paura.

4. È già stato detto che credi di non poter controllare la paura perché l’hai fatta tu stesso, e il tuo credere in essa sembra collocarla fuori dal tuo controllo. 2Tuttavia qualsiasi tentativo di risolvere l’errore tentando di padroneggiare la paura è inutile. 3In effetti esso afferma il potere della paura proprio con il presupposto che essa vada padroneggiata. 4La vera risoluzione si basa interamente sulla padronanza attraverso l’amore. 5Nel frattempo, tuttavia, la sensazione di conflitto è inevitabile, poiché ti sei messo nella posizione di credere nel potere di ciò che non esiste.

5. Il nulla e il tutto non possono coesistere. 2Credere in uno è negare l’altro. 3La paura in realtà non è nulla e l’amore è tutto. 4Ogni qualvolta la luce entra nell’oscurità, l’oscurità è abolita. 5Ciò in cui credi è vero per te. 6In questo senso la separazione è avvenuta, e negarla è semplicemente usare la negazione in modo inappropriato. 7Tuttavia, concentrarsi sull’errore è solo un ulteriore errore. 8La procedura di correzione iniziale è riconoscere temporaneamente che esiste un problema, ma solo come indicazione che è necessaria una correzione immediata. 9Questo stabilisce uno stato mentale nel quale la Riparazione può essere accettata senza indugio. 10Bisogna sottolineare, tuttavia, che alla fine non è possibile alcun compromesso fra tutto e niente. 11Il tempo è essenzialmente uno strumento tramite il quale è possibile rinunciare ad ogni compromesso in questo senso. 12Sembra solo venire abolito per gradi, perché il tempo stesso implica intervalli che non esistono. 13La malcreazione lo ha reso indispensabile come strumento correttivo. 14L’affermazione “poiché Dio ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia ma abbia vita eterna” necessita solo una piccola correzione per aver significato, in questo contesto: “Egli lo ha dato al Suo Figlio unigenito”.

6. Si dovrebbe notare, in particolare, che Dio ha un unico Figlio. 2Se tutte le Sue creazioni sono Suoi Figli, ognuno deve essere una parte integrante dell’intera Figliolanza. 3La Figliolanza, nella sua Unità, trascende la somma delle sue parti. 4Tuttavia questo resta in ombra, fintanto che una qualsiasi delle sue parti è mancante. 5Ecco perché il conflitto alla fine non potrà essere risolto fintanto che tutte le parti della Figliolanza non saranno ritornate. 6Solo allora potrà essere capito il significato dell’interezza nel vero senso della parola. 7Qualsiasi parte della Figliolanza può credere nell’errore o nell’incompletezza, se così sceglie. 8Tuttavia, se fa così, crede nell’esistenza del nulla. 9La correzione di questo errore è la Riconciliazione.

7. Ho già brevemente parlato a proposito dell’essere pronto, ma a questo punto potrebbe essere di aiuto qualche considerazione in più. 2Essere pronto è solo il prerequisito per ottenere il risultato. 3Le due cose non devono essere confuse. 4Non appena si verifica lo stato in cui si è pronti, c’è normalmente un certo desiderio di ottenere il risultato, ma questo non è affatto necessariamente indiviso. 5Questo stato non implica nulla di più di un potenziale per cambiare la propria mente. 6La fiducia non può svilupparsi completamente fino a che non sia stata acquisita la padronanza. 7Abbiamo già tentato di correggere l’errore di fondo che la paura possa essere padroneggiata, e abbiamo sottolineato che l’unica vera padronanza è attraverso l’amore. 8Essere pronti è solo l’inizio della fiducia. 9Potrai pensare che ciò implichi che sia necessaria un’enorme quantità di tempo fra l’essere pronto e la padronanza, ma lascia che ti ricordi che il tempo e lo spazio sono sotto il mio controllo.

VIII. The Meaning of the Last Judgment
T-2.VIII.1. One of the ways in which you can correct the magic-miracle confusion is to remember that you did not create yourself. You are apt to forget this when you become egocentric, and this puts you in a position where a belief in magic is virtually inevitable. Your will to create was given you by your Creator, Who was expressing the same Will in His creation. Since creative ability rests in the mind, everything you create is necessarily a matter of will. It also follows that whatever you alone make is real in your own sight, though not in the Mind of God. This basic distinction leads directly into the real meaning of the Last Judgment.

T-2.VIII.2. The Last Judgment is one of the most threatening ideas in your thinking. This is because you do not understand it. Judgment is not an attribute of God. It was brought into being only after the separation, when it became one of the many learning devices to be built into the overall plan. Just as the separation occurred over millions of years, the Last Judgment will extend over a similarly long period, and perhaps an even longer one. Its length can, however, be greatly shortened by miracles, the device for shortening but not abolishing time. If a sufficient number become truly miracle-minded, this shortening process can be virtually immeasurable. It is essential, however, that you free yourself from fear quickly, because you must emerge from the conflict if you are to bring peace to other minds.

T-2.VIII.3. The Last Judgment is generally thought of as a procedure undertaken by God. Actually it will be undertaken by my brothers with my help. It is a final healing rather than a meting out of punishment, however much you may think that punishment is deserved. Punishment is a concept totally opposed to right-mindedness, and the aim of the Last Judgment is to restore right-mindedness to you. The Last Judgment might be called a process of right evaluation. It simply means that everyone will finally come to understand what is worthy and what is not. After this, the ability to choose can be directed rationally. Until this distinction is made, however, the vacillations between free and imprisoned will cannot but continue.

T-2.VIII.4. The first step toward freedom involves a sorting out of the false from the true. This is a process of separation in the constructive sense, and reflects the true meaning of the Apocalypse. Everyone will ultimately look upon his own creations and choose to preserve only what is good, just as God Himself looked upon what He had created and knew that it was good. At this point, the mind can begin to look with love on its own creations because of their worthiness. At the same time the mind will inevitably disown its miscreations which, without belief, will no longer exist.

T-2.VIII.5. The term “Last Judgment” is frightening not only because it has been projected onto God, but also because of the association of “last” with death. This is an outstanding example of upside-down perception. If the meaning of the Last Judgment is objectively examined, it is quite apparent that it is really the doorway to life. No one who lives in fear is really alive. Your own last judgment cannot be directed toward yourself, because you are not your own creation. You can, however, apply it meaningfully and at any time to everything you have made, and retain in your memory only what is creative and good. This is what your right-mindedness cannot but dictate. The purpose of time is solely to “give you time” to achieve this judgment. It is your own perfect judgment of your own perfect creations. When everything you retain is lovable, there is no reason for fear to remain with you. This is your part in the Atonement.

VIII. Il significato del Giudizio Universale
1. Uno dei modi in cui puoi correggere la confusione tra magia e miracolo è ricordare che non hai creato te stesso. 2Sei propenso a dimenticartene quando diventi egocentrico, e questo ti mette nella posizione in cui credere nella magia è virtualmente inevitabile. 3La tua volontà di creare ti è stata data dal tuo Creatore, Che esprimeva la stessa volontà nella Sua creazione. 4Poiché la capacità creativa risiede nella mente, tutto ciò che crei è necessariamente una questione di volontà. 5Ne consegue anche che qualsiasi cosa tu faccia da solo è reale alla tua vista, anche se non nella Mente di Dio. 6Questa distinzione di base porta direttamente al significato reale del Giudizio Universale.

2. Il Giudizio Universale è una delle più minacciose idee del tuo modo di pensare. 2Ciò avviene perché tu non lo capisci. 3Il giudizio non è un attributo di Dio. 4È stato posto in essere solo dopo la separazione, quando è diventato uno dei molti strumenti di apprendimento da costruirsi nel piano generale. 5Proprio come la separazione è avvenuta nel corso di milioni di anni, così il Giudizio Universale si estenderà per un periodo ugualmente lungo, e forse anche più lungo. 6La sua lunghezza può, tuttavia, essere accorciata moltissimo dai miracoli, strumenti per abbreviare ma non abolire il tempo. 7Se un numero sufficiente di persone diventa davvero mentalmente disposto al miracolo, questo processo di abbreviazione può essere virtualmente incalcolabile. 8È essenziale, tuttavia, che tu ti liberi rapidamente dalla paura, poiché devi emergere dal conflitto se devi portare la pace alle altre menti.

3. Generalmente si pensa al Giudizio Universale come ad un procedimento intrapreso da Dio. 2In realtà esso verrà intrapreso dai miei fratelli con il mio aiuto. 3È una guarigione finale piuttosto che l’assegnazione di una punizione, non importa quanto tu possa pensare che la punizione sia meritata. 4La punizione è un concetto totalmente opposto all’essere nella mente corretta, e lo scopo del Giudizio Universale è di ripristinarti alla mente corretta. 5Il Giudizio Universale potrebbe essere chiamato processo di giusta valutazione. 6Significa semplicemente che tutti finalmente arriveranno a capire ciò che ha valore e ciò che non ne ha. 7Dopo di ciò, la capacità di scegliere potrà essere guidata razionalmente. 8Fintanto che questa distinzione non verrà fatta, tuttavia, il vacillare fra una volontà libera e una imprigionata non potrà che continuare.

4. Il primo passo verso la libertà implica discernere il falso dal vero. 2Questo è un processo di separazione in senso costruttivo e riflette il vero significato dell’Apocalisse. 3Ognuno, alla fine, vedrà le proprie creazioni e sceglierà di conservare solo ciò che è buono, proprio come Dio Stesso vide quanto aveva creato e seppe che era cosa molto buona. 4A questo punto, la mente può cominciare a guardare con amore le sue creazioni a causa del loro valore. 5Nello stesso tempo la mente inevitabilmente si disapproprierà delle sue malcreazioni che, non essendo più credute, non esisteranno più.

5. Il termine “Giudizio Universale” terrorizza non solo perché è stato proiettato su Dio, ma anche a causa dell’associazione di universale, inteso come “ultimo”, con la morte. 2Questo è un esempio lampante di percezione capovolta. 3Se il significato di Giudizio Universale viene esaminato obiettivamente, è abbastanza evidente che è realmente la porta di accesso alla vita. 4Nessuno di coloro che vivono nella paura è realmente vivo. 5Il tuo personale giudizio universale non può essere diretto verso te stesso, poiché tu non sei una tua creazione. 6Puoi tuttavia applicarlo significativamente e in qualsiasi momento a qualsiasi cosa tu abbia fatto, e conservare nella tua memoria solo ciò che è creativo e buono. 7Questo è ciò che non può che dettare il tuo essere nella mente corretta. 8Lo scopo del tempo è solamente “di darti tempo” per raggiungere questo giudizio. 9È il tuo giudizio perfetto delle tue creazioni perfette. 10Quando tutto ciò che conservi è amorevole non c’è ragione che la paura resti con te. 11Questa è la tua parte nella Riconciliazione.

Chapter 3. The innocent perpection - Capitolo 3. La percezione innocente

I. Atonement without Sacrifice
T-3.I.1. A further point must be perfectly clear before any residual fear still associated with miracles can disappear. The crucifixion did not establish the Atonement; the resurrection did. Many sincere Christians have misunderstood this. No one who is free of the belief in scarcity could possibly make this mistake. If the crucifixion is seen from an upside-down point of view, it does appear as if God permitted and even encouraged one of His Sons to suffer because he was good. This particularly unfortunate interpretation, which arose out of projection, has led many people to be bitterly afraid of God. Such anti-religious concepts enter into many religions. Yet the real Christian should pause and ask, “How could this be?”Is it likely that God Himself would be capable of the kind of thinking which His Own words have clearly stated is unworthy of His Son?

T-3.I.2. The best defense, as always, is not to attack another’s position, but rather to protect the truth. It is unwise to accept any concept if you have to invert a whole frame of reference in order to justify it. This procedure is painful in its minor applications and genuinely tragic on a wider scale. Persecution frequently results in an attempt to “justify”the terrible misperception that God Himself persecuted His Own Son on behalf of salvation. The very words are meaningless. It has been particularly difficult to overcome this because, although the error itself is no harder to correct than any other, many have been unwilling to give it up in view of its prominent value as a defense. In milder forms a parent says, “This hurts me more than it hurts you, ”and feels exonerated in beating a child. Can you believe our Father really thinks this way? It is so essential that all such thinking be dispelled that we must be sure that nothing of this kind remains in your mind. I was not “punished”because you were bad. The wholly benign lesson the Atonement teaches is lost if it is tainted with this kind of distortion in any form.

T-3.I.3. The statement “Vengeance is mine, saith the Lord”is a misperception by which one assigns his own “evil”past to God. The “evil”past has nothing to do with God. He did not create it and He does not maintain it. God does not believe in retribution. His Mind does not create that way. He does not hold your “evil”deeds against you. Is it likely that He would hold them against me? Be very sure that you recognize how utterly impossible this assumption is, and how entirely it arises from projection. This kind of error is responsible for a host of related errors, including the belief that God rejected Adam and forced him out of the Garden of Eden. It is also why you may believe from time to time that I am misdirecting you. I have made every effort to use words that are almost impossible to distort, but it is always possible to twist symbols around if you wish.

T-3.I.4. Sacrifice is a notion totally unknown to God. It arises solely from fear, and frightened people can be vicious. Sacrificing in any way is a violation of my injunction that you should be merciful even as your Father in Heaven is merciful. It has been hard for many Christians to realize that this applies to themselves. Good teachers never terrorize their students. To terrorize is to attack, and this results in rejection of what the teacher offers. The result is learning failure.

T-3.I.5. I have been correctly referred to as “the lamb of God who taketh away the sins of the world,”but those who represent the lamb as blood-stained do not understand the meaning of the symbol. Correctly understood, it is a very simple symbol that speaks of my innocence. The lion and the lamb lying down together symbolize that strength and innocence are not in conflict, but naturally live in peace. “Blessed are the pure in heart for they shall see God”is another way of saying the same thing. A pure mind knows the truth and this is its strength. It does not confuse destruction with innocence because it associates innocence with strength, not with weakness.

T-3.I.6. Innocence is incapable of sacrificing anything, because the innocent mind has everything and strives only to protect its wholeness. It cannot project. It can only honor other minds, because honor is the natural greeting of the truly loved to others who are like them. The lamb “taketh away the sins of the world”in the sense that the state of innocence, or grace, is one in which the meaning of the Atonement is perfectly apparent. The Atonement is entirely unambiguous. It is perfectly clear because it exists in light. Only the attempts to shroud it in darkness have made it inaccessible to those who do not choose to see.

T-3.I.7. The Atonement itself radiates nothing but truth. It therefore epitomizes harmlessness and sheds only blessing. It could not do this if it arose from anything but perfect innocence. Innocence is wisdom because it is unaware of evil, and evil does not exist. It is, however, perfectly aware of everything that is true. The resurrection demonstrated that nothing can destroy truth. Good can withstand any form of evil, as light abolishes forms of darkness. The Atonement is therefore the perfect lesson. It is the final demonstration that all the other lessons I taught are true. If you can accept this one generalization now, there will be no need to learn from many smaller lessons. You are released from all errors if you believe this.

T-3.I.8. The innocence of God is the true state of the mind of His Son. In this state your mind knows God, for God is not symbolic; He is Fact. Knowing His Son as he is, you realize that the Atonement, not sacrifice, is the only appropriate gift for God’s altar, where nothing except perfection belongs. The understanding of the innocent is truth. That is why their altars are truly radiant.

I. La Riconciliazione senza sacrificio
1. Un altro punto deve essere perfettamente chiaro prima che possa svanire ogni residua paura ancora associata ai miracoli. 2Non fu la crocifissione a determinare la Riparazione, ma la resurrezione. 3Molti Cristiani sinceri hanno frainteso ciò. 4Chiunque si sia liberato dalla propria credenza nella scarsità non può in alcun modo fare questo sbaglio. 5Se la crocifissione viene considerata da un punto di vista capovolto, sembra che Dio abbia permesso e addirittura incoraggiato a soffrire uno dei suoi Figli perché era buono. 6Questa interpretazione particolarmente infelice, emersa dalla proiezione, ha portato molte persone ad avere amaramente paura di Dio. 7Simili concetti antireligiosi fanno parte di molte religioni. 8Eppure il vero Cristiano dovrebbe fermarsi un attimo e chiedersi “com’è possibile”? 9È forse verosimile che Dio Stesso sarebbe capace di pensare in modo tale che le Sue Stesse parole avessero chiaramente stabilito essere indegno di Suo Figlio?

2. La miglior difesa, come sempre, non è l’attacco alla posizione altrui, ma piuttosto la salvaguardia della verità. 2Non è saggio accettare qualsiasi concetto se per giustificarlo devi capovolgere una intera struttura di riferimento. 3Questo modo di procedere è doloroso nelle sue applicazioni minori, ma è autenticamente tragico se applicato su più ampia scala. 4La persecuzione è spesso il risultato del tentativo di “giustificare” il terribile concetto errato che Dio Stesso abbia perseguitato il Suo Stesso Figlio ai fini della salvezza. 5Le parole stesse sono senza senso. 6Questo è stato particolarmente difficile da superare perché, sebbene l’errore stesso non sia più difficile da correggere di qualunque altro, molti non sono stati disposti a rinunciarvi, in vista del suo notevole valore come difesa. 7In una forma più blanda il genitore dice “questo fa male più a me che a te”: e si sente giustificato nel percuotere un bambino. 8Puoi credere che nostro Padre la pensi realmente così? 9È talmente essenziale che ogni simile modo di pensare sia eliminato, che dobbiamo essere sicuri che nulla di questo genere rimanga nella tua mente. 10Io non sono stato “punito” perché tu sei stato cattivo. 11La lezione totalmente benevola che la Riconciliazione  insegna viene persa se contaminata da questo genere di distorsione, qualunque ne sia la forma.

3. La frase “mia sarà la vendetta, dice il Signore” è una percezione malpercepita con la quale si attribuisce il proprio “cattivo” passato a Dio. 2Il “cattivo” passato non ha nulla a che vedere con Dio. 3Egli non lo ha creato e non lo sostiene. 4Dio non crede nel castigo. 5La sua mente non crea in questo modo. 6Egli non ti colpevolizza per le tue azioni “cattive”. 7È possibile che Egli possa colpevolizzare me? 8Sii assolutamente certo di riconoscere come questa ipotesi sia del tutto impossibile e come essa derivi interamente dalla proiezione. 9Questo tipo di errore è responsabile di una moltitudine di errori correlati, compreso il credere che Dio ripudiò Adamo e lo cacciò fuori dal Giardino dell’Eden. 10Ed è anche per questo che puoi credere che di tanto in tanto io ti stia indirizzando male. 11Ho fatto ogni sforzo per usare parole che sia quasi impossibile travisare, ma è sempre possibile travisare i simboli, se proprio lo desideri.

4. Il sacrificio è una nozione totalmente sconosciuta a Dio. 2Esso deriva solamente dalla paura e chi è terrorizzato può diventare malvagio. 3Qualsiasi forma di sacrificio è una violazione della mia ingiunzione ad essere misericordioso com’è misericordioso il Padre tuo in Cielo. 4È stato assai duro per molti Cristiani rendersi conto che ciò si applica a loro stessi. 5I buoni insegnanti non terrorizzano mai i loro studenti. 6Terrorizzare è attaccare e ne consegue il rifiuto di ciò che viene offerto dall’insegnante. 7Il risultato è il fallimento dell’apprendimento.

5. Ci si è riferiti correttamente a me come a: “L’agnello di Dio che toglie i peccati del mondo”, ma coloro che raffigurano l’agnello macchiato di sangue non comprendono il significato del simbolo. 2Compreso correttamente, è un simbolo molto semplice che parla della mia innocenza. 3Il leone e l’agnello sdraiati insieme stanno a simboleggiare che forza e innocenza non sono in conflitto, ma convivono spontaneamente in pace. 4“Beati i puri di cuore perché vedranno Dio” è un altro modo per dire la stessa cosa. 5Una mente pura conosce la verità e questa è la sua forza. 6Non confonde la distruzione con l’innocenza perché associa l’innocenza con la forza e non con la debolezza.

6. L’innocenza è incapace di sacrificare qualsiasi cosa, perché la mente innocente ha tutto e cerca solo di proteggere la propria interezza. 2Essa non può proiettare. 3Può solo onorare le altre menti, perché l’onore è il saluto naturale di chi è veramente amato nei confronti dei propri simili. 4L’agnello “toglie i peccati del mondo” nel senso che lo stato di innocenza, o grazia, è quello in cui il significato della Riconciliazione è perfettamente evidente. 5La Riconciliazione non è per niente ambigua. 6Essa è perfettamente chiara perché vive nella luce. 7Solo i tentativi di avvolgerla nell’oscurità l’hanno resa inaccessibile a coloro che non scelgono di vedere.

7. La Riconciliazione stessa non irradia altro che la verità. 2Si sintetizza perciò nell’innocuità e diffonde solo benedizioni. 3Non potrebbe farlo se nascesse da qualcos’altro che non fosse perfetta innocenza. 4L’innocenza è saggezza perché è inconsapevole del male e il male non esiste. 5Essa è comunque perfettamente consapevole di tutto ciò che è vero. 6La resurrezione ha dimostrato che nulla può distruggere la verità. 7Il bene può resistere ad ogni forma di male allo stesso modo con cui la luce elimina ogni forma di oscurità. 8La Riconciliazione è perciò la lezione perfetta. 9È la definitiva dimostrazione che sono vere tutte le altre lezioni che ho insegnato. 10Se puoi accettare quest’unica generalizzazione adesso, non avrai bisogno d’imparare da molte lezioni minori. 11Se credi in ciò ti sei liberato da tutti gli errori.

8. L’innocenza di Dio è il vero stato della mente di Suo Figlio. 2In questo stato la tua mente conosce Dio perché Dio non è simbolico: Egli è un Fatto. 3Conoscendo Suo Figlio così com’è, ti rendi conto che la Riconciliazione, non il sacrificio, è l’unico dono adatto all’altare di Dio, a cui non appartiene altro che la perfezione. 4Il modo di comprendere degli innocenti è verità. 5È per questo che i loro altari sono veramente radiosi.

II. Miracles as True Perception
T-3.II.1. I have stated that the basic concepts referred to in this course are not matters of degree. Certain fundamental concepts cannot be understood in terms of opposites. It is impossible to conceive of light and darkness or everything and nothing as joint possibilities. They are all true or all false. It is essential that you realize your thinking will be erratic until a firm commitment to one or the other is made. A firm commitment to darkness or nothingness, however, is impossible. No one has ever lived who has not experienced some light and some thing. No one, therefore, is able to deny truth totally, even if he thinks he can.

T-3.II.2. Innocence is not a partial attribute. It is not real until it is total. The partly innocent are apt to be quite foolish at times. It is not until their innocence becomes a viewpoint with universal application that it becomes wisdom. Innocent or true perception means that you never misperceive and always see truly. More simply, it means that you never see what does not exist, and always see what does.

T-3.II.3. When you lack confidence in what someone will do, you are attesting to your belief that he is not in his right mind. This is hardly a miracle-based frame of reference. It also has the disastrous effect of denying the power of the miracle. The miracle perceives everything as it is. If nothing but the truth exists, right-minded seeing cannot see anything but perfection. I have said that only what God creates or what you create with the same Will has any real existence. This, then, is all the innocent can see. They do not suffer from distorted perception.

T-3.II.4. You are afraid of God’s Will because you have used your own mind, which He created in the likeness of His Own, to miscreate. The mind can miscreate only when it believes it is not free. An “imprisoned”mind is not free because it is possessed, or held back, by itself. It is therefore limited, and the will is not free to assert itself. To be one is to be of one mind or will. When the Will of the Sonship and the Father are One, their perfect accord is Heaven.

T-3.II.5. Nothing can prevail against a Son of God who commends his spirit into the Hands of his Father. By doing this the mind awakens from its sleep and remembers its Creator. All sense of separation disappears. The Son of God is part of the Holy Trinity, but the Trinity Itself is One. There is no confusion within Its Levels, because They are of one Mind and one Will. This single purpose creates perfect integration and establishes the peace of God. Yet this vision can be perceived only by the truly innocent. Because their hearts are pure, the innocent defend true perception instead of defending themselves against it. Understanding the lesson of the Atonement they are without the wish to attack, and therefore they see truly. This is what the Bible means when it says, “When he shall appear (or be perceived) we shall be like him, for we shall see him as he is.”

T-3.II.6. The way to correct distortions is to withdraw your faith in them and invest it only in what is true. You cannot make untruth true. If you are willing to accept what is true in everything you perceive, you let it be true for you. Truth overcomes all error, and those who live in error and emptiness can never find lasting solace. If you perceive truly you are cancelling out misperceptions in yourself and in others simultaneously. Because you see them as they are, you offer them your acceptance of their truth so they can accept it for themselves. This is the healing that the miracle induces.

II. Miracoli come vera percezione
1. Ho detto che i concetti base a cui ci si riferisce in questo corso non sono questione di grado. 2Certi concetti fondamentali non possono essere compresi in termini di opposti. 3È impossibile concepire luce e oscurità o tutto e niente come possibilità congiunte. 4Sono completamente vere o completamente false. 5È essenziale che tu ti renda conto che il tuo pensiero sarà erratico finché non prenderai un fermo impegno verso l’una o l’altra. 6Un fermo impegno verso l’oscurità, o il nulla, è comunque impossibile. 7Non è mai vissuto nessuno che non abbia fatto esperienza di un po’ di luce o di qualcosa. 8Nessuno, quindi, è in grado di negare totalmente la verità, anche se pensa di poterlo fare.

2. L’innocenza non è un attributo parziale. 2Non è reale finché non è totale. 3Coloro che sono parzialmente innocenti tendono ad essere piuttosto sciocchi a volte. 4È solo quando la loro innocenza diventa un punto di vista applicato universalmente che diventa saggezza. 5Percezione innocente, o vera, significa che non percepisci mai erroneamente e che vedi sempre in modo veritiero. 6Più semplicemente significa che non vedi mai ciò che non esiste e vedi sempre ciò che esiste.

3. Quando non hai fiducia in ciò che qualcuno farà, stai affermando che credi che egli non sia nella sua mente corretta. 2Questa non è affatto una struttura di riferimento basata sul miracolo. 3Ha anche l’effetto disastroso di negare il potere del miracolo. 4Il miracolo percepisce ogni cosa com’è. 5Se non esiste altro che la verità, il vedere basato sulla mente corretta non può vedere altro che perfezione. 6Ho detto che solo ciò che Dio crea, o che tu crei con la stessa Volontà, ha una esistenza reale. 7Questo, quindi, è tutto ciò che gli innocenti possono vedere. 8Essi non soffrono di percezione distorta.

4. Tu hai paura della Volontà di Dio perché hai usato la tua mente, che Egli ha creato a somiglianza della Sua, per mal creare. 2La mente può mal creare solo quando crede di non essere libera. 3Una mente “imprigionata” non è libera perché è posseduta, o trattenuta, da se stessa. 4È quindi limitata, e la volontà non è libera di affermare se stessa. 5Essere uno è essere di una unica mente o volontà 6Quando la Volontà della Figliolanza e del Padre sono una, il loro perfetto accordo è il Cielo.

5. Nulla può prevalere contro un Figlio di Dio che affida il proprio spirito nelle Mani di suo Padre. 2Facendo questo la mente si risveglia dal suo sonno e ricorda il suo Creatore. 3Ogni senso di separazione scompare. 4Il Figlio di Dio è parte della Santa Trinità, ma la Trinità Stessa è una. 5Non c’è confusione all’interno dei Suoi Livelli, perché Essi sono di una sola Mente e di una sola Volontà. 6Questo singolo scopo crea perfetta integrazione e stabilisce la pace di Dio. 7Ma questa visione può essere percepita solo da chi è veramente innocente. 8Siccome i loro cuori sono puri, gli innocenti difendono la vera percezione invece di difendersi contro di essa. 9Siccome comprendono la lezione della Riconciliazione sono privi del desiderio di attaccare, e quindi vedono veritieramente. 10Questo è ciò che la Bibbia intende quando dice: “Quando egli si sarà manifestato (o sarà percepito) noi saremo simili a lui, perché lo vedremo così come egli è”.

6. Il modo per correggere le distorsioni è ritirare la tua fede in esse e investirla solo in ciò che è vero. 2Non puoi rendere vero ciò che non lo è. 3Se sei disposto ad accettare ciò che è vero in ogni cosa che percepisci, gli permetterai di essere vero per te. 4La verità sconfigge ogni errore, e coloro che vivono nell’errore e nel vuoto non possono mai trovare conforto duraturo. 5Se percepisci veritieramente cancelli le percezioni errate in te stesso e negli altri simultaneamente. 6Siccome li vedi come sono, offri loro la tua accettazione della loro verità così che la possano accettare per se stessi. 7Questa è la guarigione indotta dal miracolo.

III. Perception versus Knowledge
T-3.III.1. We have been emphasizing perception, and have said very little about knowledge as yet. This is because perception must be straightened out before you can know anything. To know is to be certain. Uncertainty means that you do not know. Knowledge is power because it is certain, and certainty is strength. Perception is temporary. As an attribute of the belief in space and time, it is subject to either fear or love. Misperceptions produce fear and true perceptions foster love, but neither brings certainty because all perception varies. That is why it is not knowledge. True perception is the basis for knowledge, but knowing is the affirmation of truth and beyond all perceptions.

T-3.III.2. All your difficulties stem from the fact that you do not recognize yourself, your brother or God. To recognize means to “know again,”implying that you knew before. You can see in many ways because perception involves interpretation, and this means that it is not whole or consistent. The miracle, being a way of perceiving, is not knowledge. It is the right answer to a question, but you do not question when you know. Questioning illusions is the first step in undoing them. The miracle, or the right answer, corrects them. Since perceptions change, their dependence on time is obvious. How you perceive at any given time determines what you do, and actions must occur in time. Knowledge is timeless, because certainty is not questionable. You know when you have ceased to ask questions.

T-3.III.3. The questioning mind perceives itself in time, and therefore looks for future answers. The closed mind believes the future and the present will be the same. This establishes a seemingly stable state that is usually an attempt to counteract an underlying fear that the future will be worse than the present. This fear inhibits the tendency to question at all.

T-3.III.4. True vision is the natural perception of spiritual sight, but it is still a correction rather than a fact. Spiritual sight is symbolic, and therefore not a device for knowing. It is, however, a means of right perception, which brings it into the proper domain of the miracle. A “vision of God”would be a miracle rather than a revelation. The fact that perception is involved at all removes the experience from the realm of knowledge. That is why visions, however holy, do not last.

T-3.III.5. The Bible tells you to know yourself, or to be certain. Certainty is always of God. When you love someone you have perceived him as he is, and this makes it possible for you to know him. Until you first perceive him as he is you cannot know him. While you ask questions about him you are clearly implying that you do not know God. Certainty does not require action. When you say you are acting on the basis of knowledge, you are really confusing knowledge with perception. Knowledge provides the strength for creative thinking, but not for right doing. Perception, miracles and doing are closely related. Knowledge is the result of revelation and induces only thought. Even in its most spiritualized form perception involves the body. Knowledge comes from the altar within and is timeless because it is certain. To perceive the truth is not the same as to know it.

T-3.III.6. Right perception is necessary before God can communicate directly to His altars, which He established in His Sons. There He can communicate His certainty, and His knowledge will bring peace without question. God is not a stranger to His Sons, and His Sons are not strangers to each other. Knowledge preceded both perception and time, and will ultimately replace them. That is the real meaning of “Alpha and Omega, the beginning and the end,”and “Before Abraham was I am.”Perception can and must be stabilized, but knowledge is stable. “Fear God and keep His commandments”becomes “Know God and accept His certainty.”

T-3.III.7. If you attack error in another, you will hurt yourself. You cannot know your brother when you attack him. Attack is always made upon a stranger. You are making him a stranger by misperceiving him, and so you cannot know him. It is because you have made him a stranger that you are afraid of him. Perceive him correctly so that you can know him. There are no strangers in God’s creation. To create as He created you can create only what you know, and therefore accept as yours. God knows His children with perfect certainty. He created them by knowing them. He recognizes them perfectly. When they do not recognize each other, they do not recognize Him.

III. Percezione contrapposta a conoscenza
1. Abbiamo dato enfasi alla percezione e per ora abbiamo detto molto poco della conoscenza. 2Il motivo è che prima che tu possa conoscere qualcosa deve essere rimessa in ordine la percezione. 3Conoscere è essere certi. 4Incertezza significa che non conosci. 5La conoscenza è potere perché è certa, e la certezza è forza. 6La percezione è temporanea. 7Come attributo del credere nello spazio e nel tempo, è soggetta alla paura o all’amore. 8Le percezioni errate producono paura e le percezioni vere alimentano l’amore, ma né le une né le altre danno certezza perché ogni percezione varia. 9Questo è il motivo per cui non è conoscenza. 10La vera percezione è la base della conoscenza, ma conoscere è affermare la verità ed è al di là di ogni percezione.

2. Tutte le tue difficoltà derivano dal fatto che non riconosci te stesso, tuo fratello o Dio. 2Riconoscere significa “conoscere di nuovo” e implica che in precedenza conoscevi. 3Puoi vedere in molti modi perché la percezione implica interpretazione, e questo significa che essa non è completa o coerente. 4Il miracolo, essendo un modo di percepire, non è conoscenza. 5È la giusta risposta a una domanda, ma quando si ha la conoscenza non si fanno domande. 6Mettere in discussione le illusioni è il primo passo nel disfarle. 7Il miracolo, o la risposta corretta, le corregge. 8Dato che le percezioni cambiano, la loro dipendenza dal tempo è ovvia. 9Il modo in cui percepisci in un dato momento determina ciò che fai, e le azioni devono avvenire nel tempo. 10La conoscenza è senza tempo, perché la certezza non si può mettere in dubbio. 11Hai la conoscenza quando hai smesso di fare domande.

3. La mente che fa domande si percepisce nel tempo e quindi cerca risposte future. 2La mente chiusa crede che il futuro e il presente siano uguali. 3Questo stabilisce uno stato apparentemente stabile che di solito è un tentativo di neutralizzare la paura sottostante secondo cui il futuro sarà peggiore del presente. 4Questa paura inibisce del tutto la tendenza a dubitare.

4. La vera visione è la percezione naturale della vista spirituale, ma è ancora una correzione piuttosto che un fatto. 2La vista spirituale è simbolica, e quindi non è uno strumento per conoscere. 3È, comunque, un mezzo di percezione corretta, che la porta nel vero e proprio regno del miracolo. 4Una “visione di Dio” sarebbe un miracolo piuttosto che una rivelazione. 4Il fatto che sia in qualche modo implicata la percezione, toglie l’esperienza dal regno della conoscenza. 6Questo è il motivo per cui le visioni, per quanto sante, non durano.

5. La Bibbia ti dice di conoscere te stesso, o di essere certo. 2La certezza è sempre di Dio. 3Quando ami qualcuno lo hai percepito com’è, e questo ti rende possibile conoscerlo. 4Finché prima non lo percepisci com’è non puoi conoscerlo. 5Mentre metti in dubbio chi lui sia stai chiaramente implicando che non conosci Dio. 6La certezza non richiede azione. 7Quando dici che stai agendo in base alla conoscenza, stai in realtà confondendo la conoscenza con la percezione. 8La conoscenza fornisce la forza di pensare creativamente, ma non di agire correttamente. 9La percezione, i miracoli e l’agire sono strettamente correlati. 10La conoscenza è il risultato della rivelazione e induce solo pensiero. 11Perfino nella sua forma più spiritualizzata la percezione implica il corpo. 12La conoscenza viene dall’altare interiore ed è senza tempo perché è certa. 13Percepire la verità non è la stessa cosa di conoscerla.

6. Prima che Dio possa comunicare direttamente coi Suoi altari, che Egli ha stabilito nei Suoi Figli, è necessaria la corretta percezione. 2Lì Egli può comunicare la Sua certezza, e la Sua conoscenza porterà una pace senza dubbi. 3Dio non è uno straniero ai Suoi Figli, e i Suoi Figli non sono stranieri l’uno per l’altro. 4La conoscenza veniva prima sia della percezione che del tempo, e alla fine li rimpiazzerà. 5Questo è il vero significato di “Alfa e Omega, il principio e la fine” e di “prima che Abramo fosse, Io Sono”. 6La percezione può e deve essere stabilizzata, ma la conoscenza è stabile. 7“Temi Dio e osserva i Suoi comandamenti” diventa “conosci Dio e accetta la Sua certezza”.

7. Se attacchi l’errore in un altro, ferirai te stesso. 2Non puoi conoscere tuo fratello quando lo attacchi. 3L’attacco è sempre rivolto a uno straniero. 4Lo stai rendendo uno straniero percependolo erroneamente, e così non lo puoi conoscere. 5È a causa del fatto che ne hai fatto uno straniero che hai paura di lui. 6Percepiscilo correttamente, così che tu lo possa conoscere. 7Non ci sono stranieri nella creazione di Dio. 8Per creare come Egli ha creato puoi creare solo ciò che conosci, e che quindi accetti come tuo. 9Dio conosce i suoi bambini con perfetta certezza. 10Li ha creati conoscendoli. 11Li riconosce perfettamente. 12Quando essi non si riconoscono l’un l’altro, non Lo riconoscono.

IV. Error and the Ego
T-3.IV.1. The abilities you now possess are only shadows of your real strength. All of your present functions are divided and open to question and doubt. This is because you are not certain how you will use them, and are therefore incapable of knowledge. You are also incapable of knowledge because you can still perceive lovelessly. Perception did not exist until the separation introduced degrees, aspects and intervals. Spirit has no levels, and all conflict arises from the concept of levels. Only the Levels of the Trinity are capable of unity. The levels created by the separation cannot but conflict. This is because they are meaningless to each other.

T-3.IV.2. Consciousness, the level of perception, was the first split introduced into the mind after the separation, making the mind a perceiver rather than a creator. Consciousness is correctly identified as the domain of the ego. The ego is a wrong-minded attempt to perceive yourself as you wish to be, rather than as you are. Yet you can know yourself only as you are, because that is all you can be sure of. Everything else is open to question.

T-3.IV.3. The ego is the questioning aspect of the post-separation self, which was made rather than created. It is capable of asking questions but not of perceiving meaningful answers, because these would involve knowledge and cannot be perceived. The mind is therefore confused, because only One-mindedness can be without confusion. A separated or divided mind must be confused. It is necessarily uncertain about what it is. It has to be in conflict because it is out of accord with itself. This makes its aspects strangers to each other, and this is the essence of the fear-prone condition, in which attack is always possible. You have every reason to feel afraid as you perceive yourself. This is why you cannot escape from fear until you realize that you did not and could not create yourself. You can never make your misperceptions true, and your creation is beyond your own error. That is why you must eventually choose to heal the separation.

T-3.IV.4. Right-mindedness is not to be confused with the knowing mind, because it is applicable only to right perception. You can be right-minded or wrong-minded, and even this is subject to degrees, clearly demonstrating that knowledge is not involved. The term “right-mindedness”is properly used as the correction for “wrong-mindedness,”and applies to the state of mind that induces accurate perception. It is miracle-minded because it heals misperception, and this is indeed a miracle in view of how you perceive yourself.

T-3.IV.5. Perception always involves some misuse of mind, because it brings the mind into areas of uncertainty. The mind is very active. When it chooses to be separated it chooses to perceive. Until then it wills only to know. Afterwards it can only choose ambiguously, and the only way out of ambiguity is clear perception. The mind returns to its proper function only when it wills to know. This places it in the service of spirit, where perception is changed. The mind chooses to divide itself when it chooses to make its own levels. But it could not entirely separate itself from spirit, because it is from spirit that it derives its whole power to make or create. Even in miscreation the mind is affirming its Source, or it would merely cease to be. This is impossible, because the mind belongs to spirit which God created and which is therefore eternal.

T-3.IV.6. The ability to perceive made the body possible, because you must perceive something and with something. That is why perception involves an exchange or translation, which knowledge does not need. The interpretative function of perception, a distorted form of creation, then permits you to interpret the body as yourself in an attempt to escape from the conflict you have induced. Spirit, which knows, could not be reconciled with this loss of power, because it is incapable of darkness. This makes spirit almost inaccessible to the mind and entirely inaccessible to the body. Thereafter, spirit is perceived as a threat, because light abolishes darkness merely by showing you it is not there. Truth will always overcome error in this way. This cannot be an active process of correction because, as I have already emphasized, knowledge does not do anything. It can be perceived as an attacker, but it cannot attack. What you perceive as its attack is your own vague recognition that knowledge can always be remembered, never having been destroyed.

T-3.IV.7. God and His creations remain in surety, and therefore know that no miscreation exists. Truth cannot deal with errors that you want. I was a man who remembered spirit and its knowledge. As a man I did not attempt to counteract error with knowledge, but to correct error from the bottom up. I demonstrated both the powerlessness of the body and the power of the mind. By uniting my will with that of my Creator, I naturally remembered spirit and its real purpose. I cannot unite your will with God’s for you, but I can erase all misperceptions from your mind if you will bring it under my guidance. Only your misperceptions stand in your way. Without them your choice is certain. Sane perception induces sane choosing. I cannot choose for you, but I can help you make your own right choice. “Many are called but few are chosen” should be, “All are called but few choose to listen.” Therefore, they do not choose right. The “chosen ones” are merely those who choose right sooner. Right minds can do this now, and they will find rest unto their souls. God knows you only in peace, and this is your reality.

IV. L’errore e l’ego
1. Le capacità che ora possiedi sono solo ombre della tua vera forza. 2Tutte le tue funzioni presenti sono divise e aperte alle domande e al dubbio. 3Questo perché non sei certo di come le userai, e sei quindi incapace di conoscenza. 4Sei anche incapace di conoscenza perché puoi ancora percepire senza amore. 5La percezione non esisteva fino a quando la separazione ha introdotto gradi, aspetti e intervalli. 6Lo spirito non ha livelli, e ogni conflitto sorge dal concetto di livelli. 7Solo i Livelli della Trinità sono capaci di unità. 8I livelli creati dalla separazione non possono che essere in conflitto. 9Questo perché sono privi di significato gli uni per gli altri.

2. La coscienza, il livello della percezione, è stata la prima divisione introdotta nella mente dopo la separazione, facendo della mente un percettore invece che un creatore. 2La coscienza è correttamente identificata come il dominio dell’ego. 3L’ego è un tentativo basato sulla mente sbagliata di percepirti come vorresti essere piuttosto che come sei. 4Tuttavia puoi conoscerti solo come sei, perché questo è tutto ciò di cui puoi essere certo. 5Tutto il resto è aperto al dubbio.

3. L’ego è l’aspetto del sé dopo la separazione che dubita, che è stato fatto piuttosto che creato. 2È capace di porre domande ma non di percepire risposte significative, perché queste implicano la conoscenza e non possono essere percepite. 3La mente è quindi confusa, perché solo l’essere nella Mente Una può essere senza confusione. 4Una mente separata o divisa deve essere confusa. 5È necessariamente incerta riguardo a ciò che è. 6Deve essere in conflitto perché non è in accordo con se stessa. 7Questo rende i suoi aspetti estranei l’uno per l’altro, e questa è l’essenza della condizione in cui si è propensi alla paura, nella quale l’attacco è sempre possibile. 8Hai tutte le ragioni di provare paura per come ti percepisci. 9Questo è il motivo per cui non puoi sfuggire alla paura finché non ti rendi conto che non hai creato e non avresti potuto creare te stesso. 10Non potrai mai rendere vere le tue percezioni errate, e le tue creazioni sono al di là del tuo stesso errore. 11Ecco perché alla fine devi scegliere di guarire la separazione.

4. L’essere nella mente corretta non deve essere confuso con la mente che conosce, perché è applicabile solo alla percezione corretta. 2Puoi essere nella mente corretta o nella mente sbagliata, e perfino questo è soggetto a gradi, dimostrando chiaramente che non è implicata la conoscenza. 3Il termine “essere nella mente corretta” è usato propriamente come correzione di “essere nella mente sbagliata”, e si applica allo stato della mente che induce una percezione accurata. 4È la mente disposta al miracolo perché guarisce la percezione errata, e questo è davvero un miracolo considerando come ti percepisci.

5. La percezione implica sempre un qualche uso improprio della mente, perché porta la mente in un’area di incertezza. 2La mente è molto attiva. 3Quando sceglie di essere separata, sceglie di percepire. 4Fino a quel momento vuole solo conoscere. 5Dopodiché può solo scegliere ambiguamente, e la sola via d’uscita dall’ambiguità è la percezione chiara. 6La mente ritorna alla sua giusta funzione solo quando vuole conoscere. 7Questo la colloca al servizio dello spirito in cui la percezione è cambiata. 8La mente sceglie di dividersi quando sceglie di fare i propri livelli. 9Ma non può separarsi interamente dallo spirito, perché è dallo spirito che deriva il suo intero potere di fare o di creare. 10Perfino nella mal creazione la mente sta affermando la sua Fonte, o cesserebbe semplicemente di esistere. 11Questo è impossibile, perché la mente appartiene allo spirito che Dio ha creato ed è quindi eterno.

6. La capacità di percepire ha reso possibile il corpo, perché devi percepire qualcosa e con qualcosa. 2Questo è il motivo per cui la percezione implica uno scambio o una traduzione, di cui la conoscenza non ha bisogno. 3La funzione interpretativa della percezione, una forma distorta di creazione, ti permette quindi di interpretare il corpo come te stesso, in un tentativo di sfuggire al conflitto che hai provocato. 4Lo spirito, che conosce, non può essere riconciliato con questa perdita di potere, perché è incapace di oscurità. 5Questo rende lo spirito quasi inaccessibile alla mente e interamente inaccessibile al corpo. 6Dopodiché lo spirito viene percepito come una minaccia, perché la luce abolisce l’oscurità mostrandoti semplicemente che non c’è. 7La verità sconfiggerà sempre l’errore in questo modo. 8Questo non può essere un processo di correzione attivo perché, come ho già sottolineato, la conoscenza non fa niente. 9Può essere percepita come attaccante, ma non può attaccare. 10Ciò che percepisci come suo attacco, è il tuo vago riconoscimento che è sempre possibile ricordare la conoscenza, non essendo mai stata distrutta.

7. Dio e le Sue creazioni rimangono nella certezza, e quindi sanno che non esiste alcuna mal creazione. 2La verità non ha nulla a che fare con gli errori che vuoi. 3Io sono stato un uomo che ha ricordato lo spirito e la sua conoscenza. 4In quanto uomo non ho tentato di contrastare l’errore con la conoscenza, ma di correggere l’errore dal basso verso l’alto. 5Ho dimostrato sia l’impotenza del corpo che il potere della mente. 6Unendo la mia volontà con quella del mio Creatore, ho ricordato naturalmente lo spirito e il suo vero scopo. 7Non posso unire la tua volontà a quella di Dio al posto tuo, ma posso cancellare dalla tua mente tutte le percezioni errate, se le porrai sotto la mia guida. 8Solo le tue percezioni errate ti sbarrano la via. 9Senza di esse la tua scelta è certa. 10Una percezione sana induce una scelta sana. 11Non posso scegliere per te, ma posso aiutarti a fare la tua giusta scelta. 12“Molti sono i chiamati ma pochi gli eletti” dovrebbe essere “tutti sono chiamati ma pochi scelgono di ascoltare”. 13Quindi non scelgono correttamente. 14Gli “eletti” sono semplicemente quelli che scelgono correttamente prima. 15Le menti corrette lo possono fare ora, e troveranno riposo per le loro anime. 16Dio ti conosce solo in pace, e questa è la tua realtà.

V. Beyond Perception
T-3.V.1. I have said that the abilities you possess are only shadows of your real strength, and that perception, which is inherently judgmental, was introduced only after the separation. No one has been sure of anything since. I have also made it clear that the resurrection was the means for the return to knowledge, which was accomplished by the union of my will with the Father’s. We can now establish a distinction that will clarify some of our subsequent statements.

T-3.V.2. Since the separation, the words “create”and “make”have become confused. When you make something, you do so out of a specific sense of lack or need. Anything made for a specific purpose has no true generalizability. When you make something to fill a perceived lack, you are tacitly implying that you believe in separation. The ego has invented many ingenious thought systems for this purpose. None of them is creative. Inventiveness is wasted effort even in its most ingenious form. The highly specific nature of invention is not worthy of the abstract creativity of God’s creations.

T-3.V.3. Knowing, as we have already observed, does not lead to doing. The confusion between your real creation and what you have made of yourself is so profound that it has become literally impossible for you to know anything. Knowledge is always stable, and it is quite evident that you are not. Nevertheless, you are perfectly stable as God created you. In this sense, when your behavior is unstable, you are disagreeing with God’s idea of your creation. You can do this if you choose, but you would hardly want to do it if you were in your right mind.

T-3.V.4. The fundamental question you continually ask yourself cannot properly be directed to yourself at all. You keep asking what it is you are. This implies that the answer is not only one you know, but is also one that is up to you to supply. Yet you cannot perceive yourself correctly. You have no image to be perceived. The word “image”is always perception-related, and not a part of knowledge. Images are symbolic and stand for something else. The idea of “changing your image” recognizes the power of perception, but also implies that there is nothing stable to know.

T-3.V.5. Knowing is not open to interpretation. You may try to “interpret”meaning, but this is always open to error because it refers to the perception of meaning. Such incongruities are the result of attempts to regard yourself as separated and unseparated at the same time. It is impossible to make so fundamental a confusion without increasing your overall confusion still further. Your mind may have become very ingenious, but as always happens when method and content are separated, it is utilized in a futile attempt to escape from an inescapable impasse. Ingenuity is totally divorced from knowledge, because knowledge does not require ingenuity. Ingenious thinking is not the truth that shall set you free, but you are free of the need to engage in it when you are willing to let it go.

T-3.V.6. Prayer is a way of asking for something. It is the medium of miracles. But the only meaningful prayer is for forgiveness, because those who have been forgiven have everything. Once forgiveness has been accepted, prayer in the usual sense becomes utterly meaningless. The prayer for forgiveness is nothing more than a request that you may be able to recognize what you already have. In electing perception instead of knowledge, you placed yourself in a position where you could resemble your Father only by perceiving miraculously. You have lost the knowledge that you yourself are a miracle of God. Creation is your Source and your only real function.

T-3.V.7. The statement “God created man in his own image and likeness” needs reinterpretation. “Image” can be understood as “thought,” and “likeness” as “of a like quality.” God did create spirit in His Own Thought and of a quality like to His Own. There is nothing else. Perception, on the other hand, is impossible without a belief in “more” and “less.” At every level it involves selectivity. Perception is a continual process of accepting and rejecting, organizing and reorganizing, shifting and changing. Evaluation is an essential part of perception, because judgments are necessary in order to select.

T-3.V.8. What happens to perceptions if there are no judgments and nothing but perfect equality? Perception becomes impossible. Truth can only be known. All of it is equally true, and knowing any part of it is to know all of it. Only perception involves partial awareness. Knowledge transcends the laws governing perception, because partial knowledge is impossible. It is all one and has no separate parts. You who are really one with it need but know yourself and your knowledge is complete. To know God’s miracle is to know Him.

T-3.V.9. Forgiveness is the healing of the perception of separation. Correct perception of your brother is necessary, because minds have chosen to see themselves as separate. Spirit knows God completely. That is its miraculous power. The fact that each one has this power completely is a condition entirely alien to the world’s thinking. The world believes that if anyone has everything, there is nothing left. But God’s miracles are as total as His Thoughts because they are His Thoughts.

T-3.V.10. As long as perception lasts prayer has a place. Since perception rests on lack, those who perceive have not totally accepted the Atonement and given themselves over to truth. Perception is based on a separated state, so that anyone who perceives at all needs healing. Communion, not prayer, is the natural state of those who know. God and His miracle are inseparable. How beautiful indeed are the Thoughts of God who live in His light! Your worth is beyond perception because it is beyond doubt. Do not perceive yourself in different lights. Know yourself in the One Light where the miracle that is you is perfectly clear.

V. Al di là della percezione
1. Ho detto che le capacità che possiedi sono solo ombre della tua vera forza, e che la percezione, che è intrinsecamente giudicante, è stata introdotta solo dopo la separazione. 2Da allora nessuno è stato sicuro di niente. 3Ho anche chiarito che la resurrezione è stata il mezzo per ritornare alla conoscenza, ritorno che è stato compiuto con l’unione della mia volontà con quella del Padre. 4Possiamo ora fare una distinzione che farà chiarezza su alcune delle nostre affermazioni successive.

2. Dal momento della separazione le parole “creare” e “fare” sono diventate confuse. 2Quando fai qualcosa, lo fai a causa di un senso specifico di mancanza o bisogno. 3Qualsiasi cosa fatta per uno scopo specifico non può essere veramente generalizzata. 4Quando fai qualcosa per riempire una mancanza che percepisci, stai tacitamente implicando che credi nella separazione. 5L’ego ha inventato, a questo scopo, molti sistemi di pensiero ingegnosi. 6Nessuno di essi è creativo. 7L’inventiva è uno sforzo sprecato perfino nella sua forma più ingegnosa. 8La natura altamente specifica dell’invenzione non è degna della creatività astratta delle creazioni di Dio.

3. La conoscenza, come abbiamo già osservato, non porta a fare. 2La confusione tra la tua vera creazione e ciò che hai fatto di te stesso è così profonda che è diventato letteralmente impossibile per te conoscere alcunché. 3La conoscenza è sempre stabile, ed è piuttosto evidente che tu non lo sei. 4Ciononostante, così come Dio ti ha creato sei perfettamente stabile. 5In questo senso, quando il tuo comportamento è instabile, sei in disaccordo con l’idea di Dio in merito alla tua creazione. 6Se lo scegli puoi farlo, ma se fossi nella tua mente corretta non lo vorresti affatto fare.

4. La domanda fondamentale che ti poni continuamente non può assolutamente essere diretta a te stesso in modo appropriato. 2Continui a chiedere cosa sei. 3Questo implica che la risposta è non solo una risposta che conosci, ma anche che spetta a te fornirla. 4Tuttavia non puoi percepirti correttamente. 5Non hai alcuna immagine da percepire. 6La parola “immagine” è sempre legata alla percezione, e non è parte della conoscenza. 7Le immagini sono simboliche e stanno per qual cos’altro. 8L’idea di “cambiare la tua immagine” riconosce il potere della percezione, ma implica anche che non c’è nulla di stabile da conoscere.

5. La conoscenza non si presta ad interpretazioni. 2Puoi provare a “interpretare” il significato, ma questo si presta sempre all’errore perché si riferisce alla percezione del significato. 3Tali incongruenze sono il risultato di tentativi di vederti come separato e non separato allo stesso tempo. 4È impossibile fare una confusione così fondamentale senza aumentare ancor di più la tua confusione generale. 5La tua mente può essere diventata molto ingegnosa, ma, come sempre succede quando metodo e contenuto sono separati, viene utilizzata in un futile tentativo di sfuggire a un punto morto inevitabile. 6L’ingegnosità è totalmente divorziata dalla conoscenza, perché la conoscenza non richiede ingegnosità. 7Il pensiero ingegnoso non è la verità che ti renderà libero, ma tu sei libero dal bisogno di impegnarti in esso nel momento in cui sei disposto a lasciarlo andare.

6. La preghiera è un modo per chiedere qualcosa. 2È il mezzo dei miracoli. 3Ma l’unica preghiera significativa è quella per il perdono, perché coloro che sono stati perdonati hanno tutto. 4Una volta che il perdono sia stato accettato, la preghiera nel senso usuale diventa totalmente priva di significato. 5La preghiera per il perdono non è niente più che una richiesta che tu possa essere in grado di riconoscere ciò che hai già. 6Nello scegliere la percezione invece della conoscenza, ti sei posto in una posizione in cui potresti assomigliare a tuo Padre solo percependo miracolosamente. 7Hai perso la conoscenza di essere tu stesso un miracolo di Dio. 8La creazione è la tua Fonte e la tua sola vera funzione.

7. L’affermazione “Dio ha creato l’uomo a sua immagine e somiglianza” ha bisogno di essere reinterpretata. 2Per “immagine” si può intendere “pensiero”, e “somiglianza” può essere intesa come “della stessa qualità”. 3Dio ha creato lo spirito nel Suo Pensiero e della Sua Stessa qualità. 4Non c’è nient’altro. 5La percezione, d’altra parte, è impossibile senza credere a qualcosa in “più” e in “meno”. 6Implica selettività ad ogni livello. 7La percezione è un continuo processo di accettare e rifiutare, organizzare e riorganizzare, mutare e cambiare. 8La valutazione è una parte essenziale della percezione, perché per selezionare sono necessari i giudizi.

8. Cosa succede alle percezioni se non ci sono giudizi e niente altro che perfetta uguaglianza? 2La percezione diventa impossibile. 3La verità può solo essere conosciuta. 4Tutto di essa è ugualmente vera, e conoscere una qualsiasi parte di essa è conoscerla tutta. 5Solo la percezione implica consapevolezza parziale. 6La conoscenza trascende le leggi che governano la percezione, perché una conoscenza parziale è impossibile. 7È tutt’uno e non ha parti separate. 8Tu che sei veramente uno con essa, non hai che da conoscere te stesso e la tua conoscenza sarà completa. 9Conoscere il miracolo di Dio è conoscerLo.

9. Il perdono è la guarigione della percezione della separazione. 2È necessaria la corretta percezione di tuo fratello perché le menti hanno scelto di vedersi separate. 3Lo spirito conosce Dio completamente. 4Quello è il suo potere miracoloso. 5Il fatto che ciascuno abbia questo potere interamente è una condizione completamente aliena al pensiero del mondo. 6Il mondo crede che se qualcuno ha tutto, non rimane altro. 7Ma i miracoli di Dio sono totali come i Suoi Pensieri perché sono i Suoi Pensieri.

10. Finché dura la percezione la preghiera ha una funzione. 2Dato che la percezione si basa su una mancanza, coloro che percepiscono non hanno totalmente accettato la Riconciliazione e non si sono abbandonati alla verità. 3La percezione si basa su uno stato separato, così che chiunque percepisce ha bisogno di guarigione. 4La comunione, e non la preghiera, è lo stato naturale di coloro che conoscono. 5Dio e il Suo miracolo sono inseparabili. 6Come sono davvero belli i Pensieri di Dio che vivono nella Sua luce! 7Il tuo valore è al di là della percezione perché è al di là del dubbio. 8Non percepirti sotto luci diverse. 9Conosci te stesso nell’Unica Luce in cui il miracolo che sei è perfettamente chiaro.

VI. Judgment and the Authority Problem
T-3.VI.1. We have already discussed the Last Judgment, but in insufficient detail. After the Last Judgment there will be no more. Judgment is symbolic because beyond perception there is no judgment. When the Bible says “Judge not that ye be not judged,” it means that if you judge the reality of others you will be unable to avoid judging your own.

T-3.VI.2. The choice to judge rather than to know is the cause of the loss of peace. Judgment is the process on which perception but not knowledge rests. I have discussed this before in terms of the selectivity of perception, pointing out that evaluation is its obvious prerequisite. Judgment always involves rejection. It never emphasizes only the positive aspects of what is judged, whether in you or in others. What has been perceived and rejected, or judged and found wanting, remains in your mind because it has been perceived. One of the illusions from which you suffer is the belief that what you judged against has no effect. This cannot be true unless you also believe that what you judged against does not exist. You evidently do not believe this, or you would not have judged against it. In the end it does not matter whether your judgment is right or wrong. Either way you are placing your belief in the unreal. This cannot be avoided in any type of judgment, because it implies the belief that reality is yours to select from.

T-3.VI.3. You have no idea of the tremendous release and deep peace that comes from meeting yourself and your brothers totally without judgment. When you recognize what you are and what your brothers are, you will realize that judging them in any way is without meaning. In fact, their meaning is lost to you precisely because you are judging them. All uncertainty comes from the belief that you are under the coercion of judgment. You do not need judgment to organize your life, and you certainly do not need it to organize yourself. In the presence of knowledge all judgment is automatically suspended, and this is the process that enables recognition to replace perception.

T-3.VI.4. You are very fearful of everything you have perceived but have refused to accept. You believe that, because you have refused to accept it, you have lost control over it. This is why you see it in nightmares, or in pleasant disguises in what seem to be your happier dreams. Nothing that you have refused to accept can be brought into awareness. It is not dangerous in itself, but you have made it seem dangerous to you.

T-3.VI.5. When you feel tired, it is because you have judged yourself as capable of being tired. When you laugh at someone, it is because you have judged him as unworthy. When you laugh at yourself you must laugh at others, if only because you cannot tolerate the idea of being more unworthy than they are. All this makes you feel tired because it is essentially disheartening. You are not really capable of being tired, but you are very capable of wearying yourself. The strain of constant judgment is virtually intolerable. It is curious that an ability so debilitating would be so deeply cherished. Yet if you wish to be the author of reality, you will insist on holding on to judgment. You will also regard judgment with fear, believing that it will someday be used against you. This belief can exist only to the extent that you believe in the efficacy of judgment as a weapon of defense for your own authority.

T-3.VI.6. God offers only mercy. Your words should reflect only mercy, because that is what you have received and that is what you should give. Justice is a temporary expedient, or an attempt to teach you the meaning of mercy. It is judgmental only because you are capable of injustice.

T-3.VI.7. I have spoken of different symptoms, and at that level there is almost endless variation. There is, however, only one cause for all of them: the authority problem. This is “the root of all evil.” Every symptom the ego makes involves a contradiction in terms, because the mind is split between the ego and the Holy Spirit, so that whatever the ego makes is incomplete and contradictory. This untenable position is the result of the authority problem which, because it accepts the one inconceivable thought as its premise, can produce only ideas that are inconceivable.

T-3.VI.8. The issue of authority is really a question of authorship. When you have an authority problem, it is always because you believe you are the author of yourself and project your delusion onto others. You then perceive the situation as one in which others are literally fighting you for your authorship. This is the fundamental error of all those who believe they have usurped the power of God. This belief is very frightening to them, but hardly troubles God. He is, however, eager to undo it, not to punish His children, but only because He knows that it makes them unhappy. God’s creations are given their true Authorship, but you prefer to be anonymous when you choose to separate yourself from your Author. Being uncertain of your true Authorship, you believe that your creation was anonymous. This leaves you in a position where it sounds meaningful to believe that you created yourself. The dispute over authorship has left such uncertainty in your mind that it may even doubt whether you really exist at all.

T-3.VI.9. Only those who give over all desire to reject can know that their own rejection is impossible. You have not usurped the power of God, but you have lost it. Fortunately, to lose something does not mean that it has gone. It merely means that you do not remember where it is. Its existence does not depend on your ability to identify it, or even to place it. It is possible to look on reality without judgment and merely know that it is there.

T-3.VI.10. Peace is a natural heritage of spirit. Everyone is free to refuse to accept his inheritance, but he is not free to establish what his inheritance is. The problem everyone must decide is the fundamental question of authorship. All fear comes ultimately, and sometimes by way of very devious routes, from the denial of Authorship. The offense is never to God, but only to those who deny Him. To deny His Authorship is to deny yourself the reason for your peace, so that you see yourself only in segments. This strange perception is the authority problem.

T-3.VI.11. There is no one who does not feel that he is imprisoned in some way. If this is the result of his own free will he must regard his will as not free, or the circular reasoning in this position would be quite apparent. Free will must lead to freedom. Judgment always imprisons because it separates segments of reality by the unstable scales of desire. Wishes are not facts. To wish is to imply that willing is not sufficient. Yet no one in his right mind believes that what is wished is as real as what is willed. Instead of “Seek ye first the Kingdom of Heaven” say, “Will ye first the Kingdom of Heaven,” and you have said, “I know what I am and I accept my own inheritance.”

VI. Il giudizio e il problema dell’autorità
1. Abbiamo già discusso in merito al Giudizio Universale, ma non in maniera sufficientemente dettagliata. 2Dopo il Giudizio Universale non ce ne saranno più. 3Il giudizio è simbolico perché al di là della percezione non c’è giudizio. 4Quando la Bibbia dice “non giudicate per non essere giudicati”, significa che se giudichi la realtà degli altri, non potrai fare a meno di giudicare la tua.

2. La scelta di giudicare piuttosto che di conoscere è la causa della perdita della pace. 2Il giudizio è il processo su cui si basa la percezione ma non la conoscenza. 3Ho già discusso in merito a ciò in termini di selettività della percezione, sottolineando che la valutazione è il suo ovvio pre requisito. 4Il giudizio implica sempre il rifiuto. 5Non pone mai l’enfasi solo sugli aspetti positivi di ciò che viene giudicato, sia in te che negli altri. 6Ciò che è stato percepito e rifiutato, o giudicato e trovato carente, resta nella tua mente perché è stato percepito. 7Una delle illusioni di cui soffri è il credere che ciò contro cui hai giudicato non abbia alcun effetto. 8Questo non può essere vero a meno che tu non creda anche che ciò contro cui hai giudicato non esista. 9Evidentemente non lo credi, se no non avresti giudicato contro di esso. 10Alla fine non importa se il tuo giudizio sia giusto o sbagliato. 11In entrambi i modi stai decidendo di credere in ciò che è irreale. 12Questo non può essere evitato in alcun tipo di giudizio, perché implica il credere che tu possa scegliere dalla realtà ciò che preferisci.

3. Non hai idea dell’enorme liberazione e della profonda pace che deriva dall’incontrare te stesso e i tuoi fratelli completamente senza giudizio. 2Quando riconoscerai ciò che sei e ciò che sono i tuoi fratelli, ti renderai conto che giudicarli in qualsiasi modo è privo di significato. 3In effetti, il loro significato è perso per te proprio perché li stai giudicando. 4Ogni incertezza viene dal credere che sei sotto la coercizione del giudizio. 5Non hai bisogno del giudizio per organizzare la tua vita, e certamente non ne hai bisogno per organizzare te stesso. 6In presenza della conoscenza ogni giudizio è sospeso automaticamente, e questo è il processo che permette al riconoscimento di sostituire la percezione.

4. Hai molta paura di tutto ciò che hai percepito, ma hai rifiutato di accettare. 2Credi che, siccome hai rifiutato di accettarlo, hai perso il controllo su di esso. 3Questo è il motivo per cui lo vedi negli incubi, o in piacevoli travestimenti di ciò che sembrano essere i tuoi sogni più felici. 4Nulla di ciò che hai rifiutato di accettare può essere portato alla consapevolezza. 5Non è pericoloso in sé, ma hai fatto sì che sembri pericoloso per te.

5. Quando ti senti stanco è perché ti sei giudicato capace di essere stanco. 2Quando ridi di qualcuno, è perché lo hai giudicato privo di valore. 3Quando ridi di te stesso devi ridere degli altri, se non altro perché non puoi tollerare l’idea di essere più privo di valore di loro. 4Tutto questo ti fa sentire stanco perché è essenzialmente qualcosa di scoraggiante. 5Non sei veramente capace di essere stanco, ma sei molto capace di stremarti. 6La tensione del giudizio costante è virtualmente intollerabile. 7È curioso come una capacità così debilitante sia amata così profondamente. 8Tuttavia se desideri essere l’autore della realtà, insisterai nell’attaccarti al giudizio. 9Guarderai anche al giudizio con paura, credendo che un giorno verrà usato contro di te. 10Puoi credere in ciò solo nella misura in cui credi nell’efficacia del giudizio come arma di difesa per la tua autorità.

6. Dio offre solo misericordia. 2Le tue parole dovrebbero riflettere solo misericordia, perché questo è ciò che hai ricevuto e questo è ciò che dovresti dare. 3La giustizia è un espediente temporaneo, o un tentativo di insegnarti il significato della misericordia. 4È giudicante solo perché tu sei capace di ingiustizia.

7. Ho parlato di diversi sintomi, e a quel livello ce n’è una varietà quasi infinita. 2C’è, tuttavia, una sola causa per tutti loro: il problema dell’autorità. 3Questa è “la radice di tutti i mali”. 4Ogni sintomo che l’ego fa, implica una contraddizione in termini, perché la mente è divisa tra l’ego e lo Spirito Santo, così che qualunque cosa l’ego fa è incompleta e contraddittoria. 5Questa posizione insostenibile è il risultato del problema dell’autorità che, siccome accetta l’unico pensiero inconcepibile come premessa, può produrre solo idee inconcepibili.

8. Il problema dell’autorità è in realtà una questione in merito a chi è l’autore. 2Quando hai un problema di autorità, è sempre perché credi di essere l’autore di te stesso e proietti il tuo delirio sugli altri. 3Quindi percepisci la situazione come se gli altri ti stessero letteralmente combattendo perché sei l’autore. 4Questo è l’errore fondamentale di tutti coloro che credono di avere usurpato il potere di Dio. 5Credere questo è davvero terrificante per loro, ma non tocca minimamente Dio. 6Egli è comunque desideroso di disfare questa credenza, non per punire i Suoi bambini, ma solo perché sa che li rende infelici. 7Alle creazioni di Dio viene dato il loro vero Autore, ma tu preferisci essere anonimo quando scegli di separarti dal tuo Autore. 8Essendo incerto in merito al tuo vero autore, credi che la tua creazione sia stata anonima. 9Questo ti lascia in una situazione in cui ti sembra significativo credere che sei tu ad aver creato te stesso. 10La disputa in merito a chi à l’autore ha lasciato una tale incertezza nella tua mente che potrebbe perfino dubitare del fatto che tu realmente esista.

9. Solo coloro che rinunciano a ogni desiderio di rifiutare possono sapere che essere rifiutati è per loro impossibile. 2Tu non hai usurpato il potere di Dio, ma lo hai perso. 3Fortunatamente, perdere qualcosa non significa che questo sia svanito. 4Significa solamente che non ricordi dov’è. 5La sua esistenza non dipende dalla tua capacità di identificarlo, o perfino di localizzarlo. 6È possibile guardare la realtà senza giudizio e sapere semplicemente che è lì.

10. La pace è l’eredità naturale dello spirito. 2Ognuno è libero di rifiutare di accettare la propria eredità, ma non è libero di stabilire che cosa essa sia. 3Il problema che ognuno deve risolvere è la questione fondamentale in merito a chi è l’autore. 4In definitiva ogni forma di paura proviene, e a volte per mezzo di strade assai tortuose, dalla negazione dell’Autore. 5L’offesa non è mai a Dio, ma solo a coloro che Lo negano. 6Negare che Egli sia l’Autore è negare a te stesso la ragione della tua pace, così che ti vedi solo in segmenti. 7Questa strana percezione è il problema dell’autorità.

11. Non c’è nessuno che non si senta in qualche modo imprigionato. 2Se questo è il risultato del suo libero arbitrio deve considerare la sua volontà come non libera, o il circolo vizioso in questa situazione sarebbe piuttosto evidente. 3Il libero arbitrio deve portare alla libertà. 4Il giudizio imprigiona sempre perché separa segmenti della realtà con l’instabile scala del desiderio. 5I desideri non sono fatti. 6Desiderare implica che non è sufficiente essere disposti. 7Tuttavia nessuno che sia nella propria mente corretta crede che ciò che si desidera sia tanto reale quanto ciò che si vuole. 8Invece di “cercate prima il Regno dei Cieli” dì: “Vogliate prima il Regno dei Cieli”, e avrai detto “so cosa sono e accetto la mia eredità”.

VII. Creating versus the Self-Image
T-3.VII.1. Every system of thought must have a starting point. It begins with either a making or a creating, a difference we have already discussed. Their resemblance lies in their power as foundations. Their difference lies in what rests upon them. Both are cornerstones for systems of belief by which one lives. It is a mistake to believe that a thought system based on lies is weak. Nothing made by a child of God is without power. It is essential to realize this, because otherwise you will be unable to escape from the prison you have made.

T-3.VII.2. You cannot resolve the authority problem by depreciating the power of your mind. To do so is to deceive yourself, and this will hurt you because you really understand the strength of the mind. You also realize that you cannot weaken it, any more than you can weaken God. The “devil” is a frightening concept because he seems to be extremely powerful and extremely active. He is perceived as a force in combat with God, battling Him for possession of His creations. The devil deceives by lies, and builds kingdoms in which everything is in direct opposition to God. Yet he attracts men rather than repels them, and they are willing to “sell” him their souls in return for gifts of no real worth. This makes absolutely no sense.

T-3.VII.3. We have discussed the fall or separation before, but its meaning must be clearly understood. The separation is a system of thought real enough in time, though not in eternity. All beliefs are real to the believer. The fruit of only one tree was “forbidden” in the symbolic garden. But God could not have forbidden it, or it could not have been eaten. If God knows His children, and I assure you that He does, would He have put them in a position where their own destruction was possible? The “forbidden tree” was named the “tree of knowledge.” Yet God created knowledge and gave it freely to His creations. The symbolism here has been given many interpretations, but you may be sure that any interpretation that sees either God or His creations as capable of destroying Their Own purpose is in error.

T-3.VII.4. Eating of the fruit of the tree of knowledge is a symbolic expression for usurping the ability for self-creating. This is the only sense in which God and His creations are not co-creators. The belief that they are is implicit in the “self-concept,” or the tendency of the self to make an image of itself. Images are perceived, not known. Knowledge cannot deceive, but perception can. You can perceive yourself as self-creating, but you cannot do more than believe it. You cannot make it true. And, as I said before, when you finally perceive correctly you can only be glad that you cannot. Until then, however, the belief that you can is the foundation stone in your thought system, and all your defenses are used to attack ideas that might bring it to light. You still believe you are an image of your own making. Your mind is split with the Holy Spirit on this point, and there is no resolution while you believe the one thing that is literally inconceivable. That is why you cannot create and are filled with fear about what you make.

T-3.VII.5. The mind can make the belief in separation very real and very fearful, and this belief is the “devil.” It is powerful, active, destructive and clearly in opposition to God, because it literally denies His Fatherhood. Look at your life and see what the devil has made. But realize that this making will surely dissolve in the light of truth, because its foundation is a lie. Your creation by God is the only Foundation that cannot be shaken, because the light is in it. Your starting point is truth, and you must return to your Beginning. Much has been seen since then, but nothing has really happened. Your Self is still in peace, even though your mind is in conflict. You have not yet gone back far enough, and that is why you become so fearful. As you approach the Beginning, you feel the fear of the destruction of your thought system upon you as if it were the fear of death. There is no death, but there is a belief in death.

T-3.VII.6. The branch that bears no fruit will be cut off and will wither away. Be glad! The light will shine from the true Foundation of life, and your own thought system will stand corrected. It cannot stand otherwise. You who fear salvation are choosing death. Life and death, light and darkness, knowledge and perception, are irreconcilable. To believe that they can be reconciled is to believe that God and His Son can not. Only the oneness of knowledge is free of conflict. Your Kingdom is not of this world because it was given you from beyond this world. Only in this world is the idea of an authority problem meaningful. The world is not left by death but by truth, and truth can be known by all those for whom the Kingdom was created, and for whom it waits.

VII. Creare contrapposto all’immagine di sé
1. Ogni sistema di pensiero deve avere un punto di partenza. 2Comincia con il fare o con il creare, una differenza che abbiamo già discusso. 3La loro somiglianza sta nel loro potere come fondamenta. 4La loro differenza sta in ciò che si basa su di essi. 5Entrambi sono pietre angolari per i sistemi di credenze secondo i quali si vive. 6È un errore credere che un sistema di pensiero basato su bugie sia debole. 7Nulla di ciò che è fatto da un bambino di Dio è senza potere. 8È essenziale rendersene conto, perché altrimenti sarai incapace di fuggire dalla prigione che hai fatto.

2. Non puoi risolvere il problema dell’autorità disprezzando il potere della tua mente. 2Farlo è ingannarti, e questo ti farà del male perché comprendi veramente la forza della mente. 3Ti rendi anche conto che non puoi indebolirla, non più di quanto tu possa indebolire Dio. 4Il “diavolo” è un concetto terrificante perché sembra essere estremamente potente ed estremamente attivo. 5Viene percepito come una forza in lotta con Dio, combattendolo per il possesso delle Sue creazioni. 6Il diavolo inganna con menzogne, e costruisce regni in cui tutto è in diretta opposizione a Dio. 7Tuttavia attrae gli uomini invece che ispirare loro ripugnanza, ed essi sono disposti a “vendergli” l’anima in cambio di doni senza alcun valore reale. 8Tutto questo non ha alcun senso.

3. Abbiamo discusso prima la caduta o separazione, ma il suo significato deve essere compreso chiaramente. 2La separazione è un sistema di pensiero abbastanza reale nel tempo, ma non nell’eternità. 3Tutte le credenze sono reali per chi crede in esse. 4Il frutto di un solo albero è stato “proibito” nel giardino simbolico. 5Ma Dio non può averlo proibito, o non avrebbe potuto essere mangiato. 6Se Dio conosce i suoi bambini, e ti assicuro che li conosce, li avrebbe forse messi nella situazione in cui la loro distruzione sarebbe stato possibile? 7“L’albero proibito” era chiamato “l’albero della conoscenza”. 8Ma Dio ha creato la conoscenza e l’ha data liberamente alle Sue creazioni. 9Al simbolismo sono state date molte interpretazioni, ma puoi stare certo che ogni interpretazione che veda Dio e le Sue creazioni come capaci di distruggere il Loro scopo, è in errore.

4. Mangiare il frutto dell’albero della conoscenza è un’espressione simbolica per usurpare la capacità di crearsi da sé. 2Questo è l’unico senso in cui Dio e le Sue creazioni non sono co-creatori. 3Il credere che essi siano co-creatori è implicito nel “concetto di sé”, ovvero la tendenza del sé di fare un’immagine di se stesso. 4Le immagini vengono percepite, non conosciute. 5La conoscenza non può ingannare, ma la percezione sì. 6Puoi percepirti come se ti fossi creato da te, ma non puoi fare altro che crederci. 7Non puoi renderlo vero. 8E, come ho detto prima, quando finalmente percepirai correttamente potrai solo essere contento di non potere. 9Fino ad allora, comunque, credere di potere è la pietra angolare nel tuo sistema di pensiero, e tutte le tue difese sono usate per attaccare le idee che potrebbero portarla alla luce. 10Credi ancora di essere un’immagine che hai fatto da te. 11La tua mente è divisa dallo Spirito Santo su questo punto, e non c’è soluzione finché crederai nell’unica cosa che è letteralmente inconcepibile. 12Questo è il motivo per cui non puoi creare e sei pieno di paura riguardo a ciò che fai.

5. La mente può rendere molto reale e molto spaventoso il credere nella separazione, e questa credenza è il “diavolo”. 2È potente, attivo, distruttivo e chiaramente in opposizione a Dio, perché nega letteralmente la Sua Paternità. 3Guarda la tua vita e vedi ciò che il diavolo ha fatto. 4Ma renditi conto che questo fare si dissolverà sicuramente nella luce della verità, perché il suo fondamento è una menzogna. 5La tua creazione da parte di Dio è l’unico Fondamento che non può essere scosso, perché la luce è in esso. 6Il tuo punto di partenza è la verità, e devi tornare al tuo Principio. 7Molto è stato visto da allora, ma nulla è realmente accaduto. 8Il tuo Sé è ancora in pace, anche se la tua mente è in conflitto. 9Non sei ancora tornato abbastanza indietro, e questo è il motivo per cui ti spaventi così tanto. 10Mentre ti avvicini al principio, senti su di te la paura della distruzione del tuo sistema di pensiero come se fosse la paura della morte. 11Non c’è morte, ma c’è il credere nella morte.

6. Il ramo che non dà frutti verrà tagliato e seccherà. 2Sii lieto! 3La luce splenderà dal vero Fondamento della vita, e il tuo sistema di pensiero resterà in piedi corretto. 4Non può restare in piedi in altro modo. 5Tu che hai paura della salvezza stai scegliendo la morte. 6Vita e morte, luce e oscurità, conoscenza e percezione, sono inconciliabili. 7Credere che possano essere riconciliate è credere che Dio e Suo Figlio non possano. 8Solo l’unità della conoscenza è libera dal conflitto. 9Il tuo Regno non è di questo mondo perché ti è stato dato da oltre questo mondo. 10Solo in questo mondo ha significato l’idea di un problema di autorità. 11Non si lascia il mondo con la morte ma con la verità, e la verità può essere conosciuta da tutti coloro per i quali il Regno è stato creato, e per i quali aspetta.

Chapter 4. The illusions of the ego - Capitolo 4. Le illusioni dell'ego

Introduction
T-4.in.1.  The Bible says that you should go with a brother twice as far as he asks. It certainly does not suggest that you set him back on his journey. Devotion to a brother cannot set you back either. It can lead only to mutual progress. The result of genuine devotion is inspiration, a word which properly understood is the opposite of fatigue. To be fatigued is to be dis-spirited, but to be inspired is to be in the spirit. To be egocentric is to be dis-spirited, but to be Self-centered in the right sense is to be inspired or in spirit. The truly inspired are enlightened and cannot abide in darkness.

T-4.in.2. You can speak from the spirit or from the ego, as you choose. If you speak from spirit you have chosen to “Be still and know that I am God.” These words are inspired because they reflect knowledge. If you speak from the ego you are disclaiming knowledge instead of affirming it, and are thus dis-spiriting yourself. Do not embark on useless journeys, because they are indeed in vain. The ego may desire them, but spirit cannot embark on them because it is forever unwilling to depart from its Foundation.

T-4.in.3. The journey to the cross should be the last “useless journey.” Do not dwell upon it, but dismiss it as accomplished. If you can accept it as your own last useless journey, you are also free to join my resurrection. Until you do so your life is indeed wasted. It merely re-enacts the separation, the loss of power, the futile attempts of the ego at reparation, and finally the crucifixion of the body, or death. Such repetitions are endless until they are voluntarily given up. Do not make the pathetic error of “clinging to the old rugged cross.” The only message of the crucifixion is that you can overcome the cross. Until then you are free to crucify yourself as often as you choose. This is not the gospel I intended to offer you. We have another journey to undertake, and if you will read these lessons carefully they will help prepare you to undertake it.

Introduzione
1. La Bibbia dice che se un fratello ti requisisce per un miglio, fanne con lui due. 2Certamente non suggerisce che lo ostacoli nel suo viaggio. 3E d’altra parte la devozione a un fratello non può essere di ostacolo neanche a te. 4Può portare solo al progresso reciproco. 5Il risultato di una devozione genuina è l’ispirazione, una parola che propriamente compresa è il contrario di fatica. 6Essere affaticati è essere dis-animati, ma essere ispirati è essere nello spirito. 7Essere egocentrici è essere dis-animati, ma essere centrati in se stessi nella giusta maniera è essere ispirati o nello spirito. 8I veri ispirati sono illuminati e non possono dimorare nell’oscurità.

2. Puoi parlare da parte dello spirito o da parte dell’ego, a tua scelta. 2Se parli da parte dello spirito hai scelto di “essere quieto e sapere che Io sono Dio”. 3Queste parole sono ispirate perché riflettono la conoscenza. 4Se parli da parte dell’ego stai respingendo la conoscenza invece che affermarla, e quindi stai disanimandoti. 5Non imbarcarti in viaggi inutili, perché sono davvero vani. 6L’ego può desiderarli, ma lo spirito non si può imbarcare in essi perché è eternamente non disposto a separarsi dal suo Fondamento.

3. Il viaggio verso la croce dovrebbe essere l’ultimo “viaggio inutile”. 2Non soffermarti su di esso, ma abbandonalo come cosa compiuta. 3Se puoi accettarlo come il tuo ultimo viaggio inutile, sei anche libero di unirti alla mia resurrezione. 4Finché non farai questo la tua vita sarà invero sprecata. 5Semplicemente riprodurrà la separazione, la perdita di potere, i futili tentativi di riparazione dell’ego, e finalmente la crocifissione del corpo, o la morte. 6Queste ripetizioni saranno senza fine finché non saranno volontariamente abbandonate. 7Non fare il patetico errore di “attaccarti alla vecchia e rugosa croce”. 8Il solo messaggio della crocifissione è che puoi vincere la croce. 9Fino ad allora sarai libero di crocifiggerti tutte le volte che vorrai. 10Questo non è il vangelo che intendevo offrirti. 11Abbiamo un altro viaggio da intraprendere, e se leggerai attentamente queste lezioni esse ti aiuteranno a prepararti a intraprenderlo.

I. Right Teaching and Right Learning
T-4.I.1. A good teacher clarifies his own ideas and strengthens them by teaching them. Teacher and pupil are alike in the learning process. They are in the same order of learning, and unless they share their lessons conviction will be lacking. A good teacher must believe in the ideas he teaches, but he must meet another condition; he must believe in the students to whom he offers the ideas.

T-4.I.2. Many stand guard over their ideas because they want to protect their thought systems as they are, and learning means change. Change is always fearful to the separated, because they cannot conceive of it as a move towards healing the separation. They always perceive it as a move toward further separation, because the separation was their first experience of change. You believe that if you allow no change to enter into your ego you will find peace. This profound confusion is possible only if you maintain that the same thought system can stand on two foundations. Nothing can reach spirit from the ego, and nothing can reach the ego from spirit. Spirit can neither strengthen the ego nor reduce the conflict within it. The ego is a contradiction. Your self and God’s Self are in opposition. They are opposed in source, in direction and in outcome. They are fundamentally irreconcilable, because spirit cannot perceive and the ego cannot know. They are therefore not in communication and can never be in communication. Nevertheless, the ego can learn, even though its maker can be misguided. He cannot, however, make the totally lifeless out of the life-given.

T-4.I.3. Spirit need not be taught, but the ego must be. Learning is ultimately perceived as frightening because it leads to the relinquishment, not the destruction, of the ego to the light of spirit. This is the change the ego must fear, because it does not share my charity. My lesson was like yours, and because I learned it I can teach it. I will never attack your ego, but I am trying to teach you how its thought system arose. When I remind you of your true creation, your ego cannot but respond with fear.

T-4.I.4. Teaching and learning are your greatest strengths now, because they enable you to change your mind and help others to change theirs. Refusing to change your mind will not prove that the separation has not occurred. The dreamer who doubts the reality of his dream while he is still dreaming is not really healing his split mind. You dream of a separated ego and believe in a world that rests upon it. This is very real to you. You cannot undo it by not changing your mind about it. If you are willing to renounce the role of guardian of your thought system and open it to me, I will correct it very gently and lead you back to God.

T-4.I.5. Every good teacher hopes to give his students so much of his own learning that they will one day no longer need him. This is the one true goal of the teacher. It is impossible to convince the ego of this, because it goes against all of its own laws. But remember that laws are set up to protect the continuity of the system in which the lawmaker believes. It is natural for the ego to try to protect itself once you have made it, but it is not natural for you to want to obey its laws unless you believe them. The ego cannot make this choice because of the nature of its origin. You can, because of the nature of yours.

T-4.I.6. Egos can clash in any situation, but spirit cannot clash at all. If you perceive a teacher as merely “a larger ego”you will be afraid, because to enlarge an ego would be to increase anxiety about separation. I will teach with you and live with you if you will think with me, but my goal will always be to absolve you finally from the need for a teacher. This is the opposite of the ego-oriented teacher’s goal. He is concerned with the effect of his ego on other egos, and therefore interprets their interaction as a means of ego preservation. I would not be able to devote myself to teaching if I believed this, and you will not be a devoted teacher as long as you believe it. I am constantly being perceived as a teacher either to be exalted or rejected, but I do not accept either perception for myself.

T-4.I.7. Your worth is not established by teaching or learning. Your worth is established by God. As long as you dispute this everything you do will be fearful, particularly any situation that lends itself to the belief in superiority and inferiority. Teachers must be patient and repeat their lessons until they are learned. I am willing to do this, because I have no right to set your learning limits for you. Again,–nothing you do or think or wish or make is necessary to establish your worth. This point is not debatable except in delusions. Your ego is never at stake because God did not create it. Your spirit is never at stake because He did. Any confusion on this point is delusional, and no form of devotion is possible as long as this delusion lasts.

T-4.I.8. The ego tries to exploit all situations into forms of praise for itself in order to overcome its doubts. It will remain doubtful as long as you believe in its existence. You who made it cannot trust it, because in your right mind you realize it is not real. The only sane solution is not to try to change reality, which is indeed a fearful attempt, but to accept it as it is. You are part of reality, which stands unchanged beyond the reach of your ego but within easy reach of spirit. When you are afraid, be still and know that God is real, and you are His beloved Son in whom He is well pleased. Do not let your ego dispute this, because the ego cannot know what is as far beyond its reach as you are.

T-4.I.9. God is not the author of fear. You are. You have chosen to create unlike Him, and have therefore made fear for yourself. You are not at peace because you are not fulfilling your function. God gave you a very lofty function that you are not meeting. Your ego has chosen to be afraid instead of meeting it. When you awaken you will not be able to understand this, because it is literally incredible. Do not believe the incredible now. Any attempt to increase its believableness is merely to postpone the inevitable. The word “inevitable”is fearful to the ego, but joyous to the spirit. God is inevitable, and you cannot avoid Him any more than He can avoid you.

T-4.I.10. The ego is afraid of the spirit’s joy, because once you have experienced it you will withdraw all protection from the ego, and become totally without investment in fear. Your investment is great now because fear is a witness to the separation, and your ego rejoices when you witness to it. Leave it behind! Do not listen to it and do not preserve it. Listen only to God, Who is as incapable of deception as is the spirit He created. Release yourself and release others. Do not present a false and unworthy picture of yourself to others, and do not accept such a picture of them yourself.

T-4.I.11. The ego has built a shabby and unsheltering home for you, because it cannot build otherwise. Do not try to make this impoverished house stand. Its weakness is your strength. Only God could make a home that is worthy of His creations, who have chosen to leave it empty by their own dispossession. Yet His home will stand forever, and is ready for you when you choose to enter it. Of this you can be wholly certain. God is as incapable of creating the perishable as the ego is of making the eternal.

T-4.I.12. Of your ego you can do nothing to save yourself or others, but of your spirit you can do everything for the salvation of both. Humility is a lesson for the ego, not for the spirit. Spirit is beyond humility, because it recognizes its radiance and gladly sheds its light everywhere. The meek shall inherit the earth because their egos are humble, and this gives them truer perception. The Kingdom of Heaven is the spirit’s right, whose beauty and dignity are far beyond doubt, beyond perception, and stand forever as the mark of the Love of God for His creations, who are wholly worthy of Him and only of Him. Nothing else is sufficiently worthy to be a gift for a creation of God Himself.

T-4.I.13. I will substitute for your ego if you wish, but never for your spirit. A father can safely leave a child with an elder brother who has shown himself responsible, but this involves no confusion about the child’s origin. The brother can protect the child’s body and his ego, but he does not confuse himself with the father because he does this. I can be entrusted with your body and your ego only because this enables you not to be concerned with them, and lets me teach you their unimportance. I could not understand their importance to you if I had not once been tempted to believe in them myself. Let us undertake to learn this lesson together so we can be free of them together. I need devoted teachers who share my aim of healing the mind. Spirit is far beyond the need of your protection or mine. Remember this: In this world you need not have tribulation because I have overcome the world. That is why you should be of good cheer.

I. Corretto insegnamento e corretto apprendimento
1. Un buon insegnante si chiarisce le idee e le rafforza insegnandole. 2Insegnante e allievo sono simili nel processo di apprendimento. 3Sono nello stesso ordine di apprendimento e, a meno che non condividano le loro lezioni, non ci sarà convinzione. 4Un buon insegnante deve credere nelle idee che insegna, ma deve soddisfare un’altra condizione: deve credere negli studenti a cui offre le idee.

2. Molti fanno la guardia alle loro idee perché vogliono proteggere i loro sistemi di pensiero così come sono, e imparare significa cambiare. 2Cambiare fa sempre paura a coloro che sono separati, perché non possono concepirlo come una mossa verso la guarigione della separazione. 3Essi lo percepiscono sempre come una mossa verso un’ulteriore separazione, perché la separazione fu la loro prima esperienza di cambiamento. 4Tu credi che se non permetti ad alcun cambiamento di entrare nel tuo ego troverai la pace. 5Questa profonda confusione è possibile solo se sostieni che lo stesso sistema di pensiero può basarsi su due fondamenti. 6Niente può raggiungere lo spirito dall’ego, e niente può raggiungere l’ego dallo spirito. 7Lo spirito non può né rafforzare l’ego né ridurre il conflitto al suo interno. 8L’ego è una contraddizione. 9Il tuo sé e il Sé di Dio sono in opposizione. 10Sono opposti nella fonte, nella direzione e nel risultato. 11Sono fondamentalmente inconciliabili, perché lo spirito non può percepire e l’ego non può conoscere. 12Quindi essi non sono in comunicazione e non potranno mai essere in comunicazione. 13Ciononostante, l’ego può imparare, anche se colui che l’ha fatto può essere mal guidato. 14Egli non può tuttavia trarre l’assenza totale di vita da colui a cui è stata data la vita.

3. Lo spirito non ha bisogno di ricevere insegnamenti, ma l’ego non può farne a meno. 2Alla fine l’apprendimento viene percepito come qualcosa che fa paura perché porta all’abbandono dell’ego alla luce dello spirito, e non alla sua distruzione. 3Questo è il cambiamento che l’ego deve temere, perché non condivide la mia carità. 4La mia lezione era come la vostra e, siccome l’ho imparata, la posso insegnare. 5Non attaccherò mai il tuo ego, ma sto cercando di insegnarti come è sorto il suo sistema di pensiero. 6Quando ti ricordo della tua vera creazione, il tuo ego non può che rispondere con la paura.

4. Insegnare e imparare sono le tue forze più grandi adesso, perché ti mettono in grado di cambiare la tua mente e di aiutare gli altri a cambiare la loro. 2Rifiutare di cambiare la tua mente non proverà che la separazione non è avvenuta. 3Il sognatore che dubita della realtà del suo sogno mentre sta ancora sognando, non sta veramente guarendo la sua mente divisa. 4Tu sogni di un ego separato e credi in un mondo che si fonda su di esso. 5Questo è molto reale per te. 6Non puoi disfarlo senza cambiare la tua mente nei suoi riguardi. 7Se sei disposto a rinunciare al ruolo di guardiano del tuo sistema di pensiero e ad aprirlo a me, lo correggerò molto dolcemente e ti ricondurrò a Dio.

5. Ogni buon insegnante spera di dare ai suoi studenti così tanto di ciò che ha imparato che un giorno loro non avranno più bisogno di lui. 2Questo è l’unico vero obiettivo dell’insegnante. 3Di ciò è impossibile convincere l’ego, perché va contro a tutte le sue leggi. 4Ma ricordati che le leggi vengono fatte per proteggere la continuità del sistema in cui crede il legislatore. 5È naturale per l’ego cercare di proteggere se stesso una volta che l’hai fatto, ma non è naturale per te voler obbedire alle sue leggi a meno che tu non creda in esse. 6L’ego non può fare questa scelta a causa della natura della sua origine. 7Tu puoi, a causa della natura della tua.

6. Gli ego possono scontrarsi in ogni situazione, ma lo spirito non può assolutamente scontrarsi. 2Se tu percepisci l’insegnante semplicemente come “un ego più grande”avrai paura, perché ampliare un ego vuol dire aumentare l’ansia derivante dalla separazione. 3Io insegnerò con te e vivrò con te se tu penserai con me, ma in fondo il mio obiettivo sarà sempre quello di sollevarti dal bisogno di un insegnante. 4Questo è l’opposto dell’obiettivo dell’insegnante orientato secondo l’ego. 5Questi è preoccupato dell’effetto del suo ego sugli altri ego, e quindi interpreta la loro interazione come un mezzo per preservare l’ego. 6Se credessi ciò, non sarei capace di dedicarmi all’insegnamento, e tu non sarai un insegnante devoto finché lo crederai. 7Io sono costantemente percepito come un insegnante, sia da esaltare, sia da rifiutare, ma non accetto per me nessuna di queste percezioni.

7. Il tuo valore non è stabilito dall’insegnare o dall’imparare. 2Il tuo valore è stabilito da Dio. 3Fino a quando contesterai questo, tutto ciò che farai farà paura, in particolar modo tutte le situazioni che si prestano a credere nella superiorità e nell’inferiorità. 4Gli insegnanti devono essere pazienti e ripetere le loro lezioni finché non vengono imparate. 5Io sono disposto a farlo, perché non ho alcun diritto di fissare, al posto tuo, i tuoi limiti di apprendimento. 6Di nuovo, niente che tu compia, o pensi, o desideri, o faccia è necessario per stabilire il tuo valore. 7Questo punto non può essere messo in questione eccetto che nelle allucinazioni. 8Il tuo ego non è mai in gioco perché non lo ha creato Dio. 9Il tuo spirito non è mai in gioco perché lo ha creato Lui. 10Ogni confusione su questo punto è allucinante, e nessuna forma di devozione è possibile finché perdura questa allucinazione.

8. L’ego cerca di sfruttare tutte le situazioni come forme di lode per se stesso allo scopo di superare i propri dubbi. 2Rimarrà pieno di dubbi fino a quando crederai nella sua esistenza. 3Tu che l’hai fatto non puoi fidarti di lui, perché nella tua mente corretta ti rendi conto che non è reale. 4L’unica soluzione sana non è di cercare di cambiare la realtà, che è invero un tentativo che fa paura, ma di accettarla così com’è. 5Tu sei parte della realtà, che rimane immutata oltre la portata del tuo ego, ma facilmente alla portata dello spirito. 6Quando hai paura, stai calmo e sappi che Dio è reale, e tu sei il Suo Figlio beneamato nel quale Egli si compiace. 7Non permettere all’ego di dubitare di questo, perché l’ego non può conoscere ciò che è tanto al di là della sua portata quanto sei tu.

9. Dio non è l’autore della paura. 2Tu lo sei. 3Tu hai scelto di creare in modo diverso da lui, e hai quindi costruito per te la paura. 4Tu non sei in pace perché non stai adempiendo alla tua funzione. 5Dio ti ha dato un’altissima funzione che tu non stai adempiendo. 6Anziché adempierla, il tuo ego ha scelto di avere paura. 7Quando ti risveglierai non sarai capace di comprendere ciò, perché è letteralmente incredibile. 8Non credere l’incredibile adesso. 9Ogni tentativo di aumentare la sua credibilità è semplicemente posporre l’inevitabile. 10La parola “inevitabile” fa paura all’ego, ma è gioiosa per lo spirito. 11Dio è inevitabile, e non puoi evitarLo più di quanto Lui possa evitare te.

10. L’ego ha paura della gioia dello spirito, perché una volta che tu ne avrai fatto esperienza, ritirerai ogni protezione dall’ego, e diventerai totalmente privo di investimento nella paura. 2Adesso il tuo investimento è grande perché la paura è testimone della separazione, e il tuo ego gioisce quando ne sei testimone. 3Lasciatela alle spalle! 4Non ascoltarla e non preservarla. 5Ascolta solo Dio, che è tanto incapace di inganno quanto lo spirito che ha creato. 6Libera te stesso e libera gli altri. 7Non presentare agli altri un’immagine di te stesso falsa e priva di valore, e non accettare tu stesso una simile immagine di loro.

11. L’ego ha costruito per te una casa malandata che non dà riparo, perché non può costruire diversamente. 2Non cercare di tenere in piedi quella casa miserevole. 3La sua debolezza è la tua forza. 4Solo Dio potrebbe fare una casa degna delle Sue creazioni, che hanno scelto di lasciarla vuota, estraniandosene. 5Tuttavia la Sua casa durerà in eterno, ed è pronta per te nel momento in cui scegli di entrarvi. 6Di questo puoi essere totalmente certo. 7Dio è incapace di creare ciò che è perituro, così come l’ego è incapace di fare ciò che è eterno.

12. Col tuo ego non puoi fare niente per salvare te stesso o gli altri, ma col tuo spirito puoi fare ogni cosa per la salvezza di entrambi. 2L’umiltà è una lezione per l’ego, non per lo spirito. 3Lo spirito è al di là dell’umiltà, perché riconosce la propria radiosità e gioiosamente lascia scorrere la sua luce ovunque. 4I miti erediteranno la terra perché i loro ego sono umili, e questo dà loro una percezione più vera. 5Il Regno dei Cieli è un diritto dello spirito, la cui bellezza e dignità sono ben al di là di qualsiasi dubbio, oltre la percezione, e rimangono per sempre come il segno dell’Amore di Dio per le Sue creazioni, che sono totalmente degne di Lui e solo di Lui. 6Null’altro è sufficientemente degno di essere un dono per una creazione di Dio Stesso.

13. Io mi sostituirò al vostro ego se lo desiderate, ma mai al vostro spirito. 2Un padre può tranquillamente lasciare un bambino con un fratello maggiore che si è già mostrato responsabile, ma questo non implica alcuna confusione riguardo all’origine del bambino. 3Il fratello può proteggere il corpo del bambino e il suo ego, ma non confonde se stesso col padre perché fa questo. 4A me possono essere affidati il tuo corpo e il tuo ego solo perché questo ti permette di non essere preoccupato riguardo ad essi, e mi permette di insegnarti la loro mancanza d’importanza. 5Non potrei capire l’importanza che hanno per te se una volta non fossi stato anch’io tentato di credere in essi. 6Prendiamoci la responsabilità di imparare insieme questa lezione così che ci si possa liberare da essi insieme. 7Ho bisogno di insegnanti devoti che condividano il mio scopo di guarire la mente. 8Lo spirito è molto al di là del bisogno della tua protezione o della mia. 9Ricorda questo:

10In questo mondo non hai bisogno di tribolare perché io ho vinto sul mondo. 11Questo è il motivo per cui dovresti rallegrarti .

II. The Ego and False Autonomy
T-4.II.1. It is reasonable to ask how the mind could ever have made the ego. In fact, it is the best question you could ask. There is, however, no point in giving an answer in terms of the past because the past does not matter, and history would not exist if the same errors were not being repeated in the present. Abstract thought applies to knowledge because knowledge is completely impersonal, and examples are irrelevant to its understanding. Perception, however, is always specific, and therefore quite concrete.

T-4.II.2. Everyone makes an ego or a self for himself, which is subject to enormous variation because of its instability. He also makes an ego for everyone else he perceives, which is equally variable. Their interaction is a process that alters both, because they were not made by or with the Unalterable. It is important to realize that this alteration can and does occur as readily when the interaction takes place in the mind as when it involves physical proximity. Thinking about another ego is as effective in changing relative perception as is physical interaction. There could be no better example that the ego is only an idea and not a fact.

T-4.II.3. Your own state of mind is a good example of how the ego was made. When you threw knowledge away it is as if you never had it. This is so apparent that one need only recognize it to see that it does happen. If this occurs in the present, why is it surprising that it occurred in the past? Surprise is a reasonable response to the unfamiliar, though hardly to something that occurs with such persistence. But do not forget that the mind need not work that way, even though it does work that way now.

T-4.II.4. Think of the love of animals for their offspring, and the need they feel to protect them. That is because they regard them as part of themselves. No one dismisses something he considers part of himself. You react to your ego much as God does to His creations,–with love, protection and charity. Your reactions to the self you made are not surprising. In fact, they resemble in many ways how you will one day react to your real creations, which are as timeless as you are. The question is not how you respond to the ego, but what you believe you are. Belief is an ego function, and as long as your origin is open to belief you are regarding it from an ego viewpoint. When teaching is no longer necessary you will merely know God. Belief that there is another way of perceiving is the loftiest idea of which ego thinking is capable. That is because it contains a hint of recognition that the ego is not the Self.

T-4.II.5. Undermining the ego’s thought system must be perceived as painful, even though this is anything but true. Babies scream in rage if you take away a knife or scissors, although they may well harm themselves if you do not. In this sense you are still a baby. You have no sense of real self-preservation, and are likely to decide that you need precisely what would hurt you most. Yet whether or not you recognize it now, you have agreed to cooperate in the effort to become both harmless and helpful, attributes that must go together. Your attitudes even toward this are necessarily conflicted, because all attitudes are ego-based. This will not last. Be patient a while and remember that the outcome is as certain as God.

T-4.II.6. Only those who have a real and lasting sense of abundance can be truly charitable. This is obvious when you consider what is involved. To the ego, to give anything implies that you will have to do without it. When you associate giving with sacrifice, you give only because you believe that you are somehow getting something better, and can therefore do without the thing you give. “Giving to get” is an inescapable law of the ego, which always evaluates itself in relation to other egos. It is therefore continually preoccupied with the belief in scarcity that gave rise to it. Its whole perception of other egos as real is only an attempt to convince itself that it is real. “Self-esteem”in ego terms means nothing more than that the ego has deluded itself into accepting its reality, and is therefore temporarily less predatory. This “self-esteem”is always vulnerable to stress, a term which refers to any perceived threat to the ego’s existence.

T-4.II.7. The ego literally lives by comparisons. Equality is beyond its grasp, and charity becomes impossible. The ego never gives out of abundance, because it was made as a substitute for it. That is why the concept of “getting”arose in the ego’s thought system. Appetites are “getting”mechanisms, representing the ego’s need to confirm itself. This is as true of body appetites as it is of the so-called “higher ego needs.”Body appetites are not physical in origin. The ego regards the body as its home, and tries to satisfy itself through the body. But the idea that this is possible is a decision of the mind, which has become completely confused about what is really possible.

T-4.II.8. The ego believes it is completely on its own, which is merely another way of describing how it thinks it originated. This is such a fearful state that it can only turn to other egos and try to unite with them in a feeble attempt at identification, or attack them in an equally feeble show of strength. It is not free, however, to open the premise to question, because the premise is its foundation. The ego is the mind’s belief that it is completely on its own. The ego’s ceaseless attempts to gain the spirit’s acknowledgment and thus establish its own existence are useless. Spirit in its knowledge is unaware of the ego. It does not attack it; it merely cannot conceive of it at all. While the ego is equally unaware of spirit, it does perceive itself as being rejected by something greater than itself. This is why self-esteem in ego terms must be delusional. The creations of God do not create myths, although creative effort can be turned to mythology. It can do so, however, only under one condition; what it makes is then no longer creative. Myths are entirely perceptual, and so ambiguous in form and characteristically good-and-evil in nature that the most benevolent of them is not without fearful connotations.

T-4.II.9. Myths and magic are closely associated, since myths are usually related to ego origins, and magic to the powers the ego ascribes to itself. Mythological systems generally include some account of “the creation,”and associate this with its particular form of magic. The so-called “battle for survival”is only the ego’s struggle to preserve itself, and its interpretation of its own beginning. This beginning is usually associated with physical birth, because it is hard to maintain that the ego existed before that point in time. The more “religiously”ego-oriented may believe that the soul existed before, and will continue to exist after a temporary lapse into ego life. Some even believe that the soul will be punished for this lapse. However, salvation does not apply to spirit, which is not in danger and does not need to be salvaged.

T-4.II.10. Salvation is nothing more than “right-mindedness,” which is not the One-mindedness of the Holy Spirit, but which must be achieved before One-mindedness is restored. Right-mindedness leads to the next step automatically, because right perception is uniformly without attack, and therefore wrong-mindedness is obliterated. The ego cannot survive without judgment, and is laid aside accordingly. The mind then has only one direction in which it can move. Its direction is always automatic, because it cannot but be dictated by the thought system to which it adheres.

T-4.II.11. It cannot be emphasized too often that correcting perception is merely a temporary expedient. It is necessary only because misperception is a block to knowledge, while accurate perception is a steppingstone towards it. The whole value of right perception lies in the inevitable realization that all perception is unnecessary. This removes the block entirely. You may ask how this is possible as long as you appear to be living in this world. That is a reasonable question. You must be careful, however, that you really understand it. Who is the “you” who are living in this world? Spirit is immortal, and immortality is a constant state. It is as true now as it ever was or ever will be, because it implies no change at all. It is not a continuum, nor is it understood by being compared to an opposite. Knowledge never involves comparisons. That is its main difference from everything else the mind can grasp.

II. L’ego e la falsa autonomia
1. È ragionevole chiedere come la mente abbia mai potuto fare l’ego. 2In effetti, è la miglior domanda che potresti fare. 3Non ha, comunque alcun senso dare una risposta in termini di passato perché il passato non ha importanza, e la storia non esisterebbe se gli stessi errori non venissero ripetuti nel presente. 4Il pensiero astratto si applica alla conoscenza perché la conoscenza è completamente impersonale, e gli esempi sono irrilevanti per la sua comprensione. 5La percezione, invece, è sempre specifica, e quindi piuttosto concreta.

2. Ognuno costruisce un ego o un sé per se stesso, che è soggetto a enormi variazioni a causa della sua instabilità. 2Fa anche un ego per ogni altra persona che percepisce, che è ugualmente variabile. 3La loro interazione è un processo che altera entrambi, perché non sono stati fatti da o con l’Inalterabile. 4È importante rendersi conto che questa alterazione può verificarsi e si verifica altrettanto prontamente sia quando l’interazione ha luogo nella mente che quando implica vicinanza fisica. 5Pensare ad un altro ego è tanto efficace nel cambiare la percezione relativa, quanto lo è l’interazione fisica. 6Non ci potrebbe essere un esempio migliore del fatto che l’ego è solo un’idea e non un fatto.

3. Il tuo stesso stato mentale è un buon esempio di come è stato fatto l’ego. 2Quando hai gettato via la conoscenza è stato come se tu non l’avessi mai avuta. 3Questo è così evidente che è sufficiente solo riconoscerlo per vedere che accade. 4Se questo accade nel presente, perché è così sorprendente che sia accaduto nel passato? 5La sorpresa è una risposta ragionevole a ciò che non è familiare, ma non lo è affatto per qualcosa che avviene con tale persistenza. 6Ma non dimenticarti che la mente non ha bisogno di funzionare in quella maniera, anche se adesso sta effettivamente funzionando così.

4. Pensa all’amore degli animali per i loro cuccioli, e al bisogno che essi hanno di proteggerli. 2Questo avviene perché li considerano parte di se stessi. 3Nessuno getta via qualcosa che considera parte di se stesso. 4Tu reagisci al tuo ego proprio come Dio fa con le sue creature: con amore, protezione e carità. 5Le tue reazioni al sé che hai fatto non sono sorprendenti. 6In effetti, assomigliano in molti modi a come un giorno reagirai alle tue creazioni reali, che sono senza tempo proprio come te. 7La questione non è come rispondi all’ego, ma cosa credi di essere. 8Credere è una funzione dell’ego, e finché la tua origine è soggetta al credere la stai guardando da un punto di vista dell’ego. 9Quando l’insegnamento non sarà più necessario semplicemente conoscerai Dio. 10Credere che ci sia un’altro modo di percepire è la più alta idea della quale sia capace il pensiero dell’ego. 11Questo perché contiene un accenno di riconoscimento che l’ego non è il Sé.

5. È inevitabile che l’indebolimento del sistema di pensiero dell’ego venga percepito come doloroso, anche se questo è tutt’altro che vero. 2I bambini urlano di rabbia se gli porti via un coltello o delle forbici, anche se potrebbero ben farsi del male se non lo fai. 3In questo senso sei ancora un neonato. 4Non hai un vero senso di auto conservazione, ed è probabile che tu decida che hai bisogno proprio di ciò che ti farebbe più male. 5Tuttavia, sia che tu lo riconosca o no adesso, hai accettato di cooperare allo sforzo di diventare sia innocuo che utile, attributi che devono andare di pari passo. 6I tuoi atteggiamenti persino a questo riguardo sono necessariamente conflittuali, perché tutti gli atteggiamenti sono basati sull’ego. 7Questo non durerà. 8Sii paziente per un po’ e ricorda che il risultato è certo, come è certo Dio.

6. Solo coloro che hanno un reale e duraturo senso dell’abbondanza possono essere veramente caritatevoli. 2Questo è ovvio quando consideri ciò che vi è implicato. 3Per l’ego, dare qualsiasi cosa significa che dovrai farne a meno. 4Quando associ il dare col sacrificio, dai solo perché credi che in qualche modo stai ottenendo qualcosa di meglio, e puoi quindi fare a meno di ciò che dai. 5“Dare per avere” è un’inesorabile legge dell’ego, che valuta sempre se stesso in relazione agli altri ego. 6La sua preoccupazione è la credenza nella scarsità, che gli ha dato origine. 7La sua percezione degli altri ego come reali è solo un tentativo di convincersi che esso è reale. 8“L’autostima”, in termini egoici, non significa altro che l’ego si è illuso nell’accettare la propria realtà ed è perciò temporaneamente meno predatorio. 9Questa “autostima” è sempre vulnerabile allo stress, un termine che si riferisce a qualsiasi minaccia all’esistenza dell’ego che possa essere percepita.

7. L’ego vive letteralmente di paragoni. 2L’uguaglianza è oltre la sua comprensione, e la carità diventa impossibile. 3L’ego non dà mai partendo dall’abbondanza, perché è stato fatto come sostituto ad essa. 4Ecco perché nel sistema di pensiero dell’ego è nato il concetto di “ottenere”. 5Gli appetiti sono meccanismi per “ottenere”, e rappresentano il bisogno dell’ego di confermare se stesso. 6Questo è vero degli appetiti del corpo come lo è dei cosiddetti “bisogni più alti dell’ego”. 7Gli appetiti del corpo non sono di origine fisica. 8L’ego guarda al corpo come alla propria casa, e cerca di soddisfarsi attraverso il corpo. 9Ma l’idea che questo sia possibile è una decisione della mente, che è diventata completamente confusa riguardo a ciò che è veramente possibile.

8. L’ego crede di essere completamente autonomo, che è solo un’altro modo di descrivere come pensa di aver avuto origine. 2Questa è una condizione che fa così paura, che esso può solo rivolgersi ad altri ego e cercare di unirsi ad essi in un debole tentativo di identificazione, o attaccarli in una altrettanto debole dimostrazione di forza. 3Non è libero, comunque, di mettere in dubbio la premessa, perché la premessa è il suo fondamento. 4L’ego è la credenza della mente di essere completamente autonoma. 5Gli incessanti tentativi dell’ego di guadagnarsi il riconoscimento dello spirito, e così di stabilire la propria esistenza, sono inutili. 6Lo spirito, nella sua conoscenza, è inconsapevole dell’ego. 7Non lo attacca: semplicemente non è affatto in grado di concepirlo. 8Mentre l’ego è ugualmente inconsapevole dello spirito, si percepisce come respinto da qualcosa di più grande di sé. 9Questo è il motivo per cui l’autostima in termini egoici deve essere illusoria. 10Le creazioni di Dio non creano miti, anche se lo sforzo creativo può essere trasformato in mitologia. 11Può esserlo, comunque, solo a una condizione: che ciò che fa a questo punto non è più creativo. 12I miti rientrano interamente nel campo della percezione, sono quindi ambigui nella forma e hanno una natura tipica di bene-e-male tale, che il più benevolo di essi non è privo di connotazioni spaventose.

9. Miti e magia sono strettamente associati, dato che i miti sono di solito relativi alle origini dell’ego, e la magia ai poteri che l’ego si attribuisce. 2I sistemi mitologici generalmente includono qualche resoconto della “creazione”, e la associano con la sua particolare forma di magia. 3La cosiddetta “lotta per la sopravvivenza” è solo la lotta dell’ego per preservare se stesso e la sua interpretazione delle proprie origini. 4Queste origini sono di solito associate con la nascita fisica, perché è difficile ammettere che l’ego esistesse prima di quel momento. 5Le persone orientate secondo l’ego più “religiosamente” possono credere che l’anima esistesse prima, e che continuerà ad esistere dopo un temporaneo periodo nella vita dell’ego. 6Alcuni, addirittura, credono che l’anima verrà punita per questo periodo. 7Comunque, la salvezza non si applica allo spirito, che non è in pericolo e non ha bisogno di essere salvato.

10. La salvezza non è niente di più che “essere nella mente corretta”, che non è “l’essere nella Mente Una” dello Spirito Santo, ma che deve essere ottenuta prima che l’essere nella Mente Una sia ripristinato. 2L’essere nella mente corretta porta automaticamente al passo successivo, perché la giusta percezione è uniformemente priva di attacco, e quindi l’essere nella mente sbagliata è annullato. 3L’ego non può sopravvivere senza giudizio, ed è conseguentemente lasciato da parte. 4La mente ha quindi solo una direzione nella quale si può muovere. 5La sua direzione è sempre automatica, perché non può che essere dettata dal sistema di pensiero a cui aderisce.

11. Non sarà mai sottolineato troppo spesso il fatto che correggere la percezione è solo un espediente temporaneo. 2È necessario solo perché la percezione distorta è un blocco alla conoscenza, mentre la percezione accurata è una pietra miliare verso di essa. 3L’intero valore della percezione corretta sta nell’inevitabile realizzazione che tutta la percezione non è necessaria. 4Questo elimina interamente il blocco. 5Ti puoi chiedere come questo sia possibile dal momento che ti sembra di vivere in questo mondo. 6Questa è una domanda ragionevole. 7Devi stare attento, tuttavia, a capirla veramente. 8Chi è il “tu” che vive in questo mondo? 9Lo spirito è immortale, e l’immortalità è uno stato costante. 10È vero allo stesso modo adesso come lo è sempre stato o sempre lo sarà, perché non implica alcun cambiamento. 11Non è un continuum, né è possibile comprenderlo paragonandolo a un opposto. 12La conoscenza non implica mai paragoni. 13Questa è la principale differenza da qualsiasi altra cosa che la mente può afferrare.

III. Love without Conflict
T-4.III.1. It is hard to understand what “The Kingdom of Heaven is within you” really means. This is because it is not understandable to the ego, which interprets it as if something outside is inside, and this does not mean anything. The word “within” is unnecessary. The Kingdom of Heaven is you. What else but you did the Creator create, and what else but you is His Kingdom? This is the whole message of the Atonement; a message which in its totality transcends the sum of its parts. You, too, have a Kingdom that your spirit created. It has not ceased to create because of the ego’s illusions. Your creations are no more fatherless than you are. Your ego and your spirit will never be co-creators, but your spirit and your Creator will always be. Be confident that your creations are as safe as you are. The Kingdom is perfectly united and perfectly protected, and the ego will not prevail against it. Amen.

T-4.III.2. This is written in the form of a prayer because it is useful in moments of temptation. It is a declaration of independence. You will find it very helpful if you understand it fully. The reason you need my help is because you have denied your own Guide and therefore need guidance. My role is to separate the true from the false, so truth can break through the barriers the ego has set up and can shine into your mind. Against our united strength the ego cannot prevail.

T-4.III.3. It is surely apparent by now why the ego regards spirit as its “enemy.” The ego arose from the separation, and its continued existence depends on your continuing belief in the separation. The ego must offer you some sort of reward for maintaining this belief. All it can offer is a sense of temporary existence, which begins with its own beginning and ends with its own ending. It tells you this life is your existence because it is its own. Against this sense of temporary existence spirit offers you the knowledge of permanence and unshakable being. No one who has experienced the revelation of this can ever fully believe in the ego again. How can its meager offering to you prevail against the glorious gift of God?

T-4.III.4. You who identify with your ego cannot believe God loves you. You do not love what you made, and what you made does not love you. Being made out of the denial of the Father, the ego has no allegiance to its maker. You cannot conceive of the real relationship that exists between God and His creations because of your hatred for the self you made. You project onto the ego the decision to separate, and this conflicts with the love you feel for the ego because you made it. No love in this world is without this ambivalence, and since no ego has experienced love without ambivalence the concept is beyond its understanding. Love will enter immediately into any mind that truly wants it, but it must want it truly. This means that it wants it without ambivalence, and this kind of wanting is wholly without the ego’s “drive to get.”

T-4.III.5. There is a kind of experience so different from anything the ego can offer that you will never want to cover or hide it again. It is necessary to repeat that your belief in darkness and hiding is why the light cannot enter. The Bible gives many references to the immeasurable gifts which are for you, but for which you must ask. This is not a condition as the ego sets conditions. It is the glorious condition of what you are.

T-4.III.6. No force except your own will is strong enough or worthy enough to guide you. In this you are as free as God, and must remain so forever. Let us ask the Father in my name to keep you mindful of His Love for you and yours for Him. He has never failed to answer this request, because it asks only for what He has already willed. Those who call truly are always answered. Thou shalt have no other gods before Him because there are none.

T-4.III.7. It has never really entered your mind to give up every idea you ever had that opposes knowledge. You retain thousands of little scraps of fear that prevent the Holy One from entering. Light cannot penetrate through the walls you make to block it, and it is forever unwilling to destroy what you have made. No one can see through a wall, but I can step around it. Watch your mind for the scraps of fear, or you will be unable to ask me to do so. I can help you only as our Father created us. I will love you and honor you and maintain complete respect for what you have made, but I will not uphold it unless it is true. I will never forsake you any more than God will, but I must wait as long as you choose to forsake yourself. Because I wait in love and not in impatience, you will surely ask me truly. I will come in response to a single unequivocal call.

T-4.III.8. Watch carefully and see what it is you are really asking for. Be very honest with yourself in this, for we must hide nothing from each other. If you will really try to do this, you have taken the first step toward preparing your mind for the Holy One to enter. We will prepare for this together, for once He has come, you will be ready to help me make other minds ready for Him. How long will you deny Him His Kingdom?

T-4.III.9. In your own mind, though denied by the ego, is the declaration of your release. God has given you everything. This one fact means the ego does not exist, and this makes it profoundly afraid. In the ego’s language, “to have”and “to be”are different, but they are identical to the Holy Spirit. The Holy Spirit knows that you both have everything and are everything. Any distinction in this respect is meaningful only when the idea of “getting,” which implies a lack, has already been accepted. That is why we make no distinction between having the Kingdom of God and being the Kingdom of God.

T-4.III.10. The calm being of God’s Kingdom, which in your sane mind is perfectly conscious, is ruthlessly banished from the part of the mind the ego rules. The ego is desperate because it opposes literally invincible odds, whether you are asleep or awake. Consider how much vigilance you have been willing to exert to protect your ego, and how little to protect your right mind. Who but the insane would undertake to believe what is not true, and then protect this belief at the cost of truth?

III. Amore senza conflitto
1. È difficile capire cosa vuol dire veramente “il Regno dei Cieli è dentro di te”. 2Questo perché è incomprensibile all’ego, che lo interpreta come se qualcosa di esterno fosse dentro, e questo non significa niente. 3La parola “dentro” non è necessaria. 4Il Regno dei Cieli sei tu. 5Cos’altro creò il Creatore se non te, e cos’altro è il Suo Regno se non te? 6Questo è l’intero messaggio della Riconciliazione: un messaggio che nella sua totalità trascende la somma delle sue parti. 7Anche tu hai un regno che è stato creato dal tuo spirito. 8Non ha smesso di creare a causa delle illusioni dell’ego. 9Le tue creazioni non sono più prive di padre di quanto lo sei tu. 10Il tuo ego e il tuo spirito non saranno mai co-creatori, ma il tuo spirito e il tuo Creatore lo saranno sempre. 11Abbi fiducia che le tue creazioni sono tanto al sicuro quanto lo sei tu.

12Il Regno è perfettamente unito e perfettamente protetto, e l’ego non prevarrà contro di esso. Amen.

2. Questo è scritto in forma di preghiera perché è utile nei momenti di tentazione. 2È una dichiarazione di indipendenza. 3Se la comprenderai pienamente la troverai molto utile. 4La ragione per cui hai bisogno del mio aiuto è perché hai negato la tua Guida e hai quindi bisogno di essere guidato. 5Il mio ruolo è di separare il vero dal falso, così che la verità possa far breccia attraverso le barriere costruite dall’ego e possa risplendere nella tua mente. 6Contro le nostre forze unite l’ego non può prevalere.

3. È sicuramente evidente, a questo punto, il perché l’ego consideri lo spirito come suo “nemico”. 2L’ego è emerso dalla separazione, e la continuità della sua esistenza dipende dal fatto che continui a credere nella separazione. 3L’ego deve offrirti qualche forma di ricompensa per indurti a continuare a crederci. 4Tutto quello che può offrire è un senso di esistenza temporanea, che inizia col proprio inizio e finisce con la sua stessa fine. 5Ti dice che questa vita è la tua esistenza perché è la sua. 6Contro questo senso di esistenza temporanea lo spirito ti offre la conoscenza della permanenza e dell’essere imperturbabile. 7Nessuno che abbia provato questa rivelazione potrà mai credere ancora pienamente nell’ego. 8Come può la sua magra offerta prevalere contro il glorioso dono di Dio?

4. Tu, che ti identifichi con l’ego, non puoi credere che Dio ti ami. 2Tu non ami ciò che hai fatto, e ciò che hai fatto non ti ama. 3Essendo scaturito dalla negazione del Padre, l’ego non è alleato di chi lo ha fatto. 4Non puoi concepire la vera relazione esistente tra Dio e le Sue creature a causa dell’odio per il sé che hai fatto tu. 5Tu proietti sull’ego la decisione di separarsi, e questo è in conflitto con l’amore che senti per l’ego, dal momento che l’hai fatto tu. 6Nessun amore in questo mondo è privo di questa ambivalenza, e siccome nessun ego ha sperimentato amore senza ambivalenza, il concetto è al di là della sua comprensione. 7L’amore entrerà immediatamente in qualunque mente che lo desideri veramente, ma deve volerlo davvero. 8Questo vuol dire che lo vuole senza ambivalenza, e questo genere di volere è completamente al di fuori della “spinta a ottenere” dell’ego.

5. C’è un tipo di esperienza così differente da qualsiasi cosa l’ego possa offrire, che tu non vorrai mai coprirla o nasconderla ancora. 2È necessario ripetere che il motivo per cui la luce non può entrare è che tu credi nell’oscurità e nel nascondersi. 3La Bibbia fa molti riferimenti ai doni incommensurabili che ti aspettano, ma per avere i quali devi chiedere. 4Questa non è una condizione simile a quelle stabilite dall’ego. 5È la gloriosa condizione di ciò che sei

6. Nessuna forza, eccetto la tua stessa volontà, è sufficientemente forte o sufficientemente valida da guidarti. 2In questo sei libero come Dio, e lo devi rimanere per sempre. 3Chiediamo al Padre in mio nome di mantenerti consapevole del Suo Amore per te e del tuo per Lui. 4Egli non ha mai mancato di esaudire questa richiesta, perché chiede solo ciò che Egli ha già voluto. 5Coloro che chiedono veramente vengono sempre esauditi. 6Non avrai altri dei al di fuori di Lui perché non ce ne sono.

7. Non ti è mai veramente venuto in mente di rinunciare a tutte le idee che tu abbia mai avuto in opposizione alla conoscenza. 2Tu trattieni migliaia di pezzetti di paura che impediscono al Santo di entrare. 3La luce non può penetrare attraverso i muri che costruisci per bloccarla, e non sarà mai disposto a distruggere ciò che hai fatto tu. 4Nessuno può vedere attraverso un muro, ma io posso aggirarlo. 5Vigila sulla tua mente contro i pezzetti di paura, o non sarai capace di chiedermi di farlo. 6Posso aiutarti solo come nostro Padre ci ha creati. 7Io voglio amarti, onorarti e mantenere completo rispetto per ciò che hai fatto, ma non voglio sostenerlo se non è vero. 8Io non ti abbandonerò più di quanto lo farà Dio, ma devo aspettare fintanto che non sceglierai di abbandonarti. 9Dal momento che io attendo con amore e non con impazienza, sicuramente me lo chiederai per davvero. 10Io verrò in risposta a un singolo inequivocabile richiamo.

8. Osserva attentamente e vedi cosa stai realmente chiedendo. 2Sii molto onesto con te stesso in questo, perché non dobbiamo nasconderci niente l’un l’altro. 3Se vuoi realmente provare a fare ciò, hai mosso il primo passo per preparare la tua mente a far entrare il Santo. 4Ci prepareremo a questo insieme, perché una volta che Lui sarà venuto, sarai pronto ad aiutarmi a rendere altre menti pronte per Lui. 5Per quanto tempo Gli negherai il Suo Regno?

9. Nella tua mente, anche se negata dall’ego, c’è la dichiarazione della tua liberazione. 2Dio ti ha dato tutto. 3Questo solo fatto significa che l’ego non esiste, e questo gli fa profondamente paura. 4Nel linguaggio dell’ego, “avere” e “essere” sono differenti, ma sono identici per lo Spirito Santo. 5Lo Spirito Santo sa che voi avete tutto e siete tutto. 6Ogni distinzione a questo riguardo ha significato solo quando l’idea di “ottenere”, che implica una carenza, sia già stata accettata. 7Questo è il motivo per cui non facciamo distinzioni tra avere il Regno di Dio ed essere il Regno di Dio.

10. La calma che appartiene al Regno di Dio, che nella tua mente sana è perfettamente cosciente, è inesorabilmente bandita dalla parte della mente dominata dall’ego. 2L’ego è disperato perché si confronta con svantaggi letteralmente invincibili, sia che tu sia sveglio o addormentato. 3Considera quanta vigilanza sei stato disposto ad esercitare per proteggere il tuo ego, e quanto poca per proteggere la tua mente corretta. 4Chi, se non un folle, si impegnerebbe a credere ciò che non è vero, per poi proteggere questa credenza a costo della verità?

IV. This Need Not Be
T-4.IV.1. If you cannot hear the Voice for God, it is because you do not choose to listen. That you do listen to the voice of your ego is demonstrated by your attitudes, your feelings and your behavior. Yet this is what you want. This is what you are fighting to keep, and what you are vigilant to save. Your mind is filled with schemes to save the face of your ego, and you do not seek the face of Christ. The glass in which the ego seeks to see its face is dark indeed. How can it maintain the trick of its existence except with mirrors? But where you look to find yourself is up to you.

T-4.IV.2. I have said that you cannot change your mind by changing your behavior, but I have also said, and many times, that you can change your mind. When your mood tells you that you have chosen wrongly, and this is so whenever you are not joyous, then know this need not be. In every case you have thought wrongly about some brother God created, and are perceiving images your ego makes in a darkened glass. Think honestly what you have thought that God would not have thought, and what you have not thought that God would have you think. Search sincerely for what you have done and left undone accordingly, and then change your mind to think with God’s. This may seem hard to do, but it is much easier than trying to think against it. Your mind is one with God’s. Denying this and thinking otherwise has held your ego together, but has literally split your mind. As a loving brother I am deeply concerned with your mind, and urge you to follow my example as you look at yourself and at your brother, and see in both the glorious creations of a glorious Father.

T-4.IV.3. When you are sad, know this need not be. Depression comes from a sense of being deprived of something you want and do not have. Remember that you are deprived of nothing except by your own decisions, and then decide otherwise.

T-4.IV.4. When you are anxious, realize that anxiety comes from the capriciousness of the ego, and know this need not be. You can be as vigilant against the ego’s dictates as for them.

T-4.IV.5. When you feel guilty, remember that the ego has indeed violated the laws of God, but you have not. Leave the “sins” of the ego to me. That is what Atonement is for. But until you change your mind about those whom your ego has hurt, the Atonement cannot release you. While you feel guilty your ego is in command, because only the ego can experience guilt. This need not be.

T-4.IV.6. Watch your mind for the temptations of the ego, and do not be deceived by it. It offers you nothing. When you have given up this voluntary dis-spiriting, you will see how your mind can focus and rise above fatigue and heal. Yet you are not sufficiently vigilant against the demands of the ego to disengage yourself. This need not be.

T-4.IV.7. The habit of engaging with God and His creations is easily made if you actively refuse to let your mind slip away. The problem is not one of concentration; it is the belief that no one, including yourself, is worth consistent effort. Side with me consistently against this deception, and do not permit this shabby belief to pull you back. The disheartened are useless to themselves and to me, but only the ego can be disheartened.

T-4.IV.8. Have you really considered how many opportunities you have had to gladden yourself, and how many of them you have refused? There is no limit to the power of a Son of God, but he can limit the expression of his power as much as he chooses. Your mind and mine can unite in shining your ego away, releasing the strength of God into everything you think and do. Do not settle for anything less than this, and refuse to accept anything but this as your goal. Watch your mind carefully for any beliefs that hinder its accomplishment, and step away from them. Judge how well you have done this by your own feelings, for this is the one right use of judgment. Judgment, like any other defense, can be used to attack or protect; to hurt or to heal. The ego should be brought to judgment and found wanting there. Without your own allegiance, protection and love, the ego cannot exist. Let it be judged truly and you must withdraw allegiance, protection and love from it.

T-4.IV.9. You are a mirror of truth, in which God Himself shines in perfect light. To the ego’s dark glass you need but say, “I will not look there because I know these images are not true.” Then let the Holy One shine on you in peace, knowing that this and only this must be. His Mind shone on you in your creation and brought your mind into being. His Mind still shines on you and must shine through you. Your ego cannot prevent Him from shining on you, but it can prevent you from letting Him shine through you.

T-4.IV.10. The First Coming of Christ is merely another name for the creation, for Christ is the Son of God. The Second Coming of Christ means nothing more than the end of the ego’s rule and the healing of the mind. I was created like you in the First, and I have called you to join with me in the Second. I am in charge of the Second Coming, and my judgment, which is used only for protection, cannot be wrong because it never attacks. Yours may be so distorted that you believe I was mistaken in choosing you. I assure you this is a mistake of your ego. Do not mistake it for humility. Your ego is trying to convince you that it is real and I am not, because if I am real, I am no more real than you are. That knowledge, and I assure you that it is knowledge, means that Christ has come into your mind and healed it.

T-4.IV.11. I do not attack your ego. I do work with your higher mind, the home of the Holy Spirit, whether you are asleep or awake, just as your ego does with your lower mind, which is its home. I am your vigilance in this, because you are too confused to recognize your own hope. I am not mistaken. Your mind will elect to join with mine, and together we are invincible. You and your brother will yet come together in my name, and your sanity will be restored. I raised the dead by knowing that life is an eternal attribute of everything that the living God created. Why do you believe it is harder for me to inspire the dis-spirited or to stabilize the unstable? I do not believe that there is an order of difficulty in miracles; you do. I have called and you will answer. I understand that miracles are natural, because they are expressions of love. My calling you is as natural as your answer, and as inevitable.

IV. Non è necessario che sia così
1. Se non puoi sentire la voce che parla per Dio, è perché non scegli di ascoltare. 2Che tu, di fatto, ascolti la voce dell’ego è provato dai tuoi atteggiamenti, dai tuoi sentimenti e dal tuo comportamento. 3Ma questo è ciò che vuoi. 4Questo è ciò per il cui mantenimento lotti, e ciò per la cui salvezza vigili. 5La tua mente è piena di schemi che salvano la faccia al tuo ego e non cerchi il volto di Cristo. 6Lo specchio in cui l’ego cerca di vedere la propria faccia è davvero scuro. 7Come può sostenere il trucco della sua esistenza se non con specchi? 8Ma dove guardare per trovare te stesso dipende da te.

2. Ho detto che non puoi cambiare la tua mente cambiando il tuo comportamento, ma ho anche detto, e molte volte, che puoi cambiare la tua mente. 2Quando il tuo stato d’animo ti dice che hai scelto in modo errato, ed è così tutte le volte che non sei gioioso, allora sappi che questo non è necessario. 3In ogni caso hai pensato erroneamente riguardo a qualche fratello creato da Dio, e stai percependo immagini che il tuo ego fa in uno specchio oscurato. 4Pensa onestamente che cosa hai pensato che Dio non avrebbe pensato, e cosa non hai pensato che Dio avrebbe voluto che tu pensassi. 5Cerca sinceramente ciò che hai fatto e ciò che non hai fatto di conseguenza, e cambia la tua mente per pensare con quella di Dio. 6Questo può sembrare difficile da farsi, ma è molto più facile che cercare di pensare contro di essa. 7La tua mente è una con quella di Dio. 8Negare questo e pensare altrimenti ha tenuto insieme l’ego, ma ha letteralmente diviso la tua mente. 9Come fratello amorevole sono profondamente interessato alla tua mente, e ti sprono a seguire il mio esempio quando guardi te stesso e tuo fratello, e a vedere in entrambi le gloriose creature di un Padre glorioso.

3. Quando sei triste, sappi che questo non è necessario. 2La depressione viene dalla sensazione di essere privato di qualcosa che vuoi e non hai. 3Ricorda che non sei deprivato di niente se non dalle tue decisioni, e quindi decidi altrimenti.

4. Quando sei ansioso, renditi conto che l’ansia deriva dalla capricciosità dell’ego e sappi che questo non è necessario. 2Puoi essere tanto vigile contro i dettami dell’ego come lo sei in loro favore.

5. Quando ti senti in colpa, ricordati che l’ego ha veramente violato le leggi di Dio, ma tu no. 2Lascia a me i “peccati” dell’ego. 3È a questo che serve la Riconciliazione. 4Ma finché non cambierai la tua mente riguardo a coloro ai quali il tuo ego ha fatto del male, la Riconciliazione non potrà liberarti. 5Quando ti senti in colpa è il tuo ego che comanda, perché solo l’ego può sentirsi in colpa. 6Questo non è necessario.

6. Vigila sulla tua mente contro le tentazioni dell’ego, e non farti ingannare da esso. 2Non ti offre niente. 3Quando avrai rinunciato a questa di-spera-zione volontaria, vedrai come la tua mente sia in grado di focalizzarsi, innalzarsi al di sopra della fatica e guarire. 4Tuttavia non sei ancora sufficientemente vigile contro le richieste dell’ego per svincolarti. 5Questo non è necessario.

7. L’abitudine di impegnarsi con Dio e le Sue creazioni si forma facilmente se ti rifiuti attivamente di permettere alla tua mente di eclissarsi. 2Il problema non è di concentrazione: è il credere che nessuno, incluso te stesso, meriti uno sforzo coerente. 3Sta coerentemente dalla mia parte contro questo inganno, e non permettere a questa misera credenza di trattenerti. 4Chi è scoraggiato è inutile a se stesso ed a me, ma solo l’ego può essere scoraggiato.

8. Hai veramente considerato quante opportunità hai avuto di farti felice, e quante ne hai rifiutate? 2Non c’è limite al potere di un Figlio di Dio, ma egli può limitare l’espressione del suo potere a sua scelta. 3La tua mente e la mia si possono unire per far svanire l’ego con la luce, liberando la forza di Dio in ogni cosa che pensi e che fai. 4Non accontentarti di niente che sia meno di ciò, e rifiutati di accettare qualsiasi altra cosa come tuo obiettivo. 5Vigila attentamente sulla tua mente contro tutte le credenze che ne impediscano il compimento, e allontanati da esse. 6Giudica da come ti senti se lo hai fatto bene, perché questo è l’unico uso corretto del giudizio. 7Il giudizio, come ogni altra difesa, può essere usato per attaccare o per proteggere; per ferire o per guarire. 8L’ego dovrebbe essere portato in giudizio e lì ritenuto privo di valore. 9Senza la tua alleanza, la tua protezione e il tuo amore, l’ego non potrà esistere. 10Permetti che sia giudicato veramente e dovrai ritrarre da esso la tua alleanza, la tua protezione ed il tuo amore.

9. Tu sei uno specchio di verità, nel quale Dio Stesso risplende di luce perfetta. 2Allo specchio oscuro dell’ego non devi dire altro che: “Non guarderò lì perché so che queste immagini non sono vere”. 3Quindi lascia che il Santo splenda in pace su di te, sapendo che questo, e solo questo, deve essere. 4La Sua Mente risplendette su di te nella tua creazione e ha portato all’esistenza la tua mente. 5La Sua Mente ancora splende su di te e deve splendere attraverso di te. 6Il tuo ego non può impedirGli di splendere su di te, ma può impedirti di lasciare che Lui splenda per tuo tramite.

10. La Prima Venuta di Cristo è solo un’altro nome per la creazione, perché Cristo è il Figlio di Dio. 2La Seconda Venuta di Cristo non significa nient’altro che la fine del dominio dell’ego e la guarigione della mente. 3Io sono stato creato come te nella Prima, e ti ho chiamato per unirti a me nella Seconda. 4Io sono responsabile della Seconda Venuta, ed il mio giudizio, che è usato solo per protezione, non può essere sbagliato, perché non attacca mai. 5Il tuo potrebbe essere così distorto da credere che mi sono sbagliato scegliendo te. 6Ti assicuro che è un errore del tuo ego. 7Non confonderlo con l’umiltà. 8Il tuo ego sta cercando di convincerti che lui è reale e io no, perché se io sono reale, non sono più reale di quanto lo sei tu. 9Quella conoscenza, e io ti assicuro che è conoscenza, significa che Cristo è entrato nella tua mente e l’ha guarita.

11. Io non attacco il tuo ego. 2Io lavoro con la tua mente più elevata, la dimora dello Spirito Santo, sia che tu dorma o che sia sveglio, proprio come il tuo ego fa con la tua mente inferiore, che è la sua casa. 3Io sono la tua vigilanza in questo, perché sei troppo confuso per riconoscere la tua stessa speranza. 4Io non mi sbaglio. 5La tua mente sceglierà di unirsi alla mia, e uniti saremo invincibili. 6Tu e tuo fratello vi unirete così nel mio nome, e verrà ripristinata la vostra sanità mentale. 7Ho resuscitato i morti perché sapevo che la vita è un attributo eterno di ogni cosa che il Dio vivente ha creato. 8Perché credi che sia più difficile per me ispirare il disperato o stabilizzare l’instabile? 9Io non credo che ci sia un ordine di difficoltà nei miracoli: sei tu che lo credi. 10Io ho chiamato e tu risponderai. 11Io capisco che i miracoli sono naturali, perché sono espressioni d’amore. 12Che io ti chiami è tanto naturale quanto la tua risposta, e altrettanto inevitabile.

V. The Ego-Body Illusion
T-4.V.1. All things work together for good. There are no exceptions except in the ego’s judgment. The ego exerts maximal vigilance about what it permits into awareness, and this is not the way a balanced mind holds together. The ego is thrown further off balance because it keeps its primary motivation from your awareness, and raises control rather than sanity to predominance. The ego has every reason to do this, according to the thought system which gave rise to it and which it serves. Sane judgment would inevitably judge against the ego, and must be obliterated by the ego in the interest of its self-preservation.

T-4.V.2. A major source of the ego’s off-balanced state is its lack of discrimination between the body and the Thoughts of God. Thoughts of God are unacceptable to the ego, because they clearly point to the nonexistence of the ego itself. The ego therefore either distorts them or refuses to accept them. It cannot, however, make them cease to be. It therefore tries to conceal not only “unacceptable” body impulses, but also the Thoughts of God, because both are threatening to it. Being concerned primarily with its own preservation in the face of threat, the ego perceives them as the same. By perceiving them as the same, the ego attempts to save itself from being swept away, as it would surely be in the presence of knowledge.

T-4.V.3. Any thought system that confuses God and the body must be insane. Yet this confusion is essential to the ego, which judges only in terms of threat or non-threat to itself. In one sense the ego’s fear of God is at least logical, since the idea of Him does dispel the ego. But fear of the body, with which the ego identifies so closely, makes no sense at all.

T-4.V.4. The body is the ego’s home by its own election. It is the only identification with which the ego feels safe, since the body’s vulnerability is its own best argument that you cannot be of God. This is the belief that the ego sponsors eagerly. Yet the ego hates the body, because it cannot accept it as good enough to be its home. Here is where the mind becomes actually dazed. Being told by the ego that it is really part of the body and that the body is its protector, the mind is also told that the body cannot protect it. Therefore, the mind asks, “Where can I go for protection?” to which the ego replies, “Turn to me.” The mind, and not without cause, reminds the ego that it has itself insisted that it is identified with the body, so there is no point in turning to it for protection. The ego has no real answer to this because there is none, but it does have a typical solution. It obliterates the question from the mind’s awareness. Once out of awareness the question can and does produce uneasiness, but it cannot be answered because it cannot be asked.

T-4.V.5. This is the question that must be asked: “Where can I go for protection?” “Seek and ye shall find” does not mean that you should seek blindly and desperately for something you would not recognize. Meaningful seeking is consciously undertaken, consciously organized and consciously directed. The goal must be formulated clearly and kept in mind. Learning and wanting to learn are inseparable. You learn best when you believe what you are trying to learn is of value to you. However, not everything you may want to learn has lasting value. Indeed, many of the things you want to learn may be chosen because their value will not last.

T-4.V.6. The ego thinks it is an advantage not to commit itself to anything that is eternal, because the eternal must come from God. Eternalness is the one function the ego has tried to develop, but has systematically failed to achieve. The ego compromises with the issue of the eternal, just as it does with all issues touching on the real question in any way. By becoming involved with tangential issues, it hopes to hide the real question and keep it out of mind. The ego’s characteristic busyness with nonessentials is for precisely that purpose. Preoccupations with problems set up to be incapable of solution are favorite ego devices for impeding learning progress. In all these diversionary tactics, however, the one question that is never asked by those who pursue them is, “What for?” This is the question that you must learn to ask in connection with everything. What is the purpose? Whatever it is, it will direct your efforts automatically. When you make a decision of purpose, then, you have made a decision about your future effort; a decision that will remain in effect unless you change your mind.

V. L’illusione dell’ego e del corpo
1. Ogni cosa concorre al bene. 2Non ci sono eccezioni se non nel giudizio dell’ego. 3L’ego esercita una vigilanza massima riguardo a ciò a cui permette di raggiungere la consapevolezza, e questo non è il modo in cui si mantiene una mente equilibrata. 4L’ego viene gettato ancor più fuori equilibrio, perché nasconde alla tua consapevolezza la sua motivazione primaria, e fa predominare il controllo invece della sanità mentale. 5L’ego ha ogni ragione per fare ciò, secondo il sistema di pensiero da cui è stato generato e che serve. 6Un giudizio sano giudicherebbe inevitabilmente contro l’ego, e deve essere annullato dall’ego nell’interesse della sua autoconservazione.

2. Una delle fonti principali dello stato squilibrato dell’ego è la mancanza di discriminazione tra il corpo e i Pensieri di Dio. 2I Pensieri di Dio sono inaccettabili per l’ego, perché indicano chiaramente la non esistenza dell’ego stesso. 3L’ego quindi o li distorce o si rifiuta di accettarli. 4Non può, comunque, far cessare la loro esistenza. 5Cerca quindi di dissimulare non solo gli “inaccettabili” impulsi corporei, ma anche i Pensieri di Dio, perché entrambi sono minacciosi per lui. 6Essendo essenzialmente preoccupato della propria conservazione davanti alla minaccia, l’ego li percepisce allo stesso modo. 7Percependoli allo stesso modo, l’ego cerca di salvarsi dall’essere spazzato via, come accadrebbe sicuramente in presenza della conoscenza.

3. Qualsiasi sistema di pensiero che confonda Dio e il corpo deve essere folle. 2Tuttavia questa confusione è essenziale all’ego, che giudica solo in termini di minaccia o non minaccia per se stesso. 3In un certo senso la paura che l’ego ha di Dio è quanto meno logica, dato che l’idea di Lui dissolve l’ego. 4Ma la paura del corpo, con la quale l’ego si identifica così strettamente, non ha alcun senso.

4. Il corpo è la casa dell’ego, per sua propria scelta. 2È l’unica identificazione con la quale l’ego si sente al sicuro, dato che la vulnerabilità del corpo è la sua migliore argomentazione a favore della tesi secondo la quale non puoi essere di Dio. 3Questa è la credenza che l’ego sostiene ardentemente. 4Tuttavia l'ego odia il corpo, perché non lo ritiene sufficientemente buono ad essere la sua casa. 5È qui che la mente si sbalordisce davvero. 6Le viene detto dall’ego che è veramente parte del corpo e che il corpo è il suo protettore, e le viene anche detto che il corpo non può proteggerla. 7Quindi la mente chiede: “Dove posso rivolgermi per avere protezione?”; al che l’ego risponde: “Rivolgiti a me”. 8La mente, e non senza motivo, ricorda all’ego che è stato lui a sostenere che essa è identificata col corpo, così non c’è motivo di rivolgersi ad esso per avere protezione. 9L’ego non ha una risposta valida, perché non ce n’è alcuna, ma ha una soluzione peculiare. 10Cancella la domanda dalla consapevolezza della mente. 11Una volta fuori dalla consapevolezza, la domanda può produrre disagio, ed effettivamente lo produce, ma non può essere risposta perché non può essere posta.

5. Questa è la domanda che deve essere posta: “Dove posso trovare protezione?” 2“Cerca e troverai” non significa che devi cercare ciecamente e disperatamente qualcosa che non puoi riconoscere. 3Un cercare significativo è intrapreso consciamente, consciamente organizzato e consciamente diretto. 4L’obiettivo deve essere formulato chiaramente ed essere tenuto in mente. 5Imparare e voler imparare sono inseparabili. 6Impari meglio quando credi che ciò che stai cercando di imparare ha valore per te. 7Tuttavia, non tutto ciò che potresti voler imparare ha un valore duraturo. 8Di fatto, molte delle cose che vuoi imparare possono essere scelte perché il loro valore non dura.

6. L’ego pensa che sia vantaggioso non impegnarsi in niente che sia eterno, perché l’eterno deve venire da Dio. 2L’eternità è una funzione che l’ego ha cercato di sviluppare, ma sistematicamente non è riuscito ad ottenere. 3L’ego fa compromessi con la questione dell’eterno, così come fa con tutte le questioni che tocchino il vero problema in qualunque modo. 4Coinvolgendosi in questioni secondarie, spera di nascondere la domanda reale e di tenerla fuori dalla mente. 5La caratteristica dell’ego di occuparsi di ciò che non è essenziale ha esattamente questo scopo. 6Occupare la mente con problemi fatti apposta per essere insolubili è uno strumento prediletto dall’ego per impedire il processo di apprendimento. 7In tutte queste tattiche diversive, comunque, la domanda che non viene mai posta da chi le persegue è: “A quale scopo?” 8Questa è la domanda che tu devi imparare a fare riguardo a qualunque cosa. 9Qual è lo scopo? 10Qualunque esso sia, dirigerà i tuoi sforzi automaticamente. 11Poi, quando prendi una decisione riguardo allo scopo, prendi una decisione riguardo ai tuoi sforzi futuri: una decisione che rimarrà valida a meno che tu non cambi la tua mente.

VI. The Rewards of God
T-4.VI.1. The ego does not recognize the real source of “threat,” and if you associate yourself with the ego, you do not understand the situation as it is. Only your allegiance to it gives the ego any power over you. I have spoken of the ego as if it were a separate thing, acting on its own. This was necessary to persuade you that you cannot dismiss it lightly, and must realize how much of your thinking is ego-directed. We cannot safely let it go at that, however, or you will regard yourself as necessarily conflicted as long as you are here, or as long as you believe that you are here. The ego is nothing more than a part of your belief about yourself. Your other life has continued without interruption, and has been and always will be totally unaffected by your attempts to dissociate it.

T-4.VI.2. In learning to escape from illusions, your debt to your brother is something you must never forget. It is the same debt that you owe to me. Whenever you act egotistically towards another, you are throwing away the graciousness of your indebtedness and the holy perception it would produce. The term “holy” can be used here because, as you learn how much you are indebted to the whole Sonship, which includes me, you come as close to knowledge as perception can. The gap is then so small that knowledge can easily flow across it and obliterate it forever.

T-4.VI.3. You have very little trust in me as yet, but it will increase as you turn more and more often to me instead of to your ego for guidance. The results will convince you increasingly that this choice is the only sane one you can make. No one who learns from experience that one choice brings peace and joy while another brings chaos and disaster needs additional convincing. Learning through rewards is more effective than learning through pain, because pain is an ego illusion, and can never induce more than a temporary effect. The rewards of God, however, are immediately recognized as eternal. Since this recognition is made by you and not the ego, the recognition itself establishes that you and your ego cannot be identical. You may believe that you have already accepted this difference, but you are by no means convinced as yet. The fact that you believe you must escape from the ego shows this; but you cannot escape from the ego by humbling it or controlling it or punishing it.

T-4.VI.4. The ego and the spirit do not know each other. The separated mind cannot maintain the separation except by dissociating. Having done this, it denies all truly natural impulses, not because the ego is a separate thing, but because you want to believe that you are. The ego is a device for maintaining this belief, but it is still only your decision to use the device that enables it to endure.

T-4.VI.5. How can you teach someone the value of something he has deliberately thrown away? He must have thrown it away because he did not value it. You can only show him how miserable he is without it, and slowly bring it nearer so he can learn how his misery lessens as he approaches it. This teaches him to associate his misery with its absence, and the opposite of misery with its presence. It gradually becomes desirable as he changes his mind about its worth. I am teaching you to associate misery with the ego and joy with the spirit. You have taught yourself the opposite. You are still free to choose, but can you really want the rewards of the ego in the presence of the rewards of God?

T-4.VI.6. My trust in you is greater than yours in me at the moment, but it will not always be that way. Your mission is very simple. You are asked to live so as to demonstrate that you are not an ego, and I do not choose God’s channels wrongly. The Holy One shares my trust, and accepts my Atonement decisions because my will is never out of accord with His. I have said before that I am in charge of the Atonement. This is only because I completed my part in it as a man, and can now complete it through others. My chosen channels cannot fail, because I will lend them my strength as long as theirs is wanting.

T-4.VI.7. I will go with you to the Holy One, and through my perception He can bridge the little gap. Your gratitude to your brother is the only gift I want. I will bring it to God for you, knowing that to know your brother is to know God. If you are grateful to your brother, you are grateful to God for what He created. Through your gratitude you come to know your brother, and one moment of real recognition makes everyone your brother because each of them is of your Father. Love does not conquer all things, but it does set all things right. Because you are the Kingdom of God I can lead you back to your own creations. You do not recognize them now, but what has been dissociated is still there.

T-4.VI.8. As you come closer to a brother you approach me, and as you withdraw from him I become distant to you. Salvation is a collaborative venture. It cannot be undertaken successfully by those who disengage themselves from the Sonship, because they are disengaging themselves from me. God will come to you only as you will give Him to your brothers. Learn first of them and you will be ready to hear God. That is because the function of love is one.

VI. Le ricompense di Dio
1. L’ego non riconosce la reale fonte della “minaccia”, e se ti associ all’ego, non comprendi la situazione qual è. 2Solo la tua alleanza con esso dà all’ego un qualsiasi potere su di te. 3Ho parlato dell’ego come se fosse una cosa separata, che agisce per conto suo. 4Questo era necessario per persuaderti che non te ne puoi liberare facilmente, e devi renderti conto quanto del tuo pensiero è diretto dall’ego. 5Non possiamo tranquillamente lasciarlo andare così, comunque, o ti vedrai necessariamente in conflitto finché sarai qui, o finché crederai di essere qui. 6L’ego non è nient’altro che una parte di ciò che credi di te stesso. 7L’altra tua vita è continuata senza interruzione, ed è stata e sarà sempre totalmente imperturbata dai tuoi tentativi di dissociartene.

2. Nell’imparare a sfuggire alle illusioni, qualcosa che non devi mai dimenticare è il tuo debito con tuo fratello. 2È lo stesso debito che hai con me. 3Ogni volta che agisci egoisticamente verso un’altro, stai gettando via la misericordia del tuo indebitamento e la santa percezione che avrebbe potuto produrre. 4Il termine “santa” può essere usato qui, perché quando impari quanto sei indebitato con l’intera Figliolanza, me incluso, ti avvicini alla conoscenza tanto quanto è possibile alla percezione. 5Lo spazio vuoto è allora così piccolo che la conoscenza può facilmente fluire attraverso di esso e cancellarlo per sempre.

3. Tu hai ancora pochissima fiducia in me, ma crescerà se ti rivolgerai sempre più spesso a me per essere guidato, invece che al tuo ego. 2I risultati ti convinceranno sempre di più che questa è l’unica scelta sana che tu possa fare. 3Tutti coloro che imparano dall’esperienza che una scelta porta pace e gioia mentre l’altra porta al caos e al disastro non hanno bisogno di ulteriore convincimento. 4Imparare attraverso le ricompense è più efficace che imparare attraverso il dolore, perché il dolore è un’illusione dell’ego, e non può mai indurre altro che un effetto temporaneo. 5Le ricompense di Dio, invece, sono immediatamente riconosciute come eterne. 6Siccome questo riconoscimento è fatto da te e non dall’ego, il riconoscimento stesso stabilisce che tu e il tuo ego non potete essere identici. 7Tu puoi credere di avere già accettato questa differenza, ma non ne sei ancora affatto convinto. 8Il fatto che tu pensi di dover sfuggire all’ego lo dimostra, ma tu non puoi sfuggire all’ego umiliandolo, controllandolo o punendolo.

4. L’ego e lo spirito non si conoscono. 2La mente separata non può mantenere la separazione se non dissociandosi. 3Avendolo fatto, essa nega ogni impulso veramente naturale, non perché l’ego sia una cosa separata, ma perché vuoi credere che tu lo sei. 4L’ego è uno strumento per mantenere questa credenza, ma è ancora solo la tua decisione di usare questo strumento che gli permette di perdurare.

5. Come puoi insegnare a qualcuno il valore di qualcosa che ha deliberatamente gettato via? 2Deve averla gettata via perché non le dava valore. 3Puoi solo mostrargli quanto è miserevole senza di essa, e lentamente farlo avvicinare così che possa imparare come la sua miserevolezza diminuisca quando le si avvicina. 4Questo gli insegna ad associare la sua miserevolezza alla sua assenza, e l’opposto della miserevolezza alla sua presenza. 5Gradualmente essa diventa desiderabile quando egli cambia la sua mente riguardo al suo valore. 6Io ti sto insegnando ad associare la miserevolezza all’ego e la gioia allo spirito. 7Tu ti sei insegnato l’opposto. 8Sei ancora libero di scegliere, ma puoi veramente volere le ricompense dell’ego in presenza delle ricompense di Dio?

6. La mia fiducia in te è maggiore in questo momento della tua fiducia in me, ma non sarà sempre così. 2La tua missione è molto semplice. 3Ti viene chiesto di vivere in modo tale da dimostrare di non essere un ego, e io non sbaglio quando scelgo i canali di Dio. 4Il Santo condivide la mia fiducia, e accetta le mie decisioni di Riparazione perché la mia volontà non è mai in disaccordo con la sua. 5Ho detto prima che sono responsabile della Riparazione. 6Questo avviene solo perché ho compiuto la mia parte in essa come uomo, e ora posso completarla attraverso altri. 7I miei canali prescelti non possono fallire, perché io darò loro la mia forza finché la loro è insufficiente.

7. Andrò con te dal Santo, e attraverso la mia percezione Egli potrà colmare il piccolo spazio vuoto. 2La tua gratitudine per tuo fratello è l’unico dono che voglio. 3La porterò a Dio per te, sapendo che conoscere tuo fratello è conoscere Dio. 4Se sei grato a tuo fratello, sei grato a Dio per ciò che ha creato. 5Attraverso la tua gratitudine arrivi a conoscere tuo fratello, e un solo momento di reale riconoscimento rende tutti tuoi fratelli, perché ciascuno di essi è del Padre tuo. 6L’amore non conquista tutte le cose, ma sistema tutte le cose in modo giusto. 7Siccome tu sei il Regno di Dio posso riportarti indietro alle tue creazioni. 8Tu non le riconosci adesso, ma ciò da cui ti sei dissociato è ancora lì.

8. Quando ti avvicini a un fratello ti accosti a me, e quando ti ritiri da lui ti allontani da me. 2La Salvezza è un’impresa collaborativa. 3Non può essere intrapresa con successo da coloro che si disimpegnano nei confronti della Figliolanza, perché essi si stanno disimpegnando da me. 4Dio verrà da te solo finché Lo offrirai ai tuoi fratelli. 5Prima impara su di loro e sarai pronto per udire Dio. 6Questo perché la funzione dell’amore è una sola.

VII. Creation and Communication
T-4.VII.1. It is clear that while the content of any particular ego illusion does not matter, its correction is more helpful in a specific context. Ego illusions are quite specific, although the mind is naturally abstract. Part of the mind becomes concrete, however, when it splits. The concrete part believes in the ego, because the ego depends on the concrete. The ego is the part of the mind that believes your existence is defined by separation.

T-4.VII.2. Everything the ego perceives is a separate whole, without the relationships that imply being. The ego is thus against communication, except insofar as it is utilized to establish separateness rather than to abolish it. The communication system of the ego is based on its own thought system, as is everything else it dictates. Its communication is controlled by its need to protect itself, and it will disrupt communication when it experiences threat. This disruption is a reaction to a specific person or persons. The specificity of the ego’s thinking, then, results in spurious generalization which is really not abstract at all. It merely responds in certain specific ways to everything it perceives as related.

T-4.VII.3. In contrast, spirit reacts in the same way to everything it knows is true, and does not respond at all to anything else. Nor does it make any attempt to establish what is true. It knows that what is true is everything that God created. It is in complete and direct communication with every aspect of creation, because it is in complete and direct communication with its Creator. This communication is the Will of God. Creation and communication are synonymous. God created every mind by communicating His Mind to it, thus establishing it forever as a channel for the reception of His Mind and Will. Since only beings of a like order can truly communicate, His creations naturally communicate with Him and like Him. This communication is perfectly abstract, since its quality is universal in application and not subject to any judgment, any exception or any alteration. God created you by this and for this. The mind can distort its function, but it cannot endow itself with functions it was not given. That is why the mind cannot totally lose the ability to communicate, even though it may refuse to utilize it on behalf of being.

T-4.VII.4. Existence as well as being rests on communication. Existence, however, is specific in how, what and with whom communication is judged to be worth undertaking. Being is completely without these distinctions. It is a state in which the mind is in communication with everything that is real. To whatever extent you permit this state to be curtailed you are limiting your sense of your own reality, which becomes total only by recognizing all reality in the glorious context of its real relationship to you. This is your reality. Do not desecrate it or recoil from it. It is your real home, your real temple and your real Self.

T-4.VII.5. God, Who encompasses all being, created beings who have everything individually, but who want to share it to increase their joy. Nothing real can be increased except by sharing. That is why God created you. Divine Abstraction takes joy in sharing. That is what creation means. “How,” “what” and “to whom” are irrelevant, because real creation gives everything, since it can create only like itself. Remember that in the Kingdom there is no difference between having and being, as there is in existence. In the state of being the mind gives everything always.

T-4.VII.6. The Bible repeatedly states that you should praise God. This hardly means that you should tell Him how wonderful He is. He has no ego with which to accept such praise, and no perception with which to judge it. But unless you take your part in the creation, His joy is not complete because yours is incomplete. And this He does know. He knows it in His Own Being and its experience of His Son’s experience. The constant going out of His Love is blocked when His channels are closed, and He is lonely when the minds He created do not communicate fully with Him.

T-4.VII.7. God has kept your Kingdom for you, but He cannot share His joy with you until you know it with your whole mind. Revelation is not enough, because it is only communication from God. God does not need revelation returned to Him, which would clearly be impossible, but He does want it brought to others. This cannot be done with the actual revelation; its content cannot be expressed, because it is intensely personal to the mind that receives it. It can, however, be returned by that mind to other minds, through the attitudes the knowledge from the revelation brings.

T-4.VII.8. God is praised whenever any mind learns to be wholly helpful. This is impossible without being wholly harmless, because the two beliefs must coexist. The truly helpful are invulnerable, because they are not protecting their egos and so nothing can hurt them. Their helpfulness is their praise of God, and He will return their praise of Him because they are like Him, and they can rejoice together. God goes out to them and through them, and there is great joy throughout the Kingdom. Every mind that is changed adds to this joy with its individual willingness to share in it. The truly helpful are God’s miracle workers, whom I direct until we are all united in the joy of the Kingdom. I will direct you to wherever you can be truly helpful, and to whoever can follow my guidance through you.

VII. Creazione e comunicazione
1. È chiaro che mentre il contenuto di una particolare illusione dell’ego non è importante, la sua correzione è maggiormente utile in un contesto specifico. 2Le illusioni dell’ego sono piuttosto specifiche, nonostante la mente sia astratta per natura. 3Parte della mente, tuttavia, diventa concreta quando si divide. 4La parte concreta crede nell’ego, perché l’ego dipende dal concreto. 5L’ego è la parte della mente che crede che la tua esistenza sia definita dalla separazione.

2. Tutto quello che l’ego percepisce è un intero separato, senza le relazioni che implicano l’essere. 2L’ego è così contro la comunicazione, eccetto che nella misura in cui è utilizzata per stabilire la separazione piuttosto che abolirla. 3Il sistema di comunicazione dell’ego è basato sul suo sistema di pensiero, come qualsiasi altra cosa che impone. 4La sua comunicazione è controllata dal bisogno di proteggersi, e interromperà la comunicazione quando si sentirà minacciato. 5Questa rottura è una reazione a una specifica persona o persone. 6La specificità del pensiero dell’ego, quindi, risulta in una generalizzazione spuria che in realtà non è per niente astratta. 7Semplicemente risponde in certe specifiche maniere a tutto ciò che percepisce come correlato

3. Per contro, lo spirito reagisce alla stessa maniera a tutto ciò che sa essere vero, e non risponde affatto a qualsiasi altra cosa. 2Nè fa alcun tentativo di stabilire che cos’è vero. 3Sa che ciò che è vero è tutto ciò che Dio ha creato. 4È in completa e diretta comunicazione con ogni aspetto della creazione, perché è in completa e diretta comunicazione col suo Creatore. 5Questa comunicazione è la Volontà di Dio. 6Creazione e comunicazione sono sinonimi. 7Dio ha creato ogni mente comunicando ad essa la Sua mente, rendendola così per sempre come un canale per la ricezione della Sua Mente e della Sua Volontà. 8Siccome solo esseri dello stesso ordine possono veramente comunicare, le Sue creazioni comunicano naturalmente con Lui e come Lui. 9Questa comunicazione è perfettamente astratta, dato che la sua qualità è universale nell’applicazione e non soggetta ad alcun giudizio, alcuna eccezione o alcuna alterazione. 10Dio ti ha creato per mezzo di questa e per questa. 11La mente può distorcere la propria funzione, ma non può dotarsi di funzioni che non le siano state date. 12Questo è il motivo per cui la mente non può perdere totalmente la capacità di comunicare, anche se si può rifiutare di utilizzarla a favore dell’essere.

4. L’esistenza, così come l’essere, si basa sulla comunicazione. 2L’esistenza, comunque, è specifica riguardo a come, cosa e con chi la comunicazione è giudicata meritevole di essere intrapresa. 3L’essere è completamente privo di queste distinzioni. 4È uno stato in cui la mente è in comunicazione con tutto ciò che è reale. 5In qualunque misura tu permetti a questo stato di essere limitato, stai limitando il tuo senso della tua realtà, che diventa totale solo riconoscendo tutta la realtà nel glorioso contesto della sua reale relazione con te. 6Questa è la tua realtà. 7Non profanarla e non indietreggiare da essa. 8È la tua vera casa, il tuo vero tempio e il tuo vero Sé.

5. Dio, che racchiude tutto l’essere, creò esseri che hanno tutto individualmente, ma che vogliono condividerlo per incrementare la loro gioia. 2Niente di reale può essere aumentato tranne che condividendo. 3Questo è il motivo per cui Dio ti ha creato. 4La Divina Astrazione gioisce nel condividere. 5Questo è il significato della creazione. 6“Come”, “cosa” e “a chi”, sono irrilevanti, perché la vera creazione dà tutto, dato che può creare solo come se stessa. 7Ricorda che nel Regno non c’è differenza tra avere e essere, come c’è nell’esistenza. 8Nello stato dell’essere la mente dà tutto sempre.

6. La Bibbia afferma ripetutamente che devi lodare Dio. 2Questo non vuole affatto dire che devi dirgli quanto è meraviglioso. 3Egli non ha un ego col quale accettare tali lodi, e nessuna percezione con la quale giudicarle. 4Ma, a meno che tu non prenda parte alla creazione, la Sua gioia è incompleta perché la tua è incompleta. 5E questo Lui lo sa. 6Lo sa nel Suo Essere e nella sua esperienza dell’esperienza di Suo Figlio. 7Il costante irradiarsi del Suo Amore è bloccato quando i suoi canali sono chiusi, ed Egli è solo quando le menti che Lui ha creato non comunicano pienamente con Lui.

7. Dio ha conservato il tuo Regno per te, ma Egli non può condividere la Sua gioia con te finché tu non lo conoscerai con tutta la tua mente. 2La Rivelazione non è abbastanza, perché è solo comunicazione da Dio. 3Dio non ha bisogno di una rivelazione che Gli sia restituita, il che sarebbe chiaramente impossibile, ma vuole che essa sia portata agli altri. 4Questo non può essere fatto con la reale rivelazione: il suo contenuto non può essere espresso, perché è intensamente personale per la mente che la riceve. 5Può, tuttavia, essere ritrasmessa da quella mente alle altre menti, tramite gli atteggiamenti portati dalla conoscenza che viene dalla rivelazione.

8. Dio viene lodato tutte le volte che una mente impara ad essere completamente utile. 2Questo è impossibile senza essere completamente innocui, perché le due credenze devono coesistere. 3Coloro che sono veramente utili sono invulnerabili perché non stanno proteggendo il loro ego e quindi niente li può ferire. 4La loro utilità è la loro lode a Dio, ed Egli restituirà la loro lode perché sono come Lui, e possono gioire insieme. 5Dio si irradia a loro e attraverso di loro, e c’è grande gioia in tutto il Regno. 6Ogni mente che è cambiata arricchisce questa gioia con la propria disponibilità individuale a condividerla. 7Coloro che sono veramente di aiuto sono gli operatori dei miracoli di Dio, che io dirigerò finché saremo tutti uniti nella gioia del Regno. 8Io ti dirigerò ovunque tu possa essere di vero aiuto, e a chiunque possa seguire la mia guida attraverso di te.

Chapter 5. Healing and wholeness - Capitolo 5 Guarigione e interezza

Introduction
T-5.in.1. To heal is to make happy. I have told you to think how many opportunities you have had to gladden yourself, and how many you have refused. This is the same as telling you that you have refused to heal yourself. The light that belongs to you is the light of joy. Radiance is not associated with sorrow. Joy calls forth an integrated willingness to share it, and promotes the mind’s natural impulse to respond as one. Those who attempt to heal without being wholly joyous themselves call forth different kinds of responses at the same time, and thus deprive others of the joy of responding wholeheartedly.

T-5.in.2. To be wholehearted you must be happy. If fear and love cannot coexist, and if it is impossible to be wholly fearful and remain alive, the only possible whole state is that of love. There is no difference between love and joy. Therefore, the only possible whole state is the wholly joyous. To heal or to make joyous is therefore the same as to integrate and to make one. That is why it makes no difference to what part or by what part of the Sonship the healing is offered. Every part benefits, and benefits equally.

T-5.in.3. You are being blessed by every beneficent thought of any of your brothers anywhere. You should want to bless them in return, out of gratitude. You need not know them individually, or they you. The light is so strong that it radiates throughout the Sonship and returns thanks to the Father for radiating His joy upon it. Only God’s holy children are worthy channels of His beautiful joy, because only they are beautiful enough to hold it by sharing it. It is impossible for a child of God to love his neighbor except as himself. That is why the healer’s prayer is:

Let me know this brother as I know myself .

Introduzione
1. Guarire è rendere felici. 2Ti ho detto di pensare a quante occasioni hai avuto di renderti felice, e quante ne hai rifiutate. 3Questo è come dire che hai rifiutato di guarirti. 4La luce che ti appartiene è la luce della gioia. 5Lo splendore non è associato al dolore. 6La gioia suscita una totale disponibilità a condividerla, e promuove il naturale impulso della mente a rispondere come una cosa sola. 7Coloro che cercano di guarire senza essere interamente gioiosi essi stessi, richiamano diversi tipi di risposte contemporaneamente, e così privano gli altri della gioia di rispondere di tutto cuore.

2. Per essere di tutto cuore devi essere felice. 2Se paura e amore non possono coesistere, e se è impossibile essere interamente pieni di paura e rimanere vivi, l’unico stato intero possibile è quello dell’amore. 3Non c’è differenza tra amore e gioia. 4Quindi, l’unico stato intero possibile è quello interamente gioioso. 5Guarire o rendere gioiosi è quindi come integrare e rendere uno. 6Questo è il motivo per cui non fa differenza a quale parte o tramite quale parte della Figliolanza viene offerta la guarigione. 7Ogni parte ne trae beneficio, e ne beneficia allo stesso modo.

3. Tu vieni benedetto da ogni pensiero benefico di un tuo qualsiasi fratello, ovunque egli sia. 2Dovresti, in segno di gratitudine, desiderare benedirli per contraccambiare. 3Non hai bisogno di conoscerli individualmente, né che loro conoscano te. 4La luce è così forte che s’irradia attraverso la Figliolanza e rende grazie al Padre per irradiare la Sua gioia su di essa. 5Solo i santi bambini di Dio sono degni canali della Sua gioia bellissima, perché solo loro sono abbastanza belli da conservarla condividendola. 6È impossibile per un bambino di Dio amare il suo prossimo se non come se stesso. 7È per questo motivo che la preghiera del guaritore è:

8“Che io conosca questo fratello come conosco me stesso”.

I. The Invitation to the Holy Spirit
T-5.I.1. Healing is a thought by which two minds perceive their oneness and become glad. This gladness calls to every part of the Sonship to rejoice with them, and lets God go out into them and through them. Only the healed mind can experience revelation with lasting effect, because revelation is an experience of pure joy. If you do not choose to be wholly joyous, your mind cannot have what it does not choose to be. Remember that spirit knows no difference between having and being. The higher mind thinks according to the laws spirit obeys, and therefore honors only the laws of God. To spirit getting is meaningless and giving is all. Having everything, spirit holds everything by giving it, and thus creates as the Father created. While this kind of thinking is totally alien to having things, even to the lower mind it is quite comprehensible in connection with ideas. If you share a physical possession, you do divide its ownership. If you share an idea, however, you do not lessen it. All of it is still yours although all of it has been given away. Further, if the one to whom you give it accepts it as his, he reinforces it in your mind and thus increases it. If you can accept the concept that the world is one of ideas, the whole belief in the false association the ego makes between giving and losing is gone.

T-5.I.2. Let us start our process of reawakening with just a few simple concepts:

Thoughts increase by being given away.
The more who believe in them the stronger they become.
Everything is an idea.
How, then, can giving and losing be associated?


T-5.I.3. This is the invitation to the Holy Spirit. I have said already that I can reach up and bring the Holy Spirit down to you, but I can bring Him to you only at your own invitation. The Holy Spirit is in your right mind, as He was in mine. The Bible says, “May the mind be in you that was also in Christ Jesus,” and uses this as a blessing. It is the blessing of miracle-mindedness. It asks that you may think as I thought, joining with me in Christ thinking.

T-5.I.4. The Holy Spirit is the only part of the Holy Trinity that has a symbolic function. He is referred to as the Healer, the Comforter and the Guide. He is also described as something “separate,” apart from the Father and from the Son. I myself said, “If I go I will send you another Comforter and he will abide with you.” His symbolic function makes the Holy Spirit difficult to understand, because symbolism is open to different interpretations. As a man and also one of God’s creations, my right thinking, which came from the Holy Spirit or the Universal Inspiration, taught me first and foremost that this Inspiration is for all. I could not have It myself without knowing this. The word “know” is proper in this context, because the Holy Spirit is so close to knowledge that He calls it forth; or better, allows it to come. I have spoken before of the higher or “true” perception, which is so near to truth that God Himself can flow across the little gap. Knowledge is always ready to flow everywhere, but it cannot oppose. Therefore you can obstruct it, although you can never lose it.

T-5.I.5. The Holy Spirit is the Christ Mind which is aware of the knowledge that lies beyond perception. He came into being with the separation as a protection, inspiring the Atonement principle at the same time. Before that there was no need for healing, for no one was comfortless. The Voice of the Holy Spirit is the Call to Atonement, or the restoration of the integrity of the mind. When the Atonement is complete and the whole Sonship is healed there will be no Call to return. But what God creates is eternal. The Holy Spirit will remain with the Sons of God, to bless their creations and keep them in the light of joy.

T-5.I.6. God honored even the miscreations of His children because they had made them. But He also blessed His children with a way of thinking that could raise their perceptions so high they could reach almost back to Him. The Holy Spirit is the Mind of the Atonement. He represents a state of mind close enough to One-mindedness that transfer to it is at last possible. Perception is not knowledge, but it can be transferred to knowledge, or cross over into it. It might even be more helpful here to use the literal meaning of transferred or “carried over,” since the last step is taken by God.

T-5.I.7. The Holy Spirit, the shared Inspiration of all the Sonship, induces a kind of perception in which many elements are like those in the Kingdom of Heaven itself:

First, its universality is perfectly clear, and no one who attains it could believe for one instant that sharing it involves anything but gain.

Second, it is incapable of attack and is therefore truly open. This means that although it does not engender knowledge, it does not obstruct it in any way.

Finally, it points the way beyond the healing that it brings, and leads the mind beyond its own integration toward the paths of creation. It is at this point that sufficient quantitative change occurs to produce a real qualitative shift.

I. L’invito allo Spirito Santo
1. La guarigione è un pensiero per mezzo del quale due menti percepiscono che sono una cosa sola e diventano felici. 2Questa felicità chiama ogni parte della Figliolanza a gioire con loro e permette a Dio di estendersi in loro e attraverso di loro. 3Solo la mente guarita può fare esperienza della rivelazione con effetto durevole, perché la rivelazione è un’esperienza di pura gioia. 4Se non scegli di essere interamente gioioso, la tua mente non può avere ciò che non sceglie di essere. 5Ricorda che lo spirito non conosce differenza tra avere ed essere. 6La mente superiore pensa in accordo con le leggi a cui obbedisce lo spirito e quindi onora solo le leggi di Dio. 7Per lo spirito ottenere è privo di significato, e dare è tutto. 8Avendo tutto, lo spirito tiene ogni cosa donandola, e quindi crea come ha creato il Padre. 9Mentre questo tipo di pensiero è totalmente estraneo all’avere cose, persino alla mente inferiore è piuttosto comprensibile quando è riferito alle idee. 10Se condividi un possesso fisico, ne dividi la proprietà. 11Se condividi un’idea, peraltro, non la diminuisci. 12Essa è ancora completamente tua nonostante sia stata data via completamente. 13Per di più se colui al quale la dai la accetta come sua, la rinforza nella tua mente e così l’aumenta. 14Se puoi accettare il concetto che il mondo è un mondo di idee, l’intera credenza nella falsa associazione che l’ego fa tra dare e perdere svanisce.

2. Cominciamo il nostro processo di risveglio con alcuni semplici concetti:

2I pensieri si accrescono donandoli.
3Più persone credono in essi, più forti diventano.
4Tutto è un’idea.
5In che modo, quindi, dare e perdere possono essere associati?


3. Questo è l’invito allo Spirito Santo. 2Ho già detto che posso raggiungere lo Spirito Santo e portarlo giù da te, ma posso portarlo da te solo su tuo invito. 3Lo Spirito Santo è nella tua mente corretta, così come Egli era nella mia. 4La Bibbia dice: “Possa essere in te la mente che fu anche in Cristo Gesù,” e lo usa come una benedizione. 5È la benedizione della mente disposta al miracolo. 6Essa chiede che tu possa pensare come pensavo io, unendoti a me nel pensare come Cristo.

4. Lo Spirito Santo è la sola parte della Santa Trinità ad avere una funzione simbolica. 2Si fa riferimento a Lui come al Guaritore, al Consolatore e alla Guida. 3Viene anche descritto come qualcosa di “separato”, indipendente dal Padre e dal Figlio. 4Io stesso dissi: “Se vado ti manderò un altro Consolatore ed egli dimorerà con te”. 5La sua funzione simbolica rende lo Spirito Santo difficile da capire perché il simbolismo è aperto a diverse interpretazioni. 6Come uomo e come una delle creature di Dio, il mio pensiero corretto, che mi venne dallo Spirito Santo o Ispirazione Universale, mi ha insegnato come cosa prima e principale che questa Ispirazione è per tutti. 7Non potrei averLa io stesso senza conoscere ciò. 8La parola “conoscere” è appropriata in questo contesto, perché lo Spirito Santo è così vicino alla conoscenza da richiamarla, o meglio, le permette di venire. 9Ho parlato prima della percezione più elevata o “vera”, che è così vicina alla verità che Dio Stesso può fluire attraverso il piccolo spazio vuoto. 10La conoscenza è sempre pronta a fluire ovunque, ma non si può opporre. 11Quindi puoi ostruirla, nonostante tu non possa mai perderla.

5. Lo Spirito Santo è la Mente di Cristo che è consapevole della conoscenza che c’è oltre la percezione. 2Egli cominciò ad esistere come protezione contestualmente alla separazione, ispirando allo stesso tempo il principio della Riconciliazione. 3Prima di allora non c’era alcun bisogno di guarigione, perché non c’era nessuno privo di consolazione. 4La Voce dello Spirito Santo è il Richiamo alla Riconciliazione, o la restaurazione dell’integrità della mente. 5Quando la Riparazione sarà completa e l’intera Figliolanza sarà guarita, non ci sarà alcun Richiamo a ritornare. 6Ma ciò che Dio crea è eterno. 7Lo Spirito Santo rimarrà con i Figli di Dio per benedire le loro creazioni e tenerle nella luce della gioia.

6. Dio ha onorato persino le false creazioni dei Suoi bambini solo perché sono loro ad averle fatte. 2Ma ha anche benedetto i Suoi bambini con un modo di pensare che potrebbe elevare le loro percezioni così in alto che potrebbero quasi raggiungerLo di nuovo. 3Lo Spirito Santo è la Mente della Riconciliazione. 4Egli rappresenta uno stato della mente abbastanza vicino all’essere nella Mente-Una da rendere finalmente possibile trasferirsi ad essa. 5La percezione non è conoscenza, ma può essere trasferita alla conoscenza, o si può passare attraverso di essa per raggiungere la conoscenza. 6Potrebbe persino essere di maggiore aiuto qui usare il significato letterale di trasferire o “portare oltre”, dato che l’ultimo passo è intrapreso da Dio.

7. Lo Spirito Santo, L’Ispirazione condivisa di tutta la Figliolanza, induce un genere di percezione in cui molti elementi sono come quelli del Regno dei Cieli stesso:

2Primo, la sua universalità è perfettamente chiara e nessuno di coloro che la raggiungono potrebbe credere per un solo istante che condividerla implichi qualsiasi cosa che non sia guadagno .

3Secondo, è incapace di attacco ed è quindi sinceramente aperto. 4Questo vuol dire che nonostante non generi conoscenza, non la ostruisce in alcun modo .

5Infine, indica la via che va oltre la guarigione che porta con sé, e conduce la mente oltre la sua integrazione verso i sentieri della creazione. 6È a questo punto che avviene un cambiamento quantitativo sufficiente da produrre un reale salto qualitativo.

II. The Voice for God
T-5.II.1. Healing is not creating; it is reparation. The Holy Spirit promotes healing by looking beyond it to what the children of God were before healing was needed, and will be when they have been healed. This alteration of the time sequence should be quite familiar, because it is very similar to the shift in the perception of time that the miracle introduces. The Holy Spirit is the motivation for miracle-mindedness; the decision to heal the separation by letting it go. Your will is still in you because God placed it in your mind, and although you can keep it asleep you cannot obliterate it. God Himself keeps your will alive by transmitting it from His Mind to yours as long as there is time. The miracle itself is a reflection of this union of Will between Father and Son.

T-5.II.2. The Holy Spirit is the spirit of joy. He is the Call to return with which God blessed the minds of His separated Sons. This is the vocation of the mind. The mind had no calling until the separation, because before that it had only being, and would not have understood the Call to right thinking. The Holy Spirit is God’s Answer to the separation; the means by which the Atonement heals until the whole mind returns to creating.

T-5.II.3. The principle of Atonement and the separation began at the same time. When the ego was made, God placed in the mind the Call to joy. This Call is so strong that the ego always dissolves at Its sound. That is why you must choose to hear one of two voices within you. One you made yourself, and that one is not of God. But the other is given you by God, Who asks you only to listen to it. The Holy Spirit is in you in a very literal sense. His is the Voice that calls you back to where you were before and will be again. It is possible even in this world to hear only that Voice and no other. It takes effort and great willingness to learn. It is the final lesson that I learned, and God’s Sons are as equal as learners as they are as Sons.

T-5.II.4. You are the Kingdom of Heaven, but you have let the belief in darkness enter your mind and so you need a new light. The Holy Spirit is the radiance that you must let banish the idea of darkness. His is the glory before which dissociation falls away, and the Kingdom of Heaven breaks through into its own. Before the separation you did not need guidance. You knew as you will know again, but as you do not know now.

T-5.II.5. God does not guide, because He can share only perfect knowledge. Guidance is evaluative, because it implies there is a right way and also a wrong way, one to be chosen and the other to be avoided. By choosing one you give up the other. The choice for the Holy Spirit is the choice for God. God is not in you in a literal sense; you are part of Him. When you chose to leave Him He gave you a Voice to speak for Him because He could no longer share His knowledge with you without hindrance. Direct communication was broken because you had made another voice.

T-5.II.6. The Holy Spirit calls you both to remember and to forget. You have chosen to be in a state of opposition in which opposites are possible. As a result, there are choices you must make. In the holy state the will is free, so that its creative power is unlimited and choice is meaningless. Freedom to choose is the same power as freedom to create, but its application is different. Choosing depends on a split mind. The Holy Spirit is one way of choosing. God did not leave His children comfortless, even though they chose to leave Him. The voice they put in their minds was not the Voice for His Will, for which the Holy Spirit speaks.

T-5.II.7. The Voice of the Holy Spirit does not command, because It is incapable of arrogance. It does not demand, because It does not seek control. It does not overcome, because It does not attack. It merely reminds. It is compelling only because of what It reminds you of. It brings to your mind the other way, remaining quiet even in the midst of the turmoil you may make. The Voice for God is always quiet, because It speaks of peace. Peace is stronger than war because it heals. War is division, not increase. No one gains from strife. What profiteth it a man if he gain the whole world and lose his own soul? If you listen to the wrong voice you have lost sight of your soul. You cannot lose it, but you can not know it. It is therefore “lost” to you until you choose right.

T-5.II.8. The Holy Spirit is your Guide in choosing. He is in the part of your mind that always speaks for the right choice, because He speaks for God. He is your remaining communication with God, which you can interrupt but cannot destroy. The Holy Spirit is the way in which God’s Will is done on earth as it is in Heaven. Both Heaven and earth are in you, because the call of both is in your mind. The Voice for God comes from your own altars to Him. These altars are not things; they are devotions. Yet you have other devotions now. Your divided devotion has given you the two voices, and you must choose at which altar you want to serve. The call you answer now is an evaluation because it is a decision. The decision is very simple. It is made on the basis of which call is worth more to you.

T-5.II.9. My mind will always be like yours, because we were created as equals. It was only my decision that gave me all power in Heaven and earth. My only gift to you is to help you make the same decision. This decision is the choice to share it, because the decision itself is the decision to share. It is made by giving, and is therefore the one choice that resembles true creation. I am your model for decision. By deciding for God I showed you that this decision can be made, and that you can make it.

T-5.II.10. I have assured you that the Mind that decided for me is also in you, and that you can let it change you just as it changed me. This Mind is unequivocal, because it hears only one Voice and answers in only one way. You are the light of the world with me. Rest does not come from sleeping but from waking. The Holy Spirit is the Call to awaken and be glad. The world is very tired, because it is the idea of weariness. Our task is the joyous one of waking it to the Call for God. Everyone will answer the Call of the Holy Spirit, or the Sonship cannot be as One. What better vocation could there be for any part of the Kingdom than to restore it to the perfect integration that can make it whole? Hear only this through the Holy Spirit within you, and teach your brothers to listen as I am teaching you.

T-5.II.11. When you are tempted by the wrong voice, call on me to remind you how to heal by sharing my decision and making it stronger. As we share this goal, we increase its power to attract the whole Sonship, and to bring it back into the oneness in which it was created. Remember that “yoke” means “join together,” and “burden” means “message.” Let us restate “My yoke is easy and my burden light” in this way; “Let us join together, for my message is light.”

T-5.II.12. I have enjoined you to behave as I behaved, but we must respond to the same Mind to do this. This Mind is the Holy Spirit, Whose Will is for God always. He teaches you how to keep me as the model for your thought, and to behave like me as a result. The power of our joint motivation is beyond belief, but not beyond accomplishment. What we can accomplish together has no limits, because the Call for God is the Call to the unlimited. Child of God, my message is for you, to hear and give away as you answer the Holy Spirit within you.

II. La Voce che parla per Dio
1. Guarire non è creare, è riparare. 2Lo Spirito Santo promuove la guarigione guardando oltre ad essa ciò che i bambini di Dio erano prima che la guarigione fosse necessaria e ciò che saranno quando saranno stati guariti. 3Questa alterazione della sequenza temporale dovrebbe essere alquanto familiare, perché è molto simile al salto di percezione del tempo che il miracolo introduce. 4Lo Spirito Santo è la motivazione che porta la mente ad essere disposta al miracolo: la decisione di guarire la separazione lasciandola andare. 5La tua volontà è ancora in te perché Dio l’ha messa nella tua mente e, nonostante tu la possa tenere addormentata, non puoi annullarla. 6Dio Stesso mantiene viva la tua volontà trasmettendola dalla Sua Mente alla tua fintanto che dura il tempo. 7Il miracolo stesso è un riflesso di questa Volontà congiunta tra il Padre e il Figlio.

2. Lo Spirito Santo è lo spirito della gioia. 2È il Richiamo a ritornare col quale Dio ha benedetto le menti dei Suoi Figli separati. 3Questa è la vocazione della mente. 4Prima della separazione la mente non sentiva alcun Richiamo, perché prima della separazione semplicemente era, e non avrebbe capito il Richiamo al pensiero corretto. 5Lo Spirito Santo è la Risposta di Dio alla separazione: il mezzo col quale la Riconciliazione guarisce finché l’intera mente non ritorna a creare.

3. Il principio della Riparazione e la separazione sono incominciati nello stesso momento. 2Quando è stato fatto l’ego, Dio ha messo nella mente il Richiamo alla gioia. 3Questo Richiamo è così forte che l’ego si dissolve sempre al Suo suono. 4Questo è il motivo per cui devi scegliere di sentire una delle due voci dentro di te. 5Una l’hai fatta tu, e quella non è di Dio. 6Ma l’altra ti è data da Dio, Che ti chiede solo di ascoltarla. 7Lo Spirito Santo è in te in senso molto letterale. 8Sua è la Voce che ti richiama dov’eri prima e dove sarai di nuovo. 9È possibile anche in questo mondo sentire solo quella Voce e nessun’altra. 10Ci vuole sforzo e grande disponibilità ad imparare. 11È l’ultima lezione che ho imparato, e i Figli di Dio sono uguali come studenti così come lo sono come Figli.

4. Tu sei il Regno dei Cieli, ma hai lasciato che la credenza nell’oscurità entrasse nella tua mente e così hai bisogno di una nuova luce. 2Lo Spirito Santo è lo splendore al quale devi permettere di bandire l’idea dell’oscurità. 3Sua è la gloria davanti alla quale la dissociazione svanisce e il Regno dei Cieli irrompe al suo posto. 4Prima della separazione non avevi bisogno di guida. 5Tu conoscevi così come conoscerai ancora, ma non come conosci adesso.

5. Dio non guida, perché Egli può condividere solo conoscenza perfetta. 2Guidare è valutare, perché implica che ci siano una via corretta ed anche una via sbagliata, una da scegliere e l’altra da evitare. 3Scegliendone una rinunci all’altra. 4Scegliere lo Spirito Santo è scegliere Dio. 5Dio non è in te in senso letterale: tu sei parte di Lui. 6Quando hai scelto di lasciarLo, Lui ti ha dato una Voce che parla per Lui, perché non poteva più condividere liberamente con te la Sua conoscenza. 7La comunicazione diretta era interrotta perché tu avevi fatto un’altra voce.

6. Lo Spirito Santo ti chiama sia a ricordare che a dimenticare. 2Tu hai scelto di essere in uno stato di opposizione in cui gli opposti sono possibili. 3Come risultato, ci sono delle scelte che devi fare. 4Nello stato di santità la volontà è libera, così che il suo potere creativo è illimitato e la scelta non ha significato. 5La libertà di scegliere è lo stesso potere della libertà di creare, ma la sua applicazione è differente. 6Scegliere dipende da una mente divisa. 7Lo Spirito Santo è un modo di scegliere. 8Dio non ha lasciato i Suoi bambini senza conforto, anche se essi hanno scelto di lasciarLo. 9La voce che essi hanno messo nelle loro menti non era la Voce che parla per la Sua Volontà, per la quale parla lo Spirito Santo.

7. La Voce dello Spirito Santo non comanda, perché è incapace di arroganza. 2Non pretende, perché non cerca il controllo. 3Non sopraffa, perché non attacca. 4Semplicemente ricorda. 5È irresistibile solo per ciò che ti ricorda. 6Porta alla tua mente l’altra via, rimanendo quieta anche nel mezzo del tumulto che puoi fare tu. 7La Voce che parla per Dio è sempre tranquilla, perché parla di pace. 8La pace è più forte della guerra perché guarisce. 9La guerra è divisione, non crescita. 10Nessuno guadagna dalla lotta. 11Quale vantaggio avrà l’uomo se guadagnerà il mondo intero e perderà la sua anima? 12Se ascolti la voce sbagliata hai perso di vista la tua anima. 13Non puoi perderla, ma puoi non conoscerla. 14Quindi è “persa” per te finché non sceglierai correttamente.

8. Lo Spirito Santo è la tua guida nello scegliere. 2È nella parte della tua mente che parla sempre per la scelta corretta, perché parla per Dio. 3È la comunicazione che ti rimane con Dio, che puoi interrompere ma che non puoi distruggere. 4Lo Spirito Santo è il modo in cui la Volontà di Dio è fatta sulla terra così come lo è in Cielo. 5Sia il Cielo che la terra sono in te, perché il richiamo di entrambi è nella tua mente. 6La Voce che parla per Dio viene dai tuoi stessi altari per Lui. 7Questi altari non sono cose: sono devozioni. 8Tuttavia ora hai altre devozioni. 9Le tue devozioni divise ti hanno dato le due voci, e devi scegliere quale altare vuoi servire. 10Il richiamo al quale rispondi ora è una valutazione perché è una decisione. 11La decisione è molto semplice. 12È fatta sulla base di quale richiamo ha più valore per te.

9. La mia mente sarà sempre come la tua, perché siamo stati creati uguali. 2È stata solo la mia decisione a darmi ogni potere in Cielo e in terra. 3Il mio unico dono per te è aiutarti a prendere la stessa decisione. 4Questa decisione è la scelta di condividerla, perché la decisione stessa è la decisione di condividere. 5Si prende col dare, ed è quindi l’unica scelta che assomiglia alla vera creazione. 6Sono il tuo modello per decidere. 7Decidendo per Dio ti ho mostrato che questa decisione può essere presa e che tu puoi prenderla.

10. Ti ho assicurato che la Mente che ha deciso per me è anche in te, e che puoi permetterle di cambiarti così come ha cambiato me. 2Questa Mente è inequivocabile perché sente solo una Voce e risponde solo in un modo. 3Tu sei la luce del mondo insieme a me. 4Il riposo non viene dal dormire ma dallo svegliarsi. 5Lo Spirito Santo è il Richiamo a svegliarsi ed essere felici. 6Il mondo è molto stanco perché è l’idea stessa della stanchezza. 7Il nostro compito è quello gioioso di svegliarci al Richiamo di Dio. 8Tutti risponderanno al richiamo dello Spirito Santo, o la Figliolanza non potrà essere una. 9Quale miglior vocazione potrebbe esserci per qualsiasi parte del Regno del ripristinarlo alla perfetta integrazione che può renderlo intero? 10Ascolta solo questo attraverso lo Spirito Santo dentro di te, e insegna ai tuoi fratelli ad ascoltare così come io ti sto insegnando.

11. Quando sei tentato dalla voce sbagliata, chiamami per ricordarti come guarire condividendo la mia decisione e rendendola più forte. 2Condividendo questo obiettivo, aumentiamo il suo potere di attrarre l’intera Figliolanza, e di riportarla all’unità nella quale era stata creata. 3Ricorda che “giogo” significa “unione” e “fardello” significa “messaggio (1)”. 4Riformuliamo la frase “Il mio giogo è agevole e il mio fardello leggero” in questo modo: “Uniamoci perché il mio messaggio è la luce”.

12. Ti ho ingiunto di comportarti come mi sono comportato io, ma per fare ciò dobbiamo rispondere alla stessa Mente. 2Questa Mente è lo Spirito Santo, la Cui Volontà è sempre per Dio. 3Egli ti insegna a tenermi come modello di pensiero e, come risultato, a comportarti come me. 4Il potere della nostra motivazione congiunta è al di là di ciò a cui si possa credere ma non irrealizzabile. 5Ciò che possiamo compiere insieme non ha limiti, perché il Richiamo a Dio è il Richiamo verso ciò che è illimitato. 6Bambino di Dio, il mio messaggio è per te, da ascoltare ed offrire mentre rispondi allo Spirito Santo in te.

III. The Guide to Salvation
T-5.III.1. The way to recognize your brother is by recognizing the Holy Spirit in him. I have already said that the Holy Spirit is the Bridge for the transfer of perception to knowledge, so we can use the terms as if they were related, because in His Mind they are. This relationship must be in His Mind because, unless it were, the separation between the two ways of thinking would not be open to healing. He is part of the Holy Trinity, because His Mind is partly yours and also partly God’s. This needs clarification, not in statement but in experience.

T-5.III.2. The Holy Spirit is the idea of healing. Being thought, the idea gains as it is shared. Being the Call for God, it is also the idea of God. Since you are part of God it is also the idea of yourself, as well as of all His creations. The idea of the Holy Spirit shares the property of other ideas because it follows the laws of the universe of which it is a part. It is strengthened by being given away. It increases in you as you give it to your brother. Your brother does not have to be aware of the Holy Spirit in himself or in you for this miracle to occur. He may have dissociated the Call for God, just as you have. This dissociation is healed in both of you as you become aware of the Call for God in him, and thus acknowledge Its being.

T-5.III.3. There are two diametrically opposed ways of seeing your brother. They must both be in your mind, because you are the perceiver. They must also be in his, because you are perceiving him. See him through the Holy Spirit in his mind, and you will recognize Him in yours. What you acknowledge in your brother you are acknowledging in yourself, and what you share you strengthen.

T-5.III.4. The Voice of the Holy Spirit is weak in you. That is why you must share It. It must be increased in strength before you can hear It. It is impossible to hear It in yourself while It is so weak in your mind. It is not weak in Itself, but It is limited by your unwillingness to hear It. If you make the mistake of looking for the Holy Spirit in yourself alone your thoughts will frighten you because, by adopting the ego’s viewpoint, you are undertaking an ego-alien journey with the ego as guide. This is bound to produce fear.


T-5.III.5. Delay is of the ego, because time is its concept. Both time and delay are meaningless in eternity. I have said before that the Holy Spirit is God’s Answer to the ego. Everything of which the Holy Spirit reminds you is in direct opposition to the ego’s notions, because true and false perceptions are themselves opposed. The Holy Spirit has the task of undoing what the ego has made. He undoes it at the same level on which the ego operates, or the mind would be unable to understand the change.

T-5.III.6. I have repeatedly emphasized that one level of the mind is not understandable to another. So it is with the ego and the Holy Spirit; with time and eternity. Eternity is an idea of God, so the Holy Spirit understands it perfectly. Time is a belief of the ego, so the lower mind, which is the ego’s domain, accepts it without question. The only aspect of time that is eternal is now.

T-5.III.7. The Holy Spirit is the Mediator between the interpretations of the ego and the knowledge of the spirit. His ability to deal with symbols enables Him to work with the ego’s beliefs in its own language. His ability to look beyond symbols into eternity enables Him to understand the laws of God, for which He speaks. He can therefore perform the function of reinterpreting what the ego makes, not by destruction but by understanding. Understanding is light, and light leads to knowledge. The Holy Spirit is in light because He is in you who are light, but you yourself do not know this. It is therefore the task of the Holy Spirit to reinterpret you on behalf of God.

T-5.III.8. You cannot understand yourself alone. This is because you have no meaning apart from your rightful place in the Sonship, and the rightful place of the Sonship is God. This is your life, your eternity and your Self. It is of this that the Holy Spirit reminds you. It is this that the Holy Spirit sees. This vision frightens the ego because it is so calm. Peace is the ego’s greatest enemy because, according to its interpretation of reality, war is the guarantee of its survival. The ego becomes strong in strife. If you believe there is strife you will react viciously, because the idea of danger has entered your mind. The idea itself is an appeal to the ego. The Holy Spirit is as vigilant as the ego to the call of danger, opposing it with His strength just as the ego welcomes it. The Holy Spirit counters this welcome by welcoming peace. Eternity and peace are as closely related as are time and war.

T-5.III.9. Perception derives meaning from relationships. Those you accept are the foundations of your beliefs. The separation is merely another term for a split mind. The ego is the symbol of separation, just as the Holy Spirit is the symbol of peace. What you perceive in others you are strengthening in yourself. You may let your mind misperceive, but the Holy Spirit lets your mind reinterpret its own misperceptions.

T-5.III.10. The Holy Spirit is the perfect Teacher. He uses only what your mind already understands to teach you that you do not understand it. The Holy Spirit can deal with a reluctant learner without going counter to his mind, because part of it is still for God. Despite the ego’s attempts to conceal this part, it is still much stronger than the ego, although the ego does not recognize it. The Holy Spirit recognizes it perfectly because it is His Own dwelling place; the place in the mind where He is at home. You are at home there, too, because it is a place of peace, and peace is of God. You who are part of God are not at home except in His peace. If peace is eternal, you are at home only in eternity.

T-5.III.11. The ego made the world as it perceives it, but the Holy Spirit, the reinterpreter of what the ego made, sees the world as a teaching device for bringing you home. The Holy Spirit must perceive time, and reinterpret it into the timeless. He must work through opposites, because He must work with and for a mind that is in opposition. Correct and learn, and be open to learning. You have not made truth, but truth can still set you free. Look as the Holy Spirit looks, and understand as He understands. His understanding looks back to God in remembrance of me. He is in communion with God always, and He is part of you. He is your Guide to salvation, because He holds the remembrance of things past and to come, and brings them to the present. He holds this gladness gently in your mind, asking only that you increase it in His Name by sharing it to increase His joy in you.

III. La Guida alla salvezza
1. Il modo per riconoscere tuo fratello è riconoscere lo Spirito Santo in lui. 2Ho già detto che lo Spirito Santo è il Ponte per trasferire la percezione alla conoscenza, così che possiamo usare i termini come se fossero correlati, perché nella Sua Mente lo sono. 3Questa relazione deve essere nella Sua Mente perché, se non fosse così, la separazione tra i due modi di pensare non sarebbe aperta alla guarigione. 4Egli è parte della Santa Trinità, perché la Sua Mente è in parte tua e in parte di Dio. 5Questo deve essere chiarito, non a parole ma nell’esperienza.

2. Lo Spirito Santo è l’idea della guarigione. 2Essendo un pensiero, l’idea si accresce con l’essere condivisa. 3Essendo il Richiamo a Dio, è anche l’idea di Dio. 4Siccome sei parte di Dio, è anche l’idea di te stesso, così come di tutte le Sue creazioni. 5L’idea dello Spirito Santo condivide le proprietà di altre idee perché segue le leggi dell’universo di cui è parte. 6Donandola si rafforza. 7Aumenta in te nella misura in cui la offri a tuo fratello. 8Tuo fratello non deve essere consapevole dello Spirito Santo in lui o in te perché accada questo miracolo. 9Può essersi dissociato dal Richiamo a Dio, proprio come te. 10Questa dissociazione si guarisce in entrambi nella misura in cui diventi consapevole del Richiamo a Dio in lui, riconoscendo così la Sua esistenza.

3. Ci sono due modi diametralmente opposti di vedere tuo fratello. 2Devono essere entrambi nella tua mente perché sei tu colui che percepisce. 3Devono anche essere nella sua, perché tu lo stai percependo. 4Guardalo attraverso lo Spirito Santo nella sua mente, e Lo riconoscerai nella tua. 5Ciò che riconosci in tuo fratello lo stai riconoscendo in te stesso, e ciò che condividi si rafforza.

4. La Voce dello Spirito Santo è debole in te. 2Ecco perché devi condividerLa. 3Bisogna aumentarne la forza prima che tu possa udirLa. 4È impossibile udirLa in te finché è così debole nella tua mente. 5Non è debole in Se stessa, ma è limitata dal tuo non essere disposto ad udirLa. 6Se fai l’errore di cercare lo Spirito Santo solo in te stesso, i tuoi pensieri ti spaventeranno perché, adottando il punto di vista dell’ego, intraprenderai un viaggio alieno all’ego, con l’ego come guida. 7Questo non può che produrre paura.

5. Rimandare è dell’ego, perché il tempo è un suo concetto. 2Sia il tempo che il rimandare sono senza significato nell’eternità. 3Ho detto prima che lo Spirito Santo è la Risposta di Dio all’ego. 4Tutto ciò che lo Spirito Santo ti ricorda è in diretta opposizione alle nozioni dell’ego, perché le percezioni vere e quelle false sono esse stesse opposte. 5Lo Spirito Santo ha il compito di disfare quello che l’ego ha fatto. 6Egli lo disfa allo stesso livello al quale opera l’ego, altrimenti la mente sarebbe incapace di comprendere il cambiamento.

6. Ho ripetutamente sottolineato il fatto che un livello della mente non è comprensibile a un altro. 2Così è con l’ego e lo Spirito Santo, col tempo e l’eternità. 3L’eternità è un’idea di Dio, quindi lo Spirito Santo la capisce perfettamente. 4Il tempo è una credenza dell’ego, quindi la mente inferiore, che è il dominio dell’ego, l’accetta senza riserve. 5Il solo aspetto del tempo ad essere eterno è il presente.

7. Lo Spirito Santo è il Mediatore tra le interpretazioni dell’ego e la conoscenza dello spirito. 2La Sua capacità di utilizzare i simboli Lo mette in grado di lavorare con le credenze dell’ego nel suo stesso linguaggio. 3La Sua capacità di guardare oltre i simboli, nell’eternità, Lo mette in grado di capire le leggi di Dio, in nome delle quali parla. 4Può quindi adempiere la funzione di reinterpretare ciò che l’ego fa, non mediante la distruzione, ma mediante la comprensione. 5Comprendere è luce, e la luce porta alla conoscenza. 6Lo Spirito Santo è nella luce, perché è in te che sei luce, ma tu da solo non lo sai. 7È quindi compito dello Spirito Santo reinterpretarti in favore di Dio.

8. Non ti puoi comprendere da solo. 2Questo perché non hai significato separato dal tuo giusto posto nella Figliolanza, e il giusto posto della Figliolanza è Dio. 3Questa è la tua vita, la tua eternità e il tuo Sé. 4È questo che lo Spirito Santo ti ricorda. 5È questo che lo Spirito Santo vede. 6Questa visione terrorizza l’ego perché è molto quieta. 7La pace è la più grande nemica dell’ego perché, secondo la sua interpretazione della realtà, la guerra è la garanzia della sua sopravvivenza. 8L’ego diventa forte nella lotta. 9Se credi che ci sia lotta, reagirai con cattiveria, perché l’idea del pericolo sarà entrata nella tua mente. 10L’idea stessa è un’attrattiva per l’ego. 11Lo Spirito Santo è altrettanto vigile dell’ego ai segnali di pericolo, e si oppone ad essi con la Sua forza proprio come l’ego dà loro il benvenuto. 12Lo Spirito Santo contrasta questo benvenuto dando il benvenuto alla pace. 13Eternità e pace sono tanto strettamente correlati quanto lo sono il tempo e la guerra.

9. La percezione trae significato dalle relazioni. 2Quelli che accetti sono i fondamenti di ciò in cui credi. 3La separazione è solo un altro termine per indicare una mente divisa. 4L’ego è il simbolo della separazione, così come lo Spirito Santo è il simbolo della pace. 5Quello che percepisci negli altri lo rafforzi in te stesso. 6Puoi permettere alla tua mente di percepire erroneamente, ma lo Spirito Santo permette alla tua mente di reinterpretare le sue stesse percezioni errate.

10. Lo Spirito Santo è l’Insegnante perfetto. 2Egli usa solo ciò che la tua mente già capisce per insegnarti che non lo capisci. 3Lo Spirito Santo può interagire con uno studente riluttante senza andare contro la sua mente, perché una parte di essa è ancora di Dio. 4Nonostante i tentativi dell’ego di nascondere questa parte, essa è ancora molto più forte dell’ego, anche se l’ego non lo riconosce. 5Lo Spirito Santo lo riconosce perfettamente perché è la Sua dimora: il luogo della mente dove egli è a casa. 6Anche tu sei a casa là, perché è un luogo di pace, e la pace è di Dio. 7Tu che sei parte di Dio non sei a casa se non nella Sua pace. 8Se la pace è eterna, sei a casa solo nell’eternità.

11. L’ego ha fatto il mondo come lo percepisce, ma lo Spirito Santo, colui che reinterpreta ciò che l’ego ha fatto, vede il mondo come strumento d’insegnamento per riportarti a casa. 2Lo Spirito Santo deve percepire il tempo e reinterpretarlo in ciò che è senza tempo. 3Deve lavorare attraverso gli opposti, perché deve lavorare per e con una mente che è in opposizione. 4Correggi, impara e sii aperto ad imparare. 5Tu non hai fatto la verità, ma la verità ti può ancora liberare. 6Osserva come osserva lo Spirito Santo, e capisci come Lui capisce. 7La sua comprensione evoca Dio in memoria di me. 8Egli è sempre in comunione con Dio ed è parte di te. 9È la tua Guida alla salvezza perché conserva il ricordo delle cose passate e da venire e le porta nel presente. 10Egli mantiene dolcemente nella tua mente questa contentezza, chiedendoti solo di aumentarla nel Suo Nome, condividendola per aumentare la Sua gioia in te.

IV. Teaching and Healing
T-5.IV.1. What fear has hidden still is part of you. Joining the Atonement is the way out of fear. The Holy Spirit will help you reinterpret everything that you perceive as fearful, and teach you that only what is loving is true. Truth is beyond your ability to destroy, but entirely within your ability to accept. It belongs to you because, as an extension of God, you created it with Him. It is yours because it is part of you, just as you are part of God because He created you. Nothing that is good can be lost because it comes from the Holy Spirit, the Voice for creation. Nothing that is not good was ever created, and therefore cannot be protected. The Atonement is the guarantee of the safety of the Kingdom, and the union of the Sonship is its protection. The ego cannot prevail against the Kingdom because the Sonship is united. In the presence of those who hear the Holy Spirit’s Call to be as one, the ego fades away and is undone.

T-5.IV.2. What the ego makes it keeps to itself, and so it is without strength. Its existence is unshared. It does not die; it was merely never born. Physical birth is not a beginning; it is a continuing. Everything that continues has already been born. It will increase as you are willing to return the unhealed part of your mind to the higher part, returning it undivided to creation. I have come to give you the foundation, so your own thoughts can make you really free. You have carried the burden of unshared ideas that are too weak to increase, but having made them you did not realize how to undo them. You cannot cancel out your past errors alone. They will not disappear from your mind without the Atonement, a remedy not of your making. The Atonement must be understood as a pure act of sharing. That is what I meant when I said it is possible even in this world to listen to one Voice. If you are part of God and the Sonship is One, you cannot be limited to the self the ego sees.

T-5.IV.3. Every loving thought held in any part of the Sonship belongs to every part. It is shared because it is loving. Sharing is God’s way of creating, and also yours. The ego can keep you in exile from the Kingdom, but in the Kingdom itself it has no power. Ideas of the spirit do not leave the mind that thinks them, nor can they conflict with each other. However, ideas of the ego can conflict because they occur at different levels and also include opposite thoughts at the same level. It is impossible to share opposing thoughts. You can share only the thoughts that are of God and that He keeps for you. And of such is the Kingdom of Heaven. The rest remains with you until the Holy Spirit has reinterpreted them in the light of the Kingdom, making them, too, worthy of being shared. When they have been sufficiently purified He lets you give them away. The decision to share them is their purification.

T-5.IV.4. I heard one Voice because I understood that I could not atone for myself alone. Listening to one Voice implies the decision to share It in order to hear It yourself. The Mind that was in me is still irresistibly drawn to every mind created by God, because God’s Wholeness is the Wholeness of His Son. You cannot be hurt, and do not want to show your brother anything except your wholeness. Show him that he cannot hurt you and hold nothing against him, or you hold it against yourself. This is the meaning of “turning the other cheek.”

T-5.IV.5. Teaching is done in many ways, above all by example. Teaching should be healing, because it is the sharing of ideas and the recognition that to share ideas is to strengthen them. I cannot forget my need to teach what I have learned, which arose in me because I learned it. I call upon you to teach what you have learned, because by so doing you can depend on it. Make it dependable in my name because my name is the Name of God’s Son. What I learned I give you freely, and the Mind that was in me rejoices as you choose to hear it.

T-5.IV.6. The Holy Spirit atones in all of us by undoing, and thus lifts the burden you have placed in your mind. By following Him you are led back to God where you belong, and how can you find the way except by taking your brother with you? My part in the Atonement is not complete until you join it and give it away. As you teach so shall you learn. I will never leave you or forsake you, because to forsake you would be to forsake myself and God Who created me. You forsake yourself and God if you forsake any of your brothers. You must learn to see them as they are, and understand they belong to God as you do. How could you treat your brother better than by rendering unto God the things that are God’s?

T-5.IV.7. The Atonement gives you the power of a healed mind, but the power to create is of God. Therefore, those who have been forgiven must devote themselves first to healing because, having received the idea of healing, they must give it to hold it. The full power of creation cannot be expressed as long as any of God’s ideas is withheld from the Kingdom. The joint will of the Sonship is the only creator that can create like the Father, because only the complete can think completely, and the thinking of God lacks nothing. Everything you think that is not through the Holy Spirit is lacking.

T-5.IV.8. How can you who are so holy suffer? All your past except its beauty is gone, and nothing is left but a blessing. I have saved all your kindnesses and every loving thought you ever had. I have purified them of the errors that hid their light, and kept them for you in their own perfect radiance. They are beyond destruction and beyond guilt. They came from the Holy Spirit within you, and we know what God creates is eternal. You can indeed depart in peace because I have loved you as I loved myself. You go with my blessing and for my blessing. Hold it and share it, that it may always be ours. I place the peace of God in your heart and in your hands, to hold and share. The heart is pure to hold it, and the hands are strong to give it. We cannot lose. My judgment is as strong as the wisdom of God, in Whose Heart and Hands we have our being. His quiet children are His blessed Sons. The Thoughts of God are with you.

IV. Insegnamento e guarigione
1. Ciò che la paura ha nascosto è ancora parte di te. 2Unirsi nella Riconciliazione è la via per uscire dalla paura. 3Lo Spirito Santo ti aiuterà a reinterpretare ogni cosa che percepisci spaventosa e ti insegnerà che è vero solo ciò che è amorevole. 4La verità è al di là della tua capacità di distruzione, accettarla è invece completamente alla tua portata. 5Ti appartiene perché, come estensione di Dio, l’hai creata insieme a Lui. 6È tua perché è parte di te, così come tu sei parte di Dio, perché Egli ti ha creato. 7Niente di ciò che è buono può essere perduto, perché proviene dallo Spirito Santo, la Voce che parla per la creazione. 8Non è mai stato creato niente di ciò che non è buono e quindi non può essere protetto. 9La Riconciliazione è la garanzia di sicurezza del Regno, e la sua protezione è l’unione della Figliolanza. 10L’ego non può prevalere contro il Regno perché la Figliolanza è unita. 11Alla presenza di coloro che ascoltano il Richiamo dello Spirito Santo ad essere uno, l’ego svanisce ed è disfatto.

2. Ciò che l’ego fa lo tiene per se stesso e quindi è senza forza. 2La sua esistenza non è condivisa. 3Non muore: semplicemente non è mai nato. 4La nascita fisica non è un inizio: è una continuazione. 5Tutto ciò che continua è già nato. 6Aumenterà nella misura in cui sei disposto a ridare la parte non guarita della tua mente alla parte più elevata, ridandola indivisa alla creazione. 7Sono venuto per darti la base, così che i tuoi pensieri possano renderti veramente libero. 8Hai portato un fardello di idee non condivise che sono troppo deboli per aumentare, ma avendole fatte tu, non ti rendevi conto di come disfarle. 9Non puoi cancellare i tuoi errori passati da solo. 10Non spariranno dalla tua mente senza la Riconciliazione, un rimedio che non è opera tua. 11La Riconciliazione deve essere capita come un puro atto di condivisione. 12Questo è ciò che volevo dire quando ho detto che è possibile perfino in questo mondo ascoltare una sola Voce. 13Se sei parte di Dio e la Figliolanza è una, non puoi essere limitato al sé che vede l’ego.

3. Ogni pensiero amorevole presente in qualunque parte della Figliolanza appartiene a ogni parte. 2È condiviso perché è amorevole. 3Condividere è il modo di creare di Dio, ed è anche il tuo. 4L’ego può tenerti in esilio dal Regno, ma nel Regno stesso non ha potere. 5Le idee dello spirito non lasciano la mente che le pensa, né possono essere in conflitto tra di loro. 6Invece le idee dell’ego possono essere in conflitto, perché accadono a differenti livelli e includono anche pensieri opposti allo stesso livello. 7È impossibile condividere pensieri opposti. 8Puoi condividere solo i pensieri che sono di Dio e che Egli conserva per te. 9E di essi è il Regno dei Cieli. 10Gli altri rimarranno con te finché lo Spirito Santo li avrà reinterpretati nella luce del Regno, rendendoli anch’essi degni di essere condivisi. 11Quando saranno stati sufficientemente purificati Egli ti permetterà di donarli. 12La decisione di condividerli è la loro purificazione.

4. Io ho sentito una sola Voce perché ho capito che non avrei potuto riconciliare solo per me stesso. 2Ascoltare una sola Voce implica la decisione di condividerLa perché tu stesso La possa ascoltare. 3La Mente che era in me è ancora irresistibilmente attratta da ogni mente creata da Dio, perché l’Interezza di Dio è l’Interezza di Suo Figlio. 4Non puoi essere ferito e non vuoi mostrare a tuo fratello altro che la tua interezza. 5Mostragli che non ti può ferire e non serbare nulla contro di lui, o starai facendo la stessa cosa a te stesso. 6Questo è il significato di “porgere l’altra guancia”.

5. Si può insegnare in molti modi, soprattutto con l’esempio. 2Insegnare dovrebbe essere la stessa cosa di guarire, perché è la condivisione di idee e riconoscere che condividere idee è rafforzarle. 3Non posso dimenticare il mio bisogno di insegnare ciò che ho imparato, che è sorto in me perché l’ho imparato. 4Ti esorto a insegnare ciò che hai imparato, perché facendo così potrai contare su di esso. 5Fai in modo di poter contare su di esso in mio nome perché il mio nome è il Nome del Figlio di Dio. 6Ciò che ho imparato te lo offro liberamente, e la Mente che era in me si rallegra quando scegli di ascoltarlo.

6. Lo Spirito Santo riconcilia in tutti noi disfacendo e quindi solleva il fardello che hai messo nella tua mente. 2SeguendoLo sei ricondotto a Dio a cui appartieni, e come potresti trovare la strada se non portando tuo fratello con te? 3La mia parte nella Riconciliazione non sarà completa finché non ti unirai ad essa e non la donerai. 4Come insegnerai così imparerai. 5Io non ti lascerò, né ti abbandonerò mai, perché abbandonarti vorrebbe dire abbandonare me stesso e Dio Che mi ha creato. 6Tu abbandoni te stesso e Dio se abbandoni uno qualunque dei tuoi fratelli. 7Devi imparare a vederli come sono e a capire che appartengono a Dio proprio come te. 8Come potresti trattare meglio i tuoi fratelli se non rendendo a Dio ciò che è di Dio?

7. La Riconciliazione ti dà il potere di una mente guarita, ma il potere di creare è di Dio. 2Quindi coloro che sono stati perdonati devono dedicarsi in primo luogo a guarire perché, avendo ricevuto l’idea della guarigione, devono darla per conservarla. 3Il pieno potere della creazione non può essere espresso finché una qualsiasi idea di Dio sarà esclusa dal Regno. 4La volontà congiunta della Figliolanza è l’unico creatore che può creare come il Padre perché solo chi è completo può pensare con completezza, e il pensiero di Dio non manca di nulla. 5Tutto ciò che non pensi tramite lo Spirito Santo è incompleto.

8. Come puoi soffrire tu che sei così santo? 2Tutto il tuo passato è andato eccetto la sua bellezza, e niente è rimasto se non una benedizione. 3Io ho salvato tutte le tue gentilezze e ogni pensiero amorevole che tu abbia mai avuto. 4Li ho purificati dagli errori che nascondevano la loro luce e li ho conservati per te nella loro perfetta radiosità. 5Sono oltre la distruzione e oltre la colpa. 6Sono venuti dallo Spirito Santo dentro di te e sappiamo che ciò che Dio crea è eterno. 7Puoi sicuramente andare in pace, perché ti ho amato come me stesso. 8Tu procedi con la mia benedizione e per la mia benedizione. 9Conservala e condividila, perché possa sempre essere nostra. 10Metto la pace di Dio nel tuo cuore e nelle tue mani, perché tu la conservi e la condivida. 11Il cuore è puro per conservarla e le mani forti per darla. 12Non possiamo perdere. 13Il mio giudizio è forte come la saggezza di Dio, nel Cui Cuore e nelle Cui Mani si trova il nostro essere. 14I suoi bambini quieti sono i Suoi Figli benedetti. 15I Pensieri di Dio sono con te.

V. The Ego’s Use of Guilt
T-5.V.1. Perhaps some of our concepts will become clearer and more personally meaningful if the ego’s use of guilt is clarified. The ego has a purpose, just as the Holy Spirit has. The ego’s purpose is fear, because only the fearful can be egotistic. The ego’s logic is as impeccable as that of the Holy Spirit, because your mind has the means at its disposal to side with Heaven or earth, as it elects. But again, remember that both are in you.

T-5.V.2. In Heaven there is no guilt, because the Kingdom is attained through the Atonement, which releases you to create. The word “create” is appropriate here because, once what you have made is undone by the Holy Spirit, the blessed residue is restored and therefore continues in creation. What is truly blessed is incapable of giving rise to guilt, and must give rise to joy. This makes it invulnerable to the ego because its peace is unassailable. It is invulnerable to disruption because it is whole. Guilt is always disruptive. Anything that engenders fear is divisive because it obeys the law of division. If the ego is the symbol of the separation, it is also the symbol of guilt. Guilt is more than merely not of God. It is the symbol of attack on God. This is a totally meaningless concept except to the ego, but do not underestimate the power of the ego’s belief in it. This is the belief from which all guilt really stems.

T-5.V.3. The ego is the part of the mind that believes in division. How could part of God detach itself without believing it is attacking Him? We spoke before of the authority problem as based on the concept of usurping God’s power. The ego believes that this is what you did because it believes that it is you. If you identify with the ego, you must perceive yourself as guilty. Whenever you respond to your ego you will experience guilt, and you will fear punishment. The ego is quite literally a fearful thought. However ridiculous the idea of attacking God may be to the sane mind, never forget that the ego is not sane. It represents a delusional system, and speaks for it. Listening to the ego’s voice means that you believe it is possible to attack God, and that a part of Him has been torn away by you. Fear of retaliation from without follows, because the severity of the guilt is so acute that it must be projected.

T-5.V.4. Whatever you accept into your mind has reality for you. It is your acceptance of it that makes it real. If you enthrone the ego in your mind, your allowing it to enter makes it your reality. This is because the mind is capable of creating reality or making illusions. I said before that you must learn to think with God. To think with Him is to think like Him. This engenders joy, not guilt, because it is natural. Guilt is a sure sign that your thinking is unnatural. Unnatural thinking will always be attended with guilt, because it is the belief in sin. The ego does not perceive sin as a lack of love, but as a positive act of assault. This is necessary to the ego’s survival because, as soon as you regard sin as a lack, you will automatically attempt to remedy the situation. And you will succeed. The ego regards this as doom, but you must learn to regard it as freedom.

T-5.V.5. The guiltless mind cannot suffer. Being sane, the mind heals the body because it has been healed. The sane mind cannot conceive of illness because it cannot conceive of attacking anyone or anything. I said before that illness is a form of magic. It might be better to say that it is a form of magical solution. The ego believes that by punishing itself it will mitigate the punishment of God. Yet even in this it is arrogant. It attributes to God a punishing intent, and then takes this intent as its own prerogative. It tries to usurp all the functions of God as it perceives them, because it recognizes that only total allegiance can be trusted.

T-5.V.6. The ego cannot oppose the laws of God any more than you can, but it can interpret them according to what it wants, just as you can. That is why the question, “What do you want?” must be answered. You are answering it every minute and every second, and each moment of decision is a judgment that is anything but ineffectual. Its effects will follow automatically until the decision is changed. Remember, though, that the alternatives themselves are unalterable. The Holy Spirit, like the ego, is a decision. Together they constitute all the alternatives the mind can accept and obey. The Holy Spirit and the ego are the only choices open to you. God created one, and so you cannot eradicate it. You made the other, and so you can. Only what God creates is irreversible and unchangeable. What you made can always be changed because, when you do not think like God, you are not really thinking at all. Delusional ideas are not real thoughts, although you can believe in them. But you are wrong. The function of thought comes from God and is in God. As part of His Thought, you cannot think apart from Him.

T-5.V.7. Irrational thought is disordered thought. God Himself orders your thought because your thought was created by Him. Guilt feelings are always a sign that you do not know this. They also show that you believe you can think apart from God, and want to. Every disordered thought is attended by guilt at its inception, and maintained by guilt in its continuance. Guilt is inescapable by those who believe they order their own thoughts, and must therefore obey their dictates. This makes them feel responsible for their errors without recognizing that, by accepting this responsibility, they are reacting irresponsibly. If the sole responsibility of the miracle worker is to accept the Atonement for himself, and I assure you that it is, then the responsibility for what is atoned for cannot be yours. The dilemma cannot be resolved except by accepting the solution of undoing. You would be responsible for the effects of all your wrong thinking if it could not be undone. The purpose of the Atonement is to save the past in purified form only. If you accept the remedy for disordered thought, a remedy whose efficacy is beyond doubt, how can its symptoms remain?

T-5.V.8. The continuing decision to remain separated is the only possible reason for continuing guilt feelings. We have said this before, but did not emphasize the destructive results of the decision. Any decision of the mind will affect both behavior and experience. What you want you expect. This is not delusional. Your mind does make your future, and it will turn it back to full creation at any minute if it accepts the Atonement first. It will also return to full creation the instant it has done so. Having given up its disordered thought, the proper ordering of thought becomes quite apparent.

T-5.V. L’uso che l’ego fa della colpa
T-5.V.1. Forse alcuni dei nostri concetti diventeranno più chiari e più personalmente significativi se si fa chiarezza sull’uso che l’ego fa della colpa. 2L’ego ha uno scopo, proprio come ce l’ha lo Spirito Santo. 3Lo scopo dell’ego è la paura, perché solo chi ha paura può essere egocentrico. 4La logica dell’ego è tanto impeccabile quanto quella dello Spirito Santo, perché la tua mente ha a sua disposizione i mezzi per stare dalla parte del Cielo o della terra, a sua scelta. 5Ma ancora, ricorda che entrambi sono in te.

2. In Cielo la colpa non esiste, perché il Regno viene raggiunto attraverso la Riconciliazione, che ti libera affinché tu possa creare. 2La parola “creare” è appropriata qui, perché una volta che ciò che hai fatto è stato disfatto dallo Spirito Santo, il residuo benedetto viene ripristinato e quindi continua a creare. 3Ciò che è veramente benedetto è incapace di far insorgere colpa e deve far insorgere gioia. 4Questo lo rende invulnerabile all’ego, perché la sua pace è inattaccabile. 5È invulnerabile alla scissione perché è intero. 6La colpa produce sempre scissione. 7Tutto ciò che genera paura provoca separazione, perché obbedisce alla legge della divisione. 8Se l’ego è il simbolo della separazione, è anche il simbolo della colpa. 9La colpa è più di qualcosa che semplicemente non viene da Dio. 10È il simbolo dell’attacco a Dio. 11Questo è un concetto completamente privo di significato salvo che per l’ego, ma non sottovalutare il potere che deriva dal fatto che l’ego crede in esso. 12Tutta la colpa viene dal credere in ciò.

3. L’ego è la parte della mente che crede nella divisione. 2Come può una parte di Dio separarsi senza credere che Lo sta attaccando? 3Abbiamo parlato prima del problema dell’autorità come basato sul concetto di usurpazione del potere di Dio. 4L’ego crede che questo è ciò che hai fatto perché crede di essere te. 5Se ti identifichi con l’ego, non puoi che percepirti come colpevole. 6Ogni volta che rispondi al tuo ego, proverai colpa e avrai paura della punizione. 7L’ego è letteralmente un pensiero di paura. 8Quantunque l’idea di attaccare Dio sia ridicola per la mente sana, non dimenticarti mai che l’ego non è mentalmente sano. 9Esso rappresenta un sistema delirante e parla per esso. 10Ascoltare la voce dell’ego significa che credi sia possibile attaccare Dio, e che Ne hai strappato via una parte. 11Ne consegue la paura della rappresaglia dall’esterno, perché l’intensità della colpa è così acuta che deve essere proiettata.

4. Qualunque cosa accetti nella tua mente è reale per te. 2È la tua accettazione che la rende reale. 3Se, nella tua mente, metti l’ego sul trono, il fatto che gli permetti di entrare lo rende la tua realtà. 4Questo a causa delle capacità della mente di creare realtà o di fare illusioni. 5Ho detto prima che devi imparare a pensare con Dio. 6Pensare con Lui è pensare come Lui. 7Questo genera gioia, non colpa, perché è naturale. 8La colpa è un chiaro segno che ciò che pensi è innaturale. 9Il pensiero innaturale sarà sempre seguito dalla colpa, perché è credere nel peccato. 10L’ego non percepisce il peccato come mancanza d’amore, ma come un positivo atto d’assalto. 11Questo è necessario alla sopravvivenza dell’ego perché non appena guardi al peccato come a una mancanza, cercherai immediatamente di porre rimedio alla situazione. 12E avrai successo. 13L’ego considera questo come un destino funesto, ma tu devi imparare a vederlo come libertà.

5. La mente senza colpa non può soffrire. 2Essendo sana, la mente guarisce il corpo perché essa è stata guarita. 3La mente sana non può concepire la malattia, perché non può concepire di attaccare niente e nessuno. 4Ho detto prima che la malattia è una forma di magia. 5Potrebbe essere meglio dire che è una forma di soluzione magica. 6L’ego crede che punendo se stesso mitigherà la punizione di Dio. 7Ma anche in questo è arrogante. 8Attribuisce a Dio l’intento punitivo e poi adotta questo intento come prerogativa sua propria. 9Cerca di usurpare tutte le funzioni di Dio come le percepisce, perché riconosce che si può confidare solo in una obbedienza assoluta.

6. L’ego non può opporsi alle leggi di Dio proprio come non puoi farlo tu, però può interpretarle in accordo con ciò che vuole, al pari di te. 2Questo è il motivo per cui bisogna rispondere alla domanda “cosa vuoi?”. 3Tu rispondi ogni minuto e ogni secondo, e ogni momento di decisione è un giudizio tutt’altro che inefficace. 4I suoi effetti seguiranno automaticamente finché la decisione non viene cambiata. 5Ricorda, comunque, che le alternative stesse sono inalterabili. 6Lo Spirito Santo, come l’ego, è una decisione. 7Insieme essi costituiscono tutte le alternative che la mente può accettare e a cui può obbedire. 8Lo Spirito Santo e l’ego sono le sole scelte che hai. 9Dio ne ha creata una e quindi non la puoi sradicare. 10Tu hai fatto l’altra e quindi puoi sradicarla. 11Solo ciò che Dio crea è irreversibile e immutabile. 12Ciò che hai fatto tu può sempre essere cambiato, perché quando non pensi con Dio, in realtà non stai affatto pensando. 13Le idee deliranti non sono pensieri reali, anche se puoi credere in esse. 14Ma hai torto. 15La funzione del pensiero viene da Dio ed è in Dio. 16Come parte del Suo Pensiero, non puoi pensare separato da Lui.

7. Il pensiero irrazionale è pensiero disordinato. 2Dio Stesso ordina il tuo pensiero perché il tuo pensiero è stato creato da Lui. 3I sensi di colpa sono sempre segni che non lo sai. 4Mostrano anche che credi di poter pensare separato da Lui e che lo vuoi. 5Ogni pensiero disordinato è, sin dal suo concepimento, accompagnato dalla colpa, e anche nella sua continuità è mantenuto dalla colpa. 6La colpa è inevitabile per coloro che credono di essere loro a mettere in ordine i propri pensieri e devono quindi obbedire ai loro dettami. 7Questo li fa sentire responsabili dei loro errori, senza riconoscere che accettando questa responsabilità stanno reagendo irresponsabilmente. 8Se la sola responsabilità di chi opera il miracolo è accettare la Riconciliazione per se stesso, e ti assicuro che lo è, allora la responsabilità di cosa viene riconciliato non può essere tua. 9Il dilemma non può essere risolto se non accettando la soluzione rappresentata dal disfare. 10Tu saresti responsabile degli effetti di tutto il tuo modo di pensare sbagliato se questo non potesse essere disfatto. 11Lo scopo della Riconciliazione è di conservare il passato solo in forma purificata. 12Se accetti il rimedio al pensiero disordinato, un rimedio la cui efficacia è oltre ogni dubbio, come possono permanerne i sintomi?

8. La continua decisione di rimanere separato è l’unica possibile ragione del perdurare dei sensi di colpa. 2Lo abbiamo detto prima, ma non abbiamo sottolineato i risultati distruttivi della decisione. 3Ogni decisione della mente influenzerà sia il comportamento che l’esperienza. 4Ti aspetti ciò che vuoi. 5Questo non è delirante. 6È proprio la tua mente a fare il tuo futuro e lo restituirà alla piena creazione in qualunque momento se prima accetterà la Riconciliazione. 7Essa restituirà alla piena creazione anche l’istante in cui ha fatto questo. 8Avendo rinunciato al pensiero disordinato, diventa alquanto evidente il corretto ordinamento del pensiero

VI. Time and Eternity
T-5.VI.1. God in His knowledge is not waiting, but His Kingdom is bereft while you wait. All the Sons of God are waiting for your return, just as you are waiting for theirs. Delay does not matter in eternity, but it is tragic in time. You have elected to be in time rather than eternity, and therefore believe you are in time. Yet your election is both free and alterable. You do not belong in time. Your place is only in eternity, where God Himself placed you forever.

T-5.VI.2. Guilt feelings are the preservers of time. They induce fears of retaliation or abandonment, and thus ensure that the future will be like the past. This is the ego’s continuity. It gives the ego a false sense of security by believing that you cannot escape from it. But you can and must. God offers you the continuity of eternity in exchange. When you choose to make this exchange, you will simultaneously exchange guilt for joy, viciousness for love, and pain for peace. My role is only to unchain your will and set it free. Your ego cannot accept this freedom, and will oppose it at every possible moment and in every possible way. And as its maker, you recognize what it can do because you gave it the power to do it.

T-5.VI.3. Remember the Kingdom always, and remember that you who are part of the Kingdom cannot be lost. The Mind that was in me is in you, for God creates with perfect fairness. Let the Holy Spirit remind you always of His fairness, and let me teach you how to share it with your brothers. How else can the chance to claim it for yourself be given you? The two voices speak for different interpretations of the same thing simultaneously; or almost simultaneously, for the ego always speaks first. Alternate interpretations were unnecessary until the first one was made.

T-5.VI.4. The ego speaks in judgment, and the Holy Spirit reverses its decision, much as a higher court has the power to reverse a lower court’s decisions in this world. The ego’s decisions are always wrong, because they are based on the error they were made to uphold. Nothing the ego perceives is interpreted correctly. Not only does the ego cite Scripture for its purpose, but it even interprets Scripture as a witness for itself. The Bible is a fearful thing in the ego’s judgment. Perceiving it as frightening, it interprets it fearfully. Being afraid, you do not appeal to the Higher Court because you believe its judgment would also be against you.

T-5.VI.5. There are many examples of how the ego’s interpretations are misleading, but a few will suffice to show how the Holy Spirit can reinterpret them in His Own light.

T-5.VI.6. “As ye sow, so shall ye reap” He interprets to mean what you consider worth cultivating you will cultivate in yourself. Your judgment of what is worthy makes it worthy for you.

T-5.VI.7. “Vengeance is mine, saith the Lord” is easily reinterpreted if you remember that ideas increase only by being shared. The statement emphasizes that vengeance cannot be shared. Give it therefore to the Holy Spirit, Who will undo it in you because it does not belong in your mind, which is part of God.

T-5.VI.8. “I will visit the sins of the fathers unto the third and fourth generation,” as interpreted by the ego, is particularly vicious. It becomes merely an attempt to guarantee the ego’s own survival. To the Holy Spirit, the statement means that in later generations He can still reinterpret what former generations had misunderstood, and thus release the thoughts from the ability to produce fear.

T-5.VI.9. “The wicked shall perish” becomes a statement of Atonement, if the word “perish” is understood as “be undone.” Every loveless thought must be undone, a word the ego cannot even understand. To the ego, to be undone means to be destroyed. The ego will not be destroyed because it is part of your thought, but because it is uncreative and therefore unsharing, it will be reinterpreted to release you from fear. The part of your mind that you have given to the ego will merely return to the Kingdom, where your whole mind belongs. You can delay the completion of the Kingdom, but you cannot introduce the concept of fear into it.

T-5.VI.10. You need not fear the Higher Court will condemn you. It will merely dismiss the case against you. There can be no case against a child of God, and every witness to guilt in God’s creations is bearing false witness to God Himself. Appeal everything you believe gladly to God’s Own Higher Court, because it speaks for Him and therefore speaks truly. It will dismiss the case against you, however carefully you have built it up. The case may be fool-proof, but it is not God-proof. The Holy Spirit will not hear it, because He can only witness truly. His verdict will always be “thine is the Kingdom,” because He was given to you to remind you of what you are.

T-5.VI.11. When I said “I am come as a light into the world,” I meant that I came to share the light with you. Remember my reference to the ego’s dark glass, and remember also that I said, “Do not look there.” It is still true that where you look to find yourself is up to you. Your patience with your brother is your patience with yourself. Is not a child of God worth patience? I have shown you infinite patience because my will is that of our Father, from Whom I learned of infinite patience. His Voice was in me as It is in you, speaking for patience towards the Sonship in the Name of its Creator.

T-5.VI.12. Now you must learn that only infinite patience produces immediate effects. This is the way in which time is exchanged for eternity. Infinite patience calls upon infinite love, and by producing results now it renders time unnecessary. We have repeatedly said that time is a learning device to be abolished when it is no longer useful. The Holy Spirit, Who speaks for God in time, also knows that time is meaningless. He reminds you of this in every passing moment of time, because it is His special function to return you to eternity and remain to bless your creations there. He is the only blessing you can truly give, because He is truly blessed. Because He has been given you freely by God, you must give Him as you received Him.

VI. Tempo ed eternità
1. Dio nella Sua conoscenza non aspetta, ma al Suo Regno manca qualcosa mentre tu aspetti. 2Tutti i figli di Dio aspettano il tuo ritorno così come tu aspetti il loro. 3Il ritardo non ha importanza nell’eternità, ma è tragico nel tempo. 4Tu hai scelto di essere nel tempo anziché nell’eternità, e quindi credi di essere nel tempo. 5Tuttavia la tua scelta è sia libera che modificabile. 6Tu non appartieni al tempo. 7Il tuo posto è solo nell’eternità, dove Dio ti ha posto per sempre.

2. I sensi di colpa sono i preservatori del tempo. 2Essi inducono paure di rappresaglia o di abbandono e così assicurano che il futuro sarà come il passato. 3Questa è la continuità dell’ego. 4Essa dà all’ego un falso senso di sicurezza facendogli credere che non puoi sfuggirgli. 5Ma puoi e devi. 6Dio ti offre in cambio la continuità dell’eternità. 7Quando sceglierai di fare questo scambio, sostituirai simultaneamente la colpa con la gioia, la crudeltà con l’amore e il dolore con la pace. 8Il mio ruolo è solo di togliere le catene dalla tua volontà e liberarla. 9Il tuo ego non può accettare questa libertà e si opporrà ad essa in ogni possibile momento e in ogni modo possibile. 10E, come colui che l’ha fatto, riconosci che lo può fare perché tu gli hai dato il potere di farlo.

3. Ricorda sempre il Regno e ricorda che tu, che sei parte del Regno, non puoi essere perduto. 2La Mente che era in me è in te, perché Dio crea con perfetta imparzialità. 3Lascia che lo Spirito Santo ti ricordi sempre la Sua imparzialità e lascia che io ti insegni come condividerla coi tuoi fratelli. 4In che altro modo ti può essere data l’opportunità di reclamarla per te? 5Le due voci parlano simultaneamente di due diverse interpretazioni della stessa cosa, o quasi simultaneamente, perché l’ego parla sempre per primo. 6Interpretazioni alternative non erano necessarie prima che fosse fatta la prima.

4. L’ego detta sentenze e lo Spirito Santo capovolge le sue decisioni, allo stesso modo in cui in questo mondo un’alta corte ha il potere di capovolgere le decisioni di un tribunale inferiore. 2Le decisioni dell’ego sono sempre sbagliate, perché sono basate sull’errore per la cui difesa sono state prese. 3Niente di ciò che l’ego percepisce viene interpretato correttamente. 4Non solo l’ego cita le Scritture per il suo scopo, ma interpreta perfino le Scritture come una testimonianza a proprio favore. 5Nel giudizio dell’ego la Bibbia è qualcosa che fa paura. 6Percependola come terrificante, la interpreta con paura. 7Avendo paura, non ti appelli alla Corte Suprema, perché pensi che anche il suo giudizio sarà contro di te.

5. Ci sono molti esempi di come le interpretazioni dell’ego sono fuorvianti, ma alcuni saranno sufficienti a mostrarti come lo Spirito Santo possa reinterpretarle nella Sua luce.

6. Egli interpreta “ciascuno mieterà ciò che ha seminato” col significato che coltiverai in te le qualità che ritieni meritevoli di coltivare. 2Il tuo giudicare qualcosa di valore, lo rende di valore per te.

7. “La vendetta è mia, dice il Signore” è facilmente reinterpretata se ti ricordi che le idee si espandono solo quando vengono condivise. 2L’affermazione sottolinea che la vendetta non può essere condivisa. 3Dalla quindi allo Spirito Santo, Che la disferà in te, perché non appartiene alla tua mente, che è parte di Dio.

8. “Farò ricadere le colpe dei padri fino alla terza e quarta generazione” come viene interpretata dall’ego, è particolarmente crudele. 2Diventa semplicemente un tentativo dell’ego di garantire la propria sopravvivenza. 3Per lo Spirito Santo la frase significa che anche nelle generazioni seguenti egli potrà ancora reinterpretare ciò che le generazioni precedenti avevano frainteso e quindi libererà i pensieri dalla capacità di produrre paura.

9. “Gli empi periranno” diventa un’affermazione della Riconciliazione, se la parola “periranno” viene compresa come “saranno disfatti”. 2Ogni pensiero privo di amore deve essere disfatto, una parola che l’ego non può nemmeno comprendere. 3Per l’ego essere disfatto significa essere distrutto. 4L’ego non verrà distrutto perché è parte del tuo pensiero, ma poiché non è creativo e quindi è incapace di condividere, verrà reinterpretato per liberarti dalla paura. 5La parte della tua mente che hai dato all’ego ritornerà semplicemente nel Regno, al quale appartiene la tua mente nella sua interezza. 6Puoi ritardare il completamento del Regno, ma non puoi introdurre il concetto di paura in esso.

10. Non devi avere paura che la Corte Suprema ti condanni. 2Essa annullerà semplicemente il procedimento contro di te. 3Non ci può essere procedimento contro un bambino di Dio, e ogni testimonianza di colpevolezza nelle creazioni di Dio rende falsa testimonianza a Dio Stesso. 4Fai felicemente appello per tutto ciò in cui credi alla Corte Suprema di Dio, perché parla in Suo nome e quindi afferma la verità. 5Annullerà il procedimento contro di te, non importa con quanta cura tu lo abbia costruito. 6Il procedimento potrà essere a prova di sciocco, ma non è a prova di Dio (2). 7Lo Spirito Santo non lo sentirà, perché può solo testimoniare la verità. 8Il Suo verdetto sarà sempre “tuo è il Regno”, perché ti è stato dato per ricordarti cosa sei.

11. Quando ho detto “io sono venuto nel mondo per essere la luce”, volevo dire che sono venuto a condividere la luce con te. 2Ricorda il mio riferimento allo specchio oscuro dell’ego, e ricorda che ho anche detto “non guardarlo”. 3È sempre vero che è una tua scelta dove guardare per trovare te stesso. 4La tua pazienza con tuo fratello è la tua pazienza con te stesso. 5Un bambino di Dio non merita forse pazienza? 6Ti ho mostrato infinita pazienza perché la mia volontà è quella di nostro Padre, dal Quale ho imparato infinita pazienza. 7La Sua Voce era in me così come è in te, e ti esorta alla pazienza verso la Figliolanza nel Nome del suo Creatore.

12. Ora devi imparare che solo un’infinita pazienza produce risultati immediati. 2Questo è il modo in cui il tempo viene scambiato con l’eternità. 3Un’infinita pazienza richiama un infinito amore e, producendo risultati ora, rende il tempo superfluo. 4Abbiamo detto ripetutamente che il tempo è uno strumento di apprendimento che dovrà essere abolito quando non sarà più utile. 5Anche lo Spirito Santo, che parla in nome di Dio nel tempo, sa che il tempo è senza significato. 6Te lo ricorda in ogni momento trascorso nel tempo, perché la Sua funzione speciale è riportarti all’eternità e rimanere là a benedire le tue creazioni. 7È l’unica benedizione che puoi veramente dare, perché Egli è veramente benedetto. 8Siccome Dio te Lo ha dato liberamente, devi darLo così come Lo hai ricevuto.

VII. The Decision for God
T-5.VII.1. Do you really believe you can make a voice that can drown out God’s? Do you really believe you can devise a thought system that can separate you from Him? Do you really believe you can plan for your safety and joy better than He can? You need be neither careful nor careless; you need merely cast your cares upon Him because He careth for you. You are His care because He loves you. His Voice reminds you always that all hope is yours because of His care. You cannot choose to escape His care because that is not His Will, but you can choose to accept His care and use the infinite power of His care for all those He created by it.

T-5.VII.2. There have been many healers who did not heal themselves. They have not moved mountains by their faith because their faith was not whole. Some of them have healed the sick at times, but they have not raised the dead. Unless the healer heals himself, he cannot believe that there is no order of difficulty in miracles. He has not learned that every mind God created is equally worthy of being healed because God created it whole. You are merely asked to return to God the mind as He created it. He asks you only for what He gave, knowing that this giving will heal you. Sanity is wholeness, and the sanity of your brothers is yours.

T-5.VII.3. Why should you listen to the endless insane calls you think are made upon you, when you can know the Voice for God is in you? God commended His Spirit to you, and asks that you commend yours to Him. He wills to keep it in perfect peace, because you are of one mind and spirit with Him. Excluding yourself from the Atonement is the ego’s last-ditch defense of its own existence. It reflects both the ego’s need to separate, and your willingness to side with its separateness. This willingness means that you do not want to be healed.

T-5.VII.4. But the time is now. You have not been asked to work out the plan of salvation yourself because, as I told you before, the remedy could not be of your making. God Himself gave you the perfect Correction for everything you made that is not in accord with His holy Will. I am making His plan perfectly explicit to you, and will also tell you of your part in it, and how urgent it is to fulfill it. God weeps at the “sacrifice” of His children who believe they are lost to Him.

T-5.VII.5. Whenever you are not wholly joyous, it is because you have reacted with a lack of love to one of God’s creations. Perceiving this as “sin” you become defensive because you expect attack. The decision to react in this way is yours, and can therefore be undone. It cannot be undone by repentance in the usual sense, because this implies guilt. If you allow yourself to feel guilty, you will reinforce the error rather than allow it to be undone for you.

T-5.VII.6. Decision cannot be difficult. This is obvious, if you realize that you must already have decided not to be wholly joyous if that is how you feel. Therefore, the first step in the undoing is to recognize that you actively decided wrongly, but can as actively decide otherwise. Be very firm with yourself in this, and keep yourself fully aware that the undoing process, which does not come from you, is nevertheless within you because God placed it there. Your part is merely to return your thinking to the point at which the error was made, and give it over to the Atonement in peace. Say this to yourself as sincerely as you can, remembering that the Holy Spirit will respond fully to your slightest invitation:

I must have decided wrongly, because I am not at peace.

I made the decision myself, but I can also decide otherwise.

I want to decide otherwise, because I want to be at peace.

I do not feel guilty, because the Holy Spirit will undo all the consequences of my wrong decision if I will let Him.

I choose to let Him, by allowing Him to decide for God for me.


VII. La decisione in favore di Dio
1. Credi veramente di poter fare una voce che possa soffocare quella di Dio? 2Credi veramente di poter inventare un sistema di pensiero che ti possa separare da Lui? 3Credi veramente di poter pianificare la tua sicurezza e la tua gioia meglio di Lui? 4Non c’è bisogno che tu ti prenda cura di te, né che ne faccia a meno: devi solo affidarti a Lui affinché sia Lui a prendersi cura di te. 5Lui si prende cura di te perché ti ama. 6La Sua Voce ti ricorda sempre che hai ogni motivo di speranza poiché Lui si prende cura di te. 7Non puoi scegliere di evitare che Lui si prenda cura di te, perché non è questa la Sua Volontà, ma puoi scegliere di accettare che Lui si prenda cura di te, e usarne il Suo infinito potere a beneficio di tutti coloro che Egli ha creato mediante essa.

2. Ci sono stati molti guaritori che non hanno guarito se stessi. 2Non hanno mosso montagne con la loro fede perché la loro fede non era intera. 3Alcuni di loro hanno guarito i malati a volte, ma non hanno resuscitato i morti. 4Fintantoché il guaritore non guarisce se stesso, non può credere che non ci sia ordine di difficoltà nei miracoli. 5Non ha imparato che ogni mente che Dio ha creato è ugualmente meritevole di essere guarita, perché Dio l’ha creata intera. 6A te è solo richiesto di restituire a Dio la mente così come l’ha creata Lui. 7Ti chiede solo quello che ti ha dato, sapendo che questo dare ti guarirà. 8La sanità mentale è interezza, e la sanità mentale dei tuoi fratelli è la tua.

3. Perché mai dovresti ascoltare gli infiniti folli richiami che credi ti siano rivolti, quando puoi sapere che la Voce che parla per Dio è in te? 2Dio ha affidato il Suo Spirito a te e chiede che tu affidi il tuo a Lui. 3Vuole tenerlo in perfetta pace, perché la tua mente e il tuo spirito sono uno con Lui. 4Escludere te stesso dalla Riconciliazione è l’ultima risorsa dell’ego in difesa della sua esistenza. 5Essa riflette sia il bisogno di separazione dell’ego che la tua disponibilità a stare dalla parte della sua separazione. 6Questa disponibilità significa che non vuoi essere guarito.

4. Ma il momento è ora. 2Non ti è stato chiesto di fare tu stesso il piano della salvezza perché, come ti ho detto prima, il rimedio non avrebbe potuto essere fatto da te. 3Dio Stesso ti ha dato la perfetta Correzione per ogni cosa che hai fatto, ma che non è in accordo con la Sua santa Volontà. 4Io ti sto rendendo perfettamente esplicito il Suo piano e ti dirò anche la tua parte in esso e quanto sia urgente che tu la compia. 5Dio piange di fronte al “sacrificio” dei Suoi bambini, che credono che Lui li abbia persi.

5. Ogni volta che non sei completamente gioioso è perché hai reagito con mancanza di amore a una delle creazioni di Dio. 2Percependo questo come “peccato”, ti metti sulla difensiva poiché ti aspetti un attacco. 3La decisione di reagire in questa maniera è tua e quindi può essere disfatta. 4Non può essere disfatta dal pentimento nel senso solito, perché questo implica colpa. 5Se ti permetti di sentirti in colpa, rinforzi l’errore invece che permettergli di essere disfatto per te

6. La decisione non può essere difficile. 2Questo è ovvio se ti rendi conto che devi avere già deciso di non essere pienamente gioioso, se questo è ciò che senti. 3Quindi il primo passo nel disfare è riconoscere che hai attivamente deciso in modo sbagliato, ma che puoi altrettanto attivamente decidere altrimenti. 4Sii molto fermo con te stesso in questo e mantieniti pienamente consapevole del fatto che disfare è un processo che non proviene da te, ma è tuttavia dentro di te perché Dio lo ha messo lì. 5La tua parte è semplicemente di riportare il tuo pensiero al punto in cui è stato fatto l’errore e affidarlo in pace alla Riconciliazione. 6Dì a te stesso, più sinceramente che puoi, ricordando che lo Spirito Santo risponderà pienamente al tuo più lieve invito:

7Devo aver deciso erroneamente, perché non sono in pace.

8Ho preso io stesso la decisione, ma posso anche decidere diversamente.

9Voglio decidere diversamente perché voglio essere in pace.

10Non mi sento in colpa perché lo Spirito Santo disferà tutte le conseguenze della mia decisione sbagliata se glieLo permetterò.

11Scelgo di permetterGlielo, lasciandoLo decidere in favore di Dio per me.


Chapter 6. The lessons of love - Capitolo 6. Le lezioni dell'amore

Introduction
T-6.in.1. The relationship of anger to attack is obvious, but the relationship of anger to fear is not always so apparent. Anger always involves projection of separation, which must ultimately be accepted as one’s own responsibility, rather than being blamed on others. Anger cannot occur unless you believe that you have been attacked, that your attack is justified in return, and that you are in no way responsible for it. Given these three wholly irrational premises, the equally irrational conclusion that a brother is worthy of attack rather than of love must follow. What can be expected from insane premises except an insane conclusion? The way to undo an insane conclusion is to consider the sanity of the premises on which it rests. You cannot be attacked, attack has no justification, and you are responsible for what you believe.

T-6.in.2. You have been asked to take me as your model for learning, since an extreme example is a particularly helpful learning device. Everyone teaches, and teaches all the time. This is a responsibility you inevitably assume the moment you accept any premise at all, and no one can organize his life without some thought system. Once you have developed a thought system of any kind, you live by it and teach it. Your capacity for allegiance to a thought system may be misplaced, but it is still a form of faith and can be redirected.

Introduzione
1. La relazione tra rabbia e attacco è ovvia, ma la relazione tra rabbia e paura non è sempre così evidente. 2La rabbia implica sempre la proiezione della separazione che, in ultima analisi, deve essere accettata come responsabilità propria di ciascuno, anziché darne la colpa agli altri. 3La rabbia non può verificarsi a meno che non si creda di essere stati attaccati, che l’attacco in risposta sia giustificato, e che non ne sei in alcun modo responsabile. 4Date queste tre premesse completamente irrazionali, ne deve conseguire la conclusione altrettanto irrazionale che un fratello meriti attacco invece che amore. 5Cosa ci si può aspettare da premesse folli se non una conclusione folle? 6Il modo per disfare una conclusione folle è considerare la sanità mentale delle premesse sulle quali si basa. 7Non puoi essere attaccato, l’attacco non ha giustificazioni, e tu sei responsabile di ciò in cui credi.

2. Ti è stato chiesto di prendermi come tuo modello di apprendimento, dato che un esempio estremo è uno strumento di apprendimento particolarmente efficace. 2Ognuno insegna, e insegna in ogni momento. 3Questa è una responsabilità che ti assumi inevitabilmente nel momento in cui accetti una qualsiasi premessa, e nessuno può organizzare la propria vita senza un sistema di pensiero. 4Una volta che hai sviluppato un sistema di pensiero di qualsiasi genere, vivi in conformità ad esso e lo insegni. 5La tua capacità di allearti con un sistema di pensiero può essere mal riposta, ma è comunque una forma di fede e può essere diretta diversamente.

I. The Message of the Crucifixion
T-6.I.1. For learning purposes, let us consider the crucifixion again. I did not dwell on it before because of the fearful connotations you may associate with it. The only emphasis laid upon it so far has been that it was not a form of punishment. Nothing, however, can be explained in negative terms only. There is a positive interpretation of the crucifixion that is wholly devoid of fear, and therefore wholly benign in what it teaches, if it is properly understood.

T-6.I.2. The crucifixion is nothing more than an extreme example. Its value, like the value of any teaching device, lies solely in the kind of learning it facilitates. It can be, and has been, misunderstood. This is only because the fearful are apt to perceive fearfully. I have already told you that you can always call on me to share my decision, and thus make it stronger. I have also told you that the crucifixion was the last useless journey the Sonship need take, and that it represents release from fear to anyone who understands it. While I emphasized only the resurrection before, the purpose of the crucifixion and how it actually led to the resurrection was not clarified then. Nevertheless, it has a definite contribution to make to your own life, and if you will consider it without fear, it will help you understand your own role as a teacher.

T-6.I.3. You have probably reacted for years as if you were being crucified. This is a marked tendency of the separated, who always refuse to consider what they have done to themselves. Projection means anger, anger fosters assault, and assault promotes fear. The real meaning of the crucifixion lies in the apparent intensity of the assault of some of the Sons of God upon another. This, of course, is impossible, and must be fully understood as impossible. Otherwise, I cannot serve as a model for learning.

T-6.I.4. Assault can ultimately be made only on the body. There is little doubt that one body can assault another, and can even destroy it. Yet if destruction itself is impossible, anything that is destructible cannot be real. Its destruction, therefore, does not justify anger. To the extent to which you believe that it does, you are accepting false premises and teaching them to others. The message the crucifixion was intended to teach was that it is not necessary to perceive any form of assault in persecution, because you cannot be persecuted. If you respond with anger, you must be equating yourself with the destructible, and are therefore regarding yourself insanely.

T-6.I.5. I have made it perfectly clear that I am like you and you are like me, but our fundamental equality can be demonstrated only through joint decision. You are free to perceive yourself as persecuted if you choose. When you do choose to react that way, however, you might remember that I was persecuted as the world judges, and did not share this evaluation for myself. And because I did not share it, I did not strengthen it. I therefore offered a different interpretation of attack, and one which I want to share with you. If you will believe it, you will help me teach it.

T-6.I.6. As I have said before, “As you teach so shall you learn.” If you react as if you are persecuted, you are teaching persecution. This is not a lesson a Son of God should want to teach if he is to realize his own salvation. Rather, teach your own perfect immunity, which is the truth in you, and realize that it cannot be assailed. Do not try to protect it yourself, or you are believing that it is assailable. You are not asked to be crucified, which was part of my own teaching contribution. You are merely asked to follow my example in the face of much less extreme temptations to misperceive, and not to accept them as false justifications for anger. There can be no justification for the unjustifiable. Do not believe there is, and do not teach that there is. Remember always that what you believe you will teach. Believe with me, and we will become equal as teachers.

T-6.I.7. Your resurrection is your reawakening. I am the model for rebirth, but rebirth itself is merely the dawning on your mind of what is already in it. God placed it there Himself, and so it is true forever. I believed in it, and therefore accepted it as true for me. Help me to teach it to our brothers in the name of the Kingdom of God, but first believe that it is true for you, or you will teach amiss. My brothers slept during the so-called “agony in the garden,” but I could not be angry with them because I knew I could not be abandoned.

T-6.I.8. I am sorry when my brothers do not share my decision to hear only one Voice, because it weakens them as teachers and as learners. Yet I know they cannot really betray themselves or me, and that it is still on them that I must build my church. There is no choice in this, because only you can be the foundation of God’s church. A church is where an altar is, and the presence of the altar is what makes the church holy. A church that does not inspire love has a hidden altar that is not serving the purpose for which God intended it. I must found His church on you, because those who accept me as a model are literally my disciples. Disciples are followers, and if the model they follow has chosen to save them pain in all respects, they are unwise not to follow him.

T-6.I.9. I elected, for your sake and mine, to demonstrate that the most outrageous assault, as judged by the ego, does not matter. As the world judges these things, but not as God knows them, I was betrayed, abandoned, beaten, torn, and finally killed. It was clear that this was only because of the projection of others onto me, since I had not harmed anyone and had healed many.

T-6.I.10. We are still equal as learners, although we do not need to have equal experiences. The Holy Spirit is glad when you can learn from mine, and be reawakened by them. That is their only purpose, and that is the only way in which I can be perceived as the way, the truth and the life. When you hear only one Voice you are never called on to sacrifice. On the contrary, by being able to hear the Holy Spirit in others you can learn from their experiences, and can gain from them without experiencing them directly yourself. That is because the Holy Spirit is One, and anyone who listens is inevitably led to demonstrate His way for all.

T-6.I.11. You are not persecuted, nor was I. You are not asked to repeat my experiences because the Holy Spirit, Whom we share, makes this unnecessary. To use my experiences constructively, however, you must still follow my example in how to perceive them. My brothers and yours are constantly engaged in justifying the unjustifiable. My one lesson, which I must teach as I learned it, is that no perception that is out of accord with the judgment of the Holy Spirit can be justified. I undertook to show this was true in an extreme case, merely because it would serve as a good teaching aid to those whose temptation to give in to anger and assault would not be so extreme. I will with God that none of His Sons should suffer.

T-6.I.12. The crucifixion cannot be shared because it is the symbol of projection, but the resurrection is the symbol of sharing because the reawakening of every Son of God is necessary to enable the Sonship to know its Wholeness. Only this is knowledge.

T-6.I.13. The message of the crucifixion is perfectly clear:

Teach only love, for that is what you are.

T-6.I.14. If you interpret the crucifixion in any other way, you are using it as a weapon for assault rather than as the call for peace for which it was intended. The Apostles often misunderstood it, and for the same reason that anyone misunderstands it. Their own imperfect love made them vulnerable to projection, and out of their own fear they spoke of the “wrath of God” as His retaliatory weapon. Nor could they speak of the crucifixion entirely without anger, because their sense of guilt had made them angry.

T-6.I.15. These are some of the examples of upside-down thinking in the New Testament, although its gospel is really only the message of love. If the Apostles had not felt guilty, they never could have quoted me as saying, “I come not to bring peace but a sword.” This is clearly the opposite of everything I taught. Nor could they have described my reactions to Judas as they did, if they had really understood me. I could not have said, “Betrayest thou the Son of man with a kiss?” unless I believed in betrayal. The whole message of the crucifixion was simply that I did not. The “punishment” I was said to have called forth upon Judas was a similar mistake. Judas was my brother and a Son of God, as much a part of the Sonship as myself. Was it likely that I would condemn him when I was ready to demonstrate that condemnation is impossible?

T-6.I.16. As you read the teachings of the Apostles, remember that I told them myself that there was much they would understand later, because they were not wholly ready to follow me at the time. I do not want you to allow any fear to enter into the thought system toward which I am guiding you. I do not call for martyrs but for teachers. No one is punished for sins, and the Sons of God are not sinners. Any concept of punishment involves the projection of blame, and reinforces the idea that blame is justified. The result is a lesson in blame, for all behavior teaches the beliefs that motivate it. The crucifixion was the result of clearly opposed thought systems; the perfect symbol of the “conflict” between the ego and the Son of God. This conflict seems just as real now, and its lessons must be learned now as well as then.

T-6.I.17. I do not need gratitude, but you need to develop your weakened ability to be grateful, or you cannot appreciate God. He does not need your appreciation, but you do. You cannot love what you do not appreciate, for fear makes appreciation impossible. When you are afraid of what you are you do not appreciate it, and will therefore reject it. As a result, you will teach rejection.

T-6.I.18. The power of the Sons of God is present all the time, because they were created as creators. Their influence on each other is without limit, and must be used for their joint salvation. Each one must learn to teach that all forms of rejection are meaningless. The separation is the notion of rejection. As long as you teach this you will believe it. This is not as God thinks, and you must think as He thinks if you are to know Him again.

T-6.I.19. Remember that the Holy Spirit is the Communication Link between God the Father and His separated Sons. If you will listen to His Voice you will know that you cannot either hurt or be hurt, and that many need your blessing to help them hear this for themselves. When you perceive only this need in them, and do not respond to any other, you will have learned of me and will be as eager to share your learning as I am.

I. Il messaggio della crocifissione
1. A scopo di apprendimento, prendiamo nuovamente in considerazione la crocifissione. 2Non mi sono soffermato prima su di essa a causa delle connotazioni di paura che puoi associare ad essa. 3L’unica enfasi data ad essa fin qui è che non è stata una forma di punizione. 4Nulla, tuttavia, può essere spiegato solo in termini negativi. 5C’è una interpretazione positiva della crocifissione che è totalmente scevra di paura, e quindi totalmente benevola in ciò che insegna, se opportunamente compresa.

2. La crocifissione non è niente altro che un esempio estremo. 2Il suo valore, come il valore di qualsiasi strumento di insegnamento, è solo nel tipo di apprendimento che favorisce. 3Può essere fraintesa, e lo è stata. 4Questo avviene solo perché chi ha paura è predisposto a percepire con paura. 5Ti ho già detto che puoi sempre rivolgerti a me per condividere la mia decisione e così renderla più forte. 6Ti ho anche detto che la crocifissione è stata l’ultimo viaggio inutile che la Figliolanza ha bisogno di intraprendere, e che rappresenta la liberazione dalla paura per chiunque la comprenda. 7Mentre precedentemente ho messo in evidenza solo la resurrezione, in quel contesto non avevo fatto chiarezza sullo scopo della crocifissione e su come ha effettivamente condotto alla resurrezione. 8Tuttavia, essa ha un contributo preciso da dare alla tua vita, e se la prenderai in considerazione senza paura, ti aiuterà a capire il tuo ruolo come insegnante.

3. Probabilmente hai reagito per anni come se tu venissi continuamente crocifisso. 2Questa è una forte tendenza di coloro che sono separati, che rifiutano sempre di prendere in considerazione ciò che hanno fatto a se stessi. 3La proiezione indica rabbia, la rabbia alimenta l’aggressione, e l’aggressione fomenta paura. 4Il reale significato della crocifissione sta nell’apparente intensità dell’assalto di alcuni dei Figli di Dio nei confronti di un altro. 5Questo, ovviamente, è impossibile, e deve essere pienamente compreso che è impossibile. 6Altrimenti non posso servire da modello di apprendimento.

4. Fondamentalmente, l’assalto può essere esercitato solo sul corpo. 2Non c’è dubbio che un corpo possa aggredirne un altro, e possa perfino distruggerlo. 3Tuttavia se la distruzione stessa è impossibile, qualsiasi cosa che si possa distruggere non può essere reale. 4La sua distruzione, quindi, non giustifica la rabbia. 5Nella misura in cui credi che lo faccia, accetti delle false premesse e le insegni agli altri. 6Il messaggio che la crocifissione si proponeva di insegnare era che non è necessario percepire alcuna forma di assalto nella persecuzione, perché non puoi essere perseguitato. 7Se reagisci con rabbia, devi equipararti con ciò che è distruttibile, e quindi ti stai vedendo in un modo folle.

5. Ho messo perfettamente in chiaro che sono come te e tu sei come me, ma la nostra uguaglianza di fondo può essere dimostrata solo attraverso una decisione congiunta. 2Sei libero di percepirti perseguitato, se lo scegli. 3Quando scegli di reagire in quel modo, comunque, puoi ricordare che io sono stato perseguitato secondo il giudizio del mondo, e non ho condiviso questa valutazione per me stesso. 4E siccome non l’ho condivisa, non l’ho rafforzata. 5Ho quindi offerto un’interpretazione differente dell’attacco, una interpretazione che voglio condividere con te. 6Se la crederai, mi aiuterai ad insegnarla.

6. Come ti ho detto in precedenza, “come insegni, così imparerai”. 2Se reagisci come se fossi perseguitato, insegnerai la persecuzione. 3Questa non è una lezione che un Figlio di Dio dovrebbe voler insegnare se vuole realizzare la propria salvezza. 4Piuttosto, insegna che sei perfettamente immune, che è la verità in te, e renditi conto che essa non può essere attaccata. 5Non cercare di proteggerla da solo, o crederai che sia attaccabile. 6Essere crocifisso fu una parte del mio contributo di insegnamento, e non ti viene richiesto. 7Ti si chiede solo di seguire il mio esempio di fronte a tentazioni di mal percepire molto meno estreme, e di non accettarle in quanto false giustificazioni di rabbia. 8Non ci può essere alcuna giustificazione per ciò che non è giustificabile. 9Non credere che ci sia, e non insegnare che c’è. 10Ricordati sempre che insegnerai ciò in cui credi. 11Credi con me, e diventeremo uguali come insegnanti.

7. La tua resurrezione è il tuo risveglio. 2Io sono il modello per la rinascita, ma la rinascita stessa è semplicemente l’albeggiare nella tua mente di ciò che vi è già. 3Dio Stesso l’ha messa lì, e quindi è vera per sempre. 4Ho creduto in essa e quindi l’ho accettata come vera per me. 5Aiutami ad insegnarla ai nostri fratelli nel nome del Regno di Dio, ma prima devi credere che sia vera per te, o insegnerai male. 6I miei fratelli hanno dormito durante la cosiddetta “agonia nell’orto”, ma io non potevo arrabbiarmi con loro perché sapevo che non potevo essere abbandonato.

8. Mi dispiace quando i miei fratelli non condividono la mia decisione di udire solo una Voce, perché li indebolisce come insegnanti e come studenti. 2Tuttavia so che non possono veramente tradire se stessi o me, e che è ancora su di loro che devo costruire la mia chiesa. 3Non c’è scelta in questo, perché solo tu puoi essere il fondamento della chiesa di Dio. 4Una chiesa si trova dove c’è un altare, e la presenza dell’altare è ciò che rende santa la chiesa. 5Una chiesa che non ispira amore ha un altare nascosto che non serve lo scopo per il quale Dio l’ha voluta. 6Io devo fondare la Sua chiesa su di te, perché coloro che mi accettano come modello sono letteralmente i miei discepoli. 7I discepoli sono seguaci, e se il modello che seguono ha scelto di risparmiare loro il dolore in ogni aspetto, sarebbero sciocchi se non lo seguissero.

9. Ho scelto, per il tuo bene ed il mio, di dimostrare che l’attacco più assurdo a giudizio dell’ego, è irrilevante. 2Secondo come il mondo giudica queste cose, ma non come Dio sa che sono, io fui tradito, abbandonato, colpito, straziato e, alla fine, ucciso. 3Era chiaro che questo fu soltanto a causa della proiezione degli altri su di me, dato che io non avevo fatto del male a nessuno ed avevo guarito molti.

10. Siamo ancora uguali come studenti, anche se non è necessario avere le stesse esperienze. 2Lo Spirito Santo è contento quando puoi imparare dalle mie, ed essere risvegliato da esse. 3Questo è il loro unico scopo, e questa è l’unica maniera in cui posso essere percepito come la via, la verità, la vita. 4Quando senti solo una Voce, non ti è mai richiesto alcun sacrificio. 5Al contrario, essendo in grado di udire lo Spirito Santo negli altri, puoi imparare dalle loro esperienze, e trarne beneficio senza farne esperienza diretta tu stesso. 6Questo avviene grazie al fatto che lo Spirito Santo è uno, e chiunque ascolti è inevitabilmente portato a dimostrare la Sua via per tutti.

11. Non sei perseguitato, né lo sono stato io. 2Non ti viene chiesto di ripetere le mie esperienze perché lo Spirito Santo, che condividiamo, lo rende non necessario. 3Tuttavia, per usare le mie esperienze in modo costruttivo, devi ancora seguire il mio esempio riguardo a come percepirle. 4I miei fratelli ed i tuoi sono costantemente impegnati a giustificare ciò che non è giustificabile. 5La mia unica lezione, che devo insegnare così come l’ho imparata, è che nessuna percezione che non sia in accordo con il giudizio dello Spirito Santo può essere giustificata. 6Mi sono impegnato a dimostrare che questo era vero in un caso estremo, semplicemente perché sarebbe servito come efficace strumento di apprendimento per coloro la cui tentazione di cedere alla rabbia e all’assalto non sarebbe stata così estrema. 7Io voglio con Dio che nessuno dei Suoi Figli abbia a soffrire.

12. La crocifissione non può essere condivisa perché è il simbolo della proiezione, ma la resurrezione è il simbolo della condivisione, perché è necessario il risveglio di ogni Figlio di Dio per permettere alla Figliolanza di conoscere la sua Interezza. 2Solo questa è conoscenza.

13. Il messaggio della crocifissione è perfettamente chiaro:

Insegna solo amore, perché questo è ciò che sei.

14. Se interpreti la crocifissione in qualsiasi altro modo, la stai usando come un’arma per aggredire piuttosto che come un richiamo alla pace, per la quale era intesa. 2Gli Apostoli l’hanno spesso fraintesa, e per lo stesso motivo per cui tutti la fraintendono. 3Il loro amore imperfetto li ha resi vulnerabili alla proiezione e, come risultato della loro paura, hanno parlato dell’“ira di Dio” come Sua arma di vendetta. 4Nè hanno potuto parlare della crocifissione completamente senza rabbia, perché il loro senso di colpa li aveva fatti arrabbiare.

15. Questi sono alcuni degli esempi di pensiero capovolto del Nuovo Testamento, nonostante il suo vangelo sia in realtà solo il messaggio dell’amore. 2Se gli Apostoli non si fossero sentiti in colpa, non avrebbero mai potuto attribuirmi parole come “non sono venuto a portare la pace ma una spada”. 3Questo è chiaramente l’opposto di tutto ciò che ho insegnato. 4Nè avrebbero potuto descrivere, se veramente mi avessero capito, le mie reazioni nei confronti di Giuda come hanno fatto. 5Non avrei potuto dire “con un bacio tradisci il Figlio dell’uomo?”, a meno che non avessi creduto nel tradimento. 6L’intero messaggio della crocifissione fu semplicemente che non ci ho creduto. 7La “punizione” che si dice avrei invocato per Giuda, fu un errore simile. 8Giuda era mio fratello e un Figlio di Dio, parte della Figliolanza come me stesso. 9È verosimile che potessi condannarlo quando ero pronto a dimostrare che la condanna è impossibile?

16. Quando leggi gli insegnamenti degli Apostoli, ricorda che io stesso dissi loro che c’erano molte cose che avrebbero capito più tardi, perché non erano completamente pronti a seguirmi a quel tempo. 2Non voglio che tu permetta ad alcuna paura di entrare nel sistema di pensiero verso il quale ti sto guidando. 3Non vado in cerca di martiri, ma di insegnanti. 4Nessuno viene punito per i peccati, e i Figli di Dio non sono peccatori. 5Qualsiasi concetto di punizione implica la proiezione della colpa, e rinforza l’idea che la colpa sia giustificata. 6Il risultato è una lezione che insegna la colpa, perché ogni comportamento insegna le credenze che lo motivano. 7La crocifissione fu il risultato di sistemi di pensiero chiaramente opposti: il simbolo perfetto del “conflitto” tra l’ego e il Figlio di Dio. 8Questo conflitto sembra essere ugualmente reale ora, e le sue lezioni devono essere imparate ora, così come allora.

17. Io non ho bisogno di gratitudine, ma tu devi sviluppare la tua indebolita capacità di provare gratitudine, o non potrai apprezzare Dio. 2Egli non ha bisogno che tu lo apprezzi, ma tu sì. 3Non puoi amare ciò che non apprezzi, perché la paura rende impossibile apprezzarlo. 4Quando hai paura di ciò che sei non lo apprezzi, e quindi lo rifiuterai. 5Come risultato, insegnerai il rifiuto.

18. Il potere dei Figli di Dio è sempre presente, perché sono stati creati come creatori. 2La loro influenza gli uni sugli altri è senza limiti, e deve essere usata per la loro salvezza congiunta. 3Ognuno deve imparare ad insegnare che tutte le forme di rifiuto sono senza senso. 4La separazione è la nozione del rifiuto. 5Finché lo insegni ci crederai. 6Non è così che Dio pensa, e tu devi pensare come Lui se vuoi conoscerLo di nuovo.

19. Ricorda che lo Spirito Santo è l’Anello di Comunicazione tra Dio Padre e i Suoi Figli separati. 2Se ascolti la Sua Voce saprai che non puoi né ferire né essere ferito, e che molti hanno bisogno che la tua benedizione li aiuti a sentire questo per se stessi. 3Quando percepirai solo questo bisogno in loro, e non risponderai a nessun altro, avrai imparato da me, e sarai desideroso di condividere ciò che hai imparato, come lo sono io.

II. The Alternative to Projection
T-6.II.1. Any split in mind must involve a rejection of part of it, and this is the belief in separation. The Wholeness of God, which is His peace, cannot be appreciated except by a whole mind that recognizes the Wholeness of God’s creation. By this recognition it knows its Creator. Exclusion and separation are synonymous, as are separation and dissociation. We have said before that the separation was and is dissociation, and that once it occurs projection becomes its main defense, or the device that keeps it going. The reason, however, may not be so obvious as you think.

T-6.II.2. What you project you disown, and therefore do not believe is yours. You are excluding yourself by the very judgment that you are different from the one on whom you project. Since you have also judged against what you project, you continue to attack it because you continue to keep it separated. By doing this unconsciously, you try to keep the fact that you attacked yourself out of awareness, and thus imagine that you have made yourself safe.

T-6.II.3. Yet projection will always hurt you. It reinforces your belief in your own split mind, and its only purpose is to keep the separation going. It is solely a device of the ego to make you feel different from your brothers and separated from them. The ego justifies this on the grounds that it makes you seem “better” than they are, thus obscuring your equality with them still further. Projection and attack are inevitably related, because projection is always a means of justifying attack. Anger without projection is impossible. The ego uses projection only to destroy your perception of both yourself and your brothers. The process begins by excluding something that exists in you but which you do not want, and leads directly to excluding you from your brothers.

T-6.II.4. We have learned, however, that there is an alternative to projection. Every ability of the ego has a better use, because its abilities are directed by the mind, which has a better Voice. The Holy Spirit extends and the ego projects. As their goals are opposed, so is the result.

T-6.II.5. The Holy Spirit begins by perceiving you as perfect. Knowing this perfection is shared He recognizes it in others, thus strengthening it in both. Instead of anger this arouses love for both, because it establishes inclusion. Perceiving equality, the Holy Spirit perceives equal needs. This invites Atonement automatically, because Atonement is the one need in this world that is universal. To perceive yourself this way is the only way in which you can find happiness in the world. That is because it is the acknowledgment that you are not in this world, for the world is unhappy.

T-6.II.6. How else can you find joy in a joyless place except by realizing that you are not there? You cannot be anywhere God did not put you, and God created you as part of Him. That is both where you are and what you are. It is completely unalterable. It is total inclusion. You cannot change it now or ever. It is forever true. It is not a belief, but a Fact. Anything that God created is as true as He is. Its truth lies only in its perfect inclusion in Him Who alone is perfect. To deny this is to deny yourself and Him, since it is impossible to accept one without the other.

T-6.II.7. The perfect equality of the Holy Spirit’s perception is the reflection of the perfect equality of God’s knowing. The ego’s perception has no counterpart in God, but the Holy Spirit remains the Bridge between perception and knowledge. By enabling you to use perception in a way that reflects knowledge, you will ultimately remember it. The ego would prefer to believe that this memory is impossible, yet it is your perception the Holy Spirit guides. Your perception will end where it began. Everything meets in God, because everything was created by Him and in Him.

T-6.II.8. God created His Sons by extending His Thought, and retaining the extensions of His Thought in His Mind. All His Thoughts are thus perfectly united within themselves and with each other. The Holy Spirit enables you to perceive this wholeness now. God created you to create. You cannot extend His Kingdom until you know of its wholeness.

T-6.II.9. Thoughts begin in the mind of the thinker, from which they reach outward. This is as true of God’s Thinking as it is of yours. Because your mind is split, you can perceive as well as think. Yet perception cannot escape the basic laws of mind. You perceive from your mind and project your perceptions outward. Although perception of any kind is unreal, you made it and the Holy Spirit can therefore use it well. He can inspire perception and lead it toward God. This convergence seems to be far in the future only because your mind is not in perfect alignment with the idea, and therefore does not want it now.

T-6.II.10. The Holy Spirit uses time, but does not believe in it. Coming from God He uses everything for good, but He does not believe in what is not true. Since the Holy Spirit is in your mind, your mind can also believe only what is true. The Holy Spirit can speak only for this, because He speaks for God. He tells you to return your whole mind to God, because it has never left Him. If it has never left Him, you need only perceive it as it is to be returned. The full awareness of the Atonement, then, is the recognition that the separation never occurred. The ego cannot prevail against this because it is an explicit statement that the ego never occurred.

T-6.II.11. The ego can accept the idea that return is necessary because it can so easily make the idea seem difficult. Yet the Holy Spirit tells you that even return is unnecessary, because what never happened cannot be difficult. However, you can make the idea of return both necessary and difficult. Yet it is surely clear that the perfect need nothing, and you cannot experience perfection as a difficult accomplishment, because that is what you are. This is the way in which you must perceive God’s creations, bringing all of your perceptions into the one line the Holy Spirit sees. This line is the direct line of communication with God, and lets your mind converge with His. There is no conflict anywhere in this perception, because it means that all perception is guided by the Holy Spirit, Whose Mind is fixed on God. Only the Holy Spirit can resolve conflict, because only the Holy Spirit is conflict-free. He perceives only what is true in your mind, and extends outward only to what is true in other minds.

T-6.II.12. The difference between the ego’s projection and the Holy Spirit’s extension is very simple. The ego projects to exclude, and therefore to deceive. The Holy Spirit extends by recognizing Himself in every mind, and thus perceives them as one. Nothing conflicts in this perception, because what the Holy Spirit perceives is all the same. Wherever He looks He sees Himself, and because He is united He offers the whole Kingdom always. This is the one message God gave to Him and for which He must speak, because that is what He is. The peace of God lies in that message, and so the peace of God lies in you. The great peace of the Kingdom shines in your mind forever, but it must shine outward to make you aware of it.

T-6.II.13. The Holy Spirit was given you with perfect impartiality, and only by recognizing Him impartially can you recognize Him at all. The ego is legion, but the Holy Spirit is One. No darkness abides anywhere in the Kingdom, but your part is only to allow no darkness to abide in your own mind. This alignment with light is unlimited, because it is in alignment with the light of the world. Each of us is the light of the world, and by joining our minds in this light we proclaim the Kingdom of God together and as one.

II. L’alternativa alla proiezione
1. In ogni mente scissa deve essere implicito il rifiuto di una parte di essa, e questo è credere nella separazione. 2L’Interezza di Dio, che è la Sua pace, non può essere apprezzata se non da una mente intera che riconosce l’Interezza della creazione di Dio. 3Con questo riconoscimento, conosce il suo Creatore. 4Esclusione e separazione sono sinonimi, come lo sono separazione e dissociazione. 5Abbiamo detto in precedenza che la separazione è stata ed è dissociazione, e che una volta che si verifica, la proiezione diventa la sua difesa principale, ovvero il meccanismo che continua a farla funzionare. 6Il motivo, comunque, può non essere così ovvio come pensi.

2. Ciò che proietti lo ripudi, e quindi non credi che sia tuo. 2Stai escludendo te stesso col fatto stesso che giudichi di essere differente da colui sul quale proietti. 3Siccome hai anche giudicato contro ciò che proietti, continui ad attaccarlo perché continui a mantenerlo separato. 4Facendolo inconsciamente, cerchi di mantenere fuori dalla tua consapevolezza il fatto che hai attaccato te stesso, e così immagini di esserti messo al sicuro.

3. Tuttavia la proiezione ti farà sempre del male. 2Essa rinforza la tua credenza nella tua mente scissa e il suo unico scopo è di far sì che la separazione continui. 3È solamente un meccanismo dell’ego per farti sentire differente dai tuoi fratelli e separato da essi. 4L’ego giustifica ciò sulla base del fatto che ti fa sembrare “migliore” di loro, e oscura così ancor di più la tua eguaglianza con loro. 5La proiezione e l’attacco sono inevitabilmente collegati, perché la proiezione è sempre un mezzo per giustificare l’attacco. 6La rabbia senza proiezione è impossibile. 7L’ego usa la proiezione solo per distruggere la tua percezione sia di te stesso che dei tuoi fratelli. 8Il processo inizia con l’escludere qualcosa che esiste in te ma che non vuoi, e porta direttamente all’escluderti dai tuoi fratelli.

4. Abbiamo imparato, tuttavia, che c’è un’alternativa alla proiezione. 2Ogni capacità dell’ego ha un uso migliore, perché le sue capacità sono dirette dalla mente, che ha una Voce migliore. 3Lo Spirito Santo estende e l’ego proietta. 4Siccome i loro obiettivi sono opposti, anche il risultato lo è.

5. Lo Spirito Santo comincia col percepirti perfetto. 2Sapendo che questa perfezione è condivisa, Egli la riconosce negli altri, rafforzandola così in entrambi. 3Invece della rabbia, suscita amore per entrambi, perché stabilisce l’inclusione. 4Siccome percepisce l’uguaglianza, lo Spirito Santo percepisce bisogni uguali. 5Questo automaticamente invita la Riconciliazione, perché la Riconciliazione è l’unico bisogno universale di questo mondo. 6Percepirti così è l’unico modo in cui puoi trovare la felicità nel mondo. 7Questo si deve al fatto che è il riconoscimento che non sei di questo mondo, perché il mondo è infelice.

6. In che altro modo potresti trovare gioia in un luogo senza gioia se non rendendoti conto che non sei lì? 2Non puoi essere in alcun luogo dove Dio non ti ha posto, e Dio ti ha creato parte di Lui. 3Questo è sia dove sei che ciò che sei. 4È completamente inalterabile. 5È inclusione totale. 6Non puoi cambiarlo né ora né mai. 7È vero per sempre. 8Non è una credenza, ma un Fatto. 9Qualsiasi cosa Dio abbia creato è vera come lo è Lui. 10La sua verità sta solo nella sua perfetta inclusione in Colui Che è il solo ad essere perfetto. 11Negare ciò è negare te stesso e Lui, perché è impossibile accettare l’uno senza l’altro.

7. La perfetta eguaglianza della percezione dello Spirito Santo è il riflesso della perfetta eguaglianza della conoscenza di Dio. 2La percezione dell’ego non ha alcuna controparte in Dio, ma lo Spirito Santo rimane il Ponte tra percezione e conoscenza. 3Mettendoti in grado di usare la percezione in un modo che rifletta la conoscenza, alla fine la ricorderai. 4L’ego preferirebbe credere che questo ricordo è impossibile, tuttavia è la tua percezione che lo Spirito Santo guida. 5La tua percezione finirà dov’è cominciata. 6Tutto converge in Dio, perché tutto è stato creato da Lui e in Lui.

8. Dio ha creato i Suoi Figli estendendo il Suo Pensiero, e mantenendo le estensioni del Suo Pensiero nella Sua Mente. 2Tutti i Suoi Pensieri sono così perfettamente uniti al loro interno e gli uni con gli altri. 3Lo Spirito Santo ti permette di percepire questa interezza ora. 4Dio ti ha creato per creare. 5Non puoi estendere il Suo Regno finché non conoscerai la sua interezza.

9. I pensieri cominciano nella mente di colui che pensa, dalla quale si protendono all’esterno. 2Questo è vero per il Pensiero di Dio come lo è per il tuo. 3Siccome la tua mente è separata, puoi percepire oltre che pensare. 4Tuttavia la percezione non può sfuggire alle leggi basilari della mente. 5Percepisci dalla tua mente e proietti le tue percezioni all’esterno. 6Nonostante qualsiasi tipo di percezione sia irreale, l’hai fatta tu e lo Spirito Santo può quindi usarla bene. 7Egli può ispirare la percezione e guidarla verso Dio. 8Questa convergenza sembra essere lontana nel futuro solo perché la tua mente non è perfettamente in linea con l’idea, e quindi non la vuole ora.

10. Lo Spirito Santo usa il tempo, ma non ci crede. 2Procedendo da Dio, Egli usa tutto per il bene, ma non crede in ciò che non è vero. 3Siccome lo Spirito Santo è nella tua mente, la tua mente può credere anche solo ciò che è vero. 4Lo Spirito Santo può parlare solo in favore di questo, perché parla in favore di Dio. 5Ti dice di riportare la tua mente intera a Dio, perché non L’ha mai lasciato. 6Se non L’ha mai lasciato, hai solo bisogno di percepirla così com’è perché possa tornare a Lui. 7La piena consapevolezza della Riconciliazione è, quindi, il riconoscimento che la separazione non è mai avvenuta. 8L’ego non può prevalere contro di ciò, perché è un’affermazione esplicita che l’ego non è mai esistito.

11. L’ego può accettare l’idea che il ritorno sia necessario, perché così può facilmente fare sì che l’idea sembri difficile. 2Tuttavia lo Spirito Santo ti dice che perfino il ritorno non è necessario, perché ciò che non è mai accaduto non può essere difficile. 3Comunque tu puoi rendere l’idea del ritorno sia necessaria che difficile. 4Tuttavia è assolutamente chiaro che ciò che è perfetto non ha bisogno di nulla, e tu non puoi sperimentare la perfezione come qualcosa di difficile da raggiungere, perché questo è ciò che sei. 5Questo è il modo in cui devi percepire le creazioni di Dio, portando tutte le tue percezioni sull’unica linea che lo Spirito Santo vede. 6Questa linea è la linea diretta di comunicazione con Dio, e permette alla tua mente di convergere con la Sua. 7Non c’è alcun conflitto in questa percezione perché significa che tutte le percezioni sono guidate dallo Spirito Santo, la Cui Mente è fissa su Dio. 8Solo lo Spirito Santo può risolvere il conflitto, perché solo lo Spirito Santo è libero dal conflitto. 9Egli percepisce solo ciò che nella tua mente è vero, ed estende all’esterno solo verso ciò che è vero nelle altre menti.

12. La differenza tra la proiezione dell’ego e l’estensione dello Spirito Santo è molto semplice. 2L’ego proietta per escludere e quindi per ingannare. 3Lo Spirito Santo estende riconoscendo Se stesso in ogni mente, e quindi le percepisce come una sola. 4Niente è in conflitto in questa percezione, perché tutto ciò che lo Spirito Santo percepisce è la stessa cosa. 5Ovunque guarda vede Se stesso, e siccome è unito, offre sempre l’intero Regno. 6Questo è l’unico messaggio che Dio Gli ha dato e per il quale deve parlare, perché questo è ciò che è. 7La pace di Dio si trova in quel messaggio, e così la pace di Dio si trova in te. 8La grande pace del Regno splende nella tua mente per sempre, ma deve splendere all’esterno per renderti consapevole di essa.

13. Lo Spirito Santo ti è stato dato con perfetta imparzialità, e solo riconoscendoLo imparzialmente lo puoi davvero riconoscere. 2L’ego è legione, ma lo Spirito Santo è uno. 3Non c’è oscurità in nessuna parte del Regno, ma il tuo ruolo è solo di non permettere all’oscurità di dimorare nella tua mente. 4Questo allineamento con la luce è illimitato, perché è in linea con la luce del mondo. 5Ognuno di noi è la luce del mondo, e unendo le nostre menti in questa luce, proclamiamo il Regno di Dio insieme e come una cosa sola.

III. The Relinquishment of Attack
T-6.III.1. As we have already emphasized, every idea begins in the mind of the thinker. Therefore, what extends from the mind is still in it, and from what it extends it knows itself. The word “knows” is correct here, because the Holy Spirit still holds knowledge safe in your mind through His impartial perception. By attacking nothing, He presents no barrier to the communication of God. Therefore, being is never threatened. Your Godlike mind can never be defiled. The ego never was and never will be part of it, but through the ego you can hear and teach and learn what is not true. You have taught yourself to believe that you are not what you are. You cannot teach what you have not learned, and what you teach you strengthen in yourself because you are sharing it. Every lesson you teach you are learning.

T-6.III.2. That is why you must teach only one lesson. If you are to be conflict-free yourself, you must learn only from the Holy Spirit and teach only by Him. You are only love, but when you deny this, you make what you are something you must learn to remember. I said before that the message of the crucifixion was, “Teach only love, for that is what you are.” This is the one lesson that is perfectly unified, because it is the only lesson that is one. Only by teaching it can you learn it. “As you teach so will you learn.” If that is true, and it is true indeed, do not forget that what you teach is teaching you. And what you project or extend you believe.

T-6.III.3. The only safety lies in extending the Holy Spirit, because as you see His gentleness in others your own mind perceives itself as totally harmless. Once it can accept this fully, it sees no need to protect itself. The protection of God then dawns upon it, assuring it that it is perfectly safe forever. The perfectly safe are wholly benign. They bless because they know that they are blessed. Without anxiety the mind is wholly kind, and because it extends beneficence it is beneficent. Safety is the complete relinquishment of attack. No compromise is possible in this. Teach attack in any form and you have learned it, and it will hurt you. Yet this learning is not immortal, and you can unlearn it by not teaching it.

T-6.III.4. Since you cannot not teach, your salvation lies in teaching the exact opposite of everything the ego believes. This is how you will learn the truth that will set you free, and will keep you free as others learn it of you. The only way to have peace is to teach peace. By teaching peace you must learn it yourself, because you cannot teach what you still dissociate. Only thus can you win back the knowledge that you threw away. An idea that you share you must have. It awakens in your mind through the conviction of teaching it. Everything you teach you are learning. Teach only love, and learn that love is yours and you are love.

III. La rinuncia all’attacco
1. Come abbiamo già sottolineato, ogni idea nasce nella mente di colui che pensa. 2Quindi, ciò che si estende dalla mente è ancora in essa, e per mezzo di ciò che estende conosce se stessa. 3Qui la parola “conosce” è corretta, perché lo Spirito Santo, attraverso la Sua percezione imparziale, mantiene ancora al sicuro nella tua mente la conoscenza. 4Non attaccando nulla, non oppone barriere alla comunicazione di Dio. 5Quindi, l’essere non è mai minacciato. 6La tua mente simile a Dio non può mai essere profanata. 7L’ego non è mai stato e mai sarà una parte di essa, ma attraverso l’ego puoi udire, insegnare ed imparare ciò che non è vero. 8Hai insegnato a te stesso a credere che non sei ciò che sei. 9Non puoi insegnare ciò che non hai imparato, e ciò che insegni lo rafforzi in te stesso poiché lo condividi. 10Impari ogni lezione che insegni.

2. Questo è il motivo per cui devi insegnare solo una lezione se devi essere tu stesso libero dal conflitto, devi imparare solo dallo Spirito Santo e insegnare solo per Suo tramite. 2Tu sei solo amore, ma quando lo neghi fai di ciò che sei qualcosa che devi imparare così da ricordarlo. 3Ho già detto che il messaggio della crocifissione è stato: “Insegna solo amore, perché questo è ciò che sei”. 4Questa è l’unica lezione perfettamente unificata, perché è la sola lezione che è una sola. 5Solo insegnandola puoi impararla. 6“Imparerai ciò che insegnerai”. 7Se questo è vero, e sicuramente lo è, non dimenticare che ciò che insegni ti sta insegnando. 8E crederai in ciò che proietti o estendi.

3. L’unica sicurezza sta nell’estendere lo Spirito Santo, perché quando vedi la Sua dolcezza negli altri, la tua stessa mente si percepisce come totalmente inoffensiva. 2Una volta che può accettare pienamente ciò, essa non vede più alcun bisogno di proteggersi. 3La protezione di Dio sorge quindi su di essa, assicurandole che è per sempre al sicuro. 4Coloro che sono perfettamente al sicuro sono interamente benevoli. 5Essi benedicono, perché sanno di essere benedetti. 6Senza ansia la mente è totalmente benevola e, siccome estende carità, è caritatevole. 7La sicurezza è il completo abbandono dell’attacco. 8In ciò non è possibile alcun compromesso. 9Insegna qualsiasi forma di attacco e lo avrai imparato, e ti farà del male. 10Tuttavia questo apprendimento non è immortale, e puoi disimpararlo non insegnandolo.

4. Siccome non puoi non insegnare, la tua salvezza sta nell’insegnare l’esatto opposto di tutto ciò in cui l’ego crede. 2Ecco come imparerai la verità che ti renderà libero, e ti manterrà libero mentre altri la imparano da te. 3Il solo modo per avere la pace è insegnare la pace. 4Insegnando la pace devi impararla tu stesso, perché non puoi insegnare ciò da cui ancora ti dissoci. 5Solo così potrai riconquistare la conoscenza che hai gettato via. 6Per condividere un’idea devi averla. 7Essa si risveglia nella tua mente attraverso la convinzione di insegnarla. 8Impari qualsiasi cosa insegni. 9Insegna solo l’amore ed impara che l’amore è tuo e tu sei amore.

IV. The Only Answer
T-6.IV.1. Remember that the Holy Spirit is the Answer, not the question. The ego always speaks first. It is capricious and does not mean its maker well. It believes, and correctly, that its maker may withdraw his support from it at any moment. If it meant you well it would be glad, as the Holy Spirit will be glad when He has brought you home and you no longer need His guidance. The ego does not regard itself as part of you. Herein lies its primary error, the foundation of its whole thought system.

T-6.IV.2. When God created you He made you part of Him. That is why attack within the Kingdom is impossible. You made the ego without love, and so it does not love you. You could not remain within the Kingdom without love, and since the Kingdom is love, you believe that you are without it. This enables the ego to regard itself as separate and outside its maker, thus speaking for the part of your mind that believes you are separate and outside the Mind of God. The ego, then, raised the first question that was ever asked, but one it can never answer. That question, “What are you?”was the beginning of doubt. The ego has never answered any questions since, although it has raised a great many. The most inventive activities of the ego have never done more than obscure the question, because you have the answer and the ego is afraid of you.

T-6.IV.3. You cannot understand the conflict until you fully understand the basic fact that the ego cannot know anything. The Holy Spirit does not speak first, but He always answers. Everyone has called upon Him for help at one time or another and in one way or another, and has been answered. Since the Holy Spirit answers truly He answers for all time, which means that everyone has the answer now.

T-6.IV.4. The ego cannot hear the Holy Spirit, but it does believe that part of the mind that made it is against it. It interprets this as a justification for attacking its maker. It believes that the best defense is attack, and wants you to believe it. Unless you do believe it you will not side with it, and the ego feels badly in need of allies, though not of brothers. Perceiving something alien to itself in your mind, the ego turns to the body as its ally, because the body is not part of you. This makes the body the ego’s friend. It is an alliance frankly based on separation. If you side with this alliance you will be afraid, because you are siding with an alliance of fear.

T-6.IV.5. The ego uses the body to conspire against your mind, and because the ego realizes that its “enemy” can end them both merely by recognizing they are not part of you, they join in the attack together. This is perhaps the strangest perception of all, if you consider what it really involves. The ego, which is not real, attempts to persuade the mind, which is real, that the mind is the ego’s learning device; and further, that the body is more real than the mind is. No one in his right mind could possibly believe this, and no one in his right mind does believe it.

T-6.IV.6. Hear, then, the one answer of the Holy Spirit to all the questions the ego raises: You are a child of God, a priceless part of His Kingdom, which He created as part of Him. Nothing else exists and only this is real. You have chosen a sleep in which you have had bad dreams, but the sleep is not real and God calls you to awake. There will be nothing left of your dream when you hear Him, because you will awaken. Your dreams contain many of the ego’s symbols and they have confused you. Yet that was only because you were asleep and did not know. When you wake you will see the truth around you and in you, and you will no longer believe in dreams because they will have no reality for you. Yet the Kingdom and all that you have created there will have great reality for you, because they are beautiful and true.

T-6.IV.7. In the Kingdom, where you are and what you are is perfectly certain. There is no doubt, because the first question was never asked. Having finally been wholly answered, it has never been. Being alone lives in the Kingdom, where everything lives in God without question. The time spent on questioning in the dream has given way to creation and to its eternity. You are as certain as God because you are as true as He is, but what was once certain in your mind has become only the ability for certainty.

T-6.IV.8. The introduction of abilities into being was the beginning of uncertainty, because abilities are potentials, not accomplishments. Your abilities are useless in the presence of God’s accomplishments, and also of yours. Accomplishments are results that have been achieved. When they are perfect, abilities are meaningless. It is curious that the perfect must now be perfected. In fact, it is impossible. Remember, however, that when you put yourself in an impossible situation you believe that the impossible is possible.

T-6.IV.9. Abilities must be developed before you can use them. This is not true of anything that God created, but it is the kindest solution possible for what you made. In an impossible situation, you can develop your abilities to the point where they can get you out of it. You have a Guide to how to develop them, but you have no commander except yourself. This leaves you in charge of the Kingdom, with both a Guide to find it and a means to keep it. You have a model to follow who will strengthen your command, and never detract from it in any way. You therefore retain the central place in your imagined enslavement, which in itself demonstrates that you are not enslaved.

T-6.IV.10. You are in an impossible situation only because you think it is possible to be in one. You would be in an impossible situation if God showed you your perfection, and proved to you that you were wrong. This would demonstrate that the perfect are inadequate to bring themselves to the awareness of their perfection, and thus side with the belief that those who have everything need help and are therefore helpless. This is the kind of “reasoning” in which the ego engages. God, Who knows that His creations are perfect, does not affront them. This would be as impossible as the ego’s notion that it has affronted Him.

T-6.IV.11. That is why the Holy Spirit never commands. To command is to assume inequality, which the Holy Spirit demonstrates does not exist. Fidelity to premises is a law of mind, and everything God created is faithful to His laws. Fidelity to other laws is also possible, however, not because the laws are true, but because you made them. What would be gained if God proved to you that you have thought insanely? Can God lose His Own certainty? I have frequently said that what you teach you are. Would you have God teach you that you have sinned? If He confronted the self you made with the truth He created for you, what could you be but afraid? You would doubt your right mind, which is the only place where you can find the sanity He gave you.

T-6.IV.12. God does not teach. To teach is to imply a lack, which God knows is not there. God is not conflicted. Teaching aims at change, but God created only the changeless. The separation was not a loss of perfection, but a failure in communication. A harsh and strident form of communication arose as the ego’s voice. It could not shatter the peace of God, but it could shatter yours. God did not blot it out, because to eradicate it would be to attack it. Being questioned, He did not question. He merely gave the Answer. His Answer is your Teacher.

IV. L’unica Risposta
1. Ricorda che lo Spirito Santo è la Risposta, non la domanda. 2L’ego parla sempre per primo. 3È capriccioso e non desidera il bene di chi lo ha fatto. 4Crede, correttamente, che chi lo ha fatto possa ritirargli il suo sostegno in qualsiasi momento. 5Se ti volesse bene sarebbe contento, così come lo Spirito Santo sarà contento quando ti avrà ricondotto a casa e non avrai più bisogno della Sua guida. 6L’ego non si considera parte di te. 7Qui sta il suo errore primario, il fondamento del suo intero sistema di pensiero.

2. Quando Dio ti ha creato, ti ha fatto parte di Sé. 2Ecco perché l’attacco è impossibile all’interno del Regno. 3Tu hai fatto l’ego senza amore, e così non ti ama. 4Non potresti rimanere all’interno del Regno senza amore, e poiché il Regno è amore, credi di esserne senza. 5Questo permette all’ego di considerarsi separato ed esterno a colui che l’ha fatto, dando così voce alla parte della tua mente che crede che tu sia separato e fuori dalla Mente di Dio. 6L’ego quindi ha sollevato la prima domanda che sia mai stata posta, una domanda alla quale non potrà mai rispondere. 7Quella domanda: “Cosa sei?” ha dato inizio al dubbio. 8Da quel momento l’ego non ha mai risposto a una domanda, nonostante ne abbia fatte emergere moltissime. 9Le attività più ingegnose dell’ego non hanno mai fatto altro che oscurare la domanda, perché tu hai la risposta e l’ego ha paura di te.

3. Non puoi capire il conflitto finché non capisci completamente il fatto fondamentale che l’ego non può sapere niente. 2Lo Spirito Santo non parla per primo, ma risponde sempre. 3Tutti Lo hanno invocato in un momento o in un altro, in un modo o nell’altro, e hanno avuto risposta. 4Siccome lo Spirito Santo risponde veramente, risponde per sempre, il che significa che tutti hanno la risposta ora.

4. L’ego non può udire lo Spirito Santo, ma crede davvero che una parte della mente che lo ha fatto sia contro di esso. 2Interpreta ciò come una giustificazione per attaccare colui che lo ha fatto. 3Crede che la miglior difesa sia l’attacco, e vuole che tu lo creda. 4Non starai dalla sua parte a meno che tu non creda in esso, e l’ego ha un grande bisogno di alleati, ma non di fratelli. 5Percependo, nella tua mente, qualcosa di alieno a sé, l’ego si rivolge al corpo per avere un alleato, perché il corpo non è parte di te. 6Questo fa del corpo l’amico dell’ego. 7È un’alleanza francamente basata sulla separazione. 8Se stai dalla parte di questa alleanza, avrai paura, perché starai dalla parte di un’alleanza basata sulla paura.

5. L’ego usa il corpo per cospirare contro la tua mente, e siccome l’ego si rende conto che il suo “nemico” potrebbe farla finita con entrambi semplicemente riconoscendo che non sono parte di te, si uniscono in un attacco congiunto. 2Questa è forse la più strana di tutte le percezioni, se consideri ciò che implica veramente. 3L’ego, che non è reale, tenta di persuadere la mente, che è reale, che la mente è lo strumento di apprendimento dell’ego, e per di più che il corpo è più reale della mente. 4Nessuno che sia nella sua mente corretta potrebbe mai credere in ciò, e nessuno che sia nella sua mente corretta lo crede.

6. Ascolta, quindi, l’unica risposta dello Spirito Santo a tutte le domande sollevate dall’ego: tu sei un bambino di Dio, una parte del Suo Regno di inestimabile valore, che Egli ha creato come parte di Sé. 2Nient’altro esiste, e solo questo è reale. 3Hai scelto un sonno in cui hai fatto dei brutti sogni, ma il sonno non è reale e Dio ti invita al risveglio. 4Quando Lo udrai non rimarrà più niente del tuo sogno, perché ti risveglierai. 5I tuoi sogni contengono molti dei simboli dell’ego e ti hanno confuso. 6Tuttavia questo è stato solo perché dormivi e non sapevi. 7Quando ti sveglierai, vedrai la verità in te ed intorno a te, e non crederai più nei sogni, perché non avranno alcuna realtà per te. 8Ma il Regno e tutto ciò che vi hai creato avranno una grande realtà per te, perché sono belli e veri.

7. Nel Regno, dove sei e ciò che sei sono assolutamente certi. 2Non c’è dubbio, perché la prima domanda non è mai stata posta. 3Dal momento che ha finalmente avuto risposta interamente, essa non è mai esistita. 4Solo l’essere vive nel Regno, dove tutto vive in Dio, senza dubbi. 5Il tempo passato nel sogno a fare domande ha ceduto il posto alla creazione e alla sua eternità. 6Sei certo come Dio, perché sei vero come Lui, ma ciò che una volta era certezza nella tua mente è diventato solo la capacità d’essere certo.

8. L’introduzione del mettere in essere delle capacità, è stato l’inizio dell’incertezza, perché le capacità sono dei potenziali, non qualcosa di realizzato. 2Le tue capacità sono inutili di fronte alle realizzazioni di Dio, ed anche delle tue. 3Per realizzazioni si intendono i risultati che sono stati raggiunti. 4Quando questi sono perfetti, le capacità non hanno senso. 5È curioso che ciò che è perfetto debba ora essere perfezionato. 6In realtà è impossibile. 7Ricorda, comunque, che quando ti metti in una situazione impossibile credi che l’impossibile sia possibile.

9. Le capacità devono essere sviluppate prima che tu le possa usare. 2Questo non è vero per ogni cosa che Dio ha creato, ma è la soluzione più benevola possibile per ciò che hai fatto tu. 3In una situazione impossibile puoi sviluppare le tue capacità fino al punto in cui puoi uscire da quella situazione. 4Hai una Guida che ti dice come svilupparle, ma non hai altro comandante che te stesso. 5Questo ti lascia la responsabilità del Regno, con una guida per trovarlo e il mezzo per conservarlo. 6Hai un modello da seguire che rafforzerà il tuo comando e non lo indebolirà in alcun modo. 7Quindi mantieni il posto centrale nella tua schiavitù immaginaria, cosa che di per sé dimostra che non sei uno schiavo.

10. Sei in una situazione impossibile solo perché pensi che sia possibile essere in una situazione così. 2Saresti in una situazione impossibile se Dio ti mostrasse la tua perfezione e ti dimostrasse che avevi torto. 3Questo dimostrerebbe che chi è perfetto è inadeguato a prendere coscienza della propria perfezione, e così sosterrebbe la credenza che coloro che hanno tutto hanno bisogno di aiuto e sono quindi inermi. 4Questo è il tipo di “ragionamento” in cui si impegna l’ego. 5Dio, Che sa che le Sue creazioni sono perfette, non le umilia. 6Questo sarebbe impossibile come la nozione dell’ego di aver umiliato Dio.

11. Questo è il motivo per cui lo Spirito Santo non comanda mai. 2Comandare implica disuguaglianza, e lo Spirito Santo dimostra che non esiste. 3La fedeltà alle premesse è una legge della mente, e tutto ciò che Dio ha creato è fedele alle Sue leggi. 4Tuttavia è possibile anche la fedeltà ad altre leggi, non perché le leggi siano vere, ma perché le hai fatte tu. 5Cosa guadagneresti se Dio ti dimostrasse che hai pensato in maniera folle? 6Può forse Dio perdere la Sua certezza? 7Ho detto spesso che sei ciò che insegni. 8Vorresti forse che Dio ti insegnasse che hai peccato? 9Se Lui confrontasse il sé che hai fatto tu con la verità che Lui ha creato per te, cosa potresti avere se non paura? 10Dubiteresti della tua mente corretta, che è l’unico posto in cui puoi trovare la sanità mentale che Lui ti ha dato.

12. Dio non insegna. 2Insegnare implica che ci sia una mancanza, e Dio sa che non c’è. 3Dio non è in conflitto. 4L’insegnamento mira al cambiamento, ma Dio ha creato solo ciò che è immutabile. 5La separazione non è stata una perdita di perfezione, ma un fallimento nella comunicazione. 6Come voce dell’ego è sorta una forma di comunicazione aspra e stridente. 7Non ha potuto fare a pezzi la pace di Dio, ma ha potuto fare a pezzi la tua. 8Dio non l’ha cancellata, perché sradicarla sarebbe stato attaccarla. 9Essendo stato messo in dubbio, Egli non ha messo in dubbio. 10Ha semplicemente dato la Risposta. 11La Sua Risposta è il tuo Insegnante.

V. The Lessons of the Holy Spirit
T-6.V.1. Like any good teacher, the Holy Spirit knows more than you do now, but He teaches only to make you equal with Him. You had already taught yourself wrongly, having believed what was not true. You did not believe in your own perfection. Would God teach you that you had made a split mind, when He knows your mind only as whole? What God does know is that His communication channels are not open to Him, so that He cannot impart His joy and know that His children are wholly joyous. Giving His joy is an ongoing process, not in time but in eternity. God’s extending outward, though not His completeness, is blocked when the Sonship does not communicate with Him as one. So He thought, “My children sleep and must be awakened.”

T-6.V.2. How can you wake children in a more kindly way than by a gentle Voice that will not frighten them, but will merely remind them that the night is over and the light has come? You do not inform them that the nightmares that frightened them so badly are not real, because children believe in magic. You merely reassure them that they are safe now. Then you train them to recognize the difference between sleeping and waking, so they will understand they need not be afraid of dreams. And so when bad dreams come, they will themselves call on the light to dispel them.

T-6.V.3. A wise teacher teaches through approach, not avoidance. He does not emphasize what you must avoid to escape from harm, but what you need to learn to have joy. Consider the fear and confusion a child would experience if he were told, “Do not do this because it will hurt you and make you unsafe; but if you do that instead, you will escape from harm and be safe, and then you will not be afraid.” It is surely better to use only three words: “Do only that!” This simple statement is perfectly clear, easily understood and very easily remembered.

T-6.V.4. The Holy Spirit never itemizes errors because He does not frighten children, and those who lack wisdom are children. Yet He always answers their call, and His dependability makes them more certain. Children do confuse fantasy and reality, and they are frightened because they do not recognize the difference. The Holy Spirit makes no distinction among dreams. He merely shines them away. His light is always the Call to awaken, whatever you have been dreaming. Nothing lasting lies in dreams, and the Holy Spirit, shining with the light from God Himself, speaks only for what lasts forever.

V. Le lezioni dello Spirito Santo
1. Come ogni buon insegnante, lo Spirito Santo sa più di ciò che sai tu ora, ma insegna solo per renderti uguale a Lui. 2Hai già insegnato a te stesso in modo sbagliato, avendo creduto in ciò che non era vero. 3Non hai creduto nella tua perfezione. 4Dio ti insegnerebbe forse che avevi fatto una mente scissa, quando conosce la tua mente solo come intera? 5Ciò che Dio sa è che i Suoi canali di comunicazione non Gli sono aperti, cosicché Egli non può impartire la Sua gioia e sapere che i Suoi bambini sono interamente gioiosi. 6Dare la Sua gioia è un processo continuo, non nel tempo ma nell’eternità. 7L’estensione di Dio verso l’esterno, anche se non la Sua completezza, è bloccata quando la Figliolanza non comunica con Lui come se fosse una cosa sola. 8Così Egli ha pensato: “I miei bambini dormono e devono essere svegliati”.

2. Come puoi svegliare dei bambini più dolcemente se non con una Voce dolce che non li spaventi, ma ricordi semplicemente loro che la notte è finita ed è giunta la luce? 2Non li informi del fatto che gli incubi che li hanno tanto terrorizzati non sono reali, perché i bambini credono nella magia. 3Semplicemente li rassicuri del fatto che ora sono al sicuro. 4Poi li alleni a riconoscere la differenza tra il sonno e la veglia, affinché capiscano che non devono avere paura dei sogni. 5E così, quando faranno brutti sogni, essi stessi invocheranno la luce per dissolverli.

3. Un insegnante saggio insegna tramite la vicinanza, non evitando. 2Non sottolinea ciò che devi evitare per sfuggire al dolore, ma ciò che devi imparare per conseguire la gioia. 3Considera la paura e la confusione che un bambino proverebbe se gli venisse detto: “Non fare questo perché ti farà male e ti metterà in pericolo, ma se invece farai quello, sfuggirai al dolore e sarai al sicuro, e allora non avrai paura”. 4È sicuramente meglio usare solo tre parole: “Fai solo quello!” 5Questa semplice affermazione è perfettamente chiara, facile da capire e molto facile da ricordare.

4. Lo Spirito Santo non esamina gli errori in dettaglio, perché non terrorizza i bambini, e coloro ai quali manca la saggezza sono dei bambini. 2Tuttavia Egli risponde sempre al loro richiamo, e il fatto che possono sempre contare su di Lui li rende più sicuri. 3I bambini confondono davvero la fantasia e la realtà, e sono spaventati perché non riconoscono la differenza. 4Lo Spirito Santo non fa distinzioni tra i sogni. 5Semplicemente li fa svanire con la Sua luce. 6La Sua luce è sempre un Richiamo al risveglio, qualunque cosa tu stessi sognando. 7Non c’è nulla di duraturo nei sogni, e lo Spirito Santo, risplendendo con la luce di Dio Stesso, parla solo per ciò che dura in eterno.

A. To Have, Give All to All
T-6.V.A.1. When your body and your ego and your dreams are gone, you will know that you will last forever. Perhaps you think this is accomplished through death, but nothing is accomplished through death, because death is nothing. Everything is accomplished through life, and life is of the mind and in the mind. The body neither lives nor dies, because it cannot contain you who are life. If we share the same mind, you can overcome death because I did. Death is an attempt to resolve conflict by not deciding at all. Like any other impossible solution the ego attempts, it will not work.

T-6.V.A.2. God did not make the body, because it is destructible, and therefore not of the Kingdom. The body is the symbol of what you think you are. It is clearly a separation device, and therefore does not exist. The Holy Spirit, as always, takes what you have made and translates it into a learning device. Again as always, He reinterprets what the ego uses as an argument for separation into a demonstration against it. If the mind can heal the body, but the body cannot heal the mind, then the mind must be stronger than the body. Every miracle demonstrates this.

T-6.V.A.3. I have said that the Holy Spirit is the motivation for miracles. He always tells you that only the mind is real, because only the mind can be shared. The body is separate, and therefore cannot be part of you. To be of one mind is meaningful, but to be one body is meaningless. By the laws of mind, then, the body is meaningless.

T-6.V.A.4. To the Holy Spirit, there is no order of difficulty in miracles. This is familiar enough to you by now, but it has not yet become believable. Therefore, you do not understand it and cannot use it. We have too much to accomplish on behalf of the Kingdom to let this crucial concept slip away. It is a real foundation stone of the thought system I teach and want you to teach. You cannot perform miracles without believing it, because it is a belief in perfect equality. Only one equal gift can be offered to the equal Sons of God, and that is full appreciation. Nothing more and nothing less. Without a range, order of difficulty is meaningless, and there must be no range in what you offer to your brother.

T-6.V.A.5. The Holy Spirit, Who leads to God, translates communication into being, just as He ultimately translates perception into knowledge. You do not lose what you communicate. The ego uses the body for attack, for pleasure and for pride. The insanity of this perception makes it a fearful one indeed. The Holy Spirit sees the body only as a means of communication, and because communicating is sharing it becomes communion. Perhaps you think that fear as well as love can be communicated; and therefore can be shared. Yet this is not so real as it may appear. Those who communicate fear are promoting attack, and attack always breaks communication, making it impossible. Egos do join together in temporary allegiance, but always for what each one can get separately. The Holy Spirit communicates only what each one can give to all. He never takes anything back, because He wants you to keep it. Therefore, His teaching begins with the lesson:

To have, give all to all.

T-6.V.A.6. This is a very preliminary step, and the only one you must take for yourself. It is not even necessary that you complete the step yourself, but it is necessary that you turn in that direction. Having chosen to go that way, you place yourself in charge of the journey, where you and only you must remain. This step may appear to exacerbate conflict rather than resolve it, because it is the beginning step in reversing your perception and turning it right-side up. This conflicts with the upside-down perception you have not yet abandoned, or the change in direction would not have been necessary. Some remain at this step for a long time, experiencing very acute conflict. At this point they may try to accept the conflict, rather than take the next step towards its resolution. Having taken the first step, however, they will be helped. Once they have chosen what they cannot complete alone, they are no longer alone.

A. Per avere, dai tutto a tutto
1. Quando il tuo corpo, il tuo ego e i tuoi sogni saranno svaniti, saprai di essere eterno. 2Forse pensi che questo si compia per mezzo della morte, ma nulla si compie per mezzo della morte, perché la morte non è niente. 3Tutto si compie per mezzo della vita, e la vita è della mente e nella mente. 4Il corpo non vive né muore, perché non può contenere te che sei la vita. 5Se è vero che condividiamo la stessa mente, puoi vincere la morte, perché io l’ho fatto. 6La morte è un tentativo di risolvere il conflitto non prendendo alcuna decisione. 7Come ogni altra soluzione impossibile tentata dall’ego, non funzionerà.

2. Dio non ha fatto il corpo, perché è distruttibile e quindi non è del Regno. 2Il corpo è il simbolo di ciò che pensi di essere. 3È chiaramente uno strumento di separazione e quindi non esiste. 4Lo Spirito Santo, come sempre, prende ciò che hai fatto e lo traduce in uno strumento di apprendimento. 5Ancora, come sempre, reinterpreta ciò che l’ego usa come prova della separazione in una dimostrazione contro di essa. 6Se la mente può guarire il corpo, ma il corpo non può guarire la mente, allora la mente deve essere più forte del corpo. 7Ogni miracolo lo dimostra.

3. Ho detto che lo Spirito Santo è la motivazione a compiere i miracoli. 2Ti dice sempre che solo la mente è reale, perché solo la mente può essere condivisa. 3Il corpo è separato e quindi non può essere parte di te. 4Essere una sola mente ha significato, ma essere un solo corpo non ha significato. 5Secondo le leggi della mente, quindi, il corpo non ha significato.

4. Per lo Spirito Santo non c’è ordine di difficoltà nei miracoli. 2Questo ora ti è abbastanza familiare, ma non è ancora diventato credibile. 3Quindi non lo capisci e non puoi usarlo. 4Abbiamo troppe cose da compiere in favore del Regno per permettere a questo concetto cruciale di sfuggirci. 5È la vera pietra angolare del sistema di pensiero che insegno e che voglio che insegni. 6Non puoi fare miracoli senza credere in esso, perché è credere nella perfetta eguaglianza. 7Solo un dono identico può essere offerto agli identici Figli di Dio, ed è l’apprezzamento totale. 8Niente di più e niente di meno. 9Senza una gradazione, l’ordine di difficoltà è senza significato e non ci deve essere gradazione in ciò che offri a tuo fratello.

5. Lo Spirito Santo, Che conduce a Dio, traduce la comunicazione nell’essere, così come in ultima istanza traduce la percezione in conoscenza. 2Tu non perdi ciò che comunichi. 3L’ego usa il corpo per attaccare, per ottenere piacere e per vanagloria. 4La follia di questa percezione lo rende qualcosa di veramente temibile. 5Lo Spirito Santo vede il corpo solo come mezzo di comunicazione, e siccome comunicare è condividere, diventa comunione. 6Forse pensi che la paura possa essere comunicata allo stesso modo dell’amore e quindi possa essere condivisa. 7Tuttavia questo non è così reale come può sembrare. 8Coloro che comunicano paura promuovono l’attacco, e l’attacco spezza sempre la comunicazione, rendendola impossibile. 9È vero che gli ego si uniscono in alleanze temporanee, ma sempre per ciò che ciascuno può ottenere separatamente. 10Lo Spirito Santo comunica solo ciò che ciascuno può dare a tutto. 11Non ti chiede indietro nulla, perché vuole che tu lo tenga. 12Quindi il Suo insegnamento inizia con la lezione:

Per avere, dai tutto a tutto.

6. Questo è un passo molto preliminare, ed è l’unico che devi compiere da solo. 2Non è nemmeno necessario che completi tu stesso il passo, ma è necessario che svolti in quella direzione. 3Avendo scelto di percorrere quel cammino, ti assumi la responsabilità del viaggio, responsabilità che tu e solo tu devi mantenere. 4Questo passo può sembrare che esasperi il conflitto, piuttosto che risolverlo, perché è il passo iniziale nell’invertire la tua percezione e capovolgerla rettificandola. 5Questo è in conflitto con la percezione capovolta che non hai abbandonato, altrimenti il cambiamento di direzione non sarebbe stato necessario. 6Alcuni rimangono a lungo in questo frangente, provando un conflitto molto acuto. 7A questo punto potrebbero provare ad accettare il conflitto, anziché fare il passo successivo verso la sua soluzione. 8Avendo fatto il primo passo, tuttavia, saranno aiutati. 9Una volta che avranno scelto ciò che non possono completare da soli, non saranno più da soli.

B. To Have Peace, Teach Peace to Learn It
T-6.V.B.1. All who believe in separation have a basic fear of retaliation and abandonment. They believe in attack and rejection, so that is what they perceive and teach and learn. These insane ideas are clearly the result of dissociation and projection. What you teach you are, but it is quite apparent that you can teach wrongly, and can therefore teach yourself wrong. Many thought I was attacking them, even though it was apparent I was not. An insane learner learns strange lessons. What you must recognize is that when you do not share a thought system, you are weakening it. Those who believe in it therefore perceive this as an attack on them. This is because everyone identifies himself with his thought system, and every thought system centers on what you believe you are. If the center of the thought system is true, only truth extends from it. But if a lie is at its center, only deception proceeds from it.

T-6.V.B.2. All good teachers realize that only fundamental change will last, but they do not begin at that level. Strengthening motivation for change is their first and foremost goal. It is also their last and final one. Increasing motivation for change in the learner is all that a teacher need do to guarantee change. Change in motivation is a change of mind, and this will inevitably produce fundamental change because the mind is fundamental.

T-6.V.B.3. The first step in the reversal or undoing process is the undoing of the getting concept. Accordingly, the Holy Spirit’s first lesson was “To have, give all to all.” I said that this is apt to increase conflict temporarily, and we can clarify this still further now. At this point, the equality of having and being is not yet perceived. Until it is, having appears to be the opposite of giving. Therefore, the first lesson seems to contain a contradiction, since it is being learned by a conflicted mind. This means conflicting motivation, and so the lesson cannot be learned consistently as yet. Further, the mind of the learner projects its own conflict, and thus does not perceive consistency in the minds of others, making him suspicious of their motivation. This is the real reason why, in many respects, the first lesson is the hardest to learn. Still strongly aware of the ego in yourself, and responding primarily to the ego in others, you are being taught to react to both as if what you do believe is not true.

T-6.V.B.4. Upside down as always, the ego perceives the first lesson as insane. In fact, this is its only alternative since the other possibility, which would be much less acceptable to it, would obviously be that it is insane. The ego’s judgment, here as always, is predetermined by what it is. The fundamental change will still occur with the change of mind in the thinker. Meanwhile, the increasing clarity of the Holy Spirit’s Voice makes it impossible for the learner not to listen. For a time, then, he is receiving conflicting messages and accepting both.

T-6.V.B.5. The way out of conflict between two opposing thought systems is clearly to choose one and relinquish the other. If you identify with your thought system, and you cannot escape this, and if you accept two thought systems which are in complete disagreement, peace of mind is impossible. If you teach both, which you will surely do as long as you accept both, you are teaching conflict and learning it. Yet you do want peace, or you would not have called upon the Voice for peace to help you. Its lesson is not insane; the conflict is.

T-6.V.B.6. There can be no conflict between sanity and insanity. Only one is true, and therefore only one is real. The ego tries to persuade you that it is up to you to decide which voice is true, but the Holy Spirit teaches you that truth was created by God, and your decision cannot change it. As you begin to realize the quiet power of the Holy Spirit’s Voice, and Its perfect consistency, it must dawn on your mind that you are trying to undo a decision that was irrevocably made for you. That is why I suggested before that you remind yourself to allow the Holy Spirit to decide for God for you.

T-6.V.B.7. You are not asked to make insane decisions, although you can think you are. It must, however, be insane to believe that it is up to you to decide what God’s creations are. The Holy Spirit perceives the conflict exactly as it is. Therefore, His second lesson is:

To have peace, teach peace to learn it.

T-6.V.B.8. This is still a preliminary step, since having and being are still not equated. It is, however, more advanced than the first step, which is really only the beginning of the thought reversal. The second step is a positive affirmation of what you want. This, then, is a step in the direction out of conflict, since it means that alternatives have been considered, and one has been chosen as more desirable. Nevertheless, the term “more desirable” still implies that the desirable has degrees. Therefore, although this step is essential for the ultimate decision, it is clearly not the final one. Lack of order of difficulty in miracles has not yet been accepted, because nothing is difficult that is wholly desired. To desire wholly is to create, and creating cannot be difficult if God Himself created you as a creator.

T-6.V.B.9. The second step, then, is still perceptual, although it is a giant step toward the unified perception that reflects God’s knowing. As you take this step and hold this direction, you will be pushing toward the center of your thought system, where the fundamental change will occur. At the second step progress is intermittent, but the second step is easier than the first because it follows. Realizing that it must follow is a demonstration of a growing awareness that the Holy Spirit will lead you on.

B. Per avere pace, insegna la pace per impararla.
1. Tutti coloro che credono nella separazione hanno una paura di fondo della vendetta e dell’abbandono. 2Essi credono nell’attacco e nel rifiuto, così che questo è ciò che percepiscono, insegnano e imparano. 3Queste idee folli sono chiaramente il risultato della dissociazione e della proiezione. 4Tu sei ciò che insegni, ma è alquanto evidente che puoi insegnare in modo sbagliato, e quindi puoi insegnare in modo sbagliato a te stesso. 5Molti hanno pensato che li stessi attaccando, anche se era evidente che non era vero. 6Uno studente folle impara strane lezioni. 7Ciò che devi riconoscere è che quando non condividi un sistema di pensiero, lo indebolisci. 8Quindi coloro che credono in esso lo percepiscono come un attacco contro di loro. 9Questo perché ognuno si identifica col proprio sistema di pensiero, e ogni sistema di pensiero si centra su ciò che credi di essere. 10Se il centro di un sistema di pensiero è vero, solo la verità si estende da esso. 11Ma se al suo centro c’è una menzogna, da esso procede solo l’inganno.

2. Tutti i buoni insegnanti si rendono conto che solo i cambiamenti fondamentali saranno duraturi, ma non cominciano a quel livello. 2Rafforzare la motivazione al cambiamento è il loro primo e più importante obiettivo. 3È anche l’ultimo e definitivo. 4Aumentare la motivazione al cambiamento nello studente è tutto ciò che un insegnante ha bisogno di fare per garantire il cambiamento. 5Il cambiamento della motivazione è un cambiamento di mente, e questo produrrà inevitabilmente cambiamenti fondamentali, perché la mente è fondamentale.

3. Il primo passo nel processo di inversione o disfacimento sta nel disfare il concetto di ottenere. 2Di conseguenza la prima lezione dello Spirito Santo è stata “per avere, dai tutto a tutti”. 3Ho detto che questo si può prestare ad aumentare temporaneamente il conflitto, e ora possiamo chiarire ulteriormente questo concetto. 4A questo punto l’uguaglianza di avere ed essere non è ancora percepita. 5Finché non lo è avere sembra essere l’opposto di dare. 6Quindi, la prima lezione sembra contenere una contraddizione, perché viene imparata da una mente in conflitto. 7Questo significa che c’è una motivazione conflittuale, e così la lezione non può essere ancora imparata in modo coerente. 8Per di più, la mente dello studente proietta il proprio conflitto e quindi non percepisce la coerenza nelle menti altrui, rendendolo sospettoso della loro motivazione. 9Questo è il vero motivo per cui, sotto molti aspetti, la prima lezione è la più difficile da imparare. 10Ancora fortemente consapevole dell’ego in te, e reagendo in primo luogo all’ego negli altri, ti viene insegnato a reagire nei confronti di entrambi, come se ciò in cui credi non fosse vero.

4. Capovolto come sempre, l’ego percepisce la prima lezione come folle. 2Di fatto, questa è la sua unica alternativa dal momento che l’altra possibilità, che sarebbe molto meno accettabile per lui, sarebbe ovviamente che esso è folle. 3Il giudizio dell’ego, qui come sempre, è predeterminato da ciò che esso è. 4Il cambiamento fondamentale si verificherà ancora quando colui che pensa cambierà mente. 5Nel frattempo la sempre maggior chiarezza della Voce dello Spirito Santo renderà impossibile allo studente non ascoltare. 6Per un certo periodo, quindi, egli riceve messaggi conflittuali e li accetta entrambi.

5. La via d’uscita da un conflitto tra due sistemi di pensiero opposti è chiaramente di sceglierne uno e abbandonare l’altro. 2Se ti identifichi col tuo sistema di pensiero, e non puoi farne a meno, e se accetti due sistemi di pensiero che sono in completo disaccordo, la pace mentale è impossibile. 3Se li insegni entrambi, cosa che farai sicuramente finché li accetterai entrambi, stai insegnando il conflitto e lo stai imparando. 4Tuttavia vuoi la pace, altrimenti non ti saresti rivolto, per avere aiuto, alla Voce che parla per la pace. 5La sua lezione non è folle: il conflitto lo è.

6. Non ci può essere conflitto tra sanità mentale e follia. 2Solo una è vera e quindi solo una è reale. 3L’ego cerca di persuaderti che dipende da te decidere quale voce è vera, ma lo Spirito Santo ti insegna che la verità è stata creata da Dio, e la tua decisione non può cambiarla. 4Quando incomincerai a renderti conto del quieto potere della Voce dello Spirito Santo, e della Sua perfetta coerenza, comincerà a farsi strada nella tua mente il fatto che stai cercando di disfare una decisione che era già stata irrevocabilmente presa per te. 5Ecco perché ho suggerito precedentemente che tu ti ricordi di permettere allo Spirito Santo di decidere per Dio al tuo posto.

7. Non ti viene chiesto di prendere decisioni folli, anche se puoi pensare che sia così. 2Tuttavia deve essere folle credere che stia a te decidere quali siano le creazioni di Dio. 3Lo Spirito Santo percepisce il conflitto esattamente così com’è. 4Quindi, la Sua seconda lezione è:

Per avere pace, insegna pace per impararla.

8. Questo è ancora un passo preliminare, visto che avere ed essere non sono ancora equiparati. 2È comunque più avanzato del primo passo, che in realtà è solo l’inizio dell’inversione di pensiero. 3Il secondo passo è un’affermazione esplicita di ciò che vuoi. 4Questo, quindi, è un passo nella direzione dell’uscita dal conflitto, poiché significa che le alternative sono state prese in considerazione e che una è stata scelta come maggiormente desiderabile. 5Ciononostante, il termine “maggiormente desiderabile” implica ancora che ciò che è desiderabile abbia dei gradi. 6Pertanto, nonostante questo passo sia essenziale per la decisione finale, chiaramente non è quello finale. 7La mancanza di ordine di difficoltà nei miracoli non è stata ancora accettata, perché nulla che si desideri completamente è difficile. 8Desiderare completamente significa creare, e creare non può essere difficile se Dio Stesso ti ha creato come creatore.

9. Il secondo passo, dunque, è ancora nella percezione, nonostante sia un passo gigantesco verso la percezione unificata che riflette la conoscenza di Dio. 2Facendo questo passo e mantenendo questa direzione, ti spingerai verso il centro del tuo sistema di pensiero, dove avverrà il cambiamento fondamentale. 3Nel secondo passo il progresso è intermittente, ma il secondo passo è più facile del primo perché è quello che viene dopo. 4Rendersi conto che deve venire dopo è la dimostrazione di una crescente consapevolezza del fatto che lo Spirito Santo ti guiderà.

C. Be Vigilant Only for God and His Kingdom
T-6.V.C.1. We said before that the Holy Spirit is evaluative, and must be. He sorts out the true from the false in your mind, and teaches you to judge every thought you allow to enter it in the light of what God put there. Whatever is in accord with this light He retains, to strengthen the Kingdom in you. What is partly in accord with it He accepts and purifies. But what is out of accord entirely He rejects by judging against. This is how He keeps the Kingdom perfectly consistent and perfectly unified. Remember, however, that what the Holy Spirit rejects the ego accepts. This is because they are in fundamental disagreement about everything, being in fundamental disagreement about what you are. The ego’s beliefs on this crucial issue vary, and that is why it promotes different moods. The Holy Spirit never varies on this point, and so the one mood He engenders is joy. He protects it by rejecting everything that does not foster joy, and so He alone can keep you wholly joyous.

T-6.V.C.2. The Holy Spirit does not teach you to judge others, because He does not want you to teach error and learn it yourself. He would hardly be consistent if He allowed you to strengthen what you must learn to avoid. In the mind of the thinker, then, He is judgmental, but only in order to unify the mind so it can perceive without judgment. This enables the mind to teach without judgment, and therefore to learn to be without judgment. The undoing is necessary only in your mind, so that you will not project, instead of extend. God Himself has established what you can extend with perfect safety. Therefore, the Holy Spirit’s third lesson is:

Be vigilant only for God and His Kingdom.

T-6.V.C.3. This is a major step toward fundamental change. Yet it still has an aspect of thought reversal, since it implies that there is something you must be vigilant against. It has advanced far from the first lesson, which is merely the beginning of the thought reversal, and also from the second, which is essentially the identification of what is more desirable. This step, which follows from the second as the second follows from the first, emphasizes the dichotomy between the desirable and the undesirable. It therefore makes the ultimate choice inevitable.

T-6.V.C.4. While the first step seems to increase conflict and the second may still entail conflict to some extent, this step calls for consistent vigilance against it. I have already told you that you can be as vigilant against the ego as for it. This lesson teaches not only that you can be, but that you must be. It does not concern itself with order of difficulty, but with clear-cut priority for vigilance. This lesson is unequivocal in that it teaches there must be no exceptions, although it does not deny that the temptation to make exceptions will occur. Here, then, your consistency is called on despite chaos. Yet chaos and consistency cannot coexist for long, since they are mutually exclusive. As long as you must be vigilant against anything, however, you are not recognizing this mutual exclusiveness, and still believe that you can choose either one. By teaching what to choose, the Holy Spirit will ultimately teach you that you need not choose at all. This will finally liberate your mind from choice, and direct it towards creation within the Kingdom.

T-6.V.C.5. Choosing through the Holy Spirit will lead you to the Kingdom. You create by your true being, but what you are you must learn to remember. The way to remember it is inherent in the third step, which brings together the lessons implied in the others, and goes beyond them towards real integration. If you allow yourself to have in your mind only what God put there, you are acknowledging your mind as God created it. Therefore, you are accepting it as it is. Since it is whole, you are teaching peace because you believe in it. The final step will still be taken for you by God, but by the third step the Holy Spirit has prepared you for God. He is getting you ready for the translation of having into being by the very nature of the steps you must take with Him.

T-6.V.C.6. You learn first that having rests on giving, and not on getting. Next you learn that you learn what you teach, and that you want to learn peace. This is the condition for identifying with the Kingdom, since it is the condition of the Kingdom. You have believed that you are without the Kingdom, and have therefore excluded yourself from it in your belief. It is therefore essential to teach you that you must be included, and that the belief that you are not is the only thing that you must exclude.

T-6.V.C.7. The third step is thus one of protection for your mind, allowing you to identify only with the center, where God placed the altar to Himself. Altars are beliefs, but God and His creations are beyond belief because they are beyond question. The Voice for God speaks only for belief beyond question, which is the preparation for being without question. As long as belief in God and His Kingdom is assailed by any doubts in your mind, His perfect accomplishment is not apparent to you. This is why you must be vigilant on God’s behalf. The ego speaks against His creation, and therefore engenders doubt. You cannot go beyond belief until you believe fully.

T-6.V.C.8. To teach the whole Sonship without exception demonstrates that you perceive its wholeness, and have learned that it is one. Now you must be vigilant to hold its oneness in your mind because, if you let doubt enter, you will lose awareness of its wholeness and will be unable to teach it. The wholeness of the Kingdom does not depend on your perception, but your awareness of its wholeness does. It is only your awareness that needs protection, since being cannot be assailed. Yet a real sense of being cannot be yours while you are doubtful of what you are. This is why vigilance is essential. Doubts about being must not enter your mind, or you cannot know what you are with certainty. Certainty is of God for you. Vigilance is not necessary for truth, but it is necessary against illusions.

T-6.V.C.9. Truth is without illusions and therefore within the Kingdom. Everything outside the Kingdom is illusion. When you threw truth away you saw yourself as if you were without it. By making another kingdom that you valued, you did not keep only the Kingdom of God in your mind, and thus placed part of your mind outside it. What you made has imprisoned your will, and given you a sick mind that must be healed. Your vigilance against this sickness is the way to heal it. Once your mind is healed it radiates health, and thereby teaches healing. This establishes you as a teacher who teaches like me. Vigilance was required of me as much as of you, and those who choose to teach the same thing must be in agreement about what they believe

T-6.V.C.10. The third step, then, is a statement of what you want to believe, and entails a willingness to relinquish everything else. The Holy Spirit will enable you to take this step, if you follow Him. Your vigilance is the sign that you want Him to guide you. Vigilance does require effort, but only until you learn that effort itself is unnecessary. You have exerted great effort to preserve what you made because it was not true. Therefore, you must now turn your effort against it. Only this can cancel out the need for effort, and call upon the being which you both have and are. This recognition is wholly without effort since it is already true and needs no protection. It is in the perfect safety of God. Therefore, inclusion is total and creation is without limit.

C. Sii vigile solo per Dio e per il Suo Regno.
1. Abbiamo detto precedentemente che lo Spirito Santo valuta, e deve farlo. 2Egli separa il vero dal falso nella tua mente e ti insegna a giudicare ogni pensiero al quale permetti di entrare in essa, alla luce di ciò che Dio vi ha posto. 3Egli conserva tutto ciò che è in accordo con questa luce, per rafforzare il Regno in te. 4Egli accetta e purifica ciò che è parzialmente in accordo con essa. 5Ma rifiuta ciò che è in completo disaccordo, giudicandovi contro. 6Questo è il modo in cui mantiene il Regno perfettamente coerente e perfettamente unificato. 7Ricorda tuttavia, che l’ego accetta ciò che lo Spirito Santo rifiuta. 8Questo succede perché essi sono fondamentalmente in disaccordo su tutto, essendo fondamentalmente in disaccordo su ciò che sei. 9Le credenze dell’ego su questa questione importantissima variano e questo è il motivo per cui esso suscita diversi stati d’animo. 10Lo Spirito Santo non cambia mai su questo punto, e così l’unico stato d’animo che genera è la gioia. 11Egli la protegge rifiutando tutto ciò che non favorisce gioia, e così Egli solo può mantenerti pienamente gioioso.

2. Lo Spirito Santo non ti insegna a giudicare gli altri, perché non vuole che insegni l’errore e che lo apprenda tu stesso. 2Non sarebbe affatto coerente se ti permettesse di rafforzare ciò che devi imparare ad evitare. 3Egli giudica, quindi, nella mente di colui che pensa, ma solo allo scopo di unificare la mente cosicché essa possa percepire senza giudizio. 4Questo permette alla mente di insegnare senza giudizio, e quindi di imparare ad essere priva di giudizi. 5Solo nella tua mente è necessario disfare, affinché non proietti invece di estendere. 6Dio Stesso ha stabilito ciò che puoi estendere in perfetta sicurezza. 7Pertanto la terza lezione dello Spirito Santo è:

Sii vigile solo per Dio e per il Suo Regno.

3. Questo è un passo molto importante verso un cambiamento fondamentale. 2Tuttavia ha ancora un aspetto di inversione del pensiero, perché implica che ci sia qualcosa contro cui devi essere vigile. 3È molto progredito dalla prima lezione, che è soltanto l’inizio dell’inversione di pensiero, e anche dalla seconda, che è essenzialmente l’identificazione di ciò che si desidera maggiormente. 4Questo passo, che segue il secondo come il secondo segue il primo, sottolinea la dicotomia tra ciò che è desiderabile e ciò che non lo è. 5Esso rende quindi inevitabile la scelta finale.

4. Mentre il primo passo sembra aumentare il conflitto e il secondo può ancora contenere in qualche misura il conflitto, questo passo richiama ad un’attenta vigilanza contro di esso. 2Ti ho già detto che puoi essere vigile tanto contro l’ego quanto in suo favore. 3Questa lezione ti insegna non soltanto che puoi, ma che devi esserlo. 4Non si preoccupa di ordini di difficoltà, ma di una precisa priorità su cosa vigilare. 5Questa lezione è inequivocabile nell’insegnare che non devono esserci eccezioni, anche se non nega che ci sarà la tentazione di fare eccezioni. 6Qui, dunque, ti si richiede di essere coerente, nonostante il caos. 7Tuttavia il caos e la coerenza non possono coesistere a lungo, dato che si escludono a vicenda. 8Tuttavia, finché dovrai essere vigile nei confronti di qualcosa, non riconoscerai questa reciproca esclusione, e crederai ancora di poter scegliere l’una o l’altra. 9Insegnandoti cosa scegliere, lo Spirito Santo alla fine ti insegnerà che non devi affatto scegliere. 10Questo finalmente libererà la tua mente dalla scelta, e la dirigerà verso la creazione all’interno del Regno.

5. Scegliere per mezzo dello Spirito Santo ti condurrà al Regno. 2Tu crei attraverso il tuo vero essere, ma devi imparare a ricordare ciò che sei. 3Il modo per ricordarlo è incluso nel terzo passo, che connette le lezioni implicite negli altri e va oltre ad esse verso la reale integrazione. 4Se ti permetti di avere nella tua mente solo ciò che Dio vi ha posto, stai riconoscendo la tua mente come Dio l’ha creata. 5Quindi la stai accettando così com’è. 6Siccome è intera, stai insegnando la pace perché credi in essa. 7Il passo finale verrà intrapreso per te da Dio, ma per mezzo del terzo passo lo Spirito Santo ti ha preparato per Dio. 8Ti sta preparando per la conversione da avere a essere per mezzo della natura stessa dei passi che devi fare con Lui.

6. Impari prima che avere si basa sul dare e non sull’ottenere. 2Poi impari che impari ciò che insegni e che vuoi imparare la pace. 3Questa è la condizione per identificarsi col Regno, poiché questa è la condizione del Regno. 4Hai creduto di essere fuori dal Regno e, credendo ciò, ti sei quindi escluso da esso. 5È quindi essenziale insegnarti che devi essere incluso, e che il credere di non esserlo è l’unica cosa che devi escludere.

7. Il terzo è quindi un passo di protezione della tua mente, che ti permette di identificarti solo col centro, dove Dio ha posto il Suo Stesso altare. 2Gli altari sono credenze, ma Dio e le Sue creazioni sono al di là della credenza perché sono al di là di ogni dubbio. 3La Voce che parla per Dio parla solo in nome di credenze al di là di ogni dubbio, e questa è la preparazione per essere senza alcun dubbio. 4Fintanto che la credenza in Dio e nel Suo Regno è assalita da dubbi nella tua mente, non ti sarà evidente il Suo perfetto compimento. 5Ecco perché devi mantenerti vigile in favore di Dio. 6L’ego parla contro la Sua creazione e quindi genera dubbio. 7Non puoi andare oltre la credenza finché non crederai pienamente.

8. Insegnare all’intera Figliolanza senza eccezioni, dimostra che percepisci la sua interezza, e hai imparato che è una. 2Ora devi essere vigile per tenerti in mente che è una cosa sola, perché se lasci entrare il dubbio perderai la consapevolezza della sua interezza e sarai incapace di insegnarla. 3L’interezza del Regno non dipende dalla tua percezione, ma la tua consapevolezza della sua interezza sì. 4È solo la tua consapevolezza che ha bisogno di protezione, dato che l’essere non può essere attaccato. 5Tuttavia non potrai avere un vero senso dell’essere finché avrai dei dubbi in merito a ciò che sei. 6Ecco perché è essenziale essere vigili. 7Nella tua mente non devono entrare dubbi riguardo all’essere, o non potrai sapere con certezza cosa sei. 8La certezza è di Dio per te. 9La vigilanza non è necessaria per la verità, ma è necessaria contro le illusioni.

9. La verità è priva di illusioni e quindi nel Regno. 2Tutto ciò che è fuori dal Regno è illusione. 3Quando hai gettato via la verità ti sei visto come se ne fossi senza. 4Facendo un altro regno a cui hai dato valore, non hai mantenuto nella tua mente solo il Regno di Dio, e quindi hai posto parte della tua mente al di fuori di esso. 5Ciò che hai fatto ha imprigionato la tua volontà, e ti ha dato una mente malata che deve essere guarita. 6La strada per guarirla è essere vigile contro la malattia. 7Una volta che la tua mente sarà guarita irradierà salute, e quindi insegnerà la guarigione. 8Questo ti rende un insegnante che insegna come me. 9D’essere vigile è stato chiesto a me tanto quanto a te, e coloro che scelgono di insegnare la stessa cosa devono essere in accordo su ciò in cui credono.

10. Il terzo passo, quindi, è un’affermazione di ciò in cui vuoi credere, e implica la disponibilità ad abbandonare tutto il resto. 2Lo Spirito Santo ti metterà in grado di fare questo passo, se Lo seguirai. 3Essere vigile è il segno che vuoi che Lui ti guidi. 4Essere vigili richiede sforzo, ma solo finché ti renderai conto che lo sforzo non è necessario. 5Ti è costato grandi sforzi preservare ciò che hai fatto perché non era vero. 6Quindi, ora devi rivolgere i tuoi sforzi contro di esso. 7Solo questo può cancellare il bisogno di sforzarsi, e invocare l’essere che tu hai e sei. 8Questo riconoscimento è completamente privo di sforzo perché è già vero e non ha bisogno di protezione. 9È nella perfetta sicurezza di Dio. 10Quindi, l’inclusione è totale e la creazione è senza limiti.

Chapter 7. The gift of the kingdom - Capitolo 7. I doni del regno

I. The Last Step
T-7.I.1. The creative power of God and His creations is limitless, but they are not in reciprocal relationship. You communicate fully with God, as He does with you. This is an ongoing process in which you share, and because you share it, you are inspired to create like God. Yet in creation you are not in a reciprocal relation to God, since He created you but you did not create Him. I have already told you that only in this respect your creative power differs from His. Even in this world there is a parallel. Parents give birth to children, but children do not give birth to parents. They do, however, give birth to their children, and thus give birth as their parents do.

T-7.I.2. If you created God and He created you, the Kingdom could not increase through its own creative thought. Creation would therefore be limited, and you would not be co-creator with God. As God’s creative Thought proceeds from Him to you, so must your creative thought proceed from you to your creations. Only in this way can all creative power extend outward. God’s accomplishments are not yours, but yours are like His. He created the Sonship and you increase it. You have the power to add to the Kingdom, though not to add to the Creator of the Kingdom. You claim this power when you become vigilant only for God and His Kingdom. By accepting this power as yours you have learned to remember what you are.

T-7.I.3. Your creations belong in you, as you belong in God. You are part of God, as your sons are part of His Sons. To create is to love. Love extends outward simply because it cannot be contained. Being limitless it does not stop. It creates forever, but not in time. God’s creations have always been, because He has always been. Your creations have always been, because you can create only as God creates. Eternity is yours, because He created you eternal.

T-7.I.4. The ego, on the other hand, always demands reciprocal rights, because it is competitive rather than loving. It is always willing to strike a bargain, but it cannot understand that to be like another means that no bargains are possible. To gain you must give, not bargain. To bargain is to limit giving, and this is not God’s Will. To will with God is to create like Him. God does not limit His gifts in any way. You are His gifts, and so your gifts must be like His. Your gifts to the Kingdom must be like His gifts to you.

T-7.I.5. I gave only love to the Kingdom because I believed that was what I was. What you believe you are determines your gifts, and if God created you by extending Himself as you, you can only extend yourself as He did. Only joy increases forever, since joy and eternity are inseparable. God extends outward beyond limits and beyond time, and you who are co-creator with Him extend His Kingdom forever and beyond limit. Eternity is the indelible stamp of creation. The eternal are in peace and joy forever.

T-7.I.6. To think like God is to share His certainty of what you are, and to create like Him is to share the perfect Love He shares with you. To this the Holy Spirit leads you, that your joy may be complete because the Kingdom of God is whole. I have said that the last step in the reawakening of knowledge is taken by God. This is true, but it is hard to explain in words because words are symbols, and nothing that is true need be explained. However, the Holy Spirit has the task of translating the useless into the useful, the meaningless into the meaningful, and the temporary into the timeless. He can therefore tell you something about this last step.

T-7.I.7. God does not take steps, because His accomplishments are not gradual. He does not teach, because His creations are changeless. He does nothing last, because He created first and for always. It must be understood that the word “first” as applied to Him is not a time concept. He is first in the sense that He is the First in the Holy Trinity Itself. He is the Prime Creator, because He created His co-creators. Because He did, time applies neither to Him nor to what He created. The “last step” that God will take was therefore true in the beginning, is true now, and will be true forever. What is timeless is always there, because its being is eternally changeless. It does not change by increase, because it was forever created to increase. If you perceive it as not increasing you do not know what it is. You also do not know Who created it. God does not reveal this to you because it was never hidden. His light was never obscured, because it is His Will to share it. How can what is fully shared be withheld and then revealed?

I. L’ultimo passo
1. Il potere creativo di Dio e delle Sue creazioni è senza limiti, ma essi non sono in relazione reciproca. 2Tu comunichi completamente con Dio, come Egli fa con te. 3Questo è un processo continuo al quale partecipi e, poiché vi partecipi, sei ispirato a creare come Dio. 4Tuttavia nella creazione non sei in relazione reciproca con Dio, poiché Egli ha creato te, ma tu non hai creato Lui. 5Ti ho già detto che soltanto a questo riguardo il tuo potere creativo differisce dal Suo. 6Perfino in questo mondo c’è un parallelo. 7I genitori generano i bambini, ma i bambini non generano i genitori. 8Essi, tuttavia, generano i loro bambini e così generano come fanno i loro genitori.

2. Se tu avessi creato Dio e Lui avesse creato te, il Regno non potrebbe accrescersi tramite il suo pensiero creativo. 2La creazione sarebbe perciò limitata e tu non saresti cocreatore con Dio. 3Poiché il Pensiero creativo di Dio procede da Lui a te, così il tuo pensiero creativo deve procedere da te alle tue creazioni. 4Solo in questo modo tutto il potere creativo può estendersi verso l’esterno. 5Le realizzazioni di Dio non sono le tue, ma le tue sono come le Sue. 6Egli ha creato la Figliolanza e tu l’accresci. 7Tu hai il potere di aggiungere qualcosa al Regno, ma non di aggiungere qualcosa al Creatore del Regno. 8Rivendichi questo potere quando diventi vigile solo per Dio e per il Suo Regno. 9Accettando questo potere come tuo, hai imparato a ricordare cosa sei.

3. Le tue creazioni fanno parte di te, come tu fai parte di Dio. 2Tu sei parte di Dio così come i tuoi figli sono parte dei Suoi Figli. 3Creare è amare. 4L’amore si estende all’esterno semplicemente perché non può essere contenuto. 5Essendo senza limiti non si ferma. 6Crea per sempre, ma non nel tempo. 7Le creazioni di Dio sono sempre state, perché Egli è sempre stato. 8Le tue creazioni sono sempre state, perché tu puoi creare solo come crea Dio. 9Tua è l’eternità, poiché Egli ti ha creato eterno.

4. L’ego, d’altra parte, esige sempre diritti reciproci, perché è competitivo anziché amorevole. 2Vuole sempre mercanteggiare, ma non riesce a capire che essere come un altro significa che non è possibile alcun mercanteggiamento. 3Per ottenere devi dare, non mercanteggiare. 4Mercanteggiare significa limitare il dare, e questa non è la Volontà di Dio. 5Volere con Dio è creare come Lui. 6Dio non limita i Suoi doni in alcun modo. 7Tu sei i Suoi doni, e così i tuoi doni devono essere come i Suoi. 8I tuoi doni al Regno devono essere come i Suoi doni a te.

5. Ho dato solo amore al Regno, perché credevo che questo fosse ciò che ero. 2Ciò che credi di essere determina i tuoi doni, e se Dio ti ha creato estendendoSi fino a dar luogo a ciò che sei, tu puoi solo estenderti come ha fatto Lui. 3Solo la gioia aumenta in eterno, poiché gioia ed eternità sono inseparabili. 4Dio si estende all’esterno, al di là di ogni limite e al di là del tempo e tu, che sei cocreatore con Lui, estendi il Suo Regno eternamente ed al di là di ogni limite. 5L’eternità è il segno indelebile della creazione. 6Ciò che è eterno è in pace e gioia per sempre.

6. Pensare come Dio è condividere la Sua certezza di ciò che sei e creare come Lui è condividere l’Amore perfetto che Egli condivide con te. 2A questo ti conduce lo Spirito Santo, affinché la tua gioia possa essere completa, perché il Regno di Dio è intero. 3Ho detto che il passo finale nel risveglio della conoscenza è intrapreso da Dio. 4Questo è vero, ma è difficile da spiegare a parole, perché le parole sono simboli e nulla di ciò che è vero ha bisogno di essere spiegato. 5Ad ogni modo, lo Spirito Santo ha il compito di tradurre ciò che è inutile in ciò che utile, ciò che è senza significato in ciò che ha significato e ciò che è temporaneo in ciò che è senza tempo. 6Egli può perciò dirti qualcosa di quest’ultimo passo.

7. Dio non fa passi, poiché le Sue realizzazioni non sono graduali. 2Egli non insegna, perché le Sue creazioni sono immutabili. 3Non fa nulla da ultimo, perché ha creato per primo e per sempre. 4Si deve comprendere che la parola “primo”, applicata a Lui, non è un concetto temporale. 5Egli è il primo nel senso che è il primo nella Santa Trinità Stessa. 6Egli è il Creatore Primo, perché ha creato i Suoi cocreatori. 7In virtù di ciò che ha fatto, il tempo non si applica né a Lui, né a ciò che Lui ha creato. 8“L’ultimo passo” che Dio intraprenderà era perciò vero all’inizio, è vero adesso e sarà vero per sempre. 9Ciò che è senza tempo è sempre lì, poiché il suo essere è immutabile in eterno. 10Non cambia accrescendosi, perché è stato creato eterno per accrescersi. 11Se lo percepisci come qualcosa che non si accresce, non sai cos’è. 12Non sai nemmeno Chi l’ha creato. 13Dio non te la rivela, perché non è mai stato nascosto. 14La Sua luce non è mai stata oscurata, poiché è Sua Volontà condividerla. 15Come può, ciò che è pienamente condiviso, essere escluso e poi rivelato?

II. The Law of the Kingdom
T-7.II.1. To heal is the only kind of thinking in this world that resembles the Thought of God, and because of the elements they share, can transfer easily to it. When a brother perceives himself as sick, he is perceiving himself as not whole, and therefore in need. If you, too, see him this way, you are seeing him as if he were absent from the Kingdom or separated from it, thus making the Kingdom itself obscure to both of you. Sickness and separation are not of God, but the Kingdom is. If you obscure the Kingdom, you are perceiving what is not of God.

T-7.II.2. To heal, then, is to correct perception in your brother and yourself by sharing the Holy Spirit with him. This places you both within the Kingdom, and restores its wholeness in your mind. This reflects creation, because it unifies by increasing and integrates by extending. What you project or extend is real for you. This is an immutable law of the mind in this world as well as in the Kingdom. However, the content is different in this world, because the thoughts it governs are very different from the Thoughts in the Kingdom. Laws must be adapted to circumstances if they are to maintain order. The outstanding characteristic of the laws of mind as they operate in this world is that by obeying them, and I assure you that you must obey them, you can arrive at diametrically opposed results. This is because the laws have been adapted to the circumstances of this world, in which diametrically opposed outcomes seem possible because you can respond to two conflicting voices.

T-7.II.3. Outside the Kingdom, the law that prevails inside is adapted to “What you project you believe.” This is its teaching form, because outside the Kingdom learning is essential. This form implies that you will learn what you are from what you have projected onto others, and therefore believe they are. In the Kingdom there is no teaching or learning, because there is no belief. There is only certainty. God and His Sons, in the surety of being, know that what you extend you are. That form of the law is not adapted at all, being the law of creation. God Himself created the law by creating by it. And His Sons, who create like Him, follow it gladly, knowing that the increase of the Kingdom depends on it, just as their own creation did.

T-7.II.4. Laws must be communicated if they are to be helpful. In effect, they must be translated for those who speak different languages. Nevertheless, a good translator, although he must alter the form of what he translates, never changes the meaning. In fact, his whole purpose is to change the form so that the original meaning is retained. The Holy Spirit is the Translator of the laws of God to those who do not understand them. You could not do this yourself because a conflicted mind cannot be faithful to one meaning, and will therefore change the meaning to preserve the form.

T-7.II.5. The Holy Spirit’s purpose in translating is exactly the opposite. He translates only to preserve the original meaning in all respects and in all languages. Therefore, He opposes the idea that differences in form are meaningful, emphasizing always that these differences do not matter. The meaning of His message is always the same; only the meaning matters. God’s law of creation does not involve the use of truth to convince His Sons of truth. The extension of truth, which is the law of the Kingdom, rests only on the knowledge of what truth is. This is your inheritance and requires no learning at all, but when you disinherited yourself you became a learner of necessity.

T-7.II.6. No one questions the connection of learning and memory. Learning is impossible without memory since it must be consistent to be remembered. That is why the Holy Spirit’s teaching is a lesson in remembering. I said before that He teaches remembering and forgetting, but the forgetting is only to make the remembering consistent. You forget in order to remember better. You will not understand His translations while you listen to two ways of interpreting them. Therefore you must forget or relinquish one to understand the other. This is the only way you can learn consistency, so that you can finally be consistent.

T-7.II.7. What can the perfect consistency of the Kingdom mean to those who are confused? It is apparent that confusion interferes with meaning, and therefore prevents the learner from appreciating it. There is no confusion in the Kingdom, because there is only one meaning. This meaning comes from God and is God. Because it is also you, you share it and extend it as your Creator did. This needs no translation because it is perfectly understood, but it does need extension because it means extension. Communication is perfectly direct and perfectly united. It is totally free, because nothing discordant ever enters. That is why it is the Kingdom of God. It belongs to Him and is therefore like Him. That is its reality, and nothing can assail it.

II. La legge del Regno
1. Guarire è il solo tipo di pensiero in questo mondo che assomigli al Pensiero di Dio e, a causa degli elementi che hanno in comune, si può trasferire facilmente ad esso. 2Quando un fratello si percepisce malato, si percepisce come non intero e perciò in stato di bisogno. 3Se anche tu lo vedi così, lo vedi come se fosse assente dal Regno o separato da esso, rendendo così il Regno stesso oscuro per entrambi. 4Malattia e separazione non sono di Dio, mentre il Regno lo è. 5Se oscuri il Regno, percepisci ciò che non è di Dio.

2. Guarire, allora, è correggere la percezione in tuo fratello e in te stesso condividendo lo Spirito Santo con lui. 2Ciò vi pone entrambi all’interno del Regno e ripristina nella tua mente la sua interezza. 3Questo riflette la creazione, poiché unifica accrescendosi ed integra estendendosi. 4Quello che proietti o estendi è reale per te. 5Questa è una legge immutabile della mente, in questo mondo così come nel Regno. 6Tuttavia il contenuto è diverso in questo mondo, perché i pensieri che lo governano sono molto diversi dai Pensieri del Regno. 7Le leggi devono essere adattate alle circostanze se devono mantenere l’ordine. 8La caratteristica saliente delle leggi della mente così come operano in questo mondo è che, obbedendo loro, e ti assicuro che tu devi obbedire loro, puoi arrivare a risultati diametralmente opposti. 9Questo perché le leggi sono state adattate alle circostanze di questo mondo, dove risultati diametralmente opposti sembrano possibili, in quanto tu puoi rispondere a due voci in conflitto tra di loro.

3. Fuori dal Regno la legge prevalente al suo interno viene adattata a “tu credi in ciò che proietti”. 2Questa è la sua forma di insegnamento, poiché fuori dal Regno l’apprendimento è essenziale. 3Questa forma implica che imparerai cosa sei da quello che hai proiettato sugli altri e quindi da ciò che credi essi siano. 4Nel Regno non c’è insegnamento o apprendimento, perché non c’è credenza. 5Vi è solo certezza. 6Dio e i Suoi Figli, nella sicurezza dell’essere, sanno che sei ciò che estendi. 7Quella forma della legge non è affatto adattata, essendo la legge della creazione. 8Dio Stesso ha creato la legge creando per mezzo di essa. 9E i Suoi Figli, che creano come Lui, la seguono lietamente, sapendo che l’accrescimento del Regno dipende da essa, proprio come da essa è dipesa la loro creazione.

4. Le leggi devono essere comunicate per essere di aiuto. 2In effetti devono essere tradotte per coloro che parlano lingue differenti. 3Cionondimeno, un buon traduttore, sebbene debba modificare la forma di ciò che traduce, non ne cambia mai il significato. 4Infatti il suo solo scopo consiste nel cambiare la forma in modo tale che venga conservato il significato originale. 5Lo Spirito Santo è il Traduttore delle leggi di Dio per chi non le comprende. 6Non potresti fare questo tu stesso, perché una mente in conflitto non può essere fedele ad un solo significato e perciò cambierà il significato per preservare la forma.

5. Lo scopo dello Spirito Santo nel tradurre è esattamente l’opposto. 2Egli traduce soltanto per preservare il significato originale in tutti gli aspetti e in tutte le lingue. 3Perciò, si oppone all’idea che le differenze di forma abbiano significato, sottolineando sempre che queste differenze non hanno importanza. 4Il significato del Suo messaggio è sempre lo stesso: solo il significato conta. 5La legge della creazione di Dio non implica l’uso della verità per convincere i Suoi Figli della verità. 6L’estensione della verità, che è la legge del Regno, si basa solo sulla conoscenza di cos’è la verità. 7Questa è la tua eredità e non richiede alcun apprendimento, ma quando ti sei diseredato sei diventato necessariamente uno studente.

6. Nessuno mette in dubbio la connessione tra apprendimento e memoria. 2L’apprendimento è impossibile senza memoria, poiché deve essere coerente per essere ricordato. 3Ecco perché l’insegnamento dello Spirito Santo è una lezione sul ricordare. 4Ho detto in precedenza che Egli insegna a ricordare e a dimenticare, ma dimenticare serve solo a rendere coerente ricordare. 5Dimentichi per ricordare meglio. 6Non comprenderai le Sue traduzioni mentre ascolti due modi di interpretarle. 7Per cui devi dimenticarne o lasciarne andare una per capire l’altra. 8Questo è il solo modo in cui puoi imparare la coerenza, affinché tu possa alla fine essere coerente.

7. Cosa può significare la perfetta coerenza del Regno per chi è confuso? 2È evidente che la confusione interferisce col significato e perciò impedisce allo studente di apprezzarlo. 3Non c’è confusione nel Regno, poiché c’è solo un significato. 4Questo significato proviene da Dio ed è Dio. 5Poiché lo sei anche tu, lo condividi e lo estendi come ha fatto il tuo Creatore. 6Ciò non necessita di alcuna traduzione perché è perfettamente compreso, ma ha bisogno di estensione perché significa estensione. 7La comunicazione è perfettamente diretta e perfettamente congiunta. 8È totalmente libera perché non vi entra mai nulla di discordante. 9Questo è il motivo per cui è il Regno di Dio. 10Gli appartiene ed è perciò come Lui. 11Questa è la Sua realtà, e nulla può assalirla.

III. The Reality of the Kingdom
T-7.III.1. The Holy Spirit teaches one lesson, and applies it to all individuals in all situations. Being conflict-free, He maximizes all efforts and all results. By teaching the power of the Kingdom of God Himself, He teaches you that all power is yours. Its application does not matter. It is always maximal. Your vigilance does not establish it as yours, but it does enable you to use it always and in all ways. When I said “I am with you always,” I meant it literally. I am not absent to anyone in any situation. Because I am always with you, you are the way, the truth and the life. You did not make this power, any more than I did. It was created to be shared, and therefore cannot be meaningfully perceived as belonging to anyone at the expense of another. Such a perception makes it meaningless by eliminating or overlooking its real and only meaning.

T-7.III.2. God’s meaning waits in the Kingdom, because that is where He placed it. It does not wait in time. It merely rests in the Kingdom because it belongs there, as you do. How can you who are God’s meaning perceive yourself as absent from it? You can see yourself as separated from your meaning only by experiencing yourself as unreal. This is why the ego is insane; it teaches that you are not what you are. That is so contradictory it is clearly impossible. It is therefore a lesson you cannot really learn, and therefore cannot really teach. Yet you are always teaching. You must, therefore, be teaching something else, even though the ego does not know what it is. The ego, then, is always being undone, and does suspect your motives. Your mind cannot be unified in allegiance to the ego, because the mind does not belong to it. Yet what is “treacherous” to the ego is faithful to peace. The ego’s “enemy” is therefore your friend.

T-7.III.3. I said before that the ego’s friend is not part of you, because the ego perceives itself at war and therefore in need of allies. You who are not at war must look for brothers and recognize all whom you see as brothers, because only equals are at peace. Because God’s equal Sons have everything, they cannot compete. Yet if they perceive any of their brothers as anything other than their perfect equals, the idea of competition has entered their minds. Do not underestimate your need to be vigilant against this idea, because all your conflicts come from it. It is the belief that conflicting interests are possible, and therefore you have accepted the impossible as true. Is that different from saying you perceive yourself as unreal?

T-7.III.4. To be in the Kingdom is merely to focus your full attention on it. As long as you believe you can attend to what is not true, you are accepting conflict as your choice. Is it really a choice? It seems to be, but seeming and reality are hardly the same. You who are the Kingdom are not concerned with seeming. Reality is yours because you are reality. This is how having and being are ultimately reconciled, not in the Kingdom, but in your mind. The altar there is the only reality. The altar is perfectly clear in thought, because it is a reflection of perfect Thought. Your right mind sees only brothers, because it sees only in its own light.

T-7.III.5. God has lit your mind Himself, and keeps your mind lit by His light because His light is what your mind is. This is totally beyond question, and when you question it you are answered. The Answer merely undoes the question by establishing the fact that to question reality is to question meaninglessly. That is why the Holy Spirit never questions. His sole function is to undo the questionable and thus lead to certainty. The certain are perfectly calm, because they are not in doubt. They do not raise questions, because nothing questionable enters their minds. This holds them in perfect serenity, because this is what they share, knowing what they are.

III. La realtà del Regno
1. Lo Spirito Santo insegna una sola lezione, e la applica a tutti gli individui in tutte le situazioni. 2Essendo libero da conflitti, utilizza al massimo tutti gli sforzi e tutti i risultati. 3Insegnando il potere del Regno di Dio Stesso, Egli ti insegna che ogni potere è tuo. 4Il modo in cui viene applicato non ha importanza. 5È sempre del massimo grado. 6Il fatto che tu sia vigile non lo stabilisce come tuo, ma ti mette in grado di usarlo sempre e in tutti i modi. 7Quando dissi “sono sempre con te” lo intendevo alla lettera. 8Non sono assente da nessuno in nessuna situazione. 9Poiché sono sempre con te, tu sei la via, la verità e la vita. 10Tu non hai fatto questo potere più di quanto non lo abbia fatto io. 11È stato creato per essere condiviso e perciò non può essere percepito significativamente come appartenente a qualcuno a spese di un altro. 12Una tale percezione lo rende privo di significato, eliminando o non vedendo il suo vero e solo significato.

2. Il significato di Dio attende nel Regno, poiché Egli lo ha posto lì. 2Non aspetta nel tempo. 3Riposa semplicemente nel Regno perché vi appartiene, come te. 4Come puoi tu, che sei il significato di Dio, percepirti assente da esso? 5Puoi vederti separato dal tuo significato solo sentendoti irreale. 6Ecco perché l’ego è folle: ti insegna che non sei ciò che sei. 7Questo è così contraddittorio da essere chiaramente impossibile. 8È perciò una lezione che non puoi realmente apprendere e perciò non puoi in realtà insegnare. 9Purtuttavia insegni sempre. 10Perciò stai insegnando qualcos’altro, anche se l’ego non sa cos’è. 11L’ego, quindi, viene continuamente disfatto ed è sospettoso riguardo alle tue motivazioni. 12La tua mente non può essere unificata in alleanza con l’ego, perché la mente non gli appartiene. 13Comunque quello che è “sleale” per l’ego è leale nei confronti della pace. 14Il “nemico” dell’ego è, perciò, tuo amico.

3. Ho detto in precedenza che l’amico dell’ego non è parte di te, poiché l’ego si percepisce in guerra e perciò bisognoso di alleati. 2Tu che non sei in guerra devi cercare i fratelli e riconoscere tutti coloro che vedi come fratelli, poiché solo gli uguali sono in pace. 3Dal momento che i Figli di Dio, che godono di perfetta uguaglianza, hanno tutto, non possono competere. 4Ma, se percepiscono uno qualsiasi dei loro fratelli come qualcosa che non sia perfettamente uguale a loro, l’idea della competizione sarà entrata nella loro mente. 5Non sottovalutare la tua necessità di essere vigile contro questa idea, poiché tutti i tuoi conflitti provengono da essa. 6È credere che siano possibile interessi conflittuali e che perciò hai accettato l’impossibile come vero. 7È forse questo diverso dal dire che ti percepisci irreale?

4. Essere nel Regno è semplicemente focalizzare tutta la tua attenzione su di esso. 2Fintanto che credi di poterti occupare di ciò che non è vero, accetti il conflitto come tua scelta. 3È davvero una scelta? 4Sembra esserlo, ma ciò che sembra e la realtà non sono affatto la stessa cosa. 5Tu che sei il Regno non sei interessato all’apparenza. 6La Realtà è tua perché tu sei la realtà. 7Ecco come avere ed essere sono in ultima istanza riconciliati, non nel Regno ma nella tua mente. 8L’altare che c’è lì è la sola realtà. 9L’altare è perfettamente chiaro nel pensiero, poiché è un riflesso del Pensiero perfetto. 10La tua mente corretta vede solo fratelli, perché vede solo nella sua luce.

5. Dio Stesso ha acceso la tua mente e la tiene accesa con la Sua luce, perché la Sua luce è ciò che la tua mente è. 2Questo è assolutamente fuori dubbio, e quando lo metti in dubbio ti viene risposto. 3La Risposta disfa semplicemente il dubbio stabilendo il fatto che mettere in dubbio la realtà è mettere in dubbio in maniera insignificante. 4Ecco perché lo Spirito Santo non dubita mai. 5La sua sola funzione è disfare ciò di cui si dubita e così condurre alla certezza. 6Chi è certo è perfettamente calmo, perché non è nel dubbio. 7Non solleva dubbi, poiché nulla di equivoco entra nelle sua mente. 8Questo lo mantiene in perfetta serenità, perché è questo quello che condivide, sapendo chi è.

IV. Healing as the Recognition of Truth
T-7.IV.1. Truth can only be recognized and need only be recognized. Inspiration is of the Holy Spirit, and certainty is of God according to His laws. Both, therefore, come from the same Source, since inspiration comes from the Voice for God and certainty comes from the laws of God. Healing does not come directly from God, Who knows His creations as perfectly whole. Yet healing is still of God, because it proceeds from His Voice and from His laws. It is their result, in a state of mind that does not know Him. The state is unknown to Him and therefore does not exist, but those who sleep are unaware. Because they are unaware, they do not know.

T-7.IV.2. The Holy Spirit must work through you to teach you He is in you. This is an intermediary step toward the knowledge that you are in God because you are part of Him. The miracles the Holy Spirit inspires can have no order of difficulty, because every part of creation is of one order. This is God’s Will and yours. The laws of God establish this, and the Holy Spirit reminds you of it. When you heal, you are remembering the laws of God and forgetting the laws of the ego. I said before that forgetting is merely a way of remembering better. It is therefore not the opposite of remembering when it is properly perceived. Perceived improperly, it induces a perception of conflict with something else, as all incorrect perception does. Properly perceived, it can be used as a way out of conflict, as all proper perception can.

T-7.IV.3. The ego does not want to teach everyone all it has learned, because that would defeat its purpose. Therefore it does not really learn at all. The Holy Spirit teaches you to use what the ego has made, to teach the opposite of what the ego has “learned.” The kind of learning is as irrelevant as is the particular ability that was applied to the learning. All you need do is make the effort to learn, for the Holy Spirit has a unified goal for the effort. If different abilities are applied long enough to one goal, the abilities themselves become unified. This is because they are channelized in one direction, or in one way. Ultimately, then, they all contribute to one result, and by so doing, their similarity rather than their differences is emphasized.

T-7.IV.4. All abilities should therefore be given over to the Holy Spirit, Who understands how to use them properly. He uses them only for healing, because He knows you only as whole. By healing you learn of wholeness, and by learning of wholeness you learn to remember God. You have forgotten Him, but the Holy Spirit understands that your forgetting must be translated into a way of remembering.

T-7.IV.5. The ego’s goal is as unified as the Holy Spirit’s, and it is because of this that their goals can never be reconciled in any way or to any extent. The ego always seeks to divide and separate. The Holy Spirit always seeks to unify and heal. As you heal you are healed, because the Holy Spirit sees no order of difficulty in healing. Healing is the way to undo the belief in differences, being the only way of perceiving the Sonship as one. This perception is therefore in accord with the laws of God, even in a state of mind that is out of accord with His. The strength of right perception is so great that it brings the mind into accord with His, because it serves His Voice, which is in all of you.

T-7.IV.6. To think you can oppose the Will of God is a real delusion. The ego believes that it can, and that it can offer you its own “will” as a gift. You do not want it. It is not a gift. It is nothing at all. God has given you a gift that you both have and are. When you do not use it, you forget that you have it. By not remembering it, you do not know what you are. Healing, then, is a way of approaching knowledge by thinking in accordance with the laws of God, and recognizing their universality. Without this recognition, you have made the laws meaningless to you. Yet the laws are not meaningless, since all meaning is contained by them and in them.

T-7.IV.7. Seek ye first the Kingdom of Heaven, because that is where the laws of God operate truly, and they can operate only truly because they are the laws of truth. But seek this only, because you can find nothing else. There is nothing else. God is All in all in a very literal sense. All being is in Him Who is all Being. You are therefore in Him since your being is His. Healing is a way of forgetting the sense of danger the ego has induced in you, by not recognizing its existence in your brother. This strengthens the Holy Spirit in both of you, because it is a refusal to acknowledge fear. Love needs only this invitation. It comes freely to all the Sonship, being what the Sonship is. By your awakening to it, you are merely forgetting what you are not. This enables you to remember what you are.

IV. La guarigione come riconoscimento della verità
1. La verità può solo essere riconosciuta e ha solo bisogno di essere riconosciuta. 2L’ispirazione è dello Spirito Santo e la certezza è di Dio secondo le Sue leggi. 3Entrambe, perciò, provengono dalla stessa Fonte, poiché l’ispirazione viene dalla Voce che parla per Dio e la certezza viene dalle leggi di Dio. 4La guarigione non proviene direttamente da Dio, Che conosce le Sue creazioni come perfettamente intere. 5Tuttavia la guarigione viene comunque da Dio poiché procede dalla Sua Voce e dalle Sue leggi. 6È il loro risultato, in uno stato mentale che non Lo conosce. 7È uno stato sconosciuto a Lui e perciò non esiste, ma chi dorme è inconsapevole. 8Dal momento che è inconsapevole, non sa.

2. Lo Spirito Santo deve lavorare attraverso di te per insegnarti che Egli è in te. 2Questo è un passo intermedio verso la conoscenza del fatto che tu sei in Dio perché sei parte di Lui. 3I miracoli che lo Spirito Santo ispira non possono avere alcun ordine di difficoltà, poiché ogni parte della creazione è di un unico ordine. 4Questa è la Volontà di Dio e la tua. 5Lo stabiliscono le leggi di Dio, e lo Spirito Santo te lo ricorda. 6Quando guarisci, stai ricordando le leggi di Dio e dimenticando le leggi dell’ego. 7Ho già detto che dimenticare è semplicemente un modo di ricordare meglio. 8Perciò non è l’opposto di ricordare quando viene appropriatamente percepito. 9Percepito impropriamente, induce la percezione di un conflitto con qualcos’altro, come fa tutta la percezione non corretta. 10Appropriatamente percepito può essere usato come via d’uscita dal conflitto, come tutte le percezioni appropriate.

3. L’ego non vuole insegnare a tutti tutto ciò che ha imparato, poiché fallirebbe il suo scopo. 2Perciò in effetti non impara affatto. 3Lo Spirito Santo ti insegna ad usare quello che l’ego ha fatto, per insegnare l’opposto di quello che l’ego ha “imparato”. 4Il tipo di apprendimento è tanto irrilevante quanto la capacità particolare che è stata applicata all’apprendimento. 5Tutto ciò che hai bisogno di fare è sforzarti di imparare, poiché lo Spirito Santo ha un obiettivo unico per questo sforzo. 6Se capacità diverse vengono applicate abbastanza a lungo ad un obiettivo, le capacità stesse diventano unificate. 7Questo perché sono canalizzate in una sola direzione, o in un solo modo. 8Alla fine, quindi, contribuiscono tutte ad un unico risultato e, così facendo, viene sottolineata la loro somiglianza anziché le loro differenze.

4. Tutte le capacità dovrebbero, perciò, essere affidate allo Spirito Santo, Che comprende come usarle appropriatamente. 2Egli le usa solo per la guarigione perché ti conosce solo completo. 3Guarendo impari l’interezza e, imparando l’interezza impari a ricordare Dio. 4Tu Lo hai dimenticato, ma lo Spirito Santo comprende che la tua dimenticanza deve essere tradotta in un modo di ricordare.

5. L’obiettivo dell’ego è tanto unificato quanto quello dello Spirito Santo ed è per questo che i loro obiettivi non possono mai essere riconciliati in alcun modo ed in nessuna misura. 2L’ego cerca sempre di dividere e separare. 3Lo Spirito Santo cerca sempre di unificare e guarire. 4Come guarisci sei guarito, perché lo Spirito Santo non vede ordine di difficoltà nella guarigione. 5La guarigione è il modo di disfare la credenza nelle differenze, essendo l’unico modo di percepire la Figliolanza come una. 6Questa percezione è perciò in accordo con le leggi di Dio, persino in uno stato mentale che non è in accordo col Suo. 7La forza della giusta percezione è così grande che porta la mente in accordo con la Sua, perché serve la Sua Voce, che è in tutti voi.

6. Pensare di poterti opporre alla Volontà di Dio è un vero delirio. 2L’ego crede di potere, e di poterti offrire la sua “volontà” come dono. 3Tu non la vuoi. 4Non è un dono. 5Non è proprio nulla. 6Dio ti ha dato un dono che tu hai e che sei. 7Quando non lo usi, dimentichi di averlo. 8Non ricordandolo, non sai cosa sei. 9La guarigione, quindi, è un modo di avvicinarsi alla conoscenza pensando in accordo con le leggi di Dio e riconoscendo la loro universalità. 10Senza questo riconoscimento, hai reso le leggi senza significato per te. 11Tuttavia le leggi non sono senza significato, poiché tutto il significato è contenuto da esse e in esse.

7. Cerca anzitutto il Regno dei Cieli, perché lì è dove le leggi di Dio operano veramente, e possono operare soltanto veramente, perché sono le leggi della verità. 2Ma cerca solo questo, perché non puoi trovare nient’altro. 3Non c’è nient’altro. 4Dio è Tutto in tutto in senso strettamente letterale. 5Tutto l’essere è in Lui, Che è tutto Essere. 6Di conseguenza tu sei in Lui poiché il tuo essere è Suo. 7Guarire è un modo di dimenticare il senso di pericolo che l’ego ha indotto in te, non riconoscendo la sua esistenza in tuo fratello. 8Ciò rafforza lo Spirito Santo in entrambi, poiché è un rifiuto di riconoscere la paura. 9L’amore ha bisogno solo di questo invito. 10Viene liberamente a tutta la Figliolanza, essendo ciò che è la Figliolanza. 11Risvegliandoti ad esso, stai semplicemente dimenticando ciò che non sei. 12Questo ti mette in grado di ricordare ciò che sei.

V. Healing and the Changelessness of Mind
T-7.V.1. The body is nothing more than a framework for developing abilities, which is quite apart from what they are used for. That is a decision. The effects of the ego’s decision in this matter are so apparent that they need no elaboration, but the Holy Spirit’s decision to use the body only for communication has such a direct connection with healing that it does need clarification. The unhealed healer obviously does not understand his own vocation.

T-7.V.2. Only minds communicate. Since the ego cannot obliterate the impulse to communicate because it is also the impulse to create, it can only teach you that the body can both communicate and create, and therefore does not need the mind. The ego thus tries to teach you that the body can act like the mind, and is therefore self-sufficient. Yet we have learned that behavior is not the level for either teaching or learning, since you can act in accordance with what you do not believe. To do this, however, will weaken you as a teacher and a learner because, as has been repeatedly emphasized, you teach what you do believe. An inconsistent lesson will be poorly taught and poorly learned. If you teach both sickness and healing, you are both a poor teacher and a poor learner.

T-7.V.3. Healing is the one ability everyone can develop and must develop if he is to be healed. Healing is the Holy Spirit’s form of communication in this world, and the only one He accepts. He recognizes no other, because He does not accept the ego’s confusion of mind and body. Minds can communicate, but they cannot hurt. The body in the service of the ego can hurt other bodies, but this cannot occur unless the body has already been confused with the mind. This situation, too, can be used either for healing or for magic, but you must remember that magic always involves the belief that healing is harmful. This belief is its totally insane premise, and so it proceeds accordingly.

T-7.V.4. Healing only strengthens. Magic always tries to weaken. Healing perceives nothing in the healer that everyone else does not share with him. Magic always sees something “special” in the healer, which he believes he can offer as a gift to someone who does not have it. He may believe that the gift comes from God to him, but it is quite evident that he does not understand God if he thinks he has something that others lack.

T-7.V.5. The Holy Spirit does not work by chance, and healing that is of Him always works. Unless the healer always heals by Him the results will vary. Yet healing itself is consistent, since only consistency is conflict-free, and only the conflict-free are whole. By accepting exceptions and acknowledging that he can sometimes heal and sometimes not, the healer is obviously accepting inconsistency. He is therefore in conflict, and is teaching conflict. Can anything of God not be for all and for always? Love is incapable of any exceptions. Only if there is fear does the idea of exceptions seem to be meaningful. Exceptions are fearful because they are made by fear. The “fearful healer” is a contradiction in terms, and is therefore a concept that only a conflicted mind could possibly perceive as meaningful.

T-7.V.6. Fear does not gladden. Healing does. Fear always makes exceptions. Healing never does. Fear produces dissociation, because it induces separation. Healing always produces harmony, because it proceeds from integration. It is predictable because it can be counted on. Everything that is of God can be counted on, because everything of God is wholly real. Healing can be counted on because it is inspired by His Voice, and is in accord with His laws. Yet if healing is consistent it cannot be inconsistently understood. Understanding means consistency because God means consistency. Since that is His meaning, it is also yours. Your meaning cannot be out of accord with His, because your whole meaning and your only meaning comes from His and is like His. God cannot be out of accord with Himself, and you cannot be out of accord with Him. You cannot separate your Self from your Creator, Who created you by sharing His Being with you.

T-7.V.7. The unhealed healer wants gratitude from his brothers, but he is not grateful to them. That is because he thinks he is giving something to them, and is not receiving something equally desirable in return. His teaching is limited because he is learning so little. His healing lesson is limited by his own ingratitude, which is a lesson in sickness. True learning is constant, and so vital in its power for change that a Son of God can recognize his power in one instant and change the world in the next. That is because, by changing his mind, he has changed the most powerful device that was ever given him for change. This in no way contradicts the changelessness of mind as God created it, but you think that you have changed it as long as you learn through the ego. This places you in a position of needing to learn a lesson that seems contradictory: you must learn to change your mind about your mind. Only by this can you learn that it is changeless.

T-7.V.8. When you heal, that is exactly what you are learning. You are recognizing the changeless mind in your brother by realizing that he could not have changed his mind. That is how you perceive the Holy Spirit in him. It is only the Holy Spirit in him that never changes His Mind. He himself may think he can, or he would not perceive himself as sick. He therefore does not know what his Self is. If you see only the changeless in him you have not really changed him. By changing your mind about his for him, you help him undo the change his ego thinks it has made in him.

T-7.V.9. As you can hear two voices, so you can see in two ways. One way shows you an image, or an idol that you may worship out of fear, but will never love. The other shows you only truth, which you will love because you will understand it. Understanding is appreciation, because what you understand you can identify with, and by making it part of you, you have accepted it with love. That is how God Himself created you; in understanding, in appreciation and in love. The ego is totally unable to understand this, because it does not understand what it makes, does not appreciate it and does not love it. It incorporates to take away. It literally believes that every time it deprives someone of something, it has increased. I have spoken often of the increase of the Kingdom by your creations, which can only be created as you were. The whole glory and perfect joy that is the Kingdom lies in you to give. Do you not want to give it?

T-7.V.10. You cannot forget the Father because I am with you, and I cannot forget Him. To forget me is to forget yourself and Him Who created you. Our brothers are forgetful. That is why they need your remembrance of me and of Him Who created me. Through this remembrance, you can change their minds about themselves, as I can change yours. Your mind is so powerful a light that you can look into theirs and enlighten them, as I can enlighten yours. I do not want to share my body in communion because this is to share nothing. Would I try to share an illusion with the most holy children of a most holy Father? Yet I do want to share my mind with you because we are of one Mind, and that Mind is ours. See only this Mind everywhere, because only this is everywhere and in everything. It is everything because it encompasses all things within itself. Blessed are you who perceive only this, because you perceive only what is true.

T-7.V.11. Come therefore unto me, and learn of the truth in you. The mind we share is shared by all our brothers, and as we see them truly they will be healed. Let your mind shine with mine upon their minds, and by our gratitude to them make them aware of the light in them. This light will shine back upon you and on the whole Sonship, because this is your proper gift to God. He will accept it and give it to the Sonship, because it is acceptable to Him and therefore to His Sons. This is true communion with the Holy Spirit, Who sees the altar of God in everyone, and by bringing it to your appreciation, He calls upon you to love God and His creation. You can appreciate the Sonship only as one. This is part of the law of creation, and therefore governs all thought.

V. La guarigione e l’immutabilità della mente
T-7.V.1. Il corpo non è altro che una struttura per sviluppare delle capacità, il che è piuttosto distinto dal motivo per cui vengono usate. Questa è una decisione. Gli effetti della decisione dell’ego a questo riguardo sono così evidenti che non hanno bisogno di elaborazione, ma la decisione dello Spirito Santo di usare il corpo solo per la comunicazione ha una tale connessione diretta con la guarigione che ha proprio bisogno di essere chiarita. Il guaritore non guarito ovviamente non comprende la sua vocazione.

T-7.V.2. Solo la mente comunica. Poiché l’ego non può distruggere l’impulso a comunicare perché è anche l’impulso a creare, può solo insegnarti che il corpo può sia comunicare che creare e perciò non ha bisogno della mente. L’ego cerca così di insegnarti che il corpo può agire come la mente ed è perciò autosufficiente. Tuttavia abbiamo imparato che il comportamento non è il livello né per l’insegnamento né per l’apprendimento, poiché tu puoi agire in accordo con ciò in cui non credi. Far questo, però, ti indebolirà in quanto insegnante e studente perché, come è stato sottolineato ripetutamente, tu insegni ciò in cui credi davvero. Una lezione incoerente sarà insegnata male e appresa male. Se insegni sia la malattia che la guarigione, sei sia un cattivo insegnante che un cattivo studente.

T-7.V.3. La guarigione è la sola capacità che ognuno può sviluppare, e deve sviluppare per essere guarito. La guarigione è la forma di comunicazione dello Spirito Santo in questo mondo, e la sola che Lui accetta. Non ne riconosce altra, perché non accetta la confusione dell’ego tra mente e corpo. La mente può comunicare, ma non può ferire. Il corpo, al servizio dell’ego, può ferire altri corpi, ma questo non può succedere a meno che il corpo non sia stato già confuso con la mente. Anche questa situazione può essere usata per la guarigione o per la magia, ma devi ricordare che la magia implica sempre il credere che la guarigione sia pericolosa. Questo modo di credere è la sua premessa completamente folle, e quindi procede di conseguenza.

T-7.V.4. La guarigione rafforza soltanto. La magia cerca sempre di indebolire. La guarigione non percepisce nulla nel guaritore che tutti gli altri non condividano con lui. La magia vede sempre qualcosa di “speciale” nel guaritore, che lui crede di poter offrire come dono a qualcuno che non ce l’ha. Può credere che il dono provenga a lui da Dio, ma è piuttosto evidente che non comprende Dio se pensa di avere qualcosa che manca agli altri.

T-7.V.5. Lo Spirito Santo non lavora a caso, e la guarigione che proviene da Lui funziona sempre. A meno che il guaritore non guarisca sempre tramite Lui i risultati varieranno. Tuttavia la guarigione stessa è coerente, poiché solo la coerenza è libera da conflitti, e solo coloro che sono liberi da conflitti sono interi. Accettando eccezioni e riconoscendo di poter talvolta guarire e tal’altra no, il guaritore sta ovviamente accettando l’incongruenza. Egli è perciò in conflitto e sta insegnando il conflitto. È forse possibile che qualcosa che è di Dio non sia per tutti e per sempre? L’amore è incapace di qualsiasi eccezione. Solo se c’è la paura sembra che l’idea di eccezioni abbia significato. Le eccezioni fanno paura perché sono fatte dalla paura. L’espressione “guaritore pauroso” è una contraddizione in termini ed è perciò un concetto che solo una mente in conflitto potrebbe eventualmente percepire come significativa.

T-7.V.6. La paura non allieta. La guarigione sì. La paura fa sempre eccezioni. La guarigione mai. La paura produce dissociazione, perché induce separazione. La guarigione produce sempre armonia, perché proviene dall’integrazione. È prevedibile perché ci si può fare affidamento. Si può fare affidamento su tutto ciò che è di Dio, perché tutto ciò che è di Dio è interamente reale. Sulla guarigione si può fare affidamento perché è ispirata dalla Sua Voce ed è in accordo con le Sue leggi. Ma se la guarigione è coerente non può essere compresa in modo incoerente. Comprensione significa coerenza poiché Dio significa coerenza. Poiché questo è il Suo significato, è anche il tuo. Il tuo significato non può essere in disaccordo con il Suo, perché tutto il tuo significato, e il tuo solo significato, proviene dal Suo ed è come il Suo. Dio non può essere in disaccordo con Se stesso e tu non puoi essere in disaccordo con Lui. Non puoi separare il tuo Sé dal tuo Creatore, Che ti ha creato condividendo il Suo Essere con te.

T-7.V.7. Il guaritore non guarito vuole gratitudine dai suoi fratelli, ma non è grato nei loro confronti. Ciò accade perché pensa che sta dando loro qualcosa e non sta ricevendo in cambio qualcosa di ugualmente desiderabile. Il suo insegnamento è limitato perché sta imparando molto poco. La sua lezione di guarigione è limitata dalla sua stessa ingratitudine, che è una lezione di malattia. Il vero apprendimento è costante, e così vitale nel suo potere di cambiare, che un Figlio di Dio può riconoscere il suo potere in un istante e cambiare il mondo in quello successivo. Questo avviene perché, cambiando la propria mente, egli ha cambiato lo strumento di cambiamento più potente che gli sia mai stato dato. Ciò non contraddice affatto l’immutabilità della mente come Dio l’ha creata, ma tu pensi di averla cambiata fintanto che apprendi tramite l’ego. Questo ti pone nella condizione di aver bisogno di imparare una lezione che sembra contraddittoria: devi imparare a cambiare mente riguardo alla tua mente. Solo così puoi imparare che è immutabile.

T-7.V.8. Quando guarisci, questo è esattamente ciò che stai imparando. Stai riconoscendo la mente immutabile in tuo fratello comprendendo che egli non avrebbe potuto cambiare la propria mente. Ecco come percepisci lo Spirito Santo in lui. È soltanto lo Spirito Santo in lui che non cambia mai la Sua Mente. Egli stesso può pensare di poterlo fare, o non si percepirebbe malato. Egli perciò non sa cosa sia il suo Sé. Se tu vedi solo l’immutabilità in lui non lo hai in realtà cambiato. Cambiando la tua mente su di lui per lui, lo aiuti a disfare il cambiamento che il suo ego pensa di aver fatto in lui.

T-7.V.9. Così come puoi udire due voci, allo stesso modo puoi vedere in due modi. Un modo ti mostra un’immagine, o un idolo, che tu puoi adorare per paura, ma che non amerai mai. L’altro ti mostra soltanto verità, che amerai perché la comprenderai. Comprendere è apprezzare, perché con ciò che comprendi ti puoi identificare, e rendendolo parte di te, lo hai accettato con amore. Questo è il modo in cui Dio stesso ti ha creato: nella comprensione, nell’apprezzamento e nell’amore. L’ego è totalmente incapace di comprendere ciò, perché non capisce ciò che fa, non lo apprezza e non lo ama. Esso incorpora per portare via. Crede letteralmente di accrescersi ogni volta che priva qualcuno o qualcosa. Ho parlato spesso dell’accrescimento del Regno per mezzo delle tue creazioni, che possono essere create soltanto come sei stato creato tu. Il Regno che è gloria totale e gioia perfetta si trova in te perché tu lo dia. Non vuoi darlo?

T-7.V.10. Non puoi dimenticare il Padre perché io sono con te, ed io non posso dimenticarLo. Dimenticare me è dimenticare te stesso e Colui che ti ha creato. I nostri fratelli sono smemorati. Ecco perché hanno bisogno che tu ricordi me e Colui Che mi ha creato. Tramite questo ricordo tu puoi cambiare la loro mente riguardo a se stessi, come io posso cambiare la tua. La tua mente è una luce così potente che puoi guardare nella loro ed illuminarla, come io posso illuminare la tua. Non voglio condividere il mio corpo nella comunione, perché ciò sarebbe non condividere nulla. Cercherei forse di condividere un’illusione con i bambini santissimi di un santissimo Padre? Tuttavia, voglio condividere la mia mente con te, perché siamo una Mente unita, e quella Mente è nostra. Vedi solo questa Mente ovunque, poiché solo questa è dappertutto e in ogni cosa. È tutto, perché racchiude in sé ogni cosa. Beato sei tu che percepisci solo questo, perché percepisci solo ciò che è vero.

T-7.V.11. Vieni perciò a me ed impara la verità che è in te. La mente che condividiamo è condivisa da tutti i nostri fratelli, e quando li vedremo veramente essi saranno guariti. Fa risplendere la tua mente assieme alla mia sulla loro mente, e con la nostra gratitudine nei loro confronti rendili consapevoli della luce in loro. Questa luce risplenderà di rimando su di te e sull’intera Figliolanza, poiché questo è il tuo dono appropriato a Dio. Egli lo accetterà e lo darà alla Figliolanza, poiché è accettabile per Lui e perciò per i Suoi Figli. 6Questa è la vera comunione con lo Spirito Santo, Che vede l’altare di Dio in tutti e, portandolo al tuo apprezzamento, Egli ti chiama ad amare Dio e le Sue creazioni. Tu puoi apprezzare la Figliolanza solo come una cosa sola. Questo è parte della legge della creazione e perciò governa tutto il pensiero.

VI. From Vigilance to Peace
T-7.VI.1. Although you can love the Sonship only as one, you can perceive it as fragmented. It is impossible, however, to see something in part of it that you will not attribute to all of it. That is why attack is never discrete, and why it must be relinquished entirely. If it is not relinquished entirely it is not relinquished at all. Fear and love make or create, depending on whether the ego or the Holy Spirit begets or inspires them, but they will return to the mind of the thinker and they will affect his total perception. That includes his concept of God, of His creations and of his own. He will not appreciate any of Them if he regards Them fearfully. He will appreciate all of Them if he regards Them with love.

T-7.VI.2. The mind that accepts attack cannot love. That is because it believes it can destroy love, and therefore does not understand what love is. If it does not understand what love is, it cannot perceive itself as loving. This loses the awareness of being, induces feelings of unreality and results in utter confusion. Your thinking has done this because of its power, but your thinking can also save you from this because its power is not of your making. Your ability to direct your thinking as you choose is part of its power. If you do not believe you can do this you have denied the power of your thought, and thus rendered it powerless in your belief.

T-7.VI.3. The ingeniousness of the ego to preserve itself is enormous, but it stems from the very power of the mind the ego denies. This means that the ego attacks what is preserving it, which must result in extreme anxiety. That is why the ego never recognizes what it is doing. It is perfectly logical but clearly insane. The ego draws upon the one source that is totally inimical to its existence for its existence. Fearful of perceiving the power of this source, it is forced to depreciate it. This threatens its own existence, a state which it finds intolerable. Remaining logical but still insane, the ego resolves this completely insane dilemma in a completely insane way. It does not perceive its existence as threatened by projecting the threat onto you, and perceiving your being as nonexistent. This ensures its continuance if you side with it, by guaranteeing that you will not know your own safety.

T-7.VI.4. The ego cannot afford to know anything. Knowledge is total, and the ego does not believe in totality. This unbelief is its origin, and while the ego does not love you it is faithful to its own antecedents, begetting as it was begotten. Mind always reproduces as it was produced. Produced by fear, the ego reproduces fear. This is its allegiance, and this allegiance makes it treacherous to love because you are love. Love is your power, which the ego must deny. It must also deny everything this power gives you because it gives you everything. No one who has everything wants the ego. Its own maker, then, does not want it. Rejection is therefore the only decision the ego could possibly encounter, if the mind that made it knew itself. And if it recognized any part of the Sonship, it would know itself.

T-7.VI.5. The ego therefore opposes all appreciation, all recognition, all sane perception and all knowledge. It perceives their threat as total, because it senses that all commitments the mind makes are total. Forced, therefore, to detach itself from you, it is willing to attach itself to anything else. But there is nothing else. The mind can, however, make up illusions, and if it does so it will believe in them, because that is how it made them.

T-7.VI.6. The Holy Spirit undoes illusions without attacking them, because He cannot perceive them at all. They therefore do not exist for Him. He resolves the apparent conflict they engender by perceiving conflict as meaningless. I have said before that the Holy Spirit perceives the conflict exactly as it is, and it is meaningless. The Holy Spirit does not want you to understand conflict; He wants you to realize that, because conflict is meaningless, it is not understandable. As I have already said, understanding brings appreciation and appreciation brings love. Nothing else can be understood, because nothing else is real and therefore nothing else has meaning.

T-7.VI.7. If you will keep in mind what the Holy Spirit offers you, you cannot be vigilant for anything but God and His Kingdom. The only reason you may find this hard to accept is because you may still think there is something else. Belief does not require vigilance unless it is conflicted. If it is, there are conflicting components within it that have led to a state of war, and vigilance has therefore become essential. Vigilance has no place in peace. It is necessary against beliefs that are not true, and would never have been called upon by the Holy Spirit if you had not believed the untrue. When you believe something, you have made it true for you. When you believe what God does not know, your thought seems to contradict His, and this makes it appear as if you are attacking Him.

T-7.VI.8. I have repeatedly emphasized that the ego does believe it can attack God, and tries to persuade you that you have done this. If the mind cannot attack, the ego proceeds perfectly logically to the belief that you must be a body. By not seeing you as you are, it can see itself as it wants to be. Aware of its weakness the ego wants your allegiance, but not as you really are. The ego therefore wants to engage your mind in its own delusional system, because otherwise the light of your understanding would dispel it. It wants no part of truth, because the ego itself is not true. If truth is total, the untrue cannot exist. Commitment to either must be total; they cannot coexist in your mind without splitting it. If they cannot coexist in peace, and if you want peace, you must give up the idea of conflict entirely and for all time. This requires vigilance only as long as you do not recognize what is true. While you believe that two totally contradictory thought systems share truth, your need for vigilance is apparent.

T-7.VI.9. Your mind is dividing its allegiance between two kingdoms, and you are totally committed to neither. Your identification with the Kingdom is totally beyond question except by you, when you are thinking insanely. What you are is not established by your perception, and is not influenced by it at all. Perceived problems in identification at any level are not problems of fact. They are problems of understanding, since their presence implies a belief that what you are is up to you to decide. The ego believes this totally, being fully committed to it. It is not true. The ego therefore is totally committed to untruth, perceiving in total contradiction to the Holy Spirit and to the knowledge of God.

T-7.VI.10. You can be perceived with meaning only by the Holy Spirit because your being is the knowledge of God. Any belief you accept apart from this will obscure God’s Voice in you, and will therefore obscure God to you. Unless you perceive His creation truly you cannot know the Creator, since God and His creation are not separate. The Oneness of the Creator and the creation is your wholeness, your sanity and your limitless power. This limitless power is God’s gift to you, because it is what you are. If you dissociate your mind from it you are perceiving the most powerful force in the universe as if it were weak, because you do not believe you are part of it.

T-7.VI.11. Perceived without your part in it, God’s creation is seen as weak, and those who see themselves as weakened do attack. The attack must be blind, however, because there is nothing to attack. Therefore they make up images, perceive them as unworthy and attack them for their unworthiness. That is all the world of the ego is. Nothing. It has no meaning. It does not exist. Do not try to understand it because, if you do, you are believing that it can be understood and is therefore capable of being appreciated and loved. That would justify its existence, which cannot be justified. You cannot make the meaningless meaningful. This can only be an insane attempt.

T-7.VI.12. Allowing insanity to enter your mind means that you have not judged sanity as wholly desirable. If you want something else you will make something else, but because it is something else, it will attack your thought system and divide your allegiance. You cannot create in this divided state, and you must be vigilant against this divided state because only peace can be extended. Your divided mind is blocking the extension of the Kingdom, and its extension is your joy. If you do not extend the Kingdom, you are not thinking with your Creator and creating as He created.

T-7.VI.13. In this depressing state the Holy Spirit reminds you gently that you are sad because you are not fulfilling your function as co-creator with God, and are therefore depriving yourself of joy. This is not God’s choice but yours. If your mind could be out of accord with God’s, you would be willing without meaning. Yet because God’s Will is unchangeable, no conflict of will is possible. This is the Holy Spirit’s perfectly consistent teaching. Creation, not separation, is your will because it is God’s, and nothing that opposes this means anything at all. Being a perfect accomplishment, the Sonship can only accomplish perfectly, extending the joy in which it was created, and identifying itself with both its Creator and its creations, knowing They are One.

VI. Dalla vigilanza alla pace
1. Sebbene tu possa amare la Figliolanza solo come una cosa sola, la puoi percepire frammentata. 2È impossibile, comunque, vedere qualcosa in una parte di essa che tu non attribuisca ad essa tutta. 3Ecco perché l’attacco non è mai parziale e perché deve essere abbandonato completamente. 4Se non viene abbandonato completamente non è abbandonato affatto. 5La paura e l’amore fanno o creano, a seconda se è l’ego o lo Spirito Santo a causarli o ad ispirarli, ma essi ritorneranno alla mente di chi pensa e influenzeranno la sua percezione totale. 6Ciò include il suo concetto di Dio, delle Sue creazioni e delle sue proprie. 7Non Ne apprezzerà alcuna se Le considererà con paura. 8Le apprezzerà tutte se Le considererà con amore.

2. La mente che accetta l’attacco non può amare. 2Ciò in quanto crede di poter distruggere l’amore, e perciò non comprende cosa sia l’amore. 3Se non comprende cosa sia l’amore, non si può percepire amorevole. 4Ciò fa perdere la consapevolezza dell’essere, induce sensazioni di irrealtà e dà come risultato una profonda confusione. 5Il tuo pensiero ha fatto ciò a causa del suo potere, ma il tuo pensiero ti può anche salvare da ciò, perché il suo potere non lo hai fatto tu. 6La tua capacità di dirigere il tuo pensiero così come scegli è parte del suo potere. 7Se non credi di poter fare ciò hai negato il potere del tuo pensiero e così, nel tuo sistema di credenze, lo hai reso impotente.

3. L’ingegnosità dell’ego per preservarsi è enorme, ma proviene dal potere stesso della mente che l’ego nega. 2Questo significa che l’ego attacca ciò che lo preserva, il che deve avere come risultato un’ansia estrema. 3Ecco perché l’ego non riconosce mai cosa sta facendo. 4È perfettamente logico, ma chiaramente folle. 5L’ego, per la propria esistenza, attinge dall’unica fonte che è totalmente nemica della sua esistenza. 6Avendo paura di percepire il potere di questa fonte, è costretto a deprezzarla. 7Ciò minaccia la sua esistenza, una condizione che trova intollerabile. 8Rimanendo logico ma pur sempre folle, l’ego risolve questo dilemma assolutamente folle in modo assolutamente folle. 9Non percepisce la propria esistenza minacciata proiettando la minaccia su di te, e percependo il tuo essere come non esistente. 10Ciò assicura la sua continuità se ti metti dalla sua parte, garantendo che non conoscerai la tua stessa Sicurezza.

4. L’ego non può permettersi di conoscere nulla. 2La conoscenza è totale, e l’ego non crede alla totalità. 3Questa miscredenza è la sua origine e, quantunque l’ego non ti ami, è fedele ai suoi antecedenti, generando come è stato generato. 4La mente riproduce sempre come è stata prodotta. 5Prodotto dalla paura, l’ego riproduce paura. 6Questa è la sua fedeltà, e questa fedeltà lo rende un traditore nei confronti dell’amore, perché tu sei amore. 7L’amore è il tuo potere, che l’ego deve negare. 8Deve anche negare tutto ciò che questo potere ti dà perché ti dà tutto. 9Nessuno che abbia tutto vuole l’ego. 10Così, proprio chi l’ha fatto non lo vuole. 11Il rifiuto è perciò la sola decisione che l’ego potrebbe verosimilmente incontrare, se la mente che l’ha fatto conoscesse se stessa. 12E se riconoscesse una parte qualsiasi della Figliolanza, conoscerebbe se stessa.

5. L’ego perciò si oppone ad ogni apprezzamento, ad ogni riconoscimento, ad ogni percezione sana e a tutta la conoscenza. 2Esso percepisce la loro minaccia come totale, perché sente che tutti gli impegni che la mente assume sono totali. 3Costretto, perciò, a staccarsi da te, è disposto ad attaccarsi a qualsiasi altra cosa. 4Ma non c’è niente altro. 5La mente può, comunque, inventare illusioni, e se lo fa crederà in loro, poiché questo è il modo in cui le ha fatte.

6. Lo Spirito Santo disfa le illusioni senza attaccarle, poiché non può percepirle affatto. 2Esse perciò non esistono per Lui. 3Risolve l’apparente conflitto che esse generano percependo il conflitto come senza significato. 4Ho detto in precedenza che lo Spirito Santo percepisce il conflitto esattamente com’è, ed è senza significato. 5Lo Spirito Santo non vuole che tu capisca il conflitto; Egli vuole che tu ti renda conto che, poiché il conflitto è senza significato, non è comprensibile. 6Come ho già detto, la comprensione porta apprezzamento e l’apprezzamento porta amore. 7Niente altro può essere compreso, poiché niente altro è reale e perciò niente altro ha significato.

7. Se vorrai tenere in mente ciò che lo Spirito Santo ti offre, non potrai essere vigile per niente altro che Dio ed il Suo Regno. 2La sola ragione perché tu possa trovare ciò difficile da accettare è perché penserai ancora che vi sia qualcos’altro. 3Credere non richiede vigilanza a meno che non sia conflittuale. 4Se lo è, ci sono componenti conflittuali al suo interno che hanno condotto ad uno stato di guerra e la vigilanza è, perciò, diventata essenziale. 5La vigilanza non trova posto nella pace. 6È necessaria contro credenze che non sono vere e non sarebbe mai stata richiesta dallo Spirito Santo se tu non avessi creduto ciò che non è vero. 7Quando credi in qualcosa, lo hai reso vero per te. 8Quando credi in ciò che Dio non conosce, il tuo pensiero sembra contraddire il Suo, e questo fa sembrare che tu lo stia attaccando.

8. Ho ripetutamente sottolineato che l’ego crede davvero di potere attaccare Dio e cerca di persuaderti che lo hai fatto. 2Se la mente non può attaccare, l’ego finisce, in modo perfettamente logico, col credere che devi essere un corpo. 3Non vedendoti come sei, può vedersi come vuole essere. 4Consapevole della sua debolezza l’ego vuole la tua fedeltà, ma non come sei realmente. 5L’ego, perciò, vuole impegnare la tua mente nel suo sistema delirante, poiché altrimenti la luce della tua comprensione lo disperderebbe. 6Non vuole nessuna parte della verità, perché l’ego stesso non è vero. 7Se la verità è totale, ciò che non è vero non può esistere. 8L’impegno nei confronti di uno dei due deve essere totale; non possono coesistere nella tua mente senza dividerla. 9Se non possono coesistere in pace, e se tu vuoi la pace, devi rinunciare all’idea del conflitto interamente e per sempre. 10Questo richiede vigilanza solo fintanto che non riconosci cosa è vero. 11Mentre credi che due sistemi di pensiero totalmente contraddittori condividano la verità, il tuo bisogno di vigilare è evidente.

9. La tua mente sta dividendo la sua fedeltà tra due regni e tu non sei totalmente impegnato con nessuno dei due. 2La tua identificazione col Regno è assolutamente fuori questione eccetto che per te, quando pensi in modo folle. 3Quello che sei non è stabilito dalla tua percezione e non è affatto influenzato da essa. 4I problemi di identificazione, a qualsiasi livello si percepiscano, non sono problemi di fatto. 5Sono problemi di comprensione, poiché la loro presenza implica il credere che dipenda da te decidere cosa sei. 6L’ego ci crede completamente, in quanto è completamente impegnato in ciò. 7Non è vero. 8L’ego è, perciò, totalmente impegnato nella non verità, percependo in contraddizione totale con lo Spirito Santo e con la conoscenza di Dio.

10. Tu puoi essere percepito con significato solo dallo Spirito Santo, poiché il tuo essere è la conoscenza di Dio. 2Qualsiasi cosa crederai a parte questa oscurerà la Voce di Dio in te e, perciò, renderà Dio oscuro per te. 3A meno che tu non percepisca veramente la Sua creazione, non potrai conoscere il Creatore, poiché Dio e la Sua creazione non sono separati. 4L’Unità del Creatore e della creazione sono la tua interezza, la tua sanità mentale e il tuo potere illimitato. 5Questo potere illimitato è il dono che Dio ti fa, perché è quello che sei. 6Se dissoci la tua mente da esso percepisci come debole la forza più potente dell’universo, perché non credi di essere parte di essa.

11. Percepita senza la tua parte in essa, la creazione di Dio è vista come debole, e chi si vede indebolito attacca. 2L’attacco deve essere alla cieca, comunque, poiché non vi è nulla da attaccare. 3Perciò inventa immagini, le percepisce non degne di valore e le attacca per la loro mancanza di valore. 4Ecco tutto ciò che è il mondo dell’ego. 5Nulla. 6Non ha significato. 7Non esiste. 8Non cercare di capirlo perché, se lo fai, crederai che possa essere compreso e perciò capace di essere apprezzato ed amato. 9Ciò giustificherebbe la sua esistenza, che non può essere giustificata. 10Non puoi rendere significativo ciò che non ha significato. 11Ciò può essere soltanto un tentativo folle.

12. Se permetti alla follia di entrare nella tua mente significa che hai giudicato la sanità mentale non del tutto desiderabile. 2Se vuoi qualcos’altro farai qualcos’altro, ma poiché è qualcos’altro, attaccherà il tuo sistema di pensiero e dividerà la tua fedeltà. 3Non puoi creare in questo stato diviso, e devi essere vigile contro questo stato diviso, poiché solo la pace può essere estesa. 4La tua mente divisa blocca l’estensione del Regno e la sua estensione è la tua gioia. 5Se non estendi il Regno, non stai pensando con il tuo Creatore, né creando come Egli ha creato.

13. In questo stato deprimente lo Spirito Santo ti ricorda dolcemente che sei triste perché non stai adempiendo alla tua funzione di cocreatore con Dio e perciò ti stai privando della gioia. 2Questa non è la scelta di Dio, ma la tua. 3Se la tua mente potesse essere in disaccordo con quella di Dio, avresti una volontà senza significato. 4Tuttavia, poiché la Volontà di Dio è immutabile, non è possibile alcun conflitto di volontà. 5Questo è l’insegnamento perfettamente coerente dello Spirito Santo. 6La creazione, non la separazione, è la tua volontà perché è quella di Dio e nulla che vi si opponga ha alcun significato. 7Essendo un conseguimento perfetto, la Figliolanza può soltanto conseguire in modo perfetto, estendendo la gioia in cui fu creata e identificandosi sia con il Creatore che con le sue creazioni, sapendo che sono Uno.

VII. The Totality of the Kingdom
T-7.VII.1. Whenever you deny a blessing to a brother you will feel deprived, because denial is as total as love. It is as impossible to deny part of the Sonship as it is to love it in part. Nor is it possible to love it totally at times. You cannot be totally committed sometimes. Denial has no power in itself, but you can give it the power of your mind, whose power is without limit. If you use it to deny reality, reality is gone for you. Reality cannot be partly appreciated. That is why denying any part of it means you have lost the awareness of all of it. Yet denial is a defense, and so it is as capable of being used positively as well as negatively. Used negatively it will be destructive, because it will be used for attack. But in the service of the Holy Spirit, it can help you recognize part of reality, and thus appreciate all of it. Mind is too powerful to be subject to exclusion. You will never be able to exclude yourself from your thoughts.

T-7.VII.2. When a brother acts insanely, he is offering you an opportunity to bless him. His need is yours. You need the blessing you can offer him. There is no way for you to have it except by giving it. This is the law of God, and it has no exceptions. What you deny you lack, not because it is lacking, but because you have denied it in another and are therefore not aware of it in yourself. Every response you make is determined by what you think you are, and what you want to be is what you think you are. What you want to be, then, must determine every response you make.

T-7.VII.3. You do not need God’s blessing because that you have forever, but you do need yours. The ego’s picture of you is deprived, unloving and vulnerable. You cannot love this. Yet you can very easily escape from this image by leaving it behind. You are not there and that is not you. Do not see this picture in anyone, or you have accepted it as you. All illusions about the Sonship are dispelled together as they were made together. Teach no one that he is what you would not want to be. Your brother is the mirror in which you see the image of yourself as long as perception lasts. And perception will last until the Sonship knows itself as whole. You made perception and it must last as long as you want it.

T-7.VII.4. Illusions are investments. They will last as long as you value them. Values are relative, but they are powerful because they are mental judgments. The only way to dispel illusions is to withdraw all investment from them, and they will have no life for you because you will have put them out of your mind. While you include them in it, you are giving life to them. Except there is nothing there to receive your gift.

T-7.VII.5. The gift of life is yours to give, because it was given you. You are unaware of your gift because you do not give it. You cannot make nothing live, since nothing cannot be enlivened. Therefore, you are not extending the gift you both have and are, and so you do not know your being. All confusion comes from not extending life, because that is not the Will of your Creator. You can do nothing apart from Him, and you do do nothing apart from Him. Keep His way to remember yourself, and teach His way lest you forget yourself. Give only honor to the Sons of the living God, and count yourself among them gladly.

T-7.VII.6. Only honor is a fitting gift for those whom God Himself created worthy of honor, and whom He honors. Give them the appreciation God accords them always, because they are His beloved Sons in whom He is well pleased. You cannot be apart from them because you are not apart from Him. Rest in His Love and protect your rest by loving. But love everything He created, of which you are a part, or you cannot learn of His peace and accept His gift for yourself and as yourself. You cannot know your own perfection until you have honored all those who were created like you.

T-7.VII.7. One child of God is the only teacher sufficiently worthy to teach another. One Teacher is in all minds and He teaches the same lesson to all. He always teaches you the inestimable worth of every Son of God, teaching it with infinite patience born of the infinite Love for which He speaks. Every attack is a call for His patience, since His patience can translate attack into blessing. Those who attack do not know they are blessed. They attack because they believe they are deprived. Give, therefore, of your abundance, and teach your brothers theirs. Do not share their illusions of scarcity, or you will perceive yourself as lacking.

T-7.VII.8. Attack could never promote attack unless you perceived it as a means of depriving you of something you want. Yet you cannot lose anything unless you do not value it, and therefore do not want it. This makes you feel deprived of it, and by projecting your own rejection you then believe that others are taking it from you. You must be fearful if you believe that your brother is attacking you to tear the Kingdom of Heaven from you. This is the ultimate basis for all the ego’s projection.

T-7.VII.9. Being the part of your mind that does not believe it is responsible for itself, and being without allegiance to God, the ego is incapable of trust. Projecting its insane belief that you have been treacherous to your Creator, it believes that your brothers, who are as incapable of this as you are, are out to take God from you. Whenever a brother attacks another, that is what he believes. Projection always sees your wishes in others. If you choose to separate yourself from God, that is what you will think others are doing to you.

T-7.VII.10. You are the Will of God. Do not accept anything else as your will, or you are denying what you are. Deny this and you will attack, believing you have been attacked. But see the Love of God in you, and you will see it everywhere because it is everywhere. See His abundance in everyone, and you will know that you are in Him with them. They are part of you, as you are part of God. You are as lonely without understanding this as God Himself is lonely when His Sons do not know Him. The peace of God is understanding this. There is only one way out of the world’s thinking, just as there was only one way into it. Understand totally by understanding totality.

T-7.VII.11. Perceive any part of the ego’s thought system as wholly insane, wholly delusional and wholly undesirable, and you have correctly evaluated all of it. This correction enables you to perceive any part of creation as wholly real, wholly perfect and wholly desirable. Wanting this only you will have this only, and giving this only you will be only this. The gifts you offer to the ego are always experienced as sacrifices, but the gifts you offer to the Kingdom are gifts to you. They will always be treasured by God because they belong to His beloved Sons, who belong to Him. All power and glory are yours because the Kingdom is His.

VII. La totalità del Regno
1. In qualsiasi momento negherai una benedizione a un fratello sarai tu a sentirti deprivato, poiché la negazione è totale come l’amore. 2È impossibile negare parte della Figliolanza così come amarla in parte. 3Né è possibile amarla totalmente di quando in quando. 4Non puoi essere impegnato totalmente solo alcune volte. 5La negazione non ha potere in sé, ma tu puoi darle il potere della tua mente, il cui potere è senza limiti. 6Se lo usi per negare la realtà, la realtà scompare per te. 7La realtà non può essere apprezzata parzialmente. 8Ecco perché negarne una parte qualsiasi significa che ne hai perso tutta la consapevolezza. 9Tuttavia la negazione è una difesa, e così è in grado di essere usata sia positivamente che negativamente. 10Usata negativamente sarà distruttiva, perché sarà usata per l’attacco. 11Ma al servizio dello Spirito Santo, può aiutarti a riconoscere parte della realtà, e così ad apprezzarla tutta. 12La mente è troppo potente per essere soggetta ad esclusione. 13Non sarai mai in grado di escluderti dai tuoi pensieri.

2. Quando un fratello agisce in modo folle, ti sta offrendo l’opportunità di benedirlo. 2Il suo bisogno è il tuo. 3Hai bisogno della benedizione che puoi offrirgli. 4Non c’è modo per te di averla se non dandola. 5Questa è la legge di Dio, e non ha eccezioni. 6Ciò che neghi ti manca, non perché manchi, ma perché lo hai negato in un altro e perciò non ne sei consapevole in te. 7Ogni reazione che hai è determinata da ciò che pensi di essere, e quello che vuoi essere è quello che pensi di essere. 8Quello che vuoi essere, allora, deve determinare ogni tua reazione.

3. Non hai bisogno della benedizione di Dio, perché quella ce l’hai per sempre, ma hai bisogno della tua. 2L’immagine che l’ego ha di te è deprivata, non amorevole e vulnerabile. 3Non puoi amarla. 4Tuttavia puoi molto facilmente sfuggire a questa immagine lasciandotela alle spalle. 5Tu non sei lì, e quello non sei tu. 6Non vedere questa immagine in nessuno, altrimenti l’avrai accettata come ciò che sei. 7Tutte le illusioni riguardo la Figliolanza svaniscono assieme poiché sono state fatte assieme. 8Non insegnare a nessuno che è quello che tu non vorresti essere. 9Tuo fratello è lo specchio in cui vedi l’immagine di te stesso fintanto che dura la percezione. 10E la percezione durerà fino a che la Figliolanza non si conoscerà come intera. 11Tu hai fatto la percezione ed essa deve durare fintanto che continuerai a volerla.

4. Le illusioni sono investimenti. 2Dureranno fino a che darai loro valore. 3I valori sono relativi, ma sono potenti poiché sono giudizi mentali. 4L’unico modo di dissipare le illusioni è ritirare ogni investimento da esse e non avranno vita per te perché le avrai collocate fuori dalla tua mente. 5Finché le includi in essa, stai dando loro vita. 6Solo che nelle illusioni non c’è nulla a ricevere il tuo dono.

5. Il dono della vita è tuo perché tu lo dia, poiché ti è stato dato. 2Sei inconsapevole del tuo dono perché non lo dai. 3Non puoi far vivere nulla, poiché il nulla non può essere portato in vita. 4Perciò, non stai estendendo il dono che hai e sei, e così non conosci il tuo essere. 5Tutta la confusione proviene dal non estendere la vita, perché questa non è la Volontà del tuo Creatore. 6Non puoi fare nulla separato da Lui, e davvero non fai nulla separato da Lui. 7Conserva il Suo modo di ricordare te stesso, ed insegna il Suo modo altrimenti dimenticherai te stesso. 8Dai solo onore ai figli del Dio vivente e poniti lietamente fra di essi.

6. Solo l’onore è un dono adatto per chi Dio Stesso ha creato degno di onore, e che Lui onora. 2Dà loro l’apprezzamento che Dio accorda sempre loro, perché essi sono i Suoi Figli diletti, di cui Egli si compiace moltissimo. 3Tu non puoi essere separato da loro, perché tu non sei separato da Lui. 4Riposa nel Suo amore e proteggi il tuo riposo amando. 5Ma ama tutto ciò che Lui ha creato, di cui sei una parte, o non potrai imparare la Sua pace e accettare il Suo dono per te stesso e come te stesso. 6Non potrai conoscere la tua perfezione fino a che non avrai onorato tutti quelli che sono stati creati come te.

7. Un bambino di Dio è il solo insegnante sufficientemente degno di insegnare ad un altro. 2Un Insegnante è in tutte le menti ed insegna la stessa lezione a tutti. 3Ti insegna sempre il valore inestimabile di ogni Figlio di Dio, insegnandotelo con infinita pazienza, nata dall’Amore infinito in nome del quale Egli parla. 4Ogni attacco è un richiamo alla Sua pazienza, poiché la Sua pazienza può tradurre l’attacco in benedizione. 5Coloro che attaccano non sanno di essere benedetti. 6Attaccano perché credono di essere deprivati. 7Dai, perciò, la tua abbondanza, ed insegna ai tuoi fratelli la loro. 8Non condividere le loro illusioni di scarsità, o ti percepirai mancante.

8. L’attacco non potrà mai promuovere l’attacco a meno che tu non lo percepisca come un mezzo per privarti di qualcosa che vuoi. 2Tuttavia tu non puoi perdere nulla a meno che non gli dai valore, e perciò non desideri averlo. 3Ciò te ne fa sentire privato e, proiettando il tuo rifiuto, credi che gli altri te lo stiano portando via. 4È inevitabile che tu abbia paura se credi che tuo fratello ti stia attaccando per strapparti il Regno dei Cieli. 5Questa è la base fondamentale per tutte le proiezioni dell’ego.

9. Essendo la parte della tua mente che non crede di essere responsabile per se stessa, ed essendo senza fedeltà verso Dio, l’ego è incapace di fiducia. 2Proiettando la sua folle credenza di avere tradito il tuo Creatore, esso crede che i tuoi fratelli, che sono altrettanto incapaci di ciò quanto lo sei tu, stanno cercando di portarti via Dio. 3Ogni qualvolta un fratello ne attacca un altro, questo è quello in cui crede. 4La proiezione vede sempre i tuoi desideri negli altri. 5Se scegli di separarti da Dio, questo è quello che penserai gli altri stiano facendo a te.

10. Tu sei la Volontà di Dio. 2Non accettare niente altro come tua volontà, o negherai ciò che sei. 3Negalo e attaccherai, credendo di essere stato attaccato. 4Ma vedi l’Amore di Dio in te e lo vedrai dappertutto, perché è dappertutto. 5Vedi la Sua abbondanza in ciascuno e saprai che tu sei in Lui con loro. 6Essi sono parte di te, come tu sei parte di Dio. 7Tu sei così solo senza comprendere ciò, come Dio Stesso è solo quando i Suoi Figli non Lo conoscono. 8La pace di Dio è comprendere questo. 9C’è solo una via d’uscita dal modo di pensare del mondo, proprio come ce n’è una sola per entrarci. 10Comprendi totalmente comprendendo la totalità.

11. Percepisci una parte qualsiasi del sistema di pensiero dell’ego come totalmente folle, totalmente delirante e totalmente indesiderabile, e lo avrai correttamente valutato tutto. 2Questa correzione ti mette in grado di percepire una parte qualsiasi della creazione come totalmente reale, totalmente perfetta e totalmente desiderabile. 3Volendo solo questo avrai solo questo, e dando solo questo sarai solo questo. 4I doni che offri all’ego sono sempre vissuti come sacrifici, ma i doni che offri al Regno sono doni che fai a te stesso. 5Saranno sempre cari a Dio poiché appartengono ai Suoi amati Figli, che appartengono a Lui. 6Tutto il potere e la gloria sono tuoi perché il Regno è Suo.

VIII. The Unbelievable Belief
T-7.VIII.1. We have said that without projection there can be no anger, but it is also true that without extension there can be no love. These reflect a fundamental law of the mind, and therefore one that always operates. It is the law by which you create and were created. It is the law that unifies the Kingdom, and keeps it in the Mind of God. To the ego, the law is perceived as a means of getting rid of something it does not want. To the Holy Spirit, it is the fundamental law of sharing, by which you give what you value in order to keep it in your mind. To the Holy Spirit it is the law of extension. To the ego it is the law of deprivation. It therefore produces abundance or scarcity, depending on how you choose to apply it. This choice is up to you, but it is not up to you to decide whether or not you will utilize the law. Every mind must project or extend, because that is how it lives, and every mind is life.

T-7.VIII.2. The ego’s use of projection must be fully understood before the inevitable association between projection and anger can be finally undone. The ego always tries to preserve conflict. It is very ingenious in devising ways that seem to diminish conflict, because it does not want you to find conflict so intolerable that you will insist on giving it up. The ego therefore tries to persuade you that it can free you of conflict, lest you give the ego up and free yourself. Using its own warped version of the laws of God, the ego utilizes the power of the mind only to defeat the mind’s real purpose. It projects conflict from your mind to other minds, in an attempt to persuade you that you have gotten rid of the problem.

T-7.VIII.3. There are two major errors involved in this attempt. First, strictly speaking, conflict cannot be projected because it cannot be shared. Any attempt to keep part of it and get rid of another part does not really mean anything. Remember that a conflicted teacher is a poor teacher and a poor learner. His lessons are confused, and their transfer value is limited by his confusion. The second error is the idea that you can get rid of something you do not want by giving it away. Giving it is how you keep it. The belief that by seeing it outside you have excluded it from within is a complete distortion of the power of extension. That is why those who project are vigilant for their own safety. They are afraid that their projections will return and hurt them. Believing they have blotted their projections from their own minds, they also believe their projections are trying to creep back in. Since the projections have not left their minds, they are forced to engage in constant activity in order not to recognize this.

T-7.VIII.4. You cannot perpetuate an illusion about another without perpetuating it about yourself. There is no way out of this, because it is impossible to fragment the mind. To fragment is to break into pieces, and mind cannot attack or be attacked. The belief that it can, an error the ego always makes, underlies its whole use of projection. It does not understand what mind is, and therefore does not understand what you are. Yet its existence is dependent on your mind, because the ego is your belief. The ego is a confusion in identification. Never having had a consistent model, it never developed consistently. It is the product of the misapplication of the laws of God by distorted minds that are misusing their power.

T-7.VIII.5. Do not be afraid of the ego. It depends on your mind, and as you made it by believing in it, so you can dispel it by withdrawing belief from it. Do not project the responsibility for your belief in it onto anyone else, or you will preserve the belief. When you are willing to accept sole responsibility for the ego’s existence you will have laid aside all anger and all attack, because they come from an attempt to project responsibility for your own errors. But having accepted the errors as yours, do not keep them. Give them over quickly to the Holy Spirit to be undone completely, so that all their effects will vanish from your mind and from the Sonship as a whole.

T-7.VIII.6. The Holy Spirit will teach you to perceive beyond your belief, because truth is beyond belief and His perception is true. The ego can be completely forgotten at any time, because it is a totally incredible belief, and no one can keep a belief he has judged to be unbelievable. The more you learn about the ego, the more you realize that it cannot be believed. The incredible cannot be understood because it is unbelievable. The meaninglessness of perception based on the unbelievable is apparent, but it may not be recognized as being beyond belief, because it is made by belief.

T-7.VIII.7. The whole purpose of this course is to teach you that the ego is unbelievable and will forever be unbelievable. You who made the ego by believing the unbelievable cannot make this judgment alone. By accepting the Atonement for yourself, you are deciding against the belief that you can be alone, thus dispelling the idea of separation and affirming your true identification with the whole Kingdom as literally part of you. This identification is as beyond doubt as it is beyond belief. Your wholeness has no limits because being is infinity.

VIII. La credenza incredibile
1. Abbiamo detto che senza proiezione non può esserci rabbia, ma è anche vero che senza estensione non può esserci amore. 2Queste riflettono una legge fondamentale della mente e perciò una legge che funziona sempre. 3È la legge con la quale crei e sei stato creato. 4È la legge che unifica il Regno e lo mantiene nella Mente di Dio. 5Per l’ego, la legge è percepita come un mezzo per liberarsi di qualcosa che non vuole. 6Per lo Spirito Santo è la legge fondamentale della condivisione, con la quale tu dai ciò a cui dai valore per tenerlo nella tua mente. 7Per lo Spirito Santo è la legge dell’estensione. 8Per l’ego è la legge della privazione. 9Essa, perciò, produce abbondanza o scarsità, a seconda di come scegli di applicarla. 10Questa scelta dipende da te, ma non dipende da te decidere se utilizzerai la legge oppure no. 11Ogni mente deve proiettare o estendere, perché è così che vive, ed ogni mente è vita.

2. L’uso della proiezione da parte dell’ego deve essere completamente compreso prima che l’associazione inevitabile tra proiezione e rabbia possa essere infine disfatta. 2L’ego cerca sempre di preservare il conflitto. 3È molto ingegnoso nell’escogitare modi che sembrano far diminuire il conflitto, perché non vuole che tu trovi il conflitto così intollerabile da insistere a rinunciarci. 4L’ego, perciò, cerca di persuaderti che esso può liberarti dal conflitto per paura che tu rinunci all’ego e ti liberi. 5Usando la sua versione pervertita delle leggi di Dio, l’ego utilizza il potere della mente solo per sconfiggere lo scopo reale della mente. 6Esso proietta il conflitto dalla tua mente ad altre menti, nel tentativo di persuaderti che ti sei liberato del problema.

3. Ci sono due grossi errori impliciti in questo tentativo. 2Primo, parlando in senso stretto, il conflitto non può essere proiettato perché non può essere condiviso. 3Qualsiasi tentativo di tenerne una parte e liberarsi di un’altra non significa nulla in realtà. 4Ricorda che un insegnante in conflitto è un insegnante scadente e uno studente scadente. 5Le sue lezioni sono confuse, ed il loro valore di trasferimento è limitato dalla sua confusione. 6Il secondo errore è l’idea che puoi liberarti di qualcosa che non vuoi dandola via. 7Darla è il modo in cui la mantieni. 8Credere che vedendola all’esterno l’hai esclusa dall’interno è una distorsione completa del potere dell’estensione. 9Ecco perché quelli che proiettano vigilano sulla loro sicurezza. 10Temono che le loro proiezioni ritorneranno e li feriranno. 11Credendo di avere cancellato le loro proiezioni dalle loro menti, credono anche che le loro proiezioni stiano cercando di insinuarsi dentro nuovamente. 12Dato che le proiezioni non hanno lasciato le loro menti, sono costretti ad impegnarsi in una attività costante per non riconoscerlo.

4. Non puoi perpetuare un’illusione su un altro senza perpetuarla su te stesso. 2Non c’è via d’uscita da questo, poiché è impossibile frammentare la mente. 3Frammentare vuol dire rompere in pezzi, e la mente non può attaccare o essere attaccata. 4Credere che lo possa fare, un errore che l’ego fa sempre, sottostà all’intero uso che fa della proiezione. 5Non comprende cos’è la mente e perciò non comprende cosa sei tu. 6Tuttavia la sua esistenza dipende dalla tua mente, perché l’ego è una tua credenza. 7L’ego è un errore di identificazione. 8Non avendo mai avuto un modello coerente, non si è mai sviluppato coerentemente. 9È il prodotto della cattiva applicazione delle leggi di Dio da parte di menti distorte che stanno abusando del loro potere.

5. Non aver paura dell’ego. 2Esso dipende dalla tua mente e, come lo hai fatto credendoci, così lo puoi dissipare smettendo di credere in esso. 3Non proiettare su nessun altro la responsabilità della tua credenza in esso, o continuerai a crederci. 4Quando sarai disposto ad accettare l’esclusiva responsabilità dell’esistenza dell’ego avrai messo da parte tutta la rabbia ed ogni attacco, poiché essi provengono da un tentativo di proiettare la responsabilità dei tuoi errori. 5Ma dopo aver accettato gli errori come tuoi, non tenerli. 6Dalli velocemente allo Spirito Santo perché siano disfatti completamente, cosicché tutti i loro effetti svaniscano dalla tua mente e dalla Figliolanza intera.

6. Lo Spirito Santo ti insegnerà a percepire oltre la tua credenza, poiché la verità è oltre la credenza e la Sua percezione è vera. 2L’ego può essere completamente dimenticato in qualsiasi momento, poiché è una credenza del tutto incredibile e nessuno può continuare a credere in qualcosa che ha giudicato essere incredibile. 3Più impari sull’ego, più ti rendi conto che non gli si può credere. 4L’incredibile non può essere compreso, poiché è incredibile. 5La mancanza di significato della percezione basata sull’incredibile è evidente, ma è possibile non riconoscere che essa sia al di là della credenza, poiché è fatta dalla credenza.

7. L’intero scopo di questo corso è insegnarti che l’ego non è credibile e non lo sarà mai. 2Tu che hai fatto l’ego credendo in ciò che non è credibile non puoi emettere questo giudizio da solo. 3Accettando la Riconciliazione per te stesso, stai decidendo contro la credenza che puoi essere solo, dissipando così l’idea della separazione ed affermando la tua vera identificazione con l’intero Regno in quanto letteralmente parte di te. 4Questa identificazione è al di là di ogni dubbio tanto quanto al di là della credenza. 5La tua interezza non ha limiti perché essere è infinità.

IX. The Extension of the Kingdom
T-7.IX.1. Only you can limit your creative power, but God wills to release it. He no more wills you to deprive yourself of your creations than He wills to deprive Himself of His. Do not withhold your gifts to the Sonship, or you withhold yourself from God! Selfishness is of the ego, but Self-fullness is of spirit because that is how God created it. The Holy Spirit is in the part of the mind that lies between the ego and the spirit, mediating between them always in favor of the spirit. To the ego this is partiality, and it responds as if it were being sided against. To spirit this is truth, because it knows its fullness and cannot conceive of any part from which it is excluded.

T-7.IX.2. Spirit knows that the awareness of all its brothers is included in its own, as it is included in God. The power of the whole Sonship and of its Creator is therefore spirit’s own fullness, rendering its creations equally whole and equal in perfection. The ego cannot prevail against a totality that includes God, and any totality must include God. Everything He created is given all His power, because it is part of Him and shares His Being with Him. Creating is the opposite of loss, as blessing is the opposite of sacrifice. Being must be extended. That is how it retains the knowledge of itself. Spirit yearns to share its being as its Creator did. Created by sharing, its will is to create. It does not wish to contain God, but wills to extend His Being.

T-7.IX.3. The extension of God’s Being is spirit’s only function. Its fullness cannot be contained, any more than can the fullness of its Creator. Fullness is extension. The ego’s whole thought system blocks extension, and thus blocks your only function. It therefore blocks your joy, so that you perceive yourself as unfulfilled. Unless you create you are unfulfilled, but God does not know unfulfillment and therefore you must create. You may not know your own creations, but this can no more interfere with their reality than your unawareness of your spirit can interfere with its being.

T-7.IX.4. The Kingdom is forever extending because it is in the Mind of God. You do not know your joy because you do not know your own Self-fullness. Exclude any part of the Kingdom from yourself and you are not whole. A split mind cannot perceive its fullness, and needs the miracle of its wholeness to dawn upon it and heal it. This reawakens the wholeness in it, and restores it to the Kingdom because of its acceptance of wholeness. The full appreciation of the mind’s Self-fullness makes selfishness impossible and extension inevitable. That is why there is perfect peace in the Kingdom. Spirit is fulfilling its function, and only complete fulfillment is peace.

T-7.IX.5. Your creations are protected for you because the Holy Spirit, Who is in your mind, knows of them and can bring them into your awareness whenever you will let Him. They are there as part of your own being, because your fulfillment includes them. The creations of every Son of God are yours, since every creation belongs to everyone, being created for the Sonship as a whole.

T-7.IX.6. You have not failed to increase the inheritance of the Sons of God, and thus have not failed to secure it for yourself. Since it was the Will of God to give it to you, He gave it forever. Since it was His Will that you have it forever, He gave you the means for keeping it. And you have done so. Disobeying God’s Will is meaningful only to the insane. In truth it is impossible. Your Self-fullness is as boundless as God’s. Like His, It extends forever and in perfect peace. Its radiance is so intense that It creates in perfect joy, and only the whole can be born of Its Wholeness.

T-7.IX.7. Be confident that you have never lost your Identity and the extensions which maintain It in wholeness and peace. Miracles are an expression of this confidence. They are reflections of both your proper identification with your brothers, and of your awareness that your identification is maintained by extension. The miracle is a lesson in total perception. By including any part of totality in the lesson, you have included the whole.

IX. L’estensione del Regno
1. Solo tu puoi limitare il tuo potere creativo, ma Dio vuole liberarlo. 2Egli non vuole privarti delle tue creazioni più di quanto Egli voglia privare Se stesso delle Sue. 3Non escludere i tuoi doni alla Figliolanza escluderai te stesso da Dio! 4L’egoismo è dell’ego, ma la pienezza del Sé è dello spirito, poiché è così che Dio lo ha creato. 5Lo Spirito Santo è in quella parte della mente che sta tra l’ego e lo spirito, mediando tra loro sempre in favore dello spirito. 6Per l’ego questa è parzialità, e risponde come se qualcuno gli si schierasse contro. 7Per lo spirito questa è la verità, perché conosce la sua pienezza e non può concepire nessuna parte da cui venga escluso.

2. Lo spirito sa che la consapevolezza di tutti i suoi fratelli è inclusa nella sua, come è inclusa in Dio. 2Il potere dell’intera Figliolanza e del suo Creatore è, perciò, la pienezza stessa dello spirito, che rende le sue creazioni ugualmente intere ed uguali in perfezione. 3L’ego non può prevalere contro una totalità che includa Dio, e qualsiasi totalità deve includere Dio. 4A tutto ciò che Egli ha creato viene dato tutto il Suo potere, perché è parte di Lui e condivide il Suo Essere con Lui. 5Creare è l’opposto di perdere, come la benedizione è l’opposto del sacrificio. 6L’essere deve essere esteso. 7Ecco come conserva la conoscenza di se stesso. 8Lo spirito anela a condividere il proprio essere come ha fatto il suo Creatore. 9Creato per mezzo della condivisione, la sua volontà è creare. 10Non desidera contenere Dio, ma vuole estendere il Suo Essere.

3. L’estensione dell’Essere di Dio è la sola funzione dello spirito. 2La sua pienezza non può essere contenuta, non più della pienezza del suo Creatore. 3Pienezza è estensione. 4L’intero sistema di pensiero dell’ego blocca l’estensione e così blocca la tua sola funzione. 5Esso perciò blocca la tua gioia, cosicché ti percepisci insoddisfatto. 6A meno che non crei sei insoddisfatto, ma Dio non conosce l’insoddisfazione e perciò tu devi creare. 7Puoi non conoscere le tue creazioni, ma questo non può interferire con la loro realtà più di quanto la tua inconsapevolezza del tuo spirito possa interferire con il suo essere.

4. Il Regno si estende per sempre perché è nella Mente di Dio. 2Tu non conosci la tua gioia perché non conosci la pienezza del tuo Sé. 3Escludi una parte del Regno da te stesso e non sei intero. 4Una mente divisa non può percepire la sua pienezza, e ha bisogno che il miracolo della sua interezza appaia in essa e la guarisca. 5Ciò risveglia in essa l’interezza, e la ripristina al Regno grazie alla sua accettazione dell’interezza. 6Il pieno apprezzamento della pienezza del Sé della mente rende impossibile l’egoismo e inevitabile l’estensione. 7Ecco perché c’è pace perfetta nel Regno. 8Lo spirito soddisfa la sua funzione, e solo il soddisfacimento completo è pace.

5. Le tue creazioni sono protette per te perché lo Spirito Santo, Che è nella tua mente, le conosce e le può portare alla tua consapevolezza in qualsiasi momento glieLo permetterai. 2Esse sono lì come parte del tuo essere, poiché la tua soddisfazione le include. 3Le creazioni di ogni Figlio di Dio sono tue, poiché ogni creazione appartiene a tutti, essendo creata per l’intera Figliolanza.

6. Non hai mancato di accrescere l’eredità dei Figli di Dio, e così non hai mancato di assicurartela per te stesso. 2Poiché è stata la Volontà di Dio a dartela, Egli te l’ha data per sempre. 3Poiché era Sua Volontà che tu l’avessi per sempre, Egli ti ha dato il mezzo per mantenerla. 4E tu hai fatto così. 5Disobbedire alla Volontà di Dio ha senso solo per i folli. 6In verità è impossibile. 7La tua pienezza del Sé è senza confini come quella di Dio. 8Come la Sua si estende per sempre e in pace perfetta. 9La sua radiosità è così intensa che crea in gioia perfetta e dalla Sua Interezza può nascere solo ciò che è intero.

7. Abbi fiducia che non hai mai perso la tua Identità e le estensioni che La mantengono in interezza e pace. 2I miracoli sono espressione di questa fiducia. 3Essi sono riflessi sia della tua giusta identificazione con i tuoi fratelli, che della tua consapevolezza che la tua identificazione è mantenuta per mezzo dell’estensione. 4Il miracolo è una lezione di percezione totale. 5Includendo nella lezione qualsiasi parte della totalità, hai incluso l’intero.

X. The Confusion of Pain and Joy
T-7.X.1. The Kingdom is the result of premises, just as this world is. You may have carried the ego’s reasoning to its logical conclusion, which is total confusion about everything. If you really saw this result you could not want it. The only reason you could possibly want any part of it is because you do not see the whole of it. You are willing to look at the ego’s premises, but not at their logical outcome. Is it not possible that you have done the same thing with the premises of God? Your creations are the logical outcome of His premises. His thinking has established them for you. They are exactly where they belong. They belong in your mind as part of your identification with His, but your state of mind and your recognition of what is in it depend on what you believe about your mind. Whatever these beliefs may be, they are the premises that will determine what you accept into your mind.

T-7.X.2. It is surely clear that you can both accept into your mind what is not there, and deny what is. Yet the function God Himself gave your mind through His you may deny, but you cannot prevent. It is the logical outcome of what you are. The ability to see a logical outcome depends on the willingness to see it, but its truth has nothing to do with your willingness. Truth is God’s Will. Share His Will and you share what He knows. Deny His Will as yours, and you are denying His Kingdom and yours.

T-7.X.3. The Holy Spirit will direct you only so as to avoid pain. Surely no one would object to this goal if he recognized it. The problem is not whether what the Holy Spirit says is true, but whether you want to listen to what He says. You no more recognize what is painful than you know what is joyful, and are, in fact, very apt to confuse the two. The Holy Spirit’s main function is to teach you to tell them apart. What is joyful to you is painful to the ego, and as long as you are in doubt about what you are, you will be confused about joy and pain. This confusion is the cause of the whole idea of sacrifice. Obey the Holy Spirit, and you will be giving up the ego. But you will be sacrificing nothing. On the contrary, you will be gaining everything. If you believed this, there would be no conflict.

T-7.X.4. That is why you need to demonstrate the obvious to yourself. It is not obvious to you. You believe that doing the opposite of God’s Will can be better for you. You also believe that it is possible to do the opposite of God’s Will. Therefore, you believe that an impossible choice is open to you, and one which is both fearful and desirable. Yet God wills. He does not wish. Your will is as powerful as His because it is His. The ego’s wishes do not mean anything, because the ego wishes for the impossible. You can wish for the impossible, but you can will only with God. This is the ego’s weakness and your strength.

T-7.X.5. The Holy Spirit always sides with you and with your strength. As long as you avoid His guidance in any way, you want to be weak. Yet weakness is frightening. What else, then, can this decision mean except that you want to be fearful? The Holy Spirit never asks for sacrifice, but the ego always does. When you are confused about this distinction in motivation, it can only be due to projection. Projection is a confusion in motivation, and given this confusion, trust becomes impossible. No one gladly obeys a guide he does not trust, but this does not mean that the guide is untrustworthy. In this case, it always means that the follower is. However, this, too, is merely a matter of his own belief. Believing that he can betray, he believes that everything can betray him. Yet this is only because he has elected to follow false guidance. Unable to follow this guidance without fear, he associates fear with guidance, and refuses to follow any guidance at all. If the result of this decision is confusion, this is hardly surprising.

T-7.X.6. The Holy Spirit is perfectly trustworthy, as you are. God Himself trusts you, and therefore your trustworthiness is beyond question. It will always remain beyond question, however much you may question it. I said before that you are the Will of God. His Will is not an idle wish, and your identification with His Will is not optional, since it is what you are. Sharing His Will with me is not really open to choice, though it may seem to be. The whole separation lies in this error. The only way out of the error is to decide that you do not have to decide anything. Everything has been given you by God’s decision. That is His Will, and you cannot undo it.

T-7.X.7. Even the relinquishment of your false decision-making prerogative, which the ego guards so jealously, is not accomplished by your wish. It was accomplished for you by the Will of God, Who has not left you comfortless. His Voice will teach you how to distinguish between pain and joy, and will lead you out of the confusion you have made. There is no confusion in the mind of a Son of God, whose will must be the Will of the Father, because the Father’s Will is His Son.

T-7.X.8. Miracles are in accord with the Will of God, Whose Will you do not know because you are confused about what you will. This means that you are confused about what you are. If you are God’s Will and do not accept His Will, you are denying joy. The miracle is therefore a lesson in what joy is. Being a lesson in sharing it is a lesson in love, which is joy. Every miracle is thus a lesson in truth, and by offering truth you are learning the difference between pain and joy.

X. La confusione tra dolore e gioia
1. Il Regno è il risultato di premesse, proprio come questo mondo. 2Puoi aver portato il ragionamento dell’ego alla sua conclusione logica, che è confusione totale su tutto. 3Se vedessi veramente questo risultato non potresti volerlo. 4La sola ragione possibile per cui tu possa volerne una parte qualsiasi è perché non vedi l’intero. 5Sei disposto a vedere le premesse dell’ego, ma non la loro logica conclusione. 6Non è possibile che tu abbia fatto lo stesso con le premesse di Dio? 7Le tue creazioni sono il logico risultato delle Sue premesse. 8Il Suo pensiero le ha stabilite per te. 9Esse sono esattamente nel luogo a cui appartengono. 10Appartengono alla tua mente come parte della tua identificazione con la Sua, ma il tuo stato mentale e il tuo riconoscimento di cosa vi sia in essa dipendono da ciò che tu credi della tua mente. 11Qualunque cosa tu creda sarà la premessa che determinerà ciò che accetterai nella tua mente.

2. È assolutamente chiaro che tu puoi sia accettare nella tua mente quello che non c’è, che negare quello che c’è. 2Tuttavia puoi negare la funzione che Dio Stesso ha dato alla tua mente attraverso la Sua, ma non puoi impedirla. 3È il risultato logico di quello che sei. 4La capacità di vedere un risultato logico dipende da quanto si è disponibili a vederlo, ma la sua verità non ha nulla a che fare con la tua disponibilità. 5La verità è la Volontà di Dio. 6Condividi la Sua Volontà e condividerai ciò che Egli sa. 7Nega la Sua Volontà come tua, e negherai il Suo Regno e il tuo.

3. Lo Spirito Santo ti dirigerà soltanto per evitarti il dolore. 2Sicuramente nessuno obietterebbe a questo obiettivo se lo riconoscesse. 3Il problema non è se ciò che lo Spirito Santo dice sia vero, ma se tu vuoi ascoltare quello che Egli dice. 4Tu non riconosci ciò che è doloroso più di quanto tu conosca cosa è gioioso, e sei, infatti, molto incline a confondere le due cose. 5La funzione principale dello Spirito Santo è di insegnarti a distinguerli. 6Ciò che è gioioso per te è doloroso per l’ego e, fintanto che hai dei dubbi in merito a ciò che sei, sarai confuso tra gioia e dolore. 7Questa confusione è la causa dell’intera idea di sacrificio. 8Obbedisci allo Spirito Santo e rinuncerai all’ego. 9Ma non sacrificherai nulla. 10Al contrario, guadagnerai tutto. 11Se credessi questo, non vi sarebbe conflitto.

4. Ecco perché hai bisogno di dimostrare a te stesso ciò che è ovvio. 2Non è ovvio per te. 3Tu credi che fare l’opposto della Volontà di Dio possa essere meglio per te. 4Credi anche che sia possibile fare l’opposto della Volontà di Dio. 5Perciò credi che ci sia la possibilità per te di fare una scelta impossibile, una scelta che sia allo stesso tempo carica di paura e desiderabile. 6Tuttavia Dio vuole. 7Egli non desidera. 8La tua volontà è tanto potente quanto la Sua perché è la Sua. 9I desideri dell’ego non hanno alcun significato, poiché l’ego desidera l’impossibile. 10Puoi desiderare l’impossibile, ma puoi volere solo con Dio. 11Questa è la debolezza dell’ego e la tua forza.

5. Lo Spirito Santo si schiera sempre con te e con la tua forza. 2Fintanto che eviti la Sua guida in qualsiasi modo, vuoi essere debole. 3Tuttavia la debolezza terrorizza. 4Che altro, allora, può significare questa decisione se non che vuoi avere paura? 5Lo Spirito Santo non chiede mai sacrifici, l’ego sempre. 6Quando sei confuso riguardo a questa distinzione di motivazioni, ciò può essere dovuto soltanto alla proiezione. 7La proiezione è una confusione di motivazione e, data questa confusione, la fiducia diventa impossibile. 8Nessuno obbedisce lietamente ad una guida della quale non ha fiducia, ma ciò non significa che la guida non sia degna di fiducia. 9In questo caso significa sempre che il seguace non lo è. 10Ad ogni modo anche questo dipende semplicemente dalla sua credenza. 11Credendo di poter tradire, egli crede che tutto possa tradirlo. 12Comunque questo accade solo perché ha scelto di seguire una falsa guida. 13Incapace di seguire questa guida senza paura, associa la paura con la guida, e rifiuta del tutto di seguire qualsiasi guida. 14Se il risultato di questa decisione è la confusione, ciò non è affatto sorprendente.

6. Lo Spirito Santo è perfettamente degno di fiducia, come te. 2Dio Stesso ha fiducia in te, e perciò non ci sono dubbi che tu sia degno di fiducia. 3Resterà sempre fuori questione, per quanto tu possa metterlo in dubbio. 4Ho detto in precedenza che tu sei la Volontà di Dio. 5La Sua Volontà non è un futile desiderio, e la tua identificazione con la Sua Volontà non è facoltativa, dato che essa è ciò che sei. 6Condividere la Sua Volontà con me non è in realtà passibile di scelta, sebbene possa sembrare che sia così. 7L’intera separazione si basa su questo errore. 8Il solo modo di uscire dall’errore è decidere che non devi decidere nulla. 9Tutto ti è stato dato per decisione di Dio. 10Questa è la Sua Volontà, e tu non puoi disfarla.

7. Persino l’abbandono della tua falsa prerogativa di prendere decisioni, che l’ego protegge così gelosamente, non è effettuato per tuo desiderio. 2È stato effettuato per te dalla Volontà di Dio, che non ti ha lasciato senza conforto. 3La Sua Voce ti insegnerà come distinguere tra dolore e gioia, e ti condurrà fuori dalla confusione che hai fatto. 4Non vi è confusione nella mente di un Figlio di Dio, la cui volontà deve essere la Volontà del Padre, poiché la Volontà del Padre è Suo Figlio.

8. I miracoli sono in accordo con la Volontà di Dio, del Quale non conosci la Volontà perché sei confuso rispetto a ciò che vuoi. 2Ciò significa che sei confuso su ciò che sei. 3Se tu sei la Volontà di Dio e non accetti la Sua Volontà, stai negando la gioia. 4Il miracolo è, perciò, una lezione su cos’è la gioia. 5Essendo una lezione sulla condivisione è una lezione d’amore, che è gioia. 6Ogni miracolo è così una lezione sulla verità, e offrendo verità impari la differenza tra dolore e gioia.

XI. The State of Grace
T-7.XI.1. The Holy Spirit will always guide you truly, because your joy is His. This is His Will for everyone because He speaks for the Kingdom of God, which is joy. Following Him is therefore the easiest thing in the world, and the only thing that is easy, because it is not of the world. It is therefore natural. The world goes against your nature, being out of accord with God’s laws. The world perceives orders of difficulty in everything. This is because the ego perceives nothing as wholly desirable. By demonstrating to yourself there is no order of difficulty in miracles, you will convince yourself that, in your natural state, there is no difficulty at all because it is a state of grace.

T-7.XI.2. Grace is the natural state of every Son of God. When he is not in a state of grace, he is out of his natural environment and does not function well. Everything he does becomes a strain, because he was not created for the environment that he has made. He therefore cannot adapt to it, nor can he adapt it to him. There is no point in trying. A Son of God is happy only when he knows he is with God. That is the only environment in which he will not experience strain, because that is where he belongs. It is also the only environment that is worthy of him, because his own worth is beyond anything he can make.

T-7.XI.3. Consider the kingdom you have made and judge its worth fairly. Is it worthy to be a home for a child of God? Does it protect his peace and shine love upon him? Does it keep his heart untouched by fear, and allow him to give always, without any sense of loss? Does it teach him that this giving is his joy, and that God Himself thanks him for his giving? That is the only environment in which you can be happy. You cannot make it, any more than you can make yourself. It has been created for you, as you were created for it. God watches over His children and denies them nothing. Yet when they deny Him they do not know this, because they deny themselves everything. You who could give the Love of God to everything you see and touch and remember, are literally denying Heaven to yourself.

T-7.XI.4. I call upon you to remember that I have chosen you to teach the Kingdom to the Kingdom. There are no exceptions to this lesson, because the lack of exceptions is the lesson. Every Son who returns to the Kingdom with this lesson in his heart has healed the Sonship and given thanks to God. Everyone who learns this lesson has become the perfect teacher, because he has learned it of the Holy Spirit.

T-7.XI.5. When a mind has only light, it knows only light. Its own radiance shines all around it, and extends out into the darkness of other minds, transforming them into majesty. The Majesty of God is there, for you to recognize and appreciate and know. Recognizing the Majesty of God as your brother is to accept your own inheritance. God gives only equally. If you recognize His gift in anyone, you have acknowledged what He has given you. Nothing is so easy to recognize as truth. This is the recognition that is immediate, clear and natural. You have trained yourself not to recognize it, and this has been very difficult for you.

T-7.XI.6. Out of your natural environment you may well ask, “What is truth?” since truth is the environment by which and for which you were created. You do not know yourself, because you do not know your Creator. You do not know your creations because you do not know your brothers, who created them with you. I have already said that only the whole Sonship is worthy to be co-creator with God, because only the whole Sonship can create like Him. Whenever you heal a brother by recognizing his worth, you are acknowledging his power to create and yours. He cannot have lost what you recognize, and you must have the glory you see in him. He is a co-creator with God with you. Deny his creative power, and you are denying yours and that of God Who created you.

T-7.XI.7. You cannot deny part of truth. You do not know your creations because you do not know their creator. You do not know yourself because you do not know yours. Your creations cannot establish your reality, any more than you can establish God’s. But you can know both. Being is known by sharing. Because God shared His Being with you, you can know Him. But you must also know all He created, to know what they have shared. Without your Father you will not know your fatherhood. The Kingdom of God includes all His Sons and their children, who are as like the Sons as they are like the Father. Know, then, the Sons of God, and you will know all creation.

XI. Lo stato di grazia
1. Lo Spirito Santo ti guiderà sempre in verità, poiché la tua gioia è la Sua. 2Questa è la Sua Volontà per tutti perché Egli parla per il Regno di Dio, che è gioia. 3Seguirlo è, perciò, la cosa più facile del mondo, e la sola cosa facile, perché non è del mondo. 4Perciò è naturale. 5Il mondo va contro la tua natura, essendo in disaccordo con le leggi di Dio. 6Il mondo percepisce ordini di difficoltà in ogni cosa. 7Questo avviene perché l’ego non percepisce nulla come interamente desiderabile. 8Dimostrando a te stesso che non vi è ordine di difficoltà nei miracoli, ti convincerai che, nel tuo stato naturale, non c’è affatto difficoltà perché è uno stato di grazia.

2. La grazia è lo stato naturale di ogni Figlio di Dio. 2Quando non è in stato di grazia, è fuori dal suo ambiente naturale e non funziona bene. 3Tutto ciò che fa diventa uno sforzo, poiché non è stato creato per l’ambiente che ha fatto. 4Egli, perciò, non vi si può adattare, ne lo può adattare a lui. 5Non è il caso di tentare. 6Un Figlio di Dio è felice solo quando sa che è con Dio. 7Quello è il solo ambiente in cui non proverà sforzo, poiché lì è il luogo a cui appartiene. 8È anche il solo ambiente degno di lui, perché il suo valore è al di là di qualsiasi cosa possa fare.

3. Considera il regno che hai fatto e giudicane giustamente il valore. 2È degno di essere una casa per un bambino di Dio? 3Protegge la sua pace e fa risplendere amore su lui? 4Fa in modo che il suo cuore non venga toccato dalla paura, e gli permette di dare sempre, senza alcun senso di perdita? 5Gli insegna che questo dare è la sua gioia, e che Dio Stesso lo ringrazia per il suo dare? 6Questo è il solo ambiente in cui puoi essere felice. 7Tu non puoi farlo, più di quanto non possa fare te stesso. 8È stato creato per te, come tu sei stato creato per esso. 9Dio veglia sui Suoi bambini e non nega loro nulla. 10Tuttavia quando essi Lo negano non lo sanno, poiché si negano tutto. 11Tu che potresti dare l’Amore di Dio a tutto ciò che vedi, tocchi e ricordi, stai letteralmente negandoti il Cielo.

4. Ti chiamo per ricordarti che ho scelto te per insegnare il Regno al Regno. 2Non ci sono eccezioni a questa lezione, perché la mancanza di eccezioni è la lezione. 3Ogni Figlio che ritorna al Regno con questa lezione in cuore ha guarito la Figliolanza e reso grazie a Dio. 4Tutti quelli che imparano questa lezione sono diventati perfetti insegnanti, perché l’hanno imparata dallo Spirito Santo.

5. Quando una mente ha solo luce, conosce solo luce. 2La sua radiosità risplende tutt’intorno ad essa, e si estende dentro l’oscurità di altre menti, trasformandole in maestà. 3La Maestà di Dio è lì, perché tu possa riconoscerla, apprezzarla e conoscerla. 4Riconoscere la Maestà di Dio come tuo fratello è accettare la tua eredità. 5Dio dà solo equamente. 6Se riconosci il Suo dono in tutti, avrai riconosciuto ciò che Egli ti ha dato. 7Nulla è così facile da riconoscere come la verità. 8Questo riconoscimento è immediato, chiaro e naturale. 8Ti sei allenato a non riconoscerla, e ciò è stato molto difficile per te.

6. Fuori dal tuo ambiente naturale potresti chiedere “cos’è la verità?”, poiché la verità è l’ambiente dal quale e per il quale sei stato creato. 2Non conosci te stesso perché non conosci il tuo Creatore. 3Non conosci le tue creazioni perché non conosci i tuoi fratelli che le hanno create con te. 4Ho già detto che solo l’intera Figliolanza è degna di essere cocreatrice con Dio, poiché solo l’intera Figliolanza può creare come Lui. 5In qualsiasi momento guarisci un fratello riconoscendone il valore, stai riconoscendo il suo potere di creare ed il tuo. 6Egli non può aver perso ciò che tu riconosci, e tu devi avere la gloria che vedi in lui. 7Egli è un cocreatore con Dio insieme a te. 8Nega il suo potere creativo e stai negando il tuo e quello di Dio che ti ha creato.

7. Non puoi negare parte della verità. 2Tu non conosci le tue creazioni perché non conosci il loro creatore. 3Non conosci te stesso perché non conosci le tue. 4Le tue creazioni non possono stabilire la tua realtà, più di quanto tu possa stabilire quella di Dio. 5Ma puoi conoscere entrambe. 6L’essere è conosciuto mediante la condivisione. 7Poiché Dio ha condiviso il Suo Essere con te, tu Lo puoi conoscere. 8Ma devi conoscere anche tutto ciò che Lui ha creato, per sapere cosa hanno condiviso. 9Senza tuo Padre tu non conoscerai la tua paternità. 10Il Regno di Dio include tutti i Suoi Figli e i loro bambini, che sono come i Figli così come essi sono come il Padre. 11Conosci, allora, i Figli di Dio, e conoscerai tutta la creazione.

Chapter 8. The journey back - Capitolo 8. Il viaggio di ritorno

I. The Direction of the Curriculum
T-8.I.1. Knowledge is not the motivation for learning this course. Peace is. This is the prerequisite for knowledge only because those who are in conflict are not peaceful, and peace is the condition of knowledge because it is the condition of the Kingdom. Knowledge can be restored only when you meet its conditions. This is not a bargain made by God, Who makes no bargains. It is merely the result of your misuse of His laws on behalf of an imaginary will that is not His. Knowledge is His Will. If you are opposing His Will, how can you have knowledge? I have told you what knowledge offers you, but perhaps you do not yet regard this as wholly desirable. If you did you would not be so ready to throw it away when the ego asks for your allegiance.

T-8.I.2. The distractions of the ego may seem to interfere with your learning, but the ego has no power to distract you unless you give it the power to do so. The ego’s voice is an hallucination. You cannot expect it to say “I am not real.” Yet you are not asked to dispel your hallucinations alone. You are merely asked to evaluate them in terms of their results to you. If you do not want them on the basis of loss of peace, they will be removed from your mind for you.

T-8.I.3. Every response to the ego is a call to war, and war does deprive you of peace. Yet in this war there is no opponent. This is the reinterpretation of reality that you must make to secure peace, and the only one you need ever make. Those whom you perceive as opponents are part of your peace, which you are giving up by attacking them. How can you have what you give up? You share to have, but you do not give it up yourself. When you give up peace, you are excluding yourself from it. This is a condition so alien to the Kingdom that you cannot understand the state that prevails within it.

T-8.I.4. Your past learning must have taught you the wrong things, simply because it has not made you happy. On this basis alone its value should be questioned. If learning aims at change, and that is always its purpose, are you satisfied with the changes your learning has brought you? Dissatisfaction with learning outcomes is a sign of learning failure, since it means that you did not get what you wanted.

T-8.I.5. The curriculum of the Atonement is the opposite of the curriculum you have established for yourself, but so is its outcome. If the outcome of yours has made you unhappy, and if you want a different one, a change in the curriculum is obviously necessary. The first change to be introduced is a change in direction. A meaningful curriculum cannot be inconsistent. If it is planned by two teachers, each believing in diametrically opposed ideas, it cannot be integrated. If it is carried out by these two teachers simultaneously, each one merely interferes with the other. This leads to fluctuation, but not to change. The volatile have no direction. They cannot choose one because they cannot relinquish the other, even if it does not exist. Their conflicted curriculum teaches them that all directions exist, and gives them no rationale for choice.

T-8.I.6. The total senselessness of such a curriculum must be fully recognized before a real change in direction becomes possible. You cannot learn simultaneously from two teachers who are in total disagreement about everything. Their joint curriculum presents an impossible learning task. They are teaching you entirely different things in entirely different ways, which might be possible except that both are teaching you about yourself. Your reality is unaffected by both, but if you listen to both, your mind will be split about what your reality is.

I. L’indirizzo del programma di studi
1. La conoscenza non è la motivazione per imparare questo corso. 2La pace lo è. 3Questo è il prerequisito per la conoscenza solo perché coloro che sono in conflitto non sono in pace, e la pace è la condizione della conoscenza perché è la condizione del Regno. 4La conoscenza potrà essere ripristinata solo quando ne soddisferai le condizioni. 5Questo non è un mercanteggiamento fatto da Dio, Che non mercanteggia. 6È semplicemente il risultato del tuo uso improprio delle Sue leggi in favore di una volontà immaginaria che non è la Sua. 7La conoscenza è la Sua Volontà. 8Se ti opponi alla Sua Volontà, come puoi avere la conoscenza? 9Ti ho detto che cosa ti offre la conoscenza, ma forse non lo consideri ancora come qualcosa di totalmente desiderabile. 10Se lo facessi non saresti così pronto a gettarla via quando l’ego ti chiede di essergli fedele.

2. Le distrazioni dell’ego possono sembrare interferire con il tuo apprendimento, ma l’ego non ha alcun potere di distrarti a meno che tu non gli dia il potere di farlo. 2La voce dell’ego è un’allucinazione. 3Non puoi aspettarti che ti dica “io non sono reale”. 4Tuttavia non ti viene richiesto di dissipare le tue allucinazioni da solo. 5Ti viene semplicemente chiesto di valutarle nei termini dei loro risultati per te. 6Se non le vuoi sulla base del fatto che ti fanno perdere la pace, esse saranno eliminate dalla tua mente per te.

3. Ogni risposta all’ego è un richiamo alla guerra, e la guerra ti priva della pace. 2Eppure in questa guerra non c’è alcun avversario. 3Questa è la reinterpretazione della realtà che devi fare per assicurarti la pace, e la sola che avrai mai bisogno di fare. 4Coloro che percepisci come avversari sono parte della tua pace, alla quale rinunci attaccandoli. 5Come puoi avere ciò a cui rinunci? 6Tu condividi per avere, ma tu stesso non vi rinunci. 7Quando rinunci alla pace, ti escludi da essa. 8Questa è una condizione così aliena al Regno che non puoi capire lo stato che prevale al suo interno.

4. Ciò che hai appreso in passato deve averti insegnato le cose sbagliate, semplicemente perché non ti ha reso felice. 2Solo su questa base il suo valore dovrebbe essere messo in dubbio. 3Se lo scopo dell’apprendimento è cambiare, e questo è sempre il suo scopo, sei soddisfatto dei cambiamenti che ciò che hai imparato ti ha portato? 4L’insoddisfazione nei confronti dei risultati dell’apprendimento, è un segno dell’insuccesso dell’apprendimento, poiché significa che non hai ottenuto quello che volevi.

5. Il programma di studi della Riconciliazione è l’opposto del programma di studi che hai stabilito tu per te stesso, ma anche il suo risultato lo è. 2Se il risultato del tuo programma di studi ti ha reso infelice, e se ne vuoi uno diverso, è ovviamente necessario un cambiamento di programma di studi. 3Il primo cambiamento che deve essere introdotto è un cambiamento di indirizzo. 4Un programma di studi significativo non può essere incoerente. 5Se è programmato da due insegnanti, ciascuno dei quali crede in idee diametralmente opposte, non può essere integrato. 6Se è condotto da questi due insegnanti simultaneamente, ciascuno non fa che interferire con l’altro. 7Questo porta alla fluttuazione, ma non al cambiamento. 8Gli incostanti non hanno un indirizzo. 9Non possono sceglierne uno perché non possono rinunciare all’altro, anche se non esiste. 10Il loro programma di studi conflittuale insegna loro che esistono tutti gli indirizzi, e non dà loro alcun fondamento logico per scegliere.

6. La totale insensatezza di tale programma di studi deve essere pienamente riconosciuta prima che sia possibile un reale cambiamento di indirizzo. 2Non puoi imparare contemporaneamente da due insegnanti che sono in totale disaccordo su ogni cosa. 3Il loro programma di studi congiunto propone un compito impossibile da imparare. 4Essi ti insegnano cose completamente diverse in modi completamente diversi, il che potrebbe essere possibile se non fosse che entrambi ti stanno insegnando delle cose di te. 5La tua realtà non è influenzata da nessuno dei due, ma se ascolti entrambi, la tua mente sarà divisa su ciò che è la tua realtà.

II. The Difference between Imprisonment and Freedom
T-8.II.1. There is a rationale for choice. Only one Teacher knows what your reality is. If learning to remove the obstacles to that knowledge is the purpose of the curriculum, you must learn it of Him. The ego does not know what it is trying to teach. It is trying to teach you what you are without knowing what you are. It is expert only in confusion. It does not understand anything else. As a teacher, then, the ego is totally confused and totally confusing. Even if you could disregard the Holy Spirit entirely, which is impossible, you could still learn nothing from the ego, because the ego knows nothing.

T-8.II.2. Is there any possible reason for choosing a teacher such as this? Does the total disregard of anything it teaches make anything but sense? Is this the teacher to whom a Son of God should turn to find himself? The ego has never given you a sensible answer to anything. Simply on the grounds of your own experience with its teaching, should not this alone disqualify it as your future teacher? Yet the ego has done more harm to your learning than this alone. Learning is joyful if it leads you along your natural path, and facilitates the development of what you have. When you are taught against your nature, however, you will lose by your learning because your learning will imprison you. Your will is in your nature, and therefore cannot go against it.

T-8.II.3. The ego cannot teach you anything as long as your will is free, because you will not listen to it. It is not your will to be imprisoned because your will is free. That is why the ego is the denial of free will. It is never God Who coerces you, because He shares His Will with you. His Voice teaches only in accordance with His Will, but that is not the Holy Spirit’s lesson because that is what you are. The lesson is that your will and God’s cannot be out of accord because they are one. This is the undoing of everything the ego tries to teach. It is not, then, only the direction of the curriculum that must be unconflicted, but also the content.

T-8.II.4. The ego tries to teach that you want to oppose God’s Will. This unnatural lesson cannot be learned, and the attempt to learn it is a violation of your own freedom, making you afraid of your will because it is free. The Holy Spirit opposes any imprisoning of the will of a Son of God, knowing that the Will of the Son is the Father’s. The Holy Spirit leads you steadily along the path of freedom, teaching you how to disregard or look beyond everything that would hold you back.

T-8.II.5. We have said that the Holy Spirit teaches you the difference between pain and joy. That is the same as saying He teaches you the difference between imprisonment and freedom. You cannot make this distinction without Him because you have taught yourself that imprisonment is freedom. Believing them to be the same, how can you tell them apart? Can you ask the part of your mind that taught you to believe they are the same, to teach you how they are different?

T-8.II.6. The Holy Spirit’s teaching takes only one direction and has only one goal. His direction is freedom and His goal is God. Yet He cannot conceive of God without you, because it is not God’s Will to be without you. When you have learned that your will is God’s, you could no more will to be without Him than He could will to be without you. This is freedom and this is joy. Deny yourself this and you are denying God His Kingdom, because He created you for this.

T-8.II.7. When I said, “All power and glory are yours because the Kingdom is His,” this is what I meant: The Will of God is without limit, and all power and glory lie within it. It is boundless in strength and in love and in peace. It has no boundaries because its extension is unlimited, and it encompasses all things because it created all things. By creating all things, it made them part of itself. You are the Will of God because that is how you were created. Because your Creator creates only like Himself, you are like Him. You are part of Him Who is all power and glory, and are therefore as unlimited as He is.

T-8.II.8. To what else except all power and glory can the Holy Spirit appeal to restore God’s Kingdom? His appeal, then, is merely to what the Kingdom is, and for its own acknowledgment of what it is. When you acknowledge this you bring the acknowledgment automatically to everyone, because you have acknowledged everyone. By your recognition you awaken theirs, and through theirs yours is extended. Awakening runs easily and gladly through the Kingdom, in answer to the Call for God. This is the natural response of every Son of God to the Voice for his Creator, because It is the Voice for his creations and for his own extension.

II. Differenza tra prigionia e libertà
1. C’è una spiegazione logica per scegliere. 2Solo un Insegnante sa cos’è la tua realtà. 3Se lo scopo del programma di studi è imparare ad eliminare gli ostacoli a quella conoscenza, devi impararla da Lui. 4L’ego non sa cosa sta cercando di insegnare. 5Sta cercando di insegnarti ciò che sei senza sapere ciò che sei. 6È esperto solo in confusione. 7Non comprende nient’altro. 8Come insegnante, dunque, l’ego è totalmente confuso e confonde totalmente. 9Anche se potessi ignorare completamente lo Spirito Santo, il che è impossibile, non potresti imparare nulla dall’ego, poiché l’ego non sa nulla.

2. Che ragione può esserci per scegliere un insegnante del genere? 2Non è forse sensato ignorare totalmente qualsiasi cosa esso insegni? 3È forse questo l’insegnante al quale un Figlio di Dio dovrebbe rivolgersi per trovare se stesso? 4L’ego non ti ha mai dato una risposta sensata a qualcosa. 5Semplicemente in base all’esperienza che tu stesso hai fatto con il suo insegnamento, non dovrebbe bastare questo a squalificarlo come tuo futuro insegnante? 6Tuttavia il danno che l’ego ha fatto al tuo apprendimento non si limita a questo. 7L’apprendimento è gioioso se ti conduce lungo il tuo sentiero naturale, e facilita lo sviluppo di ciò che hai. 8Tuttavia, quando ti viene insegnato contro la tua natura, il tuo apprendimento ti farà perdere, perché ti imprigionerà. 9La tua volontà è nella tua natura e quindi non può andare contro di essa.

3. L’ego non può insegnarti niente fintanto che la tua volontà è libera, perché tu non lo ascolterai. 2Non è la tua volontà quella di essere imprigionato perché la tua volontà è libera. 3Ecco perché l’ego è la negazione del libero arbitrio. 4Non è mai Dio Che ti costringe, perché Egli condivide la Sua Volontà con te. 5La Sua Voce insegna solo conformemente alla Sua Volontà, ma questa non è la lezione dello Spirito Santo perché questo è ciò che sei. 6La lezione sta nel fatto che la tua volontà e quella di Dio non possono essere in disaccordo poiché sono una cosa sola. 7Questa lezione disfa tutto ciò che l’ego cerca di insegnare. 8Non è, quindi, solo l’indirizzo del programma di studi che non deve essere in conflitto, ma anche il contenuto.

4. L’ego cerca di insegnare che ti vuoi opporre alla Volontà di Dio. 2Questa lezione innaturale non può essere appresa, ed il tentativo di impararla è una violazione della tua libertà, che ti fa aver paura della tua volontà perché è libera. 3Lo Spirito Santo si oppone a qualsiasi imprigionamento della volontà di un Figlio di Dio, poiché sa che la Volontà del Figlio di Dio è quella del Padre. 4Lo Spirito Santo ti conduce saldamente lungo il sentiero della libertà, insegnandoti come non tener conto o guardare oltre tutto ciò che ti trattiene.

5. Abbiamo detto che lo Spirito Santo ti insegna la differenza tra dolore e gioia. 2Questo è come dire che Egli ti insegna la differenza tra prigionia e libertà. 3Tu non puoi fare questa distinzione senza di Lui perché hai insegnato a te stesso che la prigionia è libertà. 4Come fai a distinguerle, dal momento che credi che siano la stessa cosa? 5Puoi forse chiedere alla parte della tua mente che ti ha insegnato a credere che sono la stessa cosa, di insegnarti in che modo differiscono?

6. L’insegnamento dello Spirito Santo assume solo un indirizzo ed ha un solo obiettivo. 2Il Suo indirizzo è la libertà ed il Suo obiettivo è Dio. 3Ma non può concepire Dio senza di te, perché non è Volontà di Dio essere senza di te. 4Quando avrai imparato che la tua volontà è quella di Dio, non potrai voler stare senza di Lui più di quanto Egli non possa voler stare senza di te. 5Questa è la libertà e questa è la gioia. 6Negati ciò e negherai a Dio il Suo Regno, perché Egli ti ha creato per questo.

7. Questo è ciò che intendevo quando ho detto “ogni potere e gloria sono tuoi perché Suo è il Regno”: la Volontà di Dio è senza limiti, ed ogni potere e gloria risiedono in essa. 2La sua forza, il suo amore e la sua pace sono sconfinate. 3Non ha confini perché la sua estensione è illimitata e abbraccia ogni cosa perché ha creato ogni cosa. 4Creando ogni cosa, l’ha fatta parte di se stessa. 5Tu sei la Volontà di Dio perché è così che sei stato creato. 6Siccome il tuo Creatore crea solo come Se stesso, tu sei come Lui. 7Tu sei parte di Colui Che è ogni potere e gloria, e pertanto sei illimitato come Lui.

8. A cos’altro, salvo che ad ogni potere e gloria, può rivolgersi lo Spirito Santo per ripristinare il Regno di Dio? 2Egli si appella quindi semplicemente a ciò che è il Regno e per il suo riconoscimento di ciò che è. 3Quando riconosci ciò porti automaticamente questo riconoscimento a tutti, poiché hai riconosciuto tutti. 4Attraverso il tuo riconoscimento risvegli il loro, ed attraverso il loro il tuo viene esteso. 5Il risveglio si estende facilmente e felicemente per tutto il Regno, in risposta al Richiamo di Dio. 6Questa è la risposta naturale di ogni Figlio di Dio alla Voce che parla per il suo Creatore, perché è la Voce che parla per le sue creazioni e per la sua stessa estensione.

III. The Holy Encounter
T-8.III.1. Glory to God in the highest, and to you because He has so willed it. Ask and it shall be given you, because it has already been given. Ask for light and learn that you are light. If you want understanding and enlightenment you will learn it, because your decision to learn it is the decision to listen to the Teacher Who knows of light, and can therefore teach it to you. There is no limit on your learning because there is no limit on your mind. There is no limit on His teaching because He was created to teach. Understanding His function perfectly He fulfills it perfectly, because that is His joy and yours.

T-8.III.2. To fulfill the Will of God perfectly is the only joy and peace that can be fully known, because it is the only function that can be fully experienced. When this is accomplished, then, there is no other experience. Yet the wish for other experience will block its accomplishment, because God’s Will cannot be forced upon you, being an experience of total willingness. The Holy Spirit understands how to teach this, but you do not. That is why you need Him, and why God gave Him to you. Only His teaching will release your will to God’s, uniting it with His power and glory and establishing them as yours. You share them as God shares them, because this is the natural outcome of their being.

T-8.III.3. The Will of the Father and of the Son are One, by Their extension. Their extension is the result of Their Oneness, holding Their unity together by extending Their joint Will. This is perfect creation by the perfectly created, in union with the perfect Creator. The Father must give fatherhood to His Son, because His Own Fatherhood must be extended outward. You who belong in God have the holy function of extending His Fatherhood by placing no limits upon it. Let the Holy Spirit teach you how to do this, for you can know what it means only of God Himself.

T-8.III.4. When you meet anyone, remember it is a holy encounter. As you see him you will see yourself. As you treat him you will treat yourself. As you think of him you will think of yourself. Never forget this, for in him you will find yourself or lose yourself. Whenever two Sons of God meet, they are given another chance at salvation. Do not leave anyone without giving salvation to him and receiving it yourself. For I am always there with you, in remembrance of you.

T-8.III.5. The goal of the curriculum, regardless of the teacher you choose, is “Know thyself.” There is nothing else to seek. Everyone is looking for himself and for the power and glory he thinks he has lost. Whenever you are with anyone, you have another opportunity to find them. Your power and glory are in him because they are yours. The ego tries to find them in yourself alone, because it does not know where to look. The Holy Spirit teaches you that if you look only at yourself you cannot find yourself, because that is not what you are. Whenever you are with a brother, you are learning what you are because you are teaching what you are. He will respond either with pain or with joy, depending on which teacher you are following. He will be imprisoned or released according to your decision, and so will you. Never forget your responsibility to him, because it is your responsibility to yourself. Give him his place in the Kingdom and you will have yours.

T-8.III.6. The Kingdom cannot be found alone, and you who are the Kingdom cannot find yourself alone. To achieve the goal of the curriculum, then, you cannot listen to the ego, whose purpose is to defeat its own goal. The ego does not know this, because it does not know anything. But you can know it, and you will know it if you are willing to look at what the ego would make of you. This is your responsibility, because once you have really looked at it you will accept the Atonement for yourself. What other choice could you make? Having made this choice you will understand why you once believed that, when you met someone else, you thought he was someone else. And every holy encounter in which you enter fully will teach you this is not so.

T-8.III.7. You can encounter only part of yourself because you are part of God, Who is everything. His power and glory are everywhere, and you cannot be excluded from them. The ego teaches that your strength is in you alone. The Holy Spirit teaches that all strength is in God and therefore in you. God wills no one suffer. He does not will anyone to suffer for a wrong decision, including you. That is why He has given you the means for undoing it. Through His power and glory all your wrong decisions are undone completely, releasing you and your brother from every imprisoning thought any part of the Sonship holds. Wrong decisions have no power, because they are not true. The imprisonment they seem to produce is no more true than they are.

T-8.III.8. Power and glory belong to God alone. So do you. God gives whatever belongs to Him because He gives of Himself, and everything belongs to Him. Giving of yourself is the function He gave you. Fulfilling it perfectly will let you remember what you have of Him, and by this you will remember also what you are in Him. You cannot be powerless to do this, because this is your power. Glory is God’s gift to you, because that is what He is. See this glory everywhere to remember what you are.

III. L’incontro santo
1. Gloria a Dio nell’alto dei Cieli, ed a te perché Egli ha voluto così. 2Chiedi e ti sarà dato, perché ti è già stato dato. 3Chiedi la luce ed impara che sei luce. 4Se vuoi comprensione ed illuminazione le imparerai, perché la tua decisione di apprenderle è la decisione di ascoltare l’Insegnante Che conosce la luce e quindi te la può insegnare. 5Non c’è limite al tuo apprendimento perché non c’è limite alla tua mente. 6Non c’è limite al Suo insegnamento perché Egli è stato creato per insegnare. 7Comprendendo perfettamente la Sua funzione Egli la adempie perfettamente, perché questa è la Sua gioia e la tua.

2. Adempiere perfettamente la Volontà di Dio è la sola gioia e pace che può essere pienamente conosciuta, perché è la sola funzione di cui si può fare pienamente esperienza. 2Quindi, quando questo verrà realizzato, non ci sarà nessun’altra esperienza. 3Eppure il desiderio di altre esperienze ne bloccherà la realizzazione, perché la Volontà di Dio non ti può essere imposta, essendo un’esperienza di totale disponibilità. 4Lo Spirito Santo sa come insegnarlo, ma tu no. 5Ecco perché tu hai bisogno di Lui, e perché Dio te Lo ha dato. 6Solo il Suo insegnamento libererà la tua volontà unendola al potere ed alla gloria di Dio, e stabilendole come tue. 7Tu le condividi allo stesso modo in cui le condivide Dio, perché questo è il risultato naturale del loro essere.

3. La Volontà del Padre e del Figlio sono Una, grazie alla Loro estensione. 2La Loro estensione è il risultato del Loro essere Uno, poiché tiene insieme la Loro unità mediante l’estensione della Loro Volontà congiunta. 3Questa è la creazione perfetta di chi è stato creato perfettamente, in unione con il Creatore perfetto. 4Il Padre deve dare la paternità al Figlio, perché la Sua Stessa Paternità deve essere estesa all’esterno. 5Tu che sei parte di Dio hai la santa funzione di estendere la Sua Paternità non ponendovi limiti. 6Permetti allo Spirito Santo di insegnarti come farlo, poiché puoi sapere cosa significa solo da Dio Stesso.

4. Quando incontri qualcuno, ricorda che è un incontro santo. 2Come vedrai lui, così vedrai te stesso. 3Come tratterai lui, così tratterai te stesso. 4Come penserai di lui, così penserai di te stesso. 5Non dimenticarlo mai, poiché in lui troverai o perderai te stesso. 6Ogniqualvolta due Figli di Dio si incontrano, viene data loro un’altra opportunità di salvezza. 7Non lasciare nessuno senza dargli salvezza e riceverla tu stesso. 8Poiché io sono sempre lì con te, in memoria di te.

5. L’obiettivo del programma di studi, indipendentemente dall’insegnante che scegli, è “conosci te stesso”. 2Non c’è nient’altro da cercare. 3Ognuno sta cercando se stesso ed il potere e la gloria che pensa di aver perduto. 4Ogniqualvolta sei con qualcuno, hai un’altra opportunità di trovarli. 5Il tuo potere e la tua gloria sono in lui perché sono tue. 6L’ego cerca di trovarle solo in te stesso, perché non sa dove guardare. 7Lo Spirito Santo ti insegna che se guardi solo te stesso non puoi trovare te stesso, perché questo non è quello che sei. 8Ogniqualvolta sei con un fratello, impari ciò che sei perché insegni ciò che sei. 9Egli risponderà con dolore o con gioia, a seconda di quale insegnante stai seguendo. 10Egli sarà imprigionato o liberato a seconda della tua decisione, e la stessa cosa accadrà a te. 11Non dimenticare mai la tua responsabilità nei suoi confronti, perché è la stessa responsabilità che hai verso te stesso. 12Dagli il suo posto nel Regno ed avrai il tuo.

6. Il Regno non può essere trovato da solo, e tu che sei il Regno non puoi trovare te stesso da solo. 2Per raggiungere l’obiettivo del programma di studi, dunque, non puoi ascoltare l’ego, il cui scopo è di far fallire il suo stesso obiettivo. 3L’ego non lo sa, perché non sa niente. 4Ma tu puoi saperlo, e lo saprai se sarai disposto a guardare cosa l’ego vuol fare di te. 5Questa è la tua responsabilità, perché una volta che l’avrai realmente guardato accetterai la Riconciliazione per te stesso. 6Quale altra scelta potresti mai fare? 7Avendo fatto questa scelta comprenderai perché una volta credevi che, quando incontravi qualcun altro, pensavi che egli fosse qualcun altro. 8Ed ogni incontro santo al quale prenderai pienamente parte ti insegnerà che non è così.

7. Puoi incontrare solo parte di te stesso perché tu sei parte di Dio, Che è ogni cosa. 2Il Suo potere e la Sua gloria sono ovunque, e tu non puoi essere escluso da essi. 3L’ego insegna che la tua forza è in te solo. 4Lo Spirito Santo insegna che tutta la forza è in Dio e pertanto è in te. 5Dio vuole che nessuno soffra. 6Egli non vuole che qualcuno, te compreso, soffra per una decisione sbagliata. 7Ecco perché ti ha dato il mezzo per disfarla. 8Attraverso il Suo potere e la Sua gloria tutte le tue decisioni sbagliate vengono completamente disfatte, liberando te e tuo fratello da ogni pensiero imprigionante posto in una parte qualsiasi della Figliolanza. 9Le decisioni sbagliate non hanno alcun potere, perché non sono vere. 10La prigionia che esse sembrano produrre non è più vera di quanto lo siano loro.

8. Il potere e la gloria appartengono solo a Dio. 2E anche tu. 3Dio dà qualsiasi cosa Gli appartenga perché Egli dà Se stesso, e tutto Gli appartiene. 4Dare te stesso è la funzione che Egli ti ha dato. 5Il realizzarla perfettamente ti farà ricordare cosa hai di Lui, e tramite ciò ricorderai anche cosa sei in Lui. 6Non puoi non avere il potere di fare ciò, perché questo è il tuo potere. 7La gloria è il dono di Dio per te, perché questo è ciò che Egli è. 8Vedi questa gloria ovunque per ricordare ciò che sei.

IV. The Gift of Freedom
T-8.IV.1. If God’s Will for you is complete peace and joy, unless you experience only this you must be refusing to acknowledge His Will. His Will does not vacillate, being changeless forever. When you are not at peace it can only be because you do not believe you are in Him. Yet He is All in all. His peace is complete, and you must be included in it. His laws govern you because they govern everything. You cannot exempt yourself from His laws, although you can disobey them. Yet if you do, and only if you do, you will feel lonely and helpless, because you are denying yourself everything.

T-8.IV.2. I am come as a light into a world that does deny itself everything. It does this simply by dissociating itself from everything. It is therefore an illusion of isolation, maintained by fear of the same loneliness that is its illusion. I said that I am with you always, even unto the end of the world. That is why I am the light of the world. If I am with you in the loneliness of the world, the loneliness is gone. You cannot maintain the illusion of loneliness if you are not alone. My purpose, then, is still to overcome the world. I do not attack it, but my light must dispel it because of what it is. Light does not attack darkness, but it does shine it away. If my light goes with you everywhere, you shine it away with me. The light becomes ours, and you cannot abide in darkness any more than darkness can abide wherever you go. The remembrance of me is the remembrance of yourself, and of Him Who sent me to you.

T-8.IV.3. You were in darkness until God’s Will was done completely by any part of the Sonship. When this was done, it was perfectly accomplished by all. How else could it be perfectly accomplished? My mission was simply to unite the will of the Sonship with the Will of the Father by being aware of the Father’s Will myself. This is the awareness I came to give you, and your problem in accepting it is the problem of this world. Dispelling it is salvation, and in this sense I am the salvation of the world. The world must therefore despise and reject me, because the world is the belief that love is impossible. If you will accept the fact that I am with you, you are denying the world and accepting God. My will is His, and your decision to hear me is the decision to hear His Voice and abide in His Will. As God sent me to you so will I send you to others. And I will go to them with you, so we can teach them peace and union.

T-8.IV.4. Do you not think the world needs peace as much as you do? Do you not want to give it to the world as much as you want to receive it? For unless you do, you will not receive it. If you want to have it of me, you must give it. Healing does not come from anyone else. You must accept guidance from within. The guidance must be what you want, or it will be meaningless to you. That is why healing is a collaborative venture. I can tell you what to do, but you must collaborate by believing that I know what you should do. Only then will your mind choose to follow me. Without this choice you could not be healed because you would have decided against healing, and this rejection of my decision for you makes healing impossible.

T-8.IV.5. Healing reflects our joint will. This is obvious when you consider what healing is for. Healing is the way in which the separation is overcome. Separation is overcome by union. It cannot be overcome by separating. The decision to unite must be unequivocal, or the mind itself is divided and not whole. Your mind is the means by which you determine your own condition, because mind is the mechanism of decision. It is the power by which you separate or join, and experience pain or joy accordingly. My decision cannot overcome yours, because yours is as powerful as mine. If it were not so the Sons of God would be unequal. All things are possible through our joint decision, but mine alone cannot help you. Your will is as free as mine, and God Himself would not go against it. I cannot will what God does not will. I can offer my strength to make yours invincible, but I cannot oppose your decision without competing with it and thereby violating God’s Will for you.

T-8.IV.6. Nothing God created can oppose your decision, as nothing God created can oppose His Will. God gave your will its power, which I can only acknowledge in honor of His. If you want to be like me I will help you, knowing that we are alike. If you want to be different, I will wait until you change your mind. I can teach you, but only you can choose to listen to my teaching. How else can it be, if God’s Kingdom is freedom? Freedom cannot be learned by tyranny of any kind, and the perfect equality of all God’s Sons cannot be recognized through the dominion of one mind over another. God’s Sons are equal in will, all being the Will of their Father. This is the only lesson I came to teach.

T-8.IV.7. If your will were not mine it would not be our Father’s. This would mean you have imprisoned yours, and have not let it be free. Of yourself you can do nothing, because of yourself you are nothing. I am nothing without the Father and you are nothing without me, because by denying the Father you deny yourself. I will always remember you, and in my remembrance of you lies your remembrance of yourself. In our remembrance of each other lies our remembrance of God. And in this remembrance lies your freedom because your freedom is in Him. Join, then, with me in praise of Him and you whom He created. This is our gift of gratitude to Him, which He will share with all His creations, to whom He gives equally whatever is acceptable to Him. Because it is acceptable to Him it is the gift of freedom, which is His Will for all His Sons. By offering freedom you will be free.

T-8.IV.8. Freedom is the only gift you can offer to God’s Sons, being an acknowledgment of what they are and what He is. Freedom is creation, because it is love. Whom you seek to imprison you do not love. Therefore, when you seek to imprison anyone, including yourself, you do not love him and you cannot identify with him. When you imprison yourself you are losing sight of your true identification with me and with the Father. Your identification is with the Father and with the Son. It cannot be with One and not the Other. If you are part of One you must be part of the Other, because They are One. The Holy Trinity is holy because It is One. If you exclude yourself from this union, you are perceiving the Holy Trinity as separated. You must be included in It, because It is everything. Unless you take your place in It and fulfill your function as part of It, the Holy Trinity is as bereft as you are. No part of It can be imprisoned if Its truth is to be known.

IV. Il dono della libertà
1. Se la Volontà di Dio per te è pace e gioia totali, se non provi solo questo vuol dire che stai rifiutando di riconoscere la Sua Volontà. 2La Sua Volontà non vacilla, essendo per sempre immutabile. 3Quando non sei in pace può solo essere perché non credi di essere in Lui. 4Eppure Egli è Tutto in tutti. 5La Sua pace è totale, e tu devi esserne parte. 6Le Sue leggi ti governano perché governano ogni cosa. 7Non puoi esentarti dalle Sue leggi, anche se puoi disobbedirle. 8Eppure se lo fai, e solo se lo fai, ti sentirai solo ed indifeso, perché ti stai negando ogni cosa.

2. Io sono venuto per essere la luce in un mondo che si nega davvero tutto. 2Lo fa semplicemente dissociandosi da ogni cosa. 3È pertanto un’illusione di isolamento, mantenuta dalla paura della stessa solitudine che è la sua illusione. 4Ho detto che sono sempre con te, e lo sarò sino alla fine del mondo. 5Ecco perché sono la luce del mondo. 6Se sono con te nella solitudine del mondo, la solitudine svanisce. 7Non puoi sostenere l’illusione della solitudine se non sei solo. 8Il mio scopo, quindi, è sempre quello di vincere il mondo. 9Io non lo attacco, ma la mia luce deve farlo svanire grazie a ciò che è. 10La luce non attacca l’oscurità, ma la fa scomparire col suo splendore. 11Se la mia luce viene con te ovunque, col suo splendore tu la fai scomparire assieme a me. 12La luce diventa nostra, e tu non potrai dimorare nell’oscurità più di quanto l’oscurità possa dimorare ovunque tu vada. 13Il ricordo di me è il ricordo di te stesso, e di Colui Che mi ha mandato a te.

3. Tu eri nell’oscurità fintanto che la Volontà di Dio non è stata fatta completamente da ogni parte della Figliolanza. 2Quando questo è stato fatto, è stato perfettamente compiuto da tutti. 3In quale altro modo avrebbe potuto essere realizzata perfettamente? 4La mia missione è stata semplicemente di unire la volontà della Figliolanza con la Volontà del Padre, mediante l’essere io stesso consapevole della Volontà del Padre. 5Questa è la consapevolezza che sono venuto a darti, ed il tuo problema nell’accettarla è il problema di questo mondo. 6Dissiparlo è la salvezza e, in questo senso, io sono la salvezza del mondo. 7Il mondo deve dunque disprezzarmi e rifiutarmi, perché il mondo è la credenza che l’amore è impossibile. 8Se accetterai il fatto che io sono con te, negherai il mondo ed accetterai Dio. 9La mia volontà è la Sua, e la tua decisione di ascoltarmi è la decisione di ascoltare la Sua Voce e prendere dimora nella Sua Volontà. 10Come Dio mi ha mandato a te, così io ti manderò agli altri. 11Ed io andrò a loro con te, cosicché potremo insegnare loro pace ed unione.

4. Non pensi che il mondo abbia bisogno di pace tanto quanto te? 2Non vuoi forse darla al mondo tanto quanto la vuoi ricevere? 3Perché se non lo farai, non la riceverai. 4Se vuoi averla da me, devi darla. 5La guarigione non viene da nessun altro. 6Devi accettare la guida dall’interno. 7La guida deve essere ciò che vuoi, o sarà senza significato per te. 8Ecco perché la guarigione è una impresa fatta in collaborazione. 9Io posso dirti cosa fare, ma tu devi collaborare credendo nel fatto che io so cosa devi fare. 10Solo allora la tua mente sceglierà di seguirmi. 11Senza questa scelta non potrai essere guarito perché avrai deciso contro la guarigione, e questo rifiuto di ciò che ho deciso per te renderà impossibile la guarigione.

5. La guarigione riflette la nostra volontà congiunta. 2Questo è ovvio quando consideri a cosa serve la guarigione. 3La guarigione è il modo in cui la separazione viene vinta. 4La separazione viene vinta dall’unione. 5Non può essere vinta dalla separazione. 6La decisione di unirsi deve essere inequivocabile, o la mente stessa sarà divisa e non intera. 7La tua mente è il mezzo attraverso il quale determini la tua condizione, perché la mente è il meccanismo della decisione. 8È il potere tramite il quale separi o unisci, e conseguentemente provi dolore o gioia. 9La mia decisione non può vincere la tua, perché la tua è potente quanto la mia. 10Se non fosse così i Figli di Dio non sarebbero uguali. 11Ogni cosa è possibile grazie alla nostra decisione congiunta, ma la mia da sola non può aiutarti. 12La tua volontà è libera quanto la mia, e Dio Stesso non va contro di essa. 13Io non posso volere ciò che Dio non vuole. 14Posso offrire la mia forza per rendere invincibile la tua, ma non posso oppormi alla tua decisione senza competere con essa e quindi violare la Volontà di Dio per te.

6. Niente di ciò che Dio ha creato può opporsi alla tua decisione, poiché niente di ciò che Dio ha creato può opporsi alla Sua Volontà. 2Dio ha dato alla tua volontà il suo potere, che io posso solo riconoscere in onore della Sua. 3Se vuoi essere come me io ti aiuterò, poiché so che siamo uguali. 4Se vuoi essere diverso, attenderò fino a quando cambierai idea. 5Io posso insegnarti, ma solo tu puoi scegliere di ascoltare il mio insegnamento. 6Come potrebbe essere altrimenti, dal momento che il Regno di Dio è libertà? 7La libertà non può essere appresa tramite alcun tipo di tirannia, e la perfetta uguaglianza di tutti i Figli di Dio non può essere riconosciuta attraverso il dominio di una mente sull’altra. 8I Figli di Dio sono uguali nella volontà, essendo tutti la Volontà del loro Padre. 9Questa è la sola lezione che sono venuto ad insegnare.

7. Se la tua volontà non fosse anche la mia non sarebbe quella di nostro Padre. 2Questo significherebbe che hai imprigionato la tua, e che non l’hai lasciata libera. 3Di tuo non puoi fare niente, poiché di tuo non sei niente. 4Io non sono niente senza il Padre e tu non sei niente senza di me, poiché negando il Padre neghi te stesso. 5Io ti ricorderò sempre, e nel mio ricordo di te risiede il tuo ricordo di te stesso. 6Nel nostro reciproco ricordo risiede il nostro ricordo di Dio. 7Ed in questo ricordo risiede la tua libertà perché la tua libertà è in Lui. 8Unisciti, quindi, a me in lode a Lui e a te, che sei stato creato da Lui. 9Questo è il nostro dono di gratitudine a Lui, che Egli vuole condividere con tutte le Sue creazioni, alle quali Egli dà in egual misura qualsiasi cosa sia per Lui accettabile. 10Dal momento che è accettabile per Lui, è il dono della libertà, che è la Sua Volontà per tutti i Suoi Figli. 11Offrendo la libertà sarai libero.

8. La libertà è il solo dono che puoi offrire ai Figli di Dio, essendo un riconoscimento di ciò che essi sono e di ciò che Egli è. 2La libertà è creazione, perché è amore. 3Tu non ami coloro che cerchi di imprigionare. 4Pertanto, quando cerchi di imprigionare qualcuno, incluso te stesso, non lo ami e non puoi identificarti con lui. 5Quando imprigioni te stesso perdi di vista la tua vera identificazione con me e con il Padre. 6La tua identificazione è con il Padre e con il Figlio. 7Non può essere con Uno e non con l’Altro. 8Se sei parte di Uno devi essere parte dell’Altro, perché Essi sono Una Cosa Sola. 9La Santa Trinità è santa perché è Una. 10Se escludi te stesso da questa unione, stai percependo la Santa Trinità come separata. 11Devi essere incluso in Essa, perché Essa è tutto. 12A meno che tu non prenda il tuo posto in essa e non adempia la tua funzione come parte di Essa, la Santa Trinità sarà privata di tutto tanto quanto te. 13Nessuna parte di Essa può essere imprigionata se si vuole conoscerNe la verità.

V. The Undivided Will of the Sonship
T-8.V.1. Can you be separated from your identification and be at peace? Dissociation is not a solution; it is a delusion. The delusional believe that truth will assail them, and they do not recognize it because they prefer the delusion. Judging truth as something they do not want, they perceive their illusions which block knowledge. Help them by offering them your unified mind on their behalf, as I am offering you mine on behalf of yours. Alone we can do nothing, but together our minds fuse into something whose power is far beyond the power of its separate parts. By not being separate, the Mind of God is established in ours and as ours. This Mind is invincible because it is undivided.

T-8.V.2. The undivided will of the Sonship is the perfect creator, being wholly in the likeness of God, Whose Will it is. You cannot be exempt from it if you are to understand what it is and what you are. By the belief that your will is separate from mine, you are exempting yourself from the Will of God which is yourself. Yet to heal is still to make whole. Therefore, to heal is to unite with those who are like you, because perceiving this likeness is to recognize the Father. If your perfection is in Him and only in Him, how can you know it without recognizing Him? The recognition of God is the recognition of yourself. There is no separation of God and His creation. You will realize this when you understand that there is no separation between your will and mine. Let the Love of God shine upon you by your acceptance of me. My reality is yours and His. By joining your mind with mine you are signifying your awareness that the Will of God is One.

T-8.V.3. God’s Oneness and ours are not separate, because His Oneness encompasses ours. To join with me is to restore His power to you because we are sharing it. I offer you only the recognition of His power in you, but in that lies all truth. As we unite, we unite with Him. Glory be to the union of God and His holy Sons! All glory lies in Them because They are united. The miracles we do bear witness to the Will of the Father for His Son, and to our joy in uniting with His Will for us.

T-8.V.4. When you unite with me you are uniting without the ego, because I have renounced the ego in myself and therefore cannot unite with yours. Our union is therefore the way to renounce the ego in you. The truth in both of us is beyond the ego. Our success in transcending the ego is guaranteed by God, and I share this confidence for both of us and all of us. I bring God’s peace back to all His children because I received it of Him for us all. Nothing can prevail against our united wills because nothing can prevail against God’s.

T-8.V.5. Would you know the Will of God for you? Ask it of me who know it for you and you will find it. I will deny you nothing, as God denies me nothing. Ours is simply the journey back to God Who is our home. Whenever fear intrudes anywhere along the road to peace, it is because the ego has attempted to join the journey with us and cannot do so. Sensing defeat and angered by it, the ego regards itself as rejected and becomes retaliative. You are invulnerable to its retaliation because I am with you. On this journey you have chosen me as your companion instead of the ego. Do not attempt to hold on to both, or you will try to go in different directions and will lose the way.

T-8.V.6. The ego’s way is not mine, but it is also not yours. The Holy Spirit has one direction for all minds, and the one He taught me is yours. Let us not lose sight of His direction through illusions, for only illusions of another direction can obscure the one for which God’s Voice speaks in all of us. Never accord the ego the power to interfere with the journey. It has none, because the journey is the way to what is true. Leave all illusions behind, and reach beyond all attempts of the ego to hold you back. I go before you because I am beyond the ego. Reach, therefore, for my hand because you want to transcend the ego. My strength will never be wanting, and if you choose to share it you will do so. I give it willingly and gladly, because I need you as much as you need me.

V. La volontà indivisa della Figliolanza
1. Puoi forse essere separato da ciò con cui ti identifichi ed essere in pace? 2La dissociazione non è la soluzione: è un delirio. 3Coloro che delirano credono che la verità li assalirà e non la riconoscono perché preferiscono l’illusione. 4Siccome giudicano la verità come qualcosa che non vogliono, percepiscono le loro illusioni che bloccano la conoscenza. 5Aiutali offrendo loro la tua mente unificata in loro favore, nello stesso modo in cui io offro la mia in favore della tua. 6Da soli non possiamo fare nulla, ma insieme le nostre menti si fondono in qualcosa il cui potere va ben oltre il potere delle sue parti separate. 7Non essendo separata, la Mente di Dio si stabilisce nella nostra e come nostra. 8Questa Mente è invincibile perché è indivisa.

2. La volontà indivisa della Figliolanza è il creatore perfetto, essendo interamente a somiglianza di Dio, del Quale essa è la Volontà. 2Tu non puoi esimerti da essa se vuoi comprendere ciò che è e ciò che tu sei. 3Credendo che la tua volontà è separata dalla mia, tu stai esimendoti dalla Volontà di Dio che è te stesso. 4Ma guarire è sempre rendere intero. 5Pertanto guarire significa unirsi a coloro che sono come te, perché percepire questa uguaglianza è riconoscere il Padre. 6Se la tua perfezione è in Lui e solo in Lui, come puoi conoscerla senza riconoscerLo? 7Il riconoscimento di Dio è il riconoscimento di te stesso. 8Non c’è separazione tra Dio e la Sua creazione. 9Ti renderai conto di ciò quando comprenderai che non c’è separazione tra la tua volontà e la mia. 10Permetti all’amore di Dio di risplendere su di te accettandomi. 11La mia realtà è la tua e la Sua. 12Unendo la tua mente con la mia proclami la tua consapevolezza che la Volontà di Dio è Una.

3. L’Unità di Dio e la nostra non sono separate, perché la Sua Unità abbraccia la nostra. 2Unirsi a me significa ripristinare il Suo potere in te perché lo condividiamo. 3Io ti offro solo il riconoscimento del Suo potere in te, ma in questo risiede tutta la verità. 4Nel momento in cui noi ci uniamo, ci uniamo a Lui. 5Sia gloria all’unione di Dio e dei Suoi santi Figli! 6Tutta la gloria sta in Essi perché Essi sono uniti. 7I miracoli che facciamo testimoniano la Volontà del Padre per Suo Figlio, e la nostra gioia nell’unirci alla Sua Volontà per noi.

4. Quando ti unisci a me, ti unisci senza l’ego, perché io ho rinunciato all’ego in me stesso e pertanto non posso unirmi al tuo. 2La nostra unione è pertanto il modo per rinunciare all’ego in te. 3La verità in entrambi va oltre l’ego. 4Il nostro successo nel trascendere l’ego è garantito da Dio, ed io condivido questa fiducia in entrambi e per noi tutti. 5Io riporto la pace di Dio a tutti i Suoi bambini perché l’ho ricevuta da Lui per tutti noi. 6Niente può prevalere contro la nostra volontà congiunta, perché niente può prevalere contro la Volontà di Dio.

5. Vuoi conoscere la Volontà di Dio per te? 2Chiedila a me che la conosco al posto tuo e la troverai. 3Io non ti negherò niente, poiché Dio non mi nega niente. 4Il nostro è semplicemente il viaggio di ritorno a Dio, Che è la nostra casa. 5Ogniqualvolta la paura si insinua in qualunque punto lungo il cammino verso la pace, è perché l’ego ha tentato di unirsi a noi nel viaggio e non lo può fare. 6Avendo sentore della sconfitta, ed arrabbiato per essa, l’ego si vede rifiutato e diventa vendicativo. 7Tu sei invulnerabile alla sua vendetta poiché io sono con te. 8In questo viaggio hai scelto me come tuo compagno al posto dell’ego. 9Non tentare di restare attaccato ad entrambi, o cercherai di andare in direzioni diverse e perderai la strada.

6. La via dell’ego non è la mia, ma non è neanche la tua. 2Lo Spirito Santo ha una sola direzione per tutte le menti, e quella che mi ha insegnato è la tua. 3Non perdiamo di vista la Sua direzione attraverso le illusioni, poiché solo le illusioni che ci sia un’altra direzione possono oscurare quella per cui la Voce di Dio parla in tutti noi. 4Non accordare mai all’ego il potere di interferire col viaggio. 5Non ne ha perché il viaggio è la via verso ciò che è vero. 6Lasciati alle spalle ogni illusione, e vai oltre ogni tentativo dell’ego di trattenerti. 7Io cammino davanti a te perché io sono oltre l’ego. 8Prendimi, dunque, per mano perché vuoi trascendere l’ego. 9La mia forza non mancherà mai e, se tu sceglierai di condividerla, lo farai. 10La offro volentieri e con gioia perché ho bisogno di te tanto quanto tu hai bisogno di me.

VI. The Treasure of God
T-8.VI.1. We are the joint will of the Sonship, whose Wholeness is for all. We begin the journey back by setting out together, and gather in our brothers as we continue together. Every gain in our strength is offered for all, so they too can lay aside their weakness and add their strength to us. God’s welcome waits for us all, and He will welcome us as I am welcoming you. Forget not the Kingdom of God for anything the world has to offer.

T-8.VI.2. The world can add nothing to the power and the glory of God and His holy Sons, but it can blind the Sons to the Father if they behold it. You cannot behold the world and know God. Only one is true. I am come to tell you that the choice of which is true is not yours to make. If it were, you would have destroyed yourself. Yet God did not will the destruction of His creations, having created them for eternity. His Will has saved you, not from yourself but from your illusion of yourself. He has saved you for yourself.

T-8.VI.3. Let us glorify Him Whom the world denies, for over His Kingdom the world has no power. No one created by God can find joy in anything except the eternal; not because he is deprived of anything else, but because nothing else is worthy of him. What God and His Sons create is eternal, and in this and this only is Their joy.

T-8.VI.4. Listen to the story of the prodigal son, and learn what God’s treasure is and yours: This son of a loving father left his home and thought he had squandered everything for nothing of any value, although he had not understood its worthlessness at the time. He was ashamed to return to his father, because he thought he had hurt him. Yet when he came home the father welcomed him with joy, because the son himself was his father’s treasure. He wanted nothing else.

T-8.VI.5. God wants only His Son because His Son is His only treasure. You want your creations as He wants His. Your creations are your gift to the Holy Trinity, created in gratitude for your creation. They do not leave you any more than you left your Creator, but they extend your creation as God extended Himself to you. Can the creations of God Himself take joy in what is not real? And what is real except the creations of God and those that are created like His? Your creations love you as you love your Father for the gift of creation. There is no other gift that is eternal, and therefore there is no other gift that is true. How, then, can you accept anything else or give anything else, and expect joy in return? And what else but joy would you want? You made neither yourself nor your function. You made only the decision to be unworthy of both. Yet you cannot make yourself unworthy because you are the treasure of God, and what He values is valuable. There can be no question of its worth, because its value lies in God’s sharing Himself with it and establishing its value forever.

T-8.VI.6. Your function is to add to God’s treasure by creating yours. His Will to you is His Will for you. He would not withhold creation from you because His joy is in it. You cannot find joy except as God does. His joy lay in creating you, and He extends His Fatherhood to you so that you can extend yourself as He did. You do not understand this because you do not understand Him. No one who does not accept his function can understand what it is, and no one can accept his function unless he knows what he is. Creation is the Will of God. His Will created you to create. Your will was not created separate from His, and so you must will as He wills.

T-8.VI.7. An “unwilling will” does not mean anything, being a contradiction in terms that actually means nothing. When you think you are unwilling to will with God, you are not thinking. God’s Will is Thought. It cannot be contradicted by thought. God does not contradict Himself, and His Sons, who are like Him, cannot contradict themselves or Him. Yet their thought is so powerful that they can even imprison the mind of God’s Son, if they so choose. This choice does make the Son’s function unknown to him, but never to his Creator. And because it is not unknown to his Creator, it is forever knowable to him.

T-8.VI.8. There is no question but one you should ever ask of yourself; –

"Do I want to know my Father’s Will for me?”

He will not hide it. He has revealed it to me because I asked it of Him, and learned of what He had already given. Our function is to work together, because apart from each other we cannot function at all. The whole power of God’s Son lies in all of us, but not in any of us alone. God would not have us be alone because He does not will to be alone. That is why He created His Son, and gave him the power to create with Him. Our creations are as holy as we are, and we are the Sons of God Himself, as holy as He is. Through our creations we extend our love, and thus increase the joy of the Holy Trinity. You do not understand this, because you who are God’s Own treasure do not regard yourself as valuable. Given this belief, you cannot understand anything.

T-8.VI.9. I share with God the knowledge of the value He puts upon you. My devotion to you is of Him, being born of my knowledge of myself and Him. We cannot be separated. Whom God has joined cannot be separated, and God has joined all His Sons with Himself. Can you be separated from your life and your being? The journey to God is merely the reawakening of the knowledge of where you are always, and what you are forever. It is a journey without distance to a goal that has never changed. Truth can only be experienced. It cannot be described and it cannot be explained. I can make you aware of the conditions of truth, but the experience is of God. Together we can meet its conditions, but truth will dawn upon you of itself.

T-8.VI.10. What God has willed for you is yours. He has given His Will to His treasure, whose treasure it is. Your heart lies where your treasure is, as His does. You who are beloved of God are wholly blessed. Learn this of me, and free the holy will of all those who are as blessed as you are.

VI. Il tesoro di Dio
1. Noi siamo la volontà congiunta della Figliolanza, la cui Interezza è per tutti. 2Iniziamo il viaggio di ritorno partendo insieme e radunando i nostri fratelli man mano che proseguiamo insieme. 3Ogni aumento della nostra forza è offerto a tutti, affinché anch’essi possano mettere da parte la loro debolezza ed aggiungere in noi la loro forza. 4Il benvenuto di Dio ci attende tutti, ed Egli ci darà il benvenuto nello stesso modo in cui io lo do a te. 5Non dimenticare il Regno di Dio per nulla al mondo.

2. Il mondo non può aggiungere nulla al potere ed alla gloria di Dio e dei Suoi santi Figli, ma può accecare i Figli nei confronti del Padre se essi lo guardano. 2Non puoi guardare il mondo e conoscere Dio. 3Solo uno è vero. 4Io sono venuto a dirti che non sta a te scegliere cos’è vero. 5Se fosse così, avresti distrutto te stesso. 6Ma Dio non ha voluto la distruzione delle Sue creazioni, poiché le ha create per l’eternità. 7La Sua Volontà ti ha salvato, non da te stesso ma dalla tua illusione di te stesso. 8Egli ti ha salvato per te stesso.

3. Glorifichiamo Colui Che il mondo nega, perché sul Suo Regno il mondo non ha potere. 2Nessuno che sia stato creato da Dio può trovare gioia in nulla se non in ciò che è eterno: non perché sia privato di qualsiasi altra cosa, ma perché niente altro è degno di lui. 3Ciò che Dio ed i Suoi Figli creano è eterno, ed in questo e solo in questo è la loro gioia.

4. Ascolta la storia del figliol prodigo, ed impara cosa sono il tesoro di Dio ed il tuo. 2Questo figlio di un padre amorevole lasciò la sua casa e pensò di aver sprecato tutto per cose senza alcun valore, sebbene allora non ne avesse compreso l’assenza di valore. 3Egli si vergognava di ritornare da suo padre, perché pensava di averlo offeso. 4Ma quando ritornò a casa il padre gli ha dato il benvenuto con gioia, perché il figlio stesso era il tesoro di suo padre. 5Egli non voleva altro.

5. Dio vuole solo Suo Figlio, perché Suo Figlio è il Suo solo tesoro. 2Tu vuoi le tue creazioni come Egli vuole le Sue. 3Le tue creazioni sono il tuo dono alla Santa Trinità, create in gratitudine per la tua creazione. 4Esse non ti lasciano più di quanto tu non hai lasciato il tuo Creatore, ma estendono la tua creazione come Dio ha esteso Se stesso a te. 5È forse possibile per le creazioni di Dio Stesso trarre gioia da ciò che non è reale? 6E cos’è reale se non le creazioni di Dio e quelle che sono state create come le Sue? 7Le tue creazioni ti amano come tu ami tuo Padre per il dono della creazione. 8Non c’è altro dono che sia eterno, e pertanto non c’è altro dono che sia vero. 9Come puoi, dunque, accettare o dare qualsiasi altra cosa, ed aspettarti in cambio della gioia? 10E cos’altro vorresti se non la gioia? 11Tu non hai fatto né te stesso né la tua funzione. 12Hai solo preso la decisione di non essere degno di entrambe. 13Eppure non puoi renderti indegno perché sei il tesoro di Dio, e ciò a cui Egli dà valore è di valore. 14Non si può dubitare del suo valore, perché il suo valore sta nel fatto che Dio condivide Se stesso con esso e ne stabilisce il valore per sempre.

6. La tua funzione è di accrescere il tesoro di Dio creando il tuo. 2La Sua Volontà riguardo a te è la Sua Volontà per te. 3Egli non vuole portarti via la creazione perché la Sua gioia è in essa. 4Tu non puoi trovare gioia se non come lo fa Dio. 5La Sua gioia sta nell’averti creato, ed Egli estende la Sua Paternità a te affinché tu possa estendere te stesso come ha fatto Lui. 6Tu non lo comprendi perché non Lo comprendi. 7Nessuno che non accetti la sua funzione può comprendere cosa sia, e nessuno può accettare la propria funzione se non sa cosa egli stesso sia. 8La creazione è la Volontà di Dio. 9La Sua Volontà ti ha creato per creare. 10La tua volontà non è stata creata separata dalla Sua, e così devi volere come Lui vuole.

7. Una “volontà non disponibile” non significa nulla, essendo una contraddizione in termini che in effetti non significa nulla. 2Quando pensi di non essere disposto a volere con Dio, non stai pensando. 3La Volontà di Dio è Pensiero. 4Non può essere contraddetta dal pensiero. 5Dio non contraddice Se stesso, ed i Suoi Figli, che sono come Lui, non possono contraddire se stessi o Lui. 6Eppure il loro pensiero è così potente che possono perfino imprigionare la mente del Figlio di Dio, se così scelgono di fare. 7Questa scelta rende sconosciuta la funzione del Figlio a lui stesso, ma mai al suo Creatore. 8E dal momento che non è sconosciuta al suo Creatore, è sempre per lui possibile conoscerlo.

8. Non c’è che una domanda che ti dovresti porre:

“Voglio conoscere la Volontà di mio Padre per me?”

2Egli non la nasconderà. 3Egli me l’ha rivelata perché Gliel’ho chiesta, ed ho appreso ciò che Egli aveva già dato. 4La nostra funzione è di lavorare insieme, perché separati l’uno dall’altro non possiamo affatto funzionare. 5L’intero potere del Figlio di Dio risiede in tutti noi, ma non in ciascuno di noi da solo. 6Dio non vuole che siamo soli poiché Egli non vuole essere solo. 7Ecco perché ha creato Suo Figlio, e gli ha dato il potere di creare con Lui. 8Le nostre creazioni sono sante come noi, e noi siamo i Figli di Dio Stesso, santi quanto Lui. 9Attraverso le nostre creazioni estendiamo il nostro amore, e così aumentiamo la gioia della Santa Trinità. 10Tu non comprendi questo, perché tu, che sei il tesoro di Dio Stesso, non ti consideri di valore. 11Dal momento che credi in ciò non puoi capire niente.

9. Io condivido con Dio la conoscenza del valore che Egli ti attribuisce. 2La mia devozione nei tuoi confronti è Sua, essendo nata dalla mia conoscenza di me stesso e di Lui. 3Non possiamo essere separati. 4Chi Dio ha unito non può essere separato, e Dio ha unito tutti i Suoi Figli a Se Stesso. 5Puoi forse essere separato dalla tua vita e dal tuo essere? 6Il viaggio verso Dio è semplicemente il risveglio della conoscenza di dove sei sempre, e di ciò che sei per sempre. 7È un viaggio senza distanza verso una meta che non è mai cambiata. 8La verità può solo essere conosciuta tramite l’esperienza. 9Essa non può essere descritta né spiegata. 10Io posso renderti consapevole delle condizioni della verità, ma l’esperienza proviene da Dio. 11Insieme possiamo soddisfare le sue condizioni, ma la verità ti apparirà da sola.

10. Ciò che Dio ha voluto per te è tuo. 2Egli ha dato la Sua Volontà al Suo tesoro, di cui essa è il tesoro. 3Il tuo cuore sta dov’è il tuo tesoro, così come il Suo. 4Tu che sei l’amato di Dio sei interamente benedetto. 5Impara questo da me, e libera la santa volontà di tutti coloro che sono benedetti quanto te.

VII. The Body as a Means of Communication
T-8.VII.1. Attack is always physical. When attack in any form enters your mind you are equating yourself with a body, since this is the ego’s interpretation of the body. You do not have to attack physically to accept this interpretation. You are accepting it simply by the belief that attack can get you something you want. If you did not believe this, the idea of attack would have no appeal for you. When you equate yourself with a body you will always experience depression. When a child of God thinks of himself in this way he is belittling himself, and seeing his brothers as similarly belittled. Since he can find himself only in them, he has cut himself off from salvation.

T-8.VII.2. Remember that the Holy Spirit interprets the body only as a means of communication. Being the Communication Link between God and His separated Sons, the Holy Spirit interprets everything you have made in the light of what He is. The ego separates through the body. The Holy Spirit reaches through it to others. You do not perceive your brothers as the Holy Spirit does, because you do not regard bodies solely as a means of joining minds and uniting them with yours and mine. This interpretation of the body will change your mind entirely about its value. Of itself it has none.

T-8.VII.3. If you use the body for attack, it is harmful to you. If you use it only to reach the minds of those who believe they are bodies, and teach them through the body that this is not so, you will understand the power of the mind that is in you. If you use the body for this and only for this, you cannot use it for attack. In the service of uniting it becomes a beautiful lesson in communion, which has value until communion is. This is God’s way of making unlimited what you have limited. The Holy Spirit does not see the body as you do, because He knows the only reality of anything is the service it renders God on behalf of the function He gives it.

T-8.VII.4. Communication ends separation. Attack promotes it. The body is beautiful or ugly, peaceful or savage, helpful or harmful, according to the use to which it is put. And in the body of another you will see the use to which you have put yours. If the body becomes a means you give to the Holy Spirit to use on behalf of union of the Sonship, you will not see anything physical except as what it is. Use it for truth and you will see it truly. Misuse it and you will misunderstand it, because you have already done so by misusing it. Interpret anything apart from the Holy Spirit and you will mistrust it. This will lead you to hatred and attack and loss of peace.

T-8.VII.5. Yet all loss comes only from your own misunderstanding. Loss of any kind is impossible. But when you look upon a brother as a physical entity, his power and glory are “lost” to you and so are yours. You have attacked him, but you must have attacked yourself first. Do not see him this way for your own salvation, which must bring him his. Do not allow him to belittle himself in your mind, but give him freedom from his belief in littleness, and thus escape from yours. As part of you, he is holy. As part of me, you are. To communicate with part of God Himself is to reach beyond the Kingdom to its Creator, through His Voice which He has established as part of you.

T-8.VII.6. Rejoice, then, that of yourself you can do nothing. You are not of yourself. He of Whom you are has willed your power and glory for you, with which you can perfectly accomplish His holy Will for you when you accept it for yourself. He has not withdrawn His gifts from you, but you believe you have withdrawn them from Him. Let no Son of God remain hidden for His Name’s sake, because His Name is yours.

T-8.VII.7. The Bible says, “The Word (or thought) was made flesh. ”Strictly speaking this is impossible, since it seems to involve the translation of one order of reality into another. Different orders of reality merely appear to exist, just as different orders of miracles do. Thought cannot be made into flesh except by belief, since thought is not physical. Yet thought is communication, for which the body can be used. This is the only natural use to which it can be put. To use the body unnaturally is to lose sight of the Holy Spirit’s purpose, and thus to confuse the goal of His curriculum.

T-8.VII.8. There is nothing so frustrating to a learner as a curriculum he cannot learn. His sense of adequacy suffers, and he must become depressed. Being faced with an impossible learning situation is the most depressing thing in the world. In fact, it is ultimately why the world itself is depressing. The Holy Spirit’s curriculum is never depressing, because it is a curriculum of joy. Whenever the reaction to learning is depression, it is because the true goal of the curriculum has been lost sight of.

T-8.VII.9. In this world, not even the body is perceived as whole. Its purpose is seen as fragmented into many functions with little or no relationship to each other, so that it appears to be ruled by chaos. Guided by the ego, it is. Guided by the Holy Spirit, it is not. It becomes a means by which the part of the mind you tried to separate from spirit can reach beyond its distortions and return to spirit. The ego’s temple thus becomes the temple of the Holy Spirit, where devotion to Him replaces devotion to the ego. In this sense the body does become a temple to God; His Voice abides in it by directing the use to which it is put.

T-8.VII.10. Healing is the result of using the body solely for communication. Since this is natural it heals by making whole, which is also natural. All mind is whole, and the belief that part of it is physical, or not mind, is a fragmented or sick interpretation. Mind cannot be made physical, but it can be made manifest through the physical if it uses the body to go beyond itself. By reaching out, the mind extends itself. It does not stop at the body, for if it does it is blocked in its purpose. A mind that has been blocked has allowed itself to be vulnerable to attack, because it has turned against itself.

T-8.VII.11. The removal of blocks, then, is the only way to guarantee help and healing. Help and healing are the normal expressions of a mind that is working through the body, but not in it. If the mind believes the body is its goal it will distort its perception of the body, and by blocking its own extension beyond it, will induce illness by fostering separation. Perceiving the body as a separate entity cannot but foster illness, because it is not true. A medium of communication loses its usefulness if it is used for anything else. To use a medium of communication as a medium of attack is an obvious confusion in purpose.

T-8.VII.12. To communicate is to join and to attack is to separate. How can you do both simultaneously with the same thing and not suffer? Perception of the body can be unified only by one purpose. This releases the mind from the temptation to see the body in many lights, and gives it over entirely to the One Light in which it can be really understood. To confuse a learning device with a curriculum goal is a fundamental confusion that blocks the understanding of both. Learning must lead beyond the body to the re-establishment of the power of the mind in it. This can be accomplished only if the mind extends to other minds, and does not arrest itself in its extension. This arrest is the cause of all illness, because only extension is the mind’s function.

T-8.VII.13. The opposite of joy is depression. When your learning promotes depression instead of joy, you cannot be listening to God’s joyous Teacher and learning His lessons. To see a body as anything except a means of communication is to limit your mind and to hurt yourself. Health is therefore nothing more than united purpose. If the body is brought under the purpose of the mind, it becomes whole because the mind’s purpose is one. Attack can only be an assumed purpose of the body, because apart from the mind the body has no purpose at all.

T-8.VII.14. You are not limited by the body, and thought cannot be made flesh. Yet mind can be manifested through the body if it goes beyond it and does not interpret it as limitation. Whenever you see another as limited to or by the body, you are imposing this limit on yourself. Are you willing to accept this, when your whole purpose for learning should be to escape from limitations? To conceive of the body as a means of attack and to believe that joy could possibly result, is a clear-cut indication of a poor learner. He has accepted a learning goal in obvious contradiction to the unified purpose of the curriculum, and one that is interfering with his ability to accept its purpose as his own.

T-8.VII.15. Joy is unified purpose, and unified purpose is only God’s. When yours is unified it is His. Believe you can interfere with His purpose, and you need salvation. You have condemned yourself, but condemnation is not of God. Therefore it is not true. No more are any of its seeming results. When you see a brother as a body, you are condemning him because you have condemned yourself. Yet if all condemnation is unreal, and it must be unreal since it is a form of attack, then it can have no results.

T-8.VII.16. Do not allow yourself to suffer from imagined results of what is not true. Free your mind from the belief that this is possible. In its complete impossibility lies your only hope for release. But what other hope would you want? Freedom from illusions lies only in not believing them. There is no attack, but there is unlimited communication and therefore unlimited power and wholeness. The power of wholeness is extension. Do not arrest your thought in this world, and you will open your mind to creation in God.

VII. Il corpo come mezzo di comunicazione
T-8.VII.1. L’attacco è sempre di carattere fisico. Quando una forma qualsiasi di attacco entra nella tua mente, ti stai equiparando ad un corpo, poiché questa è l’interpretazione che l’ego fa del corpo. Non hai bisogno di attaccare fisicamente per accettare questa interpretazione. La accetti semplicemente in virtù del fatto che credi che l’attacco possa farti ottenere qualcosa che vuoi. Se tu non credessi a ciò, l’idea dell’attacco non ti attrarrebbe minimamente. Quando equipari te stesso ad un corpo, provi sempre depressione. Quando un bambino di Dio pensa di se stesso in questo modo, si sminuisce, e vede i suoi fratelli sminuiti allo stesso modo. Poiché egli può trovare se stesso solo in loro, si è tagliato fuori dalla salvezza.

T-8.VII.2. Ricorda che lo Spirito Santo interpreta il corpo solo come mezzo di comunicazione. Essendo l’Anello di Comunicazione tra Dio ed i Suoi Figli separati, lo Spirito Santo interpreta ogni cosa che hai fatto alla luce di ciò che Egli è. L’ego separa attraverso il corpo. Lo Spirito Santo tramite esso raggiunge gli altri. Tu non percepisci i tuoi fratelli nello stesso modo dello Spirito Santo, perché tu non consideri i corpi solo come mezzi per unire le menti e riunirle con la tua e la mia. Questa interpretazione del corpo ti farà cambiare interamente idea sul suo valore. Di per sé non ne ha.

T-8.VII.3. Usare il corpo per attaccare, è dannoso per te. Se lo usi soltanto per raggiungere le menti di coloro che credono di essere dei corpi, e insegni loro tramite il corpo che non è così, comprenderai il potere della mente che è in te. Se usi il corpo per questo e solo per questo, non puoi usarlo per attaccare. Al servizio dell’unione esso diventa una bellissima lezione di comunione, che ha valore fintanto che ci sarà la comunione. Questo è il modo di Dio per rendere illimitato ciò che tu hai limitato. Lo Spirito Santo non vede il corpo come te, perché Egli sa che la sola realtà di ogni cosa è il servizio che essa rende a Dio in favore della funzione che Egli le dà.

T-8.VII.4. La comunicazione pone fine alla separazione. L’attacco la favorisce. Il corpo è bello o brutto, pacifico o selvaggio, utile o dannoso a seconda dell’uso che gli viene assegnato. E nel corpo di un altro vedrai l’uso che tu hai assegnato al tuo. Se il corpo diventa un mezzo che tu dai allo Spirito Santo perché lo usi per l’unione della Figliolanza, tu non vedrai niente di fisico se non per ciò che è. Usalo per la verità e lo vedrai veramente. Usalo male e non lo comprenderai, perché hai già fatto così attraverso il suo cattivo uso. Interpreta una cosa qualsiasi separato dallo Spirito Santo e ne diffiderai. Questo ti porterà odio, attacco e la perdita della pace.

T-8.VII.5. Eppure ogni perdita viene dalla tua incomprensione. Qualsiasi tipo di perdita è impossibile. Ma quando vedi tuo fratello come un’entità fisica, il suo potere e la sua gloria sono “perdute” per te e così anche le tue. Tu lo hai attaccato, ma prima devi aver attaccato te stesso. Per la tua salvezza, che deve portare a lui la sua, non vederlo in questo modo. Non permettergli di sminuirsi nella tua mente, ma donagli la libertà dalla sua credenza nella piccolezza, e sfuggirai così alla tua. Come parte di te, egli è santo. Come parte di me, tu lo sei. Comunicare con parte di Dio Stesso vuol dire estendersi oltre il Regno verso il suo Creatore, attraverso la Sua Voce che Egli ha stabilito come parte di te.

T-8.VII.6. Gioisci, dunque, del fatto che da solo non puoi fare nulla. Tu non hai creato te stesso. Colui Che ti ha creato ha voluto per te il tuo potere e la tua gloria, con i quali puoi realizzare perfettamente la Sua santa Volontà per te quando la accetti come tua. Egli non ha preso i Suoi doni da te ma tu credi di averli presi da Lui. Fa che, per amore del Suo Nome, nessun Figlio di Dio resti nascosto, perché il Suo Nome è il tuo.

T-8.VII.7. La Bibbia dice “Il Verbo (o il pensiero) si fece carne”. Parlando in senso stretto questo è impossibile, poiché sembra implicare la traduzione di un ordine di realtà in un altro. Differenti ordini di realtà sembrano semplicemente esistere, proprio come sembrano esistere differenti ordini di miracoli. Il pensiero non può farsi carne se non credendoci, poiché il pensiero non è fisico. Tuttavia il pensiero è comunicazione, per la quale il corpo può essere usato. Questo è il solo uso naturale che gli può essere assegnato. Usare il corpo in modo innaturale significa perdere di vista lo scopo dello Spirito Santo, e così confondere l’obiettivo del Suo programma di studi.

T-8.VII.8. Non c’è niente di così frustrante per uno studente come un programma di studi che non è in grado di imparare. Il suo senso di adeguatezza ne risente ed egli non può che deprimersi. Trovarsi di fronte ad una situazione impossibile da imparare è la cosa più deprimente al mondo. Difatto questo in fondo è il motivo per cui il mondo stesso è deprimente. Il programma di studi dello Spirito Santo non è mai deprimente, perché è un programma di gioia. Ogniqualvolta la reazione all’apprendimento è la depressione, è perché si è perso di vista il vero obiettivo del programma di studi.

T-8.VII.9. In questo mondo, nemmeno il corpo viene percepito come intero. Il suo scopo è visto come frammentato in molte funzioni con poco o nessun rapporto tra loro, cosicché sembra essere governato dal caos. Guidato dall’ego, lo è. Guidato dallo Spirito Santo non lo è. Diventa un mezzo tramite il quale la parte di mente che tu hai tentato di separare dallo spirito possa andare oltre le sue distorsioni e ritornare allo Spirito. Il tempio dell’ego diventa così il tempio dello Spirito Santo, dove la devozione per Lui prende il posto della devozione all’ego. In questo senso il corpo diventa davvero un tempio a Dio: la Sua Voce dimora in esso dirigendo l’uso che gli viene assegnato.

T-8.VII.10. La guarigione è il risultato dell’usare il corpo esclusivamente per la comunicazione. Poiché ciò è naturale, guarisce rendendo intero, il che è altrettanto naturale. Ogni Mente è intera, e credere che parte di essa sia fisica, o non mente, è una interpretazione malata o frammentaria. La mente non può essere resa fisica, ma può essere resa manifesta attraverso il fisico se usa il corpo per andare oltre se stessa. Protendendosi verso l’esterno, la mente si estende. Non si ferma al corpo, perché se lo fa viene bloccata nel suo intento. Una mente bloccata ha permesso a se stessa di essere vulnerabile all’attacco, perché si è rivoltata contro se stessa.

T-8.VII.11. L’eliminazione dei blocchi, dunque, è il solo modo per garantire aiuto e guarigione. Aiuto e guarigione sono le normali espressioni di una mente che lavora attraverso il corpo, ma non in esso. Se la mente crede che il corpo sia il suo obiettivo, distorcerà la sua percezione del corpo, e bloccando la sua estensione oltre esso, indurrà malattia alimentando la separazione. Percepire il corpo come un’entità separata può solo alimentare la malattia, dal momento che il corpo non è vero. Un mezzo di comunicazione perde la sua utilità se viene usato per qualsiasi altra cosa. Usare un mezzo di comunicazione come mezzo di attacco è una evidente confusione di scopo.

T-8.VII.12. Comunicare è unire ed attaccare è separare. Come puoi fare simultaneamente entrambe le cose con la stessa cosa e non soffrire? La percezione del corpo può essere unificata solo da un unico intento. Questo libera la mente dalla tentazione di vedere il corpo in molte luci, e la affida interamente alla Sola Luce nella quale esso può essere veramente compreso. Confondere uno strumento di apprendimento con l’obiettivo di un programma di studi è una confusione di fondo che blocca la comprensione di entrambi. L’apprendimento deve condurre oltre il corpo per ristabilire in esso il potere della mente. Questo può essere realizzato solo se la mente si estende alle altre menti, e non si ferma nella sua estensione. Questo arresto è la causa di tutte le malattie, perché solo l’estensione è la funzione della mente.

T-8.VII.13. L’opposto della gioia è la depressione. Quando il tuo apprendimento promuove la depressione invece della gioia, non è possibile che tu stia ascoltando il gioioso Insegnante di Dio ed imparando le Sue lezioni. Vedere un corpo come qualcosa di diverso da un mezzo di comunicazione è limitare la tua mente e ferirti. La salute non è quindi altro che un’unità d’intenti. Se il corpo viene guidato dallo scopo della mente, diventa intero perché lo scopo della mente è uno. L’attacco può solo essere uno scopo presunto del corpo, perché, separato dalla mente, il corpo non ha proprio alcuno scopo.

T-8.VII.14. Tu non sei limitato dal corpo, ed il pensiero non può farsi carne. Eppure la mente può manifestarsi attraverso il corpo se va oltre esso e non lo interpreta come limite. Ogniqualvolta tu vedi un altro come limitato al corpo o dal corpo, imponi questo limite a te stesso. Sei disposto ad accettare questo, quando l’intero scopo del tuo apprendimento dovrebbe essere di sfuggire alle limitazioni? Concepire il corpo come mezzo di attacco e credere che possa derivarne gioia è la chiara indicazione di un cattivo studente. Egli ha accettato un obiettivo di apprendimento in evidente contraddizione con l’unità d’intenti del programma di studi, ed è un obiettivo che interferisce con la sua capacità di accettare il suo scopo come proprio.

T-8.VII.15. La gioia è l’unità d’intenti, e l’unità d’intenti è solo di Dio. Quando il tuo scopo è unificato, è il Suo. Credi di poter interferire con il Suo scopo, ed avrai bisogno della salvezza. Hai condannato te stesso, ma la condanna non viene da Dio. Pertanto non è vera. Né lo è uno qualsiasi dei suoi apparenti risultati. Quando vedi un fratello come un corpo, lo stai condannando perché hai condannato te stesso. Ma se ogni condanna è irreale, e deve essere irreale dal momento che è una forma di attacco, allora non può avere alcun risultato.

T-8.VII.16. Non permettere a te stesso di soffrire a causa di risultati immaginari di ciò che non è vero. Libera la tua mente dal credere che questo sia possibile. La tua sola speranza di libertà risiede nella sua totale impossibilità. Ma quale altra speranza vorresti? La libertà dalle illusioni risiede solo nel non crederci. L’attacco non esiste, ma esiste la comunicazione illimitata e pertanto potere e interezza illimitati. Il potere dell’interezza è l’estensione. Non fermare il tuo pensiero in questo mondo, ed aprirai la tua mente alla creazione in Dio.

VIII. The Body as Means or End
T-8.VIII.1. Attitudes toward the body are attitudes toward attack. The ego’s definitions of anything are childish, and are always based on what it believes the thing is for. This is because it is incapable of true generalizations, and equates what it sees with the function it ascribes to it. It does not equate it with what it is. To the ego the body is to attack with. Equating you with the body, it teaches that you are to attack with. The body, then, is not the source of its own health. The body’s condition lies solely in your interpretation of its function. Functions are part of being since they arise from it, but the relationship is not reciprocal. The whole does define the part, but the part does not define the whole. Yet to know in part is to know entirely because of the fundamental difference between knowledge and perception. In perception the whole is built up of parts that can separate and reassemble in different constellations. But knowledge never changes, so its constellation is permanent. The idea of part-whole relationships has meaning only at the level of perception, where change is possible. Otherwise, there is no difference between the part and whole.

T-8.VIII.2. The body exists in a world that seems to contain two voices fighting for its possession. In this perceived constellation the body is seen as capable of shifting its allegiance from one to the other, making the concepts of both health and sickness meaningful. The ego makes a fundamental confusion between means and end as it always does. Regarding the body as an end, the ego has no real use for it because it is not an end. You must have noticed an outstanding characteristic of every end that the ego has accepted as its own. When you have achieved it, it has not satisfied you. This is why the ego is forced to shift ceaselessly from one goal to another, so that you will continue to hope it can yet offer you something.

T-8.VIII.3. It has been particularly difficult to overcome the ego’s belief in the body as an end, because it is synonymous with the belief in attack as an end. The ego has a profound investment in sickness. If you are sick, how can you object to the ego’s firm belief that you are not invulnerable? This is an appealing argument from the ego’s point of view, because it obscures the obvious attack that underlies the sickness. If you recognized this and also decided against attack, you could not give this false witness to the ego’s stand.

T-8.VIII.4. It is hard to perceive sickness as a false witness, because you do not realize that it is entirely out of keeping with what you want. This witness, then, appears to be innocent and trustworthy because you have not seriously cross-examined him. If you had, you would not consider sickness such a strong witness on behalf of the ego’s views. A more honest statement would be that those who want the ego are predisposed to defend it. Therefore, their choice of witnesses should be suspect from the beginning. The ego does not call upon witnesses who would disagree with its case, nor does the Holy Spirit. I have said that judgment is the function of the Holy Spirit, and one He is perfectly equipped to fulfill. The ego as a judge gives anything but an impartial judgment. When the ego calls on a witness, it has already made the witness an ally.

T-8.VIII.5. It is still true that the body has no function of itself, because it is not an end. The ego, however, establishes it as an end because, as such, its true function is obscured. This is the purpose of everything the ego does. Its sole aim is to lose sight of the function of everything. A sick body does not make any sense. It could not make sense because sickness is not what the body is for. Sickness is meaningful only if the two basic premises on which the ego’s interpretation of the body rests are true; that the body is for attack, and that you are a body. Without these premises sickness is inconceivable.

T-8.VIII.6. Sickness is a way of demonstrating that you can be hurt. It is a witness to your frailty, your vulnerability, and your extreme need to depend on external guidance. The ego uses this as its best argument for your need for its guidance. It dictates endless prescriptions for avoiding catastrophic outcomes. The Holy Spirit, perfectly aware of the same situation, does not bother to analyze it at all. If data are meaningless there is no point in analyzing them. The function of truth is to collect information that is true. Any way you handle error results in nothing. The more complicated the results become the harder it may be to recognize their nothingness, but it is not necessary to examine all possible outcomes to which premises give rise in order to judge them truly.

T-8.VIII.7. A learning device is not a teacher. It cannot tell you how you feel. You do not know how you feel because you have accepted the ego’s confusion, and you therefore believe that a learning device can tell you how you feel. Sickness is merely another example of your insistence on asking guidance of a teacher who does not know the answer. The ego is incapable of knowing how you feel. When I said that the ego does not know anything, I said the one thing about the ego that is wholly true. But there is a corollary; if only knowledge has being and the ego has no knowledge, then the ego has no being.

T-8.VIII.8. You might well ask how the voice of something that does not exist can be so insistent. Have you thought about the distorting power of something you want, even if it is not real? There are many instances of how what you want distorts perception. No one can doubt the ego’s skill in building up false cases. Nor can anyone doubt your willingness to listen until you choose not to accept anything except truth. When you lay the ego aside, it will be gone. The Holy Spirit’s Voice is as loud as your willingness to listen. It cannot be louder without violating your freedom of choice, which the Holy Spirit seeks to restore, never to undermine.

T-8.VIII.9. The Holy Spirit teaches you to use your body only to reach your brothers, so He can teach His message through you. This will heal them and therefore heal you. Everything used in accordance with its function as the Holy Spirit sees it cannot be sick. Everything used otherwise is. Do not allow the body to be a mirror of a split mind. Do not let it be an image of your own perception of littleness. Do not let it reflect your decision to attack. Health is seen as the natural state of everything when interpretation is left to the Holy Spirit, Who perceives no attack on anything. Health is the result of relinquishing all attempts to use the body lovelessly. Health is the beginning of the proper perspective on life under the guidance of the one Teacher Who knows what life is, being the Voice for Life Itself.

VIII. Il corpo come mezzo o fine
1. Gli atteggiamenti verso il corpo sono atteggiamenti orientati all’attacco. 2L’ego definisce ogni cosa in modo infantile e le sue definizioni sono sempre basate su ciò che crede sia lo scopo di quella cosa. 3Questo avviene perché l’ego è incapace di vere generalizzazioni ed eguaglia ciò che vede con la funzione che vi ascrive. 4Non lo eguaglia con ciò che è. 5Per l’ego il corpo è qualcosa con cui attaccare. 6Siccome ti considera un corpo, esso ti insegna che sei fatto per attaccare. 7Il corpo, dunque, non è la fonte della sua propria salute. 8La condizione del corpo sta unicamente nella tua interpretazione della sua funzione. 9Le funzioni sono parte dell’essere poiché sorgono da esso, ma la relazione non è reciproca. 10L’intero definisce veramente la parte, ma la parte non definisce l’intero. 11Eppure conoscere in parte significa conoscere interamente a causa della differenza fondamentale tra conoscenza e percezione. 12Nella percezione l’intero viene costruito da parti che possono separarsi e riassemblarsi in differenti configurazioni. 13Ma la conoscenza non cambia mai, quindi la sua configurazione è permanente. 14L’idea che ci sia una relazione tra la parte e l’intero ha significato solo al livello della percezione, dove il cambiamento è possibile. 15Altrimenti non c’è differenza tra la parte e l’intero.

2. Il corpo esiste in un mondo che sembra contenere due voci che combattono per possederlo. 2In una configurazione così percepita il corpo viene visto come capace di spostare la sua fedeltà dall’una all’altra, rendendo significativo sia il concetto di salute che di malattia. 3L’ego fa una confusione fondamentale tra mezzo e fine come fa sempre. 4Considerando il corpo un fine, l’ego non ne fa un uso reale perché esso non è un fine. 5Devi aver notato una caratteristica saliente di ogni fine che l’ego ha accettato come suo. 6Quando lo hai raggiunto, non ti ha soddisfatto. 7Ecco perché l’ego è costretto a spostarsi incessantemente da un obiettivo all’altro, affinché tu continui a sperare che possa ancora offrirti qualcosa.

3. È stato particolarmente difficile superare la credenza dell’ego nel corpo come fine, perché è sinonimo del credere nell’attacco come fine. 2L’ego ha un profondo investimento nella malattia. 3Se sei malato, come puoi obiettare al fatto che l’ego crede fermamente che non sei invulnerabile? 4Questo è un argomento interessante dal punto di vista dell’ego, perché oscura l’evidente attacco che sta dietro alla malattia. 5Se tu riconoscessi ciò e decidessi inoltre contro l’attacco, non potresti dare questa falsa testimonianza in favore dell’ego.

4. È difficile percepire la malattia come falsa testimonianza, perché non ti rendi conto che è ben lungi dal mantenere ciò che vuoi. 2Questo testimone, dunque, sembra essere innocente ed attendibile perché non lo hai sottoposto ad attenta disamina. 3Se lo avessi fatto, non considereresti la malattia come una tale forte prova a favore dei punti di vista dell’ego. 4Una affermazione più onesta sarebbe che coloro che vogliono l’ego sono predisposti a difenderlo. 5Pertanto, la loro scelta di testimoni dovrebbe essere sospetta dall’inizio. 6L’ego non chiama testimoni in disaccordo con il suo caso, né lo fa lo Spirito Santo. 7Ho detto che il giudizio è la funzione dello Spirito Santo, ed è una funzione che è perfettamente in grado di soddisfare. 8L’ego, come giudice, dà tutto fuorché un giudizio imparziale. 9Quando l’ego si appella ad un testimone, ha già fatto del testimone un alleato.

5. È sempre vero che il corpo non ha funzione di per sé, perché non è un fine. 2L’ego, tuttavia, lo definisce come un fine perché, come tale, la sua vera funzione viene oscurata. 3Questo è lo scopo di ogni cosa che fa l’ego. 4Il suo unico scopo è perdere di vista la funzione di ogni cosa. 5Un corpo malato non ha alcun significato. 6Non può avere alcun significato perché la malattia non è lo scopo del corpo. 7La malattia è significativa soltanto se le due premesse fondamentali su cui si basa l’interpretazione che l’ego fa del corpo sono vere: che il corpo serve per l’attacco, e che tu sei un corpo. 8Senza queste premesse la malattia è inconcepibile.

6. La malattia è un modo per dimostrare che puoi essere ferito. 2Testimonia la tua fragilità, la tua vulnerabilità, ed il tuo estremo bisogno di dipendere da una guida esterna. 3L’ego usa ciò come suo migliore argomento per il tuo bisogno della sua guida. 4Detta prescrizioni senza fine per evitare risultati catastrofici. 5Lo Spirito Santo, perfettamente consapevole della stessa situazione, non si preoccupa affatto di analizzarla. 6Se i dati sono senza significato non c’è alcun motivo per analizzarli. 7La funzione della verità è di raccogliere informazioni che siano vere. 8In qualunque modo tu tratti l’errore il risultato è nullo. 9Più complicati diventano i risultati, più difficile sarà riconoscerne la nullità, ma non è necessario esaminare tutte le possibili conclusioni a cui le premesse danno origine per giudicarli in modo veritiero.

7. Uno strumento di apprendimento non è un insegnante. 2Non può dirti come ti senti. 3Tu non sai come ti senti perché hai accettato la confusione dell’ego, e pertanto credi che uno strumento di apprendimento possa dirti come ti senti. 4La malattia è semplicemente un altro esempio della tua insistenza nel chiedere una guida da parte di un insegnante che non conosce la risposta. 5L’ego è incapace di sapere come ti senti. 6Quando abbiamo detto che l’ego non sa niente, abbiam detto la sola cosa dell’ego totalmente vera. 7Ma c’è un corollario: se soltanto la conoscenza è essere e l’ego non ha conoscenza, allora l’ego non è.

8. Potresti ben chiedere come la voce di qualcosa che non esiste possa essere così insistente. 2Hai pensato al potere di distorsione di qualcosa che vuoi, anche se non è reale? 3Ci sono molti esempi di come ciò che vuoi distorce la percezione. 4Nessuno può dubitare dell’abilità dell’ego nel costruire false prove. 5E nessuno può dubitare della tua disponibilità ad ascoltare fintanto che scegli di non accettare altro che la verità. 6Quando metterai da parte l’ego, esso se ne sarà andato. 7La Voce dello Spirito Santo è tanto forte quanto la tua disponibilità ad ascoltare. 8Non può essere più forte senza violare la tua libertà di scelta, che lo Spirito Santo cerca di ripristinare, mai di minare.

9. Lo Spirito Santo ti insegna ad usare il tuo corpo solo per raggiungere i tuoi fratelli, affinché Egli possa insegnare il Suo messaggio tramite tuo. 2Questo li guarirà e pertanto guarirà te. 3Ogni cosa usata in accordo con la sua funzione come la vede lo Spirito Santo non può essere malata. 4Ogni cosa usata altrimenti lo è. 5Non permettere al corpo di essere lo specchio di una mente divisa. 6Non permettere che sia un’immagine della tua propria percezione di piccolezza. 7Non permettere che rifletta la tua decisione di attaccare. 8La salute viene vista come lo stato naturale di ogni cosa quando l’interpretazione viene lasciata allo Spirito Santo, il Quale non percepisce attacchi a nulla. 9La salute è il risultato dell’abbandono di ogni tentativo di usare il corpo senza amore. 10La salute è l’inizio della giusta prospettiva sulla vita sotto la guida dell’unico Insegnante Che sa cos’è la vita, essendo la Voce che parla per la Vita Stessa.

IX. Healing as Corrected Perception
T-8.IX.1. I said before that the Holy Spirit is the Answer. He is the Answer to everything, because He knows what the answer to everything is. The ego does not know what a real question is, although it asks an endless number. Yet you can learn this as you learn to question the value of the ego, and thus establish your ability to evaluate its questions. When the ego tempts you to sickness do not ask the Holy Spirit to heal the body, for this would merely be to accept the ego’s belief that the body is the proper aim of healing. Ask, rather, that the Holy Spirit teach you the right perception of the body, for perception alone can be distorted. Only perception can be sick, because only perception can be wrong.

T-8.IX.2. Wrong perception is the wish that things be as they are not. The reality of everything is totally harmless, because total harmlessness is the condition of its reality. It is also the condition of your awareness of its reality. You do not have to seek reality. It will seek you and find you when you meet its conditions. Its conditions are part of what it is. And this part only is up to you. The rest is of itself. You need do so little because your little part is so powerful that it will bring the whole to you. Accept, then, your little part, and let the whole be yours.

T-8.IX.3. Wholeness heals because it is of the mind. All forms of sickness, even unto death, are physical expressions of the fear of awakening. They are attempts to reinforce sleeping out of fear of waking. This is a pathetic way of trying not to see by rendering the faculties for seeing ineffectual. “Rest in peace” is a blessing for the living, not the dead, because rest comes from waking, not from sleeping. Sleep is withdrawing; waking is joining. Dreams are illusions of joining, because they reflect the ego’s distorted notions about what joining is. Yet the Holy Spirit, too, has use for sleep, and can use dreams on behalf of waking if you will let Him.

T-8.IX.4. How you wake is the sign of how you have used sleep. To whom did you give it? Under which teacher did you place it? Whenever you wake dispiritedly, it was not given to the Holy Spirit. Only when you awaken joyously have you utilized sleep according to His purpose. You can indeed be “drugged” by sleep, if you have misused it on behalf of sickness. Sleep is no more a form of death than death is a form of unconsciousness. Complete unconsciousness is impossible. You can rest in peace only because you are awake.

T-8.IX.5. Healing is release from the fear of waking and the substitution of the decision to wake. The decision to wake is the reflection of the will to love, since all healing involves replacing fear with love. The Holy Spirit cannot distinguish among degrees of error, for if He taught that one form of sickness is more serious than another, He would be teaching that one error can be more real than another. His function is to distinguish only between the false and the true, replacing the false with the true.

T-8.IX.6. The ego, which always wants to weaken the mind, tries to separate it from the body in an attempt to destroy it. Yet the ego actually believes that it is protecting it. This is because the ego believes that mind is dangerous, and that to make mindless is to heal. But to make mindless is impossible, since it would mean to make nothing out of what God created. The ego despises weakness, even though it makes every effort to induce it. The ego wants only what it hates. To the ego this is perfectly sensible. Believing in the power of attack, the ego wants attack.

T-8.IX.7. The Bible enjoins you to be perfect, to heal all errors, to take no thought of the body as separate and to accomplish all things in my name. This is not my name alone, for ours is a shared identification. The Name of God’s Son is One, and you are enjoined to do the works of love because we share this Oneness. Our minds are whole because they are one. If you are sick you are withdrawing from me. Yet you cannot withdraw from me alone. You can only withdraw from yourself and me.

T-8.IX.8. You have surely begun to realize that this is a very practical course, and one that means exactly what it says. I would not ask you to do things you cannot do, and it is impossible that I could do things you cannot do. Given this, and given this quite literally, nothing can prevent you from doing exactly what I ask, and everything argues for your doing it. I give you no limits because God lays none upon you. When you limit yourself we are not of one mind, and that is sickness. Yet sickness is not of the body, but of the mind. All forms of sickness are signs that the mind is split, and does not accept a unified purpose.

T-8.IX.9. The unification of purpose, then, is the Holy Spirit’s only way of healing. This is because it is the only level at which healing means anything. The re-establishing of meaning in a chaotic thought system is the way to heal it. Your task is only to meet the conditions for meaning, since meaning itself is of God. Yet your return to meaning is essential to His, because your meaning is part of His. Your healing, then, is part of His health, since it is part of His Wholeness. He cannot lose this, but you can not know it. Yet it is still His Will for you, and His Will must stand forever and in all things.

IX. La guarigione come percezione corretta
1. Ho detto in precedenza che lo Spirito Santo è la Risposta. 2Egli è la Risposta ad ogni cosa, perché sa qual è la risposta ad ogni cosa. 3L’ego non sa cosa sia una vera domanda, sebbene ne ponga un numero infinito. 4Ma tu potrai imparare ciò quando imparerai a mettere in dubbio il valore dell’ego, e stabilirai così la tua capacità di valutare le sue domande. 5Quando l’ego ti tenta con la malattia, non chiedere allo Spirito Santo di guarire il corpo, perché questo significherebbe semplicemente accettare ciò in cui l’ego crede, secondo cui il corpo è ciò che deve essere guarito. 6Chiedi, piuttosto, che lo Spirito Santo ti insegni la giusta percezione del corpo, perché solo la percezione può essere distorta. 7Solo la percezione può essere malata, perché solo la percezione può essere errata.

2. L’errata percezione è il desiderio che le cose siano come non sono. 2La realtà di ogni cosa è totalmente innocua, perché la totale innocuità è la condizione della sua realtà. 3È anche la condizione della tua consapevolezza della sua realtà. 4Non devi cercare la realtà. 5Lei ti cercherà e ti troverà quando soddisferai le sue condizioni. 6Le sue condizioni sono parte di ciò che è. 7E solo questa parte dipende da te. 8Il resto viene da sé. 9Devi fare molto poco perché la tua piccola parte è così potente che ti porterà l’intero. 10Accetta, dunque, la tua piccola parte, e lascia che l’intero sia tuo.

3. L’interezza guarisce perché è della mente. 2Ogni forma di malattia, fino alla morte, è espressione fisica della paura del risveglio. 3È un tentativo di rinforzare il sonno che viene dalla paura del risveglio. 4Questo è un modo patetico di tentare di non vedere, rendendo inefficaci le facoltà di vedere. 5“Riposa in pace” è una benedizione per i vivi, non per i morti, perché il riposo viene dal risveglio e non dal sonno. 6Dormire è ritirarsi, risvegliarsi è unirsi. 7I sogni sono illusioni di unione, perché riflettono le nozioni distorte dell’ego su cos’è l’unione. 8Ma anche lo Spirito Santo utilizza il sonno, e può usare i sogni a favore del risveglio, se tu Glielo permetti.

4. Da come ti svegli capisci come hai usato il sonno. 2A chi lo hai offerto? 3Al servizio di quale insegnante lo hai messo? 4Ogniqualvolta ti svegli scoraggiato, non lo hai dato allo Spirito Santo. 5Solo quando ti svegli gioioso hai utilizzato il sonno conformemente al Suo scopo. 6Puoi davvero essere “drogato” dal sonno, se lo hai usato male a favore della malattia. 7Il sonno non è una forma di morte più di quanto la morte sia una forma di incoscienza. 8L’incoscienza completa è impossibile. 9Puoi riposare in pace solo perché sei sveglio.

5. La guarigione è la liberazione dalla paura di svegliarsi ed il sostituto della decisione di svegliarsi. 2La decisione di svegliarsi è il riflesso della volontà di amare, poiché ogni guarigione implica la sostituzione della paura con l’amore. 3Lo Spirito Santo non è in grado di distinguere tra livelli diversi di errore, poiché se insegnasse che una forma di malattia è più grave di un’altra, insegnerebbe che un errore può essere più reale di un altro. 4La Sua funzione è di distinguere solo tra ciò che è falso e ciò che è vero, sostituendo il falso con il vero.

6. L’ego, che vuole sempre indebolire la mente, cerca di separarla dal corpo nel tentativo di distruggerla. 2Ma l’ego in realtà crede di proteggerla. 3Questo perché l’ego crede che la mente sia pericolosa, e che guarire significhi rendere senza mente. 4Ma è impossibile rendere senza mente, dal momento che significherebbe annullare ciò che Dio ha creato. 5L’ego disprezza la debolezza, anche se fa ogni sforzo per indurla. 6L’ego vuole soltanto ciò che odia. 7Per l’ego questo ha perfettamente senso. 8Credendo nel potere dell’attacco, l’ego vuole l’attacco.

7. La Bibbia ti incita ad essere perfetto, a guarire tutti gli errori, a non considerare separati i pensieri del corpo e a compiere ogni cosa a mio nome. 2Questo non è solo il mio nome, poiché la nostra è una identificazione condivisa. 3Il Nome del Figlio di Dio è uno solo, e vieni incitato a fare opere d’amore poiché condividiamo questa unità. 4Le nostre menti sono intere perché sono una sola. 5Se sei malato è perché ti stai ritirando da me. 6Tuttavia non puoi ritirarti solo da me. 7Puoi solo ritirarti da te stesso e da me.

8. Hai certamente iniziato a renderti conto che questo è un corso molto pratico, ed un corso che sta a significare esattamente ciò che dice. 2Non ti chiederei di fare cose che non puoi fare, ed è impossibile che io possa fare cose che tu non puoi fare. 3Considerato ciò, e consideratolo piuttosto alla lettera, niente può impedirti di fare esattamente ciò che chiedo, ed ogni cosa ti persuade a farlo. 4Non ti do alcun limite perché Dio non ne pone su di te. 5Quando ti limiti, noi non siamo un’unica mente, e questa è la malattia. 6Tuttavia la malattia non è del corpo, ma della mente. 7Ogni forma di malattia è un segno che la mente è divisa, e non accetta un’unità d’intenti.

9. Istituire un’unità d’intenti, dunque, è il solo modo di guarigione dello Spirito Santo. 2Questo perché è il solo livello al quale la guarigione significa qualcosa. 3Ristabilire significato in un sistema di pensiero caotico è il modo per guarirlo. 4Il tuo compito è solo di soddisfare le condizioni per trovare il significato, poiché il significato stesso è di Dio. 5Ma il tuo ritorno al significato è essenziale per il Suo, perché il tuo significato è parte del Suo. 6La tua guarigione, dunque, è parte della Sua salute, dal momento che è parte della Sua interezza. 7Egli non può perderla, ma tu puoi non saperlo. 8Tuttavia è ancora la Sua Volontà per te, e la Sua Volontà deve rimanere per sempre ed in tutte le cose.

Chapter 9. The acceptance of the Atonement - Capitolo 9. L'accettazione della Riconciliazione

I. The Acceptance of Reality
T-9.I.1. Fear of the Will of God is one of the strangest beliefs the human mind has ever made. It could not possibly have occurred unless the mind were already profoundly split, making it possible for it to be afraid of what it really is. Reality cannot “threaten” anything except illusions, since reality can only uphold truth. The very fact that the Will of God, which is what you are, is perceived as fearful, demonstrates that you are afraid of what you are. It is not, then, the Will of God of which you are afraid, but yours.

T-9.I.2. Your will is not the ego’s, and that is why the ego is against you. What seems to be the fear of God is really the fear of your own reality. It is impossible to learn anything consistently in a state of panic. If the purpose of this course is to help you remember what you are, and if you believe that what you are is fearful, then it must follow that you will not learn this course. Yet the reason for the course is that you do not know what you are.

T-9.I.3. If you do not know what your reality is, why would you be so sure that it is fearful? The association of truth and fear, which would be highly artificial at most, is particularly inappropriate in the minds of those who do not know what truth is. All this could mean is that you are arbitrarily associating something beyond your awareness with something you do not want. It is evident, then, that you are judging something of which you are totally unaware. You have set up this strange situation so that it is impossible to escape from it without a Guide Who does know what your reality is. The purpose of this Guide is merely to remind you of what you want. He is not attempting to force an alien will upon you. He is merely making every possible effort, within the limits you impose on Him, to re-establish your own will in your awareness.

T-9.I.4. You have imprisoned your will beyond your own awareness, where it remains, but cannot help you. When I said that the Holy Spirit’s function is to sort out the true from the false in your mind, I meant that He has the power to look into what you have hidden and recognize the Will of God there. His recognition of this Will can make it real to you because He is in your mind, and therefore He is your reality. If, then, His perception of your mind brings its reality to you, He is helping you to remember what you are. The only source of fear in this process is what you think you will lose. Yet it is only what the Holy Spirit sees that you can possibly have.

T-9.I.5. I have emphasized many times that the Holy Spirit will never call upon you to sacrifice anything. But if you ask the sacrifice of reality of yourself, the Holy Spirit must remind you that this is not God’s Will because it is not yours. There is no difference between your will and God’s. If you did not have a split mind, you would recognize that willing is salvation because it is communication.

T-9.I.6. It is impossible to communicate in alien tongues. You and your Creator can communicate through creation, because that, and only that is Your joint Will. A divided mind cannot communicate, because it speaks for different things to the same mind. This loses the ability to communicate simply because confused communication does not mean anything. A message cannot be communicated unless it makes sense. How sensible can your messages be, when you ask for what you do not want? Yet as long as you are afraid of your will, that is precisely what you are asking for.

T-9.I.7. You may insist that the Holy Spirit does not answer you, but it might be wiser to consider the kind of questioner you are. You do not ask only for what you want. This is because you are afraid you might receive it, and you would. That is why you persist in asking the teacher who could not possibly give you what you want. Of him you can never learn what it is, and this gives you the illusion of safety. Yet you cannot be safe from truth, but only in truth. Reality is the only safety. Your will is your salvation because it is the same as God’s. The separation is nothing more than the belief that it is different.

T-9.I.8. No right mind can believe that its will is stronger than God’s. If, then, a mind believes that its will is different from His, it can only decide either that there is no God or that God’s Will is fearful. The former accounts for the atheist and the latter for the martyr, who believes that God demands sacrifices. Either of these insane decisions will induce panic, because the atheist believes he is alone, and the martyr believes that God is crucifying him. Yet no one really wants either abandonment or retaliation, even though many may seek both. Can you ask the Holy Spirit for “gifts” such as these, and actually expect to receive them? He cannot give you something you do not want. When you ask the Universal Giver for what you do not want, you are asking for what cannot be given because it was never created. It was never created, because it was never your will for you.

T-9.I.9. Ultimately everyone must remember the Will of God, because ultimately everyone must recognize himself. This recognition is the recognition that his will and God’s are one. In the presence of truth, there are no unbelievers and no sacrifices. In the security of reality, fear is totally meaningless. To deny what is can only seem to be fearful. Fear cannot be real without a cause, and God is the only Cause. God is Love and you do want Him. This is your will. Ask for this and you will be answered, because you will be asking only for what belongs to you.

T-9.I.10. When you ask the Holy Spirit for what would hurt you He cannot answer because nothing can hurt you, and so you are asking for nothing. Any wish that stems from the ego is a wish for nothing, and to ask for it is not a request. It is merely a denial in the form of a request. The Holy Spirit is not concerned with form, being aware only of meaning. The ego cannot ask the Holy Spirit for anything, because there is complete communication failure between them. Yet you can ask for everything of the Holy Spirit, because your requests to Him are real, being of your right mind. Would the Holy Spirit deny the Will of God? And could He fail to recognize it in His Son?

T-9.I.11. You do not recognize the enormous waste of energy you expend in denying truth. What would you say of someone who persists in attempting the impossible, believing that to achieve it is to succeed? The belief that you must have the impossible in order to be happy is totally at variance with the principle of creation. God could not will that happiness depended on what you could never have. The fact that God is Love does not require belief, but it does require acceptance. It is indeed possible for you to deny facts, although it is impossible for you to change them. If you hold your hands over your eyes, you will not see because you are interfering with the laws of seeing. If you deny love, you will not know it because your cooperation is the law of its being. You cannot change laws you did not make, and the laws of happiness were created for you, not by you.

T-9.I.12. Any attempt to deny what is must be fearful, and if the attempt is strong it will induce panic. Willing against reality, though impossible, can be made into a very persistent goal even though you do not want it. But consider the result of this strange decision. You are devoting your mind to what you do not want. How real can this devotion be? If you do not want it, it was never created. If it were never created, it is nothing. Can you really devote yourself to nothing?

T-9.I.13. God in His devotion to you created you devoted to everything, and gave you what you are devoted to. Otherwise you would not have been created perfect. Reality is everything, and you have everything because you are real. You cannot make the unreal because the absence of reality is fearful, and fear cannot be created. As long as you believe that fear is possible, you will not create. Opposing orders of reality make reality meaningless, and reality is meaning.

T-9.I.14. Remember, then, that God’s Will is already possible, and nothing else will ever be. This is the simple acceptance of reality, because only that is real. You cannot distort reality and know what it is. And if you do distort reality you will experience anxiety, depression and ultimately panic, because you are trying to make yourself unreal. When you feel these things, do not try to look beyond yourself for truth, for truth can only be within you. Say, therefore:

Christ is in me, and where He is God must be, for Christ is part of Him.

I. L’accettazione della Realtà
1. La paura della Volontà di Dio è una delle più strane credenze che la mente umana abbia mai fatto. 2Questo non sarebbe potuto succedere se la mente non fosse già profondamente divisa, rendendole possibile aver paura di ciò che è in realtà. 3La realtà non può “minacciare” nulla se non le illusioni, perché la realtà può solo sostenere la verità. 4Il fatto stesso che la Volontà di Dio, che è ciò che sei, sia percepita come spaventosa, dimostra che tu hai paura di ciò che sei. 5Non è, quindi, della Volontà di Dio che hai paura, ma della tua.

2. La tua volontà non è quella dell’ego, e questa è la ragione per cui l’ego è contro di te. 2Ciò che sembra essere paura di Dio è in realtà paura della tua realtà. 3È impossibile imparare coerentemente qualcosa in uno stato di panico. 4Se lo scopo di questo corso è aiutarti a ricordare ciò che sei, e se credi che ciò che sei sia spaventoso, allora ne deve conseguire che non imparerai questo corso. 5Tuttavia la ragione per la quale esiste il corso è che non sai cosa sei.

3. Se non sai che cos’è la tua realtà, perché sei così sicuro che sia spaventosa? 2L’associazione tra verità e paura, che al massimo sarebbe altamente artificiosa, è particolarmente inappropriata nella mente di coloro che non sanno cosa sia la verità. 3Quello che tutto ciò può significare è che stai arbitrariamente associando qualcosa che è oltre la tua consapevolezza con qualcosa che non vuoi. 4È evidente, quindi, che stai giudicando qualcosa di cui sei totalmente inconsapevole. 5Hai messo in piedi questa strana situazione così da rendere impossibile sfuggire ad essa senza una Guida Che sappia davvero cos’è la tua realtà. 6Lo scopo di questa Guida è semplicemente ricordarti ciò che vuoi. 7Non sta cercando di importi una volontà aliena. 8Sta semplicemente facendo ogni sforzo possibile, nei limiti che tu Gli imponi, per ristabilire nella tua consapevolezza la tua volontà.

4. Hai imprigionato la tua volontà oltre la tua consapevolezza, dove rimane, ma non può esserti d’aiuto. 2Quando ho detto che lo Spirito Santo ha la funzione di separare il vero dal falso nella tua mente, volevo dire che ha il potere di guardare ciò che hai nascosto e riconoscervi la Volontà di Dio. 3Il Suo riconoscimento di questa Volontà può renderla reale per te perché Egli è nella tua mente, e quindi Egli è la tua realtà. 4Se, quindi, la Sua percezione della tua mente ti porta la sua realtà, Egli ti aiuta a ricordare ciò che sei. 5L’unica fonte di paura in questo processo è ciò che pensi di perdere. 6Tuttavia ti è possibile avere solo ciò che lo Spirito Santo vede.

5. Ho sottolineato molte volte che lo Spirito Santo non ti chiederà mai di sacrificare alcunché. 2Ma se chiedi il sacrificio della realtà di te stesso, lo Spirito Santo deve ricordarti che questa non è la Volontà di Dio, perché non è la tua. 3Non c’è differenza tra la tua volontà e quella di Dio. 4Se tu non avessi una mente divisa, riconosceresti che questo volere è salvezza perché è comunicazione.

6. È impossibile comunicare in lingue differenti. 2Tu e il tuo Creatore potete comunicare attraverso la creazione, perché quella, e solo quella, e la vostra Volontà comune. 3Una mente divisa non può comunicare perché parla in favore di cose diverse alla stessa mente. 4Questa perde la capacità di comunicare semplicemente perché una comunicazione confusa non significa nulla. 5Un messaggio non può essere comunicato a meno che non abbia senso. 6Quanto possono essere sensati i tuoi messaggi, se chiedi ciò che non vuoi? 7Tuttavia, finché avrai paura della tua volontà, questo è precisamente ciò che chiederai.

7. Potrai affermare che lo Spirito Santo non ti risponde, ma potrebbe essere più saggio considerare che tipo di domande fai. 2Tu non chiedi solo ciò che vuoi. 3Questo è perché hai paura che potresti riceverlo, e lo riceveresti. 4Questo è il motivo per cui persisti nel chiedere all’insegnante che non può in alcun modo darti ciò che vuoi. 5Da lui non potrai mai imparare cos’è, e questo ti dà l’illusione di essere al sicuro. 6Tuttavia non puoi essere al sicuro dalla verità, ma solo nella verità. 7La realtà è l’unica sicurezza. 8La tua volontà è la tua salvezza perché è la stessa di Dio. 9La separazione non è altro che il credere che sia diversa.

8. Nessuna mente corretta può credere che la sua volontà sia più forte di quella di Dio. 2Se, quindi, una mente crede che la sua volontà sia diversa dalla Sua, può solo decidere o che non c’è Dio o che la Volontà di Dio sia da temere. 3La prima determina l’ateo e la seconda il martire, che crede che Dio richieda sacrifici. 4Entrambe queste decisioni folli indurranno panico, perché l’ateo crede di essere solo, e il martire crede che Dio lo stia crocifiggendo. 5Tuttavia nessuno dei due vuole veramente l’abbandono o la rappresaglia, anche se molti potranno cercare entrambe. 6Puoi chiedere allo Spirito Santo “doni” come questi, e aspettarti veramente di riceverli? 7Egli non ti può dare qualcosa che non vuoi. 8Quando chiedi al Donatore Universale ciò che non vuoi, chiedi qualcosa che non può essere dato perché non è mai stato creato. 9Non è mai stato creato perché non è mai stata la tua volontà per te.

9. Alla fine ognuno dovrà ricordare la Volontà di Dio, perché alla fine ognuno dovrà riconoscere se stesso. 2Questo riconoscimento è il riconoscimento che la sua volontà e quella di Dio sono una cosa sola. 3In presenza della verità non ci sono increduli né sacrifici. 4Nella sicurezza della realtà, la paura è completamente priva di significato. 5Negare ciò che è può solo sembrare spaventoso. 6La paura non può essere reale senza una causa, e Dio è l’unica Causa. 7Dio è Amore e tu Lo vuoi davvero. 8Questa è la tua volontà. 9Chiedila e ti sarà data risposta, perché starai chiedendo solo ciò che ti appartiene.

10. Quando chiedi allo Spirito Santo qualcosa che ti fa del male, Egli non può rispondere perché nulla ti può fare del male, e quindi non stai chiedendo nulla. 2Ogni desiderio che proviene dall’ego è un desiderio di niente, e chiederlo non è una richiesta. 3È semplicemente una negazione sotto forma di richiesta. 4Lo Spirito Santo non si preoccupa della forma, essendo consapevole solo del significato. 5L’ego non può chiedere nulla allo Spirito Santo, perché c’è una completa mancanza di comunicazione tra di loro. 6Tuttavia tu puoi chiedere qualsiasi cosa allo Spirito Santo, perché per Lui le tue richieste sono reali poiché provengono dalla tua mente corretta. 7Vorrebbe forse lo Spirito Santo negare la Volontà di Dio? 8E potrebbe Egli mancare di riconoscerla in Suo Figlio?

11. Non ti rendi conto dell’enorme spreco di energia che fai nel negare la verità. 2Cosa diresti di qualcuno che persistesse nel tentare l’impossibile, credendo che ottenerlo significhi avere successo? 3Credere che devi avere l’impossibile per essere felice è totalmente in disaccordo col principio della creazione. 4Dio non potrebbe volere che la felicità dipendesse da ciò che non potresti mai avere. 5Il fatto che Dio è Amore non richiede il credere, ma richiede invero l’accettazione. 6È davvero possibile per te negare i fatti, nonostante ti sia impossibile cambiarli. 7Se ti copri gli occhi con le mani, non vedrai perché interferisci con le leggi del vedere. 8Se neghi l’amore, non lo conoscerai, perché la tua cooperazione è la legge del suo essere. 9Non puoi cambiare le leggi che non hai fatto, e le leggi della felicità sono state create per te, non da te.

12. Ogni tentativo di negare ciò che è deve far paura, e se il tentativo è forte indurrà panico. 2Volere contro la realtà, anche se impossibile, può diventare un obiettivo molto duraturo perfino se non lo vuoi. 3Ma considera il risultato di questa strana decisione. 4Stai dedicando la tua mente a ciò che non vuoi. 5Quanto può essere reale questa devozione? 6Se non la vuoi, non è mai stata creata. 7Se non è mai stata creata, non è nulla. 8Puoi veramente dedicarti al nulla?

13. Dio nella Sua devozione per te ti ha creato devoto a tutto, e ti ha dato ciò a cui sei devoto. 2Altrimenti non saresti stato creato perfetto. 3La realtà è tutto e tu hai tutto perché sei reale. 4Non puoi fare l’irreale perché l’assenza di realtà fa paura, e la paura non può essere creata. 5Finché crederai che la paura sia possibile, non creerai. 6Ordini opposti di realtà rendono la realtà priva di significato, e la realtà è significato.

14. Ricorda, quindi, che la Volontà di Dio è già possibile, e null’altro lo sarà mai. 2Questa è la semplice accettazione della realtà, perché solo questo è reale. 3Non puoi distorcere la realtà e sapere cos’è. 4E se distorci la realtà proverai ansia, depressione e infine panico, perché stai cercando di renderti irreale. 5Quando senti tutto ciò, non cercare di guardare oltre te stesso per trovare la verità, perché la verità può solo essere dentro di te. 6Dì, quindi:

Cristo è in me, e dove è Lui ci deve essere Dio, perché Cristo è parte di Lui.

II. The Answer to Prayer
T-9.II.1. Everyone who ever tried to use prayer to ask for something has experienced what appears to be failure. This is not only true in connection with specific things that might be harmful, but also in connection with requests that are strictly in line with this course. The latter in particular might be incorrectly interpreted as “proof” that the course does not mean what it says. You must remember, however, that the course states, and repeatedly, that its purpose is the escape from fear.

T-9.II.2. Let us suppose, then, that what you ask of the Holy Spirit is what you really want, but you are still afraid of it. Should this be the case, your attainment of it would no longer be what you want. This is why certain specific forms of healing are not achieved, even when the state of healing is. An individual may ask for physical healing because he is fearful of bodily harm. At the same time, if he were healed physically, the threat to his thought system might be considerably more fearful to him than its physical expression. In this case he is not really asking for release from fear, but for the removal of a symptom that he himself selected. This request is, therefore, not for healing at all.

T-9.II.3. The Bible emphasizes that all prayer is answered, and this is indeed true. The very fact that the Holy Spirit has been asked for anything will ensure a response. Yet it is equally certain that no response given by Him will ever be one that would increase fear. It is possible that His answer will not be heard. It is impossible, however, that it will be lost. There are many answers you have already received but have not yet heard. I assure you that they are waiting for you.

T-9.II.4. If you would know your prayers are answered, never doubt a Son of God. Do not question him and do not confound him, for your faith in him is your faith in yourself. If you would know God and His Answer, believe in me whose faith in you cannot be shaken. Can you ask of the Holy Spirit truly, and doubt your brother? Believe his words are true because of the truth that is in him. You will unite with the truth in him, and his words will be true. As you hear him you will hear me. Listening to truth is the only way you can hear it now, and finally know it.

T-9.II.5. The message your brother gives you is up to you. What does he say to you? What would you have him say? Your decision about him determines the message you receive. Remember that the Holy Spirit is in him, and His Voice speaks to you through him. What can so holy a brother tell you except truth? But are you listening to it? Your brother may not know who he is, but there is a light in his mind that does know. This light can shine into yours, giving truth to his words and making you able to hear them. His words are the Holy Spirit’s answer to you. Is your faith in him strong enough to let you hear?

T-9.II.6. You can no more pray for yourself alone than you can find joy for yourself alone. Prayer is the restatement of inclusion, directed by the Holy Spirit under the laws of God. Salvation is of your brother. The Holy Spirit extends from your mind to his, and answers you. You cannot hear the Voice for God in yourself alone, because you are not alone. And His answer is only for what you are. You will not know the trust I have in you unless you extend it. You will not trust the guidance of the Holy Spirit, or believe that it is for you unless you hear it in others. It must be for your brother because it is for you. Would God have created a Voice for you alone? Could you hear His answer except as He answers all of God’s Sons? Hear of your brother what you would have me hear of you, for you would not want me to be deceived.

T-9.II.7. I love you for the truth in you, as God does. Your deceptions may deceive you, but they cannot deceive me. Knowing what you are, I cannot doubt you. I hear only the Holy Spirit in you, Who speaks to me through you. If you would hear me, hear my brothers in whom God’s Voice speaks. The answer to all prayers lies in them. You will be answered as you hear the answer in everyone. Do not listen to anything else or you will not hear truly.

T-9.II.8. Believe in your brothers because I believe in you, and you will learn that my belief in you is justified. Believe in me by believing in them, for the sake of what God gave them. They will answer you if you learn to ask only truth of them. Do not ask for blessings without blessing them, for only in this way can you learn how blessed you are. By following this way you are seeking the truth in you. This is not going beyond yourself but toward yourself. Hear only God’s Answer in His Sons, and you are answered.

T-9.II.9. To disbelieve is to side against, or to attack. To believe is to accept, and to side with. To believe is not to be credulous, but to accept and appreciate. What you do not believe you do not appreciate, and you cannot be grateful for what you do not value. There is a price you will pay for judgment, because judgment is the setting of a price. And as you set it you will pay it.

T-9.II.10. If paying is equated with getting, you will set the price low but demand a high return. You will have forgotten, however, that to price is to value, so that your return is in proportion to your judgment of worth. If paying is associated with giving it cannot be perceived as loss, and the reciprocal relationship of giving and receiving will be recognized. The price will then be set high, because of the value of the return. The price for getting is to lose sight of value, making it inevitable that you will not value what you receive. Valuing it little, you will not appreciate it and you will not want it.

T-9.II.11. Never forget, then, that you set the value on what you receive, and price it by what you give. To believe that it is possible to get much for little is to believe that you can bargain with God. God’s laws are always fair and perfectly consistent. By giving you receive. But to receive is to accept, not to get. It is impossible not to have, but it is possible not to know you have. The recognition of having is the willingness for giving, and only by this willingness can you recognize what you have. What you give is therefore the value you put on what you have, being the exact measure of the value you put upon it. And this, in turn, is the measure of how much you want it.

T-9.II.12. You can ask of the Holy Spirit, then, only by giving to Him, and you can give to Him only where you recognize Him. If you recognize Him in everyone, consider how much you will be asking of Him, and how much you will receive. He will deny you nothing because you have denied Him nothing, and so you can share everything. This is the way, and the only way to have His answer, because His answer is all you can ask for and want. Say, then, to everyone:

Because I will to know myself, I see you as God’s Son and my brother.

II. La risposta alla preghiera
1. Chiunque abbia mai cercato di usare la preghiera per chiedere qualcosa ha provato ciò che sembra essere un fallimento. 2Questo non è solo vero in connessione con cose specifiche che possono nuocere, ma anche in connessione con richieste che sono strettamente in linea con questo corso. 3Queste ultime in particolare potrebbero essere mal interpretate come “prove” che il corso non intende quello che dice. 4Devi ricordare, tuttavia, che il corso afferma, e ripetutamente, che il suo scopo è sfuggire alla paura.

2. Supponiamo, quindi, che ciò che chiedi allo Spirito Santo sia ciò che vuoi veramente, ma che tu ne abbia ancora paura. 2Se questo fosse il caso, il tuo ottenimento di ciò non sarebbe più quello che vuoi. 3Questo è il motivo per cui certe forme specifiche di guarigione non vengono ottenute, anche se lo è lo stato di guarigione. 4Un individuo può chiedere una guarigione fisica perché ha paura che il corpo venga ferito. 5Allo stesso tempo, se fosse guarito fisicamente, la minaccia al suo sistema di pensiero potrebbe fargli considerevolmente più paura della sua espressione fisica. 6In questo caso non sta veramente chiedendo la liberazione dalla paura, ma la rimozione di un sintomo che lui stesso ha scelto. 7Quindi, la sua non è affatto una richiesta di guarigione.

3. La Bibbia sottolinea che ad ogni preghiera viene data risposta, e questo è verissimo. 2Il fatto stesso che allo Spirito Santo sia stato chiesto qualcosa assicura una risposta. 3Tuttavia è ugualmente certo che nessuna risposta data da Lui alimenterà mai la paura. 4È possibile che la Sua risposta non venga udita. 5È impossibile, tuttavia, che vada perduta. 6Ci sono molte risposte che hai già ricevuto ma che non hai ancora udito. 7Ti assicuro che ti stanno aspettando.

4. Se vuoi sapere che le tue preghiere hanno ricevuto risposta, non dubitare mai di un Figlio di Dio. 2Non dubitare di lui e non confonderlo, perché la tua fede in lui è la tua fede in te stesso. 3Se vuoi conoscere Dio e la Sua Risposta, credi in me, la cui fede in te non può essere scossa. 4Puoi chiedere sinceramente allo Spirito Santo e dubitare di tuo fratello? 5Credi nella veridicità delle sue parole, grazie alla verità che è in lui. 6Ti unirai alla verità in lui, e le sue parole saranno vere. 7Così come udrai lui, udrai me. 8Ascoltare la verità è l’unico modo in cui puoi udirla ora, e finalmente conoscerla.

5. Il messaggio che tuo fratello ti dà dipende da te. 2Cosa ti dice? 3Cosa vorresti che ti dicesse? 4La tua decisione su di lui determina il messaggio che ricevi. 5Ricordati che lo Spirito Santo è in lui e che la Sua Voce ti parla attraverso di lui. 6Cosa può raccontarti un fratello così santo, se non la verità? 7Ma la stai ascoltando? 8Tuo fratello potrebbe non sapere chi è, ma c’è una luce nella sua mente che lo sa. 9Questa luce può splendere nella tua, dando verità alle sue parole e rendendoti capace di udirle. 10Le sue parole sono la risposta dello Spirito Santo per te. 11La tua fede in lui è così forte da permetterti di udire?

6. Non puoi pregare solo per te, più di quanto possa trovare gioia solo per te. 2La preghiera è la riaffermazione dell’inclusione, diretta dallo Spirito Santo sotto le leggi di Dio. 3La salvezza si trova in tuo fratello. 4Lo Spirito Santo si estende dalla tua mente alla sua, e ti risponde. 5Non puoi udire la Voce che parla per Dio in te stesso soltanto, perché non sei solo. 6E la Sua risposta è solo per ciò che sei. 7Non conoscerai la fiducia che ho in te a meno che tu non la estenda. 8Non avrai fiducia nella guida dello Spirito Santo, né crederai che sia per te, a meno che tu non la senta in altri. 9Deve appartenere a tuo fratello perché è per te. 10Potrebbe forse Dio aver creato una Voce che parla solo per te? 11Potresti udire la Sua risposta se Egli non rispondesse a tutti i Figli di Dio? 12Senti da tuo fratello ciò che vorresti che io sentissi da te, perché non vuoi che io sia ingannato.

7. Ti amo per la verità che è in te, così come fa Dio. 2I tuoi inganni possono ingannare te, ma non possono ingannare me. 3Sapendo ciò che sei, non posso dubitare di te. 4In te sento solo lo Spirito Santo, Che mi parla attraverso te. 5Se vuoi udirmi, ascolta i miei fratelli nei quali parla la Voce di Dio. 6La risposta a tutte le preghiere sta in loro. 7Ti verrà risposto quando udrai la risposta in ognuno. 8Non ascoltare nient’altro o non udrai veramente.

8. Credi nei tuoi fratelli perché io credo in te, e imparerai che il mio credere in te è giustificato. 2Credi in me mediante il credere in loro, in grazia di ciò che Dio ha dato loro. 3Ti risponderanno se imparerai a chiedere loro solo la loro verità. 4Non chiedere benedizioni senza benedirli, perché solo in questo modo puoi imparare quanto sei benedetto. 5Seguendo questa via stai cercando la verità in te. 6Questo non vuol dire andare oltre te stesso, ma verso te stesso. 7Senti solo la Risposta di Dio nei Suoi Figli, e avrai la risposta.

9. Non credere è schierarsi contro, o attaccare. 2Credere è accettare e schierarsi con ciò che accetti. 3Credere non è essere creduloni, ma accettare e apprezzare. 4Ciò che non credi non lo apprezzi, e non puoi essere grato per ciò a cui non dai valore. 5C’è un prezzo che pagherai per il giudizio, perché giudicare è fissare un prezzo. 6E come lo fissi, così lo pagherai.

10. Se pagare è equiparato a ottenere, fisserai un prezzo basso ma esigerai un alto rendimento. 2Avrai dimenticato tuttavia, che dare un prezzo è dare valore, cosicché il rendimento è proporzionale al valore attribuito. 3Se pagare è associato a dare, non può essere percepito come una perdita, e la relazione reciproca di dare e ricevere sarà riconosciuta. 4Il prezzo sarà quindi fissato alto, a causa del valore del rendimento. 5Il prezzo per ottenere è perdere di vista il valore, rendendo inevitabile che non darai valore a ciò che ricevi. 6Valutandolo poco, non lo apprezzerai e non lo vorrai.

11. Non dimenticare mai, quindi, che fissi tu il valore di ciò che ricevi, e gli attribuisci un prezzo in base a ciò che dai. 2Credere che sia possibile ottenere molto con poco è credere che tu possa mercanteggiare con Dio. 3Le leggi di Dio sono sempre eque e perfettamente coerenti. 4Dando, ricevi. 5Ma ricevere è accettare, non ottenere. 6È impossibile non avere, ma è possibile non sapere di avere. 7Riconoscere di avere significa essere disponibili a dare, e solo con questa disponibilità puoi riconoscere ciò che hai. 8Ciò che dai è quindi il valore che dai a ciò che hai, essendo l’esatta misura del valore che gli attribuisci. 9E questo, per contro, è la misura di quanto lo vuoi.

12. Puoi chiedere allo Spirito Santo, quindi, solo dando a Lui, e puoi dare a Lui solo dove Lo riconosci. 2Se Lo riconoscerai in tutti, considera quanto Gli chiederai, e quanto riceverai. 3Non ti negherà nulla perché non Gli avrai negato nulla, e così potrai condividere ogni cosa. 4Questo è il modo, e l’unico modo, per avere la Sua risposta, perché la Sua risposta è tutto ciò che puoi richiedere e volere. 5Dì, quindi, a tutti:

Siccome voglio conoscere me stesso, ti vedo come Figlio di Dio e mio fratello.

III. The Correction of Error
T-9.III.1. The alertness of the ego to the errors of other egos is not the kind of vigilance the Holy Spirit would have you maintain. Egos are critical in terms of the kind of “sense” they stand for. They understand this kind of sense, because it is sensible to them. To the Holy Spirit it makes no sense at all.

T-9.III.2. To the ego it is kind and right and good to point out errors and “correct” them. This makes perfect sense to the ego, which is unaware of what errors are and what correction is. Errors are of the ego, and correction of errors lies in the relinquishment of the ego. When you correct a brother, you are telling him that he is wrong. He may be making no sense at the time, and it is certain that, if he is speaking from the ego, he will not be making sense. But your task is still to tell him he is right. You do not tell him this verbally, if he is speaking foolishly. He needs correction at another level, because his error is at another level. He is still right, because he is a Son of God. His ego is always wrong, no matter what it says or does.

T-9.III.3. If you point out the errors of your brother’s ego you must be seeing through yours, because the Holy Spirit does not perceive his errors. This must be true, since there is no communication between the ego and the Holy Spirit. The ego makes no sense, and the Holy Spirit does not attempt to understand anything that arises from it. Since He does not understand it, He does not judge it, knowing that nothing the ego makes means anything.

T-9.III.4. When you react at all to errors, you are not listening to the Holy Spirit. He has merely disregarded them, and if you attend to them you are not hearing Him. If you do not hear Him, you are listening to your ego and making as little sense as the brother whose errors you perceive. This cannot be correction. Yet it is more than merely a lack of correction for him. It is the giving up of correction in yourself.

T-9.III.5. When a brother behaves insanely, you can heal him only by perceiving the sanity in him. If you perceive his errors and accept them, you are accepting yours. If you want to give yours over to the Holy Spirit, you must do this with his. Unless this becomes the one way in which you handle all errors, you cannot understand how all errors are undone. How is this different from telling you that what you teach you learn? Your brother is as right as you are, and if you think he is wrong you are condemning yourself.

T-9.III.6. You cannot correct yourself. Is it possible, then, for you to correct another? Yet you can see him truly, because it is possible for you to see yourself truly. It is not up to you to change your brother, but merely to accept him as he is. His errors do not come from the truth that is in him, and only this truth is yours. His errors cannot change this, and can have no effect at all on the truth in you. To perceive errors in anyone, and to react to them as if they were real, is to make them real to you. You will not escape paying the price for this, not because you are being punished for it, but because you are following the wrong guide and will therefore lose your way.

T-9.III.7. Your brother’s errors are not of him, any more than yours are of you. Accept his errors as real, and you have attacked yourself. If you would find your way and keep it, see only truth beside you for you walk together. The Holy Spirit in you forgives all things in you and in your brother. His errors are forgiven with yours. Atonement is no more separate than love. Atonement cannot be separate because it comes from love. Any attempt you make to correct a brother means that you believe correction by you is possible, and this can only be the arrogance of the ego. Correction is of God, Who does not know of arrogance.

T-9.III.8. The Holy Spirit forgives everything because God created everything. Do not undertake His function, or you will forget yours. Accept only the function of healing in time, because that is what time is for. God gave you the function to create in eternity. You do not need to learn that, but you do need to learn to want it. For that all learning was made. This is the Holy Spirit’s use of an ability that you do not need, but that you made. Give it to Him! You do not understand how to use it. He will teach you how to see yourself without condemnation, by learning how to look on everything without it. Condemnation will then not be real to you, and all your errors will be forgiven.

III. La correzione dell’errore
1. L’attenzione dell’ego per gli errori degli altri ego non è il genere di attenzione che lo Spirito Santo vuole che tu mantenga. 2Gli ego sono critici in termini del tipo di “senso” che rappresentano. 3Capiscono questo tipo di senso, perché per loro è sensato. 4Per lo Spirito Santo non ha alcun senso.

2. Per l’ego è gentile, giusto e buono sottolineare gli errori e “correggerli”. 2Questo è perfettamente sensato per l’ego, che è inconsapevole di cosa siano gli errori e di cosa sia la correzione. 3Gli errori sono dell’ego, e la correzione degli errori sta nell’abbandono dell’ego. 4Quando correggi un fratello, gli stai dicendo che ha torto. 5Può non aver senso in quel momento, ed è certo che, se sta parlando dal punto di vista dell’ego, non avrà senso. 6Ma il tuo compito è anche in questo caso di dirgli che ha ragione. 7Non glielo dici verbalmente, se sta parlando in modo sciocco. 8Ha bisogno di correzione a un altro livello, perché il suo errore è a un altro livello. 9Ha comunque ragione, poiché è un Figlio di Dio. 10Il suo ego ha sempre torto, non importa cosa esso dica o faccia.

3. Se puntualizzi gli errori dell’ego di tuo fratello, li stai vedendo attraverso i tuoi, perché lo Spirito Santo non percepisce i suoi errori. 2Questo deve essere vero, dato che non c’è comunicazione tra l’ego e lo Spirito Santo. 3L’ego non ha senso, e lo Spirito Santo non cerca di comprendere nulla che sorga da esso. 4Siccome non lo comprende, non lo giudica, sapendo che niente di ciò che l’ego fa ha alcun significato.

4. Quando reagisci in qualsiasi modo agli errori, non stai ascoltando lo Spirito Santo. 2Egli li ha semplicemente tralasciati, e se dai loro attenzione non Lo stai ascoltando. 3Se non Lo ascolti, stai ascoltando il tuo ego e sei altrettanto poco sensato quanto il fratello di cui percepisci gli errori. 4Questa non può essere correzione. 5Tuttavia è più che una semplice mancanza di correzione per lui. 6È la rinuncia alla correzione in te stesso.

5. Quando un fratello si comporta in modo folle, puoi guarirlo solo percependo in lui la sanità mentale. 2Se percepisci in lui i suoi errori e li accetti, stai accettando i tuoi. 3Se vuoi dare i tuoi errori allo Spirito Santo, devi fare lo stesso con i suoi. 4A meno che questo non diventi l’unico modo con cui tratti tutti gli errori, non potrai capire come tutti gli errori vengono disfatti. 5In cosa è differente questo dal dirti che impari ciò che insegni? 6Tuo fratello ha ragione quanto te, e se pensi che abbia torto stai condannando te stesso.

6. Tu non puoi correggere te stesso. 2È quindi forse possibile, per te, correggere un altro? 3Tuttavia puoi vederlo veramente, perché è possibile per te vederti veramente. 4Non dipende da te cambiare tuo fratello, ma semplicemente accettarlo così com’è. 5I suoi errori non vengono dalla verità che è in lui, e solo questa verità ti appartiene. 6I suoi errori non possono cambiare ciò, e non possono avere alcun effetto sulla verità in te. 7Percepire errori in chiunque, e reagire ad essi come se fossero reali, è renderli reali per te. 8Non potrai evitare di pagare il prezzo per questo, non perché tu venga punito per ciò, ma perché stai seguendo la guida sbagliata e quindi perderai la tua strada.

7. Gli errori di tuo fratello non sono suoi, non più di quanto siano tuoi i tuoi errori. 2Accetta come reali i suoi errori, e avrai attaccato te stesso. 3Se vorrai trovare la tua strada e mantenerla, vedi solo la verità al tuo fianco, perché camminate insieme. 4Lo Spirito Santo in te perdona tutte le cose in te e in tuo fratello. 5I suoi errori sono perdonati insieme ai tuoi. 6La Riconciliazione non è più separata dell’amore. 7La Riparazione non può essere separata perché viene dall’amore. 8Ogni tentativo che fai di correggere un fratello significa che credi possibile che la correzione sia fatta da te, e questo può solo essere l’arroganza dell’ego. 9La correzione è di Dio, Che non conosce arroganza.

8. Lo Spirito Santo perdona ogni cosa perché Dio ha creato ogni cosa. 2Non assumerti la Sua funzione, o ti dimenticherai la tua. 3Accetta solo la funzione della guarigione nel tempo, perché questo è lo scopo del tempo. 4Dio ti ha dato la funzione di creare nell’eternità. 5Non hai bisogno di imparare ciò, ma hai bisogno di imparare a volerlo. 6Per questo è stato fatto ogni apprendimento. 7Questo è il modo in cui lo Spirito Santo utilizza una capacità di cui non hai bisogno, ma che hai fatto. 8Dalla a Lui! 9Tu non comprendi come usarla. 10Egli ti insegnerà a vederti senza condanna, imparando a vedere ogni cosa senza di essa. 11Allora la condanna non sarà reale per te e tutti i tuoi errori saranno perdonati.

IV. The Holy Spirit’s Plan of Forgiveness
T-9.IV.1. Atonement is for all, because it is the way to undo the belief that anything is for you alone. To forgive is to overlook. Look, then, beyond error and do not let your perception rest upon it, for you will believe what your perception holds. Accept as true only what your brother is, if you would know yourself. Perceive what he is not and you cannot know what you are, because you see him falsely. Remember always that your Identity is shared, and that Its sharing is Its reality.

T-9.IV.2. You have a part to play in the Atonement, but the plan of the Atonement is beyond you. You do not understand how to overlook errors, or you would not make them. It would merely be further error to believe either that you do not make them, or that you can correct them without a Guide to correction. And if you do not follow this Guide, your errors will not be corrected. The plan is not yours because of your limited ideas about what you are. This sense of limitation is where all errors arise. The way to undo them, therefore, is not of you but for you.

T-9.IV.3. The Atonement is a lesson in sharing, which is given you because you have forgotten how to do it. The Holy Spirit merely reminds you of the natural use of your abilities. By reinterpreting the ability to attack into the ability to share, He translates what you have made into what God created. If you would accomplish this through Him you cannot look on your abilities through the eyes of the ego, or you will judge them as it does. All their harmfulness lies in the ego’s judgment. All their helpfulness lies in the judgment of the Holy Spirit.

T-9.IV.4. The ego, too, has a plan of forgiveness because you are asking for one, though not of the right teacher. The ego’s plan, of course, makes no sense and will not work. By following its plan you will merely place yourself in an impossible situation, to which the ego always leads you. The ego’s plan is to have you see error clearly first, and then overlook it. Yet how can you overlook what you have made real? By seeing it clearly, you have made it real and cannot overlook it. This is where the ego is forced to appeal to “mysteries,” insisting that you must accept the meaningless to save yourself. Many have tried to do this in my name, forgetting that my words make perfect sense because they come from God. They are as sensible now as they ever were, because they speak of ideas that are eternal.

T-9.IV.5. Forgiveness that is learned of me does not use fear to undo fear. Nor does it make real the unreal and then destroy it. Forgiveness through the Holy Spirit lies simply in looking beyond error from the beginning, and thus keeping it unreal for you. Do not let any belief in its realness enter your mind, or you will also believe that you must undo what you have made in order to be forgiven. What has no effect does not exist, and to the Holy Spirit the effects of error are nonexistent. By steadily and consistently cancelling out all its effects, everywhere and in all respects, He teaches that the ego does not exist and proves it.

T-9.IV.6. Follow the Holy Spirit’s teaching in forgiveness, then, because forgiveness is His function and He knows how to fulfill it perfectly. That is what I meant when I said that miracles are natural, and when they do not occur something has gone wrong. Miracles are merely the sign of your willingness to follow the Holy Spirit’s plan of salvation, recognizing that you do not understand what it is. His work is not your function, and unless you accept this you cannot learn what your function is.

T-9.IV.7. The confusion of functions is so typical of the ego that you should be quite familiar with it by now. The ego believes that all functions belong to it, even though it has no idea what they are. This is more than mere confusion. It is a particularly dangerous combination of grandiosity and confusion that makes the ego likely to attack anyone and anything for no reason at all. This is exactly what the ego does. It is unpredictable in its responses, because it has no idea of what it perceives.

T-9.IV.8. If you have no idea what is happening, how appropriately can you expect to react? You might ask yourself, regardless of how you may account for the reaction, whether its unpredictability places the ego in a sound position as your guide. Let me repeat that the ego’s qualifications as a guide are singularly unfortunate, and that it is a remarkably poor choice as a teacher of salvation. Anyone who elects a totally insane guide must be totally insane himself. Nor is it true that you do not realize the guide is insane. You realize it because I realize it, and you have judged it by the same standard I have.

T-9.IV.9. The ego literally lives on borrowed time, and its days are numbered. Do not fear the Last Judgment, but welcome it and do not wait, for the ego’s time is “borrowed” from your eternity. This is the Second Coming that was made for you as the First was created. The Second Coming is merely the return of sense. Can this possibly be fearful?

T-9.IV.10. What can be fearful but fantasy, and who turns to fantasy unless he despairs of finding satisfaction in reality? Yet it is certain that you will never find satisfaction in fantasy, so that your only hope is to change your mind about reality. Only if the decision that reality is fearful is wrong can God be right. And I assure you that God is right. Be glad, then, that you have been wrong, but this was only because you did not know who you were. Had you known, you could no more have been wrong than God can.

T-9.IV.11. The impossible can happen only in fantasy. When you search for reality in fantasies you will not find it. The symbols of fantasy are of the ego, and of these you will find many. But do not look for meaning in them. They have no more meaning than the fantasies into which they are woven. Fairy tales can be pleasant or fearful, but no one calls them true. Children may believe them, and so, for a while, the tales are true for them. Yet when reality dawns, the fantasies are gone. Reality has not gone in the meanwhile. The Second Coming is the awareness of reality, not its return.

T-9.IV.12. Behold, my child, reality is here. It belongs to you and me and God, and is perfectly satisfying to all of Us. Only this awareness heals, because it is the awareness of truth.

IV. Il piano di perdono dello Spirito Santo
1. La Riconciliazione è per tutti, perché è il modo per disfare la credenza che qualcosa sia solo per te. 2Perdonare è guardare oltre. 3Guarda, quindi, oltre l’errore e non permettere alla tua percezione di soffermarsi su di esso, perché crederai in ciò che la tua percezione sostiene. 4Se vuoi conoscere te stesso, accetta come vero solo ciò che tuo fratello è. 5Percepisci ciò che lui non è e non potrai sapere cosa sei, perché lo vedrai falsamente. 6Ricorda sempre che la tua Identità è condivisa, e che la Sua condivisione è la Sua realtà.

2. Hai una parte da svolgere nella Riconciliazione, ma il piano della Riconciliazione è al di là di te. 2Non capisci come guardare oltre gli errori, altrimenti non ne faresti. 3Sarebbe semplicemente un errore ulteriore sia credere che non ne fai, sia che tu possa correggerli senza una Guida per la correzione. 4E se non seguirai questa Guida, i tuoi errori non saranno corretti. 5Questo piano non viene da te a causa delle tue idee limitate su ciò che sei. 6È da questo senso di limitazione che nascono tutti gli errori. 7Il modo per disfarli, quindi, non viene da te, ma è per te.

3. La Riconciliazione è una lezione di condivisione, che ti è data perché hai dimenticato come condividere. 2Lo Spirito Santo ti ricorda semplicemente l’uso naturale delle tue capacità. 3Reinterpretando la capacità di attaccare nell’abilità di condividere, traduce ciò che hai fatto in ciò che Dio ha creato. 4Se vuoi compiere ciò tramite Lui, non puoi guardare le tue capacità con gli occhi dell’ego, o le giudicherai alla sua maniera. 5Tutta la loro pericolosità sta nel giudizio dell’ego. 6Tutta la loro utilità è nel giudizio dello Spirito Santo.

4. Anche l’ego ha un piano di perdono perché tu ne chiedi uno, anche se non all’insegnante giusto. 2Ovviamente il piano dell’ego non ha senso e non funzionerà. 3Seguendo il suo piano ti metterai semplicemente in una situazione impossibile, risultato al quale l’ego ti conduce sempre. 4Il piano dell’ego è di farti prima vedere chiaramente l’errore, per poi guardarvi oltre. 5Tuttavia, come puoi guardare oltre ciò che hai reso reale? 6Vedendolo chiaramente, lo hai reso reale e non puoi guardarvi oltre. 7Qui è dove l’ego è costretto a far appello ai “misteri”, sostenendo che devi accettare ciò che è senza significato per salvarti. 8Hanno cercato in molti di fare questo nel mio nome, dimenticando che le mie parole sono perfettamente sensate perché vengono da Dio. 9Sono sensate ora come lo sono sempre state, perché parlano di idee eterne.

5. Il perdono che viene imparato da me non usa la paura per disfare la paura. 2Nè rende reale l’irreale per poi distruggerlo. 3Il perdono attraverso lo Spirito Santo consiste semplicemente nel non vedere l’errore fin dall’inizio, e così mantenerlo irreale per te. 4Non permettere minimamente alla tua mente di credere nella sua realtà, o crederai anche che devi disfare ciò che hai fatto per essere perdonato. 5Ciò che non ha effetti non esiste, e per lo Spirito Santo gli effetti dell’errore sono inesistenti. 6Cancellando fermamente e coerentemente tutti i suoi effetti, ovunque e in ogni aspetto, Egli insegna che l’ego non esiste e lo dimostra.

6. Segui, quindi, l’insegnamento di perdono dello Spirito Santo, perché il perdono è la Sua funzione e Lui sa come compierla perfettamente. 2Questo è ciò che volevo dire quando ho detto che i miracoli sono naturali e che quando non accadono qualcosa non ha funzionato. 3I miracoli sono semplicemente il segno della tua disponibilità a seguire il piano dello Spirito Santo per la salvezza, riconoscendo che non capisci cos’è. 4Il Suo compito non è la tua funzione, e a meno che tu non accetti ciò, non potrai imparare cos’è la tua funzione.

7. La confusione di funzioni è così tipica dell’ego, che a questo punto dovrebbe esserti piuttosto familiare. 2L’ego crede che tutte le funzioni gli appartengano, anche se non ha idea di cosa siano. 3Questo è più di una semplice confusione. 4È una combinazione di grandiosità e confusione particolarmente pericolosa, che fa sì che l’ego sia portato ad attaccare chiunque e qualsiasi cosa senza alcuna ragione. 5Questo è esattamente ciò che l’ego fa. 6È imprevedibile nelle sue reazioni, perché non ha idea di ciò che percepisce.

8. Se non hai idea di ciò che sta succedendo, come puoi aspettarti di agire appropriatamente? 2Potresti chiederti, indipendentemente da quanto tu possa giustificare la reazione, se la sua imprevedibilità ponga l’ego in una posizione affidabile come tua guida. 3Lascia che ti ripeta che i requisiti dell’ego come guida sono particolarmente infelici, e che esso è una scelta assai scadente come insegnante di salvezza. 4Chiunque scelga una guida completamente folle deve essere completamente folle egli stesso. 5E non è vero che non ti rendi conto che la guida è folle. 6Te ne rendi conto perché io me ne rendo conto, e tu l’hai giudicata secondo gli stessi criteri che ho io.

9. L’ego vive letteralmente di tempo preso in prestito, e i suoi giorni sono contati. 2Non aver paura del Giudizio Universale, ma dagli il benvenuto e non aspettare, perché il tempo dell’ego è “preso in prestito” dalla tua eternità. 3Questa è la Seconda Venuta che è stata fatta per te allo stesso modo in cui è stata creata la Prima. 4La Seconda Venuta è semplicemente il ritorno del buon senso. 5È forse possibile che questo faccia paura?

10. Cosa può far paura se non la fantasia, e chi si rivolgerebbe alla fantasia a meno che non disperi di trovare soddisfazione nella realtà? 2Tuttavia è certo che non troverai mai soddisfazione nella fantasia, così che la tua sola speranza è di cambiare idea in merito alla realtà. 3Solo se la decisione che la realtà fa paura è sbagliata Dio può avere ragione (1). 4E ti assicuro che Dio ha ragione. 5Sii contento, quindi, di esserti sbagliato, ma questo è successo solo perché non sapevi chi fossi. 6Se lo avessi saputo, non avresti potuto sbagliarti più di quanto lo possa Dio.

11. L’impossibile può accadere solo nella fantasia. 2Quando cerchi la realtà nelle fantasie non la troverai. 3I simboli della fantasia sono dell’ego, e di questi ne troverai molti. 4Ma non cercare alcun significato in essi. 5Non hanno più significato delle fantasie in cui sono intessuti. 6Le favole possono essere piacevoli o spaventose, ma nessuno dichiara che sono vere. 7I bambini possono crederci e così, per un po’, le favole sono vere per loro. 8Tuttavia quando emerge la realtà, le fantasie svaniscono. 9La realtà non è scomparsa, nel frattempo. 10La Seconda Venuta è la consapevolezza della realtà, non il suo ritorno.

12. Guarda, bambino mio, la realtà è qui. 2Appartiene a te, a me e a Dio, ed è perfettamente soddisfacente per tutti Noi. 3Solo questa consapevolezza guarisce, perché è la consapevolezza della verità.

V. The Unhealed Healer
T-9.V.1. The ego’s plan for forgiveness is far more widely used than God’s. This is because it is undertaken by unhealed healers, and is therefore of the ego. Let us consider the unhealed healer more carefully now. By definition, he is trying to give what he has not received. If an unhealed healer is a theologian, for example, he may begin with the premise, “I am a miserable sinner, and so are you.” If he is a psychotherapist, he is more likely to start with the equally incredible belief that attack is real for both himself and the patient, but that it does not matter for either of them.

T-9.V.2. I have repeatedly said that beliefs of the ego cannot be shared, and this is why they are unreal. How, then, can “uncovering” them make them real? Every healer who searches fantasies for truth must be unhealed, because he does not know where to look for truth, and therefore does not have the answer to the problem of healing.

T-9.V.3. There is an advantage bringing nightmares into awareness, but only to teach that they are not real, and that anything they contain is meaningless. The unhealed healer cannot do this because he does not believe it. All unhealed healers follow the ego’s plan for forgiveness in one form or another. If they are theologians they are likely to condemn themselves, teach condemnation and advocate a fearful solution. Projecting condemnation onto God, they make Him appear retaliative, and fear His retribution. What they have done is merely to identify with the ego, and by perceiving what it does, condemn themselves because of this confusion. It is understandable that there have been revolts against this concept, but to revolt against it is still to believe in it.

T-9.V.4. Some newer forms of the ego’s plan are as unhelpful as the older ones, because form does not matter and the content has not changed. In one of the newer forms, for example, a psychotherapist may interpret the ego’s symbols in a nightmare, and then use them to prove that the nightmare is real. Having made it real, he then attempts to dispel its effects by depreciating the importance of the dreamer. This would be a healing approach if the dreamer were also identified as unreal. Yet if the dreamer is equated with the mind, the mind’s corrective power through the Holy Spirit is denied. This is a contradiction even in the ego’s terms, and one which it usually notes even in its confusion.

T-9.V.5. If the way to counteract fear is to reduce the importance of the mind, how can this build ego strength? Such evident inconsistencies account for why no one has really explained what happens in psychotherapy. Nothing really does. Nothing real has happened to the unhealed healer, and he must learn from his own teaching. His ego will always seek to get something from the situation. The unhealed healer therefore does not know how to give, and consequently cannot share. He cannot correct because he is not working correctively. He believes that it is up to him to teach the patient what is real, although he does not know it himself.

T-9.V.6. What, then, should happen? When God said, “Let there be light,” there was light. Can you find light by analyzing darkness, as the psychotherapist does, or like the theologian, by acknowledging darkness in yourself and looking for a distant light to remove it, while emphasizing the distance? Healing is not mysterious. Nothing will change unless it is understood, since light is understanding. A “miserable sinner” cannot be healed without magic, nor can an “unimportant mind” esteem itself without magic.

T-9.V.7. Both forms of the ego’s approach, then, must arrive at an impasse; the characteristic “impossible situation” to which the ego always leads. It may help someone to point out where he is heading, but the point is lost unless he is also helped to change his direction. The unhealed healer cannot do this for him, since he cannot do it for himself. The only meaningful contribution the healer can make is to present an example of one whose direction has been changed for him, and who no longer believes in nightmares of any kind. The light in his mind will therefore answer the questioner, who must decide with God that there is light because he sees it. And by his acknowledgment the healer knows it is there. That is how perception ultimately is translated into knowledge. The miracle worker begins by perceiving light, and translates his perception into sureness by continually extending it and accepting its acknowledgment. Its effects assure him it is there.

T-9.V.8. A therapist does not heal; he lets healing be. He can point to darkness but he cannot bring light of himself, for light is not of him. Yet, being for him, it must also be for his patient. The Holy Spirit is the only Therapist. He makes healing clear in any situation in which He is the Guide. You can only let Him fulfill His function. He needs no help for this. He will tell you exactly what to do to help anyone He sends to you for help, and will speak to him through you if you do not interfere. Remember that you choose the guide for helping, and the wrong choice will not help. But remember also that the right one will. Trust Him, for help is His function, and He is of God. As you awaken other minds to the Holy Spirit through Him, and not yourself, you will understand that you are not obeying the laws of this world. But the laws you are obeying work. “The good is what works” is a sound though insufficient statement. Only the good can work. Nothing else works at all.

T-9.V.9. This course offers a very direct and a very simple learning situation, and provides the Guide Who tells you what to do. If you do it, you will see that it works. Its results are more convincing than its words. They will convince you that the words are true. By following the right Guide, you will learn the simplest of all lessons:

By their fruits ye shall know them, and they shall know themselves.

V. Il guaritore non guarito
1. Il piano dell’ego per il perdono viene molto più usato di quello di Dio. 2Questo avviene perché viene intrapreso da guaritori non guariti, e quindi è dell’ego. 3Consideriamo ora con maggiore attenzione il guaritore non guarito. 4Per definizione, sta cercando di dare ciò che non ha ricevuto. 5Se il guaritore non guarito fosse un teologo, per esempio, potrebbe iniziare con la premessa: “Sono un miserabile peccatore, e tu altrettanto”. 6Se fosse uno psicoterapeuta, sarebbe più probabile che iniziasse col credere in modo altrettanto incredibile che l’attacco è reale sia per se stesso che per il paziente, ma che ciò non ha importanza per nessuno dei due.

2. Ho ripetutamente detto che ciò in cui l’ego crede non può essere condiviso, e questo è il motivo per cui è irreale. 2Come può, quindi, lo “scoprirlo” renderlo reale? 3Ogni guaritore che cerchi la verità nelle fantasie deve essere non guarito, perché non sa dove cercare la verità, e quindi non ha la risposta al problema della guarigione.

3. C’è un vantaggio nel portare alla consapevolezza gli incubi, ma solo per insegnare che essi non sono reali, e che qualsiasi cosa contengano è senza significato. 2Il guaritore non guarito non può fare ciò perché non ci crede. 3Tutti i guaritori non guariti seguono il piano di perdono dell’ego in una forma o nell’altra. 4Se sono teologi probabilmente si condanneranno, insegneranno la condanna e peroreranno una soluzione spaventosa. 5Proiettando la condanna su Dio, Lo faranno sembrare vendicativo, ed avranno paura del Suo castigo. 6Ciò che avranno fatto è semplicemente identificarsi con l’ego, e percependo ciò che esso fa, condanneranno se stessi a causa di questa confusione. 7È comprensibile che ci siano state ribellioni contro questo concetto, ma ribellarsi contro di esso è ancora credere in esso.

4. Alcune forme più nuove del piano dell’ego sono altrettanto inutili di quelle più vecchie, perché la forma non ha importanza e il contenuto non è cambiato. 2In una delle forme più nuove, per esempio, uno psicoterapeuta potrà interpretare i simboli dell’ego in un incubo, e quindi usarli per dimostrare che l’incubo è reale. 3Avendolo reso reale, cerca poi di dissiparne gli effetti svalutando l’importanza del sognatore. 4Questo sarebbe un approccio di guarigione se anche il sognatore venisse considerato irreale. 5Tuttavia se il sognatore è equiparato alla mente, viene negato il potere che la mente ha di correggere mediante lo Spirito Santo. 6Questa è una contraddizione perfino nei termini dell’ego, una contraddizione di cui solitamente l’ego si rende conto perfino nella sua confusione.

5. Se il modo di contrastare la paura è ridurre l’importanza della mente, come può ciò costruire la forza dell’ego? 2Queste evidenti incoerenze mostrano come mai nessuno ha veramente spiegato ciò che accade nella psicoterapia. 3In realtà non succede nulla. 4Non è successo nulla di reale al guaritore non guarito, ed egli deve imparare dai suoi stessi insegnamenti. 5Il suo ego cercherà sempre di ottenere qualcosa dalla situazione. 6Il guaritore non guarito quindi non sa come dare, e conseguentemente non può condividere. 7Non può correggere perché non sta lavorando in un modo che corregga. 8Crede che sia suo compito insegnare al paziente cosa è reale, nonostante lui stesso non lo sappia.

6. Cosa, quindi, dovrebbe succedere? 2Quando Dio disse: “Vi sia luce”, la luce fu. 3Puoi trovare la luce analizzando l’oscurità, come fa lo psicoterapeuta, o come il teologo, riconoscendo l’oscurità in te stesso e cercando una luce lontana per eliminarla, mentre ne sottolinei la distanza? 4La guarigione non è misteriosa. 5Nulla cambierà a meno che non venga compresa, dato che la luce è comprensione. 6Un “miserabile peccatore” non può essere guarito senza magia, né una “mente senza importanza” può avere stima di sé senza magia.

7. Entrambe le forme di approccio dell’ego, quindi, devono giungere ad un punto morto: la caratteristica “situazione impossibile” alla quale l’ego conduce sempre. 2Può aiutare qualcuno a mettere in evidenza dove si sta dirigendo, ma lo scopo viene meno a meno che non venga anche aiutato a cambiare direzione. 3Il guaritore non guarito non può fare questo per lui, dato che non lo può fare per se stesso. 4L’unico contributo significativo che il guaritore può dare è quello di essere l’esempio di una persona per la quale è stata cambiata la direzione e che non crede più in alcun tipo di incubo. 5La luce nella sua mente risponderà quindi a colui che domanda, che deve decidere con Dio che la luce c’è perché la vede. 6E con il suo riconoscimento il guaritore sa che c’è. 7Ecco come la percezione viene finalmente tradotta in conoscenza. 8L’operatore di miracoli comincia percependo la luce, e traduce la sua percezione in sicurezza estendendola continuamente e accettandone i riconoscimenti. 9I suoi effetti gli assicurano che c’è.

8. Un terapeuta non guarisce: lascia che la guarigione avvenga. 2Può indicare l’oscurità ma non può portare egli stesso la luce, perché la luce non viene da lui. 3Tuttavia, essendo per lui, deve essere anche per il suo paziente. 4Lo Spirito Santo è l’unico Terapeuta. 5Egli rende chiara la guarigione in ogni situazione in cui Egli è la Guida. 6Tu puoi solo permetterGli di compiere la Sua funzione. 7Non ha bisogno di aiuto per questo. 8Ti dirà esattamente cosa fare per aiutare chiunque Egli ti mandi in cerca di aiuto, e gli parlerà attraverso di te se non interferisci. 9Ricorda che tu scegli la guida che ti mette in grado di aiutare, e la scelta sbagliata non ti aiuterà. 10Ma ricordati anche che quella giusta lo farà. 11Abbi fiducia in Lui, perché aiutare è la Sua funzione, ed Egli viene da Dio. 12Quando risveglierai altre menti allo Spirito Santo attraverso di Lui, e non attraverso di te, comprenderai che non stai obbedendo alle leggi di questo mondo. 13Ma le leggi a cui stai obbedendo funzionano. 14“È buono ciò che funziona” è una affermazione valida ma insufficiente. 15Solo ciò che è buono può funzionare. 16Nient’altro funzionerà mai.

9. Questo corso offre una condizione di apprendimento molto diretta e molto semplice, e fornisce la Guida Che ti dice cosa fare. 2Se lo farai, vedrai che funzionerà. 3I suoi risultati sono più convincenti delle sue parole. 4Essi ti convinceranno che le parole sono vere. 5Seguendo la Guida giusta, imparerai la più semplice delle lezioni:

Li riconoscerai dai loro frutti, ed essi si conosceranno.

VI. The Acceptance of Your Brother
T-9.VI.1. How can you become increasingly aware of the Holy Spirit in you except by His effects? You cannot see Him with your eyes nor hear Him with your ears. How, then, can you perceive Him at all? If you inspire joy and others react to you with joy, even though you are not experiencing joy yourself there must be something in you that is capable of producing it. If it is in you and can produce joy, and if you see that it does produce joy in others, you must be dissociating it in yourself.

T-9.VI.2. It seems to you that the Holy Spirit does not produce joy consistently in you only because you do not consistently arouse joy in others. Their reactions to you are your evaluations of His consistency. When you are inconsistent you will not always give rise to joy, and so you will not always recognize His consistency. What you offer to your brother you offer to Him, because He cannot go beyond your offering in His giving. This is not because He limits His giving, but simply because you have limited your receiving. The decision to receive is the decision to accept.

T-9.VI.3. If your brothers are part of you, will you accept them? Only they can teach you what you are, for your learning is the result of what you taught them. What you call upon in them you call upon in yourself. And as you call upon it in them it becomes real to you. God has but one Son, knowing them all as One. Only God Himself is more than they but they are not less than He is. Would you know what this means? If what you do to my brother you do to me, and if you do everything for yourself because we are part of you, everything we do belongs to you as well. Everyone God created is part of you and shares His glory with you. His glory belongs to Him, but it is equally yours. You cannot, then, be less glorious than He is.

T-9.VI.4. God is more than you only because He created you, but not even this would He keep from you. Therefore you can create as He did, and your dissociation will not alter this. Neither God’s light nor yours is dimmed because you do not see. Because the Sonship must create as one, you remember creation whenever you recognize part of creation. Each part you remember adds to your wholeness because each part is whole. Wholeness is indivisible, but you cannot learn of your wholeness until you see it everywhere. You can know yourself only as God knows His Son, for knowledge is shared with God. When you awake in Him you will know your magnitude by accepting His limitlessness as yours. But meanwhile you will judge it as you judge your brother’s, and will accept it as you accept his.

T-9.VI.5. You are not yet awake, but you can learn how to awaken. Very simply, the Holy Spirit teaches you to awaken others. As you see them waken you will learn what waking means, and because you have chosen to wake them, their gratitude and their appreciation of what you have given them will teach you its value. They will become the witnesses to your reality, as you were created witness to God’s. Yet when the Sonship comes together and accepts its Oneness it will be known by its creations, who witness to its reality as the Son does to the Father.

T-9.VI.6. Miracles have no place in eternity, because they are reparative. Yet while you still need healing, your miracles are the only witnesses to your reality that you can recognize. You cannot perform a miracle for yourself, because miracles are a way of giving acceptance and receiving it. In time the giving comes first, though they are simultaneous in eternity, where they cannot be separated. When you have learned they are the same, the need for time is over.

T-9.VI.7. Eternity is one time, its only dimension being “always.” This cannot mean anything to you until you remember God’s open Arms, and finally know His open Mind. Like Him, you are “always"; in His Mind and with a mind like His. In your open mind are your creations, in perfect communication born of perfect understanding. Could you but accept one of them you would not want anything the world has to offer. Everything else would be totally meaningless. God’s meaning is incomplete without you, and you are incomplete without your creations. Accept your brother in this world and accept nothing else, for in him you will find your creations because he created them with you. You will never know that you are co-creator with God until you learn that your brother is co-creator with you.

VI. L’accettazione di tuo fratello
1. Come puoi diventare sempre più consapevole dello Spirito Santo in te se non tramite i Suoi effetti? 2Non puoi vederLo coi tuoi occhi né udirLo con le tue orecchie. 3Quindi come potrai mai percepirLo? 4Se ispiri gioia e gli altri reagiscono a te con gioia, anche se non stai provando gioia tu stesso, ci deve essere qualcosa in te che è capace di produrla. 5Se è in te e può produrre gioia, e se vedi che produce davvero gioia negli altri, si vede che sei tu che te ne stai dissociando dentro di te.

2. Ti sembra che lo Spirito Santo non produca costantemente gioia in te, solo perché non risvegli costantemente la gioia negli altri. 2Le loro reazioni a te sono le tue valutazioni della Sua costanza. 3Quando sei incostante non risveglierai sempre la gioia, e così non riconoscerai sempre la Sua costanza. 4Ciò che offri a tuo fratello lo offri a Lui, perché Egli, nel Suo dare, non può andare oltre ciò che offri tu. 5Questo non è perché Egli limiti il Suo dare, ma semplicemente perché tu hai limitato il tuo ricevere. 6La decisione di ricevere è la decisione di accettare.

3. Se i tuoi fratelli sono parte di te, li accetterai? 2Solo loro possono insegnarti cosa sei, perché ciò che impari è il risultato di ciò che hai insegnato loro. 3Ciò che richiami su di essi, lo richiami su di te. 4E come lo richiami in loro, esso diventa reale per te. 5Dio non ha che un Figlio, poiché li conosce tutti come Uno. 6Solo Dio Stesso è più di loro, ma essi non sono meno di ciò che Lui è. 7Vuoi sapere cosa significa ciò? 8Se ciò che fai a mio fratello lo fai a me, e se fai ogni cosa per te stesso poiché siamo parte di te, tutto ciò che facciamo appartiene anche a te. 9Tutti quelli che Dio ha creato sono parte di te e condividono la Sua gloria con te. 10La Sua gloria appartiene a Lui, ma è ugualmente tua. 11Quindi, non puoi essere meno glorioso di quanto lo sia Lui.

4. Dio è più di te solo perché ti ha creato, ma non ti vuole privare nemmeno di questo. 2Quindi puoi creare come ha fatto Lui, e la tua dissociazione non altererà ciò. 3Nè la luce di Dio né la tua sono oscurate solo perché non vedi. 4Poiché la Figliolanza deve creare come una cosa sola, tu ricordi la creazione ogni volta che riconosci una parte della creazione. 5Ogni parte che ricordi si aggiunge alla tua interezza perché ogni parte è intera. 6L’interezza è indivisibile, ma tu non puoi apprendere la tua interezza finché non la vedrai ovunque. 7Puoi conoscere te stesso solo come Dio conosce Suo Figlio, perché la conoscenza è condivisa con Dio. 8Quando ti risveglierai in Lui, conoscerai la tua grandezza, accettando come tua la Sua illimitatezza. 9Ma nel frattempo la giudicherai come giudichi quella di tuo fratello, e la accetterai come accetti la sua.

5. Tu non ti sei ancora risvegliato, ma puoi imparare come risvegliarti. 2Molto semplicemente, lo Spirito Santo ti insegna a risvegliare gli altri. 3Quando li vedrai risvegliarsi imparerai cosa significa risvegliarsi, e siccome hai scelto di svegliarli, la loro gratitudine e il loro apprezzamento di ciò che hai dato loro ti insegnerà il suo valore. 4Essi diventeranno i testimoni della tua realtà, come tu sei stato creato testimone di quella di Dio. 5Tuttavia quando la Figliolanza si unirà ed accetterà la sua Unità, essa sarà conosciuta dalle sue creazioni, che testimonieranno la sua realtà come fa il Figlio nei confronti del Padre.

6. Non c’è alcun posto per i miracoli nell’eternità, perché essi servono a riparare. 2Tuttavia finché avrai ancora bisogno di guarigione, i tuoi miracoli saranno i soli testimoni della tua realtà che potrai riconoscere. 3Non puoi fare un miracolo per te stesso, perché i miracoli sono un modo di dare accettazione e di riceverla. 4Nel tempo dare viene prima, sebbene dare e ricevere siano simultanei nell’eternità, dove non possono essere separati. 5Quando avrai imparato che sono la stessa cosa, non ci sarà più bisogno del tempo.

7. L’eternità è l’unico tempo, poiché la sua sola dimensione è “sempre”. 2Questo non può significare nulla per te finché non ricorderai le Braccia aperte di Dio, e finalmente conoscerai la Sua Mente aperta. 3Come Lui, tu sei “sempre”: nella Sua Mente e con una mente come la Sua. 4Nella tua mente aperta ci sono le tue creazioni, in perfetta comunicazione nata da una comprensione perfetta. 5Se soltanto potessi accettarne una, non vorresti nulla di ciò che il mondo ha da offrire. 6Tutto il resto sarebbe completamente privo di significato. 7Il significato di Dio è incompleto senza di te, e tu sei incompleto senza le tue creazioni. 8Accetta tuo fratello in questo mondo e non accettare nient’altro, dal momento che in lui troverai le tue creazioni perché egli le ha create con te. 9Non saprai mai che sei cocreatore con Dio, finché non imparerai che tuo fratello è cocreatore con te.

VII. The Two Evaluations
T-9.VII.1. God’s Will is your salvation. Would He not have given you the means to find it? If He wills you to have it, He must have made it possible and easy to obtain it. Your brothers are everywhere. You do not have to seek far for salvation. Every minute and every second gives you a chance to save yourself. Do not lose these chances, not because they will not return, but because delay of joy is needless. God wills you perfect happiness now. Is it possible that this is not also your will? And is it possible that this is not also the will of your brothers?

T-9.VII.2. Consider, then, that in this joint will you are all united, and in this only. There may be disagreement on anything else, but not on this. This, then, is where peace abides. And you abide in peace when you so decide. Yet you cannot abide in peace unless you accept the Atonement, because the Atonement is the way to peace. The reason is very simple, and so obvious that it is often overlooked. The ego is afraid of the obvious, since obviousness is the essential characteristic of reality. Yet you cannot overlook it unless you are not looking.

T-9.VII.3. It is perfectly obvious that if the Holy Spirit looks with love on all He perceives, He looks with love on you. His evaluation of you is based on His knowledge of what you are, and so He evaluates you truly. And this evaluation must be in your mind, because He is. The ego is also in your mind, because you have accepted it there. Its evaluation of you, however, is the exact opposite of the Holy Spirit’s, because the ego does not love you. It is unaware of what you are, and wholly mistrustful of everything it perceives because its perceptions are so shifting. The ego is therefore capable of suspiciousness at best and viciousness at worst. That is its range. It cannot exceed it because of its uncertainty. And it can never go beyond it because it can never be certain.

T-9.VII.4. You, then, have two conflicting evaluations of yourself in your mind, and they cannot both be true. You do not yet realize how completely different these evaluations are, because you do not understand how lofty the Holy Spirit’s perception of you really is. He is not deceived by anything you do, because He never forgets what you are. The ego is deceived by everything you do, especially when you respond to the Holy Spirit, because at such times its confusion increases. The ego is, therefore, particularly likely to attack you when you react lovingly, because it has evaluated you as unloving and you are going against its judgment. The ego will attack your motives as soon as they become clearly out of accord with its perception of you. This is when it will shift abruptly from suspiciousness to viciousness, since its uncertainty is increased. Yet it is surely pointless to attack in return. What can this mean except that you are agreeing with the ego’s evaluation of what you are?

T-9.VII.5. If you choose to see yourself as unloving you will not be happy. You are condemning yourself and must therefore regard yourself as inadequate. Would you look to the ego to help you escape from a sense of inadequacy it has produced, and must maintain for its existence? Can you escape from its evaluation of you by using its methods for keeping this picture intact?

T-9.VII.6. You cannot evaluate an insane belief system from within it. Its range precludes this. You can only go beyond it, look back from a point where sanity exists and see the contrast. Only by this contrast can insanity be judged as insane. With the grandeur of God in you, you have chosen to be little and to lament your littleness. Within the system that dictated this choice the lament is inevitable. Your littleness is taken for granted there and you do not ask, “Who granted it?” The question is meaningless within the ego’s thought system, because it would open the whole thought system to question.

T-9.VII.7. I have said that the ego does not know what a real question is. Lack of knowledge of any kind is always associated with unwillingness to know, and this produces a total lack of knowledge simply because knowledge is total. Not to question your littleness therefore is to deny all knowledge, and keep the ego’s whole thought system intact. You cannot retain part of a thought system, because it can be questioned only at its foundation. And this must be questioned from beyond it, because within it its foundation does stand. The Holy Spirit judges against the reality of the ego’s thought system merely because He knows its foundation is not true. Therefore, nothing that arises from it means anything. He judges every belief you hold in terms of where it comes from. If it comes from God, He knows it to be true. If it does not, He knows that it is meaningless.

T-9.VII.8. Whenever you question your value, say:

God Himself is incomplete without me.

Remember this when the ego speaks, and you will not hear it. The truth about you is so lofty that nothing unworthy of God is worthy of you. Choose, then, what you want in these terms, and accept nothing that you would not offer to God as wholly fitting for Him. You do not want anything else. Return your part to Him, and He will give you all of Himself in exchange for the return of what belongs to Him and renders Him complete.

VII. Le due valutazioni
1. La Volontà di Dio è la tua salvezza. 2Credi forse che non ti avrebbe dato il mezzo per trovarla? 3Se vuole che tu ce l’abbia, deve aver reso possibile e facile ottenerla. 4I tuoi fratelli sono ovunque. 5Non devi cercare lontano la salvezza. 6Ogni minuto ed ogni secondo ti danno la possibilità di salvarti. 7Non perdere queste occasioni, non perché non torneranno, ma perché è inutile ritardare la gioia. 8Dio vuole la tua perfetta felicità adesso. 9È forse possibile che questa non sia anche la tua volontà? 10Ed è possibile che questa non sia anche la volontà dei tuoi fratelli?

2. Considera, quindi, che in questa volontà congiunta, e solo in questa, siete tutti uniti. 2Ci potrà essere disaccordo in tutto il resto, ma non su questo. 3Questo, dunque, è il luogo in cui dimora la pace. 4E tu dimori in pace quando decidi così. 5Tuttavia non puoi dimorare in pace a meno che non accetti la Riparazione, perché la Riparazione è la via per la pace. 6La ragione è molto semplice e così ovvia da essere spesso non vista. 7L’ego ha paura di ciò che è ovvio, poiché l’ovvietà è la caratteristica essenziale della realtà. 8Tuttavia tu non puoi guardare al di là di esso a meno che tu non stia guardando.

3. È perfettamente ovvio che se lo Spirito Santo guarda con amore tutto ciò che percepisce, guarda te con amore. 2La Sua valutazione di te è basata sulla Sua conoscenza di ciò che sei, e così ti valuta in modo vero. 3E questa valutazione deve essere nella tua mente, perché Lui lo è. 4Anche l’ego è nella tua mente, perché tu lo hai accettato lì. 5La sua valutazione di te, tuttavia, è l’esatto opposto di quella dello Spirito Santo, perché l’ego non ti ama. 6È inconsapevole di ciò che sei, e interamente diffidente di tutto ciò che percepisce perché le sue percezione sono molto mutevoli. 7L’ego è quindi capace di essere sospettoso nella migliore delle ipotesi e di essere malvagio nella peggiore. 8Questa è la sua gamma di possibilità. 9Non può oltrepassarla a causa della sua incertezza. 10E non può mai andare oltre ad essa perché non può mai essere certo.

4. Tu, quindi, hai due valutazioni contrastanti di te stesso nella tua mente, e non possono essere vere entrambe. 2Non ti rendi conto di come siano completamente differenti queste valutazioni, perché non capisci quanto sia realmente alta la percezione che lo Spirito Santo ha di te. 3Non è mai ingannato da qualsiasi cosa tu faccia, perché non dimentica mai cosa sei. 4L’ego è ingannato da ogni cosa che fai, specialmente quando rispondi allo Spirito Santo, perché in tali momenti la sua confusione aumenta. 5È più probabile, quindi, che l’ego attacchi quando reagisci con amore, perché ti ha valutato come non amorevole e tu stai andando contro il suo giudizio. 6L’ego attaccherà le tue motivazioni non appena esse saranno chiaramente in disaccordo con la sua percezione di te. 7Questo è il momento in cui cambierà improvvisamente dal sospetto alla malvagità, dato che la sua incertezza sarà aumentata. 8Tuttavia non ha sicuramente senso rispondere attaccando. 9Cosa potrebbe significare ciò se non che sei d’accordo con la valutazione dell’ego di ciò che sei?

5. Se scegli di vederti non amorevole non sarai felice. 2Ti stai condannando e devi quindi considerarti inadeguato. 3Ti rivolgeresti forse all’ego per avere aiuto nello sfuggire da un senso di inadeguatezza che esso ha prodotto e che deve mantenere per la propria sopravvivenza? 4Puoi forse sfuggire alle valutazioni che esso ha di te usando i suoi metodi per mantenere intatta questa immagine?

6. Non puoi valutare un sistema di credenze folle dal proprio interno. 2Il suo campo d’azione lo preclude. 3Puoi solo andare oltre esso e guardare indietro da un punto dove c’è la sanità mentale e vedere il contrasto. 4Solo per mezzo di questo contrasto la follia può essere giudicata folle. 5Con la grandezza di Dio in te hai scelto di essere piccolo e di lamentarti della tua piccolezza. 6All’interno del sistema che ha dettato questa scelta il lamento è inevitabile. 7La tua piccolezza è data per scontata in esso e non chiedi “chi l’ha concessa”? 8La domanda è senza significato all’interno del sistema di pensiero dell’ego, perché metterebbe in dubbio l’intero sistema di pensiero.

7. Ho detto che l’ego non sa cosa sia una vera domanda. 2Qualsiasi tipo di mancanza di conoscenza è sempre associata al non essere disposti a conoscere, e questo produce una totale mancanza di conoscenza semplicemente perché la conoscenza è totale. 3Non mettere in dubbio la tua piccolezza è quindi negare tutta la conoscenza, e mantenere intatto l’intero sistema di pensiero dell’ego. 4Non puoi conservare una parte di un sistema di pensiero, perché può essere messo in discussione solo alla sua base. 5E questo va messo in discussione dal di là di esso, perché al suo interno ciò su cui si basa sta in piedi. 6Lo Spirito Santo giudica contro la realtà del sistema di pensiero dell’ego semplicemente perché sa che ciò su cui si basa non è vero. 7Quindi niente che emerga da esso ha alcun significato. 8Egli giudica tutto ciò in cui credi a seconda della sua provenienza. 9Se viene da Dio, sa che è vera. 10Se no, sa che è priva di significato.

8. Ogni volta che metti in dubbio il tuo valore, dì:

Dio Stesso è incompleto senza di me .

3Ricordati ciò quando l’ego ti parla, e non lo udrai. 4La verità su di te è così elevata che nulla che non sia degno di Dio è degno di te. 5Scegli, quindi, ciò che vuoi in questi termini, e non accettare nulla che non offriresti a Dio come interamente adatto a Lui. 6Non vuoi niente altro. 7Restituisci a Lui la tua parte, e Lui ti darà tutto di Sé in cambio della restituzione di ciò che Gli appartiene e Lo rende completo.

VIII. Grandeur versus Grandiosity
T-9.VIII.1. Grandeur is of God, and only of Him. Therefore it is in you. Whenever you become aware of it, however dimly, you abandon the ego automatically, because in the presence of the grandeur of God the meaninglessness of the ego becomes perfectly apparent. When this occurs, even though it does not understand it, the ego believes that its “enemy” has struck, and attempts to offer gifts to induce you to return to its “protection.” Self-inflation is the only offering it can make. The grandiosity of the ego is its alternative to the grandeur of God. Which will you choose?

T-9.VIII.2. Grandiosity is always a cover for despair. It is without hope because it is not real. It is an attempt to counteract your littleness, based on the belief that the littleness is real. Without this belief grandiosity is meaningless, and you could not possibly want it. The essence of grandiosity is competitiveness, because it always involves attack. It is a delusional attempt to outdo, but not to undo. We said before that the ego vacillates between suspiciousness and viciousness. It remains suspicious as long as you despair of yourself. It shifts to viciousness when you decide not to tolerate self-abasement and seek relief. Then it offers you the illusion of attack as a “solution.”

T-9.VIII.3. The ego does not understand the difference between grandeur and grandiosity, because it sees no difference between miracle impulses and ego-alien beliefs of its own. I told you that the ego is aware of threat to its existence, but makes no distinctions between these two very different kinds of threat. Its profound sense of vulnerability renders it incapable of judgment except in terms of attack. When the ego experiences threat, its only decision is whether to attack now or to withdraw to attack later. If you accept its offer of grandiosity it will attack immediately. If you do not, it will wait.

T-9.VIII.4. The ego is immobilized in the presence of God’s grandeur, because His grandeur establishes your freedom. Even the faintest hint of your reality literally drives the ego from your mind, because you will give up all investment in it. Grandeur is totally without illusions, and because it is real it is compellingly convincing. Yet the conviction of reality will not remain with you unless you do not allow the ego to attack it. The ego will make every effort to recover and mobilize its energies against your release. It will tell you that you are insane, and argue that grandeur cannot be a real part of you because of the littleness in which it believes. Yet your grandeur is not delusional because you did not make it. You made grandiosity and are afraid of it because it is a form of attack, but your grandeur is of God, Who created it out of His Love.

T-9.VIII.5. From your grandeur you can only bless, because your grandeur is your abundance. By blessing you hold it in your mind, protecting it from illusions and keeping yourself in the Mind of God. Remember always that you cannot be anywhere except in the Mind of God. When you forget this, you will despair and you will attack.

T-9.VIII.6. The ego depends solely on your willingness to tolerate it. If you are willing to look upon your grandeur you cannot despair, and therefore you cannot want the ego. Your grandeur is God’s answer to the ego, because it is true. Littleness and grandeur cannot coexist, nor is it possible for them to alternate. Littleness and grandiosity can and must alternate, since both are untrue and are therefore on the same level. Being the level of shift, it is experienced as shifting and extremes are its essential characteristic.

T-9.VIII.7. Truth and littleness are denials of each other because grandeur is truth. Truth does not vacillate; it is always true. When grandeur slips away from you, you have replaced it with something you have made. Perhaps it is the belief in littleness; perhaps it is the belief in grandiosity. Yet it must be insane because it is not true. Your grandeur will never deceive you, but your illusions always will. Illusions are deceptions. You cannot triumph, but you are exalted. And in your exalted state you seek others like you and rejoice with them.

T-9.VIII.8. It is easy to distinguish grandeur from grandiosity, because love is returned and pride is not. Pride will not produce miracles, and will therefore deprive you of the true witnesses to your reality. Truth is not obscure nor hidden, but its obviousness to you lies in the joy you bring to its witnesses, who show it to you. They attest to your grandeur, but they cannot attest to pride because pride is not shared. God wants you to behold what He created because it is His joy.

T-9.VIII.9. Can your grandeur be arrogant when God Himself witnesses to it? And what can be real that has no witnesses? What good can come of it? And if no good can come of it the Holy Spirit cannot use it. What He cannot transform to the Will of God does not exist at all. Grandiosity is delusional, because it is used to replace your grandeur. Yet what God has created cannot be replaced. God is incomplete without you because His grandeur is total, and you cannot be missing from it.

T-9.VIII.10. You are altogether irreplaceable in the Mind of God. No one else can fill your part in it, and while you leave your part of it empty your eternal place merely waits for your return. God, through His Voice, reminds you of it, and God Himself keeps your extensions safe within it. Yet you do not know them until you return to them. You cannot replace the Kingdom, and you cannot replace yourself. God, Who knows your value, would not have it so, and so it is not so. Your value is in God’s Mind, and therefore not in yours alone. To accept yourself as God created you cannot be arrogance, because it is the denial of arrogance. To accept your littleness is arrogant, because it means that you believe your evaluation of yourself is truer than God’s.

T-9.VIII.11. Yet if truth is indivisible, your evaluation of yourself must be God’s. You did not establish your value and it needs no defense. Nothing can attack it nor prevail over it. It does not vary. It merely is. Ask the Holy Spirit what it is and He will tell you, but do not be afraid of His answer, because it comes from God. It is an exalted answer because of its Source, but the Source is true and so is Its answer. Listen and do not question what you hear, for God does not deceive. He would have you replace the ego’s belief in littleness with His Own exalted Answer to what you are, so that you can cease to question it and know it for what it is.

VIII. Grandezza contrapposta a grandiosità
1. La grandezza è di Dio, e solo Sua. 2Quindi è in te. 3Ogniqualvolta ne diventi consapevole, per quanto debolmente, abbandoni automaticamente l’ego, perché in presenza della grandezza di Dio l’insignificanza dell’ego diventa perfettamente evidente. 4Quando questo accade, anche se non lo comprende, l’ego crede che il suo “nemico” abbia colpito, e cerca di offrire doni per indurti a ritornare sotto la sua “protezione”. 5La vanagloria è l’unica offerta che possa fare. 6La grandiosità dell’ego è la sua alternativa alla grandezza di Dio. 7Quale sceglierai?

2. La grandiosità è sempre una copertura della disperazione. 2È senza speranza perché non è reale. 3È un tentativo di contrastare la tua piccolezza, basato sul credere che la piccolezza sia reale. 4Se non ci credessi la grandiosità sarebbe senza significato, e non sarebbe possibile che tu la possa volere. 5L’essenza della grandiosità è la competitività, perché implica sempre l’attacco. 6È un tentativo delirante di superare, ma non di disfare. 7Abbiamo detto prima che l’ego vacilla tra l’essere sospettoso e l’essere malvagio. 8Rimane sospettoso finché disperi di te stesso. 9Cambia in malvagità quando decidi di non tollerare l’umiliazione che tu stesso ti infliggi e cerchi sollievo. 10Allora ti offre l’illusione dell’attacco come “soluzione”.

3. L’ego non comprende la differenza tra grandezza e grandiosità, perché non vede alcuna differenza tra gli impulsi al miracolo e le sue stesse credenze che gli sono aliene. 2Ti ho detto che l’ego è consapevole della minaccia alla sua esistenza, ma non fa distinzione tra questi due tipi molto diversi di minaccia. 3Il suo profondo senso di vulnerabilità lo rende incapace di giudizio se non in termini di attacco. 4Quando l’ego si sente minacciato, la sua sola decisione è se attaccare subito o se ritirarsi per attaccare più tardi. 5Se accetti la sua offerta di grandiosità, attaccherà immediatamente. 6Se no, aspetterà.

4. L’ego è immobilizzato in presenza della grandezza di Dio perché la Sua grandezza stabilisce la tua libertà. 2Perfino il più vago accenno della tua realtà scaccerà letteralmente l’ego dalla tua mente, perché rinuncerai ad ogni investimento in esso. 3La grandezza è totalmente senza illusioni e siccome è reale è irresistibilmente convincente. 4Tuttavia la convinzione della realtà non rimarrà con te a meno che tu impedisca all’ego di attaccarla. 5L’ego farà ogni sforzo per ristabilirsi e mobiliterà le sue energie contro la tua liberazione. 6Ti dirà che sei folle, e argomenterà che la grandezza non può essere una parte reale di te a causa della piccolezza nella quale crede. 7Tuttavia la tua grandezza non è illusoria perché non l’hai fatta tu. 8Tu hai fatto la grandiosità e ne hai paura perché è una forma di attacco, ma la tua grandezza viene da Dio, Che l’ha creata dal Suo Amore.

5. Dalla tua grandezza puoi solo benedire, perché la tua grandezza è la tua abbondanza. 2Benedicendo la tieni in mente, proteggendola dalle illusioni e mantenendoti nella Mente di Dio. 3Ricorda sempre che non puoi essere in nessun altro luogo eccetto che nella Mente di Dio. 4Quando ti dimenticherai ciò, ti dispererai e attaccherai.

6. L’ego dipende unicamente dalla tua disponibilità a tollerarlo. 2Se sei disposto a vedere la tua grandezza non puoi disperarti, e quindi non puoi volere l’ego. 3La tua grandezza è la risposta di Dio all’ego, perché è vera. 4Piccolezza e grandezza non possono coesistere, né è possibile che si alternino. 5Piccolezza e grandiosità possono e devono alternarsi, poiché entrambe non sono vere e quindi sono sullo stesso livello. 6Essendo il livello del mutamento, viene vissuto come mutevole e gli estremi sono la sua caratteristica essenziale.

7. Verità e piccolezza sono negazioni l’una dell’altra perché la grandezza è verità. 2La verità non vacilla: è sempre vera. 3Quando la grandezza ti scivola via, l’hai sostituita con qualcosa che hai fatto tu. 4Forse è il credere nella piccolezza; forse è il credere nella grandiosità. 5Tuttavia deve essere folle perché non è vero. 6La tua grandezza non ti ingannerà mai, ma le tue illusioni lo faranno sempre. 7Le illusioni sono inganni. 8Non puoi trionfare, ma sei esaltato. 9E nel tuo stato esaltato cerchi altri come te e gioisci con loro.

8. È facile distinguere la grandezza dalla grandiosità, perché l’amore è restituito e l’orgoglio no. 2L’orgoglio non produrrà miracoli, e quindi ti priverà dei veri testimoni della tua realtà. 3La verità non è oscura né nascosta, ma la sua ovvietà per te sta nella gioia che rechi ai suoi testimoni, che te la mostrano. 4Essi attestano la tua grandezza, ma non possono attestare l’orgoglio perché l’orgoglio non è condiviso. 5Dio vuole che tu veda ciò che Egli ha creato perché è la Sua gioia.

9. Può forse la tua grandezza essere arrogante se Dio Stesso ne è testimone? 2E cosa può essere reale se non ha testimoni? 3Che bene può derivarne? 4E se nessun bene può venirne, lo Spirito Santo non può usarla. 5Ciò che Egli non può trasformare nella Volontà di Dio non esiste affatto. 6La grandiosità è delirante perché è usata per sostituire la tua grandezza. 7Tuttavia ciò che Dio ha creato non può essere sostituito. 8Dio è incompleto senza di te perché la Sua grandezza è totale, e tu non puoi esserne escluso.

10. Tu sei del tutto insostituibile nella Mente di Dio. 2Nessun altro può prendere il tuo posto in essa, e mentre lasci vuota la tua parte in essa, il tuo posto eterno aspetta semplicemente il tuo ritorno. 3Dio, attraverso la Sua Voce, te lo ricorda, e Dio Stesso mantiene le tue estensioni al sicuro al suo interno. 4Tuttavia non le conoscerai finché non vi ritornerai. 5Non puoi sostituire il Regno e non puoi sostituire te stesso. 6Dio, Che conosce il tuo valore, non vuole che sia così, e quindi non è così. 7Il tuo valore è nella Mente di Dio e quindi non solo nella tua. 8Accettare te stesso così come Dio ti ha creato non può essere arroganza, perché è la negazione dell’arroganza. 9Accettare la tua piccolezza è arrogante, perché significa che credi che la tua valutazione di te stesso sia più vera di quella di Dio.

11. Tuttavia, se la verità è indivisibile, la tua valutazione di te stesso deve essere quella di Dio. 2Tu non hai stabilito il tuo valore ed esso non ha bisogno di alcuna difesa. 3Nulla lo può attaccare né può prevalere su di esso. 4È immutabile. 5Semplicemente è. 6Chiedi allo Spirito Santo che cos’è e te lo dirà, ma non avere paura della Sua risposta, perché proviene da Dio. 7È una risposta eminente a causa della Sua Fonte, ma la Fonte è vera e così lo è la Sua risposta. 8Ascolta e non mettere in dubbio ciò che senti, perché Dio non inganna. 9Vuole che tu sostituisca la credenza dell’ego nella piccolezza con la Sua eminente Risposta a ciò che sei, cosicché tu possa smettere di dubitarne e la conosca per ciò che è.

Chapter 10. The idols of sickness - Capitolo 10. Gli idoli della malattia

Introduction
T-10.in.1. Nothing beyond yourself can make you fearful or loving, because nothing is beyond you. Time and eternity are both in your mind, and will conflict until you perceive time solely as a means to regain eternity. You cannot do this as long as you believe that anything happening to you is caused by factors outside yourself. You must learn that time is solely at your disposal, and that nothing in the world can take this responsibility from you. You can violate God’s laws in your imagination, but you cannot escape from them. They were established for your protection and are as inviolate as your safety.

T-10.in.2. God created nothing beside you and nothing beside you exists, for you are part of Him. What except Him can exist? Nothing beyond Him can happen, because nothing except Him is real. Your creations add to Him as you do, but nothing is added that is different because everything has always been. What can upset you except the ephemeral, and how can the ephemeral be real if you are God’s only creation and He created you eternal? Your holy mind establishes everything that happens to you. Every response you make to everything you perceive is up to you, because your mind determines your perception of it.

T-10.in.3. God does not change His Mind about you, for He is not uncertain of Himself. And what He knows can be known, because He does not know it only for Himself. He created you for Himself, but He gave you the power to create for yourself so you would be like Him. That is why your mind is holy. Can anything exceed the Love of God? Can anything, then, exceed your will? Nothing can reach you from beyond it because, being in God, you encompass everything. Believe this, and you will realize how much is up to you. When anything threatens your peace of mind, ask yourself, “Has God changed His Mind about me?”Then accept His decision, for it is indeed changeless, and refuse to change your mind about yourself. God will never decide against you, or He would be deciding against Himself.

Introduzione
1. Nulla al di là di te stesso può renderti pauroso o amorevole, poiché nulla è al di là di te stesso. 2Tempo ed eternità sono entrambi nella tua mente e saranno in conflitto fintanto che non percepirai il tempo solo come un mezzo per riconquistare l’eternità. 3Non potrai far ciò fintanto che crederai che qualsiasi cosa ti accada sia causata da fattori esterni a te stesso. 4Devi imparare che il tempo è unicamente a tua disposizione e che nulla al mondo può esimerti da questa responsabilità. 5Puoi violare le leggi di Dio nella tua immaginazione, ma non puoi sfuggire loro. 6Sono state stabilite per proteggerti e sono inviolate quanto la tua sicurezza.

2. Dio non ha creato nulla oltre a te, e nulla oltre a te esiste, poiché tu sei parte di Lui. 2Cos’altro, può esistere eccetto Lui? 3Nulla può accadere oltre Lui perché nulla eccetto Lui è reale. 4Le tue creazioni Lo accrescono, così come fai tu, ma non viene aggiunto nulla di diverso, poiché tutto è già stato. 5Cosa può turbarti se non l’effimero, e come può essere reale l’effimero se tu sei la sola creazione di Dio ed Egli ti ha creato eterno? 6La tua mente santa stabilisce tutto ciò che ti accade. 7Ogni risposta che dai a tutto ciò che percepisci è una tua decisione, poiché la tua mente ne determina la percezione.

3. Dio non cambia Idea su di te, perché non dubita di Se Stesso. 2E ciò che Egli conosce può essere conosciuto, poiché Egli non lo conosce solo per Se Stesso. 3Egli ti ha creato per Se Stesso, ma ti ha dato il potere di creare da te, affinché tu fossi come Lui. 4Ecco perché la tua mente è santa. 5È possibile che qualcosa superi l’Amore di Dio? 6È quindi possibile che qualcosa superi la tua volontà? 7Nulla che si trovi al di là di essa può raggiungerti perché, essendo in Dio, tu abbracci tutto. 8Credi in ciò e comprenderai quanto dipenda da te. 9Quando qualcosa minaccia la pace della tua mente, domandati: “Dio ha forse cambiato Idea su di me?”. 10Quindi accetta la Sua decisione, perché è davvero immutabile e rifiutati di cambiare idea nei tuoi confronti. 11Dio non si pronuncerà mai contro di te, altrimenti si pronuncerebbe contro Se Stesso.

I. At Home in God
T-10.I.1. You do not know your creations simply because you would decide against them as long as your mind is split, and to attack what you have created is impossible. But remember that it is as impossible for God. The law of creation is that you love your creations as yourself, because they are part of you. Everything that was created is therefore perfectly safe, because the laws of God protect it by His Love. Any part of your mind that does not know this has banished itself from knowledge, because it has not met its conditions. Who could have done this but you? Recognize this gladly, for in this recognition lies the realization that your banishment is not of God, and therefore does not exist.

T-10.I.2. You are at home in God, dreaming of exile but perfectly capable of awakening to reality. Is it your decision to do so? You recognize from your own experience that what you see in dreams you think is real while you are asleep. Yet the instant you waken you realize that everything that seemed to happen in the dream did not happen at all. You do not think this strange, even though all the laws of what you awaken to were violated while you slept. Is it not possible that you merely shifted from one dream to another, without really waking?

T-10.I.3. Would you bother to reconcile what happened in conflicting dreams, or would you dismiss both together if you discovered that reality is in accord with neither? You do not remember being awake. When you hear the Holy Spirit you may feel better because loving then seems possible to you, but you do not remember yet that it once was so. And it is in this remembering that you will know it can be so again. What is possible has not yet been accomplished. Yet what has once been is so now, if it is eternal. When you remember, you will know that what you remember is eternal, and therefore is now.

T-10.I.4. You will remember everything the instant you desire it wholly, for if to desire wholly is to create, you will have willed away the separation, returning your mind simultaneously to your Creator and your creations. Knowing Them you will have no wish to sleep, but only the desire to waken and be glad. Dreams will be impossible because you will want only truth, and being at last your will, it will be yours.

I. A casa in Dio 
1. Tu non conosci le tue creazioni semplicemente perché deciderai contro di esse fintanto che la tua mente sarà divisa, ed è impossibile attaccare ciò che hai creato. 2Ma ricorda che ciò è altrettanto impossibile per Dio. 3La legge della creazione è che tu ami le tue creazioni come te stesso perché sono parte di te. 4Tutto ciò che è stato creato è perciò perfettamente al sicuro, perché le leggi di Dio lo proteggono con il Suo Amore. 5Qualsiasi parte della tua mente che non conosce ciò si è esclusa dalla conoscenza, poiché non ne ha soddisfatto le condizioni. 6Chi avrebbe potuto fare ciò se non tu? 7Riconosci questo con gioia, perché in questo riconoscimento sta la comprensione che il tuo esilio non viene da Dio e perciò non esiste.

2. Tu sei a casa in Dio, sognando di essere in esilio, ma perfettamente in grado di risvegliarti alla realtà. 2Vuoi veramente farlo? 3Riconosci, per esperienza personale, che finché dormi credi che ciò che vedi in sogno sia reale. 4Tuttavia nel momento in cui ti svegli comprendi che tutto ciò che sembrava accadere nel sogno non è accaduto affatto. 5Tu non lo trovi strano, anche se tutte le leggi a cui ti risvegli sono state violate mentre dormivi. 6Non è possibile che tu sia semplicemente passato da un sogno a un altro senza, in realtà, svegliarti?

3. Ti preoccuperesti di riconciliare quello che è successo in sogni in conflitto tra loro, o li lasceresti andare entrambi se scoprissi che la realtà non è in accordo con nessuno dei due? 2Tu non ricordi di essere stato sveglio. 3Quando ascolti lo Spirito Santo puoi sentirti meglio, poiché amare in quel momento ti sembra possibile, ma ancora non ricordi che una volta era così. 4Ed è in questo ricordo che saprai che può nuovamente essere così. 5Ciò che è possibile non è stato ancora attuato. 6Tuttavia ciò che è stato una volta è così adesso, se è eterno. 7Quando ricorderai saprai che ciò che ricordi è eterno e perciò è ora.

4. Ricorderai tutto nell’istante in cui lo desidererai interamente, perché se desiderare interamente è creare, avrai voluto eliminare la separazione restituendo la tua mente simultaneamente al tuo Creatore e alle tue creazioni. 2ConoscendoLe non avrai più desiderio di dormire, ma solo di svegliarti ed essere lieto. 3I sogni saranno impossibili, poiché vorrai solo la verità ed essendo questa finalmente la tua volontà, sarà tua.

II. The Decision to Forget
T-10.II.1. Unless you first know something you cannot dissociate it. Knowledge must precede dissociation, so that dissociation is nothing more than a decision to forget. What has been forgotten then appears to be fearful, but only because the dissociation is an attack on truth. You are fearful because you have forgotten. And you have replaced your knowledge by an awareness of dreams because you are afraid of your dissociation, not of what you have dissociated. When what you have dissociated is accepted, it ceases to be fearful.

T-10.II.2. Yet to give up the dissociation of reality brings more than merely lack of fear. In this decision lie joy and peace and the glory of creation. Offer the Holy Spirit only your willingness to remember, for He retains the knowledge of God and of yourself for you, waiting for your acceptance. Give up gladly everything that would stand in the way of your remembering, for God is in your memory. His Voice will tell you that you are part of Him when you are willing to remember Him and know your own reality again. Let nothing in this world delay your remembering of Him, for in this remembering is the knowledge of yourself.

T-10.II.3. To remember is merely to restore to your mind what is already there. You do not make what you remember; you merely accept again what is already there, but was rejected. The ability to accept truth in this world is the perceptual counterpart of creating in the Kingdom. God will do His part if you will do yours, and His return in exchange for yours is the exchange of knowledge for perception. Nothing is beyond His Will for you. But signify your will to remember Him, and behold! He will give you everything but for the asking.

T-10.II.4. When you attack, you are denying yourself. You are specifically teaching yourself that you are not what you are. Your denial of reality precludes the acceptance of God’s gift, because you have accepted something else in its place. If you understand that this is always an attack on truth, and truth is God, you will realize why it is always fearful. If you further recognize that you are part of God, you will understand why it is that you always attack yourself first.

T-10.II.5. All attack is Self attack. It cannot be anything else. Arising from your own decision not to be what you are, it is an attack on your identification. Attack is thus the way in which your identification is lost, because when you attack, you must have forgotten what you are. And if your reality is God’s, when you attack you are not remembering Him. This is not because He is gone, but because you are actively choosing not to remember Him.

T-10.II.6. If you realized the complete havoc this makes of your peace of mind you could not make such an insane decision. You make it only because you still believe it can get you something you want. It follows, then, that you want something other than peace of mind, but you have not considered what it must be. Yet the logical outcome of your decision is perfectly clear, if you will only look at it. By deciding against your reality, you have made yourself vigilant against God and His Kingdom. And it is this vigilance that makes you afraid to remember Him.

II. La decisione di dimenticare
1. A meno che tu dapprima non conosca qualcosa, non puoi dissociartene. 2La conoscenza deve precedere la dissociazione, cosicché la dissociazione non è altro che una decisione di dimenticare. 3Ciò che è stato dimenticato, sembra quindi far paura, ma solo perché la dissociazione è un attacco alla verità. 4Hai paura perché hai dimenticato. 5Ed hai sostituito la tua conoscenza con una consapevolezza di sogni, poiché hai paura della tua dissociazione, non di quello da cui ti sei dissociato. 6Quando ciò da cui ti sei dissociato viene accettato, smette di far paura.

2. Tuttavia rinunciare alla dissociazione della realtà comporta più di una semplice assenza di paura. 2In questa decisione si trovano la gioia, la pace, e la gloria della creazione. 3Offri allo Spirito Santo soltanto la tua disponibilità a ricordare, perché Egli serba per te la conoscenza di Dio e di te stesso, in attesa della tua accettazione. 4Rinuncia lietamente a tutto ciò che ostacola il tuo ricordare, poiché Dio è nella tua memoria. 5La Sua Voce ti dirà che sei parte di Lui quando sarai disposto a ricordarLo e a conoscere nuovamente la tua realtà. 6Non permettere a nulla di questo mondo di ritardare il tuo ricordarti di Lui, perché in questo ricordare è la conoscenza di te stesso.

3. Ricordare è semplicemente ripristinare nella tua mente ciò che è già lì. 2Tu non fai quello che ricordi, semplicemente accetti di nuovo ciò che è già lì, ma che è stato rifiutato. 3La capacità di accettare la verità in questo mondo è la controparte percettiva del creare nel Regno. 4Dio farà la Sua parte se tu farai la tua ed il Suo ritorno in cambio del tuo è lo scambio della percezione con la conoscenza. 5Oltre la Sua Volontà per te non c’è nulla. 6Ma manifesta la tua volontà di ricordarLo e guarda! 7Ti darà tutto, se solo lo chiederai.

4. Quando attacchi neghi te stesso. 2Ti stai insegnando in modo specifico che non sei ciò che sei. 3La tua negazione della realtà preclude l’accettazione del dono di Dio, poiché hai accettato qualcos’altro al suo posto. 4Se capisci che questo è sempre un attacco alla verità, e la verità è Dio, ti renderai conto del perché faccia sempre paura. 5Se riconoscerai inoltre che sei parte di Dio, capirai perché attacchi sempre te stesso per primo.

5. Ogni attacco è un attacco contro il proprio Sé. 2Non può essere niente altro. 3Provenendo dalla tua decisione di non essere ciò che sei, è un attacco contro la tua identificazione. 4L’attacco è, così, il modo in cui perdi la tua identificazione, perché quando attacchi devi aver dimenticato ciò che sei. 5E se la tua realtà è quella di Dio, quando attacchi non Lo stai ricordando. 6Ciò non accade perché Egli è scomparso, ma perché stai attivamente scegliendo di non ricordarLo.

6. Se ti rendessi conto di come ciò distrugge completamente la pace della tua mente non potresti prendere una decisione così folle. 2La prendi soltanto perché credi ancora che possa farti ottenere qualcosa che vuoi. 3Ne consegue, quindi, che vuoi qualcosa di diverso dalla pace della tua mente, ma non hai riflettuto su cos’è. 4Tuttavia il logico risultato della tua decisione è perfettamente chiaro, se solo vuoi guardarlo. 5Decidendo contro la tua realtà, ti sei reso vigile contro Dio e il Suo Regno. 6Ed è questa vigilanza che ti fa aver paura a ricordarLo.

III. The God of Sickness
T-10.III.1. You have not attacked God and you do love Him. Can you change your reality? No one can will to destroy himself. When you think you are attacking yourself, it is a sure sign that you hate what you think you are. And this, and only this, can be attacked by you. What you think you are can be very hateful, and what this strange image makes you do can be very destructive. Yet the destruction is no more real than the image, although those who make idols do worship them. The idols are nothing, but their worshippers are the Sons of God in sickness. God would have them released from their sickness and returned to His Mind. He will not limit your power to help them, because He has given it to you. Do not be afraid of it, because it is your salvation.


T-10.III.2. What Comforter can there be for the sick children of God except His power through you? Remember that it does not matter where in the Sonship He is accepted. He is always accepted for all, and when your mind receives Him the remembrance of Him awakens throughout the Sonship. Heal your brothers simply by accepting God for them. Your minds are not separate, and God has only one channel for healing because He has but one Son. God’s remaining Communication Link with all His children joins them together, and them to Him. To be aware of this is to heal them because it is the awareness that no one is separate, and so no one is sick.

T-10.III.3. To believe that a Son of God can be sick is to believe that part of God can suffer. Love cannot suffer, because it cannot attack. The remembrance of love therefore brings invulnerability with it. Do not side with sickness in the presence of a Son of God even if he believes in it, for your acceptance of God in him acknowledges the Love of God he has forgotten. Your recognition of him as part of God reminds him of the truth about himself, which he is denying. Would you strengthen his denial of God and thus lose sight of yourself? Or would you remind him of his wholeness and remember your Creator with him?

T-10.III.4. To believe a Son of God is sick is to worship the same idol he does. God created love, not idolatry. All forms of idolatry are caricatures of creation, taught by sick minds too divided to know that creation shares power and never usurps it. Sickness is idolatry, because it is the belief that power can be taken from you. Yet this is impossible, because you are part of God, Who is all power. A sick god must be an idol, made in the image of what its maker thinks he is. And that is exactly what the ego does perceive in a Son of God; a sick god, self-created, self-sufficient, very vicious and very vulnerable. Is this the idol you would worship? Is this the image you would be vigilant to save? Are you really afraid of losing this?

T-10.III.5. Look calmly at the logical conclusion of the ego’s thought system and judge whether its offering is really what you want, for this is what it offers you. To obtain this you are willing to attack the Divinity of your brothers, and thus lose sight of yours. And you are willing to keep it hidden, to protect an idol you think will save you from the dangers for which it stands, but which do not exist.

T-10.III.6. There are no idolaters in the Kingdom, but there is great appreciation for everything that God created, because of the calm knowledge that each one is part of Him. God’s Son knows no idols, but he does know his Father. Health in this world is the counterpart of value in Heaven. It is not my merit that I contribute to you but my love, for you do not value yourself. When you do not value yourself you become sick, but my value of you can heal you, because the value of God’s Son is one. When I said, “My peace I give unto you,” I meant it. Peace comes from God through me to you. It is for you although you may not ask for it.

T-10.III.7. When a brother is sick it is because he is not asking for peace, and therefore does not know he has it. The acceptance of peace is the denial of illusion, and sickness is an illusion. Yet every Son of God has the power to deny illusions anywhere in the Kingdom, merely by denying them completely in himself. I can heal you because I know you. I know your value for you, and it is this value that makes you whole. A whole mind is not idolatrous, and does not know of conflicting laws. I will heal you merely because I have only one message, and it is true. Your faith in it will make you whole when you have faith in me.

T-10.III.8. I do not bring God’s message with deception, and you will learn this as you learn that you always receive as much as you accept. You could accept peace now for everyone, and offer them perfect freedom from all illusions because you heard His Voice. But have no other gods before Him or you will not hear. God is not jealous of the gods you make, but you are. You would save them and serve them, because you believe that they made you. You think they are your father, because you are projecting onto them the fearful fact that you made them to replace God. Yet when they seem to speak to you, remember that nothing can replace God, and whatever replacements you have attempted are nothing.

T-10.III.9. Very simply, then, you may believe you are afraid of nothingness, but you are really afraid of nothing. And in that awareness you are healed. You will hear the god you listen to. You made the god of sickness, and by making him you made yourself able to hear him. Yet you did not create him, because he is not the Will of the Father. He is therefore not eternal and will be unmade for you the instant you signify your willingness to accept only the eternal.

T-10.III.10. If God has but one Son, there is but one God. You share reality with Him, because reality is not divided. To accept other gods before Him is to place other images before yourself. You do not realize how much you listen to your gods, and how vigilant you are on their behalf. Yet they exist only because you honor them. Place honor where it is due, and peace will be yours. It is your inheritance from your real Father. You cannot make your Father, and the father you made did not make you. Honor is not due to illusions, for to honor them is to honor nothing. Yet fear is not due them either, for nothing cannot be fearful. You have chosen to fear love because of its perfect harmlessness, and because of this fear you have been willing to give up your own perfect helpfulness and your own perfect Help.

T-10.III.11. Only at the altar of God will you find peace. And this altar is in you because God put it there. His Voice still calls you to return, and He will be heard when you place no other gods before Him. You can give up the god of sickness for your brothers; in fact, you would have to do so if you give him up for yourself. For if you see the god of sickness anywhere, you have accepted him. And if you accept him you will bow down and worship him, because he was made as God’s replacement. He is the belief that you can choose which god is real. Although it is clear this has nothing to do with reality, it is equally clear that it has everything to do with reality as you perceive it.

III. Il dio della malattia
1. Tu non hai attaccato Dio e Lo ami veramente. 2Puoi forse cambiare la tua realtà? 3Nessuno può voler distruggere se stesso. 4Quando pensi che ti stai attaccando è un segno sicuro che odi ciò che pensi di essere. 5E questo, e solo questo, può essere attaccato da te. 6Quello che pensi di essere può essere davvero odioso e ciò che questa strana immagine ti fa fare può essere molto distruttivo. 7Tuttavia la distruzione non è più reale dell’immagine, sebbene coloro che fanno idoli li adorino. 8Gli idoli non sono nulla, ma i loro adoratori sono i Figli di Dio in condizione di malattia. 9Dio li vuole liberati dalla loro malattia e restituiti alla Sua Mente. 10Egli non limiterà il tuo potere di aiutarli, dal momento che te lo ha dato. 11Non averne paura perché è la tua salvezza.

2. Quale Consolatore può esserci per i bambini malati di Dio se non il Suo Potere attraverso di te? 2Ricorda che non importa dove Egli viene accettato nella Figliolanza. 3Egli è sempre accettato per tutti, e quando la tua mente Lo riceve, il ricordo di Lui si risveglia in tutta la Figliolanza. 4Guarisci i tuoi fratelli semplicemente accettando Dio per loro. 5La vostra mente non è separata e Dio ha solo un canale per la guarigione, poiché ha solo un Figlio. 6Il rimanente Anello di Comunicazione di Dio con tutti i Suoi bambini li unisce ed unisce loro con Lui. 7Essere consapevoli di ciò è guarirli, perché questa è la consapevolezza che nessuno è separato e quindi nessuno è malato.

3. Credere che un Figlio di Dio possa essere malato, è credere che parte di Dio possa soffrire. 2L’amore non può soffrire, poiché non può attaccare. 3Il ricordo dell’amore, perciò, comporta l’invulnerabilità. 4Non stare dalla parte della malattia alla presenza di un Figlio di Dio anche se egli ci crede, perché la tua accettazione di Dio in lui riconosce l’Amore di Dio che egli ha dimenticato. 5Il tuo riconoscimento di lui quale parte di Dio gli ricorda la verità circa se stesso che sta negando. 6Vorresti forse rafforzare la sua negazione di Dio e così perdere di vista te stesso? 7O vorresti forse ricordargli la sua interezza e ricordare il tuo Creatore con lui?

4. Credere che un Figlio di Dio sia malato è adorare il suo stesso idolo. 2Dio ha creato l’amore, non l’idolatria. 3Tutte le forme di idolatria sono caricature della creazione, insegnate da menti malate, troppo divise per sapere che la creazione condivide il potere e non lo usurpa mai. 4La malattia è idolatria perché è credere che il potere possa esserti sottratto. 5Tuttavia ciò è impossibile, poiché tu sei parte di Dio, Che è tutto il potere. 6Un dio malato deve essere un idolo, fatto ad immagine di ciò che colui che lo ha fatto pensa di essere. 7E questo è esattamente ciò che l’ego percepisce in un Figlio di Dio: un dio malato, che si è creato da sé, autosufficiente, crudelissimo e vulnerabilissimo. 8È questo l’idolo che vuoi adorare? 9È per salvare questa immagine che vuoi essere vigile? 10Hai veramente paura di perdere ciò?

5. Guarda tranquillamente la conclusione logica del sistema di pensiero dell’ego e giudica se ciò che offre è veramente quello che vuoi, perché questo è quello che ti offre. 2Per ottenere ciò sei disposto ad attaccare la Divinità dei tuoi fratelli e perdendo così di vista la tua. 3E sei disposto a mantenerla nascosta, per proteggere un idolo che pensi ti salverà dai pericoli che rappresenta ma che non esistono.

6. Non vi sono idolatri nel Regno, ma c’è grande apprezzamento per tutto ciò che Dio ha creato grazie alla tranquilla conoscenza che ciascuno è parte di Lui. 2Il Figlio di Dio non conosce idoli, ma conosce sicuramente suo Padre. 3La salute in questo mondo è la controparte del valore nel Cielo. 4Non è col mio merito che contribuisco a te, ma con il mio amore, poiché tu non ti dai valore. 5Quando non ti dai valore ti ammali: ma il valore che io ti do può guarirti, perché il valore del Figlio di Dio è uno. 6Quando dissi “ti do la mia pace”, lo intendevo alla lettera. 7La pace proviene da Dio a te attraverso di me. 8È per te anche se puoi non chiederla.

7. Quando un fratello è malato è perché non sta chiedendo la pace e perciò non sa di averla. 2L’accettazione della pace è la negazione dell’illusione e la malattia è un’illusione. 3Tuttavia ogni Figlio di Dio ha il potere di negare le illusioni ovunque nel Regno, semplicemente negandole completamente in se stesso. 4Io posso guarirti perché ti conosco. 5Conosco il valore che hai, ed è questo valore che ti rende sano, intero. 6Una mente intera non è idolatra e non conosce leggi in conflitto. 7Ti guarirò semplicemente perché ho soltanto un messaggio ed è vero. 8La tua fede in esso ti renderà intero quando avrai fede in me.

8. Io non porto il messaggio di Dio con l’inganno ed imparerai ciò quando imparerai che ricevi sempre tanto quanto accetti. 2Potresti accettare la pace adesso per tutti ed offrire loro libertà perfetta da tutte le illusioni perché hai udito la Sua Voce. 3Ma non avere altri dei all’infuori di Lui o non udrai. 4Dio non è geloso degli dei che fai, ma tu lo sei. 5Li vorresti salvare e servire poiché credi che siano loro ad averti fatto. 6Pensi che essi siano tuo padre, perché stai proiettando su di loro il fatto spaventoso che li hai fatti per sostituire Dio. 7Tuttavia, quando sembrano parlarti, ricorda che nulla può sostituire Dio e qualsiasi sostituzione tu abbia tentato è nulla.

9. Molto semplicemente, dunque, puoi credere di aver paura della nullità, ma in realtà non hai paura di nulla. 2E in quella consapevolezza sei guarito. 3Udrai il dio che ascolti. 4Hai fatto tu il dio della malattia e, facendolo, ti sei messo in grado di ascoltarlo. 5Tuttavia non lo hai creato, poiché egli non è la Volontà del Padre. 6Perciò non è eterno e verrà disfatto per te nell’istante in cui dimostrerai che sei disponibile ad accettare solo ciò che è eterno.

10. Se Dio non ha che un Figlio, non c’è che un Dio. 2Condividi la realtà con Lui poiché la realtà è indivisa. 3Accettare altri dei all’infuori di Lui è porre altre immagini davanti a te stesso. 4Non comprendi quanto ascolti i tuoi dei e quanto sei vigile in loro favore. 5Tuttavia essi esistono soltanto perché li onori. 6Poni l’onore dove è dovuto e la pace sarà tua. 7È ciò che erediti dal tuo vero Padre. 8Tu non puoi fare tuo Padre, e il padre che hai fatto tu non ha fatto te. 9Non si deve alcun onore alle illusioni, perché onorarle è onorare il nulla. 10Tuttavia non si deve loro nemmeno la paura, poiché il nulla non può fare paura. 11Hai scelto di aver paura dell’amore a causa della sua perfetta innocuità e, a causa di questa paura, sei stato disposto a rinunciare alla tua perfetta utilità ed al tuo Aiuto perfetto.

11. Solo all’altare di Dio troverai pace. 2E questo altare è in te perché Dio lo ha messo lì. 3La Sua Voce ti invita ancora a ritornare ed Egli sarà udito quando non metterai altri dei davanti a Lui. 4Puoi rinunciare al dio della malattia per i tuoi fratelli: in verità devi far così se vi rinunci per te stesso. 5Perché se vedi il dio della malattia in un posto qualsiasi lo hai accettato. 6E se lo accetti ti inchinerai a lui e lo adorerai, perché è stato fatto come sostituto di Dio. 7È credere che tu possa scegliere quale dio è reale. 8Sebbene sia chiaro che questo non ha nulla a che fare con la realtà, è ugualmente chiaro che ha tutto a che fare con la realtà così come tu la percepisci.

IV. The End of Sickness
T-10.IV.1. All magic is an attempt at reconciling the irreconcilable. All religion is the recognition that the irreconcilable cannot be reconciled. Sickness and perfection are irreconcilable. If God created you perfect, you are perfect. If you believe you can be sick, you have placed other gods before Him. God is not at war with the god of sickness you made, but you are. He is the symbol of deciding against God, and you are afraid of him because he cannot be reconciled with God’s Will. If you attack him, you will make him real to you. But if you refuse to worship him in whatever form he may appear to you, and wherever you think you see him, he will disappear into the nothingness out of which he was made.

T-10.IV.2. Reality can dawn only on an unclouded mind. It is always there to be accepted, but its acceptance depends on your willingness to have it. To know reality must involve the willingness to judge unreality for what it is. To overlook nothingness is merely to judge it correctly, and because of your ability to evaluate it truly, to let it go. Knowledge cannot dawn on a mind full of illusions, because truth and illusions are irreconcilable. Truth is whole, and cannot be known by part of a mind.

T-10.IV.3. The Sonship cannot be perceived as partly sick, because to perceive it that way is not to perceive it at all. If the Sonship is One, it is One in all respects. Oneness cannot be divided. If you perceive other gods your mind is split, and you will not be able to limit the split, because it is the sign that you have removed part of your mind from God’s Will. This means it is out of control. To be out of control is to be out of reason, and then the mind does become unreasonable. By defining the mind wrongly, you perceive it as functioning wrongly.

T-10.IV.4. God’s laws will keep your mind at peace because peace is His Will, and His laws are established to uphold it. His are the laws of freedom, but yours are the laws of bondage. Since freedom and bondage are irreconcilable, their laws cannot be understood together. The laws of God work only for your good, and there are no other laws beside His. Everything else is merely lawless and therefore chaotic. Yet God Himself has protected everything He created by His laws. Everything that is not under them does not exist. “Laws of chaos” is a meaningless term. Creation is perfectly lawful, and the chaotic is without meaning because it is without God. You have “given” your peace to the gods you made, but they are not there to take it from you, and you cannot give it to them.

T-10.IV.5. You are not free to give up freedom, but only to deny it. You cannot do what God did not intend, because what He did not intend does not happen. Your gods do not bring chaos; you are endowing them with chaos, and accepting it of them. All this has never been. Nothing but the laws of God has ever been, and nothing but His Will will ever be. You were created through His laws and by His Will, and the manner of your creation established you a creator. What you have made is so unworthy of you that you could hardly want it, if you were willing to see it as it is. You will see nothing at all. And your vision will automatically look beyond it, to what is in you and all around you. Reality cannot break through the obstructions you interpose, but it will envelop you completely when you let them go.

T-10.IV.6. When you have experienced the protection of God, the making of idols becomes inconceivable. There are no strange images in the Mind of God, and what is not in His Mind cannot be in yours, because you are of one mind and that mind belongs to Him. It is yours because it belongs to Him, for to Him ownership is sharing. And if it is so for Him, it is so for you. His definitions are His laws, for by them He established the universe as what it is. No false gods you attempt to interpose between yourself and your reality affect truth at all. Peace is yours because God created you. And He created nothing else.

T-10.IV.7. The miracle is the act of a Son of God who has laid aside all false gods, and calls on his brothers to do likewise. It is an act of faith, because it is the recognition that his brother can do it. It is a call to the Holy Spirit in his mind, a call that is strengthened by joining. Because the miracle worker has heard God’s Voice, he strengthens It in a sick brother by weakening his belief in sickness, which he does not share. The power of one mind can shine into another, because all the lamps of God were lit by the same spark. It is everywhere and it is eternal.

T-10.IV.8. In many only the spark remains, for the Great Rays are obscured. Yet God has kept the spark alive so that the Rays can never be completely forgotten. If you but see the little spark you will learn of the greater light, for the Rays are there unseen. Perceiving the spark will heal, but knowing the light will create. Yet in the returning the little light must be acknowledged first, for the separation was a descent from magnitude to littleness. But the spark is still as pure as the Great Light, because it is the remaining call of creation. Put all your faith in it, and God Himself will answer you.

IV. La fine della malattia
1. L’intero pensiero magico è un tentativo di riconciliare l’inconciliabile. 2Ogni religione è il riconoscimento che l’inconciliabile non può essere riconciliato. 3Malattia e perfezione sono inconciliabili. 4Se Dio ti ha creato perfetto, tu sei perfetto. 5Se credi di poter essere malato, hai posto altri dei prima di Lui. 6Dio non è in guerra con il dio della malattia che hai fatto tu, ma tu lo sei. 7È il simbolo della decisione contro Dio e ne hai paura perché non può essere riconciliato con la Volontà di Dio. 8Se lo attacchi lo renderai reale per te. 9Ma se rifiuti di adorarlo in qualsiasi forma possa apparirti, e in qualsiasi posto pensi di vederlo, scomparirà nel nulla dal quale è stato fatto.

2. La realtà può apparire solo in una mente serena. 2È sempre lì per essere accettata, ma la sua accettazione dipende dalla tua disponibilità ad averla. 3Conoscere la realtà deve implicare che si è disponibili a giudicare l’irrealtà per quello che è. 4Guardare oltre la nullità è semplicemente giudicarla correttamente e, a causa della tua capacità di valutarla in modo veritiero, lasciarla andare. 5La conoscenza non può apparire in una mente piena di illusioni, poiché verità e illusioni sono inconciliabili. 6La verità è completa e non può essere conosciuta solo da una parte della mente.

3. La Figliolanza non può essere percepita come parzialmente malata, perché percepirla così vuol dire non percepirla affatto. 2Se la Figliolanza è Una, è Una in tutti gli aspetti. 3Ciò che è uno non può essere diviso. 4Se percepisci altri dei la tua mente è divisa e non sarai in grado di limitare la divisione poiché è il segno che hai tolto parte della tua mente dalla Volontà di Dio. 5Ciò significa che è senza controllo. 6Essere senza controllo è essere senza ragione e quindi la mente diventa di fatto irragionevole. 7Definendo la mente in maniera errata, la percepisci come se funzionasse in modo sbagliato.

4. Le leggi di Dio manterranno la tua mente in pace perché la pace è la Sua Volontà e le Sue leggi sono state fatte per mantenerla. 2Le Sue sono le leggi della libertà, ma le tue sono le leggi della schiavitù. 3Poiché libertà e schiavitù sono inconciliabili, le loro leggi non possono essere comprese assieme. 4Le leggi di Dio lavorano solo per il tuo bene e non ci sono altre leggi accanto alle Sue. 5Tutto il resto è semplicemente senza leggi e perciò caotico. 6Tuttavia Dio Stesso ha protetto con le Sue leggi tutto ciò che ha creato. 7Tutto ciò che non sottostà ad esse non esiste. 8“Leggi del caos” è un termine senza significato. 9La creazione è perfettamente in accordo con la legge e ciò che è caotico è senza significato poiché è senza Dio. 10Hai “dato” la tua pace agli dei che hai fatto tu, ma essi non sono lì a prenderla e tu non puoi darla loro.

5. Tu non sei libero di rinunciare alla libertà, ma soltanto di negarla. 2Non puoi fare quello che Dio non ha disposto, perché ciò che Egli non ha disposto non è accaduto. 3I tuoi dei non portano il caos: tu li stai dotando di caos e lo stai accettando da loro. 4Tutto ciò non è mai stato. 5Nulla tranne le leggi di Dio è mai stato e nulla eccetto la Sua Volontà sarà mai. 6Sei stato creato tramite le Sue leggi e per mezzo della Sua Volontà, e il modo in cui sei stato creato ha stabilito che tu fossi un creatore. 7Quello che hai fatto è talmente indegno di te che non lo vorresti affatto se fossi disposto a vederlo così com’è. 8Non vedrai proprio nulla. 9E la tua visione guarderà automaticamente oltre ciò, verso quello che è in te e tutt’intorno a te. 10La realtà non può irrompere attraverso le ostruzioni che tu interponi, ma ti avvilupperà completamente quando le lascerai andare.

6. Quando avrai fatto esperienza della protezione di Dio, fare idoli diventerà inconcepibile. 2Non ci sono strane immagini nella Mente di Dio e quello che non è nella Sua Mente non può essere nella tua, poiché tu sei una mente unita e quella mente appartiene a Lui. 3È tua perché appartiene a Lui, poiché per Lui possesso è condivisione. 4E se è così per Lui lo è per te. 5Le Sue definizioni sono le Sue leggi perché per mezzo di esse Egli ha stabilito l’universo per quello che è. 6Nessun falso dio che tu tenti di interporre tra te stesso e la tua realtà ha alcun effetto sulla verità. 7La pace è tua perché ti ha creato Dio. 8E non ha creato niente altro.

7. Il miracolo è l’atto di un Figlio di Dio che ha messo da parte tutti i falsi dei e invita i suoi fratelli a fare altrettanto. 2È un atto di fede poiché è il riconoscimento che suo fratello è in grado di farlo. 3È un invito allo Spirito Santo perché entri nella sua mente, un invito che viene rafforzato con l’unione. 4Poiché colui che opera il miracolo ha udito la Voce di Dio, La rafforza in un fratello malato indebolendo la sua credenza nella malattia che egli non condivide. 5Il potere di una mente unita può risplendere in un’altra perché tutte le lampade di Dio sono state accese dalla stessa scintilla. 6È ovunque ed è eterna

8. In molti rimane solo la scintilla perché i Grandi Raggi sono oscurati. 2Tuttavia Dio ha mantenuto viva la scintilla affinché i Raggi non possano mai essere dimenticati del tutto. 3Se solo vedrai la piccola scintilla, saprai della luce più grande poiché i Raggi sono lì, non visti. 4Percepire la scintilla guarirà, ma conoscere la luce creerà. 5Tuttavia sulla via del ritorno deve per prima essere riconosciuta la piccola luce poiché la separazione è stata una discesa dalla grandezza alla piccolezza. 6Ma la scintilla è ancora pura come la Grande Luce, perché è il richiamo che rimane della creazione. 7Metti tutta la tua fede in essa e Dio Stesso ti risponderà.

V. The Denial of God
T-10.V.1. The rituals of the god of sickness are strange and very demanding. Joy is never permitted, for depression is the sign of allegiance to him. Depression means that you have forsworn God. Many are afraid of blasphemy, but they do not understand what it means. They do not realize that to deny God is to deny their own Identity, and in this sense the wages of sin is death. The sense is very literal; denial of life perceives its opposite, as all forms of denial replace what is with what is not. No one can really do this, but that you can think you can and believe you have is beyond dispute.

T-10.V.2. Do not forget, however, that to deny God will inevitably result in projection, and you will believe that others and not yourself have done this to you. You must receive the message you give because it is the message you want. You may believe that you judge your brothers by the messages they give you, but you have judged them by the message you give to them. Do not attribute your denial of joy to them, or you cannot see the spark in them that would bring joy to you. It is the denial of the spark that brings depression, for whenever you see your brothers without it, you are denying God.

T-10.V.3. Allegiance to the denial of God is the ego’s religion. The god of sickness obviously demands the denial of health, because health is in direct opposition to its own survival. But consider what this means to you. Unless you are sick you cannot keep the gods you made, for only in sickness could you possibly want them. Blasphemy, then, is self-destructive, not God-destructive. It means that you are willing not to know yourself in order to be sick. This is the offering your god demands because, having made him out of your insanity, he is an insane idea. He has many forms, but although he may seem to be many different things he is but one idea;–the denial of God.

T-10.V.4. Sickness and death seemed to enter the mind of God’s Son against His Will. The “attack on God” made His Son think he was Fatherless, and out of his depression he made the god of depression. This was his alternative to joy, because he would not accept the fact that, although he was a creator, he had been created. Yet the Son is helpless without the Father, Who alone is his Help.

T-10.V.5. I said before that of yourself you can do nothing, but you are not of yourself. If you were, what you have made would be true, and you could never escape. It is because you did not make yourself that you need be troubled over nothing. Your gods are nothing, because your Father did not create them. You cannot make creators who are unlike your Creator, any more than He could have created a Son who was unlike Him. If creation is sharing, it cannot create what is unlike itself. It can share only what it is. Depression is isolation, and so it could not have been created.

T-10.V.6. Son of God, you have not sinned, but you have been much mistaken. Yet this can be corrected and God will help you, knowing that you could not sin against Him. You denied Him because you loved Him, knowing that if you recognized your love for Him, you could not deny Him. Your denial of Him therefore means that you love Him, and that you know He loves you. Remember that what you deny you must have once known. And if you accept denial, you can accept its undoing.

T-10.V.7. Your Father has not denied you. He does not retaliate, but He does call to you to return. When you think He has not answered your call, you have not answered His. He calls to you from every part of the Sonship, because of His Love for His Son. If you hear His message He has answered you, and you will learn of Him if you hear aright. The Love of God is in everything He created, for His Son is everywhere. Look with peace upon your brothers, and God will come rushing into your heart in gratitude for your gift to Him.

T-10.V.8. Do not look to the god of sickness for healing but only to the God of love, for healing is the acknowledgment of Him. When you acknowledge Him you will know that He has never ceased to acknowledge you, and that in His acknowledgment of you lies your being. You are not sick and you cannot die. But you can confuse yourself with things that do. Remember, though, that to do this is blasphemy, for it means that you are looking without love on God and His creation, from which He cannot be separated.

T-10.V.9. Only the eternal can be loved, for love does not die. What is of God is His forever, and you are of God. Would He allow Himself to suffer? And would He offer His Son anything that is not acceptable to Him? If you will accept yourself as God created you, you will be incapable of suffering. Yet to do this you must acknowledge Him as your Creator. This is not because you will be punished otherwise. It is merely because your acknowledgment of your Father is the acknowledgment of yourself as you are. Your Father created you wholly without sin, wholly without pain and wholly without suffering of any kind. If you deny Him you bring sin, pain and suffering into your own mind because of the power He gave it. Your mind is capable of creating worlds, but it can also deny what it creates because it is free.

T-10.V.10. You do not realize how much you have denied yourself, and how much God, in His Love, would not have it so. Yet He would not interfere with you, because He would not know His Son if he were not free. To interfere with you would be to attack Himself, and God is not insane. When you deny Him you are insane. Would you have Him share your insanity? God will never cease to love His Son, and His Son will never cease to love Him. That was the condition of His Son’s creation, fixed forever in the Mind of God. To know that is sanity. To deny it is insanity. God gave Himself to you in your creation, and His gifts are eternal. Would you deny yourself to Him?

T-10.V.11. Out of your gifts to Him the Kingdom will be restored to His Son. His Son removed himself from His gift by refusing to accept what had been created for him, and what he had created in the Name of his Father. Heaven waits for his return, for it was created as the dwelling place of God’s Son. You are not at home anywhere else, or in any other condition. Do not deny yourself the joy that was created for you for the misery you have made for yourself. God has given you the means for undoing what you have made. Listen, and you will learn how to remember what you are.

T-10.V.12. If God knows His children as wholly sinless, it is blasphemous to perceive them as guilty. If God knows His children as wholly without pain, it is blasphemous to perceive suffering anywhere. If God knows His children to be wholly joyous, it is blasphemous to feel depressed. All of these illusions, and the many other forms that blasphemy may take, are refusals to accept creation as it is. If God created His Son perfect, that is how you must learn to see him to learn of his reality. And as part of the Sonship, that is how you must see yourself to learn of yours.

T-10.V.13. Do not perceive anything God did not create or you are denying Him. His is the only Fatherhood, and it is yours only because He has given it to you. Your gifts to yourself are meaningless, but your gifts to your creations are like His, because they are given in His Name. That is why your creations are as real as His. Yet the real Fatherhood must be acknowledged if the real Son is to be known. You believe that the sick things you have made are your real creations, because you believe that the sick images you perceive are the Sons of God. Only if you accept the Fatherhood of God will you have anything, because His Fatherhood gave you everything. That is why to deny Him is to deny yourself.

T-10.V.14. Arrogance is the denial of love, because love shares and arrogance withholds. As long as both appear to you to be desirable the concept of choice, which is not of God, will remain with you. While this is not true in eternity it is true in time, so that while time lasts in your mind there will be choices. Time itself is your choice. If you would remember eternity, you must look only on the eternal. If you allow yourself to become preoccupied with the temporal, you are living in time. As always, your choice is determined by what you value. Time and eternity cannot both be real, because they contradict each other. If you will accept only what is timeless as real, you will begin to understand eternity and make it yours.

V. La negazione di Dio
1. I rituali del dio della malattia sono strani e molto esigenti. 2La gioia non viene mai permessa, poiché la depressione è il segno dell’alleanza con lui. 3Depressione significa che hai abiurato Dio. 4Molti temono la blasfemia, ma non comprendono cosa significhi. 5Non capiscono che negare Dio è negare la loro Identità e in questo senso il prezzo del peccato è la morte. 6Il senso è assolutamente letterale: la negazione della vita percepisce il suo opposto, come tutte le forme di negazione sostituiscono ciò che è con ciò che non è. 7Nessuno può farlo, in realtà, ma è fuori discussione che tu possa pensare di poterlo fare e credere di riuscirci.

2. Non dimenticare, comunque, che negare Dio avrà inevitabilmente come risultato la proiezione e crederai che altri, e non tu stesso, ti abbiano fatto questo. 2Devi ricevere il messaggio che dai, poiché è il messaggio che vuoi. 3Puoi credere che giudichi i tuoi fratelli tramite i messaggi che ti danno, ma tu li hai giudicati per mezzo dei messaggi che tu dai loro. 4Non attribuire la tua negazione della gioia a loro o non potrai vedere in loro la scintilla che ti porterà gioia. 5È la negazione della scintilla che porta depressione perché ogniqualvolta vedi i tuoi fratelli senza di essa, stai negando Dio.

3. La fedeltà alla negazione di Dio è la religione dell’ego. 2Il dio della malattia ovviamente esige la negazione della salute, perché la salute è in opposizione diretta alla sua sopravvivenza. 3Ma considera cosa questo significa per te. 4A meno che tu non sia malato, non puoi mantenere gli dei che hai fatto perché solo nella malattia potresti volerli davvero. 5La blasfemia, quindi, è distruttiva nei confronti di se stessi, ma non nei confronti di Dio. 6Ciò significa che sei disposto a non conoscerti per essere malato. 7Questa è l’offerta che il tuo dio esige perché, avendolo fatto con la tua follia, è un’idea folle. 8Ha molte forme, ma sebbene possa sembrare essere molte cose diverse non è che un’idea: la negazione di Dio.

4. Malattia e morte sembrarono entrare nella mente del Figlio di Dio contro la Sua Volontà. 2“L’attacco contro Dio” ha fatto pensare a Suo Figlio di essere senza Padre e dalla sua depressione ha fatto il dio della depressione. 3Questa è stata la sua alternativa alla gioia poiché non ha voluto accettare il fatto che, sebbene fosse un creatore, era stato creato. 4Tuttavia il Figlio è impotente senza il Padre, Che è il suo solo Aiuto.

5. Ho detto in precedenza che di tuo non puoi fare nulla, ma tu non sei di te. 2Se fosse così, quello che hai fatto sarebbe vero e non potresti mai trovare scampo. 3È grazie al fatto che non sei stato tu a fare te stesso che non devi preoccuparti di nulla. 4I tuoi dei non sono nulla perché tuo Padre non li ha creati. 5Non puoi fare creatori che siano dissimili dal tuo Creatore, più di quanto Egli possa aver creato un Figlio non simile a Lui. 6Se la creazione è condivisione, non può creare ciò che è diverso da se stessa. 7Può condividere soltanto ciò che è. 8La depressione è isolamento e così non avrebbe potuto essere stata creata.

6. Figlio di Dio, tu non hai peccato, ma ti sei sbagliato di grosso. 2Tuttavia ciò può essere corretto e Dio ti aiuterà, sapendo che non potresti peccare contro di Lui. 3Lo hai negato perché Lo amavi, sapendo che se avessi riconosciuto il tuo amore per Lui non avresti potuto negarLo. 4La tua negazione di Lui significa perciò che Lo ami e che sai che Lui ti ama. 5Ricorda che devi avere già conosciuto ciò che neghi. 6E se accetti la negazione, puoi accettarne il disfacimento.

7. Tuo Padre non ti ha negato. 2Egli non si vendica, ma ti invita piuttosto a ritornare. 3Quando pensi che Egli non abbia risposto al tuo richiamo è perché tu non hai risposto alla Sua. 4Ti chiama da ogni parte della Figliolanza grazie al Suo Amore per Suo Figlio. 5Se ascolti il Suo messaggio, Egli ti ha risposto e imparerai di Lui se ascolti nel modo giusto. 6L’Amore di Dio è in tutto ciò che Egli ha creato poiché Suo Figlio è ovunque. 7Guarda in pace i tuoi fratelli e Dio irromperà nel tuo cuore in gratitudine per il dono che Gli hai fatto.

8. Non guardare il dio della malattia per guarire, ma soltanto il Dio dell’amore poiché la guarigione è il Suo riconoscimento. 2Quando Lo riconoscerai saprai che Egli non ha mai cessato di riconoscerti e che nel Suo riconoscerti si trova il tuo essere. 3Tu non sei malato e non puoi morire. 4Ma puoi confonderti con cose che lo fanno. 5Ricorda, allora, che fare ciò è blasfemia, poiché ciò significa che stai guardando senza amore Dio e la Sua creazione, dalla quale Egli non può essere separato.

9. Solo ciò che è eterno può essere amato, poiché l’amore non muore. 2Ciò che è di Dio è Suo per sempre e tu sei di Dio. 3Egli può forse permettere a Se Stesso di soffrire? 4E offrirebbe forse a Suo Figlio qualcosa che per Lui non sia accettabile? 5Se accetterai te stesso così come Dio ti ha creato sarai incapace di soffrire. 6Tuttavia, per fare ciò devi riconoscerLo come tuo Creatore. 7E non perché altrimenti verrai punito. 8Ma semplicemente perché il riconoscimento di tuo Padre è il riconoscimento di te stesso così come sei. 9Tuo Padre ti ha creato interamente senza peccato, interamente senza dolore e interamente privo di ogni tipo di sofferenza. 10Se Lo neghi, porti peccato, dolore e sofferenza nella tua mente a causa del potere che Egli le ha dato. 11La tua mente è in grado di creare mondi, ma può anche negare ciò che crea dal momento che è libera.

10. Tu non comprendi quanto hai negato te stesso, e quanto Dio, nel Suo Amore, non vuole che sia così. 2Tuttavia Egli non interferisce con te, perché non conoscerebbe Suo Figlio se non fosse libero. 3Interferire con te vorrebbe dire attaccare Se Stesso e Dio non è folle. 4Tu sei folle quando Lo neghi. 5Vorresti forse che Lui condividesse la tua follia? 6Dio non cesserà mai di amare Suo Figlio e Suo Figlio non cesserà mai di amarLo. 7Questa è stata la condizione della creazione di Suo Figlio, stabilita per sempre nella Mente di Dio. 8Conoscere ciò è sanità mentale. 9Negarlo è follia. 10Dio Si è dato a te nel crearti e i Suoi doni sono eterni. 11Ti negheresti forse a Lui?

11. Come risultato dei tuoi doni a Lui, a Suo Figlio verrà ripristinato il Regno. 2Suo Figlio si è scostato dal Suo dono rifiutando di accettare quello che era stato creato per lui e ciò che aveva creato in Nome del Padre. 3Il Cielo aspetta il suo ritorno perché è stato creato come dimora del Figlio di Dio. 4Non sei a casa da nessun’altra parte o in nessun’altra condizione. 5Non negarti la gioia che è stata creata per te al posto della miserevolezza che hai fatto di te stesso. 6Dio ti ha dato il mezzo per disfare ciò che hai fatto. 7Ascolta e imparerai come ricordare ciò che sei.

12. Se Dio conosce i Suoi bambini come del tutto senza peccato, è blasfemo percepirli colpevoli. 2Se Dio conosce i Suoi bambini come interamente senza dolore, è blasfemo percepire sofferenza in qualsiasi luogo. 3Se Dio conosce i Suoi bambini come interamente gioiosi, è blasfemo sentirsi depressi. 4Tutte queste illusioni e le molte altre forme che la blasfemia può assumere, sono modi di rifiutare di accettare la creazione così com’è. 5Se Dio ha creato Suo Figlio perfetto, ecco come devi imparare a vederlo per imparare la sua realtà. 6E, in quanto parte della Figliolanza, ecco come devi vederti per imparare la tua.

13. Non percepire nulla di ciò che Dio non ha creato, o Lo negherai. 2La Sua è la sola Paternità ed è tua soltanto perché Egli te l’ha data. 3I doni che fai a te stesso sono senza significato, ma i tuoi doni alle tue creazioni sono come i Suoi, perché sono dati nel Suo Nome. 4Ecco perché le tue creazioni sono tanto reali quanto le Sue. 5Tuttavia la vera Paternità deve essere riconosciuta se si vuole conoscere il vero Figlio. 6Tu credi che le cose malate che hai fatto tu siano le tue reali creazioni, poiché credi che le immagini malate che percepisci siano i Figli di Dio. 7Soltanto se accetti la Paternità di Dio avrai qualsiasi cosa, poiché la Sua Paternità ti ha dato tutto. 8Ecco perché negare Lui è negare Te Stesso.

14. L’arroganza è la negazione dell’amore, perché l’amore condivide e l’arroganza nega. 2Fintanto che ti appariranno entrambi desiderabili, il concetto di scelta, che non è di Dio, resterà in te. 3Mentre questo non è vero nell’eternità, è vero nel tempo, cosicché per tutta la durata del tempo nella tua mente ci saranno scelte. 4Il tempo stesso è una tua scelta. 5Se vuoi ricordare l’eternità, devi guardare solo ciò che è eterno. 6Se ti permetti di preoccuparti delle cose temporali, vivi nel tempo. 7Come sempre, la tua scelta è determinata da ciò a cui dai valore. 8Tempo ed eternità non possono essere entrambi reali, poiché si contraddicono l’un l’altro. 9Se accetterai come reale solo ciò che è senza tempo, inizierai a capire l’eternità e a farla tua.

Chapter 11. God or the ego - Capitolo 11. Dio oppure l'ego

Introduction
T-11.in.1. Either God or the ego is insane. If you will examine the evidence on both sides fairly, you will realize this must be true. Neither God nor the ego proposes a partial thought system. Each is internally consistent, but they are diametrically opposed in all respects so that partial allegiance is impossible. Remember, too, that their results are as different as their foundations, and their fundamentally irreconcilable natures cannot be reconciled by vacillations between them. Nothing alive is Fatherless, for life is creation. Therefore, your decision is always an answer to the question, “Who is my father?” And you will be faithful to the father you choose.

T-11.in.2. Yet what would you say to someone who believed this question really involves conflict? If you made the ego, how can the ego have made you? The authority problem is still the only source of conflict, because the ego was made out of the wish of God’s Son to father Him. The ego, then, is nothing more than a delusional system in which you made your own father. Make no mistake about this. It sounds insane when it is stated with perfect honesty, but the ego never looks on what it does with perfect honesty. Yet that is its insane premise, which is carefully hidden in the dark cornerstone of its thought system. And either the ego, which you made, is your father, or its whole thought system will not stand.

T-11.in.3. You make by projection, but God creates by extension. The cornerstone of God’s creation is you, for His thought system is light. Remember the Rays that are there unseen. The more you approach the center of His thought system, the clearer the light becomes. The closer you come to the foundation of the ego’s thought system, the darker and more obscure becomes the way. Yet even the little spark in your mind is enough to lighten it. Bring this light fearlessly with you, and bravely hold it up to the foundation of the ego’s thought system. Be willing to judge it with perfect honesty. Open the dark cornerstone of terror on which it rests, and bring it out into the light. There you will see that it rested on meaninglessness, and that everything of which you have been afraid was based on nothing.

T-11.in.4. My brother, you are part of God and part of me. When you have at last looked at the ego’s foundation without shrinking you will also have looked upon ours. I come to you from our Father to offer you everything again. Do not refuse it in order to keep a dark cornerstone hidden, for its protection will not save you. I give you the lamp and I will go with you. You will not take this journey alone. I will lead you to your true Father, Who hath need of you, as I have. Will you not answer the call of love with joy?

Introduzione
1. O è folle Dio o lo è l’ego. 2Se esaminerai onestamente le prove di ciascuna delle due parti, ti renderai conto che deve essere vero. 3Né Dio né l’ego propongono un sistema di pensiero parziale. 4Ciascuno è coerente al proprio interno, ma sono diametralmente opposti sotto ogni aspetto, cosicché è impossibile una fedeltà parziale. 5Ricorda, anche, che i loro risultati sono altrettanto differenti quanto i loro fondamenti, e la loro natura fondamentalmente inconciliabile non può essere conciliata vacillando tra l’uno e l’altro. 6Niente di ciò che vive è senza Padre, poiché la vita è creazione. 7Pertanto la tua decisione è sempre una risposta alla domanda “chi è mio padre? ”8E sarai fedele al padre che sceglierai.

2. Ma cosa diresti a qualcuno che credesse che questa domanda in realtà implichi un conflitto? 2Se tu hai fatto l’ego, come può l’ego averti fatto? 3Il problema dell’autorità è ancora l’unica fonte di conflitto, perché l’ego è stato fatto dal desiderio del Figlio di Dio di fare da padre a Dio. 4L’ego, dunque, non è niente altro che un sistema delirante nel quale tu hai fatto il tuo stesso padre. 5Non fare errori in merito a ciò. 6Suona folle quando viene affermato con perfetta onestà, ma l’ego non guarda mai ciò che fa con perfetta onestà. 7Tuttavia questa è la sua folle premessa, che è attentamente nascosta nell’oscura pietra angolare del suo sistema di pensiero. 8O l’ego, che hai fatto tu, è tuo padre, o il suo intero sistema di pensiero non sta in piedi.

3. Tu fai per mezzo della proiezione, ma Dio crea attraverso l’estensione. 2Tu sei la pietra angolare della creazione di Dio, perché il Suo sistema di pensiero è luce. 3Ricorda i Raggi che vi si trovano, non visti. 4Più ti avvicini al centro del Suo sistema di pensiero, più chiara diventa la luce. 5Più ti avvicini ai fondamenti del sistema di pe