testo2

Chapter 15. The Holy Istant - Capitolo 15. l'Istante Santo

I. The Two Uses of Time
T-15.I.1. Can you imagine what it means to have no cares, no worries, no anxieties, but merely to be perfectly calm and quiet all the time? Yet that is what time is for; to learn just that and nothing more. God’s Teacher cannot be satisfied with His teaching until it constitutes all your learning. He has not fulfilled His teaching function until you have become such a consistent learner that you learn only of Him. When this has happened, you will no longer need a teacher or time in which to learn.

T-15.I.2. One source of perceived discouragement from which you may suffer is your belief that this takes time, and that the results of the Holy Spirit’s teaching are far in the future. This is not so. For the Holy Spirit uses time in His Own way, and is not bound by it. Time is His friend in teaching. It does not waste Him, as it does you. And all the waste that time seems to bring with it is due but to your identification with the ego, which uses time to support its belief in destruction. The ego, like the Holy Spirit, uses time to convince you of the inevitability of the goal and end of teaching. To the ego the goal is death, which is its end. But to the Holy Spirit the goal is life, which has no end.

T-15.I.3. The ego is an ally of time, but not a friend. For it is as mistrustful of death as it is of life, and what it wants for you it cannot tolerate. The ego wants you dead, but not itself. The outcome of its strange religion must therefore be the conviction that it can pursue you beyond the grave. And out of its unwillingness for you to find peace even in death, it offers you immortality in hell. It speaks to you of Heaven, but assures you that Heaven is not for you. How can the guilty hope for Heaven?

T-15.I.4. The belief in hell is inescapable to those who identify with the ego. Their nightmares and their fears are all associated with it. The ego teaches that hell is in the future, for this is what all its teaching is directed to. Hell is its goal. For although the ego aims at death and dissolution as an end, it does not believe it. The goal of death, which it craves for you, leaves it unsatisfied. No one who follows the ego’s teaching is without the fear of death. Yet if death were thought of merely as an end to pain, would it be feared? We have seen this strange paradox in the ego’s thought system before, but never so clearly as here. For the ego must seem to keep fear from you to hold your allegiance. Yet it must engender fear in order to maintain itself. Again the ego tries, and all too frequently succeeds, in doing both, by using dissociation for holding its contradictory aims together so that they seem to be reconciled. The ego teaches thus: Death is the end as far as hope of Heaven goes. Yet because you and the ego cannot be separated, and because it cannot conceive of its own death, it will pursue you still, because guilt is eternal. Such is the ego’s version of immortality. And it is this the ego’s version of time supports.

T-15.I.5. The ego teaches that Heaven is here and now because the future is hell. Even when it attacks so savagely that it tries to take the life of someone who thinks its is the only voice, it speaks of hell even to him. For it tells him hell is here as well, and bids him leap from hell into oblivion. The only time the ego allows anyone to look upon with equanimity is the past. And even there, its only value is that it is no more.

T-15.I.6. How bleak and despairing is the ego’s use of time! And how terrifying! For underneath its fanatical insistence that the past and future be the same is hidden a far more insidious threat to peace. The ego does not advertise its final threat, for it would have its worshippers still believe that it can offer them escape. But the belief in guilt must lead to the belief in hell, and always does. The only way in which the ego allows the fear of hell to be experienced is to bring hell here, but always as a foretaste of the future. For no one who considers himself as deserving of hell can believe that punishment will end in peace.

T-15.I.7. The Holy Spirit teaches thus: There is no hell. Hell is only what the ego has made of the present. The belief in hell is what prevents you from understanding the present, because you are afraid of it. The Holy Spirit leads as steadily to Heaven as the ego drives to hell. For the Holy Spirit, Who knows only the present, uses it to undo the fear by which the ego would make the present useless. There is no escape from fear in the ego’s use of time. For time, according to its teaching, is nothing but a teaching device for compounding guilt until it becomes all-encompassing, demanding vengeance forever.

T-15.I.8. The Holy Spirit would undo all of this now. Fear is not of the present, but only of the past and future, which do not exist. There is no fear in the present when each instant stands clear and separated from the past, without its shadow reaching out into the future. Each instant is a clean, untarnished birth, in which the Son of God emerges from the past into the present. And the present extends forever. It is so beautiful and so clean and free of guilt that nothing but happiness is there. No darkness is remembered, and immortality and joy are now.

T-15.I.9. This lesson takes no time. For what is time without a past and future? It has taken time to misguide you so completely, but it takes no time at all to be what you are. Begin to practice the Holy Spirit’s use of time as a teaching aid to happiness and peace. Take this very instant, now, and think of it as all there is of time. Nothing can reach you here out of the past, and it is here that you are completely absolved, completely free and wholly without condemnation. From this holy instant wherein holiness was born again you will go forth in time without fear, and with no sense of change with time.

T-15.I.10. Time is inconceivable without change, yet holiness does not change. Learn from this instant more than merely that hell does not exist. In this redeeming instant lies Heaven. And Heaven will not change, for the birth into the holy present is salvation from change. Change is an illusion, taught by those who cannot see themselves as guiltless. There is no change in Heaven because there is no change in God. In the holy instant, in which you see yourself as bright with freedom, you will remember God. For remembering Him is to remember freedom.

T-15.I.11. If you are tempted to be dispirited by thinking how long it would take to change your mind so completely, ask yourself, “How long is an instant?” Could you not give so short a time to the Holy Spirit for your salvation? He asks no more, for He has no need of more. It takes far longer to teach you to be willing to give Him this than for Him to use this tiny instant to offer you the whole of Heaven. In exchange for this instant He stands ready to give you the remembrance of eternity.

T-15.I.12. You will never give this holy instant to the Holy Spirit on behalf of your release while you are unwilling to give it to your brothers on behalf of theirs. For the instant of holiness is shared, and cannot be yours alone. Remember, then, when you are tempted to attack a brother, that his instant of release is yours. Miracles are the instants of release you offer, and will receive. They attest to your willingness to be released, and to offer time to the Holy Spirit for His use of it.

T-15.I.13. How long is an instant? It is as short for your brother as it is for you. Practice giving this blessed instant of freedom to all who are enslaved by time, and thus make time their friend for them. The Holy Spirit gives their blessed instant to you through your giving it. As you give it, He offers it to you. Be not unwilling to give what you would receive of Him, for you join with Him in giving. In the crystal cleanness of the release you give is your instantaneous escape from guilt. You must be holy if you offer holiness.

T-15.I.14. How long is an instant? As long as it takes to re-establish perfect sanity, perfect peace and perfect love for everyone, for God and for yourself. As long as it takes to remember immortality, and your immortal creations who share it with you. As long as it takes to exchange hell for Heaven. Long enough to transcend all of the ego’s making, and ascend unto your Father.

T-15.I.15. Time is your friend, if you leave it to the Holy Spirit to use. He needs but very little to restore God’s whole power to you. He Who transcends time for you understands what time is for. Holiness lies not in time, but in eternity. There never was an instant in which God’s Son could lose his purity. His changeless state is beyond time, for his purity remains forever beyond attack and without variability. Time stands still in his holiness, and changes not. And so it is no longer time at all. For caught in the single instant of the eternal sanctity of God’s creation, it is transformed into forever. Give the eternal instant, that eternity may be remembered for you, in that shining instant of perfect release. Offer the miracle of the holy instant through the Holy Spirit, and leave His giving it to you to Him.

I. I due usi del tempo
1. Riesci ad immaginare che cosa voglia dire non avere preoccupazioni, affanni, ansie, ma semplicemente essere in ogni momento perfettamente calmi e tranquilli? 2Tuttavia questo è lo scopo del tempo: imparare proprio questo e niente più. 3L’Insegnante di Dio non potrà essere soddisfatto del Suo insegnamento finché questo non costituirà tutto il tuo apprendimento. 4Non avrà completato la Sua funzione di insegnamento finché non sarai diventato uno studente così coerente da apprendere solo da Lui. 5Quando questo sarà successo, non avrai più bisogno di un insegnante o di tempo nel quale imparare.

2. Una fonte di scoraggiamento che percepisci e per la quale potrai soffrire è credere che questo richieda del tempo e che i risultati dell’insegnamento dello Spirito Santo siano lontani nel futuro. 2Non è così. 3Perché lo Spirito Santo usa il tempo a modo Suo e non ne è legato. 4Il tempo è il Suo amico nell’insegnamento. 5Non Lo logora come logora te. 6E tutta la devastazione che il tempo sembra recare con sé è dovuta solo alla tua identificazione con l’ego, che usa il tempo per sostenere la sua credenza nella distruzione. 7L’ego, come lo Spirito Santo, usa il tempo per convincerti dell’inevitabilità dell’obiettivo e del fine dell’insegnamento. 8Per l’ego l’obiettivo è la morte, che è il suo fine. 9Ma per lo Spirito Santo l’obiettivo è la vita, che non ha fine.

3. L’ego è un alleato del tempo, ma non un suo amico. 2Perché non si fida della morte così come non si fida della vita, e non può tollerare ciò che vuole per te. 3L’ego vuole la tua morte, ma non la sua. 4Il risultato della sua strana religione deve quindi essere la convinzione che ti possa perseguitare oltre la tomba. 5E come risultato del suo non essere disposto a farti trovare pace perfino nella morte, ti offre l’immortalità nell’inferno. 6Ti parla del Cielo, ma ti assicura che il Cielo non è per te. 7Come può chi è colpevole sperare nel Cielo?

4. Coloro che si identificano con l’ego non possono evitare di credere nell’inferno. 2I loro incubi e le loro paure sono tutti associati ad esso. 3L’ego insegna che l’inferno è nel futuro perché a questo è diretto tutto il suo insegnamento. 4L’inferno è il suo obiettivo. 5Perché nonostante l’ego punti alla morte e alla dissoluzione come se fosse la fine, non ci crede. 6L’obiettivo della morte, che brama per te, lo lascia insoddisfatto. 7Nessuno tra coloro che seguono l’insegnamento dell’ego è esente dalla paura della morte. 8Tuttavia, farebbe forse paura la morte se si pensasse ad essa come alla fine del dolore? 9Abbiamo già visto questo strano paradosso nel sistema di pensiero dell’ego, ma mai così chiaramente come qui. 10Perché l’ego deve darti l’impressione di allontanare da te la paura per continuare ad averti come alleato. 11Tuttavia deve generare paura per mantenere se stesso. 12L’ego prova ancora, e vi riesce fin troppo frequentemente, a fare entrambe le cose, usando la dissociazione per tenere insieme i suoi obiettivi contraddittori così che sembrino essere riconciliati. 13L’ego insegna così: la morte è la fine fintanto che c’è una speranza che esista il Cielo. 14Tuttavia siccome tu e l’ego non potete essere separati, e dal momento che non può concepire la sua morte, esso ti continuerà a perseguitare perché la colpa è eterna. 15Questa è la versione che l’ego ha dell’immortalità. 16Ed è questo che la versione del tempo dell’ego sostiene.

5. L’ego sostiene che il Cielo è qui e ora perché il futuro è l’inferno. 2Anche quando attacca così selvaggiamente da cercare di prendere la vita di qualcuno che pensa che la sua sia l’unica voce, parla dell’inferno persino a lui. 3Perché gli dice che anche l’inferno è qui, e lo incita a saltare dall’inferno nell’oblio. 4L’unico momento che l’ego permette di vedere con equanimità è il passato. 5E perfino lì, il suo unico valore è che non c’è più.

6. Quanta desolazione e disperazione produce il modo in cui l’ego usa il tempo! 2E quanto terrore! 3Perché sotto la sua fanatica insistenza che il passato e il futuro siano la stessa cosa è nascosta una minaccia alla pace molto più insidiosa. 4L’ego non fa pubblicità alla sua minaccia finale, perché vuole che i suoi adoratori continuino a credere che possa offrirgli una via di fuga. 5Ma credere nella colpa deve portare a credere nell’inferno, ed è sempre così. 6L’unico modo in cui l’ego permette di provare la paura dell’inferno è portare qui l’inferno, ma sempre come pregustazione del futuro. 7Perché nessuno che si consideri meritevole dell’inferno può credere che il risultato della punizione sia la pace.

7. Lo Spirito Santo insegna così: l’inferno non esiste. 2L’inferno è solo ciò che l’ego ha fatto del presente. 3Credere nell’inferno è ciò che ti impedisce di capire il presente, perché ne hai paura. 4Lo Spirito Santo conduce diritto in Cielo proprio come l’ego guida all’inferno. 5Perché lo Spirito Santo, Che conosce solo il presente, lo usa per disfare la paura mediante la quale l’ego vuol rendere inutile il presente. 6Non c’è possibilità di sfuggire alla paura con il modo in cui l’ego usa il tempo. 7Perché il tempo, secondo il suo insegnamento, non è altro che uno strumento di insegnamento per incrementare la colpa finché pervada ogni cosa ed esiga eterna vendetta.

8. Lo Spirito Santo vuole disfare tutto questo ora. 2La paura non fa parte del presente, ma solo del passato e del futuro, che non esistono. 3Non c’è paura nel presente, nel quale ogni istante è nitido e separato dal passato, senza la sua ombra che si protende verso il futuro. 4Ogni istante è una limpida, immacolata nascita, nella quale il Figlio di Dio emerge dal passato nel presente. 5E il presente si estende per sempre. 6È così bello, così limpido e libero dalla colpa che non vi è altro che felicità. 7Non c’è ricordo dell’oscurità, e l’immortalità e la gioia sono ora.

9. Questa lezione non richiede tempo. 2Perché che cos’è il tempo senza passato e futuro? 3C’è voluto del tempo per fuorviarti completamente, ma non ci vuole affatto del tempo per essere ciò che sei. 4Inizia a far pratica di come lo Spirito Santo usa il tempo: come strumento di insegnamento che porta pace e felicità. 5Prendi questo stesso istante, ora, e pensa ad esso come a tutto ciò che esiste del tempo. 6Niente del passato può raggiungerti qui, e qui sei completamente assolto, completamente libero e totalmente privo di condanna. 7Da questo istante santo nel quale è rinata la santità andrai avanti nel tempo senza paura, e senza alcun senso di cambiamento che avvenga col tempo.

10. Il tempo è inconcepibile senza cambiamento, ma la santità non cambia. 2Impara da questo istante qualcosa di più del semplice fatto che l’inferno non esiste. 3In questo istante di redenzione c’è il Cielo. 4E il Cielo non cambierà, perché la nascita nel presente santo è la salvezza dal cambiamento. 5Il cambiamento è un’illusione, insegnata da coloro che non riescono a vedersi senza colpa. 6Non c’è cambiamento in Cielo perché non c’è cambiamento in Dio. 7Nell’istante santo, nel quale ti vedi splendente di libertà, ricorderai Dio. 8Perché ricordare Lui è ricordare la libertà.

11. Se hai la tentazione di perderti d’animo pensando a quanto tempo ci vorrà per cambiare la tua mente così completamente, chiediti: “Quanto è lungo un istante?” 2Non potresti forse dare un tempo così breve allo Spirito Santo per la tua salvezza? 3Egli non ti chiede di più, perché non ha bisogno di niente di più. 4Ci vuole molto di più per insegnarti ad essere disposto a darGli ciò, che per Lui ad usare questo minuscolo istante per offrirti l’intero Cielo. 5In cambio di questo istante Egli è pronto a darti il ricordo dell’eternità.

12. Non darai mai questo istante santo allo Spirito Santo a favore della tua liberazione finché non sarai disposto a darlo ai tuoi fratelli per la loro liberazione. 2Perché l’istante di santità è condiviso e non può essere solo tuo. 3Quindi, quando sei tentato di attaccare un fratello, ricorda che il suo istante di liberazione è il tuo. 4I miracoli sono gli istanti di liberazione che offri e che ricevi. 5Essi attestano la tua disponibilità ad essere liberato, e ad offrire tempo allo Spirito Santo perché lo usi a modo Suo.

13. Quant’è lungo un istante? 2È tanto breve per tuo fratello quanto lo è per te. 3Fai pratica nel dare questo benedetto istante di libertà a tutti coloro che sono schiavi del tempo, e rendi così il tempo un amico per loro. 4Lo Spirito Santo ti dà il loro istante benedetto grazie al fatto che tu lo dai. 5Come lo dai, Egli te lo offre. 6Sii disposto a dare ciò che vuoi ricevere da Lui, perché nel dare ti unisci a Lui. 7Nella limpidezza cristallina della liberazione che dai c’è la tua istantanea fuga dalla colpa. 8Devi essere santo se offri santità.

14. Quant’è lungo un istante? 2Il tempo necessario per ristabilire la perfetta sanità mentale, la perfetta pace e il perfetto amore per tutti, per Dio e per te stesso. 3Il tempo necessario per ricordare l’immortalità e le tue creazioni immortali che la condividono con te. 4Il tempo necessario per scambiare l’inferno col Cielo. 5Abbastanza lungo per trascendere tutte le cose fatte dall’ego e ascendere a tuo Padre.

15. Il tempo è tuo amico se lo lasci usare allo Spirito Santo. 2Non ne ha bisogno che di molto poco per ripristinare in te tutto il potere di Dio. 3Colui Che trascende il tempo per te capisce a cosa serve il tempo. 4La santità non è nel tempo ma nell’eternità. 5Non c’è mai stato un istante nel quale il Figlio di Dio potesse perdere la sua purezza. 6Il suo stato immutabile è oltre il tempo, perché la sua purezza rimarrà per sempre oltre l’attacco e invariata. 7Il tempo è quieto nella sua santità e non cambia. 8E così smette di essere tempo. 9Perché colto nell’istante preciso di santità eterna della creazione di Dio, è trasformato nell’eternità. 10Dai l’istante eterno, così che l’eternità ti possa essere ricordata in quello splendente istante di liberazione perfetta. 11Offri il miracolo dell’istante santo attraverso lo Spirito Santo, e lascia che Lui te lo dia.

II. The End of Doubt
T-15.II.1. The Atonement is in time, but not for time. Being in you, it is eternal. What holds remembrance of God cannot be bound by time. No more are you. For unless God is bound, you cannot be. An instant offered to the Holy Spirit is offered to God on your behalf, and in that instant you will awaken gently in Him. In the blessed instant you will let go all your past learning, and the Holy Spirit will quickly offer you the whole lesson of peace. What can take time, when all the obstacles to learning it have been removed? Truth is so far beyond time that all of it happens at once. For as it was created one, so its oneness depends not on time at all.

T-15.II.2. Do not be concerned with time, and fear not the instant of holiness that will remove all fear. For the instant of peace is eternal because it is without fear. It will come, being the lesson God gives you, through the Teacher He has appointed to translate time into eternity. Blessed is God’s Teacher, Whose joy it is to teach God’s holy Son his holiness. His joy is not contained in time. His teaching is for you because His joy is yours. Through Him you stand before God’s altar, where He gently translates hell into Heaven. For it is only in Heaven that God would have you be.

T-15.II.3. How long can it take to be where God would have you? For you are where you have forever been and will forever be. All that you have, you have forever. The blessed instant reaches out to encompass time, as God extends Himself to encompass you. You who have spent days, hours and even years in chaining your brothers to your ego in an attempt to support it and uphold its weakness, do not perceive the Source of strength. In this holy instant you will unchain all your brothers, and refuse to support either their weakness or your own.

T-15.II.4. You do not realize how much you have misused your brothers by seeing them as sources of ego support. As a result, they witness to the ego in your perception, and seem to provide reasons for not letting it go. Yet they are far stronger and much more compelling witnesses for the Holy Spirit. And they support His strength. It is, therefore, your choice whether they support the ego or the Holy Spirit in you. And you will recognize which you have chosen by their reactions. A Son of God who has been released through the Holy Spirit in a brother is always recognized. He cannot be denied. If you remain uncertain, it is only because you have not given complete release. And because of this, you have not given a single instant completely to the Holy Spirit. For when you have, you will be sure you have. You will be sure because the witness to Him will speak so clearly of Him that you will hear and understand. You will doubt until you hear one witness whom you have wholly released through the Holy Spirit. And then you will doubt no more.

T-15.II.5. The holy instant has not yet happened to you. Yet it will, and you will recognize it with perfect certainty. No gift of God is recognized in any other way. You can practice the mechanics of the holy instant, and will learn much from doing so. Yet its shining and glittering brilliance, which will literally blind you to this world by its own vision, you cannot supply. And here it is, all in this instant, complete, accomplished and given wholly.

T-15.II.6. Start now to practice your little part in separating out the holy instant. You will receive very specific instructions as you go along. To learn to separate out this single second, and to experience it as timeless, is to begin to experience yourself as not separate. Fear not that you will not be given help in this. God’s Teacher and His lesson will support your strength. It is only your weakness that will depart from you in this practice, for it is the practice of the power of God in you. Use it but for one instant, and you will never deny it again. Who can deny the Presence of what the universe bows to, in appreciation and gladness? Before the recognition of the universe that witnesses to It, your doubts must disappear.

II. La fine del dubbio
1. La Riconciliazione è nel tempo, ma non per il tempo. 2Essendo in te è eterna. 3Ciò che mantiene il ricordo di Dio non può essere legato al tempo. 4Nemmeno tu lo sei. 5A meno che Dio non sia legato, tu non puoi esserlo. 6Un istante offerto allo Spirito Santo è offerto a Dio in tuo favore, e in quell’istante ti sveglierai dolcemente in Lui. 7Nell’istante benedetto lascerai andare tutto ciò che hai imparato in passato, e lo Spirito Santo ti offrirà velocemente l’intera lezione della pace. 8Cosa può richiedere del tempo, dal momento che tutti gli ostacoli al suo apprendimento sono stati eliminati? 9La verità è talmente oltre il tempo che essa avviene tutta simultaneamente. 10Dal momento che è stata creata una, la sua unità non dipende affatto dal tempo.

2. Non preoccuparti del tempo e non aver paura dell’istante di santità che eliminerà ogni paura. 2Poiché l’istante di pace è eterno perché è senza paura. 3Essendo la lezione che Dio ti dà, verrà attraverso l’Insegnante che Egli ha designato per trasformare il tempo in eternità. 4Sia benedetto l’Insegnante di Dio, la Cui gioia è nell’insegnare al santo Figlio di Dio la sua santità. 5La Sua gioia non è contenuta nel tempo. 6Il Suo insegnamento è per te perché la Sua gioia è tua. 7Attraverso di Lui ti trovi davanti all’altare di Dio, dove Egli dolcemente trasforma l’inferno in Cielo. 8Perché è solo in Cielo che Dio vuole che tu sia.

3. Quanto tempo ci vuole per essere dove Dio vuole che tu sia? 2Perché tu sei dove sei sempre stato e sempre sarai. 3Tutto ciò che hai, lo hai per sempre. 4L’istante benedetto si estende per includere il tempo, come Dio Si estende per includerti. 5Tu che hai passato giorni, ore e perfino anni incatenando i tuoi fratelli al tuo ego nel tentativo di sostenerlo e di proteggerne la debolezza, non percepisci la Fonte della forza. 6In questo istante santo libererai dalle catene tutti i tuoi fratelli e rifiuterai di sostenere sia la loro debolezza che la tua.

4. Non ti rendi conto di quanto hai abusato dei tuoi fratelli vedendoli come fonti di sostegno dell’ego. 2Come risultato, nella tua percezione essi testimoniano in favore dell’ego, e sembrano fornire ragioni per non lasciarlo andare. 3Tuttavia essi sono testimoni molto più forti e molto più convincenti in favore dello Spirito Santo. 4E Ne sostengono la forza. 5È quindi una tua scelta se far loro sostenere l’ego o lo Spirito Santo in te. 6E riconoscerai quale avrai scelto dalle loro reazioni. 7Un Figlio di Dio che sia stato liberato per mezzo dello Spirito Santo in un fratello, viene sempre riconosciuto. 8Non può essere negato. 9Se rimani incerto, è solo perché non hai dato la completa liberazione. 10E a causa di ciò, non hai dato completamente allo Spirito Santo un solo istante. 11Perché quando lo avrai fatto, sarai sicuro di averlo fatto. 12Sarai sicuro perché il testimone in Suo favore parlerà di Lui così chiaramente che udrai e capirai. 13Dubiterai finché non sentirai un testimone che avrai completamente liberato per mezzo dello Spirito Santo. 14E allora non dubiterai più.

5. L’istante santo non si è ancora verificato per te. 2Ma ti accadrà e lo riconoscerai con assoluta certezza. 3Nessun dono di Dio verrà riconosciuto in altro modo. 4Puoi praticare il meccanismo dell’istante santo, e imparerai molto dal farlo. 5Ma non puoi supplire al suo splendore e al suo risplendente brillare, che con la sua visione ti renderà letteralmente cieco a questo mondo. 6Ed eccola, tutta in questo istante, completa, compiuta e data interamente.

6. Comincia ora a mettere in pratica la tua piccola parte nel separare l’istante santo. 2Riceverai istruzioni molto specifiche mentre vai avanti. 3Imparare a separare questo preciso secondo e a sentirlo come senza tempo, è cominciare a non sentirti separato. 4Non aver paura che non ti sia dato aiuto in questo. 5L’Insegnante di Dio e la Sua lezione sosterranno la tua forza. 6È solo la tua debolezza che perderai nel fare questa pratica, perché significa praticare il potere di Dio in te. 7Usalo anche un solo istante e non lo negherai più. 8Chi può negare la Presenza di ciò a cui l’universo si inchina con apprezzamento e giubilo? 9Davanti al riconoscimento dell’universo che Ne rende testimonianza, i tuoi dubbi dovranno scomparire.

III. Littleness versus Magnitude
T-15.III.1. Be not content with littleness. But be sure you understand what littleness is, and why you could never be content with it. Littleness is the offering you give yourself. You offer this in place of magnitude, and you accept it. Everything in this world is little because it is a world made out of littleness, in the strange belief that littleness can content you. When you strive for anything in this world in the belief that it will bring you peace, you are belittling yourself and blinding yourself to glory. Littleness and glory are the choices open to your striving and your vigilance. You will always choose one at the expense of the other.

T-15.III.2. Yet what you do not realize, each time you choose, is that your choice is your evaluation of yourself. Choose littleness and you will not have peace, for you will have judged yourself unworthy of it. And whatever you offer as a substitute is much too poor a gift to satisfy you. It is essential that you accept the fact, and accept it gladly, that there is no form of littleness that can ever content you. You are free to try as many as you wish, but all you will be doing is to delay your homecoming. For you will be content only in magnitude, which is your home.

T-15.III.3. There is a deep responsibility you owe yourself, and one you must learn to remember all the time. The lesson may seem hard at first, but you will learn to love it when you realize that it is true and is but a tribute to your power. You who have sought and found littleness, remember this: Every decision you make stems from what you think you are, and represents the value that you put upon yourself. Believe the little can content you, and by limiting yourself you will not be satisfied. For your function is not little, and it is only by finding your function and fulfilling it that you can escape from littleness.

T-15.III.4. There is no doubt about what your function is, for the Holy Spirit knows what it is. There is no doubt about its magnitude, for it reaches you through Him from Magnitude. You do not have to strive for it, because you have it. All your striving must be directed against littleness, for it does require vigilance to protect your magnitude in this world. To hold your magnitude in perfect awareness in a world of littleness is a task the little cannot undertake. Yet it is asked of you, in tribute to your magnitude and not your littleness. Nor is it asked of you alone. The power of God will support every effort you make on behalf of His dear Son. Search for the little, and you deny yourself His power. God is not willing that His Son be content with less than everything. For He is not content without His Son, and His Son cannot be content with less than his Father has given him.

T-15.III.5. I asked you earlier, “Would you be hostage to the ego or host to God?” Let this question be asked you by the Holy Spirit every time you make a decision. For every decision you make does answer this, and invites sorrow or joy accordingly. When God gave Himself to you in your creation, He established you as host to Him forever. He has not left you, and you have not left Him. All your attempts to deny His magnitude, and make His Son hostage to the ego, cannot make little whom God has joined with Him. Every decision you make is for Heaven or for hell, and brings you the awareness of what you decided for.

T-15.III.6. The Holy Spirit can hold your magnitude, clean of all littleness, clearly and in perfect safety in your mind, untouched by every little gift the world of littleness would offer you. But for this, you cannot side against Him in what He wills for you. Decide for God through Him. For littleness, and the belief that you can be content with littleness, are decisions you make about yourself. The power and the glory that lie in you from God are for all who, like you, perceive themselves as little, and believe that littleness can be blown up into a sense of magnitude that can content them. Neither give littleness, nor accept it. All honor is due the host of God. Your littleness deceives you, but your magnitude is of Him Who dwells in you, and in Whom you dwell. Touch no one, then, with littleness in the Name of Christ, eternal Host unto His Father.

T-15.III.7. In this season (Christmas) which celebrates the birth of holiness into this world, join with me who decided for holiness for you. It is our task together to restore the awareness of magnitude to the host whom God appointed for Himself. It is beyond all your littleness to give the gift of God, but not beyond you. For God would give Himself through you. He reaches from you to everyone and beyond everyone to His Son’s creations, but without leaving you. Far beyond your little world but still in you, He extends forever. Yet He brings all His extensions to you, as host to Him.

T-15.III.8. Is it a sacrifice to leave littleness behind, and wander not in vain? It is not sacrifice to wake to glory. But it is sacrifice to accept anything less than glory. Learn that you must be worthy of the Prince of Peace, born in you in honor of Him Whose host you are. You know not what love means because you have sought to purchase it with little gifts, thus valuing it too little to understand its magnitude. Love is not little and love dwells in you, for you are host to Him. Before the greatness that lives in you, your poor appreciation of yourself and all the little offerings you give slip into nothingness.

T-15.III.9. Holy child of God, when will you learn that only holiness can content you and give you peace? Remember that you learn not for yourself alone, no more than I did. It is because I learned for you that you can learn of me. I would but teach you what is yours, so that together we can replace the shabby littleness that binds the host of God to guilt and weakness with the glad awareness of the glory that is in him. My birth in you is your awakening to grandeur. Welcome me not into a manger, but into the altar to holiness, where holiness abides in perfect peace. My Kingdom is not of this world because it is in you. And you are of your Father. Let us join in honoring you, who must remain forever beyond littleness.

T-15.III.10. Decide with me, who has decided to abide with you. I will as my Father wills, knowing His Will is constant and at peace forever with itself. You will be content with nothing but His Will. Accept no less, remembering that everything I learned is yours. What my Father loves I love as He does, and I can no more accept it as what it is not, than He can. And no more can you. When you have learned to accept what you are, you will make no more gifts to offer to yourself, for you will know you are complete, in need of nothing, and unable to accept anything for yourself. But you will gladly give, having received. The host of God needs not seek to find anything.

T-15.III.11. If you are wholly willing to leave salvation to the plan of God and unwilling to attempt to grasp for peace yourself, salvation will be given you. Yet think not you can substitute your plan for His. Rather, join with me in His, that we may release all those who would be bound, proclaiming together that the Son of God is host to Him. Thus will we let no one forget what you would remember. And thus will you remember it.

T-15.III.12. Call forth in everyone only the remembrance of God, and of the Heaven that is in him. For where you would have your brother be, there will you think you are. Hear not his appeal to hell and littleness, but only his call for Heaven and greatness. Forget not that his call is yours, and answer him with me. God’s power is forever on the side of His host, for it protects only the peace in which He dwells. Lay not littleness before His holy altar, which rises above the stars and reaches even to Heaven, because of what is given it.

III. Piccolezza contrapposta a grandezza
1. Non accontentarti della piccolezza. 2Assicurati invece di capire che cos’è la piccolezza e perché non potrai mai essere contento di essa. 3La piccolezza è l’offerta che fai a te stesso. 4Tu la offri al posto della grandezza e la accetti. 5Tutto in questo mondo è piccolo perché è un mondo fatto dalla piccolezza, credendo stranamente che la piccolezza ti possa appagare. 6Quando aneli a qualcosa di questo mondo credendo che ti porterà pace, ti stai rimpicciolendo e ti stai accecando alla gloria. 7La piccolezza e la gloria sono le scelte aperte a ciò che aneli e su cui vigili. 8Sceglierai sempre una a scapito dell’altra.

2. Tuttavia ciò di cui non ti rendi conto ogni volta che scegli, è che la tua scelta è la tua valutazione di te stesso. 2Scegli la piccolezza e non avrai pace, perché avrai giudicato te stesso indegno di essa. 3E qualunque cosa tu offra come sostituto sarà un dono troppo misero perché possa soddisfarti. 4È essenziale che accetti il fatto, e che lo accetti lietamente, che non c’è forma di piccolezza che ti possa mai appagare. 5Sei libero di provarne quante ne vuoi, ma tutto ciò che farai sarà ritardare il tuo ritorno a casa. 6Perché sarai contento solo nella grandezza, che è la tua casa.

3. C’è una grande responsabilità che hai nei confronti di te stesso e che devi imparare a ricordarti sempre. 2La lezione può sembrare difficile all’inizio, ma imparerai ad amarla quando ti renderai conto che è vera e non è che un tributo al tuo potere. 3Tu che hai cercato e trovato la piccolezza, ricordati questo: ogni decisione che prendi deriva da ciò che pensi di essere, e rappresenta il valore che ti attribuisci. 4Credi che ciò che è piccolo ti possa soddisfare e, limitandoti, non sarai soddisfatto. 5Perché la tua funzione non è piccola, ed è solo trovando la tua funzione e compiendola che potrai sfuggire alla piccolezza.

4. Non c’è dubbio su quale sia la tua funzione, perché lo Spirito Santo la conosce. 2Non c’è dubbio riguardo alla sua grandezza, perché viene a te tramite Lui dalla Grandezza. 3Non devi anelare ad essa, perché ce l’hai. 4Ogni tuo anelito deve essere diretto contro la piccolezza, perché bisogna davvero essere vigili per proteggere la tua grandezza in questo mondo. 5Mantenere la perfetta consapevolezza della tua grandezza in un mondo di piccolezza è un compito che chi è piccolo non può intraprendere. 6Tuttavia ti viene chiesto, in tributo alla tua grandezza e non alla tua piccolezza. 7E non è richiesto solo a te. 8Il potere di Dio sosterrà ogni sforzo che farai in favore del Suo caro Figlio. 9Cerca ciò che è piccolo e ti negherai il Suo potere. 10Dio non vuole che Suo Figlio si senta appagato con qualcosa che sia meno di tutto. 11Perché Egli non è appagato senza Suo Figlio, e Suo Figlio non può sentirsi appagato con meno di ciò che suo Padre gli ha dato.

5. Ti ho già chiesto: “Preferiresti essere ostaggio dell’ego o ospite di Dio?” 2Lascia che lo Spirito Santo ti ponga questa domanda tutte le volte che prendi una decisione. 3Perché ogni decisione che prendi è una risposta ad essa e invita di conseguenza il dolore o la gioia. 4Quando Dio, creandoti, ti ha dato Se Stesso, ti ha designato come Suo ospite per sempre. 5Egli non ti ha lasciato e tu non Lo hai lasciato. 6Ogni tuo tentativo di negare la Sua grandezza e di rendere Suo Figlio ostaggio dell’ego, non possono rendere piccolo colui che Dio ha unito a Sé. 7Ogni decisione che prendi è in favore il Cielo o dell’inferno, e ti porta la consapevolezza di ciò per cui hai deciso.

6. Lo Spirito Santo può conservare la tua grandezza, ripulita da ogni piccolezza, chiara e perfettamente al sicuro nella tua mente, intoccata da ogni piccolo dono che il mondo della piccolezza vuole offrirti. 2Ma a questo scopo, non puoi schierarti contro di Lui in ciò che Egli vuole per te. 3Decidi a favore di Dio tramite Lui. 4Perché la piccolezza, e il credere di poterti accontentare della piccolezza, sono decisioni che prendi su di te. 5Il potere e la gloria che risiedono in te e che provengono da Dio sono per tutti coloro che, come te, si percepiscono piccoli, e che credono che la piccolezza si possa gonfiare in un senso di grandezza che possa accontentarli. 6Non dare piccolezza e non accettarla. 7Ogni onore è dovuto all’ospite di Dio. 8La tua piccolezza ti inganna, ma la tua grandezza viene da Colui Che dimora in te, e nel Quale tu dimori. 9Dunque, non toccare nessuno con la piccolezza nel Nome di Cristo, Ospite eterno di Suo Padre.

7. In questa stagione (Natale) che celebra la nascita della santità in questo mondo, unisciti a me che ho scelto la santità per te. 2È nostro compito congiunto ripristinare la consapevolezza della grandezza all’ospite che Dio ha designato per Se Stesso. 3È al di là di tutta la tua piccolezza dare il dono di Dio, ma non al di là di te. 4Perché Dio vuole dare Se Stesso tramite te. 5Egli si estende da te verso tutti e al di là di tutti verso le creazioni di Suo Figlio, ma senza lasciare te. 6Molto più in là del tuo piccolo mondo ma ancora in te, Egli si estende per sempre. 7Tuttavia Egli offre tutte le Sue estensioni a te, come Suo ospite.

8. È forse un sacrificio lasciarsi alle spalle la piccolezza e non vagare invano? 2Non è un sacrificio svegliarsi alla gloria. 3Ma è un sacrificio accettare qualsiasi cosa che sia meno della gloria. 4Impara che devi essere degno del Principe della Pace, nato in te in onore di Colui del Quale sei l’ospite. 5Tu non sai cosa significa l’amore perché hai cercato di comprarlo con piccoli doni, valutandolo così troppo piccolo per comprenderne la grandezza. 6L’amore non è piccolo e dimora in te, perché tu Lo ospiti. 7Davanti alla grandezza che vive in te, la tua miserevole stima di te e di tutte le piccole offerte che dai scivolano nel nulla.

9. Santo bambino di Dio, quando imparerai che solo la santità può accontentarti e darti la pace? 2Ricorda che non impari per te solo, non più di quanto lo abbia fatto io. 3È grazie al fatto che ho imparato per te che puoi imparare da me. 4Non voglio insegnarti altro che ciò che è tuo, affinché insieme possiamo sostituire la miserevole piccolezza che lega l’ospite di Dio alla colpa e alla debolezza, con la felice consapevolezza della gloria che c’è in lui. 5La mia nascita in te è il tuo risveglio alla grandezza. 6Non darmi il benvenuto in una mangiatoia, ma nell’altare della santità, dove la santità dimora in pace perfetta. 7Il Mio Regno non è di questo mondo perché è in te. 8E tu sei del Padre tuo. 9Uniamoci nell’onorare te, che devi rimanere sempre al di là della piccolezza.

10. Scegli con me che ho deciso di abitare con te. 2Voglio ciò che vuole mio Padre, sapendo che la Sua Volontà è costante e eternamente in pace con se stessa. 3Non ti accontenterai di nient’altro che non sia la Sua Volontà. 4Non accettare di meno, ricordando che tutto ciò che ho imparato è tuo. 5Ciò che mio Padre ama, io lo amo come Lui, e come Lui non posso più accettarlo per ciò che non è. 6E non puoi farlo neanche tu. 7Quando avrai imparato ad accettare ciò che sei, non farai più doni da offrire a te stesso, perché saprai di essere completo, senza alcun bisogno, e incapace di accettare alcunché per te stesso. 8Ma darai felicemente, poiché avrai ricevuto. 9L’ospite di Dio non ha bisogno di cercare per trovare nulla.

11. Se sarai completamente disposto a lasciare la salvezza al piano di Dio e non sarai disposto a tentare di afferrare la pace per conto tuo, la salvezza ti sarà data. 2Ma non pensare di poter sostituire il Suo piano con il tuo. 3Piuttosto, unisciti a me nel Suo, cosicché possiamo liberare tutti coloro che vogliono essere legati, proclamando insieme che il Figlio di Dio Lo ospita. 4Così non permetteremo a nessuno di dimenticare ciò che vuoi ricordare. 5E così lo ricorderai.

12. Evoca in ciascuno solo il ricordo di Dio e del Cielo che è in lui. 2Perché dove vorrai che tuo fratello sia, lì penserai di essere. 3Non ascoltare il suo appello all’inferno e alla piccolezza, ma solo il suo richiamo al Cielo e alla magnificenza. 4Non dimenticare che il suo richiamo è il tuo, e rispondigli assieme me. 5Il potere di Dio è per sempre dalla parte di chi Lo ospita, perché protegge solo la pace in cui Egli dimora. 6Non mettere la tua piccolezza davanti al Suo santo altare, che s’innalza al di sopra delle stelle e giunge fino al Cielo grazie a ciò che gli viene dato.

IV. Practicing the Holy Instant
T-15.IV.1. This course is not beyond immediate learning, unless you believe that what God wills takes time. And this means only that you would rather delay the recognition that His Will is so. The holy instant is this instant and every instant. The one you want it to be it is. The one you would not have it be is lost to you. You must decide when it is. Delay it not. For beyond the past and future, where you will not find it, it stands in shimmering readiness for your acceptance. Yet you cannot bring it into glad awareness while you do not want it, for it holds the whole release from littleness.

T-15.IV.2. Your practice must therefore rest upon your willingness to let all littleness go. The instant in which magnitude dawns upon you is but as far away as your desire for it. As long as you desire it not and cherish littleness instead, by so much is it far from you. By so much as you want it will you bring it nearer. Think not that you can find salvation in your own way and have it. Give over every plan you have made for your salvation in exchange for God’s. His will content you, and nothing else can bring you peace. For peace is of God, and no one beside Him.

T-15.IV.3. Be humble before Him, and yet great in Him. And value no plan of the ego before the plan of God. For you leave empty your place in His plan, which you must fill if you would join with me, by your decision to join in any plan but His. I call you to fulfill your holy part in the plan that He has given to the world for its release from littleness. God would have His host abide in perfect freedom. Every allegiance to a plan of salvation apart from Him diminishes the value of His Will for you in your own mind. And yet it is your mind that is the host to Him.

T-15.IV.4. Would you learn how perfect and immaculate is the holy altar on which your Father has placed Himself? This you will recognize in the holy instant, in which you willingly and gladly give over every plan but His. For there lies peace, perfectly clear because you have been willing to meet its conditions. You can claim the holy instant any time and anywhere you want it. In your practice, try to give over every plan you have accepted for finding magnitude in littleness. It is not there. Use the holy instant only to recognize that you alone cannot know where it is, and can only deceive yourself.

T-15.IV.5. I stand within the holy instant, as clear as you would have me. And the extent to which you learn to accept me is the measure of the time in which the holy instant will be yours. I call to you to make the holy instant yours at once, for the release from littleness in the mind of the host of God depends on willingness, and not on time.

T-15.IV.6. The reason this course is simple is that truth is simple. Complexity is of the ego, and is nothing more than the ego’s attempt to obscure the obvious. You could live forever in the holy instant, beginning now and reaching to eternity, but for a very simple reason. Do not obscure the simplicity of this reason, for if you do, it will be only because you prefer not to recognize it and not to let it go. The simple reason, simply stated, is this: The holy instant is a time in which you receive and give perfect communication. This means, however, that it is a time in which your mind is open, both to receive and give. It is the recognition that all minds are in communication. It therefore seeks to change nothing, but merely to accept everything.

T-15.IV.7. How can you do this when you would prefer to have private thoughts and keep them? The only way you could do that would be to deny the perfect communication that makes the holy instant what it is. You believe you can harbor thoughts you would not share, and that salvation lies in keeping thoughts to yourself alone. For in private thoughts, known only to yourself, you think you find a way to keep what you would have alone, and share what you would share. And then you wonder why it is that you are not in full communication with those around you, and with God Who surrounds all of you together.

T-15.IV.8. Every thought you would keep hidden shuts communication off, because you would have it so. It is impossible to recognize perfect communication while breaking communication holds value to you. Ask yourself honestly, “Would I want to have perfect communication, and am I wholly willing to let everything that interferes with it go forever?” If the answer is no, then the Holy Spirit’s readiness to give it to you is not enough to make it yours, for you are not ready to share it with Him. And it cannot come into a mind that has decided to oppose it. For the holy instant is given and received with equal willingness, being the acceptance of the single Will that governs all thought.

T-15.IV.9. The necessary condition for the holy instant does not require that you have no thoughts that are not pure. But it does require that you have none that you would keep. Innocence is not of your making. It is given you the instant you would have it. Atonement would not be if there were no need for it. You will not be able to accept perfect communication as long as you would hide it from yourself. For what you would hide is hidden from you. In your practice, then, try only to be vigilant against deception, and seek not to protect the thoughts you would keep to yourself. Let the Holy Spirit’s purity shine them away, and bring all your awareness to the readiness for purity He offers you. Thus will He make you ready to acknowledge that you are host to God, and hostage to no one and to nothing.

IV. Praticare l’istante santo
1. È possibile imparare immediatamente questo corso, a meno che tu non creda che ci voglia del tempo per compiere ciò che Dio vuole. 2E questo significa solo che preferisci ritardare il riconoscimento che questa è la Sua Volontà. 3L’istante santo è questo istante e ogni istante. 4L’istante che vuoi che lo sia, lo è. 5L’istante che non vuoi che lo sia è perso per te. 6Sei tu che devi decidere quando lo sarà. 7Non rimandarlo. 8Perché al di là del passato e del futuro, dove non lo troverai, esso aspetta splendente e pronto perché tu lo accetti. 9Tuttavia non puoi portarlo alla felice consapevolezza finché non lo vuoi, perché porta in sé l’intera liberazione dalla piccolezza.

2. La tua pratica deve perciò basarsi sulla tua disponibilità a lasciare andare ogni piccolezza. 2L’istante in cui la grandezza sorgerà in te non è tanto lontano quanto il tuo desiderio di essa. 3Finché non la desidererai e nutrirai la piccolezza al suo posto, in egual misura essa ti sarà lontana. 4La avvicinerai a te nella stessa misura in cui la desidererai. 5Non pensare di poter trovare la salvezza a modo tuo e di averla. 6Rinuncia a ogni piano che hai fatto tu per la tua salvezza in cambio di quello di Dio. 7Il Suo ti soddisferà e nient’altro potrà portarti la pace. 8Perché la pace è di Dio e di nessun altro.

3. Sii umile davanti a Lui, e tuttavia grande in Lui. 2E non voler anteporre nessun piano dell’ego a quello di Dio. 3Perché lascerai vuoto il tuo posto nel Suo piano, che devi occupare se vuoi unirti a me, con la tua decisione di non unirti ad alcun piano che non sia il Suo. 4Ti esorto a compiere il tuo santo ruolo nel piano che Egli ha dato al mondo per liberarlo dalla piccolezza. 5Dio vuole che chi Lo ospita sia perfettamente libero. 6Ogni fedeltà ad un piano di salvezza separato dal Suo diminuisce il valore della Sua Volontà per te nella tua mente. 7E tuttavia è la tua mente che Lo ospita.

4. Vuoi imparare quanto è perfetto e immacolato il santo altare sul quale tuo Padre Si è posto? 2Questo è ciò che riconoscerai nell’istante santo nel quale rinuncerai volentieri e felicemente a ogni piano eccetto il Suo. 3Perché in esso si trova la pace, perfettamente chiara perché sei stato disposto a soddisfarne le condizioni. 4Puoi invocare l’istante santo in ogni momento e ovunque tu lo voglia. 5Nella tua pratica cerca di abbandonare ogni piano che hai accettato per trovare la grandezza nella piccolezza. 6Non è lì. 7Usa l’istante santo solo per riconoscere che tu da solo non puoi sapere dov’è e puoi solo ingannarti.

5. Io sono nell’istante santo tanto chiaramente quanto tu vuoi che lo sia. 2E la misura in cui imparerai ad accettarmi sarà la misura del tempo in cui l’istante santo sarà tuo. 3Ti invito a fare subito tuo l’istante santo, perché la liberazione dalla piccolezza nella mente di chi ospita Dio dipende dalla disponibilità, non dal tempo.

6. La ragione per cui questo corso è semplice è che la verità è semplice. 2La complessità è dell’ego e non è altro che il tentativo dell’ego di oscurare ciò che è ovvio. 3Potresti vivere per sempre nell’istante santo, cominciando da adesso e arrivando all’eternità, se non fosse per una ragione molto semplice. 4Non oscurare la semplicità di questo motivo, perché se lo farai sarà solo perché preferirai non riconoscerla e non lasciarla andare. 5La semplice ragione, in parole povere, è questa: l’istante santo è un momento in cui ricevi e dai comunicazione perfetta. 6Questo significa, comunque, che è un momento in cui la tua mente è aperta sia a ricevere che a dare. 7È il riconoscimento che tutte le menti sono in comunicazione. 8Quindi non cercare di cambiare niente, ma semplicemente di accettare ogni cosa.

7. Come puoi fare questo quando preferisci avere pensieri personali e tenerli per te? 2Il solo modo in cui potresti farlo sarebbe negando la perfetta comunicazione che fa dell’istante santo ciò che è. 3Credi di poter nutrire pensieri che non hai intenzione di condividere e che la salvezza venga dal tenere i pensieri per te solo. 4Perché nei pensieri personali, che conosci solo tu, pensi di trovare un modo per tenere solo per te ciò che vuoi, e condividere ciò che tu hai intenzione di condividere. 5E poi ti chiedi perché non comunichi completamente con chi ti circonda, e con Dio Che vi circonda tutti insieme.

8. Ogni pensiero che vuoi tenere nascosto chiude la comunicazione, perché vuoi che sia così. 2È impossibile riconoscere una comunicazione perfetta finché ha valore per te interrompere la comunicazione. 3Chiediti onestamente: “Voglio avere una comunicazione perfetta e sono totalmente disposto a lasciare andare per sempre tutto ciò che interferisce con essa?” 4Se la risposta è no, allora il fatto che lo Spirito Santo sia disposto a dartela non è sufficiente per farla tua, perché non sei pronto a condividerla con Lui. 5Ed essa non può entrare in una mente che ha deciso di opporsi ad essa. 6Perché l’istante santo viene dato e ricevuto con pari disponibilità, essendo l’accettazione dell’unica Volontà che governa tutto il pensiero.

9. La condizione necessaria per l’istante santo non richiede che tu non abbia pensieri che non siano puri. 2Ma richiede invero che tu non ne abbia alcuno che vorresti tenere per te. 3L’innocenza non è opera tua. 4Ti è data nell’istante in cui vuoi averla. 5La Riconciliazione non ci sarebbe se non ce ne fosse bisogno. 6Non sarai capace di accettare la comunicazione perfetta finché vorrai nasconderla a te stesso. 7Perché ciò che vuoi nascondere è nascosto a te stesso. 8Nella tua pratica, quindi, cerca solo di essere vigile contro l’inganno, e non cercare di proteggere i pensieri che hai intenzione di tenere per te. 9Lascia che la purezza dello Spirito Santo li dissolva col suo splendore, e porti tutta la tua consapevolezza ad essere pronta per la purezza che Egli ti offre. 10Così Egli ti preparerà a riconoscere che ospiti Dio e che non sei ostaggio di niente e di nessuno.

V. The Holy Instant and Special Relationships
T-15.V.1. The holy instant is the Holy Spirit’s most useful learning device for teaching you love’s meaning. For its purpose is to suspend judgment entirely. Judgment always rests on the past, for past experience is the basis on which you judge. Judgment becomes impossible without the past, for without it you do not understand anything. You would make no attempt to judge, because it would be quite apparent to you that you do not understand what anything means. You are afraid of this because you believe that without the ego, all would be chaos. Yet I assure you that without the ego, all would be love.

T-15.V.2. The past is the ego’s chief learning device, for it is in the past that you learned to define your own needs and acquired methods for meeting them on your own terms. We have said that to limit love to part of the Sonship is to bring guilt into your relationships, and thus make them unreal. If you seek to separate out certain aspects of the totality and look to them to meet your imagined needs, you are attempting to use separation to save you. How, then, could guilt not enter? For separation is the source of guilt, and to appeal to it for salvation is to believe you are alone. To be alone is to be guilty. For to experience yourself as alone is to deny the Oneness of the Father and His Son, and thus to attack reality.

T-15.V.3. You cannot love parts of reality and understand what love means. If you would love unlike to God, Who knows no special love, how can you understand it? To believe that special relationships, with special love, can offer you salvation is the belief that separation is salvation. For it is the complete equality of the Atonement in which salvation lies. How can you decide that special aspects of the Sonship can give you more than others? The past has taught you this. Yet the holy instant teaches you it is not so.

T-15.V.4. Because of guilt, all special relationships have elements of fear in them. This is why they shift and change so frequently. They are not based on changeless love alone. And love, where fear has entered, cannot be depended on because it is not perfect. In His function as Interpreter of what you made, the Holy Spirit uses special relationships, which you have chosen to support the ego, as learning experiences that point to truth. Under His teaching, every relationship becomes a lesson in love.

T-15.V.5. The Holy Spirit knows no one is special. Yet He also perceives that you have made special relationships, which He would purify and not let you destroy. However unholy the reason you made them may be, He can translate them into holiness by removing as much fear as you will let Him. You can place any relationship under His care and be sure that it will not result in pain, if you offer Him your willingness to have it serve no need but His. All the guilt in it arises from your use of it. All the love from His. Do not, then, be afraid to let go your imagined needs, which would destroy the relationship. Your only need is His.

T-15.V.6. Any relationship you would substitute for another has not been offered to the Holy Spirit for His use. There is no substitute for love. If you would attempt to substitute one aspect of love for another, you have placed less value on one and more on the other. You have not only separated them, but you have also judged against both. Yet you had judged against yourself first, or you would never have imagined that you needed your brothers as they were not. Unless you had seen yourself as without love, you could not have judged them so like you in lack.

T-15.V.7. The ego’s use of relationships is so fragmented that it frequently goes even farther; one part of one aspect suits its purposes, while it prefers different parts of another aspect. Thus does it assemble reality to its own capricious liking, offering for your seeking a picture whose likeness does not exist. For there is nothing in Heaven or earth that it resembles, and so, however much you seek for its reality, you cannot find it because it is not real.

T-15.V.8. Everyone on earth has formed special relationships, and although this is not so in Heaven, the Holy Spirit knows how to bring a touch of Heaven to them here. In the holy instant no one is special, for your personal needs intrude on no one to make your brothers seem different. Without the values from the past, you would see them all the same and like yourself. Nor would you see any separation between yourself and them. In the holy instant, you see in each relationship what it will be when you perceive only the present.

T-15.V.9. God knows you now. He remembers nothing, having always known you exactly as He knows you now. The holy instant reflects His knowing by bringing all perception out of the past, thus removing the frame of reference you have built by which to judge your brothers. Once this is gone, the Holy Spirit substitutes His frame of reference for it. His frame of reference is simply God. The Holy Spirit’s timelessness lies only here. For in the holy instant, free of the past, you see that love is in you, and you have no need to look without and snatch love guiltily from where you thought it was.

T-15.V.10. All your relationships are blessed in the holy instant, because the blessing is not limited. In the holy instant the Sonship gains as one, and united in your blessing it becomes one to you. The meaning of love is the meaning God gave to it. Give to it any meaning apart from His, and it is impossible to understand it. God loves every brother as He loves you; neither less nor more. He needs them all equally, and so do you. In time, you have been told to offer miracles as I direct, and let the Holy Spirit bring to you those who are seeking you. Yet in the holy instant you unite directly with God, and all your brothers join in Christ. Those who are joined in Christ are in no way separate. For Christ is the Self the Sonship shares, as God shares His Self with Christ.

T-15.V.11. Think you that you can judge the Self of God? God has created It beyond judgment, out of His need to extend His Love. With love in you, you have no need except to extend it. In the holy instant there is no conflict of needs, for there is only one. For the holy instant reaches to eternity, and to the Mind of God. And it is only there love has meaning, and only there can it be understood.

V. L’istante santo e le relazioni speciali
1. L’istante santo è il più utile strumento di apprendimento dello Spirito Santo per insegnarti il significato dell’amore. 2Perché il suo scopo è di sospendere completamente il giudizio. 3Il giudizio si basa sempre sul passato, perché l’esperienza passata è la base sulla quale giudichi. 4Il giudizio diventa impossibile senza il passato, perché senza di esso non capisci nulla. 5Non faresti alcun tentativo di giudicare perché ti sarebbe alquanto evidente che non capisci il significato di nulla. 6Tu hai paura di questo perché credi che senza l’ego tutto sarebbe caos. 7Tuttavia ti assicuro che senza l’ego tutto sarebbe amore.

2. Il passato è il principale strumento di apprendimento dell’ego, perché è nel passato che hai imparato a definire i tuoi bisogni e ad acquisire metodi per soddisfarli secondo i tuoi parametri. 2Abbiamo detto che limitare l’amore a una parte della Figliolanza è portare la colpa nelle tue relazioni e quindi renderle irreali. 3Se cerchi di separare alcuni aspetti della totalità e di usarli per soddisfare i tuoi bisogni immaginari, stai cercando di guardare la separazione per salvarti. 4Come potrebbe, quindi, non entrare la colpa? 5Perché la separazione è la fonte della colpa, e richiamarsi ad essa per la salvezza è credere che tu sia solo. 6Essere solo è essere colpevole. 7Perché sentirti solo è negare l’Unità del Padre e di Suo Figlio, e quindi attaccare la realtà.

3. Non puoi amare parti della realtà e comprendere cosa significhi l’amore. 2Se non ami come ama Dio, Che non conosce amore speciale, come puoi comprenderlo? 3Credere che le relazioni speciali, in cui c’è amore speciale, ti possano offrire la salvezza è credere che la separazione sia la salvezza. 4Perché è nella completa uguaglianza della Riconciliazione che si trova la salvezza. 5Come puoi decidere che alcuni aspetti speciali della Figliolanza possano darti più di altri? 6Il passato te lo ha insegnato. 7Ma l’istante santo ti insegna che non è così.

4. A causa della colpa, tutte le relazioni speciali hanno elementi di paura in esse. 2Ecco perché cambiano e variano così frequentemente. 3Non sono basate solo sull’amore immutabile. 4E, dove la paura è entrata, non si può contare sull’amore perché non è perfetto. 5Nella Sua funzione di Interprete di ciò che hai fatto, lo Spirito Santo usa le relazioni speciali, che hai scelto per sostenere l’ego, come esperienze di apprendimento per indicare la verità. 6Col Suo insegnamento ogni relazione diventa una lezione d’amore.

5. Lo Spirito Santo sa che nessuno è speciale. 2Tuttavia Egli percepisce anche che hai fatto delle relazioni speciali, che Egli vuole purificare e non ti permetterà di distruggere. 3Non importa quanto possa essere non santo il motivo per cui le hai fatte, Egli le può tradurre in santità eliminando tanta paura quanta Gli permetterai di toglierne. 4Puoi affidare alla Sua cura ogni relazione ed essere sicuro che non ne deriverà alcun dolore se Gli offrirai la tua disponibilità affinché essa non serva altri bisogni che i Suoi. 5Tutta la colpa in essa emerge dall’uso che ne fai. 6Tutto l’amore dall’uso che ne fa Lui. 7Quindi non aver paura di lasciare andare i tuoi bisogni immaginari, che distruggerebbero la relazione. 8Il tuo unico bisogno è il Suo.

6. Qualsiasi relazione che vuoi sostituire con un’altra non è stata offerta allo Spirito Santo perché la usi a modo Suo. 2Non c’è sostituto all’amore. 3Se cercherai di sostituire un aspetto dell’amore con un altro, avrai messo meno valore in uno e più nell’altro. 4Non solo li avrai separati, ma avrai anche giudicato contro entrambi. 5Tuttavia avevi giudicato in primo luogo contro te stesso, o non avresti mai immaginato di aver bisogno dei tuoi fratelli come non erano. 6Se non ti fossi visto senza amore, non avresti potuto giudicarli così simili a te nella mancanza.

7. Il modo in cui l’ego usa una relazione è così frammentato che frequentemente si spinge ancora più lontano: una parte di un aspetto persegue i suoi scopi, mentre preferisce parti differenti di un altro aspetto. 2Così compone la realtà secondo il suo capriccio, offrendo alla tua ricerca un’immagine che non somiglia a nessun’altra. 3Perché non c’è niente in Cielo o in terra che le assomigli, e così, per quanto cerchi la sua realtà, non la puoi trovare perché non è reale.

8. Ognuno sulla terra ha formato relazioni speciali e, sebbene non sia così in Cielo, lo Spirito Santo sa come portare loro un tocco di Cielo qui. 2Nell’istante santo nessuno è speciale, perché i tuoi bisogni personali non si intromettono a forza su nessuno per far sì che i tuoi fratelli sembrino differenti. 3Senza i valori del passato, li vedrai tutti uguali e come te. 4E non vedrai alcuna separazione tra loro e te. 5Nell’istante santo vedrai in ogni relazione ciò che sarà quando percepirai solo il presente.

9. Dio ti conosce ora. 2Non si ricorda di nulla, in quanto ti ha sempre conosciuto esattamente come ti conosce ora. 3L’istante santo riflette la Sua conoscenza portando via ogni percezione del passato, eliminando così lo schema di riferimento che hai costruito per giudicare i tuoi fratelli. 4Una volta che questo sarà svanito, lo Spirito Santo lo sostituirà con il Suo schema di riferimento. 5Il Suo schema di riferimento è semplicemente Dio. 6L’atemporalità dello Spirito Santo si trova solo qui. 7Perché nell’istante santo, libero dal passato, vedi che l’amore è in te, e non hai bisogno di guardare fuori e strappare colpevolmente l’amore da dove pensavi che fosse.

10. Tutte le tue relazioni sono benedette nell’istante santo, perché la benedizione non è limitata. 2Nell’istante santo la Figliolanza ne beneficia nel suo insieme, e unita nella tua benedizione diventa una per te. 3Il significato dell’amore è il significato che Dio gli ha dato. 4Dagli qualsiasi significato diverso dal Suo, e sarà impossibile comprenderlo. 5Dio ama ogni fratello come ama te, né più né meno. 6Ha bisogno ugualmente di tutti loro, così come te. 7Nel tempo, ti è stato detto di offrire miracoli come io ti indico e di lasciare che lo Spirito Santo ti porti coloro che ti stanno cercando. 8Tuttavia nell’istante santo ti unisci direttamente a Dio e tutti i tuoi fratelli si uniscono in Cristo. 9Coloro che sono uniti in Cristo non sono in alcun modo separati. 10Perché Cristo è il Sé che la Figliolanza condivide, così come Dio condivide il Suo Sé con Cristo.

11. Pensi di poter giudicare il Sé di Dio? 2Dio Lo ha creato oltre il giudizio, come risultato del Suo bisogno di estendere il Suo Amore. 3Con l’amore in te, non hai alcun bisogno se non di estenderlo. 4Nell’istante santo non c’è conflitto di bisogni, perché ce n’è uno solo. 5Perché l’istante santo raggiunge l’eternità e la Mente di Dio. 6Ed è solo là che l’amore ha significato, e solo là può essere capito.

VI. The Holy Instant and the Laws of God
T-15.VI.1. It is impossible to use one relationship at the expense of another and not to suffer guilt. And it is equally impossible to condemn part of a relationship and find peace within it. Under the Holy Spirit’s teaching all relationships are seen as total commitments, yet they do not conflict with one another in any way. Perfect faith in each one, for its ability to satisfy you completely, arises only from perfect faith in yourself. And this you cannot have while guilt remains. And there will be guilt as long as you accept the possibility, and cherish it, that you can make a brother into what he is not, because you would have him so.

T-15.VI.2. You have so little faith in yourself because you are unwilling to accept the fact that perfect love is in you. And so you seek without for what you cannot find without. I offer you my perfect faith in you, in place of all your doubts. But forget not that my faith must be as perfect in all your brothers as it is in you, or it would be a limited gift to you. In the holy instant we share our faith in God’s Son because we recognize, together, that he is wholly worthy of it, and in our appreciation of his worth we cannot doubt his holiness. And so we love him.

T-15.VI.3. All separation vanishes as holiness is shared. For holiness is power, and by sharing it, it gains in strength. If you seek for satisfaction in gratifying your needs as you perceive them, you must believe that strength comes from another, and what you gain he loses. Someone must always lose if you perceive yourself as weak. Yet there is another interpretation of relationships that transcends the concept of loss of power completely.

T-15.VI.4. You do not find it difficult to believe that when another calls on God for love, your call remains as strong. Nor do you think that when God answers him, your hope of answer is diminished. On the contrary, you are more inclined to regard his success as witness to the possibility of yours. That is because you recognize, however dimly, that God is an idea, and so your faith in Him is strengthened by sharing. What you find difficult to accept is the fact that, like your Father, you are an idea. And like Him, you can give yourself completely, wholly without loss and only with gain. Herein lies peace, for here there is no conflict.

T-15.VI.5. In the world of scarcity, love has no meaning and peace is impossible. For gain and loss are both accepted, and so no one is aware that perfect love is in him. In the holy instant you recognize the idea of love in you, and unite this idea with the Mind that thought it, and could not relinquish it. By holding it within itself, there is no loss. The holy instant thus becomes a lesson in how to hold all of your brothers in your mind, experiencing not loss but completion. From this it follows you can only give. And this is love, for this alone is natural under the laws of God. In the holy instant the laws of God prevail, and only they have meaning. The laws of this world cease to hold any meaning at all. When the Son of God accepts the laws of God as what he gladly wills, it is impossible that he be bound, or limited in any way. In that instant he is as free as God would have him be. For the instant he refuses to be bound, he is not bound.

T-15.VI.6. In the holy instant nothing happens that has not always been. Only the veil that has been drawn across reality is lifted. Nothing has changed. Yet the awareness of changelessness comes swiftly as the veil of time is pushed aside. No one who has not yet experienced the lifting of the veil, and felt himself drawn irresistibly into the light behind it, can have faith in love without fear. Yet the Holy Spirit gives you this faith, because He offered it to me and I accepted it. Fear not the holy instant will be denied you, for I denied it not. And through me the Holy Spirit gives it unto you, as you will give it. Let no need you perceive obscure your need of this. For in the holy instant you will recognize the only need the Sons of God share equally, and by this recognition you will join with me in offering what is needed.


T-15.VI.7. It is through us that peace will come. Join me in the idea of peace, for in ideas minds can communicate. If you would give yourself as your Father gives His Self, you will learn to understand Selfhood. And therein is love’s meaning understood. But remember that understanding is of the mind, and only of the mind. Knowledge is therefore of the mind, and its conditions are in the mind with it. If you were not an idea, and nothing but an idea, you could not be in full communication with all that ever was. Yet as long as you prefer to be something else, or would attempt to be nothing else and something else together, you will not remember the language of communication, which you know perfectly.

T-15.VI.8. In the holy instant God is remembered, and the language of communication with all your brothers is remembered with Him. For communication is remembered together, as is truth. There is no exclusion in the holy instant because the past is gone, and with it goes the whole basis for exclusion. Without its source exclusion vanishes. And this permits your Source, and that of all your brothers, to replace it in your awareness. God and the power of God will take Their rightful place in you, and you will experience the full communication of ideas with ideas. Through your ability to do this you will learn what you must be, for you will begin to understand what your Creator is, and what His creation is along with Him.

VI. L’istante santo e le leggi di Dio
1. È impossibile usare una relazione a spese di un’altra senza sentirsi in colpa. 2Ed è ugualmente impossibile condannare parte di una relazione e trovare pace in essa. 3Nell’insegnamento dello Spirito Santo tutte le relazioni sono viste come impegni totali, tuttavia non sono in alcun modo in conflitto l’una con l’altra. 4La fede perfetta in ciascuna, per la sua capacità di soddisfarti completamente, nasce solo dalla perfetta fede in te stesso. 5E non puoi averla finché rimane la colpa. 6E ci sarà colpa finché accetterai la possibilità, e la nutrirai, di poter far diventare un fratello ciò che non è, perché lo desideri così.

2. Hai così poca fede in te perché non sei disposto ad accettare il fatto che l’amore perfetto è in te. 2E così cerchi all’esterno ciò che all’esterno non puoi trovare. 3Io ti offro la mia totale fede in te, al posto dei tuoi dubbi. 4Ma non dimenticare che la mia fede deve essere totale in tutti i tuoi fratelli com’è in te, o sarebbe un dono limitato a te. 5Nell’istante santo, condividiamo la nostra fede nel Figlio di Dio perché riconosciamo, insieme, che egli ne è completamente degno, e nell’apprezzamento del suo valore non possiamo dubitare della sua santità. 6E così lo amiamo.

3. Ogni separazione svanisce quando la santità viene condivisa. 2Perché la santità è potere e, condividendola, guadagna forza. 3Se cerchi soddisfazione nel gratificare i tuoi bisogni man mano che li percepisci, devi credere che la forza provenga da un altro e che ciò che tu guadagni lui lo perde. 4Qualcuno deve sempre perdere se ti percepisci debole. 5Tuttavia c’è un’altra interpretazione delle relazioni che trascende completamente il concetto di perdita di potere.

4. Tu non trovi difficile credere che quando un altro si rivolge a Dio per avere amore, la tua richiesta rimane altrettanto forte. 2E non pensi che quando Dio gli risponde la tua speranza di avere una risposta diminuisca. 3Al contrario, sei più portato a considerare il suo successo come una testimonianza della possibilità del tuo. 4Questo poiché riconosci, se pur vagamente, che Dio è un’idea, e che così la tua fede in Lui si rafforza con la condivisione. 5Ciò che trovi difficile accettare è il fatto che, come tuo Padre, tu sei un’idea. 6E come Lui, puoi darti completamente, interamente senza perdite e solo con profitto. 7In questo si fonda la pace, perché qui non c’è conflitto.

5. Nel mondo della scarsità, l’amore non ha alcun significato e la pace è impossibile. 2Perché profitto e perdita sono entrambi accettati e nessuno è consapevole che l’amore totale è in lui. 3Nell’istante santo riconosci l’idea dell’amore in te, e unisci questa idea con la Mente che l’ha pensata, e che non può abbandonarla. 4Siccome ce l’ha dentro di sé, non c’è perdita. 5L’istante santo diventa così una lezione su come tenere in mente tutti i tuoi fratelli, senza provare perdita bensì completamento. 6Ne consegue che puoi solo dare. 7E questo è amore perché solo questo è naturale secondo le leggi di Dio. 8Nell’istante santo le leggi di Dio prevalgono e solo esse hanno significato. 9Le leggi di questo mondo cessano di avere alcun significato. 10Quando il Figlio di Dio accetta le leggi di Dio come ciò che felicemente vuole, è impossibile che sia legato o limitato in alcun modo. 11In quell’istante è libero come Dio vuole che sia. 12Perché nell’istante in cui rifiuta di essere legato, egli non lo è.

6. Nell’istante santo non succede niente che non sia sempre stato. 2Solo il velo che era stato steso attraverso la realtà viene sollevato. 3Niente è cambiato. 4Tuttavia la consapevolezza dell’immutabilità viene prontamente quando il velo del tempo è spinto da parte. 5Nessuno che non abbia vissuto il sollevarsi del velo, e si sia sentito attratto irresistibilmente nella luce che sta dietro di esso, può avere fiducia nell’amore senza paura. 6Tuttavia lo Spirito Santo ti dà questa fede, perché Egli l’ha offerta a me e io l’ho accettata. 7Non aver paura che l’istante santo ti sia negato, perché io non l’ho negato. 8E attraverso di me lo Spirito Santo lo dà a te, così come tu lo darai. 9Non permettere ad alcun bisogno che percepisci di oscurare il tuo bisogno di questo. 10Perché nell’istante santo riconoscerai il solo bisogno che i Figli di Dio condividono ugualmente, e con questo riconoscimento ti unirai a me nell’offrire ciò di cui c’è bisogno.

7. È attraverso di noi che la pace verrà. 2Unisciti a me nell’idea della pace, perché nelle idee le menti possono comunicare. 3Se darai te stesso come tuo Padre dà Se Stesso, imparerai a comprendere la dimensione del Sé. 4E in essa verrà compreso il significato dell’amore. 5Ma ricorda che la comprensione è della mente e solo della mente. 6La conoscenza è quindi della mente e i suoi presupposti sono nella mente con essa. 7Se tu non fossi un’idea, e nient’altro che un’idea, non potresti essere in piena comunicazione con tutto ciò che è sempre stato. 8Tuttavia, finché preferirai essere qualcos’altro, o cercherai di essere nient’altro e qualcos’altro insieme, non ti ricorderai il linguaggio della comunicazione, che conosci perfettamente.

8. Dio viene ricordato nell’istante santo e il linguaggio della comunicazione con tutti i tuoi fratelli viene ricordato con Lui. 2Perché la comunicazione viene ricordata insieme, come la verità. 3Non c’è esclusione nell’istante santo perché il passato se ne è andato, e con esso finisce l’intero fondamento su cui si basa l’esclusione. 4Senza la sua fonte l’esclusione svanisce. 5E ciò permette alla tua Fonte, e a quella di tutti i tuoi fratelli, di sostituirla nella tua consapevolezza. 6Dio e il potere di Dio prenderanno il Loro giusto posto in te, e tu farai esperienza della piena comunicazione delle idee con le idee. 7Attraverso la tua capacità di fare questo imparerai ciò che devi essere, perché incomincerai a comprendere cos’è il tuo Creatore, e con Lui cos’è la Sua creazione.

VII. The Needless Sacrifice
T-15.VII.1. Beyond the poor attraction of the special love relationship, and always obscured by it, is the powerful attraction of the Father for His Son. There is no other love that can satisfy you, because there is no other love. This is the only love that is fully given and fully returned. Being complete, it asks nothing. Being wholly pure, everyone joined in it has everything. This is not the basis for any relationship in which the ego enters. For every relationship on which the ego embarks is special.

T-15.VII.2. The ego establishes relationships only to get something. And it would keep the giver bound to itself through guilt. It is impossible for the ego to enter into any relationship without anger, for the ego believes that anger makes friends. This is not its statement, but it is its purpose. For the ego really believes that it can get and keep by making guilty. This is its one attraction; an attraction so weak that it would have no hold at all, except that no one recognizes it. For the ego always seems to attract through love, and has no attraction at all to anyone who perceives that it attracts through guilt.

T-15.VII.3. The sick attraction of guilt must be recognized for what it is. For having been made real to you, it is essential to look at it clearly, and by withdrawing your investment in it, to learn to let it go. No one would choose to let go what he believes has value. Yet the attraction of guilt has value to you only because you have not looked at what it is, and have judged it completely in the dark. As we bring it to light, your only question will be why it was you ever wanted it. You have nothing to lose by looking open-eyed, for ugliness such as this belongs not in your holy mind. This host of God can have no real investment here.

T-15.VII.4. We said before that the ego attempts to maintain and increase guilt, but in such a way that you do not recognize what it would do to you. For it is the ego’s fundamental doctrine that what you do to others you have escaped. The ego wishes no one well. Yet its survival depends on your belief that you are exempt from its evil intentions. It counsels, therefore, that if you are host to it, it will enable you to direct its anger outward, thus protecting you. And thus it embarks on an endless, unrewarding chain of special relationships, forged out of anger and dedicated to but one insane belief; that the more anger you invest outside yourself, the safer you become.

T-15.VII.5. It is this chain that binds the Son of God to guilt, and it is this chain the Holy Spirit would remove from his holy mind. For the chain of savagery belongs not around the chosen host of God, who cannot make himself host to the ego. In the name of his release, and in the Name of Him Who would release him, let us look more closely at the relationships the ego contrives, and let the Holy Spirit judge them truly. For it is certain that if you will look at them, you will offer them gladly to Him. What He can make of them you do not know, but you will become willing to find out, if you are willing first to perceive what you have made of them.

T-15.VII.6. In one way or another, every relationship the ego makes is based on the idea that by sacrificing itself, it becomes bigger. The “sacrifice,” which it regards as purification, is actually the root of its bitter resentment. For it would prefer to attack directly, and avoid delaying what it really wants. Yet the ego acknowledges “reality” as it sees it, and recognizes that no one could interpret direct attack as love. Yet to make guilty is direct attack, although it does not seem to be. For the guilty expect attack, and having asked for it they are attracted to it.

T-15.VII.7. In such insane relationships, the attraction of what you do not want seems to be much stronger than the attraction of what you do want. For each one thinks that he has sacrificed something to the other, and hates him for it. Yet this is what he thinks he wants. He is not in love with the other at all. He merely believes he is in love with sacrifice. And for this sacrifice, which he demands of himself, he demands that the other accept the guilt and sacrifice himself as well. Forgiveness becomes impossible, for the ego believes that to forgive another is to lose him. It is only by attack without forgiveness that the ego can ensure the guilt that holds all its relationships together.

T-15.VII.8. Yet they only seem to be together. For relationships, to the ego, mean only that bodies are together. It is always this that the ego demands, and it does not object where the mind goes or what it thinks, for this seems unimportant. As long as the body is there to receive its sacrifice, it is content. To the ego the mind is private, and only the body can be shared. Ideas are basically of no concern, except as they bring the body of another closer or farther. And it is in these terms that it evaluates ideas as good or bad. What makes another guilty and holds him through guilt is “good.” What releases him from guilt is “bad,” because he would no longer believe that bodies communicate, and so he would be “gone.”

T-15.VII.9. Suffering and sacrifice are the gifts with which the ego would “bless” all unions. And those who are united at its altar accept suffering and sacrifice as the price of union. In their angry alliances, born of the fear of loneliness and yet dedicated to the continuance of loneliness, each seeks relief from guilt by increasing it in the other. For each believes that this decreases guilt in him. The other seems always to be attacking and wounding him, perhaps in little ways, perhaps “unconsciously,” yet never without demand of sacrifice. The fury of those joined at the ego’s altar far exceeds your awareness of it. For what the ego really wants you do not realize.

T-15.VII.10. Whenever you are angry, you can be sure that you have formed a special relationship which the ego has “blessed,” for anger is its blessing. Anger takes many forms, but it cannot long deceive those who will learn that love brings no guilt at all, and what brings guilt cannot be love and must be anger. All anger is nothing more than an attempt to make someone feel guilty, and this attempt is the only basis the ego accepts for special relationships. Guilt is the only need the ego has, and as long as you identify with it, guilt will remain attractive to you. Yet remember this; to be with a body is not communication. And if you think it is, you will feel guilty about communication and will be afraid to hear the Holy Spirit, recognizing in His Voice your own need to communicate.

T-15.VII.11. The Holy Spirit cannot teach through fear. And how can He communicate with you, while you believe that to communicate is to make yourself alone? It is clearly insane to believe that by communicating you will be abandoned. And yet many do believe it. For they think their minds must be kept private or they will lose them, but if their bodies are together their minds remain their own. The union of bodies thus becomes the way in which they would keep minds apart. For bodies cannot forgive. They can only do as the mind directs.

T-15.VII.12. The illusion of the autonomy of the body and its ability to overcome loneliness is but the working of the ego’s plan to establish its own autonomy. As long as you believe that to be with a body is companionship, you will be compelled to attempt to keep your brother in his body, held there by guilt. And you will see safety in guilt and danger in communication. For the ego will always teach that loneliness is solved by guilt, and that communication is the cause of loneliness. And despite the evident insanity of this lesson, many have learned it.

T-15.VII.13. Forgiveness lies in communication as surely as damnation lies in guilt. It is the Holy Spirit’s teaching function to instruct those who believe communication to be damnation that communication is salvation. And He will do so, for the power of God in Him and you is joined in a real relationship so holy and so strong, that it can overcome even this without fear.

T-15.VII.14. It is through the holy instant that what seems impossible is accomplished, making it evident that it is not impossible. In the holy instant guilt holds no attraction, since communication has been restored. And guilt, whose only purpose is to disrupt communication, has no function here. Here there is no concealment, and no private thoughts. The willingness to communicate attracts communication to it, and overcomes loneliness completely. There is complete forgiveness here, for there is no desire to exclude anyone from your completion, in sudden recognition of the value of his part in it. In the protection of your wholeness, all are invited and made welcome. And you understand that your completion is God’s, Whose only need is to have you be complete. For your completion makes you His in your awareness. And here it is that you experience yourself as you were created, and as you are.

VII. Il sacrificio inutile
1. Al di là della modesta attrattiva della relazione d’amore speciale, e sempre oscurata da essa, c’è la potente attrattiva del Padre per Suo Figlio. 2Non c’è altro amore che ti possa soddisfare, perché non c’è altro amore. 3Questo è l’unico amore che viene pienamente dato e pienamente ricambiato. 4Essendo completo, non chiede niente. 5Essendo completamente puro, tutti coloro che sono uniti in esso hanno tutto. 6Questa non è la base su cui poggia una qualsiasi relazione che abbia a che fare con l’ego. 7Perché ogni relazione in cui l’ego si imbarca è speciale.

2. L’ego stabilisce delle relazioni solo per ottenere qualcosa. 2E vuole mantenere colui che dà legato a sé attraverso la colpa. 3È impossibile per l’ego entrare in qualsiasi relazione senza rabbia, perché l’ego crede che la rabbia renda amici. 4Questa non è la sua affermazione, ma è il suo scopo. 5Perché l’ego crede veramente di poter ottenere e mantenere facendo sentire colpevoli. 6Questa è la sua unica attrattiva: un’attrattiva così debole che non avrebbe alcuna presa, se non fosse che nessuno la riconosce. 7Perché l’ego sembra sempre attrarre attraverso l’amore, e non ha alcuna attrattiva per chiunque percepisca che esso attrae attraverso la colpa.

3. L’attrattiva malata della colpa deve essere riconosciuta per quello che è. 2Perché essendo stata resa reale ai tuoi occhi, è essenziale guardarla chiaramente e, ritirando il tuo investimento in essa, imparare a lasciarla andare. 3Nessuno sceglierebbe di lasciare andare ciò che crede abbia valore. 4Tuttavia l’attrattiva della colpa ha valore per te solo perché non hai guardato cos’è, e l’hai giudicata completamente al buio. 5Quando la porteremo alla luce, la tua sola domanda sarà perché mai l’avrai voluta. 6Non hai niente da perdere a guardare ad occhi aperti, perché una bruttezza del genere non appartiene alla tua mente santa. 7Colui che ospita Dio non può avere alcun vero investimento in essa.

4. Abbiamo già detto che l’ego cerca di mantenere e accrescere la colpa, ma in un modo tale che tu non riconosca ciò che vuole farti. 2Perché la dottrina fondamentale dell’ego è che sei sfuggito da ciò che fai agli altri. 3L’ego non vuol bene a nessuno. 4Tuttavia la sua sopravvivenza dipende dal fatto che credi di essere esente dalle sue intenzioni malvagie. 5Il suo consiglio, quindi, è che se lo ospiti ti metterà in grado di dirigere la tua rabbia all’esterno e così sarai protetto. 6E così si imbarca in una catena infinita e insoddisfacente di relazioni speciali, forgiate dalla rabbia e dedite a un’unica folle credenza che più rabbia investi al di fuori di te, più sarai al sicuro.

5. È questa catena che lega il Figlio di Dio alla colpa, ed è questa catena che lo Spirito Santo eliminerà dalla sua mente santa. 2Perché la catena di scelleratezza non deve imprigionare chi ospita Dio, che non può ospitare l’ego. 3Nel nome della sua liberazione, e nel Nome di Colui Che lo libererà, guardiamo più da vicino le relazioni che l’ego escogita, e permettiamo allo Spirito Santo di giudicarle in modo veritiero. 4Perché è certo che se tu le osserverai, sarai felice di offrirle a Lui. 5Tu non sai cosa Egli possa farne, ma sarai disposto a scoprirlo, se sarai prima disposto a percepire ciò che tu ne hai fatto.

6. In un modo o nell’altro, ogni relazione che l’ego fa è basata sull’idea che sacrificando se stesso essa diventa più grande. 2Il “sacrificio” che esso vede come purificazione è in realtà la radice del suo crudele risentimento. 3Perché preferirebbe attaccare direttamente, ed evitare di rimandare ciò che vuole veramente. 4Tuttavia l’ego riconosce la “realtà” per come la vede, e riconosce che nessuno può interpretare come amore l’attacco diretto. 5Tuttavia rendere colpevoli è un attacco diretto anche se non sembra esserlo. 6Perché coloro che si sentono in colpa si aspettano l’attacco e, avendolo chiesto, ne sono attratti.

7. In queste relazioni folli, l’attrattiva di ciò che non vuoi sembra molto più forte dell’attrattiva di ciò che vuoi. 2Perché ciascuno pensa di aver sacrificato qualcosa per l’altro, e lo odia per questo. 3Tuttavia questo è ciò che pensa di volere. 4Non ama affatto l’altro. 5Semplicemente crede di amare il sacrificio. 6E per questo sacrificio, che esige da se stesso, esige che anche l’altro accetti colpa e sacrificio. 7Il perdono diventa impossibile perché l’ego crede che perdonare un altro significhi perderlo. 8È solo con l’attacco senza perdono che l’ego può assicurare la colpa che tiene insieme tutte le sue relazioni.

8. Tuttavia sembra solo che esse stiano insieme. 2Perché le relazioni, per l’ego, significano solo che i corpi stanno insieme. 3È sempre questo che l’ego esige, e non si cura di dove vada la mente o cosa pensi, perché ciò non sembra importante. 4Finché il corpo è lì per ricevere il suo sacrificio, è contento. 5Per l’ego la mente è personale e solo il corpo può essere condiviso. 6Le idee sono fondamentalmente irrilevanti, eccetto quando portano il corpo di un’altro più vicino o più lontano. 7Ed è in questi termini che esso valuta le idee come buone o cattive. 8Ciò che rende un’altro colpevole e lo tiene a sé tramite la colpa è “buono”. 9Ciò che lo libera dalla colpa è “cattivo”, perché non crederà più che i corpi comunichino e così sarà “svanito”.

9. La sofferenza e il sacrificio sono i doni coi quali l’ego vuole “benedire” tutte le unioni. 2E coloro che sono uniti al suo altare accettano la sofferenza e il sacrificio come prezzo dell’unione. 3Nelle loro alleanze rabbiose, nate dalla paura della solitudine e tuttavia dedite alla continuazione della solitudine, ciascuno cerca sollievo dalla colpa accrescendola nell’altro. 4Perché ciascuno crede che questo diminuisca la colpa in lui. 5L’altro sembra sempre che lo stia attaccando e ferendo, forse in modi sottili, forse “inconsciamente”, ma mai senza esigere sacrificio. 6La furia di coloro che sono uniti all’altare dell’ego supera di gran lunga la tua consapevolezza di essa. 7Perché non ti rendi conto di ciò che l’ego vuole veramente.

10. Ogniqualvolta sei arrabbiato, puoi stare certo che hai formato una relazione speciale che l’ego ha “benedetto”, perché la rabbia è la sua benedizione. 2La rabbia assume molte forme, ma non può ingannare a lungo coloro che vogliono imparare che l’amore non comporta alcuna colpa e che ciò che comporta colpa non può essere amore e deve essere rabbia. 3Ogni forma di rabbia non è altro che un tentativo di fare sentire colpevole qualcuno, e questo tentativo è l’unico fondamento che l’ego accetta per le relazioni speciali. 4La colpa è l’unico bisogno che l’ego ha e, finché ti identificherai con esso, la colpa manterrà la sua attrattiva. 5Tuttavia ricorda questo: essere con un corpo non è comunicazione. 6E se pensi che lo sia, ti sentirai in colpa riguardo alla comunicazione e avrai paura ad udire lo Spirito Santo, in quanto riconoscerai nella Sua Voce il tuo stesso bisogno di comunicare.

11. Lo Spirito Santo non può insegnare per mezzo della paura. 2E come può comunicare con te, finché crederai che comunicare è isolarti? 3È chiaramente folle credere che comunicando sarai abbandonato. 4E tuttavia molti lo credono. 5Perché pensano che la loro mente debba essere tenuta separata o la perderanno, ma se i loro corpi sono insieme, la loro mente continua ad appartenere loro. 6L’unione dei corpi diventa così il modo in cui tengono separate le menti. 7Perché i corpi non possono perdonare. 8Essi possono fare solo ciò che la mente detta.

12. L’illusione di autonomia del corpo e la sua capacità di vincere la solitudine non sono che lo stratagemma del piano dell’ego per stabilire la propria autonomia. 2Finché crederai che essere con un corpo significa avere compagnia, sarai costretto a cercare di tenere tuo fratello nel corpo, per mezzo della colpa. 3E vedrai sicurezza nella colpa e pericolo nella comunicazione. 4Perché l’ego insegnerà sempre che la solitudine è risolta dalla colpa e che la comunicazione è la causa della solitudine. 5E nonostante l’evidente follia di questa lezione, molti l’hanno imparata.

13. Il perdono sta nella comunicazione proprio come la dannazione sta nella colpa. 2La funzione educativa dello Spirito Santo è di insegnare a chi crede che la comunicazione sia dannazione che la comunicazione è salvezza. 3E lo farà perché il potere di Dio in Lui e in te è unito in una relazione reale così santa e così forte che può vincere anche questo senza paura.

14. È attraverso l’istante santo che si compie ciò che sembra impossibile, rendendo evidente che non è impossibile. 2Nell’istante santo la colpa non conserva alcuna attrattiva, dato che la comunicazione è stata ripristinata. 3E la colpa, il cui unico scopo è di interrompere la comunicazione, qui non ha alcuna funzione. 4Qui non c’è simulazione, e nessun pensiero personale. 5La disponibilità a comunicare attrae a sé la comunicazione e sconfigge completamente la solitudine. 6Qui c’è completo perdono, perché non c’è alcun desiderio di escludere alcuno dalla tua completezza, in un subitaneo riconoscimento del valore della sua parte in essa. 7Nella protezione della tua interezza tutti sono invitati e benvenuti. 8E comprendi che la tua interezza viene da Dio, il Cui unico bisogno è che tu sia completo. 9Perché la tua interezza ti rende Suo nella tua consapevolezza. 10Ed è qui che fai l’esperienza di te stesso come sei stato creato e come sei.

VIII. The Only Real Relationship
T-15.VIII.1. The holy instant does not replace the need for learning, for the Holy Spirit must not leave you as your Teacher until the holy instant has extended far beyond time. For a teaching assignment such as His, He must use everything in this world for your release. He must side with every sign or token of your willingness to learn of Him what the truth must be. He is swift to utilize whatever you offer Him on behalf of this. His concern and care for you are limitless. In the face of your fear of forgiveness, which He perceives as clearly as He knows forgiveness is release, He will teach you to remember that forgiveness is not loss, but your salvation. And that in complete forgiveness, in which you recognize that there is nothing to forgive, you are absolved completely.

T-15.VIII.2. Hear Him gladly, and learn of Him that you have need of no special relationships at all. You but seek in them what you have thrown away. And through them you will never learn the value of what you have cast aside, but still desire with all your heart. Let us join together in making the holy instant all that there is, by desiring that it be all that there is. God’s Son has such great need of your willingness to strive for this that you cannot conceive of need so great. Behold the only need that God and His Son share, and will to meet together. You are not alone in this. The will of your creations calls to you, to share your will with them. Turn, then, in peace from guilt to God and them.

T-15.VIII.3. Relate only with what will never leave you, and what you can never leave. The loneliness of God’s Son is the loneliness of his Father. Refuse not the awareness of your completion, and seek not to restore it to yourself. Fear not to give redemption over to your Redeemer’s Love. He will not fail you, for He comes from One Who cannot fail. Accept your sense of failure as nothing more than a mistake in who you are. For the holy host of God is beyond failure, and nothing that he wills can be denied. You are forever in a relationship so holy that it calls to everyone to escape from loneliness, and join you in your love. And where you are must everyone seek, and find you there.

T-15.VIII.4. Think but an instant on this: God gave the Sonship to you, to ensure your perfect creation. This was His gift, for as He withheld Himself not from you, He withheld not His creation. Nothing that ever was created but is yours. Your relationships are with the universe. And this universe, being of God, is far beyond the petty sum of all the separate bodies you perceive. For all its parts are joined in God through Christ, where they become like to their Father. Christ knows of no separation from His Father, Who is His one relationship, in which He gives as His Father gives to Him.

T-15.VIII.5. The Holy Spirit is God’s attempt to free you of what He does not understand. And because of the Source of the attempt, it will succeed. The Holy Spirit asks you to respond as God does, for He would teach you what you do not understand. God would respond to every need, whatever form it takes. And so He keeps this channel open to receive His communication to you, and yours to Him. God does not understand your problem in communication, for He does not share it with you. It is only you who believe that it is understandable. The Holy Spirit knows that it is not understandable, and yet He understands it because you made it.

T-15.VIII.6. In the Holy Spirit alone lies the awareness of what God cannot know, and what you do not understand. It is His holy function to accept them both, and by removing every element of disagreement, to join them into one. He will do this because it is His function. Leave, then, what seems to you to be impossible, to Him Who knows it must be possible because it is the Will of God. And let Him Whose teaching is only of God teach you the only meaning of relationships. For God created the only relationship that has meaning, and that is His relationship with you.

VIII. La sola relazione reale
1. L’istante santo non sostituisce il bisogno di imparare, perché lo Spirito Santo non deve lasciarti come tuo Insegnante finché l’istante santo non si sarà esteso ben oltre il tempo. 2Per un compito di insegnamento come il Suo, deve usare ogni cosa in questo mondo per la tua liberazione. 3Deve approfittare di qualunque segnale o indicazione della tua disponibilità ad imparare da Lui cosa deve essere la verità. 4È pronto a utilizzare qualunque cosa tu Gli offra in favore di ciò. 5La Sua cura e preoccupazione per te sono illimitate. 6Davanti alla tua paura del perdono, che percepisce così chiaramente come sa che il perdono è liberazione, ti insegnerà a ricordare che il perdono non è perdita, ma la tua salvezza. 7E che nel perdono totale, nel quale riconoscerai che non c’è niente da perdonare, sarai completamente assolto.

2. AscoltaLo con gioia e impara da Lui che non hai alcun bisogno di relazioni speciali. 2Non cerchi in esse che ciò che hai gettato via. 3E attraverso di esse non imparerai mai il valore di ciò che hai messo da parte, ma che ancora desideri con tutto il cuore. 4Uniamoci nel far diventare l’istante santo tutto ciò che esiste, desiderando che esso sia tutto ciò che esiste. 5Il Figlio di Dio ha un bisogno così grande della tua disponibilità ad impegnarti per questo, che non puoi concepire un bisogno così grande. 6Guarda all’unico bisogno che Dio e Suo Figlio condividono e che vogliono soddisfare insieme. 7Non sei solo in questo. 8La volontà delle tue creazioni ti invita, perché tu condivida la tua volontà con esse. 9Volgiti, quindi, in pace dalla colpa a Dio e a loro.

3. Relazionati unicamente con ciò che non ti lascerà mai e ciò che non potrai mai lasciare. 2La solitudine del Figlio di Dio è la solitudine di suo Padre. 3Non rifiutare la consapevolezza della tua completezza e non cercare di ripristinarla da solo. 4Non aver paura di lasciare la tua redenzione nelle mani dell’Amore del tuo Redentore. 5Non ti tradirà, perché viene da Colui Che non può tradire. 6Accetta il tuo senso di fallimento come nient’altro che un errore su chi sei. 7Perché il santo che ospita Dio è oltre il fallimento, e nulla di ciò che vuole può essere negato. 8Sei per sempre in una relazione così santa da richiamare ciascuno a sfuggire la solitudine e a unirsi a te nel tuo amore. 9E tutti devono cercare il luogo dove sei e lì trovarti.

4. Pensa solo per un istante a questo: Dio ti ha dato la Figliolanza per assicurare la tua creazione perfetta. 2Questo è stato il Suo dono, perché così come Egli non Si è negato a te, non ha negato la Sua creazione. 3Tutto ciò che è mai stato creato è tuo. 4Le tue relazioni sono con l’universo. 5E questo universo, essendo di Dio, va ben al di là della insignificante somma di tutti i corpi separati che percepisci. 6Perché tutte le sue parti sono unite in Dio attraverso Cristo, dove diventano simili a loro Padre. 7Cristo non conosce separazione da Suo Padre, Che è la Sua unica relazione, nella quale Egli dà come Suo Padre Gli dà.

5. Lo Spirito Santo è il tentativo di Dio di liberarti da ciò che Egli non comprende. 2E grazie alla Fonte del tentativo, avrà successo. 3Lo Spirito Santo ti chiede di rispondere come fa Dio, perché Egli ti vuole insegnare ciò che non comprendi. 4Dio risponderà a ogni bisogno, qualunque forma assuma. 5E così Egli tiene aperto questo canale perché tu riceva la Sua comunicazione e Lui la tua. 6Dio non capisce il tuo problema di comunicazione, perché non lo condivide con te. 7Sei solo tu che lo credi comprensibile. 8Lo Spirito Santo sa che non è comprensibile e tuttavia lo comprende perché lo hai fatto tu.

6. Solo nello Spirito Santo c’è la consapevolezza di ciò che Dio non può sapere e di ciò che non comprendi. 2È la Sua santa funzione di accettarli entrambi e, eliminando ogni elemento di disaccordo, unirli in una cosa sola. 3Lo farà perché questa è la Sua funzione. 4Lascia, quindi, ciò che ti sembra impossibile, a Colui Che sa che deve essere possibile, perché è la Volontà di Dio. 5E permetti a Colui il Cui insegnamento è solo di Dio di insegnarti il solo significato delle relazioni. 6Perché Dio ha creato la sola relazione che abbia significato, e che è la Sua relazione con te.

IX. The Holy Instant and the Attraction of God
T-15.IX.1. As the ego would limit your perception of your brothers to the body, so would the Holy Spirit release your vision and let you see the Great Rays shining from them, so unlimited that they reach to God. It is this shift to vision that is accomplished in the holy instant. Yet it is needful for you to learn just what this shift entails, so you will become willing to make it permanent. Given this willingness it will not leave you, for it is permanent. Once you have accepted it as the only perception you want, it is translated into knowledge by the part that God Himself plays in the Atonement, for it is the only step in it He understands. Therefore, in this there will be no delay when you are ready for it. God is ready now, but you are not.

T-15.IX.2. Our task is but to continue, as fast as possible, the necessary process of looking straight at all the interference and seeing it exactly as it is. For it is impossible to recognize as wholly without gratification what you think you want. The body is the symbol of the ego, as the ego is the symbol of the separation. And both are nothing more than attempts to limit communication, and thereby to make it impossible. For communication must be unlimited in order to have meaning, and deprived of meaning, it will not satisfy you completely. Yet it remains the only means by which you can establish real relationships, which have no limits, having been established by God.

T-15.IX.3. In the holy instant, where the Great Rays replace the body in awareness, the recognition of relationships without limits is given you. But in order to see this, it is necessary to give up every use the ego has for the body, and to accept the fact that the ego has no purpose you would share with it. For the ego would limit everyone to a body for its own purposes, and while you think it has a purpose, you will choose to utilize the means by which it tries to turn its purpose into accomplishment. This will never be accomplished. Yet you have surely recognized that the ego, whose goals are altogether unattainable, will strive for them with all its might, and will do so with the strength that you have given it.

T-15.IX.4. It is impossible to divide your strength between Heaven and hell, God and the ego, and release your power to creation, which is the only purpose for which it was given you. Love would always give increase. Limits are demanded by the ego, and represent its demands to make little and ineffectual. Limit your sight of a brother to his body, which you will do as long as you would not release him from it, and you have denied his gift to you. His body cannot give it. And seek it not through yours. Yet your minds are already continuous, and their union need only be accepted and the loneliness in Heaven is gone.

T-15.IX.5. If you would but let the Holy Spirit tell you of the Love of God for you, and the need your creations have to be with you forever, you would experience the attraction of the eternal. No one can hear Him speak of this and long remain willing to linger here. For it is your will to be in Heaven, where you are complete and quiet, in such sure and loving relationships that any limit is impossible. Would you not exchange your little relationships for this? For the body is little and limited, and only those whom you would see without the limits the ego would impose on them can offer you the gift of freedom.

T-15.IX.6. You have no conception of the limits you have placed on your perception, and no idea of all the loveliness that you could see. But this you must remember; the attraction of guilt opposes the attraction of God. His attraction for you remains unlimited, but because your power, being His, is as great as His, you can turn away from love. What you invest in guilt you withdraw from God. And your sight grows weak and dim and limited, for you have attempted to separate the Father from the Son, and limit Their communication. Seek not Atonement in further separation. And limit not your vision of God’s Son to what interferes with his release, and what the Holy Spirit must undo to set him free. For his belief in limits has imprisoned him.

T-15.IX.7. When the body ceases to attract you, and when you place no value on it as a means of getting anything, then there will be no interference in communication and your thoughts will be as free as God’s. As you let the Holy Spirit teach you how to use the body only for purposes of communication, and renounce its use for separation and attack which the ego sees in it, you will learn you have no need of a body at all. In the holy instant there are no bodies, and you experience only the attraction of God. Accepting it as undivided you join Him wholly, in an instant, for you would place no limits on your union with Him. The reality of this relationship becomes the only truth that you could ever want. All truth is here.

IX. L’istante santo e l’attrattiva di Dio
1. Come l’ego vuole limitare la percezione dei tuoi fratelli al corpo, così lo Spirito Santo vuol liberare la tua visione e ti farà vedere i Grandi Raggi risplendere da loro, talmente illimitati da arrivare a Dio. 2È questo passaggio che porta alla visione che si compie nell’istante santo. 3Tuttavia è indispensabile che impari proprio ciò che questo passaggio implica, in modo da essere disposto a renderlo permanente. 4Data questa disponibilità, non ti lascerà, perché è permanente. 5Quando l’avrai accettato come l’unica percezione che vuoi, verrà tradotto in conoscenza dalla parte che Dio Stesso gioca nella Riconciliazione, perché è l’unico passo in essa che Egli comprenda. 6Quindi in questo non ci sarà ritardo quando sarai pronto per essa. 7Dio è pronto adesso, ma tu non lo sei.

2. Il nostro compito non è che continuare, il più velocemente possibile, il processo necessario di guardare direttamente l’interferenza e vederla esattamente com’è. 2Perché è impossibile riconoscere come completamente privo di gratificazione ciò che pensi di volere. 3Il corpo è il simbolo dell’ego, come l’ego è il simbolo della separazione. 4Ed entrambi non sono che tentativi di limitare la comunicazione e, di conseguenza, di renderla impossibile. 5Perché per avere significato la comunicazione deve essere illimitata e, privata di significato, non ti soddisferà completamente. 6Tuttavia rimane l’unico mezzo col quale puoi stabilire delle relazioni reali, che non hanno limiti, essendo state stabilite da Dio.

3. Nell’istante santo, nel quale i Grandi Raggi sostituiscono il corpo nella consapevolezza, ti è dato il riconoscimento delle relazioni senza limiti. 2Ma per vedere ciò, è necessario rinunciare a ogni modo in cui l’ego usa il corpo, e accettare il fatto che l’ego non ha uno scopo che tu voglia condividere. 3Perché l’ego vuol limitare ciascuno a un corpo per i suoi scopi e, finché penserai che abbia uno scopo, sceglierai di utilizzare i mezzi coi quali cerca di trasformare il suo scopo in risultati. 4Ciò non si compirà mai. 5Tuttavia avrai sicuramente riconosciuto che l’ego, i cui scopi sono comunque irraggiungibili, lotterà per essi con tutta la sua potenza, e lo farà con la forza che tu gli hai dato.

4. È impossibile dividere la tua forza tra Cielo e inferno, Dio e l’ego, e liberare il tuo potere di creare, che è l’unico scopo per il quale ti è stato dato. 2L’Amore produrrà sempre espansione. 3I limiti sono richiesti dall’ego, e rappresentano la sua esigenza di rendere piccoli e inefficaci. 4Limita ciò che vedi di un fratello al suo corpo, cosa che farai finché non lo libererai da esso, e avrai negato il suo dono per te. 5Il suo corpo non lo può dare. 6E non cercarlo attraverso il tuo. 7Tra le vostre menti, tuttavia, c’è già continuità, e la loro unione deve solo essere accettata e la solitudine svanirà in Cielo.

5. Se soltanto permettessi allo Spirito Santo di parlarti dell’Amore di Dio per te, e del bisogno che le tue creazioni hanno di essere per sempre con te, sentiresti l’attrattiva dell’eterno. 2Nessuno può udirLo parlare di ciò e rimanere a lungo disposto a indugiare qui. 3Perché è tua volontà essere in Cielo, dove sei completo e tranquillo, in una relazione così sicura e amorevole che ogni limite è impossibile. 4Non vuoi forse cambiare le tue piccole relazioni con questo? 5Perché il corpo è piccolo e limitato, e solo coloro che vuoi vedere senza i limiti che l’ego vuole imporre loro possono offrirti il dono della libertà.

6. Tu non puoi concepire i limiti che hai posto alla tua percezione, e non hai idea di tutta la bellezza che puoi vedere. 2Ma ricordati questo: l’attrattiva della colpa si oppone all’attrattiva di Dio. 3La sua attrattiva per te rimane illimitata, ma siccome il tuo potere, essendo il Suo, è grande come il Suo, puoi voltare le spalle all’amore. 4Ciò che investi nella colpa lo sottrai a Dio. 5E la tua vista diventa debole, oscura e limitata, perché hai tentato di separare il Padre dal Figlio, e di limitare la loro comunicazione. 6Non cercare la Riparazione in ulteriore separazione. 7E non limitare la tua visione del Figlio di Dio a ciò che interferisce con la sua liberazione e a ciò che lo Spirito Santo deve disfare per renderlo libero. 8Perché il suo credere nei limiti lo ha imprigionato.

7. Quando il corpo cesserà di attrarti, e quando non gli darai valore come mezzo per ottenere qualcosa, allora non ci sarà interferenza nella comunicazione e i tuoi pensieri saranno liberi come quelli di Dio. 2Quando permetterai allo Spirito Santo di insegnarti come usare il corpo solo allo scopo di comunicare, e rinuncerai ad usarlo per la separazione e l’attacco che l’ego vede in esso, imparerai che non hai alcun bisogno di un corpo. 3Nell’istante santo non ci sono corpi e provi solo l’attrattiva di Dio. 4Accettandola indivisa ti unisci interamente a Lui, in un istante, poiché non porrai alcun limite alla tua unione con Lui. 5La realtà di questa relazione diventerà la sola verità che potrai mai volere. 6Tutta la verità è qui.

X. The Time of Rebirth
T-15.X.1. It is in your power, in time, to delay the perfect union of the Father and the Son. For in this world, the attraction of guilt does stand between them. Neither time nor season means anything in eternity. But here it is the Holy Spirit’s function to use them both, though not as the ego uses them. This is the season when you would celebrate my birth into the world. Yet you know not how to do it. Let the Holy Spirit teach you, and let me celebrate your birth through Him. The only gift I can accept of you is the gift I gave to you. Release me as I choose your own release. The time of Christ we celebrate together, for it has no meaning if we are apart.

T-15.X.2. The holy instant is truly the time of Christ. For in this liberating instant no guilt is laid upon the Son of God, and his unlimited power is thus restored to him. What other gift can you offer me, when only this I choose to offer you? And to see me is to see me in everyone, and offer everyone the gift you offer me. I am as incapable of receiving sacrifice as God is, and every sacrifice you ask of yourself you ask of me. Learn now that sacrifice of any kind is nothing but a limitation imposed on giving. And by this limitation you have limited acceptance of the gift I offer you.

T-15.X.3. We who are one cannot give separately. When you are willing to accept our relationship as real, guilt will hold no attraction for you. For in our union you will accept all of our brothers. The gift of union is the only gift that I was born to give. Give it to me, that you may have it. The time of Christ is the time appointed for the gift of freedom, offered to everyone. And by your acceptance of it, you offer it to everyone.

T-15.X.4. It is in your power to make this season holy, for it is in your power to make the time of Christ be now. It is possible to do this all at once because there is but one shift in perception that is necessary, for you made but one mistake. It seems like many, but it is all the same. For though the ego takes many forms, it is always the same idea. What is not love is always fear, and nothing else.

T-15.X.5. It is not necessary to follow fear through all the circuitous routes by which it burrows underground and hides in darkness, to emerge in forms quite different from what it is. Yet it is necessary to examine each one as long as you would retain the principle that governs all of them. When you are willing to regard them, not as separate, but as different manifestations of the same idea, and one you do not want, they go together. The idea is simply this: You believe it is possible to be host to the ego or hostage to God. This is the choice you think you have, and the decision you believe that you must make. You see no other alternatives, for you cannot accept the fact that sacrifice gets nothing. Sacrifice is so essential to your thought system that salvation apart from sacrifice means nothing to you. Your confusion of sacrifice and love is so profound that you cannot conceive of love without sacrifice. And it is this that you must look upon; sacrifice is attack, not love. If you would accept but this one idea, your fear of love would vanish. Guilt cannot last when the idea of sacrifice has been removed. For if there is sacrifice, someone must pay and someone must get. And the only question that remains is how much is the price, and for getting what.

T-15.X.6. As host to the ego, you believe that you can give all your guilt away whenever you want, and thereby purchase peace. And the payment does not seem to be yours. While it is obvious that the ego does demand payment it never seems to be demanding it of you. You are unwilling to recognize that the ego, which you invited, is treacherous only to those who think they are its host. The ego will never let you perceive this, since this recognition would make it homeless. For when the recognition dawns clearly, you will not be deceived by any form the ego takes to protect itself from your sight. Each form will be recognized as but a cover for the one idea that hides behind them all; that love demands sacrifice, and is therefore inseparable from attack and fear. And that guilt is the price of love, which must be paid by fear.

T-15.X.7. How fearful, then, has God become to you, and how great a sacrifice do you believe His Love demands! For total love would demand total sacrifice. And so the ego seems to demand less of you than God, and of the two is judged as the lesser of two evils, one to be feared a little, perhaps, but the other to be destroyed. For you see love as destructive, and your only question is who is to be destroyed, you or another? You seek to answer this question in your special relationships, in which you seem to be both destroyer and destroyed in part, but able to be neither completely. And this you think saves you from God, Whose total Love would completely destroy you.

T-15.X.8. You think that everyone outside yourself demands your sacrifice, but you do not see that only you demand sacrifice, and only of yourself. Yet the demand of sacrifice is so savage and so fearful that you cannot accept it where it is. The real price of not accepting this has been so great that you have given God away rather than look at it. For if God would demand total sacrifice of you, it seems safer to project Him outward and away from you, and not be host to Him. To Him you ascribed the ego’s treachery, inviting it to take His place to protect you from Him. And you do not recognize that it is what you invited in that would destroy you, and does demand total sacrifice of you. No partial sacrifice will appease this savage guest, for it is an invader who but seems to offer kindness, but always to make the sacrifice complete.

T-15.X.9. You will not succeed in being partial hostage to the ego, for it keeps no bargains and would leave you nothing. Nor can you be partial host to it. You must choose between total freedom and total bondage, for there are no alternatives but these. You have tried many compromises in the attempt to avoid recognizing the one decision you must make. And yet it is the recognition of the decision, just as it is, that makes the decision so easy. Salvation is simple, being of God, and therefore very easy to understand. Do not try to project it from you and see it outside yourself. In you are both the question and the answer; the demand for sacrifice and the peace of God.

X. Il tempo della rinascita
1. È in tuo potere, nel tempo, procrastinare la perfetta unione del Padre e del Figlio. 2Perché, in questo mondo, l’attrattiva della colpa si interpone tra loro. 3Né il tempo né le stagioni significano niente nell’eternità. 4Ma ecco la funzione dello Spirito Santo di usarle entrambe, anche se non come le usa l’ego. 5Questa è la stagione in cui si celebra la mia nascita nel mondo. 6Tuttavia non sai come farlo. 7Permetti che lo Spirito Santo te lo insegni, e permettimi di celebrare la tua nascita attraverso di Lui. 8Il solo dono che posso accettare da te è il dono che io ti ho dato. 9Liberami mentre scelgo la tua liberazione. 10Celebriamo insieme il tempo di Cristo, perché non ha significato se siamo separati.

2. L’istante santo è veramente il tempo di Cristo. 2Perché in questo istante liberatorio nessuna colpa è posta sul Figlio di Dio, e il suo potere illimitato gli è così ripristinato. 3Quale altro dono puoi offrirmi quando scelgo di offrirti solo questo? 4E vedere me è vedermi in ognuno, e offrire a ciascuno il dono che mi offri. 5Sono altrettanto incapace di ricevere il sacrificio come lo è Dio, e ogni sacrificio che chiedi a te stesso lo chiedi a me. 6Impara ora che ogni genere di sacrificio non è altro che una limitazione imposta al dare. 7E con questa limitazione limiti la tua accettazione del dono che ti offro.

3. Noi che siamo una cosa sola non possiamo dare separatamente. 2Quando sarai disposto ad accettare la nostra relazione come reale, la colpa non avrà più attrattiva per te. 3Perché nella nostra unione accetterai tutti i nostri fratelli. 4Sono nato per dare unicamente il dono dell’unione. 5Dammelo, così che tu possa averlo. 6Il tempo di Cristo è il tempo designato al dono della libertà, offerto a tutti. 7E accettandolo, lo offri a tutti.

4. È in tuo potere rendere santa questa stagione, perché è in tuo potere fare sì che il tempo di Cristo sia ora. 2È possibile fare tutto questo immediatamente poiché non è necessario che un cambiamento di percezione, perché non hai fatto che un solo errore. 3Sembrano essere molti, ma è sempre lo stesso. 4Perché sebbene l’ego assuma molte forme, è sempre la stessa idea. 5Ciò che non è amore è sempre paura, e nient’altro.

5. Non è necessario seguire la paura in tutti i tortuosi meandri sotterranei in cui si nasconde e si cela nell’oscurità, per emergere in forme alquanto differenti da ciò che è. 2Tuttavia è necessario esaminare ciascuna di esse fintanto che vuoi conservare il principio che le governa tutte. 3Quando sarai disposto a considerarle non come separate, ma come manifestazioni differenti della stessa idea, un’idea che non vuoi, scompariranno. 4L’idea è semplicemente questa: credi sia possibile ospitare l’ego o essere ostaggio di Dio. 5Questa è la scelta che pensi di avere, e la decisione che credi di dover prendere. 6Non vedi alternative perché non puoi accettare il fatto che il sacrificio non porta a niente. 7Il sacrificio è così essenziale al tuo sistema di pensiero che la salvezza senza il sacrificio non significa niente per te. 8La tua confusione tra sacrificio e amore è così profonda che non puoi concepire amore senza sacrificio. 9Ed è questo che devi vedere: il sacrificio è attacco, non amore. 10Se accetterai questa sola idea, la tua paura dell’amore svanirà. 11La colpa non può perdurare quando l’idea di sacrificio sarà stata eliminata. 12Perché se c’è sacrificio, qualcuno deve pagare e qualcuno ottenere. 13E la sola domanda che rimane è quant’è il prezzo e per ottenere cosa.

6. Come colui che ospita l’ego, credi di poter dare via tutta la tua colpa ogni volta che vuoi e così acquistare la pace. 2E non ti sembra di essere tu a pagare. 3Mentre è ovvio che l’ego ti chiede un pagamento, non sembra mai che lo esiga da te. 4Non sei disposto a riconoscere che l’ego, che tu hai invitato, tradisce solo coloro che pensano di ospitarlo. 5L’ego non ti permetterà mai di percepirlo, dato che questo riconoscimento lo renderebbe senza dimora. 6Perché quando il riconoscimento emerge chiaramente, non sarai ingannato da nessuna forma che l’ego assuma per proteggersi dalla tua vista. 7Ogni forma verrà riconosciuta come nient’altro che una copertura per l’unica idea che si nasconde dietro ciascuna di esse: che l’amore esiga sacrificio e sia quindi inseparabile dall’attacco e dalla paura. 8E che la colpa sia il prezzo dell’amore, che va pagato con la paura.

7. Quanto è diventato temibile, quindi, Dio per te, e che grande sacrificio credi che esiga il Suo Amore! 2Perché l’amore totale esigerà il sacrificio totale. 3E così l’ego sembra chiederti meno di quanto richieda Dio, e dei due è giudicato il male minore, uno da temere un po’ forse, ma l’altro da distruggere. 4Perché vedi l’amore come distruttivo e la tua unica domanda è chi debba essere distrutto, tu o un’altro? 5Cerchi la risposta a questa domanda nella tue relazioni speciali, nelle quali ti sembra di essere in parte sia distruttore che distrutto, ma incapace di essere completamente l’uno o l’altro. 6E questo pensi che ti salvi da Dio, il Cui Amore totale ti distruggerebbe completamente.

8. Pensi che tutti al di fuori di te esigano il tuo sacrificio, ma non vedi che solo tu esigi il sacrificio, e solo di te stesso. 2Tuttavia la richiesta di sacrificio è così selvaggia e paurosa che non puoi accettarla dov’è. 3Il prezzo reale che viene dal non accettare ciò è stato così grande che hai rinunciato a Dio piuttosto che guardarlo. 4Perché se Dio ti chiedesse il sacrificio totale, sembrerebbe più sicuro proiettarLo fuori e lontano da te e non ospitarLo. 5A Lui hai imputato il tradimento dell’ego, invitandolo a prendere il Suo posto per proteggerti da Lui. 6E non riconosci che è ciò che hai invitato ad entrare che ti distruggerà e che esige il tuo sacrificio totale. 7Nessun sacrificio parziale soddisferà questo ospite selvaggio, perché è un invasore che sembra solo offrire gentilezza, ma sempre per rendere il sacrificio completo.

9. Non avrai successo nell’essere parzialmente ostaggio dell’ego, perché esso non mantiene alcun patto e non ti lascerà niente. 2Né puoi ospitarlo parzialmente. 3Devi scegliere tra libertà totale e totale schiavitù, perché non ci sono altre alternative che queste. 4Hai tentato molti compromessi nel tentativo di evitare di riconoscere la sola decisione che devi prendere. 5E tuttavia sarà il riconoscimento della decisione, così com’è, a rendere la decisione così facile. 6Essendo di Dio, la salvezza è semplice, e quindi molto facile da comprendere. 7Non cercare di proiettarla via da te e di vederla all’esterno. 8In te ci sono sia la domanda che la risposta: la richiesta di sacrificio e la pace di Dio.

XI. Christmas as the End of Sacrifice
T-15.XI.1. Fear not to recognize the whole idea of sacrifice as solely of your making. And seek not safety by attempting to protect yourself from where it is not. Your brothers and your Father have become very fearful to you. And you would bargain with them for a few special relationships, in which you think you see some scraps of safety. Do not try longer to keep apart your thoughts and the Thought that has been given you. When they are brought together and perceived where they are, the choice between them is nothing more than a gentle awakening, and as simple as opening your eyes to daylight when you have no more need of sleep.

T-15.XI.2. The sign of Christmas is a star, a light in darkness. See it not outside yourself, but shining in the Heaven within, and accept it as the sign the time of Christ has come. He comes demanding nothing. No sacrifice of any kind, of anyone, is asked by Him. In His Presence the whole idea of sacrifice loses all meaning. For He is Host to God. And you need but invite Him in Who is there already, by recognizing that His Host is One, and no thought alien to His Oneness can abide with Him there. Love must be total to give Him welcome, for the Presence of Holiness creates the holiness that surrounds it. No fear can touch the Host Who cradles God in the time of Christ, for the Host is as holy as the perfect Innocence which He protects, and Whose power protects Him.

T-15.XI.3. This Christmas give the Holy Spirit everything that would hurt you. Let yourself be healed completely that you may join with Him in healing, and let us celebrate our release together by releasing everyone with us. Leave nothing behind, for release is total, and when you have accepted it with me you will give it with me. All pain and sacrifice and littleness will disappear in our relationship, which is as innocent as our relationship with our Father, and as powerful. Pain will be brought to us and disappear in our presence, and without pain there can be no sacrifice. And without sacrifice there love must be.

T-15.XI.4. You who believe that sacrifice is love must learn that sacrifice is separation from love. For sacrifice brings guilt as surely as love brings peace. Guilt is the condition of sacrifice, as peace is the condition for the awareness of your relationship with God. Through guilt you exclude your Father and your brothers from yourself. Through peace you invite them back, realizing that they are where your invitation bids them be. What you exclude from yourself seems fearful, for you endow it with fear and try to cast it out, though it is part of you. Who can perceive part of himself as loathsome, and live within himself in peace? And who can try to resolve the “conflict” of Heaven and hell in him by casting Heaven out and giving it the attributes of hell, without experiencing himself as incomplete and lonely?

T-15.XI.5. As long as you perceive the body as your reality, so long will you perceive yourself as lonely and deprived. And so long will you also perceive yourself as a victim of sacrifice, justified in sacrificing others. For who could thrust Heaven and its Creator aside without a sense of sacrifice and loss? And who could suffer sacrifice and loss without attempting to restore himself? Yet how could you accomplish this yourself, when the basis of your attempts is the belief in the reality of the deprivation? Deprivation breeds attack, being the belief that attack is justified. And as long as you would retain the deprivation, attack becomes salvation and sacrifice becomes love.

T-15.XI.6. So is it that, in all your seeking for love, you seek for sacrifice and find it. Yet you find not love. It is impossible to deny what love is and still recognize it. The meaning of love lies in what you have cast outside yourself, and it has no meaning apart from you. It is what you prefer to keep that has no meaning, while all that you would keep away holds all the meaning of the universe, and holds the universe together in its meaning. Unless the universe were joined in you it would be apart from God, and to be without Him is to be without meaning.

T-15.XI.7. In the holy instant the condition of love is met, for minds are joined without the body’s interference, and where there is communication there is peace. The Prince of Peace was born to re-establish the condition of love by teaching that communication remains unbroken even if the body is destroyed, provided that you see not the body as the necessary means of communication. And if you understand this lesson, you will realize that to sacrifice the body is to sacrifice nothing, and communication, which must be of the mind, cannot be sacrificed. Where, then, is sacrifice? The lesson I was born to teach, and still would teach to all my brothers, is that sacrifice is nowhere and love is everywhere. For communication embraces everything, and in the peace it re-establishes, love comes of itself.

T-15.XI.8. Let no despair darken the joy of Christmas, for the time of Christ is meaningless apart from joy. Let us join in celebrating peace by demanding no sacrifice of anyone, for so you offer me the love I offer you. What can be more joyous than to perceive we are deprived of nothing? Such is the message of the time of Christ, which I give you that you may give it and return it to the Father, Who gave it to me. For in the time of Christ communication is restored, and He joins us in the celebration of His Son’s creation.

T-15.XI.9. God offers thanks to the holy host who would receive Him, and lets Him enter and abide where He would be. And by your welcome does He welcome you into Himself, for what is contained in you who welcome Him is returned to Him. And we but celebrate His Wholeness as we welcome Him into ourselves. Those who receive the Father are one with Him, being host to Him Who created them. And by allowing Him to enter, the remembrance of the Father enters with Him, and with Him they remember the only relationship they ever had, and ever want to have.

T-15.XI.10. This is the time in which a new year will soon be born from the time of Christ. I have perfect faith in you to do all that you would accomplish. Nothing will be lacking, and you will make complete and not destroy. Say, then, to your brother:

I give you to the Holy Spirit as part of myself.
I know that you will be released, unless I want to use you to imprison myself.
In the name of my freedom I choose your release, because I recognize that we will be released together.


So will the year begin in joy and freedom. There is much to do, and we have been long delayed. Accept the holy instant as this year is born, and take your place, so long left unfulfilled, in the Great Awakening. Make this year different by making it all the same. And let all your relationships be made holy for you. This is our will. Amen.

XI. Il Natale come fine del sacrificio
1. Non aver paura di riconoscere che l’intera idea del sacrificio è solamente una tua invenzione. 2E non cercare sicurezza cercando di proteggerti da dove non c’è. 3I tuoi fratelli e tuo Padre sono diventati temibili per te. 4E tu vorresti contrattare con loro per avere alcune relazioni speciali, nelle quali pensi di vedere alcuni pezzetti di sicurezza. 5Non cercare più di tenere separati i tuoi pensieri e il Pensiero che ti è stato dato. 6Quando questi vengono uniti e percepiti dove sono, la scelta tra essi non è niente più di un dolce risveglio, tanto semplice come aprire gli occhi alla luce del giorno quando non hai più bisogno di dormire.

2. Il segno del Natale è una stella, una luce nell’oscurità. 2Non vederla fuori di te, ma splendente nel Cielo interiore, e accettala come segno che il tempo di Cristo è venuto. 3Egli viene senza esigere nulla. 4Non chiede alcun sacrificio, di niente e di nessuno. 5Alla Sua Presenza l’intera idea di sacrificio perde ogni significato. 6Perché Egli è Colui Che ospita Dio. 7E tu non devi far altro che invitare Colui Che è già lì, riconoscendo che il Suo Ospite è Uno, e nessun pensiero estraneo alla Sua Unità può dimorare lì con Lui. 8L’amore deve essere totale per darGli il benvenuto, perché la Presenza della santità crea la santità che la circonda. 9Nessuna paura può toccare l’Ospite Che culla Dio nel tempo di Cristo, perché l’Ospite è santo come la perfetta Innocenza che Egli protegge e il Cui potere Lo protegge.

3. Questo Natale dai allo Spirito Santo tutto ciò che ti ferisce. 2Permettiti di essere completamente guarito così che ti possa unire a Lui nella guarigione, e celebriamo insieme la nostra liberazione liberando tutti con noi. 3Non lasciarti nulla alle spalle, perché la liberazione è totale e quando l’avrai accettata con me la darai con me. 4Ogni dolore, sacrificio e piccolezza scompariranno nella nostra relazione, che è innocente come la relazione con nostro Padre, e altrettanto potente. 5Il dolore verrà portato a noi e scomparirà in nostra presenza, e senza dolore non può esserci sacrificio. 6E senza sacrificio, lì deve esserci l’amore.

4. Tu, che credi che il sacrificio sia amore, devi imparare che il sacrificio è separazione dall’amore. 2Perché è certo che il sacrificio porta la colpa come l’amore porta la pace. 3La colpa è la condizione del sacrificio, come la pace è la condizione della consapevolezza della tua relazione con Dio. 4Attraverso la colpa escludi tuo Padre e i tuoi fratelli da te. 5Attraverso la pace li inviti a tornare, rendendoti conto che essi sono dove il tuo invito offre loro di essere. 6Ciò che escludi da te stesso sembra far paura, perché gli conferisci paura e cerchi di gettarlo via, nonostante sia parte di te. 7Chi può percepire una parte di se stesso come odiosa e vivere in pace dentro di sé? 8E chi può cercare di risolvere il “conflitto” tra Cielo e inferno dentro di sé buttando fuori il Cielo e dandogli gli attributi dell’inferno, senza sentirsi solo e incompleto?

5. Finché percepirai il corpo come tua realtà, ti percepirai solo e deprivato. 2E ti percepirai anche come la vittima del sacrificio, giustificato nel sacrificio degli altri. 3Perché chi può gettare via il Cielo e il suo Creatore senza un senso di sacrificio e di perdita? 4E chi può soffrire per sacrificio e perdita senza cercare di ripristinare se stesso? 5Tuttavia come puoi compiere ciò da solo, quando ciò su cui si basano i tuoi tentativi è il credere nella realtà della privazione? 6La privazione genera attacco, essendo la credenza che l’attacco sia giustificato. 7Finché manterrai la privazione, l’attacco diventerà salvezza e il sacrificio amore.

6. Così avviene, che in tutta la tua ricerca di amore, cerchi il sacrificio e lo trovi. 2Tuttavia non trovi l’amore. 3È impossibile negare cos’è l’amore e purtuttavia riconoscerlo. 4Il significato dell’amore sta in ciò che hai gettato fuori di te, e non ha significato separato da te. 5È ciò che preferisci mantenere che non ha significato, mentre tutto ciò che vuoi tenere lontano ha in sé tutto il significato dell’universo, e tiene insieme l’universo nel suo significato. 6Se l’universo non fosse unito in te, sarebbe separato da Dio, e essere senza di Lui è essere senza significato.

7. Nell’istante santo la condizione dell’amore è soddisfatta, perché le menti sono unite senza l’interferenza del corpo, e dove c’è comunicazione c’è pace. 2Il Principe della Pace è nato per ristabilire la condizione dell’amore insegnando che la comunicazione rimane ininterrotta anche se il corpo viene distrutto, a condizione che tu non veda il corpo come mezzo necessario alla comunicazione. 3E se capirai questa lezione, ti renderai conto che sacrificare il corpo è sacrificare il nulla, e che la comunicazione, che deve essere della mente, non può essere sacrificata. 4Dov’è, dunque, il sacrificio? 4La lezione per insegnare la quale sono nato, e che voglio ancora insegnare a tutti i miei fratelli, è che il sacrificio non è in alcun luogo e che l’amore è ovunque. 5Perché la comunicazione abbraccia ogni cosa e, nella pace che ristabilisce, l’amore viene da sé.

8. Non permettere alla disperazione di oscurare la gioia del Natale, perché il tempo di Cristo non ha significato separato dalla gioia. 2Uniamoci nel celebrare la pace non chiedendo sacrificio a nessuno, perché così mi offri l’amore che io ti offro. 3Cosa può essere più gioioso che percepire che non siamo privati di nulla? 4Tale è il messaggio del tempo di Cristo, che ti do così che tu possa darlo e restituirlo al Padre, Che lo ha dato a me. 5Perché nel tempo di Cristo la comunicazione è ripristinata ed Egli si unisce a noi nella celebrazione della creazione di Suo Figlio.

9. Dio offre ringraziamenti all’ospite santo che Lo riceve e Lo lascia entrare e dimorare dove Egli vuole essere. 2E tramite il tuo benvenuto, Egli ti dà il benvenuto entro Se Stesso, perché ciò che è contenuto in te che Gli dai il benvenuto Gli è restituito. 3E noi non celebriamo che la Sua Interezza mentre Gli diamo il benvenuto dentro di noi. 4Coloro che ricevono il Padre sono uno con Lui, ospitando Colui Che li ha creati. 5E, permettendogli di entrare, il ricordo del Padre entra con Lui, e con Lui essi ricordano la sola relazione che hanno mai avuta, e che vogliono avere per sempre.

10. Questo è il tempo in cui un nuovo anno nascerà presto dal tempo di Cristo. 2Ho fede assoluta nel fatto che farai tutto ciò che vorrai compiere. 3Niente mancherà, e tu renderai completo e non distruggerai. 4Dì quindi a tuo fratello:

5Ti do allo Spirito Santo come parte di me stesso.
6So che sarai liberato, a meno che io non voglia usarti per imprigionare me stesso.
7Nel nome della mia libertà scelgo la tua liberazione, perché riconosco che saremo liberati insieme.


8Così l’anno inizierà con gioia e libertà. 9C’è molto da fare, ed abbiamo procrastinato parecchio. 10Accetta l’istante santo mentre nasce quest’anno, e prendi il tuo posto, lasciato vacante così a lungo, nel Grande Risveglio. 11Fa che quest’anno sia differente rendendolo tutto uguale. 12E permetti a tutte le tue relazioni di essere fatte sante per te. 13Questa è la nostra volontà. 14Amen.

Chapter 16. The forgiveness of illusions - Capitolo 16. Il perdono delle illusioni

I. True Empathy
T-16.I.1. To empathize does not mean to join in suffering, for that is what you must refuse to understand. That is the ego’s interpretation of empathy, and is always used to form a special relationship in which the suffering is shared. The capacity to empathize is very useful to the Holy Spirit, provided you let Him use it in His way. His way is very different. He does not understand suffering, and would have you teach it is not understandable. When He relates through you, He does not relate through your ego to another ego. He does not join in pain, understanding that healing pain is not accomplished by delusional attempts to enter into it, and lighten it by sharing the delusion.

T-16.I.2. The clearest proof that empathy as the ego uses it is destructive lies in the fact that it is applied only to certain types of problems and in certain people. These it selects out, and joins with. And it never joins except to strengthen itself. Having identified with what it thinks it understands, the ego sees itself and would increase itself by sharing what is like itself. Make no mistake about this maneuver; the ego always empathizes to weaken, and to weaken is always to attack. You do not know what empathizing means. Yet of this you may be sure; if you will merely sit quietly by and let the Holy Spirit relate through you, you will empathize with strength, and will gain in strength and not in weakness.

T-16.I.3. Your part is only to remember this; you do not want anything you value to come of a relationship. You choose neither to hurt it nor to heal it in your own way. You do not know what healing is. All you have learned of empathy is from the past. And there is nothing from the past that you would share, for there is nothing from the past that you would keep. Do not use empathy to make the past real, and so perpetuate it. Step gently aside, and let healing be done for you. Keep but one thought in mind and do not lose sight of it, however tempted you may be to judge any situation, and to determine your response by judging it. Focus your mind only on this:

I am not alone, and I would not intrude the past upon my Guest. I have invited Him, and He is here. I need do nothing except not to interfere.

T-16.I.4. True empathy is of Him Who knows what it is. You will learn His interpretation of it if you let Him use your capacity for strength, and not for weakness. He will not desert you, but be sure that you desert not Him. Humility is strength in this sense only; that to recognize and accept the fact that you do not know is to recognize and accept the fact that He does know. You are not sure that He will do His part, because you have never yet done yours completely. You cannot know how to respond to what you do not utnderstand. Be tempted not in this, and yield not to the ego’s triumphant use of empathy for its glory.

T-16.I.5. The triumph of weakness is not what you would offer to a brother. And yet you recognize no triumph but this. This is not knowledge, and the form of empathy which would bring this about is so distorted that it would imprison what it would release. The unredeemed cannot redeem, yet they have a Redeemer. Attempt to teach Him not. You are the learner; He the Teacher. Do not confuse your role with His, for this will never bring peace to anyone. Offer your empathy to Him for it is His perception and His strength that you would share. And let Him offer you His strength and His perception, to be shared through you.

T-16.I.6. The meaning of love is lost in any relationship that looks to weakness, and hopes to find love there. The power of love, which is its meaning, lies in the strength of God that hovers over it and blesses it silently by enveloping it in healing wings. Let this be, and do not try to substitute your “miracle” for this. I have said that if a brother asks a foolish thing of you to do it. But be certain that this does not mean to do a foolish thing that would hurt either him or you, for what would hurt one will hurt the other. Foolish requests are foolish merely because they conflict, since they always contain some element of specialness. Only the Holy Spirit recognizes foolish needs as well as real ones. And He will teach you how to meet both without losing either.

T-16.I.7. You will attempt to do this only in secrecy. And you will think that by meeting the needs of one you do not jeopardize another, because you keep them separate and secret from each other. That is not the way, for it leads not to life and truth. No needs will long be left unmet if you leave them all to Him Whose function is to meet them. That is His function, and not yours. He will not meet them secretly, for He would share everything you give through Him. That is why He gives it. What you give through Him is for the whole Sonship, not for part of it. Leave Him His function, for He will fulfill it if you but ask Him to enter your relationships, and bless them for you.

I. La vera empatia
1. Provare empatia non significa unirsi nella sofferenza, perché questo è ciò che devi rifiutarti di capire. 2Questo è il modo in cui l’ego interpreta l’empatia, che è sempre usata per formare una relazione speciale nella quale la sofferenza è condivisa. 3La capacità di provare empatia è molto utile allo Spirito Santo, posto che tu Gli permetta di usarla a modo Suo. 4Il Suo modo è molto diverso. 5Egli non comprende la sofferenza, e vuole che tu insegni che è incomprensibile. 6Quando si mette in relazione attraverso di te, non si mette in relazione a un altro ego attraverso il tuo. 7Non si unisce nel dolore, poiché comprende che la guarigione del dolore non si ottiene tramite tentativi deliranti di entrarvi e alleviarlo condividendo il delirio.

2. La prova più lampante che l’empatia, come la usa l’ego, è distruttiva sta nel fatto che viene applicata solo a certi tipi di problemi e su certe persone. 2Le seleziona e si unisce ad esse. 3E non si unisce mai se non per rafforzarsi. 4Essendosi identificato con ciò che pensa di capire, l’ego vede se stesso e vuole accrescersi condividendo ciò che è come lui. 5Non ingannarti riguardo a queste sue manovre: l’ego prova empatia sempre e solo per indebolire, e indebolire significa sempre attaccare. 6Tu non sai cosa vuol dire provare empatia. 7Tuttavia di questo puoi essere certo: se semplicemente ti siederai in silenzio e permetterai allo Spirito Santo di mettersi in relazione attraverso di te, proverai empatia con la forza e guadagnerai in forza e non in debolezza.

3. La tua parte è solo ricordare questo: non vuoi che nulla a cui tu attribuisci valore venga da una relazione. 2Non scegli né di ferirla né di guarirla alla tua maniera. 3Tu non sai cos’è la guarigione. 4Tutto ciò che hai imparato dell’empatia viene dal passato. 5E non c’è niente del passato che tu voglia condividere, perché non c’è niente del passato che tu voglia tenere. 6Non usare l’empatia per rendere reale il passato e in tal modo perpetuarlo. 7Fatti dolcemente da parte e lascia che la guarigione sia fatta per te. 8Non tenere che un pensiero in mente e non perderlo di vista, quantunque tu possa essere tentato di giudicare qualsiasi situazione e far sì che la tua risposta sia determinata dal fatto che la giudichi. 9Focalizza la tua mente soltanto su questo:

10Io non sono solo e non voglio imporre il passato al mio Ospite.
11Io L’ho invitato, ed Egli è qui.
12Non c’è bisogno ch’io faccia nulla, salvo non interferire.


4. La vera empatia viene da Colui Che sa cos’è. 2Imparerai come Lui la interpreta se Gli permetterai di usare la tua capacità in favore della forza e non della debolezza. 3Egli non ti abbandonerà, ma assicurati di non essere tu ad abbandonarLo. 4L’umiltà è forza solo in questo senso: che riconoscere e accettare il fatto che non sai è riconoscere e accettare il fatto che Egli veramente sa. 5Tu non sei sicuro che Egli farà la Sua parte, perché non hai mai fatto ancora completamente la tua. 6Non puoi sapere come rispondere a ciò che non capisci. 7Non cadere in questa tentazione e non soccombere al modo trionfante con cui l’ego usa l’empatia per la sua gloria.

5. Il trionfo della debolezza non è ciò che vuoi offrire a un fratello. 2E tuttavia non riconosci altro trionfo che questo. 3Questa non è conoscenza e la forma di empatia che suscita ciò è così distorta che imprigionerà ciò che vuol liberare. 4Coloro che non sono stati redenti non possono redimere, tuttavia hanno un Redentore. 5Non cercare di essere tu ad insegnare a Lui. 6Tu sei lo studente e Lui l’Insegnante. 7Non confondere il tuo ruolo con il Suo, perché questo non porterà mai pace ad alcuno. 8Offri a Lui la tua empatia, perché sono la Sua percezione e la Sua forza che vuoi condividere. 9E permettiGli di offrirti la Sua forza e la Sua percezione, perché siano condivise attraverso di te.

6. Il significato dell’amore è perduto in ogni relazione che si rivolga alla debolezza e speri di trovare lì l’amore. 2Il potere dell’amore, che è il suo significato, risiede nella forza di Dio che si libra su di esso e lo benedice silenziosamente avvolgendolo in ali guaritrici. 3Permetti che questo sia e non cercare di sostituire il tuo “miracolo” a questo. 4Ho già detto: se un fratello ti chiede una cosa sciocca, tu falla. 5Ma sii certo che questo non voglia dire fare una cosa sciocca che faccia del male a lui o a te, perché ciò che fa del male all’uno farà del male all’altro. 6Le richieste sciocche sono sciocche solo perché sono conflittuali, poiché contengono sempre qualche elemento del desiderio di specialezza. 7Solo lo Spirito Santo riconosce sia i bisogni sciocchi che quelli reali. 8E ti insegnerà come soddisfarli entrambi senza perderne nessuno.

7. Tu cercherai di fare questo solo in segreto. 2E penserai che soddisfacendo i bisogni dell’uno non metterai in pericolo l’altro, perché li tieni separati e segreti l’uno all’altro. 3Questa non è la via, perché non conduce alla vita e alla verità. 4Nessun bisogno resterà a lungo insoddisfatto se li affiderai tutti a Colui la Cui funzione è soddisfarli. 5Quella è la Sua funzione, non la tua. 6Non li soddisferà in segreto, perché vuol condividere tutto quello che dai attraverso di Lui. 7Questo è il motivo per cui lo da. 8Ciò che dai attraverso di Lui è per l’intera Figliolanza, non per parte di essa. 9LasciaGli la Sua funzione, perché la compirà se solo Gli chiederai di entrare nelle tue relazioni e di benedirle per te.

II. The Power of Holiness
T-16.II.1. You may still think that holiness is impossible to understand, because you cannot see how it can be extended to include everyone. And you have been told that it must include everyone to be holy. Concern yourself not with the extension of holiness, for the nature of miracles you do not understand. Nor do you do them. It is their extension, far beyond the limits you perceive, that demonstrates you do not do them. Why should you worry how the miracle extends to all the Sonship when you do not understand the miracle itself? One attribute is no more difficult to understand than is the whole. If miracles are at all, their attributes would have to be miraculous, being part of them.

T-16.II.2. There is a tendency to fragment, and then to be concerned about the truth of just a little part of the whole. And this is but a way of avoiding, or looking away from the whole, to what you think you might be better able to understand. For this is but another way in which you would still try to keep understanding to yourself. A better and far more helpful way to think of miracles is this: You do not understand them, either in part or in whole. Yet they have been done through you. Therefore your understanding cannot be necessary. Yet it is still impossible to accomplish what you do not understand. And so there must be Something in you that does understand.

T-16.II.3. To you the miracle cannot seem natural, because what you have done to hurt your mind has made it so unnatural that it does not remember what is natural to it. And when you are told what is natural, you cannot understand it. The recognition of the part as whole, and of the whole in every part is perfectly natural, for it is the way God thinks, and what is natural to Him is natural to you. Wholly natural perception would show you instantly that order of difficulty in miracles is quite impossible, for it involves a contradiction of what miracles mean. And if you could understand their meaning, their attributes could hardly cause you perplexity.

T-16.II.4. You have done miracles, but it is quite apparent that you have not done them alone. You have succeeded whenever you have reached another mind and joined with it. When two minds join as one and share one idea equally, the first link in the awareness of the Sonship as One has been made. When you have made this joining as the Holy Spirit bids you, and have offered it to Him to use as He sees fit, His natural perception of your gift enables Him to understand it, and you to use His understanding on your behalf. It is impossible to convince you of the reality of what has clearly been accomplished through your willingness while you believe that you must understand it or else it is not real.

T-16.II.5. How can faith in reality be yours while you are bent on making it unreal? And are you really safer in maintaining the reality of illusions than you would be in joyously accepting truth for what it is, and giving thanks for it? Honor the truth that has been given you, and be glad you do not understand it. Miracles are natural to the One Who speaks for God. For His task is to translate the miracle into the knowledge which it represents, and which is hidden to you. Let His understanding of the miracle be enough for you, and do not turn away from all the witnesses that He has given you to His reality.

T-16.II.6. No evidence will convince you of the truth of what you do not want. Yet your relationship with Him is real. Regard this not with fear, but with rejoicing. The One you called upon is with you. Bid Him welcome, and honor the witnesses who bring you the glad tidings He has come. It is true, just as you fear, that to acknowledge Him is to deny all that you think you know. But what you think you know was never true. What gain is there to you in clinging to it, and denying the evidence for truth? For you have come too near to truth to renounce it now, and you will yield to its compelling attraction. You can delay this now, but only a little while. The Host of God has called to you, and you have heard. Never again will you be wholly willing not to listen.

T-16.II.7. This is a year of joy, in which your listening will increase and peace will grow with its increase. The power of holiness and the weakness of attack are both being brought into your awareness. And this has been accomplished in a mind firmly convinced that holiness is weakness and attack is power. Should not this be a sufficient miracle to teach you that your Teacher is not of you? But remember also that whenever you listened to His interpretation the results have brought you joy. Would you prefer the results of your interpretation, considering honestly what they have been? God wills you better. Could you not look with greater charity on whom God loves with perfect Love?

T-16.II.8. Do not interpret against God’s Love, for you have many witnesses that speak of it so clearly that only the blind and deaf could fail to see and hear them. This year determine not to deny what has been given you by God. Awake and share it, for that is the only reason He has called to you. His Voice has spoken clearly, and yet you have so little faith in what you heard, because you have preferred to place still greater faith in the disaster you have made. Today, let us resolve together to accept the joyful tidings that disaster is not real and that reality is not disaster. Reality is safe and sure, and wholly kind to everyone and everything. There is no greater love than to accept this and be glad. For love asks only that you be happy, and will give you everything that makes for happiness.

T-16.II.9. You have never given any problem to the Holy Spirit He has not solved for you, nor will you ever do so. You have never tried to solve anything yourself and been successful. Is it not time you brought these facts together and made sense of them? This is the year for the application of the ideas that have been given you. For the ideas are mighty forces, to be used and not held idly by. They have already proved their power sufficiently for you to place your faith in them, and not in their denial. This year invest in truth, and let it work in peace. Have faith in Him Who has faith in you. Think what you have really seen and heard, and recognize it. Can you be alone with witnesses like these?

II. Il potere della santità
1. Puoi ancora pensare che la santità sia impossibile da capire, perché non riesci a vedere come possa essere estesa fino a includere tutti. 2E ti è stato detto che deve includere tutti per essere santa. 3Non preoccuparti dell’estensione della santità, perché tu non comprendi la natura dei miracoli. 4Né sei tu a farli. 5È la loro estensione, ben oltre i limiti che percepisci, che dimostra che non sei tu a farli. 6Perché dovresti preoccuparti di come il miracolo si estenda a tutta la Figliolanza, quando non comprendi il miracolo stesso? 7Un attributo non è più difficile da capire di quanto lo sia l’intero. 8Se i miracoli esistono, i loro attributi devono essere miracolosi, essendo parte di essi.

2. C’è una tendenza a frammentare e poi a preoccuparsi della verità di solo una piccola parte dell’intero. 2E questo non è che un modo per evitare o distogliere lo sguardo dall’intero, per rivolgerti a ciò che credi potresti essere maggiormente in grado di capire. 3Perché questo non è che un altro modo in cui vuoi ancora cercare di tenere per te la comprensione. 4Un modo migliore e assai più utile di pensare ai miracoli è questo: tu non li capisci, né in parte né nella loro interezza. 5Tuttavia sono stati fatti attraverso di te. 6Quindi la tua comprensione non può essere necessaria. 7Tuttavia è ancora impossibile compiere qualcosa che non comprendi. 8E così ci deve essere Qualcosa in te che di fatto comprende.

3. Il miracolo non può sembrarti naturale, perché ciò che hai fatto per ferire la tua mente l’ha resa così innaturale che non ricorda che cosa è naturale per lei. 2E quando ti viene detto cosa è naturale, non puoi capirlo. 3Riconoscere la parte come intero, e l’intero in ogni parte, è perfettamente naturale, perché è il modo in cui Dio pensa, e ciò che è naturale per Lui è naturale per te. 4Una percezione interamente naturale ti mostrerebbe istantaneamente che un ordine di difficoltà nei miracoli è del tutto impossibile, perché implica una contraddizione su ciò che significano i miracoli. 5E se tu potessi comprenderne il significato, i loro attributi non potrebbero affatto causarti perplessità.

4. Hai fatto miracoli, ma è piuttosto evidente che non li hai fatti da solo. 2Hai avuto successo tutte le volte che hai raggiunto un’altra mente e ti sei unito ad essa. 3Quando due menti si uniscono come fossero una e condividono parimenti un’idea, è stato fatto il primo anello nella consapevolezza dell’unità della Figliolanza. 4Quando avrai fatto questa unione come lo Spirito Santo ti chiede e l’avrai offerta a Lui per usarla come Egli ritiene opportuno, la Sua naturale percezione del tuo dono Lo metterà in grado di comprenderlo e consentirà a te di usare la Sua comprensione a tuo beneficio. 5È impossibile convincerti della realtà di ciò che è stato chiaramente ottenuto attraverso la tua disponibilità, fintanto che crederai di doverlo comprendere perché altrimenti non è reale.

5. Come puoi aver fede nella realtà mentre fai di tutto per renderla irreale? 2E sei veramente più al sicuro nel mantenere la realtà delle illusioni di quanto lo saresti se accettassi gioiosamente la verità per quello che è, e rendessi grazie per essa? 3Onora la verità che ti è stata data, e sii contento di non comprenderla. 4I miracoli sono naturali per Colui Che parla per Dio. 5Perché il Suo compito è di tradurre il miracolo nella conoscenza che rappresenta e che ti è nascosta. 6Lascia che la Sua comprensione del miracolo ti sia sufficiente e non distoglierti da tutte le testimonianze che Egli ti ha dato della Sua realtà.

6. Nessuna evidenza ti convincerà della verità di ciò che non vuoi. 2Tuttavia la tua relazione con Lui è reale. 3Non considerare ciò con paura ma rallegratene. 4Colui Che hai invocato è con te. 5DaGli il benvenuto e onora le testimonianze che ti portano la buona novella che Lui è arrivato. 6È vero, proprio come temi, che riconoscerLo è negare tutto ciò che pensi di conoscere. 7Ma ciò che pensi di conoscere non è mai stato vero. 8Che vantaggio hai nel rimanerne legato e negare l’evidenza della verità? 9Perché sei giunto troppo vicino alla verità per rinunciarvi ora e tu cederai alla sua irresistibile attrattiva. 10Puoi ritardarlo ora, ma solo per un po’. 11L’Ospite di Dio ti ha chiamato e tu hai udito. 12Non sarai mai più interamente disposto a non ascoltare.

7. Questo è un anno di gioia, nel quale il tuo ascolto aumenterà e aumentando crescerà la pace. 2Il potere della santità e la debolezza dell’attacco verranno entrambi portati alla tua consapevolezza. 3E questo sarà stato compiuto in una mente fermamente convinta che la santità sia debolezza e l’attacco sia potere. 4Non dovrebbe questo essere un miracolo sufficiente ad insegnarti che il tuo Insegnante non viene da te? 5Ma ricorda anche che ogniqualvolta hai ascoltato la Sua interpretazione i risultati ti hanno portato gioia. 6Preferiresti forse i risultati della tua interpretazione, considerando onestamente quali sono stati? 7Dio vuole per te qualcosa di meglio. 8Non potresti forse guardare con maggiore carità colui che Dio ama con perfetto Amore?

8. Non interpretare contro l’Amore di Dio, perché hai molti testimoni che parlano di esso così chiaramente che solo il cieco e il sordo potrebbero non riuscire a vederli e ad udirli. 2Quest’anno sii determinato a non negare ciò che ti è stato dato da Dio. 3Svegliati e condividilo, perché questa è l’unica ragione per cui Egli ti ha chiamato. 4La Sua Voce ha parlato chiaramente, e tuttavia hai così poca fede in ciò che hai udito, perché hai preferito riporre una fede ancora maggiore nel disastro che hai fatto. 5Oggi decidiamo insieme di accettare le buone nuove che il disastro non è reale e che la realtà non è un disastro. 6La realtà è sicura, certa e totalmente benevola verso tutti e tutto. 7Non c’è amore più grande che accettare ciò ed essere felice. 8Perché l’amore ti chiede solo di essere felice e ti darà tutto ciò che contribuisce alla felicità.

9. Non hai mai dato un problema allo Spirito Santo che Egli non abbia risolto per te, né succederà mai. 2Non hai mai tentato di risolvere da te qualcosa avendo successo. 3Non è il momento di mettere insieme questi fatti e di trarne delle conclusioni? 4Questo è l’anno in cui applicare le idee che ti sono state date. 5Perché le idee sono forze potenti, da mettere in pratica e non da lasciare in disuso. 6Esse ti hanno già dimostrato sufficientemente il loro potere per riporre la tua fede in esse e non nella loro negazione. 7Quest’anno investi nella verità, e lasciala lavorare in pace. 8Abbi fede in Colui Che ha fede in te. 9Pensa a ciò che hai veramente visto e udito e riconoscilo. 10Puoi forse essere solo con testimoni come questi?

III. The Reward of Teaching
T-16.III.1. We have already learned that everyone teaches, and teaches all the time. You may have taught well, and yet you may not have learned how to accept the comfort of your teaching. If you will consider what you have taught, and how alien it is to what you thought you knew, you will be compelled to realize that your Teacher came from beyond your thought system. Therefore He could look upon it fairly, and perceive it was untrue. He must have done so from the basis of a very different thought system, and one with nothing in common with yours. For certainly what He has taught, and what you have taught through Him, have nothing in common with what you taught before He came. And the results have been to bring peace where there was pain, and suffering has disappeared to be replaced by joy.

T-16.III.2. You may have taught freedom, but you have not learned how to be free. I said earlier, “By their fruits ye shall know them, and they shall know themselves.” For it is certain that you judge yourself according to your teaching. The ego’s teaching produces immediate results, because its decisions are immediately accepted as your choice. And this acceptance means that you are willing to judge yourself accordingly. Cause and effect are very clear in the ego’s thought system, because all your learning has been directed toward establishing the relationship between them. And would you not have faith in what you have so diligently taught yourself to believe? Yet remember how much care you have exerted in choosing its witnesses, and in avoiding those which spoke for the cause of truth and its effects.

T-16.III.3. Does not the fact that you have not learned what you have taught show you that you do not perceive the Sonship as one? And does it not also show you that you do not regard yourself as one? For it is impossible to teach successfully wholly without conviction, and it is equally impossible that conviction be outside of you. You could never have taught freedom unless you did believe in it. And it must be that what you taught came from yourself. Yet this Self you clearly do not know, and do not recognize It even though It functions. What functions must be there. And it is only if you deny what It has done that you could possibly deny Its Presence.

T-16.III.4. This is a course in how to know yourself. You have taught what you are, but have not let what you are teach you. You have been very careful to avoid the obvious, and not to see the real cause and effect relationship that is perfectly apparent. Yet within you is everything you taught. What can it be that has not learned it? It must be this part that is really outside yourself, not by your own projection, but in truth. And it is this part that you have taken in that is not you. What you accept into your mind does not really change it. Illusions are but beliefs in what is not there. And the seeming conflict between truth and illusion can only be resolved by separating yourself from the illusion and not from truth.

T-16.III.5. Your teaching has already done this, for the Holy Spirit is part of you. Created by God, He left neither God nor His creation. He is both God and you, as you are God and Him together. For God’s Answer to the separation added more to you than you tried to take away. He protected both your creations and you together, keeping one with you what you would exclude. And they will take the place of what you took in to replace them. They are quite real, as part of the Self you do not know. They communicate to you through the Holy Spirit, and their power and gratitude to you for their creation they offer gladly to your teaching of yourself, who is their home. You who are host to God are also host to them. For nothing real has ever left the mind of its creator. And what is not real was never there.

T-16.III.6. You are not two selves in conflict. What is beyond God? If you who hold Him and whom He holds are the universe, all else must be outside, where nothing is. You have taught this, and from far off in the universe, yet not beyond yourself, the witnesses to your teaching have gathered to help you learn. Their gratitude has joined with yours and God’s to strengthen your faith in what you taught. For what you taught is true. Alone, you stand outside your teaching and apart from it. But with them you must learn that you but taught yourself, and learned from the conviction you shared with them.

T-16.III.7. This year you will begin to learn, and make learning commensurate with teaching. You have chosen this by your own willingness to teach. Though you seemed to suffer for it, the joy of teaching will yet be yours. For the joy of teaching is in the learner, who offers it to the teacher in gratitude, and shares it with him. As you learn, your gratitude to your Self, Who teaches you what He is, will grow and help you honor Him. And you will learn His power and strength and purity, and love Him as His Father does. His Kingdom has no limits and no end, and there is nothing in Him that is not perfect and eternal. All this is you, and nothing outside of this is you.

T-16.III.8. To your most holy Self all praise is due for what you are, and for what He is Who created you as you are. Sooner or later must everyone bridge the gap he imagines exists between his selves. Each one builds this bridge, which carries him across the gap as soon as he is willing to expend some little effort on behalf of bridging it. His little efforts are powerfully supplemented by the strength of Heaven, and by the united will of all who make Heaven what it is, being joined within it. And so the one who would cross over is literally transported there.

T-16.III.9. Your bridge is builded stronger than you think, and your foot is planted firmly on it. Have no fear that the attraction of those who stand on the other side and wait for you will not draw you safely across. For you will come where you would be, and where your Self awaits you.

III. La ricompensa dell’insegnamento
1. Abbiamo già imparato che tutti insegnano, e insegnano sempre. 2Potresti avere insegnato bene e tuttavia non avere imparato ad accettare il conforto del tuo insegnamento. 3Se esaminerai ciò che hai insegnato, e quanto ciò è alieno a quello che pensavi di sapere, sarai costretto a renderti conto che il tuo Insegnante è venuto da molto oltre il tuo sistema di pensiero. 4Quindi Egli ha potuto vederlo obiettivamente e percepire che non era vero. 5Deve aver fatto ciò sulla base di un sistema di pensiero molto differente, un sistema di pensiero che non ha niente in comune col tuo. 6Perché certamente ciò che Egli ha insegnato, e ciò che tu hai insegnato attraverso di Lui, non hanno niente in comune con ciò che hai insegnato prima della Sua venuta. 7E i risultati sono stati di portare la pace dove c’era il dolore, e la sofferenza è scomparsa per essere sostituita dalla gioia.

2. Puoi aver insegnato la libertà, ma non hai imparato ad essere libero. 2Ho detto in precedenza: “Dai loro frutti li riconoscerai, ed essi si riconosceranno”. 3Perché è certo che tu ti giudichi in base ai tuoi insegnamenti. 4L’insegnamento dell’ego produce risultati immediati, perché le sue decisioni sono immediatamente accettate come tua scelta. 5E questa accettazione significa che sei disposto a giudicarti di conseguenza. 6Causa ed effetto sono molto chiari nel sistema di pensiero dell’ego, perché il tuo apprendimento è stato volto a stabilire la relazione tra di loro. 7E non vuoi forse aver fiducia in ciò che ti sei così diligentemente insegnato a credere? 8Tuttavia ricorda quanta cura hai impiegato nello scegliere i suoi testimoni e nell’evitare coloro che parlavano per la causa della verità e dei suoi effetti.

3. Il fatto che non hai imparato ciò che hai insegnato non dimostra forse che non percepisci la Figliolanza come una? 2E non mostra inoltre che non percepisci te stesso come uno? 3Perché è impossibile insegnare con successo non sei totalmente convinto, ed è ugualmente impossibile che la convinzione sia al di fuori di te. 4Non avresti mai potuto insegnare la libertà se non ci avessi creduto davvero. 5E ne deve conseguire che ciò che hai insegnato è venuto da te. 6Tuttavia è chiaro che non conosci questo Sé e non Lo riconosci anche se funziona. 7Ciò che funziona ci deve essere. 8Ed è solo se neghi ciò che ha fatto che potresti eventualmente negare la Sua Presenza.

4. Questo è un corso per conoscere te stesso. 2Tu hai insegnato ciò che sei ma non hai permesso a ciò che sei di insegnarti. 3Sei stato molto attento ad evitare ciò che è ovvio e a non vedere la vera relazione di causa ed effetto che è perfettamente evidente. 4Tuttavia dentro di te c’è tutto ciò che hai insegnato. 5Cosa può essere che non l’ha imparato? 6Deve essere quella parte che è davvero fuori di te, non per via della tua proiezione, ma in verità. 7Ed è questa parte che hai accolto dentro di te che non sei tu. 8Ciò che accetti dentro la tua mente non la cambia veramente. 9Le illusioni non sono che credenze in ciò che non esiste. 10E l’apparente conflitto tra verità e illusione può essere risolto solo separandoti dall’illusione e non dalla verità.

5. Il tuo insegnamento ha già fatto ciò, perché lo Spirito Santo è parte di te. 2Creato da Dio, non ha lasciato né Dio né la Sua creazione. 3Egli è Dio e te insieme, così come tu sei Dio e Lui insieme. 4Perché la Risposta di Dio alla separazione ha aggiunto a te più di quanto tu abbia tentato di togliere. 5Egli ha protetto insieme sia te che le tue creazioni, mantenendo unito a te ciò che tu avresti voluto escludere. 6Ed esse prenderanno il posto di ciò che hai accolto dentro di te per sostituirle. 7Come parte del Sé che non conosci, le tue creazioni sono del tutto reali. 8Esse comunicano con te attraverso lo Spirito Santo ed offrono con piacere il loro potere e la loro gratitudine per la loro creazione al tuo insegnare a te stesso, che sei la loro casa. 9Tu che ospiti Dio ospiti anche loro. 10Perché niente di reale ha mai lasciato la mente del suo creatore. 11E ciò che non è reale, non c’è mai stato.

6. Tu non sei due sé in conflitto. 2Cosa c’è oltre Dio? 3Se tu che Lo contieni e Lui Che ti contiene siete l’universo, tutto il resto deve essere al di fuori, dove non esiste nulla. 4Hai insegnato ciò, e da molto lontano nell’universo, tuttavia non oltre te stesso, i testimoni del tuo insegnamento si sono riuniti per aiutarti ad imparare. 5La loro gratitudine si è unita alla tua e a quella di Dio per rafforzare la tua fede in ciò che hai insegnato. 6Perché ciò che hai insegnato è vero. 7Da solo, tu stai fuori dal tuo insegnamento e separato da esso. 8Ma con essi devi imparare che non hai insegnato che a te stesso e hai imparato dal convincimento che hai condiviso con loro.

7. Quest’anno comincerai a imparare e a far sì che ciò che impari sia nella stessa misura di ciò che insegni. 2Hai fatto questa scelta con la tua disponibilità ad insegnare. 3Nonostante ti sia sembrato di soffrire per questo, la gioia dell’insegnamento sarà ancora tua. 4Perché la gioia dell’insegnamento è nello studente, che la offre con gratitudine all’insegnante e la condivide con lui. 5Man mano che impari, la tua gratitudine per il tuo Sé, Che ti insegna ciò che Egli è, crescerà e ti aiuterà a onorarLo. 6E imparerai il Suo potere, la Sua forza e la Sua purezza e Lo amerai come Lo ama Suo Padre. 7Il Suo Regno non ha limiti e non ha fine, e non c’è nulla in Lui che non sia perfetto ed eterno. 8Tutto questo sei tu, e tu non sei niente altro che questo.

8. Ogni lode è dovuta al tuo Sé più santo per ciò che sei e per ciò che è Colui Che ti ha creato come sei. 2Presto o tardi ognuno dovrà colmare lo spazio vuoto che immagina esistere tra i suoi sé. 3Ognuno costruirà questo ponte che lo porterà attraverso lo spazio vuoto non appena sarà disposto a fare qualche piccolo sforzo per costruirlo. 4I suoi piccoli sforzi sono potentemente integrati dalla forza del Cielo, e dalla volontà congiunta di tutti coloro che fanno del Cielo ciò che è, essendo uniti in esso. 5E così colui che vorrà attraversarlo sarà letteralmente trasportato là.

9. Il tuo ponte è costruito in modo più robusto di quanto pensi, e il tuo piede è fermamente piantato su di esso. 2Non aver paura che l’attrattiva di coloro che stanno dall’altra parte e ti stanno aspettando non ti porti al sicuro dall’altra parte. 3Perché verrai dove vorrai essere e dove il tuo Sé ti aspetta.

IV. The Illusion and the Reality of Love
T-16.IV.1. Be not afraid to look upon the special hate relationship, for freedom lies in looking at it. It would be impossible not to know the meaning of love, except for this. For the special love relationship, in which the meaning of love is hidden, is undertaken solely to offset the hate, but not to let it go. Your salvation will rise clearly before your open eyes as you look on this. You cannot limit hate. The special love relationship will not offset it, but will merely drive it underground and out of sight. It is essential to bring it into sight, and to make no attempt to hide it. For it is the attempt to balance hate with love that makes love meaningless to you. The extent of the split that lies in this you do not realize. And until you do, the split will remain unrecognized, and therefore unhealed.

T-16.IV.2. The symbols of hate against the symbols of love play out a conflict that does not exist. For symbols stand for something else, and the symbol of love is without meaning if love is everything. You will go through this last undoing quite unharmed, and will at last emerge as yourself. This is the last step in the readiness for God. Be not unwilling now; you are too near, and you will cross the bridge in perfect safety, translated quietly from war to peace. For the illusion of love will never satisfy, but its reality, which awaits you on the other side, will give you everything.

T-16.IV.3. The special love relationship is an attempt to limit the destructive effects of hate by finding a haven in the storm of guilt. It makes no attempt to rise above the storm, into the sunlight. On the contrary, it emphasizes the guilt outside the haven by attempting to build barricades against it, and keep within them. The special love relationship is not perceived as a value in itself, but as a place of safety from which hatred is split off and kept apart. The special love partner is acceptable only as long as he serves this purpose. Hatred can enter, and indeed is welcome in some aspects of the relationship, but it is still held together by the illusion of love. If the illusion goes, the relationship is broken or becomes unsatisfying on the grounds of disillusionment.

T-16.IV.4. Love is not an illusion. It is a fact. Where disillusionment is possible, there was not love but hate. For hate is an illusion, and what can change was never love. It is sure that those who select certain ones as partners in any aspect of living, and use them for any purpose which they would not share with others, are trying to live with guilt rather than die of it. This is the choice they see. And love, to them, is only an escape from death. They seek it desperately, but not in the peace in which it would gladly come quietly to them. And when they find the fear of death is still upon them, the love relationship loses the illusion that it is what it is not. When the barricades against it are broken, fear rushes in and hatred triumphs.

T-16.IV.5. There are no triumphs of love. Only hate is at all concerned with the “triumph of love.” The illusion of love can triumph over the illusion of hate, but always at the price of making both illusions. As long as the illusion of hatred lasts, so long will love be an illusion to you. And then the only choice remaining possible is which illusion you prefer. There is no conflict in the choice between truth and illusion. Seen in these terms, no one would hesitate. But conflict enters the instant the choice seems to be one between illusions, but this choice does not matter. Where one choice is as dangerous as the other, the decision must be one of despair.

T-16.IV.6. Your task is not to seek for love, but merely to seek and find all of the barriers within yourself that you have built against it. It is not necessary to seek for what is true, but it is necessary to seek for what is false. Every illusion is one of fear, whatever form it takes. And the attempt to escape from one illusion into another must fail. If you seek love outside yourself you can be certain that you perceive hatred within, and are afraid of it. Yet peace will never come from the illusion of love, but only from its reality.

T-16.IV.7. Recognize this, for it is true, and truth must be recognized if it is to be distinguished from illusion: The special love relationship is an attempt to bring love into separation. And, as such, it is nothing more than an attempt to bring love into fear, and make it real in fear. In fundamental violation of love’s one condition, the special love relationship would accomplish the impossible. How but in illusion could this be done? It is essential that we look very closely at exactly what it is you think you can do to solve the dilemma which seems very real to you, but which does not exist. You have come close to truth, and only this stands between you and the bridge that leads you into it.

T-16.IV.8. Heaven waits silently, and your creations are holding out their hands to help you cross and welcome them. For it is they you seek. You seek but for your own completion, and it is they who render you complete. The special love relationship is but a shabby substitute for what makes you whole in truth, not in illusion. Your relationship with them is without guilt, and this enables you to look on all your brothers with gratitude, because your creations were created in union with them. Acceptance of your creations is the acceptance of the Oneness of creation, without which you could never be complete. No specialness can offer you what God has given, and what you are joined with Him in giving.

T-16.IV.9. Across the bridge is your completion, for you will be wholly in God, willing for nothing special, but only to be wholly like to Him, completing Him by your completion. Fear not to cross to the abode of peace and perfect holiness. Only there is the completion of God and of His Son established forever. Seek not for this in the bleak world of illusion, where nothing is certain and where everything fails to satisfy. In the Name of God, be wholly willing to abandon all illusions. In any relationship in which you are wholly willing to accept completion, and only this, there is God completed, and His Son with Him.

T-16.IV.10. The bridge that leads to union in yourself must lead to knowledge, for it was built with God beside you, and will lead you straight to Him where your completion rests, wholly compatible with His. Every illusion you accept into your mind by judging it to be attainable removes your own sense of completion, and thus denies the Wholeness of your Father. Every fantasy, be it of love or hate, deprives you of knowledge for fantasies are the veil behind which truth is hidden. To lift the veil that seems so dark and heavy, it is only needful to value truth beyond all fantasy, and to be entirely unwilling to settle for illusion in place of truth.

T-16.IV.11. Would you not go through fear to love? For such the journey seems to be. Love calls, but hate would have you stay. Hear not the call of hate, and see no fantasies. For your completion lies in truth, and nowhere else. See in the call of hate, and in every fantasy that rises to delay you, but the call for help that rises ceaselessly from you to your Creator. Would He not answer you whose completion is His? He loves you, wholly without illusion, as you must love. For love is wholly without illusion, and therefore wholly without fear. Whom God remembers must be whole. And God has never forgotten what makes Him whole. In your completion lie the memory of His Wholeness and His gratitude to you for His completion. In His link with you lie both His inability to forget and your ability to remember. In Him are joined your willingness to love and all the Love of God, Who forgot you not.

T-16.IV.12. Your Father can no more forget the truth in you than you can fail to remember it. The Holy Spirit is the Bridge to Him, made from your willingness to unite with Him and created by His joy in union with you. The journey that seemed endless is almost complete, for what is endless is very near. You have almost recognized it. Turn with me firmly away from all illusions now, and let nothing stand in the way of truth. We will take the last useless journey away from truth together, and then together we go straight to God, in joyous answer to His Call for His completion.

T-16.IV.13. If special relationships of any kind would hinder God’s completion, can they have any value to you? What would interfere with God must interfere with you. Only in time does interference in God’s completion seem to be possible. The bridge that He would carry you across lifts you from time into eternity. Waken from time, and answer fearlessly the Call of Him Who gave eternity to you in your creation. On this side of the bridge to timelessness you understand nothing. But as you step lightly across it, upheld by timelessness, you are directed straight to the Heart of God. At its center, and only there, you are safe forever, because you are complete forever. There is no veil the Love of God in us together cannot lift. The way to truth is open. Follow it with me.

IV. L’illusione e la realtà dell’amore
1. Non aver paura di vedere la relazione speciale di odio, perché la libertà sta nel guardarla. 2Sarebbe impossibile non conoscere il significato dell’amore se non fosse per questo. 3Perché la relazione speciale d’amore, nella quale il significato dell’amore è nascosto, viene intrapresa solo per contrapporsi all’odio, ma non per lasciarlo andare. 4La tua salvezza apparirà chiaramente davanti ai tuoi occhi aperti quando guarderai ciò. 5Non puoi limitare l’odio. 6La relazione speciale d’amore non vi si può contrapporre, ma può solo occultarlo e renderlo invisibile. 7È essenziale renderlo visibile e non fare alcun tentativo di nasconderlo. 8Perché è il tentativo di bilanciare l’odio con l’amore che rende l’amore privo di significato per te. 9Non ti rendi conto della portata della divisione che c’è in questo. 10E finché non te ne renderai conto la separazione rimarrà non riconosciuta e quindi non guarita.

2. I simboli dell’odio contro i simboli dell’amore inscenano un conflitto che non esiste. 2Perché i simboli stanno a significare qualcos’altro, e il simbolo dell’amore è senza significato se l’amore è tutto. 3Attraverserai del tutto illeso quest’ultima fase di disfacimento e alla fine emergerai te stesso. 4Questo è l’ultimo passo per essere pronti per Dio. 5Non essere non disposto ora: sei troppo vicino e attraverserai il ponte in perfetta sicurezza, trasportato serenamente dalla guerra alla pace. 6Perché l’illusione dell’amore non ti soddisferà mai, ma la sua realtà, che ti aspetta sull’altra sponda, ti darà ogni cosa.

3. La relazione speciale d’amore è un tentativo di limitare gli effetti distruttivi dell’odio trovando un rifugio nella tempesta della colpa. 2Non fa alcun tentativo di elevarsi al di sopra della tempesta, dove c’è la luce del sole. 3Al contrario, evidenzia il fatto che la colpa è fuori dal rifugio e tenta di costruire barricate contro di essa e di ripararvisi dietro. 4La relazione speciale d’amore non è percepita come un valore in sé, ma come un luogo dove ci si sente al sicuro dal quale l’odio è tagliato fuori e tenuto separato. 5Il compagno di amore speciale è accettabile solo finché serve a questo scopo. 6L’odio può entrare, e di fatto è benvenuto in alcuni aspetti della relazione, ma questa è tenuta insieme ancora dall’illusione dell’amore. 7Se l’illusione svanisce, la relazione si rompe o diventa insoddisfacente a causa della disillusione.

4. L’amore non è un’illusione. 2È un fatto. 3Dove è possibile la disillusione, non c’era amore ma odio. 4Perché l’odio è un’illusione, e ciò che può cambiare non è mai stato amore. 5È sicuro che coloro che scelgono certuni come compagni in qualche aspetto della vita, e li usano per uno scopo che non condividerebbero con altri, stanno cercando di vivere con la colpa invece che morire per causa sua. 6Questa è la scelta che vedono. 7E l’amore, per loro, è solo una fuga dalla morte. 8Lo cercano disperatamente, ma non nella pace nella quale verrebbe loro con felicità e calma. 9E quando scoprono che la paura della morte è ancora in loro, la relazione d’amore perde l’illusione di essere ciò che non è. 10Quando le barricate contro di essa cedono, la paura irrompe e l’odio trionfa.

5. Non ci sono trionfi dell’amore. 2Solo l’odio si preoccupa del “trionfo dell’amore”. 3L’illusione dell’amore può trionfare sull’illusione dell’odio, ma sempre al prezzo di renderle entrambe illusioni. 4Finché dura l’illusione dell’odio, l’amore sarà un’illusione per te. 5E quindi l’unica scelta che rimarrà possibile sarà quale illusione preferisci. 6Non c’è conflitto nella scelta tra verità e illusione. 7Vista in questi termini, nessuno esiterebbe. 8Ma il conflitto entra nell’istante in cui la scelta sembra essere tra due illusioni, ma questa scelta non ha importanza. 9Quando una scelta è tanto pericolosa quanto l’altra, la decisione deve essere disperata.

6. Il tuo compito non è di ricercare l’amore, ma di cercare e trovare tutte le barriere dentro di te che hai costruito contro di esso. 2Non è necessario ricercare ciò che è vero, ma è necessario cercare ciò che è falso. 3Ogni illusione è un’illusione di paura, qualunque forma prenda. 4E il tentativo di fuggire da un’illusione a un’altra è destinato a fallire. 5Se cerchi l’amore al di fuori di te puoi essere certo che dentro di te percepisci l’odio e ne hai paura. 6Tuttavia la pace non verrà mai dall’illusione dell’amore, ma solo dalla sua realtà.

7. Riconosci questo, perché è vero, e la verità deve essere riconosciuta se deve essere distinta dall’illusione: la relazione speciale d’amore è un tentativo di portare amore nella separazione. 2E, in quanto tale, non è nulla più che un tentativo di portare l’amore nella paura e di renderlo reale nella paura. 3Nella fondamentale violazione dell’unica condizione dell’amore, la relazione speciale d’amore vorrebbe compiere l’impossibile. 4In che altro modo se non nell’illusione potrebbe essere fatto ciò? 5È essenziale che esaminiamo molto da vicino cosa esattamente pensi di poter fare per risolvere il dilemma che ti sembra molto reale ma che non esiste. 6Sei giunto vicino alla verità e solo questo si frappone tra te e il ponte che ti porterà ad essa.

8. Il Cielo aspetta in silenzio, e le tue creazioni stanno protendendo le loro mani per aiutarti ad attraversare e a dar loro il benvenuto. 2Perché è loro che cerchi. 3Non cerchi che il tuo completamento e sono esse che ti rendono completo. 4La relazione speciale d’amore non è che un sostituto scialbo per ciò che ti renderà intero nella verità e non nell’illusione. 5La tua relazione con esse è senza colpa, e questo ti mette in grado di guardare tutti i tuoi fratelli con gratitudine, perché le tue creazioni sono state create unitamente a loro. 6L’accettazione delle tue creazioni è l’accettazione dell’unità della creazione, senza la quale non potrai mai essere completo. 7Nessuna specialezza può offrirti ciò che Dio ha dato e ciò che ti unisce a Lui nel dare.

9. Dall’altra parte del ponte è il tuo completamento, perché sarai interamente in Dio, senza volere nulla di speciale, ma solo di essere completamente come Lui, completandoLo con il tuo completamento. 2Non aver paura di attraversare verso la dimora della pace e della perfetta santità. 3Solo là il completamento di Dio e di Suo Figlio è stabilito per sempre. 4Non cercare questo nello squallido mondo dell’illusione, nel quale niente è certo e dove tutto è insoddisfacente. 5Nel Nome di Dio, sii interamente disposto ad abbandonare ogni illusione. 6In ogni relazione nella quale sei interamente disposto ad accettare il completamento, e solo questo, lì Dio è completato e Suo Figlio con Lui.

10. Il ponte che porta all’unione in te stesso deve portare alla conoscenza, perché è stato costruito con Dio al tuo fianco, e ti condurrà dritto da Lui dove risiede il tuo completamento, interamente compatibile col Suo. 2Ogni illusione che accetti nella tua mente ritenendola raggiungibile, invalida il tuo senso di completamento e così nega l’Interezza di tuo Padre. 3Ogni fantasia, sia essa di odio o d’amore, ti priva della conoscenza, perché le fantasie sono il velo dietro al quale è nascosta la verità. 4Per sollevare il velo che sembra così scuro e pesante è necessario soltanto dar valore alla verità che sta al di là di ogni fantasia ed essere assolutamente non disposto a mettere le illusioni al posto della verità.

11. Non vuoi forse passare dalla paura all’amore? 2Perché tale sembra essere il viaggio. 3L’amore chiama, ma l’odio vorrebbe che tu restassi. 4Non ascoltare il richiamo dell’odio, e non vedere fantasie. 5Poiché il tuo completamento risiede nella verità e in nessun altro posto. 6Vedi nel richiamo dell’odio, e in ogni fantasia che sorge per farti procrastinare, nient’altro che il richiamo di aiuto che incessantemente sorge da te verso il tuo Creatore. 7Vuoi che Egli non risponda a te che sei il Suo completamento? 8Egli ti ama, interamente senza illusioni, così come tu devi amare. 9Perché l’amore è interamente senza illusioni e quindi interamente senza paura. 10Colui che Dio ricorda deve essere intero. 11E Dio non ha mai dimenticato ciò che Lo rende intero. 12Nel tuo completamento c’è il ricordo della Sua Interezza e della Sua gratitudine per te per il Suo completamento. 13Nel Suo legame con te ci sono sia la Sua incapacità di dimenticare che la tua capacità di ricordare. 14In Lui sono unite la tua disponibilità ad amare e l’Amore di Dio, Che non ti ha dimenticato.

12. Tuo Padre non può dimenticare la verità in te più di quanto tu possa mancare di ricordarla. 2Lo Spirito Santo è il Ponte verso di Lui, fatto dalla tua disponibilità ad unirti a Lui e creato dalla Sua gioia in unione con te. 3Il viaggio che sembrava senza fine è quasi completato, perché ciò che è senza fine è molto vicino. 4Lo hai quasi riconosciuto. 5Allontanati fermamente da ogni illusione con me ora, e non permettere a nulla di ostruire il cammino della verità. 6Intraprenderemo insieme l’ultimo inutile viaggio lontano dalla verità, e poi insieme andremo dritti verso Dio, in gioiosa risposta al Suo Richiamo per il Suo completamento.

13. Se un qualsiasi tipo di relazione speciale ostacola il completamento di Dio, può forse avere valore per te? 2Ciò che interferisce con Dio deve interferire con te. 3Solo nel tempo l’interferenza con il completamento di Dio sembra possibile. 4Il ponte attraverso il quale Egli vuole portarti ti conduce dal tempo all’eternità. 5Svegliati dal tempo e rispondi senza paura al Richiamo di Colui Che quando ti ha creato ti ha dato l’eternità. 6Da questa parte del ponte che conduce a ciò che è senza tempo tu non capisci nulla. 7Ma non appena lo attraverserai con passo leggero, sostenuto da ciò che è senza tempo, sarai diretto proprio al Cuore di Dio. 8Al suo centro, e solo là, sarai al sicuro per sempre, perché sarai completo per sempre. 9Non c’è alcun velo che l’Amore di Dio non possa sollevare in noi uniti. 10La via per la verità è aperta. 11Seguila con me.

V. The Choice for Completion
T-16.V.1. In looking at the special relationship, it is necessary first to realize that it involves a great amount of pain. Anxiety, despair, guilt and attack all enter into it, broken into by periods in which they seem to be gone. All these must be understood for what they are. Whatever form they take, they are always an attack on the self to make the other guilty. I have spoken of this before, but there are some aspects of what is really being attempted that have not been touched upon.

T-16.V.2. Very simply, the attempt to make guilty is always directed against God. For the ego would have you see Him, and Him alone, as guilty, leaving the Sonship open to attack and unprotected from it. The special love relationship is the ego’s chief weapon for keeping you from Heaven. It does not appear to be a weapon, but if you consider how you value it and why, you will realize what it must be.

T-16.V.3. The special love relationship is the ego’s most boasted gift, and one which has the most appeal to those unwilling to relinquish guilt. The “dynamics” of the ego are clearest here, for counting on the attraction of this offering, the fantasies that center around it are often quite overt. Here they are usually judged to be acceptable and even natural. No one considers it bizarre to love and hate together, and even those who believe that hate is sin merely feel guilty, but do not correct it. This is the “natural” condition of the separation, and those who learn that it is not natural at all seem to be the unnatural ones. For this world is the opposite of Heaven, being made to be its opposite, and everything here takes a direction exactly opposite of what is true. In Heaven, where the meaning of love is known, love is the same as union. Here, where the illusion of love is accepted in love’s place, love is perceived as separation and exclusion.

T-16.V.4. It is in the special relationship, born of the hidden wish for special love from God, that the ego’s hatred triumphs. For the special relationship is the renunciation of the Love of God, and the attempt to secure for the self the specialness that He denied. It is essential to the preservation of the ego that you believe this specialness is not hell, but Heaven. For the ego would never have you see that separation could only be loss, being the one condition in which Heaven could not be.

T-16.V.5. To everyone Heaven is completion. There can be no disagreement on this, because both the ego and the Holy Spirit accept it. They are, however, in complete disagreement on what completion is, and how it is accomplished. The Holy Spirit knows that completion lies first in union, and then in the extension of union. To the ego completion lies in triumph, and in the extension of the “victory” even to the final triumph over God. In this it sees the ultimate freedom of the self, for nothing would remain to interfere with the ego. This is its idea of Heaven. And therefore union, which is a condition in which the ego cannot interfere, must be hell.

T-16.V.6. The special relationship is a strange and unnatural ego device for joining hell and Heaven, and making them indistinguishable. And the attempt to find the imagined “best” of both worlds has merely led to fantasies of both, and to the inability to perceive either as it is. The special relationship is the triumph of this confusion. It is a kind of union from which union is excluded, and the basis for the attempt at union rests on exclusion. What better example could there be of the ego’s maxim, “Seek but do not find"?

T-16.V.7. Most curious of all is the concept of the self which the ego fosters in the special relationship. This “self” seeks the relationship to make itself complete. Yet when it finds the special relationship in which it thinks it can accomplish this it gives itself away, and tries to “trade” itself for the self of another. This is not union, for there is no increase and no extension. Each partner tries to sacrifice the self he does not want for one he thinks he would prefer. And he feels guilty for the “sin” of taking, and of giving nothing of value in return. How much value can he place upon a self that he would give away to get a “better” one?

T-16.V.8. The “better” self the ego seeks is always one that is more special. And whoever seems to possess a special self is “loved” for what can be taken from him. Where both partners see this special self in each other, the ego sees “a union made in Heaven.” For neither one will recognize that he has asked for hell, and so he will not interfere with the ego’s illusion of Heaven, which it offered him to interfere with Heaven. Yet if all illusions are of fear, and they can be of nothing else, the illusion of Heaven is nothing more than an “attractive” form of fear, in which the guilt is buried deep and rises in the form of “love.”

T-16.V.9. The appeal of hell lies only in the terrible attraction of guilt, which the ego holds out to those who place their faith in littleness. The conviction of littleness lies in every special relationship, for only the deprived could value specialness. The demand for specialness, and the perception of the giving of specialness as an act of love, would make love hateful. The real purpose of the special relationship, in strict accordance with the ego’s goals, is to destroy reality and substitute illusion. For the ego is itself an illusion, and only illusions can be the witnesses to its “reality.”

T-16.V.10. If you perceived the special relationship as a triumph over God, would you want it? Let us not think of its fearful nature, nor of the guilt it must entail, nor of the sadness and the loneliness. For these are only attributes of the whole religion of separation, and of the total context in which it is thought to occur. The central theme in its litany to sacrifice is that God must die so you can live. And it is this theme that is acted out in the special relationship. Through the death of your self you think you can attack another self, and snatch it from the other to replace the self that you despise. And you despise it because you do not think it offers the specialness that you demand. And hating it you have made it little and unworthy, because you are afraid of it.

T-16.V.11. How can you grant unlimited power to what you think you have attacked? So fearful has the truth become to you that unless it is weak and little, and unworthy of value, you would not dare to look upon it. You think it safer to endow the little self you made with power you wrested from truth, triumphing over it and leaving it helpless. See how exactly is this ritual enacted in the special relationship. An altar is erected in between two separate people, on which each seeks to kill his self, and on his body raise another self to take its power from his death. Over and over and over this ritual is enacted. And it is never completed, nor ever will be completed. The ritual of completion cannot complete, for life arises not from death, nor Heaven from hell.

T-16.V.12. Whenever any form of special relationship tempts you to seek for love in ritual, remember love is content, and not form of any kind. The special relationship is a ritual of form, aimed at raising the form to take the place of God at the expense of content. There is no meaning in the form, and there will never be. The special relationship must be recognized for what it is; a senseless ritual in which strength is extracted from the death of God, and invested in His killer as the sign that form has triumphed over content, and love has lost its meaning. Would you want this to be possible, even apart from its evident impossibility? If it were possible, you would have made yourself helpless. God is not angry. He merely could not let this happen. You cannot change His Mind. No rituals that you have set up in which the dance of death delights you can bring death to the eternal. Nor can your chosen substitute for the Wholeness of God have any influence at all upon it.

T-16.V.13. See in the special relationship nothing more than a meaningless attempt to raise other gods before Him, and by worshipping them to obscure their tininess and His greatness. In the name of your completion you do not want this. For every idol that you raise to place before Him stands before you, in place of what you are.

T-16.V.14. Salvation lies in the simple fact that illusions are not fearful because they are not true. They but seem to be fearful to the extent to which you fail to recognize them for what they are; and you will fail to do this to the extent to which you want them to be true. And to the same extent you are denying truth, and so are failing to make the simple choice between truth and illusion; God and fantasy. Remember this, and you will have no difficulty in perceiving the decision as just what it is, and nothing more.

T-16.V.15. The core of the separation illusion lies simply in the fantasy of destruction of love’s meaning. And unless love’s meaning is restored to you, you cannot know yourself who share its meaning. Separation is only the decision not to know yourself. This whole thought system is a carefully contrived learning experience, designed to lead away from truth and into fantasy. Yet for every learning that would hurt you, God offers you correction and complete escape from all its consequences.

T-16.V.16. The decision whether or not to listen to this course and follow it is but the choice between truth and illusion. For here is truth, separated from illusion and not confused with it at all. How simple does this choice become when it is perceived as only what it is. For only fantasies make confusion in choosing possible, and they are totally unreal.

T-16.V.17. This year is thus the time to make the easiest decision that ever confronted you, and also the only one. You will cross the bridge into reality simply because you will recognize that God is on the other side, and nothing at all is here. It is impossible not to make the natural decision as this is realized.

V. La scelta in favore del completamento
1. Nell’osservare la relazione speciale, è necessario dapprima rendersi conto che implica una grande quantità di dolore. 2Ansia, disperazione, colpa e attacco ne fanno tutti parte, intervallati da periodi in cui sembrano essere spariti. 3Tutti questi devono essere compresi per quello che sono. 4Qualunque forma assumano, sono sempre un attacco al sé per far sentire in colpa qualcun altro. 5Di questo ho già parlato, ma ci sono alcuni aspetti di ciò che in realtà si tenta di fare che non sono stati toccati.

2. In parole povere, il tentativo di fare sentire in colpa è sempre diretto contro Dio. 2Perché l’ego vorrebbe che vedessi Lui, e Lui solo, come colpevole, lasciando la Figliolanza esposta all’attacco e al riparo da esso. 3La relazione speciale d’amore è l’arma principale dell’ego per tenerti fuori dal Cielo. 4Non sembra essere un’arma, ma se consideri come la valuti e perché, ti renderai conto di quello che deve essere.

3. La relazione speciale d’amore è il dono di cui più si vanta l’ego, ed è quello che è più attraente per coloro che non sono disposti a lasciare andare la colpa. 2Le “dinamiche” dell’ego sono chiarissime qui, perché contando sull’attrattiva della sua offerta, le fantasie che si centrano attorno ad essa sono piuttosto evidenti. 3Qui sono di solito giudicate accettabili e perfino naturali. 4Nessuno considera bizzarro amare e odiare allo stesso tempo, e persino coloro che pensano che l’odio sia peccato, si sentono semplicemente in colpa, ma non lo correggono. 5Questa è la condizione “naturale” della separazione, e sono coloro che imparano che essa non è per niente naturale a sembrare innaturali. 6Perché questo mondo è l’opposto del Cielo, essendo stato fatto per essere il suo opposto, e tutto qui prende una direzione esattamente opposta a ciò che è vero. 7In Cielo, dove il significato dell’amore è conosciuto, l’amore equivale all’unione. 8Qui, dove l’illusione dell’amore è accettata al posto dell’amore, l’amore viene percepito come separazione ed esclusione.

4. È nella relazione speciale, nata dal desiderio nascosto di amore speciale da Dio, che l’odio dell’ego trionfa. 2Perché la relazione speciale è la rinuncia all’Amore di Dio, e il tentativo di assicurare per il sé la specialezza che Egli ha negato. 3È essenziale per la preservazione dell’ego che tu creda che questa specialezza non sia l’inferno, ma il Cielo. 4Perché l’ego non vorrà mai che tu veda che la separazione può solo essere perdita, essendo l’unica condizione in cui il Cielo non può esistere.

5. Per tutti il Cielo è completamento. 2Non ci può essere disaccordo su ciò, perché sia l’ego che lo Spirito Santo lo accettano. 3Essi sono tuttavia in totale disaccordo su cosa sia il completamento e come venga raggiunto. 4Lo Spirito Santo sa che il completamento risiede prima nell’unione e poi nell’estensione dell’unione. 5Per l’ego il completamento sta nel trionfo, e nell’estensione della “vittoria” fino al trionfo finale su Dio. 6In questo vede la libertà definitiva del sé, perché niente rimarrebbe a interferire coll’ego. 7Questa è la sua idea del Cielo. 8E quindi l’unione, che è la condizione nella quale l’ego non può interferire, deve essere l’inferno.

6. La relazione speciale è uno strano e innaturale espediente dell’ego per unire il Cielo e l’inferno, e renderli indistinguibili. 2E il tentativo di trovare il “meglio” immaginario di entrambi i mondi ha portato semplicemente a fantasie di entrambi, e all’incapacità di percepirli entrambi per quello che sono. 3La relazione speciale è il trionfo di questa confusione. 4È un tipo di unione dalla quale l’unione è esclusa, e la base per tentare un’unione si fonda sull’esclusione. 5Quale migliore esempio potrebbe esserci della massima dell’ego: “Cerca ma non trovare”?

7. Il più curioso di tutti è il concetto del sé che l’ego alimenta nella relazione speciale. 2Questo “sé” cerca la relazione per rendersi completo. 3Tuttavia quando trova la relazione speciale nella quale pensa di poterlo ottenere, dà via se stesso e cerca di “scambiarsi” col sé di un altro. 4Questa non è unione, perché non c’è accrescimento né estensione. 5Ogni partner cerca di sacrificare il sé che non vuole con quello che pensa di preferire. 6E si sente in colpa per il “peccato” di prendere e di non dare niente di valore in cambio. 7Quanto valore può dare a un sé che vuol dar via per ottenerne uno “migliore”?

8. Il “miglior” sé che l’ego cerca è sempre un sé più speciale. 2E chiunque sembri possedere un sé speciale è “amato” per ciò che gli può essere preso. 3Dove entrambi i partner vedono questo sé speciale l’uno nell’altro, l’ego vede “un’unione benedetta dal Cielo”. 4Perché nessuno dei due si renderà conto di avere chiesto l’inferno, e così non interferirà con l’illusione del Cielo dell’ego, che gli è stata offerta dall’ego per interferire col Cielo. 5Tuttavia, se tutte le illusioni vengono dalla paura, e non possono venire da niente altro, l’illusione del Cielo non è niente di più di una forma di paura “attraente”, nella quale la colpa è profondamente sepolta e si manifesta sotto forma di “amore”.

9. Il fascino dell’inferno sta solo nella tremenda attrattiva della colpa, che l’ego offre a coloro che pongono la loro fede nella piccolezza. 2La convinzione della piccolezza si trova in ogni relazione speciale, perché solo chi si sente privato di qualcosa può dar valore alla specialezza. 3La pretesa di specialezza e la percezione di dare la specialezza come atto d’amore, rende odioso l’amore. 4Il vero scopo della relazione speciale, in stretto accordo con gli obiettivi dell’ego, è di distruggere la realtà e di sostituirla con l’illusione. 5Perché l’ego stesso è un’illusione e solo le illusioni possono dare testimonianza della sua “realtà”.

10. Se percepissi la relazione speciale come trionfo su Dio, la vorresti? 2Non consideriamo la sua natura spaventosa, né la colpa che deve necessariamente comportare, né la tristezza, né la solitudine. 3Perché questi sono solo attributi dell’intera religione della separazione, e del contesto totale nel quale si pensa che avvenga. 4Il tema centrale della sua litania al sacrificio è che Dio deve morire affinché tu possa vivere. 5Ed è questo tema che viene messo in atto nella relazione speciale. 6Attraverso la morte del tuo sé pensi di poter attaccare un altro sé, strapparlo all’altro per sostituire il sé che detesti. 7E lo detesti perché non pensi che offra la specialezza che pretendi. 8E odiandolo lo hai reso piccolo e indegno, perché ne hai paura.

11. Come puoi accordare potere illimitato a ciò che pensi di avere attaccato? 2La verità è diventata così spaventosa per te che non hai il coraggio di vederla, a meno che non sia piccola, debole e priva di valore. 3Pensi che sia più sicuro dotare il piccolo sé che hai fatto tu del potere che hai strappato alla verità, trionfando su di essa e lasciandola inerme. 4Osserva la precisione con cui questo rituale viene messo in atto nella relazione speciale. 5Tra due persone separate viene eretto un altare sul quale ognuno cerca di uccidere il suo sé ed erigere sul suo corpo un’altro sé che prende il proprio potere dalla sua morte. 6Questo rituale si ripete senza fine. 7E non è mai completo, né lo sarà mai. 8Il rito del completamento non può completarsi, perché la vita non sorge dalla morte, né il Cielo dall’inferno.

12. Ogniqualvolta una qualsiasi forma di relazione speciale ti tenti a cercare l’amore in un rituale, ricorda che l’amore è il contenuto e non un qualsiasi tipo di forma. 2La relazione speciale è un rituale della forma, volto a elevare la forma perché prenda il posto di Dio a spese del contenuto. 3Non c’è significato nella forma e non ci sarà mai. 4La relazione speciale deve essere riconosciuta per quello che è: un rituale senza senso nel quale la forza viene estratta dalla morte di Dio e trasferita al Suo assassino come segno che la forma ha trionfato sul contenuto e l’amore ha perso il suo significato. 5Vorresti forse che questo fosse possibile, persino di fronte all’evidenza che è impossibile? 6Se fosse possibile, ti saresti reso inerme. 7Dio non è arrabbiato. 8Semplicemente non ha potuto permettere che ciò avvenisse. 9Non puoi cambiare la Sua Mente. 10Nessuno dei rituali che hai messo in piedi, nei quali la danza della morte ti delizia, può fare morire ciò che è eterno. 11Né il sostituto che hai scelto per l’Interezza di Dio può avere alcuna influenza su di esso.

13. Vedi nella relazione speciale niente di più che un insignificante tentativo di anteporre a Lui altri dèi e di oscurare, adorandoli, la loro piccolezza e la Sua grandezza. 2Nel nome del tuo completamento, non vuoi ciò. 3Perché ogni idolo che innalzi davanti a Lui sta davanti a te al posto di ciò che sei.

14. La salvezza sta nel semplice fatto che le illusioni non fanno paura perché non sono vere. 2Esse sembrano solo far paura nella misura in cui non riesci a riconoscerle per quello che sono: e fallirai in ciò nella misura in cui vuoi che siano vere. 3E nella stessa misura stai negando la verità, e così non riesci a fare la semplice scelta tra la verità e l’illusione: Dio e la fantasia. 4Ricorda questo, e non avrai difficoltà nel percepire la decisione per ciò che è, e niente più.

15. Il nucleo dell’illusione della separazione sta semplicemente nella fantasia della distruzione del significato dell’amore. 2E a meno che il significato dell’amore venga ripristinato in te, non potrai conoscere te stesso che ne condividi il significato. 3La separazione è solo la decisione di non conoscere te stesso. 4Questo intero sistema di pensiero è un’esperienza di apprendimento accuratamente congegnata allo scopo di condurti lontano dalla verità e nella fantasia. 5Tuttavia, per ogni insegnamento che ti ferisce Dio ti offre la correzione e il modo per sfuggire completamente a tutte le sue conseguenze.

16. La decisione se ascoltare o no questo corso e seguirlo, non è che la scelta tra la verità e l’illusione. 2Perché qui sta la verità, separata dall’illusione e non confusa in alcun modo con essa. 3Quanto diventa semplice questa scelta quando viene percepita solo per quello che è! 4Perché solo le fantasie rendono possibile fare confusione nella scelta, ed esse sono totalmente irreali.

17. Quest’anno è quindi il momento di prendere la decisione più facile con cui ti sia mai confrontato, ed anche l’unica. 2Attraverserai il ponte verso la realtà semplicemente perché riconoscerai che dall’altra parte c’è Dio e qui non c’è assolutamente nulla. 3È impossibile non prendere la decisione naturale quando ci si rende conto di ciò.

VI. The Bridge to the Real World
T-16.VI.1. The search for the special relationship is the sign that you equate yourself with the ego and not with God. For the special relationship has value only to the ego. To the ego, unless a relationship has special value it has no meaning, for it perceives all love as special. Yet this cannot be natural, for it is unlike the relationship of God and His Son, and all relationships that are unlike this one must be unnatural. For God created love as He would have it be, and gave it as it is. Love has no meaning except as its Creator defined it by His Will. It is impossible to define it otherwise and understand it.

T-16.VI.2. Love is freedom. To look for it by placing yourself in bondage is to separate yourself from it. For the Love of God, no longer seek for union in separation, nor for freedom in bondage! As you release, so will you be released. Forget this not, or Love will be unable to find you and comfort you.

T-16.VI.3. There is a way in which the Holy Spirit asks your help, if you would have His. The holy instant is His most helpful aid in protecting you from the attraction of guilt, the real lure in the special relationship. You do not recognize that this is its real appeal, for the ego has taught you that freedom lies in it. Yet the closer you look at the special relationship, the more apparent it becomes that it must foster guilt and therefore must imprison.

T-16.VI.4. The special relationship is totally meaningless without a body. If you value it, you must also value the body. And what you value you will keep. The special relationship is a device for limiting your self to a body, and for limiting your perception of others to theirs. The Great Rays would establish the total lack of value of the special relationship, if they were seen. For in seeing them the body would disappear, because its value would be lost. And so your whole investment in seeing it would be withdrawn from it.

T-16.VI.5. You see the world you value. On this side of the bridge you see the world of separate bodies, seeking to join each other in separate unions and to become one by losing. When two individuals seek to become one, they are trying to decrease their magnitude. Each would deny his power, for the separate union excludes the universe. Far more is left outside than would be taken in, for God is left without and nothing taken in. If one such union were made in perfect faith, the universe would enter into it. Yet the special relationship the ego seeks does not include even one whole individual. The ego wants but part of him, and sees only this part and nothing else.

T-16.VI.6. Across the bridge it is so different! For a time the body is still seen, but not exclusively, as it is seen here. The little spark that holds the Great Rays within it is also visible, and this spark cannot be limited long to littleness. Once you have crossed the bridge, the value of the body is so diminished in your sight that you will see no need at all to magnify it. For you will realize that the only value the body has is to enable you to bring your brothers to the bridge with you, and to be released together there.

T-16.VI.7. The bridge itself is nothing more than a transition in the perspective of reality. On this side, everything you see is grossly distorted and completely out of perspective. What is little and insignificant is magnified, and what is strong and powerful cut down to littleness. In the transition there is a period of confusion, in which a sense of actual disorientation may occur. But fear it not, for it means only that you have been willing to let go your hold on the distorted frame of reference that seemed to hold your world together. This frame of reference is built around the special relationship. Without this illusion there could be no meaning you would still seek here.

T-16.VI.8. Fear not that you will be abruptly lifted up and hurled into reality. Time is kind, and if you use it on behalf of reality, it will keep gentle pace with you in your transition. The urgency is only in dislodging your mind from its fixed position here. This will not leave you homeless and without a frame of reference. The period of disorientation, which precedes the actual transition, is far shorter than the time it took to fix your mind so firmly on illusions. Delay will hurt you now more than before, only because you realize it is delay, and that escape from pain is really possible. Find hope and comfort, rather than despair, in this: You could not long find even the illusion of love in any special relationship here. For you are no longer wholly insane, and you would soon recognize the guilt of self-betrayal for what it is.

T-16.VI.9. Nothing you seek to strengthen in the special relationship is really part of you. And you cannot keep part of the thought system that taught you it was real, and understand the Thought that knows what you are. You have allowed the Thought of your reality to enter your mind, and because you invited it, it will abide with you. Your love for it will not allow you to betray yourself, and you could not enter into a relationship where it could not go with you, for you would not want to be apart from it.

T-16.VI.10. Be glad you have escaped the mockery of salvation the ego offered you, and look not back with longing on the travesty it made of your relationships. Now no one need suffer, for you have come too far to yield to the illusion of the beauty and holiness of guilt. Only the wholly insane could look on death and suffering, sickness and despair, and see it thus. What guilt has wrought is ugly, fearful and very dangerous. See no illusion of truth and beauty there. And be you thankful that there is a place where truth and beauty wait for you. Go on to meet them gladly, and learn how much awaits you for the simple willingness to give up nothing because it is nothing.

T-16.VI.11. The new perspective you will gain from crossing over will be the understanding of where Heaven is. From this side, it seems to be outside and across the bridge. Yet as you cross to join it, it will join with you and become one with you. And you will think, in glad astonishment, that for all this you gave up nothing! The joy of Heaven, which has no limit, is increased with each light that returns to take its rightful place within it. Wait no longer, for the Love of God and you. And may the holy instant speed you on the way, as it will surely do if you but let it come to you.

T-16.VI.12. The Holy Spirit asks only this little help of you: Whenever your thoughts wander to a special relationship which still attracts you, enter with Him into a holy instant, and there let Him release you. He needs only your willingness to share His perspective to give it to you completely. And your willingness need not be complete because His is perfect. It is His task to atone for your unwillingness by His perfect faith, and it is His faith you share with Him there. Out of your recognition of your unwillingness for your release, His perfect willingness is given you. Call upon Him, for Heaven is at His Call. And let Him call on Heaven for you.

VI. Il ponte verso il mondo reale
1. La ricerca della relazione speciale è il segno che ti identifichi con l’ego e non con Dio. 2Perché la relazione speciale ha valore solo per l’ego. 3Per l’ego una relazione non ha significato a meno che non abbia valore speciale, perché percepisce tutto l’amore come speciale. 4Tuttavia non può essere naturale perché è diversa dalla relazione di Dio con Suo Figlio, e tutte le relazioni che non sono come questa devono essere innaturali. 5Perché Dio ha creato l’amore come voleva che fosse, e lo ha dato così com’è. 6L’amore non ha significato eccetto che come il suo Creatore l’ha definito con la Sua Volontà. 7È impossibile definirlo altrimenti e capirlo.

2. L’amore è libertà. 2Cercarlo incatenando te stesso è separarti da esso. 3Perché l’Amore di Dio non cerca più l’unione nella separazione, né la libertà nella schiavitù. 4Così come liberi, sarai liberato. 5Non dimenticarlo, o l’Amore non potrà trovarti e confortarti.

3. C’è un modo in cui lo Spirito Santo chiede il tuo aiuto, se vuoi avere il Suo. 2L’istante santo è il Suo più utile aiuto nel proteggerti dall’attrattiva della colpa, il vero allettamento nella relazione speciale. 3Tu non riconosci che questo è il suo vero fascino, perché l’ego ti ha insegnato che la libertà è in essa. 4Tuttavia più guardi da vicino la relazione speciale, più diventa evidente che essa deve incoraggiare la colpa e deve quindi imprigionare.

4. La relazione speciale è assolutamente priva di significato senza un corpo. 2Se le dai valore, devi dare valore anche al corpo. 3E conserverai ciò a cui darai valore. 4La relazione speciale è uno strumento per limitarti a un corpo, e per limitare la tua percezione degli altri ai loro. 5I Grandi Raggi stabilirebbero la totale mancanza di valore della relazione speciale, se fossero visti. 6Perché nel vederli il corpo scomparirebbe, in quanto si perderebbe il suo valore. 7E così si perderebbe tutto il tuo interesse nel vederlo.

5. Tu vedi il mondo a cui dai valore. 2Da questa parte del ponte vedi un mondo di corpi separati, che cercano di unirsi in unioni separate e di diventare uno attraverso la perdita. 3Quando due individui cercano di diventare uno, stanno cercando di diminuire la loro grandezza. 4Ognuno nega il suo potere, perché l’unione separata esclude l’universo. 5Viene lasciato fuori molto di più di quanto viene portato dentro, perché Dio viene lasciato fuori e nulla viene portato dentro. 6Se una simile unione venisse fatta con fede assoluta, l’universo entrerebbe in essa. 7Tuttavia la relazione speciale che l’ego cerca non include neppure un solo individuo intero. 8L’ego non ne vuole che una parte e vede solo questa parte e nient’altro.

6. È così diverso dall’altro lato del ponte! 2Per un certo periodo il corpo verrà ancora visto, ma non esclusivamente, come è visto qui. 3Sarà visibile anche la piccola scintilla che contiene i Grandi Raggi al proprio interno, e questa scintilla non potrà essere limitata a lungo alla piccolezza. 4Una volta che avrai attraversato il ponte, il valore del corpo sarà così diminuito alla tua vista che non avrai alcun bisogno di magnificarlo. 5Perché ti renderai conto che il solo valore del corpo è di metterti in grado di portare i tuoi fratelli al ponte con te e lì essere liberati insieme.

7. Il ponte stesso non è nulla più di un passaggio alla prospettiva della realtà. 2Da questa parte, tutto ciò che vedi è grossolanamente distorto e completamente senza prospettiva. 3Ciò che è piccolo e insignificante viene magnificato, e ciò che è forte e potente ridotto alla piccolezza. 4Nella transizione ci sarà un periodo di confusione, nel quale si potrà avere un vero e proprio senso di disorientamento. 5Ma non averne paura, perché significherà solo che sarai stato disposto a lasciare andare la tua presa sullo schema di riferimento distorto che sembrava tenere insieme il tuo mondo. 6Questo schema di riferimento è costruito attorno alla relazione speciale. 7Senza questa illusione non potrebbe esserci alcun significato che vorresti ancora cercare qui.

8. Non aver paura di essere improvvisamente sollevato e scagliato nella realtà. 2Il tempo è cortese, e se lo usi in favore della realtà, manterrà un ritmo dolce con te nella tua transizione. 3L’urgenza è solo di sloggiare la tua mente dalla sua posizione fissa qui. 4Questo non ti lascerà senza casa e senza uno schema di riferimento. 5Il periodo di disorientamento, che precede la vera e propria transizione, è molto più corto del tempo che ci è voluto per fissare così fermamente la tua mente alle illusioni. 6Ritardare ti farà più male adesso di prima, solo perché ti rendi conto che è ritardare, e che è veramente possibile sfuggire al dolore. 7Trova speranza e conforto, invece che disperazione, in questo: non potresti più trovare nemmeno l’illusione dell’amore in qualsiasi relazione speciale qui. 8Perché non sei più interamente folle, e riconoscerai presto la colpa dell’autotradimento per quello che è.

9. Nulla di ciò che cerchi di rafforzare nella relazione speciale è veramente parte di te. 2E non puoi conservare una parte del sistema di pensiero che ti ha insegnato che era reale, e comprendere il Pensiero che sa cosa sei. 3Hai permesso al Pensiero della tua realtà di entrare nella tua mente, e siccome lo hai invitato, dimorerà con te. 4Il tuo amore per esso non ti permetterà di tradire te stesso, e non potrai entrare in una relazione nella quale non potrà venire con te, perché tu non vorrai essere separato da esso.

10. Rallegrati di essere scampato alla parodia di salvezza che l’ego ti offriva, e non voltarti indietro con desiderio a guardare il travisamento che ha fatto delle tue relazioni. 2Adesso nessuno ha bisogno di soffrire, perché sei giunto troppo lontano per cedere all’illusione della bellezza e della santità della colpa. 3Solo chi è interamente folle potrebbe contemplare la morte e la sofferenza, la malattia e la disperazione, e vederle così. 4Ciò che la colpa ha intessuto è brutto, spaventoso e molto pericoloso. 5Non vedere lì alcuna illusione di verità e bellezza. 6E sii grato che c’è un luogo ove verità e bellezza ti aspettano. 7Vai allegramente incontro a loro, e impara quanto ti attende grazie alla semplice disponibilità a rinunciare al nulla perché è nulla.

11. La nuova prospettiva che guadagnerai dall’attraversare sarà la comprensione di dov’è il Cielo. 2Da questa parte sembra essere all’esterno e al di là del ponte. 3Ma quando lo attraverserai per unirti ad esso, il Cielo si unirà a te e diverrà uno con te. 4E penserai, in lieto stupore, che per tutto ciò non hai rinunciato a nulla! 5La gioia del Cielo, che non ha limiti, si accrescerà grazie ad ogni luce che ritornerà a prendere il suo giusto posto in esso. 6Non attendere oltre, per l’Amore di Dio e per te. 7E possa l’istante santo accelerare il tuo cammino, come sicuramente farà se solo gli permetterai di venire a te.

12. Lo Spirito Santo ti chiede solo questo piccolo aiuto: ogniqualvolta i tuoi pensieri vagano verso una relazione speciale che ancora ti attrae, entra con Lui in un istante santo, e lì permettiGli di liberarti. 2Ha bisogno solo della tua disponibilità a condividere la Sua prospettiva per dartelo completamente. 3E la tua disponibilità non deve essere totale, perché la Sua è perfetta. 4È Suo il compito di riconciliare la tua mancanza di disponibilità con la Sua fede perfetta, ed è la Sua fede che condividi con Lui là. 5Riconoscendo che non sei disposto ad essere liberato, ti viene data la Sua perfetta disponibilità. 6InvocaLo, perché il Cielo risponde al Suo Richiamo. 7E permettiGli di chiamare il Cielo per te.

VII. The End of Illusions
T-16.VII.1. It is impossible to let the past go without relinquishing the special relationship. For the special relationship is an attempt to re-enact the past and change it. Imagined slights, remembered pain, past disappointments, perceived injustices and deprivations all enter into the special relationship, which becomes a way in which you seek to restore your wounded self-esteem. What basis would you have for choosing a special partner without the past? Every such choice is made because of something “evil” in the past to which you cling, and for which must someone else atone.

T-16.VII.2. The special relationship takes vengeance on the past. By seeking to remove suffering in the past, it overlooks the present in its preoccupation with the past and its total commitment to it. No special relationship is experienced in the present. Shades of the past envelop it, and make it what it is. It has no meaning in the present, and if it means nothing now, it cannot have any real meaning at all. How can you change the past except in fantasy? And who can give you what you think the past deprived you of? The past is nothing. Do not seek to lay the blame for deprivation on it, for the past is gone. You cannot really not let go what has already gone. It must be, therefore, that you are maintaining the illusion that it has not gone because you think it serves some purpose that you want fulfilled. And it must also be that this purpose could not be fulfilled in the present, but only in the past.

T-16.VII.3. Do not underestimate the intensity of the ego’s drive for vengeance on the past. It is completely savage and completely insane. For the ego remembers everything you have done that has offended it, and seeks retribution of you. The fantasies it brings to its chosen relationships in which to act out its hate are fantasies of your destruction. For the ego holds the past against you, and in your escape from the past it sees itself deprived of the vengeance it believes you so justly merit. Yet without your alliance in your own destruction, the ego could not hold you to the past. In the special relationship you are allowing your destruction to be. That this is insane is obvious. But what is less obvious is that the present is useless to you while you pursue the ego’s goal as its ally.

T-16.VII.4. The past is gone; seek not to preserve it in the special relationship that binds you to it, and would teach you salvation is past and so you must return to the past to find salvation. There is no fantasy that does not contain the dream of retribution for the past. Would you act out the dream, or let it go?

T-16.VII.5. In the special relationship it does not seem to be an acting out of vengeance that you seek. And even when the hatred and the savagery break briefly through, the illusion of love is not profoundly shaken. Yet the one thing the ego never allows to reach awareness is that the special relationship is the acting out of vengeance on yourself. Yet what else could it be? In seeking the special relationship, you look not for glory in yourself. You have denied that it is there, and the relationship becomes your substitute for it. And vengeance becomes your substitute for Atonement, and the escape from vengeance becomes your loss.

T-16.VII.6. Against the ego’s insane notion of salvation the Holy Spirit gently lays the holy instant. We said before that the Holy Spirit must teach through comparisons, and uses opposites to point to truth. The holy instant is the opposite of the ego’s fixed belief in salvation through vengeance for the past. In the holy instant it is understood that the past is gone, and with its passing the drive for vengeance has been uprooted and has disappeared. The stillness and the peace of now enfold you in perfect gentleness. Everything is gone except the truth.

T-16.VII.7. For a time you may attempt to bring illusions into the holy instant, to hinder your full awareness of the complete difference, in all respects, between your experience of truth and illusion. Yet you will not attempt this long. In the holy instant the power of the Holy Spirit will prevail, because you joined Him. The illusions you bring with you will weaken the experience of Him for a while, and will prevent you from keeping the experience in your mind. Yet the holy instant is eternal, and your illusions of time will not prevent the timeless from being what it is, nor you from experiencing it as it is.

T-16.VII.8. What God has given you is truly given, and will be truly received. For God’s gifts have no reality apart from your receiving them. Your receiving completes His giving. You will receive because it is His Will to give. He gave the holy instant to be given you, and it is impossible that you receive it not because He gave it. When He willed that His Son be free, His Son was free. In the holy instant is His reminder that His Son will always be exactly as he was created. And everything the Holy Spirit teaches is to remind you that you have received what God has given you.

T-16.VII.9. There is nothing you can hold against reality. All that must be forgiven are the illusions you have held against your brothers. Their reality has no past, and only illusions can be forgiven. God holds nothing against anyone, for He is incapable of illusions of any kind. Release your brothers from the slavery of their illusions by forgiving them for the illusions you perceive in them. Thus will you learn that you have been forgiven, for it is you who offered them illusions. In the holy instant this is done for you in time, to bring you the true condition of Heaven.

T-16.VII.10. Remember that you always choose between truth and illusion; between the real Atonement that would heal and the ego’s “atonement” that would destroy. The power of God and all His Love, without limit, will support you as you seek only your place in the plan of Atonement arising from His Love. Be an ally of God and not the ego in seeking how Atonement can come to you. His help suffices, for His Messenger understands how to restore the Kingdom to you, and to place all your investment in salvation in your relationship with Him.

T-16.VII.11. Seek and find His message in the holy instant, where all illusions are forgiven. From there the miracle extends to bless everyone and to resolve all problems, be they perceived as great or small, possible or impossible. There is nothing that will not give place to Him and to His Majesty. To join in close relationship with Him is to accept relationships as real, and through their reality to give over all illusions for the reality of your relationship with God. Praise be to your relationship with Him and to no other. The truth lies there and nowhere else. You choose this or nothing.

T-16.VII.12. Forgive us our illusions, Father, and help us to accept our true relationship with You, in which there are no illusions, and where none can ever enter. Our holiness is Yours. What can there be in us that needs forgiveness when Yours is perfect? The sleep of forgetfulness is only the unwillingness to remember Your forgiveness and Your Love. Let us not wander into temptation, for the temptation of the Son of God is not Your Will. And let us receive only what You have given, and accept but this into the minds which You created and which You love. Amen.

VII. La fine delle illusioni
1. È impossibile lasciare andare il passato senza abbandonare la relazione speciale. 2Perché la relazione speciale è un tentativo di inscenare nuovamente il passato e cambiarlo. 3Affronti immaginati, dolori ricordati, delusioni passate, ingiustizie e privazioni percepite, tutte entrano nella relazione speciale, che diventa un modo in cui cerchi di ripristinare la tua autostima ferita. 4Che base avresti per scegliere un compagno speciale senza il passato? 5Ogni scelta di questo genere viene fatta a causa di qualcosa di “male” accaduto in passato al quale ti attacchi, e per il quale qualcun altro deve espiare.

2. La relazione speciale si vendica del passato. 2Cercando di eliminare la sofferenza dal passato, con la sua preoccupazione del passato e la sua totale dedizione ad esso, non vede il presente. 3Nessuna relazione speciale viene vissuta nel presente. 4Ombre del passato l’avvolgono, e la rendono ciò che è. 5Non ha significato nel presente, e se non significa niente ora, non può avere assolutamente alcun significato reale. 6Come puoi cambiare il passato se non nella fantasia? 7E chi può darti ciò di cui pensi il passato ti abbia privato? 8Il passato non è niente. 9Non cercare di incolparlo per ciò di cui ti ha privato, perché il passato se ne è andato. 10In realtà non puoi non lasciare andare ciò che se ne è già andato. 11Deve essere, quindi, che mantieni l’illusione che non se ne sia andato perché pensi che serva a qualche scopo che vuoi sia soddisfatto. 12E deve anche essere che questo scopo non possa essere soddisfatto nel presente ma solo nel passato.

3. Non sottovalutare l’intensità della spinta dell’ego a vendicarsi del passato. 2È assolutamente selvaggio e assolutamente folle. 3Perché l’ego ricorda tutto ciò che hai fatto che lo ha offeso, e cerca di essere ripagato da te. 4Le fantasie che porta nelle relazioni che ha scelto per esprimere il suo odio, sono fantasie della tua distruzione. 5Perché l’ego brandisce il passato contro di te, e nella tua fuga dal passato si vede privato della vendetta che crede meriti giustamente. 6Tuttavia, senza la tua alleanza nella tua stessa distruzione, l’ego non potrebbe trattenerti nel passato. 7Nella relazione speciale stai permettendo che avvenga la tua distruzione. 8Che questo sia follia è ovvio. 9Ma ciò che è meno ovvio è che il presente è inutile per te finché perseguirai l’obiettivo dell’ego come suo alleato.

4. Il passato se n’è andato: non cercare di preservarlo nella relazione speciale che ti lega ad esso, e che vuole insegnarti che la salvezza è nel passato e che quindi devi tornare al passato per trovare la salvezza. 2Non c’è fantasia che non contenga il sogno di vendetta per il passato. 3Preferisci inscenare il sogno o lasciarlo andare?

5. Nella relazione speciale non sembra che ciò che cerchi sia l’inscenare la vendetta. 2E perfino quando l’odio e la crudeltà irrompono brevemente, l’illusione dell’amore non è profondamente scossa. 3Tuttavia l’unica cosa a cui l’ego non permette mai di raggiungere la consapevolezza è che la relazione speciale è l’inscenare la vendetta su di te. 4Tuttavia cos’altro potrebbe essere? 5Nel cercare la relazione speciale, non cerchi la gloria in te stesso. 6Hai negato che essa sia lì, e la relazione diventa il tuo sostituto per essa. 7E la vendetta diventa il tuo sostituto per la Riconciliazione, e la fuga dalla vendetta diventa la tua sconfitta. 6. Contro il folle concetto di salvezza dell’ego lo Spirito Santo dolcemente offre l’istante santo. 2Abbiamo detto in precedenza che lo Spirito Santo deve insegnare tramite paragoni, e usa gli opposti per indicare la verità. 3L’istante santo è l’opposto della ferma convinzione dell’ego che la salvezza venga tramite la vendetta per il passato. 4Nell’istante santo viene compreso che il passato se ne è andato e col suo passare il desiderio di vendetta è stato sradicato ed è scomparso. 5La quiete e la pace del presente ti avvolgono in perfetta dolcezza. 6Tutto se ne è andato eccetto la verità.

2016/07/29 7. Per un certo tempo potresti cercare di portare le illusioni nell’istante santo, per ritardare la tua piena consapevolezza della completa differenza, sotto ogni aspetto, tra la tua esperienza della verità e l’illusione. 2Ma non cercherai di farlo a lungo. 3Nell’istante santo il potere dello Spirito Santo prevarrà, perché ti sarai unito a Lui. 4Le illusioni che porterai con te indeboliranno per un po’ l’esperienza di Lui, e ti impediranno di tenere in mente l’esperienza. 5Tuttavia l’istante santo è eterno, e le tue illusioni del tempo non impediranno a ciò che è senza tempo di essere ciò che è, né a te di viverlo così com’è.

8. Ciò che Dio ti ha dato, te lo ha dato veramente, e sarà veramente ricevuto. 2Perché i doni di Dio non hanno realtà se non li ricevi. 3Il tuo ricevere completa il Suo dare. 4Riceverai perché è Sua volontà dare. 5Ha dato l’istante santo perché ti fosse dato, ed è impossibile che tu non lo riceva perché Egli lo ha dato. 6Quando ha voluto che Suo Figlio fosse libero, Suo Figlio è stato libero. 7Nell’istante santo c’è il Suo ricordare che Suo Figlio sarà sempre esattamente come è stato creato. 8E tutto ciò che lo Spirito Santo insegna è ricordarti che hai ricevuto ciò che Dio ti ha dato.

9. Non c’è niente che puoi opporre alla realtà. 2Tutto ciò che deve essere perdonato sono le illusioni che hai mantenuto contro i tuoi fratelli. 3La loro realtà non ha passato, e solo le illusioni possono essere perdonate. 4Dio non serba rancore a nessuno, perché è incapace di qualsiasi tipo di illusione. 5Libera i tuoi fratelli dalla schiavitù delle loro illusioni perdonandoli per le illusioni che percepisci in loro. 6Così imparerai che sei stato perdonato, perché sei tu che hai offerto loro le illusioni. 7Nell’istante santo questo viene fatto per te nel tempo, per portarti la vera condizione del Cielo.

10. Ricordati che scegli sempre tra verità e illusione: tra la Riconciliazione reale che guarisce e l'"l'espiazione" dell’ego che distrugge. 2Il potere di Dio e tutto il Suo Amore, senza limiti, ti sosterranno mentre cerchi solo il tuo posto nel piano della Riconciliazione che scaturisce dal Suo Amore. 3Sii un alleato di Dio e non dell’ego nel cercare come la Riconciliazione può giungere a te. 4Il Suo aiuto è sufficiente, perché il Suo Messaggero sa come ripristinarti al Regno, e come far sì che tu ponga tutto il tuo investimento nella salvezza nella tua relazione con Lui.

11. Cerca e trova il Suo messaggio nell’istante santo, dove tutte le illusioni saranno perdonate. 2Da lì il miracolo si estenderà per benedire tutti e risolvere ogni problema, sia esso percepito come piccolo o grande, possibile o impossibile. 3Non c’è nulla che non faccia posto a Lui e alla Sua Maestà. 4Unirsi in stretta relazione con Lui è accettare le relazioni come reali, e tramite la loro realtà abbandonare ogni illusione per la realtà della tua relazione con Dio. 5Sia lode alla tua relazione con Lui e a nessun’altra. 6La verità è in essa e in nessun’altra. 7Tu scegli questa o il nulla.

12. Perdona a noi le nostre illusioni, Padre, ed aiutaci ad accettare la nostra vera relazione con Te, nella quale non ci sono illusioni e nella quale nessuna potrà mai entrare. 2La nostra santità è la Tua. 3Cosa può esserci in noi che ha bisogno di perdono quando il Tuo è perfetto? 4Il sonno dell’oblio è solo il non essere disposti a ricordare il Tuo perdono e il Tuo Amore. 5Non lasciarci smarrire nella tentazione, perché la tentazione del Figlio di Dio non è la Tua volontà. 6E fa che riceviamo solo ciò che Tu hai dato, e che non accettiamo che questo nelle menti che Tu hai creato e che ami. 7Amen.

Chapter 17. Forgiveness and the Holy Relationship - Capitolo 17. Il Perdono e la Relazione Santa

I. Bringing Fantasy to Truth
T-17.I.1. The betrayal of the Son of God lies only in illusions, and all his “sins” are but his own imagining. His reality is forever sinless. He need not be forgiven but awakened. In his dreams he has betrayed himself, his brothers and his God. Yet what is done in dreams has not been really done. It is impossible to convince the dreamer that this is so, for dreams are what they are because of their illusion of reality. Only in waking is the full release from them, for only then does it become perfectly apparent that they had no effect upon reality at all, and did not change it. Fantasies change reality. That is their purpose. They cannot do so in reality, but they can do so in the mind that would have reality be different.

T-17.I.2. It is, then, only your wish to change reality that is fearful, because by your wish you think you have accomplished what you wish. This strange position, in a sense, acknowledges your power. Yet by distorting it and devoting it to “evil,” it also makes it unreal. You cannot be faithful to two masters who ask conflicting things of you. What you use in fantasy you deny to truth. Yet what you give to truth to use for you is safe from fantasy.

T-17.I.3. When you maintain that there must be an order of difficulty in miracles, all you mean is that there are some things you would withhold from truth. You believe truth cannot deal with them only because you would keep them from truth. Very simply, your lack of faith in the power that heals all pain arises from your wish to retain some aspects of reality for fantasy. If you but realized what this must do to your appreciation of the whole! What you reserve for yourself, you take away from Him Who would release you. Unless you give it back, it is inevitable that your perspective on reality be warped and uncorrected.

T-17.I.4. As long as you would have it so, so long will the illusion of an order of difficulty in miracles remain with you. For you have established this order in reality by giving some of it to one teacher, and some to another. And so you learn to deal with part of the truth in one way, and in another way the other part. To fragment truth is to destroy it by rendering it meaningless. Orders of reality is a perspective without understanding; a frame of reference for reality to which it cannot really be compared at all.

T-17.I.5. Think you that you can bring truth to fantasy, and learn what truth means from the perspective of illusions? Truth has no meaning in illusion. The frame of reference for its meaning must be itself. When you try to bring truth to illusions, you are trying to make illusions real, and keep them by justifying your belief in them. But to give illusions to truth is to enable truth to teach that the illusions are unreal, and thus enable you to escape from them. Reserve not one idea aside from truth, or you establish orders of reality that must imprison you. There is no order in reality, because everything there is true.

T-17.I.6. Be willing, then, to give all you have held outside the truth to Him Who knows the truth, and in Whom all is brought to truth. Salvation from separation would be complete, or will not be at all. Be not concerned with anything except your willingness to have this be accomplished. He will accomplish it; not you. But forget not this: When you become disturbed and lose your peace of mind because another is attempting to solve his problems through fantasy, you are refusing to forgive yourself for just this same attempt. And you are holding both of you away from truth and from salvation. As you forgive him, you restore to truth what was denied by both of you. And you will see forgiveness where you have given it.

I. Portare la fantasia alla verità
1. Il tradimento del Figlio di Dio è solo nelle illusioni, e tutti i suoi “peccati” non sono che una sua immaginazione. 2La sua realtà è per sempre senza peccato. 3Non ha bisogno di essere perdonato, ma risvegliato. 4Nei suoi sogni ha tradito se stesso, i suoi fratelli e il suo Dio. 5Ma ciò che viene fatto nei sogni non è stato fatto realmente. 6È impossibile convincere il sognatore che sia così, perché i sogni sono quello che sono a causa della loro illusione di realtà. 7Solo nel risveglio c’è la piena liberazione da essi, perché solo allora diventa perfettamente evidente che essi non hanno avuto alcun effetto sulla realtà, e non l’hanno cambiata. 8Le fantasie cambiano la realtà. 9Questo è il loro scopo. 10Non possono fare ciò in realtà, ma possono fare così nella mente che vuole che la realtà sia differente.

2. Quindi, è solo il tuo desiderio di cambiare la realtà che fa paura, perché tramite il tuo desiderio pensi di aver realizzato ciò che desideri. 2Questa strana posizione, in un certo senso, riconosce il tuo potere. 3Tuttavia, distorcendolo e dedicandolo al “male”, lo rende anche irreale. 4Non puoi essere fedele a due maestri che ti chiedono cose che sono in conflitto tra loro. 5Ciò che usi nella fantasia lo neghi nella realtà. 6Tuttavia ciò che dai alla verità perché lo usi per te, è al sicuro dalla fantasia.

3. Quando sostieni che ci deve essere un ordine di difficoltà nei miracoli, tutto ciò che vuoi dire è che ci sono delle cose che non vuoi dare alla verità. 2Credi che la verità non possa farcela con esse solo perché vorresti tenerle separate dalla verità. 3Molto semplicemente, la tua mancanza di fede nel potere che guarisce ogni dolore sorge dal tuo desiderio di prendere alcuni aspetti della realtà per riservarli alla fantasia. 4Se solo ti rendessi conto in che modo questo influisce sul tuo apprezzamento dell’intero! 5Ciò che riservi a te stesso lo sottrai a Colui Che ti vuole liberare. 6A meno che tu non glielo restituisca, è inevitabile che la tua prospettiva della realtà sia distorta e non corretta.

4. Finché vuoi averla così, l’illusione di un ordine di difficoltà nei miracoli rimarrà con te. 2Perché hai stabilito questo ordine nella realtà dando parte di essa a un insegnante e parte a un’altro. 3E così impari a trattare con parte della verità in un modo, e in un altro modo con l’altra parte. 4Frammentare la verità è distruggerla rendendola priva di significato. 5Una prospettiva di diversi ordini di realtà è incomprensibile: è uno schema di riferimento per la realtà al quale essa in verità non può essere assolutamente paragonata.

5. Pensi forse di poter portare la realtà nella fantasia e imparare cosa significa la verità dalla prospettiva delle illusioni? 2La verità non ha significato nell’illusione. 3Lo schema di riferimento per il suo significato deve essere essa stessa. 4Quando cerchi di portare verità alle illusioni, stai cercando di rendere reali le illusioni, e di mantenerle giustificando la tua credenza in esse. 5Ma dare le illusioni alla verità è permettere alla verità di insegnare che le illusioni sono irreali e metterti così in grado di sfuggire loro. 6Non mantenere neanche un’idea separata dalla verità, o stabilirai degli ordini di realtà che ti imprigionano. 7Non c’è ordine nella realtà, perché in essa tutto è vero.

6. Sii disposto, quindi, a dare tutto ciò che hai tenuto fuori dalla verità a Colui Che conosce la verità, e nel Quale tutto è portato alla verità. 2La salvezza dalla separazione deve essere completa, o non lo sarà affatto. 3Non preoccuparti di nulla se non della tua disponibilità a far sì che questo si compia. 4Egli lo compirà, non tu. 5Ma non dimenticarti questo: quando sei turbato e perdi la tua pace mentale perché qualcun’altro sta cercando di risolvere i suoi problemi con la fantasia, stai rifiutando di perdonare te stesso proprio per lo stesso tentativo. 6E stai tenendo entrambi lontani dalla verità e dalla salvezza. 7Nel momento in cui lo perdoni, ripristini alla verità ciò che è stato negato da entrambi. 8E vedrai il perdono dove lo avrai dato.

II. The Forgiven World
T-17.II.1. Can you imagine how beautiful those you forgive will look to you? In no fantasy have you ever seen anything so lovely. Nothing you see here, sleeping or waking, comes near to such loveliness. And nothing will you value like unto this, nor hold so dear. Nothing that you remember that made your heart sing with joy has ever brought you even a little part of the happiness this sight will bring you. For you will see the Son of God. You will behold the beauty the Holy Spirit loves to look upon, and which He thanks the Father for. He was created to see this for you, until you learned to see it for yourself. And all His teaching leads to seeing it and giving thanks with Him.

T-17.II.2. This loveliness is not a fantasy. It is the real world, bright and clean and new, with everything sparkling under the open sun. Nothing is hidden here, for everything has been forgiven and there are no fantasies to hide the truth. The bridge between that world and this is so little and so easy to cross, that you could not believe it is the meeting place of worlds so different. Yet this little bridge is the strongest thing that touches on this world at all. This little step, so small it has escaped your notice, is a stride through time into eternity, beyond all ugliness into beauty that will enchant you, and will never cease to cause you wonderment at its perfection.

T-17.II.3. This step, the smallest ever taken, is still the greatest accomplishment of all in God’s plan of Atonement. All else is learned, but this is given, complete and wholly perfect. No one but Him Who planned salvation could complete it thus. The real world, in its loveliness, you learn to reach. Fantasies are all undone, and no one and nothing remain still bound by them, and by your own forgiveness you are free to see. Yet what you see is only what you made, with the blessing of your forgiveness on it. And with this final blessing of God’s Son upon himself, the real perception, born of the new perspective he has learned, has served its purpose.

T-17.II.4. The stars will disappear in light, and the sun that opened up the world to beauty will vanish. Perception will be meaningless when it has been perfected, for everything that has been used for learning will have no function. Nothing will ever change; no shifts nor shadings, no differences, no variations that made perception possible will still occur. The perception of the real world will be so short that you will barely have time to thank God for it. For God will take the last step swiftly, when you have reached the real world and have been made ready for Him.

T-17.II.5. The real world is attained simply by the complete forgiveness of the old, the world you see without forgiveness. The great Transformer of perception will undertake with you the careful searching of the mind that made this world, and uncover to you the seeming reasons for your making it. In the light of the real reason that He brings, as you follow Him, He will show you that there is no reason here at all. Each spot His reason touches grows alive with beauty, and what seemed ugly in the darkness of your lack of reason is suddenly released to loveliness. Not even what the Son of God made in insanity could be without a hidden spark of beauty that gentleness could release.

T-17.II.6. All this beauty will rise to bless your sight as you look upon the world with forgiving eyes. For forgiveness literally transforms vision, and lets you see the real world reaching quietly and gently across chaos, removing all illusions that had twisted your perception and fixed it on the past. The smallest leaf becomes a thing of wonder, and a blade of grass a sign of God’s perfection.

T-17.II.7. From the forgiven world the Son of God is lifted easily into his home. And there he knows that he has always rested there in peace. Even salvation will become a dream, and vanish from his mind. For salvation is the end of dreams, and with the closing of the dream will have no meaning. Who, awake in Heaven, could dream that there could ever be need of salvation?

T-17.II.8. How much do you want salvation? It will give you the real world, trembling with readiness to be given you. The eagerness of the Holy Spirit to give you this is so intense He would not wait, although He waits in patience. Meet His patience with your impatience at delay in meeting Him. Go out in gladness to meet with your Redeemer, and walk with Him in trust out of this world, and into the real world of beauty and forgiveness.

​II. Il mondo perdonato
​1. Puoi immaginare come ti sembreranno belli coloro che perdoni? 2In nessuna fantasia hai mai visto qualcuno così bello. 3Niente di ciò che vedi qui, dormiente o sveglio, si avvicina a tanta bellezza. 4E non ci sarà nulla a cui darai un simile valore, né che ti sarà così caro. 5Niente che ricordi abbia fatto cantare di gioia il tuo cuore ti ha portato anche una piccola parte della felicita che questa vista ti porterà. 6Perché vedrai il Figlio di Dio. 7Vedrai la bellezza che lo Spirito Santo ama guardare e per la quale ringrazia il Padre. 8Egli è stato creato per vedere questo per te, finché non avrai imparato a vederlo da te. 9E tutto il Suo insegnamento porta a vederlo e a rendere grazie con Lui.

2. Questa bellezza non è una fantasia. 2È il mondo reale, splendente, pulito e nuovo, dove tutto brilla in pieno sole. 3Niente è nascosto qui, perché tutto è stato perdonato e non ci sono fantasie a nascondere la verità. 4Il ponte tra quel mondo e questo è così piccolo e così facile da attraversare che potresti non credere che è il punto d’incontro di mondi così differenti. 5Eppure questo piccolo ponte è assolutamente la cosa più forte in contatto con questo mondo. 6Questo piccolo passo, così piccolo da essere sfuggito alla tua attenzione, è un salto che attraversa il tempo ed entra nell’eternità, va oltre ogni bruttura nella bellezza che ti incanterà e che non cesserà mai di suscitarti meraviglia per la sua perfezione.

3. Questo passo, il più piccolo mai intrapreso, è tuttavia la più grande realizzazione nel piano di Dio per la Riconciliazione. 2Tutto il resto è imparato, ma questo è dato, completo e interamente perfetto. 3Nessuno se non Colui Che ha pianificato la salvezza avrebbe potuto completarlo così. 4Nella sua bellezza tu impari a raggiungere il mondo reale. 5Le fantasie sono tutte disfatte e niente e nessuno rimane ancora legato da esse, e grazie al tuo stesso perdono sei libero di vedere. 6Tuttavia ciò che vedi è solo ciò che hai fatto, con la benedizione del tuo perdono su di esso. 7E con questa benedizione finale del Figlio di Dio su se stesso, la percezione reale, nata dalla nuova prospettiva che ha imparato, ha raggiunto il suo scopo.

4. Le stelle scompariranno nella luce e il sole che ha aperto il mondo alla bellezza svanirà. 2La percezione sarà senza significato quando sarà stata resa perfetta, perché tutto ciò che è stato usato per l’apprendimento non avrà alcuna funzione. 3Niente cambierà mai: né variazioni né sfumature, né differenze, né cambiamenti che hanno reso possibile la percezione accadranno più. 4La percezione del mondo reale sarà così breve che avrai appena il tempo di ringraziare Dio per essa. 5Perché Dio compirà subito l’ultimo passo, quando avrai raggiunto il mondo reale e sarai stato reso pronto per Lui.

5. Il mondo reale viene raggiunto semplicemente con il completo perdono del vecchio, il mondo che vedi senza perdono. 2Il grande Trasformatore della percezione intraprenderà con te il vaglio attento della mente che ha fatto questo mondo, e ti rivelerà le ragioni apparenti per cui lo hai fatto. 3Nella luce della ragione reale che Egli porta, quando Lo seguirai, ti mostrerà che qui non c’è alcuna ragione. 4Ogni luogo che la Sua ragione tocca, cresce vitale e bello, e ciò che sembrava brutto nell’oscurità della tua mancanza di ragione è improvvisamente liberato alla bellezza. 5Nemmeno ciò che il Figlio di Dio ha fatto nella sua follia potrebbe essere privo di una scintilla di bellezza che la dolcezza può liberare.

6. Tutta questa bellezza si leverà a benedire la tua vista quando vedrai il mondo con gli occhi del perdono. 2Perché il perdono trasforma letteralmente la visione e ti permette di vedere l’avvento del mondo reale calmo e dolce attraverso il caos, eliminando tutte le illusioni che hanno sviato la tua percezione legandola al passato. 3La più piccola foglia diventa una meraviglia e un filo d’erba un segno della perfezione di Dio.

7. Dal mondo perdonato il Figlio di Dio è elevato facilmente nella sua dimora. 2E lì egli sa che vi ha sempre riposato in pace. 3Persino la salvezza diventerà un sogno e svanirà dalla sua mente. 4Perché la salvezza è la fine dei sogni, e con la fine del sogno smetterà di avere senso. 5Chi, sveglio in Cielo, può sognare che potrebbe mai esserci bisogno di salvezza?

8. Quanto desideri la salvezza? 2Ti darà il modo reale, che aspetta impaziente di esserti dato. 3L’impazienza dello Spirito Santo di dartela è così intensa che non vorrebbe aspettare, sebbene aspetti con pazienza. 4Incontra la Sua pazienza con la tua impazienza a incontrarti con Lui senza ritardo. 5Vai gioiosamente a incontrare il tuo Redentore e cammina fiduciosamente con Lui fuori da questo mondo, nel mondo reale di bellezza e perdono.

III. Shadows of the Past
T-17.III.1. To forgive is merely to remember only the loving thoughts you gave in the past, and those that were given you. All the rest must be forgotten. Forgiveness is a selective remembering, based not on your selection. For the shadow figures you would make immortal are “enemies” of reality. Be willing to forgive the Son of God for what he did not do. The shadow figures are the witnesses you bring with you to demonstrate he did what he did not. Because you bring them, you will hear them. And you who keep them by your own selection do not understand how they came into your mind, and what their purpose is. They represent the evil that you think was done to you. You bring them with you only that you may return evil for evil, hoping that their witness will enable you to think guiltily of another and not harm yourself. They speak so clearly for the separation that no one not obsessed with keeping separation could hear them. They offer you the “reasons” why you should enter into unholy alliances to support the ego’s goals, and make your relationships the witness to its power.

T-17.III.2. It is these shadow figures that would make the ego holy in your sight, and teach you what you do to keep it safe is really love. The shadow figures always speak for vengeance, and all relationships into which they enter are totally insane. Without exception, these relationships have as their purpose the exclusion of the truth about the other, and of yourself. This is why you see in both what is not there, and make of both the slaves of vengeance. And why whatever reminds you of your past grievances attracts you, and seems to go by the name of love, no matter how distorted the associations by which you arrive at the connection may be. And finally, why all such relationships become attempts at union through the body, for only bodies can be seen as means for vengeance. That bodies are central to all unholy relationships is evident. Your own experience has taught you this. But what you may not realize are all the reasons that go to make the relationship unholy. For unholiness seeks to reinforce itself, as holiness does, by gathering to itself what it perceives as like itself.

T-17.III.3. In the unholy relationship, it is not the body of the other with which union is attempted, but the bodies of those who are not there. For even the body of the other, already a severely limited perception of him, is not the central focus as it is, or in entirety. What can be used for fantasies of vengeance, and what can be most readily associated with those on whom vengeance is really sought, is centered on and separated off as being the only parts of value. Every step taken in the making, the maintaining and the breaking off of the unholy relationship is a move toward further fragmentation and unreality. The shadow figures enter more and more, and the one in whom they seem to be decreases in importance.

T-17.III.4. Time is indeed unkind to the unholy relationship. For time is cruel in the ego’s hands, as it is kind when used for gentleness. The attraction of the unholy relationship begins to fade and to be questioned almost at once. Once it is formed, doubt must enter in, because its purpose is impossible. The “ideal” of the unholy relationship thus becomes one in which the reality of the other does not enter at all to “spoil” the dream. And the less the other really brings to the relationship, the “better” it becomes. Thus, the attempt at union becomes a way of excluding even the one with whom the union was sought. For it was formed to get him out of it, and join with fantasies in uninterrupted “bliss.”

T-17.III.5. How can the Holy Spirit bring His interpretation of the body as a means of communication into relationships whose only purpose is separation from reality? What forgiveness is enables Him to do so. If all but loving thoughts have been forgotten, what remains is eternal. And the transformed past is made like the present. No longer does the past conflict with now. This continuity extends the present by increasing its reality and its value in your perception of it. In these loving thoughts is the spark of beauty hidden in the ugliness of the unholy relationship where hatred is remembered; yet there to come alive as the relationship is given to Him Who gives it life and beauty. That is why Atonement centers on the past, which is the source of separation, and where it must be undone. For separation must be corrected where it was made.

T-17.III.6. The ego seeks to “resolve” its problems, not at their source, but where they were not made. And thus it seeks to guarantee there will be no solution. The Holy Spirit wants only to make His resolutions complete and perfect, and so He seeks and finds the source of problems where it is, and there undoes it. And with each step in His undoing is the separation more and more undone, and union brought closer. He is not at all confused by any “reasons” for separation. All He perceives in separation is that it must be undone. Let Him uncover the hidden spark of beauty in your relationships, and show it to you. Its loveliness will so attract you that you will be unwilling ever to lose the sight of it again. And you will let this spark transform the relationship so you can see it more and more. For you will want it more and more, and become increasingly unwilling to let it be hidden from you. And you will learn to seek for and establish the conditions in which this beauty can be seen.

T-17.III.7. All this you will do gladly, if you but let Him hold the spark before you, to light your way and make it clear to you. God’s Son is One. Whom God has joined as one, the ego cannot put asunder. The spark of holiness must be safe, however hidden it may be, in every relationship. For the Creator of the one relationship has left no part of it without Himself. This is the only part of the relationship the Holy Spirit sees, because He knows that only this is true. You have made the relationship unreal, and therefore unholy, by seeing it where it is not and as it is not. Give the past to Him Who can change your mind about it for you. But first, be sure you fully realize what you have made the past to represent, and why.

T-17.III.8. The past becomes the justification for entering into a continuing, unholy alliance with the ego against the present. For the present is forgiveness. Therefore, the relationships the unholy alliance dictates are not perceived nor felt as now. Yet the frame of reference to which the present is referred for meaning is an illusion of the past, in which those elements that fit the purpose of the unholy alliance are retained, and all the rest let go. And what is thus let go is all the truth the past could ever offer to the present as witnesses for its reality. What is kept but witnesses to the reality of dreams.

T-17.III.9. It is still up to you to choose to join with truth or with illusion. But remember that to choose one is to let the other go. Which one you choose you will endow with beauty and reality, because the choice depends on which you value more. The spark of beauty or the veil of ugliness, the real world or the world of guilt and fear, truth or illusion, freedom or slavery–it is all the same. For you can never choose except between God and the ego. Thought systems are but true or false, and all their attributes come simply from what they are. Only the Thoughts of God are true. And all that follows from them comes from what they are, and is as true as is the holy Source from which they came.

T-17.III.10. My holy brother, I would enter into all your relationships, and step between you and your fantasies. Let my relationship to you be real to you, and let me bring reality to your perception of your brothers. They were not created to enable you to hurt yourself through them. They were created to create with you. This is the truth that I would interpose between you and your goal of madness. Be not separate from me, and let not the holy purpose of Atonement be lost to you in dreams of vengeance. Relationships in which such dreams are cherished have excluded me. Let me enter in the Name of God and bring you peace, that you may offer peace to me.

III. Le ombre del passato
1. Perdonare è semplicemente ricordare solo i pensieri d’amore che hai dato nel passato e quelli che ti sono stati dati. 2Tutto il resto deve essere dimenticato. 3Perdonare è ricordare in modo selettivo, non basato sulla tua selezione. 4Perché le figure tenebrose che tu renderesti immortali sono “nemiche” della realtà. 5Sii disposto a perdonare il Figlio di Dio per ciò che non ha fatto. 6Le figure tenebrose sono i testimoni che porti con te per dimostrare che ha fatto ciò che non ha fatto. 7Siccome li porti, li ascolterai. 8E tu che scegli di tenerli, non capisci come ti siano venuti in mente e qual è il loro scopo. 9Essi rappresentano il male che pensi ti sia stato fatto. 10Li porti con te solo per poter rendere male al male, sperando che la loro testimonianza ti permetterà di incolpare qualcun’altro senza farti del male. 11Parlano così chiaramente in favore della separazione che nessuno che non sia ossessionato dal mantenere la separazione potrebbe ascoltarli. 12Essi ti offrono le “ragioni” per cui dovresti entrare in alleanze non sante per sostenere gli obiettivi dell’ego e rendere le tue relazioni testimoni del suo potere.

2. Sono queste figure tenebrose che rendono l’ego santo ai tuoi occhi e ti insegnano che ciò che fai per mantenerlo al sicuro è realmente amore. 2Le figure tenebrose parlano sempre di vendetta e tutte le relazioni nelle quali entrano sono completamente folli. 3Senza eccezioni, queste relazioni hanno lo scopo di escludere la verità riguardo l’altro e te stesso. 4Ecco perché vedi in entrambi ciò che non c’è e rendi entrambi schiavi della vendetta. 5Ed è il motivo per cui ti attira qualunque cosa che ti ricordi dei tuoi risentimenti passati, e sembra andare sotto il nome di amore, non importa quanto possano essere distorte le associazioni attraverso le quali stabilisci la connessione. 6Ed infine è il motivo per cui queste relazioni diventano tentativi di unione attraverso il corpo, perché solo i corpi possono essere visti come mezzi di vendetta. 7Che i corpi siano al centro di ogni relazione non santa è evidente. 8La tua stessa esperienza te l’ha insegnato. 9Ma ciò di cui potresti non renderti conto, sono tutte le ragioni che contribuiscono a rendere non santa la relazione. 10Perché la non santità cerca di rinforzare se stessa, come fa la santità, attraendo a sé ciò che percepisce simile a sé.

3. Nella relazione non santa non è il corpo dell’altro con cui si tenta l’unione, ma i corpi di coloro che non ci sono. 2Perché perfino il corpo dell’altro, che è gia una percezione gravemente limitata di lui, non è di per sé l’aspetto centrale, o almeno non del tutto. 3Ciò che può essere usato per fantasie di vendetta, e ciò che può essere più prontamente associato con coloro nei confronti dei quali si cerca veramente vendetta, viene messo a fuoco e separato come se fosse l’unica parte di valore. 4Ogni passo fatto nell’intraprendere, mantenere e rompere una relazione non santa è una mossa verso un’ulteriore frammentazione e l’irrealtà. 5Le figure tenebrose vi entrano sempre più e colui nel quale sembrano essere diminuisce di importanza.

4. Il tempo è certamente inclemente con la relazione non santa. 2Perché il tempo è crudele nelle mani dell’ego, proprio come è benevolo usato in favore della dolcezza. 3L’attrattiva della relazione non santa comincia a svanire e ad essere messa in dubbio quasi subito. 4Una volta che è formata, il dubbio deve penetrarvi, perché il suo scopo è impossibile. 5“L’ideale” della relazione non santa diventa così qualcosa in cui la realtà dell’altro non entra affatto a “rovinare” il sogno. 6E meno l’altro porta alla relazione, “meglio” diventa. 7Così, il tentativo di unione diventa un modo di escludere persino colui col quale si è cercata l’unione. 8Perché è stata formata per cacciarlo fuori da essa e unirsi con le fantasie di “beatitudine” ininterrotta.

5. Come può lo Spirito Santo portare la Sua interpretazione del corpo come mezzo di comunicazione in relazioni il cui unico scopo è la separazione dalla realtà? 2È il perdono che Lo mette in grado di fare ciò. 3Se è stato dimenticato tutto tranne i pensieri amorevoli, ciò che resta è eterno. 4E il passato trasformato diventa come il presente. 5Il passato non è più in conflitto con il presente. 6Questa continuità estende il presente aumentando la sua realtà e il suo valore nella tua percezione di esso. 7In questi pensieri d’amore c’è la scintilla della bellezza nascosta nella bruttezza della relazione non santa, dove viene ricordato l’odio: pronta tuttavia a prendere vita non appena la relazione è data a Colui Che le da vita e bellezza. 8Ecco perché la Riconciliazione è centrata nel passato, che è la fonte della separazione, e dove essa deve essere disfatta. 9Perché la separazione deve essere corretta dove è stata fatta.

6. L’ego cerca di “risolvere” i suoi problemi non alla loro fonte, ma dove non sono stati fatti. 2E così cerca di garantire che non ci sarà soluzione. 3Lo Spirito Santo vuole solo rendere le Sue soluzioni complete e perfette, e così cerca e trova la fonte dei problemi dove si trova, e lì la disfa. 4E ad ogni passo del Suo disfare la separazione viene sempre più disfatta, e l’unione resa più stretta. 5Non è per niente confuso da qualsiasi “ragione” di separazione. 6Tutto ciò che percepisce nella separazione è che deve essere disfatta. 7PermettiGli di scoprire nella tua relazione la scintilla nascosta di bellezza e di mostrartela. 8La sua bellezza ti attrarrà a tal punto che non sarai più disposto a perderla ancora di vista. 9E permetterai a questa scintilla di trasformare la relazione così che la potrai vedere sempre di più. 10Perché la vorrai sempre di più e diventerai sempre meno disposto a lasciare che ti venga nascosta. 11E imparerai a cercare e a stabilire le condizioni nelle quali questa bellezza possa essere vista.

7. Farai tutto questo con piacere se solo Gli permetterai di tenere la scintilla davanti a te, per illuminarti il cammino e rendertelo chiaro. 2Il Figlio di Dio è Uno. 3L’ego non può separare coloro che Dio ha unito come uno. 4La scintilla di santità deve essere al sicuro, per quanto nascosta possa essere, in ogni relazione. 5Perché il Creatore dell’unica relazione non ha lasciato alcuna parte di essa senza di Sé. 6Questa è l’unica parte della relazione che lo Spirito Santo vede perché sa che solo questa è vera. 7Hai reso la relazione irreale, e quindi non santa, vedendola dove non è e come non è. 8Dai il passato a Colui Che può cambiare la tua mente per te. 9Ma prima accertati di renderti pienamente conto di cosa hai fatto sì che il passato rappresenti, e perché.

8. Il passato diventa la giustificazione per entrare in una continua alleanza non santa con l’ego contro il presente. 2Perché il presente è il perdono. 3Quindi le relazioni che l’alleanza non santa detta non vengono percepite né sentite come presente. 4Tuttavia lo schema di riferimento al quale si ricorre perché dia significato al presente è un’illusione del passato, nella quale vengono mantenuti quegli elementi che si adattano allo scopo dell’alleanza non santa, mentre gli altri vengono lasciati andare. 5E ciò che viene così lasciato andare è tutta la verità che il passato potrebbe offrire al presente come testimonianza della sua realtà. 6Ciò che è mantenuto non fa che testimoniare la realtà dei sogni.

9. Dipende sempre da te scegliere di unirti alla verità o all’illusione. 2Ma ricorda che scegliere una è abbandonare l’altra. 3Conferirai bellezza e realtà a quella che sceglierai, perché la scelta dipende da quale valuti di più. 4La scintilla della bellezza o il velo della bruttezza, il mondo reale o il mondo della colpa e della paura, la verità o l’illusione, la libertà o la schiavitù –non è che una sola scelta. 5Perché non puoi mai scegliere che tra Dio e l’ego. 6I sistemi di pensiero non sono che veri o falsi, e tutti i loro attributi derivano semplicemente da ciò che sono. 7Solo i Pensieri di Dio sono veri. 8E tutto ciò che ne consegue deriva da ciò che sono, ed è vero come lo è la Fonte santa dalla quale sono venuti.

10. Mio santo fratello, entrerò in tutte le tue relazioni e mi frapporrò tra te e le tue fantasie. 2Permetti alla mia relazione con te di essere reale per te e permettimi di portare realtà al tuo modo di percepire i tuoi fratelli. 3Non sono stati creati per permetterti di farti del male tramite loro. 4Sono stati creati per creare con te. 5Questa è la verità che voglio interporre tra te e il tuo obiettivo di pazzia. 6Non essere separato da me e non permettere al santo scopo dalle Riconciliazione di essere perso in sogni di vendetta. 7Le relazioni in cui questi sogni vengono coltivati mi hanno escluso. 8Permettimi di entrare nel Nome di Dio e di portarti la pace, cosicché tu mi possa offrire la pace.

IV. The Two Pictures
T-17.IV.1. God established His relationship with you to make you happy, and nothing you do that does not share His purpose can be real. The purpose God ascribed to anything is its only function. Because of His reason for creating His relationship with you, the function of relationships became forever “to make happy.” And nothing else. To fulfill this function you relate to your creations as God to His. For nothing God created is apart from happiness, and nothing God created but would extend happiness as its Creator did. Whatever does not fulfill this function cannot be real.

T-17.IV.2. In this world it is impossible to create. Yet it is possible to make happy. I have said repeatedly that the Holy Spirit would not deprive you of your special relationships, but would transform them. And all that is meant by that is that He will restore to them the function given them by God. The function you have given them is clearly not to make happy. But the holy relationship shares God’s purpose, rather than aiming to make a substitute for it. Every special relationship you have made is a substitute for God’s Will, and glorifies yours instead of His because of the illusion that they are different.

T-17.IV.3. You have made very real relationships even in this world. Yet you do not recognize them because you have raised their substitutes to such predominance that, when truth calls to you, as it does constantly, you answer with a substitute. Every special relationship you have made has, as its fundamental purpose, the aim of occupying your mind so completely that you will not hear the call of truth.

T-17.IV.4. In a sense, the special relationship was the ego’s answer to the creation of the Holy Spirit, Who was God’s Answer to the separation. For although the ego did not understand what had been created, it was aware of threat. The whole defense system the ego evolved to protect the separation from the Holy Spirit was in response to the gift with which God blessed it, and by His blessing enabled it to be healed. This blessing holds within itself the truth about everything. And the truth is that the Holy Spirit is in close relationship with you, because in Him is your relationship with God restored to you. The relationship with Him has never been broken, because the Holy Spirit has not been separate from anyone since the separation. And through Him have all your holy relationships been carefully preserved, to serve God’s purpose for you.

T-17.IV.5. The ego is always alert to threat, and the part of your mind into which the ego was accepted is very anxious to preserve its reason, as it sees it. It does not realize that it is totally insane. And you must realize just what this means if you would be restored to sanity. The insane protect their thought systems, but they do so insanely. And all their defenses are as insane as what they are supposed to protect. The separation has nothing in it, no part, no “reason,” and no attribute that is not insane. And its “protection” is part of it, as insane as the whole. The special relationship, which is its chief defense, must therefore be insane.

T-17.IV.6. You have but little difficulty now in realizing that the thought system the special relationship protects is but a system of delusions. You recognize, at least in general terms, that the ego is insane. Yet the special relationship still seems to you somehow to be “different.” Yet we have looked at it far closer than we have at many other aspects of the ego’s thought system that you have been more willing to let go. While this one remains, you will not let the others go. For this one is not different. Retain this one, and you have retained the whole.

T-17.IV.7. It is essential to realize that all defenses do what they would defend. The underlying basis for their effectiveness is that they offer what they defend. What they defend is placed in them for safe-keeping, and as they operate they bring it to you. Every defense operates by giving gifts, and the gift is always a miniature of the thought system the defense protects, set in a golden frame. The frame is very elaborate, all set with jewels, and deeply carved and polished. Its purpose is to be of value in itself, and to divert your attention from what it encloses. But the frame without the picture you cannot have. Defenses operate to make you think you can.

T-17.IV.8. The special relationship has the most imposing and deceptive frame of all the defenses the ego uses. Its thought system is offered here, surrounded by a frame so heavy and so elaborate that the picture is almost obliterated by its imposing structure. Into the frame are woven all sorts of fanciful and fragmented illusions of love, set with dreams of sacrifice and self-aggrandizement, and interlaced with gilded threads of self-destruction. The glitter of blood shines like rubies, and the tears are faceted like diamonds and gleam in the dim light in which the offering is made.

T-17.IV.9. Look at the picture. Do not let the frame distract you. This gift is given you for your damnation, and if you take it you will believe that you are damned. You cannot have the frame without the picture. What you value is the frame, for there you see no conflict. Yet the frame is only the wrapping for the gift of conflict. The frame is not the gift. Be not deceived by the most superficial aspects of this thought system, for these aspects enclose the whole, complete in every aspect. Death lies in this glittering gift. Let not your gaze dwell on the hypnotic gleaming of the frame. Look at the picture, and realize that death is offered you.

T-17.IV.10. That is why the holy instant is so important in the defense of truth. The truth itself needs no defense, but you do need defense against your acceptance of the gift of death. When you who are truth accept an idea so dangerous to truth, you threaten truth with destruction. And your defense must now be undertaken, to keep truth whole. The power of Heaven, the Love of God, the tears of Christ, and the joy of His eternal Spirit are marshalled to defend you from your own attack. For you attack Them, being part of Them, and They must save you, for They love Themselves.

T-17.IV.11. The holy instant is a miniature of Heaven, sent you from Heaven. It is a picture, too, set in a frame. Yet if you accept this gift you will not see the frame at all, because the gift can only be accepted through your willingness to focus all your attention on the picture. The holy instant is a miniature of eternity. It is a picture of timelessness, set in a frame of time. If you focus on the picture, you will realize that it was only the frame that made you think it was a picture. Without the frame, the picture is seen as what it represents. For as the whole thought system of the ego lies in its gifts, so the whole of Heaven lies in this instant, borrowed from eternity and set in time for you.

T-17.IV.12. Two gifts are offered you. Each is complete, and cannot be partially accepted. Each is a picture of all that you can have, seen very differently. You cannot compare their value by comparing a picture to a frame. It must be the pictures only that you compare, or the comparison is wholly without meaning. Remember that it is the picture that is the gift. And only on this basis are you really free to choose. Look at the pictures. Both of them. One is a tiny picture, hard to see at all beneath the heavy shadows of its enormous and disproportionate enclosure. The other is lightly framed and hung in light, lovely to look upon for what it is.

T-17.IV.13. You who have tried so hard, and are still trying, to fit the better picture into the wrong frame and so combine what cannot be combined, accept this and be glad: These pictures are each framed perfectly for what they represent. One is framed to be out of focus and not seen. The other is framed for perfect clarity. The picture of darkness and of death grows less convincing as you search it out amid its wrappings. As each senseless stone that seems to shine from the frame in darkness is exposed to light, it becomes dull and lifeless, and ceases to distract you from the picture. And finally you look upon the picture itself, seeing at last that, unprotected by the frame, it has no meaning.

T-17.IV.14. The other picture is lightly framed, for time cannot contain eternity. There is no distraction here. The picture of Heaven and eternity grows more convincing as you look at it. And now, by real comparison, a transformation of both pictures can at last occur. And each is given its rightful place when both are seen in relation to each other. The dark picture, brought to light, is not perceived as fearful, but the fact that it is just a picture is brought home at last. And what you see there you will recognize as what it is; a picture of what you thought was real, and nothing more. For beyond this picture you will see nothing.

T-17.IV.15. The picture of light, in clear-cut and unmistakable contrast, is transformed into what lies beyond the picture. As you look on this, you realize that it is not a picture, but a reality. This is no figured representation of a thought system, but the Thought itself. What it represents is there. The frame fades gently and God rises to your remembrance, offering you the whole of creation in exchange for your little picture, wholly without value and entirely deprived of meaning.

T-17.IV.16. As God ascends into His rightful place and you to yours, you will experience again the meaning of relationship and know it to be true. Let us ascend in peace together to the Father, by giving Him ascendance in our minds. We will gain everything by giving Him the power and the glory, and keeping no illusions of where they are. They are in us, through His ascendance. What He has given is His. It shines in every part of Him, as in the whole. The whole reality of your relationship with Him lies in our relationship to one another. The holy instant shines alike on all relationships, for in it they are one. For here is only healing, already complete and perfect. For here is God, and where He is only the perfect and complete can be.

IV. I due quadri
1. Dio ha stabilito la Sua relazione con te per renderti felice, e nulla di ciò che fai che non condivida il Suo scopo può essere reale. 2Lo scopo che Dio ha dato ad ogni cosa è la loro unica funzione. 3Grazie alla Sua ragione per creare la Sua relazione con te, la funzione delle relazioni è diventata per sempre “rendere felici”. 4E niente altro. 5Per adempiere a questa funzione, ti rapporti alle tue creazioni come Dio alle Sue. 6Perché nulla di ciò che Dio ha creato è separato dalla felicità, e nulla di ciò che Dio ha creato fa altro che estendere la felicità come ha fatto il suo Creatore. 7Tutto ciò che non adempie questa funzione non può essere reale.

2. In questo mondo è impossibile creare. 2Tuttavia è possibile fare felici. 3Ho detto ripetutamente che lo Spirito Santo non ti priverà delle tue relazioni speciali, ma le trasformerà. 4E tutto ciò che significa è che ripristinerà loro la funzione datagli da Dio. 5La funzione che tu hai dato loro chiaramente non è fare felici. 6Ma la relazione santa condivide lo scopo di Dio, anziché mirare a sostituirlo. 7Ogni relazione speciale che hai fatto tu è un sostituto della Volontà di Dio, e glorifica la tua invece della Sua a causa dell’illusione che siano differenti.

3. Hai intrapreso relazioni molto reali perfino in questo mondo. 2Tuttavia non le riconosci perché hai elevato i loro sostituti a un tale predominio che, quando la verità ti chiama, come fa costantemente, rispondi con un sostituto. 3Ogni relazione speciale che hai intrapreso ha, come scopo fondamentale, quello di occupare in modo così totale la tua mente da non farti sentire il richiamo della verità.

4. In un certo senso, la relazione speciale è stata la risposta dell’ego alla creazione dello Spirito Santo, Che è stato la Risposta di Dio alla separazione. 2Perché nonostante l’ego non capisse cosa era stato creato, era consapevole della minaccia. 3L’intero sistema di difesa che l’ego ha sviluppato per proteggere la separazione dallo Spirito Santo, è stato in risposta al dono con cui Dio l’ha benedetto e, attraverso la Sua benedizione, lo ha messo in grado di essere guarito. 4Questa benedizione contiene in sé la verità riguardo ogni cosa. 5E la verità è che lo Spirito Santo è in stretta relazione con te, perché in Lui ti viene ripristinata la tua relazione con Dio. 6La relazione con Lui non è mai stata interrotta, perché lo Spirito Santo non è mai stato separato da nessuno fin dalla separazione. 7E attraverso di Lui tutte le tue relazioni sante sono state attentamente preservate, per servire lo scopo di Dio per te.

5. L’ego sta all’erta contro le minacce, e la parte della tua mente nella quale l’ego è stato accettato è molto ansiosa di conservare la sua ragione, così come la vede. 2Non si rende conto che è totalmente folle. 3E tu devi renderti conto di cosa ciò significhi se vuoi essere ripristinato alla sanità mentale. 4I folli proteggono i loro sistemi di pensiero, ma lo fanno in modo folle. 5Tutte le loro difese sono folli come ciò che si suppone debbano proteggere. 6La separazione non ha nulla in sé, nessuna parte, nessuna “ragione”, e nessun attributo che non sia folle. 7E la sua “protezione” è una parte di essa, folle come l’intero. 8La relazione speciale, che è la sua difesa principale, deve quindi essere folle.

6. Non avrai molta difficoltà ora a renderti conto che il sistema di pensiero protetto dalla relazione speciale non è che un sistema delirante. 2Riconosci, almeno in termini generali, che l’ego è folle. 3Tuttavia la relazione speciale ti sembra ancora in qualche modo “differente”. 4Eppure l’abbiamo osservata molto più da vicino di quanto abbiamo fatto con molti altri aspetti del sistema di pensiero dell’ego che sei stato maggiormente disposto a lasciar andare. 5Fintantoché questo solo rimane, non lascerai andare gli altri. 6Perché questo non è differente. 7Conserva questo e lo avrai conservato tutto intero.

7. È essenziale rendersi conto che tutte le difese fanno ciò da cui vorrebbero difendere. 2Il fondamento su cui si basa la loro efficacia è che offrono ciò da cui difendono. 3Ciò da cui difendono è posto in esse per essere mantenuto al sicuro, e mentre operano te lo portano. 4Ogni difesa opera dando doni, e il dono è sempre una miniatura del sistema di pensiero da cui la difesa protegge, messa in una cornice dorata. 5La cornice è molto elaborata, tempestata di gemme e minuziosamente intagliata e levigata. 6Il suo scopo è di essere di valore di per sé, e distogliere la tua attenuazione da ciò che racchiude. 7Ma non puoi avere la cornice senza il quadro. 8Le difese operano per farti credere che puoi.

8. La relazione speciale ha la cornice più imponente e ingannevole di tutte le difese che l’ego usa. 2Il suo sistema di pensiero è qui offerto circondato da una cornice così pesante ed elaborata che il quadro è quasi cancellato dalla sua struttura imponente. 3Nella cornice è intessuta ogni sorta di illusione d’amore chimerica e frammentata, intrecciata con sogni di sacrificio e vanagloria, e intessuta con fili dorati di autodistruzione. 4Il luccichio del sangue brilla come rubini, e le lacrime sono sfaccettate come diamanti e rilucono nella tenue luce nella quale viene fatta l’offerta.

9. Guarda il quadro. 2Non permettere alla cornice di distrarti. 3Questo dono ti viene dato per la tua dannazione, e se lo prendi crederai di essere dannato. 4Non puoi avere la cornice senza il quadro. 5Ciò a cui dai valore è la cornice, perché non vedi conflitto in essa. 6Tuttavia la cornice è solo l’involucro del dono del conflitto. 7La cornice non è il dono. 8Non farti ingannare dagli aspetti più superficiali di questo sistema di pensiero, perché questi aspetti racchiudono l’intero, completo in ogni aspetto. 9Nel regalo scintillante si nasconde la morte. 10Che il tuo sguardo non si soffermi sul luccichio ipnotico della cornice. 11Guarda il quadro, e renditi conto che è la morte che ti viene offerta.

10. Ecco perché l’istante santo è così importante per la difesa della verità. 2La verità in sé non ha bisogno di difese, ma tu hai bisogno di difesa contro la tua accettazione del dono della morte. 3Quando tu, che sei verità, accetti un’idea così pericolosa per la verità, minacci di distruzione la verità. 4E ora deve essere intraprepsa la tua difesa per mantenere intera la verità. 5Il potere del Cielo, l’Amore di Dio, le lacrime di Cristo, e la gioia del Suo Spirito eterno sono schierati per difenderti dal tuo stesso attacco. 6Perché tu Li attacchi, essendo parte di Loro, e Loro devono salvarti, perché Si amano.

11. L’istante santo è una miniatura del Cielo, mandata a te dal Cielo. 2È anch’esso un quadro racchiuso in una cornice. 3Tuttavia se accetti questo dono non vedrai affatto la cornice, perché il dono può essere accettato solo se sei disposto a focalizzare tutta la tua attenzione sul quadro. 4L’istante santo è una miniatura dell’eternità. 5È un quadro di ciò che è senza tempo, messo in una cornice temporale. 6Se ti focalizzi sul quadro, ti renderai conto che era solo la cornice che ti faceva pensare che fosse un quadro. 7Senza la cornice, il quadro viene visto per ciò che rappresenta. 8Perché, come l’intero sistema di pensiero dell’ego si trova nei suoi doni, così l’intero Cielo è in questo istante, preso a prestito dall’eternità e messo nel tempo per te.

12. Ti vengono offerti due doni. 2Ciascuno è completo e non può essere accettato parzialmente. 3Ciascuno è un quadro di tutto ciò che puoi avere, visto in modi molto differenti. 4Non puoi paragonare il loro valore paragonando un quadro a una cornice. 5Devono essere solo i quadri che paragoni, o il paragone sarà completamente privo di significato. 6Ricorda che il dono è il quadro. 7E solo su questa base sei veramente libero di scegliere. 8Guarda i quadri. 9Entrambi. 10Uno è un minuscolo quadro, difficile da vedere tra le pesanti ombre della sua cornice enorme e sproporzionata. 11L’altro ha una cornice leggera ed è appeso nella luce, bello da vedere per quello che è.

13. Tu che hai cercato con tanta insistenza, e ancora stai cercando, di fare entrare il quadro migliore nella cornice sbagliata e in questo modo di combinare ciò che non può essere combinato, accetta questo e sii lieto: questi quadri sono perfettamente incorniciati per ciò che rappresentano. 2Uno è incorniciato per essere in secondo piano e non essere visto. 3L’altro è incorniciato per essere perfettamente chiaro. 4Il quadro dell’oscurità e della morte diventa meno convincente se lo togli dal suo involucro. 5Quando ciascuna delle pietre inanimate che sembrano brillare dalla cornice nell’oscurità viene esposta alla luce, diventa opaca e senza vita e smette di distrarti dal quadro. 6E infine guardi il quadro stesso, vedendo finalmente che, senza la protezione della cornice, non ha significato.

14. L’altro quadro ha una cornice leggera, perché il tempo non può contenere l’eternità. 2Qui non c’è distrazione. 3Il quadro del Cielo e dell’eternità diventa sempre più convincente man mano che lo guardi. 4E ora, in un vero confronto, può finalmente avere luogo una trasformazione di entrambi i quadri. 5A ciascuno è assegnato il suo giusto posto quando entrambi vengono visti uno in relazione all’altro. 6Il quadro oscuro, portato alla luce, non viene percepito come spaventoso, ma ti rendi finalmente conto che è soltanto un quadro. 7E riconoscerai ciò che vedi in esso per ciò che è: un quadro di ciò che pensavi fosse reale, e niente di più. 8Perché al di la di questo quadro non vedrai nulla.

15. Il quadro della luce, in netto e inequivocabile contrasto, è trasformato in ciò che c’è al di la del quadro. 2Mentre lo guardi ti rendi conto che non è un quadro ma una realtà. 3Non è la rappresentazione figurata di un sistema di pensiero, ma il Pensiero stesso. 4Ciò che rappresenta è lì. 5La cornice svanisce dolcemente e Dio sorge alla tua memoria, offrendoti l’intera creazione in cambio del tuo piccolo quadro, totalmente senza valore e interamente privo di significato.

16. Mentre Dio ascende al Suo giusto posto e tu al tuo, farai esperienza di nuovo il significato della relazione e saprai che è vera. 2Ascendiamo insieme in pace al Padre, dandoGli ascendente sulle nostre menti. 3Guadagneremo tutto dando a Lui ogni potere e gloria, senza mantenere alcuna illusione su dove essi si trovino. 4Essi sono in noi, tramite la Sua ascendenza. 5Ciò che Egli ha dato è Suo. 6Splende in ogni parte di Lui come nell’intero. 7L’intera realtà della tua relazione con Lui è nella nostra relazione reciproca. 8L’istante santo splende uguale su tutte le relazioni, perché in esso esse sono una sola. 9Perché qui è la sola guarigione, già completa e perfetta. 10Perché qui è Dio, e dove Egli è può essere solo ciò che è perfetto e completo.

V. The Healed Relationship
T-17.V.1. The holy relationship is the expression of the holy instant in living in this world. Like everything about salvation, the holy instant is a practical device, witnessed to by its results. The holy instant never fails. The experience of it is always felt. Yet without expression it is not remembered. The holy relationship is a constant reminder of the experience in which the relationship became what it is. And as the unholy relationship is a continuing hymn of hate in praise of its maker, so is the holy relationship a happy song of praise to the Redeemer of relationships.

T-17.V.2. The holy relationship, a major step toward the perception of the real world, is learned. It is the old, unholy relationship, transformed and seen anew. The holy relationship is a phenomenal teaching accomplishment. In all its aspects, as it begins, develops and becomes accomplished, it represents the reversal of the unholy relationship. Be comforted in this; the only difficult phase is the beginning. For here, the goal of the relationship is abruptly shifted to the exact opposite of what it was. This is the first result of offering the relationship to the Holy Spirit, to use for His purposes.

T-17.V.3. This invitation is accepted immediately, and the Holy Spirit wastes no time in introducing the practical results of asking Him to enter. At once His goal replaces yours. This is accomplished very rapidly, but it makes the relationship seem disturbed, disjunctive and even quite distressing. The reason is quite clear. For the relationship as it is is out of line with its own goal, and clearly unsuited to the purpose that has been accepted for it. In its unholy condition, your goal was all that seemed to give it meaning. Now it seems to make no sense. Many relationships have been broken off at this point, and the pursuit of the old goal re-established in another relationship. For once the unholy relationship has accepted the goal of holiness, it can never again be what it was.

T-17.V.4. The temptation of the ego becomes extremely intense with this shift in goals. For the relationship has not as yet been changed sufficiently to make its former goal completely without attraction, and its structure is “threatened” by the recognition of its inappropriateness for meeting its new purpose. The conflict between the goal and the structure of the relationship is so apparent that they cannot coexist. Yet now the goal will not be changed. Set firmly in the unholy relationship, there is no course except to change the relationship to fit the goal. Until this happy solution is seen and accepted as the only way out of the conflict, the relationship may seem to be severely strained.

T-17.V.5. It would not be kinder to shift the goal more slowly, for the contrast would be obscured, and the ego given time to reinterpret each slow step according to its liking. Only a radical shift in purpose could induce a complete change of mind about what the whole relationship is for. As this change develops and is finally accomplished, it grows increasingly beneficent and joyous. But at the beginning, the situation is experienced as very precarious. A relationship, undertaken by two individuals for their unholy purposes, suddenly has holiness for its goal. As these two contemplate their relationship from the point of view of this new purpose, they are inevitably appalled. Their perception of the relationship may even become quite disorganized. And yet, the former organization of their perception no longer serves the purpose they have agreed to meet.

T-17.V.6. This is the time for faith. You let this goal be set for you. That was an act of faith. Do not abandon faith, now that the rewards of faith are being introduced. If you believed the Holy Spirit was there to accept the relationship, why would you now not still believe that He is there to purify what He has taken under His guidance? Have faith in your brother in what but seems to be a trying time. The goal is set. And your relationship has sanity as its purpose. For now you find yourself in an insane relationship, recognized as such in the light of its goal.

T-17.V.7. Now the ego counsels thus; substitute for this another relationship to which your former goal was quite appropriate. You can escape from your distress only by getting rid of your brother. You need not part entirely if you choose not to do so. But you must exclude major areas of fantasy from your brother, to save your sanity. Hear not this now! Have faith in Him Who answered you. He heard. Has He not been very explicit in His answer? You are not now wholly insane. Can you deny that He has given you a most explicit statement? Now He asks for faith a little longer, even in bewilderment. For this will go, and you will see the justification for your faith emerge, to bring you shining conviction. Abandon Him not now, nor your brother. This relationship has been reborn as holy.

T-17.V.8. Accept with gladness what you do not understand, and let it be explained to you as you perceive its purpose work in it to make it holy. You will find many opportunities to blame your brother for the “failure” of your relationship, for it will seem at times to have no purpose. A sense of aimlessness will come to haunt you, and to remind you of all the ways you once sought for satisfaction and thought you found it. Forget not now the misery you really found, and do not breathe life into your failing ego. For your relationship has not been disrupted. It has been saved.

T-17.V.9. You are very new in the ways of salvation, and think you have lost your way. Your way is lost, but think not this is loss. In your newness, remember that you and your brother have started again, together. And take his hand, to walk together along a road far more familiar than you now believe. Is it not certain that you will remember a goal unchanged throughout eternity? For you have chosen but the goal of God, from which your true intent was never absent.

T-17.V.10. Throughout the Sonship is the song of freedom heard, in joyous echo of your choice. You have joined with many in the holy instant, and they have joined with you. Think not your choice will leave you comfortless, for God Himself has blessed your holy relationship. Join in His blessing, and withhold not yours upon it. For all it needs now is your blessing, that you may see that in it rests salvation. Condemn salvation not, for it has come to you. And welcome it together, for it has come to join you and your brother together in a relationship in which all the Sonship is together blessed.

T-17.V.11. You undertook, together, to invite the Holy Spirit into your relationship. He could not have entered otherwise. Although you may have made many mistakes since then, you have also made enormous efforts to help Him do His work. And He has not been lacking in appreciation for all you have done for Him. Nor does He see the mistakes at all. Have you been similarly grateful to your brother? Have you consistently appreciated the good efforts, and overlooked mistakes? Or has your appreciation flickered and grown dim in what seemed to be the light of the mistakes? Perhaps you are now entering upon a campaign to blame him for the discomfort of the situation in which you find yourself. And by this lack of thanks and gratitude you make yourself unable to express the holy instant, and thus lose sight of it.

T-17.V.12. The experience of an instant, however compelling it may be, is easily forgotten if you allow time to close over it. It must be kept shining and gracious in your awareness of time, but not concealed within it. The instant remains. But where are you? To give thanks to your brother is to appreciate the holy instant, and thus enable its results to be accepted and shared. To attack your brother is not to lose the instant, but to make it powerless in its effects.

T-17.V.13. You have received the holy instant, but you may have established a condition in which you cannot use it. As a result, you do not realize that it is with you still. And by cutting yourself off from its expression, you have denied yourself its benefit. You reinforce this every time you attack your brother, for the attack must blind you to yourself. And it is impossible to deny yourself, and to recognize what has been given and received by you.

T-17.V.14. You and your brother stand together in the holy presence of truth itself. Here is the goal, together with you. Think you not the goal itself will gladly arrange the means for its accomplishment? It is just this same discrepancy between the purpose that has been accepted and the means as they stand now which seems to make you suffer, but which makes Heaven glad. If Heaven were outside you, you could not share in its gladness. Yet because it is within, the gladness, too, is yours. You are joined in purpose, but remain still separate and divided on the means. Yet the goal is fixed, firm and unalterable, and the means will surely fall in place because the goal is sure. And you will share the gladness of the Sonship that it is so.

T-17.V.15. As you begin to recognize and accept the gifts you have so freely given to your brother, you will also accept the effects of the holy instant and use them to correct all your mistakes and free you from their results. And learning this, you will have also learned how to release all the Sonship, and offer it in gladness and thanksgiving to Him Who gave you your release, and Who would extend it through you.

V. La relazione guarita
1. La relazione santa è l’espressione dell’istante santo nel vivere in questo mondo. 2Come ogni cosa che riguarda la salvezza, l’istante santo è uno strumento pratico, testimoniato dai suoi risultati. 3L’istante santo non fallisce mai. 4La sua esperienza si sente sempre. 5Tuttavia se non viene espresso non viene ricordato. 6La relazione santa è il ricordo costante dell’esperienza in cui la relazione è diventata ciò che è. 7E come la relazione non santa è un inno continuo di odio in lode di chi l’ha fatta, così la relazione santa è un felice canto di lode al Redentore delle relazioni.

2. La relazione santa, un passo importantissimo verso la percezione del mondo reale, viene appresa. 2È la vecchia relazione non santa trasformata e vista in modo nuovo. 3La relazione santa è un fenomenale conseguimento educativo. 4In tutti i suoi aspetti, come comincia, si sviluppa e giunge a compimento, rappresenta il capovolgimento della relazione non santa. 5Sii confortato in questo: l’unica fase difficile è l’inizio. 6Perché qui l’obiettivo della relazione è improvvisamente cambiato nell’esatto opposto di ciò che era. 7Questo è il primo risultato dell’offrire la relazione allo Spirito Santo, perché la usi per i Suoi scopi.

3. Questo invito è accettato immediatamente e lo Spirito Santo non spreca tempo nel presentarti i risultati pratici che vengono col chiederGli di entrare. 2Immediatamente il Suo obiettivo sostituisce il tuo. 3Questo si compie molto rapidamente, ma fa sì che la relazione sembri disturbata, disarmonica e perfino piuttosto difficile. 4La ragione è assai chiara. 5La relazione così com’è, non è in linea con il suo obiettivo, ed è chiaramente inadeguata allo scopo che è stato accettato per essa. 6Nella sua condizione non santa, il tuo obiettivo era ciò che sembrava darle significato. 7Adesso sembra non avere senso. 8Molte relazioni sono state rotte a questo punto, e il perseguimento del vecchio obiettivo ristabilito in un’altra relazione. 9Perché una volta che la relazione non santa avrà accettato l’obiettivo della santità, non potrà mai più essere quello che era.

4. La tentazione dell’ego diventa estremamente intensa con questo cambiamento di obiettivi. 2Perché la relazione non è ancora cambiata sufficientemente per rendere completamente privo di attrattiva il suo obiettivo precedente, e la sua struttura viene “minacciata” dal riconoscimento della sua inadeguatezza a raggiungere il suo nuovo scopo. 3Il conflitto tra l’obiettivo e la struttura della relazione è così evidente che non possono coesistere. 4Tuttavia ora l’obiettivo non verrà cambiato. 5Essendo stato stabilito saldamente nella relazione non santa, non c’è alternativa se non cambiare la relazione per adeguarla all’obiettivo. 6Finché questa felice soluzione non viene vista e accettata come l’unica via di uscita dal conflitto, potrà sembrare che la relazione sia molto tesa.

5. Non sarebbe più dolce cambiare l’obiettivo più lentamente, perché il contrasto verrebbe oscurato, e l’ego avrebbe il tempo di reinterpretare ogni passo lento a suo piacimento. 2Solo un cambiamento radicale dello scopo può indurre un completo cambiamento di mente riguardo allo scopo dell’intera relazione. 3Mentre questo cambiamento si sviluppa e viene finalmente compiuto, essa diventa sempre più benefica e gioiosa. 4Ma all’inizio la situazione viene percepita come molto precaria. 5Una relazione, intrapresa da due individui per i loro scopi non santi, improvvisamente ha la santità come suo obiettivo. 6Mentre questi due contemplano la loro relazione dal punto di vista del nuovo scopo, sono inevitabilmente spaventati. 7La loro percezione della relazione può persino diventare piuttosto disorganizzata. 8E tuttavia, l’organizzazione precedente della loro percezione non serve più allo scopo che hanno concordato di raggiungere.

6. Questo è il momento di avere fede. 2Hai lasciato che questo obiettivo fosse fissato per te. 3Questo è stato un atto di fede. 4Non abbandonare la fede, adesso che le ricompense della fede ti vengono presentate. 5Se hai creduto che lo Spirito Santo fosse lì per accettare la relazione, perché mai ora non dovresti credere ancora che Egli è lì per purificare ciò che ha preso sotto la Sua guida? 6Abbi fede in tuo fratello in ciò che non sembra essere che un periodo di prova. 7L’obiettivo è stabilito. 8E la tua relazione ha la sanità mentale come scopo. 9Perché adesso ti trovi in una relazione folle, riconosciuta come tale alla luce del suo obiettivo.

7. Ora l’ego consiglia così: “Sostituisci questa con un’altra relazione per la quale il tuo scopo precedente sia abbastanza appropriato. 2Puoi sfuggire all’angoscia solo sbarazzandoti di tuo fratello. 3Non hai bisogno di separarti da lui completamente se scegli di non farlo. 4Ma devi escludere da tuo fratello gran parte delle tue fantasie, per preservare la tua sanità mentale”. 5Non dargli retta ora! 6Abbi fede in Colui Che ti ha risposto. 7Egli ti ha udito. 8Non è stato forse molto esplicito nella Sua risposta? 9Non sei interamente folle adesso. 10Puoi forse negare che Egli non sia stato molto esplicito nel parlarti? 11Adesso ti chiede di avere fede ancora per un po’, anche se sei disorientato. 12Perché questo passerà, e vedrai emergere la giustificazione della tua fede portarti una splendente certezza. 13Non abbandonarLo ora, e non abbandonare tuo fratello. 14Questa relazione è rinata santa.

8. Accetta felicemente ciò che non capisci, e lascia che ti venga spiegato, man mano che percepisci il suo scopo che lavora per essa per renderla santa. 2Troverai molte opportunità per dare la colpa a tuo fratello per il “fallimento” della vostra relazione, perché a volte ti sembrerà che non abbia scopo. 3Un senso di futilità verrà a tormentarti, e a ricordarti tutti i modi in cui una volta cercavi soddisfazione e pensavi di averla trovata. 4Non dimenticarti della miserevolezza che hai trovato in realtà, e non infondere vita nel tuo ego fallimentare. 5Perché la tua relazione non è stata distrutta. 6È stata salvata.

9. Sei inesperto dei sentieri della salvezza, e pensi di aver perso la strada. 2La tua strada è persa, ma non pensare che sia una perdita. 3Nella tua inesperienza, ricorda che tu e tuo fratello avete iniziato da capo, insieme. 4E prendi la mano di tuo fratello per camminare insieme lungo una strada molto più familiare di ciò che credi adesso. 5Non è forse certo che ricorderai un obiettivo immutato per tutta l’eternità? 6Perché non hai scelto che lo scopo di Dio, dal quale il tuo vero intento non è mai stato assente.

10. Per tutta la Figliolanza si sente il canto della libertà echeggiare gioiosamente la tua scelta. 2Ti sei unito con molti altri nell’istante santo, ed essi si sono uniti a te. 3Non pensare che la tua scelta ti lasci sconsolato, perché Dio Stesso ha benedetto la tua relazione santa. 4Unisciti alla Sua benedizione e non ritrarre la tua. 5Perché tutto ciò di cui ha bisogno ora è della tua benedizione, affinché tu possa vedere che in essa c’è la tua salvezza. 6Non condannare la tua salvezza, perché è venuta a te. 7E datele insieme il benvenuto, perché è venuta a unirvi in una relazione nella quale tutta la Figliolanza è benedetta.

11. Avete deciso insieme di invitare lo Spirito Santo nella vostra relazione. 2Non sarebbe potuto entrare altrimenti. 3Nonostante tu possa aver fatto molti errori da allora, hai anche fatto sforzi enormi per aiutarLo a fare il Suo lavoro. 4Ed Egli non ha mancato di apprezzare tutto ciò che hai fatto per Lui. 5Egli non vede affatto gli errori. 6Sei stato altrettanto riconoscente verso tuo fratello? 7Hai apprezzato sistematicamente i suoi sforzi positivi e hai guardato al di là dei suoi errori? 8O forse il tuo apprezzamento ha vacillato e si è affievolito in ciò che sembrava essere la luce degli errori? 9Forse stai per intraprendere una campagna per incolparlo del disagio della situazione in cui ti trovi. 10E per mezzo di questa mancanza di apprezzamento e gratitudine ti rendi incapace di esprimere l’istante santo, e quindi lo perdi di vista.

12. L’esperienza di un istante, per quanto irresistibile possa essere, viene facilmente dimenticata se permetti al tempo di chiudersi su di essa. 2Deve essere mantenuta brillante e piena di grazia nella tua consapevolezza del tempo, ma non occultata in esso. 3L’istante rimane. 4Ma tu dove sei? 5Ringraziare tuo fratello è apprezzare l’istante santo, e così permettere ai suoi risultati di essere accettati e condivisi. 6Attaccare tuo fratello non è perdere l’istante, ma renderlo impotente nei suoi effetti.

13. Hai ricevuto l’istante santo, ma puoi avere stabilito una condizione nella quale non lo puoi usare. 2Come risultato, non ti rendi conto che esso è ancora con te. 3E tagliandoti fuori dalla sua espressione, ti sei negato i suoi benefici. 4Ogni volta che attacchi tuo fratello rinforzi ciò, perché l’attacco ti impedisce di vederti. 5Ed è impossibile negare se stessi e riconoscere ciò che è stato dato e ricevuto da te.

14. Tu e tuo fratello vi trovate insieme davanti alla santa presenza della verità stessa. 2Ecco l’obiettivo, insieme a voi. 3Non pensi forse che l’obiettivo stesso fornirà felicemente il mezzo per raggiungerlo? 4È proprio questa stessa discrepanza tra lo scopo che è stato accettato e il mezzo che usi ora che sembra farti soffrire, ma che rallegra il Cielo. 5Se il Cielo fosse fuori di te, non potresti condividere la sua felicita. 6Tuttavia, siccome è dentro, anche la felicita è tua. 7Voi siete uniti nello scopo, ma rimanete ancora separati e divisi sul mezzo. 8Tuttavia l’obiettivo è stabilito, fermo e inalterabile, e il mezzo sicuramente arriverà perché l’obiettivo è sicuro. 9E condividerai la felicità della Figliolanza per il fatto che è così.

15. Mentre cominci a riconoscere e ad accettare i doni che hai così liberamente dato a tuo fratello, accetterai anche gli effetti dell’istante santo e li userai per correggere tutti i tuoi errori e liberarti dai loro risultati. 2E imparando ciò, avrai anche imparato a liberare tutta la Figliolanza e offrire questa liberazione con giubilo e riconoscenza a Colui Che ti ha dato la tua liberazione, e Che vuole estenderla attraverso di te.

VI. Setting the Goal
T-17.VI.1. The practical application of the Holy Spirit’s purpose is extremely simple, but it is unequivocal. In fact, in order to be simple it must be unequivocal. The simple is merely what is easily understood, and for this it is apparent that it must be clear. The setting of the Holy Spirit’s goal is general. Now He will work with you to make it specific, for application is specific. There are certain very specific guidelines He provides for any situation, but remember that you do not yet realize their universal application. Therefore, it is essential at this point to use them in each situation separately, until you can more safely look beyond each situation, in an understanding far broader than you now possess.

T-17.VI.2. In any situation in which you are uncertain, the first thing to consider, very simply, is “What do I want to come of this? What is it for?” The clarification of the goal belongs at the beginning, for it is this which will determine the outcome. In the ego’s procedure this is reversed. The situation becomes the determiner of the outcome, which can be anything. The reason for this disorganized approach is evident. The ego does not know what it wants to come of the situation. It is aware of what it does not want, but only that. It has no positive goal at all.

T-17.VI.3. Without a clear-cut, positive goal, set at the outset, the situation just seems to happen, and makes no sense until it has already happened. Then you look back at it, and try to piece together what it must have meant. And you will be wrong. Not only is your judgment in the past, but you have no idea what should happen. No goal was set with which to bring the means in line. And now the only judgment left to make is whether or not the ego likes it; is it acceptable, or does it call for vengeance? The absence of a criterion for outcome, set in advance, makes understanding doubtful and evaluation impossible.

T-17.VI.4. The value of deciding in advance what you want to happen is simply that you will perceive the situation as a means to make it happen. You will therefore make every effort to overlook what interferes with the accomplishment of your objective, and concentrate on everything that helps you meet it. It is quite noticeable that this approach has brought you closer to the Holy Spirit’s sorting out of truth and falsity. The true becomes what can be used to meet the goal. The false becomes the useless from this point of view. The situation now has meaning, but only because the goal has made it meaningful.

T-17.VI.5. The goal of truth has further practical advantages. If the situation is used for truth and sanity, its outcome must be peace. And this is quite apart from what the outcome is. If peace is the condition of truth and sanity, and cannot be without them, where peace is they must be. Truth comes of itself. If you experience peace, it is because the truth has come to you and you will see the outcome truly, for deception cannot prevail against you. You will recognize the outcome because you are at peace. Here again you see the opposite of the ego’s way of looking, for the ego believes the situation brings the experience. The Holy Spirit knows that the situation is as the goal determines it, and is experienced according to the goal.

T-17.VI.6. The goal of truth requires faith. Faith is implicit in the acceptance of the Holy Spirit’s purpose, and this faith is all-inclusive. Where the goal of truth is set, there faith must be. The Holy Spirit sees the situation as a whole. The goal establishes the fact that everyone involved in it will play his part in its accomplishment. This is inevitable. No one will fail in anything. This seems to ask for faith beyond you, and beyond what you can give. Yet this is so only from the viewpoint of the ego, for the ego believes in “solving” conflict through fragmentation, and does not perceive the situation as a whole. Therefore, it seeks to split off segments of the situation and deal with them separately, for it has faith in separation and not in wholeness.

T-17.VI.7. Confronted with any aspect of the situation that seems to be difficult, the ego will attempt to take this aspect elsewhere, and resolve it there. And it will seem to be successful, except that this attempt conflicts with unity, and must obscure the goal of truth. And peace will not be experienced except in fantasy. Truth has not come because faith has been denied, being withheld from where it rightfully belonged. Thus do you lose the understanding of the situation the goal of truth would bring. For fantasy solutions bring but the illusion of experience, and the illusion of peace is not the condition in which truth can enter.

VI. Stabilire l’obiettivo
1. L’applicazione pratica dello scopo dello Spirito Santo è estremamente semplice, ma inequivocabile. 2Di fatto, per essere semplice deve essere inequivocabile. 3Ciò che è semplice è semplicemente ciò che si capisce facilmente, e perciò è evidente che deve essere chiaro. 4L’obiettivo che lo Spirito Santo stabilisce è generale. 5Adesso Egli lavorerà con te per renderlo specifico, perché l’applicazione è specifica. 6Ci sono delle linee di condotta molto specifiche che Egli fornirà per qualsiasi situazione, ma ricordati che tu non ti rendi ancora conto della loro applicazione universale. 7Quindi è essenziale a questo punto usarle separatamente in ogni situazione, finché non potrai guardare con maggiore sicurezza al di là di ogni situazione, con una comprensione molto più ampia di quella che possiedi ora.

2. In ogni situazione in cui sei incerto, la prima cosa da considerare, molto semplicemente, è: “Cosa voglio ottenere da questa cosa? 2Qual è il suo scopo?” 3La chiarificazione dell’obiettivo appartiene all’inizio, perché è questa che determinerà il risultato. 4Nella procedura dell’ego questo è capovolto. 5La situazione diventa ciò che determina il risultato, che può essere qualsiasi cosa. 6La ragione di questo approccio disorganizzato è evidente. 7L’ego non sa cosa vuole ottenere dalla situazione. 8È consapevole di ciò che non vuole, ma solo di quello. 9Non ha alcun obiettivo chiaro.

3. Senza un obiettivo chiaro e ben definito, stabilito all’inizio, la situazione sembra solo accadere e non ha senso finché non è gia accaduta. 2Allora guardi indietro ad essa e cerchi di ricostruire quale può essere stato il suo significato. 3E ti sbaglierai. 4Non solo il tuo giudizio è nel passato, ma non hai la minima idea di ciò che dovrebbe succedere. 5Nessun obiettivo è stato stabilito per adattarvi il mezzo. 6E ora l’unico giudizio rimasto è se all’ego piace o no: è accettabile o chiama alla vendetta? 7L’assenza di un criterio stabilito in anticipo, col quale valutare un risultato, rende dubbia la comprensione e impossibile ogni valutazione.

4. Il valore di decidere in anticipo ciò che vuoi che succeda è semplicemente che percepirai la situazione come un mezzo per farlo accadere. 2Quindi farai ogni sforzo per guardare al di là di ciò che interferisce col raggiungimento del tuo obiettivo, e ti concentrerai su tutto ciò che ti aiuta a raggiungerlo. 3È piuttosto evidente che questo approccio ti ha portato più vicino al modo in cui lo Spirito Santo discerne il vero dal falso. 4Il vero diventa ciò che può essere usato per raggiungere l’obiettivo. 5Il falso diventa ciò che è inutile da questo punto di vista. 6La situazione ora ha significato, ma solo perché l’obiettivo l’ha resa significativa.

5. L’obiettivo della verità ha ulteriori vantaggi pratici. 2Se la situazione è usata per la verità e la sanità mentale, il suo risultato deve essere la pace. 3E questo è del tutto indipendente da quale sia il risultato. 4Se la pace è la condizione della verità e della sanità mentale, e non può esistere senza di essi e dove c’è la pace ci devono essere anch’esse. 5La verità viene da sé. 6Se ti senti in pace, è perché la verità è venuta a te e vedrai il risultato in verità, perché l’inganno non può prevalere contro di te. 7Riconoscerai il risultato perché sei in pace. 8Anche qui vedi l’opposto del modo di vedere dell’ego, perché l’ego crede che la situazione porti l’esperienza. 9Lo Spirito Santo sa che la situazione è come l’obiettivo la determina, e se ne fa esperienza in accordo con l’obiettivo.

6. L’obiettivo della verità richiede fede. 2La fede è implicita nell’accettazione dello scopo dello Spirito Santo, e questa fede abbraccia ogni cosa. 3Dove viene stabilito l’obiettivo della verità, là ci deve essere la fede. 4Lo Spirito Santo vede la situazione nella sua interezza. 5L’obiettivo stabilisce il fatto che chiunque ne sarà coinvolto farà la propria parte nel suo compimento. 6Questo è inevitabile. 7Nessuno fallirà in niente. 8Questo sembra richiedere una fede al di là di te, e al di là di ciò che puoi dare. 9Tuttavia è così solo dal punto di vista dell’ego, perché l’ego crede nel “risolvere” i conflitti attraverso la frammentazione e non percepisce la situazione nella sua interezza. 10Quindi cerca di separare segmenti della situazione e di confrontarsi con essi separatamente, perché ha fede nella separazione e non nell’interezza.

7. Messo a confronto con qualsiasi aspetto della situazione che sembri essere difficile, l’ego cercherà di portare questo aspetto altrove e di risolverlo là. 2E sembrerà avere successo, salvo il fatto che questo tentativo è in conflitto con l’unità e deve oscurare l’obiettivo della verità. 3E non si proverà pace se non nella fantasia. 4La verità non è venuta perché la fede è stata negata, essendo stata portata via dal luogo al quale giustamente apparteneva. 5Così perdi la comprensione della situazione che l’obiettivo della verità avrebbe portato. 6Perché le soluzioni della fantasia non portano che l’illusione dell’esperienza, e l’illusione della pace non è la condizione in cui può entrare la verità.

VII. The Call for Faith
T-17.VII.1. The substitutes for aspects of the situation are the witnesses to your lack of faith. They demonstrate that you did not believe the situation and the problem were in the same place. The problem was the lack of faith, and it is this you demonstrate when you remove it from its source and place it elsewhere. As a result, you do not see the problem. Had you not lacked faith that it could be solved, the problem would be gone. And the situation would have been meaningful to you, because the interference in the way of understanding would have been removed. To remove the problem elsewhere is to keep it, for you remove yourself from it and make it unsolvable.

T-17.VII.2. There is no problem in any situation that faith will not solve. There is no shift in any aspect of the problem but will make solution impossible. For if you shift part of the problem elsewhere the meaning of the problem must be lost, and the solution to the problem is inherent in its meaning. Is it not possible that all your problems have been solved, but you have removed yourself from the solution? Yet faith must be where something has been done, and where you see it done.

T-17.VII.3. A situation is a relationship, being the joining of thoughts. If problems are perceived, it is because the thoughts are judged to be in conflict. But if the goal is truth, this is impossible. Some idea of bodies must have entered, for minds cannot attack. The thought of bodies is the sign of faithlessness, for bodies cannot solve anything. It is their intrusion on the relationship, an error in your thoughts about the situation, which then becomes the justification for your lack of faith. You will make this error, but be not at all concerned with that. The error does not matter. Faithlessness brought to faith will never interfere with truth. But faithlessness used against truth will always destroy faith. If you lack faith, ask that it be restored where it was lost, and seek not to have it made up to you elsewhere, as if you had been unjustly deprived of it.

T-17.VII.4. Only what you have not given can be lacking in any situation. But remember this; the goal of holiness was set for your relationship, and not by you. You did not set it because holiness cannot be seen except through faith, and your relationship was not holy because your faith in your brother was so limited and little. Your faith must grow to meet the goal that has been set. The goal’s reality will call this forth, for you will see that peace and faith will not come separately. What situation can you be in without faith, and remain faithful to your brother?

T-17.VII.5. Every situation in which you find yourself is but a means to meet the purpose set for your relationship. See it as something else and you are faithless. Use not your faithlessness. Let it enter and look upon it calmly, but do not use it. Faithlessness is the servant of illusion, and wholly faithful to its master. Use it, and it will carry you straight to illusions. Be tempted not by what it offers you. It interferes, not with the goal, but with the value of the goal to you. Accept not the illusion of peace it offers, but look upon its offering and recognize it is illusion.

T-17.VII.6. The goal of illusion is as closely tied to faithlessness as faith to truth. If you lack faith in anyone to fulfill, and perfectly, his part in any situation dedicated in advance to truth, your dedication is divided. And so you have been faithless to your brother, and used your faithlessness against him. No relationship is holy unless its holiness goes with it everywhere. As holiness and faith go hand in hand, so must its faith go everywhere with it. The goal’s reality will call forth and accomplish every miracle needed for its fulfillment. Nothing too small or too enormous, too weak or too compelling, but will be gently turned to its use and purpose. The universe will serve it gladly, as it serves the universe. But do not interfere.

T-17.VII.7. The power set in you in whom the Holy Spirit’s goal has been established is so far beyond your little conception of the infinite that you have no idea how great the strength that goes with you. And you can use this in perfect safety. Yet for all its might, so great it reaches past the stars and to the universe that lies beyond them, your little faithlessness can make it useless, if you would use the faithlessness instead.

T-17.VII.8. Yet think on this, and learn the cause of faithlessness: You think you hold against your brother what he has done to you. But what you really blame him for is what you did to him. It is not his past but yours you hold against him. And you lack faith in him because of what you were. Yet you are as innocent of what you were as he is. What never was is causeless, and is not there to interfere with truth. There is no cause for faithlessness, but there is Cause for faith. That Cause has entered any situation that shares Its purpose. The light of truth shines from the center of the situation, and touches everyone to whom the situation’s purpose calls. It calls to everyone. There is no situation that does not involve your whole relationship, in every aspect and complete in every part. You can leave nothing of yourself outside it and keep the situation holy. For it shares the purpose of your whole relationship, and derives its meaning from it.

T-17.VII.9. Enter each situation with the faith you give your brother, or you are faithless to your own relationship. Your faith will call the others to share your purpose, as the same purpose called forth the faith in you. And you will see the means you once employed to lead you to illusions transformed to means for truth. Truth calls for faith, and faith makes room for truth. When the Holy Spirit changed the purpose of your relationship by exchanging yours for His, the goal He placed there was extended to every situation in which you enter, or will ever enter. And every situation was thus made free of the past, which would have made it purposeless.

T-17.VII.10. You call for faith because of Him Who walks with you in every situation. You are no longer wholly insane, and no longer alone. For loneliness in God must be a dream. You whose relationship shares the Holy Spirit’s goal are set apart from loneliness because the truth has come. Its call for faith is strong. Use not your faithlessness against it, for it calls you to salvation and to peace.

VII. Il richiamo alla fede
1. Le cose con cui sostituisci certi aspetti della situazione sono testimoni della tua mancanza di fede. 2Essi dimostrano che non credevi che la situazione e il problema fossero nello stesso posto. 3Il problema era la tua mancanza di fede, ed è questo che dimostri quando lo sposti dalla sua fonte per metterlo altrove. 4Come risultato non vedi il problema. 5Se non ti fosse mancata la fede che potesse essere risolto, il problema sarebbe svanito. 6E la situazione sarebbe stata significativa per te perché l’interferenza sulla strada della comprensione sarebbe stata eliminata. 7Spostare il problema altrove è mantenerlo, perché ti escludi da esso e lo rendi irrisolvibile.

2. Non c’è alcun problema in qualsiasi situazione che la fede non possa risolvere. 2Non c’è alcun cambiamento in qualsiasi aspetto del problema che non renda la soluzione impossibile. 3Perché se sposti parte del problema altrove il significato del problema si perde, e la soluzione del problema è inerente al suo significato. 4Non è forse possibile che tutti i tuoi problemi siano gia stati risolti, ma che tu abbia escluso te stesso dalla soluzione? 5Tuttavia la fede deve essere dove è stato fatto qualcosa e dove lo vedi fatto.

3. Una situazione è una relazione, essendo un’unione di pensieri. 2Se si percepiscono dei problemi è perché i pensieri vengono giudicati in conflitto tra loro. 3Ma se l’obiettivo è la verità, questo è impossibile. 4Deve essersi intromessa qualche idea relativa ai corpi, perché le menti non possono attaccare. 5Pensare ai corpi è il segno della mancanza di fede, perché i corpi non possono risolvere alcunché. 6È la loro intrusione nella relazione, un errore nei tuoi pensieri riguardo la situazione, che diventa quindi la giustificazione per la tua mancanza di fede. 7Farai questo errore, ma non preoccupartene per niente. 8L’errore non ha importanza. 9La mancanza di fede portata alla presenza della fede non interferirà mai con la verità. 10Ma la mancanza di fede usata contro la verità distruggerà sempre la fede. 11Se ti manca la fede, chiedi che sia ripristinata lì dove è stata perduta, e non cercare che ti sia ridata altrove, come se ne fossi stato ingiustamente privato.

4. In qualsiasi situazione può mancare solo ciò che tu non hai dato. 2Ma ricorda questo: per la tua relazione è stato stabilito l’obiettivo della santità, e non da te. 3Non lo hai stabilito tu perché la santità non può essere vista se non attraverso la fede, e la tua relazione non era santa perché la tua fede in tuo fratello era molto piccola e limitata. 4La tua fede deve crescere per raggiungere l’obiettivo che è stato stabilito. 5Questo sarà suscitato dalla realtà dell’obiettivo, perché vedrai che pace e fede non verranno separatamente. 6In quale situazione puoi trovarti senza fede e rimanere fedele a tuo fratello?

5. Ogni situazione in cui ti trovi non è che un mezzo per raggiungere lo scopo stabilito per la tua relazione. 2Vedila in un altro modo e sarai privo di fede. 3Non usare la tua mancanza di fede. 4Lasciala entrare e osservala con calma, ma non usarla. 5La mancanza di fede è serva dell’illusione, e completamente fedele al suo padrone. 6Usala e ti porterà diritto nelle illusioni. 7Non lasciarti tentare da ciò che ti offre. 8Non interferisce con l’obiettivo, ma con il valore che l’obiettivo ha per te. 9Non accettare l’illusione di pace che ti offre, ma osserva la sua offerta e riconosci che è un’illusione.

6. L’obiettivo dell’illusione è così strettamente legato alla mancanza di fede, come la fede alla verità. 2Se ti manca la fede che qualcuno adempia, e perfettamente, alla propria parte in qualsiasi situazione dedicata in anticipo alla verità, la tua dedizione è divisa. 3E così sei stato infedele verso tuo fratello e hai usato la tua mancanza di fede contro di lui. 4Nessuna relazione è santa a meno che la sua santità non vada con essa ovunque. 5Come la santità e la fede vanno mano nella mano, così la sua fede deve andare ovunque con essa. 6La realtà dell’obiettivo susciterà e compirà ogni miracolo necessario per la sua realizzazione. 7Ogni cosa, sia essa troppo piccola o troppo grande, troppo debole o troppo forte, sarà dolcemente messa al suo servizio per il suo scopo. 8L’universo la servirà felicemente, così come essa serve l’universo. 9Ma non interferire.

7. Il potere riposto in te, nel quale l’obiettivo dello Spirito Santo è stato stabilito, trascende talmente la tua piccola concezione dell’infinito che tu non hai idea di quant’è grande la forza che ti accompagna. 2E tu puoi usarla in perfetta sicurezza. 3Tuttavia, per quanto possa essere grande la sua potenza, così grande che va oltre le stelle e l’universo che c’è al di la di esse, la tua piccola mancanza di fede la può rendere inutile, se decidi di usare la mancanza di fede al suo posto.

8. Ma pensa a questo e impara la causa della tua mancanza di fede: tu pensi che ciò che hai contro tuo fratello è ciò che ti ha fatto. 2Ma ciò per cui in realtà lo incolpi è ciò che tu hai fatto a lui. 3Non è il suo passato ma il tuo che serbi contro di lui. 4E ti manca la fede in lui per ciò che tu eri. 5Ma tu sei altrettanto innocente per ciò che eri di quanto lo è lui. 6Ciò che non è mai stato è senza causa, e non può interferire con la verità. 7Non c’è causa per la mancanza di fede, ma c’è una Causa per avere fede. 8Questa Causa è entrata in ogni situazione che condivide il Suo scopo. 9La luce della verità splende dal centro della situazione, e tocca chiunque sia chiamato dallo scopo della situazione. 10Essa chiama tutti. 11Non c’è situazione che non coinvolga la tua intera relazione, in ogni aspetto e completa in ogni parte. 12Non puoi lasciare niente di te stesso fuori da essa e mantenere santa la situazione. 13Perché condivide lo scopo della tua intera relazione e deriva da essa il suo significato.

9. Entra in ciascuna situazione con la fede che dai a tuo fratello, o non avrai fede nella tua stessa relazione. 2La tua fede richiamerà gli altri a condividere il tuo scopo, così come lo scopo stesso ha suscitato la fede in te. 3E vedrai i mezzi che un tempo hai usato per condurti alle illusioni trasformati in mezzi in favore della verità. 4La verità chiama alla fede, e la fede fa posto alla verità. 5Quando lo Spirito Santo ha cambiato lo scopo della tua relazione scambiando i tuoi obiettivi coi Suoi, l’obiettivo che vi ha posto è stato esteso a ogni situazione in cui entri o entrerai mai. 6E in questo modo ogni situazione è stata liberata dal passato, che l’avrebbe resa priva di scopo.

10. Invochi la fede grazie a Colui Che ti accompagna in ogni situazione. 2Non sei più interamente folle, e non sei più solo. 3Perché la solitudine in Dio deve essere un sogno. 4Tu, la cui relazione condivide l’obiettivo dello Spirito Santo, sei stato separato dalla solitudine perché è giunta la verità. 5Il Suo richiamo alla fede è forte. 6Non usare la tua mancanza di fede contro di essa, perché essa ti chiama alla salvezza e alla pace.

VIII. The Conditions of Peace
T-17.VIII.1. The holy instant is nothing more than a special case, or an extreme example, of what every situation is meant to be. The meaning that the Holy Spirit’s purpose has given it is also given to every situation. It calls forth just the same suspension of faithlessness, withheld and left unused, that faith might answer to the call of truth. The holy instant is the shining example, the clear and unequivocal demonstration of the meaning of every relationship and every situation, seen as a whole. Faith has accepted every aspect of the situation, and faithlessness has not forced any exclusion on it. It is a situation of perfect peace, simply because you have let it be what it is.

T-17.VIII.2. This simple courtesy is all the Holy Spirit asks of you. Let truth be what it is. Do not intrude upon it, do not attack it, do not interrupt its coming. Let it encompass every situation and bring you peace. Not even faith is asked of you, for truth asks nothing. Let it enter, and it will call forth and secure for you the faith you need for peace. But rise you not against it, for against your opposition it cannot come.

T-17.VIII.3. Would you not want to make a holy instant of every situation? For such is the gift of faith, freely given wherever faithlessness is laid aside, unused. And then the power of the Holy Spirit’s purpose is free to use instead. This power instantly transforms all situations into one sure and continuous means for establishing His purpose, and demonstrating its reality. What has been demonstrated has called for faith, and has been given it. Now it becomes a fact, from which faith can no longer be withheld. The strain of refusing faith to truth is enormous, and far greater than you realize. But to answer truth with faith entails no strain at all.

T-17.VIII.4. To you who have acknowledged the Call of your Redeemer, the strain of not responding to His Call seems to be greater than before. This is not so. Before, the strain was there, but you attributed it to something else, believing that the “something else” produced it. This was never true. For what the “something else” produced was sorrow and depression, sickness and pain, darkness and dim imaginings of terror, cold fantasies of fear and fiery dreams of hell. And it was nothing but the intolerable strain of refusing to give faith to truth, and see its evident reality.

T-17.VIII.5. Such was the crucifixion of the Son of God. His faithlessness did this to him. Think carefully before you let yourself use faithlessness against him. For he is risen, and you have accepted the Cause of his awakening as yours. You have assumed your part in his redemption, and you are now fully responsible to him. Fail him not now, for it has been given you to realize what your lack of faith in him must mean to you. His salvation is your only purpose. See only this in every situation, and it will be a means for bringing only this.

T-17.VIII.6. When you accepted truth as the goal for your relationship, you became a giver of peace as surely as your Father gave peace to you. For the goal of peace cannot be accepted apart from its conditions, and you had faith in it for no one accepts what he does not believe is real. Your purpose has not changed, and will not change, for you accepted what can never change. And nothing that it needs to be forever changeless can you now withhold from it. Your release is certain. Give as you have received. And demonstrate that you have risen far beyond any situation that could hold you back, and keep you separate from Him Whose Call you answered.

VIII. Le condizioni della pace
1. L’istante santo non è nulla più di un caso particolare, o di un esempio estremo, dello scopo di ogni situazione. 2Il significato che lo scopo dello Spirito Santo gli ha dato, l’ha dato anche ad ogni situazione. 3Esso suscita la stessa sospensione della mancanza di fede, non data e inutilizzata, così che la fede possa rispondere al richiamo della verità. 4L’istante santo è l’esempio lampante, la chiara e inequivocabile dimostrazione del significato di ogni relazione e di ogni situazione, viste nella loro interezza. 5La fede ha accettato ogni aspetto della situazione, e la mancanza di fede non ha imposto su di essa alcuna esclusione. 6È una situazione di pace perfetta, semplicemente perché le hai permesso di essere ciò che è.

2. Questa semplice cortesia è tutto ciò che lo Spirito Santo ti chiede. 2Lascia che la verità sia ciò che è. 3Non interferire con essa, non attaccarla, non interrompere la sua venuta. 4Lascia che avvolga ogni situazione e che ti porti la pace. 5Non ti viene richiesta nemmeno la fede, perché la verità non chiede nulla. 6Lasciala entrare ed essa susciterà e ti assicurerà la fede di cui hai bisogno per la pace. 7Ma non insorgere contro di essa, perché non può andare contro la tua opposizione.

3. Non vorresti forse fare di ogni situazione un istante santo? 2Perché questo è il dono della fede, dato liberamente ogniqualvolta la mancanza di fede è messa da parte, inutilizzata. 3E allora al suo posto puoi usare liberamente il potere dello scopo dello Spirito Santo. 4Questo potere trasforma istantaneamente tutte le situazioni in mezzi sicuri e continui per raggiungere il Suo scopo, e dimostrare la sua realtà. 5Ciò che è stato dimostrato ha richiesto fede, e questa è stata concessa. 6Adesso diventa un fatto, al quale la fede non può più essere negata. 7Lo sforzo di rifiutare la fede alla verità è enorme, e molto più grande di quanto tu non ti renda conto. 8Ma rispondere alla verità con fede non implica alcuno sforzo.

4. Per te che hai riconosciuto il Richiamo del tuo Redentore, lo sforzo di non rispondere al Suo Richiamo sembra più grande di prima. 2Non è così. 3Prima c’era lo sforzo, ma lo attribuivi a qualcos’altro, credendo che “qualcos’altro” lo producesse. 4Questo non è mai stato vero. 5Perché ciò che “qualcos’altro” produceva era tristezza e depressione, malattia e dolore, oscurità e vaghe fantasie di terrore, fredde fantasticherie di paura e sogni del fuoco dell’inferno. 6E non era altro che l’intollerabile sforzo di rifiutare di dare fede alla verità e di vederne l’evidente realtà.

5. Tale è stata la crocifissione del Figlio di Dio. 2La sua mancanza di fede gli ha fatto ciò. 3Pensaci attentamente prima di permetterti di usare la mancanza di fede contro di lui. 4Perché egli è risorto, e tu hai accettato come tua la Causa del suo risveglio. 5Ti sei assunto la tua parte nella sua redenzione, e adesso sei pienamente responsabile nei suoi confronti. 6Non tradirlo ora, perché ti è stato dato per renderti conto di ciò che la tua mancanza di fede in lui deve significare per te. 7La sua salvezza è il tuo unico scopo. 8Vedi solo questo in ogni situazione, e sarà un mezzo per portare solo questo.

6. Quando hai accettato la verità come obiettivo della tua relazione, sei diventato un datore di pace come è certo che tuo Padre ti ha dato la pace. 2Perché l’obiettivo della pace non può essere accettato separato dalle sue condizioni, e tu hai avuto fede in esso, perché nessuno accetta ciò che non crede essere reale. 3Il tuo scopo non è cambiato, e non cambierà, perché hai accettato ciò che non può mai cambiare. 4E non gli puoi negare nulla di ciò che gli è necessario per essere per sempre immutabile. 5La tua liberazione è certa. 6Da’ come hai ricevuto. 7E dimostra che ti sei elevato molto al di sopra di ogni situazione che potrebbe trattenerti e mantenerti separato da Colui al Cui Richiamo hai risposto.

Chapter 18. The passing of the dream - Capitolo 18. Il superamento del sogno

I. The Substitute Reality
T-18.I.1. To substitute is to accept instead. If you would but consider exactly what this entails, you would perceive at once how much at variance this is with the goal the Holy Spirit has given you, and would accomplish for you. To substitute is to choose between, renouncing one aspect of the Sonship in favor of the other. For this special purpose, one is judged more valuable and the other is replaced by him. The relationship in which the substitution occurred is thus fragmented, and its purpose split accordingly. To fragment is to exclude, and substitution is the strongest defense the ego has for separation.

T-18.I.2. The Holy Spirit never uses substitutes. Where the ego perceives one person as a replacement for another, the Holy Spirit sees them joined and indivisible. He does not judge between them, knowing they are one. Being united, they are one because they are the same. Substitution is clearly a process in which they are perceived as different. One would unite; the other separate. Nothing can come between what God has joined and what the Holy Spirit sees as one. But everything seems to come between the fragmented relationships the ego sponsors to destroy.

T-18.I.3. The one emotion in which substitution is impossible is love. Fear involves substitution by definition, for it is love’s replacement. Fear is both a fragmented and fragmenting emotion. It seems to take many forms, and each one seems to require a different form of acting out for satisfaction. While this appears to introduce quite variable behavior, a far more serious effect lies in the fragmented perception from which the behavior stems. No one is seen complete. The body is emphasized, with special emphasis on certain parts, and used as the standard for comparison of acceptance or rejection for acting out a special form of fear.

T-18.I.4. You who believe that God is fear made but one substitution. It has taken many forms, because it was the substitution of illusion for truth; of fragmentation for wholeness. It has become so splintered and subdivided and divided again, over and over, that it is now almost impossible to perceive it once was one, and still is what it was. That one error, which brought truth to illusion, infinity to time, and life to death, was all you ever made. Your whole world rests upon it. Everything you see reflects it, and every special relationship that you have ever made is part of it.

T-18.I.5. You may be surprised to hear how very different is reality from what you see. You do not realize the magnitude of that one error. It was so vast and so completely incredible that from it a world of total unreality had to emerge. What else could come of it? Its fragmented aspects are fearful enough, as you begin to look at them. But nothing you have seen begins to show you the enormity of the original error, which seemed to cast you out of Heaven, to shatter knowledge into meaningless bits of disunited perceptions, and to force you to make further substitutions.

T-18.I.6. That was the first projection of error outward. The world arose to hide it, and became the screen on which it was projected and drawn between you and the truth. For truth extends inward, where the idea of loss is meaningless and only increase is conceivable. Do you really think it strange that a world in which everything is backwards and upside down arose from this projection of error? It was inevitable. For truth brought to this could only remain within in quiet, and take no part in all the mad projection by which this world was made. Call it not sin but madness, for such it was and so it still remains. Invest it not with guilt, for guilt implies it was accomplished in reality. And above all, be not afraid of it.

T-18.I.7. When you seem to see some twisted form of the original error rising to frighten you, say only, “God is not fear, but Love,”and it will disappear. The truth will save you. It has not left you, to go out into the mad world and so depart from you. Inward is sanity; insanity is outside you. You but believe it is the other way; that truth is outside, and error and guilt within. Your little, senseless substitutions, touched with insanity and swirling lightly off on a mad course like feathers dancing insanely in the wind, have no substance. They fuse and merge and separate, in shifting and totally meaningless patterns that need not be judged at all. To judge Theo individually is pointless. Their tiny differences in form are no real differences at all. None of them matters. That they have in common and nothing else. Yet what else is necessary to make them all the same?

T-18.I.8. Let them all go, dancing in the wind, dipping and turning till they disappear from sight, far, far outside of you. And turn you to the stately calm within, where in holy stillness dwells the living God you never left, and Who never left you. The Holy Spirit takes you gently by the hand, and retraces with you your mad journey outside yourself, leading you gently back to the truth and safety within. He brings all your insane projections and the wild substitutions that you have placed outside you to the truth. Thus He reverses the course of insanity and restores you to reason.

T-18.I.9. In your relationship with your brother, where He has taken charge of everything at your request, He has set the course inward to the truth you share. In the mad world outside you nothing can be shared but only substituted, and sharing and substituting have nothing in common in reality. Within yourself you love your brother with a perfect love. Here is holy ground, in which no substitution can enter, and where only the truth in your brother can abide. Here you are joined in God, as much together as you are with Him. The original error has not entered here, nor ever will. Here is the radiant truth, to which the Holy Spirit has committed your relationship. Let Him bring it here, where you would have it be. Give Him but a little faith in your brother, to help Him show you that no substitute you made for Heaven can keep you from it.

T-18.I.10. In you there is no separation, and no substitute can keep you from your brother. Your reality was God’s creation, and has no substitute. You are so firmly joined in truth that only God is there. And He would never accept something else instead of you. He loves you both, equally and as one. And as He loves you, so you are. You are not joined together in illusions, but in the Thought so holy and so perfect that illusions cannot remain to darken the holy place in which you stand together. God is with you, my brother. Let us join in Him in peace and gratitude, and accept His gift as our most holy and perfect reality, which we share in Him.

T-18.I.11. Heaven is restored to all the Sonship through your relationship, for in it lies the Sonship, whole and beautiful, safe in your love. Heaven has entered quietly, for all illusions have been gently brought unto the truth in you, and love has shined upon you, blessing your relationship with truth. God and His whole creation have entered it together. How lovely and how holy is your relationship, with the truth shining upon it! Heaven beholds it, and rejoices that you have let it come to you. And God Himself is glad that your relationship is as it was created. The universe within you stands with you, together with your brother. And Heaven looks with love on what is joined in it, along with its Creator.

T-18.I.12. Whom God has called should hear no substitutes. Their call is but an echo of the original error that shattered Heaven. And what became of peace in those who heard? Return with me to Heaven, walking together with your brother out of this world and through another, to the loveliness and joy the other holds within it. Would you still further weaken and break apart what is already broken and hopeless? Is it here that you would look for happiness? Or would you not prefer to heal what has been broken, and join in making whole what has been ravaged by separation and disease?

T-18.I.13. You have been called, together with your brother, to the most holy function this world contains. It is the only one that has no limits, and reaches out to every broken fragment of the Sonship with healing and uniting comfort. This is offered you, in your holy relationship. Accept it here, and you will give as you have accepted. The peace of God is given you with the glowing purpose in which you join with your brother. The holy light that brought you and him together must extend, as you accepted it.

I. Il sostituto della realtà
1. Sostituire è accettare al posto di qualcos’altro. 2Se tu soltanto considerassi esattamente cosa questo implichi, percepiresti immediatamente quanto questo sia in disaccordo con l’obiettivo che lo Spirito Santo ti ha dato, e che vorrebbe realizzare per te. 3Sostituire è scegliere tra due cose, rinunciando ad un aspetto della Figliolanza in favore dell’altro. 4Per questo scopo speciale, uno viene giudicato di maggiore valore e sostituisce l’altro. 5Così la relazione in cui è avvenuta la sostituzione è frammentata ed il suo scopo, di conseguenza, è scisso. 6Frammentare è escludere e la sostituzione è la più grossa difesa che l’ego ha per la separazione.

2. Lo Spirito Santo non usa mai sostituti. 2Dove l’ego percepisce una persona in sostituzione di un’altra, lo Spirito Santo le vede unite ed indivisibili. 3Non giudica tra di loro, poiché sa che sono una cosa sola. 4Essendo unite, sono una cosa sola, perché sono la stessa cosa. 5La sostituzione è chiaramente un processo in cui esse sono percepite diverse. 6Uno vuol unire, l’altro separare. 7Nulla può interporsi tra ciò che Dio ha unito e ciò che lo Spirito Santo vede come una cosa sola. 8Ma tutto sembra frapporsi tra le relazioni frammentate che l’ego promuove per distruggere.

3. L’amore è l’unica emozione nella quale la sostituzione è impossibile. 2La paura implica per definizione la sostituzione, poiché è il sostituto dell’amore. 3La paura è un’emozione sia frammentata che frammentante. 4Sembra assumere molte forme e ciascuna sembra richiedere una forma d’espressione diversa per la propria soddisfazione. 5Mentre questo sembra presentare un comportamento alquanto variabile, un effetto ben più serio si trova nella percezione frammentata da cui ha origine il comportamento. 6Nessuno viene visto completo. 7Viene data enfasi al corpo, con particolare attenzione a certe parti, ed esso viene usato come pietra di paragone di accettazione o rifiuto per esprimere una particolare forma di paura.

4. Tu, che credi che Dio sia paura, non hai fatto che una sostituzione. 2Essa ha assunto molte forme, poiché si è trattato della sostituzione della verità con l’illusione, dell’interezza con la frammentazione. 3È diventata così frantumata e suddivisa, e ridivisa nuovamente ed in continuazione, che adesso è quasi impossibile percepire che una volta era una, e che è tuttora ciò che era. 4Quell’unico errore, che ha portato la verità all’illusione, l’infinità al tempo e la vita alla morte, è stato tutto ciò che tu abbia mai fatto. 5Tutto il tuo mondo poggia su di esso. 6Ogni cosa che vedi lo riflette, ed ogni relazione speciale che tu abbia mai fatto è parte di esso.

5. Potrai forse essere sorpreso nello scoprire come sia ben diversa la realtà da quello che vedi. 2Non ti rendi conto dell’enormità di quel solo errore. 3È stato così vasto e così assolutamente incredibile che da esso ha dovuto emergere un mondo di totale irrealtà. 4Cos’altro poteva derivarne? 5I suoi aspetti frammentati fanno abbastanza paura quando incominci a guardarli. 6Ma niente di ciò che hai visto inizia a mostrarti l’enormità dell’errore originale, che è sembrato cacciarti dal Cielo, frantumare la conoscenza in pezzettini insignificanti di percezioni disunite, e forzarti a fare ulteriori sostituzioni.

6. Quella è stata la prima proiezione dell’errore all’esterno. 2Il mondo è emerso per nasconderlo, ed è diventato lo schermo sul quale esso è stato proiettato e interposto tra te e la verità. 3Poiché la verità si estende verso l’interno, dove l’idea della perdita è senza significato ed è concepibile solo l’incremento. 4Pensi davvero che sia strano che da questa proiezione dell’errore potesse emergere un mondo nel quale tutto è rovesciato e capovolto? 5Era inevitabile. 6Giacché la verità portata a ciò poteva solo rimanere tranquillamente all’interno, e non prendere parte alcuna a tutte le folli proiezioni per mezzo delle quali è stato fatto questo mondo. 7Non chiamarlo peccato, ma pazzia, poiché tale è stata e tale continua a rimanere. 8Non investirlo di colpa, poiché la colpa implica che è stato compiuto in realtà. 9E, soprattutto, non averne paura.

7. Quando ti sembra di vedere una qualche forma distorta dell’errore originale emergere per terrorizzarti, dì semplicemente: “Dio non è paura, ma Amore”, ed essa scomparirà. 2La verità ti salverà. 3Essa non ti ha lasciato, per andare nel mondo pazzo e così separarsi da te. 4La sanità mentale è dentro di te: la follia è all’esterno. 5Ma tu credi che sia al contrario: che la verità sia all’esterno e l’errore e la colpa all’interno. 6Le tue piccole, insensate sostituzioni, toccate dalla follia, che turbinano con leggerezza lungo una rotta pazza come piume che danzano follemente nel vento, non hanno sostanza. 7Esse si fondono, si uniscono e si separano, in schemi mutanti e completamente senza senso, che non hanno affatto bisogno di essere giudicati. 8Giudicarle individualmente non ha senso. 9Le loro minuscole differenze di forma non sono affatto differenze reali. 10Nessuna di esse ha importanza. 11Questo è ciò che hanno in comune e niente altro. 12Tuttavia cos’altro è necessario per renderle tutte uguali?

8. Lasciale andare tutte, lasciale danzare nel vento, tuffarsi e volteggiare finché non scompaiono alla vista, lontano, molto al di fuori da te. 2E volgiti alla nobile calma interiore, dove nel silenzio santo dimora il Dio vivente che non hai mai lasciato, e Che non ti ha mai lasciato. 3Lo Spirito Santo ti prende dolcemente per mano e ripercorre con te il tuo folle viaggio al di fuori di te stesso, riconducendoti dolcemente alla verità ed alla sicurezza interiori. 4Egli porta alla verità tutte le tue folli proiezioni e le sostituzioni selvagge che hai posto fuori di te. 5Così Egli inverte il corso della follia e ripristina in te la ragione.

9. Nella tua relazione con tuo fratello, dove a tua richiesta Egli si è preso carico di tutto, Egli ha stabilito il viaggio interiore verso la verità che condividete. 2Nel pazzo mondo che è esterno a te, niente può essere condiviso ma solo sostituito, e in realtà la condivisione e la sostituzione non hanno nulla in comune. 3Dentro di te ami tuo fratello di un amore perfetto. 4Ecco la terra santa nella quale non può entrare alcuna sostituzione e dove può dimorare solo la verità di tuo fratello. 5Qui siete uniti in Dio, tanto uniti tra di voi quanto lo siete con Lui. 6L’errore originale qui non è entrato, né vi entrerà mai. 7Qui si trova la verità radiosa, alla quale lo Spirito Santo ha affidato la vostra relazione. 8Lascia che Lui la porti qui, dove tu vuoi che sia. 9DaGli solo un po’ di fede in tuo fratello, per aiutarLo a mostrarti che nessun sostituto del Cielo che tu abbia fatto, può tenerti lontano da esso.

10. In te non c’è separazione, e nessun sostituto può separarti da tuo fratello. 2La vostra realtà era la creazione di Dio e non ha sostituti. 3Siete uniti così saldamente nella verità che lì c’è soltanto Dio. 4Ed Egli non accetterà mai qualcos’altro al vostro posto. 5Egli vi ama entrambi, ugualmente come una cosa sola. 6E siete così come Egli vi ama. 7Non siete uniti nell’illusione, ma nel Pensiero così santo e così perfetto che le illusioni non possono rimanere ad oscurare il luogo santo nel quale vi trovate insieme. 8Dio è con te, fratello mio. 9Uniamoci in Lui nella pace e nella gratitudine, ed accettiamo il Suo dono come la nostra realtà più perfetta e santa, che condividiamo in Lui.

11. Tramite la vostra relazione a tutta la Figliolanza viene ripristinato il Cielo, poiché in essa risiede la Figliolanza, intera e bellissima, al sicuro nel vostro amore. 2Il Cielo è entrato quietamente, poiché tutte le illusioni sono state dolcemente portate alla verità in te e l’amore ha irradiato il suo splendore su di voi, benedicendo la vostra relazione con la verità. 3Dio e la Sua intera creazione vi sono entrati insieme. 4Quanto è amorevole e santa la vostra relazione, con la verità che risplende su di essa! 5Il Cielo la guarda e gioisce del fatto che le avete permesso di giungere a voi. 6E Dio stesso è lieto del fatto che la vostra relazione è come è stata creata. 7Il vostro universo interiore è con te, insieme a tuo fratello. 8E il Cielo guarda con amore ciò che è unito in esso, insieme al suo Creatore.

12. Chi è stato chiamato da Dio non deve ascoltare sostituti. 2Il loro richiamo non è che un’eco dell’errore originale che ha frammentato il Cielo. 3E cosa ne è stato della pace in coloro che hanno ascoltato? 4Ritorna con me in Cielo, uscendo con tuo fratello da questo mondo e, attraverso un altro, all’amorevolezza ed alla gioia che l’altro contiene in sé. 5Vuoi forse indebolire e frammentare ulteriormente ciò che è già frammentato e senza speranza? 6È forse qui che vuoi cercare la felicità? 7O non preferisci forse guarire ciò che è stato frammentato, ed unirti nel rendere intero ciò che è stato devastato dalla separazione e dalla malattia?

13. Sei stato chiamato, assieme a tuo fratello, alla funzione più santa che questo mondo contenga. 2È la sola che non abbia limiti e che si protenda verso ogni frammento spezzato della Figliolanza con il conforto che guarisce ed unisce. 3Questo ti viene offerto nella vostra relazione santa. 4Accettalo qui, e darai come avrai accettato. 5La pace di Dio ti è data con lo scopo splendente nel quale ti unisci a tuo fratello. 6La luce santa che vi ha portato insieme deve estendersi così come l’avete accettata.

II. The Basis of the Dream
T-18.II.1. Does not a world that seems quite real arise in dreams? Yet think what this world is. It is clearly not the world you saw before you slept. Rather it is a distortion of the world, planned solely around what you would have preferred. Here, you are “free” to make over whatever seemed to attack you, and change it into a tribute to your ego, which was outraged by the “attack.” This would not be your wish unless you saw yourself as one with the ego, which always looks upon itself, and therefore on you, as under attack and highly vulnerable to it.

T-18.II.2. Dreams are chaotic because they are governed by your conflicting wishes, and therefore they have no concern with what is true. They are the best example you could have of how perception can be utilized to substitute illusions for truth. You do not take them seriously on awaking because the fact that reality is so outrageously violated in them becomes apparent. Yet they are a way of looking at the world, and changing it to suit the ego better. They provide striking examples, both of the ego’s inability to tolerate reality, and of your willingness to change reality on its behalf.

T-18.II.3. You do not find the differences between what you see in sleep and on awaking disturbing. You recognize that what you see on waking is blotted out in dreams. Yet on awakening, you do not expect it to be gone. In dreams you arrange everything. People become what you would have them be, and what they do you order. No limits on substitution are laid upon you. For a time it seems as if the world were given you, to make it what you wish. You do not realize you are attacking it, trying to triumph over it and make it serve you.

T-18.II.4. Dreams are perceptual temper tantrums, in which you literally scream, “I want it thus!” And thus it seems to be. And yet the dream cannot escape its origin. Anger and fear pervade it, and in an instant the illusion of satisfaction is invaded by the illusion of terror. For the dream of your ability to control reality by substituting a world that you prefer is terrifying. Your attempts to blot out reality are very fearful, but this you are not willing to accept. And so you substitute the fantasy that reality is fearful, not what you would do to it. And thus is guilt made real.

T-18.II.5. Dreams show you that you have the power to make a world as you would have it be, and that because you want it you see it. And while you see it you do not doubt that it is real. Yet here is a world, clearly within your mind, that seems to be outside. You do not respond to it as though you made it, nor do you realize that the emotions the dream produces must come from you. It is the figures in the dream and what they do that seem to make the dream. You do not realize that you are making them act out for you, for if you did the guilt would not be theirs, and the illusion of satisfaction would be gone. In dreams these features are not obscure. You seem to waken, and the dream is gone. Yet what you fail to recognize is that what caused the dream has not gone with it. Your wish to make another world that is not real remains with you. And what you seem to waken to is but another form of this same world you see in dreams. All your time is spent in dreaming. Your sleeping and your waking dreams have different forms, and that is all. Their content is the same. They are your protest against reality, and your fixed and insane idea that you can change it. In your waking dreams, the special relationship has a special place. It is the means by which you try to make your sleeping dreams come true. From this, you do not waken. The special relationship is your determination to keep your hold on unreality, and to prevent yourself from waking. And while you see more value in sleeping than in waking, you will not let go of it.

T-18.II.6. The Holy Spirit, ever practical in His wisdom, accepts your dreams and uses them as means for waking. You would have used them to remain asleep. I said before that the first change, before dreams disappear, is that your dreams of fear are changed to happy dreams. That is what the Holy Spirit does in the special relationship. He does not destroy it, nor snatch it away from you. But He does use it differently, as a help to make His purpose real to you. The special relationship will remain, not as a source of pain and guilt, but as a source of joy and freedom. It will not be for you alone, for therein lay its misery. As its unholiness kept it a thing apart, its holiness will become an offering to everyone.

T-18.II.7. Your special relationship will be a means for undoing guilt in everyone blessed through your holy relationship. It will be a happy dream, and one which you will share with all who come within your sight. Through it, the blessing the Holy Spirit has laid upon it will be extended. Think not that He has forgotten anyone in the purpose He has given you. And think not that He has forgotten you to whom He gave the gift. He uses everyone who calls on Him as means for the salvation of everyone. And He will waken everyone through you who offered your relationship to Him. If you but recognized His gratitude! Or mine through His! For we are joined as in one purpose, being of one mind with Him.

T-18.II.8. Let not the dream take hold to close your eyes. It is not strange that dreams can make a world that is unreal. It is the wish to make it that is incredible. Your relationship with your brother has now become one in which the wish has been removed, because its purpose has been changed from one of dreams to one of truth. You are not sure of this because you think it may be this that is the dream. You are so used to choosing among dreams you do not see that you have made, at last, the choice between the truth and all illusions.

T-18.II.9. Yet Heaven is sure. This is no dream. Its coming means that you have chosen truth, and it has come because you have been willing to let your special relationship meet its conditions. In your relationship the Holy Spirit has gently laid the real world; the world of happy dreams, from which awaking is so easy and so natural. For as your sleeping and your waking dreams represent the same wishes in your mind, so do the real world and the truth of Heaven join in the Will of God. The dream of waking is easily transferred to its reality. For this dream reflects your will joined with the Will of God. And what this Will would have accomplished has never not been done.

II. La base del sogno
1. Nei sogni non appare forse un mondo che sembra piuttosto reale? 2Tuttavia, pensa a cos’è questo mondo. 3Chiaramente non è il mondo che vedevi prima di dormire. 4È piuttosto una distorsione del mondo, pianificata unicamente attorno a ciò che avresti preferito. 5Qui tu sei “libero” di trasferire qualsiasi cosa sembrava attaccarti e cambiarla in un tributo al tuo ego che era oltraggiato dall’“attacco”. 6Questo non sarebbe tuo desiderio a meno che non ti vedessi tutt’uno con l’ego, che considera sempre se stesso, e quindi te, sottoposto ad attacco e altamente vulnerabile ad esso.

2. I sogni sono caotici, poiché sono governati dai tuoi desideri conflittuali e perciò non hanno alcun interesse in ciò che è vero. 2Essi sono il miglior esempio che tu possa avere di come la percezione possa essere utilizzata per sostituire la verità con le illusioni. 3Non li prendi sul serio al risveglio, perché diventa evidente il fatto che in essi la realtà sia violata in modo così assurdo. 4Ma essi sono un modo di guardare il mondo e di cambiarlo per compiacere meglio l’ego. 5Essi forniscono esempi lampanti sia dell’incapacità dell’ego di tollerare la realtà, sia della tua disponibilità a cambiare la realtà a suo vantaggio.

3. Tu non sei disturbato dalle differenze tra ciò che vedi nel sonno e ciò che vedi al risveglio. 2Riconosci che ciò che vedi risvegliandoti è cancellato nei sogni. 3Tuttavia, risvegliandoti, non ti aspetti che sia svanito. 4Nei sogni tu disponi ogni cosa. 5Le persone diventano ciò che tu vuoi che siano e fanno ciò che ordini loro di fare. 6Non ti viene posto alcun limite alla sostituzione. 7Per un certo tempo sembra che il mondo ti sia stato dato per farne ciò che desideri. 8Non ti rendi conto che lo attacchi cercando di trionfare su di esso e di far sì che ti serva.

4. I sogni sono scoppi di collera della percezione in cui letteralmente urli: “Voglio che sia così!” 2E così sembra essere. 3E tuttavia il sogno non può sfuggire alla sua origine. 4Rabbia e paura lo pervadono e in un istante l’illusione della soddisfazione viene invasa dall’illusione del terrore. 5Perché il sogno della tua capacità di controllare la realtà sostituendole un mondo che preferisci è terrorizzante. 6I tuoi tentativi di cancellare la realtà fanno molta paura, ma non sei disposto ad accettarlo. 7E così la sostituisci con la fantasia che ciò che è spaventoso è la realtà, non ciò che tu vorresti farne. 8E così la colpa diventa reale.

5. I sogni ti mostrano che hai il potere di fare un mondo come vorresti che fosse e che, poiché lo vuoi, lo vedi. 2E mentre lo vedi non dubiti che sia reale. 3Ma ecco un mondo, chiaramente nella tua mente, che sembra esserne al di fuori. 4Tu non rispondi ad esso come se lo avessi fatto, né ti rendi conto che le emozioni che il sogno produce devono venire da te. 5Sono i personaggi del sogno e ciò che essi fanno, che sembrano fare il sogno. 6Non ti rendi conto che li stai facendo agire per te, poiché se lo facessi la colpa non sarebbe loro e l’illusione di soddisfazione scomparirebbe. 7Nei sogni questi aspetti non sono oscuri. 8Sembra che ti svegli e il sogno è svanito. 9Tuttavia ciò che non riesci a riconoscere è che ciò che ha causato il sogno non è svanito con esso. 10Il tuo desiderio di fare un altro mondo che non è reale rimane con te. 11E ciò a cui sembri risvegliarti non è che un’altra forma di questo stesso mondo che vedi nei sogni. 12Trascorri tutto il tuo tempo sognando. 13I tuoi sogni da sveglio o da addormentato hanno forme diverse, e questo è tutto. 14Il loro contenuto è lo stesso. 15Essi sono la tua protesta contro la realtà e contro la tua idea fissa e folle che puoi cambiarla. 16Nei tuoi sogni da sveglio la relazione speciale ha un posto speciale. 17È il mezzo con cui cerchi di far diventare veri i tuoi sogni da addormentato. 18Da ciò non ti svegli. 19La relazione speciale è la tua determinazione a rimanere attaccato all’irrealtà e a impedirti di svegliarti. 20E, fintanto che vedrai un valore maggiore nel dormire rispetto allo svegliarti, non la lascerai andare.

6. Lo Spirito Santo, sempre pratico nella Sua saggezza, accetta i tuoi sogni e li usa come strumenti per il risveglio. 2Tu avresti voluto usarli per rimanere addormentato. 3Ho detto in precedenza che il primo cambiamento, prima che i sogni spariscano, è che i tuoi sogni di paura vengano cambiati in sogni felici. 4Questo è quello che lo Spirito Santo fa nella relazione speciale. 5Non la distrugge, né te la strappa via. 6Ma la usa in maniera differente, come aiuto per renderti reale il Suo scopo. 7La relazione speciale rimarrà, non come fonte di dolore e colpa, ma come fonte di gioia e libertà. 8Essa non sarà solo per te, poiché in ciò sta la sua miserevolezza. 9Così come la sua mancanza di santità la manteneva separata, la sua santità diventerà un’offerta per tutti.

7. La tua relazione speciale sarà un mezzo per disfare la colpa in tutti coloro che sono benedetti per mezzo della tua relazione santa. 2Sarà un sogno felice, che condividerai con tutti coloro che ti avvicineranno. 3Tramite essa la benedizione che lo Spirito Santo vi ha posto verrà estesa. 4Non pensare che nello scopo che ti ha dato Egli abbia dimenticato qualcuno. 5E non pensare che abbia dimenticato te, a cui ha dato il dono. 6Egli usa tutti quelli che si rivolgono a Lui come mezzi per la salvezza di tutti. 7Ed Egli risveglierà tutti tramite te che hai offerto a Lui la tua relazione. 8Se solo riconoscessi la Sua gratitudine! 9O la mia tramite la Sua! 10Poiché siamo uniti in un unico scopo, dato che la nostra mente è una con la Sua.

8. Non permettere che il sogno prevalga fino al punto da farti chiudere gli occhi. 2Non è strano che i sogni possano fare un mondo che è irreale. 3È il desiderio di farlo che è incredibile. 4La tua relazione con tuo fratello è adesso diventata una relazione da cui è stato tolto il desiderio poiché il suo scopo è stato cambiato dai sogni alla verità. 5Tu non sei sicuro di ciò, perché pensi che possa essere questo il sogno. 6Sei talmente abituato a scegliere tra sogni diversi, da non vedere che hai fatto, finalmente, la scelta tra la verità e tutte le illusioni.

9. Pur tuttavia, il Cielo è certo. 2Questo non è un sogno. 3La sua venuta significa che hai scelto la verità ed essa è venuta perché sei stato disposto a lasciare che la tua relazione speciale soddisfi le sue condizioni. 4Lo Spirito Santo ha posto dolcemente nella tua relazione il mondo reale: il mondo di sogni felici dai quali il risveglio è molto facile e naturale. 5Perché, come i tuoi sogni da addormentato e da sveglio rappresentano gli stessi desideri nella tua mente, così il mondo reale e la verità del Cielo si uniscono nella Volontà di Dio. 6Il sogno del risveglio viene facilmente trasferito alla sua realtà. 7Poiché questo sogno riflette la tua volontà unita alla Volontà di Dio. 8E ciò che questa Volontà vuole che sia compiuto è sempre stato fatto.

III. Light in the Dream
T-18.III.1. You who have spent your life in bringing truth to illusion, reality to fantasy, have walked the way of dreams. For you have gone from waking to sleeping, and on and on to a yet deeper sleep. Each dream has led to other dreams, and every fantasy that seemed to bring a light into the darkness but made the darkness deeper. Your goal was darkness, in which no ray of light could enter. And you sought a blackness so complete that you could hide from truth forever, in complete insanity. What you forgot was simply that God cannot destroy Himself. The light is in you. Darkness can cover it, but cannot put it out.

T-18.III.2. As the light comes nearer you will rush to darkness, shrinking from the truth, sometimes retreating to the lesser forms of fear, and sometimes to stark terror. But you will advance, because your goal is the advance from fear to truth. The goal you accepted is the goal of knowledge, for which you signified your willingness. Fear seems to live in darkness, and when you are afraid you have stepped back. Let us then join quickly in an instant of light, and it will be enough to remind you that your goal is light.

T-18.III.3. Truth has rushed to meet you since you called upon it. If you knew Who walks beside you on the way that you have chosen, fear would be impossible. You do not know because the journey into darkness has been long and cruel, and you have gone deep into it. A little flicker of your eyelids, closed so long, has not yet been sufficient to give you confidence in yourself, so long despised. You go toward love still hating it, and terribly afraid of its judgment upon you. And you do not realize that you are not afraid of love, but only of what you have made of it. You are advancing to love’s meaning, and away from all illusions in which you have surrounded it. When you retreat to the illusion your fear increases, for there is little doubt that what you think it means is fearful. Yet what is that to us who travel surely and very swiftly away from fear?

T-18.III.4. You who hold your brother’s hand also hold mine, for when you joined each other you were not alone. Do you believe that I would leave you in the darkness that you agreed to leave with me? In your relationship is this world’s light. And fear must disappear before you now. Be tempted not to snatch away the gift of faith you offered to your brother. You will succeed only in frightening yourself. The gift is given forever, for God Himself received it. You cannot take it back. You have accepted God. The holiness of your relationship is established in Heaven. You do not understand what you accepted, but remember that your understanding is not necessary. All that was necessary was merely the wish to understand. That wish was the desire to be holy. The Will of God is granted you. For you desire the only thing you ever had, or ever were.

T-18.III.5. Each instant that we spend together will teach you that this goal is possible, and will strengthen your desire to reach it. And in your desire lies its accomplishment. Your desire is now in complete accord with all the power of the Holy Spirit’s Will. No little, faltering footsteps that you may take can separate your desire from His Will and from His strength. I hold your hand as surely as you agreed to take your brother’s. You will not separate, for I stand with you and walk with you in your advance to truth. And where we go we carry God with us.

T-18.III.6. In your relationship you have joined with me in bringing Heaven to the Son of God, who hid in darkness. You have been willing to bring the darkness to light, and this willingness has given strength to everyone who would remain in darkness. Those who would see will see. And they will join with me in carrying their light into the darkness, when the darkness in them is offered to the light, and is removed forever. My need for you, joined with me in the holy light of your relationship, is your need for salvation. Would I not give you what you gave to me? For when you joined your brother, you answered me.

T-18.III.7. You who are now the bringer of salvation have the function of bringing light to darkness. The darkness in you has been brought to light. Carry it back to darkness, from the holy instant to which you brought it. We are made whole in our desire to make whole. Let not time worry you, for all the fear that you and your brother experience is really past. Time has been readjusted to help us do, together, what your separate pasts would hinder. You have gone past fear, for no two minds can join in the desire for love without love’s joining them.

T-18.III.8. Not one light in Heaven but goes with you. Not one Ray that shines forever in the Mind of God but shines on you. Heaven is joined with you in your advance to Heaven. When such great lights have joined with you to give the little spark of your desire the power of God Himself, can you remain in darkness? You and your brother are coming home together, after a long and meaningless journey that you undertook apart, and that led nowhere. You have found your brother, and you will light each other’s way. And from this light will the Great Rays extend back into darkness and forward unto God, to shine away the past and so make room for His eternal Presence, in which everything is radiant in the light.

III. Luce nel sogno
1. Tu, che hai trascorso la vita portando la verità all’illusione, la realtà alla fantasia, hai percorso la via dei sogni. 2Poiché sei passato dalla veglia al sonno, sprofondando sempre di più in un sonno sempre più profondo. 3Ciascun sogno ha condotto ad altri sogni ed ogni fantasia che sembrava portare una luce nell’oscurità non ha fatto altro che rendere l’oscurità più profonda. 4Il tuo obiettivo era un’oscurità nella quale non potesse entrare alcun raggio di luce. 5E hai cercato un’oscurità così totale da poterti nascondere per sempre dalla verità in completa follia. 6Ciò che hai dimenticato è semplicemente che Dio non può distruggere Se Stesso. 7La luce è in te. 8L’oscurità può coprirla, ma non spegnerla.

2. Man mano che la luce si avvicinerà, ti precipiterai nell’oscurità, ritraendoti dalla verità, talvolta ritirandoti verso forme minori di paura e talvolta verso il puro terrore. 2Ma avanzerai, poiché il tuo obiettivo è avanzare dalla paura alla verità. 3L’obiettivo che hai accettato è l’obiettivo della conoscenza per la quale hai dimostrato la tua disponibilità. 4La paura sembra vivere nell’oscurità, e quando hai paura hai fatto un passo indietro. 5Allora uniamoci velocemente in un istante di luce e sarà sufficiente per ricordarti che il tuo obiettivo è la luce.

3. La verità si è precipitata ad incontrarti poiché l’hai invitata. 2Se sapessi Chi ti affianca sul cammino che hai scelto, la paura sarebbe impossibile. 3Non lo sai, perché il viaggio nell’oscurità è stato lungo e crudele e ci sei andato in profondità. 4Un piccolo battito di ciglia, così a lungo chiuse, non è stato ancora sufficiente per darti fiducia in te stesso, così a lungo disprezzato. 5Vai verso l’amore odiandolo ancora e terribilmente impaurito del suo giudizio su di te. 6E non ti rendi conto che non hai paura dell’amore, ma solo di ciò che ne hai fatto. 7Stai avanzando verso il significato dell’amore e lontano da tutte le illusioni in cui lo hai circondato. 8Quando ti ritiri verso l’illusione la tua paura aumenta, poiché non c’è dubbio che ciò che pensi che essa significhi fa paura. 9Tuttavia cos’è questo per noi che viaggiamo sicuramente e molto velocemente lontano dalla paura?

4. Tu, che tieni la mano di tuo fratello, tieni anche la mia, poiché quando vi siete uniti non eravate soli. 2Credi che abbia intenzione di lasciarti nell’oscurità che avevi concordato di lasciare con me? 3Nella tua relazione si trova la luce di questo mondo. 4E la paura deve svanire ora davanti a te. 5Non essere tentato di strappar via il dono della fede che hai offerto a tuo fratello. 6Riuscirai solo a terrorizzarti. 7Il dono viene dato per sempre, poiché Dio Stesso lo ha ricevuto. 8Non puoi riprendertelo. 9Hai accettato Dio. 10La santità della tua relazione è stabilita in Cielo. 11Tu non comprendi cosa hai accettato, ma ricorda che la tua comprensione non è necessaria. 12Tutto ciò che era necessario era semplicemente il desiderio di comprendere. 13Quel desiderio era il desiderio di essere santo. 14La Volontà di Dio ti è concessa. 15Poiché desideri la sola cosa che tu abbia mai avuto o che tu sia mai stato.

5. Ogni istante che trascorreremo insieme ti insegnerà che questo obiettivo è possibile e rafforzerà il tuo desiderio di raggiungerlo. 2E nel tuo desiderio sta la sua realizzazione. 3Il tuo desiderio è ora in accordo completo con tutto il potere della Volontà dello Spirito Santo. 4Nessun passettino titubante che tu possa intraprendere potrà separare il tuo desiderio dalla Sua Volontà e dalla Sua forza. 5È tanto certo che io ti tengo per mano quanto che tu sei stato d’accordo nel prendere quella di tuo fratello. 6Non vi separerete, perché sto con voi e vi affianco mentre avanzate verso la verità. 7E dove andiamo portiamo Dio con noi.

6. Nella tua relazione ti sei unito a me nel portare il Cielo al Figlio di Dio che si è nascosto nell’oscurità. 2Sei stato disposto a portare l’oscurità alla luce e questa disponibilità ha dato forza a tutti coloro che vorrebbero rimanere nell’oscurità. 3Quelli che vogliono vedere vedranno. 4Ed essi si uniranno a me nel portare la loro luce nell’oscurità, quando l’oscurità in loro verrà offerta alla luce e verrà eliminata per sempre. 5Il mio bisogno di te, unito a me nella luce santa della tua relazione, è il tuo bisogno di salvezza. 6Non ti darei forse ciò che hai dato a me? 7Poiché quando ti sei unito a tuo fratello mi hai risposto.

7. Tu, che adesso sei colui che porta la salvezza, hai la funzione di portare la luce all’oscurità. 2L’oscurità in te è stata portata alla luce. 3Riportala nell’oscurità, dall’istante santo al quale l’hai portata. 4Siamo resi completi dal nostro desiderio di rendere interi. 5Non lasciare che il tempo ti preoccupi, perché ogni forma di paura che tu e tuo fratello provate è in realtà passata. 6Il tempo è stato riadattato per aiutarci a fare, insieme, ciò che il vostro passato separato vorrebbe impedire. 7Siete andati oltre la paura, poiché due menti non si possono unire nel desiderio di amore senza che l’amore si unisca a loro.

8. Non c’è una sola luce in Cielo che non venga con te. 2Non un solo Raggio che risplende per sempre nella Mente di Dio che non risplenda su di te. 3Il Cielo è unito a te nella tua avanzata verso il Cielo. 4Quando tali grandi luci si saranno unite a te per dare alla piccola scintilla del tuo desiderio il potere di Dio Stesso, potrai forse rimanere nell’oscurità? 5Tu e tuo fratello state tornando a casa insieme dopo un viaggio lungo e senza significato che avete intrapreso separati e che non vi ha portato da nessuna parte. 6Hai trovato tuo fratello e vi illuminerete a vicenda la via. 7E da questa luce i Grandi Raggi si estenderanno all’indietro verso l’oscurità e in avanti verso Dio, per cancellare il passato risplendendo su di esso e così far posto alla Sua Presenza eterna nella quale tutto è raggiante nella luce.

IV. The Little Willingness
T-18.IV.1. The holy instant is the result of your determination to be holy. It is the answer. The desire and the willingness to let it come precede its coming. You prepare your mind for it only to the extent of recognizing that you want it above all else. It is not necessary that you do more; indeed, it is necessary that you realize that you cannot do more. Do not attempt to give the Holy Spirit what He does not ask, or you will add the ego to Him and confuse the two. He asks but little. It is He Who adds the greatness and the might. He joins with you to make the holy instant far greater than you can understand. It is your realization that you need do so little that enables Him to give so much.

T-18.IV.2. Trust not your good intentions. They are not enough. But trust implicitly your willingness, whatever else may enter. Concentrate only on this, and be not disturbed that shadows surround it. That is why you came. If you could come without them you would not need the holy instant. Come to it not in arrogance, assuming that you must achieve the state its coming brings with it. The miracle of the holy instant lies in your willingness to let it be what it is. And in your willingness for this lies also your acceptance of yourself as you were meant to be.

T-18.IV.3. Humility will never ask that you remain content with littleness. But it does require that you be not content with less than greatness that comes not of you. Your difficulty with the holy instant arises from your fixed conviction that you are not worthy of it. And what is this but the determination to be as you would make yourself? God did not create His dwelling place unworthy of Him. And if you believe He cannot enter where He wills to be, you must be interfering with His Will. You do not need the strength of willingness to come from you, but only from His Will.

T-18.IV.4. The holy instant does not come from your little willingness alone. It is always the result of your small willingness combined with the unlimited power of God’s Will. You have been wrong in thinking that it is needful to prepare yourself for Him. It is impossible to make arrogant preparations for holiness, and not believe that it is up to you to establish the conditions for peace. God has established them. They do not wait upon your willingness for what they are. Your willingness is needed only to make it possible to teach you what they are. If you maintain you are unworthy of learning this, you are interfering with the lesson by believing that you must make the learner different. You did not make the learner, nor can you make him different. Would you first make a miracle yourself, and then expect one to be made for you?

T-18.IV.5. You merely ask the question. The answer is given. Seek not to answer, but merely to receive the answer as it is given. In preparing for the holy instant, do not attempt to make yourself holy to be ready to receive it. That is but to confuse your role with God’s. Atonement cannot come to those who think that they must first atone, but only to those who offer it nothing more than simple willingness to make way for it. Purification is of God alone, and therefore for you. Rather than seek to prepare yourself for Him, try to think thus:

I who am host to God am worthy of Him.
He Who established His dwelling place in me created it as He would have it be.
It is not needful that I make it ready for Him, but only that I do not interfere with His plan to restore to me my own awareness of my readiness, which is eternal.
I need add nothing to His plan But to receive it, I must be willing not to substitute my own in place of it.  


T-18.IV.6. And that is all. Add more, and you will merely take away the little that is asked. Remember you made guilt, and that your plan for the escape from guilt has been to bring Atonement to it, and make salvation fearful. And it is only fear that you will add, if you prepare yourself for love. The preparation for the holy instant belongs to Him Who gives it. Release yourself to Him Whose function is release. Do not assume His function for Him. Give Him but what He asks, that you may learn how little is your part, and how great is His.

T-18.IV.7. It is this that makes the holy instant so easy and so natural. You make it difficult, because you insist there must be more that you need do. You find it difficult to accept the idea that you need give so little, to receive so much. And it is very hard for you to realize it is not personally insulting that your contribution and the Holy Spirit’s are so extremely disproportionate. You are still convinced that your understanding is a powerful contribution to the truth, and makes it what it is. Yet we have emphasized that you need understand nothing. Salvation is easy just because it asks nothing you cannot give right now.

T-18.IV.8. Forget not that it has been your decision to make everything that is natural and easy for you impossible. If you believe the holy instant is difficult for you, it is because you have become the arbiter of what is possible, and remain unwilling to give place to One Who knows. The whole belief in orders of difficulty in miracles is centered on this. Everything God wills is not only possible, but has already happened. And that is why the past has gone. It never happened in reality. Only in your mind, which thought it did, is its undoing needful.

IV. La piccola disponibilità
1. L’istante santo è il risultato della tua determinazione ad essere santo. 2È la risposta. 3Il desiderio e la disponibilità a farlo arrivare precedono la sua venuta. 4Prepari la tua mente per esso soltanto fino al punto di riconoscere che lo vuoi sopra ogni altra cosa. 5Non è necessario che tu faccia di più: invero è necessario che tu ti renda conto che non puoi fare di più. 6Non tentare di dare allo Spirito Santo quello che non chiede o aggiungerai l’ego a Lui e confonderai i due. 7Egli non chiede che poco. 8È Lui Che aggiunge la grandezza e la potenza. 9Si unisce a te per rendere l’istante santo molto più grande di ciò che puoi comprendere. 10È la tua realizzazione del fatto che devi fare pochissimo per metterLo in grado di dare tantissimo.

2. Non fidarti delle tue buone intenzioni. 2Non sono abbastanza. 3Ma abbi fiducia implicitamente nella tua disponibilità, qualsiasi altra cosa possa intromettersi. 4Concentrati soltanto su questa e non essere disturbato dal fatto che le ombre la circondano. 5Questo è il motivo per cui sei venuto. 6Se avessi potuto venire senza di loro non avresti avuto bisogno dell’istante santo. 7Vieni ad esso non con arroganza, presumendo di dover raggiungere lo stato che la sua venuta porta con sé. 8Il miracolo dell’istante santo sta nella tua disponibilità a lasciare che esso sia ciò che è. 9E nella tua disponibilità per ciò sta anche la tua accettazione di te stesso come era inteso che fossi.

3. L’umiltà non ti chiederà mai di accontentarti della piccolezza. 2Ti chiede invece di non accontentarti con meno della grandezza che non proviene da te. 3La tua difficoltà con l’istante santo deriva dalla tua convinzione fissa di non esserne degno. 4E cos’è questo se non la determinazione ad essere come vorresti farti? 5Dio non ha creato la Sua dimora indegna di Lui. 6E se credi che Egli non possa entrare dove vuole essere vuol dire che stai interferendo con la Sua Volontà. 7Non hai bisogno che la forza della disponibilità provenga da te, ma solo dalla Sua Volontà.

4. L’istante santo non proviene soltanto dalla tua piccola disponibilità. 2È sempre il risultato della tua poca disponibilità combinata con il potere illimitato della Volontà di Dio. 3Hai avuto torto nel pensare che sia necessario prepararti per Lui. 4È impossibile fare preparativi arroganti per la santità e non credere che stia a te stabilire le condizioni per la pace. 5Dio le ha stabilite. 6Esse non attendono la tua disponibilità per essere quello che sono. 7La tua disponibilità è necessaria solo per rendere possibile insegnarti cosa sono. 8Se sostieni di non essere degno d’imparare ciò, interferisci con la lezione, credendo che devi rendere diverso lo studente. 9Tu non hai fatto lo studente, né puoi renderlo differente. 10Vorresti prima essere tu stesso a fare un miracolo per poi aspettarti che ne venga fatto uno per te?

5. Poni semplicemente la domanda. 2La risposta viene data. 3Non cercare di rispondere, cerca semplicemente di ricevere la risposta così come viene data. 4Mentre ti prepari all’istante santo non tentare di renderti santo per essere pronto a riceverlo. 5Ciò non è altro che confondere il tuo ruolo con quello di Dio. 6La Riconciliazione non può giungere per quelli che pensano che devono dapprima espiare, ma soltanto a quelli che non le offrono altro che la semplice disponibilità a farle spazio. 7La purificazione è soltanto di Dio e perciò per te. 8Piuttosto che cercare di prepararti per Lui, cerca di pensare così:

9Io, che sono colui che ospita Dio, sono degno di Lui.
10Colui Che ha stabilito la Sua dimora in me l’ha creata come voleva che fosse.
11Non c’è bisogno che la renda pronta per Lui, ma soltanto che io non interferisca con il Suo piano di ripristinare in me la mia consapevolezza di essere pronto, che è eterna.
12Non ho bisogno di aggiungere nulla al Suo piano. 13Ma per riceverlo devo essere disposto a non sostituire il mio al posto del Suo.


6. E questo è tutto. 2Aggiungi qualcosa in più e semplicemente porterai via il poco che viene chiesto. 3Ricorda che hai fatto tu la colpa, e che il tuo piano per sfuggire alla colpa è stato di portare la Riconciliazione ad essa e far sì che la salvezza facesse paura. 4Se ti prepari all’amore aggiungerai solo paura. 5La preparazione per l’istante santo pertiene a Colui Che lo dà. 6Abbandonati a Colui la Cui funzione è la liberazione. 7Non assumere la Sua funzione per Lui. 8DaGli solo ciò che chiede cosicché tu possa imparare quanto sia piccola la tua parte e quanto grande la Sua.

7. È questo che rende l’istante santo così facile e così naturale. 2Sei tu che lo rendi difficile poiché insisti di dover fare di più. 3Trovi difficile accettare l’idea che hai bisogno di dare così poco per ricevere così tanto. 4Ed è molto difficile per te renderti conto che non è un insulto personale che il tuo contributo e quello dello Spirito Santo siano così estremamente sproporzionati. 5Sei ancora convinto che la tua comprensione sia un potente contributo alla verità e che la renda ciò che è. 6Tuttavia abbiamo sottolineato che non hai bisogno di comprendere nulla. 7La salvezza è facile proprio perché non chiede nulla che tu non possa dare proprio adesso.

8. Non dimenticare che è stata la tua decisione a rendere impossibile tutto ciò che è naturale e facile per te. 2Se credi che l’istante santo sia difficile per te è perché sei diventato l’arbitro di ciò che è possibile e rimani non disposto a far posto a Colui Che sa. 3L’intera credenza nell’ordine di difficoltà dei miracoli è centrata su questo. 4Tutto ciò che Dio vuole non soltanto è possibile, ma è già accaduto. 5Ed ecco perché il passato è scomparso. 6In realtà non è mai accaduto. 7Soltanto nella tua mente, che pensava che fosse accaduto, è necessario che venga disfatto.

V. The Happy Dream
T-18.V.1. Prepare you now for the undoing of what never was. If you already understood the difference between truth and illusion, the Atonement would have no meaning. The holy instant, the holy relationship, the Holy Spirit’s teaching, and all the means by which salvation is accomplished, would have no purpose. For they are all but aspects of the plan to change your dreams of fear to happy dreams, from which you waken easily to knowledge. Put yourself not in charge of this, for you cannot distinguish between advance and retreat. Some of your greatest advances you have judged as failures, and some of your deepest retreats you have evaluated as success.

T-18.V.2. Never approach the holy instant after you have tried to remove all fear and hatred from your mind. That is its function. Never attempt to overlook your guilt before you ask the Holy Spirit’s help. That is His function. Your part is only to offer Him a little willingness to let Him remove all fear and hatred, and to be forgiven. On your little faith, joined with His understanding, He will build your part in the Atonement and make sure that you fulfill it easily. And with Him, you will build a ladder planted in the solid rock of faith, and rising even to Heaven. Nor will you use it to ascend to Heaven alone.

T-18.V.3. Through your holy relationship, reborn and blessed in every holy instant you do not arrange, thousands will rise to Heaven with you. Can you plan for this? Or could you prepare yourself for such a function? Yet it is possible, because God wills it. Nor will He change His Mind about it. The means and purpose both belong to Him. You have accepted one; the other will be provided. A purpose such as this, without the means, is inconceivable. He will provide the means to anyone who shares His purpose.

T-18.V.4. Happy dreams come true, not because they are dreams, but only because they are happy. And so they must be loving. Their message is, “Thy Will be done,” and not, “I want it otherwise.” The alignment of means and purpose is an undertaking impossible for you to understand. You do not even realize you have accepted the Holy Spirit’s purpose as your own, and you would merely bring unholy means to its accomplishment. The little faith it needed to change the purpose is all that is required to receive the means and use them.

T-18.V.5. It is no dream to love your brother as yourself. Nor is your holy relationship a dream. All that remains of dreams within it is that it is still a special relationship. Yet it is very useful to the Holy Spirit, Who has a special function here. It will become the happy dream through which He can spread joy to thousands on thousands who believe that love is fear, not happiness. Let Him fulfill the function that He gave to your relationship by accepting it for you, and nothing will be wanting that would make of it what He would have it be.

T-18.V.6. When you feel the holiness of your relationship is threatened by anything, stop instantly and offer the Holy Spirit your willingness, in spite of fear, to let Him exchange this instant for the holy one that you would rather have. He will never fail in this. But forget not that your relationship is one, and so it must be that whatever threatens the peace of one is an equal threat to the other. The power of joining its blessing lies in the fact that it is now impossible for you or your brother to experience fear alone, or to attempt to deal with it alone. Never believe that this is necessary, or even possible. Yet just as this is impossible, so is it equally impossible that the holy instant come to either of you without the other. And it will come to both at the request of either.

T-18.V.7. Whoever is saner at the time the threat is perceived should remember how deep is his indebtedness to the other and how much gratitude is due him, and be glad that he can pay his debt by bringing happiness to both. Let him remember this, and say:

I desire this holy instant for myself, that I may share it with my brother, whom I love.
It is not possible that I can have it without him, or he without me. Yet it is wholly possible for us to share it now.
And so I choose this instant as the one to offer to the Holy Spirit, that His blessing may descend on us, and keep us both in peace.


V. Il sogno felice
1. Preparati ora al disfacimento di ciò che non è mai stato. 2Se comprendessi già la differenza tra la verità e l’illusione, la Riconciliazione non avrebbe alcun significato. 3L’istante santo, la relazione santa, l’insegnamento dello Spirito Santo e tutti i mezzi con i quali viene compiuta la salvezza non avrebbero alcuno scopo. 4Perché tutte queste cose non sono altro che aspetti del piano per cambiare i tuoi sogni di paura in sogni felici, dai quali ti svegli facilmente alla conoscenza. 5Non incaricartene, poiché non sei in grado di distinguere tra avanzamento e arretramento. 6Alcuni dei tuoi più grandi avanzamenti li hai giudicati come fallimenti e alcuni dei tuoi arretramenti più profondi li hai valutati come successi.

2. Non avvicinare mai l’istante santo dopo aver cercato di eliminare tutta la paura e l’odio dalla tua mente. 2Questa è la sua funzione. 3Non tentare mai di guardare oltre la tua colpa senza prima chiedere l’aiuto dello Spirito Santo. 4Questa è la Sua funzione 5La tua parte è solo di offrirGli una piccola disponibilità per permetterGli di eliminare tutta la paura e l’odio e per essere perdonato. 6Sulla tua poca fede, unita alla Sua comprensione, Egli costruirà la tua parte nella Riconciliazione e si accerterà che tu la adempia facilmente. 7E con Lui tu costruirai una scala, piantata nella solida roccia della fede, che sale fino al Cielo. 8E non la userai per ascendere al Cielo da solo.

3. Tramite la tua relazione santa, rinata e benedetta in ogni istante santo che tu non predisponi, migliaia ascenderanno al Cielo con te. 2Sei in grado di pianificare ciò? 3O saresti forse in grado di prepararti per una tale funzione? 4Tuttavia è possibile perché Dio lo vuole. 5E non cambierà la Idea riguardo a ciò. 6Lo scopo e il mezzo appartengono entrambi a Lui. 7Tu hai accettato l’uno, l’altro verrà fornito. 8Un tale scopo senza il mezzo è inconcepibile. 9Egli fornirà il mezzo a chiunque condivida il Suo scopo.

4. I sogni felici si avverano non perché sono sogni, ma soltanto perché sono felici. 2E quindi devono essere amorevoli. 3Il loro messaggio è: “Sia fatta la Tua Volontà” e non “voglio che sia altrimenti”. 4L’allineamento di mezzo e fine è un’impresa impossibile da comprendere per te. 5Non ti rendi conto nemmeno che hai accettato come tuo lo scopo dello Spirito Santo e non faresti altro che usare mezzi non santi per il suo compimento. 6La poca fede che esso richiedeva per cambiare lo scopo è tutto ciò che viene richiesto per ricevere i mezzo ed usarlo.

5. Non è un sogno amare tuo fratello come te stesso. 2E non è un sogno la tua relazione santa. 3Tutto ciò che rimane dei sogni in essa è che è tuttora una relazione speciale. 4Ma è utilissima allo Spirito Santo Che ha una funzione speciale qui. 5Essa diverrà il sogno felice attraverso il quale Egli potrà diffondere la gioia a migliaia e migliaia che credono che l’amore sia paura, non felicità. 6LasciaGli adempiere la funzione che Egli ha dato alla tua relazione accettandola per te e non mancherà nulla per renderla come Egli vuole che sia.

6. Quando senti che la santità della tua relazione è minacciata da qualcosa, fermati istantaneamente ed offri allo Spirito Santo la tua disponibilità, nonostante la paura, per permetterGli di scambiare questo istante con quello santo che vuoi avere al suo posto. 2Egli non fallirà mai in ciò. 3Ma non dimenticare che la tua relazione è una e così deve essere che qualsiasi cosa minacci la pace di uno è un’uguale minaccia per l’altro. 4Il potere di unirsi alla sua benedizione sta nel fatto che ora è impossibile per te o per tuo fratello provare paura da soli o tentare di avere a che fare con essa da soli. 5Non credere mai che questo sia necessario o anche solo possibile. 6Ma, proprio come ciò è impossibile, è ugualmente impossibile che l’istante santo venga ad uno dei due senza l’altro. 7E verrà ad entrambi su richiesta di uno qualunque dei due.

7. Chiunque sia mentalmente più sano al momento in cui la minaccia viene percepita dovrebbe ricordare quanto sia profondamente in debito nei confronti dell’altro e quanta gratitudine gli sia dovuta ed essere lieto di poter pagare il suo debito portando felicità ad entrambi. 2Che egli lo ricordi e dica:

3Desidero questo istante santo per me stesso, affinché possa condividerlo con mio fratello che amo.
4Non è possibile che io possa averlo senza di lui o lui senza di me.
5Tuttavia è del tutto possibile per noi condividerlo adesso.
6E così scelgo questo istante come quello da offrire allo Spirito Santo affinché la Sua benedizione possa discendere su di noi e mantenerci entrambi in pace.


VI. Beyond the Body
T-18.VI.1. There is nothing outside you. That is what you must ultimately learn, for it is the realization that the Kingdom of Heaven is restored to you. For God created only this, and He did not depart from it nor leave it separate from Himself. The Kingdom of Heaven is the dwelling place of the Son of God, who left not his Father and dwells not apart from Him. Heaven is not a place nor a condition. It is merely an awareness of perfect Oneness, and the knowledge that there is nothing else; nothing outside this Oneness, and nothing else within.

T-18.VI.2. What could God give but knowledge of Himself? What else is there to give? The belief that you could give and get something else, something outside yourself, has cost you the awareness of Heaven and of your Identity. And you have done a stranger thing than you yet realize. You have displaced your guilt to your body from your mind. Yet a body cannot be guilty, for it can do nothing of itself. You who think you hate your body deceive yourself. You hate your mind, for guilt has entered into it, and it would remain separate from your brother’s, which it cannot do.

T-18.VI.3. Minds are joined; bodies are not. Only by assigning to the mind the properties of the body does separation seem to be possible. And it is mind that seems to be fragmented and private and alone. Its guilt, which keeps it separate, is projected to the body, which suffers and dies because it is attacked to hold the separation in the mind, and let it not know its Identity. Mind cannot attack, but it can make fantasies and direct the body to act them out. Yet it is never what the body does that seems to satisfy. Unless the mind believes the body is actually acting out its fantasies, it will attack the body by increasing the projection of its guilt upon it.

T-18.VI.4. In this, the mind is clearly delusional. It cannot attack, but it maintains it can, and uses what it does to hurt the body to prove it can. The mind cannot attack, but it can deceive itself. And this is all it does when it believes it has attacked the body. It can project its guilt, but it will not lose it through projection. And though it clearly can misperceive the function of the body, it cannot change its function from what the Holy Spirit establishes it to be. The body was not made by love. Yet love does not condemn it and can use it lovingly, respecting what the Son of God has made and using it to save him from illusions.

T-18.VI.5. Would you not have the instruments of separation reinterpreted as means for salvation, and used for purposes of love? Would you not welcome and support the shift from fantasies of vengeance to release from them? Your perception of the body can clearly be sick, but project not this upon the body. For your wish to make destructive what cannot destroy can have no real effect at all. What God created is only what He would have it be, being His Will. You cannot make His Will destructive. You can make fantasies in which your will conflicts with His, but that is all.

T-18.VI.6. It is insane to use the body as the scapegoat for guilt, directing its attack and blaming it for what you wished it to do. It is impossible to act out fantasies. For it is still the fantasies you want, and they have nothing to do with what the body does. It does not dream of them, and they but make it a liability where it could be an asset. For fantasies have made your body your “enemy"; weak, vulnerable and treacherous, worthy of the hate that you invest in it. How has this served you? You have identified with this thing you hate, the instrument of vengeance and the perceived source of your guilt. You have done this to a thing that has no meaning, proclaiming it to be the dwelling place of God’s Son, and turning it against him.

T-18.VI.7. This is the host of God that you have made. And neither God nor His most holy Son can enter an abode that harbors hate, and where you have sown the seeds of vengeance, violence and death. This thing you made to serve your guilt stands between you and other minds. The minds are joined, but you do not identify with them. You see yourself locked in a separate prison, removed and unreachable, incapable of reaching out as being reached. You hate this prison you have made, and would destroy it. But you would not escape from it, leaving it unharmed, without your guilt upon it.

T-18.VI.8. Yet only thus can you escape. The home of vengeance is not yours; the place you set aside to house your hate is not a prison, but an illusion of yourself. The body is a limit imposed on the universal communication that is an eternal property of mind. But the communication is internal. Mind reaches to itself. It is not made up of different parts, which reach each other. It does not go out. Within itself it has no limits, and there is nothing outside it. It encompasses everything. It encompasses you entirely; you within it and it within you. There is nothing else, anywhere or ever.

T-18.VI.9. The body is outside you, and but seems to surround you, shutting you off from others and keeping you apart from them, and them from you. It is not there. There is no barrier between God and His Son, nor can His Son be separated from Himself except in illusions. This is not his reality, though he believes it is. Yet this could only be if God were wrong. God would have had to create differently, and to have separated Himself from His Son to make this possible. He would have had to create different things, and to establish different orders of reality, only some of which were love. Yet love must be forever like itself, changeless forever, and forever without alternative. And so it is. You cannot put a barrier around yourself, because God placed none between Himself and you.

T-18.VI.10. You can stretch out your hand and reach to Heaven. You whose hand is joined with your brother’s have begun to reach beyond the body, but not outside yourself, to reach your shared Identity together. Could this be outside you? Where God is not? Is He a body, and did He create you as He is not, and where He cannot be? You are surrounded only by Him. What limits can there be on you whom He encompasses?

T-18.VI.11. Everyone has experienced what he would call a sense of being transported beyond himself. This feeling of liberation far exceeds the dream of freedom sometimes hoped for in special relationships. It is a sense of actual escape from limitations. If you will consider what this “transportation” really entails, you will realize that it is a sudden unawareness of the body, and a joining of yourself and something else in which your mind enlarges to encompass it. It becomes part of you, as you unite with it. And both become whole, as neither is perceived as separate. What really happens is that you have given up the illusion of a limited awareness, and lost your fear of union. The love that instantly replaces it extends to what has freed you, and unites with it. And while this lasts you are not uncertain of your Identity, and would not limit It. You have escaped from fear to peace, asking no questions of reality, but merely accepting it. You have accepted this instead of the body, and have let yourself be one with something beyond it, simply by not letting your mind be limited by it.

T-18.VI.12. This can occur regardless of the physical distance that seems to be between you and what you join; of your respective positions in space; and of your differences in size and seeming quality. Time is not relevant; it can occur with something past, present or anticipated. The “something” can be anything and anywhere; a sound, a sight, a thought, a memory, and even a general idea without specific reference. Yet in every case, you join it without reservation because you love it, and would be with it. And so you rush to meet it, letting your limits melt away, suspending all the “laws” your body obeys and gently setting them aside.

T-18.VI.13. There is no violence at all in this escape. The body is not attacked, but simply properly perceived. It does not limit you, merely because you would not have it so. You are not really “lifted out” of it; it cannot contain you. You go where you would be, gaining, not losing, a sense of Self. In these instants of release from physical restrictions, you experience much of what happens in the holy instant; the lifting of the barriers of time and space, the sudden experience of peace and joy, and, above all, the lack of awareness of the body, and of the questioning whether or not all this is possible.

T-18.VI.14. It is possible because you want it. The sudden expansion of awareness that takes place with your desire for it is the irresistible appeal the holy instant holds. It calls to you to be yourself, within its safe embrace. There are the laws of limit lifted for you, to welcome you to openness of mind and freedom. Come to this place of refuge, where you can be yourself in peace. Not through destruction, not through a breaking out, but merely by a quiet melting in. For peace will join you there, simply because you have been willing to let go the limits you have placed upon love, and joined it where it is and where it led you, in answer to its gentle call to be at peace.

VI. Oltre il corpo
1. Non c’è nulla fuori di te. 2Questo è ciò che devi imparare, in definitiva, poiché è la realizzazione che il Regno dei Cieli è ripristinato a te. 3Poiché Dio ha creato soltanto questo e non ha deviato da esso, né lo ha lasciato separato da Se Stesso. 4Il Regno dei Cieli è il luogo di dimora del Figlio di Dio che non ha lasciato suo Padre e non vive separato da Lui. 5Il Cielo non è un luogo né una condizione. 6È semplicemente la consapevolezza di Unità perfetta e la conoscenza che non c’è niente altro: nulla al di fuori di questa Unità e niente altro all’interno.

2. Cosa poteva dare Dio se non la conoscenza di Se Stesso? 2Cos’altro c’è da dare? 3Il credere che tu possa dare e ottenere qualcos’altro, qualcosa al di fuori di te stesso, ti è costato la consapevolezza del Cielo e della tua Identità. 4E hai fatto una cosa più strana di quanto tu ti renda conto. 5Hai spostato la colpa dalla tua mente al tuo corpo. 6Ma un corpo non può essere colpevole, perché non può far nulla di per sé. 7Tu che pensi di odiare il tuo corpo ti inganni. 8Tu odi la tua mente perché vi è entrata la colpa ed essa vuol rimanere separata da quella di tuo fratello, cosa che non può fare.

3. Le menti sono unite, i corpi no. 2Solo assegnando alla mente le proprietà del corpo sembra possibile la separazione. 3Ed è la mente che sembra essere frammentata, segreta e sola. 4La sua colpa, che la mantiene separata, viene proiettata sul corpo che soffre e muore perché viene attaccato per mantenere la separazione nella mente e far sì che essa non conosca la sua Identità. 5La mente non può attaccare, ma può fare delle fantasie e dirigere il corpo ad agirle. 6Ma non è mai ciò che fa il corpo che sembra soddisfare. 7A meno che la mente non creda che il corpo stia in effetti agendo le sue fantasie, attaccherà il corpo incrementando la proiezione della sua colpa su di esso.

4. In ciò la mente è chiaramente delirante. 2Non può attaccare, ma sostiene di poterlo fare e, per dimostrare che può farlo, usa ciò che fa per ferire il corpo. 3La mente non può attaccare, ma può ingannarsi. 4E questo è tutto ciò che fa quando crede di aver attaccato il corpo. 5Può proiettare la sua colpa ma non la perderà con la proiezione. 6E sebbene possa chiaramente percepire falsamente la funzione del corpo, non è in grado di cambiare la sua funzione da quella che lo Spirito Santo stabilisce che sia. 7Il corpo non è stato fatto dall’amore. 8Ma l’amore non lo condanna e può usarlo amorevolmente, rispettando ciò che il Figlio di Dio ha fatto e usandolo per salvarlo dalle illusioni.

5. Non vuoi forse che gli strumenti della separazione vengano rein-terpretati come mezzi per la salvezza ed usati per scopi d’amore? 2Non vuoi dare benvenuto e sostegno al cambiamento da fantasie di vendetta a liberazione da esse? 3La tua percezione del corpo può essere chiaramente malata, ma non proiettare ciò sul corpo. 4Poiché il tuo desiderio di rendere distruttivo ciò che non può distruggere non può avere affatto alcun effetto reale. 5Ciò che Dio ha creato è solo ciò che Egli vuole che sia, essendo la Sua Volontà. 6Non puoi rendere la Sua Volontà distruttiva. 7Puoi fare delle fantasie in cui la tua volontà è in conflitto con la Sua, ma questo è tutto.

6. È folle usare il corpo come capro espiatorio per la colpa, dirigendo il suo attacco e incolpandolo di ciò che hai desiderato che facesse. 2È impossibile inscenare fantasie. 3Poiché sono ancora le fantasie che vuoi ed esse non hanno nulla a che fare con ciò che il corpo fa. 4Esso non le sogna ed esse lo rendono un peso dove potrebbe essere una risorsa. 5Perché le fantasie hanno fatto del tuo corpo il tuo “nemico”: debole, vulnerabile e traditore, degno dell’odio che investi in esso. 6Come ti è servito tutto ciò? 7Ti sei identificato con questa cosa che odi, lo strumento della vendetta e la fonte percepita della tua colpa. 8Hai fatto ciò ad una cosa che non ha significato, proclamandola come il luogo di dimora del Figlio di Dio e rivolgendola contro di lui.

7. Questo è l’ospite di Dio che tu hai fatto. 2E né Dio né il Suo Figlio santissimo possono entrare in una dimora che dà asilo all’odio e dove tu hai piantato i semi della vendetta, della violenza e della morte. 3Questa cosa che hai fatto per servire la tua colpa si frappone fra te e le altre menti. 4Le menti sono unite, ma tu non ti identifichi con esse. 5Ti vedi bloccato in una prigione separata, lontano e irraggiungibile, incapace di raggiungere gli altri come di essere raggiunto. 6Odii questa prigione che hai fatto, e vorresti distruggerla. 7Ma non sfuggirai da essa, lasciandola indenne, senza proiettare la tua colpa su di essa

8. Tuttavia soltanto così puoi fuggire. 2La casa della vendetta non è la tua: il posto che hai predisposto per ospitare il tuo odio non è una prigione, ma un’illusione di te stesso. 3Il corpo è un limite imposto alla comunicazione universale che è una proprietà eterna della mente. 4Ma la comunicazione è interna. 5La mente si protende verso se stessa. 6Non è fatta di parti diverse che si raggiungono l’un l’altra. 7Non va verso l’esterno. 8Al suo interno non ha limiti e non c’è nulla al suo esterno. 9Abbraccia tutto. 10Ti abbraccia completamente: tu al suo interno ed essa dentro di te. 11Non c’è niente altro in nessun luogo e in nessun momento.

9. Il corpo è fuori di te e sembra solo circondarti, tagliandoti fuori dagli altri e mantenendoti separato da essi, ed essi da te. 2Il corpo non c’è. 3Non c’è alcuna barriera tra Dio e Suo Figlio, né Suo Figlio può essere separato da Dio Stesso se non nelle illusioni. 4Questa non è la sua realtà, sebbene egli creda che lo sia. 5Tuttavia ciò potrebbe essere soltanto se Dio avesse torto. 6Dio avrebbe dovuto creare diversamente ed esserSi separato da Suo Figlio per rendere possibile ciò. 7Egli avrebbe dovuto creare cose diverse e stabilire ordini diversi di realtà di cui solo alcuni sarebbero stati amore. 8Ma l’amore deve essere come se stesso in eterno, per sempre immutabile e senza alternative. 9E così è. 10Non puoi mettere una barriera attorno a te stesso, poiché Dio non ne ha posta alcuna tra Se Stesso e te.

10. Puoi stendere la mano e toccare il Cielo. 2Tu, la cui mano è unita a quella di tuo fratello, hai cominciato ad andare oltre il corpo, ma non al di fuori di te stesso, per raggiungere assieme l’Identità che condividete. 3Potrebbe forse questa essere al di fuori di te? 4Dove Dio non c’è? 5Forse che Egli è un corpo, e ti ha creato così come Lui non è e dove non può essere? 6Sei circondato soltanto da Lui. 7Quali limiti possono esserci su di te che sei abbracciato da Lui?

11. Tutti hanno provato ciò che definirebbero come la sensazione di essere trasportati oltre se stessi. 2Questa sensazione di liberazione supera di gran lunga il sogno di libertà talvolta sperato nelle relazioni speciali. 3È la sensazione di una vera e propria fuga dalle limitazioni. 4Se vorrai considerare cosa implica in realtà questo “trasporto”, ti renderai conto che si tratta di una subitanea inconsapevolezza del corpo e una unione tra te stesso e qualcos’altro in cui la tua mente si allarga per abbracciarlo. 5Esso diventa parte di te mentre ti unisci ad esso. 6Ed entrambi diventate interi poiché nessuno dei due viene percepito separato. 7Ciò che accade in realtà è che hai rinunciato all’illusione di una consapevolezza limitata e perso la tua paura dell’unione. 8L’amore che istantaneamente la sostituisce si estende a ciò che ti ha liberato e si unisce ad esso. 9E mentre questo dura non hai incertezze sulla tua Identità, e non La limiti. 10Sei sfuggito alla paura e hai raggiunto la pace non mettendo in dubbio la realtà, ma semplicemente accettandola. 11Hai accettato questo invece del corpo ed hai permesso a te stesso di essere uno con qualcosa al di là di esso, semplicemente non lasciando che la tua mente venisse limitata da esso.

12. Ciò può succedere indipendentemente dalla distanza fisica che sembra esserci tra te e ciò a cui ti unisci, dalle vostre rispettive posizioni nello spazio e dalle vostre differenze di dimensioni e di qualità apparenti. 2Il tempo non è rilevante: può succedere con qualcosa di passato, di presente o che si prevede. 3Il “qualcosa” può essere qualsiasi cosa e in qualsiasi luogo: un suono, una immagine, un pensiero, un ricordo e persino un’idea generica senza un riferimento specifico. 4Ma, in ogni caso, ti unisci ad essa senza riserve perché la ami e vuoi essere con essa. 5E così ti precipiti ad incontrarla, lasciando che i tuoi limiti si sciolgano, sospendendo tutte le “leggi” a cui il tuo corpo obbedisce e mettendole dolcemente da parte.

13. Non c’è affatto violenza in questa fuga. 2Il corpo non viene attaccato, ma semplicemente percepito appropriatamente. 3Non ti limita semplicemente perché non vuoi che sia così. 4Non sei in realtà “sollevato fuori” da esso: esso non è in grado di contenerti. 5Vai dove vuoi essere, acquisendo, non perdendo, il senso di Sé. 6In questi istanti di liberazione dalle restrizioni fisiche, provi molto di ciò che accade nell’istante santo: il sollevarsi delle barriere di tempo e spazio, la subitanea esperienza di pace e gioia e, soprattutto, la mancanza della consapevolezza del corpo e del chiedersi se tutto ciò sia possibile o meno.

14. È possibile perché lo vuoi. 2L’improvvisa espansione di consapevolezza che si verifica con il tuo desiderio di essa è l’irresistibile richiamo contenuto nell’istante santo. 3Ti invita ad essere te stesso, entro il suo abbraccio sicuro. 4In esso le leggi dei limiti vengono annullate per te, per darti il benvenuto all’apertura di mente ed alla libertà. 5Vieni a questo luogo di rifugio dove puoi essere te stesso in pace. 6Non tramite la distruzione, non tramite un’evasione, ma semplicemente per mezzo di un quieto fondersi. 7Poiché lì la pace si unirà a te, semplicemente perché sei stato disposto a lasciare andare i limiti che hai posto all’amore e ti sei unito ad esso dov’è e dove ti conduce, in risposta al suo dolce invito ad essere in pace.

VII. I Need Do Nothing
T-18.VII.1. You still have too much faith in the body as a source of strength. What plans do you make that do not involve its comfort or protection or enjoyment in some way? This makes the body an end and not a means in your interpretation, and this always means you still find sin attractive. No one accepts Atonement for himself who still accepts sin as his goal. You have thus not met your one responsibility. Atonement is not welcomed by those who prefer pain and destruction.

T-18.VII.2. There is one thing that you have never done; you have not utterly forgotten the body. It has perhaps faded at times from your sight, but it has not yet completely disappeared. You are not asked to let this happen for more than an instant, yet it is in this instant that the miracle of Atonement happens. Afterwards you will see the body again, but never quite the same. And every instant that you spend without awareness of it gives you a different view of it when you return.

T-18.VII.3. At no single instant does the body exist at all. It is always remembered or anticipated, but never experienced just now. Only its past and future make it seem real. Time controls it entirely, for sin is never wholly in the present. In any single instant the attraction of guilt would be experienced as pain and nothing else, and would be avoided. It has no attraction now. Its whole attraction is imaginary, and therefore must be thought of in the past or in the future.

T-18.VII.4. It is impossible to accept the holy instant without reservation unless, just for an instant, you are willing to see no past or future. You cannot prepare for it without placing it in the future. Release is given you the instant you desire it. Many have spent a lifetime in preparation, and have indeed achieved their instants of success. This course does not attempt to teach more than they learned in time, but it does aim at saving time. You may be attempting to follow a very long road to the goal you have accepted. It is extremely difficult to reach Atonement by fighting against sin. Enormous effort is expended in the attempt to make holy what is hated and despised. Nor is a lifetime of contemplation and long periods of meditation aimed at detachment from the body necessary. All such attempts will ultimately succeed because of their purpose. Yet the means are tedious and very time consuming, for all of them look to the future for release from a state of present unworthiness and inadequacy.

T-18.VII.5. Your way will be different, not in purpose but in means. A holy relationship is a means of saving time. One instant spent together with your brother restores the universe to both of you. You are prepared. Now you need but to remember you need do nothing. It would be far more profitable now merely to concentrate on this than to consider what you should do. When peace comes at last to those who wrestle with temptation and fight against the giving in to sin; when the light comes at last into the mind given to contemplation; or when the goal is finally achieved by anyone, it always comes with just one happy realization; “I need do nothing.”

T-18.VII.6. Here is the ultimate release which everyone will one day find in his own way, at his own time. You do not need this time. Time has been saved for you because you and your brother are together. This is the special means this course is using to save you time. You are not making use of the course if you insist on using means which have served others well, neglecting what was made for you. Save time for me by only this one preparation, and practice doing nothing else. “I need do nothing” is a statement of allegiance, a truly undivided loyalty. Believe it for just one instant, and you will accomplish more than is given to a century of contemplation, or of struggle against temptation.

T-18.VII.7. To do anything involves the body. And if you recognize you need do nothing, you have withdrawn the body’s value from your mind. Here is the quick and open door through which you slip past centuries of effort, and escape from time. This is the way in which sin loses all attraction right now. For here is time denied, and past and future gone. Who needs do nothing has no need for time. To do nothing is to rest, and make a place within you where the activity of the body ceases to demand attention. Into this place the Holy Spirit comes, and there abides. He will remain when you forget, and the body’s activities return to occupy your conscious mind.

T-18.VII.8. Yet there will always be this place of rest to which you can return. And you will be more aware of this quiet center of the storm than all its raging activity. This quiet center, in which you do nothing, will remain with you, giving you rest in the midst of every busy doing on which you are sent. For from this center will you be directed how to use the body sinlessly. It is this center, from which the body is absent, that will keep it so in your awareness of it.

VII. Non c’è bisogno ch’io faccia nulla
1. Hai ancora troppa fede nel corpo in quanto fonte di forza. 2Che piani fai che non implichino la sua comodità o la sua protezione o il suo godimento in qualche maniera? 3Ciò fa del corpo un fine e non un mezzo nella tua interpretazione e ciò significa sempre che trovi ancora attraente il peccato. 4Nessuno che accetti ancora il peccato come proprio obiettivo accetta la Riconciliazione per se stesso. 5Così non hai ancora soddisfatto la tua sola responsabilità. 6La Riconciliazione non è benvenuta per coloro che preferiscono il dolore e la distruzione.

2. C’è una cosa che non hai mai fatto: non hai mai dimenticato del tutto il corpo. 2È forse svanito talvolta dalla tua vista, ma non è ancora scomparso completamente. 3Non ti viene chiesto di lasciare che questo accada per più di un istante, tuttavia è in questo istante che accade il miracolo della Riconciliazione. 4Dopo rivedrai il corpo, ma mai più allo stesso modo. 5Ed ogni istante che trascorri senza la sua consapevolezza ti dà una visione diversa di esso quando ritorni.

3. Il corpo non esiste affatto in nessun singolo istante. 2È sempre ricordato o anticipato ma non se ne fa mai esperienza nel presente. 3Soltanto il suo passato o futuro lo fanno sembrare reale. 4Il tempo lo controlla interamente, poiché il peccato non è mai completamente nel presente. 5In ogni singolo istante l’attrattiva della colpa viene provata come dolore e niente altro, e viene evitata. 6Non ha alcuna attrattiva ora. 7Tutta la sua attrattiva è immaginaria e perciò deve essere pensata nel passato o nel futuro.

4. È impossibile accettare l’istante santo senza riserve, a meno che, solo per un istante, tu non sia disposto a non vedere né il passato né il futuro. 2Non puoi prepararti per esso senza collocarlo nel futuro. 3La liberazione ti viene data nell’istante in cui la desideri. 4Molti hanno trascorso la vita intera in preparazione ed hanno invero raggiunto i loro istanti di successo. 5Questo corso non tenta di insegnarti più di quello che loro hanno imparato col tempo, ma ha in effetti lo scopo di risparmiare tempo. 6Potresti essere tentato di seguire una strada lunghissima verso la meta che hai accettato. 7È estremamente difficile raggiungere la Riconciliazione (l'illuminazione) lottando contro il peccato. 8Viene fatto uno sforzo enorme nel tentativo di rendere santo ciò che è odiato e disprezzato. 9E non è necessaria una vita di contemplazione e lunghi periodi di meditazione diretti al distacco dal corpo. 10Tutti questi tentativi avranno infine successo a causa del loro scopo. 11Tuttavia i mezzi sono tediosi e sprecano molto tempo poiché guardano tutti al futuro per la liberazione da uno stato di presente indegnità e inadeguatezza. )

5. La tua strada sarà diversa, non nello scopo ma nei mezzi. 2Una relazione santa è un mezzo per risparmiare tempo. 3Un istante trascorso assieme a tuo fratello ripristina l’universo ad entrambi. 4Sei preparato. 5Ora non devi far altro che ricordare che non c’è bisogno che tu faccia nulla. 6Sarebbe molto più profittevole adesso semplicemente concentrarti su questo che considerare cosa dovresti fare. 7Quando la pace arriva infine a coloro che lottano con la tentazione e combattono contro il cedere al peccato; quando la luce perviene infine alla mente che si è dedicata alla contemplazione; o quando qualcuno raggiunge finalmente l’obiettivo, arriva sempre soltanto con questo felice riconoscimento: “Non c’è bisogno ch’io faccia nulla”.

6. Qui si trova la liberazione finale che ognuno troverà un giorno a proprio modo e a suo tempo. 2Tu non hai bisogno di questo tempo. 3Il tempo ti è stato risparmiato perché tu e tuo fratello siete insieme. 4Questo è il mezzo speciale che questo corso usa per farti risparmiare tempo. 5Non stai facendo uso del corso se insisti ad usare mezzi che sono serviti bene ad altri, trascurando ciò che è stato fatto per te. 6Risparmia tempo per me soltanto con questa preparazione e fai pratica nel non fare nient’altro. 7“Non ho bisogno di fare nulla” è un’affermazione di fedeltà, di una lealtà veramente indivisa. 8Credici soltanto per un istante e compirai più di ciò che viene dato a un secolo di contemplazione o di lotta contro la tentazione.

7. Fare qualsiasi cosa implica il corpo. 2E, se riconosci che non hai bisogno di fare nulla, hai ritirato il valore del corpo dalla tua mente. 3Ecco la porta veloce e aperta attraverso la quale tu scivoli oltre secoli di sforzi e sfuggi al tempo. 4Questo è il modo in cui il peccato perde tutta l’attrattiva proprio ora. 5Poiché qui il tempo è negato e passato e futuro scompaiono. 6Chi non ha bisogno di fare nulla non ha bisogno di tempo. 7Non fare nulla è riposare e fare un luogo dentro di te dove l’attività del corpo cessa di richiedere attenzione. 8In questo luogo lo Spirito Santo viene e vi dimora. 9Rimarrà quando dimenticherai e le attività del corpo ritorneranno a occupare la tua mente conscia.

8. Tuttavia ci sarà sempre questo luogo di riposo a cui puoi ritornare. 2E sarai più consapevole di questo quieto centro della tempesta piuttosto che di tutta la sua furiosa attività. 3Questo centro quieto in cui non fai nulla rimarrà con te dandoti riposo nel mezzo dell’impegno di ogni faccenda a cui vieni mandato. 4Poiché da questo centro verrai diretto ad usare il corpo senza peccato. 5È questo centro, da cui il corpo è assente, che lo manterrà tale nella tua consapevolezza di esso.

VIII. Il piccolo giardino
1. È solamente la consapevolezza del corpo che fa sembrare limitato l’amore. 2Perché il corpo è un limite all’amore. 3Il credere nell’amore limitato è stato la sua origine ed è stato fatto per limitare ciò che è illimitato. 4Non pensare che questo sia puramente allegorico poiché è stato fatto per limitare te. 5Puoi tu, che ti vedi dentro un corpo, conoscerti come idea? 6Tutto ciò che riconosci lo identifichi con cose esterne, qualcosa fuori di te. 7Non sei nemmeno in grado di pensare a Dio senza un corpo, o una qualche forma che pensi di riconoscere.

2. Il corpo non può conoscere. 2E mentre limiti la tua consapevolezza ai suoi minuscoli sensi, non vedrai la grandezza che ti circonda. 3Dio non può venire in un corpo, né puoi unirti a Lui in esso. 4Sembrerà sempre che i limiti all’amore Lo chiudano fuori e che ti tengano separato da Lui. 5Il corpo è un minuscolo steccato attorno a una piccola parte di un’idea gloriosa e completa. 6Esso traccia un cerchio, infinitamente piccolo, attorno ad un piccolissimo segmento del Cielo, strappato via dall’intero, proclamando che dentro di esso è il tuo regno dove Dio non può entrare.

3. In questo regno l’ego domina, e con crudeltà. 2E, per difendere questo granello di polvere ti ordina di lottare contro l’universo. 3Questo frammento della tua mente è una tale minuscola parte di essa che, se ne potessi apprezzare l’interezza, istantaneamente vedresti che è come il più piccolo raggio di sole paragonato al sole, o come la più evanescente delle onde sulla superficie dell’oceano. 4Nella sua sorprendente arroganza questo minuscolo raggio di sole ha deciso di essere il sole: quest’onda quasi impercettibile chiama se stessa oceano. 5Pensa quanto è solo e spaventato questo piccolo pensiero, questa illusione infinitesimale, che si mantiene separata contro l’universo. 6Il sole diventa per il raggio di sole il “nemico” che vuole divorarlo e l’oceano terrorizza la piccola onda e vuole inghiottirla.

4. Ma né il sole né l’oceano sono minimamente consapevoli di tutta questa attività strana e senza significato. 2Essi semplicemente continuano, inconsapevoli di essere temuti ed odiati da un minuscolo segmento di se stessi. 3Perfino quel segmento non è perso per loro, poiché non potrebbe sopravvivere separato da essi. 4E ciò che pensa di essere non cambia in alcun modo la sua dipendenza totale da loro per il suo essere. 5La sua intera esistenza si basa ancora su di essi. 6Senza il sole, il raggio di sole scomparirebbe; l’onda senza l’oceano è inconcepibile.

5. Tale è la strana situazione in cui sembrano essere coloro i quali si trovano in un mondo abitato da corpi. 2Ciascun corpo sembra ospitare una mente separata, un pensiero sconnesso, che vive da solo e non è in alcun modo unito al Pensiero dal quale è stato creato. 3Ciascun minuscolo frammento sembra essere contenuto in se stesso, bisognoso di un altro per alcune cose ma in nessun modo totalmente dipendente dal suo unico Creatore per ogni cosa: bisognoso dell’intero per avere un qualche significato poiché da solo non significa nulla. 4E non ha affatto vita separata e isolata.

6. Simile al sole e all’oceano il tuo Sé va avanti incurante del fatto che questa minuscola parte si ritenga te. 2Non si è perduta: non potrebbe esistere se fosse separata, né l’intero sarebbe intero senza di essa. 3Non è un regno separato, governato dall’idea di separazione dal resto. 4E non è circondato da uno steccato che gli impedisce di unirsi al resto e lo tiene separato dal suo Creatore. 5Questo piccolo aspetto non è diverso dall’intero, essendo continuo ad esso e uno con esso. 6Non conduce vita separata, perché la sua vita è l’unità in cui il suo essere è stato creato.

7. Non accettare questo piccolo aspetto separato come te stesso. 2Il sole e l’oceano non sono nulla al confronto di ciò che sei. 3Il raggio di sole scintilla soltanto alla luce del sole e l’onda danza mentre riposa sull’oceano. 4Ma né nel sole né nell’oceano c’è il potere che c’è in te. 5Vuoi rimanere entro il tuo minuscolo regno, un re contrito, un crudele governante di tutto ciò che sorveglia, che vigila sul nulla e ciò nondimeno addirittura morirebbe per difenderlo? 6Questo piccolo sé non è il tuo regno. 7Come un arco in alto sopra di esso c’è il glorioso intero che lo circonda col suo amore e offre tutta la sua felicità e la sua profonda letizia ad ogni parte. 8Questo piccolo aspetto che pensi di aver separato dal resto non fa eccezione.

8. L’amore non conosce corpi e raggiunge tutto ciò che è stato creato come se stesso. 2La sua mancanza totale di limiti è il suo significato. 3E assolutamente imparziale nel suo dare abbracciando solo per preservare e mantenere completo ciò che vuol dare. 4Nel tuo minuscolo regno hai così poco! 5Non dovrebbe, allora, essere lì che invochi l’amore di entrare? 6Guarda il deserto – secco ed improduttivo, inaridito e senza gioia – che forma il tuo piccolo regno. 7E comprendi la vita e la gioia che l’amore porterà ad esso da dove proviene, e dove vuol ritornare con te.

9. Il Pensiero di Dio circonda il tuo piccolo regno, aspettando presso la barriera da te costruita di entrare e risplendere sulla terra arida. 2Guarda come la vita spunta ovunque! 3Il deserto diventa un giardino, verde, profondo e quieto, e offre riposo a coloro che hanno smarrito la strada e vagano nella polvere. 4Dà loro un luogo di rifugio, preparato per loro dall’amore ove un tempo c’era il deserto. 5E tutti coloro a cui dai il benvenuto porteranno con sé l’amore del Cielo per te. 6Entrano uno ad uno in questo luogo santo ma non se ne andranno come erano venuti, da soli. 7L’amore che hanno portato con sé resterà con loro, così come resterà con te. 8E, sotto la sua benevolenza, il tuo piccolo giardino si espanderà e si protenderà verso tutti quelli che hanno sete dell’acqua della vita, ma sono diventati troppo stanchi per andare avanti da soli.

10. Va’ e trovali, poiché essi portano il tuo Sé con loro. 2E conducili dolcemente al tuo quieto giardino e ricevi lì la loro benedizione. 3Così esso crescerà e si estenderà attraverso il deserto senza lasciare alcun piccolo regno solitario chiuso all’amore, e tu al suo interno. 4E riconoscerai te stesso e vedrai il tuo piccolo giardino trasformato dolcemente nel Regno dei Cieli con tutto l’Amore del suo Creatore che risplende su di esso.

11. L’istante santo è il tuo invito all’amore di entrare nel tuo regno lugubre e senza gioia, e di trasformarlo in un giardino di pace e benvenuto. 2La risposta dell’amore è inevitabile. 3Arriverà perché sei venuto senza il corpo e non hai interposto alcuna barriera che interferisse con il suo lieto avvento. 4Nell’istante santo chiedi all’amore solo ciò che offre a tutti, nulla di meno e nulla di più. 5Chiedendo tutto, lo riceverai. 6E il tuo Sé risplendente innalzerà direttamente al Cielo il minuscolo aspetto che hai tentato di nascondere al Cielo. 7Nessuna parte dell’amore invoca il tutto invano. 8Nessun Figlio di Dio rimane escluso dalla Sua Paternità.

12. Sii certo di ciò: l’amore è entrato nella tua relazione speciale e lo ha fatto totalmente alla tua flebile richiesta. 2Non riconosci che l’amore è arrivato perché non hai ancora lasciato andare tutte le barriere che mantieni contro tuo fratello. 3E tu e lui non sarete in grado di dare il benvenuto all’amore separatamente. 4Da solo non potresti conoscere Dio più di quanto Egli ti conosca senza tuo fratello. 5Ma insieme non potreste essere più inconsapevoli dell’amore di quanto l’amore possa non conoscerti, o mancare di riconoscersi in te.

13. Hai raggiunto la fine di un antico viaggio non comprendendo ancora che è finito. 2Sei ancora indebolito e stanco e la polvere del deserto sembra ancora offuscarti gli occhi e mantenerti senza vista. 3Ma Colui al Quale hai dato il benvenuto è venuto a te e ti dà il benvenuto. 4Ha atteso a lungo per darti ciò. 5Ricevilo adesso da Lui perché Egli vuole che tu Lo conosca. 6Soltanto una piccola parete di polvere sta ancora tra te e tuo fratello. 7Soffia su di essa leggermente e con una risata felice, ed essa si dissolverà. 8Ed entra nel giardino che l’amore ha preparato per entrambi.

VIII. The Little Garden
T-18.VIII.1. It is only the awareness of the body that makes love seem limited. For the body is a limit on love. The belief in limited love was its origin, and it was made to limit the unlimited. Think not that this is merely allegorical, for it was made to limit you. Can you who see yourself within a body know yourself as an idea? Everything you recognize you identify with externals, something outside itself. You cannot even think of God without a body, or in some form you think you recognize.

T-18.VIII.2. The body cannot know. And while you limit your awareness to its tiny senses, you will not see the grandeur that surrounds you. God cannot come into a body, nor can you join Him there. Limits on love will always seem to shut Him out, and keep you apart from Him. The body is a tiny fence around a little part of a glorious and complete idea. It draws a circle, infinitely small, around a very little segment of Heaven, splintered from the whole, proclaiming that within it is your kingdom, where God can enter not.

T-18.VIII.3. Within this kingdom the ego rules, and cruelly. And to defend this little speck of dust it bids you fight against the universe. This fragment of your mind is such a tiny part of it that, could you but appreciate the whole, you would see instantly that it is like the smallest sunbeam to the sun, or like the faintest ripple on the surface of the ocean. In its amazing arrogance, this tiny sunbeam has decided it is the sun; this almost imperceptible ripple hails itself as the ocean. Think how alone and frightened is this little thought, this infinitesimal illusion, holding itself apart against the universe. The sun becomes the sunbeam’s “enemy” that would devour it, and the ocean terrifies the little ripple and wants to swallow it.

T-18.VIII.4. Yet neither sun nor ocean is even aware of all this strange and meaningless activity. They merely continue, unaware that they are feared and hated by a tiny segment of themselves. Even that segment is not lost to them, for it could not survive apart from them. And what it thinks it is in no way changes its total dependence on them for its being. Its whole existence still remains in them. Without the sun the sunbeam would be gone; the ripple without the ocean is inconceivable.

T-18.VIII.5. Such is the strange position in which those in a world inhabited by bodies seem to be. Each body seems to house a separate mind, a disconnected thought, living alone and in no way joined to the Thought by which it was created. Each tiny fragment seems to be self-contained, needing another for some things, but by no means totally dependent on its one Creator for everything; needing the whole to give it any meaning, for by itself it does mean nothing. Nor has it any life apart and by itself.

T-18.VIII.6. Like to the sun and ocean your Self continues, unmindful that this tiny part regards itself as you. It is not missing; it could not exist if it were separate, nor would the Whole be whole without it. It is not a separate kingdom, ruled by an idea of separation from the rest. Nor does a fence surround it, preventing it from joining with the rest, and keeping it apart from its Creator. This little aspect is no different from the whole, being continuous with it and at one with it. It leads no separate life, because its life is the oneness in which its being was created.

T-18.VIII.7. Do not accept this little, fenced-off aspect as yourself. The sun and ocean are as nothing beside what you are. The sunbeam sparkles only in the sunlight, and the ripple dances as it rests upon the ocean. Yet in neither sun nor ocean is the power that rests in you. Would you remain within your tiny kingdom, a sorry king, a bitter ruler of all that he surveys, who looks on nothing yet who would still die to defend it? This little self is not your kingdom. Arched high above it and surrounding it with love is the glorious whole, which offers all its happiness and deep content to every part. The little aspect that you think you set apart is no exception.

T-18.VIII.8. Love knows no bodies, and reaches to everything created like itself. Its total lack of limit is its meaning. It is completely impartial in its giving, encompassing only to preserve and keep complete what it would give. In your tiny kingdom you have so little! Should it not, then, be there that you would call on love to enter? Look at the desert–dry and unproductive, scorched and joyless–that makes up your little kingdom. And realize the life and joy that love would bring to it from where it comes, and where it would return with you.

T-18.VIII.9. The Thought of God surrounds your little kingdom, waiting at the barrier you built to come inside and shine upon the barren ground. See how life springs up everywhere! The desert becomes a garden, green and deep and quiet, offering rest to those who lost their way and wander in the dust. Give them a place of refuge, prepared by love for them where once a desert was. And everyone you welcome will bring love with him from Heaven for you. They enter one by one into this holy place, but they will not depart as they had come, alone. The love they brought with them will stay with them, as it will stay with you. And under its beneficence your little garden will expand, and reach out to everyone who thirsts for living water, but has grown too weary to go on alone.

T-18.VIII.10. Go out and find them, for they bring your Self with them. And lead them gently to your quiet garden, and receive their blessing there. So will it grow and stretch across the desert, leaving no lonely little kingdoms locked away from love, and leaving you inside. And you will recognize yourself, and see your little garden gently transformed into the Kingdom of Heaven, with all the Love of its Creator shining upon it.

T-18.VIII.11. The holy instant is your invitation to love to enter into your bleak and joyless kingdom, and to transform it into a garden of peace and welcome. Love’s answer is inevitable. It will come because you came without the body, and interposed no barriers to interfere with its glad coming. In the holy instant, you ask of love only what it offers everyone, neither less nor more. Asking for everything, you will receive it. And your shining Self will lift the tiny aspect that you tried to hide from Heaven straight to Heaven. No part of love calls on the whole in vain. No Son of God remains outside His Fatherhood.

T-18.VIII.12. Be sure of this; love has entered your special relationship, and entered fully at your weak request. You do not recognize that love has come, because you have not yet let go of all the barriers you hold against your brother. And you and he will not be able to give love welcome separately. You could no more know God alone than He knows you without your brother. But together you could no more be unaware of love than love could know you not, or fail to recognize itself in you.

T-18.VIII.13. You have reached the end of an ancient journey, not realizing yet that it is over. You are still worn and tired, and the desert’s dust still seems to cloud your eyes and keep you sightless. Yet He Whom you welcomed has come to you, and would welcome you. He has waited long to give you this. Receive it now of Him, for He would have you know Him. Only a little wall of dust still stands between you and your brother. Blow on it lightly and with happy laughter, and it will fall away. And walk into the garden love has prepared for both of you.

IX. The Two Worlds
T-18.IX.1. You have been told to bring the darkness to the light, and guilt to holiness. And you have also been told that error must be corrected at its source. Therefore, it is the tiny part of yourself, the little thought that seems split off and separate, the Holy Spirit needs. The rest is fully in God’s keeping, and needs no guide. Yet this wild and delusional thought needs help because, in its delusions, it thinks it is the Son of God, whole and omnipotent, sole ruler of the kingdom it set apart to tyrannize by madness into obedience and slavery. This is the little part you think you stole from Heaven. Give it back to Heaven. Heaven has not lost it, but you have lost sight of Heaven. Let the Holy Spirit remove it from the withered kingdom in which you set it off, surrounded by darkness, guarded by attack and reinforced by hate. Within its barricades is still a tiny segment of the Son of God, complete and holy, serene and unaware of what you think surrounds it.

T-18.IX.2. Be you not separate, for the One Who does surround it has brought union to you, returning your little offering of darkness to the eternal light. How is this done? It is extremely simple, being based on what this little kingdom really is. The barren sands, the darkness and the lifelessness, are seen only through the body’s eyes. Its bleak sight is distorted, and the messages it transmits to you who made it to limit your awareness are little and limited, and so fragmented they are meaningless.

T-18.IX.3. From the world of bodies, made by insanity, insane messages seem to be returned to the mind that made it. And these messages bear witness to this world, pronouncing it as true. For you sent forth these messengers to bring this back to you. Everything these messages relay to you is quite external. There are no messages that speak of what lies underneath, for it is not the body that could speak of this. Its eyes perceive it not; its senses remain quite unaware of it; its tongue cannot relay its messages. Yet God can bring you there, if you are willing to follow the Holy Spirit through seeming terror, trusting Him not to abandon you and leave you there. For it is not His purpose to frighten you, but only yours. You are severely tempted to abandon Him at the outside ring of fear, but He would lead you safely through and far beyond.

T-18.IX.4. The circle of fear lies just below the level the body sees, and seems to be the whole foundation on which the world is based. Here are all the illusions, all the twisted thoughts, all the insane attacks, the fury, the vengeance and betrayal that were made to keep the guilt in place, so that the world could rise from it and keep it hidden. Its shadow rises to the surface, enough to hold its most external manifestations in darkness, and to bring despair and loneliness to it and keep it joyless. Yet its intensity is veiled by its heavy coverings, and kept apart from what was made to keep it hidden. The body cannot see this, for the body arose from this for its protection, which depends on keeping it not seen. The body’s eyes will never look on it. Yet they will see what it dictates.

T-18.IX.5. The body will remain guilt’s messenger, and will act as it directs as long as you believe that guilt is real. For the reality of guilt is the illusion that seems to make it heavy and opaque, impenetrable, and a real foundation for the ego’s thought system. Its thinness and transparency are not apparent until you see the light behind it. And then you see it as a fragile veil before the light.

T-18.IX.6. This heavy-seeming barrier, this artificial floor that looks like rock, is like a bank of low dark clouds that seem to be a solid wall before the sun. Its impenetrable appearance is wholly an illusion. It gives way softly to the mountain tops that rise above it, and has no power at all to hold back anyone willing to climb above it and see the sun. It is not strong enough to stop a button’s fall, nor hold a feather. Nothing can rest upon it, for it is but an illusion of a foundation. Try but to touch it and it disappears; attempt to grasp it and your hands hold nothing.

T-18.IX.7. Yet in this cloud bank it is easy to see a whole world rising. A solid mountain range, a lake, a city, all rise in your imagination, and from the clouds the messengers of your perception return to you, assuring you that it is there. Figures stand out and move about, actions seem real, and forms appear and shift from loveliness to the grotesque. And back and forth they go, as long as you would play the game of children’s make-believe. Yet however long you play it, and regardless of how much imagination you bring to it, you do not confuse it with the world below, nor seek to make it real.

T-18.IX.8. So should it be with the dark clouds of guilt, no more impenetrable and no more substantial. You will not bruise yourself against them in traveling through. Let your Guide teach you their unsubstantial nature as He leads you past them, for beneath them is a world of light whereon they cast no shadows. Their shadows lie upon the world beyond them, still further from the light. Yet from them to the light their shadows cannot fall.

T-18.IX.9. This world of light, this circle of brightness is the real world, where guilt meets with forgiveness. Here the world outside is seen anew, without the shadow of guilt upon it. Here are you forgiven, for here you have forgiven everyone. Here is the new perception, where everything is bright and shining with innocence, washed in the waters of forgiveness, and cleansed of every evil thought you laid upon it. Here there is no attack upon the Son of God, and you are welcome. Here is your innocence, waiting to clothe you and protect you, and make you ready for the final step in the journey inward. Here are the dark and heavy garments of guilt laid by, and gently replaced by purity and love.

T-18.IX.10. Yet even forgiveness is not the end. Forgiveness does make lovely, but it does not create. It is the source of healing, but it is the messenger of love and not its Source. Here you are led, that God Himself can take the final step unhindered, for here does nothing interfere with love, letting it be itself. A step beyond this holy place of forgiveness, a step still further inward but the one you cannot take, transports you to something completely different. Here is the Source of light; nothing perceived, forgiven nor transformed. But merely known.

T-18.IX.11. This course will lead to knowledge, but knowledge itself is still beyond the scope of our curriculum. Nor is there any need for us to try to speak of what must forever lie beyond words. We need remember only that whoever attains the real world, beyond which learning cannot go, will go beyond it, but in a different way. Where learning ends there God begins, for learning ends before Him Who is complete where He begins, and where there is no end. It is not for us to dwell on what cannot be attained. There is too much to learn. The readiness for knowledge still must be attained.

T-18.IX.12. Love is not learned. Its meaning lies within itself. And learning ends when you have recognized all it is not. That is the interference; that is what needs to be undone. Love is not learned, because there never was a time in which you knew it not. Learning is useless in the Presence of your Creator, Whose acknowledgment of you and yours of Him so far transcend all learning that everything you learned is meaningless, replaced forever by the knowledge of love and its one meaning.

T-18.IX.13. Your relationship with your brother has been uprooted from the world of shadows, and its unholy purpose has been safely brought through the barriers of guilt, washed with forgiveness, and set shining and firmly rooted in the world of light. From there it calls to you to follow the course it took, lifted high above the darkness and gently placed before the gates of Heaven. The holy instant in which you and your brother were united is but the messenger of love, sent from beyond forgiveness to remind you of all that lies beyond it. Yet it is through forgiveness that it will be remembered.

T-18.IX.14. And when the memory of God has come to you in the holy place of forgiveness you will remember nothing else, and memory will be as useless as learning, for your only purpose will be creating. Yet this you cannot know until every perception has been cleansed and purified, and finally removed forever. Forgiveness removes only the untrue, lifting the shadows from the world and carrying it, safe and sure within its gentleness, to the bright world of new and clean perception. There is your purpose now. And it is there that peace awaits you.

IX. I due mondi
1. Ti è stato detto di portare l’oscurità alla luce e la colpa alla santità. 2E ti è stato anche detto che l’errore deve essere corretto alla sua fonte. 3Perciò è la minuscola parte di te stesso, il piccolo pensiero che sembra frammentato e separato, di cui ha bisogno lo Spirito Santo. 4Il resto è pienamente nelle mani di Dio e non ha bisogno di guida. 5Ma questo pensiero sfrenato e delirante ha bisogno di aiuto perché, nel suo delirio, pensa di essere il Figlio di Dio, intero e onnipotente, il solo dominatore del regno che ha separato per tiranneggiare con la pazzia e ridurlo all’obbedienza e alla schiavitù. 6Questa è la piccola parte che tu pensi di aver rubato al Cielo. 7Restituiscila al Cielo. 8Il Cielo non l’ha persa, ma tu hai perso di vista il Cielo. 9Lascia che lo Spirito Santo la tolga dal regno inaridito in cui l’hai posta, circondata dall’oscurità, difesa dall’attacco e rinforzata dall’odio. 10All’interno delle sue barricate c’è ancora un minuscolo segmento del Figlio di Dio, completo e santo, sereno e inconsapevole di ciò che pensi la circondi.

2. Non siate separati poiché Colui Che la circonda vi ha portato l’unione, restituendo la vostra piccola offerta di oscurità alla luce eterna. 2Come viene fatto ciò? 3È estremamente semplice, essendo basato su ciò che questo piccolo regno è in realtà. 4La sabbia arida, l’oscurità e la mancanza di vita sono viste solo dagli occhi del corpo. 5La sua debole vista è distorta e i messaggi che trasmette a te che lo hai fatto per limitare la tua consapevolezza sono piccoli e limitati e così frammentati da essere senza significato.

3. Dal mondo dei corpi, fatti dalla follia, messaggi folli sembrano tornare alla mente che lo ha fatto. 2E questi messaggi portano testimonianza a questo mondo, affermando che è vero. 3Poiché tu hai inviato questi messaggeri in avanscoperta affinché ti riportassero ciò. 4Tutto ciò che questi messaggi ti trasmettono è completamente esterno. 5Non ci sono messaggi che parlano di ciò che si trova al di sotto, poiché non è il corpo che ne potrebbe parlare. 6I suoi occhi non lo percepiscono; i suoi sensi rimangono alquanto inconsapevoli di esso; la sua lingua non ne può trasmettere i messaggi. 7Ma Dio può portarti lì, se sei disposto a seguire lo Spirito Santo attraverso il terrore apparente, confidando che Lui non ti abbandonerà e non ti lascerà lì. 8Perché non è Suo scopo terrorizzarti, ma solo il tuo. 9Sei fortemente tentato di abbandonarLo all’anello esterno della paura, ma Egli ti condurrà con sicurezza attraverso la paura e molto oltre.

4. Il cerchio della paura si trova proprio al di sotto del livello che il corpo vede e sembra essere l’intero fondamento su cui si basa il mondo. 2Qui si trovano tutte le illusioni, tutti i pensieri contorti, tutti gli attacchi folli, la furia, la vendetta e il tradimento che sono stati fatti per mantenere la colpa al suo posto cosicché il mondo potesse sorgere da essa e tenerla nascosta. 3La sua ombra emerge alla superficie, abbastanza da mantenere nell’oscurità le sue manifestazioni più esterne, e da portare disperazione e solitudine ad esso e mantenerlo senza gioia. 4Tuttavia la sua intensità è velata dalle sue pesanti coperture e tenuta separata da quello che è stato fatto per mantenerla nascosta. 5Il corpo non è in grado di vederla, poiché il corpo è sorto da essa per la sua protezione che dipende dal mantenerla non vista. 6Gli occhi del corpo non la guarderanno mai. 7Ma vedranno ciò che essa detta.

5. Il corpo rimarrà il messaggero della colpa e agirà come essa comanda fintanto che crederai che la colpa sia reale. 2Poiché la realtà della colpa è l’illusione che sembra renderla pesante e opaca, impenetrabile e un fondamento reale del sistema di pensiero dell’ego. 3La sua sottigliezza e trasparenza non saranno evidenti finché non vedrai la luce dietro di essa. 4E allora la vedrai come un fragile velo davanti alla luce.

6. Questa barriera apparentemente pesante, questo pavimento artificiale che sembra roccia, è come un banco di nuvole basse e oscure che sembra essere un muro solido davanti al sole. 2Il suo aspetto impenetrabile è totalmente un’illusione. 3Cede dolcemente alle cime delle montagne che si innalzano al di sopra di essa e non ha alcun potere di trattenere nessuno che voglia arrampicarsi al di sopra di essa e vedere il sole. 4Non è forte abbastanza da fermare la caduta di un bottone né di trattenere una piuma. 5Nulla può fondarsi su di essa perché non è che l’illusione di un fondamento. 6Tenta solo di toccarla e si dissolverà, cerca di afferrarla e le tue mani non tratterranno nulla.

7. Ma in questo banco di nuvole è facile vedere sorgere un mondo intero. 2Nella tua immaginazione sorgono una solida catena di monti, un lago, una città, e dalle nuvole i messaggeri della tua percezione ritornano a te, assicurandoti che ci sono davvero. 3Dei personaggi si delineano e si muovono, delle azioni sembrano reali e delle forme appaiono e cambiano da piacevoli a grottesche. 4E vanno e vengono fintanto che giochi come un bambino a “facciamo finta che”. 5Ma per quanto a lungo tu possa giocarci e indipendentemente da quanto lasci libera l’immaginazione, tu non lo confondi con il mondo sottostante, né cerchi di renderlo reale.

8. Dovrebbe essere allo stesso modo con le oscure nubi di colpa, non più impenetrabili e non più sostanziali. 2Non ti ammaccherai contro di esse nel passarci in mezzo. 3Lascia che la tua Guida ti insegni la loro natura insostanziale mentre ti guida oltre ad esse, poiché al di sotto di esse c’è un mondo di luce su cui non gettano alcuna ombra. 4Le loro ombre si trovano sul mondo oltre di esse, ancor più lontano dalla luce. 5Ma da esso le loro ombre non possono cadere sulla luce.

9. Questo mondo di luce, questo cerchio di splendore, è il mondo reale dove la colpa incontra il perdono. 2Qui il mondo esterno è visto nuovamente, senza l’ombra della colpa su di esso. 3Qui sei perdonato perché qui hai perdonato tutti. 4Qui è la nuova percezione dove tutto è risplendente e scintillante di innocenza, lavato nelle acque del perdono e ripulito di ogni pensiero malvagio che vi hai posto sopra. 5Qui non c’è attacco al Figlio di Dio e sei benvenuto. 6Qui è la tua innocenza in attesa di vestirti e proteggerti e renderti pronto al passo finale nel tuo viaggio interiore. 7Qui sono messi da parte gli indumenti oscuri e pesanti della colpa e vengono dolcemente sostituiti dalla purezza e dall’amore.

10. Ma neppure il perdono è la fine. 2Il perdono rende davvero amorevoli, ma non crea. 3È la fonte della guarigione, ma è il messaggero dell’amore e non la sua Fonte. 4Qui vieni condotto, affinché Dio Stesso possa intraprendere il passo finale non ostacolato, perché qui nulla interferisce con l’amore, lasciandolo essere se stesso. 5Un passo oltre questo luogo santo di perdono, un passo ancora avanti all’interno, ma un passo che tu non puoi intraprendere, ti trasporterà a qualcosa di completamente diverso. 6Qui è la Fonte della luce, nulla è percepito, perdonato o trasformato. 7Ma semplicemente conosciuto.

11. Questo corso ti condurrà alla conoscenza, ma la conoscenza stessa è ancora oltre lo scopo del nostro programma di studi. 2Né c’è alcun bisogno per noi di cercare di parlare di ciò che deve trovarsi per sempre al di là delle parole. 3Dobbiamo soltanto ricordare che chiunque ottenga il mondo reale, oltre il quale l’apprendimento non è in grado di andare, andrà oltre esso, ma in un modo diverso. 4Dove finisce l’apprendimento comincerà Dio, poiché l’apprendimento finisce al cospetto di Colui Che è completo dove comincia, e dove non c’è fine. 5Non sta a noi indugiare su ciò che non può essere ottenuto. 6C’è troppo da imparare. 7L’essere pronti per la conoscenza deve ancora essere ottenuto.

12. L’amore non viene appreso. 2Il suo significato si trova in se stesso. 3E l’apprendimento finirà quando avrai compreso tutto ciò che non è. 4Questa è l’interferenza: quello che deve essere disfatto. 5L’amore non viene appreso poiché non c’è mai stato un tempo in cui non lo hai conosciuto. 6L’apprendimento è inutile alla Presenza del tuo Creatore, il Cui riconoscimento di te e il tuo di Lui trascende di gran lunga l’apprendimento che tutto ciò che hai imparato è insignificante, sostituito per sempre dalla conoscenza dell’amore e del suo unico significato.

13. La tua relazione con tuo fratello è stata sradicata dal mondo delle ombre e il suo scopo non santo è stato con sicurezza portato attraverso le barriere della colpa, lavato col perdono e posto splendente e fermamente radicato nel mondo della luce. 2Da lì ti invoca a seguire il corso che essa ha intrapreso, innalzato molto al di sopra dell’oscurità e dolcemente deposto davanti ai cancelli del Cielo. 3L’istante santo in cui tu e tuo fratello siete venuti uniti non è che il messaggero dell’amore, mandato da oltre il perdono per ricordarti di tutto ciò che si trova al di là di esso. 4Tuttavia è col perdono che verrà ricordato.

14. E quando il ricordo di Dio sarà venuto a te nel santo luogo del perdono, non ricorderai altro e il ricordo sarà altrettanto inutile quanto l’apprendimento, poiché il tuo solo scopo sarà creare. 2Ma non potrai saperlo finché ogni percezione non sarà stata pulita e purificata e, infine, eliminata per sempre. 3Il perdono elimina soltanto ciò che non è vero, sollevando le ombre dal mondo e portandolo, salvo e sicuro nella sua dolcezza allo splendente mondo di percezione nuova e pulita. 4Ecco il tuo scopo ora. 5Ed è lì che la pace ti aspetta.

Chapter 19. The attainment of peace - Capitolo 19. Il raggiungimento della pace

I. Healing and Faith
T-19.I.1. We said before that when a situation has been dedicated wholly to truth, peace is inevitable. Its attainment is the criterion by which the wholeness of the dedication can be safely assumed. Yet we also said that peace without faith will never be attained, for what is dedicated to truth as its only goal is brought to truth by faith. This faith encompasses everyone involved, for only thus the situation is perceived as meaningful and as a whole. And everyone must be involved in it, or else your faith is limited and your dedication incomplete.

T-19.I.2. Every situation, properly perceived, becomes an opportunity to heal the Son of God. And he is healed because you offered faith to him, giving him to the Holy Spirit and releasing him from every demand your ego would make of him. Thus do you see him free, and in this vision does the Holy Spirit share. And since He shares it He has given it, and so He heals through you. It is this joining Him in a united purpose that makes this purpose real, because you make it whole. And this is healing. The body is healed because you came without it, and joined the Mind in which all healing rests.

T-19.I.3. The body cannot heal, because it cannot make itself sick. It needs no healing. Its health or sickness depends entirely on how the mind perceives it, and the purpose that the mind would use it for. It is obvious that a segment of the mind can see itself as separated from the Universal Purpose. When this occurs the body becomes its weapon, used against this Purpose, to demonstrate the “fact” that separation has occurred. The body thus becomes the instrument of illusion, acting accordingly; seeing what is not there, hearing what truth has never said and behaving insanely, being imprisoned by insanity.

T-19.I.4. Do not overlook our earlier statement that faithlessness leads straight to illusions. For faithlessness is the perception of a brother as a body, and the body cannot be used for purposes of union. If, then, you see your brother as a body, you have established a condition in which uniting with him becomes impossible. Your faithlessness to him has separated you from him, and kept you both apart from being healed. Your faithlessness has thus opposed the Holy Spirit’s purpose, and brought illusions, centered on the body, to stand between you. And the body will seem to be sick, for you have made of it an “enemy” of healing and the opposite of truth.

T-19.I.5. It cannot be difficult to realize that faith must be the opposite of faithlessness. Yet the difference in how they operate is less apparent, though it follows directly from the fundamental difference in what they are. Faithlessness would always limit and attack; faith would remove all limitations and make whole. Faithlessness would destroy and separate; faith would unite and heal. Faithlessness would interpose illusions between the Son of God and his Creator; faith would remove all obstacles that seem to rise between them. Faithlessness is wholly dedicated to illusions; faith wholly to truth. Partial dedication is impossible. Truth is the absence of illusion; illusion the absence of truth. Both cannot be together, nor perceived in the same place. To dedicate yourself to both is to set up a goal forever impossible to attain, for part of it is sought through the body, thought of as a means for seeking out reality through attack. The other part would heal, and therefore calls upon the mind and not the body.

T-19.I.6. The inevitable compromise is the belief that the body must be healed, and not the mind. For this divided goal has given both an equal reality, which could be possible only if the mind is limited to the body and divided into little parts of seeming wholeness, but without connection. This will not harm the body, but it will keep the delusional thought system in the mind. Here, then, is healing needed. And it is here that healing is. For God gave healing not apart from sickness, nor established remedy where sickness cannot be. They are together, and when they are seen together, all attempts to keep both truth and illusion in the mind, where both must be, are recognized as dedication to illusion; and given up when brought to truth, and seen as totally unreconcilable with truth, in any respect or in any way.

T-19.I.7. Truth and illusion have no connection. This will remain forever true, however much you seek to connect them. But illusions are always connected, as is truth. Each is united, a complete thought system, but totally disconnected to each other. And to perceive this is to recognize where separation is, and where it must be healed. The result of an idea is never separate from its source. The idea of separation produced the body and remains connected to it, making it sick because of the mind’s identification with it. You think you are protecting the body by hiding this connection, for this concealment seems to keep your identification safe from the “attack” of truth.

T-19.I.8. If you but understood how much this strange concealment has hurt your mind, and how confused your own identification has become because of it! You do not see how great the devastation wrought by your faithlessness, for faithlessness is an attack that seems to be justified by its results. For by withholding faith you see what is unworthy of it, and cannot look beyond the barrier to what is joined with you.

T-19.I.9. To have faith is to heal. It is the sign that you have accepted the Atonement for yourself, and would therefore share it. By faith, you offer the gift of freedom from the past, which you received. You do not use anything your brother has done before to condemn him now. You freely choose to overlook his errors, looking past all barriers between yourself and him, and seeing them as one. And in that one you see your faith is fully justified. There is no justification for faithlessness, but faith is always justified.

T-19.I.10. Faith is the opposite of fear, as much a part of love as fear is of attack. Faith is the acknowledgment of union. It is the gracious acknowledgment of everyone as a Son of your most loving Father, loved by Him like you, and therefore loved by you as yourself. It is His Love that joins you and your brother, and for His Love you would keep no one separate from yours. Each one appears just as he is perceived in the holy instant, united in your purpose to be released from guilt. You see the Christ in him, and he is healed because you look on what makes faith forever justified in everyone.

T-19.I.11. Faith is the gift of God, through Him Whom God has given you. Faithlessness looks upon the Son of God, and judges him unworthy of forgiveness. But through the eyes of faith, the Son of God is seen already forgiven, free of all the guilt he laid upon himself. Faith sees him only now because it looks not to the past to judge him, but would see in him only what it would see in you. It sees not through the body’s eyes, nor looks to bodies for its justification. It is the messenger of the new perception, sent forth to gather witnesses unto its coming, and to return their messages to you.

T-19.I.12. Faith is as easily exchanged for knowledge as is the real world. For faith arises from the Holy Spirit’s perception, and is the sign you share it with Him. Faith is a gift you offer to the Son of God through Him, and wholly acceptable to his Father as to Him. And therefore offered you. Your holy relationship, with its new purpose, offers you faith to give unto your brother. Your faithlessness has driven you and him apart, and so you do not recognize salvation in him. Yet faith unites you in the holiness you see, not through the body’s eyes, but in the sight of Him Who joined you, and in Whom you are united.

T-19.I.13. Grace is not given to a body, but to a mind. And the mind that receives it looks instantly beyond the body, and sees the holy place where it was healed. There is the altar where the grace was given, in which it stands. Do you, then, offer grace and blessing to your brother, for you stand at the same altar where grace was laid for both of you. And be you healed by grace together, that you may heal through faith.

T-19.I.14. In the holy instant, you and your brother stand before the altar God has raised unto Himself and both of you. Lay faithlessness aside, and come to it together. There will you see the miracle of your relationship as it was made again through faith. And there it is that you will realize that there is nothing faith cannot forgive. No error interferes with its calm sight, which brings the miracle of healing with equal ease to all of them. For what the messengers of love are sent to do they do, returning the glad tidings that it was done to you and your brother who stand together before the altar from which they were sent forth.

T-19.I.15. As faithlessness will keep your little kingdoms barren and separate, so will faith help the Holy Spirit prepare the ground for the most holy garden that He would make of it. For faith brings peace, and so it calls on truth to enter and make lovely what has already been prepared for loveliness. Truth follows faith and peace, completing the process of making lovely that they begin. For faith is still a learning goal, no longer needed when the lesson has been learned. Yet truth will stay forever.

T-19.I.16. Let, then, your dedication be to the eternal, and learn how not to interfere with it and make it slave to time. For what you think you do to the eternal you do to you. Whom God created as His Son is slave to nothing, being lord of all, along with his Creator. You can enslave a body, but an idea is free, incapable of being kept in prison or limited in any way except by the mind that thought it. For it remains joined to its source, which is its jailer or its liberator, according to which it chooses as its purpose for itself.

I. Guarigione e fede
1. Abbiamo già detto che quando una situazione è stata dedicata interamente alla verità, la pace è inevitabile. 2Il suo raggiungimento è il criterio col quale si può supporre con sicurezza che la dedizione è totale. 3Ma abbiamo anche detto che non si raggiungerà mai la pace senza la fede, perché ciò che viene dedicato alla verità come suo unico obiettivo è portato alla verità attraverso la fede. 4Questa fede abbraccia ogni persona coinvolta, perché solo così la situazione viene percepita come significativa e nella sua interezza. 5E tutti devono esserne coinvolti, o altrimenti la tua fede è limitata e la tua dedizione incompleta.

2. Ogni situazione, percepita nella maniera corretta, diventa un’opportunità per guarire il Figlio di Dio. 2Ed egli viene guarito perché gli hai offerto la tua fede, affidandolo allo Spirito Santo e liberandolo da ogni pretesa che il tuo ego vorrebbe fargli soddisfare. 3Così lo vedi davvero libero ed è questa la visione che lo Spirito Santo condivide. 4E dal momento che Egli la condivide, l’ha donata, e così guarisce tramite tuo. 5Questo unirsi a Lui in un intento comune rende reale questo scopo, perché tu lo hai reso intero. 6Questa è la guarigione. 7Il corpo viene guarito perché sei venuto senza di esso e ti sei unito alla Mente nella quale risiede ogni guarigione.

3. Il corpo non può guarire, perché non può rendersi malato. 2Non ha bisogno di alcuna guarigione. 3La sua salute o malattia dipendono interamente da come la mente lo percepisce, e dallo scopo per cui la mente lo usa. 4È ovvio che un segmento della mente può vedersi separato dallo Scopo Universale. 5Quando questo si verifica, il corpo diventa la sua arma, usata contro questo Scopo per dimostrare il “fatto” che si è verificata la separazione. 6Il corpo diventa così lo strumento dell’illusione, e agisce di conseguenza: vede quello che non c’è, sente ciò che la verità non ha mai detto e si comporta in modo folle, essendo imprigionato dalla follia.

4. Non trascurare la nostra precedente affermazione secondo cui l’assenza di fede porta diritto alle illusioni. 2Perché la mancanza di fede è la percezione di un fratello come un corpo e il corpo non può essere usato per scopi di unione. 3Se, dunque, vedi tuo fratello come un corpo, hai stabilito una condizione nella quale unirti a lui diventa impossibile. 4La tua mancanza di fede nei suoi confronti ti ha separato da lui e ha impedito ad entrambi di essere guariti. 5La tua mancanza di fede si è quindi opposta allo scopo dello Spirito Santo e ha portato illusioni, centrate sul corpo, che si sono frapposte tra di voi. 6Ed il corpo sembrerà essere malato, perché ne hai fatto un “nemico” della guarigione e l’opposto della verità.

5. Non può essere difficile rendersi conto che la fede deve essere l’opposto della mancanza di fede. 2Tuttavia la differenza su come operano è meno evidente, anche se deriva direttamente dalla differenza sostanziale di ciò che sono. 3La mancanza di fede limiterà ed attaccherà sempre: la fede eliminerà ogni limitazione e renderà interi. 4La mancanza di fede distruggerà e separerà: la fede unirà e guarirà. 5La mancanza di fede interporrà le illusioni tra il Figlio di Dio ed il suo Creatore: la fede eliminerà ogni ostacolo che sembrerà emergere tra di loro. 6La mancanza di fede è totalmente dedicata alle illusioni: la fede alla verità. 7La dedizione parziale è impossibile. 8La verità è l’assenza dell’illusione: l’illusione l’assenza della verità. 9Non è possibile che ci siano entrambe, né che siano percepite nello stesso posto. 10Dedicarti a entrambe significa stabilire un obiettivo che non potrà mai essere raggiunto, perché parte di esso viene ricercato attraverso il corpo, concepito come mezzo per cercare la verità attraverso l’attacco. 11L’altra parte vuole guarire e pertanto invita la mente e non il corpo.

6. Il compromesso inevitabile è il credere che sia il corpo, e non la mente, a dover essere guarito. 2Perché questo obiettivo diviso ha dato ad entrambi un’uguale realtà, che sarebbe possibile solo se la mente fosse limitata al corpo e divisa in piccole parti apparentemente intere, ma senza collegamento tra loro. 3Questo non danneggerà il corpo, ma manterrà nella mente il sistema di pensiero delirante. 4È qui, dunque, che c’è bisogno di guarigione. 5Ed è qui che si trova la guarigione. 6Perché Dio non ha dato la guarigione separata dalla malattia e non ha stabilito un rimedio dove non può esserci malattia. 7Esse stanno insieme e quando vengono viste insieme ogni tentativo di mantenere sia la verità che l’illusione nella mente, dove entrambe devono essere, viene visto come dedizione all’illusione: quando viene portato alla verità vi si rinuncia e viene visto come totalmente inconciliabile con la verità, sotto ogni aspetto o in ogni modo.

7. Verità ed illusione non hanno alcun collegamento. 2Questo rimarrà vero per sempre, indipendentemente da quanto tu cerchi di collegarli. 3Ma le illusioni sono sempre collegate, come lo è la verità. 4Ciascuna è unita, un sistema di pensiero completo, ma è totalmente sconnessa dall’altra. 5E percepire ciò significa riconoscere dov’è la separazione e dove deve essere guarita. 6Il risultato di un’idea non è mai separato dalla sua fonte. 7L’idea della separazione ha prodotto il corpo e rimane collegata ad esso, rendendolo malato a causa dell’identificazione della mente con esso. 8Tu pensi di proteggere il corpo nascondendo questo collegamento, perché questo occultamento sembra mantenere la tua identificazione al sicuro dall’“attacco” della verità.

8. Se tu soltanto capissi quanto questo strano occultamento abbia danneggiato la tua mente e come, a causa sua, sia diventata confusa la tua identificazione! 2Tu non vedi quanto è enorme la devastazione operata dalla tua mancanza di fede, perché la mancanza di fede è un attacco che sembra essere giustificato dai suoi risultati. 3Perché se non offri la fede vedi ciò che ne è indegno, e non puoi guardare oltre la barriera, ciò che è unito a te.

9. Aver fede è guarire. 2È il segno che hai accettato la Riconciliazione per te stesso e che pertanto la condividerai. 3Attraverso la fede offri il dono della libertà dal passato, che tu hai ricevuto. 4Non usi nulla di ciò che tuo fratello ha fatto in precedenza per condannarlo ora. 5Scegli liberamente di guardare al di là dei suoi errori, guardando oltre tutte le barriere che si frappongono tra te e lui, e vedendole come una cosa sola. 6Ed in quella sola vedi che la tua fede è pienamente giustificata. 7Non c’è giustificazione alla mancanza di fede, mentre la fede è sempre giustificata.

10. La fede è l’opposto della paura, in quanto è parte dell’amore come la paura lo è dell’attacco. 2La fede è il riconoscimento dell’unione. 3È il grazioso riconoscimento di chiunque come Figlio del tuo amorevolissimo Padre, amato da Lui come te e pertanto amato da te come te stesso. 4È il Suo Amore che unisce te e tuo fratello e per il Suo Amore non manterrai nessuno separato dal tuo. 5Ciascuno appare proprio come viene percepito nell’istante santo, unito nel tuo scopo di essere liberato dalla colpa. 6Tu vedi Cristo in lui ed egli viene guarito perché tu vedi ciò che giustifica per sempre la fede in tutti.

11. La fede è il dono di Dio, attraverso Colui Che Dio ti ha dato. 2La mancanza di fede vede il Figlio di Dio e lo giudica indegno di perdono. 3Ma, attraverso gli occhi della fede, il Figlio di Dio viene visto già perdonato, libero da ogni colpa che ha posto su se stesso. 4La fede lo vede solo ora perché non guarda il passato per giudicarlo, ma vede in lui solo ciò che vede in te. 5Non vede con gli occhi del corpo, né guarda i corpi per giustificarsi. 6È la messaggera della nuova percezione, inviata per raccogliere testimonianze della sua venuta e per riportare a te i loro messaggi.

12. La fede può essere facilmente cambiata in conoscenza come il mondo reale. 2Perché la fede nasce dalla percezione dello Spirito Santo ed è il segno che la condividi con Lui. 3La fede è un dono che offri al Figlio di Dio attraverso di Lui ed è interamente accettabile da suo Padre come da Lui. 4E quindi ti viene offerta. 5La tua relazione santa, con il suo nuovo scopo, ti offre la fede perché tu la dia a tuo fratello. 6La tua mancanza di fede vi ha separati e così non riconosci la salvezza in lui. 7Tuttavia la fede vi unisce nella santità che vedi, non attraverso gli occhi del corpo, ma con la vista di Colui Che vi ha uniti e nel Quale siete uniti.

13. La grazia non viene data ad un corpo, ma ad una mente. 2E la mente che la riceve guarda istantaneamente oltre il corpo e vede il luogo santo dove è stata guarita. 3Lì è l’altare dove è stata data la grazia e nel quale risiede. 4Offri quindi grazia e benedizione a tuo fratello, poiché sei davanti allo stesso altare dove la grazia è stata riposta per entrambi. 5E siate guariti insieme dalla grazia, perché possiate guarire attraverso la fede.

14. Nell’istante santo, tu e tuo fratello siete davanti all’altare che Dio ha elevato a Se Stesso e a voi due. 2Mettete da parte la mancanza di fede e venite ad esso insieme. 3Lì vedrai il miracolo della tua relazione come è stata nuovamente fatta attraverso la fede. 4Ed è lì che ti renderai conto che non c’è nulla che la fede non possa perdonare. 5Nessun errore interferisce con la sua visione calma, che porta il miracolo della guarigione con uguale facilità a tutti loro. 6Perché i messaggeri dell’amore fanno ciò che sono mandati a fare, riportando la lieta novella che la guarigione è avvenuta in te e in tuo fratello, che state insieme davanti all’altare dal quale sono stati inviati.

15. Così come la mancanza di fede manterrà i vostri piccoli regni vuoti e separati, così la fede aiuterà lo Spirito Santo a preparare il terreno per il santissimo giardino che Egli ne farà. 2Perché la fede porta pace e così fa appello alla verità perché vi entri e renda amorevole ciò che era già stato preparato per l’amorevolezza. 3La verità segue la fede e la pace, completando il processo di rendere amorevole ciò che essi iniziano. 4Perché la fede è ancora un obiettivo di apprendimento, del quale non c’è più bisogno nel momento in cui la lezione è stata appresa. 5Ma la verità resterà per sempre.

16. Fa’, dunque, che la tua dedizione sia rivolta a ciò che è eterno ed impara a non interferire con essa e a non renderla schiava del tempo. 2Perché ciò che pensi di fare a ciò che è eterno lo fai a te. 3Colui Che Dio ha creato come Suo Figlio non è schiavo di nulla, essendo il signore di tutto, insieme al suo Creatore. 4Tu puoi rendere schiavo un corpo, ma un’idea è libera, incapace di essere tenuta in prigione o limitata in alcun modo eccetto che dalla mente che l’ha pensata. 5Perché rimane congiunta alla sua fonte, che ne è il carceriere o il liberatore, a seconda di cosa sceglie come suo scopo per se stessa.

II. Sin versus Error
T-19.II.1. It is essential that error be not confused with sin, and it is this distinction that makes salvation possible. For error can be corrected, and the wrong made right. But sin, were it possible, would be irreversible. The belief in sin is necessarily based on the firm conviction that minds, not bodies, can attack. And thus the mind is guilty, and will forever so remain unless a mind not part of it can give it absolution. Sin calls for punishment as error for correction, and the belief that punishment is correction is clearly insane.

T-19.II.2. Sin is not an error, for sin entails an arrogance which the idea of error lacks. To sin would be to violate reality, and to succeed. Sin is the proclamation that attack is real and guilt is justified. It assumes the Son of God is guilty, and has thus succeeded in losing his innocence and making himself what God created not. Thus is creation seen as not eternal, and the Will of God open to opposition and defeat. Sin is the grand illusion underlying all the ego’s grandiosity. For by it God Himself is changed, and rendered incomplete.

T-19.II.3. The Son of God can be mistaken; he can deceive himself; he can even turn the power of his mind against himself. But he cannot sin. There is nothing he can do that would really change his reality in any way, nor make him really guilty. That is what sin would do, for such is its purpose. Yet for all the wild insanity inherent in the whole idea of sin, it is impossible. For the wages of sin is death, and how can the immortal die?

T-19.II.4. A major tenet in the ego’s insane religion is that sin is not error but truth, and it is innocence that would deceive. Purity is seen as arrogance, and the acceptance of the self as sinful is perceived as holiness. And it is this doctrine that replaces the reality of the Son of God as his Father created him, and willed that he be forever. Is this humility? Or is it, rather, an attempt to wrest creation away from truth, and keep it separate?

T-19.II.5. Any attempt to reinterpret sin as error is always indefensible to the ego. The idea of sin is wholly sacrosanct to its thought system, and quite unapproachable except with reverence and awe. It is the most “holy” concept in the ego’s system; lovely and powerful, wholly true, and necessarily protected with every defense at its disposal. For here lies its “best” defense, which all the others serve. Here is its armor, its protection, and the fundamental purpose of the special relationship in its interpretation.

T-19.II.6. It can indeed be said the ego made its world on sin. Only in such a world could everything be upside down. This is the strange illusion that makes the clouds of guilt seem heavy and impenetrable. The solidness that this world’s foundation seems to have is found in this. For sin has changed creation from an idea of God to an ideal the ego wants; a world it rules, made up of bodies, mindless and capable of complete corruption and decay. If this is a mistake, it can be undone easily by truth. Any mistake can be corrected, if truth be left to judge it. But if the mistake is given the status of truth, to what can it be brought? The “holiness” of sin is kept in place by just this strange device. As truth it is inviolate, and everything is brought to it for judgment. As a mistake, it must be brought to truth. It is impossible to have faith in sin, for sin is faithlessness. Yet it is possible to have faith that a mistake can be corrected.

T-19.II.7. There is no stone in all the ego’s embattled citadel that is more heavily defended than the idea that sin is real; the natural expression of what the Son of God has made himself to be, and what he is. To the ego, this is no mistake. For this is its reality; this is the “truth” from which escape will always be impossible. This is his past, his present and his future. For he has somehow managed to corrupt his Father, and change His Mind completely. Mourn, then, the death of God, Whom sin has killed! And this would be the ego’s wish, which in its madness it believes it has accomplished.

T-19.II.8. Would you not rather that all this be nothing more than a mistake, entirely correctable, and so easily escaped from that its whole correction is like walking through a mist into the sun? For that is all it is. Perhaps you would be tempted to agree with the ego that it is far better to be sinful than mistaken. Yet think you carefully before you allow yourself to make this choice. Approach it not lightly, for it is the choice of hell or Heaven.

II. Il peccato contrapposto all’errore
1. È essenziale che l’errore non venga confuso con il peccato ed è questa distinzione che rende possibile la salvezza. 2Perché l’errore può essere corretto e ciò che è sbagliato reso giusto. 3Ma il peccato, nel caso fosse possibile, sarebbe irreversibile. 4Il credere nel peccato è necessariamente basato sulla ferma convinzione che la mente, e non il corpo, possa attaccare. 5E così la mente è colpevole e lo rimarrà per sempre, a meno che una mente che non sia parte di essa le possa dare l’assoluzione. 6Il peccato richiede la punizione come l’errore la correzione e il credere che la punizione sia la correzione, è chiaramente una follia.

2. Il peccato non è un errore, perché il peccato implica un’arroganza che manca all’idea di errore. 2Peccare sarebbe violare la realtà ed avere successo. 3Il peccato è la proclamazione che l’attacco è reale e la colpa giustificata. 4Presume che il Figlio di Dio sia colpevole e abbia così avuto successo nel perdere la propria innocenza e nel rendere se stesso ciò che Dio non ha creato. 5Così la creazione viene vista come non eterna e la Volontà di Dio aperta all’opposizione ed alla sconfitta. 6Il peccato è la grande illusione che soggiace a tutta la grandiosità dell’ego. 7Perché tramite suo Dio Stesso viene cambiato e reso incompleto.

3. Il Figlio di Dio può sbagliarsi, può ingannare se stesso, può persino ritorcere contro se stesso il potere della sua mente. 2Ma non può peccare. 3Non c’è nulla che possa fare che possa realmente cambiare la sua realtà in alcun modo, né che lo renda realmente colpevole. 4Questo è ciò che farebbe il peccato, perché tale è il suo scopo. 5Ma per tutta l’incredibile follia inerente all’intera idea del peccato, esso è impossibile. 6Perché la ricompensa del peccato è la morte e come può morire ciò che è immortale?

4. Un dogma basilare nella folle religione dell’ego è che il peccato non è errore ma verità e che è l’innocenza ad ingannare. 2La purezza viene vista come arroganza e l’accettazione di sé come peccatore viene percepita come santità. 3Ed è questa dottrina che sostituisce la realtà del Figlio di Dio come suo Padre lo ha creato e ha voluto che fosse per sempre. 4È questa umiltà? 5O è, piuttosto, un tentativo per strappare la creazione dalla verità e mantenerla separata?

5. Qualsiasi tentativo di reinterpretare il peccato come errore è sempre insostenibile per l’ego. 2L’idea di peccato è interamente sacrosanta per il suo sistema di pensiero e del tutto inavvicinabile se non con reverenza e soggezione. 3È il concetto più “santo” nel sistema dell’ego: amorevole, potente, totalmente vero e necessariamente protetto con ogni difesa a sua disposizione. 4Perché qui si trova la sua “migliore” difesa, che serve tutte le altre. 5Qui è la sua armatura, la sua protezione e lo scopo fondamentale della relazione speciale nella sua interpretazione.

6. Si può davvero dire che l’ego ha fondato il suo mondo sul peccato. 2Solo in un mondo simile ogni cosa può essere capovolta. 3Questa è la strana illusione che fa sembrare pesanti ed impenetrabili le nuvole della colpa. 4La solidità che i fondamenti di questo mondo sembrano avere, si trova in ciò. 5Perché il peccato ha cambiato la creazione da un’idea di Dio a un ideale che l’ego vuole: un mondo che egli governa, fatto di corpi, senza mente e capace di totale corruzione e decadimento. 6Se questo è un errore, può essere disfatto facilmente dalla verità. 7Qualsiasi errore può essere corretto, se viene lasciato che sia la verità a giudicarlo. 8Ma se l’errore viene considerato verità, a cosa può essere portato? 9La “santità” del peccato viene tenuta al suo posto semplicemente da questo strano strumento. 10Come verità è inviolato ed ogni cosa viene portata ad esso per essere giudicata. 11Come errore, esso deve essere portato alla verità. 12È impossibile avere fede nel peccato, perché il peccato è mancanza di fede. 13Tuttavia è possibile avere fede nel fatto che un errore possa essere corretto.

7. Non c’è pietra in tutta la roccaforte fortificata dell’ego più pesantemente difesa dell’idea che il peccato sia reale: l’espressione naturale di ciò che il Figlio di Dio ha fatto diventare se stesso e di ciò che è. 2Per l’ego questo non è assolutamente un errore. 3Perché questa è la sua realtà: questa è la “verità” dalla quale la fuga sarà sempre impossibile. 4Questo è il suo passato, il suo presente ed il suo futuro. 5Perché egli è in qualche modo riuscito a corrompere suo Padre e a fargli cambiare completamente Idea. 6Piangi, dunque, la morte di Dio, Che il peccato ha ucciso! 7E questo sarebbe il desiderio dell’ego, e nella sua pazzia crede di averlo compiuto.

8. Non vorresti piuttosto che tutto questo non fosse altro che un errore, interamente correggibile e dal quale poter sfuggire così facilmente che la sua intera correzione sia come camminare tra le nebbie ed arrivare al sole? 2Perché questo è tutto ciò che è. 3Forse saresti tentato di concordare con l’ego che è molto meglio essere peccatori piuttosto che aver sbagliato. 4Tuttavia pensa attentamente prima di permetterti di fare questa scelta. 5Non avvicinarti ad essa con leggerezza, perché questa è la scelta tra l’inferno o il Cielo.

III. The Unreality of Sin
T-19.III.1. The attraction of guilt is found in sin, not error. Sin will be repeated because of this attraction. Fear can become so acute that the sin is denied the acting out. But while the guilt remains attractive the mind will suffer, and not let go of the idea of sin. For guilt still calls to it, and the mind hears it and yearns for it, making itself a willing captive to its sick appeal. Sin is an idea of evil that cannot be corrected, and yet will be forever desirable. As an essential part of what the ego thinks you are, you will always want it. And only an avenger, with a mind unlike your own, could stamp it out through fear.

T-19.III.2. The ego does not think it possible that love, not fear, is really called upon by sin, and always answers. For the ego brings sin to fear, demanding punishment. Yet punishment is but another form of guilt’s protection, for what is deserving punishment must have been really done. Punishment is always the great preserver of sin, treating it with respect and honoring its enormity. What must be punished, must be true. And what is true must be eternal, and will be repeated endlessly. For what you think is real you want, and will not let it go.

T-19.III.3. An error, on the other hand, is not attractive. What you see clearly as a mistake you want corrected. Sometimes a sin can be repeated over and over, with obviously distressing results, but without the loss of its appeal. And suddenly, you change its status from a sin to a mistake. Now you will not repeat it; you will merely stop and let it go, unless the guilt remains. For then you will but change the form of sin, granting that it was an error, but keeping it uncorrectable. This is not really a change in your perception, for it is sin that calls for punishment, not error.

T-19.III.4. The Holy Spirit cannot punish sin. Mistakes He recognizes, and would correct them all as God entrusted Him to do. But sin He knows not, nor can He recognize mistakes that cannot be corrected. For a mistake that cannot be corrected is meaningless to Him. Mistakes are for correction, and they call for nothing else. What calls for punishment must call for nothing. Every mistake must be a call for love. What, then, is sin? What could it be but a mistake you would keep hidden; a call for help that you would keep unheard and thus unanswered?

T-19.III.5. In time, the Holy Spirit clearly sees the Son of God can make mistakes. On this you share His vision. Yet you do not share His recognition of the difference between time and eternity. And when correction is completed, time is eternity. The Holy Spirit can teach you how to look on time differently and see beyond it, but not while you believe in sin. In error, yes, for this can be corrected by the mind. But sin is the belief that your perception is unchangeable, and that the mind must accept as true what it is told through it. If it does not obey, the mind is judged insane. The only power that could change perception is thus kept impotent, held to the body by the fear of changed perception which its Teacher, Who is one with it, would bring.

T-19.III.6. When you are tempted to believe that sin is real, remember this: If sin is real, both God and you are not. If creation is extension, the Creator must have extended Himself, and it is impossible that what is part of Him is totally unlike the rest. If sin is real, God must be at war with Himself. He must be split, and torn between good and evil; partly sane and partially insane. For He must have created what wills to destroy Him, and has the power to do so. Is it not easier to believe that you have been mistaken than to believe in this?

T-19.III.7. While you believe that your reality or your brother’s is bounded by a body, you will believe in sin. While you believe that bodies can unite, you will find guilt attractive and believe that sin is precious. For the belief that bodies limit mind leads to a perception of the world in which the proof of separation seems to be everywhere. And God and His creation seem to be split apart and overthrown. For sin would prove what God created holy could not prevail against it, nor remain itself before the power of sin. Sin is perceived as mightier than God, before which God Himself must bow, and offer His creation to its conqueror. Is this humility or madness?

T-19.III.8. If sin is real, it must forever be beyond the hope of healing. For there would be a power beyond God’s, capable of making another will that could attack His Will and overcome it; and give His Son a will apart from His, and stronger. And each part of God’s fragmented creation would have a different will, opposed to His, and in eternal opposition to Him and to each other. Your holy relationship has, as its purpose now, the goal of proving this is impossible. Heaven has smiled upon it, and the belief in sin has been uprooted in its smile of love. You see it still, because you do not realize that its foundation has gone. Its source has been removed, and so it can be cherished but a little while before it vanishes. Only the habit of looking for it still remains.

T-19.III.9. And yet you look with Heaven’s smile upon your lips, and Heaven’s blessing on your sight. You will not see sin long. For in the new perception the mind corrects it when it seems to be seen, and it becomes invisible. Errors are quickly recognized and quickly given to correction, to be healed, not hidden. You will be healed of sin and all its ravages the instant that you give it no power over your brother. And you will help him overcome mistakes by joyously releasing him from the belief in sin.

T-19.III.10. In the holy instant, you will see the smile of Heaven shining on both you and your brother. And you will shine upon him, in glad acknowledgment of the grace that has been given you. For sin will not prevail against a union Heaven has smiled upon. Your perception was healed in the holy instant Heaven gave you. Forget what you have seen, and raise your eyes in faith to what you now can see. The barriers to Heaven will disappear before your holy sight, for you who were sightless have been given vision, and you can see. Look not for what has been removed, but for the glory that has been restored for you to see.

T-19.III.11. Look upon your Redeemer, and behold what He would show you in your brother, and let not sin arise again to blind your eyes. For sin would keep you separate from him, but your Redeemer would have you look upon your brother as yourself. Your relationship is now a temple of healing; a place where all the weary ones can come and rest. Here is the rest that waits for all, after the journey. And it is brought nearer to all by your relationship.

III. L’irrealtà del peccato
1. L’attrattiva della colpa si trova nel peccato, non nell’errore. 2Il peccato sarà ripetuto a causa di questa attrattiva. 3La paura può diventare così acuta che al peccato viene negata l’azione. 4Ma fintanto che la colpa rimarrà attraente, la mente soffrirà e non lascerà andare l’idea del peccato. 5Perché la colpa continuerà a richiamarlo e la mente lo sentirà e lo desidererà, facendo di sé un prigioniero volontario del suo appello malato. 6Il peccato è un’idea di male che non può essere corretta e che tuttavia sarà desiderabile per sempre. 7Come parte essenziale di ciò che l’ego pensa che tu sia, lo vorrai sempre. 8E solo un vendicatore, con una mente dissimile dalla tua, potrebbe annientarlo attraverso la paura.

2. L’ego non pensa sia possibile che il peccato in realtà chiami l’amore, non la paura, e che l’amore risponde sempre. 2Perché l’ego porta il peccato verso la paura, esigendo punizione. 3Tuttavia la punizione non è che un’altra forma della protezione della colpa, perché ciò che merita punizione deve essere stato fatto davvero. 4La punizione è sempre il grande preservatore del peccato, che tratta con rispetto e di cui onora l’enormità. 5Ciò che deve essere punito deve essere vero. 6E ciò che è vero deve essere eterno e sarà ripetuto all’infinito. 7Perché tu vuoi ciò che pensi sia reale e non lo lascerai andare.

3. L’errore, d’altro canto, non ha attrattiva. 2Ciò che vedi chiaramente come un errore vuoi che sia corretto. 3Talvolta un peccato può essere ripetuto più e più volte, con risultati ovviamente angoscianti, ma senza perdere il suo richiamo. 4Ed improvvisamente, cambi la sua condizione da peccato a errore. 5Ora non lo ripeterai, semplicemente ti fermerai e lo lascerai andare, a meno che non rimanga la colpa. 6Perché allora non farai che cambiare la forma del peccato, ammettendo che era un errore, ma mantenendolo incorreggibile. 7Questo non è veramente un cambiamento nella tua percezione, perché è il peccato che richiede punizione, non l’errore.

4. Lo Spirito Santo non può punire il peccato. 2Egli riconosce gli errori e li vuole correggere tutti come Dio Lo ha incaricato di fare. 3Ma Egli non conosce peccato e non può riconoscere errori che non possano essere corretti. 4Perché un errore che non può essere corretto non ha significato per Lui. 5Gli errori sono da correggere e non chiedono altro. 6Ciò che richiede punizione deve essere una richiesta di niente. 7Ogni errore deve essere una richiesta d’amore. 8Cos’è, dunque, il peccato? 9Cosa potrebbe essere se non un errore che tu vorresti tenere nascosto: una richiesta di aiuto che vorresti mantenere non ascoltata e quindi senza risposta?

5. Nel tempo, lo Spirito Santo vede chiaramente che il Figlio di Dio può fare errori. 2Su questo tu condividi la Sua visione. 3Tuttavia non condividi il Suo riconoscimento della differenza tra tempo ed eternità. 4E quando la correzione sarà completata, il tempo sarà l’eternità. 5Lo Spirito Santo può insegnarti come considerare il tempo in modo diverso e vedere oltre ad esso, ma non finché credi nel peccato. 6Nell’errore ciò è possibile perché questo può essere corretto dalla mente. 7Ma il peccato è il credere che la tua percezione sia immutabile e che la mente debba accettare come vero ciò che viene detto tramite suo. 8Se non ubbidisce, la mente viene giudicata folle. 9Il solo potere che potrebbe cambiare la percezione viene così mantenuto impotente, trattenuto nel corpo dalla paura del cambiamento di percezione che il suo Insegnante, Che è uno con esso, porta.

6. Quando sei tentato di credere che il peccato sia reale, ricorda questo: se il peccato è reale, sia Dio che tu non lo siete. 2Se la creazione è estensione, il Creatore deve aver esteso Se Stesso ed è impossibile che ciò che è parte di Lui sia totalmente dissimile dal resto. 3Se il peccato è reale, Dio deve essere in guerra con Se Stesso. 4Deve essere separato e combattuto tra bene e male: in parte sano ed in parte folle. 5Perché Egli deve aver creato ciò che vuole distruggerLo ed ha il potere di farlo. 6Non è più facile credere di esserti sbagliato piuttosto che credere in ciò?

7. Fintanto che crederai che la tua realtà o quella di tuo fratello sia confinata in un corpo, crederai nel peccato. 2Fintanto che crederai che i corpi possano unirsi, troverai attraente la colpa e crederai che il peccato sia prezioso. 3Perché il credere che i corpi limitino la mente porta ad una percezione del mondo nel quale la prova della separazione sembra essere ovunque. 4E Dio e la Sua creazione sembrano essere scissi e rovesciati. 5Perché il peccato dimostrerebbe che ciò che Dio ha creato santo non ha potuto prevalere contro di esso, né rimanere se stesso davanti al potere del peccato. 6Il peccato viene percepito come più potente di Dio, davanti al quale Dio Stesso deve inchinarsi ed offrire la Sua creazione al suo conquistatore. 7È questa umiltà o pazzia?

8. Se il peccato è reale, deve essere per sempre al di là della speranza di guarigione. 2Perché ci sarebbe un potere oltre quello di Dio, in grado di fare un’altra volontà che potrebbe attaccare la Sua Volontà e vincerla, e dare a Suo Figlio una volontà separata dalla Sua e più forte. 3Ed ogni parte della creazione di Dio frammentata avrebbe una volontà diversa, opposta alla Sua, in eterna opposizione a Lui e l’una con l’altra. 4La tua relazione santa ha, come suo scopo ora, l’obiettivo di dimostrare che ciò è impossibile. 5Il Cielo ha sorriso su di essa e la credenza nel peccato è stata sradicata col suo sorriso d’amore. 6Tu continui a vederlo, perché non ti rendi conto che il suo fondamento è svanito. 7La sua fonte è stata eliminata e così può essere nutrito solo per un po’ prima che svanisca. 8Rimane ancora solo l’abitudine di cercarlo.

9. E tuttavia cerchi con il sorriso del Cielo sulle labbra e la benedizione del Cielo sulla tua vista. 2Non vedrai a lungo il peccato. 3Perché nella nuova percezione la mente lo corregge quando sembra essere visibile, ed esso diventa invisibile. 4Gli errori vengono riconosciuti rapidamente e rapidamente affidati alla correzione per essere guariti, non nascosti. 5Tu sarai guarito dal peccato e da tutte le sue devastazioni nell’istante in cui non gli darai più potere su tuo fratello. 6E lo aiuterai a superare gli errori liberandolo gioiosamente dalla credenza nel peccato.

10. Nell’istante santo, vedrai il sorriso del Cielo splendere sia su di te che su tuo fratello. 2E tu splenderai su di lui, in lieto riconoscimento della grazia che ti è stata data. 3Perché il peccato non prevarrà contro un’unione sulla quale il Cielo ha sorriso. 4La tua percezione è stata guarita nell’istante santo che il Cielo ti ha dato. 5Dimentica ciò che hai visto, ed alza gli occhi con fede su ciò che ora puoi vedere. 6Le barriere verso il Cielo scompariranno davanti alla tua vista santa, perché a te che non avevi la vista è stata data la visione e puoi vedere. 7Non cercare ciò che è stato eliminato, ma la gloria che è stata ripristinata perché tu la veda.

11. Guarda il tuo Redentore e vedi ciò che ti vuole mostrare in tuo fratello, e non permettere al peccato di sorgere ancora ad accecare i tuoi occhi. 2Perché il peccato vuol mantenerti separato da lui, ma il tuo Redentore vuole che tu veda tuo fratello come te stesso. 3La tua relazione è ora un tempio di guarigione: un luogo dove tutti coloro che sono stanchi possono venire a riposare. 4Qui c’è il riposo che attende tutti, dopo il viaggio. 5Ed è portato più vicino a tutti dalla tua relazione.

IV. The Obstacles to Peace
T-19.IV.1. As peace extends from deep inside yourself to embrace all the Sonship and give it rest, it will encounter many obstacles. Some of them you will try to impose. Others will seem to arise from elsewhere; from your brothers, and from various aspects of the world outside. Yet peace will gently cover them, extending past completely unencumbered. The extension of the Holy Spirit’s purpose from your relationship to others, to bring them gently in, is the way in which He will bring means and goal in line. The peace He lay, deep within you and your brother, will quietly extend to every aspect of your life, surrounding you and your brother with glowing happiness and the calm awareness of complete protection. And you will carry its message of love and safety and freedom to everyone who draws nigh unto your temple, where healing waits for him. You will not wait to give him this, for you will call to him and he will answer you, recognizing in your call the Call for God. And you will draw him in and give him rest, as it was given you.

T-19.IV.2. All this will you do. Yet the peace that already lies deeply within must first expand, and flow across the obstacles you placed before it. This will you do, for nothing undertaken with the Holy Spirit remains unfinished. You can indeed be sure of nothing you see outside you, but of this you can be sure: The Holy Spirit asks that you offer Him a resting place where you will rest in Him. He answered you, and entered your relationship. Would you not now return His graciousness, and enter into a relationship with Him? For it is He Who offered your relationship the gift of holiness, without which it would have been forever impossible to appreciate your brother.

T-19.IV.3. The gratitude you owe to Him He asks but that you receive for Him. And when you look with gentle graciousness upon your brother, you are beholding Him. For you are looking where He is, and not apart from Him. You cannot see the Holy Spirit, but you can see your brothers truly. And the light in them will show you all that you need to see. When the peace in you has been extended to encompass everyone, the Holy Spirit’s function here will be accomplished. What need is there for seeing, then? When God has taken the last step Himself, the Holy Spirit will gather all the thanks and gratitude that you have offered Him, and lay them gently before His Creator in the Name of His most holy Son. And the Father will accept them in His Name. What need is there of seeing, in the presence of His gratitude?

IV. Gli ostacoli alla pace
1. Quando la pace si estenderà dal profondo di te stesso per abbracciare tutta la Figliolanza ed offrirle riposo, incontrerà molti ostacoli. 2Cercherai di imporre alcuni di essi. 3Altri potranno sembrare emergere da altre fonti: dai tuoi fratelli e da vari aspetti del mondo esterno. 4Tuttavia la pace li coprirà dolcemente, estendendosi oltre essi, totalmente libera. 5L’estensione dello scopo dello Spirito Santo dalla tua relazione verso gli altri, per portarli dolcemente all’interno di essa, è il modo in cui Egli allineerà i mezzi e il fine. 6La pace che Egli ha posto profondamente dentro di te e tuo fratello, si estenderà quietamente ad ogni aspetto della tua vita, circondando te e tuo fratello di una felicità luminosa e della calma consapevolezza di essere completamente protetti. 7E tu porterai il suo messaggio d’amore, di sicurezza e di libertà a chiunque si avvicini al tuo tempio, dove la guarigione lo attende. 8Non aspetterai a dargli ciò, perché lo chiamerai e lui ti risponderà, riconoscendo nel tuo richiamo il Richiamo a Dio. 9E lo attrarrai e gli offrirai riposo, così come ti è stato dato.

2. Tu farai tutto ciò. 2Tuttavia la pace che già si trova nel profondo di te stesso deve prima espandersi e attraversare gli ostacoli che le hai posto dinanzi. 3Farai questo, perché niente di ciò che viene intrapreso con lo Spirito Santo resta incompiuto. 4Non puoi essere davvero certo di niente che vedi fuori di te, ma di questo puoi essere certo: lo Spirito Santo chiede che tu Gli offra un luogo di riposo dove riposerai in Lui. 5Egli ti ha risposto, ed è entrato nella tua relazione. 6Non vuoi restituire ora la Sua cortesia ed entrare in relazione con Lui? 7Perché è Lui Che ha offerto alla tua relazione il dono della santità, senza il quale sarebbe stato per sempre impossibile apprezzare tuo fratello.

3. Egli ti chiede solo che tu riceva per Lui la gratitudine che Gli devi. 2E quando guarderai con dolce cortesia tuo fratello, vedrai Lui. 3Perché guarderai dove Egli è, e non separato da Lui. 4Tu non puoi vedere lo Spirito Santo, ma puoi vedere i tuoi fratelli come sono veramente. 5E la luce in loro ti mostrerà tutto ciò che hai bisogno di vedere. 6Quando la pace in te si sarà estesa per abbracciare tutti, la funzione dello Spirito Santo qui sarà stata adempiuta. 7Che bisogno c’è di vedere, allora? 8Quando Dio avrà intrapreso Egli Stesso l’ultimo passo, lo Spirito Santo riunirà ogni ringraziamento e gratitudine che tu Gli avrai offerto e li deporrà dolcemente davanti al Suo Creatore nel Nome del Suo santissimo Figlio. 9E il Padre li accetterà nel Suo Nome. 10Che bisogno c’è di vedere, in presenza della Sua gratitudine?

A. The First Obstacle: The Desire to Get Rid of It
T-19.IV.A.1. The first obstacle that peace must flow across is your desire to get rid of it. For it cannot extend unless you keep it. You are the center from which it radiates outward, to call the others in. You are its home; its tranquil dwelling place from which it gently reaches out, but never leaving you. If you would make it homeless, how can it abide within the Son of God? If it would spread across the whole creation, it must begin with you, and from you reach to everyone who calls, and bring him rest by joining you.

T-19.IV.A.2. Why would you want peace homeless? What do you think that it must dispossess to dwell with you? What seems to be the cost you are so unwilling to pay? The little barrier of sand still stands between you and your brother. Would you reinforce it now? You are not asked to let it go for yourself alone. Christ asks it of you for Himself. He would bring peace to everyone, and how can He do this except through you? Would you let a little bank of sand, a wall of dust, a tiny seeming barrier, stand between your brothers and salvation? And yet, this little remnant of attack you cherish still against your brother is the first obstacle the peace in you encounters in its going forth. This little wall of hatred would still oppose the Will of God, and keep it limited.

T-19.IV.A.3. The Holy Spirit’s purpose rests in peace within you. Yet you are still unwilling to let it join you wholly. You still oppose the Will of God, just by a little. And that little is a limit you would place upon the whole. God’s Will is One, not many. It has no opposition, for there is none beside it. What you would still contain behind your little barrier and keep separate from your brother seems mightier than the universe, for it would hold back the universe and its Creator. This little wall would hide the purpose of Heaven, and keep it from Heaven.

T-19.IV.A.4. Would you thrust salvation away from the giver of salvation? For such have you become. Peace could no more depart from you than from God. Fear not this little obstacle. It cannot contain the Will of God. Peace will flow across it, and join you without hindrance. Salvation cannot be withheld from you. It is your purpose. You cannot choose apart from this. You have no purpose apart from your brother, nor apart from the one you asked the Holy Spirit to share with you. The little wall will fall away so quietly beneath the wings of peace. For peace will send its messengers from you to all the world, and barriers will fall away before their coming as easily as those that you interpose will be surmounted.

T-19.IV.A.5. To overcome the world is no more difficult than to surmount your little wall. For in the miracle of your holy relationship, without this barrier, is every miracle contained. There is no order of difficulty in miracles, for they are all the same. Each is a gentle winning over from the appeal of guilt to the appeal of love. How can this fail to be accomplished, wherever it is undertaken?. Guilt can raise no real barriers against it. And all that seems to stand between you and your brother must fall away because of the appeal you answered. From you who answered, He Who answered you would call. His home is in your holy relationship. Do not attempt to stand between Him and His holy purpose, for it is yours. But let Him quietly extend the miracle of your relationship to everyone contained in it as it was given.

T-19.IV.A.6. There is a hush in Heaven, a happy expectancy, a little pause of gladness in acknowledgment of the journey’s end. For Heaven knows you well, as you know Heaven. No illusions stand between you and your brother now. Look not upon the little wall of shadows. The sun has risen over it. How can a shadow keep you from the sun? No more can you be kept by shadows from the light in which illusions end. Every miracle is but the end of an illusion. Such was the journey; such its ending. And in the goal of truth which you accepted must all illusions end.

T-19.IV.A.7. The little insane wish to get rid of Him Whom you invited in and push Him out must produce conflict. As you look upon the world, this little wish, uprooted and floating aimlessly, can land and settle briefly upon anything, for it has no purpose now. Before the Holy Spirit entered to abide with you it seemed to have a mighty purpose; the fixed and unchangeable dedication to sin and its results. Now it is aimless, wandering pointlessly, causing no more than tiny interruptions in love’s appeal.

T-19.IV.A.8. This feather of a wish, this tiny illusion, this microscopic remnant of the belief in sin, is all that remains of what once seemed to be the world. It is no longer an unrelenting barrier to peace. Its pointless wandering makes its results appear to be more erratic and unpredictable than before. Yet what could be more unstable than a tightly organized delusional system? Its seeming stability is its pervasive weakness, which extends to everything. The variability the little remnant induces merely indicates its limited results.

T-19.IV.A.9. How mighty can a little feather be before the great wings of truth? Can it oppose an eagle’s flight, or hinder the advance of summer? Can it interfere with the effects of summer’s sun upon a garden covered by the snow? See but how easily this little wisp is lifted up and carried away, never to return, and part with it in gladness, not regret. For it is nothing in itself, and stood for nothing when you had greater faith in its protection. Would you not rather greet the summer sun than fix your gaze upon a disappearing snowflake, and shiver in remembrance of the winter’s cold?

A. Il primo ostacolo: il desiderio di liberarsene
1. Il primo ostacolo attraverso cui deve fluire la pace è il tuo desiderio di liberartene. 2Perché non può estendersi a meno che tu non la mantenga. 3Tu sei il centro dal quale si irradia verso l’esterno, per invitare gli altri ad entrare. 4Tu sei la sua casa: la sua quieta dimora dalla quale dolcemente si propaga, ma senza mai lasciarti. 5Se la privi della sua casa, come può dimorare dentro il Figlio di Dio? 6Se si deve diffondere nell’intera creazione, deve incominciare da te, e da te raggiungere chiunque chiami e portargli riposo unendosi a te.

2. Perché vuoi che la pace sia senza dimora? 2Cosa pensi che debba portare via per dimorare con te? 3Quale sembra essere il prezzo che sei così non disposto a pagare? 4La piccola barriera di sabbia continua a frapporsi tra te e tuo fratello. 5Vuoi rafforzarla adesso? 6Non ti viene chiesto di lasciarla andare solo per te stesso. 7Cristo te lo chiede per Se Stesso. 8Egli vuole portare pace a ognuno e come può farlo se non attraverso di te? 9Vuoi forse permettere ad un piccolo banco di sabbia, una parete di polvere, una minuscola apparente barriera, di frapporsi tra i tuoi fratelli e la salvezza? 10E tuttavia questo piccolo residuo di attacco che continui a nutrire contro tuo fratello è il primo ostacolo che la pace che è in te incontra nel suo procedere. 11Questa piccola parete di odio continua ad opporsi alla Volontà di Dio e a mantenerla limitata.

3. Lo scopo dello Spirito Santo rimane in pace dentro di te. 2Tuttavia tu non sei ancora disposto a permettergli di unirsi interamente a te. 3Continui ad opporti ancora un poco alla Volontà di Dio. 4E quel poco è un limite che poni sull’intero. 5La Volontà di Dio è Una, non molte. 6Non ha opposti, perché non ce n’è un’altra oltre ad essa. 7Ciò che vuoi ancora contenere dietro la tua piccola barriera e mantenere separato da tuo fratello, sembra più potente dell’universo, perché vuole trattenere l’universo ed il suo Creatore. 8Questa piccola parete vuole nascondere lo scopo del Cielo e mantenerlo lontano dal Cielo.

4. Vuoi forse rifiutare la salvezza che ti offre colui che dà la salvezza? 2Perché è questo che sei diventato. 3La pace non può allontanarsi da te più di quanto possa farlo da Dio. 4Non aver paura di questo piccolo ostacolo. 5Non può limitare la Volontà di Dio. 6La pace fluirà attraverso di esso e si unirà a te senza ostacoli. 7La salvezza non può esserti negata. 8È il tuo scopo. 9Non puoi scegliere nient’altro che questo. 10Non hai nessuno scopo separato da tuo fratello, né separato da quello che hai chiesto allo Spirito Santo di condividere con te. 11La piccola parete cadrà così, dolcemente, sotto le ali della pace. 12Perché la pace invierà i suoi messaggeri da te a tutto il mondo e le barriere cadranno facilmente davanti alla loro venuta così come saranno superate quelle che tu interponi.

5. Vincere il mondo non è più difficile che sormontare la tua piccola parete. 2Perché ogni miracolo è contenuto nel miracolo della tua relazione santa, senza questa barriera. 3Non c’è ordine di difficoltà nei miracoli, perché sono tutti la stessa cosa. 4Ognuno è una dolce vittoria dall’attrattiva della colpa all’attrattiva dell’amore. 5Come può non essere compiuto ciò, ovunque venga intrapreso? 6La colpa non può erigere alcuna barriera reale contro di essa. 7E tutto ciò che sembra frapporsi tra te e tuo fratello deve sgretolarsi grazie al richiamo al quale hai risposto. 8Da te che hai risposto, chiama Colui Che ti ha risposto. 9La Sua dimora è nella tua relazione santa. 10Non cercare di frapporti tra Lui ed il Suo santo scopo, perché è il tuo. 11Ma lascia che Egli estenda dolcemente il miracolo della tua relazione a tutti coloro che sono contenuti in essa così come è stato dato.

6. C’è un silenzio in Cielo, una lieta aspettativa, una piccola pausa di felicità nel riconoscere la fine del viaggio. 2Perché il Cielo ti conosce bene, come tu conosci il Cielo. 3Nessuna illusione si frappone tra te e tuo fratello ora. 4Non vedere la piccola parete di ombre. 5Il sole è sorto su di essa. 6Come può un’ombra tenerti lontano dal sole? 7Né tanto meno puoi far sì che le ombre ti tengano lontano dalla luce nella quale le illusioni finiscono. 8Ogni miracolo non è che la fine di un’illusione. 9Tale era il viaggio: tale la sua fine. 10E tutte le illusioni devono finire nell’obiettivo della verità che tu hai accettato.

7. Il piccolo, folle desiderio di liberarti di Colui Che hai invitato ad entrare, e di cacciarLo fuori, deve produrre conflitto. 2Mentre osservi il mondo, questo piccolo desiderio, sradicato e fluttuante senza meta, può deporsi e assestarsi brevemente su qualsiasi cosa, perché ora non ha più scopo. 3Prima che lo Spirito Santo entrasse per dimorare con te, sembrava avere uno scopo enorme: la dedizione fissa ed immutabile al peccato ed ai suoi risultati. 4Ora è senza meta e vaga inutilmente, e non provoca altro che minuscole interruzioni all’attrattiva dell’amore.

8. Quest’inezia di desiderio, questa minuscola illusione, questo microscopico residuo della credenza nel peccato, è tutto ciò che resta di ciò che una volta sembrava essere il mondo. 2Non è più un’implacabile barriera alla pace. 3Il suo vagare senza senso fa apparire i suoi risultati più erratici ed imprevedibili di prima. 4Tuttavia cosa può essere maggiormente instabile di un sistema delirante rigidamente organizzato? 5La sua apparente stabilità è la sua debolezza diffusa, che si estende ad ogni cosa. 6La variabilità che il piccolo residuo induce, indica semplicemente i suoi risultati limitati.

9. Quanto può essere potente una piccola piuma a confronto delle grandi ali della verità? 2Può forse opporsi al volo di un’aquila, o impedire l’avanzare dell’estate? 3Può interferire con gli effetti del sole estivo su un giardino coperto di neve? 4Vedi solo con che facilità questo piccolo filo di fumo viene sollevato e portato via, per non tornare mai più, e separatene con gioia, non con rammarico. 5Perché di per sé non è niente e non rappresentava niente quando avevi una fede maggiore nella sua protezione. 6Non vuoi piuttosto dare il benvenuto al sole estivo, anziché tenere lo sguardo fisso su un fiocco di neve che scompare e rabbrividisce al ricordo del freddo invernale?

i. The Attraction of Guilt
T-19.IV.A.10. The attraction of guilt produces fear of love, for love would never look on guilt at all. It is the nature of love to look upon only the truth, for there it sees itself, with which it would unite in holy union and completion. As love must look past fear, so must fear see love not. For love contains the end of guilt, as surely as fear depends on it. Love is attracted only to love. Overlooking guilt completely, it sees no fear. Being wholly without attack, it could not be afraid. Fear is attracted to what love sees not, and each believes that what the other looks upon does not exist. Fear looks on guilt with just the same devotion that love looks on itself. And each has messengers which it sends forth, and which return to it with messages written in the language in which their going forth was asked.

T-19.IV.A.11. Love’s messengers are gently sent, and return with messages of love and gentleness. The messengers of fear are harshly ordered to seek out guilt, and cherish every scrap of evil and of sin that they can find, losing none of them on pain of death, and laying them respectfully before their lord and master. Perception cannot obey two masters, each asking for messages of different things in different languages. What fear would feed upon, love overlooks. What fear demands, love cannot even see. The fierce attraction that guilt holds for fear is wholly absent from love’s gentle perception. What love would look upon is meaningless to fear, and quite invisible.

T-19.IV.A.12. Relationships in this world are the result of how the world is seen. And this depends on which emotion was called on to send its messengers to look upon it, and return with word of what they saw. Fear’s messengers are trained through terror, and they tremble when their master calls on them to serve him. For fear is merciless even to its friends. Its messengers steal guiltily away in hungry search of guilt, for they are kept cold and starving and made very vicious by their master, who allows them to feast only upon what they return to him. No little shred of guilt escapes their hungry eyes. And in their savage search for sin they pounce on any living thing they see, and carry it screaming to their master, to be devoured.

T-19.IV.A.13. Send not these savage messengers into the world, to feast upon it and to prey upon reality. For they will bring you word of bones and skin and flesh. They have been taught to seek for the corruptible, and to return with gorges filled with things decayed and rotted. To them such things are beautiful, because they seem to allay their savage pangs of hunger. For they are frantic with the pain of fear, and would avert the punishment of him who sends them forth by offering him what they hold dear.

T-19.IV.A.14. The Holy Spirit has given you love’s messengers to send instead of those you trained through fear. They are as eager to return to you what they hold dear as are the others. If you send them forth, they will see only the blameless and the beautiful, the gentle and the kind. They will be as careful to let no little act of charity, no tiny expression of forgiveness, no little breath of love escape their notice. And they will return with all the happy things they found, to share them lovingly with you. Be not afraid of them. They offer you salvation. Theirs are the messages of safety, for they see the world as kind.

T-19.IV.A.15. If you send forth only the messengers the Holy Spirit gives you, wanting no messages but theirs, you will see fear no more. The world will be transformed before your sight, cleansed of all guilt and softly brushed with beauty. The world contains no fear that you laid not upon it. And none you cannot ask love’s messengers to remove from it, and see it still. The Holy Spirit has given you His messengers to send to your brother and return to you with what love sees. They have been given to replace the hungry dogs of fear you sent instead. And they go forth to signify the end of fear.

T-19.IV.A.16. Love, too, would set a feast before you, on a table covered with a spotless cloth, set in a quiet garden where no sound but singing and a softly joyous whispering is ever heard. This is a feast that honors your holy relationship, and at which everyone is welcomed as an honored guest. And in a holy instant grace is said by everyone together, as they join in gentleness before the table of communion. And I will join you there, as long ago I promised and promise still. For in your new relationship am I made welcome. And where I am made welcome, there I am.

T-19.IV.A.17. I am made welcome in the state of grace, which means you have at last forgiven me. For I became the symbol of your sin, and so I had to die instead of you. To the ego sin means death, and so atonement is achieved through murder. Salvation is looked upon as a way by which the Son of God was killed instead of you. Yet would I offer you my body, you whom I love, knowing its littleness? Or would I teach that bodies cannot keep us apart? Mine was of no greater value than yours; no better means for communication of salvation, but not its Source. No one can die for anyone, and death does not atone for sin. But you can live to show it is not real. The body does appear to be the symbol of sin while you believe that it can get you what you want. While you believe that it can give you pleasure, you will also believe that it can bring you pain. To think you could be satisfied and happy with so little is to hurt yourself, and to limit the happiness that you would have calls upon pain to fill your meager store and make your life complete. This is completion as the ego sees it. For guilt creeps in where happiness has been removed, and substitutes for it. Communion is another kind of completion, which goes beyond guilt, because it goes beyond the body.

i. L’attrattiva della colpa
10. L’attrattiva della colpa produce la paura dell’amore, perché l’amore non vede affatto la colpa. 2È nella natura dell’amore vedere solo la verità, con cui si vuole unire in una unione santa e nel completamento, perché lì vede se stesso. 3Come l’amore non può che guardare oltre la paura, allo stesso modo la paura non può vedere l’amore. 4Perché l’amore contiene la fine della colpa, proprio come la paura dipende da essa. 5L’amore è attratto solo dall’amore. 6Guardando completamente oltre la colpa, non vede la paura. 7Essendo interamente senza attacco, non può avere paura. 8La paura viene attratta da ciò che l’amore non vede ed ognuno di essi crede che ciò che l’altro vede non esista. 9La paura guarda la colpa proprio con la stessa devozione con cui l’amore guarda se stesso. 10Ed ognuno invia dei messaggeri che ritornano con messaggi scritti nel linguaggio che è stato utilizzato quando sono stati inviati.

11. I messaggeri dell’amore sono inviati dolcemente e tornano con messaggi d’amore e dolcezza. 2Ai messaggeri della paura viene ordinato aspramente di cercare la colpa e di aver caro ogni brandello di male e di peccato che riescono a trovare, senza perderne alcuno sotto pena di morte e deponendoli rispettosamente davanti alla loro signora e maestra. 3La percezione non può obbedire a due maestri, ciascuno dei quali chiede messaggi di cose diverse in linguaggi diversi. 4L’amore guarda al di là di ciò di cui la paura si alimenta. 5L’amore non riesce nemmeno a vedere ciò che la paura esige. 6La crudele attrattiva che la colpa ha per la paura, è interamente assente dalla dolce percezione dell’amore. 7Ciò che l’amore vede, per la paura è senza significato e del tutto invisibile.

12. Le relazioni di questo mondo sono il risultato di come viene visto il mondo. 2E ciò dipende dall’emozione a che è stata invitata a mandare i propri messaggeri perché lo guardassero e ritornassero con parole che esprimessero ciò che avevano visto. 3I messaggeri della paura sono addestrati col terrore e tremano quando la loro padrona li chiama a servirla. 4Perché la paura è spietata persino con i suoi amici. 5I suoi messaggeri avanzano furtivamente con aria colpevole all’affamata ricerca della colpa, perché sono tenuti al freddo ed affamati e sono stati resi molto feroci dalla loro padrona, che permette loro di banchettare solo con ciò che le restituiscono. 6Nessun frammento di colpa sfugge ai loro occhi affamati. 7E, nella loro ricerca selvaggia del peccato, si scagliano su ogni cosa vivente che vedono e la portano urlando alla loro padrona perché sia divorata.

13. Non inviare nel mondo questi messaggeri selvaggi a banchettare con esso e a predare sulla realtà. 2Perché ti porteranno notizie di ossa, pelle e carne. 3È stato loro insegnato a cercare ciò che è corruttibile e a ritornare con le fauci piene di cose deteriorate e putrefatte. 4Per loro queste cose sono belle, perché sembrano lenire i selvaggi morsi della loro fame. 5Perché sono resi frenetici dal dolore causato dalla paura e vogliono allontanare la punizione di colui che li invia offrendogli ciò che gli sta a cuore.

14. Lo Spirito Santo ti ha dato messaggeri d’amore da inviare invece di quelli che hai addestrato con la paura. 2Essi sono altrettanto impazienti quanto gli altri di riportarti ciò che sta loro a cuore. 3Se li invii, vedranno solo ciò che è bello e senza colpa, dolce e gentile. 4Essi saranno altrettanto attenti a non permettere ad alcun atto di carità, ad alcuna più minuscola espressione di perdono, a nessun piccolo sospiro d’amore, di sfuggire alla loro attenzione. 5E ritorneranno con tutte le cose felici che danno trovato per condividerle amorevolmente con te. 6Non aver paura di loro. 7Ti offrono la salvezza. 8I loro sono messaggi di sicurezza, perché vedono il mondo come un luogo buono.

15. Se invii unicamente i messaggeri che ti dà lo Spirito Santo e non desideri altri messaggi che i loro, non vedrai più alcuna paura. 2Il mondo sarà trasformato alla tua vista, pulito di tutta la colpa e delicatamente sfiorato dalla bellezza. 3Il mondo non contiene paura che non vi sia stata posta da te. 4E non ve n’è alcuna che tu possa continuare a vedere, dopo aver chiesto ai messaggeri dell’amore di eliminarla dal mondo. 5Lo Spirito Santo ti ha dato i Suoi messaggeri da inviare a tuo fratello per riportarti ciò che viene visto dall’amore. 6Ti sono stati dati per sostituire i cani affamati della paura che avevi inviato al loro posto. 7Ed essi vanno avanti per far sapere che la paura è finita.

16. Anche l’amore vuole preparare un banchetto per te, su una tavola coperta con una tovaglia immacolata, imbandita in un calmo giardino dove solo il suono di un canto e un lieve gioioso sussurro può essere udito. 2Questo è un banchetto che onora la tua relazione santa e al quale tutti sono ospiti benvenuti ed onorati. 3E in un istante santo la grazia si esprime da tutti quanti insieme, quando si uniscono con dolcezza davanti alla tavola della comunione. 4Ed io mi unirò a voi lì, come ho promesso molto tempo fa e prometto ancora. 5Perché nella tua nuova relazione mi si dà il benvenuto. 6E dove mi si dà il benvenuto, lì sono.

17. Mi si dà il benvenuto nello stato di grazia, che significa che mi hai alfine perdonato. 2Perché io sono diventato il simbolo del tuo peccato e quindi ho dovuto morire al tuo posto. 3Per l’ego il peccato significa morte e quindi la Riconciliazione si raggiunge tramite l’assassinio. 4La salvezza viene vista come un modo mediante il quale il Figlio di Dio è stato ucciso al tuo posto. 5Tuttavia offrirei forse il mio corpo a te che amo, conoscendo la sua piccolezza? 6O ti insegnerei piuttosto che i corpi non possono tenerci separati? 7Il mio non valeva più del tuo: non è un mezzo migliore del tuo per comunicare la salvezza, ma non ne è la Fonte. 8Nessuno può morire per un altro e la morte non espia il peccato. 9Ma tu puoi vivere per dimostrare che ciò non è reale. 10Il corpo sembra essere il simbolo del peccato finché credi che possa farti ottenere ciò che vuoi. 11Finché crederai che possa darti piacere, crederai anche che possa recarti dolore. 12Pensare di poter essere soddisfatto e felice con così poco è ferire te stesso e limitare la felicità che vuoi avere e ricorrere al dolore per colmare la tua scarsa riserva e rendere completa la tua vita. 13Questo è il completamento così come lo vede l’ego. 14Perché la colpa si insinua dove la felicità è stata eliminata e la sostituisce. 15La comunione è un altro tipo di completamento, che va oltre la colpa, perché va oltre il corpo.2016/09/08

B. The Second Obstacle: The Belief the Body is Valuable for What It Offers
T-19.IV.B.1. We said that peace must first surmount the obstacle of your desire to get rid of it. Where the attraction of guilt holds sway, peace is not wanted. The second obstacle that peace must flow across, and closely related to the first, is the belief that the body is valuable for what it offers. For here is the attraction of guilt made manifest in the body, and seen in it.

T-19.IV.B.2. This is the value that you think peace would rob you of. This is what you believe that it would dispossess, and leave you homeless. And it is this for which you would deny a home to peace. This “sacrifice” you feel to be too great to make, too much to ask of you. Is it a sacrifice, or a release? What has the body really given you that justifies your strange belief that in it lies salvation? Do you not see that this is the belief in death? Here is the focus of the perception of Atonement as murder. Here is the source of the idea that love is fear.

T-19.IV.B.3. The Holy Spirit’s messengers are sent far beyond the body, calling the mind to join in holy communion and be at peace. Such is the message that I gave them for you. It is only the messengers of fear that see the body, for they look for what can suffer. Is it a sacrifice to be removed from what can suffer? The Holy Spirit does not demand you sacrifice the hope of the body’s pleasure; it has no hope of pleasure. But neither can it bring you fear of pain. Pain is the only “sacrifice” the Holy Spirit asks, and this He would remove.

T-19.IV.B.4. Peace is extended from you only to the eternal, and it reaches out from the eternal in you. It flows across all else. The second obstacle is no more solid than the first. For you want neither to get rid of peace nor limit it. What are these obstacles that you would interpose between peace and its going forth but barriers you place between your will and its accomplishment? You want communion, not the feast of fear. You want salvation, not the pain of guilt. And you want your Father, not a little mound of clay, to be your home. In your holy relationship is your Father’s Son. He has not lost communion with Him, nor with himself. When you agreed to join your brother, you acknowledged this is so. This has no cost, but it has release from cost.

T-19.IV.B.5. You have paid very dearly for your illusions, and nothing you have paid for brought you peace. Are you not glad that Heaven cannot be sacrificed, and sacrifice cannot be asked of you? There is no obstacle that you can place before our union, for in your holy relationship I am there already. We will surmount all obstacles together, for we stand within the gates and not outside. How easily the gates are opened from within, to let peace through to bless the tired world! Can it be difficult for us to walk past barriers together, when you have joined the limitless? The end of guilt is in your hands to give. Would you stop now to look for guilt in your brother?

T-19.IV.B.6. Let me be to you the symbol of the end of guilt, and look upon your brother as you would look on me. Forgive me all the sins you think the Son of God committed. And in the light of your forgiveness he will remember who he is, and forget what never was. I ask for your forgiveness, for if you are guilty, so must I be. But if I surmounted guilt and overcame the world, you were with me. Would you see in me the symbol of guilt or of the end of guilt, remembering that what I signify to you you see within yourself?

T-19.IV.B.7. From your holy relationship truth proclaims the truth, and love looks on itself. Salvation flows from deep within the home you offered to my Father and to me. And we are there together, in the quiet communion in which the Father and the Son are joined. O come ye faithful to the holy union of the Father and the Son in you! And keep you not apart from what is offered you in gratitude for giving peace its home in Heaven. Send forth to all the world the joyous message of the end of guilt, and all the world will answer. Think of your happiness as everyone offers you witness of the end of sin, and shows you that its power is gone forever. Where can guilt be, when the belief in sin is gone? And where is death, when its great advocate is heard no more?

PT-19.IV.B.8. Forgive me your illusions, and release me from punishment for what I have not done. So will you learn the freedom that I taught by teaching freedom to your brother, and so releasing me. I am within your holy relationship, yet you would imprison me behind the obstacles you raise to freedom, and bar my way to you. Yet it is not possible to keep away One Who is there already. And in Him it is possible that our communion, where we are joined already, will be the focus of the new perception that will bring light to all the world, contained in you.

B. Il secondo ostacolo: credere che il corpo abbia valore per ciò che offre
1. Abbiamo detto che la pace deve prima superare l’ostacolo del tuo desiderio di liberartene. 2Dove domina l’attrattiva della colpa non si vuole la pace. 3Il secondo ostacolo che la pace deve attraversare, e che è strettamente legato al primo, è il credere che il corpo abbia valore per ciò che offre. 4Perché qui l’attrattiva della colpa è resa manifesta nel corpo e vista in esso.

2. Questo è il valore che pensi la pace ti voglia rubare. 2Questo è ciò che credi ti voglia portar via per lasciarti senza casa. 3Ed è per questo che vuoi negare una dimora alla pace. 4Ti sembra che questo “sacrificio” sia troppo grande da fare, che ti venga chiesto troppo. 5È un sacrificio o una liberazione? 6Cosa ti ha veramente dato il corpo che giustifichi la tua strana credenza che in esso risieda la salvezza? 7Non vedi che questa è la credenza nella morte? 8Questo è il punto focale della percezione della Riconciliazione come assassinio. 9Questa è la fonte dell’idea che l’amore sia paura.

3. I messaggeri dello Spirito Santo sono inviati ben oltre il corpo, poiché invitano la mente ad unirsi in santa comunione e ad essere in pace. 2Tale è il messaggio che diedi loro per te. 3Sono solo i messaggeri della paura che vedono il corpo, perché essi cercano ciò che può soffrire. 4È forse un sacrificio essere separati da ciò che può soffrire? 5Lo Spirito Santo non esige che tu sacrifichi la speranza del piacere del corpo: esso non ha speranza di piacere. 6Ma neppure può portarti paura del dolore. 7Il dolore è il solo “sacrificio” chiesto dallo Spirito Santo, ed è questo che vuole eliminare.

4. La pace si estende da te solo verso ciò che è eterno e si propaga da ciò che in te è eterno. 2Fluisce attraverso tutto il resto. 3Il secondo ostacolo non è più solido del primo. 4Perché non vuoi né liberarti della pace né limitarla. 5Quali sono quegli ostacoli che vuoi interporre tra la pace ed il suo procedere, se non barriere che poni tra la tua volontà e la sua realizzazione? 6Tu vuoi la comunione, non il banchetto della paura. 7Tu vuoi la salvezza, non il dolore della colpa. 8E vuoi che tuo Padre, non una piccola montagnetta d’argilla, sia la tua dimora. 9Nella tua relazione santa c’è il Figlio di tuo Padre. 10Egli non ha perso la comunione con Lui, né con se stesso. 11Quando hai acconsentito a unirti a tuo fratello, hai riconosciuto che è così. 12Questo non non ha costo, ma ti libera dal costo.

5. Hai pagato a caro prezzo le tue illusioni e niente di ciò per cui hai pagato ti ha portato la pace. 2Non sei felice che il Cielo non possa essere sacrificato e che non ti possa essere chiesto sacrificio? 3Non c’è ostacolo che tu possa anteporre alla nostra unione, perché nella tua relazione santa io sono già lì. 4Supereremo insieme tutti gli ostacoli, perché siamo all’interno dei cancelli e non all’esterno. 5Come si aprono facilmente dall’interno i cancelli per far passare la pace che benedice il mondo sfinito! 6Può forse essere difficile per noi superare le barriere insieme, quando ti sei unito all’illimitato? 7Nelle tue mani hai la possibilità di porre fine alla colpa. 8Vuoi smettere ora di cercare la colpa in tuo fratello?

6. Lascia che io sia per te il simbolo della fine della colpa e vedi tuo fratello come vorresti vedere me. 2Perdonami per tutti i peccati che pensi che il Figlio di Dio abbia commesso. 3E alla luce del tuo perdono egli ricorderà chi è e dimenticherà ciò che non è mai stato. 4Chiedo il tuo perdono, perché se tu sei colpevole, anch’io devo esserlo. 5Ma se ho superato la colpa e vinto il mondo, tu eri con me. 6Vuoi vedere in me il simbolo della colpa o quello della fine della colpa, ricordando che ciò che significo per te tu lo vedi in te stesso?

7. Dalla tua relazione santa la verità proclama la verità e l’amore vede se stesso. 2La salvezza fluisce dal profondo dell’interno della dimora che hai offerto a mio Padre ed a me. 3E siamo lì insieme, nella silenziosa comunione in cui Padre e Figlio sono uniti. 4Oh, vieni con fede alla santa unione del Padre e del Figlio in te! 5E non tenerti separato da ciò che ti viene offerto in gratitudine per aver dato alla pace la sua dimora in Cielo. 6Manda a tutto il mondo il messaggio gioioso della fine della colpa e tutto il mondo risponderà. 7Pensa alla tua felicità man mano che ciascuno ti offre testimonianza della fine del peccato e ti mostra che il suo potere se n’è andato per sempre. 8Dove potrà mai essere la colpa quando la credenza nel peccato se ne sarà andata? 9E dove sarà la morte, quando il suo grande difensore non verrà più udito?

8. Perdonami le tue illusioni e liberami dalla punizione per ciò che non ho fatto. 2Così imparerai la libertà che ho insegnato, insegnando la libertà a tuo fratello e in tal modo mi libererai. 3Io sono nella tua relazione santa, tuttavia vuoi imprigionarmi dietro gli ostacoli che interponi alla libertà e sbarrarmi la strada verso di te. 4Tuttavia non è possibile tenere lontano Colui Che è già lì. 5E in Lui è possibile che la nostra comunione, dove siamo già uniti, sarà il punto focale della nuova percezione che porterà a tutto il mondo la luce contenuta in te.

i. The Attraction of Pain
T-19.IV.B.9. Your little part is but to give the Holy Spirit the whole idea of sacrifice. And to accept the peace He gives instead, without the limits that would hold its extension back, and so would limit your awareness of it. For what He gives must be extended if you would have its limitless power, and use it for the Son of God’s release. It is not this you would be rid of, and having it you cannot limit it. If peace is homeless, so are you and so am I. And He Who is our home is homeless with us. Is this your wish? Would you forever be a wanderer in search of peace? Would you invest your hope of peace and happiness in what must fail?

T-19.IV.B.10. Faith in the eternal is always justified, for the eternal is forever kind, infinite in its patience and wholly loving. It will accept you wholly, and give you peace. Yet it can unite only with what already is at peace in you, immortal as itself. The body can bring you neither peace nor turmoil; neither joy nor pain. It is a means, and not an end. It has no purpose of itself, but only what is given to it. The body will seem to be whatever is the means for reaching the goal that you assign to it. Only the mind can set a purpose, and only the mind can see the means for its accomplishment, and justify its use. Peace and guilt are both conditions of the mind, to be attained. And these conditions are the home of the emotion that calls them forth, and therefore is compatible with them.

T-19.IV.B.11. But think you which it is that is compatible with you. Here is your choice, and it is free. But all that lies in it will come with it, and what you think you are can never be apart from it. The body is the great seeming betrayer of faith. In it lies disillusionment and the seeds of faithlessness, but only if you ask of it what it cannot give. Can your mistake be reasonable grounds for depression and disillusionment, and for retaliative attack on what you think has failed you? Use not your error as the justification for your faithlessness. You have not sinned, but you have been mistaken in what is faithful. And the correction of your mistake will give you grounds for faith.

T-19.IV.B.12. It is impossible to seek for pleasure through the body and not find pain. It is essential that this relationship be understood, for it is one the ego sees as proof of sin. It is not really punitive at all. It is but the inevitable result of equating yourself with the body, which is the invitation to pain. For it invites fear to enter and become your purpose. The attraction of guilt must enter with it, and whatever fear directs the body to do is therefore painful. It will share the pain of all illusions, and the illusion of pleasure will be the same as pain.

T-19.IV.B.13. Is not this inevitable? Under fear’s orders the body will pursue guilt, serving its master whose attraction to guilt maintains the whole illusion of its existence. This, then, is the attraction of pain. Ruled by this perception the body becomes the servant of pain, seeking it dutifully and obeying the idea that pain is pleasure. It is this idea that underlies all of the ego’s heavy investment in the body. And it is this insane relationship that it keeps hidden, and yet feeds upon. To you it teaches that the body’s pleasure is happiness. Yet to itself it whispers, “It is death.”

T-19.IV.B.14. Why should the body be anything to you? Certainly what it is made of is not precious. And just as certainly it has no feeling. It transmits to you the feelings that you want. Like any communication medium the body receives and sends the messages that it is given. It has no feeling for them. All of the feeling with which they are invested is given by the sender and the receiver. The ego and the Holy Spirit both recognize this, and both also recognize that here the sender and receiver are the same. The Holy Spirit tells you this with joy. The ego hides it, for it would keep you unaware of it. Who would send messages of hatred and attack if he but understood he sends them to himself? Who would accuse, make guilty and condemn himself?

T-19.IV.B.15. The ego’s messages are always sent away from you, in the belief that for your message of attack and guilt will someone other than yourself suffer. And even if you suffer, yet someone else will suffer more. The great deceiver recognizes that this is not so, but as the “enemy” of peace, it urges you to send out all your messages of hate and free yourself. And to convince you this is possible, it bids the body search for pain in attack upon another, calling it pleasure and offering it to you as freedom from attack.

T-19.IV.B.16. Hear not its madness, and believe not the impossible is true. Forget not that the ego has dedicated the body to the goal of sin, and places in it all its faith that this can be accomplished. Its sad disciples chant the body’s praise continually, in solemn celebration of the ego’s rule. Not one but must believe that yielding to the attraction of guilt is the escape from pain. Not one but must regard the body as himself, without which he would die, and yet within which is his death equally inevitable.

T-19.IV.B.17. It is not given to the ego’s disciples to realize that they have dedicated themselves to death. Freedom is offered them but they have not accepted it, and what is offered must also be received, to be truly given. For the Holy Spirit, too, is a communication medium, receiving from the Father and offering His messages unto the Son. Like the ego, the Holy Spirit is both the sender and the receiver. For what is sent through Him returns to Him, seeking itself along the way, and finding what it seeks. So does the ego find the death it seeks, returning it to you.

i. L’attrattiva del dolore
9. La tua piccola parte non è che dare allo Spirito Santo l’intera idea di sacrificio. 2E accettare la pace che Egli dà al suo posto, senza i limiti che vogliono impedirne l’estensione e così limitarne la tua consapevolezza. 3Perché ciò che Egli dà deve essere esteso se vuoi avere il suo potere illimitato ed usarlo per la liberazione del Figlio di Dio. 4Non è questo ciò di cui vuoi liberarti e, dal momento che lo hai, non puoi limitarlo. 5Se la pace è senza dimora, anche tu lo sei e anch’io lo sono. 6E Colui Che è la nostra dimora è senza dimora con noi. 7È questo il tuo desiderio? 8Vuoi essere per sempre uno che vaga alla ricerca della pace? 9Vuoi investire la tua speranza di pace e felicità in ciò che non può che fallire?

10. La fede in ciò che è eterno è sempre giustificata, perché ciò che è eterno è per sempre gentile, infinitamente paziente e totalmente amorevole. 2Ti accetterà completamente e ti darà la pace. 3Tuttavia può unirsi solo con ciò che è già in pace in te, immortale come se stesso. 4Il corpo non può portarti né pace né tormento, né gioia né dolore. 5È un mezzo e non un fine. 6Non ha scopo di per sé, ma solo quello che gli viene dato. 7Il corpo sembrerà essere qualsiasi cosa sia il mezzo per raggiungere l’obiettivo che gli assegni. 8Solo la mente può fissare un obiettivo e solo la mente può vedere il mezzo per raggiungerlo e giustificarne l’utilizzo. 9Pace e colpa sono entrambe condizioni della mente, da raggiungere. 10E queste condizioni sono la dimora dell’emozione che le richiama e che è pertanto compatibile con esse.

11. Ma pensa qual è quella compatibile con te. 2Ecco la tua scelta che è libera. 3Ma tutto ciò che ne deriva verrà con essa, e ciò che pensi di essere non potrà mai esserne separato. 4Il corpo è il grande traditore apparente della fede. 5In esso si trova la disillusione ed i semi della mancanza di fede, ma solo se gli chiedi ciò che non può dare. 6Il tuo errore può forse essere una ragionevole causa di depressione e disillusione, e di un attacco vendicativo nei confronti di ciò che pensi ti abbia tradito? 7Non usare il tuo errore come giustificazione della tua mancanza di fede. 8Tu non hai peccato, ma ti sei sbagliato in merito a ciò che è degno di fiducia. 9E la correzione del tuo errore ti darà le motivazioni per avere fede.

12. È impossibile cercare piacere attraverso il corpo e non trovare il dolore. 2È essenziale che questa relazione venga compresa, perché è una relazione che l’ego vede come prova del peccato. 3In realtà non è affatto punitivo. 4Non è che il risultato inevitabile di considerarti un corpo, che è l’invito al dolore. 5Perché questo invita la paura ad entrare e a diventare il tuo scopo. 6L’attrattiva della colpa deve entrare con essa e qualsiasi cosa la paura faccia fare al corpo è pertanto dolorosa. 7Esso condividerà il dolore di ogni illusione e l’illusione di piacere sarà come quella del dolore.

13. Questo non è forse inevitabile? 2Agli ordini della paura il corpo perseguirà la colpa, servendo la sua padrona la cui attrattiva verso la colpa mantiene in essere l’intera illusione della sua esistenza. 3Questa, dunque, è l’attrattiva del dolore. 4Governato da questa percezione il corpo diventa il servo del dolore, cercandolo doverosamente ed obbedendo all’idea che il dolore sia piacere. 5È l’idea che sottostà a tutto il pesante investimento che l’ego ha nel corpo. 6Ed è questa folle relazione che mantiene nascosta e tuttavia alimenta. 7Ti insegna che il piacere del corpo è la felicità. 8Tuttavia a se stesso sussurra: “È la morte”.

14. Perché mai il corpo dovrebbe essere qualcosa per te? 2Certamente ciò di cui è fatto non è prezioso. 3Ed altrettanto certamente non può sentire nulla. 4Ti trasmette le sensazioni che vuoi. 5Come qualsiasi mezzo di comunicazione, il corpo riceve ed invia i messaggi che gli vengono dati. 6Non ha sentimenti per essi. 7Tutto il sentimento con cui vengono investiti viene dato loro da chi glieli invia e da chi li riceve. 8Sia l’ego che lo Spirito Santo riconoscono ciò ed entrambi riconoscono anche che qui chi invia e chi riceve i messaggi sono la stessa cosa. 9Lo Spirito Santo te lo dice con gioia. 10L’ego lo nasconde, perché vuole mantenerti inconsapevole di ciò. 11Chi invierebbe messaggi di odio ed attacco se soltanto capisse che li invia a se stesso? 12Chi accuserebbe, renderebbe colpevole e condannerebbe se stesso?

15. I messaggi dell’ego sono sempre inviati lontano da te, credendo che per i tuoi messaggi di attacco e colpa soffrirà qualcun altro diverso da te. 2E perfino se soffri, qualcun altro soffrirà di più. 3Il grande ingannatore riconosce che non è così, ma come “nemico” della pace, ti spinge ad inviare verso l’esterno tutti i tuoi messaggi di odio per liberarti. 4E per convincerti che ciò è possibile, invita la ricerca di dolore del corpo attraverso l’attacco ad un altro, chiamandolo piacere od offrendolo a te come libertà dall’attacco.

16. Non ascoltare la sua pazzia e non credere che l’impossibile sia vero. 2Non dimenticare che l’ego ha dedicato il corpo all’obiettivo del peccato ed ha posto in esso tutta la sua fede affinché questo possa essere raggiunto. 3I suoi tristi discepoli cantano continuamente lodi al corpo, in solenne celebrazione del dominio dell’ego. 4Nessuno potrà fare a meno di credere che cedendo all’attrattiva della colpa si sfugga al dolore. 5Nessuno potrà fare a meno di vedere se stesso come un corpo, senza il quale morirebbe e tuttavia all’interno del quale la sua morte è ugualmente inevitabile.

17. Non è dato, ai discepoli dell’ego, di rendersi conto che si sono dedicati alla morte. 2La libertà viene offerta loro, ma essi non l’hanno ricevuta e ciò che viene offerto deve anche essere accettato per essere dato veramente. 3Perché anche lo Spirito Santo è un mezzo di comunicazione, che riceve dal Padre ed offre i Suoi messaggi al Figlio. 4Come l’ego, lo Spirito Santo è sia chi invia che chi riceve. 5Perché ciò che viene inviato per Suo tramite ritorna a Lui, e così l’ego cerca se stesso lungo il cammino e trova ciò che cerca. 6E trova la morte che cerca, restituendotela.

C. The Third Obstacle: The Attraction of Death
T-19.IV.C.1. To you and your brother, in whose special relationship the Holy Spirit entered, it is given to release and be released from the dedication to death. For it was offered you, and you accepted. Yet you must learn still more about this strange devotion, for it contains the third obstacle that peace must flow across. No one can die unless he chooses death. What seems to be the fear of death is really its attraction. Guilt, too, is feared and fearful. Yet it could have no hold at all except on those who are attracted to it and seek it out. And so it is with death. Made by the ego, its dark shadow falls across all living things, because the ego is the “enemy” of life.

T-19.IV.C.2. And yet a shadow cannot kill. What is a shadow to the living? They but walk past and it is gone. But what of those whose dedication is not to live; the black-draped “sinners,” the ego’s mournful chorus, plodding so heavily away from life, dragging their chains and marching in the slow procession that honors their grim master, lord of death? Touch any one of them with the gentle hands of forgiveness, and watch the chains fall away, along with yours. See him throw aside the black robe he was wearing to his funeral, and hear him laugh at death. The sentence sin would lay upon him he can escape through your forgiveness. This is no arrogance. It is the Will of God. What is impossible to you who chose His Will as yours? What is death to you? Your dedication is not to death, nor to its master. When you accepted the Holy Spirit’s purpose in place of the ego’s you renounced death, exchanging it for life. We know that an idea leaves not its source. And death is the result of the thought we call the ego, as surely as life is the result of the Thought of God.

C. Il terzo ostacolo: l’attrattiva della morte
1. A te e a tuo fratello, nella cui relazione speciale è entrato lo Spirito Santo, è dato di liberare e di essere liberati dalla dedizione alla morte. 2Perché ti è stata offerta e tu l’hai accettata. 3Tuttavia devi imparare ancora di più su questa strana devozione, perché contiene il terzo ostacolo che la pace deve attraversare. 4Nessuno può morire a meno che non scelga la morte. 5Ciò che sembra essere la paura della morte è di fatto la sua attrattiva. 6Anche la colpa è temuta e fa paura. 7Tuttavia non potrebbe avere alcuna presa se non su coloro che ne sono attratti e la cercano. 8E così avviene per la morte. 9Fatta dall’ego, la sua ombra oscura cala su ogni cosa vivente, perché l’ego è il “nemico” della vita.

2. E tuttavia un’ombra non può uccidere. 2Cos’è un’ombra per chi è vivo? 3Questi l’attraversa ed essa non c’è più. 4Ma cosa ne è di coloro la cui dedizione non è per la vita: i “peccatori” vestiti di nero, il coro funereo dell’ego, che arrancano così pesantemente lontano dalla vita, trascinando le loro catene e marciando nella lenta processione che onora il loro torvo maestro, il signore della morte? 5Tocca uno qualsiasi di loro con le dolci mani del perdono e vedrai le catene cadere insieme alle tue. 6Vedilo gettar via il nero abbigliamento che indossava al suo funerale e sentilo ridere alla morte. 7Attraverso il tuo perdono egli può sfuggire alla sentenza che il peccato vuole gettare su di lui. 8Questa non è arroganza. 9È la Volontà di Dio. 10Cos’è impossibile per te che scegli la Sua Volontà come tua? 11Cos’è la morte per te? 12La tua dedizione non è per la morte, né per il suo maestro. 13Quando avrai accettato lo scopo dello Spirito Santo al posto di quello dell’ego avrai rinunciato alla morte, scambiandola con la vita. 14Sappiamo che un’idea non lascia la sua fonte. 15E la morte è il risultato del pensiero che chiamiamo ego, proprio come la vita è il risultato del Pensiero di Dio.

i. The Incorruptible Body
T-19.IV.C.3. From the ego came sin and guilt and death, in opposition to life and innocence, and to the Will of God Himself. Where can such opposition lie but in the sick minds of the insane, dedicated to madness and set against the peace of Heaven? One thing is sure; God, Who created neither sin nor death, wills not that you be bound by them. He knows of neither sin nor its results. The shrouded figures in the funeral procession march not in honor of their Creator, Whose Will it is they live. They are not following His Will; they are opposing it.

T-19.IV.C.4. And what is the black-draped body they would bury? A body which they dedicated to death, a symbol of corruption, a sacrifice to sin, offered to sin to feed upon and keep itself alive; a thing condemned, damned by its maker and lamented by every mourner who looks upon it as himself. You who believe you have condemned the Son of God to this are arrogant. But you who would release him are but honoring the Will of his Creator. The arrogance of sin, the pride of guilt, the sepulchre of separation, all are part of your unrecognized dedication to death. The glitter of guilt you laid upon the body would kill it. For what the ego loves, it kills for its obedience. But what obeys it not, it cannot kill.

T-19.IV.C.5. You have another dedication that would keep the body incorruptible and perfect as long as it is useful for your holy purpose. The body no more dies than it can feel. It does nothing. Of itself it is neither corruptible nor incorruptible. It is nothing. It is the result of a tiny, mad idea of corruption that can be corrected. For God has answered this insane idea with His Own; an Answer which left Him not, and therefore brings the Creator to the awareness of every mind which heard His Answer and accepted It.

T-19.IV.C.6. You who are dedicated to the incorruptible have been given through your acceptance, the power to release from corruption. What better way to teach the first and fundamental principle in a course on miracles than by showing you the one that seems to be the hardest can be accomplished first? The body can but serve your purpose. As you look on it, so will it seem to be. Death, were it true, would be the final and complete disruption of communication, which is the ego’s goal.

T-19.IV.C.7. Those who fear death see not how often and how loudly they call to it, and bid it come to save them from communication. For death is seen as safety, the great dark savior from the light of truth, the answer to the Answer, the silencer of the Voice that speaks for God. Yet the retreat to death is not the end of conflict. Only God’s Answer is its end. The obstacle of your seeming love for death that peace must flow across seems to be very great. For in it lie hidden all the ego’s secrets, all its strange devices for deception, all its sick ideas and weird imaginings. Here is the final end of union, the triumph of the ego’s making over creation, the victory of lifelessness on Life Itself.

T-19.IV.C.8. Under the dusty edge of its distorted world the ego would lay the Son of God, slain by its orders, proof in his decay that God Himself is powerless before the ego’s might, unable to protect the life that He created against the ego’s savage wish to kill. My brother, child of our Father, this is a dream of death. There is no funeral, no dark altars, no grim commandments nor twisted rituals of condemnation to which the body leads you. Ask not release of it. But free it from the merciless and unrelenting orders you laid upon it, and forgive it what you ordered it to do. In its exaltation you commanded it to die, for only death could conquer life. And what but insanity could look upon the defeat of God, and think it real?

T-19.IV.C.9. The fear of death will go as its appeal is yielded to love’s real attraction. The end of sin, which nestles quietly in the safety of your relationship, protected by your union with your brother, and ready to grow into a mighty force for God is very near. The infancy of salvation is carefully guarded by love, preserved from every thought that would attack it, and quietly made ready to fulfill the mighty task for which it was given you. Your newborn purpose is nursed by angels, cherished by the Holy Spirit and protected by God Himself. It needs not your protection; it is yours. For it is deathless, and within it lies the end of death.

T-19.IV.C.10. What danger can assail the wholly innocent? What can attack the guiltless? What fear can enter and disturb the peace of sinlessness? What has been given you, even in its infancy, is in full communication with God and you. In its tiny hands it holds, in perfect safety, every miracle you will perform, held out to you. The miracle of life is ageless, born in time but nourished in eternity. Behold this infant, to whom you gave a resting place by your forgiveness of your brother, and see in it the Will of God. Here is the babe of Bethlehem reborn. And everyone who gives him shelter will follow him, not to the cross, but to the resurrection and the life.

T-19.IV.C.11. When anything seems to you to be a source of fear, when any situation strikes you with terror and makes your body tremble and the cold sweat of fear comes over it, remember it is always for one reason; the ego has perceived it as a symbol of fear, a sign of sin and death. Remember, then, that neither sign nor symbol should be confused with source, for they must stand for something other than themselves. Their meaning cannot lie in them, but must be sought in what they represent. And they may thus mean everything or nothing, according to the truth or falsity of the idea which they reflect. Confronted with such seeming uncertainty of meaning, judge it not. Remember the holy Presence of the One given to you to be the Source of judgment. Give it to Him to judge for you, and say:

Take this from me and look upon it, judging it for me.
Let me not see it as a sign of sin and death, nor use it for destruction.
Teach me how not to make of it an obstacle to peace, but let You use it for me, to facilitate its coming.


i. Il corpo incorruttibile
3. Dall’ego sono venuti il peccato, la colpa e la morte, in opposizione alla vita e all’innocenza, e alla Volontà di Dio Stesso. 2Dove può risiedere tale opposizione se non nella mente malata dei folli, dedita alla pazzia e contrapposta alla pace del Cielo? 3Una cosa è certa: Dio, Che non ha creato né il peccato né la morte, non vuole che tu sia vincolato da loro. 4Egli non conosce né il peccato né i suoi risultati. 5Le figure velate nella processione funebre non marciano in onore del loro Creatore, la Cui Volontà è che essi vivano. 6Essi non stanno seguendo la Sua Volontà: vi si stanno opponendo. M

4. E cos’è il corpo drappeggiato di nero che vogliono sotterrare? 2Un corpo che essi hanno dedicato alla morte, un simbolo di corruzione, un sacrificio al peccato, offerto al peccato per alimentarlo e mantenerlo vivo: una cosa condannata, dannata da chi l’ha fatta e su cui piange ogni persona in lutto che la vede come se stesso. 3Tu, che credi di aver condannato a ciò il Figlio di Dio, sei arrogante. 4Ma tu che vuoi liberarlo stai solo onorando la Volontà del suo Creatore. 5L’arroganza del peccato, l’orgoglio della colpa, il sepolcro della separazione, sono tutti parte della tua non riconosciuta dedizione alla morte. 6Il luccichio della colpa che hai posto sul corpo lo ucciderà. 7Perché l’ego uccide ciò che ama, a causa della sua obbedienza. 8Ma non può uccidere chi non gli obbedisce.

5. Tu hai un’altra dedizione che manterrà incorruttibile e perfetto il corpo fintanto che sarà utile per il tuo scopo santo. 2Il corpo non muore più di quanto non possa sentire. 3Non fa nulla. 4Di per sé non è né corruttibile né incorruttibile. 5Non è niente. 6È il risultato di una minuscola, folle idea di corruzione che può essere corretta. 7Perché Dio ha risposto a questa folle idea con la Sua: una Risposta che non Lo ha lasciato, e che pertanto porta il Creatore alla consapevolezza di ogni mente che ha udito la Sua Risposta e L’ha accettata.

6. A te, che sei dedito a ciò che è incorruttibile, è stato dato, grazie alla tua accettazione, il potere di liberare dalla corruzione. 2Quale modo migliore per insegnare il primo e fondamentale principio in un corso sui miracoli se non quello di mostrarti che quello che sembra essere il più difficile può essere realizzato per primo? 3Il corpo non può che servire il tuo scopo. 4Esso ti apparirà a seconda di come lo guarderai. 5La morte, se fosse vera, sarebbe la dissoluzione finale e completa della comunicazione, che è l’obiettivo dell’ego.

7. Chi ha paura della morte non vede come la chiama spesso e ad alta voce, e quanto la invita a venirlo a salvare dalla comunicazione. 2Perché la morte viene vista come sicurezza, la grande e oscura salvatrice dalla luce della verità, la risposta alla Risposta, colui che zittisce la Voce che parla per Dio. 3Tuttavia il ritirarsi nella morte non è la fine del conflitto. 4Solo la Risposta di Dio è la sua fine. 5L’ostacolo del tuo apparente amore per la morte che la pace deve attraversare sembra essere molto grande. 6Perché in esso si trovano nascosti tutti i segreti dell’ego, tutti i suoi strani strumenti d’inganno, tutte le sue idee malate e le sue strane fantasie. 7Ecco la fine totale dell’unione, il trionfo di ciò che è fatto dall’ego sulla creazione, la vittoria di ciò che è senza vita sulla Vita Stessa.

8. Sotto l’orlo polveroso del suo mondo distorto, l’ego vuole mettere il Figlio di Dio, ucciso dai suoi ordini, prova nel suo decadimento che Dio Stesso è senza potere davanti alla potenza dell’ego, incapace di proteggere la vita che Egli ha creato contro il selvaggio desiderio di uccidere dell’ego. 2Fratello mio, bambino di nostro Padre, questo è un sogno di morte. 3Non c’è alcun funerale, né altari oscuri, nessun torvo comandamento né distorti rituali di condanna ai quali il corpo ti conduce. 4Non chiedere la liberazione da ciò. 5Ma liberalo dagli ordini spietati ed inesorabili che hai posto su di esso e perdonagli ciò che gli hai ordinato di fare. 6Esaltandolo lo hai condannato a morire, perché solo la morte potrebbe sconfiggere la vita. 7E cosa, se non la follia, potrebbe vedere la sconfitta di Dio e pensare che sia reale?

9. La paura della morte se ne andrà non appena il suo richiamo si arrenderà alla vera attrattiva dell’amore. 2La fine del peccato, che si rifugia quietamente nella sicurezza della tua relazione, protetta grazie alla tua unione con tuo fratello e pronta a diventare una potente forza in favore di Dio, è molto vicina. 3L’infanzia della salvezza viene attentamente protetta dall’amore, preservata da ogni pensiero che vuole attaccarla, e resa silenziosamente pronta a compiere il potente compito per il quale ti è stata data. 4Il tuo scopo appena nato viene nutrito dagli angeli, coltivato dallo Spirito Santo e protetto da Dio Stesso. 5Non ha bisogno della tua protezione: è tuo. 6Poiché è immortale ed in esso si trova la fine della morte.

10. Quale pericolo può assalire chi è totalmente innocente? 2Cosa può attaccare chi è senza colpa? 3Quale paura può entrare nella pace di chi è senza peccato e disturbarla? 4Ciò che ti è stato dato, persino nella sua fanciullezza, è in totale comunicazione con Dio e con te. 5Nelle sue minuscole mani egli tiene, in totale sicurezza, ogni miracolo che compirai, offerto a te. 6Il miracolo della vita è senza età, nato nel tempo ma nutrito nell’eternità. 7Guarda e vedi questo fanciullo, al quale hai dato un luogo per riposare per mezzo del tuo perdono di tuo fratello e vedi in esso la Volontà di Dio. 8Qui è rinato il bambino di Betlemme. 9E chiunque gli dia riparo lo seguirà, non sulla croce, ma verso la resurrezione e la vita.

11. Quando una cosa qualunque ti sembrerà essere una fonte di paura, quando una qualsiasi situazione ti causerà terrore e farà tremare il tuo corpo, ed il sudore freddo della paura lo ricoprirà, ricorda che è sempre per una sola ragione: l’ego lo ha percepito come simbolo di paura, un segno di peccato e di morte. 2Ricorda, allora, che né i segni né i simboli devono essere confusi con la fonte, perché non possono che rappresentare qualcosa di diverso da se stessi. 3Il loro significato non può trovarsi in loro, ma deve essere cercato in ciò che essi rappresentano. 4Ed essi devono così significare tutto o niente, secondo la verità o la falsità dell’idea che riflettono. 5A confronto con tale apparente incertezza di significato, non giudicarlo. 6Ricorda la santa Presenza di Colui che ti è dato perché sia la Fonte del giudizio. 7Dallo a Lui perché lo giudichi per te e dì: 8Prendi questo da me e guardalo, giudicandolo per me. 9Non lasciare che io lo veda come segno di peccato e di morte, né che lo usi per distruggere. 10Insegnami come non farne un ostacolo per la pace, ma usalo Tu per me, per facilitare la sua venuta.

D. The Fourth Obstacle: The Fear of God
T-19.IV.D.1. What would you see without the fear of death? What would you feel and think if death held no attraction for you? Very simply, you would remember your Father. The Creator of life, the Source of everything that lives, the Father of the universe and of the universe of universes, and of everything that lies even beyond them would you remember. And as this memory rises in your mind, peace must still surmount a final obstacle, after which is salvation completed, and the Son of God entirely restored to sanity. For here your world does end.

T-19.IV.D.2. The fourth obstacle to be surmounted hangs like a heavy veil before the face of Christ. Yet as His face rises beyond it, shining with joy because He is in His Father’s Love, peace will lightly brush the veil aside and run to meet Him, and to join with Him at last. For this dark veil, which seems to make the face of Christ Himself like to a leper’s, and the bright Rays of His Father’s Love that light His face with glory appear as streams of blood, fades in the blazing light beyond it when the fear of death is gone.

T-19.IV.D.3. This is the darkest veil, upheld by the belief in death and protected by its attraction. The dedication to death and to its sovereignty is but the solemn vow, the promise made in secret to the ego never to lift this veil, not to approach it, nor even to suspect that it is there. This is the secret bargain made with the ego to keep what lies beyond the veil forever blotted out and unremembered. Here is your promise never to allow union to call you out of separation; the great amnesia in which the memory of God seems quite forgotten; the cleavage of your Self from you; - - the fear of God, the final step in your dissociation.

T-19.IV.D.4. See how the belief in death would seem to “save” you. For if this were gone, what could you fear but life? It is the attraction of death that makes life seem to be ugly, cruel and tyrannical. You are no more afraid of death than of the ego. These are your chosen friends. For in your secret alliance with them you have agreed never to let the fear of God be lifted, so you could look upon the face of Christ and join Him in His Father.

T-19.IV.D.5. Every obstacle that peace must flow across is surmounted in just the same way; the fear that raised it yields to the love beyond, and so the fear is gone. And so it is with this. The desire to get rid of peace and drive the Holy Spirit from you fades in the presence of the quiet recognition that you love Him. The exaltation of the body is given up in favor of the spirit, which you love as you could never love the body. And the appeal of death is lost forever as love’s attraction stirs and calls to you. From beyond each of the obstacles to love, Love Itself has called. And each has been surmounted by the power of the attraction of what lies beyond. Your wanting fear seemed to be holding them in place. Yet when you heard the Voice of Love beyond them, you answered and they disappeared.

T-19.IV.D.6. And now you stand in terror before what you swore never to look upon. Your eyes look down, remembering your promise to your “friends.” The “loveliness” of sin, the delicate appeal of guilt, the “holy” waxen image of death, and the fear of vengeance of the ego you swore in blood not to desert, all rise and bid you not to raise your eyes. For you realize that if you look on this and let the veil be lifted, they will be gone forever. All of your “friends,” your “protectors” and your “home” will vanish. Nothing that you remember now will you remember.

T-19.IV.D.7. It seems to you the world will utterly abandon you if you but raise your eyes. Yet all that will occur is you will leave the world forever. This is the re-establishment of your will. Look upon it, open-eyed, and you will nevermore believe that you are at the mercy of things beyond you, forces you cannot control, and thoughts that come to you against your will. It is your will to look on this. No mad desire, no trivial impulse to forget again, no stab of fear nor the cold sweat of seeming death can stand against your will. For what attracts you from beyond the veil is also deep within you, unseparated from it and completely one.

D. Il quarto ostacolo: la paura di Dio
1. Cosa vedresti senza la paura della morte? 2Cosa proveresti e penseresti se la morte non avesse alcuna attrattiva per te? 3Molto semplicemente ricorderesti tuo Padre. 4Ricorderesti il Creatore della Vita, la Fonte di tutto ciò che vive, il Padre dell’universo e dell’universo degli universi e di tutto ciò che si trova persino al di là di essi. 5E quando questo ricordo affiorerà nella tua mente, la pace dovrà ancora superare un ultimo ostacolo, dopo il quale la salvezza sarà completata e il Figlio di Dio sarà totalmente ripristinato alla sanità mentale. 6Perché qui il tuo mondo finisce davvero.

2. Il quarto ostacolo da superare è appeso come un velo pesante davanti al volto di Cristo. 2Tuttavia non appena il Suo volto sorgerà oltre ad esso, risplendendo di gioia dal momento che Egli è nell’Amore di Suo Padre, la pace spazzerà via con leggerezza il velo e correrà per andarGli incontro e per unirsi infine a Lui. 3Perché questo velo oscuro, che sembra rendere il volto di Cristo Stesso come quello di un lebbroso e che fa sembrare come fiumi di sangue i Raggi luminosi dell’Amore di Suo Padre che illuminano il Suo volto di gloria, si dissolverà nella brillante luce che sta al di là di esso quando la paura della morte se ne sarà andata.

3. Questo è il velo più oscuro, sorretto dalla credenza nella morte e protetto dalla sua attrattiva. 2La dedizione alla morte ed alla sua sovranità non è che un voto solenne, la promessa fatta in segreto all’ego di non alzare mai questo velo, né di avvicinarvisi e nemmeno sospettare che ci sia. 3Questo è il patto segreto fatto con l’ego per mantenere nascosto, e dimenticato per sempre ciò che si trova oltre il velo. 4Ecco la tua promessa di non permettere mai all’unione di chiamarti fuori dalla separazione: la grande amnesia nella quale il ricordo di Dio sembra del tutto dimenticato; la scissione del tuo Sé da te: la paura di Dio, l’ultimo passo nella tua dissociazione.

4. Vedi come il credere nella morte sembra “salvarti”. 2Perché se si fosse dissolta, di cosa potresti aver paura se non della vita? 3È l’attrattiva della morte che fa sembrare brutta, crudele e tirannica la vita. 4Tu non hai più paura della morte di quanta non ne abbia dell’ego. 5Questi sono gli amici che hai scelto. 6Perché nella tua alleanza segreta con loro hai concordato di non permettere mai alla paura di Dio di venir sollevata in modo da poter vedere il volto di Cristo ed unirti a Lui in Suo Padre.

5. Ogni ostacolo attraverso il quale la pace deve fluire viene superato esattamente nello stesso modo: la paura che lo ha causato cede all’amore che sta al di là, e quindi la paura scompare. 2Ed è la stessa cosa con questo ostacolo. 3Il desiderio di liberarsi della pace e allontanare lo Spirito Santo da te, si dissolve in presenza del quieto riconoscimento che tu Lo ami. 4L’esaltazione del corpo viene abbandonata in favore dello spirito, che ami come non hai mai potuto amare il corpo. 5Ed il richiamo della morte è perduto per sempre non appena l’attrattiva dell’amore si muove e ti chiama. 6L’Amore Stesso ha chiamato da oltre ciascuno degli ostacoli all’amore. 7E ciascuno è stato superato dal potere dell’attrattiva di ciò che sta al di là di esso. 8Il fatto che tu volessi la paura sembrava mantenerli a posto. 9Tuttavia, quando hai udito la Voce dell’Amore che stava al di là di essi hai risposto e sono scomparsi.

6. Ed ora sei terrorizzato davanti a ciò che hai giurato di non vedere mai. 2I tuoi occhi guardano in basso, ricordando la promessa che hai fatto ai tuoi “amici”. 3L’“amorevolezza” del peccato, il delicato richiamo della colpa, la “santa” cerea immagine della morte e la paura della vendetta dell’ego, a cui hai giurato col sangue di non disertare, emergono tutte per dirti di non alzare gli occhi. 4Perché ti rendi conto che se guardi ciò che hai davanti e permetti al velo di alzarsi, essi scompariranno per sempre. 5Tutti i tuoi “amici”, i tuoi “protettori” e la tua “casa” svaniranno. 6Non ricorderai nulla di ciò che ricordi ora. 7. Ti sembra che il mondo ti abbandonerà completamente se soltanto alzerai gli occhi. 2Tuttavia tutto ciò che accadrà è che lascerai il mondo per sempre. 3Questa è la riconferma della tua volontà. 4Guardala, con gli occhi aperti, e non crederai mai più di essere alla mercé di cose che sono al di là di te, di forze che non puoi controllare e di pensieri che vengono a te contro la tua volontà. 5È tua volontà guardare ciò. 6Nessun folle desiderio, né impulso triviale a dimenticare di nuovo, nessuna fitta di paura né il gelido sudore della morte apparente, possono opporsi alla tua volontà. 7Perché ciò che ti attrae da oltre il velo è anche nel tuo profondo, inseparato da esso e completamente uno.

i. The Lifting of the Veil
19.IV.D.8. Forget not that you came this far together, you and your brother. And it was surely not the ego that led you here. No obstacle to peace can be surmounted through its help. It does not open up its secrets, and bid you look on them and go beyond them. It would not have you see its weakness, and learn it has no power to keep you from the truth. The Guide Who brought you here remains with you, and when you raise your eyes you will be ready to look on terror with no fear at all. But first, lift up your eyes and look on your brother in innocence born of complete forgiveness of his illusions, and through the eyes of faith that sees them not.

T-19.IV.D.9. No one can look upon the fear of God unterrified, unless he has accepted the Atonement and learned illusions are not real. No one can stand before this obstacle alone, for he could not have reached this far unless his brother walked beside him. And no one would dare to look on it without complete forgiveness of his brother in his heart. Stand you here a while and tremble not. You will be ready. Let us join together in a holy instant, here in this place where the purpose, given in a holy instant, has led you. And let us join in faith that He Who brought us here together will offer you the innocence you need, and that you will accept it for my love and His.

T-19.IV.D.10. Nor is it possible to look on this too soon. This is the place to which everyone must come when he is ready. Once he has found his brother he is ready. Yet merely to reach the place is not enough. A journey without a purpose is still meaningless, and even when it is over it seems to make no sense. How can you know that it is over unless you realize its purpose is accomplished? Here, with the journey’s end before you, you see its purpose. And it is here you choose whether to look upon it or wander on, only to return and make the choice again.

T-19.IV.D.11. To look upon the fear of God does need some preparation. Only the sane can look on stark insanity and raving madness with pity and compassion, but not with fear. For only if they share in it does it seem fearful, and you do share in it until you look upon your brother with perfect faith and love and tenderness. Before complete forgiveness you still stand unforgiving. You are afraid of God because you fear your brother. Those you do not forgive you fear. And no one reaches love with fear beside him.

T-19.IV.D.12. This brother who stands beside you still seems to be a stranger. You do not know him, and your interpretation of him is very fearful. And you attack him still, to keep what seems to be yourself unharmed. Yet in his hands is your salvation. You see his madness, which you hate because you share it. And all the pity and forgiveness that would heal it gives way to fear. Brother, you need forgiveness of your brother, for you will share in madness or in Heaven together. And you and he will raise your eyes in faith together, or not at all.

T-19.IV.D.13. Beside you is one who offers you the chalice of Atonement, for the Holy Spirit is in him. Would you hold his sins against him, or accept his gift to you? Is this giver of salvation your friend or enemy? Choose which he is, remembering that you will receive of him according to your choice. He has in him the power to forgive your sin, as you for him. Neither can give it to himself alone. And yet your savior stands beside each one. Let him be what he is, and seek not to make of love an enemy.

T-19.IV.D.14. Behold your Friend, the Christ Who stands beside you. How holy and how beautiful He is! You thought He sinned because you cast the veil of sin upon Him to hide His loveliness. Yet still He holds forgiveness out to you, to share His Holiness. This “enemy,” this “stranger” still offers you salvation as His Friend. The “enemies” of Christ, the worshippers of sin, know not Whom they attack.

T-19.IV.D.15. This is your brother, crucified by sin and waiting for release from pain. Would you not offer him forgiveness, when only he can offer it to you? For his redemption he will give you yours, as surely as God created every living thing and loves it. And he will give it truly, for it will be both offered and received. There is no grace of Heaven that you cannot offer to your brother, and receive from your most holy Friend. Let him withhold it not, for by receiving it you offer it to him. And he will receive of you what you received of him. Redemption has been given you to give your brother, and thus receive it. Whom you forgive is free, and what you give you share. Forgive the sins your brother thinks he has committed, and all the guilt you think you see in him.

T-19.IV.D.16. Here is the holy place of resurrection, to which we come again; to which we will return until redemption is accomplished and received. Think who your brother is, before you would condemn him. And offer thanks to God that he is holy, and has been given the gift of holiness for you. Join him in gladness, and remove all trace of guilt from his disturbed and tortured mind. Help him to lift the heavy burden of sin you laid upon him and he accepted as his own, and toss it lightly and with happy laughter away from him. Press it not like thorns against his brow, nor nail him to it, unredeemed and hopeless.

T-19.IV.D.17. Give faith to your brother, for faith and hope and mercy are yours to give. Into the hands that give, the gift is given. Look on your brother, and see in him the gift of God you would receive. It is almost Easter, the time of resurrection. Let us give redemption to each other and share in it, that we may rise as one in resurrection, not separate in death. Behold the gift of freedom that I gave the Holy Spirit for you. And be you and your brother free together, as you offer to the Holy Spirit this same gift. And giving it, receive it of Him in return for what you gave. He leadeth you and me together, that we might meet here in this holy place, and make the same decision.

T-19.IV.D.18. Free your brother here, as I freed you. Give him the selfsame gift, nor look upon him with condemnation of any kind. See him as guiltless as I look on you, and overlook the sins he thinks he sees within himself. Offer your brother freedom and complete release from sin, here in the garden of seeming agony and death. So will we prepare together the way unto the resurrection of God’s Son, and let him rise again to glad remembrance of his Father, Who knows no sin, no death, but only life eternal.

T-19.IV.D.19. Together we will disappear into the Presence beyond the veil, not to be lost but found; not to be seen but known. And knowing, nothing in the plan God has established for salvation will be left undone. This is the journey’s purpose, without which is the journey meaningless. Here is the peace of God, given to you eternally by Him. Here is the rest and quiet that you seek, the reason for the journey from its beginning. Heaven is the gift you owe your brother, the debt of gratitude you offer to the Son of God in thanks for what he is, and what his Father created him to be.

T-19.IV.D.20. Think carefully how you would look upon the giver of this gift, for as you look on him so will the gift itself appear to be. As he is seen as either the giver of guilt or of salvation, so will his offering be seen and so received. The crucified give pain because they are in pain. But the redeemed give joy because they have been healed of pain. Everyone gives as he receives, but he must choose what it will be that he receives. And he will recognize his choice by what he gives, and what is given him. Nor is it given anything in hell or Heaven to interfere with his decision.

T-19.IV.D.21. You came this far because the journey was your choice. And no one undertakes to do what he believes is meaningless. What you had faith in still is faithful, and watches over you in faith so gentle yet so strong that it would lift you far beyond the veil, and place the Son of God safely within the sure protection of his Father. Here is the only purpose that gives this world, and the long journey through this world, whatever meaning lies in them. Beyond this, they are meaningless. You and your brother stand together, still without conviction they have a purpose. Yet it is given you to see this purpose in your holy Friend, and recognize it as your own.

i. Il sollevarsi del velo
8. Non dimenticare che tu e tuo fratello siete venuti fin qui insieme. 2E certamente non è stato l’ego a condurvi qui. 3Nessun ostacolo alla pace può essere superato grazie al suo aiuto. 4Non svela i suoi segreti, né ti dice di guardarli ed andarvi oltre. 5Non vuole che tu veda la sua debolezza e che impari che non ha alcun potere di tenerti lontano dalla verità. 6La Guida Che ti ha portato qui resta con te, e quando alzerai gli occhi sarai pronto a guardare il terrore senza alcuna paura. 7Ma prima, alza gli occhi e guarda tuo fratello nell’innocenza nata dal totale perdono delle sue illusioni, per mezzo degli occhi della fede che non le vede.

9. Nessuno può vedere senza terrore la paura di Dio, a meno che non abbia accettato la Riconciliazione ed abbia imparato che le illusioni non sono reali. 2Nessuno può restare da solo davanti a questo ostacolo, perché non sarebbe potuto giungere a questo punto a meno che suo fratello non avesse camminato al suo fianco. 3E nessuno oserebbe guardarlo senza avere nel cuore il perdono totale di suo fratello. 4Stai qui un po’ e non tremare. 5Sarai pronto. 6Uniamoci in un istante santo, qui in questo luogo dove lo scopo, dato in un istante santo, ti ha portato. 7E uniamoci nella fede che Colui Che ci ha portato qui insieme ti offrirà l’innocenza di cui hai bisogno e che accetterai per amor mio e Suo.

10. E non è possibile guardare ciò troppo presto. 2Questo è il luogo al quale ciascuno deve giungere quando è pronto. 3Una volta che ha trovato suo fratello, è pronto. 4Tuttavia raggiungere semplicemente il posto non è sufficiente. 5Un viaggio senza uno scopo continua ad essere senza significato e persino quando è finito sembra non avere senso. 6Come puoi sapere che è finito se non rendendoti conto che il suo scopo è raggiunto? 7Qui, con la fine del viaggio davanti a te, vedi il suo scopo. 8Ed è qui che scegli se vederlo o continuare a vagare, solo per tornare e scegliere nuovamente.

11. Per vedere la paura di Dio ci vuole della preparazione. 2Solo chi è sano di mente può guardare l’assoluta follia e la delirante pazzia con misericordia e compassione, ma non con paura. 3Perché solo se la condivide, essa sembra far paura, e tu la condividi finché non vedi tuo fratello con fede, amore e tenerezza perfette. 4Davanti al perdono completo, continui a non perdonare. 5Hai paura di Dio perché hai paura di tuo fratello. 6Hai paura di coloro che non perdoni. 7E nessuno raggiunge l’amore con la paura al suo fianco.

12. Questo fratello che sta al tuo fianco sembra essere ancora un estraneo. 2Non lo conosci e la tua interpretazione di lui fa molto paura. 3E lo attacchi ancora, per mantenere indenne ciò che sembri essere tu. 4Tuttavia la tua salvezza è nelle sue mani. 5Vedi la sua pazzia, che odi perché la condividi. 6E tutta la pietà ed il perdono che la guarirebbero, cedono davanti alla paura. 7Fratello, hai bisogno di perdonare tuo fratello, perché insieme condividerete la pazzia o il Cielo. 8E tu e lui alzerete gli occhi insieme con fede, o non li alzerete affatto.

13. Al tuo fianco c’è colui che ti offre il calice della Riconciliazione, perché lo Spirito Santo è in lui. 2Vuoi brandire i suoi peccati contro di lui, o accettare il dono che ti porge? 3Colui che ti dona la salvezza è tuo amico o nemico? 4Scegli cos’è, ricordando che riceverai da lui conformemente alla tua scelta. 5Egli ha in sé il potere di perdonare il tuo peccato, come tu per lui. 6Nessuno dei due può darlo solo a se stesso. 7E tuttavia il tuo salvatore sta al fianco di ciascuno. 8Lascia che sia ciò che è e cerca di non fare dell’amore un nemico.

14. Guarda il tuo Amico, il Cristo Che sta al tuo fianco. 2Com’è bello e santo! 3Pensavi che avesse peccato perché hai gettato su di Lui il velo del peccato per nascondere la Sua amorevolezza. 4Tuttavia Egli continua ad offrirti il perdono, perché tu possa condividere la Sua santità. 5Questo “nemico”, questo “straniero” continua ad offrirti la salvezza come Suo Amico. 6I “nemici” di Cristo, gli adoratori del peccato, non sanno Chi attaccano.

15. Questo è tuo fratello, crocifisso dal peccato e desideroso d’essere liberato dal dolore. 2Non vuoi forse offrirgli il perdono, quando solo lui può offrirtelo? 3Per la sua redenzione ti darà la tua, proprio come Dio ha creato ogni cosa vivente e la ama. 4E la darà veramente, perché sarà sia data che ricevuta. 5Non c’è grazia del Cielo che non puoi offrire a tuo fratello e ricevere dal tuo santissimo Amico. 6Fa’ che egli non la trattenga, perché ricevendola tu gliela offri. 7Ed egli riceverà da te ciò che tu ricevi da lui. 8La redenzione ti è stata data perché tu la dia a tuo fratello e così la riceva. 9Colui che perdoni è libero e ciò che dai lo condividi. 10Perdona i peccati che tuo fratello pensa di aver commesso e tutta la colpa che pensi di vedere in lui.

16. Ecco il luogo santo della resurrezione al quale giungiamo di nuovo: al quale ritorneremo fintanto che la redenzione sarà compiuta e ricevuta. 2Pensa a chi è tuo fratello prima di condannarlo. 3E rendi grazie a Dio per il fatto che egli è santo e che gli è stato dato il dono della santità per te. 4Unisciti lietamente a lui ed elimina ogni traccia di colpa dalla sua mente disturbata e torturata. 5Aiutalo a sollevare il pesante fardello del peccato che hai posto su di lui e che egli ha accettato come suo, e gettalo lontano da lui allegramente e con una felice risata. 6Non premerlo come se fossero spine contro la sua fronte, e non inchiodarlo ad esso, irredento e senza speranza.

17. Dai fiducia a tuo fratello, poiché la fede, la speranza e la carità ti appartengono perché tu le dia. 2Il dono viene dato nelle mani che danno. 3Guarda tuo fratello e vedi in lui il dono di Dio che vuoi ricevere. 4È quasi Pasqua, il tempo della resurrezione. 5Diamoci reciprocamente la redenzione e condividiamola, affinché possiamo risorgere come una cosa sola nella resurrezione, non separati nella morte. 6Guarda il dono della libertà che ho dato allo Spirito Santo per te. 7E tu e tuo fratello siate liberi insieme nel momento in cui offrite allo Spirito Santo questo stesso dono. 8E donandolo ricevetelo da Lui, in cambio di ciò che avete dato. 9Egli ci ha condotti insieme, tu ed io, affinché potessimo incontrarci qui in questo luogo santo e prendere la stessa decisione.

18. Libera tuo fratello qui, come io ti ho liberato. 2Dàgli lo stesso dono e non vederlo con alcun tipo di condanna. 3Vedilo senza colpa come io vedo te e guarda oltre i peccati che egli pensa di vedere in se stesso. 4Offri a tuo fratello la libertà e la completa liberazione dal peccato, qui nel giardino dell’apparente agonia e della morte. 5Così prepareremo insieme la via verso la resurrezione del Figlio di Dio e lo faremo risorgere nuovamente al lieto ricordo di suo Padre, Che non conosce peccato, né morte, ma solo vita eterna.

19. Insieme scompariremo nella Presenza che sta oltre il velo, non per essere perduti, bensì per essere ritrovati: non per essere visti, ma conosciuti. 2E conoscendo, nulla nel piano che Dio ha stabilito per la salvezza verrà lasciato non fatto. 3Questo è lo scopo del viaggio, senza il quale il viaggio è senza significato. 4Ecco la pace di Dio, che Lui ti ha dato per l’eternità. 5Ecco il riposo e la quiete che cerchi, la ragione del viaggio sin dal suo inizio. 6Il Cielo è il dono che devi a tuo fratello, il debito di gratitudine che offri al Figlio di Dio in ringraziamento per ciò che è, e per ciò per cui suo Padre lo ha creato.

20. Pensa attentamente a come vuoi vedere colui che dà questo dono, perché come guarderai lui così ti sembrerà il dono stesso. 2Poiché allo stesso modo in cui egli verrà visto come colui che dà la colpa o la salvezza, così la sua offerta verrà vista e ricevuta. 3Coloro che sono crocefissi danno dolore perché sono nel dolore. 4Ma i redenti danno gioia perché sono stati guariti dal dolore. 5Ognuno dà come riceve, ma deve scegliere cosa sarà ciò che riceverà. 6E riconoscerà la sua scelta da ciò che dà e da ciò che gli viene dato. 7E non c’è nulla nell’inferno o in Cielo che possa interferire con la sua decisione.

21. Sei giunto a questo punto perché il viaggio è stato la tua scelta. 2E nessuno intraprende qualcosa che crede essere senza significato. 3Ciò in cui hai avuto fede è ancora fedele e veglia su di te con una fede tanto dolce e tuttavia così forte che ti solleverà molto al di là del velo e porrà il Figlio di Dio in salvo nella protezione sicura di suo Padre. 4Ecco l’unico scopo che dà a questo mondo, ed al lungo viaggio attraverso questo mondo, ecco ogni significato che si trova in essi. 5Al di là di questo, sono senza significato. 6Tu e tuo fratello siete insieme, ancora senza convinzione che abbiano uno scopo. 7Tuttavia ti è dato di vedere questo scopo nel tuo santo Amico e riconoscerlo come tuo.

Chapter 20. The vision of holiness - Capitolo 20. La visione della santità

I. Holy Week
T-20.I.1. This is Palm Sunday, the celebration of victory and the acceptance of the truth. Let us not spend this holy week brooding on the crucifixion of God’s Son, but happily in the celebration of his release. For Easter is the sign of peace, not pain. A slain Christ has no meaning. But a risen Christ becomes the symbol of the Son of God’s forgiveness on himself; the sign he looks upon himself as healed and whole.

T-20.I.2. This week begins with palms and ends with lilies, the white and holy sign the Son of God is innocent. Let no dark sign of crucifixion intervene between the journey and its purpose; between the acceptance of the truth and its expression. This week we celebrate life, not death. And we honor the perfect purity of the Son of God, and not his sins. Offer your brother the gift of lilies, not the crown of thorns; the gift of love and not the “gift” of fear. You stand beside your brother, thorns in one hand and lilies in the other, uncertain which to give. Join now with me and throw away the thorns, offering the lilies to replace them. This Easter I would have the gift of your forgiveness offered by you to me, and returned by me to you. We cannot be united in crucifixion and in death. Nor can the resurrection be complete till your forgiveness rests on Christ, along with mine.

T-20.I.3. A week is short, and yet this holy week is the symbol of the whole journey the Son of God has undertaken. He started with the sign of victory, the promise of the resurrection, already given him. Let him not wander into the temptation of crucifixion, and delay him there. Help him to go in peace beyond it, with the light of his own innocence lighting his way to his redemption and release. Hold him not back with thorns and nails when his redemption is so near. But let the whiteness of your shining gift of lilies speed him on his way to resurrection.

T-20.I.4. Easter is not the celebration of the cost of sin, but of its end. If you see glimpses of the face of Christ behind the veil, looking between the snow-white petals of the lilies you have received and given as your gift, you will behold your brother’s face and recognize it. I was a stranger and you took me in, not knowing who I was. Yet for your gift of lilies you will know. In your forgiveness of this stranger, alien to you and yet your ancient Friend, lies his release and your redemption with him. The time of Easter is a time of joy, and not of mourning. Look on your risen Friend, and celebrate his holiness along with me. For Easter is the time of your salvation, along with mine.

I. La Settimana Santa
1. Questa è la Domenica delle Palme, la celebrazione della vittoria e l’accettazione della verità. 2Non trascorriamo questa settimana santa rimuginando sulla crocifissione del Figlio di Dio, ma in gioiosa celebrazione della sua liberazione. 3Perché la Pasqua è il segno della pace, non del dolore. 4Un Cristo assassinato non ha alcun significato. 5Invece un Cristo risorto diventa il simbolo del Figlio di Dio che si è perdonato, il segno che egli si vede guarito e intero.

2. Questa settimana comincia con le palme e termina coi gigli, il segno bianco e santo che il Figlio di Dio è innocente. 2Non permettere ad alcun oscuro segno di crocifissione di interporsi tra il viaggio e il suo scopo, tra l’accettazione della verità e la sua espressione. 3Questa settimana celebriamo la vita, non la morte. 4E onoriamo la perfetta purezza del Figlio di Dio e non i suoi peccati. 5Offri a tuo fratello il dono dei gigli, non la corona di spine; il dono dell’amore e non il “dono”della paura. 6Sei di fianco a tuo fratello, con le spine in una mano e i gigli nell’altra, incerto su cosa dare. 7Adesso unisciti a me e getta via le spine offrendo i gigli al loro posto. 8Questa Pasqua avrò il dono del tuo perdono, che tu mi offri e che io ti restituisco. 9Non possiamo essere uniti nella crocifissione e nella morte. 10Né la resurrezione può essere completa finché il tuo perdono non riposerà in Cristo insieme al mio.

3. Una settimana è breve e tuttavia questa settimana santa è il simbolo dell’intero viaggio che il Figlio di Dio ha intrapreso. 2Egli ha incominciato col segno della vittoria, la promessa della resurrezione, che gli era già stata data. 3Che Egli non si perda nella tentazione della crocifissione e che non si attardi lì. 4Aiutalo ad andare in pace oltre ad essa, con la luce della sua stessa innocenza che illumina la sua strada verso la redenzione e la liberazione. 5Non trattenerlo con spine e chiodi quando la sua redenzione è così vicina. 6Lascia invece che il candore del tuo splendente dono di gigli lo faccia accelerare nella sua strada verso la resurrezione.

4. La Pasqua non è la celebrazione del prezzo del peccato, ma la celebrazione della sua fine. 2Se cogli un barlume del volto di Cristo dietro al velo, guardando attraverso i candidi petali dei gigli che hai ricevuto e dato come tuo dono, vedrai il volto di tuo fratello e lo riconoscerai. 3Io ero uno straniero e tu mi hai accolto, senza sapere chi fossi. 4Ma lo saprai grazie al tuo dono di gigli. 5Nel tuo perdono di questo straniero, che ti è estraneo e tuttavia è il tuo vecchio Amico, risiede la sua liberazione e la tua redenzione con lui. 6Il periodo della Pasqua è un periodo di gioia, non di dolore. 7Guarda il tuo Amico resuscitato e celebra la sua santità con me. 8Perché la Pasqua è il momento della tua salvezza insieme alla mia.

II. The Gift of Lilies
T-20.II.1. Look upon all the trinkets made to hang upon the body, or to cover it or for its use. See all the useless things made for its eyes to see. Think on the many offerings made for its pleasure, and remember all these were made to make seem lovely what you hate. Would you employ this hated thing to draw your brother to you, and to attract his body’s eyes? Learn you but offer him a crown of thorns, not recognizing it for what it is, and trying to justify your own interpretation of its value by his acceptance. Yet still the gift proclaims his worthlessness to you, as his acceptance and delight acknowledges the lack of value he places on himself.

T-20.II.2. Gifts are not made through bodies, if they be truly given and received. For bodies can neither offer nor accept; hold out nor take. Only the mind can value, and only the mind decides on what it would receive and give. And every gift it offers depends on what it wants. It will adorn its chosen home most carefully, making it ready to receive the gifts it wants by offering them to those who come unto its chosen home, or those it would attract to it. And there they will exchange their gifts, offering and receiving what their minds judge to be worthy of them.

T-20.II.3. Each gift is an evaluation of the receiver and the giver. No one but sees his chosen home as an altar to himself. No one but seeks to draw to it the worshippers of what he placed upon it, making it worthy of their devotion. And each has set a light upon his altar, that they may see what he has placed upon it and take it for their own. Here is the value that you lay upon your brother and on yourself. Here is your gift to both; your judgment on the Son of God for what he is. Forget not that it is your savior to whom the gift is offered. Offer him thorns and you are crucified. Offer him lilies and it is yourself you free.

T-20.II.4. I have great need for lilies, for the Son of God has not forgiven me. And can I offer him forgiveness when he offers thorns to me? For he who offers thorns to anyone is against me still, and who is whole without him? Be you his friend for me, that I may be forgiven and you may look upon the Son of God as whole. But look you first upon the altar in your chosen home, and see what you have laid upon it to offer me. If it be thorns whose points gleam sharply in a blood-red light, the body is your chosen home and it is separation that you offer me. And yet the thorns are gone. Look you still closer at them now, and you will see your altar is no longer what it was.

T-20.II.5. You look still with the body’s eyes, and they can see but thorns. Yet you have asked for and received another sight. Those who accept the Holy Spirit’s purpose as their own share also His vision. And what enables Him to see His purpose shine forth from every altar now is yours as well as His. He sees no strangers; only dearly loved and loving friends. He sees no thorns but only lilies, gleaming in the gentle glow of peace that shines on everything He looks upon and loves.

T-20.II.6. This Easter, look with different eyes upon your brother. You have forgiven me. And yet I cannot use your gift of lilies while you see them not. Nor can you use what I have given unless you share it. The Holy Spirit’s vision is no idle gift, no plaything to be tossed about a while and laid aside. Listen and hear this carefully, nor think it but a dream, a careless thought to play with, or a toy you would pick up from time to time and then put by. For if you do, so will it be to you.

T-20.II.7. You have the vision now to look past all illusions. It has been given you to see no thorns, no strangers and no obstacles to peace. The fear of God is nothing to you now. Who is afraid to look upon illusions, knowing his savior stands beside him? With him, your vision has become the greatest power for the undoing of illusion that God Himself could give. For what God gave the Holy Spirit, you have received. The Son of God looks unto you for his release. For you have asked for and been given the strength to look upon this final obstacle, and see no thorns nor nails to crucify the Son of God, and crown him king of death.

T-20.II.8. Your chosen home is on the other side, beyond the veil. It has been carefully prepared for you, and it is ready to receive you now. You will not see it with the body’s eyes. Yet all you need you have. Your home has called to you since time began, nor have you ever failed entirely to hear. You heard, but knew not how to look, nor where. And now you know. In you the knowledge lies, ready to be unveiled and freed from all the terror that kept it hidden. There is no fear in love. The song of Easter is the glad refrain the Son of God was never crucified. Let us lift up our eyes together, not in fear but faith. And there will be no fear in us, for in our vision will be no illusions; only a pathway to the open door of Heaven, the home we share in quietness and where we live in gentleness and peace, as one together.

T-20.II.9. Would you not have your holy brother lead you there? His innocence will light your way, offering you its guiding light and sure protection, and shining from the holy altar within him where you laid the lilies of forgiveness. Let him be to you the savior from illusions, and look on him with the new vision that looks upon the lilies and brings you joy. We go beyond the veil of fear, lighting each other’s way. The holiness that leads us is within us, as is our home. So will we find what we were meant to find by Him Who leads us.

T-20.II.10. This is the way to Heaven and to the peace of Easter, in which we join in glad awareness that the Son of God is risen from the past, and has awakened to the present. Now is he free, unlimited in his communion with all that is within him. Now are the lilies of his innocence untouched by guilt, and perfectly protected from the cold chill of fear and withering blight of sin alike. Your gift has saved him from the thorns and nails, and his strong arm is free to guide you safely through them and beyond. Walk with him now rejoicing, for the savior from illusions has come to greet you, and lead you home with him.

T-20.II.11. Here is your savior and your friend, released from crucifixion through your vision, and free to lead you now where he would be. He will not leave you, nor forsake the savior in his pain. And gladly will you and your brother walk the way of innocence together, singing as you behold the open door of Heaven and recognize the home that called to you. Give joyously to your brother the freedom and the strength to lead you there. And come before his holy altar where the strength and freedom wait, to offer and receive the bright awareness that leads you home. The lamp is lit in you for your brother. And by the hands that gave it to him shall you be led past fear to love.

II. Il Dono dei Gigli
1. Osserva tutti i gingilli fatti per essere portati sul corpo, o per coprirlo o per suo uso. 2Guarda tutte le cose inutili fatte perché i suoi occhi le vedano. 3Pensa alle molte offerte fatte per il suo piacere e ricorda che queste sono state fatte tutte per far sembrare amabile ciò che tu odi. 4Vuoi forse usare questa cosa odiata per avvicinare a te tuo fratello e per attrarre gli occhi del suo corpo? 5Impara che non fai altro che offrirgli una corona di spine, senza riconoscerla per quello che è, e stai usando il fatto che tuo fratello l’accetta per giustificare la tua interpretazione del suo valore. 6Ma ciò nonostante il dono proclama che lui non ha valore per te, così come il fatto che lui la accetti e la sua gioia riflettono la mancanza di valore che egli si attribuisce.

2. I doni non devono essere fatti con i corpi perché siano dati e ricevuti davvero. 2Perché i corpi non possono né offrire né accettare, né dare né prendere. 3Solo la mente può dar valore e solo la mente decide cosa vuole ricevere e dare. 4E ogni dono che offre dipende da ciò che vuole. 5Essa adornerà con grande cura la sua casa prescelta per renderla pronta a ricevere i doni che vuole, offrendoli a coloro che vengono nella casa da loro prescelta o a coloro che vi attrae. 6E lì scambieranno i loro doni, offrendo e ricevendo ciò che la loro mente giudica essere degno di loro.

3. Ogni dono è una valutazione di colui che riceve e di colui che dà. 2Non c’è nessuno che non veda la dimora prescelta come un altare a se stesso. 3E non c’è nessuno che non cerchi di attrarvi i devoti di ciò che vi ha posto, rendendola degna della loro devozione. 4E ciascuno ha messo una luce sul proprio altare in modo da poter vedere ciò che vi ha posto e lo possa prendere per sé. 5Ecco il valore che attribuisci a tuo fratello e a te stesso. 6Ecco il tuo dono a entrambi: il tuo giudizio del Figlio di Dio per quello che è. 7Non dimenticare che colui al quale offri il tuo dono è il tuo salvatore. 8Offrigli spine e crocifiggerai te stesso. 9Offrigli gigli e sarà te stesso che libererai.

4. Ho un gran bisogno di gigli, perché il Figlio di Dio non mi ha perdonato. 2E posso forse offrirgli il perdono quando egli mi offre spine? 3Perché chi offre spine a qualcuno è ancora contro di me, e chi è intero senza di lui? 4Sii il suo amico per me, così che io possa essere perdonato e tu possa vedere il Figlio di Dio intero. 5Ma vedi prima l’altare nella tua casa prescelta e guarda cosa vi hai messo da offrirmi. 6Se sono spine le cui punte luccicano appuntite in una luce rosso sangue, allora il corpo è la tua casa prescelta e la separazione è ciò che mi offri. 7E tuttavia le spine sono scomparse. 8Guardale ancor più da vicino ora e vedrai che il tuo altare non è più ciò che era.

5. Tu guardi ancora con gli occhi del corpo ed essi non possono vedere che spine. 2Tuttavia hai chiesto e ricevuto un’altro modo di vedere. 3Coloro che accettano come proprio lo scopo dello Spirito Santo condividono anche la Sua visione. 4E ciò che Gli permette di vedere il Suo scopo risplendere da ogni altare adesso è tuo tanto quanto è Suo. 5Egli non vede stranieri, solo cari, adorati e amorevoli amici. 6Non vede spine, ma solo gigli che rifulgono nel dolce splendore della pace che splende su tutto ciò che Egli guarda e ama.

6. In questa Pasqua guarda tuo fratello con occhi differenti. 2Tu mi hai perdonato. 3Tuttavia io non posso usare il tuo dono di gigli finché non li vedi. 4Né puoi usare ciò che ti ho dato se non lo condividi. 5La visione dello Spirito Santo non è un dono futile, un giocattolo col quale ci si trastulla per un po’ e poi lo si lascia da parte. 6Ascolta e senti attentamente ciò e non pensare che sia solo un sogno, un pensiero sbadato con cui giocare o un giocattolo che prendi di tanto in tanto e poi metti via. 7Perché se fai così, così sarà per te.

7. Ora hai la visione per guardare oltre tutte le illusioni. 2Ti è stato concesso di non vedere spine, né stranieri, né ostacoli alla pace. 3Ora la paura di Dio non è più niente per te. 4Chi ha paura di guardare le illusioni sapendo che il suo salvatore gli è al fianco? 5Con lui la tua visione è diventata il più grande potere che Dio Stesso ti potesse dare per disfare le illusioni. 6Perché ciò che Dio ha dato allo Spirito Santo, tu lo hai ricevuto. 7Il Figlio di Dio guarda a te per la sua liberazione. 8Perché hai chiesto e ti è stata data la forza per vedere questo ostacolo finale e non vedere né spine né chiodi crocifiggere il Figlio di Dio e incoronarlo re della morte.

8. La casa che hai scelto è dall’altra parte, oltre il velo. 2È stata accuratamente preparata per te e ora è pronta per riceverti. 3Non la vedrai con gli occhi del corpo. 4Tuttavia hai tutto ciò di cui hai bisogno. 5La tua casa ti ha richiamato sin da quando il tempo è cominciato, e non sei mai stato completamente senza sentire. 6Hai sentito, ma non sapevi come guardare, né dove. 7E adesso sai. 8In te è riposta la conoscenza, pronta per essere svelata e liberata da tutto il terrore che la teneva nascosta. 9Non c’è paura nell’amore. 10Il canto della Pasqua è il gaio ritornello che il Figlio di Dio non è mai stato crocifisso. 11Leviamo insieme gli occhi al Cielo, non con paura ma con fede. 12E non ci sarà paura in noi, perché nella nostra visione non ci saranno illusioni, solo un sentiero verso la porta aperta del Cielo, la dimora che condividiamo in tranquillità e dove viviamo con dolcezza e pace, insieme come una cosa sola.

9. Non vuoi forse che il tuo santo fratello ti conduca lì? 2La sua innocenza ti illuminerà la strada, offrendoti la sua luce che ti guida e la sua protezione sicura, splendendo dal santo altare dentro di lui dove hai deposto i gigli del perdono. 3Permettigli di essere colui che ti salva dalle illusioni e guardalo con la nuova visione che vede i gigli e ti porta gioia. 4Andiamo oltre il velo della paura illuminandoci vicendevolmente la strada. 5La santità che ci guida è dentro di noi, come lo è la nostra casa. 6Così scopriremo ciò che eravamo destinati a trovare grazie a Colui Che ci guida.

10. Questa è la via per il Cielo e per la pace della Pasqua, nella quale ci uniamo con la felice consapevolezza che il Figlio di Dio è risorto dal passato e si è risvegliato al presente. 2Adesso è libero, senza limiti nella sua comunione con tutto ciò che è dentro di lui. 3Adesso i gigli della sua innocenza sono incontaminati dalla colpa e perfettamente protetti dal freddo brivido della paura e dalla perniciosa influenza del peccato. 4Il tuo dono lo ha salvato dalle spine e dai chiodi e il suo forte braccio è libero di guidarti al sicuro attraverso di essi e oltre. 5Va con lui ora rallegrandoti, perché colui che ti salva dalle illusioni è venuto a salutarti e a condurti a casa con sé.

11. Ecco il tuo salvatore e amico, liberato dalla crocifissione grazie alla tua visione e libero di condurti ora dove egli vuole essere. 2Non ti lascerà, né abbandonerà il salvatore nel suo dolore. 3E felicemente percorrerete insieme la via dell’innocenza cantando mentre vedrete la porta aperta del Cielo e riconoscerete la casa che vi chiamava. 4Dai gioiosamente a tuo fratello la libertà e la forza di condurti là. 5E venite davanti al suo santo altare dove vi aspettano la forza e la libertà, per offrire e ricevere la splendente consapevolezza che ti porterà a casa. 6In te la lampada è accesa per tuo fratello. 7E sarai condotto oltre la paura all’amore dalle mani che gliela porsero.

III. Sin as an Adjustment
T-20.III.1. The belief in sin is an adjustment. And an adjustment is a change; a shift in perception, or a belief that what was so before has been made different. Every adjustment is therefore a distortion, and calls upon defenses to uphold it against reality. Knowledge requires no adjustments and, in fact, is lost if any shift or change is undertaken. For this reduces it at once to mere perception; a way of looking in which certainty is lost and doubt has entered. To this impaired condition are adjustments necessary, because it is not true. Who need adjust to truth, which calls on only what he is, to understand?

T-20.III.2. Adjustments of any kind are of the ego. For it is the ego’s fixed belief that all relationships depend upon adjustments, to make of them what it would have them be. Direct relationships, in which there are no interferences, are always seen as dangerous. The ego is the self-appointed mediator of all relationships, making whatever adjustments it deems necessary and interposing them between those who would meet, to keep them separate and prevent their union. It is this studied interference that makes it difficult for you to recognize your holy relationship for what it is.

T-20.III.3. The holy do not interfere with truth. They are not afraid of it, for it is within the truth they recognize their holiness, and rejoice at what they see. They look on it directly, without attempting to adjust themselves to it, or it to them. And so they see that it was in them, not deciding first where they would have it be. Their looking merely asks a question, and it is what they see that answers them. You make the world and then adjust to it, and it to you. Nor is there any difference between yourself and it in your perception, which made them both.

T-20.III.4. A simple question yet remains, and needs an answer. Do you like what you have made?–a world of murder and attack, through which you thread your timid way through constant dangers, alone and frightened, hoping at most that death will wait a little longer before it overtakes you and you disappear. You made this up. It is a picture of what you think you are; of how you see yourself. A murderer is frightened, and those who kill fear death. All these are but the fearful thoughts of those who would adjust themselves to a world made fearful by their adjustments. And they look out in sorrow from what is sad within, and see the sadness there.

T-20.III.5. Have you not wondered what the world is really like; how it would look through happy eyes? The world you see is but a judgment on yourself. It is not there at all. Yet judgment lays a sentence on it, justifies it and makes it real. Such is the world you see; a judgment on yourself, and made by you. This sickly picture of yourself is carefully preserved by the ego, whose image it is and which it loves, and placed outside you in the world. And to this world must you adjust as long as you believe this picture is outside, and has you at its mercy. This world is merciless, and were it outside you, you should indeed be fearful. Yet it was you who made it merciless, and now if mercilessness seems to look back at you, it can be corrected.

T-20.III.6. Who in a holy relationship can long remain unholy? The world the holy see is one with them, just as the world the ego looks upon is like itself. The world the holy see is beautiful because they see their innocence in it. They did not tell it what it was; they did not make adjustments to fit their orders. They gently questioned it and whispered, “What are you?” And He Who watches over all perception answered. Take not the judgment of the world as answer to the question, “What am I?” The world believes in sin, but the belief that made it as you see it is not outside you.

T-20.III.7. Seek not to make the Son of God adjust to his insanity. There is a stranger in him, who wandered carelessly into the home of truth and who will wander off. He came without a purpose, but he will not remain before the shining light the Holy Spirit offered, and you accepted. For there the stranger is made homeless and you are welcome. Ask not this transient stranger, “What am I?” He is the only thing in all the universe that does not know. Yet it is he you ask, and it is to his answer that you would adjust. This one wild thought, fierce in its arrogance, and yet so tiny and so meaningless it slips unnoticed through the universe of truth, becomes your guide. To it you turn to ask the meaning of the universe. And of the one blind thing in all the seeing universe of truth you ask, “How shall I look upon the Son of God?”

T-20.III.8. Does one ask judgment of what is totally bereft of judgment? And if you have, would you believe the answer, and adjust to it as if it were the truth? The world you look on is the answer that it gave you, and you have given it power to adjust the world to make its answer true. You asked this puff of madness for the meaning of your unholy relationship, and adjusted it according to its insane answer. How happy did it make you? Did you meet your brother with joy to bless the Son of God, and give him thanks for all the happiness that he held out to you? Did you recognize your brother as the eternal gift of God to you? Did you see the holiness that shone in both you and your brother, to bless the other? That is the purpose of your holy relationship. Ask not the means of its attainment of the one thing that still would have it be unholy. Give it no power to adjust the means and end.

T-20.III.9. Prisoners bound with heavy chains for years, starved and emaciated, weak and exhausted, and with eyes so long cast down in darkness they remember not the light, do not leap up in joy the instant they are made free. It takes a while for them to understand what freedom is. You groped but feebly in the dust and found your brother’s hand, uncertain whether to let it go or to take hold on life so long forgotten. Strengthen your hold and raise your eyes unto your strong companion, in whom the meaning of your freedom lies. He seemed to be crucified beside you. And yet his holiness remained untouched and perfect, and with him beside you, you shall this day enter with him to Paradise, and know the peace of God.

T-20.III.10. Such is my will for you and your brother, and for each of you for one another and for himself. Here there is only holiness and joining without limit. For what is Heaven but union, direct and perfect, and without the veil of fear upon it? Here are we one, looking with perfect gentleness upon each other and on ourselves. Here all thoughts of any separation between us become impossible. You who were a prisoner in separation are now made free in Paradise. And here would I unite with you, my friend, my brother and my Self.

T-20.III.11. Your gift unto your brother has given me the certainty our union will be soon. Share, then, this faith with me, and know that it is justified. There is no fear in perfect love because it knows no sin, and it must look on others as on itself. Looking with charity within, what can it fear without? The innocent see safety, and the pure in heart see God within His Son, and look unto the Son to lead them to the Father. And where else would they go but where they will to be? You and your brother now will lead the other to the Father as surely as God created His Son holy, and kept him so. In your brother is the light of God’s eternal promise of your immortality. See him as sinless, and there can be no fear in you.

III. Il peccato come adattamento
1. Credere nel peccato è un adattamento. 2E un adattamento è un cambiamento, un salto di percezione o il credere che ciò che prima era in un modo sia stato reso differente. 3Ogni adattamento è quindi una distorsione e richiama difese per mantenerla contro la realtà. 4La conoscenza non richiede adattamenti e, di fatto, si perde se viene intrapreso un cambiamento qualsiasi. 5Perché questo la riduce immediatamente a mera percezione: un modo di vedere nel quale si perde la certezza e si è insinuato il dubbio. 6Per questa condizione deteriorata sono necessari degli adattamenti, perché non è vera. 7Chi ha bisogno di adattarsi alla verità che, per comprendere, si basa solo su ciò che egli è?

2. Qualsiasi tipo di adattamento è dell’ego. 2Perché la credenza fissa dell’ego è che tutte le relazioni dipendano dagli adattamenti per fare di esse ciò che vuole che siano. 3Le relazioni dirette, nelle quali non ci sono interferenze, sono sempre viste come pericolose. 4L’ego si è autonominato mediatore di tutte le relazioni, facendo tutti gli adattamenti che ritiene necessari e interponendoli tra coloro che si vogliono incontrare, per tenerli separati e impedirne l’unione. 5È questa interferenza studiata che ti rende difficile riconoscere la tua relazione santa per quello che è.

3. I santi non interferiscono con la verità. 2Non la temono, perché è nella verità che riconoscono la loro santità e gioiscono di ciò che vedono. 3Guardano ad essa direttamente, senza cercare di adattarvisi o di adattarla a loro. 4E così vedono che essa era in loro, senza decidere a priori dove volevano che fosse. 5Il loro guardare semplicemente fa sorgere una domanda e la risposta è in ciò che vedono. 6Tu fai il mondo e poi ti adatti ad esso ed esso si adatta a te. 7E non c’è alcuna differenza tra te ed esso nella tua percezione, che ha fatto entrambi.

4. Tuttavia c’è ancora una semplice domanda, ed ha bisogno di una risposta. 2Ti piace ciò che hai fatto: un mondo di assassinio e attacco, attraverso il quale ti fai timidamente largo attraverso pericoli costanti, solo e spaventato, sperando al massimo che la morte aspetti un po’ di più prima di sopraffarti e prima che tu sparisca? 3Tu hai inventato tutto questo. 4È un quadro di ciò che pensi di essere, di come ti vedi. 5Un assassino è spaventato, e coloro che uccidono hanno paura della morte. 6Tutti questi non sono che i pensieri spaventosi di coloro che vogliono adattarsi ad un mondo reso pauroso dai loro stessi adattamenti. 7E guardano tristemente il mondo esterno e in esso vedono la tristezza.

5. Ti sei mai domandato come è veramente il mondo, come sembrerebbe attraverso occhi felici? 2Il mondo che vedi non è che un giudizio su te stesso. 3Non esiste affatto. 4Tuttavia il giudizio emette una sentenza su di esso, lo giustifica e lo rende reale. 5Tale è il mondo che vedi: un giudizio su te stesso, fatto da te. 6L’ego preserva accuratamente questa immagine malata di te stesso, perché è questa immagine che ama e che pone fuori di te nel mondo. 7E dovrai adattarti a questo mondo finché crederai che questa immagine sia al di fuori e ti abbia in suo potere. 8Questo mondo è senza pietà, e se fosse fuori di te dovresti avere davvero paura. 9Invece sei tu che lo hai reso spietato e adesso se questa spietatezza pare volgersi contro di te, può essere corretta.

6. Chi, trovandosi in una relazione santa può rimanere non santo a lungo? 2Il mondo che i santi vedono è uno con loro, così come il mondo che l’ego vede è come esso stesso. 3Il mondo che i santi vedono è bellissimo perché in esso vedono la loro innocenza. 4Non gli hanno detto cosa essere, non hanno fatto adattamenti perché fosse secondo i loro ordini. 5Lo hanno dolcemente interrogato, sussurrando “cosa sei?” 6E Colui Che veglia su ogni percezione ha risposto. 7Non accettare il giudizio del mondo come risposta alla domanda “chi sono?” 8Il mondo crede nel peccato, ma la credenza che lo ha fatto come tu lo vedi non è al di fuori di te.

7. Non cercare di far sì che il Figlio di Dio trovi adattamenti alla propria follia. 2C’è un estraneo in lui che ha girovagato distrattamente nella dimora della verità e che se ne andrà. 3È venuto senza uno scopo, ma non rimarrà di fronte alla luce splendente offerta dallo Spirito Santo, che hai accettato. 4Perché lì l’estraneo rimane senza dimora e tu sei il benvenuto. 5Non chiedere a questo straniero di passaggio “cosa sono?” 6È la sola cosa in tutto l’universo che non sa. 7Tuttavia è a lui che chiedi ed è alla sua risposta che ti adatti. 8Questo solo pensiero selvaggio, fiero nella sua arroganza e tuttavia così minuscolo e insignificante che scivola inosservato attraverso l’universo della verità, diventa la tua guida. 9Ad esso ti rivolgi per chiedere il significato dell’universo. 10E all’unica cosa cieca in tutto l’universo che vede la verità, chiedi: “Come devo vedere il Figlio di Dio?”

8. C’è forse qualcuno che chiede un giudizio a ciò che è completamente privo di giudizio? 2E se l’avessi fatto, crederesti alla risposta e ti adatteresti ad essa come se fosse la verità? 3Il mondo che vedi è la risposta che ti ha dato, e tu gli hai dato il potere di adattare il mondo per rendere vera la sua risposta. 4Tu hai chiesto a questo soffio di pazzia il significato della tua relazione non santa e l’hai adattata secondo la sua risposta folle. 5Quanto ti ha reso felice? 6Sei andato incontro con gioia a tuo fratello per benedire il Figlio di Dio e rendergli grazie per tutta la felicità che ti ha dispensato? 7Hai riconosciuto tuo fratello come il dono eterno che Dio ti ha fatto? 8Hai visto la santità che risplendeva sia in te che in tuo fratello per benedirvi a vicenda? 9Questo è lo scopo della vostra relazione santa. 10Non chiedere i mezzi per ottenerla all’unica cosa che ancora la vorrebbe non santa. 11Non darle il potere di adattare il mezzo e il fine.

9. I prigionieri legati con pesanti catene per anni, affamati ed emaciati, deboli ed esausti e con occhi così abituati all’oscurità da non ricordare la luce, non si mettono a saltare di gioia nel momento in cui vengono liberati. 2Ci vuole un po’ perché capiscano cos’è la libertà. 3Brancolavi debolmente nella polvere e hai trovato la mano di tuo fratello, incerto se lasciarla andare o aggrapparti alla vita dimenticata da tanto tempo. 4Rafforza la presa e solleva gli occhi sul tuo forte compagno, nel quale risiede il significato della tua libertà. 5Sembrava crocifisso al tuo fianco. 6Tuttavia la sua santità è rimasta intatta e perfetta e con lui al tuo fianco entrerai oggi stesso con lui in Paradiso e conoscerai la pace di Dio.

10. Questa è la mia volontà per te e per tuo fratello e, per ciascuno di voi, l’un per l’altro e per se stesso. 2Qui c’è solo santità e unione senza limiti. 3Perché cos’è il Cielo se non l’unione, diretta e perfetta e senza il velo della paura su di essa? 4Eccoci una cosa sola, guardarci l’un l’altro e vedere noi stessi con totale dolcezza. 5Qui tutti i pensieri di qualsiasi separazione tra di noi diventano impossibili. 6Tu, che eri prigioniero nella separazione, ora sei libero in Paradiso. 7E qui mi unisco a te, amico mio, mio fratello e mio Sé.

11. Il tuo dono a tuo fratello mi ha dato la certezza che la nostra unione avverrà presto. 2Condividi dunque questa fede con me e sappi che è giustificata. 3Non c’è paura nel perfetto amore perché esso non conosce peccato e deve vedere gli altri come se stesso. 4Guardando all’interno con carità, di cosa potrà aver paura all’esterno? 5L’innocente vede sicurezza e il puro di cuore vede Dio in Suo Figlio, e si rivolge al Figlio perché lo conduca al Padre. 6E dove mai potrebbero andare se non dove vogliono essere? 7È così certo che ciascuno di voi adesso condurrà l’altro dal Padre quanto Dio ha creato Suo Figlio santo e lo ha mantenuto tale. 8In tuo fratello c’è la luce dell’eterna promessa di Dio della tua immortalità. 9Vedilo senza peccato e non ci potrà essere paura in te.

IV. Entering the Ark
T-20.IV.1. Nothing can hurt you unless you give it the power to do so. Yet you give power as the laws of this world interpret giving; as you give you lose. It is not up to you to give power at all. Power is of God, given by Him and reawakened by the Holy Spirit, Who knows that as you give you gain. He gives no power to sin, and therefore it has none; nor to its results as this world sees them, – sickness and death and misery and pain. These things have not occurred because the Holy Spirit sees them not, and gives no power to their seeming source. Thus would He keep you free of them. Being without illusion of what you are, the Holy Spirit merely gives everything to God, Who has already given and received all that is true. The untrue He has neither received nor given.

T-20.IV.2. Sin has no place in Heaven, where its results are alien and can no more enter than can their source. And therein lies your need to see your brother sinless. In him is Heaven. See sin in him instead, and Heaven is lost to you. But see him as he is, and what is yours shines from him to you. Your savior gives you only love, but what you would receive of him is up to you. It lies in him to overlook all your mistakes, and therein lies his own salvation. And so it is with yours. Salvation is a lesson in giving, as the Holy Spirit interprets it. It is the reawakening of the laws of God in minds that have established other laws, and given them power to enforce what God created not.

T-20.IV.3. Your insane laws were made to guarantee that you would make mistakes, and give them power over you by accepting their results as your just due. What could this be but madness? And is it this that you would see within your savior from insanity? He is as free from this as you are, and in the freedom that you see in him you see your own. For this you share. What God has given follows His laws, and His alone. Nor is it possible for those who follow them to suffer the results of any other source.

T-20.IV.4. Those who choose freedom will experience only its results. Their power is of God, and they will give it only to what God has given, to share with them. Nothing but this can touch them, for they see only this, sharing their power according to the Will of God. And thus their freedom is established and maintained. It is upheld through all temptation to imprison and to be imprisoned. It is of them who learned of freedom that you should ask what freedom is. Ask not the sparrow how the eagle soars, for those with little wings have not accepted for themselves the power to share with you.

T-20.IV.5. The sinless give as they received. See, then, the power of sinlessness within your brother, and share with him the power of the release from sin you offered him. To each who walks this earth in seeming solitude is a savior given, whose special function here is to release him, and so to free himself. In the world of separation each is appointed separately, though they are all the same. Yet those who know that they are all the same need not salvation. And each one finds his savior when he is ready to look upon the face of Christ, and see Him sinless.

T-20.IV.6. The plan is not of you, nor need you be concerned with anything except the part that has been given you to learn. For He Who knows the rest will see to it without your help. But think not that He does not need your part to help Him with the rest. For in your part lies all of it, without which is no part complete, nor is the whole completed without your part. The ark of peace is entered two by two, yet the beginning of another world goes with them. Each holy relationship must enter here, to learn its special function in the Holy Spirit’s plan, now that it shares His purpose. And as this purpose is fulfilled, a new world rises in which sin can enter not, and where the Son of God can enter without fear and where he rests a while, to forget imprisonment and to remember freedom. How can he enter, to rest and to remember, without you? Except you be there, he is not complete. And it is his completion that he remembers there.

T-20.IV.7. This is the purpose given you. Think not that your forgiveness of your brother serves but you two alone. For the whole new world rests in the hands of every two who enter here to rest. And as they rest, the face of Christ shines on them and they remember the laws of God, forgetting all the rest and yearning only to have His laws perfectly fulfilled in them and all their brothers. Think you when this has been achieved that you will rest without them? You could no more leave one of them outside than I could leave you, and forget part of myself.

T-20.IV.8. You may wonder how you can be at peace when, while you are in time, there is so much that must be done before the way to peace is open. Perhaps this seems impossible to you. But ask yourself if it is possible that God would have a plan for your salvation that does not work. Once you accept His plan as the one function that you would fulfill, there will be nothing else the Holy Spirit will not arrange for you without your effort. He will go before you making straight your path, and leaving in your way no stones to trip on, and no obstacles to bar your way. Nothing you need will be denied you. Not one seeming difficulty but will melt away before you reach it. You need take thought for nothing, careless of everything except the only purpose that you would fulfill. As that was given you, so will its fulfillment be. God’s guarantee will hold against all obstacles, for it rests on certainty and not contingency. It rests on you. And what can be more certain than a Son of God?

IV. Entrare nell’arca
1. Niente ti può ferire a meno che tu non gli dia il potere di farlo. 2Tuttavia tu dai il potere nel modo in cui le leggi di questo mondo interpretano il dare: quando dai, perdi. 3Ma dare potere non dipende assolutamente da te. 4Il potere è di Dio, dato da Lui e risvegliato dallo Spirito Santo, Che sa che quando dai guadagni. 5Egli non dà alcun potere al peccato e quindi questo non ne ha, né dà potere ai suoi risultati come questo mondo li vede –malattia, morte, sofferenza e dolore. 6Queste cose non sono successe perché lo Spirito Santo non le vede e non dà potere alla loro fonte apparente. 7Così Egli ti mantiene libero da esse. 8Essendo senza illusioni riguardo a ciò che sei, lo Spirito Santo semplicemente dà tutto a Dio, Che ha già dato e ricevuto tutto ciò che è vero. 9Non ha né dato né ricevuto ciò che non è vero.

2. Il peccato non ha posto in Cielo, dove i suoi risultati sono estranei e non possono entrare più di quanto lo possa la loro fonte. 2E qui si trova il tuo bisogno di vedere tuo fratello senza peccato. 3Il Cielo è in lui. 4Se invece vedi il peccato in lui, il Cielo è perduto per te. 5Ma vedilo per come è, e ciò che è tuo splenderà da lui a te. 6Il tuo salvatore ti dà solo amore, ma ciò che vuoi ricevere da lui dipende da te. 7Sta a lui guardare oltre tutti i tuoi errori, e in ciò trovare la sua stessa salvezza. 8E così è con la tua. 9La salvezza è una lezione sul dare, come la interpreta lo Spirito Santo. 10È il risveglio delle leggi di Dio in menti che hanno stabilito altre leggi e hanno dato loro il potere di rinforzare ciò che Dio non ha creato.

3. Le tue leggi folli sono state fatte per garantire che avresti fatto degli errori e avresti dato loro potere su di te, accettando i loro risultati come ciò che meriti. 2Cosa potrebbe essere ciò se non follia? 3Ed è forse questo che vuoi vedere in colui che ti salva dalla pazzia? 4Lui è tanto libero da ciò quanto lo sei tu, e nella libertà che vedi in lui vedi la tua. 5Perché è questo che condividete. 6Ciò che Dio ha dato segue le Sue leggi, e solo le Sue. 7E non è possibile per coloro che le seguono patire le conseguenze di qualsiasi altra fonte.

4. Coloro che scelgono la libertà faranno esperienza solo dei suoi risultati. 2Il loro potere è di Dio e lo daranno solo a ciò che Dio ha dato, perché lo condividano con loro. 3Nient’altro che questo li può toccare, perché essi vedono solo questo, condividendo il loro potere secondo la Volontà di Dio. 4E così la loro libertà è stabilita e conservata. 5È sostenuta attraverso ogni tentazione di imprigionare e di essere imprigionati. 6Devi chiedere che cos’è la libertà a coloro che hanno imparato cos’è. 7Non chiedere al passero come fa l’aquila a librarsi nel cielo, perché coloro che hanno ali piccole non hanno accettato per se stessi il potere da condividere con te.

5. Coloro che sono senza peccato danno come hanno ricevuto. 2Vedi, quindi, il potere dell’assenza di peccato in tuo fratello, e condividi con lui il potere della liberazione dal peccato che gli hai offerto. 3A tutti coloro che camminano sulla terra in apparente solitudine è dato un salvatore, la cui speciale funzione qui è lasciarlo libero e così liberare se stessi. 4Nel mondo della separazione ognuno è designato separatamente, nonostante siano tutti la stessa cosa. 5Tuttavia coloro che sanno di essere tutti la stessa cosa non hanno bisogno di salvezza. 6E ciascuno troverà il proprio salvatore quando sarà pronto a vedere il volto di Cristo e a vederLo senza peccato.

6. Il piano non è tuo e non hai bisogno di preoccuparti di nulla se non della parte che ti è stata data da imparare. 2Perché Colui Che conosce il resto se ne occuperà senza il tuo aiuto. 3Ma non pensare che Egli non abbia bisogno della tua parte per aiutarLo col resto. 4Perché nella tua parte si trova tutto il piano e senza di essa nessuna parte è completa, né l’intero è completo senza la tua parte. 5Nell’arca della pace si entra a due a due, e tuttavia l’inizio di un nuovo mondo li accompagna. 6Ogni relazione santa deve entrare qua, per imparare la sua funzione speciale nel piano dello Spirito Santo, adesso che Ne condivide lo scopo. 7E quando questo scopo sarà realizzato, sorgerà un nuovo mondo nel quale il peccato non potrà entrare e dove il Figlio di Dio potrà entrare senza paura e dove riposerà un po’, per dimenticare la prigionia e ricordare la libertà. 8Come potrà entrare per riposare e ricordare, senza di te? 9Non sarà completo a meno che tu non sarai lì. 10E ciò che egli ricorderà lì sarà il suo completamento.

7. Questo è lo scopo che ti è stato dato. 2Non pensare che perdonare tuo fratello serva solo a voi due. 3Perché l’intero nuovo mondo giace nelle mani di ogni coppia che entrerà qui a riposare. 4E mentre essi riposeranno, dimenticando tutto il resto e anelando solo ad avere le Sue leggi perfettamente compiute in loro e in tutti i loro fratelli, il Volto di Cristo risplenderà su di loro ed essi ricorderanno le leggi di Dio. 5Pensi forse che quando questo sarà stato raggiunto riposerai senza di loro? 6Non potresti lasciare fuori uno di loro più di quanto io possa lasciarti e dimenticare una parte di me stesso.

8. Potrai chiederti come puoi essere in pace quando, mentre sei nel tempo, c’è così tanto da fare prima che la via della pace sia aperta. 2Forse questo ti sembra impossibile. 3Ma chiediti se è possibile che Dio abbia un piano per la tua salvezza che non funzioni. 4Una volta che avrai accettato il Suo piano come l’unica funzione che vuoi adempiere, non ci sarà nient’altro che lo Spirito Santo non predisporrà per te senza sforzo da parte tua. 5Egli procederà davanti a te rendendo diritto il tuo sentiero, e lasciando il cammino senza pietre su cui inciampare e senza ostacoli a sbarrarti la via. 6Niente di cui hai bisogno ti sarà negato. 7Nessuna apparente difficoltà farà altro che svanire prima che tu la raggiunga. 8Non hai bisogno di darti pensiero di niente, senza curarti di alcuna cosa eccetto del solo scopo che vuoi raggiungere. 9Come ti è stato dato, così lo sarà anche il suo raggiungimento. 10La garanzia di Dio terrà contro tutti gli ostacoli, perché si basa sulla certezza e non sulla contingenza. 11Si fonda su di te. 12E che cosa può essere più certo di un Figlio di Dio?

V. Heralds of Eternity
T-20.V.1. In this world, God’s Son comes closest to himself in a holy relationship. There he begins to find the certainty his Father has in him. And there he finds his function of restoring his Father’s laws to what was held outside them, and finding what was lost. Only in time can anything be lost, and never lost forever. So do the parts of God’s Son gradually join in time, and with each joining is the end of time brought nearer. Each miracle of joining is a mighty herald of eternity. No one who has a single purpose, unified and sure, can be afraid. No one who shares his purpose with him can not be one with him.

T-20.V.2. Each herald of eternity sings of the end of sin and fear. Each speaks in time of what is far beyond it. Two voices raised together call to the hearts of everyone, to let them beat as one. And in that single heartbeat is the unity of love proclaimed and given welcome. Peace to your holy relationship, which has the power to hold the unity of the Son of God together. You give to your brother for everyone, and in your gift is everyone made glad. Forget not Who has given you the gifts you give, and through your not forgetting this, will you remember Who gave the gifts to Him to give to you.

T-20.V.3. It is impossible to overestimate your brother’s value. Only the ego does this, but all it means is that it wants the other for itself, and therefore values him too little. What is inestimable clearly cannot be evaluated. Do you recognize the fear that rises from the meaningless attempt to judge what lies so far beyond your judgment you cannot even see it? Judge not what is invisible to you or you will never see it, but wait in patience for its coming. It will be given you to see your brother’s worth when all you want for him is peace. And what you want for him you will receive.

T-20.V.4. How can you estimate the worth of him who offers peace to you? What would you want except his offering? His worth has been established by his Father, and you will recognize it as you receive his Father’s gift through him. What is in him will shine so brightly in your grateful vision that you will merely love him and be glad. You will not think to judge him, for who would see the face of Christ and yet insist that judgment still has meaning? For this insistence is of those who do not see. Vision or judgment is your choice, but never both of these.

T-20.V.5. Your brother’s body is as little use to you as it is to him. When it is used only as the Holy Spirit teaches, it has no function. For minds need not the body to communicate. The sight that sees the body has no use which serves the purpose of a holy relationship. And while you look upon your brother thus, the means and end have not been brought in line. Why should it take so many holy instants to let this be accomplished, when one would do? There is but one. The little breath of eternity that runs through time like golden light is all the same; nothing before it, nothing afterwards.

T-20.V.6. You look upon each holy instant as a different point in time. It never changes. All that it ever held or will ever hold is here right now. The past takes nothing from it, and the future will add no more. Here, then, is everything. Here is the loveliness of your relationship, with means and end in perfect harmony already. Here is the perfect faith that you will one day offer to your brother already offered you; and here the limitless forgiveness you will give him already given, the face of Christ you yet will look upon already seen.

T-20.V.7. Can you evaluate the giver of a gift like this? Would you exchange this gift for any other? This gift returns the laws of God to your remembrance. And merely by remembering them, the laws that held you prisoner to pain and death must be forgotten. This is no gift your brother’s body offers you. The veil that hides the gift hides him as well. He is the gift, and yet he knows it not. No more do you. And yet, have faith that He Who sees the gift in you and your brother will offer and receive it for you both. And through His vision will you see it, and through His understanding recognize it and love it as your own.

T-20.V.8. Be comforted, and feel the Holy Spirit watching over you in love and perfect confidence in what He sees. He knows the Son of God, and shares his Father’s certainty the universe rests in his gentle hands in safety and in peace. Let us consider now what he must learn, to share his Father’s confidence in him. What is he, that the Creator of the universe should offer it to him and know it rests in safety? He looks upon himself not as his Father knows him. And yet it is impossible the confidence of God should be misplaced.

V. Gli araldi dell’eternità
1. In questo mondo il Figlio di Dio si avvicina maggiormente a se stesso in una relazione santa. 2In essa comincia a trovare la certezza che suo Padre ha in lui. 3E là trova la propria funzione di ripristinare le leggi di suo Padre nei confronti di ciò che veniva tenuto al di fuori di esse, e di trovare ciò che era perduto. 4Solo nel tempo si può perdere qualcosa e non può mai essere perduto per sempre. 5Così le parti del Figlio di Dio gradualmente si uniscono col passare del tempo e con ogni unione ci si avvicina alla fine del tempo. 6Ogni miracolo di unione è un potente araldo dell’eternità. 7Nessuno che abbia un singolo scopo, unificato e sicuro, può avere paura. 8Nessuno che condivida il suo scopo con lui può non essere uno con lui.

2. Ogni araldo dell’eternità canta la fine del peccato e della paura. 2Ognuno parla nel tempo di ciò che è ben al di là di esso. 3Due voci che si levano insieme chiamano i cuori di ognuno affinché battano come uno solo. 4E in quel singolo battito di cuore è proclamata l’unità dell’amore alla quale viene dato il benvenuto. 5Pace alla tua relazione santa, che ha il potere di mantenere unita l’unità del Figlio di Dio. 6Tu dai a tuo fratello per tutti, e nel tuo dono tutti sono resi contenti. 7Non dimenticare Chi ti ha dato i doni che dai, e non dimenticandotene, ricorderai Chi Gli ha dato questi doni perché te li donasse.

3. È impossibile sopravvalutare il valore di tuo fratello. 2Solo l’ego lo fa, ma tutto quello che significa è che vuole l’altro per sé e quindi lo valuta troppo poco. 3Ciò che è inestimabile non può chiaramente essere valutato. 4Riconosci la paura che nasce dal tentativo insignificante di giudicare ciò che è talmente al di là del tuo giudizio che non puoi nemmeno vederlo? 5Non giudicare ciò che è invisibile per te o non lo vedrai mai, ma aspetta con pazienza la sua venuta. 6Ti verrà dato di vedere il valore di tuo fratello quando tutto ciò che vorrai per lui sarà la pace. 7E ciò che vuoi per lui, lo riceverai.

4. Come puoi stimare il valore di colui che ti offre la pace? 2Cosa vuoi se non ciò che offre? 3Il suo valore è stato stabilito da suo Padre e tu lo riconoscerai nel momento in cui riceverai il dono di suo Padre attraverso di lui. 4Ciò che c’è in lui risplenderà in modo così luminoso nella tua visione riconoscente che semplicemente lo amerai e sarai contento. 5Non penserai di giudicarlo, perché chi potrebbe vedere il volto di Cristo e tuttavia insistere che il giudizio ha ancora significato? 6Perché questa insistenza è di coloro che non vedono. 7Visione o giudizio sono la tua scelta, ma mai entrambe.

5. Il corpo di tuo fratello è di poca utilità per te come lo è per lui. 2Quando viene usato solo come insegna lo Spirito Santo, non ha alcuna funzione. 3Perché le menti non hanno bisogno del corpo per comunicare. 4La vista che vede il corpo non ha alcuna utilità che serva lo scopo di una relazione santa. 5E mentre guardi così tuo fratello, il mezzo e il fine non sono stati allineati. 6Perché mai ci dovrebbero volere così tanti istanti santi perché questo si compia, quando ne basterebbe uno? 7Non ce n’è che uno. 8Il piccolo respiro dell’eternità che corre come luce dorata attraverso il tempo è sempre uguale, niente prima di esso, niente dopo.

6. Tu vedi ogni istante santo come un punto differente nel tempo. 2Esso non cambia mai. 3Tutto ciò che contiene o che conterrà mai è qui proprio adesso. 4Il passato non prende niente da esso e il futuro non aggiunge nulla di più. 5Qui, dunque, c’è tutto. 6Qui c’è l’amorevolezza della tua relazione santa, con mezzo e fine già in perfetta armonia. 7Qui ti è offerta la perfetta fede che un giorno offrirai a tuo fratello, e qui il perdono illimitato che gli darai è già stato dato, qui vedi già il volto di Cristo che devi ancora vedere.

7. Puoi forse valutare colui che ti dà un dono come questo? 2Cambieresti questo dono con qualunque altro? 3Il dono riporta le leggi di Dio alla tua memoria. 4E semplicemente ricordandole, le leggi che ti hanno tenuto prigioniero del dolore e della morte devono essere dimenticate. 5Questo non è un dono che viene offerto dal corpo di tuo fratello. 6Il velo che nasconde il dono nasconde anche lui. 7Egli è il dono, ma ancora non lo sa. 8E nemmeno tu. 9E tuttavia abbi fede che Colui Che vede il dono in te e in tuo fratello lo offrirà e lo riceverà per entrambi. 10E attraverso la Sua visione lo vedrai, e attraverso la Sua comprensione lo riconoscerai e lo amerai come tuo.

8. Fatti animo, e senti lo Spirito Santo vegliare su di te con amore e perfetta fiducia in ciò che vede. 2Egli conosce il Figlio di Dio e condivide la certezza di suo Padre che l’universo riposa nelle sue dolci mani in pace e in sicurezza. 3Consideriamo adesso quello che deve imparare per condividere la fiducia che suo Padre ha in lui. 4Che cosa è lui, perché il Creatore dell’universo glielo offra sapendo che esso giace al sicuro? 5Egli non vede se stesso come suo Padre lo conosce. 6E tuttavia è impossibile che la fiducia di Dio venga mal riposta.

VI. The Temple of the Holy Spirit
T-20.VI.1. The meaning of the Son of God lies solely in his relationship with his Creator. If it were elsewhere it would rest on contingency, but there is nothing else. And this is wholly loving and forever. Yet has the Son of God invented an unholy relationship between him and his Father. His real relationship is one of perfect union and unbroken continuity. The one he made is partial, self-centered, broken into fragments and full of fear. The one created by his Father is wholly Self-encompassing and Self-extending. The one he made is wholly self-destructive and self-limiting.

T-20.VI.2. Nothing can show the contrast better than the experience of both a holy and an unholy relationship. The first is based on love, and rests on it serene and undisturbed. The body does not intrude upon it. Any relationship in which the body enters is based not on love, but on idolatry. Love wishes to be known, completely understood and shared. It has no secrets; nothing that it would keep apart and hide. It walks in sunlight, open-eyed and calm, in smiling welcome and in sincerity so simple and so obvious it cannot be misunderstood.

T-20.VI.3. But idols do not share. Idols accept, but never make return. They can be loved, but cannot love. They do not understand what they are offered, and any relationship in which they enter has lost its meaning. The love of them has made love meaningless. They live in secrecy, hating the sunlight and happy in the body’s darkness, where they can hide and keep their secrets hidden along with them. And they have no relationships, for no one else is welcome there. They smile on no one, and those who smile on them they do not see.

T-20.VI.4. Love has no darkened temples where mysteries are kept obscure and hidden from the sun. It does not seek for power, but for relationships. The body is the ego’s chosen weapon for seeking power through relationships. And its relationships must be unholy, for what they are it does not even see. It wants them solely for the offerings on which its idols thrive. The rest it merely throws away, for all that it could offer is seen as valueless. Homeless, the ego seeks as many bodies as it can collect to place its idols in, and so establish them as temples to itself.

T-20.VI.5. The Holy Spirit’s temple is not a body, but a relationship. The body is an isolated speck of darkness; a hidden secret room, a tiny spot of senseless mystery, a meaningless enclosure carefully protected, yet hiding nothing. Here the unholy relationship escapes reality, and seeks for crumbs to keep itself alive. Here it would drag its brothers, holding them here in its idolatry. Here it is “safe,” for here love cannot enter. The Holy Spirit does not build His temples where love can never be. Would He Who sees the face of Christ choose as His home the only place in all the universe where it can not be seen?

T-20.VI.6. You cannot make the body the Holy Spirit’s temple, and it will never be the seat of love. It is the home of the idolater, and of love’s condemnation. For here is love made fearful and hope abandoned. Even the idols that are worshipped here are shrouded in mystery, and kept apart from those who worship them. This is the temple dedicated to no relationships and no return. Here is the “mystery” of separation perceived in awe and held in reverence. What God would have not be is here kept “safe” from Him. But what you do not realize is what you fear within your brother, and would not see in him, is what makes God seem fearful to you, and kept unknown.

T-20.VI.7. Idolaters will always be afraid of love, for nothing so severely threatens them as love’s approach. Let love draw near them and overlook the body, as it will surely do, and they retreat in fear, feeling the seeming firm foundation of their temple begin to shake and loosen. Brother, you tremble with them. Yet what you fear is but the herald of escape. This place of darkness is not your home. Your temple is not threatened. You are an idolater no longer. The Holy Spirit’s purpose lies safe in your relationship, and not your body. You have escaped the body. Where you are the body cannot enter, for the Holy Spirit has set His temple there.

T-20.VI.8. There is no order in relationships. They either are or not. An unholy relationship is no relationship. It is a state of isolation, which seems to be what it is not. No more than that. The instant that the mad idea of making your relationship with God unholy seemed to be possible, all your relationships were made meaningless. In that unholy instant time was born, and bodies made to house the mad idea and give it the illusion of reality. And so it seemed to have a home that held together for a little while in time, and vanished. For what could house this mad idea against reality but for an instant?

T-20.VI.9. Idols must disappear, and leave no trace behind their going. The unholy instant of their seeming power is frail as is a snowflake, but without its loveliness. Is this the substitute you want for the eternal blessing of the holy instant and its unlimited beneficence? Is the malevolence of the unholy relationship, so seeming powerful and so bitterly misunderstood and so invested in a false attraction your preference to the holy instant, which offers you peace and understanding? Then lay aside the body and quietly transcend it, rising to welcome what you really want. And from His holy temple, look you not back on what you have awakened from. For no illusions can attract the mind that has transcended them, and left them far behind.

T-20.VI.10. The holy relationship reflects the true relationship the Son of God has with his Father in reality. The Holy Spirit rests within it in the certainty it will endure forever. Its firm foundation is eternally upheld by truth, and love shines on it with the gentle smile and tender blessing it offers to its own. Here the unholy instant is exchanged in gladness for the holy one of safe return. Here is the way to true relationships held gently open, through which you and your brother walk together, leaving the body thankfully behind and resting in the Everlasting Arms. Love’s Arms are open to receive you, and give you peace forever.

T-20.VI.11. The body is the ego’s idol; the belief in sin made flesh and then projected outward. This produces what seems to be a wall of flesh around the mind, keeping it prisoner in a tiny spot of space and time, beholden unto death, and given but an instant in which to sigh and grieve and die in honor of its master. And this unholy instant seems to be life; an instant of despair, a tiny island of dry sand, bereft of water and set uncertainly upon oblivion. Here does the Son of God stop briefly by, to offer his devotion to death’s idols and then pass on. And here he is more dead than living. Yet it is also here he makes his choice again between idolatry and love. Here it is given him to choose to spend this instant paying tribute to the body, or let himself be given freedom from it. Here he can accept the holy instant, offered him to replace the unholy one he chose before. And here can he learn relationships are his salvation, and not his doom.

T-20.VI.12. You who are learning this may still be fearful, but you are not immobilized. The holy instant is of greater value now to you than its unholy seeming counterpart, and you have learned you really want but one. This is no time for sadness. Perhaps confusion, but hardly discouragement. You have a real relationship, and it has meaning. It is as like your real relationship with God as equal things are like unto each other. Idolatry is past and meaningless. Perhaps you fear your brother a little yet; perhaps a shadow of the fear of God remains with you. Yet what is that to those who have been given one true relationship beyond the body? Can they be long held back from looking on the face of Christ? And can they long withhold the memory of their relationship with their Father from themselves, and keep remembrance of His Love apart from their awareness?

VI. Il tempio dello Spirito Santo
1. Il significato del Figlio di Dio si trova unicamente nella sua relazione col suo Creatore. 2Se fosse altrimenti si baserebbe sulla contingenza, ma non c’è nient’altro. 3E questa relazione è interamente amorevole ed eterna. 4Tuttavia il Figlio di Dio ha inventato un relazione non santa tra lui e suo Padre. 5La sua relazione reale è di perfetta unione e di continuità ininterrotta. 6Quella che ha fatto lui è parziale, centrata su di sé, frammentata e piena di paura. 7Quella creata da suo Padre abbraccia interamente il Sé e continua ad estenderLo. 8Quella che egli ha fatto è completamente autodistruttiva e autolimitante.

2. Niente può mostrare il contrasto meglio dell’esperienza sia di una relazione santa che di una relazione non santa. 2La prima è basata sull’amore e poggia su di esso serena e indisturbata. 3Il corpo non vi si intromette. 4Ogni relazione in cui entra il corpo non è basata sull’amore, ma sull’idolatria. 5L’amore desidera essere conosciuto, completamente compreso e condiviso. 6Non ha segreti, nulla che voglia nascondere o tenere separato. 7Cammina alla luce del sole, calmo e a occhi aperti, in sorridente benvenuto e con una sincerità così semplice e così ovvia da non poter essere travisata.

3. Al contrario gli idoli non condividono. 2Gli idoli accettano, ma non restituiscono. 3Possono essere amati, ma non possono amare. 4Non comprendono ciò che viene loro offerto e ogni relazione in cui entrano ha perso il suo significato. 5Amarli ha reso l’amore senza significato. 6Vivono nella segretezza, odiano la luce del sole e sono felici nell’oscurità del corpo, dove possono nascondersi e tenere i loro segreti nascosti con loro. 7E non hanno relazioni, perché lì nessun altro è benvenuto. 8Non sorridono a nessuno e non vedono coloro che sorridono loro.

4. L’amore non ha templi bui dove misteri sono tenuti oscuri e nascosti dal sole. 2Non cerca potere, ma relazioni. 3Il corpo è l’arma scelta dall’ego per cercare potere attraverso le relazioni. 4E le sue relazioni devono essere non sante, perché esso non vede nemmeno ciò che sono. 5Le vuole solo per le offerte sulle quali prosperano i suoi idoli. 6Il resto è semplicemente buttato via, perché tutto ciò che può offrire viene visto come privo di valore. 7Senza dimora, l’ego cerca quanti più corpi può raccogliere per porre in essi i suoi idoli, e stabilirli così come templi a se stesso.

5. Il tempio dello Spirito Santo non è un corpo ma una relazione. 2Il corpo è un granello di oscurità isolato, una stanza segreta nascosta, un minuscolo luogo di mistero senza senso, un insignificante recinto protetto attentamente e che tuttavia non nasconde niente. 3Qui la relazione non santa fugge dalla realtà e cerca briciole per mantenersi viva. 4Qui vorrebbe trascinare i suoi fratelli, tenendoli qui nella sua idolatria. 5Qui è al “sicuro”, perché qui l’amore non può entrare. 6Lo Spirito Santo non costruisce i Suoi templi dove l’amore non potrà mai esserci. 7Colui Che vede il volto di Cristo sceglierebbe forse come Sua dimora l’unico posto in tutto l’universo dove esso non possa essere visto?

6. Non puoi fare del corpo il tempio dello Spirito Santo: esso non sarà mai la sede dell’amore. 2È la dimora dell’idolatra e della condanna dell’amore. 3Perché qui l’amore è reso spaventoso e la speranza abbandonata. 4Persino gli idoli che qui sono adorati vengono avvolti nel mistero e tenuti separati da coloro che li adorano. 5Questo è il tempio dedicato a nessuna relazione e a nessun ritorno. 6Qui il “mistero” della separazione è percepito con timore e mantenuto con reverenza. 7Qui ciò che Dio non vorrebbe è mantenuto al “sicuro” da Lui. 8Ma ciò di cui non ti rendi conto è che ciò che temi in tuo fratello, e che non vorresti vedere in lui, è ciò che ti fa sembrare Dio temibile per te, e lo mantiene sconosciuto.

7. Gli idolatri avranno sempre paura dell’amore, perché niente li spaventa così tanto quanto la vicinanza dell’amore. 2Permetti che l’amore gli si avvicini e guardi al di là del corpo, come sicuramente farà, ed essi si ritrarranno spaventati, sentendo che ciò che sembra il fermo fondamento del loro tempio, comincia a vacillare e a indebolirsi. 3Fratello, tu tremi con loro. 4Ma ciò di cui hai paura non è che l’araldo della fuga. 5Questo luogo di oscurità non è la tua dimora. 6Il tuo tempio non è minacciato. 7Tu non sei più un idolatra. 8Lo scopo dello Spirito Santo è al sicuro nella tua relazione e non nel tuo corpo. 9Tu sei sfuggito al corpo. 10Dove sei tu il corpo non può entrare, perché lo Spirito Santo ha stabilito lì il Suo tempio.

8. Non vi sono gradi diversi nelle relazioni. 2Esse sono o non sono. 3Una relazione non santa non è una relazione. 4È uno stato di isolamento che sembra essere ciò che non è. 5Niente più di questo. 6Nell’istante in cui la pazza idea di rendere non santa la tua relazione con Dio sembrò possibile, tutte le tue relazioni sono diventate senza significato. 7In quell’istante non santo è nato il tempo e sono stati fatti i corpi per ospitare la pazza idea e darle l’illusione di realtà. 8E così sembrò avere una dimora, tenuta insieme per un po’ nel tempo, per poi svanire. 9Perché cosa potrebbe ospitare questa pazza idea contro la realtà, se non per un solo istante?

9. Gli idoli devono sparire e non lasciare alcuna traccia dietro di sé. 2L’istante non santo del loro potere apparente è fragile come un fiocco di neve, ma senza la sua amorevolezza. 3È questo il sostituto che vuoi per la benedizione eterna dell’istante santo e la sua illimitata beneficenza? 4Preferisci forse la malevolenza della relazione non santa, così apparentemente potente, così amaramente travisata e così investita di falsa attrattiva, all’istante santo, che ti offre la pace e la comprensione? 5Allora lascia da parte il corpo e tranquillamente trascendilo, sorgendo a dare il benvenuto a ciò che veramente vuoi. 6E dal Suo tempio santo, non volgerti indietro a guardare ciò da cui ti sei risvegliato. 7Perché nessuna illusione può attrarre la mente che le ha trascese e lasciate alle spalle.

10. La relazione santa riflette la vera relazione che il Figlio di Dio ha in realtà con suo Padre. 2Lo Spirito Santo riposa in essa nella certezza che durerà in eterno. 3I suoi fermi fondamenti sono eternamente sostenuti dalla verità, e l’amore splende su di essa col dolce sorriso e la tenera benedizione che offre a ciò che è suo. 4Qui l’istante non santo viene lietamente scambiato con quello santo di sicura reciprocità. 5Qui la via per le vere relazioni è tenuta dolcemente aperta, e attraverso di essa tu e tuo fratello procedete insieme, lasciando indietro il corpo con gratitudine, riposando nelle Braccia Eterne. 6Le Braccia dell’Amore sono aperte per riceverti e darti la pace per sempre.

11. Il corpo è l’idolo dell’ego, la credenza nel peccato fatta carne e poi proiettata all’esterno. 2Questo produce quello che sembra un muro di carne attorno alla mente, mantenendola prigioniera in un minuscolo pezzetto di spazio e tempo, destinato a morire, a cui non è dato che un istante nel quale sospirare, soffrire e morire in onore del suo padrone. 3E questo istante non santo sembra essere la vita, un istante di disperazione, una minuscola isola di sabbia arida, senza acqua e incertamente in bilico sull’oblio. 4Qui il Figlio di Dio si ferma brevemente, per offrire la sua devozione agli idoli della morte e poi trapassare. 5E qui egli è più morto che vivo. 6Tuttavia è ancora qui che egli fa di nuovo la sua scelta tra idolatria e amore. 7Qui gli è dato di scegliere di passare questo istante pagando un tributo al corpo, o lasciare che gli venga data libertà da esso. 8Qui può accettare l’istante santo, offertogli per rimpiazzare quello non santo che aveva scelto prima. 9E qui può imparare che le relazioni sono la sua salvezza e non la sua triste sorte.

12. Tu che stai imparando queste cose puoi avere ancora paura, ma non sei immobilizzato. 2L’istante santo vale ora di più per te della sua apparente controparte non santa, e hai imparato che non vuoi veramente che uno di essi. 3Questo non è tempo per la tristezza. 4Forse ci può essere confusione, ma non scoraggiamento. 5Tu hai una vera relazione, ed ha significato. 6È come la tua vera relazione con Dio così come sono le cose che sono uguali tra di loro. 7L’idolatria è passata e senza significato. 8Forse hai ancora un po’ paura di tuo fratello, forse un’ombra della paura di Dio rimane con te. 9Tuttavia, cos’è questo per coloro a cui è stata data una vera relazione al di là del corpo? 10Gli si può forse impedire a lungo di vedere il volto di Cristo? 11E si possono forse privare a lungo del ricordo della loro relazione col Padre, e mantenere il ricordo del Suo Amore separato dalla loro consapevolezza?

VII. The Consistency of Means and End
T-20.VII.1. We have said much about discrepancies of means and end, and how these must be brought in line before your holy relationship can bring you only joy. But we have also said the means to meet the Holy Spirit’s goal will come from the same Source as does His purpose. Being so simple and direct, this course has nothing in it that is not consistent. The seeming inconsistencies, or parts you find more difficult than others, are merely indications of areas where means and end are still discrepant. And this produces great discomfort. This need not be. This course requires almost nothing of you. It is impossible to imagine one that asks so little, or could offer more.

T-20.VII.2. The period of discomfort that follows the sudden change in a relationship from sin to holiness may now be almost over. To the extent you still experience it, you are refusing to leave the means to Him Who changed the purpose. You recognize you want the goal. Are you not also willing to accept the means? If you are not, let us admit that you are inconsistent. A purpose is attained by means, and if you want a purpose you must be willing to want the means as well. How can one be sincere and say, “I want this above all else, and yet I do not want to learn the means to get it?”

T-20.VII.3. To obtain the goal the Holy Spirit indeed asks little. He asks no more to give the means as well. The means are second to the goal. And when you hesitate, it is because the purpose frightens you, and not the means. Remember this, for otherwise you will make the error of believing the means are difficult. Yet how can they be difficult if they are merely given you? They guarantee the goal, and they are perfectly in line with it. Before we look at them a little closer, remember that if you think they are impossible, your wanting of the purpose has been shaken. For if a goal is possible to reach, the means to do so must be possible as well.

T-20.VII.4. It is impossible to see your brother as sinless and yet to look upon him as a body. Is this not perfectly consistent with the goal of holiness? For holiness is merely the result of letting the effects of sin be lifted, so what was always true is recognized. To see a sinless body is impossible, for holiness is positive and the body is merely neutral. It is not sinful, but neither is it sinless. As nothing, which it is, the body cannot meaningfully be invested with attributes of Christ or of the ego. Either must be an error, for both would place the attributes where they cannot be. And both must be undone for purposes of truth.

T-20.VII.5. The body is the means by which the ego tries to make the unholy relationship seem real. The unholy instant is the time of bodies. But the purpose here is sin. It cannot be attained but in illusion, and so the illusion of a brother as a body is quite in keeping with the purpose of unholiness. Because of this consistency, the means remain unquestioned while the end is cherished. Seeing adapts to wish, for sight is always secondary to desire. And if you see the body, you have chosen judgment and not vision. For vision, like relationships, has no order. You either see or not.

T-20.VII.6. Who sees a brother’s body has laid a judgment on him, and sees him not. He does not really see him as sinful; he does not see him at all. In the darkness of sin he is invisible. He can but be imagined in the darkness, and it is here that the illusions you hold about him are not held up to his reality. Here are illusions and reality kept separated. Here are illusions never brought to truth, and always hidden from it. And here, in darkness, is your brother’s reality imagined as a body, in unholy relationships with other bodies, serving the cause of sin an instant before he dies.

T-20.VII.7. There is indeed a difference between this vain imagining and vision. The difference lies not in them, but in their purpose. Both are but means, each one appropriate to the end for which it is employed. Neither can serve the purpose of the other, for each one is a choice of purpose, employed on its behalf. Either is meaningless without the end for which it was intended, nor is it valued as a separate thing apart from the intention. The means seem real because the goal is valued. And judgment has no value unless the goal is sin.

T-20.VII.8. The body cannot be looked upon except through judgment. To see the body is the sign that you lack vision, and have denied the means the Holy Spirit offers you to serve His purpose. How can a holy relationship achieve its purpose through the means of sin? Judgment you taught yourself; vision is learned from Him Who would undo your teaching. His vision cannot see the body because it cannot look on sin. And thus it leads you to reality. Your holy brother, sight of whom is your release, is no illusion. Attempt to see him not in darkness, for your imaginings about him will seem real there. You closed your eyes to shut him out. Such was your purpose, and while this purpose seems to have a meaning, the means for its attainment will be evaluated as worth the seeing, and so you will not see.

T-20.VII.9. Your question should not be, “How can I see my brother without the body?” Ask only, “Do I really wish to see him sinless?” And as you ask, forget not that his sinlessness is your escape from fear. Salvation is the Holy Spirit’s goal. The means is vision. For what the seeing look upon is sinless. No one who loves can judge, and what he sees is free of condemnation. And what he sees he did not make, for it was given him to see, as was the vision that made his seeing possible.

VII. La coerenza di mezzo e fine
1. Abbiamo detto molto sulla discrepanza tra mezzo e fine e su come questi debbano essere allineati prima che la tua relazione santa ti possa dare solo gioia. 2Ma abbiamo anche detto che il mezzo per raggiungere l’obiettivo dello Spirito Santo verrà dalla stessa Fonte dalla quale proviene il Suo scopo. 3Essendo così semplice e diretto, questo corso non ha niente in esso che non sia coerente. 4Le apparenti incoerenze, o le parti che trovi più difficili di altre, sono semplici indicazioni di aree nelle quali mezzo e fine sono ancora discrepanti. 5E questo produce grande disagio. 6Ciò non è necessario. 7Questo corso non ti chiede quasi nulla. 8È impossibile immaginarne uno che richieda così poco o che offra di più.

2. Il periodo di disagio che segue l’improvviso cambiamento in una relazione dal peccato alla santità potrebbe essere ora quasi finito. 2Nella misura in cui ancora provi disagio, stai rifiutando di lasciare il mezzo a Colui Che ha cambiato lo scopo. 3Riconosci che vuoi l’obiettivo. 4Non sei disposto anche ad accettare il mezzo? 5Se non lo sei, ammettiamo allora che sei tu ad essere incoerente. 6Uno scopo viene raggiunto con dei mezzi, e se vuoi uno scopo devi essere disposto a volere anche i mezzi. 7Come può qualcuno essere sincero e dire: “Voglio questo sopra ogni altra cosa e tuttavia non voglio imparare il mezzo per ottenerlo”?

3. Per raggiungere l’obiettivo, lo Spirito Santo chiede davvero poco. 2E non chiede di più per dare anche il mezzo. 3Il mezzo è conforme all’obiettivo. 4E quando esiti è perché è lo scopo che ti spaventa, non il mezzo. 5Ricordatelo, altrimenti farai l’errore di credere che il mezzo sia difficile. 6Ma come può essere difficile se ti viene semplicemente dato? 7Esso garantisce l’obiettivo ed è perfettamente in linea con esso. 8Prima di guardarlo un po’ più da vicino, ricorda che se pensi che sia impossibile, il tuo desiderio dello scopo è stato scosso. 9Perché se è possibile raggiungere un obiettivo, anche il mezzo per farlo deve essere possibile.

4. È impossibile vedere tuo fratello senza peccato e allo stesso tempo vederlo come un corpo. 2Non è questo perfettamente coerente con l’obiettivo della santità? 3Perché la santità è semplicemente il risultato del lasciare che gli effetti del peccato siano eliminati, cosicché ciò che è sempre stato vero sia riconosciuto. 4È impossibile vedere un corpo senza peccato, perché la santità è positiva e il corpo è semplicemente neutro. 5Non è peccatore, ma non è neanche senza peccato. 6Siccome in realtà non è niente, il corpo non può essere significativamente investito con attributi di Cristo o dell’ego. 7Sia l’uno che l’altro devono essere un errore, perché entrambi metterebbero degli attributi dove non possono essere. 8Ed entrambi devono essere disfatti per gli scopi della verità.

5. Il corpo è il mezzo tramite il quale l’ego cerca di far sembrare reale la relazione non santa. 2L’istante non santo è il tempo dei corpi. 3Ma qui lo scopo è il peccato. 4Non può essere ottenuto che nell’illusione, e così l’illusione che un fratello sia un corpo è alquanto in sintonia con lo scopo della non santità. 5A causa di questa coerenza, il mezzo rimane indiscusso mentre il fine è tenuto in gran conto. 6Il vedere si adatta al desiderio, perché la vista è sempre secondaria al desiderio. 7E se vedrai il corpo, avrai scelto il giudizio e non la visione. 8Perché la visione, come le relazioni, non ha gradi. 9O vedi o non vedi.

6. Chi vede il corpo di un fratello lo ha giudicato e in effetti non lo vede. 2In realtà non lo vede come peccatore: non lo vede affatto. 3Nell’oscurità del peccato egli è invisibile. 4Nell’oscurità non può che essere immaginato, ed è qui che le illusioni che hai su di lui non vengono confrontate con la sua realtà. 5Qui le illusioni e la realtà vengono tenute separate. 6Qui le illusioni non vengono mai portate davanti alla verità e vengono sempre nascoste ad essa. 7E qui, nell’oscurità, la realtà di tuo fratello è immaginata come un corpo, in relazioni non sante con altri corpi, al servizio della causa del peccato un istante prima di morire.

7. C’è davvero differenza tra questo vano fantasticare e la visione. 2La differenza non è in essi, ma nel loro scopo. 3Entrambi non sono che mezzi, ciascuno appropriato al fine per il quale è impiegato. 4Nessuno dei due può servire allo scopo dell’altro, perché ciascuno è la scelta di uno scopo, impiegata a suo vantaggio. 5Ciascuna è priva di significato senza il fine per il quale è stata intesa, né viene valutata come cosa separata dall’intenzione. 6I mezzi sembrano reali perché si dà valore allo scopo. 7E il giudizio non ha valore a meno che l’obiettivo non sia il peccato.

8. Il corpo non può essere visto se non attraverso il giudizio. 2Vedere il corpo è un segno della tua mancanza di visione e dell’aver negato il mezzo che lo Spirito Santo ti offre per servire al Suo scopo. 3Come può una relazione santa raggiungere il suo scopo con i mezzi del peccato? 4Ti sei insegnato a giudicare: imparerai la visione da Colui Che disferà il tuo insegnamento. 5La Sua visione non può vedere il corpo perché non può vedere il peccato. 6E quindi ti guida alla realtà. 7Il tuo santo fratello, la vista del quale è la tua liberazione, non è un’illusione. 8Cerca di non vederlo nell’oscurità, perché lì le tue fantasie su di lui ti sembreranno reali. 9Hai chiuso gli occhi per chiuderlo fuori. 10Tale era il tuo scopo, e fintanto che questo scopo sembrerà avere un significato, il mezzo per il suo raggiungimento verrà giudicato degno di essere visto, e così non vedrai.

9. La tua domanda non dovrebbe essere: “Come posso vedere mio fratello senza il corpo?” 2Chiedi solo: “Voglio veramente vederlo senza peccato?” 3E mentre chiedi, non dimenticare che la sua assenza di peccato è la tua via di fuga dalla paura. 4La salvezza è l’obiettivo dello Spirito Santo. 5Il mezzo è la visione. 6Perché ciò che viene visto da coloro che vedono è senza peccato. 7Nessuno che ami può giudicare, e ciò che vede è libero dalla condanna. 8Egli non ha fatto ciò che vede, perché gli è stato dato di vedere, così come gli è stata data la visione che gli ha reso possibile vedere.

VIII. The Vision of Sinlessness
T-20.VIII.1. Vision will come to you at first in glimpses, but they will be enough to show you what is given you who see your brother sinless. Truth is restored to you through your desire, as it was lost to you through your desire for something else. Open the holy place that you closed off by valuing the “something else,” and what was never lost will quietly return. It has been saved for you. Vision would not be necessary had judgment not been made. Desire now its whole undoing, and it is done for you.

T-20.VIII.2. Do you not want to know your own Identity? Would you not happily exchange your doubts for certainty? Would you not willingly be free of misery, and learn again of joy? Your holy relationship offers all this to you. As it was given you, so will be its effects. And as its holy purpose was not made by you, the means by which its happy end is yours is also not of you. Rejoice in what is yours but for the asking, and think not that you need make either means or end. All this is given you who would but see your brother sinless. All this is given, waiting on your desire but to receive it. Vision is freely given to those who ask to see.

T-20.VIII.3. Your brother’s sinlessness is given you in shining light, to look on with the Holy Spirit’s vision and to rejoice in along with Him. For peace will come to all who ask for it with real desire and sincerity of purpose, shared with the Holy Spirit and at one with Him on what salvation is. Be willing, then, to see your brother sinless, that Christ may rise before your vision and give you joy. And place no value on your brother’s body, which holds him to illusions of what he is. It is his desire to see his sinlessness, as it is yours. And bless the Son of God in your relationship, nor see in him what you have made of him.

T-20.VIII.4. The Holy Spirit guarantees that what God willed and gave you shall be yours. This is your purpose now, and the vision that makes it yours is ready to be given. You have the vision that enables you to see the body not. And as you look upon your brother, you will see an altar to your Father, holy as Heaven, glowing with radiant purity and sparkling with the shining lilies you laid upon it. What can you value more than this? Why do you think the body is a better home, a safer shelter for God’s Son? Why would you rather look on it than on the truth? How can the engine of destruction be preferred, and chosen to replace the holy home the Holy Spirit offers, where He will dwell with you?

T-20.VIII.5. The body is the sign of weakness, vulnerability and loss of power. Can such a savior help you? Would you turn in your distress and need for help unto the helpless? Is the pitifully little the perfect choice to call upon for strength? Judgment will seem to make your savior weak. Yet it is you who need his strength. There is no problem, no event or situation, no perplexity that vision will not solve. All is redeemed when looked upon with vision. For this is not your sight, and brings with it the laws beloved of Him Whose sight it is.

T-20.VIII.6. Everything looked upon with vision falls gently into place, according to the laws brought to it by His calm and certain sight. The end for everything He looks upon is always sure. For it will meet His purpose, seen in unadjusted form and suited perfectly to meet it. Destructiveness becomes benign, and sin is turned to blessing under His gentle gaze. What can the body’s eyes perceive, with power to correct? Its eyes adjust to sin, unable to overlook it in any form and seeing it everywhere, in everything. Look through its eyes, and everything will stand condemned before you. All that could save you, you will never see. Your holy relationship, the source of your salvation, will be deprived of meaning, and its most holy purpose bereft of means for its accomplishment.

T-20.VIII.7. Judgment is but a toy, a whim, the senseless means to play the idle game of death in your imagination. But vision sets all things right, bringing them gently within the kindly sway of Heaven’s laws. What if you recognized this world is an hallucination? What if you really understood you made it up? What if you realized that those who seem to walk about in it, to sin and die, attack and murder and destroy themselves, are wholly unreal? Could you have faith in what you see, if you accepted this? And would you see it?

T-20.VIII.8. Hallucinations disappear when they are recognized for what they are. This is the healing and the remedy. Believe them not and they are gone. And all you need to do is recognize that you did this. Once you accept this simple fact and take unto yourself the power you gave them, you are released from them. One thing is sure; hallucinations serve a purpose, and when that purpose is no longer held they disappear. Therefore, the question never is whether you want them, but always, do you want the purpose that they serve? This world seems to hold out many purposes, each different and with different values. Yet they are all the same. Again there is no order; only a seeming hierarchy of values.

T-20.VIII.9. Only two purposes are possible. And one is sin, the other holiness. Nothing is in between, and which you choose determines what you see. For what you see is merely how you elect to meet your goal. Hallucinations serve to meet the goal of madness. They are the means by which the outside world, projected from within, adjusts to sin and seems to witness to its reality. It still is true that nothing is without. Yet upon nothing are all projections made. For it is the projection that gives the “nothing” all the meaning that it holds.

T-20.VIII.10. What has no meaning cannot be perceived. And meaning always looks within to find itself, and then looks out. All meaning that you give the world outside must thus reflect the sight you saw within; or better, if you saw at all or merely judged against. Vision is the means by which the Holy Spirit translates your nightmares into happy dreams; your wild hallucinations that show you all the fearful outcomes of imagined sin into the calm and reassuring sights with which He would replace them. These gentle sights and sounds are looked on happily, and heard with joy. They are His substitutes for all the terrifying sights and screaming sounds the ego’s purpose brought to your horrified awareness. They step away from sin, reminding you that it is not reality which frightens you, and that the errors which you made can be corrected.

T-20.VIII.11. When you have looked on what seemed terrifying, and seen it change to sights of loveliness and peace; when you have looked on scenes of violence and death, and watched them change to quiet views of gardens under open skies, with clear, life-giving water running happily beside them in dancing brooks that never waste away; who need persuade you to accept the gift of vision? And after vision, who is there who could refuse what must come after? Think but an instant just on this; you can behold the holiness God gave His Son. And never need you think that there is something else for you to see.

VIII. La visione dell’assenza di peccato
1. Dapprima la visione verrà a te in fugaci apparizioni, ma esse saranno abbastanza da mostrarti ciò che verrà dato a te che vedi tuo fratello senza peccato. 2La verità è ripristinata in te grazie al tuo desiderio, così come era stata persa a causa del tuo desiderio di qualcos’altro. 3Apri il santo luogo che avevi chiuso dando valore a “qualcos’altro”, e ciò che non è mai stato perso tornerà tranquillamente. 4È stato preservato per te. 5La visione non sarebbe stata necessaria se non fosse stato fatto il giudizio. 6Desidera ora il suo completo disfacimento, ed esso verrà fatto per te.

2. Non vuoi conoscere la tua vera Identità? 2Non vorresti scambiare gioiosamente i tuoi dubbi con la certezza? 3Non avresti voglia di essere libero dalla sofferenza e imparare di nuovo la gioia? 4La tua relazione santa ti offre tutto questo. 5Come ti è stata data, così ti saranno dati i suoi effetti. 6E così come il suo scopo santo non è stato fatto da te, anche il mezzo tramite il quale il suo lieto fine diventa tuo non viene da te. 7Rallegrati di ciò che è tuo solo chiedendolo, e non pensare di dover fare il mezzo né il fine. 8Tutto questo è dato a te che vuoi solo vedere tuo fratello senza peccato. 9Tutto questo ti è dato, e non aspetta altro che il tuo desiderio di riceverlo. 10La visione è data liberamente a coloro che chiedono di vedere.

3. L’assenza di peccato di tuo fratello ti è data in una luce splendente, perché tu veda con la visione dello Spirito Santo e gioisca con Lui. 2Perché la pace verrà per tutti coloro che la chiederanno con desiderio reale e sincerità di intento, condivisa con lo Spirito Santo e uniti a Lui su ciò che è la salvezza. 3Sii disposto, quindi, a vedere tuo fratello senza peccato, così che Cristo possa sorgere davanti alla tua visione e darti gioia. 4E non dare valore al corpo di tuo fratello, che lo tiene attaccato alle illusioni di ciò che è. 5È suo desiderio, ed anche il tuo, vedere la sua assenza di peccato. 6Benedici dunque il Figlio di Dio nella tua relazione e non vedere in lui ciò che tu ne hai fatto.

4. Lo Spirito Santo garantisce che ciò che Dio ha voluto e ti ha dato sarà tuo. 2Questo è ora il tuo scopo e la visione che lo rende tuo è pronta per esserti data. 3Hai la visione che ti mette in grado di non vedere il corpo. 4E quando vedrai tuo fratello, vedrai un altare a tuo Padre, santo come il Cielo, rifulgente di radiante purezza e scintillante dei gigli splendenti che hai deposto su di esso. 5A cosa puoi dar più valore che a questo? 6Perché pensi che il corpo sia una casa migliore, un rifugio più sicuro per il Figlio di Dio? 7Perché preferisci vedere il corpo invece della verità? 8Come puoi preferire la macchina della distruzione e sceglierla per rimpiazzare la santa dimora offerta dallo Spirito Santo, nella quale Egli dimorerà con te?

5. Il corpo è il segno della debolezza, della vulnerabilità e della perdita di potere. 2Può forse aiutarti un simile salvatore? 3Ti rivolgeresti forse a ciò che è impotente per ottenere aiuto nei momenti di angustia e bisogno? 4È forse una scelta perfetta chiedere forza a ciò che è pietosamente piccolo? 5Il giudizio sembrerà rendere debole il tuo salvatore. 6Tuttavia sei tu ad aver bisogno della sua forza. 7Non c’è problema, evento, situazione o perplessità che la visione non risolva. 8Tutto è redento quando è contemplato con la visione. 9Perché questa non è la tua vista, e porta con sé le leggi beneamate di Colui del Quale è la vista.

6. Tutto ciò che viene visto con la visione si pone dolcemente al posto giusto, secondo le leggi portate ad esso dalla Sua vista calma e certa. 2Il fine per tutto ciò che Egli vede è sempre sicuro. 3Perché esso raggiungerà il Suo scopo, visto in una forma che non ha avuto bisogno di alcun adattamento e perfettamente adatta a servirlo. 4La distruttività diventerà benigna e il peccato verrà trasformato in benedizione sotto il Suo dolce sguardo. 5Che potere hanno gli occhi del corpo di correggere ciò che percepiscono? 6I suoi occhi si adattano al peccato, incapaci di guardare al di là di esso, qualunque ne sia la forma, e vedendolo ovunque, in ogni cosa. 7Guarda attraverso i suoi occhi e tutto sarà condannato davanti a te. 8Non vedrai mai tutto ciò che potrebbe salvarti. 9La tua relazione santa, la fonte della tua salvezza, sarà privata di significato e il suo scopo più santo privato del mezzo per il suo compimento.

7. Il giudizio non è che un giocattolo, un capriccio, il mezzo insensato per giocare il futile gioco della morte nella tua immaginazione. 2Ma la visione rimette ogni cosa al suo posto, portandola delicatamente nel dolce dominio delle leggi del Cielo. 3Cosa succederebbe se riconoscessi che questo mondo è un’allucinazione? 4Cosa accadrebbe se capissi veramente che l’hai fatto tu? 5Che cosa succederebbe se ti rendessi conto che coloro che sembrano camminare in esso, peccare, morire, attaccare, uccidere e distruggere se stessi, sono interamente irreali? 6Potresti avere fede in ciò che vedi se accettassi ciò? 7E lo vedresti?

8. Le allucinazioni scompaiono quando sono riconosciute per ciò che sono. 2Questa è la guarigione e il rimedio. 3Non credere in esse e se ne andranno. 4E tutto ciò che devi fare è riconoscere che tu hai fatto ciò. 5Una volta che accetterai questo semplice fatto e ti riprenderai il potere che avevi dato loro, ne sarai liberato. 6Una cosa è certa: le allucinazioni servono a uno scopo, e quando questo scopo non è più perseguito, esse scompaiono. 7Quindi la domanda non è mai se tu le desideri, ma sempre se vuoi lo scopo che esse servono. 8Questo mondo sembra avere molti scopi, ognuno differente e con valori differenti. 9Tuttavia essi sono tutti uguali. 10Ripeto: non c’è un ordine, solo un’apparente gerarchia di valori.

9. Solo due scopi sono possibili. 2Uno è il peccato, l’altro è la santità. 3Non c’è niente nel mezzo, e quello che scegli determina quello che vedi. 4Perché ciò che vedi è semplicemente come scegli di raggiungere il tuo obiettivo. 5Le allucinazioni servono a soddisfare l’obiettivo della pazzia. 6Sono i mezzi coi quali il mondo esterno, proiettato dall’interno, si adatta al peccato e sembra testimoniarne la realtà. 7È ancor vero che fuori non c’è nulla. 8Ma sul nulla sono fatte tutte le proiezioni. 9Perché è la proiezione che dà al “nulla” tutto il significato che sembra avere.

10. Ciò che non ha significato non può essere percepito. 2E il significato si rivolge sempre all’interno per trovare se stesso, e poi guarda fuori. 3Ogni significato che dai al mondo esterno deve perciò riflettere l’immagine che hai visto dentro, o meglio, se hai veramente visto qualcosa o hai semplicemente giudicato contro qualcosa. 4La visione è il mezzo con cui lo Spirito Santo trasforma i tuoi incubi in sogni felici, le tue selvagge allucinazioni che ti mostrano tutti i paurosi risultati di peccati inventati, in immagini calme e rassicuranti con le quali Egli le sostituisce. 5Queste dolci immagini e questi suoni vengono guardati felicemente e uditi con gioia. 6Sono i Suoi sostituti per tutte le immagini terrificanti e i suoni urlanti che lo scopo dell’ego ha portato alla tua consapevolezza inorridita. 7Essi ti allontanano dal peccato, ricordandoti che ciò che ti spaventa non è la realtà e che gli errori che hai fatto possono essere corretti. 11. Quando avrai guardato ciò che sembrava terrificante e lo avrai visto cambiare in immagini di amorevolezza e pace; quando avrai guardato scene di violenza e di morte e le avrai viste cambiare in quiete immagini di giardini sotto cieli aperti, con acque chiare e donatrici di vita che scorrono felicemente accanto ad essi in danzanti ruscelli che non si esauriscono mai, chi avrà bisogno di persuaderti ad accettare il dono della visione? 2E dopo la visione, chi c’è che potrebbe rifiutare ciò che deve venire dopo? 3Pensa, per un solo istante, proprio a questo: puoi vedere la santità che Dio ha dato a Suo Figlio. 4E non avrai mai bisogno di pensare che per te ci sia qualcos’altro da vedere.

Chapter 21. Reason and perception- Capitolo 21. - Ragione e percezione

Introduction
T-21.in.1. Projection makes perception. The world you see is what you gave it, nothing more than that. But though it is no more than that, it is not less. Therefore, to you it is important. It is the witness to your state of mind, the outside picture of an inward condition. As a man thinketh, so does he perceive. Therefore, seek not to change the world, but choose to change your mind about the world. Perception is a result and not a cause. And that is why order of difficulty in miracles is meaningless. Everything looked upon with vision is healed and holy. Nothing perceived without it means anything. And where there is no meaning, there is chaos.

T-21.in.2. Damnation is your judgment on yourself, and this you will project upon the world. See it as damned, and all you see is what you did to hurt the Son of God. If you behold disaster and catastrophe, you tried to crucify him. If you see holiness and hope, you joined the Will of God to set him free. There is no choice that lies between these two decisions. And you will see the witness to the choice you made, and learn from this to recognize which one you chose. The world you see but shows you how much joy you have allowed yourself to see in you, and to accept as yours. And, if this is its meaning, then the power to give it joy must lie within you.

Introduzione
1. La proiezione fa la percezione. 2Il mondo che vedi è ciò che tu gli hai dato, niente di più. 3Ma nonostante non sia niente di più, non è niente di meno. 4Quindi, per te è importante. 5È il testimone del tuo stato mentale, l’immagine esterna di una condizione interna. 6Come un uomo pensa, così percepisce. 7Quindi, non cercare di cambiare il mondo, ma scegli di cambiare la tua mente riguardo al mondo. 8La percezione è il risultato e non la causa. 9E questo è il motivo per cui un ordine di difficoltà nei miracoli è senza significato. 10Tutto ciò che viene guardato con la visione è guarito e santo. 11Nulla che venga percepito senza di essa ha alcun significato. 12E dove non c’è alcun significato c’è il caos.

2. La dannazione è il tuo giudizio su te stesso, ed è questo che proietterai sul mondo. 2Vedilo dannato e tutto ciò che vedrai è ciò che hai fatto per fare del male al Figlio di Dio. 3Se vedi il disastro e la catastrofe, hai cercato di crocifiggerlo. 4Se vedi santità e speranza, ti sei unito alla Volontà di Dio per renderlo libero. 5Non c’è scelta che stia tra queste due decisioni. 6E vedrai ciò che testimonia la scelta che hai fatto e imparerai da questo a riconoscere quale hai scelto. 7Il mondo che vedi mostra solo quanta gioia ti sei permesso di vedere in te e di accettare come tua. 8E, se questo è il suo significato, allora il potere di dargli gioia deve essere dentro di te.

I. The Forgotten Song
T-21.I.1. Never forget the world the sightless “see” must be imagined, for what it really looks like is unknown to them. They must infer what could be seen from evidence forever indirect; and reconstruct their inferences as they stumble and fall because of what they did not recognize, or walk unharmed through open doorways that they thought were closed. And so it is with you. You do not see. Your cues for inference are wrong, and so you stumble and fall down upon the stones you did not recognize, but fail to be aware you can go through the doors you thought were closed, but which stand open before unseeing eyes, waiting to welcome you.

T-21.I.2. How foolish is it to attempt to judge what could be seen instead. It is not necessary to imagine what the world must look like. It must be seen before you recognize it for what it is. You can be shown which doors are open, and you can see where safety lies; and which way leads to darkness, which to light. Judgment will always give you false directions, but vision shows you where to go. Why should you guess?

T-21.I.3. There is no need to learn through pain. And gentle lessons are acquired joyously, and are remembered gladly. What gives you happiness you want to learn and not forget. It is not this you would deny. Your question is whether the means by which this course is learned will bring to you the joy it promises. If you believed it would, the learning of it would be no problem. You are not a happy learner yet because you still remain uncertain that vision gives you more than judgment does, and you have learned that both you cannot have.

T-21.I.4. The blind become accustomed to their world by their adjustments to it. They think they know their way about in it. They learned it, not through joyous lessons, but through the stern necessity of limits they believed they could not overcome. And still believing this, they hold those lessons dear, and cling to them because they cannot see. They do not understand the lessons keep them blind. This they do not believe. And so they keep the world they learned to “see” in their imagination, believing that their choice is that or nothing. They hate the world they learned through pain. And everything they think is in it serves to remind them that they are incomplete and bitterly deprived.

T-21.I.5. Thus they define their life and where they live, adjusting to it as they think they must, afraid to lose the little that they have. And so it is with all who see the body as all they have and all their brothers have. They try to reach each other, and they fail, and fail again. And they adjust to loneliness, believing that to keep the body is to save the little that they have. Listen, and try to think if you remember what we will speak of now.

T-21.I.6. Listen, – perhaps you catch a hint of an ancient state not quite forgotten; dim, perhaps, and yet not altogether unfamiliar, like a song whose name is long forgotten, and the circumstances in which you heard completely unremembered. Not the whole song has stayed with you, but just a little wisp of melody, attached not to a person or a place or anything particular. But you remember, from just this little part, how lovely was the song, how wonderful the setting where you heard it, and how you loved those who were there and listened with you.

T-21.I.7. The notes are nothing. Yet you have kept them with you, not for themselves, but as a soft reminder of what would make you weep if you remembered how dear it was to you. You could remember, yet you are afraid, believing you would lose the world you learned since then. And yet you know that nothing in the world you learned is half so dear as this. Listen, and see if you remember an ancient song you knew so long ago and held more dear than any melody you taught yourself to cherish since.

T-21.I.8. Beyond the body, beyond the sun and stars, past everything you see and yet somehow familiar, is an arc of golden light that stretches as you look into a great and shining circle. And all the circle fills with light before your eyes. The edges of the circle disappear, and what is in it is no longer contained at all. The light expands and covers everything, extending to infinity forever shining and with no break or limit anywhere. Within it everything is joined in perfect continuity. Nor is it possible to imagine that anything could be outside, for there is nowhere that this light is not.

T-21.I.9. This is the vision of the Son of God, whom you know well. Here is the sight of him who knows his Father. Here is the memory of what you are; a part of this, with all of it within, and joined to all as surely as all is joined in you. Accept the vision that can show you this, and not the body. You know the ancient song, and know it well. Nothing will ever be as dear to you as is this ancient hymn of love the Son of God sings to his Father still.

T-21.I.10. And now the blind can see, for that same song they sing in honor of their Creator gives praise to them as well. The blindness that they made will not withstand the memory of this song. And they will look upon the vision of the Son of God, remembering who he is they sing of. What is a miracle but this remembering? And who is there in whom this memory lies not? The light in one awakens it in all. And when you see it in your brother, you are remembering for everyone.

I. Il canto dimenticato
1. Non dimenticare mai che il mondo che “vedono” coloro che sono privi di vista deve essere immaginario, perché l’aspetto che ha veramente è loro sconosciuto. 2Essi devono supporre ciò che potrebbe essere visto da prove sempre indirette, e ricostruire le loro illazioni mentre inciampano e cadono a causa di ciò che non hanno riconosciuto, o mentre avanzano illesi attraverso portali che pensavano fossero chiusi. 3E così è per te. 4Tu non vedi. 5Gli spunti per le tue illazioni sono sbagliati, e così inciampi e cadi sulle pietre che non hai riconosciuto, ma non riesci a essere consapevole che puoi varcare le porte che pensavi fossero chiuse, ma che sono aperte davanti ad occhi che non vedono, in attesa di darti il benvenuto.

2. Quant’è sciocco cercare di giudicare ciò che può essere visto al suo posto. 2Non è necessario immaginare l’aspetto che il mondo deve avere. 3Deve essere visto prima che tu lo riconosca per quello che è. 4Ti può essere mostrato quali porte sono aperte, e puoi vedere dove sta la sicurezza, quale via conduce all’oscurità e quale alla luce. 5Il giudizio ti darà sempre false indicazioni, ma la visione ti mostra dove andare. 6Perché dovresti tirare a indovinare?

3. Non c’è alcun bisogno di imparare attraverso il dolore. 2E le lezioni dolci si acquisiscono gioiosamente e vengono ricordate con piacere. 3Tu vuoi apprendere e non dimenticare cosa ti dà la felicità. 4Non è questo che vuoi negare. 5La tua domanda è se i mezzi coi quali viene appreso questo corso ti porteranno la gioia che promette. 6Se credessi di sì, il suo apprendimento non sarebbe un problema. 7Non sei ancora uno studente felice perché sei tuttora incerto sul fatto che la visione ti dia più del giudizio, e hai imparato che non li puoi avere entrambi.

4. I ciechi si abituano al loro mondo adattandosi ad esso. 2Pensano di sapere qual è la loro strada in esso. 3L’hanno imparato, non con lezioni gioiose, ma con la dura necessità di limiti che credevano di non poter superare. 4E siccome lo credono ancora, tengono a cuore queste lezioni, e si aggrappano ad esse perché non possono vedere. 5Non comprendono che le lezioni li mantengono ciechi. 6A questo non credono. 7E così mantengono nella loro immaginazione il mondo che hanno imparato a “vedere”, credendo che la loro scelta sia tra quello e niente. 8Odiano il mondo che hanno imparato attraverso il dolore. 9E tutto ciò che pensano si trovi in esso serve a ricordare loro che sono incompleti e amaramente deprivati.

5. Definiscono così la loro vita e il luogo in cui vivono, adattandosi ad esso come pensano di dover fare, timorosi di perdere quel poco che hanno. 2Ed è così per tutti coloro che vedono il corpo come tutto ciò che hanno e come tutto ciò che hanno i loro fratelli. 3Cercano di raggiungersi l’un l’altro e falliscono ripetutamente. 4E si adattano alla solitudine, credendo che preservare il corpo sia salvare il poco che hanno. 5Ascolta, e cerca di pensare se ti ricordi di ciò di cui parleremo ora.

6. Ascolta, forse cogli un accenno di un antico stato non del tutto dimenticato: tenue, forse, e tuttavia non del tutto estraneo, come un canto il cui nome è da lungo tempo dimenticato, e le circostanze in cui l’hai udito sono state completamente scordate. 2Non è rimasto con te l’intero canto, ma solo un piccolo accenno di melodia, non legato a una persona o a un luogo o a niente in particolare. 3Ma ricordi, solo da questo piccolo frammento, quanto era amorevole il canto, com’era bello l’ambiente in cui l’hai udito, e come amavi coloro che erano lì ed ascoltavano con te.

7. Le note non sono nulla. 2Ma tu le hai conservate in te, non per se stesse, ma come un tenero ricordo di ciò che ti farebbe piangere se ricordassi quanto ti era caro. 3Potresti ricordare, ma hai paura, perché credi che perderesti il mondo che hai imparato da allora. 4E tuttavia sai che nulla nel mondo che hai imparato ti è caro anche solo la metà di questo. 5Ascolta, e vedi se ricordi un antico canto che conoscevi molto tempo fa e che ti era più caro di qualsiasi melodia che ti sei insegnato ad apprezzare da allora.

8. Oltre il corpo, oltre il sole e le stelle, oltre tutto ciò che vedi e tuttavia in qualche modo familiare, c’è un arco di luce dorata che quando guardi si allunga diventando un grande cerchio splendente. 2E tutto il cerchio si riempie di luce davanti ai tuoi occhi. 3I confini del cerchio scompaiono e ciò che si trova in esso non è più contenuto. 4La luce si espande e ricopre ogni cosa, si estende all’infinito splendendo per sempre senza fratture o limiti in nessun luogo. 5In esso tutto è unito in perfetta continuità. 6E non si può immaginare che qualcosa possa esserne al di fuori, perché non c’è luogo in cui non ci sia questa luce.

9. Questa è la visione del Figlio di Dio, che tu conosci bene. 2Ecco la vista di colui che conosce suo Padre. 3Ecco il ricordo di ciò che sei: una parte di questo, che dentro di sé lo contiene tutto, e altrettanto unito a tutto come tutto è unito in te. 4Accetta la visione che può mostrarti questo e non il corpo. 5Tu conosci l’antico canto, e lo conosci bene. 6Nulla ti sarà mai così caro come questo antico inno d’amore che il Figlio di Dio continua a cantare a suo Padre.

10. E adesso i ciechi possono vedere, perché quello stesso canto che cantano in onore del loro Creatore rende omaggio anche a loro. 2La cecità che hanno fatto non ostacolerà il ricordo di questo canto. 3E vedranno la visione del Figlio di Dio, ricordando di chi è che stanno cantando. 4Cos’è un miracolo se non questo ricordo? 5E chi c’è che non abbia questo ricordo dentro di sé? 6La luce in uno la risveglia in tutti. 7E quando la vedi in tuo fratello, stai ricordando per tutti.

II. The Responsibility for Sight
T-21.II.1. We have repeated how little is asked of you to learn this course. It is the same small willingness you need to have your whole relationship transformed to joy; the little gift you offer to the Holy Spirit for which He gives you everything; the very little on which salvation rests; the tiny change of mind by which the crucifixion is changed to resurrection. And being true, it is so simple that it cannot fail to be completely understood. Rejected yes, but not ambiguous. And if you choose against it now it will not be because it is obscure, but rather that this little cost seemed, in your judgment, to be too much to pay for peace.

T-21.II.2. This is the only thing that you need do for vision, happiness, release from pain and the complete escape from sin, all to be given you. Say only this, but mean it with no reservations, for here the power of salvation lies:

I am responsible for what I see. I choose the feelings I experience, and I decide upon the goal I would achieve. And everything that seems to happen to me I ask for, and receive as I have asked. Deceive yourself no longer that you are helpless in the face of what is done to you. Acknowledge but that you have been mistaken, and all effects of your mistakes will disappear.

T-21.II.3. It is impossible the Son of God be merely driven by events outside of him. It is impossible that happenings that come to him were not his choice. His power of decision is the determiner of every situation in which he seems to find himself by chance or accident. No accident nor chance is possible within the universe as God created it, outside of which is nothing. Suffer, and you decided sin was your goal. Be happy, and you gave the power of decision to Him Who must decide for God for you. This is the little gift you offer to the Holy Spirit, and even this He gives to you to give yourself. For by this gift is given you the power to release your savior, that he may give salvation unto you.

T-21.II.4. Begrudge not then this little offering. Withhold it, and you keep the world as now you see it. Give it away, and everything you see goes with it. Never was so much given for so little. In the holy instant is this exchange effected and maintained. Here is the world you do not want brought to the one you do. And here the one you do is given you because you want it. Yet for this, the power of your wanting must first be recognized. You must accept its strength, and not its weakness. You must perceive that what is strong enough to make a world can let it go, and can accept correction if it is willing to see that it was wrong.

T-21.II.5. The world you see is but the idle witness that you were right. This witness is insane. You trained it in its testimony, and as it gave it back to you, you listened and convinced yourself that what it saw was true. You did this to yourself. See only this, and you will also see how circular the reasoning on which your “seeing” rests. This was not given you. This was your gift to you and to your brother. Be willing, then, to have it taken from him and be replaced with truth. And as you look upon the change in him, it will be given you to see it in yourself.

T-21.II.6. Perhaps you do not see the need for you to give this little offering. Look closer, then, at what it is. And, very simply, see in it the whole exchange of separation for salvation. All that the ego is, is an idea that it is possible that things could happen to the Son of God without his will; and thus without the Will of his Creator, Whose Will cannot be separate from his own. This is the Son of God’s replacement for his will, a mad revolt against what must forever be. This is the statement that he has the power to make God powerless and so to take it for himself, and leave himself without what God has willed for him. This is the mad idea you have enshrined upon your altars, and which you worship. And anything that threatens this seems to attack your faith, for here is it invested. Think not that you are faithless, for your belief and trust in this is strong indeed.

T-21.II.7. The Holy Spirit can give you faith in holiness and vision to see it easily enough. But you have not left open and unoccupied the altar where the gifts belong. Where they should be, you have set up your idols to something else. This other “will,” which seems to tell you what must happen, you give reality. And what would show you otherwise must therefore seem unreal. All that is asked of you is to make room for truth. You are not asked to make or do what lies beyond your understanding. All you are asked to do is let it in; only to stop your interference with what will happen of itself; simply to recognize again the presence of what you thought you gave away.

T-21.II.8. Be willing, for an instant, to leave your altars free of what you placed upon them, and what is really there you cannot fail to see. The holy instant is not an instant of creation, but of recognition. For recognition comes of vision and suspended judgment. Then only it is possible to look within and see what must be there, plainly in sight, and wholly independent of inference and judgment. Undoing is not your task, but it is up to you to welcome it or not. Faith and desire go hand in hand, for everyone believes in what he wants.

T-21.II.9. We have already said that wishful thinking is how the ego deals with what it wants, to make it so. There is no better demonstration of the power of wanting, and therefore of faith, to make its goals seem real and possible. Faith in the unreal leads to adjustments of reality to make it fit the goal of madness. The goal of sin induces the perception of a fearful world to justify its purpose. What you desire, you will see. And if its reality is false, you will uphold it by not realizing all the adjustments you have introduced to make it so.

T-21.II.10. When vision is denied, confusion of cause and effect becomes inevitable. The purpose now becomes to keep obscure the cause of the effect, and make effect appear to be a cause. This seeming independence of effect enables it to be regarded as standing by itself, and capable of serving as a cause of the events and feelings its maker thinks it causes. Earlier, we spoke of your desire to create your own creator, and be father and not son to him. This is the same desire. The Son is the Effect, whose Cause he would deny. And so he seems to be the cause, producing real effects. Nothing can have effects without a cause, and to confuse the two is merely to fail to understand them both.

T-21.II.11. It is as needful that you recognize you made the world you see, as that you recognize that you did not create yourself. They are the same mistake. Nothing created not by your Creator has any influence over you. And if you think what you have made can tell you what you see and feel, and place your faith in its ability to do so, you are denying your Creator and believing that you made yourself. For if you think the world you made has power to make you what it wills, you are confusing Son and Father; effect and Source.

T-21.II.12. The Son’s creations are like his Father’s. Yet in creating them the Son does not delude himself that he is independent of his Source. His union with It is the source of his creating. Apart from this he has no power to create, and what he makes is meaningless. It changes nothing in creation, depends entirely upon the madness of its maker, and cannot serve to justify the madness. Your brother thinks he made the world with you. Thus he denies creation. With you, he thinks the world he made, made him. Thus he denies he made it.

T-21.II.13. Yet the truth is you and your brother were both created by a loving Father, Who created you together and as one. See what “proves” otherwise, and you deny your whole reality. But grant that everything that seems to stand between you and your brother, keeping you from each other and separate from your Father, you made in secret, and the instant of release has come to you. All its effects are gone, because its source has been uncovered. It is its seeming independence of its source that keeps you prisoner. This is the same mistake as thinking you are independent of the Source by which you were created, and have never left.

II. La responsabilità della vista
1. Abbiamo detto ripetutamente quanto poco ti venga chiesto per imparare questo corso. 2È la stessa poca disponibilità di cui hai bisogno perché la tua intera relazione sia trasformata in gioia: il piccolo dono che offri allo Spirito Santo per il quale Egli ti dà tutto, quel minimo su cui si basa la salvezza, il minuscolo cambiamento di mente mediante il quale la crocifissione viene cambiata in resurrezione. 3Ed essendo vero, è così semplice che non si può fare a meno di comprenderlo completamente. 4Può essere rifiutato, ma non è ambiguo 5E se ora scegli contro di esso, non sarà perché è oscuro, ma piuttosto perché questo piccolo prezzo è sembrato, a tuo giudizio, troppo alto da pagare per la pace.

2. Questa è l’unica cosa che hai bisogno di fare perché ti vengano date la visione, la felicità, la liberazione dal dolore e la salvezza completa dal peccato. 2Dì solo questo, ma intendilo senza riserve, perché in questo sta il potere della salvezza:

3Io sono responsabile di ciò che vedo.
4Scelgo le sensazioni di cui faccio esperienza, e decido l’obiettivo che voglio raggiungere.
5E ogni cosa che sembra accadermi la chiedo, e ricevo secondo ciò che ho chiesto.


6Non ingannarti ulteriormente pensando di essere inerme di fronte a ciò che ti viene fatto. 7Riconosci solo che ti sei sbagliato, e tutti gli effetti dei tuoi errori scompariranno.

3. È impossibile che il Figlio di Dio sia semplicemente in balia di eventi esterni a lui. 2È impossibile che eventi che gli accadono non siano una sua scelta. 3Il suo potere di decisione è ciò che determina ogni situazione nella quale sembra trovarsi accidentalmente o per caso. 4All’interno dell’universo così come Dio lo ha creato, al di fuori del quale non c’è nulla, non è possibile alcun caso né incidente. 5Se soffri, hai deciso che il tuo obiettivo fosse il peccato. 6Se sei felice, hai dato il potere di decisione a Colui Che deve decidere per Dio per te. 7Questo è il piccolo dono che offri allo Spirito Santo, e perfino questo Egli ti dà perché tu lo dia a te stesso. 8Perché con questo dono ti è dato il potere di liberare il tuo salvatore, cosicché Egli possa darti la salvezza.

4. Non lesinare quindi questa piccola offerta. 2Tienila per te, e manterrai il mondo come lo vedi ora. 3Donala e tutto ciò che vedi se ne andrà con essa. 4Non è mai stato dato così tanto per così poco. 5Questo scambio viene effettuato e mantenuto nell’istante santo. 6Qui il mondo che non vuoi viene portato a quello che vuoi. 7E qui quello che vuoi ti viene dato perché lo vuoi. 8Ma per questo il potere del tuo volere deve essere prima riconosciuto. 9Devi accettare la sua forza e non la sua debolezza. 10Devi percepire che ciò che è abbastanza forte per fare un mondo può anche lasciarlo andare, e può accettare la correzione se è disposto a vedere che era in errore.

5. Il mondo che vedi non è che il futile testimone del fatto che avevi ragione. 2Questo testimone è folle. 3Lo hai istruito nella sua testimonianza, e mentre te la rendeva, hai ascoltato e ti sei convinto che ciò che aveva visto fosse vero. 4Tu hai fatto questo a te stesso. 5Vedi solo questo, e vedrai anche il circolo vizioso del ragionamento su cui si basa il tuo “vedere”. 6Questo non ti è stato dato. 7Questo è stato il dono che hai fatto a te stesso e a tuo fratello. 8Sii quindi disposto a far sì che gli venga tolto per essere sostituito con la verità. 9E mentre vedi il cambiamento in lui, ti sarà dato di vederlo in te stesso.

6. Forse non vedi che bisogno hai di dare questa piccola offerta. 2Guarda quindi più da vicino cos’è. 3E, molto semplicemente, vedi in essa l’intero scambio della separazione con la salvezza. 4L’ego non è che l’idea che sia possibile che al Figlio di Dio possano succedere cose senza il suo volere, e così senza la Volontà del suo Creatore, la Cui Volontà non può essere separata dalla sua. 5Questo è ciò che il Figlio di Dio sostituisce alla propria volontà, una folle rivolta contro ciò che è, e che deve essere in eterno. 6Questo è affermare che egli ha il potere di rendere Dio privo di potere e che così possa prenderlo per sé, restando senza ciò che Dio ha voluto per lui. 7Questa è la pazza idea che hai racchiuso in un reliquiario sui tuoi altari, e che adori. 8E qualunque cosa la minacci sembra attaccare la tua fede, perché è investita in essa. 9Non pensare di essere senza fede, perché la tua credenza e la tua fiducia in essa sono davvero forti.

7. Lo Spirito Santo può darti fede nella santità e la visione per vederla abbastanza facilmente. 2Ma non hai lasciato aperto e libero l’altare al quale appartengono i doni. 3Dove ci dovrebbero essere questi, hai posto i tuoi idoli a qualcos’altro. 4Tu dai realtà a quest’altra “volontà”, che sembra dirti cosa deve accadere. 5E ciò che ti mostra qualcos’altro deve quindi sembrare irreale. 6Tutto quello che ti viene chiesto è di fare spazio alla verità. 7Non ti viene chiesto di costruire o di fare ciò che è al di là della tua comprensione. 8Tutto quello che ti viene chiesto di fare è lasciarla entrare: solo smettere di interferire con ciò che accadrà da sé: semplicemente riconoscere nuovamente la presenza di ciò che pensavi di aver dato via.

8. Sii disposto, per un istante, a lasciare liberi i tuoi altari da ciò che hai posto su di essi, e non potrai non vedere cosa c’è veramente su di essi. 2L’istante santo non è un istante di creazione, ma di riconoscimento. 3Perché il riconoscimento viene dalla visione e dalla sospensione del giudizio. 4Solo allora sarà possibile guardare dentro e vedere ciò che ci deve essere chiaramente in vista e completamente indipendente da illazione e giudizio. 5Disfare non è compito tuo, ma dipende da te dargli il benvenuto o no. 6La fede e il desiderio vanno mano nella mano, perché ciascuno crede in ciò che vuole.

9. Abbiamo già detto che i pii desideri sono il modo in cui l’ego tratta ciò che vuole, per renderlo credibile. 2Non c’è migliore dimostrazione del potere della volontà, e quindi della fede, di far sembrare i suoi obiettivi reali e possibili. 3La fede nell’irreale porta ad adattamenti della realtà per adattarla all’obiettivo della pazzia. 4L’obiettivo del peccato provoca la percezione di un mondo pieno di paura per giustificare il suo scopo. 5Vedrai ciò che desideri. 6E se la sua realtà è falsa, la sosterrai non rendendoti conto di tutti gli adattamenti che hai introdotto per renderla tale.

10. Quando la visione viene negata, la confusione di causa ed effetto diventa inevitabile. 2Adesso lo scopo diventa di mantenere oscura la causa dall’effetto e fare sembrare che l’effetto sia la causa. 3Questa apparente indipendenza dell’effetto gli permette di essere visto come se stesse in piedi da solo, e fosse capace di servire come causa degli eventi e delle sensazioni che colui che l’ha fatto pensa di provocare. 4In precedenza avevamo parlato del tuo desiderio di creare il tuo creatore, e di essergli padre e non figlio. 5Questo è lo stesso desiderio. 6Il Figlio è l’Effetto, che vorrebbe negare la propria Causa. 7E così egli sembra essere la causa che produce effetti reali. 8Nulla può avere effetti senza una causa, e confondere i due è semplicemente non comprendere entrambi.

11. È tanto necessario che tu riconosca di aver fatto il mondo che vedi, quanto che tu riconosca che non hai creato te stesso. 2Sono lo stesso errore. 3Nulla che non sia stato creato dal tuo Creatore ha alcuna influenza su di te. 4E se pensi che ciò che hai fatto possa dirti ciò che vedi e senti, e riponi la tua fede nella sua capacità di fare ciò, stai negando il tuo Creatore e credendo che hai fatto te stesso. 5Perché se pensi che il mondo che hai fatto abbia il potere di farti ciò che vuole, stai confondendo il Figlio col Padre: effetto e Fonte.

12. Le creazioni del Figlio sono come quelle di suo Padre. 2Tuttavia nel crearle il Figlio non si illude di essere indipendente dalla propria Fonte. 3La sua unione con Essa è la fonte del suo creare. 4Separato da questa non ha il potere di creare, e ciò che fa è senza significato. 5Non cambia niente nella creazione, dipende unicamente dalla pazzia di chi lo fa, e non può servire a giustificare la pazzia. 6Tuo fratello pensa di aver fatto il mondo insieme a te. 7Egli nega così la creazione. 8Insieme a te, pensa che il mondo che ha fatto, abbia fatto lui. 9Così nega di averlo fatto.

13. Ma la verità è che tu e tuo fratello siete stati entrambi creati da un Padre amorevole, Che vi ha creato insieme e come una cosa sola. 2Vedi ciò che “dimostra” altrimenti e negherai la tua intera realtà. 3Ma ammetti che tutto ciò che sembra stare tra te e tuo fratello, allontanandovi l’uno dall’altro e separandovi da vostro Padre, lo hai fatto in segreto, e l’istante della liberazione sarà giunto. 4Tutti i suoi effetti svaniranno, perché la sua fonte sarà stata scoperta. 5È l’apparente indipendenza della sua fonte che ti mantiene prigioniero. 6Questo è lo stesso errore di pensare di essere indipendente dalla Fonte dalla quale sei stato creato e che non hai mai lasciato.

III. Faith, Belief and Vision
T-21.III.1. All special relationships have sin as their goal. For they are bargains with reality, toward which the seeming union is adjusted. Forget not this; to bargain is to set a limit, and any brother with whom you have a limited relationship, you hate. You may attempt to keep the bargain in the name of “fairness,” sometimes demanding payment of yourself, perhaps more often of the other. Thus in the “fairness” you attempt to ease the guilt that comes from the accepted purpose of the relationship. And that is why the Holy Spirit must change its purpose to make it useful to Him and harmless to you.

T-21.III.2. If you accept this change, you have accepted the idea of making room for truth. The source of sin is gone. You may imagine that you still experience its effects, but it is not your purpose and you no longer want it. No one allows a purpose to be replaced while he desires it, for nothing is so cherished and protected as is a goal the mind accepts. This it will follow, grimly or happily, but always with faith and with the persistence that faith inevitably brings. The power of faith is never recognized if it is placed in sin. But it is always recognized if it is placed in love.

T-21.III.3. Why is it strange to you that faith can move mountains? This is indeed a little feat for such a power. For faith can keep the Son of God in chains as long as he believes he is in chains. And when he is released from them it will be simply because he no longer believes in them, withdrawing faith that they can hold him, and placing it in his freedom instead. It is impossible to place equal faith in opposite directions. What faith you give to sin you take away from holiness. And what you offer holiness has been removed from sin.

T-21.III.4. Faith and belief and vision are the means by which the goal of holiness is reached. Through them the Holy Spirit leads you to the real world, and away from all illusions where your faith was laid. This is His direction; the only one He ever sees. And when you wander, He reminds you there is but one. His faith and His belief and vision are all for you. And when you have accepted them completely instead of yours, you will have need of them no longer. For faith and vision and belief are meaningful only before the state of certainty is reached. In Heaven they are unknown. Yet Heaven is reached through them.

T-21.III.5. It is impossible that the Son of God lack faith, but he can choose where he would have it be. Faithlessness is not a lack of faith, but faith in nothing. Faith given to illusions does not lack power, for by it does the Son of God believe that he is powerless. Thus is he faithless to himself, but strong in faith in his illusions about himself. For faith, perception and belief you made, as means for losing certainty and finding sin. This mad direction was your choice, and by your faith in what you chose, you made what you desired.

T-21.III.6. The Holy Spirit has a use for all the means for sin by which you sought to find it. But as He uses them they lead away from sin, because His purpose lies in the opposite direction. He sees the means you use, but not the purpose for which you made them. He would not take them from you, for He sees their value as a means for what He wills for you. You made perception that you might choose among your brothers, and seek for sin with them. The Holy Spirit sees perception as a means to teach you that the vision of a holy relationship is all you want to see. Then will you give your faith to holiness, desiring and believing in it because of your desire.

T-21.III.7. Faith and belief become attached to vision, as all the means that once served sin are redirected now toward holiness. For what you think is sin is limitation, and whom you try to limit to the body you hate because you fear. In your refusal to forgive him, you would condemn him to the body because the means for sin are dear to you. And so the body has your faith and your belief. But holiness would set your brother free, removing hatred by removing fear, not as a symptom, but at its source.

T-21.III.8. Those who would free their brothers from the body can have no fear. They have renounced the means for sin by choosing to let all limitations be removed. As they desire to look upon their brothers in holiness, the power of their belief and faith sees far beyond the body, supporting vision, not obstructing it. But first they chose to recognize how much their faith had limited their understanding of the world, desiring to place its power elsewhere should another point of view be given them. The miracles that follow this decision are also born of faith. For all who choose to look away from sin are given vision, and are led to holiness.

T-21.III.9. Those who believe in sin must think the Holy Spirit asks for sacrifice, for this is how they think their purpose is accomplished. Brother, the Holy Spirit knows that sacrifice brings nothing. He makes no bargains. And if you seek to limit Him, you will hate Him because you are afraid. The gift that He has given you is more than anything that stands this side of Heaven. The instant for its recognition is at hand. Join your awareness to what has been already joined. The faith you give your brother can accomplish this. For He Who loves the world is seeing it for you, without one spot of sin upon it, and in the innocence that makes the sight of it as beautiful as Heaven.

T-21.III.10. Your faith in sacrifice has given it great power in your sight; except you do not realize you cannot see because of it. For sacrifice must be exacted of a body, and by another body. The mind could neither ask it nor receive it of itself. And no more could the body. The intention is in the mind, which tries to use the body to carry out the means for sin in which the mind believes. Thus is the joining of mind and body an inescapable belief of those who value sin. And so is sacrifice invariably a means for limitation, and thus for hate.

T-21.III.11. Think you the Holy Spirit is concerned with this? He gives not what it is His purpose to lead you from. You think He would deprive you for your good. But “good” and “ deprivation” are opposites, and cannot meaningfully join in any way. It is like saying that the moon and sun are one because they come with night and day, and so they must be joined. Yet sight of one is but the sign the other has disappeared from sight. Nor is it possible that what gives light be one with what depends on darkness to be seen. Neither demands the sacrifice of the other. Yet on the absence of the other does each depend.

T-21.III.12. The body was made to be a sacrifice to sin, and in the darkness so it still is seen. Yet in the light of vision it is looked upon quite differently. You can have faith in it to serve the Holy Spirit’s goal, and give it power to serve as means to help the blind to see. But in their seeing they look past it, as do you. The faith and the belief you gave it belongs beyond. You gave perception and belief and faith from mind to body. Let them now be given back to what produced them, and can use them still to save itself from what it made.

III. Fede, credenza e visione
1. Tutte le relazioni speciali hanno come loro obiettivo il peccato. 2Perché esse sono contrattazioni con la realtà, nei confronti della quale viene adattata l’apparente unione. 3Non dimenticarti che contrattare è stabilire un limite, e che odi ogni fratello col quale hai una relazione limitata. 4Potresti tentare di mantenere la contrattazione in nome della “giustizia”, esigendo di pagare un prezzo, a volte da te stesso e, forse più spesso, dall’altro. 5Così nella “giustizia” cerchi di alleviare la colpa che deriva dallo scopo che hai accettato nella relazione. 6E questo è il motivo per cui lo Spirito Santo ne deve cambiare lo scopo per renderla utile a Lui e innocua per te.

2. Se accetti questo cambiamento, hai accettato l’idea di fare posto alla verità. 2La fonte del peccato se ne è andata. 3Puoi immaginare di avere ancora l’esperienza dei suoi effetti, ma non è più il tuo scopo e non lo vuoi più. 4Nessuno permette a uno scopo di essere sostituito mentre lo desidera, perché nulla viene tanto nutrito e protetto quanto un obiettivo che la mente accetta. 5Lo perseguirà, in modo triste o felice, ma sempre con fede e con la persistenza che la fede porta inevitabilmente. 6Il potere della fede non viene mai riconosciuto se è riposto nel peccato. 7Ma viene sempre riconosciuto se viene riposto nell’amore.

3. Perché è strano per te che la fede possa muovere le montagne? 2Questa è invero una piccola impresa per tale potere. 3Perché la fede può tenere in catene il Figlio di Dio fintanto che egli crede di essere in catene. 4E quando sarà liberato da esse sarà semplicemente perché non crederà più in esse, non avrà più fede nel fatto che esse possano trattenerlo e la riporrà invece nella propria libertà. 5È impossibile riporre uguale fede in direzioni opposte. 6Quella fede che dai al peccato la sottrai alla santità. 7E quella che offri alla santità è stata tolta dal peccato.

4. Fede, credenza e visione sono i mezzi coi quali si raggiunge l’obiettivo della santità. 2Attraverso di esse lo Spirito Santo ti conduce nel mondo reale, e lontano da tutte le illusioni in cui era riposta la tua fede. 3Questa è la Sua direzione: l’unica che Egli possa mai vedere. 4E quando ti smarrisci, ti ricorda che non ce n’è che una. 5La Sua fede, la Sua credenza e la Sua visione sono tutte per te. 6E quando le avrai accettate completamente al posto delle tue, non ne avrai più bisogno. 7Perché la fede, la visione e la credenza sono significative solo prima che lo stato della certezza venga raggiunto. 8In Cielo sono sconosciute. 9Ma il Cielo si raggiunge attraverso di esse.

5. È impossibile che il Figlio di Dio manchi di fede, ma può scegliere dove preferisce riporla. 2L’assenza di fede non è una mancanza di fede, ma la fede in nulla. 3La fede data alle illusioni non manca di potere, perché per mezzo di essa il Figlio di Dio crede di essere senza potere. 4Così non è fedele a se stesso, ma è fortemente fedele alle sue illusioni riguardo a se stesso. 5Perché sei tu che hai fatto la fede, la percezione e la credenza come mezzi per perdere la certezza e trovare il peccato. 6Questa direzione pazzesca è stata la tua scelta, e per mezzo della fede in ciò che hai scelto, hai fatto ciò che hai desiderato.

6. Lo Spirito Santo ha un modo di usare tutti gli strumenti del peccato coi quali hai cercato di trovarlo. 2Ma il modo in cui Lui li usa conduce lontano dal peccato, perché il Suo scopo si trova nella direzione opposta. 3Egli vede i mezzi che usi, ma non lo scopo per il quale li hai fatti. 4Non vuole portarteli via, perché vede il loro valore come strumento per ciò che vuole per te. 5Sei tu che hai fatto la percezione per poter scegliere tra i tuoi fratelli, e cercare il peccato con loro. 6Lo Spirito Santo vede la percezione come un mezzo per insegnarti che la visione di una relazione santa è tutto ciò che vuoi vedere. 7Allora darai la tua fede alla santità, desiderandola e credendo in essa grazie al tuo desiderio.

7. Fede e credenza si collegano così alla visione, poiché tutti i mezzi che prima servivano il peccato vengono ora ridiretti verso la santità. 2Perché ciò che pensi che sia peccato è una limitazione, e odi colui che cerchi di limitare al corpo perché ne hai paura. 3Nel tuo rifiuto di perdonarlo, lo condannerai al corpo, perché ti stanno a cuore gli strumenti del peccato. 4E così il corpo ha la tua fede e la tua credenza. 5Ma la santità libererà tuo fratello, togliendo l’odio mediante l’eliminazione della paura, non come sintomo, ma alla sua fonte.

8. Coloro che vogliono liberare i loro fratelli dal corpo non possono avere alcuna paura. 2Hanno rinunciato agli strumenti del peccato scegliendo che venissero tolte tutte le limitazioni. 3Siccome desiderano vedere i loro fratelli in santità, il potere della loro credenza e della loro fede vede molto al di là del corpo, sostenendo la visione, e non ostruendola. 4Ma prima essi hanno scelto di riconoscere quanto la loro fede avesse limitato la loro comprensione del mondo, desiderando porre il suo potere altrove qualora venisse dato loro un altro punto di vista. 5Anche i miracoli che seguono questa decisione nascono dalla fede. 6Perché a tutti coloro che scelgono di distogliere lo sguardo dal peccato viene data la visione e sono condotti alla santità.

9. Coloro che credono nel peccato devono pensare che lo Spirito Santo chieda sacrifici, perché questo è il modo in cui pensano venga raggiunto il loro scopo. 2Fratello, lo Spirito Santo sa che il sacrificio non porta nulla. 3Egli non fa contrattazioni. 4E se cercherai di limitarLo, Lo odierai perché avrai paura. 5Il dono che ti ha dato è più grande di qualsiasi cosa che sta da questa parte del Cielo. 6L’istante del suo riconoscimento è a portata di mano. 7Unisci la tua consapevolezza a ciò che è stato già unito. 8La fede che dai a tuo fratello può compiere ciò. 9Perché Colui Che ama il mondo lo sta vedendo per te, senza alcuna macchia di peccato su di esso e nell’innocenza che ne rende la vista bella come il Cielo.

10. La tua fede nel sacrificio gli ha dato un grande potere ai tuoi occhi, salvo che tu non ti rendi conto di non poter vedere a causa sua. 2Perché è solo da un corpo che si può esigere sacrificio, e per mezzo di un altro corpo. 3La mente di per sé non potrebbe né chiederlo né riceverlo. 4Nè tantomeno lo potrebbe il corpo. 5L’intenzione è nella mente, che cerca di usare il corpo per utilizzare gli strumenti del peccato nei quali la mente crede. 6Così l’unirsi della mente e del corpo è la credenza inevitabile di coloro che danno valore al peccato. 7E così il sacrificio è invariabilmente un mezzo per la limitazione, e quindi per l’odio.

11. Pensi forse che lo Spirito Santo si preoccupi di questo? 2Egli non dà ciò da cui ha lo scopo di allontanarti. 3Pensi che ti voglia privare di qualcosa per il tuo bene. 4Ma “bene” e “privazione” sono opposti, e non possono in alcun modo unirsi significativamente. 5È come dire che il sole e la luna sono uno perché vengono col giorno e la notte, e quindi devono essere uniti. 6Ma la vista di uno non è che il segno che l’altro è scomparso dalla vista. 7E non è possibile che ciò che dà la luce sia uno con ciò che per essere visto dipende dall’oscurità. 8Nessuno dei due pretende il sacrificio dell’altro. 9Tuttavia ciascuno di essi dipende dall’assenza dell’altro.

12. Il corpo è stato fatto per essere un sacrificio al peccato, e nell’oscurità viene ancora visto così. 2Ma nella luce della visione viene visto in modo piuttosto diverso. 3Puoi avere fede nel fatto che esso serva l’obiettivo dello Spirito Santo, e puoi dargli il potere di servire come mezzo per aiutare i ciechi a vedere. 4Ma nel loro vedere essi guardano al di là di esso, come fai tu. 5La fede e la credenza che gli hai dato appartengono altrove. 6Hai dato la percezione, la credenza e la fede dalla mente al corpo. 7Lasciamo ora che essi vengano ridati a ciò che li ha prodotti e che può usarli ancora per salvarsi da ciò che ha fatto.

IV. The Fear to Look Within
T-21.IV.1. The Holy Spirit will never teach you that you are sinful. Errors He will correct, but this makes no one fearful. You are indeed afraid to look within and see the sin you think is there. This you would not be fearful to admit. Fear in association with sin the ego deems quite appropriate, and smiles approvingly. It has no fear to let you feel ashamed. It doubts not your belief and faith in sin. Its temples do not shake because of this. Your faith that sin is there but witnesses to your desire that it be there to see. This merely seems to be the source of fear.

T-21.IV.2. Remember that the ego is not alone. Its rule is tempered, and its unknown “enemy,” Whom it cannot even see, it fears. Loudly the ego tells you not to look inward, for if you do your eyes will light on sin, and God will strike you blind. This you believe, and so you do not look. Yet this is not the ego’s hidden fear, nor yours who serve it. Loudly indeed the ego claims it is; too loudly and too often. For underneath this constant shout and frantic proclamation, the ego is not certain it is so. Beneath your fear to look within because of sin is yet another fear, and one which makes the ego tremble.

T-21.IV.3. What if you looked within and saw no sin? This “fearful” question is one the ego never asks. And you who ask it now are threatening the ego’s whole defensive system too seriously for it to bother to pretend it is your friend. Those who have joined their brothers have detached themselves from their belief that their identity lies in the ego. A holy relationship is one in which you join with what is part of you in truth. And your belief in sin has been already shaken, nor are you now entirely unwilling to look within and see it not.

T-21.IV.4. Your liberation still is only partial; still limited and incomplete, yet born within you. Not wholly mad, you have been willing to look on much of your insanity and recognize its madness. Your faith is moving inward, past insanity and on to reason. And what your reason tells you now the ego would not hear. The Holy Spirit’s purpose was accepted by the part of your mind the ego knows not of. No more did you. And yet this part, with which you now identify, is not afraid to look upon itself. It knows no sin. How, otherwise, could it have been willing to see the Holy Spirit’s purpose as its own?

T-21.IV.5. This part has seen your brother, and recognized him perfectly since time began. And it desired nothing but to join with him and to be free again, as once it was. It has been waiting for the birth of freedom; the acceptance of release to come to you. And now you recognize that it was not the ego that joined the Holy Spirit’s purpose, and so there must be something else. Think not that this is madness. For this your reason tells you, and it follows perfectly from what you have already learned.

T-21.IV.6. There is no inconsistency in what the Holy Spirit teaches. This is the reasoning of the sane. You have perceived the ego’s madness, and not been made afraid because you did not choose to share in it. At times it still deceives you. Yet in your saner moments, its ranting strikes no terror in your heart. For you have realized that all the gifts it would withdraw from you, in rage at your “presumptuous” wish to look within, you do not want. A few remaining trinkets still seem to shine and catch your eye. Yet you would not “sell” Heaven to have them.

T-21.IV.7. And now the ego is afraid. Yet what it hears in terror, the other part hears as the sweetest music; the song it longed to hear since first the ego came into your mind. The ego’s weakness is its strength. The song of freedom, which sings the praises of another world, brings to it hope of peace. For it remembers Heaven, and now it sees that Heaven has come to earth at last, from which the ego’s rule has kept it out so long. Heaven has come because it found a home in your relationship on earth. And earth can hold no longer what has been given Heaven as its own.

T-21.IV.8. Look gently on your brother, and remember the ego’s weakness is revealed in both your sight. What it would keep apart has met and joined, and looks upon the ego unafraid. Little child, innocent of sin, follow in gladness the way to certainty. Be not held back by fear’s insane insistence that sureness lies in doubt. This has no meaning. What matters it to you how loudly it is proclaimed? The senseless is not made meaningful by repetition and by clamor. The quiet way is open. Follow it happily, and question not what must be so.

IV. La paura di guardarsi dentro
1. Lo Spirito Santo non ti insegnerà mai che sei un peccatore. 2Correggerà gli errori, ma questo non fa paura a nessuno. 3Tu hai davvero paura di guardarti dentro e di vedere il peccato che pensi che ci sia. 4Questo non avresti paura di ammetterlo. 5L’ego considera assai appropriata la paura associata al peccato, e sorride di approvazione. 6Non ha paura di farti provare vergogna. 7Non mette in dubbio la tua credenza e la tua fede nel peccato. 8I suoi templi non sono scossi da ciò. 9La tua fede nel fatto che il peccato esista non testimonia altro che il tuo desiderio che sia lì perché tu la veda. 10Questo sembra solamente essere la fonte della paura.

2. Ricorda che l’ego non è solo. 2Il suo dominio è moderato, e ha paura del suo “nemico” sconosciuto, Che non può nemmeno vedere. 3L’ego ti dice ad alta voce di non guardare dentro di te, perché se lo facessi i tuoi occhi farebbero luce sul peccato, e Dio ti accecherebbe. 4Tu ci credi e così non guardi. 5Tuttavia questa non è la paura nascosta dell’ego, né la tua che lo servi. 6Davvero a gran voce l’ego pretende che lo sia: troppo ad alta voce e troppo spesso. 7Perché al di sotto di questo urlare costante e di questo proclamare frenetico, l’ego non è certo che sia così. 8Al di sotto della tua paura di guardarti dentro a causa del peccato, c’è ancora un’altra paura ed una paura che fa tremare l’ego.

3. E se tu ti guardassi dentro e non vedessi alcun peccato? 2Questa è la “spaventosa” domanda che l’ego non fa mai. 3E tu che la fai, adesso stai minacciando l’intero sistema difensivo dell’ego troppo seriamente perché si curi di far finta di essere tuo amico. 4Coloro che si sono uniti ai loro fratelli si sono staccati dal loro credere che la loro identità risieda nell’ego. 5Una relazione santa è quella in cui ti unisci con ciò che in verità è parte di te. 6La tua credenza nel peccato è stata già scossa, e ora non sei interamente disposto a guardare dentro e a non vederla.

4. La tua liberazione è ancora solo parziale, ancora limitata e incompleta, ma è già nata dentro di te. 2Non essendo completamente pazzo, sei stato disposto a guardare gran parte della tua follia e a riconoscerne la pazzia. 3La tua fede si sta spostando verso l’interno, al di là della follia, verso la ragione. 4E l’ego non vuole udire ciò che ora la ragione ti dice. 5Lo scopo dello Spirito Santo è stato accettato dalla parte della tua mente che l’ego non conosce. 6E che non conoscevi nemmeno tu. 7E tuttavia questa parte, con la quale ora ti identifichi, non ha paura di vedere se stessa. 8Essa non conosce peccato. 9In che modo, altrimenti, avrebbe potuto essere disposta a vedere come suo lo scopo dello Spirito Santo?

5. Questa parte ha visto tuo fratello e lo ha riconosciuto perfettamente sin dall’inizio del tempo. 2E non ha desiderato niente altro che unirsi a lui e essere di nuovo libera, come lo era stata una volta. 3Ha atteso la nascita della libertà: che tu accettassi di essere liberato. 4E ora riconosci che non è stato l’ego che si è unito allo scopo dello Spirito Santo, e così ci deve essere qualcos’altro. 5Non pensare che questa sia pazzia. 6Perché questo è ciò che ti dice la tua ragione, e deriva perfettamente da ciò che hai già imparato.

6. Non c’è incoerenza in ciò che insegna lo Spirito Santo. 2È il ragionare di chi è sano di mente. 3Hai percepito la pazzia dell’ego, e non ne sei stato spaventato perché non hai scelto di condividerla. 4A volte ti inganna ancora. 5Ma nei momenti in cui sei più sano di mente, le sue declamazioni vuote ed ampollose non suscitano alcun terrore nel tuo cuore. 6Perché ti sei reso conto che non vuoi tutti i doni che vorrebbe toglierti, per la rabbia del tuo “presuntuoso” desiderio di guardarti dentro. 7Rimangono ancora pochi gingilli che sembrano risplendere ecatturare il tuo occhio. 8Ma non “venderesti” il Cielo per averli.

7. E ora l’ego ha paura. 2Ma ciò che esso sente con terrore, l’altra parte l’ascolta come la musica più dolce: il canto che desiderava ardentemente sentire da quando per la prima volta l’ego è entrato nella tua mente. 3La debolezza dell’ego è la sua forza. 4Il canto di libertà, che canta le lodi di un altro mondo, le porta speranza di pace. 5Perché ricorda il Cielo e ora vede che il Cielo è finalmente venuto alla terra, dalla quale il dominio dell’ego l’aveva tenuto fuori così a lungo. 6Il Cielo è venuto perché ha trovato una casa nella tua relazione sulla terra. 7E la terra non può più trattenere ciò che è stato dato al Cielo in quanto gli appartiene.

8. Guarda dolcemente tuo fratello e ricorda che la debolezza dell’ego viene rivelata alla vista di entrambi. 2Ciò che avrebbe voluto mantenere separato si è incontrato e si è unito, e guarda l’ego senza timore. 3Piccolo bambino, innocente dal peccato, segui in letizia la via che porta alla certezza. 4Non lasciarti trattenere dalla paura che follemente insiste nell’affermare che la sicurezza risieda nel dubbio. 5Questo non ha significato. 6Che importanza ha per te il fatto che venga proclamato a voce così alta? 7Ciò che è senza senso non viene reso significativo con la ripetizione e il clamore. 8La via tranquilla è aperta. 9Seguila felicemente, e non mettere in dubbio ciò che deve essere così.

V. The Function of Reason
T-21.V.1. Perception selects, and makes the world you see. It literally picks it out as the mind directs. The laws of size and shape and brightness would hold, perhaps, if other things were equal. They are not equal. For what you look for you are far more likely to discover than what you would prefer to overlook. The still, small Voice for God is not drowned out by all the ego’s raucous screams and senseless ravings to those who want to hear It. Perception is a choice and not a fact. But on this choice depends far more than you may realize as yet. For on the voice you choose to hear, and on the sights you choose to see, depends entirely your whole belief in what you are. Perception is a witness but to this, and never to reality. Yet it can show you the conditions in which awareness of reality is possible, or those where it could never be.

T-21.V.2. Reality needs no cooperation from you to be itself. But your awareness of it needs your help, because it is your choice. Listen to what the ego says, and see what it directs you see, and it is sure that you will see yourself as tiny, vulnerable and afraid. You will experience depression, a sense of worthlessness, and feelings of impermanence and unreality. You will believe that you are helpless prey to forces far beyond your own control, and far more powerful than you. And you will think the world you made directs your destiny. For this will be your faith. But never believe because it is your faith it makes reality.

T-21.V.3. There is another vision and another Voice in which your freedom lies, awaiting but your choice. And if you place your faith in Them, you will perceive another self in you. This other self sees miracles as natural. They are as simple and as natural to it as breathing to the body. They are the obvious response to calls for help, the only one it makes. Miracles seem unnatural to the ego because it does not understand how separate minds can influence each other. Nor could they do so. But minds cannot be separate. This other self is perfectly aware of this. And thus it recognizes that miracles do not affect another’s mind, only its own. They always change your mind. There is no other.

T-21.V.4. You do not realize the whole extent to which the idea of separation has interfered with reason. Reason lies in the other self you have cut off from your awareness. And nothing you have allowed to stay in your awareness is capable of reason. How can the segment of the mind devoid of reason understand what reason is, or grasp the information it would give? All sorts of questions may arise in it, but if the basic question stems from reason, it will not ask it. Like all that stems from reason, the basic question is obvious, simple and remains unasked. But think not reason could not answer it.

T-21.V.5. God’s plan for your salvation could not have been established without your will and your consent. It must have been accepted by the Son of God, for what God wills for him he must receive. For God wills not apart from him, nor does the Will of God wait upon time to be accomplished. Therefore, what joined the Will of God must be in you now, being eternal. You must have set aside a place in which the Holy Spirit can abide, and where He is. He must have been there since the need for Him arose, and was fulfilled in the same instant. Such would your reason tell you, if you listened. Yet such is clearly not the ego’s reasoning. Your reason’s alien nature to the ego is proof you will not find the answer there. Yet if it must be so, it must exist. And if it exists for you, and has your freedom as the purpose given it, you must be free to find it.

T-21.V.6. God’s plan is simple; never circular and never self-defeating. He has no Thoughts except the Self-extending, and in this your will must be included. Thus, there must be a part of you that knows His Will and shares it. It is not meaningful to ask if what must be is so. But it is meaningful to ask why you are unaware of what is so, for this must have an answer if the plan of God for your salvation is complete. And it must be complete, because its Source knows not of incompletion.

T-21.V.7. Where would the answer be but in the Source? And where are you but there, where this same answer is? Your Identity, as much a true Effect of this same Source as is the answer, must therefore be together and the same. O yes, you know this, and more than this alone. Yet any part of knowledge threatens dissociation as much as all of it. And all of it will come with any part. Here is the part you can accept. What reason points to you can see, because the witnesses on its behalf are clear. Only the totally insane can disregard them, and you have gone past this. Reason is a means that serves the Holy Spirit’s purpose in its own right. It is not reinterpreted and redirected from the goal of sin, as are the others. For reason is beyond the ego’s range of means.

T-21.V.8. Faith and perception and belief can be misplaced, and serve the great deceiver’s needs as well as truth. But reason has no place at all in madness, nor can it be adjusted to fit its end. Faith and belief are strong in madness, guiding perception toward what the mind has valued. But reason enters not at all in this. For the perception would fall away at once, if reason were applied. There is no reason in insanity, for it depends entirely on reason’s absence. The ego never uses it, because it does not realize that it exists. The partially insane have access to it, and only they have need of it. Knowledge does not depend on it, and madness keeps it out.

T-21.V.9. The part of mind where reason lies was dedicated, by your will in union with your Father’s, to the undoing of insanity. Here was the Holy Spirit’s purpose accepted and accomplished, both at once. Reason is alien to insanity, and those who use it have gained a means which cannot be applied to sin. Knowledge is far beyond attainment of any kind. But reason can serve to open doors you closed against it.

T-21.V.10. You have come very close to this. Faith and belief have shifted, and you have asked the question the ego will never ask. Does not your reason tell you now the question must have come from something that you do not know, but must belong to you? Faith and belief, upheld by reason, cannot fail to lead to changed perception. And in this change is room made way for vision. Vision extends beyond itself, as does the purpose that it serves, and all the means for its accomplishment.

V. La funzione della ragione
1. La percezione seleziona e fa il mondo che vedi. 2Lo sceglie letteralmente secondo le indicazioni della mente. 3Le leggi della dimensione, della forma e della luminosità sarebbero valide, forse, se altre cose fossero uguali. 4Non sono uguali. 5Perché hai molte più probabilità di scoprire ciò che cerchi rispetto a ciò che preferiresti non vedere. 6La piccola, quieta Voce che parla per Dio, per chi La vuole sentire, non viene soffocata da tutte le urla rauche e dai deliri senza senso dell’ego. 7La percezione è una scelta e non un fatto. 8Ma da questa scelta dipende molto di più di ciò di cui sei in grado di renderti conto per ora. 9Perché dalla voce che scegli di sentire e da ciò che scegli di vedere dipende interamente tutto ciò che credi di essere. 10La percezione non è che un testimone di questo, e mai della realtà. 11Ma ti può mostrare le condizioni in cui è possibile la consapevolezza della realtà, o quelle in cui non lo potrebbe mai essere.

2. La realtà non ha bisogno della tua cooperazione per essere se stessa. 2Ma la tua consapevolezza di essa ha bisogno del tuo aiuto, perché è una tua scelta. 3Ascolta cosa dice l’ego e vedi ciò che ti porta a vedere, ed è certo che vedrai te stesso minuscolo, vulnerabile, timoroso. 4Proverai depressione, un senso di mancanza di valore, e sentimenti di impermanenza e di irrealtà. 5Crederai di essere l’inerme preda di forze molto al di là del tuo controllo e molto più potenti di te. 6E penserai che il mondo che hai fatto diriga il tuo destino. 7Perché questa sarà la tua fede. 8Ma non credere mai, solo perché è la tua fede, che ciò lo renda reale.

3. C’è un’altra visione e un’altra Voce nella quale si trova la tua libertà, che non aspetta altro che la tua scelta. 2E se tu poni la tua fede in Loro, percepirai in te un altro sé. 3Questo altro sé vede i miracoli come naturali. 4Sono tanto semplici e naturali per esso come la respirazione lo è per il corpo. 5Sono l’ovvia risposta alle richieste di aiuto, l’unica che dà. 6I miracoli sembrano innaturali per l’ego, perché non comprende come menti separate possano influenzarsi reciprocamene. 7Né potrebbero farlo. 8Ma le menti non possono essere separate. 9Quest’altro sé è perfettamente consapevole di ciò. 10E così riconosce che i miracoli non influenzano la mente altrui ma solo la propria. 11Essi cambiano sempre la tua mente. 12Non ce n’è un’altra.

4. Tu non ti rendi conto fino a che punto l’idea della separazione ha interferito con la ragione. 2La ragione si trova nell’altro sé che hai tagliato fuori dalla tua consapevolezza. 3E nulla di ciò a cui hai permesso di restare nella tua consapevolezza è capace di ragione. 4Come può il segmento della mente svuotato della ragione capire cos’è la ragione, o afferrare l’informazione che vorrebbe dare? 5Ogni genere di domande può sorgere in essa, ma se la domanda fondamentale deriva dalla ragione, non la porrà. 6Come tutte le cose che derivano dalla ragione, la domanda fondamentale è semplice e ovvia e non viene posta. 7Ma non pensare che la ragione non possa rispondervi.

5. Il piano di Dio per la tua salvezza non avrebbe potuto essere stabilito senza la tua volontà e il tuo consenso. 2Deve essere stato accettato dal Figlio di Dio, perché deve ricevere ciò che Dio vuole per lui. 3Perché Dio non vuole separatamente da lui, e la Volontà di Dio non ha bisogno di tempo per essere compiuta. 4Quindi ciò che si è unito alla Volontà di Dio deve essere in te ora, essendo eterno. 5Devi aver riservato un posto in cui lo Spirito Santo può risiedere e nel quale Egli è. 6Deve essere stato lì fin da quando il bisogno di Lui è emerso ed è stato soddisfatto nel medesimo istante. 7Così ti direbbe la tua ragione se ascoltassi. 8Ma chiaramente questo non è il ragionamento dell’ego. 9La natura della tua ragione, che è aliena all’ego, è la prova che non troverai lì la risposta. 10Tuttavia se deve essere così, deve esistere. 11E se esiste per te, e lo scopo che le è stato dato è la tua libertà, devi essere libero di trovarla.

6. Il piano di Dio è semplice: non è mai tortuoso né controproducente. 2Non ha Pensieri se non quelli che estendono il Sé, e in questi deve essere inclusa la tua volontà. 3E in ciò ci deve essere una parte di te che conosce la Sua Volontà e la condivide. 4Non ha significato chiedere se ciò che deve essere, sia così. 5Ma ha significato chiedere perché sei inconsapevole di ciò che è, perché questo deve avere una risposta se il piano di Dio per la tua salvezza è completo. 6E deve essere completo perché la sua Fonte non conosce incompletezza.

7. Dove potrebbe essere la risposta se non nella Fonte? 2E dove sei se non lì, dove si trova questa stessa risposta? 3La tua Identità, che è un vero Effetto della stessa Fonte tanto quanto lo è la risposta, deve dunque essere insieme e la stessa cosa. 4Oh sì, tu lo sai, e sai di più di questo soltanto. 5Tuttavia ogni parte della conoscenza minaccia la dissociazione quanto la conoscenza intera. 6Ed essa verrà tutta con ogni parte. 7Ecco la parte che puoi accettare. 8Ciò che la ragione ti indica lo puoi vedere, perché i testimoni in suo favore sono chiari. 9Solo coloro che sono completamente folli li possono trascurare, e tu questo lo hai superato. 10La ragione in sé è un mezzo che serve lo scopo dello Spirito Santo. 11Non è reinterpretata o ridiretta dall’obiettivo del peccato come lo sono gli altri. 12Perché la ragione è al di là dei mezzi a disposizione dell’ego.

8. Fede, percezione e credenza possono essere mal riposte, e servire i bisogni del grande ingannatore così come la verità. 2Ma la ragione non trova alcun posto nella pazzia, e non può essere adattata per adeguarsi ai suoi fini. 3Nella pazzia la fede e la credenza sono forti e guidano la percezione verso ciò a cui la mente ha dato valore. 4Ma in questo la ragione non entra affatto. 5Perché la percezione crollerebbe immediatamente se venisse applicata la ragione. 6Non c’è ragione nella follia, perché essa dipende interamente dall’assenza della ragione. 7L’ego non la usa mai, perché non si rende conto della sua esistenza. 8Coloro che sono parzialmente folli hanno accesso ad essa, e solo loro ne hanno bisogno. 9La conoscenza non dipende da essa, e la pazzia la tiene fuori.

9. La parte della mente dove si trova la ragione è stata dedicata, per mezzo della tua volontà unita a quella di tuo Padre, al disfacimento della follia. 2Qui lo scopo dello Spirito Santo è stato accettato e compiuto simultaneamente. 3La ragione è aliena alla follia, e coloro che la usano hanno guadagnato uno strumento che non può essere applicato al peccato. 4La conoscenza è ben al di là di qualsiasi tipo di conseguimento. 5Ma la ragione può servirti per aprire le porte che hai chiuso contro di essa.

10. Ci sei giunto molto vicino. 2La fede e la credenza sono mutate e hai posto la domanda che l’ego non farà mai. 3La tua ragione non ti dice forse ora che la domanda deve essere venuta da qualcosa che non conosci, ma che deve appartenerti? 4La fede e la credenza, sostenute dalla ragione, non possono non condurti a un cambiamento di percezione. 5E in questo cambiamento viene fatto spazio alla visione. 6La visione si estende oltre se stessa, come lo scopo che serve e tutti i mezzi per il suo compimento.

VI. Reason versus Madness
T-21.VI.1. Reason cannot see sin but can see errors, and leads to their correction. It does not value them, but their correction. Reason will also tell you that when you think you sin, you call for help. Yet if you will not accept the help you call for, you will not believe that it is yours to give. And so you will not give it, thus maintaining the belief. For uncorrected error of any kind deceives you about the power that is in you to make correction. If it can correct, and you allow it not to do so, you deny it to yourself and to your brother. And if he shares this same belief you both will think that you are damned. This you could spare him and yourself. For reason would not make way for correction in you alone.

T-21.VI.2. Correction cannot be accepted or refused by you without your brother. Sin would maintain it can. Yet reason tells you that you cannot see your brother or yourself as sinful and still perceive the other innocent. Who looks upon himself as guilty and sees a sinless world? And who can see a sinful world and look upon himself apart from it? Sin would maintain you and your brother must be separate. But reason tells you that this must be wrong. If you and your brother are joined, how could it be that you have private thoughts? And how could thoughts that enter into what but seems like yours alone have no effect at all on what is yours? If minds are joined, this is impossible.

T-21.VI.3. No one can think but for himself, as God thinks not without His Son. Only were Both in bodies could this be. Nor could one mind think only for itself unless the body were the mind. For only bodies can be separate, and therefore unreal. The home of madness cannot be the home of reason. Yet it is easy to leave the home of madness if you see reason. You do not leave insanity by going somewhere else. You leave it simply by accepting reason where madness was. Madness and reason see the same things, but it is certain that they look upon them differently.

T-21.VI.4. Madness is an attack on reason that drives it out of mind, and takes its place. Reason does not attack, but takes the place of madness quietly, replacing madness if it be the choice of the insane to listen to it. But the insane know not their will, for they believe they see the body, and let their madness tell them it is real. Reason would be incapable of this. And if you would defend the body against your reason, you will not understand the body or yourself.

T-21.VI.5. The body does not separate you from your brother, and if you think it does you are insane. But madness has a purpose, and believes it also has the means to make its purpose real. To see the body as a barrier between what reason tells you must be joined must be insane. Nor could you see it, if you heard the voice of reason. What can there be that stands between what is continuous? And if there is nothing in between, how can what enters part be kept away from other parts? Reason would tell you this. But think what you must recognize, if it be so.

T-21.VI.6. If you choose sin instead of healing, you would condemn the Son of God to what can never be corrected. You tell him, by your choice, that he is damned; separate from you and from his Father forever, without a hope of safe return. You teach him this, and you will learn of him exactly what you taught. For you can teach him only that he is as you would have him, and what you choose he be is but your choice for you. Yet think not this is fearful. That you are joined to him is but a fact, not an interpretation. How can a fact be fearful unless it disagrees with what you hold more dear than truth? Reason will tell you that this fact is your release.

T-21.VI.7. Neither your brother nor yourself can be attacked alone. But neither can accept a miracle instead without the other being blessed by it, and healed of pain. Reason, like love, would reassure you, and seeks not to frighten you. The power to heal the Son of God is given you because he must be one with you. You are responsible for how he sees himself. And reason tells you it is given you to change his whole mind, which is one with you, in just an instant. And any instant serves to bring complete correction of his errors and make him whole. The instant that you choose to let yourself be healed, in that same instant is his whole salvation seen as complete with yours. Reason is given you to understand that this is so. For reason, kind as is the purpose for which it is the means, leads steadily away from madness toward the goal of truth. And here you will lay down the burden of denying truth. This is the burden that is terrible, and not the truth.

T-21.VI.8. That you and your brother are joined is your salvation; the gift of Heaven, not the gift of fear. Does Heaven seem to be a burden to you? In madness, yes. And yet what madness sees must be dispelled by reason. Reason assures you Heaven is what you want, and all you want. Listen to Him Who speaks with reason, and brings your reason into line with His. Be willing to let reason be the means by which He would direct you how to leave insanity behind. Hide not behind insanity in order to escape from reason. What madness would conceal, the Holy Spirit still holds out for everyone to look upon with gladness.

T-21.VI.9. You are your brother’s savior. He is yours. Reason speaks happily indeed of this. This gracious plan was given love by Love. And what Love plans is like Itself in this: Being united, It would have you learn what you must be. And being one with It, it must be given you to give what It has given, and gives still. Spend but an instant in the glad acceptance of what is given you to give your brother, and learn with him what has been given both of you. To give is no more blessed than to receive. But neither is it less.

T-21.VI.10. The Son of God is always blessed as one. And as his gratitude goes out to you who blessed him, reason will tell you that it cannot be you stand apart from blessing. The gratitude he offers you reminds you of the thanks your Father gives you for completing Him. And here alone does reason tell you that you can understand what you must be. Your Father is as close to you as is your brother. Yet what is there that could be nearer you than is your Self?

T-21.VI.11. The power you have over the Son of God is not a threat to his reality. It but attests to it. Where could his freedom lie but in himself, if he be free already? And who could bind him but himself, if he deny his freedom? God is not mocked; no more His Son can be imprisoned save by his own desire. And it is by his own desire that he is freed. Such is his strength, and not his weakness. He is at his own mercy. And where he chooses to be merciful, there is he free. But where he chooses to condemn instead, there is he held a prisoner, waiting in chains his pardon on himself to set him free.

VI. La ragione contrapposta alla pazzia
1. La ragione non può vedere il peccato, ma può vedere gli errori e porta alla loro correzione. 2Non dà valore ad essi, ma alla loro correzione. 3La ragione ti dirà anche che quando pensi di peccare, stai chiedendo aiuto. 4Ma se non accetterai l’aiuto che chiedi, non crederai di averlo e che stia a te darlo. 5E così non lo darai, conservando pertanto la credenza. 6Perché qualsiasi tipo di errore non corretto ti inganna in merito al potere di fare la correzione che è in te. 7Se può correggere, e tu non gli permetti di farlo, lo neghi a te stesso e a tuo fratello. 8E se egli condivide questa stessa credenza, crederete entrambi di essere dannati. 9Puoi risparmiare ciò a lui e a te stesso. 10Perché la ragione non farà strada alla correzione solamente in te.

2. La correzione non può essere accettata o rifiutata da te senza tuo fratello. 2Il peccato vorrebbe sostenere di sì. 3Ma la ragione ti dice che non puoi vedere tuo fratello o te stesso peccatore e continuare a percepire l’altro innocente. 4Chi può vedere se stesso colpevole e vedere un mondo senza peccato? 5E chi può vedere un mondo colpevole e vedersi separato da esso? 6Il peccato vorrebbe sostenere che tu e tuo fratello dovete essere separati. 7Ma la ragione ti dice che ciò dev’essere sbagliato. 8Se tu e tuo fratello siete uniti, come può essere che abbiate pensieri personali? 9E come potrebbero pensieri che entrano in ciò che sembra essere solo tuo, non avere alcun effetto su ciò che è tuo? 10Se le menti sono unite, questo è impossibile.

3. Nessuno può pensare solo per se stesso, così come Dio non pensa senza Suo Figlio. 2Solo se Entrambi fossero dei corpi questo sarebbe possibile. 3Né una mente potrebbe pensare solo per se stessa a meno che il corpo fosse la mente. 4Perché solo i corpi possono essere separati, e quindi irreali. 5La dimora della pazzia non può essere la dimora della ragione. 6Ma è facile lasciare la dimora della follia se vedi la ragione. 7Non lasci la follia andando altrove. 8La lasci semplicemente accettando la ragione dove c’era la pazzia. 9La pazzia e la ragione vedono le stesse cose, ma è certo che le guardano in modo diverso.

4. La pazzia è un attacco alla ragione che la scaccia fuori dalla mente e ne prende il posto. 2La ragione non attacca, ma prende dolcemente il posto della pazzia, sostituendola se la scelta del folle è di ascoltarla. 3Ma i folli non conoscono la loro volontà, perché credono di vedere il corpo, e lasciano che la loro pazzia dica loro che è reale. 4La ragione ne sarebbe incapace. 5E se difenderai il corpo contro la tua ragione, non comprenderai né il corpo né te stesso.

5. Il corpo non ti separa da tuo fratello e se pensi che lo faccia, sei folle. 2Ma la follia ha uno scopo e crede anche di avere i mezzi per realizzare il suo scopo. 3Vedere il corpo come una barriera tra ciò che la ragione ti dice che deve essere unito, deve essere folle. 4Né potresti vederlo, se udissi la voce della ragione. 5Cosa può esserci che si frapponga tra ciò che è ininterrotto? 6E se nulla vi è frapposto, come può ciò che entra a farne parte essere tenuto separato dalle altre parti? 7La ragione te lo dice. 8Ma pensa a ciò che devi riconoscere, se vuoi che sia così.

6. Se scegli il peccato invece della guarigione, condannerai il Figlio di Dio a ciò che non potrà mai essere corretto. 2Gli dici, con la tua scelta, che è dannato: per sempre separato da te e da suo Padre, senza la speranza di un ritorno sicuro. 3Questo gli insegni, e imparerai da lui esattamente ciò che hai insegnato. 4Perché gli puoi insegnare solo che è come tu vuoi che sia, e ciò che scegli che lui sia non è che la tua scelta per te. 5Tuttavia non pensare che questo faccia paura. 6Che tu sei unito a lui è un fatto, non un’interpretazione. 7Come può far paura un fatto, salvo che non sia in disaccordo con ciò che tieni a cuore più della verità? 8La ragione ti dirà che questo fatto è la tua liberazione.

7. Né tu né tuo fratello potete essere attaccati da soli. 2Ma nessuno dei due può invece accettare un miracolo senza che l’altro ne sia benedetto e guarito dal dolore. 3La ragione, come l’amore, vuole rassicurarti, e non cerca di spaventarti. 4Ti è dato il potere di guarire il Figlio di Dio perché egli deve essere uno con te. 5Tu sei responsabile di come egli vede se stesso. 6E la ragione ti dice che ti è dato di cambiare completamente la sua mente, che è una con te, in un solo istante. 7E ogni istante serve a portare la completa correzione dei suoi errori e a renderlo intero. 8In quello stesso istante in cui scegli di lasciare che tu sia guarito, la sua intera salvezza è vista altrettanto completa della tua. 9Ti viene data la ragione per comprendere che è così. 10Perché la ragione, dolce come lo è lo scopo per il quale è il mezzo, conduce decisamente lontano dalla pazzia verso l’obiettivo della verità. 11E qui deporrai il fardello che viene dal negare la verità. 12Questo è il fardello che è terribile, e non la verità.

8. Il fatto che tu e tuo fratello siete uniti è la tua salvezza: il dono del Cielo, non il dono della paura. 2Ti sembra forse che il Cielo sia un fardello per te? 3Si, nella pazzia. 4E tuttavia, ciò che la pazzia vede, deve essere dissipato dalla ragione. 5La ragione ti assicura che il Cielo è ciò che vuoi e tutto ciò che vuoi. 6Ascolta Colui Che parla con ragione e allinea la tua ragione con la Sua. 7Sii disposto a lasciare che la ragione sia il mezzo col quale Egli ti indicherà come lasciarti alle spalle la follia. 8Non nasconderti dietro la follia per sfuggire alla ragione. 9Ciò che la pazzia vorrebbe nascondere, lo Spirito Santo continua a mostrarlo, perché tutti lo vedano con gioia.

9. Tu sei il salvatore di tuo fratello. 2Egli è il tuo. 3La ragione parla davvero felicemente di ciò. 4A questo piano misericordioso è stato dato amore dall’Amore. 5E ciò che l’Amore pianifica è come Se Stesso in questo: essendo unito, vuole che impari ciò che devi essere. 6Ed essendo uno con Esso, ti deve essere dato perché tu dia ciò che Esso ha dato, e che dà ancora. 7Passa anche solo un istante in lieta accettazione di ciò che ti è dato perché tu lo dia a tuo fratello, e impara con lui ciò che è stato dato a entrambi. 8Dare non è più benedetto del ricevere. 9Ma nessuno dei due lo è di meno.

10. Il Figlio di Dio è sempre benedetto come uno. 2E mentre la sua gratitudine si estende a te che lo hai benedetto, la ragione ti dirà che non può essere che tu sia escluso dalla benedizione. 3La gratitudine che egli ti offre ti ricorda dei ringraziamenti che tuo Padre ti dà per completarLo. 4E solo qui la ragione ti dice che puoi comprendere ciò che devi essere. 5Tuo Padre è tanto vicino a te quanto lo è a tuo fratello. 6Ma cosa potrebbe essere più vicino a te del tuo Sé?

11. Il potere che hai sul Figlio di Dio non è una minaccia alla sua realtà. 2Non fa che attestarla. 3Dove potrebbe trovarsi la sua libertà se non in se stesso, se fosse già libero? 4E chi potrebbe legarlo se non se stesso, se negasse la sua libertà? 5Nessuno si fa beffe di Dio: tanto meno Suo Figlio può essere imprigionato se non per suo stesso desiderio. 6Ed è per suo stesso desiderio che viene liberato. 7Tale è la sua forza e non la sua debolezza. 8Egli è alla mercé di se stesso. 9E dove sceglie di essere misericordioso, là è libero. 10Ma dove, al contrario, sceglie di condannare, lì è tenuto prigioniero, aspettando in catene che il suo perdono di se stesso lo renda libero.

VII. The Last Unanswered Question
T-21.VII.1. Do you not see that all your misery comes from the strange belief that you are powerless? Being helpless is the cost of sin. Helplessness is sin’s condition; the one requirement that it demands to be believed. Only the helpless could believe in it. Enormity has no appeal save to the little. And only those who first believe that they are little could see attraction there. Treachery to the Son of God is the defense of those who do not identify with him. And you are for him or against him; either you love him or attack him, protect his unity or see him shattered and slain by your attack.

T-21.VII.2. No one believes the Son of God is powerless. And those who see themselves as helpless must believe that they are not the Son of God. What can they be except his enemy? And what can they do but envy him his power, and by their envy make themselves afraid of it? These are the dark ones, silent and afraid, alone and not communicating, fearful the power of the Son of God will strike them dead, and raising up their helplessness against him. They join the army of the powerless, to wage their war of vengeance, bitterness and spite on him, to make him one with them. Because they do not know that they are one with him, they know not whom they hate. They are indeed a sorry army, each one as likely to attack his brother or turn upon himself as to remember that they thought they had a common cause.

T-21.VII.3. Frantic and loud and strong the dark ones seem to be. Yet they know not their “enemy,” except they hate him. In hatred they have come together, but have not joined each other. For had they done so hatred would be impossible. The army of the powerless must be disbanded in the presence of strength. Those who are strong are never treacherous, because they have no need to dream of power and to act out their dream. How would an army act in dreams? Any way at all. It could be seen attacking anyone with anything. Dreams have no reason in them. A flower turns into a poisoned spear, a child becomes a giant and a mouse roars like a lion. And love is turned to hate as easily. This is no army, but a madhouse. What seems to be a planned attack is bedlam.

T-21.VII.4. The army of the powerless is weak indeed. It has no weapons and it has no enemy. Yes, it can overrun the world and seek an enemy. But it can never find what is not there. Yes, it can dream it found an enemy, but this will shift even as it attacks, so that it runs at once to find another, and never comes to rest in victory. And as it runs it turns against itself, thinking it caught a glimpse of the great enemy who always eludes its murderous attack by turning into something else. How treacherous does this enemy appear, who changes so it is impossible even to recognize him.

T-21.VII.5. Yet hate must have a target. There can be no faith in sin without an enemy. Who that believes in sin would dare believe he has no enemy? Could he admit that no one made him powerless? Reason would surely bid him seek no longer what is not there to find. Yet first he must be willing to perceive a world where it is not. It is not necessary that he understand how he can see it. Nor should he try. For if he focuses on what he cannot understand, he will but emphasize his helplessness, and let sin tell him that his enemy must be himself. But let him only ask himself these questions, which he must decide, to have it done for him:

Do I desire a world I rule instead of one that rules me?
Do I desire a world where I am powerful instead of helpless?
Do I desire a world in which I have no enemies and cannot sin?
And do I want to see what I denied because it is the truth?


T-21.VII.6. You may already have answered the first three questions, but not yet the last. For this one still seems fearful, and unlike the others. Yet reason would assure you they are all the same. We said this year would emphasize the sameness of things that are the same. This final question, which is indeed the last you need decide, still seems to hold a threat the rest have lost for you. And this imagined difference attests to your belief that truth may be the enemy you yet may find. Here, then, would seem to be the last remaining hope of finding sin, and not accepting power.

T-21.VII.7. Forget not that the choice of sin or truth, helplessness or power, is the choice of whether to attack or heal. For healing comes of power, and attack of helplessness. Whom you attack you cannot want to heal. And whom you would have healed must be the one you chose to be protected from attack. And what is this decision but the choice whether to see him through the body’s eyes, or let him be revealed to you through vision? How this decision leads to its effects is not your problem. But what you want to see must be your choice. This is a course in cause and not effect.

T-21.VII.8. Consider carefully your answer to the last question you have left unanswered still. And let your reason tell you that it must be answered, and is answered in the other three. And then it will be clear to you that, as you look on the effects of sin in any form, all you need do is simply ask yourself: Is this what I would see? Do I want this?

T-21.VII.9. This is your one decision; this the condition for what occurs. It is irrelevant to how it happens, but not to why. You have control of this. And if you choose to see a world without an enemy, in which you are not helpless, the means to see it will be given you.

T-21.VII.10. Why is the final question so important? Reason will tell you why. It is the same as are the other three, except in time. The others are decisions that can be made, and then unmade and made again. But truth is constant, and implies a state where vacillations are impossible. You can desire a world you rule that rules you not, and change your mind. You can desire to exchange your helplessness for power, and lose this same desire as a little glint of sin attracts you. And you can want to see a sinless world, and let an “enemy” tempt you to use the body’s eyes and change what you desire.

T-21.VII.11. In content all the questions are the same. For each one asks if you are willing to exchange the world of sin for what the Holy Spirit sees, since it is this the world of sin denies. And therefore those who look on sin are seeing the denial of the real world. Yet the last question adds the wish for constancy in your desire to see the real world, so the desire becomes the only one you have. By answering the final question “yes,” you add sincerity to the decisions you have already made to all the rest. For only then have you renounced the option to change your mind again. When it is this you do not want, the rest are wholly answered.

T-21.VII.12. Why do you think you are unsure the others have been answered? Could it be necessary they be asked so often, if they had? Until the last decision has been made, the answer is both “yes” and “no.” For you have answered “yes” without perceiving that “yes” must mean “not no.” No one decides against his happiness, but he may do so if he does not see he does it. And if he sees his happiness as ever changing, now this, now that, and now an elusive shadow attached to nothing, he does decide against it.

T-21.VII.13. Elusive happiness, or happiness in changing form that shifts with time and place, is an illusion that has no meaning. Happiness must be constant, because it is attained by giving up the wish for the inconstant. Joy cannot be perceived except through constant vision. And constant vision can be given only those who wish for constancy. The power of the Son of God’s desire remains the proof that he is wrong who sees himself as helpless. Desire what you want, and you will look on it and think it real. No thought but has the power to release or kill. And none can leave the thinker’s mind, or leave him unaffected.

VII. L’ultima domanda senza risposta
1. Non vedi che tutta la tua miserevolezza viene dal tuo strano credere di essere privo di potere? 2Essere impotenti è il prezzo del peccato. 3L’impotenza è la condizione del peccato: l’unico requisito che richieda per essere creduto. 4Solo coloro che sono senza potere potrebbero crederci. 5L’enormità non ha fascino se non per coloro che si credono piccoli. 6E solo coloro che in primo luogo credono di essere piccoli possono vedervi un’attrattiva. 7Il tradimento del Figlio di Dio è la difesa di coloro che non si identificano con lui. 8E tu sei per lui o contro di lui: o lo ami o lo attacchi, o proteggi la sua unità o lo vedi fatto a pezzi e assassinato dal tuo attacco.

2. Nessuno crede che il Figlio di Dio sia privo di potere. 2E coloro che si vedono impotenti non possono non credere di non essere il Figlio di Dio. 3Cosa possono essere se non il suo nemico? 4E cosa possono fare se non invidiarne il potere e averne paura a causa della loro invidia? 5Questi sono coloro che si trovano nell’oscurità, silenziosi e impauriti, soli e incapaci di comunicare, con la paura che il potere del Figlio di Dio li uccida e scatenano contro di lui la loro impotenza. 6Essi si uniscono all’esercito di coloro che sono privi di potere, per intraprendere la loro guerra di vendetta, amarezza e ripicca contro di lui, per accomunarlo a loro. 7Siccome non sanno di essere uno con lui, non sanno chi odiano. 8Sono davvero un esercito miserevole, ciascuno tanto propenso ad attaccare il proprio fratello o a rivoltarsi contro se stesso, come a ricordare che pensavano di avere una causa comune.

3. Coloro che sono nell’oscurità sembrano essere frenetici, rumorosi e forti. 2Tuttavia non conoscono il loro “nemico”, sanno solo che lo odiano. 3Si sono uniti nell’odio, ma non si sono uniti l’uno con l’altro. 4Perché se l’avessero fatto l’odio sarebbe impossibile. 5L’esercito di coloro che sono privi di potere deve disperdersi alla presenza della forza. 6Coloro che sono forti non tradiscono mai, perché non hanno bisogno di sognare il potere e di mettere in atto il loro sogno. 7Com’è possibile che un esercito agisca nei sogni? 8In qualunque modo. 9Si potrebbe vederlo attaccare chiunque con qualsiasi cosa. 10Nei sogni non c’è ragione. 11Un fiore diventa una lancia avvelenata, un bambino diventa un gigante e un topo ruggisce come un leone. 12E altrettanto facilmente l’amore si trasforma in odio. 13Questa non è un’armata, ma un manicomio. 14Quello che sembra essere un attacco pianificato è un pandemonio.

4. L’esercito di coloro che sono privi di potere è davvero debole. 2Non ha armi e non ha nemici. 3Sì, potrà forse invadere il mondo e cercare un nemico. 4Ma non potrà mai trovare ciò che non c’è. 5Sì, potrà sognare di aver trovato un nemico, ma questo muterà già mentre attacca, cosicché correrà immediatamente a trovarne un altro, e non giungerà mai a riposarsi nella vittoria. 6E mentre corre, si rivolge contro se stesso, pensando di aver afferrato una fugace apparizione del grande nemico che elude sempre il suo attacco omicida trasformandosi in qualcos’altro. 7Come sembra infido questo nemico, che cambia in modo tale da essere persino impossibile riconoscerlo.

5. Tuttavia l’odio deve avere un bersaglio. 2Non ci può essere fede nel peccato senza un nemico. 3Chi, tra coloro che credono nel peccato, oserebbe credere di non aver nemici? 4Potrebbe forse ammettere che nessuno lo ha reso privo di potere? 5La ragione certamente lo inviterebbe a non cercare più ciò che non si può trovare. 6Ma prima deve essere disposto a percepire un mondo in cui non c’è. 7Non è necessario che comprenda come può vederlo. 8Né dovrebbe provarci. 9Perché se si focalizza su ciò che non può comprendere non farà che sottolineare la propria impotenza e permettere al peccato di dirgli che il suo nemico deve essere lui stesso. 10Ma lascia solo che si ponga queste domande, sulle quali deve pronunciarsi, perché ciò sia fatto per lui:

11Desidero un mondo da governare anziché uno che mi governa?
12Desidero un mondo in cui sono potente anziché impotente?
13Desidero un mondo in cui non ho nemici e non posso peccare?
14E voglio vedere ciò che ho negato perché è la verità?

6. Potresti aver già risposto alle prime tre domande, ma non ancora all’ultima. 2Perché questa sembra ancora spaventosa e diversa dalle altre. 3Ma la ragione ti assicura che sono tutte la stessa cosa. 4Abbiamo detto che quest’anno sottolineerà l’identità delle cose che sono uguali. 5Questa domanda finale, che è davvero l’ultima sulla quale devi pronunciarti, sembra ancora contenere una minaccia che le altre hanno perso per te. 6E questa differenza immaginaria testimonia del tuo credere che la verità possa essere il nemico che potresti ancora trovare. 7Qui, dunque, sembrerebbe esserci l’ultima speranza rimasta di trovare il peccato e di non accettare il potere.

7. Non dimenticare che la scelta tra peccato e verità, tra impotenza o potere, è la scelta tra attaccare e guarire. 2Perché la guarigione viene dal potere e l’attacco dall’impotenza. 3Non puoi voler guarire colui che attacchi. 4E colui che vorresti guarire deve essere colui che hai scelto di proteggere dall’attacco. 5E cos’è questa decisione se non la scelta se vederlo attraverso gli occhi del corpo o lasciare che ti venga rivelato attraverso la visione? 6Come questa decisione conduca ai suoi effetti non è un problema tuo. 7Ma devi scegliere ciò che vuoi vedere. 8Questo è un corso sulla causa e non sull’effetto.

8. Considera attentamente la tua risposta all’ultima domanda che hai lasciato ancora senza risposta. 2E lascia che la tua ragione ti dica che deve avere una risposta, e questa risposta viene data nelle altre tre. 3E quindi ti sarà chiaro che, quando guardi gli effetti del peccato, qualunque ne sia la forma, tutto ciò che devi fare è semplicemente chiederti:

4È questo ciò che voglio vedere? 5È questo ciò che voglio?

9. Questa è la tua unica decisione: questa è la condizione di ciò che succede. 2Il modo in cui accade è irrilevante, ma non il perché. 3Tu ne hai il controllo. 4E se scegli di vedere un mondo senza nemici, nel quale non sei impotente, i mezzi per vederlo ti saranno dati.

10. Perché è così importante la domanda finale? 2La ragione te lo dirà. 3È uguale alle altre tre, eccetto che nel tempo. 4Le altre sono decisioni che possono essere prese, poi lasciate e riprese ancora. 5Ma la verità è costante, e implica uno stato in cui è impossibile vacillare. 6Puoi desiderare un mondo che governi e che non ti governi, e cambiare mente. 7Puoi desiderare scambiare la tua impotenza col potere, e perdere questo stesso desiderio non appena un piccolo luccichio di peccato ti attrae. 8E puoi voler vedere un mondo senza peccato, e lasciare che un “nemico” ti tenti a usare gli occhi del corpo e cambiare ciò che desideri.

11. Nel contenuto tutte le domande sono uguali. 2Perché ciascuna ti chiede se sei disposto a scambiare il mondo del peccato per quello visto dallo Spirito Santo, dato che è questo ciò che il mondo del peccato nega. 3E quindi coloro che vedono il peccato stanno vedendo la negazione del mondo reale. 4Tuttavia l’ultima domanda aggiunge il desiderio di costanza al tuo desiderio di vedere il mondo reale, cosicché il desiderio diventi l’unico che hai. 5Rispondendo “sì” alla domanda finale, aggiungi sincerità alle decisioni che hai già preso riguardo a tutto il resto. 6Perché solo allora avrai rinunciato all’opzione di cambiare di nuovo mente. 7Quando sarà questo ciò che non vuoi, avrai completamente la risposta al resto.

12. Perché pensi di non essere sicuro che le altre abbiano avuto risposta? 2Potrebbe forse essere necessario che vengano poste così spesso se l’avessero avuta? 3Finché l’ultima decisione non sarà stata presa, la risposta è sia “sì” che “no”. 4Perché hai risposto “sì” senza percepire che “sì” deve significare “non no”. 5Nessuno si pronuncia contro la propria felicità, ma potrebbe farlo se non si rendesse conto di farlo. 6E se vede la propria felicità come sempre mutevole, ora questo, ora quello, e ora un’ombra elusiva attaccata al nulla, si pronuncia di fatto contro di essa.

13. Una felicità elusiva, o una felicità in forma mutevole che cambia a seconda del momento e del luogo, è un’illusione che non ha significato. 2La felicità deve essere costante, perché si ottiene rinunciando al desiderio di ciò che è incostante. 3La gioia non può essere percepita se non per mezzo della visione costante. 4E la visione costante può essere data solo a coloro che desiderano la costanza. 5Il potere del desiderio del Figlio di Dio rimane la prova del fatto che chi si vede impotente si sbaglia. 6Desidera ciò che vuoi, e lo vedrai e penserai che sia reale. 7Nessun pensiero può non avere il potere di liberare o di uccidere. 8E nessun pensiero può lasciare la mente di colui che pensa, o non avere effetto su di lui.

VIII. The Inner Shift
T-21.VIII.1. Are thoughts, then, dangerous? To bodies, yes! The thoughts that seem to kill are those that teach the thinker that he can be killed. And so he “dies” because of what he learned. He goes from life to death, the final proof he valued the inconstant more than constancy. Surely he thought he wanted happiness. Yet he did not desire it because it was the truth, and therefore must be constant.

T-21.VIII.2. The constancy of joy is a condition quite alien to your understanding. Yet if you could even imagine what it must be, you would desire it although you understand it not. The constancy of happiness has no exceptions; no change of any kind. It is unshakable as is the Love of God for His creation. Sure in its vision as its Creator is in what He knows, happiness looks on everything and sees it is the same. It sees not the ephemeral, for it desires everything be like itself, and sees it so. Nothing has power to confound its constancy, because its own desire cannot be shaken. It comes as surely unto those who see the final question is necessary to the rest, as peace must come to those who choose to heal and not to judge.

T-21.VIII.3. Reason will tell you that you cannot ask for happiness inconstantly. For if what you desire you receive, and happiness is constant, then you need ask for it but once to have it always. And if you do not have it always, being what it is, you did not ask for it. For no one fails to ask for his desire of something he believes holds out some promise of the power of giving it. He may be wrong in what he asks, where, and of what. Yet he will ask because desire is a request, an asking for, and made by one whom God Himself will never fail to answer. God has already given all that he really wants. Yet what he is uncertain of, God cannot give. For he does not desire it while he remains uncertain, and God’s giving must be incomplete unless it is received.

T-21.VIII.4. You who complete God’s Will and are His happiness, whose will is powerful as His, a power that is not lost in your illusions, think carefully why you have not yet decided how you would answer the final question. Your answer to the others has made it possible to help you be already partly sane. And yet it is the final one that really asks if you are willing to be wholly sane.

T-21.VIII.5. What is the holy instant but God’s appeal to you to recognize what He has given you? Here is the great appeal to reason; the awareness of what is always there to see, the happiness that could be always yours. Here is the constant peace you could experience forever. Here is what denial has denied revealed to you. For here the final question is already answered, and what you ask for given. Here is the future now, for time is powerless because of your desire for what will never change. For you have asked that nothing stand between the holiness of your relationship and your awareness of its holiness.

VIII. Il mutamento interiore
1. I pensieri sono dunque pericolosi? 2Sì, per i corpi! 3I pensieri che sembrano uccidere sono quelli che insegnano a colui che pensa che può essere ucciso. 4E così “muore” a causa di ciò che ha imparato. 5Va dalla vita alla morte, la prova finale che ha valutato ciò che è incostante più della costanza. 6Sicuramente pensava di volere la felicità. 7Tuttavia non la desiderava perché era la verità e quindi doveva essere costante.

2. La costanza della gioia è una condizione piuttosto aliena alla tua comprensione. 2Ma se tu potessi anche solo immaginare ciò che deve essere, la desidereresti anche se non la comprendessi. 3La costanza della felicità non ha eccezioni: nessun tipo di cambiamento. 4È incrollabile come l’Amore di Dio per la Sua creazione. 5Sicura nella sua visione come il suo Creatore lo è in ciò che conosce, la felicità guarda ogni cosa e vede che sono tutte la stessa cosa. 6Non vede l’effimero, perché desidera che ogni cosa sia come se stessa, e la vede così. 7Nulla ha il potere di confondere la sua costanza, perché il suo desiderio non può essere scosso. 8Viene a coloro che vedono che la domanda finale è necessaria al resto, con la stessa sicurezza con cui la pace deve venire a coloro che scelgono di guarire e non di giudicare.

3. La ragione ti dirà che non puoi chiedere la felicità in modo incostante. 2Perché se ricevi ciò che desideri, e la felicità è costante, allora non hai bisogno che di chiederla una volta per averla sempre. 3E se non l’hai sempre, siccome è ciò che è, non l’hai chiesta. 4Perché nessuno manca di chiedere ciò che desidera a qualcosa che crede offra qualche promessa di poterglielo dare. 5Si potrà sbagliare su ciò che chiede, dove e che cosa. 6Ma chiederà, perché il desiderio è una richiesta, un chiedere fatto da qualcuno a cui Dio Stesso non mancherà mai di rispondere. 7Dio ha già dato tutto ciò che egli vuole veramente. 8Ma Dio non può dare ciò su cui egli è incerto. 9Perché fintanto che rimane incerto egli non lo desidera, e ciò che Dio dà deve essere incompleto a meno che non sia ricevuto.

4. Tu che completi la Volontà di Dio e sei la Sua felicità, la cui volontà è potente come la Sua, un potere che non si perde nelle tue illusioni, pensa attentamente al perché non hai ancora deciso come risponderesti alla domanda finale. 2La tua risposta alle altre ha reso possibile aiutarti ad essere già parzialmente sano di mente. 3E tuttavia è quella finale che ti chiede veramente se sei disposto ad essere completamente sano.

5. Che cos’è l’istante santo se non il richiamo di Dio perché tu riconosca ciò che ti ha dato? 2Ecco il grande richiamo alla ragione: la consapevolezza di ciò che è sempre lì da vedere, la felicità che potrebbe sempre essere tua. 3Qui c’è la pace costante che potresti provare per sempre. 4Qui ti è rivelato ciò che la negazione ha negato. 5Perché qui la domanda finale ha già avuto risposta, e ciò che chiedi è stato dato. 6Qui c’è il futuro ora, perché il tempo è privo di potere grazie al tuo desiderio di ciò che non cambierà mai. 7Perché hai chiesto che nulla si frapponga tra la santità della tua relazione e la tua consapevolezza della sua santità.

Chapter 22. Salvation and the Holy Relation - Capito 22. Salvezza e Relazione Santa

Introduction

T-22.in.1. Take pity on yourself, so long enslaved. Rejoice whom God hath joined have come together and need no longer look on sin apart. No two can look on sin together, for they could never see it in the same place and time. Sin is a strictly individual perception, seen in the other yet believed by each to be within himself. And each one seems to make a different error, and one the other cannot understand. Brother, it is the same, made by the same, and forgiven for its maker in the same way. The holiness of your relationship forgives you and your brother, undoing the effects of what you both believed and saw. And with their going is the need for sin gone with them.

T-22.in.2. Who has need for sin? Only the lonely and alone, who see their brothers different from themselves. It is this difference, seen but not real, that makes the need for sin, not real but seen, seem justified. And all this would be real if sin were so. For an unholy relationship is based on differences, where each one thinks the other has what he has not. They come together, each to complete himself and rob the other. They stay until they think that there is nothing left to steal, and then move on. And so they wander through a world of strangers, unlike themselves, living with their bodies perhaps under a common roof that shelters neither; in the same room and yet a world apart.

T-22.in.3. A holy relationship starts from a different premise. Each one has looked within and seen no lack. Accepting his completion, he would extend it by joining with another, whole as himself. He sees no difference between these selves, for differences are only of the body. Therefore, he looks on nothing he would take. He denies not his own reality because it is the truth. Just under Heaven does he stand, but close enough not to return to earth. For this relationship has Heaven’s Holiness. How far from home can a relationship so like to Heaven be?

T-22.in.4. Think what a holy relationship can teach! Here is belief in differences undone. Here is the faith in differences shifted to sameness. And here is sight of differences transformed to vision. Reason now can lead you and your brother to the logical conclusion of your union. It must extend, as you extended when you and he joined. It must reach out beyond itself, as you reached out beyond the body, to let you and your brother be joined. And now the sameness that you saw extends and finally removes all sense of differences, so that the sameness that lies beneath them all becomes apparent. Here is the golden circle where you recognize the Son of God. For what is born into a holy relationship can never end.

Introduzione
1. Abbi pietà di te stesso, in schiavitù da così tanto tempo. 2Esulta perché coloro che Dio ha unito si sono incontrati e non hanno più bisogno di guardare il peccato separatamente. 3Due persone non possono mai vedere il peccato insieme, perché non potrebbero mai vederlo nello stesso luogo e nello stesso momento. 4Il peccato è una percezione strettamente individuale, vista nell’altro, ma che ognuno crede di avere dentro di sé. 5E ciascuno sembra fare un errore diverso, che l’altro non può comprendere. 6Fratello, è lo stesso errore, fatto dalla stessa persona e perdonato in ognuno allo stesso modo. 7La santità della tua relazione perdona te e tuo fratello, disfando gli effetti di ciò che entrambi avete creduto e visto. 8E con il loro dissolversi, anche il bisogno del peccato si dissolve con essi.

2. Chi ha bisogno del peccato? 2Solo chi è solo e desolato, chi vede i propri fratelli diversi da sé. 3È questa differenza, vista ma non reale, che fa sì che il bisogno del peccato, non reale ma visto, sembri giustificato. 4E tutto questo sarebbe reale se lo fosse il peccato. 5Perché una relazione non santa si basa sulle differenze, e in essa ciascuno pensa che l’altro abbia ciò che lui non ha. 6Si uniscono, ciascuno per completarsi e per derubare l’altro. 7Rimangono insieme finché pensano che non ci sia più niente da rubare, e poi se ne vanno. 8E così vagano in un mondo di estranei, diversi da loro, e magari vivono coi loro corpi sotto lo stesso tetto che non dà riparo a nessuno dei due: nella stessa stanza e tuttavia in un mondo a parte.

3. Una relazione santa parte da una premessa diversa. 2Ciascuno ha guardato dentro e non ha visto alcuna mancanza. 3Accettando la propria completezza, la vuole estendere unendosi con un altro, intero come lui. 4Non vede differenze tra questi sé, perché le differenze sono solo del corpo. 5Quindi non vede nulla che vorrebbe prendere. 6Non nega la propria realtà perché è la verità. 7Si trova appena al di sotto del Cielo, ma abbastanza vicino ad esso per non ritornare sulla terra. 8Perché questa relazione è Santa come il Cielo. 9Quanto può essere distante da casa una relazione così simile al Cielo?

4. Pensa a ciò che può insegnare una relazione santa! 2In essa viene disfatta la credenza nelle differenze. 3In essa la fede nelle differenze è mutata in identicità. 4E il vedere le differenze è trasformato in visione. 5La ragione ora può condurre te e tuo fratello alla conclusione logica della vostra unione. 6Si deve estendere, così come voi vi siete estesi quando tu e lui vi siete uniti. 7Deve estendersi oltre se stessa, come tu ti sei esteso al di là del corpo, per permettere che tu e tuo fratello siate uniti. 8E adesso l’identicità che avete visto si estende e finalmente elimina ogni senso di differenze, così che l’identicità che sta dietro di esse diventa evidente. 9Qui c’è il cerchio d’oro nel quale riconosci il Figlio di Dio. 10Perché ciò che nasce in una relazione santa non potrà mai aver fine.

I. The Message of the Holy Relationship
T-22.I.1. Let reason take another step. If you attack whom God would heal and hate the one He loves, then you and your Creator have a different will. Yet if you are His Will, what you must then believe is that you are not yourself. You can indeed believe this, and you do. And you have faith in this and see much evidence on its behalf. And where, you wonder, does your strange uneasiness, your sense of being disconnected, and your haunting fear of lack of meaning in yourself arise? It is as though you wandered in without a plan of any kind except to wander off, for only that seems certain.

T-22.I.2. Yet we have heard a very similar description earlier, but it was not of you. But still this strange idea which it does accurately describe, you think is you. Reason would tell you that the world you see through eyes that are not yours must make no sense to you. To whom would seeing such as this send back its messages? Surely not you, whose sight is wholly independent of the eyes that look upon the world. If this is not your vision, what can it show to you? The brain cannot interpret what your vision sees. This you would understand. The brain interprets to the body, of which it is a part. But what it says you cannot understand. Yet you have listened to it. And long and hard you tried to understand its messages.

T-22.I.3. You have not realized it is impossible to understand what fails entirely to reach you. You have received no messages at all you understand. For you have listened to what can never communicate at all. Think, then, what happens. Denying what you are, and firm in faith that you are something else, this “something else” that you have made to be yourself becomes your sight. Yet it must be the “something else” that sees, and as not you, explains its sight to you. Your vision would, of course, render this quite unnecessary. Yet if your eyes are closed and you have called upon this thing to lead you, asking it to explain to you the world it sees, you have no reason not to listen, nor to suspect that what it tells you is not true. Reason would tell you it cannot be true because you do not understand it. God has no secrets. He does not lead you through a world of misery, waiting to tell you, at the journey’s end, why He did this to you.

T-22.I.4. What could be secret from God’s Will? Yet you believe that you have secrets. What could your secrets be except another “will” that is your own, apart from His? Reason would tell you that this is no secret that need be hidden as a sin. But a mistake indeed! Let not your fear of sin protect it from correction, for the attraction of guilt is only fear. Here is the one emotion that you made, whatever it may seem to be. This is the emotion of secrecy, of private thoughts and of the body. This is the one emotion that opposes love, and always leads to sight of differences and loss of sameness. Here is the one emotion that keeps you blind, dependent on the self you think you made to lead you through the world it made for you.

T-22.I.5. Your sight was given you, along with everything that you can understand. You will perceive no difficulty in understanding what this vision tells you, for everyone sees only what he thinks he is. And what your sight would show you, you will understand because it is the truth. Only your vision can convey to you what you can see. It reaches you directly, without a need to be interpreted to you. What needs interpretation must be alien. Nor will it ever be made understandable by an interpreter you cannot understand.

T-22.I.6. Of all the messages you have received and failed to understand, this course alone is open to your understanding and can be understood. This is your language. You do not understand it yet only because your whole communication is like a baby’s. The sounds a baby makes and what he hears are highly unreliable, meaning different things to him at different times. Neither the sounds he hears nor sights he sees are stable yet. But what he hears and does not understand will be his native tongue, through which he will communicate with those around him, and they with him. And the strange, shifting ones he sees about him will become to him his comforters, and he will recognize his home and see them there with him.

T-22.I.7. So in each holy relationship is the ability to communicate instead of separate reborn. Yet a holy relationship, so recently reborn itself from an unholy relationship, and yet more ancient than the old illusion it has replaced, is like a baby now in its rebirth. Still in this infant is your vision returned to you, and he will speak the language you can understand. He is not nurtured by the “something else” you thought was you. He was not given there, nor was received by anything except yourself. For no two brothers can unite except through Christ, Whose vision sees them one.

T-22.I.8. Think what is given you, my holy brother. This child will teach you what you do not understand, and make it plain. For his will be no alien tongue. He will need no interpreter to you, for it was you who taught him what he knows because you knew it. He could not come to anyone but you, never to “something else.” Where Christ has entered no one is alone, for never could He find a home in separate ones. Yet must He be reborn into His ancient home, so seeming new and yet as old as He, a tiny newcomer, dependent on the holiness of your relationship to let Him live.

T-22.I.9. Be certain God did not entrust His Son to the unworthy. Nothing but what is part of Him is worthy of being joined. Nor is it possible that anything not part of Him can join. Communication must have been restored to those who join, for this they could not do through bodies. What, then, has joined them? Reason will tell you that they must have seen each other through a vision not of the body, and communicated in a language the body does not speak. Nor could it be a fearful sight or sound that drew them gently into one. Rather, in each the other saw a perfect shelter where his Self could be reborn in safety and in peace. Such did his reason tell him; such he believed because it was the truth.

T-22.I.10. Here is the first direct perception that you can make. You make it through awareness older than perception, and yet reborn in just an instant. For what is time to what was always so? Think what that instant brought; the recognition that the “something else” you thought was you is an illusion. And truth came instantly, to show you where your Self must be. It is denial of illusions that calls on truth, for to deny illusions is to recognize that fear is meaningless. Into the holy home where fear is powerless love enters thankfully, grateful that it is one with you who joined to let it enter.

T-22.I.11. Christ comes to what is like Himself; the same, not different. For He is always drawn unto Himself. What is as like Him as a holy relationship? And what draws you and your brother together draws Him to you. Here are His sweetness and His gentle innocence protected from attack. And here can He return in confidence, for faith in another is always faith in Him. You are indeed correct in looking on your brother as His chosen home, for here you will with Him and with His Father. This is your Father’s Will for you, and yours with His. And who is drawn to Christ is drawn to God as surely as Both are drawn to every holy relationship, the home prepared for Them as earth is turned to Heaven.

I. Il messaggio della relazione santa
1. Lascia che la ragione faccia un altro passo. 2Se attacchi colui che Dio vuol guarire e odi colui che Lui ama, allora tu e il tuo Creatore avete una volontà diversa. 3Ma se tu sei la Sua Volontà, ciò che devi credere di conseguenza è che tu non sei te stesso. 4Ci puoi davvero credere, e lo fai. 5E hai fede in ciò e vedi molte prove a suo favore. 6E ti chiedi: da dove emergono il tuo strano disagio, il tuo senso di essere sconnesso e la tua paura ossessiva di non avere significato? 7È come se vagassi senza un piano di alcun genere se non quello di smarrirti, perché solo questo sembra certo.

2. Tuttavia abbiamo udito una descrizione molto simile in precedenza, ma non riguardava te. 2Ma pensi ancora che questa strana idea descriva accuratamente te. 3La ragione ti direbbe che il mondo che vedi attraverso occhi che non sono tuoi non deve avere alcun senso per te. 4A chi potrebbe rimandare i propri messaggi un tale modo di vedere? 5Sicuramente non a te, la cui vista è completamente indipendente dagli occhi che guardano il mondo. 6Se questa non è la tua visione, cosa ti può mostrare? 7Il cervello non può interpretare ciò che la tua visione ti mostra. 8Questo tu dovresti capirlo. 9Il cervello interpreta per il corpo, di cui è parte. 10Ma non puoi comprendere ciò che dice. 11Tuttavia gli hai dato ascolto. 12E hai provato a lungo e intensamente a comprenderne i messaggi.

3. Non ti sei reso conto che è impossibile comprendere ciò che non ti tocca per niente. 2Tu non comprendi nessuno dei messaggi che hai ricevuto. 3Perché hai ascoltato ciò che non potrà mai comunicare. 4Pensa, dunque, a cosa succede. 5Negando ciò che sei, e fermo nella fede che sei qualcos’altro, questo “qualcos’altro” che hai fatto perché sia te stesso diventa la tua vista. 6Tuttavia deve essere il “qualcos’altro” che vede, e in quanto non te, spiega a te ciò che vede. 7La tua visione, ovviamente, renderà ciò del tutto superfluo. 8Ma se i tuoi occhi sono chiusi e hai invocato questa cosa per guidarti, chiedendole di spiegarti il mondo che vede, non hai motivo di non ascoltarla, né di sospettare che ciò che ti dice non è vero. 9La ragione ti direbbe che non può essere vero perché non lo comprendi. 10Dio non ha segreti. 11Non ti guida in un mondo di sofferenza aspettando di dirti, alla fine del viaggio, perché ti ha fatto questo.

4. Cosa può essere segreto alla Volontà di Dio? 2Tuttavia tu credi di avere dei segreti. 3Cosa potrebbero essere i tuoi segreti, se non un’altra “volontà” che è tua e separata dalla Sua? 4La ragione ti direbbe che questo non è un segreto che ha bisogno di essere nascosto come un peccato. 5Ma è piuttosto un errore! 6Non lasciare che la tua paura del peccato lo protegga dalla correzione, perché l’attrattiva della colpa è solo paura. 7Questa è l’unica emozione che hai fatto, qualunque cosa possa sembrare. 8Questa è l’emozione della segretezza, dei pensieri privati e del corpo. 9Questa è l’unica emozione che si oppone all’amore e conduce sempre a vedere differenze e la perdita dell’identicità. 10Ecco l’unica emozione che ti mantiene cieco, dipendente dal sé che pensi di avere fatto perché ti guidi attraverso il mondo che esso ha fatto per te.

5. La tua vista ti è stata data, insieme a tutto ciò che puoi comprendere. 2Non percepirai alcuna difficoltà nel comprendere ciò che questa visione ti dice, perché ciascuno vede solo ciò che pensa di essere. 3E comprenderai ciò che la tua vista ti mostrerà perché è la verità. 4Solo la tua visione ti può portare ciò che puoi vedere. 5Ti raggiunge direttamente, senza bisogno che venga interpretato per te. 6Ciò che ha bisogno di interpretazione deve essere alieno. 7Né potrà mai essere reso comprensibile da un interprete che non puoi comprendere.

6. Di tutti i messaggi che hai ricevuto e che non hai compreso, solo questo corso è aperto alla tua comprensione e può essere compreso. 2Questo è il tuo linguaggio. 3Non lo comprendi ancora solo perché la tua comunicazione è come quella di un neonato. 4I suoni che emette un neonato e quelli che sente sono altamente inattendibili, perché per lui significano cose diverse in momenti diversi. 5Né i suoni che sente e ciò che vede sono ancora stabili. 6Ma ciò che sente e non comprende sarà la sua madrelingua, per mezzo della quale comunicherà con le persone attorno a lui, e loro con lui. 7E le persone strane e mutevoli che vede intorno a sé diventeranno i suoi consolatori, ed egli riconoscerà la sua casa e li vedrà lì con lui.

7. Così in ogni relazione santa rinasce la capacità di comunicare invece di separare. 2Ma una relazione santa, essa stessa rinata così di recente da una relazione non santa e tuttavia più antica della vecchia illusione di cui ha preso il posto, è ora come un neonato alla sua rinascita. 3Eppure in questo fanciullo ti è restituita la visione, ed egli parlerà un linguaggio che puoi capire. 4Egli non è nutrito dal “qualcos’altro” che pensavi di essere. 5Non è in esso che è stato dato né è stato ricevuto da altri che da te. 6Perché due fratelli non possono unirsi se non attraverso Cristo, la Cui visione li vede come una cosa sola.

8. Pensa a ciò che ti è dato, mio santo fratello. 2Questo bambino ti insegnerà ciò che non comprendi e lo renderà semplice. 3Perché la sua non sarà una lingua straniera. 4Non avrà bisogno di qualcuno che faccia da interprete per te, perché sei stato tu a insegnargli ciò che sa perché lo conoscevi. 5Non poteva venire a nessun altro che a te, mai a “qualcos’altro”. 6Dove Cristo è entrato nessuno è da solo, perché Egli non potrebbe mai trovare una casa in esseri separati. 7Tuttavia Egli dovrà rinascere nella Sua antica casa, così apparentemente nuova e tuttavia vecchia quanto Lui, un minuscolo nuovo arrivato, che per poter vivere dipende dalla santità della tua relazione.

9. Sii certo che Dio non ha affidato Suo Figlio a chi ne è indegno. 2È cosa degna unirsi solo a ciò che è parte di Lui. 3E non è possibile che qualcosa che non sia parte di Lui si possa unire. 4La comunicazione deve essere stata ripristinata per coloro che si uniscono, perché non possono fare ciò attraverso dei corpi. 5Che cosa, dunque, li ha uniti? 6La ragione ti dirà che devono essersi visti a vicenda attraverso una visione che non è del corpo, ed aver comunicato in un linguaggio che il corpo non parla. 7Né è possibile che siano stati un’immagine o un suono spaventosi ad attirarli dolcemente ad essere una cosa sola. 8Piuttosto, in ciascuno l’altro ha visto un riparo perfetto in cui il suo Sé avrebbe potuto rinascere in pace e sicurezza. 9Questo gli ha detto la sua ragione: questo ha creduto perché era la verità.

10. Ecco la prima percezione diretta che puoi fare. 2Puoi farla per mezzo di una consapevolezza antecedente alla percezione e tuttavia rinata in un solo istante. 3Perché che cos’è il tempo per ciò che è sempre stato uguale? 4Pensa a ciò che ha portato quell’istante: il riconoscimento che il “qualcos’altro” che pensavi di essere è un’illusione. 5E la verità è giunta istantaneamente, per mostrarti dove deve essere il tuo Sé. 6È la negazione delle illusioni che evoca la verità, perché negare le illusioni è riconoscere che la paura è priva di significato. 7Nella santa dimora in cui la paura è priva di potere, l’amore entra riconoscente, grato di essere una cosa sola con voi che vi siete uniti per lasciarlo entrare.

11. Cristo viene a ciò che è come Lui Stesso: uguale, non differente. 2Perché Egli è sempre attratto da Se Stesso. 3Cos’è tanto simile a Lui quanto una relazione santa? 4E ciò che attira insieme te e tuo fratello, attira Lui a voi. 5Qui la Sua dolcezza e la Sua dolce innocenza sono protette dall’attacco. 6Qui Egli può tornare fiducioso, perché la fede in un altro è sempre fede in Lui. 7Hai davvero ragione nel vedere tuo fratello come la Sua dimora prescelta, perché qui vuoi con Lui e con Suo Padre. 8Questa è la Volontà di tuo Padre per te, e la tua con la Sua. 9Ed è certo che chi è attirato da Cristo è attirato da Dio, così come è certo che Entrambi sono attratti in ogni relazione santa, la dimora preparata per Loro nel momento in cui la terra è trasformata nel Cielo.

II. Your Brother’s Sinlessness
T-22.II.1. The opposite of illusions is not disillusionment but truth. Only to the ego, to which truth is meaningless, do they appear to be the only alternatives, and different from each other. In truth they are the same. Both bring the same amount of misery, though each one seems to be the way to lose the misery the other brings. Every illusion carries pain and suffering in the dark folds of the heavy garments in which it hides its nothingness. Yet by these dark and heavy garments are those who seek illusions covered, and hidden from the joy of truth.

T-22.II.2. Truth is the opposite of illusions because it offers joy. What else but joy could be the opposite of misery? To leave one kind of misery and seek another is hardly an escape. To change illusions is to make no change. The search for joy in misery is senseless, for how could joy be found in misery? All that is possible in the dark world of misery is to select some aspects out of it, see them as different, and define the difference as joy. Yet to perceive a difference where none exists will surely fail to make a difference.

T-22.II.3. Illusions carry only guilt and suffering, sickness and death, to their believers. The form in which they are accepted is irrelevant. No form of misery in reason’s eyes can be confused with joy. Joy is eternal. You can be sure indeed that any seeming happiness that does not last is really fear. Joy does not turn to sorrow, for the eternal cannot change. But sorrow can be turned to joy, for time gives way to the eternal. Only the timeless must remain unchanged, but everything in time can change with time. Yet if the change be real and not imagined, illusions must give way to truth, and not to other dreams that are but equally unreal. This is no difference.

T-22.II.4. Reason will tell you that the only way to escape from misery is to recognize it and go the other way. Truth is the same and misery the same, but they are different from each other in every way, in every instance and without exception. To believe that one exception can exist is to confuse what is the same with what is different. One illusion cherished and defended against the truth makes all truth meaningless, and all illusions real. Such is the power of belief. It cannot compromise. And faith in innocence is faith in sin, if the belief excludes one living thing and holds it out, apart from its forgiveness.

T-22.II.5. Both reason and the ego will tell you this, but what they make of it is not the same. The ego will assure you now that it is impossible for you to see no guilt in anyone. And if this seeing is the only means by which escape from guilt can be attained, then the belief in sin must be eternal. Yet reason looks on this another way, for reason sees the source of an idea as what will make it either true or false. This must be so, if the idea is like its source. Therefore, says reason, if escape from guilt was given to the Holy Spirit as His purpose, and by One to Whom nothing He wills can be impossible, the means for its attainment are more than possible. They must be there, and you must have them.

T-22.II.6. This is a crucial period in this course, for here the separation of you and the ego must be made complete. For if you have the means to let the Holy Spirit’s purpose be accomplished, they can be used. And through their use will you gain faith in them. Yet to the ego this must be impossible, and no one undertakes to do what holds no hope of ever being done. You know what your Creator wills is possible, but what you made believes it is not so. Now must you choose between yourself and an illusion of yourself. Not both, but one. There is no point in trying to avoid this one decision. It must be made. Faith and belief can fall to either side, but reason tells you misery lies only on one side and joy upon the other.

T-22.II.7. Forsake not now your brother. For you who are the same will not decide alone nor differently. Either you give each other life or death; either you are each other’s savior or his judge, offering him sanctuary or condemnation. This course will be believed entirely or not at all. For it is wholly true or wholly false, and cannot be but partially believed. And you will either escape from misery entirely or not at all. Reason will tell you that there is no middle ground where you can pause uncertainly, waiting to choose between the joy of Heaven and the misery of hell. Until you choose Heaven, you are in hell and misery.

T-22.II.8. There is no part of Heaven you can take and weave into illusions. Nor is there one illusion you can enter Heaven with. A savior cannot be a judge, nor mercy condemnation. And vision cannot damn, but only bless. Whose function is to save, will save. How He will do it is beyond your understanding, but when must be your choice. For time you made, and time you can command. You are no more a slave to time than to the world you made.

T-22.II.9. Let us look closer at the whole illusion that what you made has power to enslave its maker. This is the same belief that caused the separation. It is the meaningless idea that thoughts can leave the thinker’s mind, be different from it and in opposition to it. If this were true, thoughts would not be the mind’s extensions, but its enemies. And here we see again another form of the same fundamental illusion we have seen many times before. Only if it were possible the Son of God could leave his Father’s Mind, make himself different and oppose His Will, would it be possible that the self he made, and all it made, should be his master.

T-22.II.10. Behold the great projection, but look on it with the decision that it must be healed, and not with fear. Nothing you made has any power over you unless you still would be apart from your Creator, and with a will opposed to His. For only if you would believe His Son could be His enemy does it seem possible that what you made is yours. You would condemn His joy to misery, and make Him different. And all the misery you made has been your own. Are you not glad to learn it is not true? Is it not welcome news to hear not one of the illusions that you made replaced the truth?

T-22.II.11. Only your thoughts have been impossible. Salvation cannot be. It is impossible to look upon your savior as your enemy and recognize him. Yet it is possible to recognize him for what he is, if God would have it so. What God has given to your holy relationship is there. For what He gave the Holy Spirit to give to you He gave. Would you not look upon the savior that has been given you? And would you not exchange, in gratitude, the function of an executioner you gave him for the one he has in truth? Receive of him what God has given him for you, not what you tried to give yourself.

T-22.II.12. Beyond the body that you interposed between you and your brother, and shining in the golden light that reaches it from the bright, endless circle that extends forever, is your holy relationship, beloved of God Himself. How still it rests, in time and yet beyond, immortal yet on earth. How great the power that lies in it. Time waits upon its will, and earth will be as it would have it be. Here is no separate will, nor the desire that anything be separate. Its will has no exceptions, and what it wills is true. Every illusion brought to its forgiveness is gently overlooked and disappears. For at its center Christ has been reborn, to light His home with vision that overlooks the world. Would you not have this holy home be yours as well? No misery is here, but only joy.

T-22.II.13. All you need do to dwell in quiet here with Christ is share His vision. Quickly and gladly is His vision given anyone who is but willing to see his brother sinless. And no one can remain beyond this willingness, if you would be released entirely from all effects of sin. Would you have partial forgiveness for yourself? Can you reach Heaven while a single sin still tempts you to remain in misery? Heaven is the home of perfect purity, and God created it for you. Look on your holy brother, sinless as yourself, and let him lead you there.

II. L’assenza di peccato di tuo fratello
1. L’opposto delle illusioni non è la disillusione, ma la verità. 2Solo per l’ego, per il quale la verità è priva di significato, esse sembrano essere le uniche alternative, diverse l’una dall’altra. 3In verità sono la stessa cosa. 4Entrambe recano la stessa quantità di infelicità, sebbene ciascuna sembri essere il modo per perdere l’infelicità arrecata dall’altra. 5Ogni illusione reca dolore e sofferenza nelle pieghe oscure degli indumenti pesanti in cui nasconde la sua nullità. 6Tuttavia coloro che cercano le illusioni sono coperti da questi pesanti e oscuri indumenti e la gioia della verità è loro nascosta.

2. La verità è l’opposto delle illusioni perché offre la gioia. 2Cos’altro se non la gioia può essere l’opposto dell’infelicità? 3Lasciare un genere di infelicità e cercarne un altro, non è affatto una soluzione. 4Cambiare illusione è non cambiare affatto. 5La ricerca della gioia nell’infelicità è senza senso, perché come è possibile trovare la gioia nell’infelicità? 6Tutto ciò che è possibile nell’oscuro mondo dell’infelicità è selezionarne alcuni aspetti, vederli diversi, e definire gioia la differenza. 7Tuttavia percepire una differenza dove non ce n’è, sicuramente non farà alcuna differenza.

3. Le illusioni portano, a chi crede in esse, solo colpa e sofferenza, malattia e morte. 2La forma in cui vengono accettate è irrilevante. 3Agli occhi della ragione nessuna forma di infelicità può essere confusa con la gioia. 4La gioia è eterna. 5Puoi star certo che ogni forma di felicità apparente che non dura, in realtà è paura. 6La gioia non si trasforma in tristezza, perché ciò che è eterno non può cambiare. 7Ma la tristezza può essere trasformata in gioia, perché il tempo cede il passo all’eternità. 8Solo ciò che è senza tempo rimarrà immutato, ma ogni cosa che è nel tempo, col tempo può cambiare. 9Tuttavia se il cambiamento deve essere reale e non immaginato, le illusioni devono cedere il passo alla verità e non ad altri sogni che non sono che ugualmente irreali. 10Questa non sarebbe affatto una differenza.

4. La ragione ti dirà che l’unico modo per sfuggire all’infelicità è di riconoscerla e di andare nella direzione opposta. 2La verità è sempre uguale e l’infelicità è sempre uguale, ma sono diverse l’una dall’altra sotto ogni aspetto, in ogni caso e senza eccezioni. 3Credere che possa esserci un’eccezione è confondere ciò che è uguale con ciò che è diverso. 4Un’unica illusione nutrita e difesa contro la verità, rende tutta la verità priva di significato e tutte le illusioni reali. 5Tale è il potere delle credenze. 6Non può fare compromessi. 7La fede nell’innocenza è fede nel peccato se ciò che credi esclude una cosa vivente e la tiene distaccata, separata dal suo perdono.

5. Sia la ragione che l’ego te lo diranno, ma ciò che ne fanno non è la stessa cosa. 2L’ego ti assicurerà ora che è impossibile per te non vedere la colpa in nessuno. 3E se questo modo di vedere è l’unico mezzo col quale si può sfuggire alla colpa, allora la credenza nel peccato deve essere eterna. 4Tuttavia la ragione guarda a ciò in un altro modo, perché la ragione vede la fonte di un’idea come ciò che la renderà o vera o falsa. 5Deve essere così, se l’idea è come la sua fonte. 6Quindi, dice la ragione, se la fuga dalla colpa è stata data allo Spirito Santo come Suo scopo, e da Colui al Quale nulla di ciò che vuole è impossibile, i mezzi per il suo conseguimento sono più che possibili. 7Devono esserci, e tu devi averli.

6. Questo è un periodo cruciale in questo corso, perché qui la separazione tra te e l’ego deve essere completata. 2Perché se hai i mezzi per lasciare che venga compiuto lo scopo dello Spirito Santo, puoi usarli. 3E usandoli acquisterai fede in essi. 4Tuttavia per l’ego questo deve essere impossibile e nessuno cerca di fare ciò che non offre speranza di poter mai essere fatto. 5Tu sai che ciò che il tuo Creatore vuole è possibile, ma ciò che hai fatto crede che non sia così. 6Ora devi scegliere tra te stesso e un’illusione di te stesso. 7Non tutti e due, ma uno. 8Non c’è motivo di cercare di evitare quest’unica decisione. 9Deve essere presa. 10La fede e la credenza possono stare da entrambe le parti, ma la ragione ti dice che l’infelicità sta solo da una parte e la gioia dall’altra.

7. Non abbandonare ora tuo fratello. 2Perché tu che sei uguale a lui, non deciderai da solo, né in modo diverso. 3Entrambi vi date reciprocamente la vita o la morte: entrambi siete per l’altro il salvatore o il giudice, offrendo all’altro asilo o condanna. 4Questo corso verrà creduto interamente o niente affatto. 5Perché è interamente vero o completamente falso e non può essere creduto solo in parte. 6Sfuggirai all’infelicità interamente o non lo farai affatto. 7La ragione ti dirà che non c’è un luogo intermedio dove tu possa soffermarti nell’incertezza, in attesa di scegliere tra la gioia del Cielo e l’infelicità dell’inferno. 8Finché non scegli il Cielo, sei all’inferno e infelice.

8. Non c’è alcuna parte del Cielo che puoi prendere e intessere nelle illusioni. 2E non c’è alcuna illusione con la quale tu possa entrare in Cielo. 3Un salvatore non può essere un giudice, né la pietà può essere condanna. 4E la visione non può dannare ma solo benedire. 5Colui la Cui funzione è salvare, salverà. 6Come lo farà è al di là della tua comprensione, ma quando deve essere una tua scelta. 7Perché tu hai fatto il tempo e tu puoi comandare il tempo. 8Non sei più schiavo del tempo di quanto lo sei del mondo che hai fatto.

9. Guardiamo più da vicino l’intera illusione che ciò che hai fatto abbia il potere di rendere schiavo chi l’ha fatto. 2Questa è la stessa credenza che ha causato la separazione. 3È l’idea senza senso che i pensieri possano lasciare la mente di colui che pensa, essere differenti e in opposizione ad essa. 4Se questo fosse vero, i pensieri non sarebbero l’estensione della mente, ma i suoi nemici. 5E qui vediamo di nuovo un’altra forma della stessa illusione fondamentale che abbiamo già visto molte volte. 6Solo se fosse possibile che il Figlio di Dio potesse lasciare la Mente di suo Padre, rendersi diverso e opporsi alla Sua Volontà, sarebbe possibile che il sé che ha fatto, e tutto ciò che egli ha fatto, siano i suoi padroni.

10. Osserva la grande proiezione, ma guardala con la decisione che debba essere guarita, e non con paura. 2Nulla di ciò che hai fatto ha alcun potere su di te a meno che tu non voglia ancora essere separato dal tuo Creatore e con una volontà opposta alla Sua. 3Perché solo se credessi che Suo Figlio possa essere Suo nemico, sembrerebbe possibile che ciò che hai fatto sia tuo nemico. 4Hai voluto condannare all’infelicità la Sua gioia e renderLo diverso. 5E tutta l’infelicità che hai fatto è stata la tua. 6Non sei contento di imparare che non è vero? 7Non è forse una bella notizia udire che non una delle illusioni che hai fatto ha preso il posto della verità?

11. Solo i tuoi pensieri sono stati impossibili. 2La salvezza non può esserlo. 3È impossibile vedere il tuo salvatore come un nemico e riconoscerlo. 4Tuttavia è possibile riconoscerlo per ciò che è, se Dio vuole che sia così. 5Ciò che Dio ha dato alla tua relazione santa è lì. 6Perché ciò che ha dato allo Spirito Santo perché te lo desse, l’ha dato Lui. 7Non vorresti vedere il salvatore che ti è stato dato? 8E non scambieresti, con gratitudine, la funzione di carnefice che gli hai dato con quella che ha in verità? 9Ricevi da lui ciò che Dio gli ha dato per te, non ciò che tu hai cercato di darti.

12. Oltre il corpo che hai interposto tra te e tuo fratello, splendente nella luce dorata che giunge dal cerchio lucente e infinito che si estende in eterno, c’è la tua relazione santa, beneamata da Dio Stesso. 2Come riposa quieta, nel tempo e tuttavia al di là di esso, immortale e tuttavia sulla terra. 3Com’è grande il potere che risiede in essa. 4Il tempo aspetta la sua volontà e la terra sarà come essa vuole che sia. 5Qui non c’è volontà separata, né il desiderio che qualcosa sia separato. 6La sua volontà non ha eccezioni e ciò che vuole è vero. 7Su ogni illusione portata al suo perdono, essa guarda dolcemente oltre e l’illusione scompare. 8Perché nel suo centro Cristo è rinato, per illuminare la Sua casa con la visione che guarda al di là del mondo. 9Non vorresti che questa dimora fosse anche tua? 10Non c’è alcuna infelicità qui, ma solo gioia.

13. Tutto quello che devi fare per stare qui in pace con Cristo è condividere la Sua visione. 2La Sua visione viene data velocemente e lietamente a chiunque sia semplicemente disposto a vedere suo fratello senza peccato. 3E nessuno può rimanere escluso da questa disponibilità, se vuoi essere completamente liberato da tutti gli effetti del peccato. 4Vorresti forse essere perdonato solo parzialmente? 5Puoi forse raggiungere il Cielo mentre un solo peccato ti tenta ancora a rimanere nell’infelicità? 6Il Cielo è la dimora della perfetta purezza e Dio l’ha creato per te. 7Guarda il tuo santo fratello, senza peccato come te, e lascia che ti ci conduca.

III. Reason and the Forms of Errors
T-22.III.1. The introduction of reason into the ego’s thought system is the beginning of its undoing, for reason and the ego are contradictory. Nor is it possible for them to coexist in your awareness. For reason’s goal is to make plain, and therefore obvious. You can see reason. This is not a play on words, for here is the beginning of a vision that has meaning. Vision is sense, quite literally. If it is not the body’s sight, it must be understood. For it is plain, and what is obvious is not ambiguous. It can be understood. And here do reason and the ego separate, to go their separate ways.

T-22.III.2. The ego’s whole continuance depends on its belief you cannot learn this course. Share this belief, and reason will be unable to see your errors and make way for their correction. For reason sees reality errors, telling you what you thought was real is not. Reason can see the difference between sin and mistakes, because it wants correction. Therefore, it tells you what you thought was uncorrectable can be corrected, and thus it must have been an error. The ego’s opposition to correction leads to its fixed belief in sin and disregard of errors. It looks on nothing that can be corrected. Thus does the ego damn, and reason save.

T-22.III.3. Reason is not salvation in itself, but it makes way for peace and brings you to a state of mind in which salvation can be given you. Sin is a block, set like a heavy gate, locked and without a key, across the road to peace. No one who looks on it without the help of reason would try to pass it. The body’s eyes behold it as solid granite, so thick it would be madness to attempt to pass it. Yet reason sees through it easily, because it is an error. The form it takes cannot conceal its emptiness from reason’s eyes.

T-22.III.4. Only the form of error attracts the ego. Meaning it does not recognize, and does not see if it is there or not. Everything the body’s eyes can see is a mistake, an error in perception, a distorted fragment of the whole without the meaning that the whole would give. And yet mistakes, regardless of their form, can be corrected. Sin is but error in a special form the ego venerates. It would preserve all errors and make them sins. For here is its own stability, its heavy anchor in the shifting world it made; the rock on which its church is built, and where its worshippers are bound to bodies, believing the body’s freedom is their own.

T-22.III.5. Reason will tell you that the form of error is not what makes it a mistake. If what the form conceals is a mistake, the form cannot prevent correction. The body’s eyes see only form. They cannot see beyond what they were made to see. And they were made to look on error and not see past it. Theirs is indeed a strange perception, for they can see only illusions, unable to look beyond the granite block of sin, and stopping at the outside form of nothing. To this distorted form of vision the outside of everything, the wall that stands between you and the truth, is wholly true. Yet how can sight that stops at nothingness, as if it were a solid wall, see truly? It is held back by form, having been made to guarantee that nothing else but form will be perceived.

T-22.III.6. These eyes, made not to see, will never see. For the idea they represent left not its maker, and it is their maker that sees through them. What was its maker’s goal but not to see? For this the body’s eyes are perfect means, but not for seeing. See how the body’s eyes rest on externals and cannot go beyond. Watch how they stop at nothingness, unable to go beyond the form to meaning. Nothing so blinding as perception of form. For sight of form means understanding has been obscured.

T-22.III.7. Only mistakes have different forms, and so they can deceive. You can change form because it is not true. It could not be reality because it can be changed. Reason will tell you that if form is not reality it must be an illusion, and is not there to see. And if you see it you must be mistaken, for you are seeing what can not be real as if it were. What cannot see beyond what is not there must be distorted perception, and must perceive illusions as the truth. Could it, then, recognize the truth?

T-22.III.8. Let not the form of his mistakes keep you from him whose holiness is yours. Let not the vision of his holiness, the sight of which would show you your forgiveness, be kept from you by what the body’s eyes can see. Let your awareness of your brother not be blocked by your perception of his sins and of his body. What is there in him that you would attack except what you associate with his body, which you believe can sin? Beyond his errors is his holiness and your salvation. You gave him not his holiness, but tried to see your sins in him to save yourself. And yet, his holiness is your forgiveness. Can you be saved by making sinful the one whose holiness is your salvation?

T-22.III.9. A holy relationship, however newly born, must value holiness above all else. Unholy values will produce confusion, and in awareness. In an unholy relationship, each one is valued because he seems to justify the other’s sin. Each sees within the other what impels him to sin against his will. And thus he lays his sins upon the other, and is attracted to him to perpetuate his sins. And so it must become impossible for each to see himself as causing sin by his desire to have sin real. Yet reason sees a holy relationship as what it is; a common state of mind, where both give errors gladly to correction, that both may happily be healed as one.

III. La ragione e le forme dell’errore
1. Quando si introduce la ragione nel sistema di pensiero dell’ego questo inizia a disfarsi, perché la ragione e l’ego sono in contraddizione l’uno con l’altra. 2E non è possibile per essi coesistere nella tua consapevolezza. 3Perché l’obiettivo della ragione è di rendere semplice e quindi ovvio. 4Puoi vedere la ragione. 5Questo non è un gioco di parole1, perché qui si trova l’inizio della visione che ha significato. 6La visione è, letteralmente, buon senso. 7Se non è la vista del corpo, deve essere compresa. 8Perché è semplice, e ciò che è ovvio non è ambiguo. 9Può essere compreso. 10E qui la ragione e l’ego si separano davvero, per prendere strade separate.

2. L’intera continuità dell’ego dipende dal fatto che crede che tu non puoi imparare questo corso. 2Condividi questa credenza e la ragione sarà incapace di vedere i tuoi errori e di aprire la via alla loro correzione. 3Perché la ragione vede attraverso gli errori, dicendoti che ciò che credevi fosse reale non lo è. 4La ragione può vedere la differenza tra peccati ed errori, perché vuole la correzione. 5Quindi ti dice che ciò che pensavi fosse incorreggibile può essere corretto e quindi deve essere stato un errore. 6L’opposizione dell’ego alla correzione porta alla sua credenza fissa nel peccato e a trascurare gli errori. 7Non vede nulla che possa essere corretto. 8Così l’ego condanna e la ragione salva.

3. La ragione in se stessa non è la salvezza, ma fa strada alla pace e ti porta in uno stato mentale in cui la salvezza ti può essere data. 2Il peccato è come un blocco, come un pesante cancello, chiuso e senza chiave, che sbarra la strada alla pace. 3Nessuno che lo guardi senza l’aiuto della ragione cercherebbe di oltrepassarlo. 4Gli occhi del corpo lo vedono come solido granito, così spesso che sarebbe follia cercare di oltrepassarlo. 5Tuttavia la ragione vede facilmente attraverso di esso, perché è un errore. 6La forma che assume non può nascondere la sua vacuità agli occhi della ragione.

4. Solo la forma dell’errore attrae l’ego. 2Non ne riconosce il significato e non vede se c’è o no. 3Tutto ciò che gli occhi del corpo possono vedere è uno sbaglio, un errore di percezione, un frammento distorto dell’intero senza il significato che l’intero darebbe. 4E tuttavia gli errori, indipendentemente dalla loro forma, possono essere corretti. 5Il peccato non è che un errore in una forma speciale che l’ego venera. 6L’ego vuole preservare tutti gli errori e li vuole far diventare peccati. 7Perché qui sta la sua stabilità, la sua àncora pesante nel mondo mutevole che ha fatto: la pietra su cui è costruita la sua chiesa e dove i suoi adoratori sono legati ai corpi, credendo che la libertà del corpo sia la loro.

5. La ragione ti dirà che la forma dell’errore non è ciò che lo rende uno sbaglio. 2Se ciò che la forma nasconde è un errore, la forma non può evitare la correzione. 3Gli occhi del corpo vedono solo la forma. 4Non possono vedere al di là di ciò che sono stati fatti per vedere. 5E sono stati fatti per guardare l’errore e non vedere al di là di esso. 6La loro è davvero una strana percezione, perché possono vedere solo le illusioni, incapaci di vedere al di là del blocco di granito del peccato e si fermano alla forma esteriore del nulla. 7Per questa forma distorta di visione, l’esterno di ogni cosa, il muro che sta tra te e la verità, è completamente vero. 8Ma come può vedere veramente una vista che si ferma davanti al nulla come se fosse un muro solido? 9Viene respinta dalla forma, essendo stata fatta per garantire che non venga percepito niente altro che la forma.

6. Questi occhi, fatti per non vedere, non vedranno mai. 2Perché l’idea che rappresentano non ha lasciato chi l’ha fatta, ed è chi l’ha fatta che vede attraverso di essi. 3Qual è l’obiettivo di chi l’ha fatta, se non quello di non vedere? 4Perché gli occhi del corpo sono mezzi perfetti per questo, ma non per vedere. 5Guarda come gli occhi del corpo si posano su ciò che è esterno e non possano andare oltre. 6Osserva come si fermano sul nulla, incapaci di andare al significato che sta oltre la forma. 7Nulla è così accecante come la percezione della forma. 8Perché vedere la forma significa che la comprensione è stata oscurata.

7. Solo gli errori hanno forme diverse, e così possono ingannare. 2Puoi cambiare la forma perché non è vera. 3Non può essere la realtà perché può essere cambiata. 4La ragione ti dirà che la forma, se non è la realtà, deve essere un’illusione, e non si può vedere. 5E se la vedi, devi essere in errore, perché stai vedendo ciò che non può essere reale come se ci fosse. 6Ciò che non può vedere al di là di ciò che non c’è deve essere una percezione distorta e deve percepire le illusioni come verità. 7È possibile, allora, che riconosca la verità?

8. Non permettere alla forma dei suoi errori di tenerti lontano da colui la cui santità è la tua. 2Non permettere che la visione della sua santità, la cui vista ti mostrerà il tuo perdono, ti sia nascosta da ciò che gli occhi del corpo possono vedere. 3Non permettere che la tua consapevolezza di tuo fratello venga bloccata dalla tua percezione dei suoi peccati e del suo corpo. 4Cosa c’è in lui che vorresti attaccare, se non ciò che associ col suo corpo, che credi che possa peccare? 5Al di là dei suoi errori c’è la sua santità e la tua salvezza. 6Non gli hai dato la sua santità, ma hai cercato di vedere i tuoi peccati in lui per salvare te stesso. 7E tuttavia la sua santità è il tuo perdono. 8Puoi forse essere salvato rendendo peccatore colui la cui santità è la tua salvezza?

9. Una relazione santa, per quanto appena nata, deve dar valore alla santità più che a tutto il resto. 2Valori non santi produrranno confusione nella consapevolezza. 3In una relazione non santa a ciascuno viene dato valore perché sembra giustificare il peccato dell’altro. 4Ciascuno vede nell’altro ciò che lo spinge a peccare contro la propria volontà. 5E così impone i suoi peccati all’altro ed è attratto da lui per perpetuare i propri peccati. 6E così diventerà impossibile per ciascuno vedersi come la causa del peccato per il proprio desiderio di rendere reale il peccato. 7Ma la ragione vede una relazione santa per quello che è: uno stato mentale comune, in cui entrambi offrono lietamente gli errori alla correzione, cosicché entrambi possano essere felicemente guariti come uno.

IV. The Branching of the Road
T-22.IV.1. When you come to the place where the branch in the road is quite apparent, you cannot go ahead. You must go either one way or the other. For now if you go straight ahead, the way you went before you reached the branch, you will go nowhere. The whole purpose of coming this far was to decide which branch you will take now. The way you came no longer matters. It can no longer serve. No one who reaches this far can make the wrong decision, although he can delay. And there is no part of the journey that seems more hopeless and futile than standing where the road branches, and not deciding on which way to go.

T-22.IV.2. It is but the first few steps along the right way that seem hard, for you have chosen, although you still may think you can go back and make the other choice. This is not so. A choice made with the power of Heaven to uphold it cannot be undone. Your way is decided. There will be nothing you will not be told, if you acknowledge this.

T-22.IV.3. And so you and your brother stand, here in this holy place, before the veil of sin that hangs between you and the face of Christ. Let it be lifted! Raise it together with your brother, for it is but a veil that stands between you. Either you or your brother alone will see it as a solid block, nor realize how thin the drapery that separates you now. Yet it is almost over in your awareness, and peace has reached you even here, before the veil. Think what will happen after. The Love of Christ will light your face, and shine from it into a darkened world that needs the light. And from this holy place He will return with you, not leaving it nor you. You will become His messenger, returning Him unto Himself.

T-22.IV.4. Think of the loveliness that you will see, who walk with Him! And think how beautiful will you and your brother look to the other! How happy you will be to be together, after such a long and lonely journey where you walked alone. The gates of Heaven, open now for you, will you now open to the sorrowful. And none who looks upon the Christ in you but will rejoice. How beautiful the sight you saw beyond the veil, which you will bring to light the tired eyes of those as weary now as once you were. How thankful will they be to see you come among them, offering Christ’s forgiveness to dispel their faith in sin.

T-22.IV.5. Every mistake you and your brother make, the other will gently have corrected. For in his sight your loveliness is his salvation, which he would protect from harm. And you will be your brother’s strong protector from everything that seems to rise between you both. So shall you walk the world with me, whose message has not yet been given everyone. For you are here to let it be received. God’s offer still is open, yet it waits acceptance. From you who have accepted it is it received. Into your hand, joined with your brother’s, is it safely given, for you who share it have become its willing guardian and protector.

T-22.IV.6. To all who share the Love of God the grace is given to be the givers of what they have received. And so they learn that it is theirs forever. All barriers disappear before their coming, as every obstacle was finally surmounted that seemed to rise and block their way before. This veil you and your brother lift together opens the way to truth to more than you. Those who would let illusions be lifted from their minds are this world’s saviors, walking the world with their Redeemer, and carrying His message of hope and freedom and release from suffering to everyone who needs a miracle to save him.

T-22.IV.7. How easy is it to offer this miracle to everyone! No one who has received it for himself could find it difficult. For by receiving it, he learned it was not given him alone. Such is the function of a holy relationship; to receive together and give as you received. Standing before the veil, it still seems difficult. But hold out your hand, joined with your brother’s, and touch this heavy-seeming block, and you will learn how easily your fingers slip through its nothingness. It is no solid wall. And only an illusion stands between you and your brother, and the holy Self you share together.

IV. La biforcazione della strada
1. Quando giungi al luogo in cui la biforcazione della strada è abbastanza evidente, non puoi andare avanti. 2Devi andare o da una parte o dall’altra. 3Perché se ora continuassi dritto sulla strada che seguivi prima di giungere alla biforcazione, non andresti da nessuna parte. 4Lo scopo per cui sei giunto a questo punto era quello di decidere che strada prenderai ora. 5La strada dalla quale sei venuto non ha più alcuna importanza. 6Non può più servire. 7Nessuno che giunga a questo punto può prendere la decisione sbagliata, sebbene possa procrastinare. 8E non c’è alcuna parte del viaggio che sembri più disperata e futile dello stare fermo dove la strada si biforca e non decidere da che parte andare.

2. Sono solo i primissimi passi sulla nuova strada a sembrare difficili, perché hai scelto, nonostante tu possa ancora pensare di poter tornare indietro e fare l’altra scelta. 2Non è così. 3Una scelta fatta col potere del Cielo a sostenerla non può essere disfatta. 4La tua strada è decisa. 5Non ci sarà nulla che non ti verrà detto se riconoscerai ciò.

3. E così tu e tuo fratello vi trovate, qui in questo luogo santo, davanti al velo di peccato che sta sospeso tra voi e il volto di Cristo. 2Che sia sollevato! 3Sollevalo insieme a tuo fratello, perché non è che un velo che si frappone tra voi. 4Sia tu che tuo fratello da soli lo vedrete come un solido blocco e non vi renderete conto di quanto è sottile il tendaggio che ora vi separa. 5Tuttavia è quasi scomparso dalla tua consapevolezza e la pace ti ha raggiunto perfino qui, davanti al velo. 6Pensa a cosa accadrà dopo. 7L’Amore di Cristo illuminerà il tuo volto e splenderà da esso in un mondo oscurato che ha bisogno della luce. 8E da questo luogo santo Egli tornerà con te, senza lasciare né esso né te. 9Diventerai il Suo messaggero, restituendoLo a Se Stesso.

4. Pensa alla bellezza che vedrai, tu che cammini con Lui! 2E pensa a come apparirete belli tu e tuo fratello l’un per l’altro! 3Come sarete felici di essere insieme dopo un viaggio così lungo e solitario in cui avete camminato da soli. 4Aprirai ora agli afflitti i cancelli del Cielo che ora sono aperte per te. 5E nessuno che veda il Cristo in te potrà fare a meno di rallegrarsi. 6Com’è bello ciò che hai visto al di là del velo, che porterai per illuminare gli occhi stanchi di coloro che sono tuttora affaticati come lo eri tu una volta. 7Come saranno grati di vederti venire tra di loro, offrendo il perdono di Cristo per dissipare la loro fede nel peccato.

5. Tuo fratello avrà dolcemente corretto per te ogni errore che commetti. 2Perché ai suoi occhi la tua bellezza è la sua salvezza, che egli proteggerà dal male. 3E tu sarai il vigoroso protettore di tuo fratello da ogni cosa che sembri frapporsi tra di voi. 4Così percorrerai il mondo con me, il cui messaggio non è ancora stato dato a tutti. 5Perché sei qui per permettere che sia ricevuto. 6L’offerta di Dio è ancora valida, ma aspetta di essere accettata. 7Viene ricevuta da te che l’hai accettata. 8Nella tua mano, unita a quella di tuo fratello, viene data con fiducia, perché tu che la condividi ne sei diventato il volontario guardiano e protettore.

6. A tutti coloro che condividono l’Amore di Dio è data la grazia di diventare i donatori di ciò che hanno ricevuto. 2E così imparano che è loro per sempre. 3Tutte le barriere scompaiono davanti alla loro venuta, così come ogni ostacolo che sembrava sorgere e bloccare il loro cammino prima è stato finalmente superato. 4Questo velo che tu e tuo fratello sollevate insieme apre la strada alla verità non solo per voi. 5Coloro che permetteranno alle illusioni di venire sollevate dalla loro mente sono i salvatori del mondo, che vanno nel mondo col loro Redentore e portano il Suo messaggio di speranza, di libertà e di riscatto dalla sofferenza per tutti coloro che hanno bisogno di un miracolo per essere salvati.

7. Com’è facile offrire questo miracolo a tutti! 2Nessuno che l’abbia ricevuto per sé potrebbe trovarlo difficile. 3Perché ricevendolo ha imparato che non è stato dato a lui solo. 4Tale è la funzione di una relazione santa: ricevere insieme e dare come hai ricevuto. 5Stando davanti al velo sembra ancora difficile. 6Ma allunga la mano, insieme a quella di tuo fratello, e tocca questo blocco apparentemente pesante, e imparerai con quanta facilità le tue dita passano attraverso la sua nullità. 7Non è un muro solido. 8Tra te e tuo fratello e il santo Sé che condividete insieme c’è solo un’illusione.

V. Weakness and Defensiveness
T-22.V.1. How does one overcome illusions? Surely not by force or anger, nor by opposing them in any way. Merely by letting reason tell you that they contradict reality. They go against what must be true. The opposition comes from them, and not reality. Reality opposes nothing. What merely is needs no defense, and offers none. Only illusions need defense because of weakness. And how can it be difficult to walk the way of truth when only weakness interferes? You are the strong one in this seeming conflict. And you need no defense. Everything that needs defense you do not want, for anything that needs defense will weaken you.

T-22.V.2. Consider what the ego wants defenses for. Always to justify what goes against the truth, flies in the face of reason and makes no sense. Can this be justified? What can this be except an invitation to insanity, to save you from the truth? And what would you be saved from but what you fear? Belief in sin needs great defense, and at enormous cost. All that the Holy Spirit offers must be defended against and sacrificed. For sin is carved into a block out of your peace, and laid between you and its return.

T-22.V.3. Yet how can peace be so fragmented? It is still whole, and nothing has been taken from it. See how the means and the material of evil dreams are nothing. In truth you and your brother stand together, with nothing in between. God holds your hands, and what can separate whom He has joined as one with Him? It is your Father Whom you would defend against. Yet it remains impossible to keep love out. God rests with you in quiet, undefended and wholly undefending, for in this quiet state alone is strength and power. Here can no weakness enter, for here is no attack and therefore no illusions. Love rests in certainty. Only uncertainty can be defensive. And all uncertainty is doubt about yourself.

T-22.V.4. How weak is fear; how little and how meaningless. How insignificant before the quiet strength of those whom love has joined! This is your “enemy," – a frightened mouse that would attack the universe. How likely is it that it will succeed? Can it be difficult to disregard its feeble squeaks that tell of its omnipotence, and would drown out the hymn of praise to its Creator that every heart throughout the universe forever sings as one? Which is the stronger? Is it this tiny mouse or everything that God created? You and your brother are not joined together by this mouse, but by the Will of God. And can a mouse betray whom God has joined?

T-22.V.5. If you but recognized how little stands between you and your awareness of your union with your brother! Be not deceived by the illusions it presents of size and thickness, weight, solidity and firmness of foundation. Yes, to the body’s eyes it looks like an enormous solid body, immovable as is a mountain. Yet within you is a Force that no illusions can resist. This body only seems to be immovable; this Force is irresistible in truth. What, then, must happen when they come together? Can the illusion of immovability be long defended from what is quietly passed through and gone beyond?

T-22.V.6. Forget not, when you feel the need arise to be defensive about anything, you have identified yourself with an illusion. And therefore feel that you are weak because you are alone. This is the cost of all illusions. Not one but rests on the belief that you are separate. Not one that does not seem to stand, heavy and solid and immovable, between you and your brother. And not one that truth cannot pass over lightly, and so easily that you must be convinced, in spite of what you thought it was, that it is nothing. If you forgive your brother, this must happen. For it is your unwillingness to overlook what seems to stand between you and your brother that makes it look impenetrable, and defends the illusion of its immovability.

V. Debolezza e atteggiamento difensivo
1. Come si vincono le illusioni? 2Sicuramente non con la forza o la rabbia, né opponendosi ad esse in alcun modo. 3Semplicemente permettendo alla ragione di dirti che contraddicono la realtà. 4Vanno contro a ciò che deve essere vero. 5L’opposizione viene da esse e non dalla realtà. 6La realtà non si oppone a nulla. 7Ciò che semplicemente è non ha bisogno di difese e non ne offre alcuna. 8Solo le illusioni hanno bisogno di difese a causa della loro debolezza. 9E come può essere difficile percorrere la via della verità quando solo la debolezza interferisce? 10Tu sei quello forte in questo conflitto apparente. 11E non hai bisogno di difese. 12Non vuoi niente che abbia bisogno di difese, perché ogni cosa che abbia bisogno di difese ti indebolirà.

2. Considera per che cosa l’ego desidera le difese. 2Sempre per giustificare ciò che va contro la verità, che sfida la ragione e che non ha senso. 3Può questo essere giustificato? 4Cosa può essere ciò se non un invito alla follia, per salvarti dalla verità? 5E da che cosa saresti salvato se non da ciò che temi? 6Credere nel peccato richiede grandi difese, e avviene a un costo enorme. 7Ci si deve difendere da tutto ciò che offre lo Spirito Santo, e sacrificarlo. 8Perché il peccato è scolpito in un blocco ricavato dalla tua pace e posto tra te e il suo ritorno.

3. Ma come può la pace essere così frammentata? 2È ancora intera e nulla è stato preso da essa. 3Osserva come i mezzi e il materiale dei brutti sogni non siano nulla. 4In verità tu e tuo fratello siete insieme, senza nulla tra di voi. 5Dio stringe le vostre mani e cosa può separare coloro che Egli ha unito come una cosa sola con Lui? 6È da tuo Padre Che vuoi difenderti. 7Tuttavia resta impossibile tener fuori l’amore. 8Dio riposa con te in quiete, indifeso e senza difendersi affatto, perché solo in questo stato di quiete ci sono la forza e il potere. 9Qui non può entrare alcuna debolezza, perché non c’è attacco e quindi nessuna illusione. 10L’amore riposa nella certezza. 11Solo l’incertezza può essere sulla difensiva. 12E ogni incertezza è un dubbio su te stesso.

4. Com’è debole la paura, com’è piccola e priva di significato! 2Com’è insignificante davanti alla forza quieta di coloro che l’amore ha unito! 3Questo è il tuo “nemico”, un topo terrorizzato che vorrebbe attaccare l’universo. 4Che probabilità ci sono che abbia successo? 5Può forse essere difficile ignorare i suoi flebili squittii che parlano della sua onnipotenza e vorrebbero soffocare l’inno di lode al suo Creatore che ogni cuore in tutto l’universo canta eternamente all’unisono? 6Chi è più forte? 7È questo minuscolo topo o tutto ciò che Dio ha creato? 8Tu e tuo fratello non siete uniti da questo topo, ma dalla Volontà di Dio. 9E può forse un topo tradire coloro che Dio ha unito?

5. Se solo riconoscessi quanto poco c’è tra te e la consapevolezza della tua unione con tuo fratello! 2Non farti ingannare dalle illusioni di dimensione e spessore, peso, solidità e fermezza di fondamenta che ti presenta. 3Sì, agli occhi del corpo sembra qualcosa di enorme, solido, inamovibile come lo è una montagna. 4Ma dentro di te c’è una Forza alla quale nessuna illusione può resistere. 5Questo corpo sembra soltanto essere inamovibile: questa Forza è irresistibile in verità. 6Cosa, quindi, accadrà quando si incontreranno? 7È possibile che l’illusione di inamovibilità venga difesa a lungo da ciò che le è tranquillamente passato attraverso e andato oltre?

6. Non dimenticare, quando senti sorgere il bisogno di assumere un atteggiamento difensivo riguardo a qualsiasi cosa, che ti sei identificato con un’illusione. 2E di conseguenza ti senti debole perché sei solo. 3Questo è il prezzo di ogni illusione. 4Tutte si basano sul credere di essere separato. 5Non ce n’è una che non sembri frapporsi, pesante, solida e inamovibile, tra te e tuo fratello. 6E non ce n’è una che la verità non possa oltrepassare con grazia e così facilmente che dovrai convincerti, nonostante ciò che pensavi che fosse, che non è nulla. 7Questo deve accadere, se perdonerai tuo fratello. 8Perché è il tuo non essere disposto a guardare al di là di ciò che sembra frapporsi tra te e tuo fratello che lo fa sembrare impenetrabile e difende l’illusione della sua inamovibilità.

VI. The Light of the Holy Relationship
T-22.VI.1. Do you want freedom of the body or of the mind? For both you cannot have. Which do you value? Which is your goal? For one you see as means; the other, end. And one must serve the other and lead to its predominance, increasing its importance by diminishing its own. Means serve the end, and as the end is reached the value of the means decreases, eclipsed entirely when they are recognized as functionless. No one but yearns for freedom and tries to find it. Yet he will seek for it where he believes it is and can be found. He will believe it possible of mind or body, and he will make the other serve his choice as means to find it.

T-22.VI.2. Where freedom of the body has been chosen, the mind is used as means whose value lies in its ability to contrive ways to achieve the body’s freedom. Yet freedom of the body has no meaning, and so the mind is dedicated to serve illusions. This is a situation so contradictory and so impossible that anyone who chooses this has no idea of what is valuable. Yet even in this confusion, so profound it cannot be described, the Holy Spirit waits in gentle patience, as certain of the outcome as He is sure of His Creator’s Love. He knows this mad decision was made by one as dear to His Creator as love is to itself.

T-22.VI.3. Be not disturbed at all to think how He can change the role of means and end so easily in what God loves, and would have free forever. But be you rather grateful that you can be the means to serve His end. This is the only service that leads to freedom. To serve this end the body must be perceived as sinless, because the goal is sinlessness. The lack of contradiction makes the soft transition from means to end as easy as is the shift from hate to gratitude before forgiving eyes. You will be sanctified by your brother, using your body only to serve the sinless. And it will be impossible for you to hate what serves whom you would heal.

T-22.VI.4. This holy relationship, lovely in its innocence, mighty in strength, and blazing with a light far brighter than the sun that lights the sky you see, is chosen of your Father as a means for His Own plan. Be thankful that it serves yours not at all. Nothing entrusted to it can be misused, and nothing given it but will be used. This holy relationship has the power to heal all pain, regardless of its form. Neither you nor your brother alone can serve at all. Only in your joint will does healing lie. For here your healing is, and here will you accept Atonement. And in your healing is the Sonship healed because your will and your brother’s are joined.

T-22.VI.5. Before a holy relationship there is no sin. The form of error is no longer seen, and reason, joined with love, looks quietly on all confusion, observing merely, “This was a mistake.” And then the same Atonement you accepted in your relationship corrects the error, and lays a part of Heaven in its place. How blessed are you who let this gift be given! Each part of Heaven that you bring is given you. And every empty place in Heaven that you fill again with the eternal light you bring, shines now on you. The means of sinlessness can know no fear because they carry only love with them.

T-22.VI.6. Child of peace, the light has come to you. The light you bring you do not recognize, and yet you will remember. Who can deny himself the vision that he brings to others? And who would fail to recognize a gift he let be laid in Heaven through himself? The gentle service that you give the Holy Spirit is service to yourself. You who are now His means must love all that He loves. And what you bring is your remembrance of everything that is eternal. No trace of anything in time can long remain in a mind that serves the timeless. And no illusion can disturb the peace of a relationship that has become the means of peace.

T-22.VI.7. When you have looked upon your brother with complete forgiveness, from which no error is excluded and nothing kept hidden, what mistake can there be anywhere you cannot overlook? What form of suffering could block your sight, preventing you from seeing past it? And what illusion could there be you will not recognize as a mistake; a shadow through which you walk completely undismayed? God would let nothing interfere with those whose wills are His, and they will recognize their wills are His, because they serve His Will. And serve it willingly. And could remembrance of what they are be long delayed?

T-22.VI.8. You will see your value through your brother’s eyes, and each one is released as he beholds his savior in place of the attacker who he thought was there. Through this releasing is the world released. This is your part in bringing peace. For you have asked what is your function here, and have been answered. Seek not to change it, nor to substitute another goal. This one was given you, and only this. Accept this one and serve it willingly, for what the Holy Spirit does with gifts you give your brother, to whom He offers them, and where and when, is up to Him. He will bestow them where they are received and welcomed. He will use every one of them for peace. Nor will one little smile or willingness to overlook the tiniest mistake be lost to anyone.

T-22.VI.9. What can it be but universal blessing to look on what your Father loves with charity? Extension of forgiveness is the Holy Spirit’s function. Leave this to Him. Let your concern be only that you give to Him that which can be extended. Save no dark secrets that He cannot use, but offer Him the tiny gifts He can extend forever. He will take each one and make of it a potent force for peace. He will withhold no blessing from it, nor limit it in any way. He will join to it all the power that God has given Him, to make each little gift of love a source of healing for everyone. Each little gift you offer to your brother lights up the world. Be not concerned with darkness; look away from it and toward your brother. And let the darkness be dispelled by Him Who knows the light, and lays it gently in each quiet smile of faith and confidence with which you bless your brother.

T-22.VI.10. On your learning depends the welfare of the world. And it is only arrogance that would deny the power of your will. Think you the Will of God is powerless? Is this humility? You do not see what this belief has done. You see yourself as vulnerable, frail and easily destroyed, and at the mercy of countless attackers more powerful than you. Let us look straight at how this error came about, for here lies buried the heavy anchor that seems to keep the fear of God in place, immovable and solid as a rock. While this remains, so will it seem to be.

T-22.VI.11. Who can attack the Son of God and not attack his Father? How can God’s Son be weak and frail and easily destroyed unless his Father is? You do not see that every sin and every condemnation that you perceive and justify is an attack upon your Father. And that is why it has not happened, nor could be real. You do not see that this is your attempt because you think the Father and the Son are separate. And you must think that They are separate, because of fear. For it seems safer to attack another or yourself than to attack the great Creator of the universe, Whose power you know.

T-22.VI.12. If you were one with God and recognized this oneness, you would know His power is yours. But you will not remember this while you believe attack of any kind means anything. It is unjustified in any form, because it has no meaning. The only way it could be justified is if you and your brother were separate from the other, and all were separate from your Creator. For only then would it be possible to attack a part of the creation without the whole, the Son without the Father; and to attack another without yourself, or hurt yourself without the other feeling pain. And this belief you want. Yet wherein lies its value, except in the desire to attack in safety? Attack is neither safe nor dangerous. It is impossible. And this is so because the universe is one. You would not choose attack on its reality if it were not essential to attack to see it separated from its maker. And thus it seems as if love could attack and become fearful.

T-22.VI.13. Only the different can attack. So you conclude because you can attack, you and your brother must be different. Yet does the Holy Spirit explain this differently. Because you and your brother are not different, you cannot attack. Either position is a logical conclusion. Either could be maintained, but never both. The only question to be answered in order to decide which must be true is whether you and your brother are different. From the position of what you understand you seem to be, and therefore can attack. Of the alternatives, this seems more natural and more in line with your experience. And therefore it is necessary that you have other experiences, more in line with truth, to teach you what is natural and true.

T-22.VI.14. This is the function of your holy relationship. For what one thinks, the other will experience with him. What can this mean except your mind and your brother’s are one? Look not with fear upon this happy fact, and think not that it lays a heavy burden on you. For when you have accepted it with gladness, you will realize that your relationship is a reflection of the union of the Creator and His Son. From loving minds there is no separation. And every thought in one brings gladness to the other because they are the same. Joy is unlimited, because each shining thought of love extends its being and creates more of itself. There is no difference anywhere in it, for every thought is like itself.

T-22.VI.15. The light that joins you and your brother shines throughout the universe, and because it joins you and him, so it makes you and him one with your Creator. And in Him is all creation joined. Would you regret you cannot fear alone, when your relationship can also teach the power of love is there, which makes all fear impossible? Do not attempt to keep a little of the ego with this gift. For it was given you to be used, and not obscured. What teaches you that you cannot separate denies the ego. Let truth decide if you and your brother be different or the same, and teach you which is true.

VI. La luce della relazione santa
1. Vuoi la libertà del corpo o della mente? 2Perché non puoi averle entrambe. 3A quale dai valore? 4Qual è il tuo obiettivo? 5Perché una la vedi come un mezzo, l’altra come un fine. 6E l’una deve servire l’altra e portare al suo predominio, aumentandone l’importanza col diminuire la propria. 7Il mezzo serve il fine, e quando il fine è raggiunto, il valore del mezzo diminuisce e viene completamente eclissato quando viene riconosciuto come privo di funzione. 8Ognuno anela alla libertà e cerca di trovarla. 9Ma la cercherà dove crede che sia e che possa essere trovata. 10La crederà possibile per la mente o per il corpo, e farà sì che l’altra serva la sua scelta come mezzo per trovarla.

2. Quando è stata scelta la libertà del corpo, la mente viene usata come mezzo il cui valore sta nella sua capacità di escogitare modi per ottenere la libertà del corpo. 2Ma la libertà del corpo non ha significato e così la mente viene dedicata a servire delle illusioni. 3Questa è una situazione così contraddittoria e così impossibile che chiunque la scelga non ha idea di cosa abbia valore. 4Ma perfino in questa confusione, così profonda da non poter essere descritta, lo Spirito Santo aspetta con dolce pazienza, tanto certo del risultato quanto è sicuro dell’Amore del Suo Creatore. 5Egli sa che questa folle decisione è stata presa da uno tanto caro al Suo Creatore quanto l’amore lo è verso se stesso.

3. Non preoccuparti affatto di come Egli possa cambiare così facilmente il ruolo di mezzo e fine in ciò che Dio ama e vuole che sia eternamente libero. 2Ma sii grato, piuttosto, di poter essere il mezzo per servire il Suo fine. 3Questo è il solo servizio che porta alla libertà. 4Per servire questo obiettivo il corpo deve essere percepito privo di peccato, perché la meta è l’assenza di peccato. 5La mancanza di contraddizione rende la morbida transizione da mezzo a fine così facile come lo è il passaggio dall’odio alla gratitudine dinanzi a occhi che perdonano. 6Sarai santificato da tuo fratello, usando il tuo corpo solo per servire ciò che è senza peccato. 7E ti sarà impossibile odiare ciò che serve colui che vuoi guarire.

4. Questa relazione santa, amabile nella sua innocenza, potente nella sua forza e splendente di una luce molto più brillante di quella del sole che illumina il cielo che vedi, è stata scelta da tuo Padre come mezzo per il Suo piano. 2Sii grato che non serva affatto al tuo. 3Nulla che sia stato affidato ad essa può essere usato male, e tutto ciò che le viene dato verrà usato. 4Questa relazione santa ha il potere di guarire ogni dolore, indipendentemente dalla sua forma. 5Né tu né tuo fratello da soli potete essere di alcuna utilità. 6La guarigione si trova solo nella vostra volontà congiunta. 7Perché qui è la tua guarigione e qui accetterai la Riconciliazione. 8E nella vostra guarigione la Figliolanza è guarita perché la tua volontà e quella di tuo fratello sono unite.

5. Alla presenza di una relazione santa non c’è peccato. 2La forma dell’errore non viene più vista e la ragione, unita all’amore, guarda tranquillamente ogni confusione, osservando semplicemente “questo era un errore”. 3E quindi la stessa Riconciliazione che hai accettato nella tua relazione corregge l’errore, e lascia una parte del Cielo al suo posto. 4Come sei benedetto tu che permetti che questo dono venga dato! 5Ogni parte del Cielo che porti ti viene data. 6E ogni spazio vuoto nel Cielo che riempi ancora con la luce eterna che porti, splende ora su di te. 7I mezzi dell’assenza di peccato non possono conoscere paura alcuna perché portano solo l’amore con sé.

6. Bambino della pace, la luce è venuta a te. 2Tu non riconosci la luce che porti, tuttavia la ricorderai. 3Chi può negare a se stesso la visione che porta agli altri? 4E chi potrà non riconoscere un dono che ha permesso che venisse posto in Cielo per mezzo suo? 5Il servizio amorevole che offri allo Spirito Santo è un servizio a te stesso. 6Tu che ora sei un Suo strumento devi amare tutto ciò che Egli ama. 7E ciò che porti è il tuo ricordo di tutto ciò che è eterno. 8Nessuna traccia di qualsiasi cosa che sia nel tempo può rimanere a lungo in una mente che serve ciò che è senza tempo. 9E nessuna illusione può disturbare la pace di una relazione che è diventata lo strumento della pace.

7. Quando avrai guardato tuo fratello con un perdono completo, dal quale non può essere escluso alcun errore e nulla può essere tenuto nascosto, che sbaglio potrà esserci ovunque oltre il quale tu non sia in grado di guardare? 2Che forma di sofferenza potrebbe bloccare la tua vista, impedendole di vedere al di là di essa? 3E che illusione potrebbe esserci che tu non riconoscerai come errore, un’ombra attraverso la quale camminerai assolutamente imperterrito? 4Dio non permetterà a nulla di interferire con coloro la cui volontà è la Sua ed essi riconosceranno che la loro volontà è la Sua perché servono la Sua Volontà. 5E la servono volentieri. 6E potrà essere rimandato a lungo il ricordo di ciò che sono?

8. Vedrai il tuo valore attraverso gli occhi di tuo fratello, e ciascuno sarà liberato quando guarderà il suo salvatore al posto dell’assalitore che pensava che fosse. 2Per mezzo di questa liberazione il mondo verrà liberato. 3Questa è la tua parte nel portare la pace. 4Perché hai chiesto qual è la tua funzione qui e ti è stato risposto. 5Non cercare di cambiarla o di sostituirla con un altro obiettivo. 6Ti è stata data questa e solo questa. 7Accetta solo questa e servila volentieri, perché ciò che lo Spirito Santo fa coi doni che dai a tuo fratello, a chi li offre, dove e quando, tutto questo spetta a Lui. 8Li elargirà dove saranno ricevuti e benvenuti. 9Userà ciascuno di essi per la pace. 10E non sarà perso per nessuno né un piccolo sorriso né la disponibilità a guardare al di là del più minuscolo errore.

9. Cosa può essere, se non una benedizione universale, guardare con carità ciò che tuo Padre ama? 2L’estensione del perdono è la funzione dello Spirito Santo. 3Lasciala a Lui. 4Lascia che la tua unica preoccupazione sia solo di darGli ciò che può essere esteso. 5Non serbare alcun segreto oscuro che Egli non possa usare, ma offriGli i minuscoli doni che Egli potrà estendere per sempre. 6Prenderà ciascuno di essi e ne farà una potente forza di pace. 7Non nasconderà ad essa alcuna benedizione, né la limiterà in alcun modo. 8Aggiungerà ad essa tutto il potere che Dio Gli ha dato, per fare di ciascun piccolo dono di amore una fonte di guarigione per tutti. 9Ogni piccolo dono che offri a tuo fratello illumina il mondo. 10Non preoccuparti dell’oscurità: guarda lontano da essa e verso tuo fratello. 11E lascia che l’oscurità sia dissipata da Colui Che conosce la luce e che la posa dolcemente su ogni sorriso tranquillo di fede e fiducia con cui benedici tuo fratello.

10. Il benessere del mondo dipende dal tuo apprendimento. 2Ed è solo l’arroganza che vuol negare il potere della tua volontà. 3Pensi forse che la Volontà di Dio sia priva di potere? 4È umiltà questa? 5Tu non vedi ciò che ha fatto questa credenza. 6Ti vedi vulnerabile, fragile e facilmente distruggibile, alla mercé di innumerevoli assalitori più potenti di te. 7Guardiamo francamente come si è originato questo errore, perché qui è sepolta la pesante àncora che sembra mantenere al suo posto la paura di Dio, inamovibile e solida come una roccia. 8Finché ciò perdurerà, sembrerà che sia così.

11. Chi può attaccare il Figlio di Dio e non attaccare suo Padre? 2Com’è possibile che il Figlio di Dio sia debole, fragile e facilmente distruggibile a meno che non lo sia suo Padre? 3Tu non vedi che ogni peccato e ogni condanna che percepisci e giustifichi è un attacco a tuo Padre. 4E questo è il motivo per cui non è mai accaduto e non può essere reale. 5Non vedi che questo è il tuo tentativo perché pensi che il Padre e il Figlio siano separati. 6E devi pensare che sono separati a causa della paura. 7Perché sembra più sicuro attaccare un altro o te stesso piuttosto che attaccare il grande Creatore dell’universo, di Cui conosci il potere.

12. Se tu fossi uno con Dio e riconoscessi questa unità, sapresti che il Suo potere è tuo. 2Ma non ricorderai ciò finché crederai che un qualsiasi tipo di attacco significhi qualcosa. 3È ingiustificato in ogni forma, perché non ha significato. 4L’unico modo in cui potrebbe essere giustificato sarebbe se tu e tuo fratello foste separati l’uno dall’altro ed entrambi foste separati dal vostro Creatore. 5Perché solo allora sarebbe possibile attaccare una parte della creazione senza attaccarla tutta, attaccare il Figlio senza attaccare il Padre e attaccare un altro senza attaccare te stesso, o farsi del male senza che l’altro provi dolore. 6E tu vuoi credere in ciò. 7Ma in cosa consiste il suo valore, se non nel desiderio di attaccare impunemente? 8L’attacco non è né innocuo né pericoloso. 9È impossibile. 10Ed è così perché l’universo è uno. 11Non sceglieresti di attaccare la sua realtà se non fosse essenziale attaccare per vederlo separato da chi l’ha fatto. 12E così sembra che l’amore possa attaccare e diventare temibile.

13. Solo coloro che sono differenti possono attaccare. 2Così concludi che poiché puoi attaccare, tu e tuo fratello dovete essere differenti. 3Ma lo Spirito Santo lo spiega in modo diverso. 4Siccome tu e tuo fratello non siete diversi, non puoi attaccare. 5Entrambe le posizioni sono conclusioni logiche. 6Entrambe possono essere sostenute, ma mai insieme. 7L’unica domanda a cui si debba rispondere per decidere quale deve essere vera, è se tu e tuo fratello siete differenti. 8Dal punto di vista di ciò che comprendi sembrate esserlo, e quindi puoi attaccare. 9Delle alternative, questa sembra più naturale e più in linea con la tua esperienza. 10E quindi è necessario che tu abbia altre esperienze, più in linea con la verità, per insegnarti ciò che è naturale e vero.

14. Questa è la funzione della tua relazione santa. 2Perché ciò che uno pensa, l’altro lo vivrà con lui. 3Cosa può significare ciò se non che la tua mente e quella di tuo fratello sono una cosa sola? 4Non guardare con paura questo fatto lieto e non pensare che ponga su di te un pesante fardello. 5Perché quando lo avrai accettato con letizia, ti renderai conto che la tua relazione è un riflesso dell’unione del Creatore e di Suo Figlio. 6Non c’è separazione fra menti che si amano. 7Ed ogni pensiero nell’una reca letizia all’altra, perché esse sono la stessa cosa. 8La gioia è illimitata, perché ogni splendente pensiero d’amore estende il suo essere e crea più di sé stesso. 9Ovunque in esso non c’è alcuna differenza, perché ogni pensiero è come sé stesso.

15. La luce che unisce te e tuo fratello splende per tutto l’universo e siccome vi unisce, vi rende uno col vostro Creatore. 2E in Lui tutta la creazione è unita. 3Ti lamenteresti forse di non poter aver paura da solo, quando la tua relazione ti può anche insegnare che c’è il potere dell’amore che rende impossibile ogni paura? 4Non cercare di conservare un po’ di ego con questo dono. 5Poiché ti è stato dato perché venisse usato e non oscurato. 6Ciò che ti insegna che non potete separarvi nega l’ego. 7Lascia che sia la verità a decidere se tu e tuo fratello siete differenti o la stessa cosa, e ti insegni quale è vera.

Chapter 23. The war against oneself - Capitolo 23. La guerra contro te stesso

Introduction
T-23.in.1. Do you not see the opposite of frailty and weakness is sinlessness? Innocence is strength, and nothing else is strong. The sinless cannot fear, for sin of any kind is weakness. The show of strength attack would use to cover frailty conceals it not, for how can the unreal be hidden? No one is strong who has an enemy, and no one can attack unless he thinks he has. Belief in enemies is therefore the belief in weakness, and what is weak is not the Will of God. Being opposed to it, it is God’s “enemy.” And God is feared as an opposing will.

T-23.in.2. How strange indeed becomes this war against yourself! You will believe that everything you use for sin can hurt you and become your enemy. And you will fight against it, and try to weaken it because of this; and you will think that you succeeded, and attack again. It is as certain you will fear what you attack as it is sure that you will love what you perceive as sinless. He walks in peace who travels sinlessly along the way love shows him. For love walks with him there, protecting him from fear. And he will see only the sinless, who can not attack.

T-23.in.3. Walk you in glory, with your head held high, and fear no evil. The innocent are safe because they share their innocence. Nothing they see is harmful, for their awareness of the truth releases everything from the illusion of harmfulness. And what seemed harmful now stands shining in their innocence, released from sin and fear and happily returned to love. They share the strength of love because they looked on innocence. And every error disappeared because they saw it not. Who looks for glory finds it where it is. Where could it be but in the innocent?

T-23.inp.4. Let not the little interferers pull you to littleness. There can be no attraction of guilt in innocence. Think what a happy world you walk, with truth beside you! Do not give up this world of freedom for a little sigh of seeming sin, nor for  of guilt’s attraction. Would you, for all these meaningless distractions, lay Heaven aside? Your destiny and purpose are far beyond them, in the clean place where littleness does not exist. Your purpose is at variance with littleness of any kind. And so it is at variance with sin.

T-23.in.5. Let us not let littleness lead God’s Son into temptation. His glory is beyond it, measureless and timeless as eternity. Do not let time intrude upon your sight of him. Leave him not frightened and alone in his temptation, but help him rise above it and perceive the light of which he is a part. Your innocence will light the way to his, and so is yours protected and kept in your awareness. For who can know his glory, and perceive the little and the weak about him? Who can walk trembling in a fearful world, and realize that Heaven’s glory shines on him?

T-23.in.6. Nothing around you but is part of you. Look on it lovingly, and see the light of Heaven in it. So will you come to understand all that is given you. In kind forgiveness will the world sparkle and shine, and everything you once thought sinful now will be reinterpreted as part of Heaven. How beautiful it is to walk, clean and redeemed and happy, through a world in bitter need of the redemption that your innocence bestows upon it! What can you value more than this? For here is your salvation and your freedom. And it must be complete if you would recognize it.

Introduzione
1. Non vedi che l’assenza di peccato è l’opposto della fragilità e della debolezza? 2L’innocenza è forza, e nient’altro è forte. 3Chi è senza peccato non può avere paura, perché qualsiasi tipo di peccato è debolezza. 4La dimostrazione di forza che l’attacco usa per coprire la fragilità, non la nasconde, perché come può ciò che non è reale essere nascosto? 5Nessuno che abbia un nemico è forte, e nessuno può attaccare a meno che non pensi di averne uno. 6Credere nei nemici è quindi credere nella debolezza, e ciò che è debole non è la Volontà di Dio. 7Essendo opposta ad essa, è il “nemico” di Dio. 8E Dio è temuto come una volontà contrapposta.

2. Come diventa davvero strana questa guerra contro te stesso! 2Crederai che tutto ciò che usi per il peccato possa farti del male e diventare tuo nemico. 3E combatterai contro di esso, e cercherai di indebolirlo a causa di ciò: penserai di aver avuto successo ed attaccherai di nuovo. 4È certo che avrai paura di ciò che attacchi com’è vero che amerai ciò che percepisci senza peccato. 5Cammina in pace colui che viaggia senza peccato lungo il cammino che l’amore gli mostra. 6Perché lì l’amore cammina con lui, proteggendolo dalla paura. 7Ed egli vedrà solo chi è senza peccato, che non può attaccare.

3. Cammina nella gloria, a testa alta, e non temere alcun male. 2Gli innocenti sono al sicuro perché condividono la loro innocenza. 3Nulla di ciò che vedono è nocivo, perché la loro consapevolezza della verità libera ogni cosa dall’illusione d’essere nociva. 4E ciò che sembrava nocivo risplende ora nella loro innocenza, liberato dal peccato e dalla paura e restituito felicemente all’amore. 5Essi condividono la forza dell’amore perché hanno posato lo sguardo sull’innocenza. 6Ed ogni errore è scomparso perché non l’hanno visto. 7Chi cerca la gloria la trova dov’è. 8Dove potrebbe essere se non negli innocenti?

4. Non permettere alle piccole interferenze di ridurti alla piccolezza. 2Nell’innocenza non ci può essere alcuna attrazione per la colpa. 3Pensa in quale mondo felice cammini, con la verità al tuo fianco! 4Non rinunciare a questo mondo di libertà per un piccolo sospiro di apparente peccato, né per un minuscolo moto di attrazione per la colpa. 5Vorresti forse mettere da parte il Cielo per tutte queste distrazioni senza significato? 6Il tuo destino ed il tuo scopo sono ben al di là di esse, nel luogo immacolato in cui la piccolezza non esiste. 7Il tuo scopo è in disaccordo con ogni tipo di piccolezza. 8E così è in disaccordo col peccato.

5. Non permettiamo alla piccolezza di indurre in tentazione il Figlio di Dio. 2La sua gloria è al di là di essa, incommensurabile e senza tempo come l’eternità. 3Non permettere al tempo di interferire con la tua immagine di lui. 4Non lasciarlo spaventato e solo nella sua tentazione, ma aiutalo ad elevarsi al di sopra di essa ed a percepire la luce di cui è parte. 5La tua innocenza illuminerà la strada verso la sua, e così la tua sarà protetta e mantenuta nella tua consapevolezza. 6Perché chi può conoscere la propria gloria e percepire in sé piccolezza e debolezza? 7Chi può camminare tremante in un mondo che fa paura e rendersi conto che la gloria del Cielo splende su di lui?

6. Non c’è nulla intorno a te che non sia parte di te. 2Guardalo con amore e vedi in esso la luce del Cielo. 3Così arriverai a capire tutto ciò che ti è dato. 4Il mondo risplenderà e brillerà di dolce perdono, e tutto ciò che una volta pensavi fosse peccaminoso verrà ora reinterpretato come parte del Cielo. 5Com’è bello camminare, puro, redento e felice, in un mondo che ha un disperato bisogno della redenzione che la tua innocenza gli dona! 6A cosa puoi dar più valore che a ciò? Giacché qui sono la tua salvezza e la tua libertà. 7E la salvezza deve essere completa se la vuoi riconoscere.

I. The Irreconcilable Beliefs
T-23.I.1. The memory of God comes to the quiet mind. It cannot come where there is conflict, for a mind at war against itself remembers not eternal gentleness. The means of war are not the means of peace, and what the warlike would remember is not love. War is impossible unless belief in victory is cherished. Conflict within you must imply that you believe the ego has the power to be victorious. Why else would you identify with it? Surely you realize the ego is at war with God. Certain it is it has no enemy. Yet just as certain is its fixed belief it has an enemy that it must overcome and will succeed.

T-23.I.2. Do you not realize a war against yourself would be a war on God? Is victory conceivable? And if it were, is this a victory that you would want? The death of God, if it were possible, would be your death. Is this a victory? The ego always marches to defeat, because it thinks that triumph over you is possible. And God thinks otherwise. This is no war; only the mad belief the Will of God can be attacked and overthrown. You may identify with this belief, but never will it be more than madness. And fear will reign in madness, and will seem to have replaced love there. This is the conflict’s purpose. And to those who think that it is possible, the means seem real.

T-23.I.3. Be certain that it is impossible God and the ego, or yourself and it, will ever meet. You seem to meet, and make your strange alliances on grounds that have no meaning. For your beliefs converge upon the body, the ego’s chosen home, which you believe is yours. You meet at a mistake; an error in your self-appraisal. The ego joins with an illusion of yourself you share with it. And yet illusions cannot join. They are the same, and they are nothing. Their joining lies in nothingness; two are as meaningless as one or as a thousand. The ego joins with nothing, being nothing. The victory it seeks is meaningless as is itself.

T-23.I.4. Brother, the war against yourself is almost over. The journey’s end is at the place of peace. Would you not now accept the peace offered you here? This “enemy” you fought as an intruder on your peace is here transformed, before your sight, into the giver of your peace. Your “enemy” was God Himself, to Whom all conflict, triumph and attack of any kind are all unknown. He loves you perfectly, completely and eternally. The Son of God at war with his Creator is a condition as ridiculous as nature roaring at the wind in anger, proclaiming it is part of itself no more. Could nature possibly establish this, and make it true? Nor is it up to you to say what shall be part of you and what is kept apart.

T-23.I.5. The war against yourself was undertaken to teach the Son of God that he is not himself, and not his Father’s Son. For this, the memory of his Father must be forgotten. It is forgotten in the body’s life, and if you think you are a body, you will believe you have forgotten it. Yet truth can never be forgotten by itself, and you have not forgotten what you are. Only a strange illusion of yourself, a wish to triumph over what you are, remembers not.

T-23.I.6. The war against yourself is but the battle of two illusions, struggling to make them different from each other, in the belief the one that conquers will be true. There is no conflict between them and the truth. Nor are they different from each other. Both are not true. And so it matters not what form they take. What made them is insane, and they remain part of what made them. Madness holds out no menace to reality, and has no influence upon it. Illusions cannot triumph over truth, nor can they threaten it in any way. And the reality that they deny is not a part of them.

T-23.I.7. What you remember is a part of you. For you must be as God created you. Truth does not fight against illusions, nor do illusions fight against the truth. Illusions battle only with themselves. Being fragmented, they fragment. But truth is indivisible, and far beyond their little reach. You will remember what you know when you have learned you cannot be in conflict. One illusion about yourself can battle with another, yet the war of two illusions is a state where nothing happens. There is no victor and there is no victory. And truth stands radiant, apart from conflict, untouched and quiet in the peace of God.

T-23.I.8. Conflict must be between two forces. It cannot exist between one power and nothingness. There is nothing you could attack that is not part of you. And by attacking it you make two illusions of yourself, in conflict with each other. And this occurs whenever you look on anything that God created with anything but love. Conflict is fearful, for it is the birth of fear. Yet what is born of nothing cannot win reality through battle. Why would you fill your world with conflicts with yourself? Let all this madness be undone for you, and turn in peace to the rememberance of God, still shining in your quiet mind.

T-23.I.9. See how the conflict of illusions disappears when it is brought to truth! For it seems real only as long as it is seen as war between conflicting truths; the conqueror to be the truer, the more real, and the vanquisher of the illusion that was less real, made an illusion by defeat. Thus, conflict is the choice between illusions, one to be crowned as real, the other vanquished and despised. Here will the Father never be remembered. Yet no illusion can invade His home and drive Him out of what He loves forever. And what He loves must be forever quiet and at peace because it is His home.

T-23.I.10. You who are beloved of Him are no illusion, being as true and holy as Himself. The stillness of your certainty of Him and of yourself is home to Both of You, Who dwell as One and not apart. Open the door of His most holy home, and let forgiveness sweep away all trace of the belief in sin that keeps God homeless and His Son with Him. You are not a stranger in the house of God. Welcome your brother to the home where God has set him in serenity and peace, and dwells with him. Illusions have no place where love abides, protecting you from everything that is not true. You dwell in peace as limitless as its Creator, and everything is given those who would remember Him. Over His home the Holy Spirit watches, sure that its peace can never be disturbed.

T-23.I.11. How can the resting place of God turn on itself, and seek to overcome the One Who dwells there? And think what happens when the house of God perceives itself divided. The altar disappears, the light grows dim, the temple of the Holy One becomes a house of sin. And nothing is remembered except illusions. Illusions can conflict, because their forms are different. And they do battle only to establish which form is true.

T-23.I.12. Illusion meets illusion; truth, itself. The meeting of illusions leads to war. Peace, looking on itself, extends itself. War is the condition in which fear is born, and grows and seeks to dominate. Peace is the state where love abides, and seeks to share itself. Conflict and peace are opposites. Where one abides the other cannot be; where either goes the other disappears. So is the memory of God obscured in minds that have become illusions’ battleground. Yet far beyond this senseless war it shines, ready to be remembered when you side with peace.

I. Le credenze inconciliabili
1. Il ricordo di Dio affiora nella mente quieta. 2Non può tornare dove c’è conflitto, poiché una mente in guerra contro se stessa non ricorda l’eterna dolcezza. 3Gli strumenti di guerra non sono strumenti di pace, e ciò che il bellicoso ricorda non è amore. 4La guerra è impossibile a meno che non si creda di poter vincere. 5Un tuo conflitto interiore deve implicare che tu credi che l’ego abbia il potere d’essere vittorioso. 6Perché altrimenti ti identificheresti con esso? 7Sicuramente ti rendi conto che l’ego è in guerra con Dio. 8È certo che l’ego non ha nemici. 9Tuttavia è altrettanto certo che crede fermamente di avere un nemico che deve sconfiggere e che ci riuscirà.

2. Non ti rendi conto che una guerra contro te stesso sarebbe una guerra contro Dio? 2È forse concepibile la vittoria? 3E se lo fosse, è questa una vittoria che vorresti? 4La morte di Dio, se fosse possibile, sarebbe la tua morte. 5È questa una vittoria? 6L’ego marcia sempre verso la sconfitta perché pensa che sia possibile trionfare su di te. 7E Dio la pensa diversamente. 8Questa non è una guerra, ma solo la folle credenza che la Volontà di Dio possa essere attaccata e rovesciata. 9Puoi identificarti con questa credenza, ma non sarà mai niente di più che pazzia. 10E nella pazzia regnerà la paura, e in essa sembrerà aver preso il posto dell’amore. 11Questo è lo scopo del conflitto. 12E gli strumenti sembrano reali per coloro che pensano che questo sia possibile.

3. Sii certo che è impossibile che Dio e l’ego, o tu ed esso, si incontrino mai. 2Sembra che vi incontriate e che facciate le vostre strane alleanze su basi che non hanno alcun significato. 3Perché le vostre credenze convergono sul corpo, la casa scelta dall’ego, che credi sia la tua. 4Vi incontrate in un errore: un errore nella tua valutazione di te stesso. 5L’ego si unisce con un’illusione di te stesso che condividi con lui. 6E tuttavia le illusioni non possono unire. 7Sono tutte uguali e sono nulla. 8La loro unione è basata sulla nullità: due sono prive di significato come una o mille. 9L’ego si unisce al nulla, essendo nulla esso stesso. 10La vittoria che cerca è priva di significato come esso stesso.

4. Fratello, la guerra contro te stesso è quasi finita. 2Il termine del viaggio è nel luogo della pace. 3Non vorresti ora accettare la pace che qui ti è offerta? 4Questo “nemico”, che hai combattuto come un intruso nella tua pace, si trasforma qui, davanti ai tuoi occhi, in colui che ti dona la pace. 5Il tuo “nemico” era Dio Stesso, per il Quale qualsiasi tipo di conflitto, trionfo e attacco è del tutto sconosciuto. 6Egli ti ama perfettamente, completamente ed eternamente. 7Il Figlio di Dio in guerra col suo Creatore è una condizione così ridicola come la natura che ruggisse rabbiosa contro il vento, proclamando che non è più parte di lei. 8Può forse la natura stabilire ciò e renderlo vero? 9Né sta a te dire ciò che deve essere parte di te e cosa va tenuto separato.

5. La guerra contro te stesso è stata intrapresa per insegnare al Figlio di Dio che egli non è se stesso e non è il Figlio di suo Padre. 2Per questo il ricordo di suo Padre deve essere dimenticato. 3È dimenticato nella vita del corpo, e se pensi di essere un corpo, crederai di averlo dimenticato. 4Tuttavia la verità non può mai essere dimenticata di per sé, e tu non hai dimenticato ciò che sei. 5Solo una strana illusione di te stesso, un desiderio di trionfare su ciò che sei, non ricorda.

6. La guerra contro te stesso non è che la battaglia tra due illusioni, che lottano per rendersi differenti l’una dall’altra, credendo che quella che vincerà sarà vera. 2Non c’è conflitto tra esse e la verità. 3Né esse sono differenti tra di loro. 4Entrambe sono non vere. 5E quindi non importa quale forma assumano. 6Ciò che le ha fatte è folle, ed esse rimangono parte di ciò che le ha fatte. 7La pazzia non rappresenta alcuna minaccia per la realtà, e non ha alcuna influenza su di essa. 8Le illusioni non possono trionfare sulla verità, né la possono minacciare in alcun modo. 9E la realtà che esse negano non è parte di loro.

7. Ciò che tu ricordi è parte di te. 2Perché devi essere come Dio ti ha creato. 3La verità non combatte contro le illusioni, né le illusioni combattono contro la verità. 4Le illusioni battagliano solo tra di loro. 5Essendo frammentate, frammentano. 6Ma la verità è indivisibile e ben al di là della loro piccola portata. 7Ti ricorderai ciò che sai quando avrai imparato che non puoi essere in conflitto. 8Un’illusione su di te può dar battaglia ad un’altra, tuttavia la guerra tra due illusioni è uno stato nel quale non succede nulla. 9Non c’è vincitore e non c’è vittoria. 10E la verità resta radiante, separata dal conflitto, intatta e serena nella pace di Dio.

8. Il conflitto deve essere tra due forze. 2Non può esistere tra un potere e il nulla. 3Non c’è nulla che puoi attaccare che non sia parte di te. 4E attaccandolo fai due illusioni di te stesso in conflitto l’una con l’altra. 5E questo accade ogniqualvolta guardi tutto ciò che Dio ha creato in qualsiasi modo che non sia con amore. 6Il conflitto fa paura perché è la nascita della paura. 7Tuttavia ciò che è nato dal nulla non può acquisire realtà attraverso la lotta. 8Perché vuoi riempire il tuo mondo di conflitti con te stesso? 9Lascia che tutta questa pazzia venga disfatta per te, e volgiti in pace al ricordo di Dio, che tuttora risplende nella tua mente serena.

9. Osserva come il conflitto delle illusioni scompare quando è portato al cospetto della verità! 2Perché sembra reale solo fintantoché viene visto come una guerra tra verità in conflitto: la vincitrice sarà la più vera, la più reale, e trionfatrice sull’illusione che era meno reale, resa illusione dalla sconfitta. 3Così, il conflitto è la scelta tra due illusioni, una da incoronare come reale, l’altra sconfitta e disprezzata. 4In questa situazione il Padre non sarà mai ricordato. 5Tuttavia nessuna illusione può invadere la Sua casa, e sviarLo da ciò che ama eternamente. 6E ciò che Egli ama deve essere eternamente sereno e in pace perché è la Sua casa.

10. Tu che sei il Suo beneamato non sei un’illusione, poiché sei vero e santo come Lui Stesso. 2La calma della tua certezza di Lui e di te stesso è la casa di Entrambi, Che abitate come Uno e non separati. 3Apri la porta della Sua casa santissima, e lascia che il perdono spazzi via ogni traccia della credenza nel peccato che mantiene Dio senza casa e Suo Figlio con Lui. 4Tu non sei un estraneo in casa di Dio. 5Dai il benvenuto a tuo fratello nella casa dove Dio lo ha posto in serenità e pace, e dove dimora con lui. 6Non c’è posto per le illusioni dove l’amore dimora proteggendoti da tutto ciò che non è vero. 7Tu dimori in una pace illimitata come il suo Creatore, e a coloro che Lo ricordano viene dato tutto. 8Lo Spirito Santo vigila sulla Sua casa, sicuro che la sua pace non potrà mai essere disturbata.

11. Come può il luogo di riposo di Dio rivoltarsi contro se stesso e cercare di sconfiggere Colui Che vi dimora? 2E pensa a cosa accade quando la casa di Dio si percepisce divisa. 3L’altare scompare, la luce si affievolisce, il tempio del Santissimo diventa la casa del peccato. 4E nulla viene ricordato se non le illusioni. 5Le illusioni possono essere in conflitto perché le loro forme sono differenti. 6Ed esse combattono solo per stabilire quale forma sia vera.

12. Le illusioni incontrano illusioni, la verità se stessa. 2L’incontro di illusioni porta alla guerra. 3La pace, guardando se stessa, si estende. 4La guerra è la condizione in cui la paura nasce, cresce e cerca di dominare. 5La pace è lo stato in cui l’amore dimora e cerca di condividere se stesso. 6Conflitto e pace sono opposti. 7Dove abita uno l’altra non può esistere: dove uno va, l’altra scompare. 8Così il ricordo di Dio è oscurato nella mente che è diventata il campo di battaglia delle illusioni. 9Tuttavia, ben oltre questa guerra insensata, esso splende, pronto ad essere ricordato quando ci si pone dalla parte della pace.

II. The Laws of Chaos
T-23.II.1. The “laws” of chaos can be brought to light, though never understood. Chaotic laws are hardly meaningful, and therefore out of reason’s sphere. Yet they appear to be an obstacle to reason and to truth. Let us, then, look upon them calmly, that we may look beyond them, understanding what they are, not what they would maintain. It is essential it be understood what they are for, because it is their purpose to make meaningless, and to attack the truth. Here are the laws that rule the world you made. And yet they govern nothing, and need not be broken; merely looked upon and gone beyond.

T-23.II.2. The first chaotic law is that the truth is different for everyone. Like all these principles, this one maintains that each is separate and has a different set of thoughts that set him off from others. This principle evolves from the belief there is a hierarchy of illusions; some are more valuable and therefore true. Each one establishes this for himself, and makes it true by his attack on what another values. And this is justified because the values differ, and those who hold them seem to be unlike, and therefore enemies.

T-23.II.3. Think how this seems to interfere with the first principle of miracles. For this establishes degrees of truth among illusions, making it seem that some of them are harder to overcome than others. If it were realized that they are all the same and equally untrue, it would be easy, then, to understand that miracles apply to all of them. Errors of any kind can be corrected because they are untrue. When brought to truth instead of to each other, they merely disappear. No part of nothing can be more resistant to the truth than can another.

T-23.II.4. The second law of chaos, dear indeed to every worshipper of sin, is that each one must sin, and therefore deserves attack and death. This principle, closely related to the first, is the demand that errors call for punishment and not correction. For the destruction of the one who makes the error places him beyond correction and beyond forgiveness. What he has done is thus interpreted as an irrevocable sentence upon himself, which God Himself is powerless to overcome. Sin cannot be remitted, being the belief the Son of God can make mistakes for which his own destruction becomes inevitable.

T-23.II.5. Think what this seems to do to the relationship between the Father and the Son. Now it appears that They can never be One again. For One must always be condemned, and by the Other. Now are They different, and enemies. And Their relationship is one of opposition, just as the separate aspects of the Son meet only to conflict but not to join. One becomes weak, the other strong by his defeat. And fear of God and of each other now appears as sensible, made real by what the Son of God has done both to himself and his Creator.

T-23.II.6. The arrogance on which the laws of chaos stand could not be more apparent than emerges here. Here is a principle that would define what the Creator of reality must be; what He must think and what He must believe; and how He must respond, believing it. It is not seen as even necessary that He be asked about the truth of what has been established for His belief. His Son can tell Him this, and He has but the choice whether to take his word for it or be mistaken. This leads directly to the third preposterous belief that seems to make chaos eternal. For if God cannot be mistaken, He must accept His Son’s belief in what he is, and hate him for it.

T-23.II.7. See how the fear of God is reinforced by this third principle. Now it becomes impossible to turn to Him for help in misery. For now He has become the “enemy” Who caused it, to Whom appeal is useless. Nor can salvation lie within the Son, whose every aspect seems to be at war with Him, and justified in its attack. And now is conflict made inevitable, beyond the help of God. For now salvation must remain impossible, because the Savior has become the enemy.

T-23.II.8. There can be no release and no escape. Atonement thus becomes a myth, and vengeance, not forgiveness, is the Will of God. From where all this begins, there is no sight of help that can succeed. Only destruction can be the outcome. And God Himself seems to be siding with it, to overcome His Son. Think not the ego will enable you to find escape from what it wants. That is the function of this course, which does not value what the ego cherishes.

T-23.II.9. The ego values only what it takes. This leads to the fourth law of chaos, which, if the others are accepted, must be true. This seeming law is the belief you have what you have taken. By this, another’s loss becomes your gain, and thus it fails to recognize that you can never take away save from yourself. Yet all the other laws must lead to this. For enemies do not give willingly to one another, nor would they seek to share the things they value. And what your enemies would keep from you must be worth having, because they keep it hidden from your sight.

T-23.II.10. All of the mechanisms of madness are seen emerging here: the “enemy” made strong by keeping hidden the valuable inheritance that should be yours; your justified position and attack for what has been withheld; and the inevitable loss the enemy must suffer to save yourself. Thus do the guilty ones protest their “innocence.” Were they not forced into this foul attack by the unscrupulous behavior of the enemy, they would respond with only kindness. But in a savage world the kind cannot survive, so they must take or else be taken from.

T-23.II.11. And now there is a vague unanswered question, not yet “explained.” What is this precious thing, this priceless pearl, this hidden secret treasure, to be wrested in righteous wrath from this most treacherous and cunning enemy? It must be what you want but never found. And now you “understand” the reason why you found it not. For it was taken from you by this enemy, and hidden where you would not think to look. He hid it in his body, making it the cover for his guilt, the hiding place for what belongs to you. Now must his body be destroyed and sacrificed, that you may have that which belongs to you. His treachery demands his death, that you may live. And you attack only in self-defense.

T-23.II.12. But what is it you want that needs his death? Can you be sure your murderous attack is justified unless you know what it is for? And here a final principle of chaos comes to the “rescue.” It holds there is a substitute for love. This is the magic that will cure all of your pain; the missing factor in your madness that makes it “sane.” This is the reason why you must attack. Here is what makes your vengeance justified. Behold, unveiled, the ego’s secret gift, torn from your brother’s body, hidden there in malice and in hatred for the one to whom the gift belongs. He would deprive you of the secret ingredient that would give meaning to your life. The substitute for love, born of your enmity to your brother, must be salvation. It has no substitute, and there is only one. And all your relationships have but the purpose of seizing it and making it your own.

T-23.II.13. Never is your possession made complete. And ne
ver will your brother cease his attack on you for what you stole. Nor will God end His vengeance upon both, for in His madness He must have this substitute for love, and kill you both. You who believe you walk in sanity with feet on solid ground, and through a world where meaning can be found, consider this: These are the laws on which your “sanity” appears to rest. These are the principles which make the ground beneath your feet seem solid. And it is here you look for meaning. These are the laws you made for your salvation. They hold in place the substitute for Heaven which you prefer. This is their purpose; they were made for this. There is no point in asking what they mean. That is apparent. The means of madness must be insane. Are you as certain that you realize the goal is madness?

T-23.II.14. No one wants madness, nor does anyone cling to his madness if he sees that this is what it is. What protects madness is the belief that it is true. It is the function of insanity to take the place of truth. It must be seen as truth to be believed. And if it is the truth, then must its opposite, which was the truth before, be madness now. Such a reversal, completely turned around, with madness sanity, illusions true, attack a kindness, hatred love, and murder benediction, is the goal the laws of chaos serve. These are the means by which the laws of God appear to be reversed. Here do the laws of sin appear to hold love captive, and let sin go free.

T-23.II.15. These do not seem to be the goals of chaos, for by the great reversal they appear to be the laws of order. How could it not be so? Chaos is lawlessness, and has no laws. To be believed, its seeming laws must be perceived as real. Their goal of madness must be seen as sanity. And fear, with ashen lips and sightless eyes, blinded and terrible to look upon, is lifted to the throne of love, its dying conqueror, its substitute, the savior from salvation. How lovely do the laws of fear make death appear. Give thanks unto the hero on love’s throne, who saved the Son of God for fear and death!

T-23.II.16. And yet, how can it be that laws like these can be believed? There is a strange device that makes it possible. Nor is it unfamiliar; we have seen how it appears to function many times before. In truth it does not function, yet in dreams, where only shadows play the major roles, it seems most powerful. No law of chaos could compel belief but for the emphasis on form and disregard of content. No one who thinks that one of these laws is true sees what it says. Some forms it takes seem to have meaning, and that is all.

T-23.II.17. How can some forms of murder not mean death? Can an attack in any form be love? What form of condemnation is a blessing? Who makes his savior powerless and finds salvation? Let not the form of the attack on him deceive you. You cannot seek to harm him and be saved. Who can find safety from attack by turning on himself? How can it matter what the form this madness takes? It is a judgment that defeats itself, condemning what it says it wants to save. Be not deceived when madness takes a form you think is lovely. What is intent on your destruction is not your friend.

T-23.II.18. You would maintain, and think it true, that you do not believe these senseless laws, nor act upon them. And when you look at what they say, they cannot be believed. Brother, you do believe them. For how else could you perceive the form they take, with content such as this? Can any form of this be tenable? Yet you believe them for the form they take, and do not recognize the content. It never changes. Can you paint rosy lips upon a skeleton, dress it in loveliness, pet it and pamper it, and make it live? And can you be content with an illusion that you are living?

T-23.II.19. There is no life outside of Heaven. Where God created life, there life must be. In any state apart from Heaven life is illusion. At best it seems like life; at worst, like death. Yet both are judgments on what is not life, equal in their inaccuracy and lack of meaning. Life not in Heaven is impossible, and what is not in Heaven is not anywhere. Outside of Heaven, only the conflict of illusion stands; senseless, impossible and beyond all reason, and yet perceived as an eternal barrier to Heaven. Illusions are but forms. Their content is never true.

T-23.II.20. The laws of chaos govern all illusions. Their forms conflict, making it seem quite possible to value some above the others. Yet each one rests as surely on the belief the laws of chaos are the laws of order as do the others. Each one upholds these laws completely, offering a certain witness that these laws are true. The seeming gentler forms of the attack are no less certain in their witnessing, or their results. Certain it is illusions will bring fear because of the beliefs that they imply, not for their form. And lack of faith in love, in any form, attests to chaos as reality.

T-23.II.21. From the belief in sin, the faith in chaos must follow. It is because it follows that it seems to be a logical conclusion; a valid step in ordered thought. The steps to chaos do follow neatly from their starting point. Each is a different form in the progression of truth’s reversal, leading still deeper into terror and away from truth. Think not one step is smaller than another, nor that return from one is easier. The whole descent from Heaven lies in each one. And where your thinking starts, there must it end.

T-23.II.22. Brother, take not one step in the descent to hell. For having taken one, you will not recognize the rest for what they are. And they will follow. Attack in any form has placed your foot upon the twisted stairway that leads from Heaven. Yet any instant it is possible to have all this undone. How can you know whether you chose the stairs to Heaven or the way to hell? Quite easily. How do you feel? Is peace in your awareness? Are you certain which way you go? And are you sure the goal of Heaven can be reached? If not, you walk alone. Ask, then, your Friend to join with you, and give you certainty of where you go.

II. Le leggi del caos
1. Le “leggi” del caos possono essere portate alla luce, ma mai capite. 2Leggi caotiche non hanno alcun significato, e sono quindi al di fuori della sfera della ragione. 3Tuttavia appaiono essere un ostacolo alla ragione ed alla verità. 4Allora, vediamole con calma, così da poter vedere al di là di esse e capire cosa sono e non ciò che vorrebbero sostenere. 5È essenziale capire a cosa servono, perché il loro scopo è rendere senza significato ed attaccare la verità. 6Ecco le leggi che governano il mondo che hai fatto. 7E tuttavia esse non governano nulla, e non c’è bisogno di infrangerle, ma semplicemente di guardarle ed andare oltre.

2. La prima legge del caos è che la verità è differente per ciascuno. 2Come tutti questi principi, questo sostiene che ognuno è separato e ha un differente sistema di pensiero che lo taglia fuori dagli altri. 3Questo principio si evolve dal credere che c’è una gerarchia nelle illusioni: alcune hanno maggior valore e quindi sono vere. 4Ciascuno lo stabilisce per se stesso e lo rende vero attaccando ciò a cui un altro dà valore. 5E questo è giustificato perché i valori differiscono e coloro che li sostengono sembrano essere dissimili e quindi nemici.

3. Pensa a come questo sembra interferire col primo principio dei miracoli. 2Perché stabilisce gradi di verità tra le illusioni, facendo sembrare alcune di loro più difficili da superare di altre. 3Se ci si rendesse conto che sono tutte la stessa cosa ed egualmente non vere, sarebbe facile, allora, capire che i miracoli si applicano a tutte. 4Qualsiasi tipo di errore può essere corretto perché è non vero. 5Quando viene portato al cospetto della verità inve